0
LINGUAGGIO
Sistema di comunicazione complesso, caratterizzato da:
 Semanticità, deve poter rappresentare simbolicamente
o...
Genesi e sviluppo
del linguaggio:
apprendimento o maturazione?
L’approccio ambientalista e
innatista
Approccio ambientalista
 Skinner,1957: la comparsa e lo sviluppo del
linguaggio sono determinati dall’esperienza e
dall’a...
Approccio innatista (Chomsky,1965):
Il punto di vista di Chomsky é centrato sulla
competenza linguistica, ossia la padrona...
Approccio innatista (Chomsky,1965):
 Il contatto con lo stimolo linguistico innesca la
ricerca e la verifica delle regole...
Approccio innatista (Chomsky,1965)
LIMITI:
 esclude il ruolo dell’apprendimento e non tiene conto
del rapporto tra lingua...
Domande
1. Definizione di grammatica universale
2. Tale definizione rimane immutata nel pensiero di Chomsky?
3. Quali sono...
Approfondimenti in Schaffer
1. La grammatica universale
2. Appredimento dall’ambiente
LINGUAGGIO E PENSIERO
 Il rapporto tra linguaggio e processi cognitivi, trascurato dagli
approcci precedenti, ha interess...
J. Piaget: il linguaggio dipende dal pensiero
 Il linguaggio fa la sua comparsa verso i 18 mesi insieme ad altre forme di...
La tesi dei “prerequisiti” cognitivi del linguaggio
 Conferme c’è una forte relazione tra la
comparsa del linguaggio e a...
Vygotskij: indipendenza tra pensiero e linguaggio
 Il punto di vista di Vygotskij pensiero e linguaggio hanno
radici div...
 L’importanza di studiare la dimensione sociale ed
interpersonale (contesti d’uso, circostanze che l’hanno prodotto e
int...
Quale il ruolo di genitori e figli?
Due condizioni fondamentali
 La capacità degli adulti di dare significato ai suoni
e ...
 Tali scambi più sono abituali e ricorrenti più
divengono delle consuetudini (routine), fino
ad arrivare a produrre dei m...
Riflessioni conclusive
Implicazioni delle diverse teorie: apprendimento, base
biologica, processi cognitivi, contesto soci...
COMPETENZA LINGUISTICA
Genesi e sviluppo
 I primi segnali gestuali e vocali
 Prime settimane, pianto a cui si aggiungono...
 Fino a circa metà del primo anno sembra essere presente un
unico sistema comunicativo (formato sia da gesti sia da prime...
PRODUZIONE PRIME PAROLE
 Le prime parole compaiono circa verso gli 11 – 13 mesi.
 Esse si riferiscono ad oggetti familia...
 Molti studi hanno messo in evidenza come i bambini usino le
prime parole o con un significato ristretto (sottoestensione...
PRIME FRASI (18 – 24 mesi)
 Olofrase: singola parola, talvolta accompagnata da gesti,
che assume il valore di un’intera f...
 Le prime frasi comprendono: una parola perno (poche
parole che ricorrono in modo frequente e in posizione
iniziale) e un...
 Il bambino utilizza due funzioni comunicative:
 Funzione protoimperativa, per formulare una richiesta. Si
chiede che l’...
PRIMA E MEDIA FANCIULLEZZA
 Dai 2-3 anni abbiamo un notevole sviluppo:
 Le frasi divengono sempre più complesse;
 Dai 3...
 Arricchimento del lessico per quantità e nei contenuti.
 Ai termini usati per designare oggetti, azioni ed eventi, si
...
 Lo sviluppo lessicale si protrae nella fanciullezza e verso gli
8 – 9 anni si verifica un progresso nella ricerca attiva...
DALLE FRASI AL DISCORSO
 Tra i 4-6 anni i bambini iniziano ad utilizzare le regole
grammaticali e morfosintattiche a live...
 Anche per lo studio della produzione di discorsi e testi è
stata utilizzata la tecnica della narrazione di storie, con l...
DAL LINGUAGGIO ORALE ALLA LINGUA SCRITTA
 Il processo di scrittura prevede tre aspetti fondamentali:
 L’individuazione d...
 Ruolo predominante dell’alfabetizzazione.
 Quando il bambino impara a leggere viene a contatto con gli
aspetti fonologi...
PRAGMATICA
 Pragmatica: capacità di comprendere e produrre atti
linguistici.
 Gli atti linguistici possono essere:
 Loc...
 Il bambino sembra intuire molto presto la necessità di variare
il modo in cui si parla a seconda delle circostanze e
del...
 Allo stesso modo se chiede ai bambini di giudicare chi tra i
due interlocutori abbia torto (uno fornisce informazioni
er...
 In età adulta la competenza lessicale raggiunge la sua
espansione adeguata un miglioramento
nell’organizzazione delle a...
Approfondimenti sul testo di Schaffer “I
concetti fondamentali della psicologia dello
sviluppo”:
Grammatica universale pag...
L’intelligenza
genesi e sviluppo
La teoria di J. Piaget
L’intelligenza è un mezzo di cui l’uomo dispone per
agire sulla re...
INTELLIGENZA
 Secondo Piaget
 esiste un’intelligenza prelinguistica che si sviluppa durante la
prima infanzia e che pogg...
 Attraverso il parallelismo tra funzionamento biologico e
funzionamento cognitivo, Piaget sostiene che anche nello
svilup...
 Gli invarianti funzionali sul piano mentale
 Equilibrazione è la tendenza verso un equilibrio sempre
maggiore tra assim...
LA VISIONE STADIALE
STADIO SENSO MOTORIO
STADIO PREOPERATORIO
STADIO DELLE OPERAZIONI CONCRETE
STADIO DELLE OPERZIONI FORM...
STADIO SENSO-MOTORIO (0 – 24 mesi)
CARATTERISTICHE ed EVOLUZIONE
 Caratteristiche i primi 4 mesi di vita sono caratteriz...
STADIO SENSOMOTORIO
(0 – 2 anni)
Di quali strumenti dispone?
 Il bambino interagisce con l’ambiente soltanto
attraverso p...
Il periodo sensomotorio viene
ripartito da Piaget in ulteriori sei
sottostadi, per descrivere più
analiticamente i cambiam...
 I stadio del esercizio e consolidamento degli schemi riflessi
(0-1 mese) ( il bambino dispone di una motricità attivata ...
 IV stadio (8-12 mesi): inizia a delinearsi la distinzione mezzi-
fini. (Il bambino comincia a coordinare due schemi in s...
GIOCO ED IMITAZIONE
Le tappe di sviluppo sensomotorio rappresentano la
progressione da uno stato di indifferenziazione tra...
 In questi casi assimilazione e accomodamento non sono in
uno stato di equilibrio.
 Nelle situazioni di gioco assistiamo...
Lo sviluppo del gioco e dell’imitazione  Nel corso del periodo
sensomotorio si passa
 da un gioco di esercizio ai ritual...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Linguaggio e intelligenza

150

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
150
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Linguaggio e intelligenza"

  1. 1. LINGUAGGIO Sistema di comunicazione complesso, caratterizzato da:  Semanticità, deve poter rappresentare simbolicamente oggetti, eventi, stati emotivi, concetti astratti;  Dislocazione, capace di riferirsi anche al passato e al futuro;  Produttività, il parlante deve poter comprendere frasi nuove ed essere in grado di produrre un numero potenzialmente infinito di messaggi, coniando espressioni diverse;  La produzione deve rispettare regole rigide ed arbitrarie, definite ed accettate per convenzione sociale.
  2. 2. Genesi e sviluppo del linguaggio: apprendimento o maturazione? L’approccio ambientalista e innatista
  3. 3. Approccio ambientalista  Skinner,1957: la comparsa e lo sviluppo del linguaggio sono determinati dall’esperienza e dall’apprendimento. L’acquisizione del linguaggio avviene grazie a gli stessi meccanismi (modellaggio, imitazione e rinforzo) che intervengono in altre forme di apprendimento. Tali meccanismi non sono dominio- specifici.  LIMITE: non tiene conto dell’aspetto creativo del linguaggio, ed in particolare del fatto che il bambino, quando inizia a parlare, è capace di formulare espressioni originali e diverse da quelle che gli sono state rivolte.
  4. 4. Approccio innatista (Chomsky,1965): Il punto di vista di Chomsky é centrato sulla competenza linguistica, ossia la padronanza delle regole grammaticali e la capacità di analizzare e discriminare il materiale linguistico.  L’acquisizione del linguaggio è determinata da meccanismi ad esso specifici, dominio specifici, iscritti nel patrimonio genetico della specie umana.
  5. 5. Approccio innatista (Chomsky,1965):  Il contatto con lo stimolo linguistico innesca la ricerca e la verifica delle regole sintattiche, di cui il bambino ha intuizione implicita.  Tale processo è reso possibile dalla maturazione del Language Acquisition Device (LAD), dispositivo preposto alla comprensione e produzione di frasi, indipendentemente dalla specificità delle lingue.
  6. 6. Approccio innatista (Chomsky,1965) LIMITI:  esclude il ruolo dell’apprendimento e non tiene conto del rapporto tra linguaggio ed altre attività cognitive, percettive e motorie  non spiega come sia possibile la comprensione anche quando le regole sintattiche non vengono rispettate (frequente nel linguaggio dei bambini)  non spiega i processi linguistici all’interno del contesto reale (per capire il senso di una frase è necessario riferirsi a qualche cosa di più della struttura sintattica).
  7. 7. Domande 1. Definizione di grammatica universale 2. Tale definizione rimane immutata nel pensiero di Chomsky? 3. Quali sono le caratteristiche di questa grammatica universale (GU)? 4. Quali compiti facilita il possedere questa GU? 5. Quale ruolo svolge il LAD nell’acquisizione del linguaggio? 6. Quali altri concetti importanti caraterizzano la teoria chomskiana? 7. Cosa sono le regole trasformazionali?
  8. 8. Approfondimenti in Schaffer 1. La grammatica universale 2. Appredimento dall’ambiente
  9. 9. LINGUAGGIO E PENSIERO  Il rapporto tra linguaggio e processi cognitivi, trascurato dagli approcci precedenti, ha interessato gli psicologi dello sviluppo e tra questi J. Piaget (1923) e L. S. Vygotskij (1934) Punti di vista a confronto:  J. Piaget  L. S. Vygotskij
  10. 10. J. Piaget: il linguaggio dipende dal pensiero  Il linguaggio fa la sua comparsa verso i 18 mesi insieme ad altre forme di pensiero, quando lo stadio sensomotorio si conclude ed inizia una forma di intelligenza di tipo rappresentativo.  Genesi e naturaIl linguaggio sarebbe reso possibile da un più generale sviluppo cognitivo e dalla concomitante comparsa della funzione simbolica. La sua natura è individuale .  Funzione  essendo subordinato al pensiero, inizialmente si tratta di un linguaggio egocentrico, come è egocentrico il pensiero in tale stadio e quindi non ha una valenza comunicativa.  Sviluppo solo più tardi, superando l’egocentrismo, diverrà comunicativo e assumerà una funzione sociale.
  11. 11. La tesi dei “prerequisiti” cognitivi del linguaggio  Conferme c’è una forte relazione tra la comparsa del linguaggio e abilità cognitive come il gioco simbolico e l’imitazione.  Smentite non c’è relazione tra la comparsa del linguaggio e altre forme dell’intelligenza rappresentativa come cercare un oggetto scomparso o comprendere relazioni spaziali.
  12. 12. Vygotskij: indipendenza tra pensiero e linguaggio  Il punto di vista di Vygotskij pensiero e linguaggio hanno radici diverse ed il passaggio dall’uno all’altro non è automatico. Il loro sviluppo è inscindibile dal contesto sociale.  Genesi e natura Il linguaggio prende avvio all’interno del rapporto interpersonale, nelle interazioni del bambino con i genitori, gli adulti ed i coetanei. Quindi al sua natura è sociale  Funzione verso i 2 anni il bambino utilizza il linguaggio per comunicare agli altri le proprie intenzioni ed il proprio pensiero. La sua funzione è sociale.  SviluppoSuccessivamente inizia il processo di interiorizzazione del linguaggio come strumento che consente di guidare dall’interno i propri processi cognitivi ed il comportamento (funzione regolativa).  Tale funzione inizialmente viene svolta a voce alta e solo verso i 7 anni viene completamente interiorizzata.
  13. 13.  L’importanza di studiare la dimensione sociale ed interpersonale (contesti d’uso, circostanze che l’hanno prodotto e interlocutori)  Tale prospettiva nasce dalla considerazione che il bambino non solo possiede abilità cognitive, ma è anche un essere sociale, dotato di un ampia gamma di comportamenti interattivi.  Lo studio non deve essere esclusivamente centrato solo sugli aspetti strutturali o formali, ma anche considerare i suoi usi nel contesto reale. Esso soddisfa importanti funzioni sociali (regolare il comportamento altrui, trasmettere informazioni). LINGUAGGIO E ABILITÀ SOCIALI: la competenza comunicativa J. Bruner (1983)
  14. 14. Quale il ruolo di genitori e figli? Due condizioni fondamentali  La capacità degli adulti di dare significato ai suoni e alle prime espressioni infantili;  Possibilità che adulti e bambini rivolgano un’attenzione congiunta a eventi o ad oggetti dell’ambiente.
  15. 15.  Tali scambi più sono abituali e ricorrenti più divengono delle consuetudini (routine), fino ad arrivare a produrre dei modelli di interazione, garantendo la capacità di creare significati condivisi fra gli interlocutori.  Le routine vengono a costruire un sistema di sostegno per l’acquisizione linguistica (Language Acquisition Support System – LASS) e possono essere considerate dei veri e propri precursori interattivi del linguaggio.
  16. 16. Riflessioni conclusive Implicazioni delle diverse teorie: apprendimento, base biologica, processi cognitivi, contesto sociale e comunicativo. Ruolo del bambino e degli adulti  Enfasi su aspetti diversi dello sviluppo linguistico competenza linguisticaciò che si sa riguardo al linguaggio, relazione tra pensiero e linguaggio; Competenza comunicativa  ciò che si sa fare attraverso il linguaggio,).  Epoca diversa di insorgenza: inizio più o meno precoce.  Precursori (interattivi, cognitivi)
  17. 17. COMPETENZA LINGUISTICA Genesi e sviluppo  I primi segnali gestuali e vocali  Prime settimane, pianto a cui si aggiungono suoni vocalici, seguiti verso i 5-6 mesi da suoni consonantici;  Tra 6-10 mesi compare il balbettio (combinazione di vocali e consonanti);  Sempre in questo periodo compaiono anche i primi vocalizzi intenzionali utilizzati in combinazione con lo sguardo ed il sorriso rivolti all’interlocutore;  Tra i 9-13 mesi gesti comunicativi, quali: indicare, dare e mostrare. Comparsa dei gesti referenziali o simbolici (es. agitare la mano per salutare).
  18. 18.  Fino a circa metà del primo anno sembra essere presente un unico sistema comunicativo (formato sia da gesti sia da prime parole).  Intorno ai 16 mesi abbiamo una netta distinzione tra i due codici determinata dall’aumento esponenziale del vocabolario e della produzione verbale e dalla riduzione dei gesti referenziali.  Quando il linguaggio compare non sostituisce completamente il precedente sistema comunicativo gestuale, ma si affianca ad esso.  Comprensione del linguaggio. Nei bambini piccoli è maggiore la capacità di comprensione rispetto a quella di produzione.  Verso gli 8-10 mesi inizia la comprensione di parole, inizialmente circoscritta a contesti molto specifici.  Verso i 2 anni la comprensione di parole aumenta ed inizia a decontestualizzarsi.
  19. 19. PRODUZIONE PRIME PAROLE  Le prime parole compaiono circa verso gli 11 – 13 mesi.  Esse si riferiscono ad oggetti familiari (mamma, papà, cibo) seguite da parole che indicano azioni abituali (dormire, andare).  Inizialmente vengono utilizzate in circostanze specifiche, per poi estendersi ad un ampia varietà di situazioni, acquisendo il carattere di simbolo.  Nella costruzione dei significati delle prime parole, il bambino si avvale di diversi tipi di categorizzazioni, basandosi su caratteristiche:  Funzionali;  Percettive.
  20. 20.  Molti studi hanno messo in evidenza come i bambini usino le prime parole o con un significato ristretto (sottoestensione) (es. “cane” utilizzato per indicare solo l’animale di casa) o più generalizzato (sovraestensione) (es. tutti gli animali a quattro zampe ed una coda sono chiamati “cane”).  Clark (1973; 1993) afferma che questi fenomeni siano indicatori del ruolo attivo del bambino nel processo di acquisizione delle parole, al quale contribuisce formulando ipotesi rispetto al loro significato e adottando specifiche strategie per utilizzarle.
  21. 21. PRIME FRASI (18 – 24 mesi)  Olofrase: singola parola, talvolta accompagnata da gesti, che assume il valore di un’intera frase.  Tra i 18-24 mesi la situazione si modifica rapidamente, in quanto aumenta vertiginosamente il numero di parole a disposizione.  Si registra un importante cambiamento qualitativo: aumentano i verbi, gli aggettivi, avverbi e preposizioni.  Iniziano le combinazioni tra parole, con conseguente sviluppo delle prime regole grammaticali.
  22. 22.  Le prime frasi comprendono: una parola perno (poche parole che ricorrono in modo frequente e in posizione iniziale) e una parola aperta (numerose parole e in seconda posizione. Es. “Bella (parola perno) tata (parola aperta)”  Ricerche recenti hanno evidenziato come già alla fine dei 2 anni i bambini siano dei buoni conoscitori dei significati delle frasi e possiedono già alcune conoscenze sulle regole pragmatiche.
  23. 23.  Il bambino utilizza due funzioni comunicative:  Funzione protoimperativa, per formulare una richiesta. Si chiede che l’adulto faccia una certa azione.  Funzione protodichiarativa, per attirare l’attenzione dell’adulto su di un oggetto. In questo caso l’obiettivo è quello di suscitare interesse e condividere qualcosa con l’altro. Tali funzioni sono alla base della competenza conversazionale  alternanza del turno e ottenere l’attenzione
  24. 24. PRIMA E MEDIA FANCIULLEZZA  Dai 2-3 anni abbiamo un notevole sviluppo:  Le frasi divengono sempre più complesse;  Dai 3 anni i bambini imparano regole morfologiche complesse: formazione maschile/femminile, singolare/plurale. L’apprendimento di tali regole vede un coinvolgimento attivo del bambino il quale cerca di impadronirsi di tali regole attraverso procedimenti quali ad es. l’ipercorrettismi (“piangiuto”, “ho corruto”, “il più peggio” etc.).
  25. 25.  Arricchimento del lessico per quantità e nei contenuti.  Ai termini usati per designare oggetti, azioni ed eventi, si aggiungono quelli per descrivere la realtà interiore ed i concetti astratti.  Come spiegare tale cambiamento?  lo sviluppo cognitivo e il continuo interscambio tra il bambino ed i suoi partner.  Acquisizione del “linguaggio delle emozioni” entrano i gioco i fattori biologici, in quanto la maturazione permette al bambino di esprimere mimicamente il suo stato d’animo; e i fattori socioculturali, in quanto l’adulto è attento a percepire e a definire verbalmente gli stati d’animo del bambino (processo di mediazione).  Tale processo di mediazione( per l’espressione delle emozioni e per altri aspetti della vita interiore), è svolto da: genitori, insegnanti, coetanei, mass media ed è soggetto a differenze interculturali.
  26. 26.  Lo sviluppo lessicale si protrae nella fanciullezza e verso gli 8 – 9 anni si verifica un progresso nella ricerca attiva di significati.  Boschi, Aprile e Scibetta (1992) misero in evidenza come prima dei 9 anni i bambini riescano a definire un termine solo tautologicamente (“Vedere vuol dire che si vede”), successivamente adottano strategie di definizione lessicale simili a quelle dell’adulto, e quindi utilizzano o la sinonimia (“Vedere vuol dire che si guarda”) o l’antinomia (“Alto è il contrario di basso”).
  27. 27. DALLE FRASI AL DISCORSO  Tra i 4-6 anni i bambini iniziano ad utilizzare le regole grammaticali e morfosintattiche a livello di discorso e non più solo a livello frasale.  Per studiare la comprensione da parte del bambino di discorsi e testi è stata utilizzata la tecnica di narrare ai bambini storie, chiedendo loro di riesporle o rispondere a domande.  Dagli studi emerge che dall’età prescolare fino ai 7-8 anni cresce progressivamente la capacità dei bambini di prendere in considerazione le sequenze temporali e i rapporti di causa- effetto tra le diverse parti.
  28. 28.  Anche per lo studio della produzione di discorsi e testi è stata utilizzata la tecnica della narrazione di storie, con la differenza che in questo caso sono i bambini a narrare delle storie.  La narrazione consente non solo di indagare gli aspetti cognitivi e linguistici, ma anche la sfera emotiva.  Nei bambini di 4-5 anni l’uso dello schema narrativo è ancora immaturo, subendo una progressiva maturazione dai 4 agli 8 anni, periodo in cui i bambini sono in grado di dotare una storia di tutti gli elementi strutturali che la caratterizzano.
  29. 29. DAL LINGUAGGIO ORALE ALLA LINGUA SCRITTA  Il processo di scrittura prevede tre aspetti fondamentali:  L’individuazione di un significato da trasmettere in vista di un obiettivo;  La trasformazione del significato in un messaggio linguistico attraverso l’uso delle regole sintattiche;  L’esecuzione dando al messaggio una forma simbolica convenzionale (forma alfabetica).  Si verifica una sorta di continuità evolutiva tra linguaggio orale e scritto ed una rilevanza delle competenze orali nell’apprendimento della lettura e della scrittura.
  30. 30.  Ruolo predominante dell’alfabetizzazione.  Quando il bambino impara a leggere viene a contatto con gli aspetti fonologici e strutturali della lingua.  In questa fase assume un ruolo rilevante la consapevolezza fonologica (capacità di identificare le componenti sonore – fonemi, sillabe) e di saperle manipolare intenzionalmente.  Gli studi hanno dimostrato che forme iniziali di tale consapevolezza sono presenti a partire dai 3-4 anni.  La consapevolezza fonologica è ritenuta importante per l’acquisizione della corrispondenza grafema - fonema, tappa essenziale per imparare a leggere.
  31. 31. PRAGMATICA  Pragmatica: capacità di comprendere e produrre atti linguistici.  Gli atti linguistici possono essere:  Locutivi, trasmissione pura di un significato;  Illocutivi,  hanno la funzione di far raggiungere uno scopo attraverso la comunicazione con l’interlocutore.  Searle sosteneva che il modo in cui comprendiamo una frase dipende da quali pensiamo che siano le intenzioni del parlante.  Perché una comunicazione sia efficace l’emittente deve tener conto del destinatario.
  32. 32.  Il bambino sembra intuire molto presto la necessità di variare il modo in cui si parla a seconda delle circostanze e dell’interlocutore.  Già verso i 4 anni si riscontrano variazioni nella lunghezza, nella scelta lessicale, nella forma grammaticale in funzione del destinatario.  In prove in cui si chiede ai bambini di valutare la chiarezza referenziale di un messaggio verbale, i risultati hanno sottolineato come bambini al di sotto dei 6 anni, se posti di fronte ad un messaggio incompleto, non esprimono delle critiche nel confronti di chi ha emesso il messaggio. Le prime critiche per aver ottenuto un messaggio incompleto compaiono solo in bambini di 9 anni.
  33. 33.  Allo stesso modo se chiede ai bambini di giudicare chi tra i due interlocutori abbia torto (uno fornisce informazioni errate e l’altro agisce di conseguenza), fino a 9 anni i bambini attribuiscono la colpa all’ascoltatore “che non ha capito!”.  La marcata variabilità dell’età di comparsa delle abilità pragmatiche ha portato alla conclusione che la loro acquisizione non è da ritenersi come necessaria conseguenza dello sviluppo linguistico.  La capacità di adattare i propri messaggi alle circostanze dipende dalla frequenza e dall’intensità con cui i bambini vengono sollecitati nella vita quotidiana a prestare attenzione agli altri, alle loro caratteristiche e alle loro reazioni.
  34. 34.  In età adulta la competenza lessicale raggiunge la sua espansione adeguata un miglioramento nell’organizzazione delle attività linguistiche (gli adulti risultano migliori dei giovani nell’uso di strategie che favoriscono la comprensione).  Il miglioramento, però, è possibile solo se accompagnato da un esercizio continuo.  Alcune abilità linguistiche migliorano, mentre altre subiscono una flessione. Nell’età senile si verifica un decadimento nell’apprendimento e nella memorizzazione verbale, mentre permangono i processi legati all’uso del vocabolario, soprattutto quando le esperienze individuali favoriscono e facilitano l’esercizio delle abilità linguistiche.
  35. 35. Approfondimenti sul testo di Schaffer “I concetti fondamentali della psicologia dello sviluppo”: Grammatica universale pag.239-244 Apprendimento dall’ambiente pag 36-40 Specifità di dominio pag.19 -23
  36. 36. L’intelligenza genesi e sviluppo La teoria di J. Piaget L’intelligenza è un mezzo di cui l’uomo dispone per agire sulla realtà circostante, ampliando la portata dell’adattamento biologico e questo vale per le azioni del bambino come per le forme più evolute del pensiero umano
  37. 37. INTELLIGENZA  Secondo Piaget  esiste un’intelligenza prelinguistica che si sviluppa durante la prima infanzia e che poggia sull’attività pratica del bambino. Tale forma di intelligenza prende il nome di intelligenza sensomotoria;  l’intelligenza è un mezzo efficace di cui l’uomo dispone per agire sulla realtà circostante, ampliando la portata del suo adattamento biologico;  esiste un’eredità specifica, determinata dalle caratteristiche del sistema nervoso e sensoriale. A questa si aggiunge un’eredità generale, tipica dell’essere umano, che ci permette di accrescere la nostra conoscenza, superando i limiti imposti dall’eredità specifica.
  38. 38.  Attraverso il parallelismo tra funzionamento biologico e funzionamento cognitivo, Piaget sostiene che anche nello sviluppo cognitivo è possibile ritrovare gli invarianti funzionali tipici dello sviluppo biologico: organizzazione e adattamento.  L’organizzazione, sul piano cognitivo, si manifesta nel fatto che le azioni, le idee, le conoscenze, così come le parti del corpo, non sono un’insieme di elementi isolati e indipendenti. Essa rappresenta la tendenza intrinseca degli schemi sensomotori e delle strutture mentali a collegarsi in sistemi sempre più ampi e complessi.  L’adattamento, invece, consiste nel modificare le strutture di conoscenza in modo da tener conto delle nuove informazioni e nel conservare, al tempo stesso, le acquisizioni passate. Per far ciò si basa su due processi: assimilazione e accomodamento.
  39. 39.  Gli invarianti funzionali sul piano mentale  Equilibrazione è la tendenza verso un equilibrio sempre maggiore tra assimilazione e accomodamento in cui ciascun meccanismo non prevale sull’altro in modo che riusciamo simultaneamente a ricondurre il nuovo ai nostri schemi e arricchire i nostri schemi con le novità  L’assimilazione prevede “l’incorporare” ciò che proviene dall’ambiente, trasformandolo in un’azione motoria o mentale in modo che sia compatibile con la nostra struttura.  L’accomodamento implica la modificazione degli schemi quel tanto che basta da rendere possibile l’assimilazione.
  40. 40. LA VISIONE STADIALE STADIO SENSO MOTORIO STADIO PREOPERATORIO STADIO DELLE OPERAZIONI CONCRETE STADIO DELLE OPERZIONI FORMALI
  41. 41. STADIO SENSO-MOTORIO (0 – 24 mesi) CARATTERISTICHE ed EVOLUZIONE  Caratteristiche i primi 4 mesi di vita sono caratterizzati da una fase di egocentrismo assoluto, in cui il bambino non differenzia la realtà esterna da se stesso e non considera le proprie percezioni come indici dell’esistenza di oggetti veri e propri. In questa fase il bambino vede, sente e tocca non gli oggetti come li intendiamo noi, ma dei quadri percettivi, ciascuno relativo ad una diversa modalità sensoriale ed inizialmente privo di connessioni con gli altri quadri possibili.  Evoluzione gradualmente il bambino giunge a coordinare sempre più quadri e più schemi fino a riconoscere tutti gli oggetti come cose a sé stanti. La prima tappa è la permanenza dell’oggetto per concludersi con l’acquisizione della funzione simbolica, che avverrà al termine del periodo senso-motorio.
  42. 42. STADIO SENSOMOTORIO (0 – 2 anni) Di quali strumenti dispone?  Il bambino interagisce con l’ambiente soltanto attraverso percezioni ed azioni motorie, in quanto non è ancora capace di evocare mentalmente oggetti ed eventi. Le sue azioni sono guidate da schemi sensomotori, una sorta di piani di azione che collegano percezioni e movimenti.
  43. 43. Il periodo sensomotorio viene ripartito da Piaget in ulteriori sei sottostadi, per descrivere più analiticamente i cambiamenti tipici di questo periodo.
  44. 44.  I stadio del esercizio e consolidamento degli schemi riflessi (0-1 mese) ( il bambino dispone di una motricità attivata da un repertorio di schemi innati (riflessi) che nel primo mese si modificano poco per essere per lo più consolidati tramite l’esercizio)  II stadio delle reazioni circolari primarie (2-4 mesi) inizia a coordinare tra loro alcuni schemi, tra cui quelli di visione e prensione (es. guardare le mani in movimento) acquisizione di schemi nuovi, che via via perfeziona attraverso le reazioni circolari tendenza a ripetere, innata, che consolida le sequenze dei gesti attraverso modifiche successive.  III stadio delle reazioni circolari secondarie (4-8 mesi): ripete quei comportamenti che ha scoperto utili a produrre “spettacoli interessanti”.(si tratta di esplorazione non ancora sistematica né volontaria, in quanto manca la distinzione mezzi-fini. Si evidenzia una maggiore consapevolezza del mondo circostante rispetto al periodo precedente
  45. 45.  IV stadio (8-12 mesi): inizia a delinearsi la distinzione mezzi- fini. (Il bambino comincia a coordinare due schemi in sequenza, nella quale il primo costituisce il presupposto per l’attivazione del secondo (es. puntare il dito verso il biberon per farselo dare. Compare la sistematicità e l’intenzionalità nell’esplorazione che porta a conoscere le proprietà degli oggetti. .Comparsa della Permanenza dell’oggetto (ricerca dell’oggetto, errore <A non B>).  V stadio delle reazioni circolari terziarie (12-18 mesi): variazione sistematica degli schemi in vista di un effetto desiderato che porta a costruire nuovi schemi, attraverso la sperimentazione attiva e di conoscere meglio le proprietà degli oggetti (reazioni circolari terziarie).  VI stadio (18-24 mesi): compare la funzione simbolica, intesa come la capacità di rappresentare mediante simboli (immagini, nomi, pensieri) qualcosa che non è presente e usarli come mezzi per raggiungere un fine.
  46. 46. GIOCO ED IMITAZIONE Le tappe di sviluppo sensomotorio rappresentano la progressione da uno stato di indifferenziazione tra assimilazione ed accomodamento (egocentrismo assoluto) ad uno stato di equilibrio tra i due processi, in modo che il bambino agisca sempre più intelligentemente.  La tendenza all’equilibrio equilibrazione” è una proprietà tipica delle attività intelligenti a cui esse tendono continuamente.  Tuttavia, non tutte le nostre attività sono finalizzate alla risoluzione di problemi; alcune di esse vengono svolte esclusivamente per il piacere di farle: i giochi.  Altre volte decidiamo di aderire senza riserve a dei modelli: imitazione.
  47. 47.  In questi casi assimilazione e accomodamento non sono in uno stato di equilibrio.  Nelle situazioni di gioco assistiamo ad una prevalenza dell’assimilazione.  Nelle situazioni di imitazione prevale l’accomodamento.  Quale ruolo svolgono gioco ed imitazione?  Gioco: funge da palestra per il bambino, in modo che egli possa esercitare le sue abilità, gratificandolo con il senso di efficacia che nasce in lui facendo e rifacendo qualcosa che gli riesce bene.  Imitazione: arricchisce il suo patrimonio di schemi, tramite esempi “pre-confezionati”. Permette al bambino di adottare comportamenti condivisi dal gruppo di appartenenza e, alla lunga, di identificarsi con modelli significativi.
  48. 48. Lo sviluppo del gioco e dell’imitazione  Nel corso del periodo sensomotorio si passa  da un gioco di esercizio ai rituali e infine ai giochi simbolici, che domineranno tutta l’età prescolare, integrandosi nelle attività sociali del bambino sottoforma di giochi socio-drammatici, in cui ogni partecipante recita un ruolo. Gioco linguistico;  dal contagio del pianto, all’imitazione in presenza del modello ad una imitazione differita in assenza del modello.
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×