Your SlideShare is downloading. ×
Caltagirone importante prassie
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Caltagirone importante prassie

616
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
616
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
19
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA “Un modello di stima dell’occorrenza della malattia di Alzheimer per la costruzione di un registro regionale e la valutazione del bisogno assistenziale”
  • 2. Criteri di selezione dei soggetti da inviare per la valutazione neuropsicologica: INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI CON SOSPETTO DETERIORAMENTO COGNITIVO riferito calo delle abilità cognitive (difficoltà ad imparare e ricordare nuove informazioni, ad eseguire compiti complessi, di ragionamento, nel parlare o a mantenere un comportamento adeguato) rispetto ad un livello di abilità precedente (Linee Guida per la Diagnosi di Demenza, 2004) Mini Mental State Examination < 24 Scopo dello studio
  • 3. PERCHE’ UNA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA L’accuratezza della valutazione clinica del deficit cognitivo può essere influenzata da diverse variabili: esperienza del singolo operatore grado di avanzamento della dissoluzione demenziale attendibilità del paziente e dei familiari nel riportare la comparsa e la progressione dei sintomi livello socio-culturale del paziente
  • 4. VANTAGGI DELLA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA DEL DEFICIT COGNITIVO non risente del grado di affidabilità del paziente e dei familiari nel riportare i sintomi cognitivo-comportamentali esprime in maniera quantitativa l'entità del deficit e quindi consente una valutazione longitudinale del decadimento cognitivo esplora in maniera organica le abilità cognitive del paziente consentendo quindi un giudizio qualitativo oltre che quantitativo del deficit
  • 5. Caratteristiche generali di uno strumento di assessment cognitivo per la demenza (1) Essere provvisto di dati di normalizzazione specifici per la popolazione nella quale la scala viene applicata VARIAZIONE DI PRESTAZIONE AD UN TEST DI MEMORIA EPISODICA IN FUNZIONE DELL’ETA’ RST ETÀ 100806040200 16 14 12 10 8 6 4 2 0 Observed Linear VARIAZIONE DI PRESTAZIONE AD UN TEST DI MEMORIA EPISODICA IN FUNZIONE DELLA SCOLARITA’ RST SCOLARIT 20100 16 14 12 10 8 6 4 2 0 Observed Linear
  • 6. NORMALIZZAZIONE DI UN PUNTEGGIO AD UN TEST DI MEMORIA EPISODICA IN FUNZIONE DELL’ETÀ E SCOLARITÀ DEL SOGGETTO Modello lineare migliore = 42.31 + 53.23 ⋅ [log(130-età) - 1.87] + 3.51 ⋅ (√scol. - 3.11) E/S 50 55 60 65 70 75 80 5 +1.3 +2.8 +4.4 +6.1 +8.0 +10.0 +12.2 8 -0.8 +0.7 +2.3 +4.0 +5.9 +7.9 +10.1 13 -3.5 -2.0 -0.4 +1.3 +3.1 +5.2 +7.4 17 -5.3 -3.8 -2.2 -0.5 +1.3 +3.3 +5.6 Cut-off di normalità
  • 7. Caratteristiche generali di uno strumento di assessment cognitivo per la demenza (2) Essere provvisto di una intrinseca validità di costrutto Essere somministrabile in tempi compatibili con i normali ritmi di valutazione diagnostica in ambiente ambulatoriale Misurare un range ampio di funzioni cognitive
  • 8. Strumenti di valutazione neuropsicologica per la valutazione del paziente con demenza standardizzati in popolazioni di lingua italiana MMSE SMID MODA ADAS -cog MDB Aree esplorate Orientamento, Memoria, Linguaggio, Prassia costruttiva, Intelligenza Memoria, Orientamento, Calcolo, Linguaggio, Funzioni visuo-motorie Memoria, Attenzione, Intelligenza, Linguaggio, Competenze visuo- spaziali Memoria, Linguaggio, Prassia costruttiva, Prassia ideativa, Orientamento Memoria, Intelligenza, Linguaggio, Funzioni esecutive, Prassia costruttiva Tempo 10 min. 45 + 10 min. 45 min. 45 min. 45 min. Esperienza non specialistica Specialistica Specialistica Specialistica Specialistica
  • 9. Mental Deterioration Battery MDB batteria di proveprove neuropsicologicheneuropsicologiche composta da tests sensibili all'effetto del deterioramentoeffetto del deterioramento in differenti aree cognitive Prove verbali 1 Rievocazione Immediata 2 e Differita delle 15 parole di Rey 3 Fluidità Verbale Fonologica 4 Costruzione di frasi Prove visuo-spaziali 5 Matrici Progressive colorate di Raven 6 Memoria visiva immediata 7 Copia di disegni a mano libera 8 Copia di disegni con elementi di programmazione Memoria, Intelligenza, Linguaggio, Funzioni esecutive, Prassia costruttiva fornire un profilo qualitativoprofilo qualitativo del deterioramento cognitivo Carlesimo et al, 1995; Caltagirone et al, 1989; Gainotti et al, 1980; Caltagirone et al, 1979;
  • 10. Prove verbali Rievocazione Immediata e Differita delle 15 parole di Rey Apprendimento e Rievocazione di una lista di parole. Fornisce due punteggi: 1) rievocazione immediata (range 0-75) 2) rievocazione differita (range 0-15) Mentre la rievocazione differita è espressione unicamente di processi di memoria a lungo termine episodica, la rievocazione immediata coniuga processi di memoria a breve e lungo termine. (Rey, 1958)
  • 11. Fluidità verbale fonologica Borkowsky et al. 1967 Estensione e fruibilità del magazzino semanticomagazzino semantico--lessicalelessicale (A-F-S) Cut-off 17.35 Costruzione di frasi Gainotti et al. 1976 Capacità di mettere in relazione unitrelazione unitàà lessicalilessicali in un costrutto sintattico coerente Cut-off 8.72 Range 0-25 3 punti + 1 < 20” 2 <10” Neve - bambino Caldo - estate Ponte - cammina -uomo Capelli - acqua- ragazza Guida - strada- automobile
  • 12. Matrici Progressive Colorate di Raven Raven 1947 valuta le capacitcapacitàà logicologico--deduttivededuttive (deduzione di relazioni) su dati visuo-spaziali tre forme di difficoltà crescente A-AB-B Cut-off 18.96 Range 0-36 Prove visuo-spaziali
  • 13. Memoria visiva immediata Caltagirone et al. 1979 valuta la memoriamemoria immediata su dati visuovisuo--spazialispaziali Cut-off 13.80 Range 0-22 Fase di studio Fase di riconoscimento immediato
  • 14. Copia di disegni a mano libera Gainotti et al. 1977 valuta le capacitcapacitàà prassicoprassico--costruttivecostruttive Cut-off 7.18 Range 0-12 punteggio determinato dalla correttezza del disegno
  • 15. Copia di disegni con elementi di programmazione Gainotti et al. 1977 valuta le capacitcapacitàà prassicoprassico--costruttivecostruttive Cut-off 61.85Range 0-70 il punteggio è determinato dal numero di segmenti correttamente posizionati
  • 16. Obiettivi di una valutazione neuropsicologica per mezzo di strumenti standardizzati di esame Distinguere pazienti dementi da soggetti con invecchiamento naturale Distinguere pazienti con deterioramento cognitivo da pazienti affetti da patologie non dementigene (ad es., deficit focali delle funzioni cognitive) Distinguere pazienti affetti da quadri di deterioramento cognitivo a diversa eziologia Stadiazione della severità della demenza Valutazione longitudinale delle modificazioni dello stato cognitivo nel paziente con demenza
  • 17. 0 1 2 3 4 5 RST RLT FV CF PM MVI CD CDL CDR=0.5 IC Disturbo del linguaggio 0 1 2 3 4 5 RST RLT FV CF PM MVI CD CDL CDR=0.5 GP Disturbo isolato di memoria Profili di deterioramento cognitivo rilevati alla MDB Carlesimo et al, 1995 0 1 2 RST RLT FV CF PM MVI CD CDL PARK AD Compromissione cognitiva nel Parkinson-Demenza
  • 18. AD FTD MISTA MCI 76 8 33 48 78,3 (7,0) 75,7 (10,2) 81,5 (5,2) 75,8 (8,8) 6,9 (4,0) 7,1 (5,0) 7,3 (4,3) 8,6 (4,3) 17,7 (5,4) 18,1 (6,5) 17,2 (6,0) 23,9 (2,7) Pz N° Età (aa) Scol. (aa) MMSE * * Soggetti giunti allo studio 253 Pazienti ambulatoriali che hanno eseguito la valutazione neuropsicologica completa In 88 soggetti non veniva confermato il sospetto di deterioramento cognitivo
  • 19. Prove verbali (1) Parole di Rey Rievocazione Immediata Parole di Rey Rievocazione Differita 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 AD MISTA FTD MCI 0,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 AD MISTA FTD MCI * * *
  • 20. Fludità verbale Costruzione Frasi Prove verbali (2) 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 AD MISTA FTD MCI 0,0 2,0 4,0 6,0 8,0 10,0 12,0 14,0 16,0 18,0 AD MISTA FTD MCI * * *
  • 21. Prove visuo-spaziali (1) Matrici Progressive Memoria Visiva Immediata 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 AD MISTA FTD MCI 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 AD MISTA FTD MCI * *
  • 22. Prove visuo-spaziali (2) Prassia Costruttiva Prassia Costruttiva con Elementi 0,0 2,0 4,0 6,0 8,0 10,0 12,0 AD MISTA FTD MCI 30,0 35,0 40,0 45,0 50,0 55,0 60,0 65,0 70,0 AD MISTA FTD MCI * *
  • 23. 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 P REY IMM P REY DIF FV CF PM MVI PC PCEP AD FTD MISTA MCI Profili cognitivi dei quattro gruppi di pazienti FTD - disturbo funzioni esecutive - relativa conservazione della memoria e delle abilità prassiche e di ragionamento - disturbi comportamentali MCI-amnesico - disturbo isolato di memoria - non significativa interferenza con le attività della vita quotidiana AD - declino prevalente della memoria ma diffuso a tutte le funzioni cognitive PunteggiEquivalenti Miste degenerativo- vascolari - coinvolgimento diffuso di tutte le funzioni cognitive corticali e grave interessamento anche delle funzioni funzioni esecutive secondario alle lesioni sottocorticali - fattori di rischio vascolari
  • 24. Conclusioni Importanza della valutazione neuropsicologica effettuata con strumenti adeguati per: confermare o meno il sospetto di deterioramento cognitivo individuare i diversi profili di deterioramento cognitivo che accanto agli altri dati clinici e strumentali permettono di giungere alla diagnosi eziologica di demenza
  • 25. Tale passo è fondamentale per impostare un percorso riabilitativo, terapeutico, assistenziale specifico per ogni tipologia di soggetti con declino cognitivo (MCI, AD, FTD, Forme Miste, VD) sorveglianza terapia farmacologica anticolinesterasica terapia riabilitativa (es. ROT) counselling familiare terapia farmacologica dist. del comportamento counselling familiare terapia cognitiva terapia patologie cardiovascolari associate terapia riabilitativa counselling familiare Conclusioni (Guidelines for the treatment of Alzheimer’s Disesase, 2005)

×