0
SPORT INDIVIDUALI
LE CAPACITA’ MOTORIE
Emanuela Pierantozzi
CAPACITA’ O QUALITA’
MOTORIE?
• Le QUALITA’ sono i modi di essere delle strutture
corporee
• Le CAPACITA’ possono essere l...
LE CAPACITA’ MOTORIE
DEFINIZIONI
• Le capacità motorie sono i presupposti motori
di tipo endogeno (interno), che permetton...
DIFFERENZA TRA CAPACITA’ MOTORIE
e ABILITA’ MOTORIE
• CAPACITA’ MOTORIE: le capacità motorie sono i
PRESUPPOSTI del movime...
CLASSIFICAZIONE
delle CAPACITA’ MOTORIE
• Le capacità motorie sono molteplici e diverse tra loro
• In genere vengono raggr...
FORZA CAPACITA’
COORDINATIVE
GENERALI
VELOCITA’
1. equilibrio
2. orientamento
3. differenziazione
4. ritmo
5. reazione
6. ...
COMPONENTI
della
CAPACITA’ di
PRESTAZIONE
SPORTIVA
( Weineck 2010)
Fattori di
predisposizione,
costituzionali,
di salute …...
LE CAPACITA’ COORDINATIVE
DEFINIZIONE di
CAPACITA’ COORDINATIVE
• Per capacità coordinative si deve intendere quel complesso
di funzioni deputate pr...
PRINCIPI delle CAPACITA’
COORDINATIVE
• Le capacità coordinative sono controllate
prevalentemente dal:
– Sistema Nervoso, ...
GLI ANALIZZATORI MOTORI
• Gli analizzatori motori (organi senso-percettivi utili alla
motricità) servono alla:
– ricezione...
CAPACITA’ COORDINATIVE e loro SVILUPPO
• Lo sviluppo delle capacità coordinative dalla
nascita fino al periodo puberale è ...
CAPACITA’ COORDINATIVE e
SCHEMI di BASE
• Lo sviluppo delle capacità coordinative dalla
nascita fino al periodo puberale è...
FATTORI DELLA MOTRICITA’ DEL BAMBINO
RUOLO e POSIZIONE
Sistema senso-motorio
Schema corporeo
Schemi posturali
Schemi motor...
SCHEMA CORPOREO
(Le Boulche)
Lo schema corporeo è la
rappresentazione che si ha
del proprio corpo in una
situazione static...
SCHEMI MOTORI di BASE
• Camminare
• Correre
• Lanciare
• Saltare
• Rotolare
• Strisciare
• Arrampicare
• …
EVOLUZIONE
degli
SCHEMI
MOTORI di BASE
(Roth 1982)
FASI SENSIBILI per l’ALLENABILITA’ delle
CAPACITA’ COORDINATIVE:
(Martin 1982)
SVILUPPO AUXOLOGICO (STRATZ)
SVILUPPO AUXOLOGICO dai
8 ai 11
ACCRESCIMENTO
Dai 7 anni fino alla pubertà vi è una stabilizzazione della crescita dei segmenti
corporei di tutto il corpo
MATURAZIONE SNC ed ANALIZZATORI
• Nello stesso periodo si osserva una rapida maturazione del Sistema
Nervoso Centrale
• Pa...
Dinamica dello sviluppo delle capacita’ coordinative
ALLENAMENTO delle CAPACITA’
COORDINATIVE e FASE SENSIBILE
• L’allenamento delle capacità coordinative, in
generale, deve e...
ALLENAMENTO delle CAPACITA’
COORDINATIVE dalla pubertà in poi
• Da adulti, durante la vita, le capacità coordinative
dimin...
CAPACITA’ COORDINATIVE ed APPRENDIMENTO
• Il miglioramento delle Capacità coordinative dipende
anche da come le informazio...
INSEGNAMENTO e APPRENDIMENTO
CLASSIFICAZIONE
delle CAPACITA’ COORDINATIVE
• Alcuni autori (Meinel, Blume, Weineck) suddividono le
capacità coordinative...
SCHEMA delle CAPACITA’ COORDINATIVE
GENERALI e SPECIALI secondo Blume
COMPONENTI delle CAPACITA’ COORDINATIVE
CAPACITA’ COORDINATIVE SPECIALI
(Weineck 2010)
1. Capacità d’EQUILIBRIO
2. Capacit...
Capacità d’EQUILIBRIO
La capacità che permette di tenere in stato di
equilibrio tutto il corpo , di mantenerlo o
recuperar...
Esercitare le diverse Tipologie d’EQUILIBRIO
Capacità d’ORIENTAMENTO:
La capacità di determinare, e cambiare nello
spazio e nel tempo, la posizione e i movimenti
del c...
ESERCITARE L’ORIENTAMENTO SPAZIO TEMPORALE
• Per prima cosa eseguire spostamenti e movimenti in
spazi e direzioni conosciu...
La Capacità di esprimere un gesto in modo preciso ed
economico, coordinando le varie fasi del movimento
tra loro e in rapp...
Tipologie di Capacità di DIFFERENZIAZIONE
La Capacità di differenziazione si può suddividere a
secondo dei recettori coinv...
L’ALLENAMENTO delle CAPACITA’ di DIFFERENZIAZIONE
• Prendere in considerazione il ruolo dei vari recettori tenendo
present...
Capacità di RITMO
La capacità di:
• comprendere un ritmo proveniente
dall’esterno e di riuscire a riprodurlo dal punto
di ...
• Utilizzare dei modelli ritmici come modelli guida
del movimento
• Individuare il ritmo di movimenti semplici
• Ritmare i...
Capacità di REAZIONE
La capacità di avvio tempestivo dell’esecuzione di un
movimento, in relazione ad un segnale (tempo di...
Tempo di reazione
ALLENAMENTO REAZIONE MOTORIA
La capacità di reazione proprio perché è essenzialmente legata alla sfera della
rapidità dei ...
Capacità di TRASFORMAZIONE
La capacità che, sulla base dei cambiamenti della
situazione che sono stati percepiti o previst...
ESERCITAZIONI PER LO SVILUPPO DELLE
CAPACITA’ di TRASFORMAZIONE
• adeguamento motorio (adattamento o
cambiamento del progr...
Capacità di COORDINAZIONE
SEGMENTARIA
La capacità di coordinazione segmentaria (o capacità
di combinazione e abbinamento) ...
PRINCIPI FONDAMENTALI dell’ALLENAMENTO
CAPACITA’ COORDINATIVE
1. PRINCIPIO della SPECIFICITA’: gli esercizi da eseguire
de...
IN SINTESI:
METODI dell’ALLENAMENTO CAPACITA’ COORDINATIVE
• Stesso esercizio:
• Dal semplice al complesso
• Dallo statico...
Esempio di esercizi per le
Capacità Coordinative
by Stelvio Beraldo
http://www.sportmedicina.com/rapidita
_e_coordinazione...
4 pier lez_capacità_coordinative_ge11
4 pier lez_capacità_coordinative_ge11
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

4 pier lez_capacità_coordinative_ge11

593

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
593
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
40
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "4 pier lez_capacità_coordinative_ge11"

  1. 1. SPORT INDIVIDUALI LE CAPACITA’ MOTORIE Emanuela Pierantozzi
  2. 2. CAPACITA’ O QUALITA’ MOTORIE? • Le QUALITA’ sono i modi di essere delle strutture corporee • Le CAPACITA’ possono essere le peculiari quantizzazioni delle qualità, cioè le capacità possono quantificare le qualità. • Differenzia Il concetto di capacità da quello di qualità il signmificato implicito di MISURAZIONE e di CONTROLLO della variazione e della evoluzione nel tempo di ciascun fenomeno motorio • E’ per questo riferimento concreto e quantificabile che il termine capacità è più corretto di qualità per esprimere l’infinita gamma di valori riscontrabili nelle prestazioni motorie
  3. 3. LE CAPACITA’ MOTORIE DEFINIZIONI • Le capacità motorie sono i presupposti motori di tipo endogeno (interno), che permettono la formazione di abilità motorie (Manno 1989). • Le capacità motorie sono i prerequisiti su cui l’ uomo e l’atleta costruiscono e sviluppano le proprie abilita’ tecnico-motorie (Zaciorskij)
  4. 4. DIFFERENZA TRA CAPACITA’ MOTORIE e ABILITA’ MOTORIE • CAPACITA’ MOTORIE: le capacità motorie sono i PRESUPPOSTI del movimento (i «mattoni» necessari per ogni “costruzione”), determinate anche geneticamente. • ABILITA’ MOTORIE (skills): le abilità motorie sono SEQUENZE DI MOVIMENTI APPRESI (la «casa costruita con i mattoni»); esse si creano sulle capacità motorie e si automatizzano con la ripetizione. • Più «scarse» sono le capacità motorie più è difficile apprendere nuove abilità («pochi mattoni=case modeste»).
  5. 5. CLASSIFICAZIONE delle CAPACITA’ MOTORIE • Le capacità motorie sono molteplici e diverse tra loro • In genere vengono raggruppate e classificate in sottoinsiemi • Una delle classificazione maggiormente in uso, ma non definitiva per via della complessità estrema di questo ambito, vede le capacità motorie suddivise in 2 grandi categorie (Gundlach 1968): – Capacità condizionali, (o fisiche oppure organico-muscolari; Bellotti 1999) – Capacità coordinative
  6. 6. FORZA CAPACITA’ COORDINATIVE GENERALI VELOCITA’ 1. equilibrio 2. orientamento 3. differenziazione 4. ritmo 5. reazione 6. trasformazione 7. coordinazione segmentaria RESISTENZA CAPACITA’ COORDINATIVE SPECIALI Capacità di • Apprendimento • Controllo • Adattamento MOBILITA’ ARTICOLARE
  7. 7. COMPONENTI della CAPACITA’ di PRESTAZIONE SPORTIVA ( Weineck 2010) Fattori di predisposizione, costituzionali, di salute … TECNICA: Capacità coordinative e abilità CONDIZIONE: Capacità condizionali Capacità tecnico- cognitive Capacità psichiche-tattiche Capacità sociali Capacità di Prestazione dell’Atleta Le Capacità Motorie fanno parte delle componenti della prestazione dell’atleta e si manifestano in modo unitario, influenzandosi reciprocamente
  8. 8. LE CAPACITA’ COORDINATIVE
  9. 9. DEFINIZIONE di CAPACITA’ COORDINATIVE • Per capacità coordinative si deve intendere quel complesso di funzioni deputate prevalentemente al controllo e alla regolazione del movimento e perciò condizionate soprattutto dalla funzionalità del sistema nervoso centrale (Bellotti 1999). • Le Capacità Coordinative sono capacità che mettono l’atleta in grado di controllare, con sicurezza ed economia, le sue azioni motorie sia in situazioni prevedibili (stereotipate) che imprevedibili (variabili) e di apprendere i movimenti sportivi in modo relativamente rapito (Weineck 2010); • Queste capacità rappresentano, assieme alle capacità condizionali, il presupposto per l’apprendimento delle abilità tecniche sportive. • Le capacità coordinative in sintesi rappresentano la “destrezza” dell’individuo.
  10. 10. PRINCIPI delle CAPACITA’ COORDINATIVE • Le capacità coordinative sono controllate prevalentemente dal: – Sistema Nervoso, quello Centrale (il cervello) maggiormente. • Si basano sul funzionamento e la loro perfetta integrazione di: – SNC (comandi centrali) – Fattori fisici della prestazione – Analizzatori motori (funzione sensopercettiva di analisi e verifica) – Effettori motori (funzione esecutiva) – Patrimonio motorio (esperienza)
  11. 11. GLI ANALIZZATORI MOTORI • Gli analizzatori motori (organi senso-percettivi utili alla motricità) servono alla: – ricezione – decodificazione – elaborazione – trasmissione – memorizzazione delle informazioni sensoriali. • I più importanti per il movimento sono: – Analizzatore ottico – Analizzatore acustico – Analizzatore tattile – Analizzatore cinestesico , detto anche cinestetico (propriocettività). – Analizzatore vestibolare (equilibrio statico-dinamico) Le capacità coordinative si fondano sull’assunzione di informazioni da questi organi
  12. 12. CAPACITA’ COORDINATIVE e loro SVILUPPO • Lo sviluppo delle capacità coordinative dalla nascita fino al periodo puberale è parallelo, anzi completamente sovrapponibile, alla maturazione funzionale del sistema nervoso dell’individuo. • Le fasi ottimali di sviluppo delle diverse capacità coordinative si manifesta in momenti diversi. • In generale, però, la loro maggiore spinta si manifesta dal settimo anno d’età fino all’entrata nella pubertà (picchi di crescita del SNC e degli analizzatori seso percettivi e miglior apprendimento).
  13. 13. CAPACITA’ COORDINATIVE e SCHEMI di BASE • Lo sviluppo delle capacità coordinative dalla nascita fino al periodo puberale è parallelo e conseguente allo sviluppo dello SCHEMA CORPOREO e degli SCHEMI MOTORI di BASE dell’individuo.
  14. 14. FATTORI DELLA MOTRICITA’ DEL BAMBINO RUOLO e POSIZIONE Sistema senso-motorio Schema corporeo Schemi posturali Schemi motori Capacità condizionali Abilità Motorie’ ATTIVITA’ MOTORIA del BAMBINO Capacità coordinative
  15. 15. SCHEMA CORPOREO (Le Boulche) Lo schema corporeo è la rappresentazione che si ha del proprio corpo in una situazione statica o dinamica, in rapporto: • alle diverse parti fra loro • con lo spazio • con gli oggetti che lo circondano
  16. 16. SCHEMI MOTORI di BASE • Camminare • Correre • Lanciare • Saltare • Rotolare • Strisciare • Arrampicare • …
  17. 17. EVOLUZIONE degli SCHEMI MOTORI di BASE (Roth 1982)
  18. 18. FASI SENSIBILI per l’ALLENABILITA’ delle CAPACITA’ COORDINATIVE: (Martin 1982)
  19. 19. SVILUPPO AUXOLOGICO (STRATZ)
  20. 20. SVILUPPO AUXOLOGICO dai 8 ai 11
  21. 21. ACCRESCIMENTO Dai 7 anni fino alla pubertà vi è una stabilizzazione della crescita dei segmenti corporei di tutto il corpo
  22. 22. MATURAZIONE SNC ed ANALIZZATORI • Nello stesso periodo si osserva una rapida maturazione del Sistema Nervoso Centrale • Parallelamente si incrementa la funzionalità degli analizzatori acustici, ottici, vestibolari (statico-dinamico), tattili e propriocettivi (cinestetico). • Contemporaneamente si ha un miglioramento dell’elaborazione dell’informazione
  23. 23. Dinamica dello sviluppo delle capacita’ coordinative
  24. 24. ALLENAMENTO delle CAPACITA’ COORDINATIVE e FASE SENSIBILE • L’allenamento delle capacità coordinative, in generale, deve essere condotto principalmente dal settimo anno d’età fino all’entrata nella pubertà, quando si hanno i picchi di crescita del SNC e degli analizzatori senso-motori e miglior apprendimento. • L’allenamento di queste capacità durante la fase sensibile è decisivo per quanto riguarda il livello di sviluppo che potrà essere raggiunto successivamente.
  25. 25. ALLENAMENTO delle CAPACITA’ COORDINATIVE dalla pubertà in poi • Da adulti, durante la vita, le capacità coordinative diminuiscono più o meno rapidamente in relazione e parallelamente alla diminuzione del livello dei fattori fisici della prestazione. • L’atleta terrà allenate le capacità coordinative automaticamente attraverso la pratica di sport (soprattutto attraverso lo studio della tecnica). • Il livello di allenamento di queste sarà determinato dalla tipologia dello sport praticato, dalla frequenza e dalla qualità degli allenamenti. • Gli sport più allenanti le capacità coordinative sono gli sport di situazione e i tecnico-compositori.
  26. 26. CAPACITA’ COORDINATIVE ed APPRENDIMENTO • Il miglioramento delle Capacità coordinative dipende anche da come le informazioni arrivano all’allievo • Il ritmo di apprendimento può essere diverso
  27. 27. INSEGNAMENTO e APPRENDIMENTO
  28. 28. CLASSIFICAZIONE delle CAPACITA’ COORDINATIVE • Alcuni autori (Meinel, Blume, Weineck) suddividono le capacità coordinative in GENERALI (o di base) e SPECIALI; altri parlano solo delle speciali (Bellotti). • E’importante comunque sottolineare che le capacità coordinative generali e quelle speciali sono fra loro strettamente correlate. • Infatti le capacità coordinative generali sono quelle di apprendimento motorio, controllo motorio e adattamento motorio, tutte capacità necessarie per l’apprendimento, lo sviluppo e il consolidamento delle capacità coordinative speciali. • Le capacità coordinative speciali sono le componenti “elementari” delle capacità coordinative generali. • Le capacità coordinative speciali vengono “dosate” a seconda del compito motorio richiesto.
  29. 29. SCHEMA delle CAPACITA’ COORDINATIVE GENERALI e SPECIALI secondo Blume
  30. 30. COMPONENTI delle CAPACITA’ COORDINATIVE CAPACITA’ COORDINATIVE SPECIALI (Weineck 2010) 1. Capacità d’EQUILIBRIO 2. Capacità di ORIENTAMENTO SPAZIO-TEMPORALE 3. Capacità di DIFFERENZIAZIONE 4. Capacità di RITMO 5. Capacità di REAZIONE 6. Capacità di TRASFORMAZIONE 7. Capacità di COORDINAZIONE SEGMENTARIA
  31. 31. Capacità d’EQUILIBRIO La capacità che permette di tenere in stato di equilibrio tutto il corpo , di mantenerlo o recuperarlo durante o dopo ampi spostamenti del corpo stesso TIPOLOGIE di EQUILIBRIO: a) Statico b) Dinamico (moto traslatorio e moto rotatorio) c) In volo (moto traslatorio e moto rotatorio) d) equilibrio statico-dinamico in riferimento agli attrezzi trasportati dall’atleta
  32. 32. Esercitare le diverse Tipologie d’EQUILIBRIO
  33. 33. Capacità d’ORIENTAMENTO: La capacità di determinare, e cambiare nello spazio e nel tempo, la posizione e i movimenti del corpo riferiti ad un campo di azione definito. Si suddivide in capacità di orientamento spaziale e capacità di orientamento temporale.
  34. 34. ESERCITARE L’ORIENTAMENTO SPAZIO TEMPORALE • Per prima cosa eseguire spostamenti e movimenti in spazi e direzioni conosciuti e prefissati • Poi riduzione e variazione degli spazi a disposizione con giochi e situazioni variabili e inconsuete (numero dei giocatori, forma del campo, diversi punti di riferimento e mete o attrezzi • E’ importante osservare se stessi (specchio o videotape) ma anche rapportarsi allo spazio a disposizione utilizzando recettori propriocettivi • Osservazione e conoscenza dello spazio degli altri da fermi ed in movimento
  35. 35. La Capacità di esprimere un gesto in modo preciso ed economico, coordinando le varie fasi del movimento tra loro e in rapporto ai segmenti coorporei interessati all’esecuzione. E’ la capacità di discriminare in modo fine tutti gli elementi importanti di un movimento Dipende da: – Informazioni cinestesiche – Percezione spazio-temporale – Confronto tra movimento eseguito e la sua rappresentazione mentale Capacità di DIFFERENZIAZIONE
  36. 36. Tipologie di Capacità di DIFFERENZIAZIONE La Capacità di differenziazione si può suddividere a secondo dei recettori coinvolti: • Differenziazione CINESTESICA (es.: velocità del movimento e della tensione muscolare) • Differenziazione SPAZIALE (ampiezza dei movimenti segmentali del corpo e in toto) • Differenziazione TEMPORALE Le capacità di differenziazione sono da sviluppare per prime perchè dipendono molto dall’input percettivo
  37. 37. L’ALLENAMENTO delle CAPACITA’ di DIFFERENZIAZIONE • Prendere in considerazione il ruolo dei vari recettori tenendo presente che durante l’apprendimento ci possono essere scambi di informazioni tra i sistemi • Molti sistemi recettoriali diminuiscono la loro sensibilità con stimoli uniformi, stereotipati, che durano a lungo • E’ possibile escludere momentaneamente o parzialmente alcuni recettori per esaltare l’attività di altri (es.: esercizi bendati) • È importante fra prendere coscienza specialmente delle sensazioni propriocetttive (rilassamento-tensione, gioco dei contrari) • Autovalutazione dei risultati raggiunti
  38. 38. Capacità di RITMO La capacità di: • comprendere un ritmo proveniente dall’esterno e di riuscire a riprodurlo dal punto di vista motorio, • realizzare nella propria attività motoria un ritmo interiorizzato, cioè esistente nella propria immaginazione.
  39. 39. • Utilizzare dei modelli ritmici come modelli guida del movimento • Individuare il ritmo di movimenti semplici • Ritmare i movimenti con le parole alto-basso, veloce-lento, destro-sinistro, flettere- distendere, contrarre-rilasciare ecc. • Collegare i ritmi motori con quelli acustici: fischietto, tamburello, battuta mani, accompagnamento musicale • Eseguire esercitazioni dove si ricerca un ritmo interno istintivo (rtmo personale) Esercizi per la Capacità di RITMO
  40. 40. Capacità di REAZIONE La capacità di avvio tempestivo dell’esecuzione di un movimento, in relazione ad un segnale (tempo di reazione alla percezione di un segnale). Il segnale può essere acustico, visivo o tattile. Lo stimolo può essere prevedibile (partenza 100 metri) o non prevedibile (rubabandiera) e la risposta ad esso può essere stereotipata (prestabilita) o non stereotipata (variabile) . La capacità di reazione è connessa alla rapidità di movimento, ma non sono la stessa cosa! La rapidità di movimento non è identificata con la prontezza della percezione del segnale e del successivo invio di impulsi per l’attivazione motoria vera e propria.
  41. 41. Tempo di reazione
  42. 42. ALLENAMENTO REAZIONE MOTORIA La capacità di reazione proprio perché è essenzialmente legata alla sfera della rapidità dei processi nervosi di attivazione e conduzione degli impulsi non è una qualità fortemente allenabile . Le esercitazioni da utilizzare dovrebbero accorciare il tempo di reazione motoria attraverso: 1) Risposte motorie dal semplici al complesso, a segnali (acustici, visivi, tattili) attesi e cadenti in tempi definiti e perciò prevedibili (esempio sport di combattimento: risposta con parata e contrattacco ad una tipologia di attacco conosciuta che avviene al via «cadenzato» dell’allenatore) 2) Risposte motorie a segnali imprevedibili, cadenti in tempi indefiniti (esempio sport di combattimento o giochi sportivi: risposta variabile ma adeguata ad azione d’attacco eseguita con tecnica non conosciuta in momento non prevedibile) Altre regole per migliorare la capacità di reazione sono: Aumentare i fattori di disturbo, es.:falsi segnali, difficoltà recettoriale, fatica… Richiedere risposte sempre più precise Richiedere risposte sempre più complesse Aumentare la varietà dei segnali Diminuire il tempo di preparazione prima del segnale
  43. 43. Capacità di TRASFORMAZIONE La capacità che, sulla base dei cambiamenti della situazione che sono stati percepiti o previsti, permette di: • adattare il programma di un’azione motoria che si sta eseguendo alle nuove circostanze, • oppure di proseguire l’azione in modo completamente diverso, cioè adottando un programma nuovo.
  44. 44. ESERCITAZIONI PER LO SVILUPPO DELLE CAPACITA’ di TRASFORMAZIONE • adeguamento motorio (adattamento o cambiamento del programma d’azione) ad imprevisti elementi di disturbo alla normale sequenza motoria in corso di attuazione • effettuazione dell’esecuzione tecnica specifica in stato di esaurimento neuromuscolare, cioè di affaticamento (solo per atleti di alto livello)
  45. 45. Capacità di COORDINAZIONE SEGMENTARIA La capacità di coordinazione segmentaria (o capacità di combinazione e abbinamento) è la capacità di coordinare adeguatamente tra loro: • i movimenti dei segmenti del corpo tra di loro (esempio: arto superiore destro con arto superiore sinistro, tronco con testa, arti inferiori con arti superiori) • i movementi segmentari del corpo con i movimenti globali del corpo diretto a raggiungere un determinato obiettivo di azione motoria (esempio: coordinazione braccia-gambe nella corsa)
  46. 46. PRINCIPI FONDAMENTALI dell’ALLENAMENTO CAPACITA’ COORDINATIVE 1. PRINCIPIO della SPECIFICITA’: gli esercizi da eseguire devono essere strettamente correlati alle qualità che si vogliono allenare; 2. PRINCIPIO della DIFFICOLTA’ CRESCENTE: stimoli nel tempo dal semplice al complesso; 3. PRINCIPIO della CORRETTA EFFETTUAZIONE: precisione massima possibile; 4. PRINCIPIO della VARIAZIONE : per riuscire a stimolare in maniera efficace è necessario variare: 1. la tipologia di esercizi (analitici e globali, statici e dinamici), 2. le condizioni ambientali (luoghi chiusi-aperti, terreni, attrezzi, spazi..) 3. la velocità esecutiva 4. Lo stato di affaticamento del soggetto 5. L’esecuzione simmetrica ( lato dominante e lato non dominante) 6. L’organizzazione esecutiva (da soli, a coppie, in gruppo)
  47. 47. IN SINTESI: METODI dell’ALLENAMENTO CAPACITA’ COORDINATIVE • Stesso esercizio: • Dal semplice al complesso • Dallo statico al dinamico • Dal lento al veloce, dal veloce al lento • Da esecuzione da soli ad esecuzione in coppia o in gruppo, con partner nuovi • Ridurre o ingrandire lo spazio d’esecuzione • Cambiare ambiente d’esecuzione (al chiuso, all’aperto) • Variare le modalità d’acquisizioni delle informazioni • Eseguire gli esercizi sotto il controllo temporale • Eseguire gli esercizi in stato di affaticamento • Eseguire gli esercizi simmetricamente • Variare gli esercizi • Combinare più esercizi già automatizzati
  48. 48. Esempio di esercizi per le Capacità Coordinative by Stelvio Beraldo http://www.sportmedicina.com/rapidita _e_coordinazione.htm
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×