Esame obiettivo-del-neonato 1

274
-1

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
274
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Esame obiettivo-del-neonato 1

  1. 1. Dott.ssa Elisabetta Muccioli NEONATO SANO
  2. 2. Dott.ssa Elisabetta Muccioli ANAMNESI  Esami ematici durante la gravidanza  Ecografie pre-natali  Farmaci-fumo-rx in gravidanza  Patologie famigliari  Età gestazionale  Modalità del parto  Peso neonatale  Apgar  v.schema  Gruppi sanguigni
  3. 3. Dott.ssa Elisabetta Muccioli Dr. Virginia Apgar  Score per definire la vitalità del neonato alla nascita  Al 1’ e al 5 :ogni 5’ fino a che non è maggiore di 7 Activity: muscle tone Pulse rate Grimace: reflex Appearance: skin color Respiration SEGNI SCORE 0 1 2 Frequenza cardiaca Assente <100 bm >100 bm Attività respiratoria Assente gasping/ irregolare regolare Tono muscolare Flaccido Ipotonico Attivo Reattività Assente Smorfie Pianto o tosse Colore Pallido Cianotico Roseo
  4. 4. Dott.ssa Elisabetta Muccioli APGAR CLINICA ASSISTENZA 8 - 10 Neonato sano Cure minime 4 – 7 Neonato modicamente depresso Lieve rianimazione 1 - 3 Neonato depresso Rianimazione intensa 0 Neonato morto Assenza di segni vitali  tentativo di rianimazione
  5. 5. Dott.ssa Elisabetta Muccioli ESAME OBIETTIVO - ISPEZIONE -  Cute  Rosea e ben perfusa  Eritrosica – itterica  Cianosi – acrocianosi  Marezzatura  Angiomi – macchie mongoliche  FR – eupnoico/rientramenti respiratori  Attività motoria spontanea – ipotonia  Dismorfismi – malformazioni  Mani : 5 dita – piega palmare
  6. 6. Dott.ssa Elisabetta Muccioli LA CUTE DEL NEONATO •PALLORE •CIANOSI (centrale o distrettuale) •PETECCHIE •ECCHIMOSI •ITTERO •MILIO : papula bianca solida 1-2 mm simile a una perla sul viso, gengive, linea mediana palato •MELANOSI PUSTOLOSA : pustole presenti alla nascita sulla regione ant collo, fronte, dorso. Dalla rottura delle pustole si formano macchie iperpigmentate - Forma transitoria •ERITEMA TOSSICO : più frequente nei neonati a termine, papule o pustole giallo-bianche con alone rosso intorno rare o numerose raggruppate o disperse: 2° gg
  7. 7. Dott.ssa Elisabetta Muccioli •MACCHIE MONGOLICHE :(lesioni maculari blu o grigio ardesia presacrali, sulle cosce post., gambe, dorso e spalle. Di solito sbiadiscono nei primi anni di vita •NEVO SALMONE : radice naso, palpebre, labbro sup e collo post. che scoloriscono e scompaiono sul viso •NEVO FLAMMEO : già presenti alla nascita, macchie rosa-porpora variabili nelle dimensioni più spesso sul viso •NEVO SEBACEO : placca giallo-arancio a buccia d’arancio rilevata glabra sulla testa o sul collo •NEVI PIGMENTATI •ANGIOMI
  8. 8. Dott.ssa Elisabetta Muccioli TESTA  Fontanella anteriore : dimensione, tesa, bombè, infossata  Suture:accavallate, distanti, ping-pong  Cefaloematoma [NB cefaloematoma ha una piccola dimensione ed avviene in seguito a parto con ventosa, è in rilievo, ma è localizzato/Tumore da parto avviene per la posizione, è più diffuso, si estende su più ossa craniche, si risolve in 24 h]  Forma rotonda (a fungo) la testa del bimbo podalico:in posizione in utero stava contro il fondo dell’utero.  Orecchie:appendici preauricolari (ecografia Reni e vie urinarie), impianto basso  Narici:pervie – alitamento pinne nasali  Bocca:palato duro completo e ben chiuso, frenulo linguale, mughetto  Occhi:secrezioni giallastre
  9. 9. Dott.ssa Elisabetta Muccioli COLLO  Clavicole: palpazione della clvicola (linea ossea) per eventuale scroscio/callo osseo, se sì valuta il Moro se è asimmetrico con o senza pianto doloroso indica frattura della clavicola  Cisti  Linfoadenomegalie
  10. 10. Dott.ssa Elisabetta Muccioli ARTI SUPERIORI  Motilità spontanea  Estremità calde  Polsi radiali, brachiali  Dita delle mani : 5  Piega palmare unica  Tono muscolare
  11. 11. Dott.ssa Elisabetta Muccioli TORACE  Morfologia  FR  Eupnoico - Rientramenti respiratori  Movimenti toracici simmetrici  Auscultazione:MV normoudibile su tutto l’ambito polmonare   da valutare PNX senti toni cardiaci ovattati, non senti MV/MV ridotto in un campo polmonare
  12. 12. Dott.ssa Elisabetta Muccioli CUORE  Itto  FC  Toni cardiaci : validi in successione ritmica/aritmica  Pause libere – impurità sistolica - soffio sistolico (vedi schema)  Polsi femorali presenti isosfigmici – non palpabili (coartazione aorta?prendi Sat e PA arti sup e inf)
  13. 13. Dott.ssa Elisabetta Muccioli ADDOME  Globoso  Meteorico  Teso  Con marezzatura cutanea/aumento dei reticoli venosi cutanei superficiali  Diastasi dei muscoli retti dell’addome  Moncone ombelicale umido/secco/con secrezione  Ernie inguinali
  14. 14. Dott.ssa Elisabetta Muccioli POLSI FEMORALI  Presenti  Isosfigmici  Assenti  prendi PA e saturazione arti superiori e inferiori
  15. 15. Dott.ssa Elisabetta Muccioli ARTI INFERIORI  Motilità spontanea  Estremità calde  Polsi femorali, tibiali, pedidi  Dita dei piedi: 5  Tono muscolare  Motilità delle anche/segno di Ortolani/scroscio mono-bilaterale
  16. 16. Dott.ssa Elisabetta Muccioli GENITALI  Maschili  testicoli in sede / idrocele  uretra pervia  se ipospadia  Ecografia Reni e vie urinarie  Femminili  no sinechie vaginali  se presenza di muco denso : origine da ormoni materni
  17. 17. Dott.ssa Elisabetta Muccioli ANO  Pervio  Se vicino alla vagina : ano anteriorizzato  Fossette sacrali  Macchie mongoliche
  18. 18. Dott.ssa Elisabetta Muccioli RIFLESSI  Punti cardinali-suzione-deglutizione  Tonico asimmetrico del collo  Fuga  Moro  Prensione  Marcia  Galant
  19. 19. Dott.ssa Elisabetta Muccioli RIFLESSO DEI PUNTI CARDINALI RIFLESSI DI SUZIONE - DEGLUTIZIONE Lo sfioramento all'angolo della bocca, provoca la rotazione della testa in direzione dello stimolo (cercamento), in seguito le labbra e la lingua effettuano una reazione di avvicinamento allo stimolo; infine la lingua si ritira , le labbra si chiudono e avviene la suzione. Queste reazioni nell'insieme permettono al bambino di alimentarsi. Scomparsa del riflesso di cercamento a 3-4 mesi, riflesso di suzione a 10-11 mesi Il riflesso di deglutizione si scatena con il contatto dell'alimento con la parete della faringe (è incompatibile con la suzione perché quando il bimbo deglutisce non succhia), è un riflesso che non scompare perché è definitivo.
  20. 20. Dott.ssa Elisabetta Muccioli RIFLESSO TONICO ASIMMETRICO DEL COLLO La reazione si scatena con la rotazione laterale della testa del neonato posto supino che determina un variazione del tono degli arti superiori con l'estensione dell'arto facciale e flessione di quello nucale. La sua influenza è molto forte nelle prime settimane, poi scompare
  21. 21. Dott.ssa Elisabetta Muccioli RIFLESSO DI FUGA Al leggero strisciamento sulla pianta del piede, la gamba viene retratta
  22. 22. Dott.ssa Elisabetta Muccioli RIFLESSO DI MORO Sollevando il bambino dal piano prendendolo sotto la schiena e rilasciandolo successivamente ed in modo brusco Si scatena una risposta riflessa che si distingue in due momenti: - all'inizio si manifesta come una brusca estensione e abduzione delle braccia - in un secondo momento il bambino allarga le dita a ventaglio e gli arti superiori descrivono un arco di cerchio ( tipico abbraccio) per ritornare poi allo stato di flessione- adduzione Scomparsa del riflesso ai 6 mesi di vita
  23. 23. Dott.ssa Elisabetta Muccioli RIFLESSO DI PRENSIONE Stimolando il palmo della mano del neonato con un dito o un oggetto allungato, si genera una reazione di presa a pugno senza flessione del pollice, di una certa intensità si può giungere a sollevare il bambino dal piano del letto per qualche istante Scomparsa del riflesso totalmente verso i 9-10 mesi quando inizia la capacità di rilassamento volontario; già a 3-4 mesi la semplice stimolazione della pelle non lo scatena più ed è necessaria una forte pressione
  24. 24. Dott.ssa Elisabetta Muccioli RIFLESSO DELLA MARCIA Tenendo il neonato sostenuto verticalmente in modo da tenere le piante dei piedi appoggiare su un piano, manifesta un riflesso d'estensione e raddrizzamento delle gambe e del tronco. Con un effetto "onda" dal basso all'alto che interessa la caviglia , il ginocchio, l'anca , il tronco ed infine alla testa. Spostando il corpo verso l’avanti, il neonato flette ed estende gli arti inferiori: marcia automatica.Scomparsa del riflesso ai 2-3 mesi di vita
  25. 25. Dott.ssa Elisabetta Muccioli RIFLESSO DI GALANT detto anche della colonna vertebrale Allo strisciamento sulla schiena in sede paravertebrale con andamento longitudinale, la colonna vertebrale si inarca : la concavità avviene verso il alto stimolato
  26. 26. Dott.ssa Elisabetta Muccioli ESEMPI RIASSUNTIVI DEI PRINCIPALI RIFLESSI NEONATALI
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×