Genitor isviluppo bambino
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Genitor isviluppo bambino

on

  • 979 views

 

Statistics

Views

Total Views
979
Views on SlideShare
979
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
15
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Genitor isviluppo bambino Genitor isviluppo bambino Document Transcript

  • Di Vincenzo Riccio
  • RAPPRESENTIAMO LE POTENZIALITA’ DI UN BAMINO APPENA NATO COME UNA SCACCHIERA PER IL GIOCO DEGLI SCACCHI. SEMPLIFICHIAMO LE SUE ABILITA’ INSERENDOLE NELLE DIVERSE CASELLE. IN UN BAMBINO “NORMALE” TALI POTENZIALITA’ SONO PRESENTI IN MODO DISCRETO, CONTINUO, DEFINITO; VALE A DIRE SONO PERCEPIBILI ED EVIDENZIABILI SIA COME POSIZIONE CHE COME CONFINE: SI VEDE DOVE FINISCE UNA CASELLA E NE INIZIA UN’ALTRA. INIZIA LA PRIMA PARTITA IN FAMIGLIA MEMORIA ATTENZIONE LOGICA SPAZIALITA’ VISTA UDITO ALTRE SENSI CREATIVITA’ MOTORIE GAMBE MOTORIE BRACCIA E MANI MOTORIE PRASSIA MOTORIE COORDINAZIONE SISTEMA CARDIOCIR= COLATORIO SISTEMA RESPE= RATORIO SISTEMA NEURO= LOGICO ECC. ABILITA’ E COMPENZE DEL BAMBINO APPENA NATO FAMIGLIA ALTRI INTERAZIONE, “GIOCO” TRA BAMBINO ED ESTERNO Da appena nato inizia un “Gioco” dell’esterno con il bambino
  • ALLE NOSTRE MAMME Di Vincenzo Riccio Un battito, prima: era il tuo cuore. Un seno caldo, poi, era il tuo amore. Poi: un gioco tenue, dolce, caro, tra le tue mani e le mie dita. E per sempre il tuo profumo di mamma sarà nella mia vita.
  • ALLE NOSTRE MAMME Un battito, prima: era il tuo cuore. Un seno caldo, poi, era il tuo amore. Poi: un gioco tenue, dolce, caro, tra le tue mani e le mie dita. E per sempre il tuo profumo di mamma sarà nella mia vita. Poesia di Vincenzo Riccio
  • INTERAZIONE TRA NEONATO- BAMBINO E MONDO ESTERNO BAMBINO- 0-9 mesi BAMBINO+ 0-1 anno BAMBINO+ 1-2,6/3 anni BAMBINO+ 2,6 anni in poi AMBIENTE ALLARGATO (famiglia, conoscenti, ambiente fisico) AMBIENTE ALLARGATO (famiglia, conoscenti, ambiente fisico) AMBIENTI ESTERNI ESTESI (scuola, bambini, luoghi, ambienti fisici, multimediali, ecc.) SISTEMI OSMOTICI SISTEMI INTEGRATI SISTEMI DIFFERENZIAT SISTEMI SEPARATI il sistema bambino indifferenziato dal sistema MAMMA il sistema bambino inizia differenziato dal sistema MAMMA inizia processo di individualizzazio “IO” Il processo di individualizzazione, crescita dell’”IO” aumenta Il processo di individualizzazione, si afferma TIPO DI RELAZIONE
  • Y
  • IL SIMBOLO DI UNA NUOVA GENERAZIONE IL SIMBOLO DI UNA NUOVA GENERAZIONE
  • Adolescenza: sogno che nutre i suoi pensieri tra orizzonti di infiniti mondi, che annulla i limiti dell’impossibile e nutre, della sua spavalda speranza, ogni possibile futuro.
  • L’ALBERO DELLE GENERAZIONI l’albero genera altri rami a partire dal tronco iniziale, Alcuni si inseriscono in modo graduale, discreto, con continuità, altri improvvisamente, in modo in aspettato, prendono altri versi, pieghe creando altre generazioni di chiome.
  • L’UOMO DI OGGI POGGIA LA SUA STORIA SULL’UOMO DI IERI
  • Neonati semi dell’albero della vita fanciulli fiori adolescenti i frutti: le nuove chiome NELLA FORESTA DEI MONDI… “curare” queste generazioni é “curare” l’uomo, i nuovi mondi.
  • PREMESSA CHI RIMPIANGE IL PASSATO NON VIVE NON E’ VERO CHE “IERI SI STAVA MEGLIO” “QUELLI SI, CHE ERANO TEMPI BELLI!” “VUOI METTERE COME SI VIVEVA UNA VOLTA!”
  • QUESTA PREMESSA E’ NECESSARIA GIACCHE’ L’ASSUNZIONE DI UNA VISIONE STORICAMENTE GIUSTA, PARAMETRATA CON L’EVOLUZIONE STORICA CHE SI E’ AVUTA NEI DIVERSI SETTORI DELLA VITA UMANA, PERMETTE DI ASSUMERE IL RUOLO DI PROTAGONISTI E NON DI RINUNCIATARI: “NON C’E’ NIENTE DA FARE” “LE COSE VANNO COME VANNO” “MA SA CHE TE DICO: MA ANNASSERO TUTTI A FA “……………. NOI COME GENITORI, DOCENTI, OPERATORI DELLA DELL’EDUCAZIONE, CITTADINI ABBIAMO RILEVANTI RESPONSABILITA’ NEI CONFRONTI DELLE GENERAZIONI TUTTE E IN PARTICOLARI DELLE “NUOVE GENERAZIONI”. OGGI SI PARLA MOLTO DI STILI DI VITA, DI PREVENZIONE, DI PARTECIPAZIONE ATTIVA DELLE PERSONE ALLA COSTRUZIONE DELLA QUALITA’ DELLA VITA. E NOI SIAMO INSERITI A PIENO TITOLO IN TUTTE LE FASI DI “CRESCITA” DELLA PERSONA. IN QUESTO SENSO ABBIAMO L’ENORME RESPONSABILITA’ DI SAPER “LEGGERE” I CAMBIAMENTI IN TUTTE LE SUE VALENZE PER POTER MEGLIO RISPONDERE ALLE ESIGENZE DELLA PERSONA.
  • DISCENDE DA QUANTO SOPRA DETTO CHE ACCANTO AD UNA FORMAZIONE E AD UN AGGIORNAMENTO PROFESSIONE DI TIPO TECNICO, OCCORE UNA RIFLESSIONE SISTEMICA, UNA PERMANENTE ANALISI DELLA “ECOLOGIA DELL’UOMO” ALL’INTERNO DEI NUOVI MONDI, CHE SE PUR VARIEGATI E DISTINTI PER CULTURA, RELIGIONE, STILI DI VITA, SONO UNITI IN UNA RETE GLOBALE CHE SEMPRE PIU’ CI ACCOMUNA PER IL RAGGIUNGIMENTO DEI PROPRI OBIETTIVI DI UOMINI E PER IL SODDISFACIMENTO DEI PROPRI BISOGNI DI PERSONE. QUESTO CORSO E’ UNA OCCASIONECHE CI PERMETTE DI RIFLETTERE IN MODO ATTIVO SULLA “NUOVA INDANZIA” E SULLA“ NUOVA ADOLESCENZA” SU UNA NUOVA GENERAZIONE, LA COSI DETTA … GENERAZIONE Y-RELESS
  • CHE COS’E’ LA GENERAZIONE Y-RELESS? LA DEFINIZIONE NASCE DALL’UNIONE DI: Y che sta per why Wireless (senza fili) e (uairless)
  • MA PRIMA DI TUTTO CERCHIAMO DI CAPIRE COSA VUOL DIRE AVERE PER OBIETTIVO QUELLO DI SVILUPPARE IN MODO INTEGRALE LA PERSONA UMANA NEL RISPETTO DELLE SUE POTENZIALITA’?
  • PARENTI GENITORI EDUCATORI DOCENTI CONOSCENTI ETC. ETC. UNIVERSO EDUCATIVO: costituito da tutti quelle persone, ma anche ambienti fisici, climatici, culturali, etc. che influenzano ed incidono sullo sviluppo del bambino. Ognuno di questi mondi formativi ha una diversa influenza sullo sviluppo del bambino In questo schema: le frecce rappresentano gli interventi educativi e formativi “lanciati” dai diversi mondi educativi. l’arco: rappresenta la “forza con cui viene “scagliata” la freccia educativa, formativa sul bambino. il bersaglio: rappresenta le potenzialità di sviluppo del bambino. Il centro rappresenta lo svuluppo ideale del bambino. Una “freccia educativa” che colpisce il bambino al centro stimola al massimo le potenzialità reali del bambino; una freccia che colpisce la periferia del bersaglio, significa che sollecità soltanto alcune potenzialità del bambino; una freccia che esce fuori dal bersaglio, risulta inutile, forse dannosa, giacchè non si sa che cosa colpisce.
  • Partendo dalle schema riportato nella scheda 6 possiamo proporre alcune considerazione . Tutto l’universo educativo, genitori, parenti, conoscenti, educatori, etc., svolgono interventi educativi tutti concordi ed adeguati alle reali necessità del bambino: tutti gli interventi di formazione sul bambino seguono una stessa direzione, spingono la “ freccia educativa” nello stesso verso e con la giusta forza. Se paragoniamo ogni intervento educativo di ciascun mondo formativo come una forza e la freccia come un vettore, possiamo immaginare che queste forze educative si sommano in uno stesso punto e nella stessa direzione, imprimendo al vettore una direzione diritta al centro del bersaglio e con la giusta “forza di penetrazione educativa” PARENTI GENITORI EDUCATORI DOCENTI CONOSCENTI VETTORE: somma di tutte le forze educative E’ questa una condizione ideale perchè nella realtà é impossibile che tutte le componenti educative riescano a svolgere un intervento educativo secondo una sinergia totale: tutti sono daccordo sulle linee educative da seguire e tutti hanno una chiara consapevolezza delle reali risorse, bisogni e potenzialità del bambino. Questa condizione è una utopia pedagogica, verso cui tutti tendiamo nello svolgere il nostro intervento educativo. PRIMA IPOTESI : IDEALE
  • PARENTI GENITORI EDUCATORI DOCENTI CONOSCENTI SECONDA IPOTESI : REALE l’universo educativo attua degli interventi che concordano su alcuni punti e su alcune strategie, mentre su alcune sono in disaccordo o contrapposti. In questo caso il “vettore educativo” assumerà una traiettoria che non centrerà il bersaglio nel punto centrale, ma verso la periferia. E’ questa la situazione reale che tutti i giorni noi viviamo; le persone che educano i bambini non sempre sono daccordo su quel che deve essere fatto; molte volte c’è disaccordo, pertanto il processo educativo, gli interventi attuati risultano un compromesso di queste diverse istanze educative. La freccia, l’intervento educativo, devia dal centro (l’ideale dell’intervento educativo), giacchè le forze che agiscono su di essa non intervengono tutte allo stesso modo, quindi le forze educative anzichè sommarsi si contappongono. In questo caso l’obiettivo educativo che si centra può essere più o meno lontano, più o meno adeguato alle reali esigenze del bambino.
  • Partendo dalle schema riportato nella scheda 4 possiamo proporre alcune considerazione . In questa terza ipotesi possiamo immaginare una situazione paradossale, ma che purtroppo capita, e in particolari ambienti anche con una certa frequenza: “la freccia educativa viene lanciata completamente fuori dal bersaglio; gli interventi educativi promossi dai mondi formativi che influenzano il bambino sono talmente conflittuali, o dissociati, e problematici, che agiscono secondo modalità totalmente contrapposte, oppure non agiscono affatto, o ancora svolgono interventi in netta contapposizione con lo sviluppo del bambino. PARENTI GENITORI EDUCATORI DOCENTI CONOSCENTI Si possono avere in queste situazioni anche “stasi” educative, i mondi educativi non svolgono nessun intervento educativo degno di nota, la forza del loro intervento non riesce ad arrivare al “bersaglio bambino”. TERZA IPOTESI: PARADOSSALE
  • AREA DELL’INTERVENTO EDUCATIVO 12345 Tutto il “bersaglio potenzialità del bambino” rappresenta l’area educativa dentro cui occorre restare perché gli interventi educativi siano più o meno adeguati ai reali bisogni dei bambini. Più le “frecce educative” colpiscono la parte esterna del bersaglio più sono inadeguate. Finché gli interventi colpiscono il bersaglio nell’area delle frecce 1, 2, 3, si puo’ dire che l’intervento colpisce in un’area adeguata a sviluppare le potenzialità del bambino. La freccia 4 indica già un bersaglio educativo ad alto rischio. La freccia 5 indicata un intervento che non ha nulla a che vedere con i bisogni reali del bambino. Area delle potenzialità del bambino
  • 25FANTASIA E CREATIVITA’ RAZIONALITA' E FANTASIA POSSONO COESISTERE? Sicuramente sì: non solo coesistono, ma si integrano in un costante processo che facilita e promuove i due tipi di pensieri: SCHEDA La fantasia supporta la razionalità nel raggiungimento dei suoi obiettivi, anzi la facilità “proponendo” percorsi creativi,alternativi, nuovi, originali. E’ la fantasia al servizio della ragione. La razionalità supporta la fantasia: la conquista del pensiero logico, facilita l'uso della “non logica” della fantastica. Si pensi, come già detto, alle scoperte ed invenzioni che nascono proprio dal supporto dell'immaginazione fantastica. Si pensi all'invenzione di favole, filastrocche, ecc. che si generano proprio da un uso "consapevole" delle non regole della fantasia in contrapposizione con le regole della logica.. Jean Piaget Lev Semenoc Vygotskij Jerome Bruner
  • 26 Ogni età è caratterizza da un proprio modello di pensiero, di logica, di emotività, di affettività; e queste fasce di età sono state studiate e definite con denominazioni di tipo psicologico: Prima infanzia (da 0 a 2 anni) Seconda infanzia (da 3 ai 6 anni) Fanciullezza (o terza infanzia) (da 6 ai 12 anni) Preadolescenza (da 12 anni fino alla pubertà) Adolescenza (dalla puberà a 18 anni) Età adulta (da 18 a 65 anni) Terza età (da 65 anni in poi). E ognuna di esse è caratterizzata da un proprio modo di rapportarsi, comprendere, elaborare, reagire, introiettare le proprie ed esterne esperienze. L’incontro con i “diversi mondi” del reale e dello psichico è diversamente vissuto nelle diverse fasce di età. PRIMA (0-2) E SECONDA INFANZIA (3-6) É ormai evidenza scientifica, ma anche consapevolezza comune, il riconoscere che il bambino piccolo ha delle sue “regole” particolari per scoprire, conoscere, elaborare, manipolare le esperienze che vive. Usando un termine psicologico si dice che il bambino usa un pensiero prelogico, con delle regole di elaborazione ed organizzazione dei dati e delle informazioni che non sono confrontabili con quelle usate dagli adulti. 26FANTASIA E CREATIVITA’ SCHEDA Considerazioni preliminari. MA VEDIAMO CHE COSA CI POSSONO DIRE I NOSTRI ESPERTI PSICOLOGI.
  • 27FANTASIA E CREATIVITA’ SCHEDA Jean Piaget MI VUOI INTERVISTARE? VA BENE. COSA PENSO DEI BAMBINI? I bambini sono meravigliosi. E’ grazie ai miei figli che ho capito il loro modo di pensare. E’ tutto molto semplice. Basta ascoltarli, guardarli con i loro occhi, e il gioco è fatto. Loro non pensano come noi. Per loro tutto è più semplice. Però senza il loro pensiero non si diventerebbe mai grandi. Questa è la prima cosa che ho capito: l’uomo per maturare deve attraversare delle fasi di sviluppo diverso. Io ne ho indicate 4, ma potrebbero essere di più. Nella prima fase di sviluppo, quella più semplice, che io ho chiamato SENSOMOTORIA, il bambino pensa con la bocca, con le mani, con il movimento. In questo periodo, che va fino ai 2 anni e mezzo il bambino pensa attraverso il movimento, scopre il mondo attraverso il fare. Guai a non farlo muovere, giocare, gattonare! Sarebbe una vera violenza. Mi vengono i brividi a pensare come una volta i bambini venivano fasciati credendo che così sarebbero cresciuti forti e dritti; sembravano delle piccole mummie. Brrr.!... E’ stato un periodo terribile per i bambini. E intanto, mentre si misurano con il mondo attraverso spintoni, cascatoni, giochi di movimento, la rottura di oggetti e tante altre cose, i bambini cercano di spiegare il mondo, le loro sensazioni ed emozioni, usando un tipo di pensiero particolare, che io ho chiamato PREOPERATORIO; un pensiero diverso da quello di noi adulti. Il pensiero dei bambini somiglia di più al pensiero dei primitivi . L’animismo è uno degli aspetti del pensiero del bambino che più colpisce: gli oggetti, ma anche la luna , le nuvole, sono animate, “pensano e agiscono”. Gli eventi, le azioni non sono regolate dai rapporti di causa-effetto. Nel mondo del bambino l’acqua può allo stesso tempo entrare nella bottiglia o uscire da questa senza essere capovolta. Il pensiero del bambino è il regno dove tutto è possibile, anche l’impossibile, e quello che è vero in un momento subito dopo può essere cambiato nel suo esatto contrario. Questo tipo di pensiero è tipico del pensiero fantastico. E’ per questo che le favole, le fiabe hanno una così forte attrazione per i bambini. L’intervista virtuale
  • 28FANTASIA E CREATIVITA’ RAZIONALITA' E FANTASIA POSSONO COESISTERE? SCHEDA Jean Piaget Proprio le sfide! Io le ho chiamate così proprio perché il bambino cresce, si sviluppa, scopre il mondo grazie alle continue sfide che deve affrontare e superare. La sfida è rappresentata dalla difficoltà, dall’ostacolo che il bambino incontra lungo il suo cammino. E di ostacoli, di sfide troppe ne dovrà affrontare! E’ per questo che i grandi lo devono addestrare, abituare a superare le difficoltà nel modo giusto. E il modo giusto si realizza rispettando due regole fondamentali: Uno. Le sfide, le difficoltà , non debbono essere eccessive, superiori alle capacità di superarle da parte del bambino. Se al bambino sono presentate sfide eccessive il bambino non le affronta, le evita. RICORDATE, lo dico ai genitori, agli educatori, i bambini di successo sono quelli che sono stati abituati a superare sfide superabili in modo graduale e con gioia. E questa è la secondo regola: le sfide , gli ostacoli presentati al bambino nei primi anni di vita, devono essere automotivanti e autogratificanti. Il superarle deve contenere in sé la gratificazione. Come è possibile? Pensateci bene e da soli troverete tanti esempi. Per aiutarvi vi faccio l’esempio di un novello sciatore, ma vale per tutti gli sport. Per migliorare il proprio stile, imparare a sciare senza cadere, raggiungere traguardi significativi, ha bisogno di superare continue e graduali sfide. Se venisse messo all’inizio su una pista nera, ripetutamente, il risultato sarebbe il suo abbandono, nella migliore delle ipotesi; nelle peggiore finirebbe in ospedale. Tutto qua, la cosa è semplice. Il bambino scopre, conquista il mondo attraverso continue sfide che richiedono continui accomodamenti. L’esempio che faccio sempre è quello della digestione. Per crescere il bambino ha bisogno di mangiare cibo, quindi lo deve ASSIMILARE attraverso la digestione. Quando poi si introduce un alimento nuovo all’inizio il bambino è un po’ schizzinoso, si deve abituare al nuovo cibo; si dice che deve ACCOMODARSI a questa novità. Quando lo ha ormai accettato, quando lo gusta come gli altri cibi, il bambino si è ADATTATO al nuovo alimento: ha fatto una nuova conquista. Il cibo dell’apprendimento dei bambini sono le sfide motivanti, il gioco, l’attività motoria, nel rispetto sempre del suo modo di pensare; anzi, meglio ancora, occorre imparare a pensare con il suo pensiero. Gli schemi appresso riportati dovrebbero essere un aiuto a chiarire quanto fin qui detto, almeno spero! L’intervista virtuale UN’ALTRA COSA IMPORTANTE E’ IL NUTRIMENTO. BISOGNA NUTRIRE I BAMBINI. IL PRIMO NUTRIMENTO E’ IL LATTE MATERNO, MA IL SECONDO, NON MENO IMPORTANTE, SONO LE SFIDE.
  • 29 IL PROCESSO DI ADATTAMENTO: dall’assimilazione all’accomodamento Il bambino impara ad adattarsi all’ambiente attraverso un processo che prevede una fase in cui utilizza uno SCHEMA (un comportamento, una competenza),che già conosce, che già padroneggia, per esplorare, manipolare un nuovo oggetto; che essendo nuovo (quindi un po’ più difficile da usare) richiede per essere utilizzato, delle nuove capacità rispetto a quelle già possedute. A questo punto il bambino, attraverso una serie di prove, di tentativi, cercherà di adattare il proprio schema, quello che già padroneggia, alla nuova situazione. Quando avrà raggiunto tale accomodamento il bambino sarà in grado di manipolare, prendere, gestire, il nuovo oggetto. Si è realizzato l’ADATTAMENTO, e allo stesso tempo il bambino ha elaborato un nuovo schema di comportamento, più raffinato e più adatto ad affrontare l’ambiente. Il bambino appena nato possiede una serie di schemi innati (comportamenti, abilità, competenze) che immediatamente usa per soddisfare i propri bisogni Schema suzione Che usa per: Succhiare il latte, Questo è una schema semplice, unitario. Schema prensione Poi anche per “conoscere il mondo” Porta tutto in bocca. Uno schema diventa Mobile: quando viene applicato (usato) per stimoli diversi e in occasioni diverse Che usa per: afferrare, Questo è una schema semplice, unitario. Poi anche per “afferrare tutto” Estendere lo schema della prensione a tutti gli oggetti non vuol dire che il risultato del prendere sia immediatamente adeguato. All’inizio la prensione degli oggetti è goffa, solo dopo molti tentativi e con il passare dei mesi riuscirà ad afferrare in modo adeguato oggetti di forma, peso, dimensione diversa. LO SCHEMA INIZIALE SI E’ EVOLUTO. Schema locomozione Che usa per: Muoversi, spostarsi Questo è una schema semplice, unitario. Poi anche per strisciare, gattonare, ecc. 29 FANTASIA E CREATIVITA’ SCHEDA
  • 30 Schema prensione 1 Il b. sa afferrare bene un oggetto piccolo e rotondo. Si dice che l’oggetto è ASSIMILATO. Voglio afferrare quel cubo, ma non ci riesco, come faccio? Il bambino prova tante volte nel tempo. Si avvede che lo schema della prensione che usa è inadeguato. A questo punto modifica lo schema lo ACCOMODA al nuovo oggetto, fino a quando il nuovo schema che si è creato non soddisfa in pieno il bambino. Si è formato un nuovo schema che è più raffinato e complesso di quello precedente. Nuovo Schema prensione 2 Il nuovo schema si perfeziona fino a diventare uno schema ASSIMILATO, cioè il bambino lo usa in modo spedito, inconsapevole, senza più nessuno sforzo. Nuovo Schema Prensione 3 Nuovo Schema prensione 4 SFIDA (2 prendere un bicchiere) SFIDA (3 tagliare) SFIDA (1 prendere un cubo)) è un alimento Nuovo Schema prensione 4 Nuovo Schema Prensione 3 Nuovo Schema prensione 2 Schema prensione 1 EVOLUTUZIONE DEGLI SCHEMI: lo schema ultimo contiene le competenze di tutti gli schemi precedenti. Lo schema ultimo è uno schema complesso giacché è il risultato di più accomodamenti. Un insieme di schemi mentali forma un insieme più grande che possiamo definire STRUTTURA attraverso un processo che possiamo definire integrazione gerarchica degli stadi. Tipologia degli schemi Senso-motori (schemi di azione) Suzione, prensione, deambulazione, ecc Cognitivi (schemi mentali) Sistema numerico, raggruppamenti, classificazione, Leggi della logica Gli schemi cognitivi derivano da quelli senso-motori attraverso un processo di interiorizzazione: Il bambino prima fa con l’azione, il movimento, poi “fa” con la mente. SCUOLA: osservazioni. L’IMPORTANZA DELLA SFIDA: le attività presentate al bambino debbono essere tali che il bambino le sappia gestire per un 70/80%, quindi non troppo difficili altrimenti non si motiva e abbandona; e neppure troppo facili altrimenti non è motivato. La giusta difficoltà rappresenta un ALIMENTO, la motivazione per impegnarsi in un lavoro. L’importanza del movimento: base per lo sviluppo dei concetti astratti. L’importanza dell’osservazione: capire il rapporto tra stimoli presentati e competenze del bambino. SCHEDA Dalla SFIDA tra quello che sa fare e quello che di nuovo vuole fare nasce la motivazione ad impegnarsi a formare nuovi schemi Nuovo oggetto da manipolare Gli schemi sono i comportamenti, le competenze, quello “che il bambino sa fare” sia dal punto di vista pratico (schemi senso motori) sia dal punto di vista mentale (schemi cognitivi). FANTASIA E CREATIVITA’
  • 31 MA COME VEDE, ELABORA, ORGANIZZA IL MONDO IL BAMBINO? QUAL E’ IL SUO MODO DI RAGIONARE? SCHEDA Abbiamo visto che il bambino impara, scopre attraverso il fare. Tutte queste azioni pratiche sono immagazzinate nella sua mente come AZIONI INTERNE, INTERIORIZZATE. Nella mente del bambino è come se si formassero tanti video clips dell’esperienza reale. Ma queste clips all’inizio sono isolate, non sono messe in relazioni le une con le altre, non le mette in relazione logico- temporale. L’EGOCENTRISMO INTELLETTUALE, Questo tipo di egocentrismo si evidenzia nel fatto che il bambino non riesce ad avere punti di vista diversi dal suo; il bambino non riesce a concepire che altri possano vedere le cose in modo diverso, provare emozioni ed avere pensieri diversi da quelli che ha lui. Solo più tardi verso 5/6/7 anni si comincia a sviluppare la consapevolezza che esistono punti di vista diversi dal proprio, capacità che si afferma in modo certo verso 9/10 anni. Gli altri sono, per il bambino, un mezzo per giocare, un pretesto per parlare a ruota libera. Le altre persone non hanno diritto ad avere proprie idee o a pensarla in modo diverso: “tutti zitti fino a quando lo dico io.”; gli altri hanno la stessa funzione di un giocattolo vivente. L’egocentrismo intellettuale lo porta ad elaborare delle spiegazioni del mondo del tutto personale. Tali spiegazioni sono organizzate intorno a tre modalità di vedere il reale: FINALISMO: esiste un ordine prestabilito, tutti i fenomeni hanno uno scopo e loro esistono per realizzare quello scopo, e tutti gli scopi sono finalizzati a realizzare la felicità dell’uomo. Se una pallina rotola su di un piano inclinato (dal punto di vista del bambino che la guarda scorrere) è perché “vuole andare verso il bambino”. La fiamma scotta il bambino perché è stato cattivo. ANIMISMO: le cose sono viventi e dotate di intenzionalità. ARTIFICIALISMO: tutto quello che esiste è stato costruito secondo le modalità di costruzione dell’uomo: i fiumi, i laghi sono stati scavati, le montagne sono state costruite. Non esiste il concetto di eterno, di esistenza senza l’intervento dell’uomo. Il pensiero pre-logico del b. è detto anche INTUITIVO perché la soluzione ai problemi pratici viene trovata utilizzando le immagini mentali che riguardano le percezioni e i movimenti, non coordina più schemi logici mettendoli a confronto: le soluzioni vengono trovate per corrispondenza visiva non logica. FANTASIA E CREATIVITA’
  • 32FANTASIA E CREATIVITA’ Le riflessioni fin qui esposte, seppur brevi, ci portano ad affermare che esiste un stretto rapporto tra: SCHEDA MOVIMENTO, IL FARE CON IL CORPO, E… SCOPERTA, CONOSCENZA, COMPRENSIONE OPERATIVA DEL MONDO E DELLE COSE. GIOCO, COME ATTO SPONTANEO, COME IMITAZIONE (fare finta di essere…), COME AZIONE SENZA UN PRECISO SCOPO, E… SCOPERTA, CONOSCENZA, COMPRENSIONE OPERATIVA DEL MONDO E DELLE COSE, SCOPERTA DELLA RELAZIONE DEGLI ALTRI, COME ESISTENZA DI ALTRO E DI ALTRI. Soprattutto da 0 a 3 anni Soprattutto da 0 a 6 anni ATTIVITA’ DI FANTASIA: “GIOCARE” CON IL MONDO, CON I PENSIERI, CON LE PAROLE, CON LE EMOZIONI ATTRAVERSO IL SUO MODO DI PENSARE (semplice, diretto, immediato, prelogico), E… SCOPERTA DELLE RELAZIONI TRA OGGETTI, ESPERIENZE, AVVENIMENTI; RIFLESSIONE INTERNA (mentale) DEL MONDO ESTERNO; CONTESTUALIZZAZIONE DELLE EMOZIONI, DEI SENTIMENTI IN RELAZIONI AI FATTI (“la sua generosità aveva permesso di…”, “la cattiveria della strega aveva reso infelice…” . Soprattutto da 0 a 6 anni LINGUAGGIO VERBALE E NON VERBALE, E… SCOPERTA DELLA FUNZIONE RELAZIONALE E SOCIALE DELLA LINGUA (attraverso il linguaggio è possibile far capire, chiedere, comprendere, ecc.), SCOPERTA DELLA RELAZIONE TRA SIGNIFICATO (la casa reale) E SIGNIFICANTE (la parola formata da 4 lettere: casa); SCOPERTA DELLA FUNZIONE CREATIVA E GENERATRICE DI PENSIERO DELLA LINGUA (il raccontare e l’ascoltare abitua il bambino a riorganizzare il linguaggio per rispettare il pensiero: quello che vuole effettivamente comunicare). Soprattutto da 0 a 6 anni CREATIVITA’:COME CAPACITA’, ABITUDINE, STILE COMPORTAMENTALE, A SAPER RIORGANIZZARE, “GUARDARE” GLI OGGETTI, LE ATTIVITA’, IN MODO DIVERSO, DA PUNTI DI VISTA DIVERSI, E… SCOPERTA DELLA MULTIFUNZIONALITA’ DEGLI OGGETTI (con gli stessi oggetti si possono costruire cose diverse), CAPACITA’ DI OSSERVAZIONE CHE UN OBIETTIVO SI PUO’ RAGGIUNGERE IN MODI DIVERSI (la palla finita dietro al divano si può recuperare: girando intorno al divano, spostandolo, chiedendo a mamma di riprenderla); CAPACITA’ DI OTTENERE RISULTATI DIVERSI MODIFICANDO L’ORDINE DEGLI OGGETTI. Soprattutto da 0 a 6 anni
  • 33FANTASIA E CREATIVITA’: IL GIOCO NELLA PRECEDENTE SCHEDA IL GIOCO E’ STATO MESSO , NON A CASO, COME PRIMA VARIABILE DI SVILUPPO DEL BAMBINO. PER COMPRENDERE LA RILEVANZA DEL GIOCO NELL’INFANZIA PROPONGO ALLA TUA ATTENZIONE UN PAIO DI SCHEDE . SCHEDA IL GIOCO (ingl. Play, fr. Jeu) Attività svolta dai bambini per se stessa senza l’intenzionalità di raggiungere un fine. L’attività è fine a se stessa ed autogratificante. Treccani: (giuoco, lat. Iocum: scherzo, burla) qualsiasi piacevole esercizio singolo o collettivo a cui si dedichino bambino o adulto, per passatempo, svago, ricreazione, o con lo scopo di sviluppare l’ingegno o le forze fisiche: giochi infantili, i vari passatempi dei bambini; giochi all’aperto, corda, salto, bocce, ecc.; giochi di società o di sala, fatti per intrattenere persone riunite durante una festa.” Zanichelli: nomenclatura dei giochi: caratteristiche: passatempo, ricreazione, svago, divertimento, diporto, distrazione; beffa, burla, celia; Giocosità; Giochi di luce, d’acqua, di parole; Giochi infantili (quattro cantoni, nascondino, rimpiattino,, mosca cieca, guardie e ladri, girotondo, salto della corda, scivolarella, cavallina, giostra, altalena, palla avvelenata, palla prigioniera, palla a mano, belle statuine); di società (caccia al tesoro, quadro vivente, passaparola, ecc.); di carte, d’azzardo, da tavolo, di pazienza, di prestigio, di enigmistica, di artificio (pirotecnico) Atletico, ginnico, sportivo, Individuale, collettivo, pubblico, privato, Vietato, consentito, CHE COS’E’ IL GIOCO? ECCO ALCUNE DEFINIZIONI FORMALI. ECCO UN BREVE ELENCO DELLE CARATTERISTICHE DEL GIOCO, CHE METTONO SUBITO IN EVIDENZA IL PERCHE’ IL GIOCO SIA COSI’ IMPORTANTE E ALLO STESSO TEMPO ATTRAENTE PER IL BAMBINO. Il gioco è un’attività che non ha come scopo diretto quello di raggiungere un fine, un risultato. Il gioco è un’attività autogratificante: contiene in sé il divertimento; il gioco è di per sé gratificante; per questo il bambino è portato a realizzarlo. Il gioco è un’attività che non richiede sforzo al bambino giacché non deve adeguare le sue condotte (quello che fa) alle richieste dell’ambiente esterno, né utilizzare strumenti, mezzi e competenze che non possiede: è la realtà che viene accomodata, trasformata, ridefinita, rinominata alle esigenze di gioco del bambino. Nel gioco non ci sono sfide o ostacoli posti dall’esterno da superare. Più il bambino è piccolo più il gioco presenta il carattere della ripetitività: il bambino di un anno tende a ripetere la stessa azione più volte, si potrebbe definire un gioco-esercizio, e tale attività la ripete ad ogni nuova scoperta (fa cadere un oggetto tante volte, ecc.). Il gioco è una prerogativa (una tendenza naturale) degli individui giovani sia nel mondo animale che tra gli uomini. E tanto più piccoli sono di età tanto più il gioco è dominante. Il gioco, tuttavia, è presente in tutte le età ma presenta delle caratteristiche diverse da quelle del bambino. La tipologia e le forme del gioco sono influenzate daI seguenti fattori: • Patrimonio genetico (tendenza innata al gioco) del bambino, • Ambiente socio-culturale, • Il livello d’intelligenza del bambino • Lo stato emotivo-affettivo del bambino Il gioco presenta un aspetto evolutivo: assume valore e significato diverso nelle diverse età, si esprime attraverso mezzi e sistemi diversi (gioco motorio, gioco simbolico, gioco sociale); queste diverse modalità di essere del gioco sono legate alla maturazione e allo sviluppo del bambino.
  • 34 IL GIOCO SECONDO LE DIVERSE TEORIE PSICOLOGICHE PIAGET Il gioco è un’attività che consente al bambino di assimilare , assorbire l’esperienza (oggetti, attività,ecc.) ai propri schemi, sia essi psicomotori che mentali. Il gioco è un’attività in cui l’assimilazione prevale sull’accomodamento, quindi “usa” le competenze che già possiede e quindi non richiede sforzo. Piaget parla di GIOCO PERCETTIVO-MOTORIO: tipico dei primi anni di vita del bambino in cui impara ad afferrare, dondolare, gettare; queste attività si ripetono (il bambino getta un oggetto molte volte) e sembrano finalizzate al miglioramento di una funzione, ad esplorare sotto diverse forme un’attività. GIOCO SIMBOLICO: Durante questo tipo di gioco gli oggetti sono spesso trasformati in altro, così un mela diventa una palla, una paletta una barca, un foglio un tappeto volante, ecc.. GIOCO SOCIALE, il bambino entra in questa fase quando il bambino ha imparato a rispettare le regole nei giochi ; si realizza intorno ai 7/8 anni. FANTASIA E CREATIVITA’: IL GIOCO SCHEDA PSICOANALISI Freud nel gioco considera due aspetti: quello CATARTICO: il gioco come liberazione, manifestazione delle proprie emozioni, sentimenti, bisogni (manifestare, rivivere, propri stati emotivo-affettivi attraverso l’azione del gioco). Il bambino può scaricare su oggetti-simbolo ( es.giocattoli ) ansie, paure, tensioni, insicurezze, aggressività. In questo modo il bambino si libera delle sue tensioni... IL CONTROLLO DELLA REALTA’ INTERNA ED ESTERNA: Il gioco consenta al bambino di proiettare su di un mondo reale il suo mondo interiore. Le sue fantasie, le sue emozione, i suoi “pensieri” senza la possibilità del gioco reale (fatto con oggetti e su oggetti) non potrebbero trovare una via di uscita ma rimarrebbero intrappolate dentro di lui, e quindi non avrebbe mai la possibilità di verificarne il loro significato e di verificarne la fattibilità e pericolosità. E proprio il gioco che crea un ponte tra i suoi vissuti fantastici e il mondo reale, quello degli adulti. Il gioco grazie al suo carattere di finzione gli consente di fare tutte le prove che vuole nella consapevolezza che tanto “non succede nulla”, e quindi via via i giochi si strutturano, includono regole, che gli consentono di sperimentare un mondo sempre più vicino a quello reale e dell’adulto. ILGIOCOASCUOLA IL GIOCO NELL’EDUCAZIONE E NELLA DIDATTICA Il gioco dal punto di vista educativo e didattico svolge la funzione di promuovere, sviluppare e potenziare l’apprendimento. In quest’ottica (il gioco come promotore dell’apprendimento) consente di istituire una relazione diversa, e quindi fare una domanda inversa: COME L’APPRENDIMENTO PUO’ ESSERE PROMOSSO, SVILUPPATO E POTENZIATO ATTRAVERSO IL GIOCO? Nasce così la necessita di un pedagogia, di una educazione di una didattica del gioco. Da quanto è stato detto sul gioco si comprende come il gioco rappresenti la “spontanea spinta al fare, conoscere, esplorare” del bambino e come partire da questa naturale tendenza innata sia un obbligo pedagogico-educativo. Un’atra riflessione, che deriva da quanto detto, è che precocizzare in modo fittizio le fasi naturali di sviluppo del gioco (pensiamo a quanto gli adulti siano portati a vicariare, sostituire il gioco naturale del bambino con giochi “artificiali” costruiti e pensati solo dall’adulto e temporizzati da questo, non lasciando più spazio ai ritmi personali, naturali, spontanei del bambino). Questo comporta una precocizzazione delle fasi di apprendimento e di socializzazione che tende ad “adultizzare” il bambino prima del tempo volendogli trasferire responsabilità, controlli, competenze innaturali per bambini al di sotto di una certa età. Le fasi naturali del processo ludico sono quelle che portano il bambino a scoprire il mondo degli adulti (in tutte le sue forme) tramite il gioco e non a quelle in cui l’adulto forzatamente impone la scoperta del mondo e delle sue regole al bambino anche attraverso l’introduzione di potenti “giocattoli” che tentano di vicariarlo in modo sempre più reale (si pensi all’uso dei telefoni nei bambini nella scuola elementare).
  • 35FANTASIA E CREATIVITA’: IL GIOCO SCHEDA CARATTERISTICHE DEL GIOCO NEL MONDO ANIMALE E NELL’UOMO Il gioco nel mondo animale è una tendenza istintiva. Il suo significato è quello di addestrare il cucciolo a mettere in atto, nel modo più adeguato e senza pericoli, i giusti comportamenti per quando sarà adulto e dovrà usare quei comportamenti per soddisfare i suoi bisogni istintivi; esempio il leone afferrare e uccidere la preda. Quando sono cuccioli gli animali “esprimono” comportamenti-gioco, giacché manca lo scopo finale; per il leoncino uccidere la preda. L’obiettivo finale (uccidere) nel gioco è inibito. Influssi sociali sul gioco degli animali. più si scende nella scala evolutiva biologica più questi influssi scompaiono. Nello scimpanzé l’influsso sociale è molto condizionante, nel gatto molto meno. Il gioco, anche nell’uomo, è una tendenza istintiva, Il suo significato è quello di addestrare il cucciolo d’uomo a mettere in atto, sperimentare comportamenti complessi ad alta valenza socio- culturale. Mentre nei cuccioli di animali il gioco è strettamente correlato all’istinto finale, nel cucciolo d’uomo il gioco perde questo obiettivo e diventa il campo sui cui sperimentare giochi altamente condizionati dall’emotività e dagli affetti, dalla motivazione e dall’intelligenza, dai processi di socializzazione e dalla cultura, ecc. MIAO! IO GIOCO ALL’ACCHIAPPA TOPO. QUESTO E’ IL MIO GIOCO PREFERITO.
  • 36SCHEMA EVOLUTIVO DEL GIOCO 1 0 2 3 6 7/8 11/12 GIOCOESERCIZIO GIOCOSOCIODRAMMATICO:2bambinifannounafinzionecollettiva,giocodeiruoli GIOCOpercettivo-motorio Rimbalzare palla andare pattini andare bici Saltare gradini Questa forma sarà sempre presente nei giochi per aumentare la destrezza. Capacità di fingere Un bimbo impersona un ruolo anche per brevissimo tempo. Ma non riesce a rispettare i ruoli e a mantenerli. Si hanno piccole drammatizz azioni, i b. riesco a mantenere il proprio ruolo e quello degli altri in modo appropriato Da adulti questo gioco è presente negli attori GIOCOPARALLELO:SitrasformainGIOCOSOCIALECONREGOLE Anticipa gioco sociale. Il B. gioca con altri bambini ne replica, copia, le azioni; questo dimostra che lui è attento a quello che loro fanno e vi partecipa, senza però che via sia una complementarietà tra i comportamenti dei bambini. Tale tipo di gioco rispecchia l’egocentrismo del bambino. Gioco del dottore del malato, guardie e ladri, ecc. GIOCOsimbolico GIOCOconleregole Giochi su base visuo-motoria: afferrare, dondolare, gettare, ecc. Uno oggetto, un’azione, un ruolo viene trasformato con la fantasia in un altro oggetto (una matita in una freccia, un tazza in un’automobile), in un altro ruolo: “sono un cane”, “sono falegname”. Si ha quando il gioco da individuale diventa anche di gruppo. Il bambino comincia a tener conto degli altri, del loro punto di vista. Si ha il passaggio dall’egocentrismo all’eterocentrismo. SCHEDA ETÀ Nell’adulto i giochi con regole sono quelli a cui partecipa in modo più frequente: da quelli sportivi, a quelli ricreativi (carte, dama, scacchi,ecc.).
  • 37FANTASIA E CREATIVITA’ MA SE, COME ABBIAMO DETTO, LE DUE DIMENSIONI DEL PENSIERO, RAZIONALITA’ E FANTASIA/CREATIVITA’, SONO COSI’ STRETTAMENTE CORRELATE E SINERGICHE , CHI E’ DEPUTATO A STIMOLARLE? COME POSSIAMO POTENZIARLE, SVILUPPARLE? SCHEDA LA DELEGA NATURALE A STIMOLARE E POTENZIARE LA CREATIVITA’/FANTASIA E LO SVILUPPO LOGICO DEL BAMBINO, NEI PRIMI ANNI DI VITA, CE L’HANNO IN ORDINE DI… 1.PROSSIMITA’ FISICA (la mamma porta nel suo grembo il bambino), 2.TEMPORALE (chi viene in contatto per primo nel tempo con il bambino), 3.SPAZIALE (chi mantiene un contatto permanente con il bambino)
  • 38 Perché le fiabe, perché l’affettività? Che relazione passa tra le une e l’altra? La risposta a queste domande è di tipo implicito ed empatico: ognuno ce l’ha dentro di sé, se la porta dentro da sempre; é stampata nella sua memoria; è dentro i suoi ricordi più antichi. Per molti il rapporto emotivo-affettivo che passa tra favole ed affettività è quasi rimosso, dimenticato; possiamo dire che si è addormentato insieme alla “Bella Addormentata nel Bosco”, e lì giace in attesa di un risveglio. Per molti questo oblio é di breve durata: basta un’occasione per richiamarlo alla vita. L’occasione è data dal “bacio del principe azzurro” rappresentato a volte dal primo amore, da un tramonto riscoperto sul mare, dall’improvviso profumo d’un fiore, dall’abbraccio d’un amico; dall’annuncio della nascita di un figlio. E’ subito regressione, verso antiche memorie, cariche di sensazioni indistinte, come quelle della prima infanzia. Ci si accorge, in queste occasioni, della potenza emotiva che é racchiusa in quei ricordi, e come essi siano stati e sono sempre presenti dentro di noi e rappresentano la linfa della nostra vita. Premetto che userò spesso i due termini favola e fiaba come sinonimi, seppure hanno etimologicamente un significato diverso e si riferiscono a due generi fantastici non sovrapponibili. LA FAVOLA: ha una funzione moralistica e d’insegnamento. Il racconto tende sempre verso una specifica finalità: “ammaestrare, ammonire, far riflettere, insegnare”; LE FIABE, al contrario, non hanno nessuna specifica finalità; nuotano nel mare libero della fantasia, si legano ad emozioni, ansie, paure, entusiasmi, sogni, ma sempre liberamente.
  • 39Per altri, e purtroppo sono i più, “il principe azzurro” non arriverà mai o se è arrivato, o dovesse arrivare, non lo si riconoscerebbe. Il sonno delle loro favole sarà per sempre. Hanno rimosso, segregato le emozioni antiche, in angoli bui e profondi della casa dei proprio ricordi. La libertà fantastica e creativa dell’infanzia è rimasta imprigionata nella foresta malvagia della Bella Addormentata. Non basta più una semplice occasione per risvegliarla, occorrerebbe un terremoto emotivo per liberare dalle catene dell’oblio le favole della vita. Le fiabe sono un simbolo, rappresentano un modo di pensare, di guardare, di interpretare, di spiegare il mondo. Sono il pensiero antico dei popoli; la voce e lo sguardo dell’infanzia; la speranza esplosa dell’adolescenza; il mare dove lasciar nuotare i pensieri di realtà dell’uomo grande per farli incontrare con le emozioni libere della fantasia, del gioco. Le fiabe sono il prato multicolore, il parco dei divertimenti dove si incontrano e scontrano i mondi fantastici dei bambini nella piena e totale libertà di emozioni, di pensiero, di contatto, di scoperta. E… in questi mondi di libertà fantastica… una farfalla diventa un aquilone, un sasso una montagna magica dove nascondersi dalle streghe; una folata di vento il soffio di un gigante buono che mi spinge verso il cielo come aquila. Un tubo di plastica la galleria che conduce nel regno di Bla Blok, il regno della fantasia di quel momento; Il grido disarticolato e ripetuto, tanto fastidioso e cripto all’orecchio dei grandi, il messaggio cifrato di un agente segreto in missione speciale. Quale dialogo fantastico, creativo, si intreccia nell’immaginario del bambino a contatto con il reale: tra bambino e bambino, tra bambino e “cose”, tra bambino e adulto?! E tutto parla con i segni, il linguaggio della“Grammatica della fantasia” delle favole e delle fiabe.
  • 40Ascoltare questi dialoghi fantastici è esaltante, per chi comprende, per chi ha la pazienza d’ascoltare ed è disposto ad imparare quel pizzico di “grammatica della fantasia” che fa di quell’adulto un bilinguista dell’immaginario. Solo chi conserva questa competenza lessicale, “la grammatica della fantasia”, mantiene e assapora il dono della conoscenza dell’infanzia, della scoperta dell’adolescenza, della speranza dell’adulto: empatizza l’immaginario del bambino con il proprio immaginario. E la favola mantiene intatta nel tempo la sua emozione, esplosiva carica che solo un atto di fantasia sa accendere e fare esplodere. « il y a cex qui revent leur vie, et ceux qui font leur vie un reve » C’è chi sogna la propria vita e chi fa della propria vita un sogno E per fare della vita un sogno occorre fantasia, creatività, entusiasmo, speranza: è la favola che diventa realtà.
  • 41 Che le fiabe abbiamo una “esistenza” reale e siano cariche di significato emotivo-affettivo è dimostrabile, dal punto di vista psicologico, in modo pratico ed operativo, qualcuno direbbe che è dimostrabile in modo scientifico. Basta fare riferimento alla psicoanalisi, ai tests proiettivi quale il Rorschach, ed altri che fanno riferimento in modo specifico alle favole (il test delle favole della Duss, il test del Porcellino (Patte Noire), il test del Villaggio, ecc.); o alle diverse teorie quali quella dell’oggetto transizionale (Donald W. Winnicott) Il materiale sperimentale è sufficiente per dimostrare lo stretto legame che passa tra “realtà” (sia essa fantastica o concreta) ed emotività-affettività, tra “pensieri”, tra l’agìto (acting out) e le sottostanti emozioni. Tutte le nostre pianificazioni sono condizionate, orientate in modo implicito o esplicito dai nostri vissuti. E nelle pieghe di questi vissuti è sempre presente, vivo e palpitante, l’immaginario fantastico. A questo punto occorre fare chiarezza su che cosa si debba intendere, all’interno del nostro discorso, per fiaba. Il nostro obiettivo è quello di far cogliere la rilevanza che assume il fantastico, la creatività, ed in particolare la fiaba, nello sviluppo emotivo- affettivo, educativo, relazionale-sociale, ma anche nello sviluppo cognitivo del bambino e del futuro ragazzo. Dalla consapevolezza dello stretto rapporto che passa tra fantastico e sviluppo educativo-psicologico del bambino ne discende, per logica conseguenza, l’importanza che assume, nel processo educativo e formativo del bambino, la stimolazione, lo sviluppo e il potenziamento della creatività e della fantasia.
  • Dalle considerazioni fatte con i 3 psicologi citati possiamo tranquillamente affermare che: Il bambino scopre,conosce, elabora, codifica le esperienze secondo delle regole prelogiche, dove le categorie organizzative ed interpretative hanno la caratteristica: dell’animismo le cose, gli oggetti, sono animati, hanno vita, possono sentire e agire. della magia le cose, l’ambiente, le persone, possono essere influenzate da rituali, da atti di magia. dell’egocentrismo per il bambino esiste un unico punto di vista, il suo. dell’atemporalità l’oggi, il domani, l’anno prossimo, il tra poco, non hanno senso per il bambino piccolo. Vive nella contemporaneità, nel presente. della mancanza di relazione di causalità i nessi e i rapporti tra causa ed effetto non rispondono alla realtà logica. della mancanza del principio di non contraddizione: un oggetto può essere una volta una sedia e un’altra volta un automobile o un orso. In una parola. Il pensiero del bambino è di tipo prelogico, e, secondo l’antropologo Lévy Bruhl, tale tipo di pensiero é tipico dei primi uomini. Questa affermazione ci permette di comprendere come nel pensiero del bambino sia racchiusa e viva la storia dell’uomo. 42SCHEDAFANTASIA E CREATIVITA’
  • 43 IL PENSIERO PRELOGICO E’ UN “PENSIERO” CHE È TIPICO DEL MONDO DELLE FIABE, DEL MONDO DELLA FANTASIA: DOVE TUTTO E POSSIBILE. E’ necessario sottolineare un’altra caratteristica a cui l’infanzia non può rinunciare: Il movimento: il bambino scopre, costruisce il mondo attraverso il fare, l’agire. E Il gioco, che rappresenta per il bambino il suo “lavoro quotidiano” più ambito e gratificante. Lo fa gratis, e lo vorrebbe fare sempre, spesso lotta contro la notte pur di continuare a “lavorare”. Abbiamo a questo punto 3 categorie (definiamoli aree di sviluppo) di riferimento per trarre le nostre conclusioni: per uno sviluppo armonico del bambino queste tre aree di sviluppo debbono “girare” in modo integrato e sinergico; le loro influenze orbitali devono trovare il giusto equilibrio. L’attrazione della Luna alla giusta distanza procura maree equilibrate, troppo vicina produrrebbe inondazioni. Area di sviluppo Prelogico Area di sviluppo dell’emotività e affettività Area di sviluppo del movimento e del Gioco Ognuno di queste 3 aree di sviluppo rappresenta un aspetto, una dimensione, del modo d’essere del bambino: 1) Area di sviluppo prelogico, rappresenta il modo con cui il bambino interpreta ed elaborare le esperienze (aspetto cognitivo); 2) Area di sviluppo dell’emotività e dell’affettività rappresentano il modo in cui il bambino vive, “sente” e reagisce alle esperienze(aspetto affettivo); 3) Area di sviluppo del movimento e del gioco rappresentano il modo in cui il bambino esplora, manipola, compartecipa, agisce le sue esperienze, i suoi vissuti, le sue conoscenze nel mondo (aspetto manipolativo). SCHEDAFANTASIA E CREATIVITA’
  • A questo punto si rende necessario introdurre due nuovi concetti, quello di MEDIATORE- EDUCATIVO-CREATIVO E QUELLO DI FIABA Le 3 AREE DI SVILUPPO, precedentemente introdotte, possono essere dinamicamente posizionate in più relazioni: Le modalità con cui interagiscono , si integrano, dipendono in particolar modo dalla funzione e dal ruolo che assume il MEDIATORE EDUCATIVO-CREATIVO nella vita del bambino e dell’ambiente in cui vive. A seconda delle relazioni tra le 3 aree di sviluppo si possono creare UNIVERSI EDUCATIVI diversi. 44SCHEDAFANTASIA E CREATIVITA’ Area di Sviluppo Prelogico Area di Sviluppo dell’emotività e affettività Area di Sviluppo Del movimento e del Gioco Area di Sviluppo Prelogico Area di Sviluppo dell’emotività e affettività Area di Sviluppo Del movimento e del Gioco Area di Sviluppo Prelogico Area di Sviluppo dell’emotività e affettività Area di Sviluppo Del movimento e del Gioco Area di Sviluppo Prelogico Area di Sviluppo dell’emotività e affettività Area di Sviluppo Del movimento e del Gioco MEDIATORE EDUCATIVO CREATIVO In condizioni ideali le 3 aree di sviluppo dovrebbero essere altamente integrate, complementari le une alle altre. Un Universo Educativo ideale nella realtà è irrealizzabile. Rappresenta un modello verso cui tendiamo. Quindi è accettabile un margine di non integrazione. Così come sarà illustrato nelle schede successive, ognuno di questi universi rappresenta un diverso stile educativo.
  • 45 CHI E’ IL MEDIATORE EDUCATIVO-CREATIVO (MEC) ? É rappresentato da quella persona che per il bambino assume e riveste un particolare rilievo emotivo-affettivo e gestionale della e nella sua vita. Il valore e il gradiente di influenza che il MEC ha per il bambino è misurabile, come già accennato, dal livello di PROSSIMITA’ FISICA (la mamma porta nel suo grembo il bambino, massima vicinanza), DI TEMPORALITA’ (chi viene a contatto per primo con il bambino), DI SPAZIALITA’ (chi mantine un contatto di vicinanza permanente con il bambino). Con il suo sviluppo il bambino entra in contatto con diversi MEC in luoghi e in ambienti diversi, che assumeranno funzioni e ruoli diversi. In un contesto “normale” i diversi MEC tenderanno ad integrarsi e ad essere complementari. In ordine decrescente d’importanza e rilevanza emotivo-affettiva, e di crescita temporale del bambino, nell’infanzia si avranno i seguenti MEC: 45SCHEDAFANTASIA E CREATIVITA’:
  • Usando una rappresentazione spaziale, topologica dei MEC si possono cogliere meglio alcune relazioni. Sviluppo temporale, freccia rossa: con il passare del tempo aumenta l’apertura verso altri MONDI, dal mondo ristretto della MAMMA/PAPA’, A QUELLO DELLA FAMIGLIA, A QUELLO DEI PRIMI CONOSCENTI, ALLA SCUOLA, AL MONDO SOCIALE, e in ognuno di questi mondi il bambino incontra dei MEDIATORI-EDUCATIVO-CREATIVI, esiste un rapporto diretto tra incremento temporale (età) e incremento spaziale (apertura verso altri MONDI: nuove esperienze, conoscenze, relazioni). L’espansione verso altre esperienze di vita, con il passare del tempo, è naturale. 1 anni 2-3 anni 3-6 anni 6 anni in poi Forza di espansione emotivo affettiva La freccia forza di espansione emotivo-affettiva rappresenta la sommatoria di tutti i Mediatori-Educativi-Creativi; piu’ questi hanno svolto in modo adeguato la loro funzione più il bambino riceverà una forza rassicurante ad avventurarsi verso l’esterno. I punti di criticità sono rappresentati dalle zone di confine, dalle zone di passaggio da un MEC all’altro, indicate con la zona rossa. Va fatto notare che le criticità sono più alte nelle prime fasi di passaggio (primi distacchi del bambino dalla mamma/papà) ed è per questo che in questo periodo l’integrazione e la collaborazione tra MEC è fondamentale (tra genitori e nido, tra genitori e scuola dell’infanzia, ecc.). Scatole cinesi dell’apprendimento Le scatole cinesi dell’apprendimento visualizzano come una nuova esperienza nasce sulla base di un’esperienza precedente e quella nuova rappresenta una elaborazione di quella precedente, e continua a contenerla. Questa rappresentazione mette in evidenza altresì come sia fondamentale che le diverse esperienze si integrino tra di loro. 0 anni
  • DUE CONSIDERAZIONE: 1) L’IMPORTANZA DELL’INTEGRAZIONE DELLE 3 AREE DI SVILUPPO NEI PRIMI ANNI DI VITA DEL BAMBINO; 2 ) LA FUNZIONE REGOLATRICE DEL MEDIATORE-EDUCATIVO-CREATIVO (MEC) PER LO SVIILUPPO DEL BAMBINO E PER L’INTEGRAZIONE DELLE 3 AREE DI SVILUPPO. A seconda di come le 3 aree di sviluppo educativo si integrano si potranno avere universi di personalità diversamente integrati, con stili evolutivi diversi. Esemplifichiamo con gli schemi sotto riportati i possibili universi educativi che si possono avere. 47SCHEDAFANTASIA E CREATIVITA’ MEDIATORE EDUCATIVO CREATIVO Area di Sviluppo Prelogico Area di Sviluppo dell’emotività e affettività Area di Sviluppo Del movimento e del Gioco SITUAZIONE IDEALE. Grazie ai MEC altamente significativi, attenti, equilibrati, emotivamente ed affettivamente stabili, integrati e compartecipi in modo armonico al processo di crescita del bambino, le 3 aree di sviluppo evolutivo: prelogico, emotivo-affettivo, del movimento e del gioco evolvono in modo dinamicamente interrelato e positivo. Nella realtà l’integrazione completa tra le 3 aree di sviluppo educativo non si realizza, ne’ si trova un mediatore educativo-creativo ideale, per cui e’ normale che l’integrazione sia parziale; è importante, in ogni caso, che il mediatore-educativo-creativo abbia: •una predisposizione emotivamente ed affettivamente positiva a svolgere la sua funzione; •non assuma un atteggiamento di completa e/o frequente delega del suo ruolo e delle sue funzioni ad altri; •non mostri indifferenza o scarsa partecipazione, allo sviluppo del bambino; •Dedichi uno spazio e un tempo significativo al suo ruolo di MEC. Area di Sviluppo Prelogico Area di Sviluppo dell’emotività e affettività Area di Sviluppo Del movimento e del Gioco SITUAZIONE FREQUENTE, LA PIU’ USUALE. I MEC portano la loro attenzione su due aree, quella dello sviluppo prelogico e quella dello sviluppo emotivo-affettivo. Lasciano l’altra fuori dal loro interesse; non la ostacolano, ma neanche la “utilizzano” per promuovere lo sviluppo delle altre due aree. Il movimento nel nostro sistema educativo è ancora poco considerato. Anzi, i bambini più tranquilli, quelli più “quieti” sono più accettati e rinforzati nel loro comportamento. Bastano due esclamazioni ricorrenti per confermare quanto detto: “E’ proprio buono: un angelo”, per indicare un bambino che si mette buono buono a giocare per conto suo. “E’ un diavolo: non sta mai fermo!”, per indicare un bambino che si muove, gioca, richiede attenzione.
  • 48SCHEDAFANTASIA E CREATIVITA’ Area di Sviluppo Prelogico Area di Sviluppo dell’emotività e affettività Area di Sviluppo Del movimento e del Gioco SITUAZIONE FREQUENTE, MA MENO USUALE I MEC portano la loro attenzione solo sull’area di sviluppo emotivo-affettivo. L’affetto, l’amore è al centro dell’attenzione. La convinzione che là dove c’è tanto affetto, tanto amore, tanta attenzione agli aspetti emotivo-affettivo del bambino, tutto il resto viene con sé, nasconde una verità (seppure non è sempre così) quella cioè di non volere, di non avere tempo, di sentirsi inadeguati a svolgere attività nella sfera dell’apprendimento e del movimento. Area di Sviluppo Prelogico Area di Sviluppo dell’emotività e affettività Area di Sviluppo Del movimento e del Gioco SITUAZIONE POCO FREQUENTE. Ma si evidenzia nella società contemporanea questo tipo di stile educativo. I MEC portano la loro attenzione su una sola area di sviluppo, quella degli apprendimenti. E’ chiaro che in un modello educativo di questo tipo le altre due aree passano in secondo piano, in particolar modo lo sviluppo del movimento e del gioco. Tutta l’attività del bambino deve essere orientata all’apprendimento allo sviluppo cognitivo del bambino. Le nuove tecnologie e i modelli di vita contemporanea stanno imponendo un modello educativo di questo tipo: “Prima s’impara più si aiutano i bambini ad affrontare questo mondo”. Area di Sviluppo Prelogico Area di Sviluppo dell’emotività e affettività Area di Sviluppo del movimento e del Gioco SITUAZIONE RARA. IL BAMBINO E’ LASCIATO LIBERO DI ESPRIMERE “FARE TUTTO” ATTRAVERSO IL MOVIMENTO. In questo caso non si può parlare di un vero di stile educativo, ma piuttosto di un “non stile” educativo. Mettere al centro del processo educativo il solo movimento corrisponde di fatto ad un disimpegno del MEC nei confronti del bambino. E’ una finzione di impegno, una “falsa libertà” educativa che è delegata completamente alla libera volontà del bambino. E’ vicina allo stile educativo sotto riportato. Area di Sviluppo Prelogico Area di Sviluppo dell’emotività e affettività Area di Sviluppo Del movimento e del Gioco SITUAZIONE RARA. SI ENTRA IN SITUAZIONI AL LIMITE DELLA PATOLOGIA. I MEC non mostrano nei confronti del bambino nessun tipo di interesse, si manifesta una sorta di completo disinteresse e di disimpegno nei confronti dello sviluppo del bambino, che è completamente lasciato a se stesso. Un MEC, sia nell’ambito familiare o scolastico, con tale atteggiamento di distacco produce uno stile educativo nel bambino “disintegrato”. Se il bambino non è abbastanza forte come patrimonio personale e se non incontra sostituti MEC significativi può andare incontro a seri problemi evolutivi.
  • DISCENDE DALLE PRECEDENTI OSSERVAZIONI: ► QUANTO SIA RILEVANTE LA PRESENZA DI MEDIATORI EDUCATIVO-CREATIVI (MEC) EMOTIVAMENTE ED AFFETTIVAMENTE SIGNIFICATIVI NEI DIVERSI MOMENTI DI CRESCITA DEL BAMBINO. ► COME UN’INTEGRAZIONE E COLLABORAZIONE DEI DIVERSI MEDIATORI EDUCATIVO- CREATIVI SIA NECESSARIA ED ARRICCHENTE. ► QUANTO SIA IMPORTANTE PROMUOVERE UNO PROCESSO EDUCATIVO CHE FACILITI UNO SVILUPPO INTEGRATO DELLE 3 LINEE DI SVILUPPO EDUCATIVO: LOGICO, EMOTIVO-AFFETTIVO, MOVIMENTO-GIOCO. DA QUI LA NECESSITA’ DI UN COSTANTE E SIGNIFICATIVO DIALOGO, INTERSCAMBIO, TRA I DIVERSI MONDI EDUCATIVI: MAMMA/PAPA’ , FAMIGLIA, SCUOLA, ALTRI (baby sitter, altri MEC). LA DIVERSITA’ E PLURALITA’ DI MEDIATORI-EDUCATIVO-CREATIVI IN TERMINI DI RELAZIONE, LINGUAGGI, CONTESTI, CANALI, CONTENUTI, MODELLI E STILI COMPORTAMENTALI, E’ INDUBBIAMENTE ARRICCHENTE, MA A CONDIZIONE DI SAPER PRESENTARE LE DIVERSITA’ IN MODO GRADUALE ED INTEGRATO, E SEMPRE NEL RISPETTO DELLE 3 LINEE DI SVILUPPO EDUCATIVE. SALTI ESTREMI, ECCESSIVI, IMPROVVISI NON SONO FACILMENTE TOLLERATI ED ELABORATI DA BAMBINI PICCOLI (PRIMA E SECONDA INFANZIA). 49SCHEDAFANTASIA E CREATIVITA’ FAMILIARI DIRETTI (MEC: nonni, zii, cugini,ecc.) FAMILIARI ACQUISITI (baby sitter, tata, conviventi, ecc.) SCUOLA (MEC: educatori, docenti, compagni scuola) CONOSCENTI (MEC: amici, compagni, ecc.) ALTRO ( MEC: gli altri, il mondo socio- culturale) TV MEDIA MAMMA / PAPA’ Lo schema evidenzia come nella prima e seconda infanzia ci siano tre mondi che agiscono fortemente sul bambino: Mamma/papà – familiari (nonni) e scuola. Questi 3 mondi interagiscono tra di loro ed hanno una forte influenza sullo sviluppo delle linee educative del bambino e pertanto dovrebbero condividere il progetto educativo. Il mondo dei conoscenti ha un’influenza minima ed è sempre controllabile. Il mondo esterno (socio- culturale) ha un’influenza indiretta sullo sviluppo del bambino; mentre l’influenza dei media è fin dall’inizio molto potente, ed agisce direttamente sul bambino, l’unico filtro sono Mamma/papà e spesso i Nonni e Baby sitter. Inoltre lo schema evidenzia come i MEC (mediatore-educativo-creativo) per eccellenza e fondamentale in questo periodo siano i genitori Mamma/Papà: sono loro i registi di tutto il processo educativo che si svolge sul e con il bambino.
  • Il progetto educativo integrato può essere ESPLICITO, Verbalizzato e condiviso; è questo il progetto educativo che si dovrebbe realizzare… Nella coppia In una Famiglia ristretta Tra coppia e parenti Tra genitori e scuola Tra genitori e baby sitter Questa modalità, la esplicitazione, del progetto educativo, è lo strumento, il metodo, che garantisce la condivisione degli obiettivi educativi che i genitori ritengono debbano essere perseguiti nel corso di questa prima età. Questo progetto educativo condiviso garantisce una congruità percettiva, una percezione di “un’alleanza” del fare educativo dei diversi mondi da parte del bambino che lo rassicura e gli dà fiducia. Pur in presenza di ambienti, modalità di comunicazione e linguaggi diversificati, di persone diverse il bambino percepisce un “accordo educativo” tra i diversi MEC. Tra genitori e TV: (la TV scelta) e multimedia ESPLICITO, IMPLICITO, 50SCHEDAFANTASIA E CREATIVITA’
  • non verbalizzato, non concordato, ma agito: é il progetto educativo che di fatto si realizza nei diversi sistemi Questa modalità non porta con se nessun progetto educativo condiviso. Ogni mondo educativo opera ed agisce in modo indipendente, staccato dagli altri mondi, molto spesso ignorandosi, qualche volta diventando anche antagonisti gli uni degli altri. Le conseguenze negative sulla formazione del bambino possono essere minime o catastrofiche, dipende tutto dal caso e dalla serietà (spesso personale) dei mondi educativi e non ultimo dalle capacità “di difesa” naturali del bambino:la maggior parte dei bambini, per fortuna, nonostante gli interventi negativi che subiscono se la cavano lo stesso. Esempi negativi di questa modalità di impostare il processo educativo dei bambini si hanno quando: •una coppia è disarmonica o conflittuale; •una famiglia é divisa: ognuno non è partecipe della vita familiare e vive come nomade all’interno della stessa; •non esiste un rapporto di collaborazione e partecipazione tra genitori e scuola (docenti); •la TV è alla mercè del telecomando in mano al bambino; •La multimedialità diviene il nuovo spazio gioco delle nuove generazioni. In casi estremi, quando gli stili e gli interventi educativi sono molto diversificati, quasi all’opposto (uno dice bianco l’altro nero, uno “questo non si dice!”, l’altro “Fa come vuoi.” o ancora “Ma si… va bene, dì e fai quel che vuoi.”) i comportamenti del bambino possono diventare paradossali, molto vivaci, incontrollati, conflittuali e a volte anche pericolosi. In una Famiglia ristretta Tra coppia e parenti Tra genitori e scuola Tra genitori e baby sitter Nella coppia Tra genitori TV: (la TV subita) e multimedia ESPLICITO, IMPLICITO, 51SCHEDAFANTASIA E CREATIVITA’ OSSERVAZIONE: oggi i bambini presentano “un agito” (quello che sentono, pensano, vogliono, lo traducono in azione immediata) spesso paradossale, eccessivo, che è il segno di una forte carenza di interventi da parte dei MEC più significativi (Mamma/Papà) e di una mancanza di un progetto educativo condiviso tra tutti i MEC.
  • A questo punto occorre ridefinire e chiarire che cosa si debba intendere per fiaba. Con il termine fiaba si indica qualunque elaborazione fantastica esplicitata nelle diverse forme di comunicazione (da quella verbale a quella motoria, da quella iconica a quella televisiva, da quella scritta a quella multimediale) che non persegue nessun esplicito obiettivo e non vuole trasmettere, apparentemente, nessun insegnamento. Alla base della fiaba c’è la trasfigurazione del reale, in tutte le sue forme e in tutte le sue possibili combinazioni. La fiaba non ha tempo non può essere definita né antica né moderna; ma poiché nasce dalla trasfigurazione fantastica del reale, e tale reale fa riferimento sempre ad un preciso tempo, la fiaba viene referenziata al tempo in cui nasce. Quindi per contenuto, stile linguistico, canale espressivo si può definire moderna o antica, mentre la “grammatica” che la genera non ha tempo. Questa definizione ci consente di affermare che la fiaba, la sua modalità espressiva è un’occasione per generare FANTASIA, CREATIVITA’, LASCIAR FLUIRE IN LIBERTA’ LA “LOGICA” DI CONTATTO DEL BAMBINO CON IL MONDO. Che si tratti dei 7 Nanni, di Cenerentola, di Alice nel Paese delle Meraviglie, di Pinocchio, oppure di Paperino, Pluto, Gastone, di Braccio di Ferro, di una Sedia, di Robots, di un Palloncino, Sherk, si tratta sempre “di una fiaba”. E la fiaba della nonna, della mamma, della baby sitter, dell’insegnante hanno lo stesso valore e significato delle favole dei fratelli di Grimm, di Peroult, di Walter Disney, di Gianni Rodari, di Roberto Piumini, di Calvino. E quindi… CORAGGIO! EVVIVA! LA FIABA NON È ROBA DA SCRITTORI, ma la spinta naturale a far parlare con un insalata di parole, una frittata di emozioni, un caleidoscopio di immagini, la nostra fantasia. Attaccati alle ali di Trilli, tutti siamo pronti a spiccare il volo…. verso l’Isola Che non C’è. Unica avvertenza: attenti ai coccodrilli tic-tac, sono sempre in agguato, pronti a mangiarsi pezzetti della nostra creatività, della nostra fantasia. 52SCHEDAFANTASIA E CREATIVITA’