Le intelligenze multiple

2,051 views
1,661 views

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,051
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
66
Actions
Shares
0
Downloads
38
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le intelligenze multiple

  1. 1. LA TEORIA DELLE INTELLIGENZE MULTIPLE: dai punti di forza al successo negli apprendimenti Convegno Erickson Rimini, Novembre 2009 Ida Patrizia Grassi
  2. 2. CHI E’ LO STUDENTE INTELLIGENTE? COSA SA FARE UN ALLIEVO INTELLIGENTE?
  3. 3. LA TEORIA DELLE INTELLIGENZE MULTIPLE Howard Gardner, 1983 “È una potenzialità bio-psicologica “È una potenzialità bio-psicologica con la quale riceviamo, con la quale riceviamo, rappresentiamo ed elaboriamo rappresentiamo ed elaboriamo informazioni per risolvere problemi informazioni per risolvere problemi di vita quotidiana e creare prodotti di vita quotidiana e creare prodotti di valore nella nostra di valore nella nostra cultura di appartenenza.” cultura di appartenenza.”
  4. 4. L’intelligenza per Gardner è: • MOLTEPLICE • DISTRIBUITA • CONTESTUALIZZATA Pluralità di facoltà cognitive autonome ed interdipendenti Non è solo nella nostra mente ma richiede sollecitazioni esterne per potersi sviluppare Assume significato e valore in un determinato contesto culturale
  5. 5. 1 .. Linguistico -- Verbale 1 Linguistico Verbale 8. Intrapersonale 8. Intrapersonale 7. Interpersonale 7. Interpersonale 6. Naturalistica 6. Naturalistica 2. Logico – Matematica 2. Logico – Matematica 3. Visivo – Spaziale 3. Visivo – Spaziale 4. Ritmico – Musicale 4. Ritmico – Musicale 5.Cinestetica – di Movimento 5.Cinestetica – di Movimento
  6. 6. Intelligenza Linguistico - Verbale Ascoltando presentazioni verbali, leggendo, scrivendo e discutendo … Utilizzano un lessico appropriato e ricco, pongono attenzione alle sfumature delle
  7. 7. Intelligenza Logico - Matematica Utilizzando la logica, risolvendo problemi e analizzando opportunità. Pensano in modo chiaro ed analitico, risolvono velocemente i problemi e pensano con i numeri.
  8. 8. Intelligenza Visivo - Spaziale Stimoli visivi: grafici, disegni, animazioni al computer, film e video. Sono bravi ad utilizzare le relazioni spaziali, Visualizzano le soluzioni ai problemi …
  9. 9. Intelligenza Ritmico – Musicale Apprendono meglio attraverso stimoli sonori e ritmici, hanno un buon senso del ritmo e della melodia …
  10. 10. Intelligenza Cinestetica - di Movimento Apprendono meglio attraverso stimoli sonori e ritmici, hanno un buon senso del ritmo e della melodia …
  11. 11. Intelligenza Naturalistica Presentazioni e riproduzioni di fenomeni naturali (esperimenti in classe), l’interazione con la natura. Buone capacità di osservazione, sono abili nel
  12. 12. Intelligenza Interpersonale Apprendono meglio attraverso l’interazione con gli altri, quando hanno l’opportunità di interagire con punti di vista diversi dai propri. Hanno facilità nel fare e mantenere amicizie, abili nel risolvere conflitti.
  13. 13. Intelligenza Intrapersonale Apprendono meglio attraverso l’introspezione, la riflessione e un tempo di pensiero individuale. Hanno solide convinzioni, pensano con la propria testa.
  14. 14. Queste 8 facoltà intellettive: Queste 8 facoltà intellettive: • Sono autonome: ognuna ha una sua modalità di conoscenza, un • Sono autonome: ognuna ha una sua modalità di conoscenza, un proprio sistema simbolico proprio sistema simbolico • Funzionano in maniera relativamente indipendente ma non operano • Funzionano in maniera relativamente indipendente ma non operano isolate: per svolgere un compito un individuo ne richiama diverse isolate: per svolgere un compito un individuo ne richiama diverse contemporaneamente, nessuno è solamente musicalmente o contemporaneamente, nessuno è solamente musicalmente o linguisticamente intelligente. linguisticamente intelligente. •Le intelligenze lavorano in combinazione tra loro. •Le intelligenze lavorano in combinazione tra loro. P. S. P. S. Quando Gardner parla di intelligenza si riferisce ad un campo di Quando Gardner parla di intelligenza si riferisce ad un campo di eccellenza: tutti siamo dotati un po’ di tutte le intelligenze, altrimenti eccellenza: tutti siamo dotati un po’ di tutte le intelligenze, altrimenti non riusciremo a vivere. Avere però un profilo intellettivo in cui non riusciremo a vivere. Avere però un profilo intellettivo in cui predomina un tipo di intelligenza significa che quell’individuo eccelle in predomina un tipo di intelligenza significa che quell’individuo eccelle in quella specifica abilità. quella specifica abilità.
  15. 15. OGNI PERSONA HA TUTTE E 8 LE INTELLIGENZE … MA Non esistono al mondo due persone che hanno le stesse intelligenze sviluppate e combinate allo stesso modo, con gli stessi punti di forza e di debolezza. Ognuno di noi ha un proprio, unico, originale... PROFILO INTELLETTIVO A questa visione teorica corrisponde un’impostazione educativa e didattica attenta alle diversità
  16. 16. IMPLICAZIONI EDUCATIVO-DIDATTICHE MOLTEPLICITA’ DI INTELLIGENZE MOLTEPLICITA’ DI CANALI di APPRENDIMENTO Da qui: Da qui: 1. IIbambini che noi definiamo problematici, 1. bambini che noi definiamo problematici, difficili, hanno sempre disturbi specifici o più difficili, hanno sempre disturbi specifici o più spesso solo modalità diverse di apprendere e spesso solo modalità diverse di apprendere e quindi intelligenze diverse da quelle con cui di quindi intelligenze diverse da quelle con cui di solito noi insegnanti siamo abituati a lavorare? solito noi insegnanti siamo abituati a lavorare? 2. Cosa perdiamo e cosa perdono i inostri alunni 2. Cosa perdiamo e cosa perdono nostri alunni quando ignoriamo o non facciamo esprimere il quando ignoriamo o non facciamo esprimere il loro potenziale educativo? loro potenziale educativo? 3. Presentare le attività scolastiche in altro modo (utilizzando altre 3. Presentare le attività scolastiche in altro modo (utilizzando altre strade) può risultare più fruttuoso ed efficace per tutti? strade) può risultare più fruttuoso ed efficace per tutti?
  17. 17. COME PERSONALIZZARE? COME PERSONALIZZARE? MULTIMODALITA’ MULTIMODALITA’ OPERATIVA OPERATIVA Lo stesso concetto viene Lo stesso concetto viene presentato sollecitando presentato sollecitando diversi canali di diversi canali di apprendimento apprendimento (intelligenze) (intelligenze) tutti quelli individuati nella tutti quelli individuati nella classe attraverso l’osservazione classe attraverso l’osservazione “Diverse finestre portano alla stessa stanza” “Diverse finestre portano alla stessa stanza” H .. Gardner H Gardner
  18. 18. Come applicare in classe la T. I. M. ? Non esiste un unico modo corretto... Non esiste un unico modo corretto... Ma ce ne possono essere diversi completamente sbagliati e Ma ce ne possono essere diversi completamente sbagliati e fuorvianti... fuorvianti... ••Conoscenza superficiale e comprensione incompleta dei Conoscenza superficiale e comprensione incompleta dei concetti cardine della teoria concetti cardine della teoria ••Tentativo di insegnare tutti iiconcetti usando tutte le Tentativo di insegnare tutti concetti usando tutte le intelligenze intelligenze ••Valutazione diretta delle intelligenze attraverso test Valutazione diretta delle intelligenze attraverso test carta e matita carta e matita ••Suddividere e raggruppare gli studenti in base alle Suddividere e raggruppare gli studenti in base alle intelligenze intelligenze
  19. 19. PERCORSO PROGETTUALE COMUNE PERCORSO PROGETTUALE COMUNE  Identificare iiprofili intellettivi degli studenti attraverso  Identificare profili intellettivi degli studenti attraverso l’osservazione: (strumento effettivo di conoscenza), l’osservazione: (strumento effettivo di conoscenza), Individuazione dei punti di forza, Creazione profili dinamici. Individuazione dei punti di forza, Creazione profili dinamici. Utilizzare le Intelligenze Multiple come strumento per Utilizzare le Intelligenze Multiple come strumento per promuovere l’alfabetizzazione di base: usare iipunti di forza promuovere l’alfabetizzazione di base: usare punti di forza per colmare quelli di debolezza (bridging); per colmare quelli di debolezza (bridging);  Progettare opportunità di apprendimento attraverso una  Progettare opportunità di apprendimento attraverso una multimodalità operativa, cioè proporre con circolarità lo multimodalità operativa, cioè proporre con circolarità lo stesso concetto in modi diversificati (rispettando iiprofili stesso concetto in modi diversificati (rispettando profili intellettivi) intellettivi) Coinvolgere gli studenti in attività autentiche, dove poter Coinvolgere gli studenti in attività autentiche, dove poter utilizzare le competenze acquisite per la risoluzione di utilizzare le competenze acquisite per la risoluzione di problemi e realizzazione di prodotti .. problemi e realizzazione di prodotti
  20. 20. Valorizzare le intelligenze personali porta alla …  Creazione clima positivo di apprendimento  Valorizzazione delle originalità (punti di forza) Autostima e fiducia in sé stessi  Senso di adeguatezza 
  21. 21. CRESCERE con le INTELLIGENZE MULTIPLE 1. ESPLORAZIONE E RILEVAZIONE PROFILI INTELLETTIVI DINAMICI 2. ATTIVITA’ DI BRIDGING (punti di forza e di debolezza) 3. REALIZZAZIONE PROGETTI E SOLUZIONE PROBLEMI AUTENTICI (studenti con differenti e complementari punti di forza vengono invitati a lavorare insieme, è un modo per ottimizzare le intelligenze multiple in classe) 4. VALORIZZAZIONE DELLE INTELLIGENZE, AL SERVIZIO DELLA COMUNITA’ di APPRENDIMENTO (tutor-esperti nei propri punti di forza) 5. PRESENZA A SCUOLA di PROFESSIONISTI ESPERTI IN VARI SETTORI (di vita e di conoscenza) 6. SVILUPPO DEL TALENTO (partecipazione a concorsi) 7. VALUTAZIONE AUTENTICA (molteplicità di verifiche e costruzione condivisa di rubriche di valutazione)
  22. 22. La scoperta di un punto di forza e l’esperienza del successo danno all’alunno la fiducia necessaria per avventurarsi in aree meno consolidate; Lo stile di apprendimento e i contenuti dei settori di forza vengono utilizzati per impegnare lo studente in altre aree, particolarmente quelle centrali per il successo scolastico (punti di debolezza)
  23. 23. Esempio GRAMMATICANTO Mappatura della classe: dalle osservazioni effettuate è stato possibile rilevare che le attività musicali sono quelle preferite dalla quasi totalità degli alunni, ed in particolare da coloro che esprimono maggiori problematicità, nell’ambito linguistico Finalità specifica dell’attività: Quali obiettivi mi propongo di realizzare durante questa attività? 1. Favorire una sempre maggiore motivazione negli alunni; 2. Consolidare e rafforzare abilità linguistico - grammaticali; 3. Saper utilizzare correttamente l’accento e l’articolo Bridging: utilizzare l’intelligenza musicale per creare un ponte con le attività linguistiche
  24. 24. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE: settembre 2004 primo anno di scuola primaria • La classe, composta da 23 alunni: 13 femmine e 10 maschi, si presenta di complessa gestione soprattutto per le dinamiche relazionali e per i comportamenti difficilmente contenibili (pericolosi per gli altri bambini) della componente maschile del gruppo. • Una bambina (di origine marocchina) ma nata in Italia non è accettata dal gruppo e questo la porta spesso a comportamenti violenti verso i compagni (pugni e calci) • Quattro bambini con probabili difficoltà o disturbi di apprendimento diversi (non ben individuati)??? • Un bambino particolarmente disorganizzato e molto lento nei tempi di realizzazione dei lavori assegnati
  25. 25. Risultati ottenuti Risultati ottenuti alla fine del ciclo di scuola primaria alla fine del ciclo di scuola primaria 1.Riduzione comportamenti problematici 1.Riduzione comportamenti problematici (problemi di disciplina) (problemi di disciplina) 2.Maggiore coinvolgimento e motivazione 2.Maggiore coinvolgimento e motivazione in particolare di alcuni alunni. in particolare di alcuni alunni. 3. Progressi degli alunni con difficoltà negli 3. Progressi degli alunni con difficoltà negli apprendimenti apprendimenti 4. Miglioramenti anche nei risultati delle verifiche 4. Miglioramenti anche nei risultati delle verifiche attraverso questionari a scelta multipla attraverso questionari a scelta multipla (rilevamento prove Invalsi) (rilevamento prove Invalsi)
  26. 26. Situazione di partenza ott. 2009 cl. 1^ scuola secondaria di primo grado 1. Motivazione da parte di tutti, spontanea e corretta, partecipazione alla vita di classe positiva e ordinata, volontà e applicazione nello studio regolari e proficue. 2.Il livello negli apprendimenti degli alunni risulta medio - alto. Solo in un caso si è ravvisata la possibilità di ricorrere ad un percorso di recupero (matematica) 3.La classe si distingue tutta per un rispetto consapevole delle regole, per una unità e spirito di gruppo non sempre riscontrabili e comuni in ambito scolastico. 4. La classe si attesta ad un buon livello didattico e cognitivo.
  27. 27. È solo un raggio di sole in una foresta buia … Ma … Se ci crediamo … qualcosa potrà cambiare …
  28. 28. ...una goccia d’acqua... Durante un incendio nella foresta Mentre tutti gli animali fuggivano, un colibrì volava in senso contrario con una goccia d’acqua nel becco. “Cosa credi di fare?” gli chiese il leone. “Vado a spegnere l’incendio” rispose il volatile. “Con una goccia d’acqua?” disse il leone con un ghigno di irrisione. Ed il colibrì, proseguendo il volo, rispose: “Io faccio la mia parte”.
  29. 29. ALLORA … PERCHE’ NON PROVARE? Grazie per l’attenzione!

×