Programma Il Popolo Per Volterra

657 views
596 views

Published on

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
657
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Programma Il Popolo Per Volterra

  1. 1. La nostra ‘ Visione’ ‘Il Popolo per Volterra’ nasce come un progetto di rinnovamento e di modernizzazione della nostra Volterra. ‘Il Popolo per Volterra’ si propone di segnare un nuovo inizio per la città in cui viviamo. Le amministrazioni di centrosinistra si sono susseguite in questi anni senza apportare miglioramenti alla città, senza lavorare per i cittadini e per il turismo. La conclusione di questo disastroso percorso è stata l’amministrazione Bartaloni a causa della quale la città di Volterra ha perso il poco smalto che ancora le rimaneva. Non solo sono diminuiti drasticamente i servizi offerti al cittadino ma si è anche perso il coraggio di investire sul futuro del territorio. Ci vogliono far credere che non siamo abbastanza, che non possiamo camminare con le nostre gambe, che abbiamo bisogno di assistenza esterna, che dobbiamo dare senza mai avere, che siamo soltanto una scomoda costola della Provincia. Noi invece crediamo che Volterra possa e debba diventare un centro toscano di prim’ordine. I giovani, le donne e gli uomini del Popolo di Volterra vogliono un futuro diverso per la loro città. Vogliamo una città dove i giovani possano avere un futuro, una città moderna che sappia crescere con coraggio, una città autonoma la cui amministrazione sia in grado di compiere scelte indipendenti, una ‘ città dei servizi’ grazie ai quali il cittadino possa sentirsi sicuro. Vogliamo una Volterra giovane, dinamica, intraprendente. 1
  2. 2. Vogliamo vivere la nostra città, adoperarci per il nostro territorio, investire nelle nostre risorse. Tuttavia, a nostro avviso, la parola ‘novità’ e i suoi derivati risultano sterili se non accompagnati da un progetto concreto, credibile e coraggioso. Abbiamo deciso di presentare il nostro progetto per punti, pochi e concreti, lasciando aperto il lungo percorso che ci aspetta al contributo del cittadino, visto, non come oggetto passivo, che subisce le delibere, ma come soggetto attivo, che lavora e costruisce il futuro della propria città insieme ai propri rappresentanti. Il nostro Programma verrà realizzato nell’arco dei prossimi cinque anni, ovvero nel corso della prossima legislatura, individuando delle priorità. Tali priorità, che porteranno il nome di ‘ Missioni’, saranno realizzate tenendo presenti tre criteri economici – vincoli: 1. Il vincolo del patto di stabilità che ci auguriamo venga ridotto 2. l’instabilità dei conti pubblici 3. la situazione macroeconomia globale In questi termini gli interventi attuativi del presente programma saranno comunque progressivamente e responsabilmente realizzati in funzione dell’andamento dell’economia e dei conti pubblici. Non facciamo e non promettiamo miracoli. In ogni caso non metteremo mai le mani nelle tasche dei cittadini aumentando, come è stato fatto da chi ci ha governato, tariffe ed imposte Proponiamo invece sette missioni per far rinascere Volterra. 2
  3. 3. Le nostre ‘ Missioni’ Prima Missione: “ Il Popolo per Volterra Città che risorge” La crisi economica globale sta compromettendo seriamente le aziende del territorio. Purtroppo anche una crisi di settore avrebbe comunque messo ancora più in ginocchio la nostra zona in quanto impreparata ed arretrata in innovazione. Occorre dare uno slancio creativo ed innovativo al nostro territorio. Fondamentale sarà, come sempre, il ruolo della Fondazione e della Cassa di Risparmio di Volterra Spa Rilanciare l’economia e lo sviluppo della Città, per le imprese, lo sviluppo, l’occupazione. • Defiscalizzazione ed abbattimento degli oneri di urbanizzazione per tre anni a favore delle nuove imprese che si insedieranno nella nuova zona industriale di Saline di Volterra ampliando quest’ultima (in quanto già in partenza sfavorita poiché di dimensioni ridotte). • Sostenere le imprese commerciali ed artigianali attraverso nuovi regolamenti che rendano l’esercizio dell’attività più libero e meno vincolato. • Favorire l’imprenditoria giovanile intercettando finanziamenti e promuovendoli • Incentivare la formazione professionale e l’occupazione nelle aziende locali per i residenti • Ricercare e aumentare i fondi regionali, governativi e comunitari per destinarli alle aziende presenti e nuove creando una task force tra 3
  4. 4. uffici comunali e agenzie specializzate con adeguate politiche di marketing territoriale. • Garantire alle imprese turistiche competitività attraverso azioni mirate al rilancio dell’immagine della Città di Volterra. • Creare un distretto industriale di piccole e medie imprese per la produzione di prodotti alimentari di nicchia che trovino la materia prima in loco. Pensiamo alle risorse agricole come il grano, per produrre la pasta, liberalizzare in base alle idee degli imprenditori le colture e gli allevamenti svincolandoli dalle imposizioni del Piano Strutturale. Viabilità • Promuovere recupero del progetto autostradale Colle Val d’Elsa-Cecina riaggiornandolo alle nuove esigenze. • Promuovere riammodernamento di tutto il tratto della SR439 Pontedera-Volterra. • Avere concreta attenzione e sistemazione delle strade di campagna consorziate rispettando gli impegni assunti nei confronti dei consorziati. Frazioni di Saline, Villamagna e Mazzolla • Saline: sistemazione della strada di Saline che conduce al Poggio Inghirami, rirpristinare il decoro urbano, i marciapiedi e regolare la viabilità soprattutto nei periodi estivi. Istallare dei dissuasori visivi contro gli eccessi di velocità nelle periferie del centro abitato. Sistemazione del Cimitero e soprattutto abbattimento del capannone all’incrocio della SR439 e SR68. 4
  5. 5. Questa area al centro del paese deve essere resa utilizzabile per parcheggi e area pubblica ed anche per sostenere la proposta di costruzione di una nuova Chiesa. • Villamagna Regolare la viabilità e rendere possibile la realizzazione del campo sportivo. • Mazzolla Uno dei borghi più caratteristici del nostro Comune. Necessario riassaltare la strada che presenta un manto scivoloso. Seconda Missione: “ Il Popolo per Volterra Città solidale, sicura ed accogliente, vicina alle famiglie, agli anziani, ai bambini e agli immigrati” Aiutare chi è rimasto indietro ed è in difficoltà è una delle nostre missioni principali. • Lo spopolamento ed il tasso di anzianità elevato hanno portato nel tempo alla mancanza di solidarietà tra generazioni. Proponiamo di incrementare le politiche a favore dell’anziano attraverso un pieno coinvolgimento nella società e incentivando la partecipazione al mondo del volontariato e ad attività al servizio della comunità. • Bambini: restituire in maniera decorosa adeguati spazi ed aree verdi a loro dedicate. Potenziare l’accoglienza nella scuola d’infanzia per agevolare i genitori lavoratori. • L’immigrazione comporta politiche di integrazione: gestiremo le problematiche relative alla comunità dei nuovi cittadini stranieri in 5
  6. 6. collaborazione con i rappresentanti delle stesse e con gli organi di pubblica sicurezza. • Monitoraggio ed assistenza alle difficoltà sociali ed economiche dei cittadini attraverso il coordinamento diretto delle risorse messe a disposizione da parte degli enti superiori. • Sostenere le famiglie mettendole al centro dell’azione amministrativa. Il nostro obiettivo è far crescere ed aiutare le giovani coppie ad insediarsi e ad abitare nella nostra Città. Terza Missione: “ Il Popolo per Volterra Città dei servizi” • Ospedale ed Auxilium Vitae Attivare un posto di guardia anestesiologica h24, potenziare il Pronto Soccorso rendendolo più moderno ed efficiente, attivare un posto letto di rianimazione, potenziare e mantenere i servizi presenti e puntare sulle eccellenze sull’esempio dell’ Auxiluim Vitae. • Inail Il progetto è stato per varie vicissitudini insabbiato. Occorrerà farsi parte attiva per “riesumarlo”. • Azienda Servizi alla persona “ Santa Chiara” Importante punto di riferimento per anziani e famiglie che hanno difficoltà logistiche nell’assistenza degli anziani. Dedicare un progetto per la permanenza diurna. • Carcere e Polizia Penitenziaria 6
  7. 7. E’ necessario attivarsi per ripristinare l’organico effettivo. I detenuti sono e restano detenuti, cittadini che hanno commesso un reato contro la società e che devono essere recuperati. Compito dell’amministrazione sarà quello di attivarsi per incrementare le attività di rieducazione e reinserimento. • Forze dell’ordine Difenderemo fermamente la presenza degli attuali presidi dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Polizia Stradale e della Guardia di Finanza. La nostra battaglia per l’apertura della nuova caserma sarà ancora più ferma e convinta che in passato. Ci adopereremo per favorire la locazione di abitazioni per gli operatori di polizia anche sotto forma di promozione di cooperative edili. Provvederemo al potenziamento del Corpo di Polizia Municipale affinché il vigile assuma la funzione di agente di polizia locale (anche nelle frazioni di Saline, Villamagna e Mazzolla) a tutti gli effetti e possa portare nelle opportune strutture comunali le segnalazioni dei cittadini ed effettuare controlli nei settori di competenza. Oggi questo per la scarsità di organico non è stato mai possibile. • Amministrazione Comunale Ridefinire la pianta organica è essenziale per renderla più snella e più consona con lo scopo di incentivare i dipendenti comunali al fine di servire meglio i cittadini. Monitorare la soddisfazione dei cittadini applicando le proposte del Ministero della Funzione Pubblica sulla Customer Satisfaction. Monitorare con più attenzione le strutture pubbliche affidate in gestione a terzi (Campeggio, Ostello, Bastione, Parco Fiumi). 7
  8. 8. • Istruzione Purtroppo la scarsa presenza di giovani nel territorio mette a continuo repentaglio la sopravvivenza degli Istituti Scolastici di secondo grado. Noi siamo per il mantenimento di tutti gli indirizzi attualmente in essere e continueremo a sostenerli attraverso un’adeguata promozione che attiri studenti anche dalle zone limitrofe. • Poste, Giudice di Pace, Agenzia delle Entrate ed Agenzia del Territorio del Territorio I volterrani hanno lo svantaggio di non avere collegamenti stradali e mezzi pubblici verso città in cui sono presenti servizi essenziali. Difenderemo il mantenimento di questi servizi ed uffici territoriali dell’amministrazione statale. • Cani e Gatti Al fine di evitare il randagismo proponiamo di sostenere iniziative private per la realizzazione di un canile ed un gattile con sede nel territorio comunale. Quarta Missione: “Il Popolo per Volterra Città patrimonio dei Cittadini e del mondo” • Patrimonio Culturale Conservare e rivalorizzare il patrimonio storico-artistico ed archeologico. Riconsolidare tutta la cinta muraria etrusca e medioevale. Recuperare e valorizzare le acropoli presenti in Città. Museo Guarnacci: a nostro avviso è sufficiente una riorganizzazione dell’allestimento e la ristrutturazione di Palazzo Tangassi, attuale sede. 8
  9. 9. Riteniamo un suo trasferimento al momento attuale troppo impegnativo e costoso. Valorizzare e promuovere le altre strutture espositive pubbliche (Pinacoteca e Museo di Arte Sacra) e private (Palazzo Viti). Riteniamo necessario potenziare gli strumenti di difesa attiva e passiva delle opere esposte. Bene le mostre organizzate dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra. • Artisti Volterrani: la nostra Città vanta la presenza di importanti artisti che hanno ricevuto riconoscimenti nazionali ed internazionali. Proponiamo l’individuazione di un adeguato locale per creare una sorta di Museo di Arte Contemporanea con esposizioni permanenti e non. • Artigianato e turismo un connubio da valorizzare L’Alabastro deve tornare ad essere una risorsa preziosa attraverso la riscoperta della tradizione antica. Solo rivitalizzando le creazioni volterrane ed artigiane si potrà sperare che questo torni ad essere prodotto di nicchia. Incrementare le mostre e le esposizioni promozionali per contribuire a spronare una nuova generazione di artigiani. E’ necessaria la riapertura in via sperimentale di alcune cave locali. • Teatro e spettacoli L’Accademia dei Riuniti che gestisce il Teatro Persio Flacco sta gestendo con successo e con partecipazione lo storico teatro cittadino rendendolo fruibile alle scuole ed alle associazioni cittadine. La manifestazione ‘Volterrateatro’ deve essere rivisitata in chiave di miglioramento della qualità dell’offerta culturale che deve essere più adeguata al target di turisti che sono presenti durante l’estate a Volterra. Un esempio è il successo riscosso dal ‘Comitato Lirica in 9
  10. 10. Piazza’. Altre realtà da sostenere sono “Avventuracolorata”, l’Accademia della Musica che raggruppa oltre 40 giovani musicisti. • Sport ed Associazionismo L’Associazionismo è la linfa vitale della nostra Città. Occorrerà in accordo con i soggetti interessati del mondo sportivo, del volontariato e delle contrade procedere ad un potenziamento e a una adeguata promozione dell’attività soprattutto in relazione alla situazione di Volterra. Valutare la possibilità di consentire la costruzione di un kartodromo. Le associazioni venatorie e dei tartufai rappresentano una importante tradizione locale. La libera iniziativa non va soffocata, ma anzi sostenuta. Quinta Missione: “ Il Popolo per Volterra Città polmone verde a Impatto Zero” L’ambiente è una risorsa che se non adeguatamente conservata può esaurirsi con serie difficoltà per le future generazioni • Energie rinnovabili Rispettando le caratteristiche paesaggistiche proponiamo di istallare pannelli solari su nuovi capannoni industriali, edifici pubblici fuori dal centro storico. • Promuovere il risparmio energetico e ridurre le emissioni di CO2 nel territorio comunale con adeguate campagne mirate a sensibilizzare l’opinione pubblica. 10
  11. 11. • Valutare la possibilità di istallare mini pale eoliche per l’autonomia energetica. • Le aree verdi pubbliche e l’arredo urbano devono essere maggiormente curati per dare decoro ed accoglienza sia ai cittadini che ai turisti. L’estetica è lo specchio attraverso il quale ci si presenta ai visitatori. • Rifiuti: il nostro obiettivo è diventare Comune “Riciclone” ovvero prendendo esempio da altre realtà italiane, dare vita ad un incremento della percentuale di riciclaggio dei rifiuti. Questa potrebbe essere anche una risorsa, come avviene in altre realtà per riutilizzare come materia prima e per nuove imprese latta, vetro, carta. La spazzatura deve essere rimossa dal Centro Storico alle prime ore del mattino e non permanere fino a tarda mattinata fuori dai portoni delle strade principali. Occorrerà maggiore collaborazione da parte dei cittadini e disponibilità da parte del servizio rifiuti. Sesta Missione: “ Il Popolo per Volterra Città Giovane” I nostri giovani sono non solo il futuro della Città, ma anche il presente. Riteniamo importante andare incontro alle loro esigenze e necessità. • Potenziamento delle strutture adibite a sala prove per i giovani gruppi musicali (riqualificazione in tal senso del Chiarugi o di altra struttura). • Potenziamento del Centro Polifunzionale “Le Spighe” con lo sportello “raccolta idee” per rendere i giovani partecipi e propositivi. 11
  12. 12. • Consentire l’uso per tutto l’anno del Parco Pubblico “Il Bastione”. Per questa struttura come per altre è necessario rendere l’affidamento più lungo nel tempo al fine di consentire adeguati investimenti da parte dei privati. • Proponiamo di dare la possibilità ad imprenditori di creare in una zona periferica, una struttura dove poter inserire attività di intrattenimento (laser game, bowling, sala giochi). • Stanziare in sede di bilancio una piccola somma per consentire ai giovani che lo desiderano di poter viaggiare in autobus gratuitamente verso le discoteche della zona. Questo eviterà i rischi connessi agli spostamenti notturni dei ragazzi, con una maggiore tranquillità per i genitori ed eviterà disagi alla quiete dei cittadini. Settima Missione: “ Il Popolo per Volterra Città che cresce” Il piano strutturale recentemente approvato dalla maggioranza, a nostro avviso, non è adeguato per le esigenze e le necessità dei cittadini, dei professionisti, delle aziende edili ed agricole. Proponiamo una rivisitazione concertata al fine di colmare le lacune che sono emerse e che nonostante siano state evidenziate sia da parte degli stakeholders che dall’opposizione di centro destra sono rimaste disattese. Crediamo che l’edilizia sia uno dei settori principali per poter fare ripartire l’economia locale. • Edilizia residenziale privata 12
  13. 13. Recuperare il patrimonio esistente (ad esempio abitazioni ex Salina), incentivare le ristrutturazioni di vecchi immobili con criteri antisismici. Ridurre con criteri di efficacia ed efficienza l’iter delle concessioni che troppo spesso scoraggiano e rallentano le progettazioni e le realizzazioni. • Edilizia residenziale pubblica Occorre farsi parte attiva verso i gestori provinciali dell’ATER – proprietaria delle abitazioni date in locazione affinché la manutenzione sia effettiva. Fino ad oggi troppi esempi di spreco di denaro pubblico alcuni esempi: case al reparto Ex Bianchi cantiere fermo; Loc. Colombaie manutenzione scarsa e inefficace; Loc. Fontanella obbrobrio per l’estetica e pericolo pubblico. Proponiamo di incrementare la possibilità di acquisto e riscatto. • Edilizia rurale Rivisitare il piano strutturale per consentire la libertà di impresa degli agricoltori attraverso una maggiore possibilità di ampliamento che sia più equa e più giusta rispetto a quella approvata dalla maggioranza. Rivedere le “zone nere” considerate tali in quanto impossibile costruire. • Edilizia scolastica. Occorre assolutamente dare uno slancio alla chiusura del cantiere del nuovo plesso scolastico dei Cappuccini. Dare un migliore assetto ai plessi scolastici delle frazioni di Saline e Villamagna. 13

×