MENSILE NOVELLARESE DINFORMAZIONE                                                                                         ...
2Una straordinaria partecipazione alle                                                                                    ...
3                                 Notizie a cura della Amministrazione ComunaleTangenziale, atto secondo                  ...
4Antonio Mariani Cerati, un’icona                                                                                  repubbl...
5per la sorella maggiore Maria. Tonino, dopo la              caparbietà battendo e ribattendo il chiodo, comechiusura dell...
6In memoria di Antonio Mariani CeratiUn’uomo animato da una passione politica autentica e sincera che non nasceva daastrat...
7Antonio Mariani Cerati: una bellisimapagina nella storia della nostra comunità“Sono le persone come Angelo Roncalli e Ant...
8          L’URP informa... rubrica a cura dell’ufficio relazioni con il pubblicodAL CoMuNe AiuTi ALLe FAMiGLie           ...
9gere: - all’Urp del Comune di Novellara, dove ti verrà        dei suini macellati a domicilio (comprensivo di esa-       ...
10Una vacanza alternativa: il campo                                                                                       ...
11Pratiche domestiche ecologicheed economiche“Riscopriamo il valore della sobrietà, riduciamo gli sprechi, emancipiamoci d...
12 Poeti di casa nostra                                   Angolo “OASI” Gruppo Mutuo Aiuto Psicooncologico                ...
13                   Auguri                                                         Auguri                                ...
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
il Portico n.261 novembre 2009
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

il Portico n.261 novembre 2009

2,230

Published on

il Portico n.261 novembre 2009
mensile novellarese
www.ilportico.wordpress.com
...è ora di comunicare on-line
tel. 0522-652131

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,230
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "il Portico n.261 novembre 2009"

  1. 1. MENSILE NOVELLARESE DINFORMAZIONE Novembre 2009 n.261 ANNO XXVIII Tariffa R.O.C.: "Poste Italiane s.p.a. - Spedizioni in abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 467 art.1, comma 1, DCB - Reggio Emilia - N.1 copia €. 1,00 Foto Antonio Lecci L’ultimo saluto ad Antonio Mariani Cerati “Tonino”, per 25 anni sindaco di NovellaraL’addio dei novellaresi a Tonino pag.4 I prodotti degli agricoltori pag.8 Hobbisti novellaresi pag.14
  2. 2. 2Una straordinaria partecipazione alle dell’alternativa al governo di destra. Una forza che saldi le grandi questioni della democrazia con le ri- sposte alla crisi economica e alle sue pesanti ricaduteprimarie per l’alternativa sul piano sociale. E vogliono un partito con un’iden- tità, che sia una nuova sintesi delle diverse identità confluite nel PD, con un forte profilo riformista, conAnche in questa occasione, come nelle due precedenti, gli elettori dell’Ulivo e del una presenza costante sul territorio e sui problemi dei cittadini. Un partito che non subisca l’agendaPartito Democratico hanno dato un forte segnale di partecipazione. Ogni volta ci della destra, ma ha una sua agenda e su questa sisi stupisce di questa forza, che è un elemento essenziale della democrazia nel muove nel Paese e nel rapporto con le forze di oppo-nostro Paese. Bisogna trarne tutte le conseguenze politiche. sizione, per costruire l’alternativa. Ovviamente con la disponibilità al confronto e anche a possibili intese dell’On Maino Marchi con la maggioranza, nelle sedi istituzionali, su rifor-Una prima conseguenza è che le primarie sono un all’indebolimento dell’Ulivo, a cui avevano portato me e provvedimenti condivisi, che servano al Paese.elemento strutturale del PD, un punto di congiun- le scelte su cui Rutelli aveva condotto la Margherita A me pare che, dopo le primarie e l’Assemblea Na-zione tra vita interna del partito e coinvolgimento nel maggio di quell’anno dopo la grande vittoria alle zionale che ha sancito l’elezione a Segretario di Pierdell’elettorato. Dovremo regolarle meglio, non abu- regionali (cioè la scelta di non fare le liste dell’Ulivo Luigi Bersani vi siano le condizioni per avviare unasarne, stabilire con più certezza in quali occasioni e nel proporzionale alla Camera dell’allora legge elet- nuova fase politica per il PD e per il Paese.per cosa si usano, ma ormai si sono delineate come torale). Nel 2007 furono un messaggio per la sem- Questo percorso ha permesso, in tutte le mozioni, diun aspetto della nostra identità democratica. plificazione della politica, l’aggregazione dei partiti far emergere forze giovani e nuove. Vale per il livelloUna seconda conseguenza è un messaggio affinché e per rafforzare il Governo Prodi. Così almeno l’ho nazionale, così come per quello regionale e locale.il centrosinistra sia in campo per il governo del Pae- interpretato io: non mi sembra che i nostri elettori Bisogna rendere queste forze protagoniste dei pros-se. Nel 2005 eravamo alla vigilia delle elezioni politi- tifassero per la caduta del governo, le elezioni antici- simi appuntamenti che ci aspettano, continuandoche e furono una risposta contemporaneamente alle pate e la probabilissima vittoria di Berlusconi. l’investimento sul futuro.manomissioni della Costituzione e della legge eletto- Questa volta c’è un messaggio ancora una voltarale che il centrodestra stava compiendo, così come chiaro. Gli elettori vogliono una forza che sia il perno Foto di Graziano PederzoliIl Partito Democratico che vorreiAppunti dalle risposte ai 200 questionari distribuiti il 25 ottobre,giorno delle pri-marie per l’elezione del segretario del PD. di Adorina Catalano e Omero BelliniTrasparenza e coerenza sono le qualità che gli elet- del territorio emerga prioritario solo dopo i 40 anni,tori del PD di Novellara vorrebbero riconoscere nel tra quelle generazioni che hanno vissuto i cambia- Il mercato della terra in via Cavourneo eletto segretario del Partito. Ma quello che più si menti nel tempo e hanno esperienza di ciò che talichiede è una attenzione ai bisogni reali dei cittadini cambiamenti possono significare nel vivere dell’uo- fascia 35-50, dove è più alta la percentuale di popo-e la capacità di attirare i giovani, di parlare a loro, di mo con la natura, il paesaggio, il cibo, i rapporti con lazione attiva e di donne che lavorano.riportarli alla passione e all’impegno perché possa gli altri. L’argomento della laicità è al terzo posto per “Illegalità e corruzione”: è indicato come il primoesserci una indispensabile rifondazione della politica la fascia di età 26-35 anni e over 70. problema dell’Italia. Soprattutto dai giovani è sentitoe dello spirito pubblico, garanzia di formazione e di Quali le linee guida degli elettori del PD di Novellara anche quello della libertà di informazione. Il rispettoefficace possibilità di ricambio della classe dirigen- per uscire dalla crisi economica: delle Istituzioni è al primo posto tra gli over 70 e alte. Alla domanda “Quali devono essere le priorità investire in ricerca e sviluppo e aumentare la com- secondo tra gli over 50. Non emerge nelle fasce piùdel PD” vengono indicate: “Lotta alla disoccupa- petitività delle imprese. giovani, quasi a significare un “disturbo” nella tra-zione” “Legalità e sicurezza” “Istruzione e ricerca”. Una riforma del sistema bancario viene proposta smissione di valori tra le generazioni. Vale la penaQuest’ultima rinforzata dalla necessità di politiche dalle persone in età compresa tra i 36 e i 45 anni, chiedersi come si possa essere efficaci testimoniculturali (soprattutto per la fascia di età tra i 26 e i 35 mentre la necessità di sbloccare le opere degli enti trasmettitori, come si possa far fare esperienza con-anni). E’ inoltre da sottolineare che il problema della locali è avvertita dagli over 50. La lotta all’evasione sapevole per riportare a sentire l’importanza e la ne-Scuola, dell’Università e della Ricerca è unanime- fiscale è una priorità da tutti riconosciuta. Politiche di cessità del rispetto dello Stato, delle Istituzioni, dellamente e trasversalmente considerato il secondo, in sostegno al reddito sono auspicate tra le priorità del Costituzione, per ridare credibilità alle Istituzioni eordine di importanza, tra i problemi che attualmente PD, soprattutto dalle fasce più giovani e dagli over poter riconoscere in esse, e nei principi fondamenta-vive l’Italia. 55. La necessità di aumentare i salari è sentita nei li della nostra Democrazia, la base irrinunciabile deiE’ interessante notare come il tema dell’ambiente e giovani e negli over 60; una riforma del welfare nella diritti di libertà degli individui.
  3. 3. 3 Notizie a cura della Amministrazione ComunaleTangenziale, atto secondo Grazie Vittorio Vittorio ci manca tanto. Un uomo veramente buono, di quelli estremamente discreti e silenzio-Il mosaico della viabilità da Novellara a Reggio lità esistente ed in corso di realizzazione coste- si, segno di chi sa ancora ascoltare attentamente,Emilia continua ad evolversi ed a svilupparsi. rà oltre dieci milioni di euro e vedrà impegnata caratteristica rara ormai. Nel suo esempio quoti-Nei giorni scorsi la ditta Bacchi spa di Boretto si la ditta per circa 18 mesi prima di arrivare alla diano di altruismo e generosità, lascia a tutti noiè aggiudicata la realizzazione del secondo stral- completa realizzazione. Ancora in fase di con- un grande esempio morale.cio funzionale della tangenziale che allaccerà la clusione le attività di acquisizione dei terreni per Alla sua compagna di vita Idretta, alle figlie Car-Provinciale proveniente da Guastalla al ponte i quali mancano solo i pagamenti ai proprietari melita e Isa ed ai nipoti rinnovo le mie più sentitesul Canale Cartoccio con il primo intervento in che, salvo una sola eccezione, hanno aderito in condoglianze anche da parte di tutti i dipendentidirezione Bagnolo, che si è inaugurato nello modo bonario all’esproprio.Tempo permetten- comunali. raul daoli - Sindacoscorso marzo. Quest’opera, assai più comples- do quindi si dovrebbe vedere il cantiere entrosa del primo stralcio in quanto vede la presenza fine anno.di due cavalcavia e parecchi innesti con la viabi-Un saluto a Tonino ed Edda, i nostripadri costituenti di Raul Daoli SindacoForse non tutti hanno notato che al passaggio del Foto Antonio Lecciferetro di Tonino, all’interno del cortile della Rocca,un piccolo colpo di vento ha fatto cadere una pioggia Tutte le mattine, puntualissimo, con qualsiasi sta-di foglie gialle dagli alberi. La cosa mi ha stupito e mi gione, nebbia, vento, pioggia, afa, arrivava con laha lasciato una grande dolcezza nel cuore. sua bicicletta all’interno della Rocca, la sua secon-E’ come se Tonino abbia voluto salutare, donare un da casa della quale conosceva ogni angolo, ogniultimo sorriso alle tantissime persone venute a dargli anfratto e della quale custodiva gelosamente lel’estremo saluto. chiavi. Eravamo abituate a vederlo ovunque, ne-Vorrei ancora una volta ringraziare tutti i ragazzi che gli uffici, in Biblioteca, in Museo, nel cortile, sem-hanno partecipato al corteo, quei giovani forse han- pre con il sorriso, sempre disponibile con tutti.no sentito raccontare qualche bella storia dai propri Il suo piacere, la sua ragione di vita, era esserenonni, delle battaglie e dei successi ottenuti da Toni- utile agli altri e utile, anzi indispensabile, lo erano ed Edda. Vorrei che questi racconti continuassero davvero. Non c’era problema che non riuscissead essere tramandati ad alta voce, nelle scuole, nei a risolvere, tanto che la frase “datemi una leva ecircoli, nei bar, tra una panchina e l’altra, come parte to più complesso, più veloce”. E’ vero, tutto si sta solleverò il mondo” ben gli si addiceva.della nostra storia, del nostro bagaglio culturale ed facendo più difficile, ma mi chiedo se l’onestà, la se- Ora che non c’è più rimarranno per sempre inidentitario. rietà, l’umiltà, il fervore per ciò che si fa nell’esercizio Rocca tracce del suo passaggio; nei grandi e pic-Perché Tonino ed Edda furono i nostri padri costi- del proprio lavoro e per la propria comunità possa- coli lavori, nelle scritte sugli scatoloni, nell’ordinetuenti. no essere considerati valori passati di moda o dati dei magazzini, ma niente sarà più come prima.Per me a fianco di coloro che hanno sancito i valori per scontati. Tonino ed Edda ci hanno lasciato con Lo ricorderemo sempre, ogni giorno, per il suoed i principi su cui si doveva basare la nostra Repub- una grossa responsabilità: ridare slancio ai valori che buon cuore, la sua pazienza e generosità ma an-blica, c’era gente come loro che li mettevano in pra- hanno guidato le donne e gli uomini della loro ge- che per le tante risate fatte assieme e per l’affettotica quotidianamente, con passione, responsabilità, nerazione nella ricostruzione e nella rinascita della che ci legava. Avremo cura del suo ricordo. Gra-serietà, guardando sempre un po’ più in là. nostra terra. Ciò vuol dire credere nel futuro come zie Vittorio, davvero grazie, di essere passato daMolti dicono “non è più come un tempo, ora è tut- fecero loro, e riconquistarlo. qui. elena Ghidini e enrica Sgarbi NOVELLARA (RE) via C. Colombo, 91/93 S.GiovANNi di NoveLLArA (re) via Provinciale Sud, 45 Tel. 0522/662526 tel.0522657123 - fax 657735 email: info@arredamentisaccani.it
  4. 4. 4Antonio Mariani Cerati, un’icona repubblica -2/6/1948-, la stesura della carta co- stituzionale, l’istituzione della giunta comunale provvisoria (16/12/1945) formata dal Comitatodella storia novellarese di Liberazione in accordo con il prefetto, presie- duta da Rossi Rubes che resse Novellara fino alle prime elezioni amministrative comunali 17/03/1946. Elezioni che videro la vittoria del-Ci sono storie di questa nostra terra che sono “irraccontabili”, perché si racconta- le sinistre con l’insediamento di Boccaletti Aro ano da sole. Le raccontano la vita, i fatti, gli avvenimenti. Testimoniano di persone sindaco di Novellara esautorato il 14/06/1946,che lasciano un impronta nella storia di cui ai giorni nostri si è un sostituito da Rubes Rossi che porterà a termine il mandato sino al 30/6/1952. In quella giuntapo’ persa la memoria, perché narrano di generazioni di uomini come assessore era presente anche Gallianoche avevano il senso del fare. Esempi di umiltà e umanità e di un Mariani Cerati. Idee, discussioni e tendenze con-amore profondo verso questa nostra terra. Ideali che suonano un fuse che in breve tempo si fecero più chiare, lapo’ anacronistici ai giorni nostri. Persone che rappresentano la fac- formazione dei primi schieramenti politici, anche sulla base di ciò che avveniva nelle grandi cittàcia pulita della politica. Personaggi politici, ”riformisti senza mac- d’Italia PCI, PSI, DC, le prime elezioni politichechie”, capaci di scelte difficili per restare vicini alla propria gente. -18/4/1948-, con l’Italia divisa in due: DC da una di Giovanni Panini parte e Fronte Popolare dall’altra, la mobilitazione fu enorme. La “battaglia” elettorale fu aspra, l’ap-Uomini capaci di assumersi responsabilità poi conflitto mondiale, ancora quindicenne vive gli parire delle prime avvisaglie della guerra freddapagate a caro prezzo e di rinunciare ad arrivismi avvenimenti attraverso gli occhi del padre Gal- con il mondo diviso in due blocchi. Le prime ele-e carrierismi per il bene dei cittadini. Storie che liano fervente antifascista che proverà per ben zioni politiche del 1948 si conclusero con la vitto-non parlano di eroi ma di persone con uno stile tre volte l’ospitalità delle patrie galere del regime ria della Democrazia Cristiana, pur confermandodi vita non comune. Una di queste storie è quella fascista. Tonino, tre anni dopo l’entrata in guerra un enorme forza delle sinistre P.C.I -P.S.I.- Neglidi Antonio Mariani Cerati, detto Tonino, il “sin- dell’Italia, viene mobilitato di leva il 24 maggio anni del primissimo dopoguerra Tonino, insiemedaco operaio”. Tonino per tutti noi Novellaresi è 1943, arruolato in fanteria 25° reggimento di ai fratelli aiutava il padre nell’azienda da fabbro,il Sindaco punto e basta. Poco importa se dopo stanza a Cervignano del friuli e distaccato poi a partecipando attivamente alla vita sociale Novel-di Lui altri si sono succeduti al suo posto. Toni- Pola nel luglio del 43. Dopo l’armistizio –8 set- larese. Erano i tempi delle “riunioni fiume” nellano può essere paragonato alle pietre della torre tembre 1943-, ed il conseguente sbandamento sede del PCI di via Gonzaga, una vera bottegadella rocca o della torre campanaria della chiesa dell’esercito Italiano è catturato dai tedeschi in di idee, in cui si formerà “l’intellighenzia” delledi Santo Stefano. Anche il sindaco operaio “tiene quel di Pola insieme ad altri 20.000 soldati Ita- prime giunte comunali di sinistra. Di quei tem-dentro” le radici della storia della nostra terra. Da liani di stanza in Istria. Internato nello stalag 317 pi l’incontro di Tonino con i tanti personaggi cheuna parte la torre che rappresenta la vita civile lager nei pressi di Mittelbergutten una cittadina lasceranno un segno, nel recente passato delladall’altra il campanile, quella religiosa. Intrec- austriaca vicino a Salisburgo. Tonino, matricola nostra comunità. Durante queste frequentazioniciati fra di loro osservano e vigilano da sempre 34.091, racconta di quei giorni, in un capitolo l’incontro con Edda Ferretti - di sei anni più gio- sul nostro Paese, un po’ del libro “Una scelta difficile”. Nella primavera vane - che poi diventerà sua moglie nell’agosto come ha fatto Tonino per del 1945 dopo aver cercato per ben due volte del 1952 e sarà colei che lo sostituirà come sin- 40 anni della sua vita. vanamente la fuga, riesce al terzo tentativo ad daco durante il periodo del carcere agosto 1953 evadere, ritrovando la libertà e ritorna in Italia gennaio 1954. Tra i due giovani nasce subito un Antonio Mariani Cerati, a piedi ricongiungendosi ai suoi familiari l’11 “intesa perfetta”, sugli ideali, le prospettive e la nasce a Novellara nello Maggio 1945. Erano tempi di grande fervore, voglia del fare e progettare ogni cosa. Una vita stabile degli ex stallo- per l’allora 21 enne Tonino -ma non solo per quella di Tonino ed Edda durata fino ai giorni no- ni della cavalleria dove Lui-, un’intera nazione che voleva buttarsi die- stri e diventata punto di riferimento per la Novel- attualmente sorgono le tro le spalle gli anni bui della guerra, ricostruire il lara del dopoguerra e non solo. Nel Gennaio del scuole elementari, il ven- paese e dimenticare in fretta il recente passato. 1950 se ne va il padre Galliano, mentre Tonino e tottesimo giorno del mar- Un’intera generazione uscita dall’inferno della se- le sorelle Giuseppina, Maria ed il fratello Vittoriozo 1924, da Galliano e Bianchi Bianca, secondo conda guerra mondiale, era colma di gioia, di en- restano vittime dell’epidemia di tubercolosi chedi cinque figli (Maria, Vittorio, Giuseppina, Vico) tusiasmo e voglia di vivere a cui la guerra aveva colpisce la zona della bassa reggiana fra il 1948trascorre l’infanzia e la sua prima adolescenza fra sottratto gli anni della giovinezza dando loro in ed il 1952 che causa diversi lutti fra le famigliela bottega da fabbro del Padre e la frequenta- cambio, dolore, patimenti, morte, fame e paura. Novellaresi e che sarà debellata solo con l’arrivozione delle scuole elementari. Allo scoppio del II La liberazione, il referendum fra monarchia e della streptomicina, malattia che risulterà fatale CENTRO REVISIONI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI CON AUTORIZZAZIONE MINISTERIALE INSTALLATORE AUTORIZZATO IMPIANTI GPL E METANO
  5. 5. 5per la sorella maggiore Maria. Tonino, dopo la caparbietà battendo e ribattendo il chiodo, comechiusura della bottega da fabbro grazie alla sua nella migliore tradizione dei fabbri li porta a com-passione per la pallacanestro (giocava in serie B pimento. Durante questo lungo cammino, fedelenelle fila della A.P. Reggiana) trova occupazione compagna, nella vita, nel lavoro e nella malattia,come operaio alle officine OMSA di Reggio Emi- Edda Ferretti ha vissuto con” Lui” i momenti dilia ed in seguito come sindacalista. Nelle elezioni gioia e di dolore che si sono snodati dal 1945 adamministrative del 1952, come del resto quelle oggi, dall’elezione a Sindaco nel 1952, all’arrestoprecedenti, la giunta P.C.I-P.S.I. ottenne un enor- di Tonino, quando Lei allora 23 enne divenne ilme numero di voti e Tonino fu eletto Sindaco, sindaco più giovane d’Italia. Alla scarcerazione die la sua futura moglie Edda Ferretti consiglie- Tonino dopo l’amnistia Saragat ed alla successi-re, carica alla quale fu riconfermato per ben 5 va assoluzione con formula piena “perché il fattolegislature dal 1952 al 1976. Dal 1976 al 1982 non costituiva reato”, alla nascita del loro primofu assessore all’urbanistica e per le rimanenti 2 ed unico figlio il 1/1/1961 Daniele, alla conclusio-legislature 1982-1992 consigliere fra le fila della ne della sua vita politica nel 1992, alla malattiamaggioranza. Durante le Amministrazioni da lui ictus cerebrale che ha colpito Tonino il 29/11/94,presiedute, vennero approvati e varati progetti ed a tutti i riconoscimenti di stima ed affetto con-importanti: l’Abicoop, abitazioni a proprietà in- cretizzatisi con la premiazione del 7/2/98, qualedivisa (prima esperienza in campo nazionale), Sindaco dei Novellaresi presente anche Basso- Testo e fotografie tratte dal volume “Novellara Nove-il servizio di assistenza domiciliare agli anziani, lino -Sindaco di Napoli- in rappresentanza dei cento” edito dal Comune, a cura di Adorina Catalanoriconosciuto fra i più efficienti d’Italia, l’asilo nido, sindaci d’Italia. Nell’investitura insieme ad Eddala palestra scolastica, la piscina coperta, ma la quali Novellaresi celebri del XX°secolo (sindacosua idea vincente fu quella di coinvolgere la Calzari) e nel riconoscimento di Monsignor Lorisgente, al di sopra delle idee politiche. Si pensi Francesco Capovilla segretario di Papa Giovan-che si arrivò all’approvazione di bilanci comu- ni XXIII cittadino onorario di Novellara, qualenali all’unanimità con soddisfazione di tutte le uomo saggio e lungimirante per quei tempi inparti politiche. Durante le “sue” amministrazioni cui occorreva essere un passo davanti alla leg-si diede vita ad una fitta rete di consulte create ge. Nel 2002 il Presidente della Repubblica Carlosu problemi specifici: sul commercio, lo sport, Azeglio Ciampi ha riconosciuto ad Antonio Ma-l’artigianato, le donne, la casa, la sanità. Tonino, riani Cerati l’onorificenza al “merito di Cavalieretutt’oggi anche dai più giovani è ricordato per la della Repubblica”. Negli ultimi anni della vita,sua onestà e rettitudine e la sua disponibilità ad spesso il tempo rende le situazioni sempre piùascoltare tutti. Per la sua volontà, il suo dinami-smo e la sua tenacia a portare a termine le opere difficili e sofferenti, Tonino ed Edda hanno vissu- to lucidamente nell’appartamento di Piazza della Un campione di umanitàprogrammate, che, a detta degli stessi sindacidei paesi limitrofi di quegli anni, fecero di lui un Resistenza guardando i tanti amici di un tempo andarsene. Poi a poca distanza l’uno dall’altra, tra i campioni del pedalepunto di riferimento per tutta la Bassa Reggiana. ad inizio autunno di quest’anno, se ne sono an-Per ben 3 legislature gli fu offerta con insisten- dati mestamente anche loro. Bello, alto, elegante nel suo completo vestitogli addossoza la candidatura per un seggio alla camera. Egli dal sarto Cesare. Così come lo volevano i concittadini. Per-però non volle diventare una pallina anonima nel ché lui era il Sindaco e rappresentava il decoro del suosegreto dell’urna di Montecitorio (cosa ambitissi- paese, la dignità e l’impegno soprattutto. Perché era unma da molti politici d’oggi N.D.R.), ma scelse di esempio, un modello e un vanto. E se non si vive di ri-rimanere un uomo che opera in modo diretto a cordi, si vive soprattutto di quelli più belli. Eccolo in duecontatto con la gente e con i problemi, e che, con immagini di festa, la partenza ad un evento ancora oggi rimasto epico, con Tonino nell’incarico di “mazziere”. Una volta all’anno, negli anni passati, a Vezzola veniva Precisazione organizzato il “circuito degli assi” una gara ciclistica cui La redazione del Portico si scusa con il partecipò anche Coppi, il campionissimo. Due campioni: prof. Sergio Ciroldi per aver omesso in- uno accanto all’altro, Tonino e Fausto. E mentre scriviamo volontariamente la sua firma all’articolo continuiamo a chiamarlo il sindaco, come se fosse stato solo lui ad essere il primo cittadino di Novellara. I suoi “in ricordo di edda Ferretti” apparso sul degnissimi successori hanno nome e cognome. A lui non numero precedente. Foto Antonio Lecci è mai servito. Si chiamava, solo per chi viene da fuori, Antonio Mariani Cerati.
  6. 6. 6In memoria di Antonio Mariani CeratiUn’uomo animato da una passione politica autentica e sincera che non nasceva daastratti ideali ma si era formata nelle drammatiche vicende, prima, dell’esperienzafascista, della guerra e del campo di prigionia e poi del duro dopoguerra. di Loris LusettiLa mia conoscenza di Antonio Mariani Cerati risale al sociali di partenza, il massimo di opportunità.!972/1973. Fino ad allora la mia conoscenza era stata come In quegli anni era entrata nel partito e si stava afferman-quella di un lontano spettatore che però tanto nell’ambien- do anche a Novellara una nuova generazione che, di-te famigliare come all’esterno avvertiva il grande rispetto e rettamente o indirettamente, si era formata nelle lottel’ammirazione per l’uomo e il sindaco della città. studentesche e operaie del 68/69 e proponeva al PCI e Anno 1986 - In questa foto che documenta il batte-In realtà custodivo anche un ricordo personale risalente al all’Amministrazione nuovi valori ma anche nuovi spunti simo dell’associazione “Empori della Rocca” compa-periodo dell’infanzia. Negli anni sessanta era consuetudine di riflessione, di lotta e di azione politica e anche, inevi- iono quattro sindaci: Antonio Mariani Cerati, Fabrizioa Novellara premiare gli alunni delle scuole elementari e tabilmente, l’esigenza di un rinnovamento negli uomini. Camellini, Loris Lusetti (allora in carica) e Sergio Cal-delle medie più meritevoli con una manifestazione al ci- Mariani, lucidamente, era consapevole dell’esigenza di un zari come presidente dell’associazione degli Empori.nema Verdi nella quale venivano distribuiti gli attestati di ricambio e della necessità di impegnare in funzione di go-merito dai dirigenti scolastici alla presenza delle pubbliche verno quella nuova leva ma voleva che quel ricambio non vaste e impegnative.autorità. Sarà stato il 1964 o il 1965 e ricordo ancora ades- avvenisse al buio ma nella salvaguardia delle conquiste Credo, poi, che i suoi successi e le sue realizzazioni sianoso che nel cinema gremito di alunni ed insegnanti quando e delle esperienze fondamentali compiute a Novellara.. state possibili anche per il suo grande carisma, per la suacomparve il sindaco, l’abito bianco e la figura slanciata, era Fu quello un momento di confronto intenso, non privo grande capacità, cioè, di attrarre le persone ed esercitarecome se si fosse materializzato il cavaliere “senza macchia di scontri e di polemiche, come molti ricorderanno, ma fu su di esse una leadership naturale, in questo aiutato anchee senza paura” dei romanzi d’avventura. Quel giorno pur anche un confronto alto e nobile che impegnò molti mili- dalla sua prestanza, dalla sua costante energia che ne fa-non essendo lui il protagonista prese la scena a tutti gli tanti e da cui poi il PCI e l’Amministrazione uscirono con- ceva un po’ , come forse avevo intuito tanti anni prima, unaltri adulti. solidati e rileggittimati. Anch’io partecipai a quel confronto, cavaliere senza macchia e senza paura.Voglio ricordare questo particolare, che può sembrare insi- non da protagonista, da comparsa se vogliamo, anche Il luogo naturale dove svolgere il suo percorso e trasmet-gnificante, perché anche questo può concorrere a spiegare per ragioni anagrafiche, e tuttavia fu per me un’esperien- tere tutta la sua energia fatta di fede, di passione e di ragio-le ragioni di un affetto e una ammirazione di cui la persona za di formazione incredibile. Schierato con i giovani per ne politica era e restò per sempre Novellara. Quando allae il dirigente politico era circondato e che solo più tardi convinzioni e sentimenti era però impossibile non restare fine degli anni 60’ Mariani si era affermato come dirigenteavrei saputo interpretare complessivamente. affascinati dalla persona di Mariani e non provare rispetto a tutto tondo anche nel panorama pur ricco di leaders eMa per tornare a dieci anni più tardi era quello il periodo per le sue ragioni e la sua storia che era fatta soprattutto di figure importanti in città e in regione e gli furono pro-in cui si stavano realizzando a Novellara le condizioni per di ideali, di lotte e di realizzazioni. In quella fase storica spettati diversi e numerosi incarichi compreso a quello diun ricambio al vertice dell’Amministrazione Comunale che e anche successivamente di Mariani mi impressionarono parlamentare, Mariani rifiutò costantemente. Un po’ perfino ad allora, sia per il grande e diffuso prestigio di cui alcune sue qualità che lo resero anche per me un esempio un residuo di timidezza per le sue radici autenticamen-godeva Mariani sia per l’oggettiva difficoltà di trovare can- e un riferimento costante. te popolari e un po’, come diceva Edda, la sua moglie edidati all’altezza del compito, il Partito Comunista Italiano Mariani era innanzitutto animato da una passione politica compagna, perché avrebbe avuto l’impressione di tradire(PCI). di Novellara e della federazione di Reggio Emilia autentica e sincera che non nasceva da astratti ideali ma si Novellara, amata da lui in modo sconfinato. Ma da questoavevano rinviato. era formata nelle drammatiche vicende, prima, dell’espe- punto di vista si può ben dire che egli fu (una volta tantoMariani era stato protagonista principale a partire dagli rienza fascista, della guerra e del campo di prigionia e poi ) profeta in patria perché tanto amò Novellara e tanto neanni 50’ di un ciclo di grandi lotte e di grandi trasforma- del duro primo dopoguerra. Gli ideali di pace, fratellanza, fu ricambiato.zioni che partite dall’esigenza di salvaguardare il lavoro e i uguaglianza, lavoro, si erano forgiati in quei tragici mo- Quando anni dopo, nel 1981, mi toccò il testimone delladiritti dei lavoratori si erano poi indirizzate verso la ricerca menti con la convinzione che quegli ideali fossero il campo guida del Comune ebbi la fortuna di non dover subire dadi uno sviluppo e di un progresso che ampliasse sempre di naturale del movimento operaio, della sinistra politica e parte della cittadinanza il confronto diretto con lui e di poterpiù la sua base sociale. Uno sviluppo che non si limitasse sindacale e del PCI, in modo particolare. Questa fede negli contare sempre sul sulla disponibilità inesauribile della suaad accompagnare e favorire la trasformazione dell’econo- ideali e nella scelta di campo politica non sfociavano mai in esperienza e dei suoi consigli. Anche quel ruolo di consi-mia locale da agricola ad industriale ma lo qualificasse con lui nell’estremismo o nella ideologia ma semmai erano la gliere speciale del “principe”, che mi era molto utile, gli erauna politica dei diritti nei luoghi di lavoro e con una politica spinta per una politica che fosse progetto, organizzazione, naturale e lui sapeva esercitarlo con la sua solita passionedei servizi per l’infanzia, le famiglie e, poi, gli anziani, che ricerca dell’unità delle forze politiche e sociali la più am- ed energia. A volte però nei suoi consigli tradiva un po’ difosse ad un tempo occasione di lavoro e quindi di riscatto pia possibile nella convinzione che solo in questo modo ansia e d’altra parte non poteva essere diversamente nonper tante donne (specialmente) e tanti uomini altrimenti si possono ottenere conquiste significative e durevoli. Di avendo lui la certezza che davvero avrei “trattato bene” laemarginati e occasione di promozione sociale e civile più qui la sua costante ricerca di unità con il Partito Socialista sua Novellara. Indipendentemente dal suo giudizio su digenerale per cercare quanto più possibile di assicurare a e la ricerca di un dialogo con il mondo cattolico e con la me so di essermi meritato la sua amicizia e il suo rispettotutti, indipendentemente, dalle condizioni economiche- Democrazia Cristana che sfociasse in intese sempre più e questo mi basta. NuovA GeSTioNe doMeNiCA 8 NoveMbre ore 18,30 APeriTivo CoN buFFeT Musica a 360°, ricco buffet, gustosi aperitivi della casa un mix perfetto per passare la domenica sera all’insegna del divertimento e allegria NoveLLArA (re) Galleria dei Cooperatori, 13 per info tel. 347-0413735 CoMPAQ CQ61-222SL • CPU: Intel T4200 2.0GHz 1 MB L2 cache • Memoria RAM: 4GB DDR2 • Hard disk: SATA 500 GB • Scheda video: Intel GMA 4500M • Scheda di rete: 10/100 Mbps • Scheda wireless: WI-FI 802.11 b/g • Webcam integrata • Sistema operativo: Windows Vista o Windows 7 • Schermo: BrightView Widescreen • Dimensione: 15.6” ASSiSTeNzA ANChe A CASA voSTrA! 630€ iva inclusa NOVELLARA (RE) vicolo dei Mille, 3 tel. 0522/937492 fax 0522/652893 - email:info@abfinfo.it
  7. 7. 7Antonio Mariani Cerati: una bellisimapagina nella storia della nostra comunità“Sono le persone come Angelo Roncalli e Antonio Mariani Cerati quelle che lascia-no un segno nel mondo, un segno d’amore e di speranza, un segno d’affetto e dipace”. (Loris Francesco Capovilla, già segretario di Papa Giovanni XXIII). Foto Antonio Lecci di Sergio CalzariEstate dell’anno 1999 a Novellara, siamo nella Rocca, laresi, effettivamente, è stato tutto ciò. condiviso questa situazione con grande dignità, corag-è organizzato un evento del tutto speciale: la consegna Novellara sotto la sua guida, e con la forza e la deter- gio e con gli scarsi mezzi di una vita condotta all’insegnadella cittadinanza onoraria a mons. Loris Francesco Ca- minazione di un’intera generazione di uomini e donne degli altri e per gli altri. Un fulgido esempio di pubblicipovilla, già segretario di Papa Giovanni XXIII. irripetibili, è cresciuta economicamente, culturalmente amministratori impegnati solo ed esclusivamente al rag-Mons. Capovilla, nell’accettare l’onorificenza, fece sa- e socialmente. Senza enfasi ma con il giusto orgoglio giungimento del bene comune, dell’interesse generale,pere che veniva volentieri a Novellara per incontrare e per amore della verità, va riconosciuto che la nostra del soddisfacimento dei bisogni della cittadinanza. Leun vecchio amico, la cui amicizia risaliva a 30 anni pri- piccola comunità è stata in quegli anni all’avanguardia loro uscite sotto i portici o in pubblici consessi si eranoma, quando il prelato venne ad inaugurare la statua di nell’avviare servizi socio – assistenziali che l’Italia intera ultimamente molto diradate, ma sempre erano accom-Papa Giovanni che fu innalzata nello spazio antistante il ha ammirato, visto e poi riprodotto in vari territori. E’ il pagnate da una corale dimostrazione d’affetto dei novel-Santuario della Fossetta. L’amico al quale si riferiva era caso dei servizi integrati per gli anziani: casa protetta, laresi di ogni generazione e di ogni provenienza etnica.Antonio Mariani Cerati. L’amicizia tra i due personaggi circolo ricreativo, appartamenti protetti, centro diurno, Alla fine del secolo scorso, l’Amministrazione Comu-nacque nell’unico incontro avvenuto nella predetta oc- assistenza domiciliare; è il caso dell’istituzione del tem- nale di Novellara ha voluto celebrare e ricordare i di-casione; incontro che, come disse Capovilla, fu di un’in- po pieno nella scuole elementari; è il caso dei nidi e del- ciotto novellaresi protagonisti del XX secolo. Tra questetensità, umanità e schiettezza senza uguali. le scuole materne; è il caso dell’Abicoop (cooperativa di personalità spiccavano i nomi di Edda Ferretti MarianiDescrivere l’abbraccio tra Tonino e Capovilla è qualcosa abitanti a proprietà indivisa), prima esperienza in Italia, Cerati e Antonio Mariani Cerati, “autentici testimoni delche fa tuttora accapponare le pelle. Aver seguita la con- che nella sua ultratrentennale storia ha dato la casa a loro tempo ed esempio indelebile di passione civica eferenza di Capovilla è un ricordo senza paragoni. Mons. centinaia di famiglie. politica cristalline, di innegabile senso d’abnegazione,Capovilla ripercorse la vita del Papa buono, mise in Scrivere di Antonio Mariani Cerati e di Edda Ferretti di fulgida capacità di lavorare sempre e comunque arisalto l’influenza e l’alta considerazione che Giovanni (coppia inscindibile affettivamente, politicamente, mo- favore della gente e per la gente”. Nel 2002 il PresidenteXXIII aveva presso i governanti protagonisti della storia ralmente, umanamente) non è altro che scrivere una della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha riconosciutod’allora: Kennedy, Krusciov, Fidel Castro, e con una niti- bellissima pagina della nostra storia, del nostro modo ad Antonio Mariani Cerati l’onorificenza al “merito di Ca-dezza assoluta descrisse la risoluzione della crisi di Cuba di essere, delle persone laboriose, generose, accoglienti valiere della Repubblica”, nella cui motivazioni vengonoe il ruolo, centrale e decisivo, avuto da Giovanni XXIII, di questa terra strappata alle acque e resa produttiva espresse le più alte considerazioni per il servigio svoltouomo di grande fede, buono ma fermo, dialogante ma con il lavoro, la passione, la costanza, l’abnegazione, il nell’interesse esclusivo della cittadinanza. Aggiungeredeciso, dalla cristallina autorevolezza morale. sacrificio. Tutti termini che Tonino ed Edda hanno esal- altre parole sarebbe inutile. Riportare queste parole eAlla fine disse che sono le persone come Angelo Roncal- tati, rendendoli veri, umani, praticabili. Dal novembre raccontare la storia di Tonino ed Edda è il modo miglio-li e Antonio Mariani Cerati quelle che lasciano un segno del 1994 Tonino ha vissuto in condizioni di difficoltà re di educare, far crescere, alimentare nei giovani senti-nel mondo, un segno d’amore e di speranza, un segno fisica a seguito di problemi neurologici che ne hanno menti veri, principi e valori autentici, parole di speranza,d’affetto e di pace. Antonio Mariani Cerati per noi novel- compromesso l’autosufficienza. Edda e Tonino hanno d’amore, di solidarietà, di pace. LA DIttA comunica che DAL 1 gENNAIO 2010 aprirà in strada Provinciale Nord, 10 un ampio e rifornito magazzino di - Materiali ghiaiosi - Sabbia e terra da giardino - Materiali da riempimento NOVELLARA (RE) Cel. 338/3620702
  8. 8. 8 L’URP informa... rubrica a cura dell’ufficio relazioni con il pubblicodAL CoMuNe AiuTi ALLe FAMiGLie uso abitazione, oltre alla prima casa; non essere as-CoLPiTe dALLA CriSi eCoNoMiCA. segnatari di alloggio ERP o comunale; patrimonio fa-Le doMANde Si PoSSoNo PreSeNTAre migliare non superiore a 3.000 euro - valore ISE perFiNo AL 31 diCeMbre l’anno 2008 inferiore al limite di 45.000 euro. Il testo del bando è consultabile sul sito internetLa Giunta comunale ha spostato al 31 dicembre 2009 www.comune.novellara.re.it ed affisso all’Albo pre-la scadenza per le domande di aiuti economici alle torio del Comune, nella sala d’aspetto dell’Urp.famiglie colpite dalla crisi economica. Le richieste di Le domande passeranno al vaglio degli uffici di Mille-contributi vanno presentate entro le ore 12.30 del fiori. Gli eventuali contributi riguardano:31 dicembre all’URP (in Rocca), che provvederà a - pagamento delle utenze (gas, acqua, energia elet-fissare un appuntamento per un colloquio presso gli trica) per un ammontare massimo di 600 euro peruffici di “Millefiori” in via Costituzione 10/B. nucleo familiare nell’arco del 2009I contributi sono finalizzati a sostenere le spese per - l’affitto (contributo massimo di due mensilità), pari a 1.000 euro per nucleo familiare - in servizi on line- VOCE SPECIFICA ici - onl’alloggio di residenza (mutuo, affitto, utenze) e ad - il mutuo (contributo massimo pari a due rate men- line.affrontare la vita quotidiana (buoni spesa). sili di mutuo calcolato sulla media dell’importo paga- È bene ricordare che:Possono fare domanda le famiglie anche con figli to nei mesi da gennaio a luglio del 2009 e comun- - se il “ravvedimento operoso si fa entro trenta gior-maggiorenni a carico fiscale, se almeno un compo- que non superiore a 1.200 euro) ni dalla data di scadenza, si paga il 2,5% in piùnente, per almeno tre mesi, da gennaio a ottobre -Le famiglie che si sono fatte carico in tutti questi dell’imposta dovuta (più gli interessi)2009 è in cassa integrazione, mobilità, licenziamen- mesi delle spese qui sopra riportate avranno diritto - se il “ravvedimento operoso” si fa entro un annoto, non ha avuto il contratto rinnovato, o ha cessato ad un contributo per il mantenimento ordinario (300 dalla data di scadenza (al massimo entro il giorno dil’attività se lavoratore autonomo euro per un massimo di tre mesi) corrisposto sotto scadenza della presentazione della comunicazione) Gli altri i requisiti: la cittadinanza italiana o di Stato forma di buoni spesa per generi alimentari in super- si paga il 3% in più dell’imposta dovuta (più gli inte-dell’U.E; il permesso di soggiorno (ai sensi del D.Lgs mercati convenzionati con il Comune. ressi) ATTENZIONE : se si paga l’ICI in ritardo, senzan. 286/98) se cittadini extracomunitari; la residenza fare il “ravvedimento operoso, la sanzione sarà co-anagrafica a Novellara da una data anteriore al 1° iCi, SANzioNi ALLeGGeriTe dAL munque del 30 % (più gli interessi).Gennaio 2009; nessun titolo di proprietà, usufrutto, “rAvvediMeNTo oPeroSo” Occhio alle scadenze, agli errori, alle sviste! Quando doNAzioNe e TrAPiANTo di parliamo di ICI è d’obbligo. Dai controlli sugli avvi- orGANi, TeSSuTi, CeLLuLe si di accertamento dei contribuenti risulta purtroppo Donare i propri organi significa salvare vite umane. spesso che molti cittadini pagano l’imposta in ritardo E’ un atto di grande generosità che permette di re- - a volte di sole 24 ore, o di pochi giorni – e comun- galare a una persona in gravi condizioni di salute la que sia i ritardi possono costare cari: il 30 % in più possibilità di guarire e di tornare ad una vita norma- della somma dovuta. le.Si possono donare cuore, reni, fegato, pancreas, Per evitare di pagare questa maggiorazione, PRIMA polmone ed intestino, e, per quanto riguarda i tes- di fare il versamento dell’imposta, è sufficiente chie- suti, pelle, ossa, tendini, cartilagine, cornee, valvole dere il “ravvedimento operoso” direttamente all’uffi- cardiache e vasi sanguigni. cio Tributi del Comune o ad un CAAF. O consultare Un solo donatore può aiutare più persone. il sito www.comune.novellara.re.it- spazio di destra Se vuoi esprimere la volontà di donare ti puoi rivol- la ferramenta di William Vezzani articoli per edilizia - idraulica materiali elettrici - colori - bricolage Vende tutto con sconti Vendita artiColi Casalinghi dal 10% al 40% fino ad esaurimento sCorte a prezzi Vantaggiosi! su capi in pelle e piumini noVellara (re) via marchi, 20 aperto tutte le domeniche di dicembre (ex Carlo lombardini) tel. 0522/652431 NOVELLARA (RE) Via Veneto,11 tel. 0522/662068
  9. 9. 9gere: - all’Urp del Comune di Novellara, dove ti verrà dei suini macellati a domicilio (comprensivo di esa- diFeNSore CiviCofornito un tesserino da compilare e conservare tra i me trichinoscopico) ammonta a euro 7,00 per capo, Nel mese di dicembre, il difensore civico sarà pre-tuoi effetti personali; maggiorato del rimborso per il mezzo di trasporto sente in Comune solo il giorno 22, perché martedì- puoi scrivere di tuo pugno una dichiarazione di vo- per ogni seduta. Tale somma dovrà essere corrispo- 8 è festa (Immacolata Concezione). Di solito, a No-lontà a donare i propri organi dopo la morte con l’in- sta mediante versamento sul c/c postale all’atto del vellara, il difensore civico riceve il pubblico ogni se-dicazione dei tuoi dati anagrafici la data e la firma; ricevimento della relativa fattura. condo e quarto martedì del mese dalle ore 16.00 alle- puoi iscriverti presso le Aziende Usl e le Aziende ore 18.30. (per gli appuntamenti rivolgersi all’Urp).Ospedaliere dell’Emilia Romagna (telefonando al nu- SeGNALAzioNe GuASTimero verde 800 033 033 per sapere quale è la sede iLLuMiNAzioNe PubbLiCA NeSSuNo eSCLuSo: CoNdiviSioNe deLLApiù vicina dove esprimere la tua volontà); FeSTA deL SACriFiCio di AbrAMo- puoi iscriverti all’AIDO (Associazione Italiana Dona- Le segnalazioni di guasti e malfunzionamenti della Domenica 6 dicembre alle ore 17.30 presso il Teatrotori di Organi e tessuti). pubblica illuminazione vanno comunicate al Comu- della Rocca si celebra la festa del Sacrificio di Abra- ne ai numeri 0522/654.545 – 0522/655.405 indi- mo, che figura in chiusura del calendario delle feste STreNNA NATALiziA 2009 cando l’ubicazione esatta del guasto (nome della “condivise” dalle comunità del progetto “NessunoIn occasione del Natale il Comune di Novellara di- via e numero civico dell’abitazione più vicina). Escluso” per la conoscenza reciproca e l’invito allestribuirà come strenna il volume di Vittorio Ariosi relazioni.“Memorie istoriche dei Gonzaga di Novellara” editoda Aliberti Editore.Il libro sarà donato alla famiglie che si recheranno aritirarlo presso la Biblioteca Comunale dal 22 dicem-bre al 7 gennaio compreso (escluso festivi) dalle ore Il mercatino dell’antiquariato, i prodotti9.00 alle 12.30.iL boLLeTTiNo deLLA reGioNe oN LiNe locali e i norcini di S.BernardinoIl Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna Per ravvivare il mercatino dell’antiquariato, che si svolge ogni prima domenica dela partire dal 1 gennaio 2010 sarà redatto esclusiva- mese, da un po’ di tempo sulla piazza si alternano i gruppi amatoriali rappresen-mente in forma digitale e consultabile on line. La Re-gione Emilia Romagna garantisce l’accesso libero e tanti i vecchi mestieri e la locale tradizione agro-culinaria.gratuito a tutti i cittadini interessati tramite il propriosito www.regione.emilia-romagna.it, è possibile ac- di Olindo Bonolicedere anche dal sito del Comune di novellara, Il primo Novembre di quest’annosullo spazio di destra, alla voce specifica: Bolletti- oltre ai gazebi approntati per la Foto: “al strèchi” in azione.no ufficiale Regione Emilia Romagna, E’ possibile vendita dei prodotti locali, si sonocomunque fare richiesta della copia cartacea dietro esibiti i premiatissimi norcini diapposito pagamento in contrassegno. San Bernardino nella cottura dei ciccioli nei paioli alimentati a MACeLLAzioNe SuiNi legna. Una nota di sapore antico è A doMiCiLio Per uSo FAMiLiAre venuta dall’impiego di un attrezzo Anche quest’anno il Comune autorizza la macel- speciale, “al strèchi”, al postolazione a domicilio dei suini per uso familiare nel dei torchi per la pressatura delleperiodo dal 16 novembre 2009 al 15/02/2010 alle formelle. Altra novità è stata laseguenti condizioni: cottura della porchetta iniziata- n. massimo di due (2) suini per nucleo familiare. nella serata di sabato, proseguitaChi volesse macellare un numero superiore di ani- ininterrottamente per tutta la nottemali dovrà presentare motivata domanda agli Uffici e terminata verso mezzogiornoComunali; della domenica. Gli artefici della- la comunicazione, anche telefonica, deve essere staffetta Ronzoni Camillo, Rondinieffettuata almeno 24 ore prima della macellazione Abele, Cavazzoli Claudio e Ronzoni salumeria casereccia sotto al gazebo della fondazioneall’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) del Co- Giancarlo, hanno trascorso la notte sotto il cielo Papa Giovanni XXIII, allestito dal sempre impegnatomune di Novellara (tel. 0522/655.417) o al Servizio stellato in compagnia della luna piena. Anche questo e gioviale Giancarlo Incerti.Veterinario dell’A.T.V. di Guastalla (sede di Novellara è stato un modo per trascorrere la notte bianca, o, Fermarsi per scambiare due parole con questi0522 758.667) al fine di ottenerne l’autorizzazione; visto l’impegno profuso e il poco divertimento una personaggi, in mezzo a gradevoli profumi e sapori, fa- le macellazioni sono autorizzate esclusivamente nei notte “in bianco”. bene al cuore. Purtroppo in mezzo a loro si vedonogiorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 17.00 e il sabato I frutti morali dell’impegno sono arrivati domenica pochi giovani. La speranza è che crescano di numerodalle ore 8.00 alle ore 12.00; mattina con l’allegro assalto dei buongustai che in intorno alle iniziative sane, allegre e solidali.- la tariffa prevista per l’ispezione sanitaria delle carni poco tempo si sono accaparrati le leccornie della TERMOSANITARI SRL
  10. 10. 10Una vacanza alternativa: il campo In Serbia è tutto più vero, tutto più spontaneo, quei ra- gazzi mi hanno donato con un semplice sorriso tanto amore quanto raramente ne ho ricevuto prima, e soloestivo in Serbia con l’associazione dalle persone a me più care. Mi sono sentita viva, ho avvertito la serenità che mi circondava, ho percepito il calore di chi mi stringeva le mani e mi baciava con tanto“Un bambino per amico” affetto. Mi manca quel mondo, quella dimensione pa- rallela fatta di tutto e niente. La vita di tutti i giorni mi ha inghiottito di nuovo, ma mi impegno in ogni istante per non dimenticare, e per cambiare il mio modo di vivereIn questi anni molti di noi, lontano dalle luci dei riflettori, continuano ad organiz- e di vedere ciò che mi circonda. Tornata a casa mi sonozare missioni di pace, in luoghi che i mass-media hanno da tempo dimenticato, resa conto delle difficoltà che mi circondano. Ciò che là mi sembrava semplice e spontaneo, qui risulta dif-viaggiano per migliaia di km, spesso con le proprie auto e anche più volte l’anno, ficile e insolito. Tra i ragazzi ho imparato a mostrarmi,portano il loro sorriso e la loro voglia di speranza a sostegno di molti bambini, di ad aprirmi, a non trattenere nessuna emozione e a farcui da anni si prendono cura. Molti di questi bambini sono diventati adolescenti scorrere tutto al di fuori come un fiume in piena. Ho imparato a dare tutta me stessa, ma anche a capire ee si affacciano verso un futuro che in quei territori spesso non c’è, soprattutto per custodire come un dono prezioso ciò che ogni personachi come loro non ha alle spalle il calore di una famiglia. ha saputo,a suo modo, donarmi. Ma in questa realtà èQuesto è quello che succede a Banja Koviljaca, un piccolo paesino della Serbia. tutto troppo diverso e mi risulta estremamente difficile, se non in alcuni casi impossibile, manifestarmi senza la di Monica Righini paura delle conseguenze ai miei gesti. E’ tutto troppo costruito e artificioso e per quanto io mi sforzi, non saràAnche questa estate l’associazione “Un bambino per sono passati parecchi giorni e sono stata riassorbita mai come all’orfanotrofio.”amico” ha voluto essere in prima linea e per racconta- dallo spirito “italiota” di sempre, ma d’altra parte è una Alessia Guastallare l’esperienza vissuta nell’agosto di quest’anno da un sfida per capire se la nuova voglia di esserci, ereditata in Un vortice di emozioni, sentimenti contrastanti, sorrisi,gruppo di ragazzi reggiani presso l’orfanotrofio di Banja Serbia, non sia stata un semplice abbaglio. Ho voglia di lacrime trattenute a stento, gioco di sguardi, carezze,Koviljaca (Serbia). Lasciamo la parola ai protagonisti. togliermi la maschera, mi sto impegnando a portare con baci, abbracci, vita vera..quello che mi sta regalando“Credo che il modo migliore per raccontare quello che me nel rapporto con gli altri l’autenticità, la spontaneità, questa esperienza è qualcosa di incredibile:un senso diabbiamo vissuto, sia scrivere parte delle riflessioni, che la povertà stessa di quegli sguardi e di quelle mani che pienezza e completezza, di libertà e di equilibrio, di gioiai ragazzi hanno lasciato sul diario del campo, ...un dia- loro e voi volontari siete riusciti a regalarmi via. Credo e dolore indescrivibile...l’affetto che ti danno e l’attac-rio che giorno dopo giorno si arricchiva di parole e di che il frutto di quella settimana debba germogliare e fio- camento alla vita che questi ragazzi hanno è qualcosa rire poco a poco, lentamente, giorno di meraviglioso...gli offri una carezza e ti danno il loro dopo giorno. La vera sfida in realtà, cuore, non hanno niente e ti danno tutto. E’ difficile e non sono stati i giorni in Serbia, ma il semplicistico riportare quello che ogni giorno ti inse- riuscire adesso a ricavarne i frutti.” gnano questi ragazzi, ognuno di noi penso lo abbia vis- Serena Guastalla suto sulla propria pelle, quindi auguro a tutti di vivere “Ho imparato tante cose… un’esperienza così vera e viva. Ho imparato un linguaggio universa- Lele villa Minozzo le, fatto di sguardi, sorrisi, strette di Mi sento serena e libera, sento che gli abbracci e l’affetto mano, abbracci, baci e carezze. Ed di questi bimbi sono reali e sinceri...sento il bisogno di ho imparato che molto spesso le pa- vicinanza da parte loro e la gioia di poter esserci e di fare role non servono, è il nostro corpo a qualcosa che renda una loro giornata felice...sento che parlare per noi. tornando a casa lascerò una parte di me qui Ho imparato che la vera bellezza non Giusy Correggioverde è una ricercata cura di se stessi, ma Ci sono luoghi in cui il tempo ha il sapore dell’anima, la semplicità di chi vuole bene. dove le mani sfiorano le lacrime del nulla. Ci sono luo- Ho imparato che tutti siamo uguali, ghi in cui l’amore è l’essere fuori dal mondo, dove ogni e tutti abbiamo bisogno, in fin dei parola dà un senso alla tua vita conti, delle stesse cose. Mirko Fabbrico Ho imparato che non esistono limiti penso che l’amore non sia solo in una coppia felice, all’espressione della natura umana, l’amore è nella quotidianità della nostra vita. Prima par-emozioni, un diario che sarà per tutti noi, il ricordo di se non quelli immaginari che ci si crea per nascondercisi lavo dell’amore, ma forse non comprendevo ancoraun’esperienza indimenticabile ...grazie a tutti” Righini dietro. bene il significato di questa parola. Penso di averlo im-Monica Ho imparato che il potere di un singolo uomo è infinito parato qui, grazie a tutti davvero.“...Rischioso scrivere riguardo all’esperienza ora, che e fa la differenza. Greta Novellara
  11. 11. 11Pratiche domestiche ecologicheed economiche“Riscopriamo il valore della sobrietà, riduciamo gli sprechi, emancipiamoci dal mer-cato riscoprendo l’autoproduzione e gli scambi (doni) fra le persone”. di Roberto BlundettoUn po’ per la maggiore sensibilità ecologica e un coincidono anche con quelli economici) che spingo-po’ per la crisi economica, negli ultimi anni e ancora no all’autoproduzione di beni o alla scelta di prodot-di più negli ultimi mesi si sta verificando un rapido ti alternativi necessari nella vita di tutti i giorni. Perincremento di pratiche ecologiche, rimedi naturali esempio alcune persone producono in casa saponie fai-da-te nella vita quotidiana di molte famiglie. e detersivi, altri invece hanno sostituito i detergentiSpesso si tratta di pratiche abbandonate dalle recenti chimici convenzionali con quelli ecologici o con le or-generazioni o di azioni quotidiane rivisitate attraver- mai rinomate Noci Lavatutto. Faccio un breve incisoso le moderne tecnologie (o mode!). Mi riferisco per per chi non conoscesse ancora questi rimedi praticiesempio al crescente numero di famiglie che non si ed ecologici. I gusci delle noci del Sapindus Muko-reca più al forno a comprare il pane, ma preferisce rossi contengono saponina, una sostanza organicafarlo in casa. Sono molti quelli che hanno acquista- solubile in acqua che sviluppa oltre i 30°C un validoto una macchina per fare il pane in casa. In questo potere detergente, disinfettante e antibatterico. Il de-modo si può risparmiare, si scelgono gli ingredienti cotto di Noci Lavatutto può essere utilizzato comeda usare (da quelli biologici, a quelli dietetici, a quelli shampoo, detergente per stoviglie e pavimenti o an-di stagione…) e il risultato è una vera soddisfazione ticrittogamico naturale. Le Noci Lavatutto sono eco-personale. nomiche (con 1 kg si possono fare circa 200 lavatriciAltre volte sono motivi strettamente ecologici (che e dura un anno), efficaci al pari degli altri detersivi, adatte ad ogni tipo di pelle (ipoallergeniche), adatte ad ogni tipo di tessuto bianco e colorato (anche seta e lana), biodegradabili al 100% ed ecologiche (una volte esaurite si possono smaltire nei rifiuti organici). Un altro esempio è il detersivo fai da te costituito AMBULATORIO da 5-6 bucce di limone, senza succo e semi, che triturate assieme a sale grosso ed acqua vanno fatte VETERINARIO bollire con dell’aceto per mezz’oretta. Si può usa- re per lavare i piatti e soprattutto i pavimenti. Non Dott. Maurizio Bigi fa schiuma ma lascia un buon profumo di limone. Per il bagno si può invece utilizzare il bicarbonato Autorizz.22 del 25/09/2000 dal lunedì al venerdì di sodio che igienizza e sbianca e nell’acqua del ri- sciacquo aggiungere dell’olio essenziale di tea tree 09,00 - 12,00 (melaleuca alternifolia) che disinfetta o di menta che 13,00 - 17,00 lascia un buon profumo distensivo. Al posto del WC- net è efficace la coca-cola che toglie le incrostazioni sera per appuntamento (ciò dovrebbe far riflettere su di un uso eccessivo di sabato 13,00 - 15,00 tale bibita). Gli esempi riportati (tra gli innumerevoli esistenti) sono utili per cercare di mettere in evidenza che sia Novellara (RE) Via Manzoni, 14 attraverso il recupero di antiche attività ormai quasi (laterale via A.Costa) abbandonate sia tramite pratiche sconosciute fino tel.0522/654710 cell.337/584683 a poco tempo fa sia con sistemi moderni è possi- bile, senza sforzi, dare una mano alla salvaguardia dell’ambiente e contemporaneamente a quella del proprio portafogli. oTTiMA oCCASioNe Srl veNdeSi CAMPAGNoLA eM. Vende a Boretto in via goleto appartamenti indipendenti e-mail: info@immobiliarebertolini.it www.immobiliarebertolini.it Vende a Peschiera del garda CASA SINGOLA su lotto di terreno di 800 mq., in residences con piscina vista lago predisposta per due nuclei famigliari, composta da: a 200m dal centro storico e dal lago P.T.: Cucina abitabile, soggiorno, appartamenti con finiture di pregio due camere matrimoniali , bagno - lavanderia. di varie metrature 1° P: Cucina abitabile, soggiorno, tre camere matri- anche con giardino privato moniali , bagno e terrazzo. Ampia soffitta abitabile con camino. Garage in corpo staccato. vero AFFAre - Prezzo: 260.000,00 euro NOVELLARA (RE) Viale Roma, 10 Via Cavour, n°62 – 42017 Novellara (RE) cell. 348/5871774 Tel e Fax: 0522 654100 Cell: 348 4446131
  12. 12. 12 Poeti di casa nostra Angolo “OASI” Gruppo Mutuo Aiuto Psicooncologico Novellara (RE) L’appartamento via 47 C.Cantoni cell. 329/1839477 - 340/9817083 L’amicizia “Meno male che vi ho conosciute, La vita è quell’albero può vincere il dolore, che offre frutti strani, se fida le sue lacrime ora ho bisogno dell’amore di tutte voi” sarebbe giusto scegliere a chi gli offre amore. Febbraio 2003, ho appuntamento al consultorio per una visita di controllo come faccio ogni anno. soltanto quelli sani. Le anime son deboli Mentre il ginecologo mi visita sente che ho una ciste nel seno sinistro e quindi mi fa subito richiesta per I fiori son pensieri se manca il sentimento, una mammografia urgente. Cerca di tranquillizzarmi. Pronti a maturare, un faro non fa luce Ma non c’è riuscito. Scendendo le scale per andare al parcheggio non capivo se tremavo, se sudavo, se per coglierne il seme se lo si tiene spento. volevo piangere. Mi sono fermata un attimo e mi sono detta “OR, affrontiamo una cosa per volta”. e farlo germogliare. L’aiuto amichevole Esito mammografia: ciste seno sinistro, niente in tutto, ma attenzione, a sorpresa, pensate un po’, La mente è la chioma ci giunge dalla gente, microcalcificazioni sospette al seno destro. Chiaramente bisogna fare tutti gli esami per verificare di che del crescere che abbonda, se cogli il suo candore natura sono. A quel punto viene spontaneo urlare NO!! la linfa dei suoi rami e non ti chiedi niente. Non è possibile, è successo proprio a me? E perché proprio ora che la vita stava prendendo un percor- sa renderla feconda. Amore e amicizia so in discesa e aveva raggiunto un equilibrio, equilibrio sudato e conquistato duramente? Docezza e bontà concordano la pace, Inizia così un tremore costante dentro di me, la paura, non per me, ma per la mia famiglia e c’è il pen- fa lieto chi vuol vivere, e se ci accompagnano siero costante di non potere prendersi cura di tutto ciò che ci accompagnava ogni giorno e di deludere, ma se si ammala l’anina il vivere ci piace. in qualche modo, le persone a noi care. Ma va bene, sono una donna, sono forte come pensano e non sai a chi sorridere. E’ un vanto l’amicizia dicono tutti e allora iniziamo questo viaggio. Visite, esami vari: ecografia, agoaspirato, mammotone, Ma quando lo sconforto fa parte del pensiero, gastroscopia, colonscopia, radiografie... ce n’è per tutti i gusti. minaccia il divenire, qualcosa di socevole Ma sapete quale è il bello? Che non si può scegliere niente!!! Bisogna fare tutto dicendo: “Sì va bene”. Ah, dimenticavo di dirvi che nel frattempo è iniziato anche il male psicologico. Ben presto ci si rende La chioma resa debole di cui andarne fiero. conto che questo è molto più profondo del tumore, sapete perché? Perché il tumore al seno viene tolto comincia ad appassire. L’umano è un portatore e spesso sconfitto, ma il dolore psicologico, quello è dentro, si radica in ognuno di noi e nessuno ce lo Rincorri la fiducia d’affetto e di letizia, può togliere. Diventa così una lotta continua, è come vivere su un’altalena: una volta si va su e una volta nel bosco della vita, quel bene che contagia si torna giù, di continuo. Ma come dicevo prima, siamo donne e siamo forti e così ci avventuriamo in e chiedi alla speranza e sai che non ti vizia. sala operatoria e una volta uscite iniziarne tutto flebo, iniezioni, drenaggi, medicazioni e anche qui non perché ti ha tradita. Chi ama il proprio cuore si può scegliere, bisogna lasciarsi fare di tutto, possibilmente senza lamentarsi troppo, senza momenti Seppur nulla si fermi, s’à d’essere felice, di crisi, anche se la cannuccia del drenaggio punta troppo nella ferita e il dolore è così forte che io sven- l’incedere non muta, e se ascolta l’anima go, ma pazienza. A volte, per chi non lo vive, sembra quasi che stiamo recitando. ti sembrerà di vivere comprende quel che dice. Ma per la gioia di tutti, anche la tua, prima lasci il letto meglio è e quindi torniamo a casa e ci troviamo su un isola sperduta. La vita è quell’albero catapultate in una vita versione “tridimensionale”, ma qualcosa dentro di tè è cambiato e lascia un La vita è acqua limpida che da svariati frutti, segno indelebile. Il male psicologico imperversa e così aggiungi a tutto il resto anche la visita della psi- fin quando è trasparente, se c’è il ceppo sano coioga e poi il gruppo che lei ti propone. Meno male, dico adesso, che vi ho conosciute, ora ho bisogno ma quando giunge torbida vi è bontà in tutti. dell’amore di tutte voi, che come me, percorrete una strada che sembra non finire mai, ne ho bisogno il corpo è sofferente. per iniziare una nuova vita e interpretare questo segno che ci accomunerà per sempre. La forza dell’umano Mauro Schiatti (Testimonianza tratta dal libro “Liberi di vivere”). Iotti rag. Adelmo CerAMiChe ArTiSTiChe - CoTTo iMPruNeTiNo - PArQueT LeGNo - SANiTAri Arredo bAGNo - CuCiNe MurATurA - PieTre NATurALi - MArMi e MoSAiCi rio SALiCeTo (re) via r. Luxemburg, 24 tel. 0522/699991 Fax 0522/699899 DM Costruzioni s.r.l. di Morellini Geom. Daniele veNde Si eFFeTTuANo a Novellara in via Nova: costruzioni, progettazioni case abbinate in classe energetica C ristrutturazioni civili e industriali a Novellara in via M.Polo: ultimi appartamenti con ottime finiture a rolo in via Corbella: appartamenti e maisonettes - per info: cell. 348/9000390 - uff. 0522/652719
  13. 13. 13 Auguri Auguri Auguri a Sebastiano oliva che è arrivato tra noi il 14 ottobre. Mamma Rossella, papà Simone, i nonni Romano, a Carlotta bosi che il giorno 21 novembre ha compiuto 3 anni Rina, Roberto e Marzia, le bisnonne Romana, e continua a darci tanta gioia e felicità. Da mamma a Cristian Cocconi Marta e Anna lo zio Alessio e le zie Ramona e per il suo 1° compleanno. Lo festeggiano nonna Laila, Cristina Cantarelli , papà Mauro, nonni Bruno Arianna festeggiano il lieto l’evento. la sorellina Talita e gli zii Marco e Monica Mietta e Rina, bisnonni e tutti gli zii.Le autorizzazioni per attività rumorose nee”, come sono tutti i cantieri edili, è possibile chie- dere al Comune l’autorizzazione “in deroga”, cioè di esonero dal rispettare i limiti di rumore che sono fissatitemporanee dai decreti attuativi della legge stessa (decreto D.P.C.M. 14/11/1997). Questa richiesta di “deroga” è obbligatoria, anche se a di Paolo Bigi Tecnico competente in acustica tutt’oggi pochi lo fanno. In tale richiesta infatti devonoPuò essere capitato a tanti cittadini di avere nelle im- attività come quella dei cantieri edili, spesso percepita essere specificate orari e modalità, oltre a tutta un’altramediate vicinanze attività rumorose che impediscono come più fastidiosa perché implica anche suoni di tipo serie di dati indispensabili a circoscrivere il disagio ge-il nostro riposo o che comunque costituiscono fonte “impattivo”. Per tutte queste attività definite “rumoro- nerato ai soggetti confinanti. Una persona che si ritienedi disagio. Spesso queste attività sono di natura “tem- se” dalla legge, esiste l’obbligo di presentare all’autorità disturbata ha la facoltà di richiedere al proprio comuneporanea”, ossia limitate in un certo periodo di tempo, di massima sicurezza (il Sindaco) del comune in cui si una copia della previsione di impatto acustico, oltre laoppure legate al completamento di un opera o di un svolge tale attività, la previsione dell’impatto acustico. quale comunque si consiglia sempre di attivarsi in sen-servizio specifico. Si pensi ad esempio alle manifesta- Come spesso accada in Italia, esistono delle eccezio- so “collaborativo” con la fonte di rumore, allo scopo dizioni pubbliche, ai concerti, alle feste all’aperto organiz- ni: ad esempio la legge sull’inquinamento acustico n. contemperare le esigenze produttive a quelle del sin-zate dai bar nelle serate estive, ma anche ad altri tipi di 447/95 prevede che per svolgere le “attività tempora- golo cittadino.

×