Your SlideShare is downloading. ×
0
Seconda Università degli Studi di NapoliSeconda Università degli Studi di Napoli
Facoltà di Medicina e ChirurgiaFacoltà di...
ORECCHIO
Corpi estranei
Con questo termine si identificano
sia i corpi estranei animati (insetti)
sia quelli inanimati (se...
Segni clinici
La sintomatologia varia in rapporto al tipo di corpo estraneo: se trattasi di
corpo estraneo animato, esso s...
Trattamento
• Strumentario:
• Siringa a tre anelli contenente 100
cc di acqua tiepida
• Specchio frontale
• Serie di specu...
TAPPO DI CERUME
Il tappo auricolare è costituito da una massa ceruminosa igroscopica; esso può
comprendere:
- Cerume
- Squ...
Prima del lavaggio valutare:
- Se il paziente abbia avuto otiti con
perforazione
- Se ha dolore auricolare
Attenzione:
Qua...
Otodinia ed Otalgia
Il dolore auricolare può essere conseguente ad una patologia dell’orecchio
(otodinia) ovvero ad una le...
L’otalgia può essere secondaria a diversi processi patologici, la cui
innervazione sensitiva dolorifica afferisce attraver...
Diagnosi
Corretto approccio al paziente con dolenzia auricolare:
- Anamnesi patologica remota, rivolta al rilievo di patol...
Trattamento
Non è possibile indicare un unico protocollo terapeutico in quanto il
trattamento va prescritto in base all’ez...
Pericondrite
Processo infettivo che coinvolge il pericondrio del padiglione auricolare
Eziologia
L’infezione è sostenuta d...
Segni clinici
La cute del padiglione auricolare nella fase sierosa si presenta:
• Tesa
• Tumefatta• Tumefatta
• Arrossata
...
Nella fase suppurativa, l’essudato
purulento scolla il pericondrio e si
raccoglie tra quest’ultimo e la
cartilagine (otoem...
Trattamento
Il protocollo terapeutico prevede un trattamento antibiotico ad ampio
spettro ed antiflogistico (FAS)
Attenzio...
Foruncolosi
E’ una infezione piogenica del
derma, che origina dai follicoli
pilosebacei e coinvolge solo il terzo
esterno ...
Otite media acuta
Processo flogistico, a decorso acuto, che interessa l’orecchio medio
Nell’ambito delle patologie, che po...
Eziologia
L’otite media catarrale acuta può essere sostenuta da una patogenesi:
• Meccanica (trasudativa, sierosa ed emorr...
Reperto otoscopico normale in orecchio sinistro
scaricato da www.sunhope.it
Segni clinici
Otite media catarrale acuta
Sensazione di “orecchio chiuso”, con
lieve ipoacusia di trasmissione
• Autofonia...
Otite media purulenta acuta
Prima fase (iperemica)
• Sensazione di “orecchio chiuso” con ipoacusia trasmissiva
• Rialzo te...
scaricato da www.sunhope.it
Trattamento
• Antiflogistici (FANS)
• Fenilefrina cloridrato
• Efedrina
• Antibiotici
Nelle forme gravi somministrare in
a...
Paracentesi timpanica
Intervento di elezione nei casi di otite media purulenta acuta quando sia la
sintomatologia soggetti...
Trattamento
Strumentario:
- Serie di speculi auricolari
- Pinza a baionetta corta
- Portacotone
- Bisturi lanceolato per p...
Complicanze
- Lesione della parete del condotto, specie quando si presenta congesto ed
edematoso
- Lesione della parete me...
Osteomielite della mastoide
È una delle più temibili conseguenze di un processo suppurativo
dell’orecchio medio: attualmen...
Segni clinici
- Intensa dolorabilità evocata dalla pressione digitale esercitata sulla regione
mastoidea
- Ispessimento, n...
In alcuni casi il processo
patologico può esteriorizzarsi
propagandosi al di sotto del
muscolo sternocleidomastoideo
(mast...
Trattamento chirurgico
Strumentario:
- Specchio frontale
- Serie di speculi auricolari
- Portacotone
- Aspiratore
- Bistur...
Traumi orecchio medio
Traumi diretti: provocati dal paziente stesso con bastoncini portacotone,
forbicine, ferri da calza,...
Complicanze
I traumi timpanici diretti e indiretti possono associarsi a lesioni della catena
ossiculare per la dislocazion...
Otorragia
Fuoriuscita di sangue dal condotto uditivo esterno
Eziologia
L’otorragia può essere secondaria a:
- Lesioni dell...
Sordità improvvisa
Grave perdita dell’udito di tipo percettivo, generalmente monolaterale e
pantonale, che insorge bruscam...
Segni clinici
- Sordità (ipoacusia percettiva monolaterale)
- Acufeni
- Senso di tensione endoauricolare
- Cefalea
- Dolen...
Trattamento
Il protocollo terapeutico prevede:
- Ricovero del paziente
- Infusione di soluzione di Mannitolo al 18%, 250 m...
Naso e seni paranasali
Corpi estranei
- Animati (insetti)
- Inanimati (piselli, semi, bottoni, perline, etc.)
Segni clinic...
Diagnosi
- Rinoscopia anteriore
In alcuni casi la particolare posizione, l’edema della mucosa e la secrezione
possono osta...
Trattamento
- Dilatazione del vestibolo con le
valve dello speculo nasale
- Applicazione di un vasocostrittore
per deconge...
Ematoma ed ascesso del setto nasale
Raccolta ematica localizzata al di sotto della mucosa nasale, tra cartilagine e
perico...
Segni clinici
L’ematoma del setto si manifesta con:
- Ostruzione nasale (mono o bilaterale)
- Lieve dolenzia in sede nasal...
Trattamento
Ematoma
- Incisione della mucosa nasale
- Aspirazione del sangue e dei coaguli
- Tamponamento endonasale anter...
Traumi del naso
Gli eventi traumatici, diretti e indiretti, possono interessare le ossa proprie
del naso, le cartilagini, ...
Segni clinici
- Deformità della piramide nasale secondaria a frattura delle ossa nasali
- Infossamento del piano osseo
- E...
Le fratture delle ossa nasali richiedono:
- Opportuno trattamento di riduzione cruenta o incruenta
- Contenzione successiv...
È utile ricordare che le lesioni traumatiche del naso possono
associarsi a quelle di altre strutture, quali:
- Strutture i...
Epistassi
Le emorragie nasali hanno origine,
con maggior frequenza, dalla
porzione antero-inferiore del setto
nasale (locu...
Le epistassi raramente possono originare dalla parete laterale della fossa
nasale in corrispondenza della zona di Woodruff...
Eziologia
L’epistassi viene classificata in:
- Essenziale: senza cause manifeste (caratteristica dei bambini con “abitus”
...
Trattamento
Valutare 3 fattori:
- Sede d’insorgenza (anteriore e/o posteriore)
- Causa (generale e/o locale)
- Entità (qua...
Tecnica di tamponamento nasale
Tamponamento anteriore:
- Si localizza l’emorragia
- Si rimuovono i coaguli mediante
specul...
Tamponamento posteriore:
- Si introduce il catetere di Nelaton
nella fossa nasale fino a farlo
giungere nell’orofaringe
- ...
- Si procede al tamponamento
anteriore con una lunghetta di
garza (oppure con un tampone
tipo Clauden) libera
- Si blocca ...
Dopo il tamponamento nasale si pratica terapia medica, che prevede
antibiotico associato ad acido tranexamico, vitamina K,...
Rino-Etmoidite acuta infantile
Processo flogistico acuto della mucosa nasale che coinvolge precocemente
anche l’etmoide
Co...
Segni clinici
- Edema della palpebra superiore ed inferiore nonché della congiuntiva
(chemosi)
- Vistosa dislocazione del ...
Sinusite acuta
Processo flogistico, catarrale o purulento, acuto di un seno paranasale o di
diversi seni (pansinusite)
Ezi...
Segni clinici
Quadro clinico condizionato da:
- Seno paranasale interessato
- Intensità della flogosi
- Forme anatomo-clin...
Palpazione:
Dolorabilità in corrispondenza di:
- Zona di emergenza del nervo sopra-orbitario (di Ewing) per il seno fronta...
Faringe
Corpi estranei
Corpi estranei prevalentemente di origine alimentare (spine di pesce)
possono localizzarsi a livell...
In alcuni casi per l’identificazione è utile lo studio radiologico ovvero
l’endoscopia a fibre ottiche
Attenzione:
La sens...
Emorragia post-adenoidectomia
Può insorgere entro 2 settimane dall’adenoidectomia
Eziologia
Cause generali: comuni a tutti...
Segni clinici
- Vomito ematico improvviso
- Nausea
- Agitazione
- Shock ipovolemico (segno tardivo)
TrattamentoTrattamento...
- Tecnica dell’emostasi post-adenoidectomia:
- Posizionamento apribocca autostatico
- Rimozione coaguli con aspiratore di ...
Emorragia post-tonsillectomia
Può insorgere entro 2 settimane dall’intervento chirurgico
Eziologia
L’emorragia è legata al...
Segni clinici
Analoghi a quelli dell’emorragia post-adenoidectomia:
- Vomito ematico improvviso
- Nausea
- Agitazione
- Sh...
Trattamento
Tecnica dell’emostasi post-tonsillectomia:
- Posizionamento apribocca autostatico
- Suturare o eseguire diater...
Ascesso peritonsillare
Raccolta purulenta, monolaterale, che occupa lo spazio compreso tra la
capsula tonsillare e la fasc...
All’esame obiettivo si rileva una tumefazione a livello della tonsilla e delle
zone adiacenti
La localizzazione topografic...
Trattamento
Antibioticoterapia in associazione con FAS
Nei casi non si realizzi la regressione del processo flogistico ent...
Tecnica di drenaggio dell’ascesso peritonsillare
- Anestesia: assolutamente
controindicata per infiltrazione in
quanto può...
- Incisione con bisturi lanceolato
- Apertura dell’ascesso con Klemmer
- Aspirazione del materiale purulento
ComplicanzeCo...
Laringe
Corpi estranei
L’inalazione dei corpi estranei è particolarmente frequente nell’età
infantile; essi sono costituit...
Trattamento
L’estrazione di un corpo estraneo
laringeo si può realizzare attraverso
la laringoscopia indiretta o quella
di...
Tecnica di estrazione in microlaringoscopia diretta in
sospensione
- Si posiziona il protettore dentario
a livello dell’ar...
Emorragia laringea
Si verifica, generalmente, come complicanza successiva ad un intervento
chirurgico in microlaringoscopi...
Nel caso di emorragia post-operatoria immediata, che si realizzi nelle prime
ore successive all’intervento, è necessario v...
Trattamento
- Ospedalizzazione del paziente
- Infusioni di soluzioni reidratanti
- Acido tranexamico
- Vitamina K
- Emocoa...
Dispnea acuta da patologia laringea
Improvvisa difficoltà respiratoria da ostacolo a livello laringeo
Eziologia
Cause più ...
Cause nell’adulto:
- Corpi estranei
- Traumi
- Neoformazioni benigne (polipo, edema di Reinke)
- Edema angioneurotico alle...
DIAGNOSI DIFFERENZIALE FRA LA DISPNEA LARINGEA E QUELLA BRONCHIALE
SINTOMI DISPNEA LARINGEA DISPNEA BRONCHIALE
Dispnea Ins...
Trattamento
- Dispnee lievi:
• FAS
• Terapia antibiotica
• Terapia antiedemigena
- Dispnee gravi:
• Intervento chirurgico
...
Traumi della laringe
Traumi:
- Aperti (da incidenti stradali, ferite
da taglio, etc.)da taglio, etc.)
- Chiusi (da lesioni...
Segni clinici
Traumi aperti
- Shock
- Emorragia
- Dispnea
Traumi chiusiTraumi chiusi
- Sincope respiratoria
- Dispnea
- Af...
Traumi laringei:
* da agenti meccanici interni:
- Intubazione laringea
- Chirurgia endoscopica laringea
- Penetrazione di ...
Complicanze
Immediate:
- Edema di una plica ari-epiglottica
- Edema del vestibolo
- Edema delle corde vocali- Edema delle ...
Trattamento
• Trattamento dello shock
• Tracheotomia
• Emostasi chirurgica (eventuale) dei vasi sanguigni
• Farmaci emosta...
Legatura dell’arteria carotide esterna
Intervento chirurgico che viene effettuato in diverse condizioni responsabili
di em...
Queste emorragie possono essere: Immediate, nel corso di un intervento
Tardive, per caduta precoce dell’escara
Tecnica di ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Lezioni corso orl_dangelo

1,165

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,165
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Lezioni corso orl_dangelo"

  1. 1. Seconda Università degli Studi di NapoliSeconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e ChirurgiaFacoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e ChirurgiaCorso di Laurea in Medicina e Chirurgia Dipartimento di Patologia della Testa Prof. Dott. Luigi D’ANGELO Professore Ordinario e Direttore della Scuola di Specializzazione in Otorinolaringoiatria e del Collo, del Cavo Orale e della Comunicazione Audio-Verbale scaricato da www.sunhope.it
  2. 2. ORECCHIO Corpi estranei Con questo termine si identificano sia i corpi estranei animati (insetti) sia quelli inanimati (semi, perline, pezzetti di carta, etc.), la cui introduzione volontariaintroduzione volontaria (o accidentale) nel condotto uditivo esterno determina disturbi auricolari. Ragno nella porzione profonda del C.U.E. scaricato da www.sunhope.it
  3. 3. Segni clinici La sintomatologia varia in rapporto al tipo di corpo estraneo: se trattasi di corpo estraneo animato, esso si muove determinando prurito intenso, otodinia e talvolta acufeni; se trattasi di corpo estraneo inanimato, esso provocherà soltanto una sensazione di ostruzione meccanica del condotto Diagnosi differenzialeDiagnosi differenziale Deve essere posta con i seguenti quadri clinici: - Tappo di cerume - Otomicosi - Esostosi del condotto uditivo - Otite esterna scaricato da www.sunhope.it
  4. 4. Trattamento • Strumentario: • Siringa a tre anelli contenente 100 cc di acqua tiepida • Specchio frontale • Serie di speculi auricolari• Serie di speculi auricolari • Portacotone • Scatola di Hartmann (piccole pinze auricolari) • Due uncini smussi e protetti • Aspiratore sottile • Pinza a baionetta corta • Garza orlata sterile scaricato da www.sunhope.it
  5. 5. TAPPO DI CERUME Il tappo auricolare è costituito da una massa ceruminosa igroscopica; esso può comprendere: - Cerume - Squame epidermiche - Entrambe le componenti Segni clinici • Ipoacusia trasmissiva • Senso di occlusione auricolare • Autofonia • Acufeni scaricato da www.sunhope.it
  6. 6. Prima del lavaggio valutare: - Se il paziente abbia avuto otiti con perforazione - Se ha dolore auricolare Attenzione: Quando si procede alla manovra Trattamento Quando si procede alla manovra di irrigazione del condotto può qualche volta determinarsi una sindrome vertiginosa da stimolazione labirintica, che si risolve spontaneamente in pochi minuti. Inoltre è possibile provocare accidentalmente una perforazione timpanica ovvero piccole soluzioni di continuo a livello del condotto uditivo esterno scaricato da www.sunhope.it
  7. 7. Otodinia ed Otalgia Il dolore auricolare può essere conseguente ad una patologia dell’orecchio (otodinia) ovvero ad una lesione extra-auricolare (otalgia) Eziologia L’otodinia può essere determinata da patologie a carico dell’orecchio: - Esterno (otite esterna – foruncolosi - pericondrite – corpo estraneo - miringite bollosa influenzale – herpes zoster oticus – otomicosi – traumi - congelamento del padiglione – neoplasie – dolenzia post-chirurgica) - Medio (otosalpingite acuta – otomastoidite acuta – otite media barotraumatica - empiema della mastoide - otite media cronica riacutizzata – traumi – neoplasie – dolenzia post-chirurgica) scaricato da www.sunhope.it
  8. 8. L’otalgia può essere secondaria a diversi processi patologici, la cui innervazione sensitiva dolorifica afferisce attraverso: - V nervo cranico: Processi flogistici e neoplastici a varie sedi: naso, seni paranasali, rinofaringe, denti (VIII incluso), gengive Altri: artrite temporo-mandibolare, malocclusione dentaria, patologie ghiandole salivari, nevralgia trigeminale, nevralgia sfeno-palatina - VII nervo cranico: nevralgia del ganglio genicolato - IX e X nervo cranico: processi flogistici e neoplastici a varie sedi (lingua, faringe, laringe, esofago, processo stiloideo allungato) Nevralgia del glossofaringeo - Nervi del plesso cervicale: lesione della colonna vertebrale - Connessioni nervose miste: carotidodinia, linfoadenite retroauricolare scaricato da www.sunhope.it
  9. 9. Diagnosi Corretto approccio al paziente con dolenzia auricolare: - Anamnesi patologica remota, rivolta al rilievo di patologie internistiche (diabete, insuff. epatica, etc.) e patologie locali (otiti, foruncolosi, etc.) - Anamnesi patologica prossima per la valutazione di eventuali processi- Anamnesi patologica prossima per la valutazione di eventuali processi patologici recenti generali (influenzali, catarrali, etc.) o locali (dentari, etc.) - Descrizione del dolore, per la valutazione: • Della sede e delle eventuali irradiazioni • Dell’epoca d’insorgenza • Dell’andamento del dolore (continuo o intermittente) • Del carattere (pulsante o gravativo) • Dell’eventuale associazione con altri sintomi otologici (ipoacusia, prurito auricolare, otorrea, vertigini) scaricato da www.sunhope.it
  10. 10. Trattamento Non è possibile indicare un unico protocollo terapeutico in quanto il trattamento va prescritto in base all’eziologia della sensazione dolorosa Il provvedimento immediato per il controllo del dolore prevede: - Somministrazione di analgesici- Somministrazione di analgesici - Prelievo di eventuale secrezione auricolare per un esame colturale con antibiogramma (con ricerca miceti) scaricato da www.sunhope.it
  11. 11. Pericondrite Processo infettivo che coinvolge il pericondrio del padiglione auricolare Eziologia L’infezione è sostenuta da germi piogeni ed è favorita da: • Traumi con conseguente otoematoma • Congelamenti • Ustioni • Eczemi • Interventi chirurgici sull’orecchio esterno scaricato da www.sunhope.it
  12. 12. Segni clinici La cute del padiglione auricolare nella fase sierosa si presenta: • Tesa • Tumefatta• Tumefatta • Arrossata • Dolente alla pressione scaricato da www.sunhope.it
  13. 13. Nella fase suppurativa, l’essudato purulento scolla il pericondrio e si raccoglie tra quest’ultimo e la cartilagine (otoematoma) scaricato da www.sunhope.it
  14. 14. Trattamento Il protocollo terapeutico prevede un trattamento antibiotico ad ampio spettro ed antiflogistico (FAS) Attenzione: Segni di colliquazione rendono necessaria l’incisione della cute, in posizione declive, al punto di massima fluttuazione alla palpazione; talora può essere opportuna una incisione multipla (in punti diversi) In genere si applica un sottile drenaggio tubulare, di tipo Redon, ad aspirazione continua, per circa tre giorni scaricato da www.sunhope.it
  15. 15. Foruncolosi E’ una infezione piogenica del derma, che origina dai follicoli pilosebacei e coinvolge solo il terzo esterno (fibro-cartilagineo) del condotto uditivo esternocondotto uditivo esterno Eziologia L’agente eziologico più comune è lo Stafilococco aureo, il cui impianto risulta favorito da: - Lesioni da grattamento - Clima caldo-umido - Bagni in acque inquinate - Otomicosi - Turbe dismetaboliche scaricato da www.sunhope.it
  16. 16. Otite media acuta Processo flogistico, a decorso acuto, che interessa l’orecchio medio Nell’ambito delle patologie, che possono richiedere un trattamento urgente, devono essere prese in considerazione: - Otite media catarrale acuta - Otite media purulenta acuta Il processo infiammatorio, oltre la cassa timpanica, può interessare anche la tuba di Eustachio (oto-salpingite) e la mastoide (oto-mastoidite nell’adulto ed oto-antrite nel lattante) È possibile riscontrare otiti medie acute dopo una brusca variazione della pressione atmosferica (otite barotraumatica) Le otiti medie acute possono essere espressione di processi cronici riacutizzati (catarrali o purulenti) scaricato da www.sunhope.it
  17. 17. Eziologia L’otite media catarrale acuta può essere sostenuta da una patogenesi: • Meccanica (trasudativa, sierosa ed emorragica), secondaria prevalentemente all’ostruzione tubarica • Infiammatoria (essudativa), successiva ad un processo flogistico tubarico• Infiammatoria (essudativa), successiva ad un processo flogistico tubarico L’otite media purulenta acuta è un processo infiammatorio sostenuto da una componente batterica (cocchi piogeni) I germi raggiungono il cavo timpanico attraverso tre vie: - Tuba - Condotto uditivo esterno - Torrente ematico scaricato da www.sunhope.it
  18. 18. Reperto otoscopico normale in orecchio sinistro scaricato da www.sunhope.it
  19. 19. Segni clinici Otite media catarrale acuta Sensazione di “orecchio chiuso”, con lieve ipoacusia di trasmissione • Autofonia e, talora, acufeni • Vertigini labirintiche• Vertigini labirintiche • Otodinia Il quadro otoscopico può rilevare: • Iniziale iperemia (a livello della pars flaccida e del manico del martello) • Successivamente una diffusa e marcata iperemia della membrana timpanica scaricato da www.sunhope.it
  20. 20. Otite media purulenta acuta Prima fase (iperemica) • Sensazione di “orecchio chiuso” con ipoacusia trasmissiva • Rialzo termico • Otodinia (sorda e continua) Seconda fase (essudativa) • Otodinia pulsante (specie di notte) • Febbre elevata • Insonnia • Cefalea gravativa Terza fase (perforativa) • Cessazione improvvisa di dolore • Fuoriuscita dal condotto uditivo esterno di essudato muco-purulento L’esame otoscopico evidenzia: • Prima fase: iperemia diffusa • Seconda fase: iperemia diffusa con ispessimento ed estroflessione • Terza fase: perforazione timpanica con eventuale secrezione siero-ematica scaricato da www.sunhope.it
  21. 21. scaricato da www.sunhope.it
  22. 22. Trattamento • Antiflogistici (FANS) • Fenilefrina cloridrato • Efedrina • Antibiotici Nelle forme gravi somministrare in associazione un FAS Le gocce auricolari vengono utilizzate in base alle condizioni della Attenzione: Nella valutazione clinica dell’otite media acuta deve essere riconosciuto con precisione il suo stadio evolutivo e l’eventuale necessità di procedere ad una in base alle condizioni della membrana timpanica Con membrana integra impiegare un anestetico locale da contatto: - Procaina cloridrato Con membrana perforata utilizzare composti di tipo antiflogistico ed antibiotico: - Fluocinolone acetomide + neomicina solfato + polimixina B solfato necessità di procedere ad una paracentesi timpanica, al fine di evitare una perforazione spontanea della membrana timpanica, che potrebbe diventare permanente scaricato da www.sunhope.it
  23. 23. Paracentesi timpanica Intervento di elezione nei casi di otite media purulenta acuta quando sia la sintomatologia soggettiva (febbre elevata, otodinia, cefalea) che quella oggettiva (membrana timpanica iperemica, estroflessa) non accennino a risolversi dopo alcuni giorni dall’inizio della terapia antibiotica ed antiflogisticaantiflogistica Attenzione: La paracentesi timpanica non va praticata nelle fasi iniziali di un processo flogistico dell’orecchio medio, qualora sia ancora possibile attuare con successo un trattamento medico scaricato da www.sunhope.it
  24. 24. Trattamento Strumentario: - Serie di speculi auricolari - Pinza a baionetta corta - Portacotone - Bisturi lanceolato per paracentesi - Aspiratore sottile- Aspiratore sottile - Striscette garza orlata sterile - Specchio frontale - Otoscopio elettrico o preferibilmente microscopio operatorio - Tubicini di ventilazione per eventuale drenaggio post- paracentesi scaricato da www.sunhope.it
  25. 25. Complicanze - Lesione della parete del condotto, specie quando si presenta congesto ed edematoso - Lesione della parete mediale della cassa - Lesione delle finestre, quando durante la paracentesi il bisturi lanceolato penetri troppo in profonditàpenetri troppo in profondità - Lesione del golfo della vena giugulare, in casi eccezionali, per anomala procidenza di essa dal pavimento della cassa scaricato da www.sunhope.it
  26. 26. Osteomielite della mastoide È una delle più temibili conseguenze di un processo suppurativo dell’orecchio medio: attualmente la sua incidenza è molto rara per il precoce impiego di antibiotici ad ampio spettro e antiflogistici In corso di osteomielite della mastoide si può essere costretti ad intervenire chirurgicamente con urgenza per alcune gravi complicanze, quali:chirurgicamente con urgenza per alcune gravi complicanze, quali: - Ascesso (cerebrale, cerebellare, di Mouret e di Bezold) - Meningite otogena - Trombosi del seno laterale - Gravi labirintiti - Paralisi del nervo facciale per erosione del canale omonimo - Petrositi (sindrome di Gradenigo-Citelli) scaricato da www.sunhope.it
  27. 27. Segni clinici - Intensa dolorabilità evocata dalla pressione digitale esercitata sulla regione mastoidea - Ispessimento, nella fase iniziale, del periostio mastoideo che, successivamente, tende ad estroflettersi determinando la scomparsa del solco retroauricolare e lo spostamento in senso anterolaterale del padiglione scaricato da www.sunhope.it
  28. 28. In alcuni casi il processo patologico può esteriorizzarsi propagandosi al di sotto del muscolo sternocleidomastoideo (mastoidite di Bezold) , all’interno della guaina del muscolo sternocleidomastoideo (mastoidite pseudo-Bezold) ovvero lungo il ventre posteriore del muscoloventre posteriore del muscolo digastrico (mastoidite di Mouret) scaricato da www.sunhope.it
  29. 29. Trattamento chirurgico Strumentario: - Specchio frontale - Serie di speculi auricolari - Portacotone - Aspiratore - Bisturi Complicanze: - Paralisi del nervo facciale - Osteite persistente - Stenosi del condotto uditivo esterno- Bisturi - Pinze emostatiche curve e sottili - Pinze chirurgiche - Due divaricatori a nastro - Elettrocoagulatore - Scollaperiostio - Trapano con varie frese - Drenaggio di Redon sottile con ago - Microscopio operatorio esterno - Dislocazione o rimozione dell’incudine scaricato da www.sunhope.it
  30. 30. Traumi orecchio medio Traumi diretti: provocati dal paziente stesso con bastoncini portacotone, forbicine, ferri da calza, etc. Traumi indiretti: barotraumi conseguenti a improvvise variazioni di pressione dell’aria nel condotto (schiaffi, tuffi) Vanno ricordati i traumi da detonazione d’arma da fuoco; in questo caso ilVanno ricordati i traumi da detonazione d’arma da fuoco; in questo caso il danno può rilevarsi anche a carico dell’orecchio interno Segni clinici • Otodinia improvvisa ed intensa • Otorragia • Ipoacusia scaricato da www.sunhope.it
  31. 31. Complicanze I traumi timpanici diretti e indiretti possono associarsi a lesioni della catena ossiculare per la dislocazione degli ossicini e/o frattura dell’apofisi lunga dell’incudine Trattamento Terapia antibiotica (a largo spettro) e antiflogistica onde evitare una trasformazione in otite purulenta acuta Attenzione: occorre evitare che nell’orecchio penetri acqua e che vengano eseguite manovre a livello del condotto scaricato da www.sunhope.it
  32. 32. Otorragia Fuoriuscita di sangue dal condotto uditivo esterno Eziologia L’otorragia può essere secondaria a: - Lesioni della membrana timpanica o della cute del condotto- Lesioni della membrana timpanica o della cute del condotto - Traumi delle strutture ossee del temporale - Tumori benigni e maligni dell’orecchio medio - Tumori glomici Trattamento Detersione e tamponamento del condotto uditivo esterno scaricato da www.sunhope.it
  33. 33. Sordità improvvisa Grave perdita dell’udito di tipo percettivo, generalmente monolaterale e pantonale, che insorge bruscamente senza apparente causa adeguata Eziologia - Vasculopatie del distretto dell’arteria uditiva interna - Alterazioni ematologiche - Ipertensione arteriosa - Malattie metaboliche - Agenti tossici - Infezioni virali (virus parainfluenzali, varicella-zoster, parotite, etc.) - Allergopatie (la sordità improvvisa è secondaria a liberazione di istamina a livello cocleare con conseguente reazione essudativa-flogistica) - Fenomeni autoimmunitari (artrite reumatoide, granulomatosi di Wegener) scaricato da www.sunhope.it
  34. 34. Segni clinici - Sordità (ipoacusia percettiva monolaterale) - Acufeni - Senso di tensione endoauricolare - Cefalea - Dolenzia in regione auricolare - Vertigini - Nistagmo spontaneo (o evocato) in direzione dell’orecchio sano Diagnosi differenzialeDiagnosi differenziale - Ipoacusia fluttuante - Otosclerosi monolaterale - Malattie dismetaboliche gravi (diabete, dislipidemia, etc.) - Ipoacusia iatrogena - Ipoacusia improvvisa in associazione a varie patologie quali: neurinoma dell’ acustico - barotrauma – infezioni virali (sindrome di Ramsay- Hunt) – malattia di Ménière – ipoacusia post-traumatica scaricato da www.sunhope.it
  35. 35. Trattamento Il protocollo terapeutico prevede: - Ricovero del paziente - Infusione di soluzione di Mannitolo al 18%, 250 ml per flebo ogni 24 ore - Desametasone 4 mg e.v. 2-3 volte giorno - Flunarizina 10 mg, 1 cpr ogni 24 ore - Taurina 1 fiala e.v. ogni 24 ore - Eventuale trattamento iperbarico scaricato da www.sunhope.it
  36. 36. Naso e seni paranasali Corpi estranei - Animati (insetti) - Inanimati (piselli, semi, bottoni, perline, etc.) Segni clinici - Rinorrea sierosa unilaterale che, per i processi infiammatori reattivi locali, si trasforma in purulenta, maleodorante e resistente alle terapie farmacologiche - Epistassi omolaterale per processi ulcerativi indotti dalla pressione del corpo estraneo sulla mucosa nasale - Ostruzione nasale omolaterale Altri eventuali sintomi: starnutazione, dolore localizzato, cefalea, febbre scaricato da www.sunhope.it
  37. 37. Diagnosi - Rinoscopia anteriore In alcuni casi la particolare posizione, l’edema della mucosa e la secrezione possono ostacolarne l’identificazione e, pertanto, risulta necessario ricorrere ad altre metodiche di indagine quali: - Rinoscopia posteriore - Esame radiologico (utilissimo nei casi di oggetti radio-opachi) - Endoscopia con fibre ottiche scaricato da www.sunhope.it
  38. 38. Trattamento - Dilatazione del vestibolo con le valve dello speculo nasale - Applicazione di un vasocostrittore per decongestionare ed ischemizzare la mucosa nasaleischemizzare la mucosa nasale - Anestesia locale - Rimozione corpo estraneo con pinza di Veil Per gli oggetti rotondi è preferibile utilizzare un apposito uncino scaricato da www.sunhope.it
  39. 39. Ematoma ed ascesso del setto nasale Raccolta ematica localizzata al di sotto della mucosa nasale, tra cartilagine e pericondrio, più frequentemente a livello della porzione antero-inferiore del setto L’ascesso del setto nasale, viceversa, è una raccolta purulenta che si localizza nella stessa sede EziologiaEziologia - Traumatica (contusioni, fratture del setto) Raramente rappresenta condizione patologica che può osservarsi in soggetti con: - Emopatie - Alterazione della coagulazione - Malattie infettive L’ascesso del setto nasale può essere secondario ad una sovrainfezione dell’ematoma ovvero può rappresentare la complicanza di una infezione del vestibolo nasale (foruncolo, follicolite, impetigine) scaricato da www.sunhope.it
  40. 40. Segni clinici L’ematoma del setto si manifesta con: - Ostruzione nasale (mono o bilaterale) - Lieve dolenzia in sede nasale L’ascesso del setto si presenta con: - Dolore pulsante - Febbre - Cefalea frontale - Iperemia con edema e tumefazione della porzione inferiore del setto scaricato da www.sunhope.it
  41. 41. Trattamento Ematoma - Incisione della mucosa nasale - Aspirazione del sangue e dei coaguli - Tamponamento endonasale anteriore bilaterale- Tamponamento endonasale anteriore bilaterale Ascesso - Drenaggio chirurgico, asportazione del tessuto di granulazione e dei sequestri cartilaginei eventualmente presenti - Esame colturale con antibiogramma sul pus aspirato per terapia antibiotica mirata scaricato da www.sunhope.it
  42. 42. Traumi del naso Gli eventi traumatici, diretti e indiretti, possono interessare le ossa proprie del naso, le cartilagini, la mucosa e la cute Questi eventi traumatici possono agire: - In senso antero-posteriore - In senso latero-laterale - Dal basso verso l’alto e viceversa- Dal basso verso l’alto e viceversa Eziologia I traumi nasali si realizzano per incidenti stradali, atti di violenza, competizioni sportive, etc. Le fratture delle ossa nasali possono essere: - Uniche o multiple - Monolaterali o bilaterali - Con o senza spostamento dei frammenti - Con o senza lesioni delle strutture cartilaginee e mucose scaricato da www.sunhope.it
  43. 43. Segni clinici - Deformità della piramide nasale secondaria a frattura delle ossa nasali - Infossamento del piano osseo - Epistassi - Difficoltà inspiratoria - Deviazione del setto - Ascesso del setto- Ascesso del setto - Dolore alla palpazione della regione nasale - Ecchimosi sotto-orbitaria (mono o bilaterale) Trattamento E’ fondamentale che il trattamento sia precoce in quanto l’edema e gli ematomi ostacolano l’ispezione, la palpazione e la correzione della lesione È utile eseguire sempre un esame radiologico del naso e dei seni paranasali (proiezioni postero-anteriore e latero-laterale) scaricato da www.sunhope.it
  44. 44. Le fratture delle ossa nasali richiedono: - Opportuno trattamento di riduzione cruenta o incruenta - Contenzione successiva con apposita piastra di materiale metallico malleabile (splint), fissata con cerotto sulla piramide - Tamponamento anteriore non compressivo delle fosse nasali per mantenere il setto in asse - Antibiotici ad ampio spettro di azione, FAS, coagulanti - Il tamponamento va rimosso dopo 3 giorni - lo “splint” deve rimanere in situ per almeno 7 giorni scaricato da www.sunhope.it
  45. 45. È utile ricordare che le lesioni traumatiche del naso possono associarsi a quelle di altre strutture, quali: - Strutture infraorbitarie se la forza d’urto si concentra sul dorso del naso - Processi frontali del mascellare - Etmoide, a livello della parete mediale dell’orbita - Tetto e/o lamina cribrosa dell’etmoide; in questi casi ci sarà rino-liquorrea e/o enfisema interstiziale periorbitale scaricato da www.sunhope.it
  46. 46. Epistassi Le emorragie nasali hanno origine, con maggior frequenza, dalla porzione antero-inferiore del setto nasale (locus Valsalvae), zona molto vascolarizzata per presenza di rami sia della arteria carotide esterna (rami terminali dellaesterna (rami terminali della sfeno-palatina, palatina anteriore e del sottosetto) che dell’arteria carotide interna (rami mediali delle arterie etmoidali anteriori e posteriori), i cui rami terminali si anastomizzano tra loro formando una fitta rete di sottili capillari (plesso di Kiesselbach) scaricato da www.sunhope.it
  47. 47. Le epistassi raramente possono originare dalla parete laterale della fossa nasale in corrispondenza della zona di Woodruff, che viene a trovarsi a livello del terzo posteriore del meato inferiore; esse possono anche verificarsi in casi eccezionali, a livello della testa del turbinato inferiore In rapporto alla localizzazione di origine del sanguinamento, le epistassi si distinguono in: - Anteriori e mediali (locus Valsalvae)- Anteriori e mediali (locus Valsalvae) - Posteriori e laterali (zona di Woodruff) scaricato da www.sunhope.it
  48. 48. Eziologia L’epistassi viene classificata in: - Essenziale: senza cause manifeste (caratteristica dei bambini con “abitus” linfatico e adolescenti in epoca pre-mestruale) - Sintomatica: secondaria ad una patologia generale (ipertensione arteriosa, cardiopatie, epatopatie, diabete, uso protratto di anticoagulanti, deficit vitaminici, malattie infettive, patologie renali, emopatie, disfunzioni endocrine, barotraumi, etc.) e/o locale (varici del setto, traumi nasali, corpi estranei, riniti acute, polipo sanguinante del setto, ulcera atrofica di Hayek, allergopatie naso-sinusali, rinopatie granulomatose, tumori nasali e paranasali, tumori rinofaringei) scaricato da www.sunhope.it
  49. 49. Trattamento Valutare 3 fattori: - Sede d’insorgenza (anteriore e/o posteriore) - Causa (generale e/o locale) - Entità (quantità di sangue perduto) L’emostasi locale è l’atto terapeutico più comune ed efficace La compressione digitale (esercitata energicamente per 5-10 min.), è in grado generalmente di arrestare tutte le emorragie anteriori Nei casi in cui è possibile identificare il vaso (ovvero il suo reticolo anastomotico) sanguinante è consigliabile procedere alla causticazione chimica con nitrato d’argento oppure alla diatermo-coagulazione della zona emorragica scaricato da www.sunhope.it
  50. 50. Tecnica di tamponamento nasale Tamponamento anteriore: - Si localizza l’emorragia - Si rimuovono i coaguli mediante speculo nasale e aspiratore - Si modella un foglietto di Lyofoam per renderlo di dimensioni adatte, oppure si utilizza un tampone di Merocel e lo si introduce nella fossa nasale, opportunamente dilatata da uno speculo di Killian, con l’impiego di una pinza a baionetta scaricato da www.sunhope.it
  51. 51. Tamponamento posteriore: - Si introduce il catetere di Nelaton nella fossa nasale fino a farlo giungere nell’orofaringe - Dopo aver posizionato l’apribocca autostatico, con un abbassalinguaautostatico, con un abbassalingua si visualizza la parte distale del catetere e con una pinza di Klemmer lo si estrae dalla bocca - Si ritira il catetere dalla fossa nasale in modo da far fuoriuscire i due capi del filo di seta cui è ancorato il tampone di garza, che viene posizionato con le dita della mano destra nel rinofaringe scaricato da www.sunhope.it
  52. 52. - Si procede al tamponamento anteriore con una lunghetta di garza (oppure con un tampone tipo Clauden) libera - Si blocca la lunghetta o il tampone di Clauden mediante legatura deidi Clauden mediante legatura dei due capi di fili di seta che fuoriescono dalla narice - Si fissano gli altri due fili di seta alla cute della guancia omolaterale del paziente - Si mantiene “ in situ” il tamponamento posteriore per non oltre 48 ore scaricato da www.sunhope.it
  53. 53. Dopo il tamponamento nasale si pratica terapia medica, che prevede antibiotico associato ad acido tranexamico, vitamina K, emocoagulasi Bothops Jararaca Attenzione: In entrambi i tipi di tamponamento è necessario prescrivere gli esami di laboratorio di routine, con particolare riguardo per quelli attinenti ilaboratorio di routine, con particolare riguardo per quelli attinenti i problemi della coagulazione e, quindi, applicare i protocolli terapeutici opportuni scaricato da www.sunhope.it
  54. 54. Rino-Etmoidite acuta infantile Processo flogistico acuto della mucosa nasale che coinvolge precocemente anche l’etmoide Comune nei bambini in rapporto alla particolare anatomia presente in questa età La rinite nei bambini e nei lattanti tende, attraverso la lamina papiracea dell’etmoide, ad estendersi verso la regione orbitariadell’etmoide, ad estendersi verso la regione orbitaria Eziologia Agenti eziologici responsabili: - Haemophilus influentiae - Escherichia coli - Micrococcus catharralis - Bacillo di Pfeiffer - Bacillo di Friedlander - Cocchi piogeni scaricato da www.sunhope.it
  55. 55. Segni clinici - Edema della palpebra superiore ed inferiore nonché della congiuntiva (chemosi) - Vistosa dislocazione del globo oculare esternamente ed anteriormente - Febbre L’indagine radiografica dimostra opacamento della regione etmoidale, erosione della sottilissima lamina papiracea e presenza di essudatoerosione della sottilissima lamina papiracea e presenza di essudato purulento che comprime medialmente l’orbita Terapia Ceftriaxone + betametasone disodiofosfato + gocce nasali (fluocinolone acetonide + neomicina solfato) Attenzione: La forma purulenta, non curata tempestivamente ed adeguatamente, può rendere necessario il drenaggio chirurgico scaricato da www.sunhope.it
  56. 56. Sinusite acuta Processo flogistico, catarrale o purulento, acuto di un seno paranasale o di diversi seni (pansinusite) Eziologia Agenti eziologici responsabili: - Haemophilus influentiae - Escherichia coli- Escherichia coli - Micrococcus catharralis - Bacillo di Pfeiffer e di Friedlander Altre cause: - Infezione di un seno mascellare da germi a provenienza odontogena - Barotrauma - Trauma che induce la formazione di un emoseno Fattori predisponenti: - Deviazione del setto, ipertrofia dei turbinati, permanenza in ambiente troppo umido o secco scaricato da www.sunhope.it
  57. 57. Segni clinici Quadro clinico condizionato da: - Seno paranasale interessato - Intensità della flogosi - Forme anatomo-cliniche: catarrale, (muco-)purulenta, ulcero-necrotica Forma catarrale:Forma catarrale: Caratterizzata da febbre, cefalea e secrezione nasale Forma (muco-)purulenta: Febbre elevata, cefalea e rinorrea muco-purulenta (densa, colore giallo-verde) Forma ulcero-necrotica: Secondaria a malattie infettive (morbillo, scarlattina) Tendenza precoce alle complicanze (orbitarie, osteomielitiche e/o endocraniche) scaricato da www.sunhope.it
  58. 58. Palpazione: Dolorabilità in corrispondenza di: - Zona di emergenza del nervo sopra-orbitario (di Ewing) per il seno frontale - Angolo interno dell’orbita (di Grunwald) per l’etmoide - Punto di fuoriuscita del nervo sotto-orbitario per il seno mascellare - Il seno sfenoidale, per evidenti ragioni anatomiche, non ha punti dolorosi evocabili Rinoscopia anteriore: - Edema - Iperemia dei turbinati - Presenza di pus a livello del meato medio Esame radiografico del naso e dei seni paranasali: - Diffuso opacamento del seno interessato scaricato da www.sunhope.it
  59. 59. Faringe Corpi estranei Corpi estranei prevalentemente di origine alimentare (spine di pesce) possono localizzarsi a livello di: - Tonsille palatine - Base della lingua - Ipofaringe- Ipofaringe Segni clinici Odinofagia (deglutizione dolorosa) con irradiazione: - Alla mandibola (corpo estraneo a livello della tonsilla) - All’osso ioide (corpo estraneo alla base della lingua) - Al collo (corpo estraneo del seno piriforme) scaricato da www.sunhope.it
  60. 60. In alcuni casi per l’identificazione è utile lo studio radiologico ovvero l’endoscopia a fibre ottiche Attenzione: La sensazione di un corpo estraneo a livello faringeo può venir riferita anche nel caso che lo stesso sia stato ingoiato o rimosso In alcuni casi deve essere considerato che tale sensazione può essere espressione di uno stato di psicosiespressione di uno stato di psicosi scaricato da www.sunhope.it
  61. 61. Emorragia post-adenoidectomia Può insorgere entro 2 settimane dall’adenoidectomia Eziologia Cause generali: comuni a tutti gli eventi emorragici post-operatoriCause generali: comuni a tutti gli eventi emorragici post-operatori Cause locali: - Persistenza di residuo adenoideo - Eccessiva profondità del raschiamento rinofaringeo - Alimentazione troppo calda durante il decorso post-operatorio scaricato da www.sunhope.it
  62. 62. Segni clinici - Vomito ematico improvviso - Nausea - Agitazione - Shock ipovolemico (segno tardivo) TrattamentoTrattamento Se è presente shock ipovolemico somministrare: - Infusioni di plasma expander e soluzioni glucosate - Farmaci antiemorragici - Emotrasfusioni se è necessario scaricato da www.sunhope.it
  63. 63. - Tecnica dell’emostasi post-adenoidectomia: - Posizionamento apribocca autostatico - Rimozione coaguli con aspiratore di Yankauer - Compressione del rinofaringe con tampone di garza imbevuto di sostanza emostatica - Se necessario effettuare diatermo-coagulazione del punto emorragico - Se persiste emorragia si pratica tamponamento posteriore- Se persiste emorragia si pratica tamponamento posteriore scaricato da www.sunhope.it
  64. 64. Emorragia post-tonsillectomia Può insorgere entro 2 settimane dall’intervento chirurgico Eziologia L’emorragia è legata alla caduta precoce dell’escara; questo evento emorragico può essere determinato da cause:emorragico può essere determinato da cause: Generali: comuni a tutti gli eventi emorragici post-operatori Locali: - Residuo tonsillare - Coagulo in una delle logge - Alimentazione troppo calda durante il decorso post-operatorio scaricato da www.sunhope.it
  65. 65. Segni clinici Analoghi a quelli dell’emorragia post-adenoidectomia: - Vomito ematico improvviso - Nausea - Agitazione - Shock ipovolemico (segno tardivo) scaricato da www.sunhope.it
  66. 66. Trattamento Tecnica dell’emostasi post-tonsillectomia: - Posizionamento apribocca autostatico - Suturare o eseguire diatermo-coagulazione - Se l’emorragia non si arresta pinzettare con una Klemmer la zona emorragica procedendo alla sutura mediante una di queste tecniche:emorragica procedendo alla sutura mediante una di queste tecniche: • Filo di catgut su ago atraumatico • Ago speciale (Reverdin) da loggia tonsillare • Sutura in massa dei pilastri - Se persiste emorragia occorre praticare legatura dell’a. carotide esterna omolaterale, appena al di sopra dell’a. tiroidea superiore Complicanze - Ascesso latero-faringeo, secondario alle legature - Broncopolmonite “ab ingestis” scaricato da www.sunhope.it
  67. 67. Ascesso peritonsillare Raccolta purulenta, monolaterale, che occupa lo spazio compreso tra la capsula tonsillare e la fascia faringo-basilare, che riveste il muscolo costrittore della faringe Eziologia Agente eziologico responsabile: Streptococco beta-emolitico di gruppo AAgente eziologico responsabile: Streptococco beta-emolitico di gruppo A Segni clinici febbre elevata - odinofagia unilaterale - otalgia riflessa omolaterale pseudo-scialorrea – lingua impaniata - alito fetido - alterazione del timbro vocale – adenopatie in sede jugo-digastrica omolaterale - trisma e torcicollo nelle forme più gravi scaricato da www.sunhope.it
  68. 68. All’esame obiettivo si rileva una tumefazione a livello della tonsilla e delle zone adiacenti La localizzazione topografica dell’ascesso ne consente la classificazione in 4 tipi: - Antero-superiore (80% dei casi) - Postero-superiore - Inferiore - Esterno ComplicanzeComplicanze Generali: - Glomerulonefriti - Endocarditi - Artriti - Setticemia Locali: - Edema diffuso - Processi suppurativi peri-faringei - Tromboflebite del seno cavernoso e del plesso pterigoideo scaricato da www.sunhope.it
  69. 69. Trattamento Antibioticoterapia in associazione con FAS Nei casi non si realizzi la regressione del processo flogistico entro 48 ore praticare il drenaggio chirurgico Attenzione: L’intervento deve essere praticato senza alcuna anestesia locale; questa, infatti, qualora eseguita per infiltrazione, può dar luogo ad una grave setticemia scaricato da www.sunhope.it
  70. 70. Tecnica di drenaggio dell’ascesso peritonsillare - Anestesia: assolutamente controindicata per infiltrazione in quanto può determinare il diffondersi dell’infezione (setticemia) - Puntura esplorativa scaricato da www.sunhope.it
  71. 71. - Incisione con bisturi lanceolato - Apertura dell’ascesso con Klemmer - Aspirazione del materiale purulento ComplicanzeComplicanze - Emorragia - Setticemia - Ascesso parafaringeo scaricato da www.sunhope.it
  72. 72. Laringe Corpi estranei L’inalazione dei corpi estranei è particolarmente frequente nell’età infantile; essi sono costituiti da frammenti alimentari (fagioli, pastina, etc.), spilli, perline, frammenti di giocattoli, etc. Segni cliniciSegni clinici - Spasmo laringeo - Tosse secca e stizzosa Se il corpo estraneo supera la laringe e raggiunge i bronchi induce: - Dispnea - Cianosi - Perdita di coscienza Se le condizioni di asfissia sono gravissime è necessario procedere alla tracheotomia d’urgenza scaricato da www.sunhope.it
  73. 73. Trattamento L’estrazione di un corpo estraneo laringeo si può realizzare attraverso la laringoscopia indiretta o quella diretta Tecnica di estrazione in laringoscopia indiretta - Si tira la lingua del paziente in fuori con garza sterile - Si riscalda lo specchietto laringeo e lo si posiziona a livello del palato molle - Si effettua laringoscopia per localizzare il corpo estraneo scaricato da www.sunhope.it
  74. 74. Tecnica di estrazione in microlaringoscopia diretta in sospensione - Si posiziona il protettore dentario a livello dell’arcata mandibolare superiore - S’introduce il laringoscopio- S’introduce il laringoscopio - Si localizza il corpo estraneo e si procede alla somministrazione di piccole dosi di anestetico per contatto in modo da ridurre la reflettività laringea scaricato da www.sunhope.it
  75. 75. Emorragia laringea Si verifica, generalmente, come complicanza successiva ad un intervento chirurgico in microlaringoscopia diretta in sospensione Può essere: - Precoce: entro le 12 ore successive all’intervento - Tardiva: entro le prime 2 settimane Segni clinici - Tosse - Dispnea - Emoftoe - Grave compromissione generale scaricato da www.sunhope.it
  76. 76. Nel caso di emorragia post-operatoria immediata, che si realizzi nelle prime ore successive all’intervento, è necessario valutare la possibilità dell’eventuale presenza di: - Epistassi anteriore e/o posteriore come conseguenza di una intubazione rino-tracheale - Lieve emorragia provocata dal trauma del tubo del laringoscopio- Lieve emorragia provocata dal trauma del tubo del laringoscopio sull’arcata dentaria superiore o sulla lingua - Nel caso di un’emorragia post-operatoria tardiva, non oltre le 2 settimane, bisognerà valutare la possibilità che la stessa sia indotta da: - Crisi ipertensiva - Impiego di farmaci anticoagulanti - Malattia infettiva in fase iniziale scaricato da www.sunhope.it
  77. 77. Trattamento - Ospedalizzazione del paziente - Infusioni di soluzioni reidratanti - Acido tranexamico - Vitamina K - Emocoagulasi Bothops Jararaca- Emocoagulasi Bothops Jararaca Nel caso in cui l’emorragia laringea post-operatoria non si arresti con la sola terapia medica, si ricorre alla diatermo-coagulazione in microlaringoscopia diretta in sospensione scaricato da www.sunhope.it
  78. 78. Dispnea acuta da patologia laringea Improvvisa difficoltà respiratoria da ostacolo a livello laringeo Eziologia Cause più frequenti nel bambino: - Congenite - • Diaframma (atresia)• Diaframma (atresia) • Cisti • Laringo(tracheo)malacia - Acquisite - • Corpi estranei • Traumi • Laringite acuta • Laringospasmo • Papillomatosi • Paralisi corde vocali vere in adduzione scaricato da www.sunhope.it
  79. 79. Cause nell’adulto: - Corpi estranei - Traumi - Neoformazioni benigne (polipo, edema di Reinke) - Edema angioneurotico allergico di Quincke - Laringospasmo - Paralisi delle corde vocali vere in adduzione - Cheratosi- Cheratosi - Neoplasie Segni clinici Dispnea inspiratoria – modificazione della voce – abbassamento della laringe nel corso della fase inspiratoria – innalzamento della laringe nel corso della fase espiratoria - stridore respiratorio (cornage) in inspirazione - tosse sorda - rientramento (tirage) nel corso della fase inspiratoria - polso di Kussmaul riconoscibile dall’indebolimento (o scomparsa) del polso durante la fase inspiratoria scaricato da www.sunhope.it
  80. 80. DIAGNOSI DIFFERENZIALE FRA LA DISPNEA LARINGEA E QUELLA BRONCHIALE SINTOMI DISPNEA LARINGEA DISPNEA BRONCHIALE Dispnea Inspiratoria, con prolungamento Prevalentemente espiratoria, della fase inspiratoria con fase espiratoria allungata Voce Alterata Normale Posizione del paziente Capo iperesteso Capo flesso in avantiPosizione del paziente Capo iperesteso Capo flesso in avanti Movimenti della laringe Abbassamento in fase inspiratoria Nessuno ed innalzamento nell’espiratoria Tosse Sorda Abbaiante e produttiva Stridore respiratorio Inspiratorio (“cornage”) Principalmente espiratoria Rientramento di zone Inspiratorio, evidente soprattutto Prevalentemente espiratorio, del torace al giugulo e alle regioni evidente soprattutto negli sovraclavicolari (“tirage”) spazi intercostali ed alla regione epigastrica scaricato da www.sunhope.it
  81. 81. Trattamento - Dispnee lievi: • FAS • Terapia antibiotica • Terapia antiedemigena - Dispnee gravi: • Intervento chirurgico (tracheotomia di urgenza) • Ossigenoterapia • FAS a dosaggi elevati - Dispnee di media gravità: • Ossigenoterapia • FAS a dosaggi elevati • Terapia antibiotica • Terapia antiedemigena • FAS a dosaggi elevati • Terapia antibiotica • Terapia antiedemigena scaricato da www.sunhope.it
  82. 82. Traumi della laringe Traumi: - Aperti (da incidenti stradali, ferite da taglio, etc.)da taglio, etc.) - Chiusi (da lesioni contusive di varia natura) scaricato da www.sunhope.it
  83. 83. Segni clinici Traumi aperti - Shock - Emorragia - Dispnea Traumi chiusiTraumi chiusi - Sincope respiratoria - Dispnea - Afonia - Disfagia - Enfisema sottocutaneo cervicale - Emoftoe scaricato da www.sunhope.it
  84. 84. Traumi laringei: * da agenti meccanici interni: - Intubazione laringea - Chirurgia endoscopica laringea - Penetrazione di corpi estranei nel lume laringeo * da agenti chimici: * da agenti fisici: Sono provocati da radiazioni ionizzanti, utilizzate nella radioterapia di patologie laringee (tumori maligni) ed extralaringee (adenopatie laterocervicali, neoplasie della ghiandola tiroide) - Radiomucosite - Edema localizzato o diffuso delle* da agenti chimici: Per inalazione di agenti chimici con azione irritativo-ulcerativa sulla mucosa laringea - Edema localizzato o diffuso delle mucose - Alterazioni a livello delle cartilagini e/o delle articolazioni laringee scaricato da www.sunhope.it
  85. 85. Complicanze Immediate: - Edema di una plica ari-epiglottica - Edema del vestibolo - Edema delle corde vocali- Edema delle corde vocali Tardive: - Granuloma da intubazione - Stenosi laringee scaricato da www.sunhope.it
  86. 86. Trattamento • Trattamento dello shock • Tracheotomia • Emostasi chirurgica (eventuale) dei vasi sanguigni • Farmaci emostatici • Farmaci antiedemigeni • Terapia antibiotica • Riposo vocale assoluto scaricato da www.sunhope.it
  87. 87. Legatura dell’arteria carotide esterna Intervento chirurgico che viene effettuato in diverse condizioni responsabili di emorragie, quali: - Gravi ferite traumatiche del distretto cervico-facciale - Intense emorragie da lesioni vascolari per estesi tumori maligni della testa e del collo - Lesioni accidentali di un’arteria proveniente dall’arteria carotide esterna - Infiltrazione neoplastica dell’arteria carotide esterna da neoplasie della ghiandola parotide ovvero da adenopatie metastatiche latero-cervicali - Interventi chirurgici sul distretto cervico-facciale scaricato da www.sunhope.it
  88. 88. Queste emorragie possono essere: Immediate, nel corso di un intervento Tardive, per caduta precoce dell’escara Tecnica di legatura dell’arteria carotide esterna - Incisione cutanea, di circa 7 cm, lungo il margine anteriore del muscolo sternocleidomastoideo, dall’angolo della mandibola fino al limite inferiore della laringe, con punto centrale in corrispondenza dell’osso ioide - Individuazione del fascio vascolo-nervoso del collo con l’ausilio dei- Individuazione del fascio vascolo-nervoso del collo con l’ausilio dei divaricatori - Isolamento della v. giugulare interna ed esposizione dell’a. carotide comune nel suo punto di biforcazione - Legatura dell’a. carotide esterna subito al di sopra dell’origine dell’a. tiroidea superiore - Emostasi e posizionamento del drenaggio di Redon scaricato da www.sunhope.it
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×