Your SlideShare is downloading. ×
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Bes
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
291
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Dott. G. Aquino Psicologo – Psicoterapeuta e-mail gi.aquino@libero.it – cell. 3473624173 1 Percorso di Formazione Bisogni Educativi Speciali Convitto Nazionale Avellino 29 aprile 2013
  • 2. Disabilità Disturbi evoluti specifici DSA Deficit del linguaggio Deficit delle abilità non verbali Deficit della coordinazione motoria ADHD F.I.L. Funzionamento intellettivo limite Svantaggio socioeconomico, linguistico, culturale B.E.S.
  • 3. Disturbi Specifici dell’Apprendimento Dott G. Aquino 3
  • 4. Cosa succede se queste procedure non diventano automatiche Lettura Scrittura Grafia Calcolo
  • 5. Dott G. Aquino 5 Dislessia L’apprendimento procedurale si realizza con lentezza e con errori. La riduzione dell’attività provoca peggioramento nel processo di decodifica. Stella G., 2006
  • 6. Dott G. Aquino 6 Collo di bottiglia La disabilità nei processi di decodifica di basso livello impedisce i processi di alto livello, come la comprensione, poiché la decodifica assorbe troppe risorse attentive.
  • 7. Caratteristica principale dei D.S.A. Dott G. Aquino 7 SPECIFICITA’
  • 8. D.S.A. Dott G. Aquino 8 Compromissione selettiva, ma significativa e persistente, di specifici domini di abilità: lettura scrittura grafia calcolo
  • 9. Dott G. Aquino 9 Interessano le competenze strumentali degli apprendimenti scolastici lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale D.S.A.
  • 10. Dott G. Aquino 10 In assenza di: • deficit sensoriali • danno neurologico • disturbi primari della sfera emotivo-relazionale In presenza di: • istruzione adeguata e di normali opportunità educative D.S.A.
  • 11. Dott G. Aquino 11
  • 12. Incidenza In Europa si calcola che più dell’8% dei bambini in età scolare sia dislessico. Dott G. Aquino 12 In Italia la percentuale è minore, intorno al 3,5%, perché la nostra lingua è una lingua “trasparente”, cioè noi scriviamo le parole così come le pronunciamo.
  • 13. Ipotesi eziologiche Dott G. Aquino 13 La Causa della Dislessia Evolutiva è Multi-Fattoriale
  • 14. Deficit della processazione fonologica (Bradley e Bryant, 1978; Brady e Shankweiler, 1991 Snowling, 1981; Vellutino,1979) Deficit visivo/uditivo magnocellulare (Livingstone e al.,1991; Lovegrove e al., 1990; Stein e Walsh, 1997; Tallal, 1980; Eden e al.,1994) Deficit cerebellare dell’automatizzazione (Nicolson e Fawcett, 1990; Nicolson e al.,2001) Fattori causali
  • 15. DIAGNOSI Dott G. Aquino 15
  • 16. Consensus Conference P.A.R.C.C. Il criterio condiviso dai clinici dello sviluppo per definire la presenza della dislessia è quello della discrepanza…… Dott G. Aquino 16
  • 17. Discrepanza l’abilità nel dominio specifico interessato (deficitaria in rapporto alle attese per l’età e/o classe frequentata) l’intelligenza generale (adeguata all’età cronologica) Tra
  • 18. Consensus Conference Istituto Superiore Sanità Dott G. Aquino 18
  • 19. Sindrome non verbale Dott G. Aquino 19
  • 20. Sindrome non verbale Si può pensare che le persone con questo disturbo non parlino, mentre in realtà è l’esatto contrario: possono parlare fino a sfinirti. “Sindrome non verbale” significa che le principali aree di deficit sono nel dominio non verbale. Disfunzione dell’emisfero cerebrale destro.
  • 21. Sindrome non verbale L’eziopatogenesi più frequente e probabile è una compromissione precoce della sostanza bianca cerebrale, cioè dei fasci di fibre mielinizzate che connettono tra loro diverse aree corticali e sottocorticali.
  • 22. Sindrome non verbale E’ molto pervasiva e influisce praticamente su ogni aspetto della vita della persona. Consiste in una serie di deficit e di risorse. Si caratterizza per cadute specifiche in compiti di natura non verbale, associate a prestazioni sufficienti in compiti verbali.
  • 23. Non esistono ancora criteri standardizzati per la diagnosi. Criteri maggiormente utilizzati: Discrepanza QIV vs QIP Organizzazione visiva Memoria visiva Abilità percettive Percezione di Gestalt Abilità grafomotorie Problem-solving Ragionamento non verbale Motricità Concetti matematici Sindrome non verbale
  • 24. Rourke
  • 25. ADHD Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività
  • 26. ADHD Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività Disturbo neurobiologico della corteccia frontale e dei nuclei della base che si manifesta come alterazione nell’elaborazione delle risposte agli stimoli ambientali.
  • 27. E’ caratterizzato da: ADHD Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività Inattenzione
  • 28. Impulsività ADHD Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività
  • 29. Iperattività motoria ADHD Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività
  • 30. Il bambino non riesce a regolare Concentrazione e attenzione sostenuta; completamento del lavoro Pianificazione e soluzione dei problemi Selezione delle informazioni rilevanti Motivazione, impegno, sforzo Comportamento sociale;rispetto delle regole Gestione delle emozioni Impulsività
  • 31. ADHD Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività Molto frequente l’associazione dell’ADHD con i DSA. Outcome psico-comportamentale più sfavorevole. Maggiore: compromissione sul piano neuropsicologico; rischio di fallire a scuola; rischio di manifestare sintomi esternalizzanti.
  • 32. Funzionamento intellettivo limite F.I.L.
  • 33. F.I.L. Si tratta di una specie di limbo tra la normalità e il ritardo mentale. La diagnosi può essere formulata quando il QI è tra 71 e 84. Dovrebbero trovarsi in questa situazione molti individui: circa il 13,6% (cioè 1:7)
  • 34. F.I.L. Un QI medio compreso tra 71 e 84 è calcolato su punteggi intellettivi variabili e talora sufficienti o addirittura buoni. Se le attività che l’individuo deve affrontare faranno riferimento prevalentemente a queste risorse, il peso delle abilità deficitarie verrà ridimensionato ed egli potrà avere una vita del tutto normale. Stima teorica
  • 35. F.I.L. Una diagnosi di FIL deve essere effettuata non solo con riferimento al criterio del QI, ma anche con riferimento al criterio della presenza di difficoltà di adattamento e dell’insorgenza prima dei 18 anni.
  • 36. Diversi tipi di F.I.L. Non dovuto a processi patologici biologici o a svantaggio socioculturale Dovuto a svantaggio socioculturale Dovuto a sindrome genetica FIL e DSA
  • 37. Alunni stranieri Dott G. Aquino 38
  • 38. Alunni stranieri Dall’osservazione dell’esito scolastico degli alunni italiani a confronto con quello degli alunni stranieri, si rileva come sia costante il minore successo scolastico degli allievi stranieri, nei diversi ordini di scuola.
  • 39. Alunni stranieri Le difficoltà scolastiche degli studenti stranieri appaiono spesso complesse e difficilmente interpretabili, inserendosi in un quadro di: svantaggio linguistico, problemi emotivo-motivazionali, differente atteggiamento verso l’istituzione scolastica, eventuali deficit più generali.
  • 40. Demetrio e Favaro, 1997 Gli alunni stranieri, rispetto a quelli italiani, presentano maggiori ritardi e insuccessi scolastici, in relazione con una serie di fattori: numero di anni di permanenza in Italia, livello culturale e Paese di origine dei genitori, difficoltà linguistiche, basso status sociale della famiglia.
  • 41. Possibili fonti di difficoltà per gli alunni stranieri Lettura Le difficoltà nella decodifica possono essere determinate da uno svantaggio socioculturale e dalla ridotta conoscenza della lingua e del vocabolario. Utilizzano principalmente la via fonologica, poiché il lessico in L2 è ridotto. Un rallentamento nell’apprendimento della lettura potrebbe essere una conseguenza delle differenze tra il sistema di scrittura della seconda lingua e quelllo della lingua madre, in bambini che sono già stati scolarizzati.
  • 42. Comprensione del testo scritto Difficoltà nella decodifica Anche i bambini che sembrano più competenti nella lingua italiana possono presentare delle difficoltà quando le richieste sono più elaborate. La comprensione del testo scritto risulta spesso deficitaria nei bambini bilingui, vista la presenza nel testo di un lessico specifico, di un maggior numero di parole a bassa frequenza d’uso e di frasi più complesse dal punto di vista morfo-sintattico. Possibili fonti di difficoltà per gli alunni stranieri
  • 43. Scrittura Gli errori possono essere influenzati dalle caratteristiche del sistema linguistico della lingua madre. Ad esempio alcuni suoni presenti in L2 possono non essere presenti nella lingua madre, determinando così difficoltà nella discriminazione uditiva che, nella scrittura, si traducono in errori fonologici. Stessa difficoltà si riscontra nell’uso delle doppie, che non vengono discriminate a livello percettivo. Possibili fonti di difficoltà per gli alunni stranieri

×