0
PRESENTAZIONEPRESENTAZIONE
DI UN MODELLO DI TRATTAMENTO MULTIMODALE PERDI UN MODELLO DI TRATTAMENTO MULTIMODALE PER
I DIST...
DISTURBI
DA DEFICIT DI ATTENZIONE
E DA
COMPORTAMENTO DIROMPENTE
Disturbo da Deficit di
Attenzione/Iperattività (ADHD)
Dist...
ComorbiditComorbiditàà tra ADHD e DOP/DCtra ADHD e DOP/DC
• Lahey e Loeber : modello che descrive la
relazione tra ADHD, D...
Iperattività/
Impulsività
È in continuo movimento
e agisce come se avesse
“l’argento vivo” addosso
Ha difficoltà a giocare...
è sbadato,
si distrae facilmente,
perde gli oggetti
non porta a termine le attività
riluttante ad impegnarsi
in compiti ch...
Caratteristiche del bambino
con Disturbo Oppositivo Provocatorio
Sfida attivamente
o rifiuta le richieste e le regole
degl...
Caratteristiche del bambino con
Disturbo della Condotta
fa il prepotente,
minaccia,
intimidisce gli altri
Dà inizio
a coll...
• E’ uno dei più comuni motivi di consultazione.
• Più precoce è l’insorgenza, più grave è l’outcome.
• È un disturbo grav...
E P I D E M I O L O G I A
• Incidenza in aumento (M.: 6-16%; F.: 2-9%);
• Aumento dell’incidenza in adolescenza anche se
l...
QUALE TERAPIA PER DCQUALE TERAPIA PER DC
LINEE GUIDA PER JAACAPLINEE GUIDA PER JAACAP (1997, 2001):
“ la pervasività dei s...
LA POSSIBILITÀ DI FAR CRESCERE UNFAR CRESCERE UN’’IDEAIDEA
• Attivazione di un servizio di
trattamento per minori con DC
o...
AL DI LÀ DELLE NUVOLE
OBIETTIVI :
- riduzione dei comportamenti disfunzionali
- ampliamento delle capacità di adattamento ...
Progetto
Al di là delle nuvole
4 ore pomeridiane
(14.00-18.00)
colloqui
individuali
colloqui con i
genitori
attività
psico...
OBIETTIVI TRATTAMENTO INDIVIDUALE
• Stabilire una ALLEANZA TERAPEUTICA: mission
impossible : il minore NON CHIEDE di esser...
•Ricerca di un PUNTO BIANCO a
cui aggrapparsi: oggetti concreti che
rappresentano una parte di sè
su cui investire, creder...
Costruire un modo
nuovo di percepire il
comportamento del
figlio
Gestione regole educative
Ricostruire e
Contestualizzare ...
Costruzione dell’alleanza
Genitore
Esperto della sua
storia e del
comportamento
del figlio
Consulente
Esperto in teorie
su...
Difficoltà di applicazione
Scarse capacità di metacognizione e di
attenzione al “mondo interno” del bambino
Alti livelli d...
Obiettivi intervento
psicoeducativo di gruppo
• Acquisizione delle abilità di autogestione
• Acquisizione delle abilità di...
Perché utilizzare il gruppo
• Il rinforzo sociale prodotto dal gruppo dei pari risulta più
efficace di quello promosso dal...
OSTACOLI
• Difficoltà ad accettare le proposte degli operatori
• Attacco/svalutazione dei compiti assegnati
• Difficoltà d...
INTERVENTO PER LE DIFFICOLTÀ SCOLASTICHE
TRAININGTRAINING
METACOGNITIVOMETACOGNITIVO
sia individuale che
in piccolo gruppo...
1. potenziare le capacità attentive, di controllo e di
autoregolazione
2. migliorare le abilità e le conoscenze metacognit...
… E A SCUOLA?
- organizzazione di alcuni tipi di rinforzo e di contratti
comportamentali
- registrazione e analisi funzion...
RISULTATI CAMPIONE TOTALE
DOPO SEI MESI DI TRATTAMENTO
CBCL scale principali
30
35
40
45
50
55
60
65
70
75
totale int est
...
CBCL scale secondarie
0
5
10
15
20
25
30
35
40
45
50
55
60
65
70
75
ritiro
som
atico
ansia/dep
p.sociali
p.pensiero
p.atte...
YSR scale principali
20
25
30
35
40
45
50
55
60
65
70
totale int est
puntiT
pre-trattamento
post-trattamento
0,129ns 0,015...
YSR scale secondarie
0
10
20
30
40
50
60
70 rit
somansia/depp
socialip
pensip
attentp
delinquep
aggres
puntiT
pre-trattame...
MOAStotale
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
totale
puntiT
pre-trattamento
post-trattamento
Moassottoscale
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
1...
CBCL scale secondarie
0
10
20
30
40
50
60
70
80 rit
som
aansia/dep
p
soc
p
pens
p
atten
p
delinp
aggres
puntiT
pre-trattam...
condotta dist
condotta dist
condotta dist
condotta dist
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

condotta dist

132

Published on

Published in: Real Estate
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
132
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "condotta dist"

  1. 1. PRESENTAZIONEPRESENTAZIONE DI UN MODELLO DI TRATTAMENTO MULTIMODALE PERDI UN MODELLO DI TRATTAMENTO MULTIMODALE PER I DISTURBI DA COMPORTAMENTO DIROMPENTE.I DISTURBI DA COMPORTAMENTO DIROMPENTE. Ruglioni Laura, Manfredi Azzurra, Muratori Pietro, Paziente Antonella, Polidori Lisa, Milone Annarita. IRCCS Fondazione Stella Maris Inserire quadro convegno
  2. 2. DISTURBI DA DEFICIT DI ATTENZIONE E DA COMPORTAMENTO DIROMPENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (ADHD) Disturbo Oppositivo Provocatorio (DOP) Disturbo della Condotta (DC)
  3. 3. ComorbiditComorbiditàà tra ADHD e DOP/DCtra ADHD e DOP/DC • Lahey e Loeber : modello che descrive la relazione tra ADHD, DOP e DC: tra i bambini con ADHD solo quelli che mostrano una comorbidità con DOP svilupperanno un DC e un sottogruppo dei minori con DC evolverà poi in DPA. • Letteratura internazionale: ADHD influenza sviluppo, decorso e gravità del DC: ragazzi con DC ed ADHD in comorbidità mostrano comportamenti distruttivi ad insorgenza più precoce, un’importante aggressività fisica ed un DC più persistente.
  4. 4. Iperattività/ Impulsività È in continuo movimento e agisce come se avesse “l’argento vivo” addosso Ha difficoltà a giocare in modo tranquillo lascia il proprio posto a sedere in classe o in altre situazioni in cui ci si aspetta che resti seduto difficoltà ad attendere il proprio turno parla troppo, interrompe gli altri o è invadente nei loro confronti "spara" le risposte Caratteristiche del bambino con ADHD
  5. 5. è sbadato, si distrae facilmente, perde gli oggetti non porta a termine le attività riluttante ad impegnarsi in compiti che richiedono sforzo mentale protratto sembra non ascoltare quando gli si parla direttamente Disattenzione ha difficoltà ad organizzarsi, a seguire le istruzioni, a mantenere l'attenzione nei compiti scolastici e in altre attività
  6. 6. Caratteristiche del bambino con Disturbo Oppositivo Provocatorio Sfida attivamente o rifiuta le richieste e le regole degli adulti Accusa gli altri per i propri errori o comportamenti Offende Arrabbiato e rancoroso Suscettibile o irritato dagli altri Dispettoso e vendicativo Litiga con gli adulti
  7. 7. Caratteristiche del bambino con Disturbo della Condotta fa il prepotente, minaccia, intimidisce gli altri Dà inizio a colluttazioni fisiche Crudele con le persone e/o con gli animali Ha usato un’arma che può causare seri danni fisici Ruba o distrugge proprietà altrui Appicca il fuoco Trascorre fuori di casa la notte, fugge di casa Marina la scuola Mente per ottenere vantaggi
  8. 8. • E’ uno dei più comuni motivi di consultazione. • Più precoce è l’insorgenza, più grave è l’outcome. • È un disturbo grave longitudinalmente connesso con il disturbo antisociale. • Comporta un alto costo sociale. • Disturbo tipicamente resistente al trattamento. • Gli interventi precoci possono interrompere il percorso verso un comportamento antisociale. DISTURBO DELLA CONDOTTA
  9. 9. E P I D E M I O L O G I A • Incidenza in aumento (M.: 6-16%; F.: 2-9%); • Aumento dell’incidenza in adolescenza anche se l’età media di insorgenza è tra 8 e 10 anni; • nei maschi il disturbo insorge più precocemente ed è 3-4 volte più frequente; • Differenze clinica in base al sesso: MASCHI: aggressività fisica, furto, vandalismo, problemi di disciplina scolastica. FEMMINE: menzogne, assenze da scuola, fughe, uso di sostanze, condotte sessuali devianti.
  10. 10. QUALE TERAPIA PER DCQUALE TERAPIA PER DC LINEE GUIDA PER JAACAPLINEE GUIDA PER JAACAP (1997, 2001): “ la pervasività dei sintomi esternalizzanti richiede una modalità terapeutica interpersonale e psicoeducativa. Data la sua frequente cronicità, il DC richiede un trattamento che sia estensivo e che venga monitorato con periodici controlli” HENGGELER: 4 CARATTERISTICHE PRIMARIEHENGGELER: 4 CARATTERISTICHE PRIMARIE 1) Diminuire i comportamenti disfunzionali individuando e modificando i multipli fattori che li determinano 2) Intervenire nei vari contesti di vita del minore (individuale, familiare, scolastico, sociale, ambientale) 3) Modellarsi sulle caratteristiche del singolo soggetto 4) Lavoro in equipe e continuo contatto con i contesti extraterapeutici (assetto ecologico del trattamento)
  11. 11. LA POSSIBILITÀ DI FAR CRESCERE UNFAR CRESCERE UN’’IDEAIDEA • Attivazione di un servizio di trattamento per minori con DC o grave DOP grazie al finanziamento concesso dalla Fondazione UMANA-MENTE • utenza annuale: 30 minori • età 8 -16 anni • cicli di trattamento: 6 mesi • frequenza: monosettimanale • Équipe: 2 NPI , 3 psicologi, 1 assistente sociale, 1 terapista motorio
  12. 12. AL DI LÀ DELLE NUVOLE OBIETTIVI : - riduzione dei comportamenti disfunzionali - ampliamento delle capacità di adattamento sociale - valorizzazione dei “punti di forza” - prevenzione del fallimento e/abbandono scolastico - inserimento in attività extracurriculari - indicazione di percorsi terapeutico-riabilitativi al termine del trattamento - inserimento di terapia farmacologica solo se presente comorbidità psichiatrica
  13. 13. Progetto Al di là delle nuvole 4 ore pomeridiane (14.00-18.00) colloqui individuali colloqui con i genitori attività psicoeducativa di gruppo rilassamento motorio lavoro in rete con equipe territoriale Training metacognitivo
  14. 14. OBIETTIVI TRATTAMENTO INDIVIDUALE • Stabilire una ALLEANZA TERAPEUTICA: mission impossible : il minore NON CHIEDE di essere aiutato e mantiene modalità oppositorie per lungo tempo. • Contattare VISSUTI DEPRESSIVI fino a quel momento negati tramite le condotte agite: esperienza nuova per i pazienti, percepita come disorientante. Le sedute diventano un palcoscenico di atti provocatori che hanno la funzione di provare la solidità del legame e la stabilità del contenitore-terapia .
  15. 15. •Ricerca di un PUNTO BIANCO a cui aggrapparsi: oggetti concreti che rappresentano una parte di sè su cui investire, credere, riparare, ripartire. •EFFETTO DESERTO: il ragazzo appare come “ un inconsapevole abitatore di un desolante cimitero” (Alvarez, 1997): nel contesto sociale è frequente trovare una desolazione di legami e di interessi significativi
  16. 16. Costruire un modo nuovo di percepire il comportamento del figlio Gestione regole educative Ricostruire e Contestualizzare il problema del bambino Ricostruire la storia di sviluppo del genitore Obiettivi Intervento con le famiglie
  17. 17. Costruzione dell’alleanza Genitore Esperto della sua storia e del comportamento del figlio Consulente Esperto in teorie sullo sviluppo di problemi comportamentali Co-costruzione di nuovi tentavi di soluzione e di una nuova teoria esplicativa perturbazioni
  18. 18. Difficoltà di applicazione Scarse capacità di metacognizione e di attenzione al “mondo interno” del bambino Alti livelli di stress reattivo e legato al proprio ruolo genitoriale Bisogno di trovare un sollievo immediato e scarsa tolleranza alla frustrazione Stile comunicativo incoerente e coercitivo
  19. 19. Obiettivi intervento psicoeducativo di gruppo • Acquisizione delle abilità di autogestione • Acquisizione delle abilità di cogliere in modo adeguato il punto di vista altrui • Acquisizione delle abilità nel trovare soluzioni ai problemi di vita quotidiana
  20. 20. Perché utilizzare il gruppo • Il rinforzo sociale prodotto dal gruppo dei pari risulta più efficace di quello promosso dall’adulto in una situazione diadica ( Lambruschi 2004 , van Manen 2001) • Il gruppo favorisce l’apprendimento dal vivo delle abilità relazionali interpersonali e delle competenze sociali ( Lambruschi 2004 , van Manen 2001) • Effetti maggiormente positivi con gruppi omogenei di ragazzi con problemi di comportamento rispetto a gruppi misti nei quali erano presenti sia ragazzi con problemi del comportamento sia senza tali problematiche ( Mager et al. 2004)
  21. 21. OSTACOLI • Difficoltà ad accettare le proposte degli operatori • Attacco/svalutazione dei compiti assegnati • Difficoltà di instaurare una forma di collaborazione • Iniziale alleanza tra i membri del gruppo nelle situazioni di crisi
  22. 22. INTERVENTO PER LE DIFFICOLTÀ SCOLASTICHE TRAININGTRAINING METACOGNITIVOMETACOGNITIVO sia individuale che in piccolo gruppo INCONTRIINCONTRI PERIODICIPERIODICI CON GLICON GLI INSEGNANTIINSEGNANTI
  23. 23. 1. potenziare le capacità attentive, di controllo e di autoregolazione 2. migliorare le abilità e le conoscenze metacognitive di lettura, incrementare la capacità di comprensione del testo, sviluppare strategie di studio funzionali 3. sostenere la motivazione e prevenire l’insuccesso IL TRAINING METACOGNITIVO:IL TRAINING METACOGNITIVO: O B I E T T I V I:O B I E T T I V I:
  24. 24. … E A SCUOLA? - organizzazione di alcuni tipi di rinforzo e di contratti comportamentali - registrazione e analisi funzionale del sintomo (antecedenti ed eventuali conseguenze rinforzanti) - incontri periodici con gli insegnanti - impostazione di intervento “ad hoc”, personalizzato e flessibile (Henggeler et al.1998) - organizzazione della classe, di strutturazione delle lezioni e di gestione diretta degli agiti più aggressivi del ragazzo - mediazione che favorisca la collaborazione con la famiglia e introduca e faciliti la comprensione degli stati interni dei bambini (Lambruschi et al, 2004)
  25. 25. RISULTATI CAMPIONE TOTALE DOPO SEI MESI DI TRATTAMENTO CBCL scale principali 30 35 40 45 50 55 60 65 70 75 totale int est puntiT pre-trattamento post-trattamento sig 0,001** 0,039* 0,011*
  26. 26. CBCL scale secondarie 0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 55 60 65 70 75 ritiro som atico ansia/dep p.sociali p.pensiero p.attentivi p,delinquenziali p.aggressività puntiT pre-trattamento post-trattamento 0,051ns 0,426ns 0,045* 0,012* 0,102ns 0,001** 0,003** 0,007**
  27. 27. YSR scale principali 20 25 30 35 40 45 50 55 60 65 70 totale int est puntiT pre-trattamento post-trattamento 0,129ns 0,015* 0,525ns
  28. 28. YSR scale secondarie 0 10 20 30 40 50 60 70 rit somansia/depp socialip pensip attentp delinquep aggres puntiT pre-trattamento post-trattamento 0,085ns 0,055ns 0,32ns 0,113ns 0,536ns 0,448ns 0,282ns 0,147ns
  29. 29. MOAStotale 0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 totale puntiT pre-trattamento post-trattamento Moassottoscale 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 aggressività verbale agg.Fisica contro oggetti agg.Fisica autodiretta agg.Fisica controgli altri puntiT pre-trattamento post-trattamento 0,000 ** 0,001** 0,000** 0,006** 0,000**
  30. 30. CBCL scale secondarie 0 10 20 30 40 50 60 70 80 rit som aansia/dep p soc p pens p atten p delinp aggres puntiT pre-trattamento post-trattamento 0,419ns 0,899ns 0,074ns 0,344ns 0,328ns 0,439ns 0,122ns 0,056ns
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×