11 settembre 2001

  • 4,132 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
4,132
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. ILsMATTINO MERCOLEDÌ 12 SET TEMBRE 2001 www.ilmattino.it ANNO CX N. 251 L. 1500/EURO 0,77 o SPEDIZ. IN ABB. POST. 45% - ART. 2, COMMA 20/B, LEGGE 662/96 - NAPOLI - PREZZO DI VENDITA APOCALISSE FO N D ATO N E L 1 8 9 2 ALLESTERO: SVIZZERA C. TICINO FR. 2.50 L’EDITORIALE L’orrore Quattro aerei civili dirottati negli Usa e utilizzati come bombe che cambia Abbattute le torri di New York. Colpito il Pentagono. Forse ventimila morti il mondo ATTACCO AL CUORE DELL’AMERICA PAOLO GAMBESCIA Azione combinata di kamikaze armati di coltelli e taglierini Iprima. Si nonera che riporta L MONDO sarà più come è aperta una nuo- va drammatica Evacuata Manhattan, bloccati i fantasmi e gli orrori della Grande guerra di mezzo seco- lo fa. Solo che i nemici non tutti i voli, allarme nel mondo ‰ SERVIZI ALLE PAGINE 2/3/4/5/6/7 sono dall’altra parte del fron- te. I nemici sono dentro casa, portano la morte, apparente- LA MANO DEL TERRORISMO INTERNAZIONALE mente con sconcertante facili- tà, nel cuore stesso delle città. Chi s’era illuso che la caduta Un piano diabolico, beffati del Muro di Berlino, della divisione del mondo in bloc- i servizi di sicurezza. Arafat chi contrapposti, portasse na- turalmente ad una pacificazio- condanna, i talebani prendono ne globale, dovrà riflettere. Il mondo è diviso non solo in le distanze. È stato Bin Laden? Ovest ed Est. Il mondo è ‰ SERVIZI ALLE PAGINE 10/11/14/15 diviso in Nord e Sud, è diviso dal razzismo, in ricchi e pove- L’ECONOMIA GLOBALE SOTTO CHOC ri, è diviso dal fanatismo reli- gioso, è diviso tra democrazia e totalitarismi di diversa ma- Annullate le contrattazioni trice. È in questo mondo che prolifera il terrorismo, è in a Wall Street. Borse nel panico, questo mondo senza pace che qualcuno pensa di ammazza- forti perdite ovunque: si teme re migliaia di persone inermi per lanciare la sua folle sfida. una recessione mondiale Il nemico in questa guerra ‰ SERVIZI ALLE PAGINE 12/13 non dichiarata non ha un vol- to e ha tanti volti. Ha lasciato il segno molte volte dagli anni LE REAZIONI NEGLI USA dell’immediato dopoguerra. Ma erano come avvertimenti. Bush: «È un attacco alla libertà Ieri ha messo il mondo di fronte ad un incubo senza fine: posso colpire dove e ma noi puniremo i colpevoli». quando voglio, posso uccide- re chi voglio. Il nemico ha In allerta le basi Usa e Nato. dato una dimostrazione di grande potenza: ha raggiunto Il Papa: «Un’ora buia e tragica» i simboli dell’economia ameri- ‰ SERVIZI ALLE PAGINE 8/9/15/17 cana, e quindi di gran parte del mondo, ha fatto esplodere LE REAZIONI IN ITALIA il luogo deputato al comando militare della più grande po- tenza mondiale, ha costretto Ciampi: «Atto di guerra contro il presidente degli Stati Uniti a prendere, come solo nei il mondo civile». Lutto e bandiere film si era visto, l’Air Force One, l’aereo che deve mette- a mezz’asta. Ruggiero: «Possono re il capo della Casa Bianca al riparo di ogni pericolo. Dimo- cambiare i destini dell’umanità» strazione più forte non avreb- ‰ SERVIZI ALLE PAGINE 17/18/19/20/21 be potuto esserci. ‰ SEGUE A PAGINA 10 ‰ ALL’INTERNO COMMENTI DI MAURO CALISE, VALERIO CAPRARA, ALDO CAROTENUTO, ERRI DE LUCA, GIUSEPPE JOSCA, AURELIO LEPRE, EUGENIO MAZZARELLA, GIANNI PASQUARELLI, ALCESTE SANTINI, MICHELE TITO E BRUNO VESPA Evacuati gli uffici e le rappresentanze diplomatiche americane e israeliane Stato d’emergenza in tutti i Paesi Lostraordinario attacco terroristicocheha colpito vertice Nato». Massima allerta in tutte le zone gliStatiUnitihaprovocatol’adozionediimmedia- vicineagli obiettivi possibili, americani e israeliani te misure di sicurezza negli Usa, ma anche nel in testa. Tony Blair ha convocato un summit resto del mondo. Evacuati la casa Bianca, il Con- d’emergenza a Downing Street. Evacuati la Borsa gresso e Wall Street. Nel mondo, evacuati tutti gli di Londra e l’aeroporto di Heathrow. Oggi a uffici e le rappresentanze diplomatiche degli Stati Bruxelles si terrà una riunione straordinaria dei Uniti. In Florida è stata chiusa Disneyworld. Otre ministri degli Esteri dell’Unione Europea. In Me- alla sospensione di tutti i voli, è stato bloccato dio Oriente, Israele ha chiuso lo spazio aereo. Il anche il traffico marittimo, con la chiusura del governo Sharon avverte: «Occorre una nuova porto di New York. Manhattan è isolata e in preda strategiamondialeantiterrorismo». Fortiisospetti al panico. L’Italia e i Paesi del Medio Oriente concentrati sull’integralismo islamico, anche per hanno sospeso tutti i voli da e per gli Stati Uniti. una coincidenza di date: l’11 settembre del 1982 ci Allarme ovunque. A Napoli, il sindaco Iervolino fu la strage di Sabra e Chatila in cui morirono avverte: «Ora c’è un motivo in più per rinviare il settecento profughi palestinesi. ‰ ALL’INTERNO L’INVIATO SCAMARDELLA, BARTOLI, BORGIA, CASTELLANO, CERINO, CHELLO, COLUZZI, DEL PORTO, DEL VECCHIO, DI FIORE, DI MEGLIO, DI PACE, M. ESPOSITO, P. ESPOSITO, IACCARINO, ILLIANO, LIMONCELLI, MARRONE, MILANESIO, PALOMBA, PEREZ, PONTECORBOLI, SALVIA, SARDO, SCHIAVONEComposite IL_MATTINO - CITY - 3 - 18/02/04 ---------- --- Orario: 17/02/04 18.21 --Cr
  • 2. IL MATTINO 2 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 Nell’inferno delle due Torri migliaia in trappola In diretta tv Le immagini delle Twin Towers del World Trade Center di New York ferite a morte: Le due torri del World Trade Center in fiamme la sequenza la drammatica sequenza nell’attimo in cui il secondo aereo, un Boeing della e avvolte dal fumo. Sono crollate nel giro di che ha sconvolto United Air Lines si abbatte contro la seconda delle torri gemelle. L’aereo si un’ora, a distanza di pochi minuti l’una gli Stati Uniti schianta contro il grattacielo e lo «attraversa», disintegrandosi. Venti minuti prima dll’altra. lasciando migliaia di vittime l’altra torre era stata colpita da un 767 delle Americans Airlines diretto a Boston. imprigionate sotto le macerie. Cronaca di un giorno di guerra I centri del potere nel mirino: terrore e morte, minuto per minuto PAOLA DEL VECCHIO cercano la salvezza tentando di lanciarsi dalle torri Ore 16,05. Evacuati anche il grattacielo Sears a gono. Un minuto dopo, viene giù anche la seconda in fiamme trasformate in un inferno di cristallo. I Chigago e il Center for Desease Control and Preven- torre gemella del World Trade Center. I simboli di MERICA sotto attacco, il più grave della sua morti e i feriti sarebbero migliaia, ma nell’emergen- tion di Atlanta. Fonti della Difesa confermano che è New York sono ormai cancellati, rasi al suolo per A storia dopo la disfatta di Pearl Harbour. La più grandepotenzadelmondo,sentinelladell’Oc- cidente, colpita al cuore in tempo di pace, ferita a za che travolge gli ospedali è impossibile qualsiasi stima, anche provvisoria. Paralizzate le strade, chiu- si i ponti e bloccati i tunnel di accesso all’isola, scattato l’allarme delta, e che gli Stati Uniti si preparano al peggio, a un attacco terroristico con armi biologiche. L’america è attraversata da un sempre. È l’immagine dell’immane tragedia che si è abbattuta sugli Stati Uniti. Ore 17,16. Evacuato per precauzione anche il morte da una serie senza precedenti di attentati l’unica via di scampo è a piedi, tra le ambulanze e i unico brivido di terrore. quartieregeneraledellaCia,mentrel’entedisicurez- kamikazepiovuti dalcieloche hanno tenutol’intera mezzi dei 50mila poliziotti schierati in campo dal Ore16,07.Sibriciolalatorre suddelWorldTrade za del volo americano conferma la caduta di un nazione e il mondo per dodici interminabili ore sindaco Rudolph Giuliani . Center, la seconda colpita dall’attentato kamikaze. aereo vicino a Pittsburg,un 747 diretto a Chicago, in ostaggio dell’orrore.Terroristi ancora senza volto, Ore15,53. Scoppiaun incendio al Dipartimento L’immagine, terrificante, è di un’immensa onda Pennsylvania. Forse era il «missile» puntato sul secondo fonti americane facenti capo allo sceicco della Difesa che viene fatto evacuare. Nello stesso d’urto di fumo e detriti che, sollevata dal crollo, Pentagono e non è certo se sia precipitato per la saudita Osama Bin Laden, nemico numero uno momento giunge la notizia che la Federal Aviation insegue i soccorritori e i passanti che cercano colluttazione tra piloti e dirottatori, oppure sia stato degli Usa, sono riusciti ad impossessarsi di aerei di Administration, l’autorità usa dell’aviazione civile, scampo nella fuga. abbattuto. Sono diversi gli aerei non identificati che linea carichi di passeggeri e li hanno sferrati come ha chiuso tutti gli aeroporti del Paese e dirottato in Ore16,27.Sgomberato perprecauzioneancheil vengono dati lontani dalle rotte da fonti militari micidiali missili contro i luoghi simboli della demo- Canada i voli in arrivo. palazzo di vetro delle Nazioni Unite a New York. La americani e si teme siano in mano ai dirottatori crazia americana. In una drammatica sequenza di Ore16,00.LeimmaginiinviatedallaCnnmostra- città non regge l’onda d’urto dei feriti che vengono suicidi. eventi abbiamo visto prima ardere avvolte dalle no le sinistre ferite provocate da un’enorme esplo- dirottati negli ospedali del New Jersey e di Staten Ore 17,54. Il sindaco di New York, Rudolph fiamme e poi crollare in diretta tv le Twin Towers del sione in una delle torri gemelle. Il personale in forza Island. Giuliani, fa evacuare Lower Manhattan, parlando di World Trade Center di New York, 110 piani, simbolo della grande Mela frequentate ogni giorno da 70mi- negliufficidell’Onuvienefattoscendereperprecau- zione nel sottosuolo. Ore 16,35. L’Associated Press rilancia la notizia, poi smentita, dell’esplosione di un’autobomba al Attentati suicidi «orrenda» perdita di vite umane. Le voci che si susseguono incontrollate parlano di ventimila vitti- la persone e 50mila colletti bianchi, già colpite nel Ore16,03.Sidiffondelanotiziadiunarivendica- Dipartimento di Stato. al World Trade me. Quelle certe, fino a tarda sera, sono i 40 morti al ’93 da un attacco sferrato dal principe nero del zione dell’attentato da parte del Fronte democrati- Ore 16,46. Rimbalza l’allarme per un altro aereo Pentagono e i 266 passeggeri degli aerei kamikaze. terrorismosaudita. Sgomentiabbiamo visto miglia- co per la liberazione della Palestina. La notizia viene dirottato che punterebbe sulla Casa Bianca. Dal Center di New York Ore 17,27. American Airlines conferma che due ia di persone cercare scampo dalla morte come topi smentita seccamente e, da lì a un’ora, sarà lo stesso Pentagono vengono fatti alzare gli F16, i caccia per suoi aerei risultano dispersi. intrappola.Abbiamovistocolonnedifumoavvolge- Arafat a condannare pubblicamente l’attacco con- intercettare i veivoli «nemici». e al Pentagono Ore 17,29. United Airlines conferma che un suo reilNacional MallaWashington, colpitoda unterzo veivolo a pochi metri dalla Casa Bianca. Impotenti, tro gli Stati Uniti. Ore 17.01. A Washington crolla parte del Penta- con aerei di linea aereo è precipitato vicino a Pittsburgh e che un secondo aereo è caduto, senza precisare dove. In abbiamo assistito allo sgretolarsi di un’intera ala del dirottati. Un quarto tutti i velivoli precipitati delle due compagnie sono Pentagono, la fortezza militare del Dipartimento di quattro. Difesa e simbolo dell’inattaccabilità del gigante velivolo si schianta a Ore 17,45. Il governo dei Telebani, attraverso il americano.Ungigantedaipiedid’argillache,inuna suo ambasciatore in Pakistan, fa sapere di essere limpida mattina settembrina, si è risvegliato in un Pittsburg: abbattuto? estraneo agli attentati e condanna formalmente incubosenza fine. Daieri ogni velletaria speranza di l’aggressione agli Usa. sicurezza è per ogni cittadino degli Stati Uniti e del Ore 17,46. Wesley Klark, ex comandante Nato in mondo interoletteralmente spazzata via, totalmen- Europa avverte: «Potrebbe non essere finita. È acca- te annientata. Nel film della tragedia c’è tutto il dutol’impensabile.Orailpianoèportareilpresiden- senso di quella che appare come una vera e propria te Bush in un luogo sicuro». dichiarazione di guerra in tempo di pace, una sfida Ore 18,00. In Florida chiude Disneyland. senza precedenti le cui conseguenze sono ancora Ore18,24. Israele chiude il proprio spazio aereo, inimmaginabili. Vediamolo. mentre in Cisgiordania palestinesi festeggiano per Ore 14,45 italiane (8,45 locali). Un aereo di linea l’America in ginocchio. decollato da Boston, un Boeing 767 delle Americans Ore 18,52. Due navi da guerra incrociano il Airlines, si schiata contro una delle torri gemelle del porto di New York mentre un reggimento di fanteria World Trade Center, a Mahattan. In tanti, sulle viene spostato a Washington. prime, pensano a un incidente, sebbene quella Ore 20,26. Fonti autorevoli statunitensi attribui- zona sia completamente fuori dalle rotte aree. New scono la responsabilità degli attentati a terroristi York viene scossa da un enorme boato, mentre le legati allo sceicco Osama Bin Laden. fiamme avvolgono gli ultimi piani del grattacielo. Ore 21,10. Un altro edificio del World Trade Ore 15,05. Un secondo aereo di linea delle Center è in fiamme e sta crollando. United Air Lines, anche questo partito da Boston e Ore 21,17. Il presidente Bush atterra in Ne- poi dirottato, si schianta contro l’altra Twin Tower. braska, nella base aerea di Offutt dove c’è la sede del Questa volta la scena è ripresa in diretta dalle comandostrategico dell’aviazionemilitare.Unpor- telecamere della Cnn e non ci sono dubbi: il veivolo tavoce della Casa Bianca ha fatto sapere che la First è piombato come un proiettile contro l’edificio, nel Lady Laura e le due figlie del presidente Barbara e cielo azzurro e senza che fosse stata annunciata Jenna sono state condotte in un luogo sicuro, alcuna emergenza. mentre vengono chiuse le frontiere con Messico e Ore 15,15. Il sospetto che si tratti di un attacco Canada. Il gigante americano è ferito a morte e kamikaze viene confermato dalle prime notizie in arrivo da Washington: l’Fbi indaga sulla possibilità La Casa Bianca isolato. che si tratti di due atti di terrorismo e su un allarme evacuata, Bush dirottamento raccolto poco prima dell’impatto. Ore 15.28. Fonti del governo Usa confermano: si in volo senza FONDATO NEL 1892 trattadiunattaccoagliUsa.Ilpiùgraveeimpensabi- le sferrato contro la nazione. New York è nel panico. atterrare temendo Direttore Responsabile: PAOLO GAMBESCIA Vengono evacuati la borsa del Nymex e il New York Mercantile Exchange, la Borsa della City. Wall Street attentati. Il Paese Vicedirettore : GIOVANNI MOTTOLA rinvia l’apertura del mercato. La polizia evacua nel caos: sgomberati Uff. Redattori capo centrale: MARCO GUIDI (Responsabile) MASSIMO BALDARI l’intera zona a sud di Manhattan mentre le torri gemelle ardono avvolte da sinistre colonne di fumo la Cia e i «Palazzi» ARMANDO BORRIELLO SERGIO TROISE nero e la polizia lancia l’allarme per un terzo aereo che si starebbe dirigendo sulla zona. delle istituzioni Presidente e Amm. delegato: ALBINO MAJORE Consiglieri: GAETANO CALTAGIRONE Ore 15,44. Il presidente George W. Bush in AZZURRA CALTAGIRONE direttatv parla di tragedia nazionale, assicurache «il FRANCESCO CALTAGIRONE FABIO GERA terrorismononprevarrà»,poi,temendonuoviatten- Direttore Amministrativo: MASSIMO GARZILLI tati alla sua incolumità fisica, sale sull’Air Force One da dove continuerà a dirigere le operazioni per la Editrice EDI.ME S.p.A. sicurezza nazionale. Sede legale via Montello, 10 - 00195 Roma Redazione, amministrazione, preparazione via Chiatamone n. 65 Ore 15,45. Viene evacuata la Casa Bianca. Alla 80121 Napoli - Tel. 081/7947.111 stessa ora una densa colonna di fumo si leva dal Centro stampa Napoli: ASI Caivano località Pascarola Centro stampa Milano: Satim S.p.A. via S. S. dei Giovi, 137 Pentagono, colpito nell’ala ovest, sede delle unità 20037 Paderno Dugnano (MI) operative dell’esercito, da un terzo aereo kamikaze non meglio identificato. Concessionaria di Pubblicità PIEMME S.p.A. Ore 15,47. Non cessa la minaccia terroristica. via Arcoleo n. 58 (palazzo Il Mattino) - 80121 Napoli Tel. 081/2473111 - Fax 081/2473220 Èvacuati anche il Dipartimento del Tesoro e il Capitol Hill, la sede del Congresso americano. Copie arretrate: Tel. 081/7364282; fax 081/7303133 Ore 15,48. Un incendio avvolge nelle fiamme il Mall di Washington pochi metri dalla Casa Bianca. Registrazione Tribunale di Napoli al numero 338 dell’aprile 1950 Ormai l’America è in preda al panico e all’angoscia, mentre da New York rimbalzano le immagini di una Certificazione N. 4326 metropoli da day after, con decine di persone che Colonne di fumo, sotto le macerie migliaia di mortiK-Black IL_MATTINO - NAZIONALE - 2 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.58 ----------Cr
  • 3. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 3 Manca il sangue Requisiti Il sindaco Scatta l’appello: ambulanze Giuliani invita correte tutti e traghetti alla calma: a donarlo per i feriti ce la faremo Decine di migliaia le vittime e i feriti. I L’autorità portuale di New York ha chiuso i Nella città in preda al panico e al caos, bilanci provvisori pervenuti ieri a tarda porti in via precauzionale consentendo numerosi gli appelli alla calma lanciati dal sera parlavano di oltre 10mila vittime, c’è soltanto la navigazione dei traghetti di dal sindaco di New York Rudolph Giuliani. chi parla addirittura di 20mila. Continui gli collegamento con Staten Island e con il New Chiusi i tunnel e le vie di accesso alla appelli agli abitanti di New York a donare Jersey, requisiti per il trasporto dei feriti Grande Mela. A piedi un esercito di il sangue che scarseggia per i feriti. negli ospedali dei centri vicini. sopravvissuti terrorizzati ha lasciato la città. Migliaia di morti a New York Lanciati contro le Torri Gemelle due aerei di linea dirottati: un’ecatombe AURELIANO BUONGIORNO ti più tardi, mentre ancora non è nabile ad un bombardamento. sono divenute un enorme tomba di L’IMPERO FERITO chiaro che cosa sia accaduto, un Mentre New York è insanguinata metallo. Grida, pianti, fughe, sire- NEW YORK. Una mattinata di sole. Nulla lascia prevedere che New York sta per vivere la più grande secondo aereo dirottato, con oltre cinquanta passeggeri, si abbatte sulla seconda delle Torri Gemelle. e massacrata, arrivano le notizie dal resto dell’America. Dicono che il terrorismo ha colpito il Paese con ne, panico generale: la parte meri- dionale di Manhattan è ridotta co- me neppure i più catastrofici tra gli Senza difese tragedia della sua storia. E alle 8,45 ora locale comincia proprio da New York, la Grande Mela, simbolo della L’immagine verrà ripresa dai came- ramen americani e trasmessa in tutto il mondo. È una carneficina. una violenza senza precedenti cau- sando migliaia di vittime. In tutto sono quattro i voli di linea dirottati scrittori e gli sceneggiatori di Hol- lywood erano mai riusciti a immagi- narla. contro l’orrore superpotenza, l’attacco al cuore Ma non è finita: alle dieci, una dopo in una azione coordinata: oltre i I paragoni per cercare di descri- ERRI DE LUCA dell’America: un aereo di linea par- l’altra, le due torri centrate dai due contro le Torri Gemelle a New vere leffetto delle esplosioni si mol- tito da Boston e dirottato da un terroristi-kamikaze, si sbriciolano York, un terzo è stato lanciato dai tiplicano. Cè chi parla di una scena ER favore e per rispet- commando terrorista si abbatte contro la torre nord, una delle due Torri Gemelle del World Trade Cen- seppellendo migliaia di persone. È un’ecatombe. I morti, probabil- mente, sono migliaia. In serata fon- terroristi sul Pentagono (il centro del potere militare) a Washington, il quarto si è schiantato in un bosco analoga a quella di un tornado, chi evoca il terremoto. Solo lorrore della carneficina di Pearl Harbor P to dell’enormità dei lutti rinunciamo al termine di paragone con ter, centro del capitalismo Usa. Sul ti del governo parleranno di oltre della Pennsylvania (forse abbattuto sembra riuscire a rendere lidea gli effetti cinematografici. volo dell’American Airlines si trova- diecimila morti. Se così fosse, si dagli stessi caccia Usa prima che delle emozioni e del terrore che ha Bisogna risalire a Pearl vano 156 passeggeri. Diciotto minu- tratterebbe di un bilancio parago- colpisse un obiettivo). colpito Manhattan, allinizio di una Harbor, all’attacco aereo A bordo dei quattro velivoli (due giornata di lavoro come le altre. giapponese lanciato sen- della American Airlines e due della Ogni giorno 50.000 persone andava- za dichiarazione di guer- United Airline) si trovavano com- no al lavoro nelle Torri del World ra, per intendere la cata- plessivamente 256 persone. Trade Center. Altre migliaia di turi- strofe emotiva che sta Il World Trade Center, cuore sti le prendevano dassalto, per re- squassando il popolo de- finanziario degli Stati Uniti, è stato carsi al ristorante panoramico e gli Stati Uniti. devastato. Il primo aereo dirottato soprattutto Fino a ieri toccava il ha colpito la prima delle Torri Ge- melle quando già migliaia di perso- sul grande terrazzo che I giganteschi punto più alto della sua potenza mondiale, arbi- ne si trovavano nel grattacielo, dominava la edifici, simbolo tro unico dopo la fine del- esplodendo in una palla di fuoco. baia. Anche la competizione Est- Dopo 18 minuti il secondo velivolo ieri i turisti del capitalismo Ovest, e titolare dell’ulti- attacco suicida. Gli incendi hanno erano già in intrappolato migliaia di persone fila alle cas- americano, ma forma impero dell storia moderna. Nel pome- nei piani alti dei due edifici. Rapida- mente il World Trade Center si è se dellosser- vatorio ama- crollano uno riggio si sono trovati nel punto di più alta vulnera- trasformato in uno scenario di guer- to dai bambi- dopo l’altro: una bilità di tutta la loro vit ra. Il sindaco Rudolph Giuliani ha ni: un bigliet- di nazione. Niente li ha chiesto levacuazione immediata to, una corsa carneficina potuti avvisare del colpo della punta meridionale di Manhat- sui velocissi- tan. mi ascenso- sotto le macerie catastrofico a lungo appa- recchiato in casa loro. Le autorità di New York e ri, su verso Questo segna anche la fi- Washington hanno segnalato ca- «il tetto del mondo», come era bat- ne di ogni servizio di sicu- renza di plasma sanguigno. Nella tezzata una delle attrazioni più cele- rezza, di una ragionevole città sono state cancellate le elezio- bri di New York. Le strade fino al pretesa di «intelligence». ni primarie per il sindaco della Greenwich Village si sono ricoperte Da ieri mattina gli Sta- città. di un fitto strato di polvere, con ti Uniti sono per la prim Fantasmi bianchi di polvere, in migliaia di carte che volavano nell volta sotto attacco in pa- lacrime, si aggiravano ancora in aria, misti a detriti e pezzi di vetro. tria, unici al mondo a non serata nelle strade del cuore finan- La polvere ha attraversato anche la averlo mai provato pri- ziario del mondo. Alle loro spalle, il baia, depositandosi sulle strade di ma, a non averne esperien- fumo copre la ferita più profonda Brooklyn. Un esercito spettrale di za né incubi smaltiti. Og- che New York potesse subire: le sopravvissuti si è avviato a piedi Fumo, macerie e distruzione a New York: la metropoli devastata dal terrorismo gi sanno che non c’è difesa Torri Gemelle non esistono più, verso la parte nord della città. contro l’arma debole del suicidio a scopo di cata- UNA CITTÀ NELLA CITTÀ CON BANCHE, UFFICI, NEGOZI, ALBERGHI E RISTORANTI DI LUSSO strofe. È a bassa tecnolo- gia il corpo umano di un Centodieci piani: ecco l’inferno di cristallo commando che dirotta un aereo per scaraventarlo contro una città. Nessuno scudo spaziale, nessun si- stema missilistico intercet- I due grattaceli, scomparsi dal paesaggio di Manhattan, meta obbligatadei turisti ta l’anticorpo che decide di esploderti accanto. LÙCIA BORGIA dows on the world, il ristorante di lusso si lanciò col paracadute dalla sommità Grande Mela in tilt La giornata di ieri è peggio di Pearl Habor: da al 107˚ piano, bisognava armarsi di una della Tower One (l’altra era chiamata i centodieci piani di cristallo e illimitata pazienza, che chi scrive non Tower Two). Nel 1977 un certo George niente telefonate quella mazzata reagirono Sacciaio, disintegrati solouna follia OTTO volante, non sono morti da america- ha mai avuto, vedendoselo sbriciolare ieri davanti agli occhi dietro una nuvo- Willing, detto l’Uomo Ragno, scalò la parete della stessa torre, conquistando Telecom Italia ha informato che la con l’entrata in guerra. Avevano un nemico, pote- ni, ma cittadini di tutto il mondo. I la nera in un immenso castello di la cima dopo tre ore e mezza di ascesa. città di New York è stata isolata per vano attaccarlo e darsi turisti aspettavano ore in lunghe file sabbia. Gli altri ristoranti, le tavole La municipalità di New York gli appiop- le chiamate in ingresso dagli stessi per scadenza la vittoria. calde, si trovavano ai piani più bassi. pò un dollaro di multa. operatori statunitensi ed è quindi Nessun aeroporto fu chiu- per salire con gli ascensori in meno di Come pure una delle librerie Rizzoli. Il 23 febbraio 1993 arriva la prima impossibile raggiungere dallItalia e so quel giorno, né il gior- un minuto fino al tetto, per vedere la Situato sulla punta di Manhattan, tragedia. Le due torri entrano nel miri- da qualsiasi altro Paese le utenze no dopo. Nessun presiden- più bella veduta di New York. Ieri, nel tra Church, Vedey, West e Liberty Stre- no dl terrorismo internazionale. Il pia- situate in quellarea. Per quanto te si è sentito per un intero segno del massacro, è cominciata una giorno braccata al suolo e nuova era, uno sconvolgimento che et, il World Trade Center cominciò a no sotterraneo, sede di una stazione riguarda lItalia, prosegue la nota, i sorgere nel 1966 su un’area di 6,5 ettari della metropolitana e di una galleria collegamenti allinterno del Paese salvo solo in cielo. L’urto riguarda l’intera umanità, in tutte le di questa giornata avrà sue manifestazioni, anche quelle più in riva al fiume Hudson e fu inaugurato commerciale con 70 negozi, fu bersa- funzionano regolarmente. È stato il 4 aprile del 1973. Nel quadro di una glio di un attentato dinamitardo degli anche intensificato il controllo sulla effetto di schianto nella pacifiche e ludiche come il turismo. fiducia, nei sonni e nei campagna per valorizzare il lembo me- integralisti islamici: l’esplosione di una rete nazionale e internazionale per Le Twin Towers, Torri Gemelle, era- sogno del Paese guida del- ridionale dell’isola (Downtown), che bomba provocò la morte di sei persone dare il massimo supporto nella no il cuore del complesso World Trade all’epoca veniva snobbata, mentre era e mille feriti. Scelte come sinbolo del gestione dellemergenza, l’occidente. Il crollo delle Center, una città nella città, sede degli in auge la parte centrale (Midtown). Il «potere imperialista», si capì che pote- considerando che attualmente torri si ripercuoterà a lun- uffici di 500 società, banche ed enti successo non fu immediato, ma quan- va non essere finita, ma nessuno che lazienda sta gestendo un flusso di go dentro le convulsioni pubblici, alberghi, ristoranti, negozi e do arrivò fu mondiale. In passato è non fosse una mente malata poteva Quel 23 febbraio 1993 traffico verso gli Usa superiore di della scacchiera, nessun quattro Borse. Vi lavoravano 60mila stato scelto come scenario per azioni spingersi a immaginare l’orrore di ieri. ben 10 volte alla norma. Circa il pedone se ne senta al ripa- persone e la visitavano 80mila turisti al Un attentato degli integralisti ro. dimostrative di innocente esibizioni- Gli aerei e gli elicotteri spesso si traffico Internet lazienda sottolinea giorno. Le torri sono state per alcuni smo. Nel 1974 un equilibrista francese, abbassavano sui grattacieli per mostra- islamici causò la morte di sei come i flussi siano molto elevati e, Dopo la conta delle per- anni i grattacieli più alti del mondo, più dopo aver teso un cavo tra le due torri, re la skyline. Il solo incidente si ebbe persone e il ferimento di mille di conseguenza, laccesso ai siti dite inizierà la faticosa del mitico Empire State Building, fin- passò da una terrazza all’altra, cammi- nel 1945 quando un bombardiere bi- statunitensi sia estremamente cura di ammansire la pau- ché il primato non gli è stato strappato nando a centinaia di metri d’altezza motore B-25 volando nella nebbia den- difficoltoso. ra di un popolo intero, il dal Sears di Chicago. sopra le teste di una folla col naso sissima, era andato a sbattere contro il più armato della storia Per guadagnarsi un pranzo al Win- all’insù. Un anno dopo un disoccupato 19˚ piano dell’Empire State Building. del mondo.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 3 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.05 ----------Cr
  • 4. IL MATTINO 4 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 Colpito anche Evacuata Bush «rifugiato» il Pentagono, la Casa Bianca sull’Air Force One roccaforte del In salvo anche promette: potere militare la first lady li prenderemo Anche il simbolo della potenza militare degli La White House con lo studio ovale Il presidente Bush ha lasciato ieri sera la Stati Uniti è stato centrato dai terroristi. Il presidenziale, simbolo del potere di base militare di Offutt nel Nebraska, sede Pentagono è stato attaccato da un kamikaze Washington, è stata interamente evacuata dello Strategic Air Command per rientrare che è andato a schiantarsi con l’aereo di cui alle 15,45 di ieri, dopo la notizia che un alla Casa Bianca. Bush si era trasferito aveva preso il controllo nel recinto centrale. altro aereo «suicida» stava dirigendosi sulla sull’Air Force One in attesa che il ritorno a Cinquanta il bilancio provvisorio dei morti. Casa Bianca. Washington venisse considerato sicuro. «Qui stiamo morendo tutti» I sopravvissuti raccontano l’inferno: «La gente si lanciava dalle finestre» DANIELA LIMONCELLI «Arrivano a centinaia. Hanno UI stiamo morendo...» e butta ustioni dalla testa ai piedi» racconta un medico del St. Vincent Hospital, Il mondo si è svegliato Q giù la cornetta del telefono la centralinista dell’ufficio collo- cato nella parte alta del World Trade zona del Greenwich Village, dove sono ricoverati molti dei feriti portati dalle persone impegnate nelle opera- prigioniero del ricatto Center. Nel cuore dell’inferno. In sot- zioni di soccorso. Oltre 10mila. Ma tofondo, urla raccapriccianti. scarseggia, dicono i medici, il sangue MICHELE TITO Prima del crollo della Torre Sud un per le trasfusioni. Tutti gli ospedali giornalista dell’agenzia Reuters rac- della città, olte un centinaio, sono GRANDI del mondo avvertono in queste ore che conta di aver visto una persona cade- re giù proprio dalla cima , centodeci- mo piano. Si affastellano le testimo- presi d’assalto. «I sopravvissuti - rac- contano i medici - al momento del- l’esplosione si trovavano nei piani I l’evento, senza precedenti e neppure mai prima immaginabili, può far cambiare i destini del mondo. Non c’è il bisogno di invoca- nianze. È trascorsa una manciata di più bassi. Sono riusciti a scappare e a re i destini: il mondo ormai, è cambiato. Quel minuti dal doppio attacco alle torri mettersi in salvo prima del crollo. nemico sconosciuto che è capace di scatenare gemelle di New York, simbolo del «Ero nella Torre B, ho sentito l’apocalisse non aggredisce solo l’America, inve- Paese più potente della Terra, simbo- un’esplosione fortissima - racconta ste il pianeta dove niente più è sicuro e meno lo del capitalismo Usa, simbolo del un testimone - La gente saltava giù sicura si sente una civiltà, la nostra. Quel sogno americano. Si rincorrono le dalle finestre. Una decina di minuti nemico dispone di forza e di vertiginose capaci- più tardi un altro aereo ha colpito tà organizzative e, se lo fa sapere all’America, è cronache dell’orrore nei racconti del- l’altro edificio». Lui è riuscito a fuggi- perché tutto il mondo capisca che la guerra cui la gente. «Ho udito il frastuono, ho è costretto è anche senza regole e senza remore, visto le fiamme. Ho alzato lo sguardo: re, è ferito ma è riuscito a salvare la sua vita. Tra lacrime e singhiozzi, forse anche senza obiettivi concreti. quanta gente saltava giù dalle fine- Il mondo è già cambiato anche per questo: ci stre» trema la voce di Darren Cohen, Anita Wesson, 35 anni, racconta quel- l’inferno: «Vedevo la gente saltare giù costringe alla scelta tra ritorsioni cieche e elettricista di Long Island, nel descri- indiscriminate con la rinuncia ai nostri stessi dalle finestre. Non so, non so... La vere le scene da Apocalypse Now valori di civiltà e la debolezza di una difesa gente voleva uscire ma non c’era un vissute a Manhattan. Una nube di fatta di grandi rischi. Non è più questione di posto dove andare, non si sapeva polvere, per due lunghe ore dopo il dove scappare. Ma poi l’altro aereo Ragion di Stato, ma dobbiamo rassegnarci all crollo, avvolge la parte meridionale ha colpito l’altra Torre». logica del fanatismo. Un’entità nemica tende a dell’isola. Per le strade del centro di Diciotto minuti sono passati tra imporre la logica del rifiuto più che della pace e Manhattan la gente urla e scappa un attacco e l’altro. Un interminabile della convivenza. Non sappiamo chi è, qual’è la piangendo. «Un aereo sfrecciava in- incubo. La città è dilaniata. La gente è frazione dell’immenso mondo che si dice musul- credibilmente basso sopra il mio ap- paralizzata. Dalla paura, dal terrore mano che ha organizzato l’evento. Ma sappia- partamento nel distretto Noho. Nella di nuovi attentati. E dalle ambulanze mo qual è il meccanismo che lo muove: i popoli mia vita non avevo mai visto prima che scappano via, cariche di feriti, nei sono costretti e sono indotti, devono trovarsi a un aereo volare così basso» e Nic diversi ospedali disseminati su una credere che l’Occidente è il loro nemico e Fulton, testimone oculare dell’orribi- Manhattan irreale, nel frattempo eva- dev’essere perciò combattuto. Non c’è ragione le tragedia., sguardo attonito, tono cuata per ordine del sindaco Rudol- di credere che l’evento sia opera di palestinesi o concitato, descrive quel veivolo che ph Giuliani. Le Twins Towers sono di altri arabi. Ma è un triste segnale quello portava la morte come un grande soltanto un ricordo, un altro edificio dell’esultanza in quasi tutto il Medio Oriente aereo binaco, due motori jet «quanto circostante è crollato, il quarto po- per le notizie del massacro. Tutto sembra fumo usciva da quella cosa...». Si trebbe frantumarsi da un momento indicare che se non l’azione almeno l’ispirazio- accavalla alla sua la testimonianza di allaltro. ne venga dall’Afghanistan dei Talibani, forse Mark Wood: «Il secondo aereo arriva- Rob Gangemi, un newyorchese, dal «miliardario» Bin Laden che l’America non va curvando da Ovest, puntava dritto guarda incredulo la nuvola di fumo e riesce a catturare e che negli Usa già in passato alla seconda Torre. L’ha colpita appe- di polvere che ricopre la città lungo la ha organizzato terribili stragi. na sotto il livello del primo impatto». Quinta Strada, la strada dello shop- Il mondo è già cambiato perché stiamo per Sembrava, aggiunge, un jet di dirigen- farci di tutto l’Islam un nemico. Il mondo ping, per decine di isolati fino a ti aziendali di media grandezza. La rischia di tornare agli impulsi e alle aberrazio- Midtown «Prima ho visto una torre in ni delle crociate. Ne esistevano già i presuppo- rotta, dice, puntava deliberatamente fiamme» dice con le lacrime agli oc- sti, ma ora le possibilità di pace nel Medio a colpire l’obiettivo. chi: «Adesso non vedo più niente». Oriente diventano obiettivamente, per forza di cose, più deboli e lontane. Perché la pace tr UNA TESTIMONIANZA DAL PENTAGONO Ebrei e palestinesi, che è poi la pace tra ebrei ed arabi, non è voluta: è stata sempre sabotat «Randolph, sono viva per miracolo» dagli estremismi religiosi di entrambi le parte. Ora la pace si allontana nel modo peggiore, per l’avanzata dei fanatismi e addirittura in nome della Bibbia. Il mondo è già cambiato perché esistono La madre di Childress, giocatore della Rida Scafati, lavora nel quartier generale dell’Esercito traumi dalla presa universale e che non perdo- nano. Non c’è armistizio. Che altro, adesso, può fare o immaginare l’America dalla quale tutto RAFFAELE SCHIAVONE ne tra le province di Salerno e tatto. Nel frattempo arrivava- bambini facendoli giocare sul schiantato sul Pentagono, è dipende e che ha diritto alla solidarietà di tutto Napoli, Childress si è trasferi- no i compagni di Childress, tra parquet del palasport. Alle 18 stato dato l’ordine di non ab- il mondo civile, se non irrigidirsi in una politica to con la moglie, Jail, e i loro i quali altri atleti statunitensi sul satellitare di Jail è arrivata bandonare gli uffici. «Ho avu- Ha migliaia dioredi ricevere due A VISSUTO d’inferno, chilometri di distanza, in attesa due figli Brendon, tre anni, e Devon, un anno. Ieri pomerig- le cui famiglie abitano in altre città degli States per cui pur la telefonata della suocera: «Sono Deborah, sono salva» Primi soccorsi alle vittime to troppa paura, tutto intorno era l’inferno, sono fuggita» ha di sospetto e di ostentazione di forza? Che altro può fare se non organizzarsi come una fortezza degli attentati. che ormai, più che proteggere un Paese, deve notizie della madre, una im- gio alle 14,50 era a casa, in stravolti apparivano più tran- queste le prime parole della In alto, un spiegato la donna. E il non fare da presidio al pianeta e a una civiltà? Una piegata al Pentagono. Poi final- attesa di partecipare alla sedu- quilli, e il coach Virginio Ber- donna. Poi il drammatico rac- uomo si getta aver ottemperato l’ordine ha America così fatta è una America meno capace mente la notizia che gli ha ta di allenamento prevista alle nardi che hanno rincuorato conto. Quando il primo aereo dalla Torre salvato la vita a Deborah Bog- di dialogare. ridato la vita: la donna si era 18,30, quando ha appreso la Randolph e Jail, e portato via i dirottato dai terroristi si è gs. Poco dopo l’ala del Pentago- La certezza che le intese o le alleanze con i salvata ma tanti suoi colleghi notizia dell’attacco terroristi- no in cui era ubicato il suo cosiddetti Paesi moderati dell’Islam bastino a sono morti travolti dalle mace- co nella Grande Mela. Imme- ufficio è crollato. «I miei colle- reggere gli equilibri decennali rischia d’essere rie di quello che rappresenta- diatamente, con la moglie e i ghi stanno sotto le macerie» revocata in dubbio: c’è una costruzione che non va il punto più inattaccabile figli, ha raggiunto il Palaman- ha affermato la Boggs. Conclu- è più sicura perché non è più sicuro di rappre- degli States. gano dove hanno sede anche sa la telefonata Randolph è sentare ciò che è presente di rappresentare ogni Randolph Childress, venti- gli uffici della società di basket corso dai figli abbracciandoli. Paese del mondo arabo. In quella parte del nove anni, di professione è e ha chiesto aiuto al presiden- Poi è andato negli spogliatoi, pianeta esistono energie e certezze capaci di giocatore di basket. Il suo ruo- te Nello Longobardi. La madre ha indossato gli indumenti da mettere i governi e i popoli al riparo dai ricatti lo è quello di playmaker, vale a di Randolph, Deborah Boggs, gioco, e ha regolarmente parte- di nemici conosciuti e di nemici ignoti ma dire il regista del quintetto, il 46 anni, lavora al Pentagono e cipato agli allenamenti. «È spietati? «cervello» della squadra. Nati- i familiari della moglie abita- l’unico modo per reagire. Troveremo di sicuro, e l’America nè è capace, vo di Washington è un gira- no tutti a New York. Longobar- Quello che è accaduto al mio il modo e il coraggio per superare il trauma; ma mondo come tanti statuniten- di ha attuato immediatamen- Paese è grave. In questo mo- intanto con questa guerra dichiarata all’Ameri- si che giocano al basket. Nella te un ponte telefonico con gli mento penso ai mei connazio- ca, perché l’Occidente la subisca, tutto il mon- scorsa stagione ha militato nel- Stati Uniti: «il minimo che nali, alle persone morte, ai do, compresi la Russia e la Cina e l’India, deve la Record Napoli; ora è alla potessi fare, Randolph ha sof- loro familiari. È un attacco temere di trovarsi prigioniero del ricatto. Il Rida Scafati, compagine che ferto tanto» racconta Longo- grave alla nostra nazione». conflitto nel Medio Oriente è in parte all’origine partecipa al campionato di Le- bardi. Per oltre due ore non è (ha collaborato Roberto di tutto questo, ma i destini che mutano non gadue. Nella cittadina a confi- stato possibile mettersi in con- Guerriero) sono quelli del Medio Oriente.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 4 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.15 ----------Cr
  • 5. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 5 New York colpita L’appello Italiani salvi: a morte: ai newyorkesi: al momento bombardata restate nelle non risultano per la prima volta vostre case tra le vittime Manhattan come una guerra. L’America non «Lasciate a piedi e con calma la zona sud Da un primo controllo tramite le nostre sedi aveva mai vissuto scene di bombardamenti. E di Manhattan». L’appello è stato ripetuto consolari i cittadini italiani residenti o in visita anche se invece delle bombe si trattava di jet per ore da radio e televisioni che a New York non sarebbero stati colpiti lo schock è stato immenso. Terribile dicevano invitavano i cittadini a non intralciare le dall’attentato. Nessun nostro connazionale i testimoni. Alcuni ex combattenti ricordavano operazioni di soccorso di vigili del fuoco e risulterebbe per ora negli elenchi di morti e dei scene avvenute nel mondo, mai negli Usa. ambulanze diretti alle torri gemelle. feriti. Attivato un numero verde dalla Farnesina. Fuga disperata dalla Grande Mela Centinaia di ospedali presi d’assalto, manca il sangue, terrore nelle strade GIANNA PONTECORBOLI Brooklyn. Bloccati, ovviamente, gli NEW YORK. Le Torri Gemelle che per quasi trentanni hanno costituito il aeroporti. Semiparalizzata la metropolita- na, nel caos totale il traffico stradale Ma non è l’inizio simbolo più autentico della potenza economica americana, il richiamo stupefacente per milioni di turisti di dove gli autobus sono rimasti in- trappolati. «Tornate a casa», ha invano lan- di una guerra mondiale tutto il mondo, non ci sono più. E ciato un appello Giuliani mentre AURELIO LEPRE assieme a loro, è finita in un cumulo unimmagine dallalto dellisola feri- di macerie la sicurezza di unintera ta mostrava il celebre skyline muti- N questi momenti terribili la memoria corre città di essere al riparo dagli attacchi del terrorismo più violento. La giornata più tragica e alluci- lato di uno dei suoi gioielli e avvolto in una orribile nuvola di fumo. Ma la richiesta del sindaco si è scontra- I subito ai giorni lontani della crisi dei missi- li, che per sei giorni tenne tutto il mondo col fiato sospeso. La notizia che Bush si è trasferito nante dellintera storia di New York ta contro il muro di traffico che ha dalla Casa Bianca all’aereo sul quale avrebbe è cominciata alle nove di mattina, paralizzato Midtown e a molti dovuto salire in caso di minaccia di guerra è quando i reporter radio locali hanno newyorchesi non è rimasto che an- quella che più suggerisce questo confronto. E osservato un enorme sbuffo di fumo dare a piedi per raggiungere le loro che rende meglio la gravità di ciò che è nero che usciva da un piano alto di destinazioni. accaduto. una delle due torri. «E successo Gli ospedali di New York - un Era il 22 ottobre 1962, quando Kennedy, in qualcosa, ma non sappiamo cosa», centinaio - sono stati impegnati al un drammatico discorso, annunciò il blocco hanno urlato nei loro microfoni. completo, le scorte di sangue si navale di Cuba. Navi sovietiche che trasporta- Lo sbuffo misterioso però è stato sono esaurite, per i feriti è stato vano missili si stavano dirigendo verso l’isola, soltanto l’inizio. attrezzato un servizio di traghetti dove da qualche tempo si stavano costruendo Pochi minuti dopo le notizie han- verso il New Jersey. Molte scuole basi dalle quali, se i missili vi fossero stati no cominciato ad accavallarsi. Fino installati, l’Urss avrebbe potuto sferrare un sono state chiuse, altre hanno la- a quando non ci si è resi conto che primo colpo distruttivo, rompendo «l’equili- sciato liberi i genitori di venire a era cominciato l’Apocalisse. brio del terrore», che aveva consentito di prendere i bambini. Scene di guerra a Manhattan: in salvare la pace fino a quel momento. meno di due ore uno scenario che Rob Gangemi, un newyorchese, ha guardato incredulo la nuvola di Per sei giorni credemmo di vivere l’inizio finora sembrava uscito dalla fanta- della terza guerra mondiale. Ma non era sia di scrittori come Tom Clancy si è fumo e di polvere che ha coperto la città lungo la Quinta Strada, la stra- avvenuto ancora niente di irreparabile. Sem- trasformato in realtà. brava che il tempo si stesse fermando, mentre A 18 minuti di distanza luno da dello shopping, per decine di isolati fino a Midtown «Prima ho si susseguivano, minacciose ma lente, le mosse dallaltro due aerei di linea si sono e le contromosse di una partita che poteva schiantati contro le torri gemelle del visto una torre in fiamme», ha detto con le lacrime agli occhi: «Adesso improvvisamente diventare mortale, ma di World Trade Center, unora dopo le cui entrambi i giocatori cercavano di mantene- torri-simbolo del capitalismo Usa non vedo più niente». Da un «primo controllo» effettua- re il controllo. Lo stesso 22 ottobre Kennedy sono crollate in una nuvola di fumo inviò a Krusciov un messaggio in cui gli con dentro intrappolate migliaia di to dall’Ambasciata dItalia a Washington presso gli ospedali del- chiedeva di astenersi da ogni azione che potes- persone. se «allargare e approfondire la già grave crisi». A mezzogiorno il quartiere di la capitale americana non risulte- rebbero, al momento, cittadini di La risposta arrivò due giorni dopo e non fu Downtown, che la mattina brulica nazionalità italiana, tra le vittime rassicurante. Krusciov, infatti, ammonì che di gente, si era trasformato in una degli attentati. Per quanto riguardo l’Urss avrebbe preso «tutte le misure necessarie Beirut devastata di inizio millennio. lattacco alle torri del «World Trade per proteggere i propri diritti». Jet da guerra hanno cominciato a pattugliare lo spazio aereo delliso- Center» a New York, alla Farnesina Ma nel gruppo dirigente americano c’er la. Il traffico commerciale nel porto si fa presente che il Consolato Gene- chi riteneva che, in realtà, Krusciov stesse di New York è stato chiuso in attesa rale dItalia è in costante contatto cercando un modo per tirarsi fuori da quella dellarrivo di ununità navale da con le autorità locali e con gli ospe- che sembrava una strada senza uscita e il 24 guerra nella baia. dali della zona, per accertare la ottobre Kennedy avviò una trattativa diploma- Allincredulità, è subentrata la Per la prima volta il terrorismo ha colpito così in alto e così pesantemente: americani nel terrore presenza di vittime italiane. tica segreta. Il 26 Krusciov scrisse nuovamente paura: il panico si è impadronito dei al presidente americano in maniera concilian- newyorchesi allertati dalle reti tv te: «Tutti hanno bisogno della pace, sia i che hanno cominciato a trasmette- I PRECEDENTI ATTENTATI TERRORISTICI IN AMERICA E NEL MONDO capitalisti, se non hanno perduto la ragione, re in diretta le immagini dellimma- sia i comunisti, i quali sanno quanto valgono ne tragedia. Allora dellattacco, in- torno alle nove del mattino, la gior- nata lavorativa era appena comin- ciata e in ognuna delle due Torri Vent’anni di obiettivi Usa colpiti non solo le loro vite, ma quelle dei loro popoli» e concluse: «Ho partecipato a due guerre e so che le guerre portano dappertutto morte e distruzione». Il 28 ottobre, grazie anche alla mediazione di Robert Kennedy, Krusciov diede potevano esserci circa diecimila per- sone. Molta gente è riuscita a mettersi Nel mirino ambasciate, aeroporti, uffici governativi, navi e anche un concerto rock alle navi sovietiche l’ordine di tornare indie- tro. in salvo, ma lagguato ha portato al Vinci» di Roma un commando palesti- un attentato con unautobomba cau- È possibile un paragone con quello che sta PAOLA DI PACE collasso la rete di soccorso. «Lascia- nese lancia bombe a mano e spara tra i sa 19 morti e 446 feriti (173 americani) avvenendo oggi? Riflettendo con maggiore te la zona Sud di Manhattan», ha ROMA. Gli attacchi di ieri nel cuore di banchi di accettazione della compa- tra i militari della base dellaeronauti- calma, bisogna riconoscere che il paragone è lanciato un appello televisivo il sin- New York e Washington non hanno gnia aerea di Israele «El Al» e di quella ca Usa a Dahran. sbagliato. Non c’è nessun rischio di una terza daco Rudolph Giuliani spiegando precedenti per gravità e forse per nu- degli Stati Uniti «Twa» uccidendo 16 27 luglio 1996: ad Atlanta, sede guerra mondiale. La Russia si trova anch’essa che le ambulanze e i camion dei mero dei morti. Questa azione è lulti- persone. delle Olimpiadi, una rudimentale sotto la minaccia del terrorismo, la Repubbli- vigili del fuoco non riuscivano a ma di una lunga serie di attentati 21 dicembre 1988: a bordo del bomba esplode al Parco del Centena- ca Popolare Cinese ha tutto l’interesse a mante- raggiungere larea delle Torri. contro obiettivi statunitensi nel mon- Boeing 747 della «Pan Am», in volo tra rio, durante un concerto rock. Muoio- nere buoni rapporti con gli Stati Uniti. Tra Lo stesso Giuliani, che ieri matti- do e nello stesso territorio Usa. Eccone Londra e New York, esplode una bom- no due persone. I feriti sono più di l’altro, i due grattacieli colpiti sono anche uno na è rimasto intrappolato per una un riepilogo dei più gravi negli ultimi ba. Laereo precipita sulla cittadina cento. dei simboli di quella globalizzazione alla ventina di minuti in un bunker di anni. scozzese di Lockerbie. Muoiono 259 7 agosto 1998: ancora due attentati quale la Rpc vuole partecipare. comando vicino a City Hall, ha invi- 18 aprile 1983: a Beirut una bomba persone a bordo e undici a terra. contro le basi diplomatiche statuniten- No, non è una grande potenza, con il suo tato i cittadini alla calma. distrugge lala centrale dellambascia- 26 febbraio 1993: unautobomba si all’estero: a pochi minuti luno dall armamento nucleare, a minacciare in questo Ma cera poco da stare tranquilli ta Usa, provocando 70 morti (16 ameri- salta in aria nel garage sotterraneo altro vengono distrutte le Ambasciate momento gli Stati Uniti. Il nemico - chiunque cani) e 100 feriti. americane di Nairobi e di Dar Es esso sia - può colpire duramente i simboli tra il sibilo delle sirene delle ambu- delle torri gemelle del «World Trade 23 ottobre 1983: in Liba- Salaam. Nellattentato in Kenya muo- lanze quando a catena uffici pubbli- ci e privati hanno ordinato ai dipen- Nel febbraio ’93 no, due autobombe con ter- Center», a New York. Allesplosione segue un incendio e il fumo si propaga iono 213 persone, tra cui 12 cittadini stessi dell’America, ma non può distruggerla. Anzi, otterrà molto probabilmente l’effetto di statunitensi. Nel secondo attentato, in denti di uscire in strada, quando i la prima azione roristi suicidi esplodono contro le installazioni dei nei piani superiori dei due grattacieli. Tanzania, viene utilizzata un’autoci- unirla tutta intorno a Bush. trasporti sono andati praticamente I morti sono sei, i feriti oltre mille, la sterna carica di carburante, i morti Per quest’ultimo aspetto, il paragone stori- in tilt e i telefoni, stressati fino al contro le torri contingenti Usa e francese maggior parte intossicati dal fumo. sono dieci. Il totale dei feriti in tutti e co più appropriato non è la crisi dei missili, collasso, hanno impedito a chi era della Forza di pace, ucciden- 19 aprile 1995: a Oklahoma City ma Pearl Harbor. Il 7 dicembre 1941, quasi fuori casa di raggiungere almeno via di New York: do 241 marines Usa. unaltra auto-bomba esplode davanti due gli attentati sono oltre cinquemi- la. sessanta anni fa, i giapponesi attaccarono voce i propri familiari. In molti casi è rimasta solo le- un’autobomba 20 settembre 1984: in Libano, unautobomba gui- alledificio federale «Ap Murray Buil- ding», che ospita gli uffici di varie 12 ottobre 2000: il cacciatorpedi- niere USS Cole (Stati Uniti) allancora all’improvviso la base navale di Pearl Harbor, distruggendo una parte consistente della flot- mail a garantire un minimo di comu- salta in aria nel data da un autista suicida agenzie governative, tra le quali lFbi, nel porto di Aden viene speronato da ta americana. Sembrò un colpo distruttivo e fu nicazione a chi aveva sotto mano un esplode contro lambascia- e un asilo nido per i figli dei dipenden- un gommone carico di 250 kg di esplo- invece l’inizio del processo che avrebbe reso gli computer. garage: 6 morti, ta Usa: 23 morti, 70 feriti. ti. Muoiono 169 persone, altre 500 sivo e con a bordo due terroristi suici- Stati Uniti la più forte potenza mondiale. Bloccati i ponti e i tunnel, tranne 27 dicembre 1985: all rimangono ferite. di. Nellattentato muoiono 17 mari- quello che sotto lEast River porta a oltre mille feriti aeroporto «Leonardo da 25 giugno 1996: in Arabia Saudita, nai, 39 restano feriti. Tranne piccoli gruppi, tutta la nazione si strinse intorno a Roosevelt.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 5 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.17 ----------Cr
  • 6. IL MATTINO 6 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 Illeso il ministro Rumsfeld: si trovava sull’altro lato Ore 09:45 locali, le 15:45 in Italia. Nelledificio a cinque lati, centro nevralgico del potere militare degli Stati Uniti, cerano circa 21.500 persone a lavoro quando un aereo pilotato da un kamikaze lo ha colpito. Il Pentagono è subito andato in fiamme. Ci sono voluti circa venti minuti prima che un lato Una colonna del palazzo crollasse. Sono seguite esplosioni di fumo sul secondarie e enormi nuvole di fumo si sono Pentagono. In levate nella direzione del fiume Potomac, che primo piano divide Washington dalla Virginia, dove si trova il le auto di ministero della difesa. A mezzogiorno (locale) dipendenti negli ospedali erano state ricoverate 40 vittime, federali che si sette delle quali in condizioni gravissime. apprestano a Limpatto è avvenuto sul lato opposto di quello lasciare la in cui si trovava il ministro Donald Rumsfeld. Il zona e a portavoce Glenn Flood ha successivamente reso tornare a casa noto che il ministro è rimasto illeso. Violata la fortezza Pentagono Aereo infrange il simbolo della potenza bellica Usa. Decine di vittime SALVATORE ARIETE GLI USA E L’INCUBO DEL NEMICO ESTERNO I L SIMBOLO della potenza americana. L’inviola- bile santuario dei militari Usa. La fortezza inespugnabile. Da ieri mattina, 9,45 ora di Sfida totale al «gigante che dormiva» Washington, è un ricordo del passato. L’esplo- GIUSEPPE JOSCA no le attenzioni ispirati dalla stessa sione, il fumo, le fiamme, la fuga, i morti, i feriti. intolleranza. Prima della strage di ieri Il bilancio dell’attacco al Pentagono è dal L telefono squillò alle sei del mattino erano morti più civili americani in punto di vista delle vittime - «decine», ha detto un funzionario - meno grave di quanto è accaduto a New York, ma qui è stato sfregiato il I al comando della Polizia di Washin- gton. Dieci uomini armati, disse una voce affannata, si erano impossessati di patria che nel Medio Oriente o in Euro- pa a causa della violenza politica. Del resto, non si può dimenticare che cuore della forza degli Stati Uniti, qui i terroristi un battello della Marina sul fiume due presidenti, Abraham Lincoln e John hanno voluto dimostrare di poter arrivare Potomac. Avevano preso numerosi Kennedy, furono assassinati, e altri dovunque. E qui è stato portato l’attacco più ostaggi, c’erano dei feriti. Il commando quattro (Theodore Roosevelt, Truman, simbolico in un paese che non ha mai conosciu- - un gruppo di nazionalisti radicali di Ford e Reagan) subirono seri attentati. to violazioni dall’esterno. Un Boeing 757 dell un’isola dei Tropici - chiedevano tre Eppure non era il terrorismo interno American Airlines, probabilmente un velivolo cose: la liberazione di prigionieri politi- che spaventava gli americani, bensì commerciale, si è schiantato contro uno dei ci nel loro Paese, una grossa somma di quello d’importazione. Aveva il volto cinque lati, l’ala est del quartier generale del danaro, un salvacondotto per lasciare ardente di Arafat, lo sguardo corruccia- ministero della difesa. Prima dell’impatto l’ae- gli Stati Uniti. Scaduto l’ultimatum, gli to di Khomeini, o enigmatico di Ghedda- reo avrebbe investito un elicottero: voleva così ostaggi sarebbero stati uccisi. Nessuno fi, quando il colonnello tuonava contro basso da travolgere le linee elettriche. morì quel giorno di qualche anno fa. Si il «diavolo yankee». Sono attimi di incredulità, di sconcerto, di trattava solo di una esercitazione, Ope- C’era tuttavia la convinzione che panico. Poi scatta l’allarme. Tutti gli edifici razione Popeye, una delle tante organiz- nessuno avrebbe osato colpire al cuore dove hanno sede gli uffici del governo federale zate sul tema: come difen- la prima superpotenza del sono stati evacuati, compresa la Casa Bianca, dersi da un attacco terroristi- mondo. «L’America è lonta- Capitol Hill (sede del Congresso), la Corte co. Dall’Atlantico na», si sentiva rispondere Suprema, i ministeri e le sedi delle agenzie federali oltre a monumenti e musei. Il Jefferson La «fortezza America» si era a lungo ritenuta invulne- al Pacifico chi metteva in guardia con- tro l’eccesso di confidenza. Memorial è transennato e guardato a vista da agenti in giubotti anti-proiettili. rabile, un’oasi di pace e di l’America Una volta perfino entrare sicurezza in un mondo afflit- alla Casa Bianca non era I leader del Congresso, i membri del gover- to dalla piaga della violenza è disseminata un’impresa impossibile. Un no e il presidente della Corte Suprema William politica. Ma con il moltipli- giorno trovarono un turista Rehnquist sono stati portati in luoghi segreti carsi dei raid, dei dirotta- di obiettivi che, piuttosto spaventato, si per garantirne la sicurezza. Il vicepresidente Dick Cheney e il consigliere per la sicurezza menti, di imprese sempre più audaci e spettacolari, le vitali, anche aggirava nelle sale del pri- mo piano: si era accodato nazionale Condoleezza Rice sono stati traspor- tati durgenza in un centro segreto della capita- vecchie certezze cominciaro- no a vacillare, e molti si dal punto di alla banda dei Marines al- l’ora del cambio della guar- le per coordinare la reazione in attesa del chiesero: può accadere an- vista simbolico dia, e nessuno se ne era rientro di Bush nella capitale. che qui? Allora nessuno pote- accorto. Ma quando i re- Il sindaco del Distretto della Columbia, che va immaginare che il terrori- sponsabili della sicurezza corrisponde alla capitale federale, Washin- smo sarebbe un giorno venuto dal cielo. decisero di far mettere blocchi di cemen- gton, ha decretato lo stato di emergenza. Tutti In realtà gli Stati Uniti non erano in to intorno alla residenza presidenziale, gli ospedali della zona sono in stato di massima passato immuni dal fenomeno. Negli qualcuno disse: «Vogliamo fare una allerta. Per tutta la giornata le ambulanze archivi dell’Fbi è scritta la storia, spesso edizione yankee del Cremlino?». hanno fatto la spola tra il parcheggio del sanguinosa, di sette, carbonerie, gruppi Fu la prima di una delle misure Pentagono e i centri di soccorso. Nelledificio, estremisti che in nome di cause non adottate nei centri nevralgici del Paese, da cui si sono levate dense nubi di fumo, sempre nobili hanno seminato violen- tra le proteste di chi sosteneva che lavorano 21.500 dipendenti, tra civili e militari. za: neonazisti delle Nazioni Ariane, trasformare l’America in un bunker che sono stati mandati a casa in seguito alla indipendentisti portoricani, il Fronte equivaleva a un atto di resa al terrori- chiusura di tutti gli uffici governativi e sono Unito della Libertà deciso a rovesciare il smo. In realtà era il meno che si potesse rimasti intrappolati nel traffico. «governo reazionario» di Washington, fare. La Casa Bianca si trova sulla Il rombo dei motori degli aerei militari che fondamentalisti delle Pantere Nere e dei direttrice di atterraggio del National pattugliano i cieli di Washington non ha dato Airport di Washington: jet civili la sorvo- Whathermen. L’Armata di Dio che face- pace alla popolazione. Al frastuono degli aerei lano ogni giorno a bassa quota. L’han- va saltare le cliniche dove si pratica si è aggiunto il rumore delle sirene delle ambu- no fatta sgomberare subito dopo il pri- lanze, dei pompieri e delle auto della polizia, l’aborto, la Lega di Difesa Ebraica re- mo attacco alle Torri gemelle di New creando un clima di guerra. «È come essere in sponsabile di una lunga serie di assassi- York. Ma dall’Atlantico al Pacifico, un film. Non credo che vedremo mai più nella ni e di attentati contro esponenti arabi, l’America è disseminata di obiettivi vita- Militari americani osservano le fiamme che si sprigionano dal Pentagono. In basso la sede della Nato a Bruxelles e i Musulmani Hanafi che ricambiava- nostra vita una scena del genere», ha detto li (anche simbolicamente). Due kamika- Joseph Lackey, che lavora in un ufficio vicino ze dell’aria che si lanciano in picchiata alla Casa Bianca. sui nodi autostradali di Los Angeles In un negozio di alimentari i clienti sono possono paralizzare la metropoli cali- rimasti incollati allo schermo della televisione IN SERATA RIUNITO IL CONSIGLIO ATLANTICO forniana. Come proteggere la grande accesa. La gente per strada camminava con i rete degli oleodotti, delle centrali elettri- telefonini allorecchio, sbalordita dagli ultimi avvenimenti e cercando disperatamente di mettersi in contatto con i famigliari. Ma le linee Nato, a Bruxelles il grado di allerta passa da alfa a delta che, delle linee di comunicazione? E quale catastrofe provocherebbe un raid su una centrale nucleare? si sono intasate e sono serviti vari tentativi BRUXELLES. La Nato ha reagito alla Brodeur. Fonti dellAlleanza osserva- Fino a ieri questi sembravano incu- prima di ottenere un collegamento. Gruppi di raffica di attacchi terroristici contro no che per un teorico intervento bi. Ora diventano minacce reali. E dimo- persone si sono radunati intorno alle poche gli Stati Uniti alzando il livello di della Nato sarebbe necessario che gli strano che la «bunker mentality» di cui radio accese. Come se non bastasse lorrore dei allerta da alfa a delta in tutte le sue Stati Uniti invocassero larticolo 5 del in tanti si lamentavano non era sbaglia- fatti, sono circolate voci di altri aerei in arrivo installazioni. Il Consiglio Atlantico, la Trattato - quello di un attacco al ta. «Siamo assolutamente impreparati diretti sulla capitale e di bombe che dovevano cui riunione ordinaria era prevista territorio di un paese membro - invo- a fronteggiare il terrorismo», aveva am- ancora esplodere domani, è stato convocato per la cando laiuto degli alleati. Ma espe- monito Robert Kuppermann, professo- Paralizzati nel traffico molti pendolari si serata di ieri dal segretario generale rienze passate - sottolineano le stes- re al Centro di Studi Strategici della sono sentiti come bersagli viventi. «Non riuscia- George Robertson per una consulta- se fonti - hanno dimostrato che gli Georgetown University. Altri vedevano mo ad uscire dalla città. Se vogliono bombarda- zione fra i 19 alleati. LAlleanza ha Usa si muovono eventualmente da il problema da un altro punto di vista. re, stiamo qui in attesa del peggio», ha detto un inoltre attivato tutte le strutture di soli per colpire. Come Brian Jenkis della Rand Corpora- dipendente federale. I conducenti che riusciva- gestione e monitoraggio delle crisi in La Nato ha incrementato le misu- tion, uno dei maggiori esperti di terrori- no a muoversi passavano incuranti con il una situazione definita «molto se- re di sicurezza in tutte le sue basi ed smo: «Colpire l’America al cuore signifi- rosso, facendo scappare i pedoni impauriti. ria». edifici. Al quartier generale di Bruxel- cherebbe cambiare le regole, lanciare Regnava il caos nonostante i tentativi dei vigili In una situazione assolutamente les è stato mandato a casa tutto il una sfida, la risposta sarebbe durissi- urbani di mantenere una parvenza di ordine. fluida, basata su informazioni anco- personale «non essenziale». Analo- ma». La capitale federale in ginocchio angosciata ra frammentarie e parziali, la Nato ghi provvedimenti sono stati adottati Ora è accaduto, e forse chi ha conce- da due immagini che nessuno dimenticherà può per il momento solo schierarsi al al comando militare Shape di Mons pito e organizzato il blitz ricorda ciò che più: da un lato il Pentagono in fiamme. dall’al- fianco del suo membro più potente, ed in tutte le altre installazioni dellAl- l’ammiraglio Yamamoto disse ai suoi tra la Casa Bianca evacuata e senza il suo colpito al cuore. «Non cè alcun pia- leanza. In particolare in Bosnia e in ufficiali che si congratulavano con lui inquilino più importante, George Bush,che per no né risposta possibile a questo Kosovo tutte le basi della Nato sono dopo il successo del raid su Pearl Har- motivi di sicurezza ha deciso di far tappa nella stadio», ha detto il portavoce Yves state posto in stato di allarme rosso. bor, nel 1941: «Abbiamo vinto una bat- sede dello Strategic Air Command nella base taglia, ma anche svegliato un gigante militare di Offutt, in Nebraska. che dormiva».Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 6 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.15 ----------Cr
  • 7. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 7 LA RESIDENZA BLINDATA detto di aver ottenuto la sua informazione durante un Allarme anche a Camp David briefing del corpo dei Marines. A quanto è dato di sapere, in attesa della Scatta l’allarme rosso anche per la residenza conferma della scatola nera, questo attentato estiva di Bush. È lì che si stava dirigendo il è fallito perché a bordo dell’aereo sarebbe «quarto aereo» dirottato dai terroristi. La scoppiata una furibonda lotta tra i dirottatori notizia ha messo in stato dallerta tutti i e i membri dell’equipaggio. La lotta avrebbe servizi di polizia nella zona di Washington. casuato l’entrata in picchiata del velivolo e il Ma più tardi si è appreso che l’aereo era suo schiantarsi al suolo. precipitato in un bosco vicino all’aeroporto di «Siamo dirottati, siamo dirottati»: queste Pittsbourgh. La United Airlines ha reso noto parole sono state gridate al telefono da un che sullaereo schiantatosi a Pittsburgh passeggero del volo 93 della United Airlines, cerano 38 passeggeri, cinque assistenti di Il passeggero era riuscito a chiamare il volo e due piloti. numero demergenza dal suo telefonino, Si trattava del volo 93 da Newark a San mentre si trovava in una toilette dellaereo. Francisco Secondo voci confermate più tardi La telefonata è una conferma che anche il da un deputato americano, il bersaglio dell dramma del volo 93 è una componente aereo precipitato in Pennsylvania doveva dellattacco terroristico e non è un incidente essere Camp David, la residenza di isolato. La chiamata è stata ricevuta dal campagna della Casa Bianca. centro demergenza della Contea di Ancora un’immagine sconvolgente delle esplosioni. Al centro, il presidente George Bush Il deputato della Virginia James Moran ha Westmoreland. Bush per ore sull’Air Force One Evacuata la Casa Bianca, il presidente portato in una base del Nebraska MARILICIA SALVIA Washington ha rappresentato, sul piano politi- co, il segno più evidente della drammaticità di I È fatto vedere due volte, in due brevissimi quanto stava accadendo. Riportare al più pre- IL PUNTO S collegamenti tv, per assicurare che «tutte le precauzioni per proteggere gli america- ni sono state prese», ma soprattutto perchè sto Bush alla Casa Bianca sarebbe servito a dare un messaggio rassicurante agli americani, scioc- cati da un attacco terroristico senza precedenti. L’Occidente fosse chiaro che la disfatta, nonostante tutto, E invece l’Air Force One ha continuato a vagare, non era compiuta, che il presidente della nazio- ne più grande e potente del mondo non era stato messo in fuga dal grande nemico senza scortato da un numero di caccia ancora superio- re rispetto al solito. Il dramma si era già consu- mato per intero quando George W. Bush, atter- è senza difese volto. Ma è un fatto che George W. Bush sia stato rato alla base aeronautica militare di Barksdale, BRUNO VESPA costretto a trascorrere la gran parte della giorna- in Louisiana, ha nuovamente affrontato le tele- ta più drammatica della storia degli Stati Uniti camere (ma il suo messaggio è stato poi trasmes- A ieri è cambiata la storia del lontano dalla Casa Bianca, lontano dai luoghi dai quali di ora in ora arrivavano bollettini angosciosi. Se non in fu- so in breve differita) per ricordare che «la libertà è stata attaccata da un vigliacco senza volto» ma anche per ribadire che «la libertà sarà difesa». D mondo. Il Paese più potente del mondo viene colpito nei suoi simboli civili e militari. Il suo presiden- ga, certo messo alle cor- Un discorso breve, pronunciato con voce te è costretto a scappare dalla Casa de, Bush ha trascorso tesa: «Che non ci siano dubbi - ha detto Bush - Bianca e a rifugiarsi sul suo aeroplano gran parte del tempo a gli Stati Uniti daranno la caccia ai responsabili non avendo una sede sicura in cui bordo dell’aereo presi- di questi atti codardi e li puniranno. Sono rifugiarsi. Nessun film avrebbe potuto denziale, il superblinda- permettersi niente del genere: troppo rimasto in contatto con il vicepresidente, il to Air Force One, che è poco credibile. Lambizione più alta di ministro della difesa, la squadra di sicurezza diventato il suo ufficio e Hitler fu la conquista dei cieli inglesi: nazionale e il consiglio dei ministri. Abbiamo il suo rifugio: da qui ha non ci riuscì. Nessuno ha mai immagi- impartito le prime diret- preso tutte le precauzioni di sicurezza opportu- nato di conquistare i cieli americani, tive dopo gli attacchi a ne per proteggere la popolazione americana». E colpendo il cuore di New York e la più New York, da qui ha ap- ancora, il capo della Casa Bianca ha comunica- inespugnabile fortezza militare della preso degli attacchi por- to che «le nostre forze armate in patria e storia, il Pentagono di Washington e tati al Pentagono, da qui all’estero sono state messe nel massimo stato di insidiando la stessa Casa Bianca. si è sentito con i suoi allerta e abbiamo preso tutte le misure necessa- La storia del mondo è cambiata per collaboratori e ha preso rie per consentire il funzionamento del vostro almeno due ragioni. La prima: gli le ulteriori decisioni. Evi- governo. Siamo stati in contatto con i leader del attentati di ieri sono frutto di professio- denti ragioni di sicurez- Congresso e con le autorità mondiali - ha nisti del più alto livello visto finora. Se za lo hanno tenuto co- aggiunto Bush - per dare l’assicurazione che il servizio segreto più potente del mon- me prigioniero in quota, stiamo facendo tutto il necessario per protegge- do non è riuscito a prevenirli, vuol dire a migliaia di chilometri re l’America e gli americani». Dopo aver chiesto che lOccidente non ha difese credibili. da terra, con la sola pa- agli americani di unirsi a lui «nel ringraziare La seconda: gli Stati Uniti sono da rentesi di un breve scalo tutto coloro che stanno lavorando sodo per trentanni sotto il tiro dei terroristi in uno scalo militare del- soccorrere i nostri concittadini e nel pregare musulmani. Allinizio degli anni Set- la Louisiana dove ha re- per le vittime e le loro famiglie», Bush ha tanta, quando Roma era il crocevia dei gistrato un breve discor- concliso con il richiamo a uno scatto d’orgoglio: regolamenti di conti del Medio Orien- so alla nazione; «prigio- «La risolutezza di questa grande nazione è stata te, chi scrive entrò con le telecamere in niero» in quota, con l’ae- messa alla prova. Ma dimostreremo al mondo un aereo della Twa fatto saltare a Informato mentre visitava reo costretto persino a rifornirsi in volo, fino a che siamo in grado di superare questa prova». Fiumicino da terroristi arabi che bru- ciarono quasi tutti i passeggeri. Ma una scuola in Florida. quando un apparente ri- SGOMBERATI TUTTI GLI EDIFICI FEDERALI. CAMPIDOGLIO SUPERVIGILATO allora gli attentatori non sacrificava- torno alla calma non ha no la propria vita, se non in casi In un luogo sicuro anche consentito, nel tardo po- eccezionali. Contavano anzi sulla po- la famiglia e il vice Cheney. Breve scalo in Louisiana meriggio, l’atterraggio in un’altra sede super- protetta, lo Strategic Air Washington, città in stato d’emergenza tenza del ricatto per ottenere prima o poi la libertà, come accadde ai dirotta- tori dellAchille Lauro, che rivoltò gli Command nella base mi- WASHINGTON. Una città sgomenta. del Congresso, i membri del go- sbalordita dagli ultimi avveni- Stati Uniti contro lItalia e provocò la per un messaggio: sapremo litare di Offutt, in Ne- Paralizzata dalla paura, e allo verno e il presidente della Corte menti e cercando disperatamen- crisi di Sigonella. Oggi il sacrificio braska. stesso tempo impazzita: il terro- Suprema William Rehnquist so- te di mettersi in contatto con i personale dellattentatore è alla base superare questa prova, Solo in serata Bush re di vedersi «piovere» addosso no stati portati in luoghi segreti famigliari. Ma le linee si sono dellazione militare. Solo alcuni piloti ha potuto fare ritorno aerei-kamikaze sta spingendo mi- per garantirne la sicurezza. intasate e sono serviti vari tentati- giapponesi nellultima guerra mondia- la libertà sarà difesa alla Casa Bianca dove gliaia di persone ad allontanarsi, Il rombo dei motori degli aerei vi prima di ottenere un collega- le si comportarono sistematicamente però non c’era la moglie il prima possibile, da strade e militari che pattugliano i cieli di mento. Gruppi di allo stesso modo e le Laura, portata a sua volta in un luogo sicuro con palazzi che di per sè possono Washington non danno pace alla persone si sono conseguenze furono le figlie Barbara e Jenna non appena, in mattina- essere considerati obiettivi a ri- popolazione della capitale Usa, radunati intorno devastanti. Ma allora, ta, si era avuta la consapevolezza che quello che schio. Tutta Washington, capita- sgomenta per gli attentati che alle poche radio per lappunto, cera la sembrava un drammatico incidente era in real- le della nazione finita nel mirino hanno demolito le torri gemelle accese. guerra. Possiamo dire tà un micidiale attacco terroristico. In quel dei terroristi, è potenzialmente di New York e sventrato il Penta- Come se non che da ieri, dopo cin- momento, mentre il primo Boeing si schiantava nel mirino. E infatti anche a gono nella vicina Virginia. I di- bastasse l’orrore quantasei anni, lo sia- contro una delle Torri Gemelle, la first lady era Washington l’ondata terroristica pendenti federali sono stati man- dei fatti, sono cir- mo di nuovo? in Campidoglio per un’audizione davanti alla è arrivata, anche se in misura dati a casa in seguito alla chiusu- colate voci allar- Sarà questo, dun- commissione Istruzione e il presidente era a minima rispetto a quanto accadu- ra di tutti gli uffici governativi e miste di aerei in que, il nuovo, dram- Saratosa, in Florida, in visita a una scuola to a New York e oltre il Potomac, sono rimasti intrappolati nel traf- arrivo diretti sulla matico tema del verti- elementare. Sulle prime si era fatto finta di al Pentagono: un’esplosione si è fico. Lunghe file di persone in capitale e di bom- ce dei paesi Nato fissa- nulla, «il terrorismo non cambierà i nostri sentita nel pomeriggio in una auto e a piedi che cercavano di be che dovevano to a Pozzuoli tra due programmi», aveva detto il senatore Ted Kenne- strada a poca distanza dal Campi- tornare a casa. «Sono a pezzi», ha ancora esplode- settimane. Che senso dy; ma poi il Campidoglio è stato evacuato e a doglio, sede del congresso ameri- detto Elissa Brainard, 29 anni, re. La città è entra- ha parlare di scudo Laura Bush non è rimasto che dedicare un cano. Il panico ha fatto in fretta a mentre faceva la coda davanti al ta nel panico. spaziale se basta un pensiero alle vittime e chiedere al mondo di impadronirsi di quanti si trovava- garage dove era parcheggiata la Paralizzati nel kamikaze bene adde- pregare, prima di essere portata via dai servizi no nella zona, ma a quanto si è sua auto. traffico molti pen- strato a fare strage co- di sicurezza. È stato allora che il presidente saputo non ci sono state conse- Al frastuono degli aerei si è dolari si sono sen- me in un bombarda- Bush è apparso per la prima volta in tv: «Ho guenze serie. aggiunto il rumore delle sirene titi come bersagli viventi. «Non mento bellico? I proprietari delle ville parlato col vice presidente, col governatore di Il sindaco del Distretto della delle ambulanze, dei pompieri e riusciamo ad uscire dalla città. Se nelle zone ricche del Nord chiuderan- New York, col direttore dell’Fbi, e ho ordinato Columbia, che corrisponde al ter- delle auto della polizia, creando vogliono bombardare, stiamo no anche stanotte le loro porte a dop- che tutte le risorse del governo federale siano ritorio della capitale, ha decreta- un clima di guerra. «È come esse- qui in attesa del peggio», ha detto pia mandata per paura dei rapinatori utilizzate per aiutare le vittime e le famiglie e to lo stato di emergenza. Tutti gli re in un film. Non credo che un dipendente federale. slavi. Il governo sta mandando nelle per effettuare indagini su vasca scala, dare la edifici dove hanno sede gli uffici vedremo mai più nella nostra I conducenti che riuscivano a loro zone centinaia di agenti specializ- caccia e scovare i responsabili di questo atto», del governo federale sono stati vita una scena del genere», ha muoversi passavano incuranti zati. Ma ogni legittima paura persona- ha detto davanti alle telecamere, ancora nella evacuati, compresa la Casa Bian- detto Joseph Lackey, che lavora le sembra annichilirsi dinanzi alla scuola di Saratosa. «Possa il Signore bendire le ca, Capitol Hill (sede del Congres- in un ufficio vicino alla Casa con il rosso, facendo scappare i Paura dellOccidente. Avremo chiavi a vittime, le loro famiglie e l’America», ha conclu- so), la Corte Suprema, i ministeri Bianca. pedoni impauriti. Regnava il ca- sufficienza per chiudere le nostre por- so con voce rotta dall’emozione. Poi, risalito e le sedi delle agenzie federali In un negozio di alimentari i os nonostante i tentativi dei vigili te? Avremo voce a sufficienza per invo- sull’aereo, è cominciato il suo vagare nei cieli. oltre a monumenti e musei. Il clienti sono rimasti incollati allo urbani di mantenere una parven- care la pace a chi dimostra di volere La Casa Bianca infatti nel frattempo era stata Jefferson Memorial è transenna- schermo della televisione acce- za di ordine. «Tutti sono impazzi- una nuova guerra totale? evacuata. to e guardato a vista da agenti in sa. La gente per strada cammina- ti, siamo tutti stremati», ha detto E forse questa impossibilità a ritornare a giubotti anti-proiettili. I leader va con i telefonini all’orecchio, un passante.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 7 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.21 ----------Cr
  • 8. IL MATTINO 8 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 Allarme a Cape Canaveral chiude il centro spaziale L’allarme tocca anche lo spazio. l’incubo terrorismo tocca anche le basi dei programmi spaziali statunitensi. La Nasa ha deciso di chiudere il centro spaziale Kennedy a Cape Canaveral in Florida in seguito agli attentati terroristici contro il World Trade Center a New York e il Pentagono a Washington. Lo ha annunciato il portavoce Joel Wells, precisando che la stazione spaziale, la più Primi importante installazione della Nasa negli Usa, interventi è stata messa in stato di «Threatcon dei soccorritori Charlie», il terzo più grave livello di allarme dopo le per condizioni demergenza. esplosioni. Il portavoce ha aggiunto che nessuna precisa In basso, minaccia è stata lanciata contro la Nasa «ma americani prendiamo gli incidenti di questa mattina in fuga molto seriamente». E l’America si scopre vulnerabile Dal West al Sud una sola ondata di panico scuote la Superpotenza DALL’INVIATO seduto davanti alla tivvù di CLAUDIO SCAMARDELLA un pub guarda le immagini e commenta: «Mi ricorda il gior- CLEVELAND. Un uomo esce dal- no dell’attacco giapponese a l’ascensore della hall dell’al- Pearl Harbor. Sembra l’inizio bergo e urla: «Hanno attacca- di un’altra guerra». Guerra, to New York». Sembra un fol- ecco la parola che passa di le, sconvolto, farfuglia poche bocca in bocca tra gli america- parole in un americano in- ni in questa incredibile gior- comprensibile. La prima fac- nata di attacchi terroristici. E cia del «grande incubo» ha il la paura fa rivivere ricordi ed volto di un quarantenne busi- emozioni di tanti anni fa: «Ab- nessman newyorkese, a Cle- biamo temuto per cin- veland per affari, mancano quant’anni un attacco nuclea- pochi minuti alle 9.00 quan- re dall’Urss, invece eccoci qui do inizia la più angosciante a dover far fronte a un nemico terribile giornata americana invisibile, insidioso, che può del secondo dopoguerra, il colpire in ogni momento», giorno in cui l’America si ritro- dice seria una giovane barista va in ginocchio, impaurita, nel centro di Cleveland. Intan- collassata come dicono qui. E to si allungano le colonne di soprattutto si scopre vulnera- BLOCCATO ANCHE DISNEY WORLD auto che si dirigono verso bile. Sugli schermi delle televi- casa, alla ricerca di un rifugio sioni già scorrono da New York le scene d’apocalisse del- l’attacco concentrico, con il Los Angeles trema che può sembrare sicuro. Le linee telefoniche sono impaz- zite, i mezzi di trasporto in- sottotitolo cubitale in rosso: l’America nel mirino. Le den- se nubi di fumo che si levano aeroporto off-limits trappolati nel traffico, i geni- tori sono in fila davanti alle scuole, alle università per por- da uno dei simboli della cosid- Si sposta anche sulla West Coast tare i figli lontani dal centro detta «grandeur statuniten- lallarme per gli attacchi terroristici che urbano. se», le torri gemelle, gettano hanno colpito New York e Washington. L’incubo ha la faccia di un nello sconforto l’intero pae- Laeroporto internazionale di giovane studente dell’univer- se. E quando, pochi minuti Los Angeles, dove erano diretti due sità statale di Cleveland: «Mia dopo giunge la notizia dell’at- aerei della American Airlines che madre lavora al centro com- tacco al Pentagono, prevale secondo la compagnia si sono merciale di una delle torri di su tutti un solo aggettivo: in- schiantati uno contro il World Trade New York. Sto telefonando da credible! Non era mai succes- center e uno contro il Pentagono, è stamattina a casa, ma non so prima e non era nemmeno stato evacuato. riesco a mettermi in contatto lontanamente immaginabile A Los Angeles anche molti grattacieli di con nessuno», dice tra le lacri- che la casa della sicurezza uffici sono stati evacuati. me. E l’incubo è anche la degli americani venisse viola- ta. È il colpo del ko. Da New York a Los Angeles, dal Mid- I quattro jet-bomba erano tutti diretti in California La Disney ha fatto chiudere i parchi divertimenti di Anaheim, vicino a Los Angeles in California, come aveva fatto faccia rassegnata e, al tempo stesso, riflessiva di un profes- sore di Economia della stessa west al Sud dilaga il panico la WASHINGTON. Sono almeno quattro, forse cinque, gli aerei suolo in Pennsylvania, a 120 km a sud-est di Pittsburgh, in precedenza per gli stabilimenti della università: «Altro che scudo gente abbandona uffici, fab- coinvolti nellattacco terroristico contro gli Usa. A bordo, mentre laltro potrebbe essere il secondo lanciato contro le Florida. stellare, qui il pericolo viene briche e tutti i luoghi di lavo- secondoleinformazionifinoradisponibili,ceranocomples- torri gemelle. Laereo caduto in Pennsylvania era il volo 93, La paura oramai non ha confini, il da terra, dal terrorismo». E ro, esce dai centri commercia- sivamente 266 persone. Due aerei, uno della American un Boeing 757 partito da Newark alle 8.01 e diretto a San terrore può colpire gli scali aerei come quando le due Torri gemelle, li per riversarsi in strada e Airlines, dirottati e probabilmente pilotati da terroristi, si Francisco con 38 passeggeri, due piloti e cinque assistenti. Il i parchi-gioco, l’obiettivo è l’America, e esplosione dopo esplosione seguire insieme le scene del sono schiantati, alle 8.45 e alle 9.03, contro le torri gemelle di secondo aereo era il volo 175, un Boeing 767, partito da qualunque città, qualunque punto crollano giù, lo sconforto è «grande incubo» nei pub e nei New York. Un aereo dellAmerican Airlines sè abbattuto sul Boston alle 07.58 e diretto a Los Angeles, con 56 passeggeri, strategico può essere nel mirino per totale. Su uno dei canali appa- locali pubblici. Cerca risposte Pentagono dopo avere, pare, investito un elicottero: laereo due piloti e sette assistenti. una nuova strage. re Tom Clancy, autore di ro- che nessuno riesce a dare. «Se voleva così basso - riferiscono testimoni - da travolgere le Lipotesi che laereo schiantatosi contro le torri gemelle Aeroporti chiusi in tutti gli Stati Uniti, manzi gialli sul terrorismo, hanno attaccato anche il Pen- linee elettriche. Il primo aereo dellAmerican Airlines era il sia il secondo aereo della United Airlines andato perduto ma Los Angeles potrebbe essere un che aveva immaginato in un tagono è davvero la fine. Pos- volo 11 da Boston per Los Angeles, il secondo il volo 77 da non viene al momento confermata in modo ufficiale. Se obiettivo molto ambito per concludere suo libro un attacco aereo sono colpire ovunque e chiun- Washington Dulles per Los Angeles. A bordo cerano, secon- lipotesi non fosse vera, vi sarebbe un quinto aereo coinvol- questo orrendo cerchio di morte. direttamente sulla Casa Bian- que» commenta un giovane dolacifracheèstataufficialmenteconfermata,156persone. to. Tutti i quattro aerei di cui si ha finora conferma erano ca da parte di un’organizza- incollato alla tivvù. Intanto le Dei due aerei della United Airlines, uno sè schiantato al diretti in California. zione giapponese. strade di Cleveland come La tensione e la paura au- quelle di tutte le città america- mentano quando i telegiorna- ne si affollano, in pochi minu- li danno la notizia del Con- ti è la paralisi del traffico, gresso evacuato, di due cac- sembrano le scene dei film ciabombardieri in volo nei sulle guerre nucleari. Tutti in cieli di Washington, del presi- fuga verso mete più sicure ma dente Bush rifugiato in un non si sa quali. Il sindaco di bunker antinucleare della Lui- Cleveland attraverso la tv, in- siana, di tutti i consiglieri del- vita a stare calmi, ma intanto la Casa Bianca riuniti in un annuncia che per precauzio- rifugio antiatomico. Sono da ne l’aeroporto è stato chiuso poco passate le 14.00 quando anche perché si sospetta che le strade di quasi tutte le città un aereo appena atterrato è americane sono deserte. Tut- imbottito di tritolo. Le scuole ti a casa incollati davanti alla e tutti i centri commerciali tivvù. Il pomeriggio è lungo. della città sono evacuati, gli Ci sono altri cinquanta aerei uffici pubblici e privati blocca- in volo nei cieli degli Stati ti. Le nubi di fumo sulle Torri Uniti e si teme per la loro gemelle e sul Pentagono conti- sorte, mentre altri due aerei nuano a levarsi con maggiore non rispondono ai messaggi intensità, un’esplosione tira delle torri di controllo. Sarà l’altra. Il capo della polizia di un pomeriggio e una notte di New York parla di «centinaia, angoscia. L’America si è sco- migliaia, forse decine di mi- perta vulnerabile ed ora ha gliaia di morti». Ed il sindaco paura. Si aggrappa alle parole Giuliani, faccia terrea, occhi di Bush: «È un attacco alla freddi aggiunge poche paro- libertà, difenderemo con i le: «Abbiamo perdite tremen- denti la nostra libertà. La sto- de». A rendere ancora più ria ci mette di nuovo alla pesante la situazione arriva la prova, state sicuri che supere- notizia di un altro aereo cadu- remo anche questo difficile to a Pittsburgh. Un anziano esame».Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 8 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.18 ----------Cr
  • 9. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 9 Giornalista Cnn dal cellulare: «Aiuto, ci stanno dirottando» I dirottatori che hanno fatto schiantare un aereo sul Pentagono si sono impadroniti del jet armati di coltelli e taglierini. Lo ha rivelato, nellultima telefonata al marito, Barbara Olson, la «regina della destra» di Washington morta nellattentato. Barbara Olson era la moglie di Ted Olson, lavvocato della Casa Bianca che difese il caso di George Bush alla Corte Suprema nel corso della bagarre elettorale della Florida. Era anche una commentatrice della Cnn ed una delle 64 persone morte a bordo del Boeing 757 che si è Follia schiantato sul Pentagono. La Olson ha fatto due terrorismo: telefonate al marito con il cellulare per informarlo L’america che laereo era stato dirottato. Gli ha detto che i per la prima dirottatori, armati di coltelli e taglierini, hanno volta fatto spostare passegeri e equipaggio verso il si scopre fondo dellaereo. «Che devo dire ai piloti di fare?», vulnerabile ha detto sua moglie, secondo la Cnn. Giù un quarto aereo. Abbattuto? Il velivolo, con 45 persone a bordo, si schianta a Pittsburg. Forse doveva colpire Camp David GINEVRA GRAZIOSO sure forzate anche in altre città come mente avanzato» sono stati diretti in transatlantici diretti negli Usa, «e que- PSICHE E GUERRA Chicago. La decisione delle autorità Canada e Messico«. I velivoli in quel sta è lunica eccezione», ha fatto sape- NEW YORK. C’è anche un mistero nella giornata di terrore e panico vissuto dalla superpotenza americana messa dellaviazione civile americana di sospendere tutti i voli in partenza fino a nuovo ordine e di dirottare sul momento più vicini allEuropa sono stati fatti rientrare e già ieri sera dovrebbero essere tutti tornati indie- re il ministero dei trasporti canadese. Dick Cheney, vice-presidente degli Stati Uniti, e il consigliere per la sicu- Il potere della paura in ginocchio dal terrorismo. Un quarto aereo - dopo i due che si sono abbattu- ti sulle Torri Gemelle a New York e il Canada tutti quelli in arrivo transa- tlantici, è senza precedenti. Su richie- sta Usa, la Eurocontrol, lorganizza- tro. A tutti gli altri aerei è stato invece negato il permesso di decollare. Così da ieri pomeriggio nessun veli- rezza nazionale Condole Rice stanno valutando piani demergenza per ri- spondere agli attacchi terroristici a che domina la vita terzo che ha colpito il Pentagono, nei zione aerea per la sicurezza della volo si è alzato dagli aeroporti italiani, New York e a Washington. ALDO CAROTENUTO pressi di Washington - è precipitato a navigazione aerea su 36 paesi del belgi, danesi, francesi e tedeschi con Cheney e la Rice lavorano in stretto Pittsburgh, in Pennsylvania. A bordo continente, ha vietato i decolli dagli destinazione America del nord. Anche contatto con altri esponenti dellAmmi- OLPIRE il bersaglio. Lunica tattica si trovavano 38 passeggeri (45 perso- ne compreso l’equipaggio). Forse lo hanno abbattuto gli stessi caccia ame- aeroporti europei di voli con destina- zione Usa. Gli aerei il cui spostamen- to verso gli Usa «era già sufficiente- il Canada, infatti, ha chiuso al traffico aereo tutti i suoi aeroporti consenten- do comunque latterraggio dei voli nistrazione federale mentre il segreta- rio di Stato Colin Powell sta rientrando dallAmerica latina, dovera in visita. C per offendere, per far clamore e per distruggere. Perché devastare signi- fica avere potere. E il controllo ed il ricani, per impedire che l’aereo fosse dominio passano sempre attraverso la adoperato come una bomba per col- gestione dei sentimenti altrui. Quale è il pire un quarto obiettivo: la residenza moto dellanima che atterrisce e immobi- presidenziale di Camp David. Ma su lizza? La paura. Seminare il terrore è, questo episodio non c’è nessuna con- dunque, il mezzo utile e privilegiato per ferma. Ufficialmente si sarebbe trat- attirare su di sé lattenzione. Per far tato di una singolare coincidenza, avvertire alluomo la sensazione della che appare ben poco credibile. propria finitudine, e limpossibilità asso- LAmerica ha assistito prima attoni- luta di gestire il corso della propria ta, poi terrorizzata, lincredibile sequen- esistenza a dispetto degli altri. za di eventi chehanno segnatola giorna- Attentati, morti e quantaltro sono il ta a partire dalle 8,48 del mattino. deliquio delluomo che sente minacciata Aeroporti e porti chiusi, ponti la sua stessa esistenza. Improvvisamen- bloccati, strade piantonate, voli di- te, come allesacerbarsi di un rancore rottati verso il Canada o costretti a latente, la decisione si compie. E d esplo- tornare indietro: lAmerica si isola de. Perché il passato (anche il semplice dal mondo e risponde ai colpi morta- istante prima) si an- li sigillando ogni entrata e ogni uscita. Sotto lattacco terroristico Aeroporti nienta di fronte al frago- re del presente. Da quell più vasto mai subito nella loro sto- e porti chiusi, attimo in poi, dalla pau- ria, gli Usa hanno fatto scattare ra in poi, mutano i para- immediate difese interne ed ester- ponti bloccati metri di riferimento e ne, per difendersi e per non far lassetto stesso dellesi- scappare i terroristi. A tal fine è e strade stenza. La sensazione di stata chiusa la frontiera con il Messi- co. A Washington è scattato lordine piantonate: essere guidati, minac- ciati, gestiti da una men- di evacuazione per i palazzi del la super te esterna emerge di col- potere, la Casa Bianca, il Congresso, po. E limprovvisa con- il Dipartimento di Stato, il Pentago- potenza sapevolezza dellimpo- no, il ministero del tesoro e altre tenza del singolo si dila- sedi dellAmministrazione federale. è blindata ta in una forma di pani- A New York ordini analoghi sono co condiviso che immo- scattati nel quartiere degli affari e alle bilizza il contesto. Su questo annichili- Nazioni Unite. Le scuole sono chiuse mento della vita ordinaria si insinua la per ordine del sindaco Rudolph Giulia- sottile vittoria di chi quegli aerei ha ni. Il porto è stato chiuso al traffico guidato. La vittoria di chi ha deciso commerciale. Allerta massima e chiu- La paura si diffonde da una costa all’altra degli Stati Uniti come, dove e quando e ha portato a termine il proprio progetto. E un serpeg- giante delirio di onnipotenza si insinu LE DRAMMATICHE ORE VISSUTE DALL’INTERNO DEL QUOTIDIANO «THE PLAIN DEALER» in chi pensa, progetta e attua. Un sentire il proprio potere, in altri termini, che Superpotenza in ginocchio, i cronisti raccontano cresce anche in rapporto allimportanza, effettiva o simbolica, dellobiettivo rag- giunto. Soprattutto quando decisioni, gene- Nessuna edizione straordinaria: c’è la no stop delle tv ralmente prese alloscuro della popola- zione, rischiano di investire la vita stessa di quei signoli. E sebbene ogni individuo DALL’INVIATO A CLEVELAND re tre giornalisti a New York: tutti i voli gono a Washington. «Qualcosa, anzi si compatti nellanonimato della massa, CLAUDIO SCAMARDELLA già sospesi, tutti gli aereoporti degli più di qualcosa non ha funzionato di fronte allodio, alla violenza ed alla Statesgiàchiusi.Nellariunionedireda- nei sistemi di sicurezza a New York e morte è quello stesso individuo che pesa zione, con le notizie ancora frammen- a Washington». Per gli editorialisti sulla bilancia. Essere disposti allascolto Rsione.terribilesappiamo checonfu- giornata , nervi saldi e niente AGAZZI Tutti è una per l’America, il no- tarie,si sviluppailconfronto su chipuò aver organizzato l’attacco. del giornale di Cleveland, come del resto per grande parte degli opinio- diventa, in questi termini, un modo per proteggere e difendere la popolazione da stro mestiere però è raccontarla»: il La pista dei talebani appare fin nisti delle tv, si tratta «del più gran- un attacco esterno. Una necessità, un direttore del maggiore quotidiano di dall’inizio poco credibile, mentre il de attacco del terrorismo agli Usa», obbligo. Ma ascoltare chi? Difendere da Cleveland, The Plain Dealer (380 mila capo redattore degli esteri ricorda simile solo a quello avvenuto ses- chi? Se laggressore non si palesasse, il copie vendute al giorno, 350 giornali- che: «Tre settimane fa il capo del sant’anni fa a Pearl Harbour e non capro espiatorio diverrebbe una soluzio- sti),aprelariunionediredazioneosten- terrorismo islamico, Bin Laden, ave- manca il momento di rabbia tra i ne necessaria e necessitata. Una soluzio- tando sicurezza e invitando tutti i gior- va preannunciato un’operazione di- giornalisti quando in tv scorrono le ne che magari potrebbe mostrare anche nalisti a non farsi prendere dal panico. mostrativa di portata storica e l’Fbi immagini di manifestazioni e di un tornaconto inatteso. E la girandola di Sono le dieci in punto. Da mezz’ora aveva allertato tutte le forze preve- esultanza in un villaggio palestine- interessi generali, politici, economici, l’intera redazione è già a lavoro. La dendo un raid terroristico». È soprat- se. Commenti irripetibili. riprenderebbe il suo corso. tutto l’attacco al Pentagono, consi- Scartata l’opportunità di organiz- Il panico, che oggi è negli occhi della prima decisione della task-force creata derato da sempre il luogo inviolabi- zare un’edizione straordinaria nel po- gente, resterà nella memoria della collet- dalla direzione è l’invio di 15 cronisti le per la sicurezza degli americani, a meriggio (per la concorrenza spietata tività. Aggiungerà un tassello alla conti- per le strade della città, all’aereoporto destare maggiore scalpore e perples- della televisione), The Plain Dealer nua domanda delluomo sul perché del- (doveè scattato l’allarme, rivelatosipoi sità tra i giornalisti. E quando una dedicherà all’argomento 25 pagine. la violenza. Ma a chiederselo, forse, sarà falso, per un aereo imbottito di tritolo), segretaria consegna al capo redatto- Ed ecco uno dei passaggi più impor- ancora una volta luomo che ha visto, aicentricommerciali,davantiallescuo- re degli esteri il flash d’agenzia su tanti dell’editoriale: «Dai tempi della dal basso, gli aerei schiantarsi. Dallalto, le: dalle finestre del giornale, che affac- un allarme bomba anche alla Casa guerra non abbiamo mai visto mai forse, ciò che si vede è diverso e differente. ciano sulla principale strada cittadina, Bianca, nell’ufficio del vicepresiden- nulla di simile. Migliaia di morti, ma- Eppure, la consapevolezza che non vi sia già s’intravede la lunghissima colonna te, il volto del direttore diventa me- cerie, panico. Ma a colpire di più gli Giornalisti a caccia della verità: redazioni in allerta fino a notte fonda necessità connaturata allessere uomini di auto in fuga verso i centri periferici. no rassicurante. Colpisce la facilità americanièl’averscopertoall’improv- «Qualcosa non ha funzionato nei sistemi di sicurezza di di odiare e distruggere, induce tutti a Anche in redazione si respira un clima con la quale sono stati attaccati e viso di non essere più invulnerabili. pensare che la violenza non sia necessa- di tensione e di angoscia. La task-force distrutti luoghi simbolo: Torri Ge- Dopo questa giornata nulla sarà più New York e di Washington» e nella riunione con il direttore ria e che, come scriveva Cantoni, «sia delladirezione deve rinunciareainvia- melli di New York e un’ala del Penta- come prima negli Stati Uniti». si avanzano le prime ipotesi sui responsabili dell’attacco possibile abolirla, un bel giorno».Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 9 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.42 ----------Cr
  • 10. IL MATTINO 10 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 Paesi accusati di terrorismo La ”lista nera” americana Nella ”lista nera” dei Paesi accusati di sostenere il terrorismo internazionale, che gli Usa tengono sempre aggiornata ma che non cambia dal 1993 (quando fu inserito il Sudan), compaiono Cuba, Iran, Iraq, Libia, Corea del Nord, Siria e appunto il Sudan. I paesi ritenuti complici del terrorismo sono oggetto di sanzioni economiche e di un blocco degli aiuti da parte americana. Con Corea del Nord e Sudan il Dipartimento di Stato è in Un gruppo di trattative per eliminarli dalla lista. I paesi che cittadini di rischiano invece di essere inseriti sono il Pakistan New York (per lappoggio ai guerriglieri in Kashmir e ai avvolto nella Taleban) e lAfghanistan, che offrirebbero sempre polvere dopo il più spesso rifugio e supporto ai gruppi del crollo delle terrorismo internazionale, e il Libano, che «si è torri gemelle mostrato indifferente agli inviti Usa ad assicurare nel cuore di alla giustizia i terroristi responsabili di attacchi Manhattan contro cittadini e beni americani in passato». La Pearl Harbor della Cia Sotto accusa i Servizi segreti e l’Fbi: nessuno ha dato l’allarme DA WASHINGTON SISTEMA PUNTATO DAGLI 007 AMERICANI. LE DENUNCE DELL’EUROPA GIAMPIERO GRAMAGLIA WASHINGTON. Gli Stati Uniti hanno subito il più massiccio e devastante attacco terroristico della Beffato anche Echelon, il Grande Orecchio spia loro storia e di tutta la storia: un attacco criminale, DA BRUXELLES devono esserci state centinaia di di dimensioni apocalittiche. Il presidente George FRANCESCO CERRI comunicazioni, forse criptate - ma W. Bush ha dato disposizione perché i terroristi il sofisticato, e costoso, Grande siano individuati, catturati, perseguiti. BRUXELLES. Per lormai quasi mitico Orecchio dovrebbe avere i mezzi Il bilancio della tragedia, ancora imprecisato, Echelon, il Grande Orecchio elettro- per decrittare i messaggi sensibili - potrebbe essere persinopiù grave di quello dellat- nico puntato dagli 007 americani fra ”cervelli”, intermediari, struttu- tacco di sorpresa a Pearl Harbor, il 7 dicembre sul resto del mondo e potenzial- re logistiche, esecutori, per prepara- 1941, 2388 morti, quasi 2200 feriti. Il parallelo con mente in grado di spiare e intercet- re, pianificare, fare scattare lattac- Pearl Harbor è immediato: è stato evocato da più tare tutte le comunicazioni per tele- co. fonti. Oggi, come allora, gli Usa sono stati colti di fono, fax o e-mail del mondo, lon- Le antenne di Echelon sparse sorpresa da un nemico che ha colpito senza data di attentati che ha messo in nel mondo, e attivissime in partico- preavviso e che li ha trovati impreparati. I terroristi ginocchio gli Stati Uniti sembra lare nelle basi in Europa e nellarea si sono impadroniti di almeno quattro aerei nei una vera e propria Waterloo. Il medio-orientale e sui satelliti dell cieli Usa, dopo essere riusciti a superare tutti i Grande Orecchio di Echelon, indivi- intelligence americana e britanni- controlli di sicurezza negli aeroporti; ne hanno duato e denunciato negli ultimi ca (Londra è associata direttamen- portati tre ad abbattersi sui loro obiettivi; hanno due anni dallEuroparlamento, che te al funzionamento del Grande fallito in un solo caso - e anche lì hanno fatto ha istituito perfino una commissio- Orecchio gestito dalla Nsa, la Natio- decine di vittime - sul velivolo schiantatosi in ne dinchiesta per cercare di smon- nal Security Agency americana) Pennsylvania. tarne il funzionamento, dovrebbe non hanno dato lallarme. In un bunker segreto dellagenzia federale per infatti spiare il mondo Le ipotesi sembrano la gestione delle emergenze, il vice-presidente Dick Cheney, il consigliere per la sicurezza nazio- principalmente per ga- rantire la sicurezza e gli Le ipotesi: al momento due: o nel sistema di intercettazio- nale Condoleezza Rice ed esponenti dellFbi, della Cia e di altre agenzie federali hanno subito comin- interessi strategici degli una grande ne cè stata una «grande americani, negli Usa e falla», come ha detto Car- ciato a studiare le cause e le risposte, prima ancora di essere raggiunti dal presidente George W. Bush nel mondo. falla nella rete mon, o lorganizzazione Ma il sistema visibil- del terrore che ha colpito e dal segretario di Stato Colin Powell, che era in America Latina. Cia e Fbi, che hanno clamorosa- mente è fallito nel mo- planetaria, con precisione millime- mente fallito, sulla prevenzione, cercano tracce mento più critico per gli Stati Uniti dalla fine dell o l’inganno trica è stata più abile de- gli 007 americani, riu- che aprano piste. I terroristi hanno colpito i poteri americani, quello economico e finanziario nel ultima guerra mondiale. del ”silenzio” scendo a organizzare Il Grande Orecchio non loperazione senza fare quartiere degli affari della città icona di globalizza- zione e capitalismo; e quello militare, nella capita- ha intercettato nulla, o il degli accenni comprensibili at- sistema di interpretazio- traverso cellulari o altri le federale. Forse, laereo caduto in Pennsylvania aveva un obiettivo politico, Camp David, la Casa ne delle intercettazioni attentatori mezzi di comunicazione Bianca dei fine settimana, la tenuta nel Maryland non è stato in grado di elettronici. O ancora, co- simbolo degli sforzi di pace Usa per il Medio capire la minaccia, nonostante la me è stato denunciato nei mesi Oriente. massa critica dei preparativi che scorsi allEuroparlamento, il siste- Lintelligence non ha funzionato (e dire che, londata di attentati che ha sconvol- ma di Echelon potrebbe essersi solo sabato, gli americani avevano messo in guar- to lAmerica ha senza dubbio richie- distratto spiando le imprese euro- dia Giappone e Corea per un pericolo terrorista); la sto. Secondo lesperto militare bri- pee a beneficio della concorrenza prevenzione neppure; e la parata,una voltascatta- tannico Kieran Daly un’operazione americana. to il piano letale, non era possibile: i caccia si sono terroristica di tale portata ha richie- Echelon, dunque, non si è accor- levati, dopo gli attacchi a New York, ma sarebbe sto «una pianificazione colossale» e ta di nulla. Lintercettazione avvie- stato impensabile abbattere aerei in volo su un anni di preparazione, con terroristi ne con 120 satelliti in orbita e una area metropolitana. Gli Usa di Bush risponderan- ”dormienti” infiltrati anni fa negli aeroporti americani. Lattacco al dozzina di stazioni nel mondo. La no. Ma, intanto, sinterrogano sulla validità delle selezione delle informazioni ”sensi- priorità di difesa che si sono finora dati. Lunedì, il cuore degli Usa, che ha colpito senatore Joseph Biden, presidente della Commis- perfino il Pentagono, simbolo mili- bili” avviene se una particolare pa- sione Esteri del Senato, aveva ammonito il presi- tare della superpotenza americana rola fa scattare un meccanismo; ad dente: il vero pericolo non è un attacco missilistico nel mondo, ha coinvolto con ogni esempio termini come AK-47 (il da un Paese ”fuorilegge”, contro il quale si prepara probabilità «molte decine, forse fucile Kalashnikov), Stinger (missi- lo scudo spaziale ma un attacco terroristico sul centinaia di terroristi», ha detto le antiaereo), TWA 800 (il Boeing nostro territorio, contro il quale siamo imprepara- lesperto israeliano di terrorismo esploso nel 1996) o il nome di Bin ti. Aveva tragicamente ragione. Poliziotto dello stato del Massachusetts controlla l’aeroporto di Boston da cui è partito un jet dirottato Eli Carmon. Logicamente da anni Laden. DALLA PRIMA PAGINA E contemporaneamente, però, l’azione Gendarmi del mondo ha subìto duri ha dimostrato quanto gli Stati Uniti, ma L’ORRORE CHE CAMBIA IL MONDO colpi. È capace questo vecchio mondo di in generale le democrazie occidentali, autorigenerarsi? Aver delegato agli Stati siano vulnerabili. Ha dimostrato che non possa far saltare, con i grattacieli, i fragili certo non elimina il problema di questa attività che tenda ad innescare la spirale Uniti, che per la verità non hanno fatto c’è scudo spaziale che possa difendere nervi di un mondo sempre in bilico. Si presenza sinistra che condiziona la vita del terrore. Questo obiettivo non lo si nulla per sottrarsi a questo compito, dagli attacchi kamikaze, che non c’è guardi a che cosa è accaduto ieri nelle di tuttoil Globo. E globale deve essere la raggiung e se non si cercano forti connes- soprattutto dopo la caduta del Muro, il sistema di spionaggio in grado di preveni- Borse, il panico che ha attanagliato centi- lotta. sioni internazionali che costruiscano una ruolo di regolatore del mondo ha fatto sì re azioni che possono nascere ovunque. naia di milioni di piccoli risparmiatori, i Il primo punto: eliminare le cause sorte di rete di protezione. Il terrorismo che ”il Diavolo” diventasse uno e cataliz- saliscendi delle monete, i problemi che delle ineguaglianze. Popoli e nazioni per sua natura si nasconde, transita per zasse l’odio dell’altra parte del mondo. E Ha dimostrato che non esiste un control- si sono affollati sui tavoli di quanti diversi sono partiti, rispetto all’era della paesi che lascia indenni, confluisce e si invece da questa parte del mondo tutti lo mondiale, che Echelon, l’orecchio che dirigono le multinazionali dei mercati Globalizzazione, da posizioni diverse, concentra in una sorta di internazionale abbiamo delle responsabilità e tuttidob- dovrebbe ascoltare ogni complotto e globali. Ieri ha vacillato un sistema di spesso opposte. Povertà e ricchezza, della paura dove ci sono focolai e tensio- ogni progetto eversivo non è in grado biamo assumercele. valori e di equilibri. Un sistema che libertà e tirannia, civiltà e arretratezza: ni. Tutti i paesi debbono collaborare a Ma questa, appunto, è l’idea di un quantomeno di decifrare i milioni di potrebbe rompersi. È questo che hanno contemporaneamnte non possono mar- stendere questa rete di protezione. mondo nuovo, o quantomeno diverso. messaggi che avvolgono il globo in un sempre paventato i politologi che guarda- ciare. Ma eliminare le cause del divario è Il terzo punto: non ci può essere Un mondo che può essere anche peggio- susseguirsi di disegni di morte. no al futuro parlando dell’”ipotesi di compito di chi sta più avanti. La Chiesa, nessuna giustificazione per chi uccide re di quello attuale? Il ministro degli I terroristi sono arrivati al cuore degli Terza guerra mondiale”. i richiami del Pontefice hanno spesso civili, donne, bambini, per chi mette Esteri italiano dice che il mondo da ieri è Stati Uniti usando aerei di linea degli Bisogna disinnescare la bomba prima messo l’accento su questo elemento di bombe, per chi combatte una guerra non cambiato e ancora cambierà. E sarà più Stati Uniti. Si sono votati alla morte che l’orrore e la disperazione diventino crisi planetaria. Bisogna studiare insie- dichiarata, per chi si nasconde. La ven- brutto, più cattivo. E se invece, nella come avviene ogni giorno in molte parti una condizione di vita. Nessuno sa per me, con pari dignità, i percorsi da segui- detta chiama vendetta, la morte chiama fermezza contro i terrorismi di ogni del mondo in nome di una rivendicazio- ora chi abbia fatto saltare il cuore di New re. Contestare violentemente i vertici morte, il terrorismo scatena l’odio e colore o sotto ogni sigla, nella speranza ne, di un’idea o, più spesso, del convinci- York. Forse ci saranno rivendicazioni, che si pongono questo quesito è miope, diventa contagioso. Dunque nessuna di cambiare alcune regole, nella mano mento di essere nel giusto contro gli forse no. Il terrorista può anche fare a anzi controproducente: si ritardano i comprensione, ma fermezza anche da tesa dei paesi più ricchi ai paesi più infedeli che stanno dall’altra parte. Una meno di mettere una firma. Ci sono processi di integrazione. Porre la questio- parte di chi non è toccato. poveri, nella disperazione davanti ai guerra così combattuta non può essere ipotesi. Bene se si giungesse a qualche ne è giusto. Eliminare le cause di inegua- Il quarto punto: non c’è un’autorità morti americani, nei moniti del Papa non vinta né con i carri armati, né con il filo certezza. Ma l’identificazione degli at- glianza significa togliere acqua ai pesci mondiale che sia in grado di dettare le trovassimo la forza per gridare: ”Mai più spinato. Semplicemente è un ordigno tentatori è solo un passo, un atto da del mare del terrore. regole e di farle rispettare. L’Onu ha come l’11 settembre del 2001”? che deve essere disinnescato prima che perseguire con determinazione, ma che Il secondo punto: il contrasto di ogni dato prove disastrose, il mito degli Usa- [Paolo Gambescia]Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 10 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.18 ----------Cr
  • 11. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 11 Il Dipartimento di Stato Usa: tanti sostegni in Francia Un documento del Dipartimento di Stato Usa affianca allorganizzazione Abu Nidal alcune altre formazioni terroristiche, dal Fronte democratico per la liberazione della Palestina alla Jihad Shaqaqi islamica, al Fronte popolare per la liberazione della Palestina-Comando Un gruppo di generale. palestinesi Si tratta di formazioni che operano dalla manifesta sulla Siria e che hanno sostegni in Francia per cupola di una effettuare attentati dinamitardi in Israele. moschea Farebbero parte di questa rete anche gli Gerusalemme. Hezbollah con basi in Libano e in gran I gruppi parte del Medio Oriente, con grandi estremistici capacità di finanziarsi, potendo contare su sono fuori del una inestricabile rete di complicità in controllo di settori insospettabili dell’economia, della Arafat finanza e della politica internazionale. I nemici del «Satana americano» Osama, Saddam, Gheddafi, l’Iran, i Talebani, la Corea del Nord... ALMERICO DI MEGLIO nascosto il super-terrorista. «Bin La- palestinese in Giordania. Proprio po- ficazione colossale. Terroristi potreb- stata la Russia che ha insistito maggior- den - ha affermato - non può aver fatto chi giorni fa Osama Din Laden aveva bero essere stati infiltrati anni fa nel mente sulla minaccia del terrorismo PRIMI sospetti cadono sul terrorista questo lavoro, quanto è avvenuto non minacciato di attaccare il Satana ame- sistema dellaviazione ed aver sempli- islamico, accusando la politica equivo- I in cima alla lista dei super-ricercati, il miliardario saudita Osama Bin Laden, da anni rifugiatosi in Afghani- è lopera di gente ordinaria, può esse- re solo lopera di qualche governo. Bin Laden non ha la capacità di fare que- ricano. E la Cia e l’Fbi avevano lancia- to l’allarme-attentati. Certo, Osama Bin Laden non avreb- cemente atteso lordine di agire». Più organizzazioni, della quindicina «clas- sificate» dai Servizi come le più perico- ca di Paesi come il Pakistan (e la stessa Arabia Saudita) nei riguardi del regi- me afghano. stan, sotto le ali protettrici del regime sto lavoro e neanche noi labbiamo». be mai potuto agire da solo, cioè con il lose, potrebbero aver collaborato per E certamente non verrà esclusa islamico dei Taleban. «Vi sono indica- Significativa è, però, la scelta del gior- suo solo gruppo terroristico. Gli esper- la riuscita di un attacco così terrifican- dalle autorità americane l’ipotesi di zioni - ha dichiarato una ”fonte” ameri- no e del mese per colpire gli Stati ti di terrorismo internazionale sono te: da Hamas alla Jihad islamica, fino un interessato «aiuto» da parte di un cana - che persone legate a Bin Laden Uniti. L’11 settembre cade l’anniversa- concordi nel ritenere che «questa ope- alle organizzazioni che sostengono le regime, cioè di uno Stato. Dare una e alla sua organizzazione, Al Qaeda, rio del massacro dei palestinesi di razione coordinata è stata così sofisti- milizie islamiche in Cecenia, con armi «lezione» sconvolgente agli Stati Uni- potrebbero essere responsabili dell’at- Sabra e Chatila in Libano nel 1982. E cata, così complessa e apparentemen- e denaro raccolto nei Paesi musulma- ti, dimostrare la vulnerabilità della tacco. È ancora prematuro e nulla è settembre riporta al «settembre nero» te riuscita che ci sarà voluta una piani- ni, arabi ma non solo. Non a caso è Superpotenza Unica del pianeta, era - stato stabilito con certezza ma vi è ed è - nell’interesse di molti regimi. E motivo di credere che gente legata a non solo quelli, gli Stati «canaglia», lui potrebbe essere responsabile». Fos- che pagano apertamente un prezzo se lui, l’ideatore e massimo organizza- salato, economico e politico, per op- tore degli attacchi che hanno devasta- porsi a Washington - come l’Iraq di to ieri gli Stati Uniti, avrebbe conqui- Saddam Hussein, la Corea del Nord, lo stato un primato storico, quello di stesso Afghanistan dei Taleban, persi- aver frantumato il mito dell’«imperme- no l’Iran dei nostalgici khomeinisti - abilità» del territorio statunitense, un Kamikaze ma anche quelli che, da anni amici mito che però è stato anche uno dei islamici dell’America, la vedono ora schierata pilastri della strategia militare di giurano con il nemico storico, come il Paki- Washington e che solo con l’attuale sul Corano stan, o quelli che vedono nella globaliz- odio contro zazione «targata Usa» non solo il crollo ministro della Difesa, Donald Rum- Israele e vantaggioso delle barriere doganali sfeld, era stato messo in discussione. America. ma anche quello rischioso delle «corti- Osama Din Laden, ammesso sia pro- Sopra: ne di ferro» dietro cui hanno costruito prio lui la «mente» del primo attacco Saddam le proprie dittature, come la Cina - che portato al cuore dell’America, non si è Hussein. In aspira a ereditare il ruolo dell’ex Urss soltanto beffatto dei sistemi di sicurez- basso a di «altra superpotenza» - o qualche za Usa ma ha anche battuto sul tempo destra: Osama ricco Stato arabo. Potrebbero aver la- i vertici della Difesa impegnati ad Bin Laden. sciato a Bin Laden e ai suoi compari il adeguare le strutture militari america- Sotto a «lavoro sporco», ma dopo aver fornito ne alle mutate minacce. Proprio il 5 sin. lo sceicco un sostegno indispensabile: denaro (e maggio scorso era stata preannuncia- Yassin, capo di Hamas tanto), addestramento, copertura di- ta una ”direttiva esecutiva” di Bush plomatica, forniture di armi e di docu- per la creazione di un ufficio unico, menti, propri agenti segreti sul territo- composto di rappresentanti di oltre 40 rio Usa, eccetera. agenzie federali, incaricato di coordi- Se andassimo con la memoria agli nare lintervento del governo di fronte attentati che hanno insanguinato nei ad un attacco sul territorio statuniten- decenni scorsi l’Europa, ricorderem- se, e che avrebbe fatto capo alla Prote- mo come senza l’appoggio (dei Servi- zione civile (la Fema, Federal emergen- zi) di alcuni Stati - dalla Siria alla Libia, cy management agency). dall’Iran khomeinista alla Corea del I Taleban hanno messo le mani Nord - sarebbe stato sparso molto avanti. Uno dei portavoce del regime meno sangue. Le cose sono cambiate non a caso ha smentito un coinvolgi- a Damasco, a Tripoli e nella stessa mento di Bin Laden da Kandahar, la Teheran. Ma le centrali del terrore città nel sud dellAfghanistan dove i hanno purtroppo trovato nuovi amici, Servizi occidentali sospettano si sia in altre capitali. DIECI MILIARDI PER CHI CONTRIBUISCE A CATTURARE OSAMA BIN LADEN Taglia sullo sceicco che semina terrore Ricercato il «demone» saudita sformi in una centrale del terrorismo mondiale». Fortificato anche dalla ROSA PALOMBA terra. nuova nomina - sostengono Attacco al grande Satana, fonti americane ufficiali ma di terroristi, dunque, nemico numero uno anonime - non è escluso che Al’uomo della lezioneessere lui DDESTRATORE adesso potrebbe stori- di Laden (dopo il piaccolo Satana, Israele), già ricercato Laden sia tornato in campo per ribadire la propria poten- ca all’America. Nessuna pro- da Fbi e servizi segreti statuni- za e accrescere il proprio cari- va o conferma, ma è special- tensi e non solo, per gli atten- sma, colpendo giusto al cuo- mente sul ricchissimo demo- tati antiamericani del 7 ago- re del potere economico, poli- ne saudita Osama bin Laden sto ’98 contro le ambasciate tico e militare americano; sfi- che a poche ore dal tragico Usa in Kenya e in Tanzania, dando anche la vicinanza del- attentato negli Usa, si sono che causarono 224 morti e le Torri Gemelle alla sede Odio e morte nel nome di Allah concentrate indagini e ricer- 5mila feriti; del ’95 a Riad, newyorchese dellFbi, che si che delle polizie e dei servizi con sette morti; a Dahran nel trova, appunto, a poche centi- il credo dei fanatici di Hamas segreti americani e non solo. Secondo l’intelligence subito ’96, con 17 marinai america- ni morti; e contro la nave Ess naia di metri dal World Trade Center, così come la Corte Dal Gruppo islamico armato ad Hamas al Gruppo di attivata in più Paesi, Laden Colè nello Yemen, dove altri no. Diciottesimo di 52 figli, biliari valutate in centinaia, federale nella quale nei mesi Abu Nidal. Sono queste le sigle del terrore islamico potrebbe aver messo in cam- 19 marinai Usa restarono uc- nonostante abbia abbando- forse migliaia di miliardi, La- scorsi si è svolto il processo che da anni porta lattacco al cuore dell’ occidentale. po un’altra delle sue azioni cisi. nato la sua famiglia di im- den è considerato il principa- contro i seguaci di Bin Laden, Il Gia dal 1992 ha ucciso migliaia di persone in una dimostrative, per chiarire al 10 miliardi di lire, la taglia prenditori vicini alla casa rea- le banchiere dell’integrali- per le stragi nelle ambasciate escalation di terrore che dallAlgeria si è estesa mondo intero che gli Usa non garantita a chi contribuisce le, a 22 anni e alla fine degli smo islamico. Soldi e potere, americane in Africa. E ades- anche in Francia. A giugno ’92 il Gia ha assassinato sono impenetrabili, inviolabi- alla cattura di bin Laden, una anni ’70, l’uomo sarebbe an- per una carriera terroristica a so, a New York, sono i Tale- il presidente algerino Mohammed Budiaf e tra giugno li, inattaccabili. Poche e deci- cifra che nei prossimi giorni cora ricchissimo, capace an- gran passi: proprio nei giorni ban, ad annunciare una con- e settembre ’95 ha compiuto attentati in tre stazioni se mosse; affidabili uomini potrebbe anche lievitare, ma che di autofinanziare l’Al Qae- scorsi, il miliardario Laden è ferenza stampa in cui difen- ferroviarie e del metro a Parigi. Hamas, il movimento giusti e una impeccabile tec- non spaventare il terrorista da, l’organizzazione da lui stato nominato capo delle deranno Laden: «È escluso - di resistenza islamica, dal 1987 ha collaborato con nica di guerra per mettere in inserito nell’elenco dei 10 cri- allestita, composta da 13 forze armate dei Taleban in ha detto l’ambasciatore dei la Jihad negli attentati contro obiettivi militari e civili ginocchio la nazione più im- minali più ricercati del mon- gruppi e 4mila persone alme- Afghanistan. Un segnale che Taleban - che la regia degli israeliani per screditare lOlp. portante del Pianeta, costrin- do, che in cambio dell’ospita- no, strategicamente distribui- - secondo un portavoce del attentati negli Usa, che con- gere il presidente Bush a vaga- lità verserebbe all’Afghani- te nel mondo. Titolare di con- ministero russo - conferma i danniamo duramente, nasca- re nei cieli della sua stessa stan 15 miliardi di lire all’an- ti correnti e proprietà immo- timori che quel Paese si tra- no dalla regia di Laden».Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 11 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.16 ----------Cr
  • 12. IL MATTINO 12 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 Un muro per difendersi dagli indiani di Manhattan Wall Street, una delle strade più citate del mondo perché è la sede della Borsa, si trova a poche decine di metri dal World Trade Center. È una strada stretta, come quasi tutte quelle di New York, e segue un percorso a semicerchio lungo un chilometro. Ripercorre il tracciato di un vecchio muro, Evacuata dal quale prende appunto il nome (Wall). Più Wall Street, che un muro, in origine era una palizzata di contrattazioni legno, messa su in tutta fretta dai primi sospese. olandesi sbarcati, nel Seicento, sull’estremo Confusione lembo Sud dell’isola di Manhattan. Il muro sulle piazze serviva a quella pattuglia di europei per europee difendersi dagli indiani, che occupavano tutta in caduta Manhattan muovendosi agevolmente lungo libera, timori un sentiero tortuoso. Oggi diventato di recessione anch’esso una strada, famosa come Wall Street: Broadway. Wall Street chiude i battenti Annullate anche oggi le contrattazioni. E ora si teme la recessione mondiale ANGELO IACCARINO E TORRI Gemelle crollano sotto la furia degli L attacchi terroristici e Wall Street, il tempio dell’economia americana, rimane di sasso. La Borsa americana è paralizzata davanti alle immagini delle Twin Towers in polvere e fiam- me. E alla tragedia si aggiungono anche le previsioni poco incoraggianti degli analisti eco- nomici, che parlano di rischio di recessione mondiale. Evacuata la Borsa di New York, dopo gli attentati aerei al World Trade Center, le contrat- tazioni a Wall Street sono state sospese (e lo saranno anche oggi). Wall Street, il Wtc e il distretto finanziario sono situate nel- Mercati la punta meridionale di Manhattan. Londata di at- paralizzati tacchi contro i simboli del davanti potere degli Stati Uniti che ha portato al crollo di en- alle ORO E PETROLIO IN RIALZO trambe le Torri Gemelle crea il panico più completo immagini a Wall Street. Pitt, il presidente della delle Torri Dollaro sotto choc Secutiries and Exchange ridotte Commission, lorgano che regola i mercati finanziari in polvere E l’euro ne approfitta Usa, comunica che per tut- ALESSANDRA CHELLO ta la giornata le borse Usa e i mercati in cui vengono scambiate le commodi- L dollaro è l’America. E se l’America è ty rimarranno chiusi. Una parte di questi mercati, tra cui il New York Mercantile Exchange, sono situati nellarea di Midtown Manhattan, la zona dove sino a ieri I colpita al cuore è ferito anche il bigliet- to verde. Da valuta-fortino. A campo minato. Così è la vita. La moneta di ferro sulla quale in tempo di crisi tutti gli sorgevano le Torri Gemelle. investitori facevano rotta, ora scricchio- Tutta larea è sgombrata, per paura delle conseguenze dei crolli. Anche il New York Stocks Exchange, la più grande borsa azionaria mondia- La storia insegna: attentati più temuti delle guerre la. E sbiadisce. Ieri, dopo la tragica noti- zia, si è indebolita. Ed è scesa sotto il tetto dei 119 yen. Con una perdita dell1,75%. le situata a Wall Street, è investita dallimmensa di ieri dei mercati è in quotazioni delloro. Ma bisogna ta, la reazione alla notizia dellinvasio- A REAZIONE Fino a quota 118,57. Ne ha approfittato nuvola di polvere che si alza in seguito al collasso delle due Torri. La zona viene evacuata anche come misura preventiva contro il rischio di ulteriori attentati. L realtà scontata. Ha infatti più di un precedente. Gli investitori, che scommettono sulle guerre (è ac- aspettare la crisi del Golfo, nell87, con laspro confronto Usa-Iran, per avvertire i maggiori scossoni dei mer- ne del Kuwait da parte delle truppe di Saddam Hussein, il 2 agosto del 1990: perdite attorno all1%, anche se Mila- l’euro che ha chiuso macinando uno dei suoi massimi: 0,9125. Equivalente a 2124,9 lire. La divisa dei Dodici ha risenti- caduto con quella del Golfo e quella cati. Il 19 ottobre dell87, il Dow Jones no e Parigi segnarono un calo più to però della forza dell’inossidabile yen Il Nasdaq, il mercato elettronico dove è in Kosovo) fuggono infatti di fronte perse 500 punti, il 22,62%. Una cifra consistente, oltre il 2%. Ma il malesse- scambiata la maggioranza dei titoli tecnologici, contro cui è stata scambiata sui minimi a agli attentati. allepoca senza precedenti in termini re svanì quando partì loperazione 107,39. Niente male limpennata del cam- punta ad aprire alle 11,30 ora di New York, ma il Già nel 1981, quando ci fu lattenta- assoluti e non lontana, in termini Desert Storm, il 16 gennaio 1991: comunicato di Pitt preclude anche questoppor- bio della sterlina che, contro la valuta a to allallora presidente Usa, Ronald percentuali da quanto si perse nel impennate dei listini a New York (+ stelle e a strisce, ha toccato il livello più tunità. «Non avverrà niente oggi qui, niente Reagan, si registrò un forte deprezza- venerdì nero che anticipò la crisi del 4,57% il Dow Jones) e a Parigi (+ alto da sei mesi: 1,4690. trading - dichiara Patrick Boyle, analista di mento del dollaro e un aumento delle 1929. Simile, ma molto più contenu- 6,13%). Dollaro sotto choc dunque. Ma tutto Credit Suisse First Boston - Tutti nella comunità finanziaria hanno amici nelle Torri Gemelle». sommato dalla fibra forte. Sì. Comunque E le previsioni economiche sono cupe, come MINISTERO DELLA DIFESA non si è trattato di un vero e proprio Direzione Generale l’atmosfera che si respira a New York e nel resto dei Lavori e del Demanio crollo come è accaduto per le Borse. del mondo. Lo choc sui mercati finanziari, dopo ESITO DI GARA - PUBBLICO INCANTO Questo perchè è pur sempre la moneta il devastante attacco terroristico in Usa «rischia C.E. 266200 con la quale si fanno le grandi transazio- di avere delle ripercussioni molto gravi sulla già Si comunica l’esito della gara espleta- ni. E dunque serve per comprare sui fragile economia globale». Gli analisti sono ta in data 14.6.2001 e 6.7.2001 rela- tiva all’appalto integrato per lavori di mercati. Chissà, forse nei prossimi giorni molto preoccupati per il crollo delle Piazze straordinaria manutenzione per recu- potrà andar peggio. Si vedrà. Nel frattem- mondiali e per limpennata dei prezzi del petro- pero statico funzionale della caser- po gli occhi dei frequentatori delle Piazze lio. «Questo potrebbe portare ad una recessio- metta n. 11 - SAN GIORGIO A CREMA- NO (NA) - Caserma Cavalleri. Importo si sono spostati sulle due monete-ànco- ne», dice Mats Kinwall, capo economista di a base di gara: Lire 2.850.000.000 ra. Vale a dire euro e yen che hanno Handelsbanken. (Euro 1.471.902,16) + Iva 20%. Nume- messo la quarta. E sui due classici beni Il presidente della Federal Reserve di New ro imprese partecipanti: 65. Numero rifugio. L’oro e il petrolio. Il primo ha imprese escluse: 8. Criterio di aggiu- York, William McDonough, parlando in Svizze- dicazione: quello del massimo ribasso messo letteralmente il turbo. A Londra il ra, dice che la banca centrale Usa fornirà tutta la previsto, per contratti da stipulare a mi- suo prezzo è schizzato di sei dollari. A liquidità necessaria. sura dall’art. 21 della Legge 11.02.94 quota 278,5-280. A conti fatti un incre- n. 109 e successive modificazioni ed in- «Limpatto iniziale riguarderà i prezzi del tegrazioni. Impresa aggiudicataria: mento del 4,93%. Ai massimi dal maggio petrolio - sottolinea Douglas McWilliams, del A.T.I. Russo F./Russo A./Sitem Impian- scorso. Prevedibile. Se si pensa che, ad Centro di Ricerche e Affari di Londra - non ti di Casoria (NA) con il ribasso del esempio, in tempo di guerra l’oro è sappiamo quanto durerà, ma certamente non 27,751%. Il presente estratto è pubbli- cato nella Gazzetta Ufficiale della Re- sempre stato il porto sicuro. Già. Mantie- sarà positivo per la crescita». E il crollo dei titoli pubblica Italiana n. 212 del 12.9.2001 ne un valore indipendente dalle turbolen- in Borsa potrebbe irrimediabilmente colpire la parte II. IL CAPO DELLA DIVISIONE CONTRATTI ze che spesso investono e mettono ko fiducia dei consumatori. «Soprattutto quando si attraversa una fase di Dir. dott. Marialaura SCANU monete e mercati. orso - dice Kirit Shah, di Sanwa International - Il secondo è volato sù fino a superare i questo tipo di attacchi può avere un impatto 31 dollari al barile. Naturale. Tutti i paesi devastante sulleconomia globale». Grande pre- consumatori di petrolio temono che una occupazione esprime anche il direttore genera- eventuale crisi politica possa chiudere i le del Credit Suisse First Boston, Stanley Nabi: rubinetti dei rifornimenti. Risultato: cor- «Domani sarà terribile. Per due motivi: il primo sa agli acquisti. Anche con contratti a psicologico. Ovviamente, questo è un colpo scadenze dilazionate nei prossimi mesi. grave. Il secondo è più concreto, perchè penso Poi, in serata, è arrivata la notizia che ha che accelererà il passaggio dal rallentamento raffreddato le quotazioni. L’Opec, l’orga- alla recessione». nizzazione dei produttori di greggio, ras- Sui mercati peserà anche il fatto che nel sicura: non ci saranno rincari nei prezzi. World Trade Center distrutto a New York hanno L’effetto-tranquillante è immediato: il sede alcuni dei più grandi istituti finanziari petrolio inverte la rotta. E chiude a quota mondiali: il gruppo svizzero Credit Suisse, i 29,06 dollari al barile. tedeschi Commerzbank e Deutsche Bank, Can- tor Fitzgerald e Thomson Financial.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 12 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.19 ----------Cr
  • 13. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 13 LE SOCIETÀ A MANHATTAN si in contatto con il personale di queste società. Lunica te- Paura nelle aziende italiane stimonianza diretta dellacca- duto è arrivata da un mem- bro del personale della Ban- E SOCIETÀ italiane di cui si ha notizia con ca Antoniana Popolare Veneta, che ha chiesto L sede a Downtown Manhattan, larea di New York dove sono avvenuti gli attentati contro le Torri gemelle, sono Intesa Bci, di rimanere anonimo. «È stata una tragedia. Fuori è una trage- dia». Questi i primi commenti dalla Banca Fernet Branca, Dainese, Banca Antoniana Antonveneta, che ha sede nella State Street di Popolare Veneta, Poltrone Frau, It Usa, Mts, New York, a pochi metri dal luogo dellesplo- American Express Bank, Amr Shipping, D.J. sione delle Torri gemelle. «Siamo ancora tutti Knight, Deloitte and Touche, Farrel Lines, sotto shock, qui ci sono tre dita di polvere». Frantoni Associates, Herzfeld and Rubin e Dalla sede della banca hanno vissuto tutto in Merzario Usa. diretta. «Abbiamo sentito un boato - racconta- Allinterno di una delle torri si trovavano no - e abbiamo visto anche passare laereo, anche gli uffici dellItalian Wine and Food molto chiaramente. Quello che si è poi abbat- Institute, diretto da Lucio Caputo, il presiden- tuto sulla seconda torre. Molti di noi, poi, si te degli esponenti italiani a New York. Larea trovavano nel parco proprio nel momento in che sino a ieri ospitava le Torri gemelle è stata cui il World State Center è esploso. Eravamo completamente evacuata. Le comunicazioni tra due fuochi: da una parte i detriti che ci telefoniche sono molto difficoltose, condizio- piovevano addosso, dallaltro la polvere che ni che rendono molto problematiche metter- ci impediva di respirare». Panico in Borsa, Milano meno 7% Fuga dalle azioni da Londra (giù del 6%) a Francoforte (11 per cento) MARCO ESPOSITO così forte quanto stava accadendo: lindice è passato in un momento da oltre più 1 a meno UICIDIO. Le Borse di tutta Europa non 0,98 per cento». È stato il primo segnale che OPERATORI CRITICI S hanno retto al crollo - crollo purtroppo non metaforico - delle Torri simbolo dell’economia mondiale. I mercati, già con i preannunciava un crescendo di panico: i tele- foni cominciano a squillare e arrivano soltanto ordini in vendita. «Le contrattazioni nervi a fior di pelle dopo una raffica di otto Doveva essere la seduta del riscatto per ribassi consecutivi, ieri stavano provando un rimbalzino, con Milano che alle ore 15 guada- gnava l’1,17 per cento. Un segnale, nulla di telefonici e tecnologici. «I buoni risultati di Nokia avevano rasserenato i mercati europei - racconta un intermediario - e a metà seduta gli andavano sospese» più. Ma gli aerei kamikaze pilotati sulle Torri indici di settore di tecnologici e telefonici BORSA chiusa corre un interrogati- Gemelle hanno cancellato qualunque voglia di recupero. A pesare non sono state le miglia- ia di morti seppellite dalle macerie (la Borsa è guadagnavano più del 2 per cento. Il Toro, simbolo del mercato in ripresa, stava spingen- do anche media (+2,7 per cento), energetici A vo. E rimbalza da un operatore all’altro. Tormentando nello stes- so tempo piccoli e grandi azionisti. cinica), bensì l’incertezza che assale gli investi- (+1,15 per cento) e automobilistici (+1,6 per Consumatori e traders on line. Perché tori ogni qualvolta si cento) e scommettevamo tutti su un rimbalzo non si è evitato il peggio bloccando in esce dai rassicuranti bi- di Wall Street». La Borsa americana era a pochi tempo le contrattazioni? Ma la società nari di una prevedibile minuti dall’apertura. L’italiano Mibtel stava di gestione di Piazza Affari rifiuta la sforbiciata di tassi della cercando il riscatto e prima delle 15 aveva Discesa tragica logica del «senno del poi». E difende la Federal reserve o della raggiunto un guadagno di dell’1,17% a 22.725 sua scelta. Adottata - si sostiene - Banca centrale euro- punti. Quando gli aerei kamikaze si sono «dopo un esame approfondito» e do- pea. schiantati sui simboli del potere americano po che è stata «tenuta costantemente E così non resta che nelle sale operative è finita la pace. informata l’Autorità di controllo». «Il contare i danni. Le Bor- Le notizie arrivavano frammentarie e que- coordinamento - si promette - conti- se europee bruciano sto non faceva che aumentare la confusione. 22600 nuerà anche nelle prossime ore per sotto l’ondata di panico Alle 15.38 il Mibtel perdeva l1,15%; dopo un 22200 IERI valutare l evolversi della situazione». una somma da brivido: quarto d’ora, alle 15.53 si era già al 4,72%; alle 20.793 Qualche programma, però, è stato 21800 -7,42% 800 mila miliardi di lire. 16.01 la flessione passava al 5%; alle 16.40 rivisto. La consueta seduta della Bor- Per capirsi, in poche ore lindice telematico scendeva del 5,8% e alle 21400 sa serale è stata annullata. Mentre le è scomparsa ricchezza 16.50 del 7,37%. Wall Street ha inizialmente 21000 Mibtel società Mediaset, Seat e Campari han- pari a un terzo del pro- rinviato lapertura, poi il New York Stock 20600 no rinunciato a tenere la conference dotto (Pil) di un intero Exchange ha deciso di annullare la seduta. 10:00 11:00 12:00 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 call sulla semestrale programmata anno di un paese gran- L’Europa, pur con qualche titubanza, non si è per il pomeriggio. Oggi, comunque, de come l’Italia. Piazza fermata. A Londra ledificio che ospita la Borsa 1960 Milano funzionerà regolarmente così ANSA-CENTIMETRI Affari non fa eccezione: è stato evacuato per timori di attentati, ma gli 1920 IERI come le altre Borse europee. Milano da sola brucia scambi sono continuati grazie a un sistema di 1880 1.743 Certo, a Piazza Affari il malumore è quasi 100 mila miliardi emergenza. Nelle altre Piazze del Vecchio -8,98% alle stelle. «Dovevano chiudere subito 1840 di lire e perde in un continente tutto è proseguito, anche se in un 1800 Numtel - sottolinea Luca Mezzomo, responsa- colpo il 7,42 per cento, clima di grande agitazione, fino a chiusura. A 1760 bile ricerca reddito fisso IntesaBci - in con 93 titoli sospesi per Milano c’è stato solo un provvedimento mino- 1720 attesa di informazioni su quelle che eccesso di ribasso. Da re: la cancellazione della Borsa serale, peraltro 10:00 11:00 12:00 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 potranno essere le reazioni Usa». inzio 2001 la discesa è frequentata da pochi affezionati. «Non ci si rende conto - osserva un del 31 per cento. Il me- Oggi si ricomincia. Lo spettacolo deve anda- analista di una primaria sim milanese L’Europa brucia no 7,42 è il peggior risul- tato da quando esiste re avanti. - di che cosa potrebbe accadere ora e mi chiedo perché non abbiano chiuso in una seduta l’indice telematico Mi- RIPRENDE QUOTA IL PROGETTO DELLO SCUDO SPAZIALE il mercato, seguendo lesempio delle btel; ma non è il peggio- società che hanno rinviato le confe- 800 mila miliardi di lire, re della storia del listino rence call. Abbiamo relazioni - conclu- pari a un terzo della ricchezza dell’Italia milanese: quando l’indi- ce era più semplicemen- te il Mib, nel 1994 e Ora per Bush la solidarietà dell’Occidente de lanalista - con società Usa che non sappiano nemmeno se esistono più». «Di fronte a questo cataclisma sareb- prima ancora nel 1989 e GIANNI PASQUARELLI co di Wall Street. presidente della Banca europea, be stato più dignitoso chiudere» ag- Racconta un operatore: nel 1986 ci furono scivo- Nel frattempo si era saputo della continua a farsi tirare la giacca perfi- giunge Luca Ratti, gestore azionario loni più profondi. E borse di mezzo mondo stavol- tragedia che si stava abbattendo no da un Nobel del calibro di Paul Italia di Banca Profilo. sembrava un incidente poi il future è andato giù Il resto d’Europa non fa meglio. Franco- forte (dove c’è stato un L ta non hanno tremato. Sono crollate. I motivi economici non c’entrano. C’entra la tragedia sugli Stati Uniti. È difficile prevede- re quale influenza possa avere la guerra terroristica, tanto devastan- Samuelson, mostro sacro e chioccia dei più prestigiosi economisti non solo statunitensi. Il quale lo invita a «È stata irresponsabile la decisio- ne di non sospendere le contrattazio- ni di borsa immediatamente dopo gli allarme bomba) arriva che ha colpito gli Stati Uniti, ma te quanto inedita nel suo genere, ridurre consisten- attentati»: denuncia a perdere l’11 per cento, per poi chiudere a forse, più che d’una tragedia, si è sull’economia americana e mondia- temente il costo dal canto suo l’associa- meno 8,56. Ed è, per la Germania, il risultato trattato di una guerra vera e pro- le che oggi si trova in una fase di del denaro nel vec- zione dei consumato- più pesante dal 1989. Parigi, in linea con pria, anche se ha assunto il volto stanca produttiva. Impensierisce chio continente. ri Adoc, che fa capo Milano, getta via il 7,39 per cento. Londra odioso di un terrorismo animalesco anche che le tre locomotive (Stati Ma lui non si scom- alla Uil. La sospensio- limita la flessione al 5,71 per cento. e ributtante. Uniti, Europa e Giappone) dell’eco- pone più di tanto, e ne delle contrattazio- Il tracollo colpisce tutte le categorie di Erano le 16 del pomeriggio di nomia globale si trovino assieme in fa capire che la dife- ni - si fa notare - era, e azioni con una sola eccezione: si muovono in ieri, stavo leggendo le quotazioni di panne, cosa insolita nella vicenda sa della stabilità per quanto possibile controtendenza (perché le Borse sono cini- Borsa nel mondo. Quella italiana, altalenante del «ciclo» economico. dei prezzi debba è, lunica azione possi- che) le azioni legate ai prodotti energetici che mossasi in timido rialzo nella matti- Forse un risvolto speranzoso in avere la preceden- bile per tutelare in nel disastro generale fanno segnare una cresci- nata dopo giorni di ruzzoloni, perde un momento in cui la speranza oltre za. Potrà continua- questa delicata situa- ta superiore al 2 per cento a seguito dal balzo in in un battibaleno mediamente il 7 Atlantico non è di casa, potrà essere re, Duisenberg, a zione gli interessi dei avanti compiuto dalla quotazione del petrolio. per cento: quasi l’8 per cento il costituito dallo spirito di solidarietà ciurlare nel mani- risparmiatori. Drammatico il film della giornata così co- Mib30, il 7,6 il Mibtel e il 7 il Numtel che sta materializzandosi attorno co anche domani? Ma c’è pure chi ha me è stato vissuto dagli operatori milanesi. La tecnologico che aveva registrato agli Usa nei Paesi democratici del- La guerra terro- approfittato di questa notizia di un aereo finito su un grattacielo di una significativa lievitazione fino a l’Occidente, e che può tramutarsi in ristica, paradossal- situazione. Come New York è delle 14 e 51. Ma quello che ha fatto mezzogiorno, mentre le altre Piazze una feconda collaborazione per do- mente, ha dato ra- emerge dai piccati bot- saltare gli operatori sulle sedie è stata unoscil- europee, da Parigi a Francoforte a mare il ristagno dell’economia e gione al Presidente ta e risposta tra i tra- lazione di quasi due punti percentuali del Zurigo, non accusavano segni di riavviare un duraturo processo di americano che ders fai-da-te di Inter- future sul Nasdaq. Il future è un prodotto flessione. Il fenomeno non era di sviluppo. Gli Stati Uniti hanno già non si è stancato di net. «Oggi ho visto come guadagnare tecnico, lontano dai portafogli dei normali facile interpretazione. L’occhio va fatto parecchio per ribaltare l’incer- proporre agli amici europei, Russia 100 milioni speculando sulla morte di risparmiatori, ma rappresenta un indicatore su Wall Street e, stranamente, la to andamento dell’economia mon- compresa, l’impellente necessità di migliaia di persone....», avverte una sensibilissimo degli umori dei mercati. Nelle Borsa americana non annota quota- diale. Il presidente Bush ha tagliato costruire uno scudo spaziale per tra le e-mail che si sono rincorse sui Sim milanesi si sono accorti che cera qualcosa zioni di sorta: può capitare che una le imposte per qualcosa come 27 difendersi dai troppi paesi che sono siti Internet. «Evitate la morale», è la di strano: quellincidente aereo annunciato Piazza finanziaria non apra i batten- milioni di miliardi di lire in dieci in grado di fare ciò che è successo pronta risposta del cinico che arriva ieri a New York. Si potrà ancora dalla Cnn era qualcosa di più di una tragica ti per via d’una festività o d’altro anni, mentre il capo della Banca rispondergli di no? La spesa per gli in rete: «Io consiglio di comprare Eni fatalità. Ed è stato panico sul mercato. simile. Ma intorno alle 17, anche le americana, Greespan, ha sforbicia- armamenti certo aumenterebbe, ed Erg perché questo è un sito di «Le agenzie hanno rilanciato subito la noti- Borse europee si allineano a quella to di tre punti il costo del denaro, ma il professor Keynes ha insegnato Borsa!!!». La maggioranza dei naviga- zia di un aereo che si era schiantato contro il italiana: Francoforte cede il 7,1 per puntellando quel tipo di consumi che per far correre l’economia pigra tori concordava comunque sull’op- World Trade Center - ha raccontato un operato- cento, Londra il 3,6, Parigi il 5,4 e che sono il motore della ripresa: è utile spendere. Come facevano i portunità di uno stop delle contratta- re all’Ansa - ma dalle prime notizie sembrava Zurigo il 7 per cento. L’Europa borsi- dall’abitazione, alle vendite rateali, faraoni egizi che, per occupare i zioni. fosse uno di quei piccoli velivoli usati per la stica va indietro di tre anni, va al eccetera. L’Europa finora ha soltan- lavoratori disoccupati, facevano [re. eco.] pubblicità, mi è sembrato strano quindi che il 1998. Restavano invece muti sia il to chiacchierato, quando non pole- sterrare loro delle buche per riem- future sul Nasdaq registrasse con uno sbalzo dow-jones che il nasdaq tecnologi- mizzato al suo interno. Duisenberg, pirle successivamente.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 13 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 11/09/01 22.22 ----------Cr
  • 14. IL MATTINO 14 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 Un aiuto del Mossad agli 007 di Washington Il governo israeliano ha proclamato per oggi una giornata di lutto nazionale per gli attentati a Washington e New York. «È un modo per dimostrare il sentimento di dolore e solidarietà con il popolo statunitense», ha reso noto il governo, precisando che le bandiere resteranno a mezzasta in tutti i ministeri e gli edifici pubblici di Israele. Il ministro degli Esteri Shimon Peres ha espresso profonde condoglianze al popolo statunitense e ai suoi Il primo rappresentanti istituzionali. In un comunicato ministro diffuso a Gerusalemme, Peres ha manifestato israeliano «rabbia e indignazione» per quelli che ha Ariel Sharon definito «atti terroristi abominevoli». Il capo sconvolto della diplomazia israeliana ha anche offerto da quanto agli Stati Uniti tutto lappoggio del suo Paese. accaduto Tel Aviv sta già mettendo metteno in campo in America anche i propri servizi segreti. Guerra ai complici del terrore Israele vuole isolare e colpire tutti i Paesi che ospitano i gruppi radicali ALDO BAQUIS. prie ambasciate ed altre istituzioni TEL AVIV.A poche ore dal grande attac- co contro gli Stati Uniti, Israele ha ufficiali nel mondo. A riferirlo è stata la radio israeliana. «No comment» invece del portavoce del ministero Nella notte pioggia proposto di muovere una grande crociata internazionale contro il ter- rorismo islamico. «I nostri eserciti degli Esteri, interpellato in proposi- to. Accanto alla profonda partecipa- di missili su Kabul classici sono obsoleti di fronte ad zione al lutto degli Stati Uniti, alcuni Era passata da poco la mezzanotte quando la eserciti inesistenti, di fronte a nemici esperti israeliani si chiedono già co- capitale afghana, Kabul, è stata scossa da poten- senza volto e senza identità, che me possa essere avvenuta «la nuova ti esplosioni. Sul momento si è pensato a una sorvolano con facilità i confini» ha Pearl Harbour». Ad una operazione di ritorsione, rapidissima, degli americani dopo la osservato il ministro degli esteri Shi- tale portata, suppone Eli Carmon (un serie di attentati che hanno sconvolto gli Stati mon Peres. La prima reazione deve ricercatore di gruppi terroristici), «de- Uniti. Mentre la notizia dell’attacco veniva con- essere, secondo Peres, la definizione vono aver partecipato decine, forse fermata da un inviato speciale della televisione di una lista di Paesi «sostenitori del centinaia di terroristi, assistiti da un statunitense Cnn che si trova a Kabul, il Pentago- terrorismo», che offrono alle forze servizio di intelligence ben organizza- no smentiva che gli attacchi fossero opera degli eversive campi di addestramento, to». Come è possibile, si chiede Car- americani. In effetti la rapidità dell’attacco stupi- protezioni militari, aiuti logistici dei mon, che nessuno di questi terroristi rebbe. Molto più probabilmente a colpire l’aero- loro servizi segreti e coperture diplo- sia stato individuato per tempo ? La porto e un grande deposito di armi e munizioni matiche. «grande falla» non è stata solo a dei taleban, sono stati missili sparati dagli uomi- «Questi Paesi - ha aggiunto Peres - livello di prevenzione di intelligence, ni di Ahmad Shah Massud attestati a una settan- devono essere messi subito di fronte ma anche - secondo Menachem Lan- tina di chilometri dalla capitale afghana. alla scelta: smantellare le infrastrut- dau, un ex dirigente dello Shin Bet (il Le cause di questo bombardamento vanno ture terroristiche, oppure essere servizio di sicurezza israeliano) - nel- identificate in due episodi avvenuti nelle ultime esposti a ritorsioni». «Il pericolo, che ore. Da una parte si fanno sempre più certe le la protezione dei voli civili. «Un dirot- notizie della morte del leggendario capo della Israele ha dovuto affrontare giorno tamento aereo, può accadere a tutti» resistenza ai taleban, Massud, il Leone del per giorno già da molto tempo, ha afferma Landau. «Ma più dirottamen- Panjshir, vittima di un attentato di due finti assunto un carattere mondiale» ha ti in un giorno soltanto significa che giornalisti arabi, in realtà kamikaze di Osama esclamato il ministro. «Anche la Rus- un crollo totale di tutti i sistemi di Bin Laden, lo sceicco del terrore, il miliardario sia e lIndia sarebbero disposti a difesa dei voli civili». saudita che da tempo ha fatto dell’ Afghanistan lottare contro un nemico del gene- Sulla base delle prime informazio- la sua base da cui ordina attentati ed esecuzioni re». ni giunte in Israele, Landau rileva in tutto il mondo. Bin Laden, imparentato con il Israele ha drammaticamente ele- che gli attentati sono stati presumibil- mullah Mohamed Omar, capo dei taleban, è con vato le proprie misure di difesa. Lo mente compiuti da terroristi-piloti le sue milizie raccolte in tutto il mondo islamico, spazio aereo dello stato ebraico è intenzionati al suicidio, «e quindi la punta di diamante dei taleban. Massud, come stato chiuso al volo di velivoli stranie- con tutta probabilità islamici». Car- si ricorderà, è stato dato per morto, poi per ri. Consultazioni straordinarie sono mon conclude che di fronte a questi ferito. Nell’attentato certamente sono rimasti state indette per la nottata sia nella attacchi gli Stati Uniti hanno avuto uccisi i due kamikaze e Massud Khalili, cugino sede del governo, sia al ministero «una enorme sorpresa strategica», di del Leone del Panjshir, già ambasciatore in India della difesa. Come già nella Guerra cui anche Israele dovrà necessaria- e suo consigliere politico. Ma notizie arrivate dal del Golfo (1991), Israele si sente nella mente tenere conto. vicino Tagikistan, danno Massud per morto a stessa trincea degli Stati Uniti. Il I responsabili statunitensi, a quan- causa delle ferite. Dopo l’attentato le forze dei premier Ariel Sharon ha assicurato to gli risulta, temevano in modo taleban hanno scatenato un’offensiva contro le allambasciatore americano Dan Ker- particolare attacchi non convenzio- posizioni degli uomini di Massud, cercando di zer «qualsiasi aiuto possibile». Squa- nali - batteriologici, chimici, nucleari approfittare dello scoramento per la notizia dre della difesa civile israeliana sono - contro i loro agglomerati urbani. «E della morte del loro capo. I missili potrebbero pronte a decollare immediatamente invece - nota ancora Eli Carmon - gli essere la risposta a questo attacco e una ritorsio- per raggiungere i luoghi disastrati attacchi odierni sono un ritorno, sia ne per l’attentato. Uno dei fratelli di Massud, dagli attentati. pure in forma molto più sofisticata e Ahmed Wali, ha confermato indirettamente la Il governo ha anche ordinato lim- molto più coordinata, al terrorismo morte del grande comandante, comunicando la mediata evacuazione di tutte le pro- classico». sua sostituzione al comando delle milizie che, sole, continuano a contrastare nelle aspre mon- tagne afghane il barbaro dominio dei taleban. SALTA IL VERTICE PERES ARAFAT In Medio Oriente la pace s’allontana ALLARME BOMBA, ERA PARTITO DA ROMA Carri armati in azione a Jenin, si fa ancora più stretta la morsa di Sharon STEFANO POSCIA islamici (compreso larabo- ci dei quali sono rimasti feriti. a infiltrarsi in Israele, dove ha Paura su aereo saudita Non cera alcuna bomba a bordo dopo i sanguinosi attentati di New israeliano che domenica si è Nel pomeriggio, in un canno- attaccato una caserma delle dellaereo della Saudi Airlines che è York ha generato anche episodi di TEL AVIV. In un clima reso an- fatto saltare in aria a Naharya, neggiamento contro il campo guardie di frontiera e si è dile- stato costretto ad un atterraggio di intiolleranza. cor più incandescente dal ti- in Galilea). profughi di Jenin, almeno tre guato dopo aver ucciso due emergenza allaeroporto di Atene in Lequipaggio di un aereo della more di clamorosi attentati I carri armati israeliani so- palestinesi sono poi stati ucci- Il ministro agenti e averne ferito un ter- seguito a una telefonata che compagnia tedesca Lufthansa si è anche in Israele, dopo quelli no penetrati per alcune centi- si e altri 20 sono rimasti feriti. degli Esteri zo. annunciava un ordigno a bordo. rifiutato allultimo momento di negli Stati Uniti, lincontro tra naia di metri allinterno delle Nella vicina zona di Tulka- israeliano Dato per imminente solo Laereo era partito da Roma, partire dallaeroporto di Santiago il ministro degli Esteri israelia- zone autonome, contrastati rem, un commando palestine- Shimon 24 ore fa, lincontro tra Peres e diretto a Gedda, e si trovava del Cile perchè a bordo vi erano no Shimon Peres e il presiden- dal fuoco dei palestinesi, dodi- se è invece riuscito in nottata Peres Arafat è sfumato per lennesi- sullisola di Creta quando è giunto tre viaggiatori di origine islamica. te palestinese Yasser Arafat - ma volta. «È impossibile tene- lallarme. Latterraggio è avvenuto Tutti i passeggeri erano già che sembrava ormai immi- re una riunione tanto impor- poco prima delle 19 locali (le 18 in imbarcati e con le cinture nente - è sfumato nuovamen- tante mentre Israele assedia Italia) allaeroporto internazionale allacciate quando il capitano a te, mentre a Gerusalemme est Jenin. Non ci sarà alcun incon- «Elefterios Venizelos». nome dellequipaggio ha deciso di e in Cisgiordania decine di tro sino a quando il governo Tutte le persone a bordo sono state non decollare causando palestinesi sono scesi in stra- di Ariel Sharon non ordinerà il sbarcate senza problemi. Le lunghe lannullamento del volo 527 della da per inneggiare agli attacchi ritiro», ha dichiarato Nabil perquisizioni del velivolo, durate Lufthansa che, dopo uno scalo a terroristici di New York e Abu Rudeina, uno dei collabo- diverse ore, non hanno dato alcun Buenos Aires, aveva come Washington. ratori del leader palestinese, esito. Ad Atene si vivono condizioni destinazione finale Francoforte. Dopo aver circondato in atteso domani a Damasco.Ma di massima allerta ed è stata A questo punto le autorità nottata Jenin, cittadina pale- di fronte alle ripercussioni dei raddoppiata la sorveglianza attorno aeroportuali cilene hanno deciso di stinese nel nord della Cisgior- clamorosi attentati negli Usa, allambasciata Usa e a tutti gli altri far scendere i viaggiatori dallaereo dania che il governo del pre- di cui il ministro della difesa siti americani in Grecia. È stata tedesco e di riprogrammarne la mier Ariel Sharon considera israeliano Benyamin Ben Elie- anche annullata una cerimonia partenza. Gli islamici partiranno «un nido di vipere», le truppe zer ha subito addossato la prevista su una nave americana, la probabilmente a bordo di un altro israeliane hanno rafforzato responsabilità allintegrali- Millennium, ancorata al Pireo. aereo dopo una serie di lassedio poichè sarebbe la smo islamico, il nuovo rinvio Il terrore che ha attraversato i cieli accertamenti. base di partenza per le infiltra- dellincontro passa inevitabil- zioni in Israele di kamikaze mente in secondo piano.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 14 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 02.00 ----------Cr
  • 15. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 15 «Maometto non insegna ad uccidere civili inermi» «Chi colpisce i civili va contro linsegnamento del Profeta e contro lIslam. Tanto più i cittadini di un Paese che non è in guerra. Inoltre, i morti pare che siano migliaia: potrebbero esserci anche dei musulmani». Così il presidente del Centro Islamico di Milano e della Lombardia, Ali Abu Shwaima, commenta, gli attacchi terroristici portati a termine contro gli Stati Uniti dAmerica. Il Corano, spiega Shwaima, Il presidente pone limiti ben precisi alla Jihad, la guerra palestinese santa dellIslam: «Quando il Profeta Maometto Yasser Arafat difendeva la Medina dai Meccani -dice Shwaima- condanna disse agli abitanti di Medina di risparmiare le gli attacchi donne, i bambini e quelli che non portano le terroristici armi. A noi, che vediamo quello che succede in che hanno Palestina, qualsiasi attacco alla popolazione colpito civile dà dolore. Nemmeno i palestinesi hanno l’America mai accusato il popolo americano». Arafat, condanna senza riserve Ma nei Territori e nei campi del Libano si esulta per la guerra a Bush MARK GIORGI BIN LADEN «ASSOLTO» DAI GRANDI PROTETTORI AFGHANI GAZA. Yasser Arafat ha condannato senza riserve gli attentati aerei contro il World Trade Center di New York e contro il Pentagono. Anche i Taleban prendono le distanze «Invio le mie condoglianze, le condoglianze NCHE i gruppi più estremistiche islamica di Hamas ha assicurato del popolo palestinese al presidente america- no Bush e al suo governo e al popolo america- no per questo terribile atto». «Noi condannia- A operano nel mondo o che cer- canio di imporre le proprie scelte ideologiche in chiave anti- che «nessun palestinese poteva commettere gli attacchi contro le Torri Gemelle e la sede del Pentago- mo completamente questa grave azione...Sia- americana prendono ufficialmente no negli Stati Uniti». Lo ha detto il mo del tutto shoccati. È incredibile, incredibi- le distanze dalla mostruosa catena portavoce dellorganizzazione inte- le, incredibile», ha detto ai giornalisti. Quella di attentati che ha colpito gli Usa. gralista palestinese, Abel Aziz Ranti- di leader palestinese è stata la prima ferma Lambasciatore in Pakistan del si. «Noi palestinesi lottiamo soltan- posizione giunta dal mondo arabo dove, per regime afghano dei Taleban, Mulla to contro loccupazione israeliana», la verità, parole di condanna sono poi arriva- Abdul Salam Zaef, ha decisamente ha spiegato Rantisi, «e non contro i te soltanto da Giordania, Libano e Giordania, condannato «gli attentati terroristi- civili nordamericani». mentre alcune frange più estremiste - come ci in corso» negli Stati Uniti ed La conferma di tale impostazio- numerosi palestinesi nei campi profughi in espresso la speranza che i responsa- ne arriva anche dallo sceicco Ah- Libano e nei Territori - non hanno nascosto la bili siano portati in tribunale. med Yassin, fondatore di Hamas, il propria soddisfazione per laccaduto. «Questo è un atto terroristico e lo gruppo terrorista che ha compiuto «Categorica» la condanna del governo di condanniamo con fermezza», ha una serie di attentati contro Israele Amman. «Siamo assolutamente scioccati. È detto poi nel corso di un’altra confe- negli 11 mesi di intifada. «La nostra una tragedia inaudita», ha detto il ministro renza stampa il rappresentante del- battaglia è sulla terra palestinese», degli esteri giordano Abdul Ilah Khatib. Re le milizie integraliste al potere a ha detto lo sceicco. «Non siamo Abdallah II di Giordania ha iniziato ieri una Kabul, Abdul Salam Zaif. pronti a spostarla fuori visita negli Usa e si trova attualmente a Houston, in Texas. I Taleban hanno dato rifugio al miliardario di I gruppi dai territori occupati pa- lestinesi». Il presidente egiziano Hosni Mubarak ha detto che il terrorismo è pericoloso e lo ha origine saudita Osama estremisti Yassin ha sollecitato Bin Laden, il primo nella gli Stati Uniti a cambiare condannato «in qualsiasi circostanza», ha anche convocato durgenza i suoi più stretti lista nera del terrorismo palestinesi la loro politica verso i negli Usa. Ma hanno già Paesi più poveri. «LAme- collaboratori. «Queste tragiche azioni sono in contrasto con ogni valore umano e religioso», escluso la sua responsabi- si dicono rica semina ingiustizia e ha detto da parte sua il premier libanese Rafic lità negli attentati. Da Kandahar, la città nellAf- innocenti. odio nei cuori dei popoli deboli», ha detto Yassin, Hariri che è stato fra i primi ad esprimere le proprie condoglianze al presidente Usa Geor- ghanistan meridionale «Il nostro «così raccoglie ciò che dove si ritiene abbia tro- pianta. La politica degli ge W. Bush. Di segno opposto i commenti venuti da vato rifugio Bin Laden, nemico resta Stati Uniti è razzista e un portavoce dei Taleban non conduce alla giusti- Nafez Azzam, uno dei dirigenti dellagguerri- to gruppo radicale palestinese della «Jihad» ha detto che il saudita Israele» zia, e lassenza di giusti- (guerra santa) islamica, che in questi ultimi «non può aver fatto que- zia porta problemi come mesi ha rivendicato numerosi gravi attentati sto lavoro». questi». in Israele. Secondo Azzam gli attacchi sangui- «Quanto è successo non è lope- Anche il Fronte popolare per la nosi sono «la conseguenza della politica ame- ra di gente ordinaria, può essere liberazione della Palestina (PFLP) ricana in Medio Oriente, la regione più calda solo lopera di qualche governo. Bin ha negato qualsiasi coinvolgimento del mondo». Azzam, ha anche condannato il Laden non ha la capacità di fare negli attacchi contro obiettivi statu- «sostegno incondizionato» degli Usa allo Sta- questo lavoro e neanche noi labbia- nitensi. Dopo il Fronte Democrati- to ebraico ma, ha aggiunto, «noi siamo contra- mo», ha aggiunto. I Taleban sono co per la liberazione della Palestina ri alla morte di innocenti». Centinaia di pale- sottoposti a sanzioni dellOnu, pro- (DFLP), il Fronte popolare ha preci- stinesi sono scesi nelle strade dei campi mosse dagli Usa, per il loro rifiuto di sato che la sua battaglia è contro «il profughi del Libano per festeggiare, con spari consegnare Bin Laden, considerato dagli esperti uno dei pochi in grado nemico sionista», Israele. di armi da fuoco e canti, la «guerra agli Usa». I «Ovviamente la posizione degli «festeggiamenti» si sono svolti nel campo di di organizzare attentati su vasta Ein el- Elweh, il più grande del Libano con scala. Stati Uniti verso il nostro conflitto oltre 70.000 residenti che si trova alla perife- In riferimento all’attacco senza con Israele è totalmente a favore di ria di Sidone, a Sud di Beirut, e nei campi di precedenti agli Stati Uiti anche altre Israele», ha dichiarato Maher al- Sabra e Chatila, alla periferia Sud della capita- organizzazioni note per il loro estre- Taher, membro del direttivo del le. Nel vicino campo di Bourj al-Barajneh mismo provano a dimostrare la loro PFLP, «ma noi non abbiamo niente alcuni giovani hanno anche fatto esplodere innocenza. a che fare con questi attacchi aerei fuochi dartificio in segno di giubilo. Estremisti islamici bruciano in piazza bandiere israeliane e americane Il Movimento della Resistenza negli Stati Uniti». ANCHE DALL’AVANA PAROLE SEVERE CONTRO I REGISTI DELLA CARNEFICINA IL RAPPRESENTANTE DELL’OLP IN ITALIA Fidel Castro offre gli aeroporti di Cuba L’Iran: «Strage «Atterrino da noi i voli per gli Usa» intollerabile» «Non c’è una matrice palestinese» LAVANA, Cuba ha espresso «dolore e costernazione» per Anche dal più gramde Pae- se comunista del mondo so- LIran ha condannato gli attentati terroristici negli Anche i primi sospetti Forse perché inizialmente si è parla- to di attentato da parte di terroristi Qui finisce la conversazione telefonica. Più tardi Nemer Hammad diffonderà gli attentati contro gli Stati no arrivati immediati mes- Stati Uniti. Lo ha riferito palestinesi. una dichiarazione di condanna dellat- Uniti e ha offerto la disponi- bilità dei suoi aeroporti. «Noi saggi di cordoglio contenen- ti più di una analisi e anche lagenzia di stampa degli studenti «Isna», ritenuti inaccettabili «Le persone che vogliono giocare a inserire il nostro nome in faccende che, tacco: «È vero che le armi che uccidono i palestinesi, sono armi americane. Ma siamo profondamente rattri- alcune richieste al governo precisando che il stati per la perdita di vite umane e la nostra posizione degli Stati Uniti. Il presidente cinese Jiang membro del parlamento iraniano Ali Shakuri-Rad Sdevastante poco il Fronteun’oraagli ARÀtrascorsa poco più di Stati Uniti. Da attacco terroristico dal di Libera- sono quasi certo, non hanno nulla a che fare con noi, ci sono sempre state. Si ricorda l’attentato di Oklahoma? All’ini- gli attentati negli Usa sono unaltra cosa che noi condanniamo come ha già fatto il presidente Arafat. Dietro questi atten- è di totale rigetto di questo Zemin ha espresso preoccu- ha dichiarato che «tutte zione della Palestina ha smentito di zio si disse che erano stati i palestinesi, tati cè un potere enorme, qualcuno in tipo di attacchi terroristi- pazione per la sicurezza dei le azioni che causano la essere il mandante. Per telefono cerchia- gli estremisti arabi, e poi alla fine si è grado di organizzare tutto questo». ci»,ha afferma il ministro de- cinesi residenti negli Stati morte di persone mo di metterci in contatto con il rappre- scoperto che era stato un americano E i palestinesi in festa nelle strade di gli Esteri cubano Felipe Perez Uniti, dopo londata di atten- innocenti devono essere sentante in Italia dellOlp, Nemer Ham- mezzo matto». Ramallah e di Gerusalemme Est? Roque. «Porgiamo le noste tati avvenuta a New York e severamente condannate, mad. Al secondo squillo ci risponde un Stavolta siamo di fronte ad un caso Hammad non si scandalizza per niente, condoglianze alle famiglie Washington. Il governo di esprimiamo la nostra signore, dal nome impronunciabile, un po’ diverso. Difficile credere che anzi giustifica: «Si tratta della reazione delle vittime, alle autorità e Pechino ha ordinato allam- solidarietà ai familiari che si definisce consigliere dell’organiz- la strage possa essere stata pensata e di gente normale, di persone che hanno al popolo degli Stati Uniti», basciata cinese a Washin- delle vittime». Le prime zazione. Stupito, più per la richiesta di organizzata solo da un manipolo di pagato con la vita dei loro cari la vendita ha aggiunto il ministro. Se- gton ed agli uffici consolari reazioni iraniane ai un commento a caldo, che per la trage- kamikaze matti, non pensa? delle armi Usa agli israeliani. Gli Usa condo il governo dell’Avana ed alla missione cinese alle sanguinosi attentati dia appena accaduta sui cieli statuniten- «Probabilmente. Ma non ci sentiamo non sono stati solo i protettori di Israe- tutte le compagnie aere i cui Nazioni Unite di intraprende- erano apparsi piuttosto si. parte in causa». le, hanno bloccato ogni risoluzione fa- voli mnon possono raggiun- re tutte le misure necessarie «freddi» con scarse «Non abbiamo nessuna dichiarazio- Secondo lei questo attacco agli Usa vorevole ai palestinesi allOnu, hanno gere gli Stati Uniti possono e di fornire assistenza a tutti i notizie diffuse dalla ne da fare» dice, facendo da filtro ad bloccherà il processo di pace in Me- bloccato linvio di osservatori nella re- in queste ore utilizzare senza connazionali che potrebbe- agenzia ufficiale. Hammad che non verrà al telefono. dioriente? gione e hanno impedito la difesa del problemi tutti gli scali del- ro essere rimasti feriti negli «Non capisco il motivo per cui proprio «Non saprei. È troppo presto per dare popolo palestinese». l’isola. attentati. noi dovremmo commentare». una corretta valutazione». [gi. fr.]Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 15 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 11/09/01 22.58 ----------Cr
  • 16. IL MATTINO 16 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 Consiglio d’Europa, 43 bandiere a mezz’asta Il Consiglio dEuropa, lorganizzazione di Strasburgo di cui fanno parte 43 paesi del vecchio continente compresa la Russia, si è dichiarato «atterrito» dopo londata di attentati che ha colpito gli Usa. «Questi attacchi perpetrati nel cuore di una potenza pacifica rivelano una strategia di guerra inaccettabile» ha sottolineato Oggi a listituzione di Strasburgo in un comunicato Bruxelles diramato subito dopo gli attentati. riunione di Il Consiglio dEuropa si è pronunciato per «il emergenza varo più rapido possibile di una azione dei ministri internazionale per la lotta contro tutte le degli Esteri forme di terrorismo». In segno di lutto le europei bandiere dei quarantatre paesi membri, per far compresa la Russia sono state subito issate a fronte al mezzasta davanti al Palazzo dEuropa di terrorismo Strasburgo. Vertice dei ministri degli Esteri Oggi a Bruxelles. Prodi inorridito: «L’Europa accanto agli Usa» BRUXELLES. LUnione europea si strin- atti di terrorismo. Consultazioni so- Johannes Rau si dice «inorridito». nico ha proibito tutti i voli civili sul ALLARME IN FRANCIA ge al fianco del popolo americano e no in corso tra le due sponde dellAt- Il premier britannico Tony Blair, centro di Londra e ha messo in stato degli Stati Uniti ai quali assicura piena solidarietà e totale appoggio nella lotta contro il terrorismo. lantico e la Ue è fermamente e completamente al fianco degli Stati Uniti». tornato precipitosamente a Londra dopo la notizia della catena di atten- tati contro gli Stati Uniti, ha convo- di massima allerta le truppe. Le ambasciate straniere a Washington hanno chiuso gli uffici o mandato a Parigi riscopre Oggi, i capi delle diplomazie dei paesi membri dellUnione europea si riuniranno a Bruxelles, per una La decisione di convocare dur- genza i ministri degli esteri è stata presa per dare il segno inequivoca- cato una riunione della commissio- ne durgenza del suo governo, deno- minata «Cobra». casa il personale americano. Lam- basciata americana in Spagna è stata circondata da un cordone di il «vigi-pirate» riunione straordinaria del Consi- bile di una mobilitazione europea Dellunità fanno parte il mini- sicurezza, così come quella israelia- NICOLÒ D’AMICO glio dei ministri degli esteri, al quale in appoggio agli Usa. «Quanto suc- stro degli esteri Jack Straw, il mini- na e lufficio di rappresentanza pale- è affidato il compito di «studiare cesso negli Stati Uniti e limpatto stro dellinterno David Blunkett e stinese. A Bucarest le ambasciate PARIGI. La Francia reagisce alla tragedia una risposta comune» dei Quindici degli attacchi terroristici sulla situa- quello della difesa Geoff Hoon. Co- statunitense e israeliana sono state americana con una rapidità che è forse agli attacchi terroristici sferrati a zione mondiale ed europea è luni- me prima misura il governo britan- chiuse almeno per due giorni. direttamente proporzionale alla triste New York e a Washington. co grande punto in agenda della esperienza vissuta a metà degli anni Le notizie sugli attentati hanno riunione dei ministri», ha detto Gun- ’90, durante la sanguinosa «stagione» sconvolto i rappresentanti delle isti- nar Wiegand, portavoce del com- degli attentati terroristici che prende- tuzioni europee. Il presidente della missario Ue alle relazioni esterne vanodi mira stazionidellametropolita- Commissione Ue Romano Prodi, il Chris Patten. Per seguire strettamen- na e mercati all’aperto in pieno centro. premier belga e presidente di turno te gli eventi, Patten ha ieri sera Ieri pomeriggio, infatti, soltanto a qual- della Ue Guy Verhofstadt e lAlto deciso di sospendere la sua visita di che ora di distanza dalla spaventosa rappresentante per la politica este- quattro giorni in Italia. carneficina di New York, il governo ra e di sicurezza comune (Pesc) DallEuroparlamento è arrivata aveva già deciso di ripristinare il piano Javier Solana sono stati informati la reazione «sconvolta ed indigna- Un blindato «Vigi-pirate», cioè quel complesso di mentre erano in missione in Ucrai- ta» del presidente Nicole Fontaine presidia norme di vigilanza molto severe, basa- na per un vertice bilaterale. che ha definito gli attentati «atti di l’ambasciata te sull’impiego di mezzi eccezionali e Sullaereo di ritorno a Bruxelles barbarie». americana a di forze speciali, varato nel 1995, il hanno dettato le prime reazioni e Tra i Paesi più recentemente col- Madrid; in giorno successivo all’esplosione dina- deciso le prime risposte. piti dal terrorismo c’è anche la Ger- alto, il mitarda a bordo di una vettura del «Sono inorridito dalle terribili mania, ma il ministro dellInterno presidente metro extraurbano alla stazione di Sa- tragedie di New York e Washin- Otto Schily (Spd) ha detto ieri sera della int Michel-Notre Dame. Un attentato gton», ha detto Prodi, che ha indet- di non vedere - dopo la drammatica Commissione attribuito al terrorismo islamico, che to appunto per stamani una riunio- serie di attacchi terroristici negli europea aveva procurato 8 morti e una ventina ne straordinaria del suo esecutivo. Stati Uniti - pericoli immediati per Romano di feriti. E prima e dopo, in quei mesi, «Invio la mia simpatia al presidente la Germania. Prodi. In Parigi era piombata nel terrore per i Bush, ai parenti delle vittime e al «Non ci sono elementi che giusti- basso, Putin colpi a ripetizione degli ignoti fanatici popolo degli Stati Uniti. Gli europei fichino la preoccupazione su un che falciavano vittime innocenti depo- - ha aggiunto - sono con gli Usa e possibile coinvolgimento della Ger- sitando bombe nei contenitori della con tutti i popoli del mondo amanti mania nella serie di attentati», ha spazzatura o addirittura il qualche «sa- della pace nella condanna e nella detto Schily parlando a Berlino. Egli nisette», cioè le cabine a funzione resistenza al terrorismo nei termini ha al tempo stesso sottolineato che igienico-sanitaria che hanno sostitui- più forti possibili». Verhofstadt, per ovviamente è stata rafforzata la sicu- to i vecchi «vespasiani» di strada. conto della presidenza Ue, ha rezza e il controllo nei confronti di Vigi-pirate significa frequenti posti espresso «profondo shock e sgo- installazioni e edifici pubblici più di blocco, rinforzi della gendarmeria (i mento» ed ha aggiunto: «Reiteria- sensibili. nostri carabinieri) e della polizia nazio- mo la nostra totale condanna di Il cancelliere tedesco Gerhard nale che girano spesso con i cani tutte le forme di terrorismo e la Schroeder ha espresso al presiden- appositamente addestrati a riconosce- determinazione a combatterli con te Bush «sgomento» per gli attacchi, re la presenza di esplosivi, ispezione ogni mezzo a disposizione». Solana condannando «nel modo più vee- minuziosa dei luoghi sospetti, senza ha rilevato: «Non ci sono parole mente questi atti, una dichiarazio- ovviamente risparmiare le persone adeguate per esprimere i miei senti- ne di guerra allintero mondo civi- che dovessero dare adito a qualche menti in risposta a questi barbarici le». Il presidente della Repubblica dubbio. LE REAZIONI DA MOSCA Putin: «Proviamo ira e indignazione» E scattamo misure di sicurezza «Mi dispiace per tutta quel- la povera gente morta, però gli americani hanno vinto la guer- MOSCA. Anche Mosca ha vissu- sizioni ai suoi ministri per la ra fredda e si sono sentiti i to in diretta le drammatiche sicurezza sulle misure da assu- padroni del mondo, se la sono fasi dell’attacco terrostico con- mere dopo gli attentati di New voluta questa botta in te- tro gli Stati Uniti. E subito è York e Washington. In prece- sta»,semplifica lo studente Vik- scattata la testimonianza di denza aveva avuto un collo- tor. solidarietà del popolo russo quio con il ministro degli este- Lambasciata americana è per quello che per 50 anni è ri Igor Ivanov con il quale ave- sorvegliata da un centinaio di stato l’avversario più odiato. va disucsso dei riflessi interna- poliziotti. Vengono fatte passa- «La serie dei barbarici atti ter- zionali della drammatica gior- re decine di persone che porta- roristici diretti contro degli in- nata di attacco agli Stati Uniti. no fiori, li depositano nei pres- nocenti ci provoca ira e indi- Proprio nei giorni scorsi, si della «guardiolà dei mari- Sconcerto della regina Elisabetta gnazione», ha scritto il presi- dopo l’ennesimo attentato su- nes. Un altro gruppetto di gio- dente Vladimir Putin in un cida a Gerusalemme, Putin vani, a una certa distanza, reg- E Aznar rientra subito a Madrid telegramma subito spedito a George W. Bush. «Comprendia- aveva espresso una durissima condanna agli atti di terrori- ge uno striscione con questa scritta: «Ricordatevi di Belgra- La regina Elisabetta ha espresso «crescente incredulità e mo bene il vostro dolore per- smo. Il grande mondo è diven- allingresso della piazza. Negli tornati, se tutto andava bene», do». Sono gli antimperialisti totale sconcerto» per gli attentati. La sovrana ha inviato al chè noi russi siamo già passati tato piccolo nellepoca delle ultimi tre anni le bombe dei dice il poliziotto. irriducibili. Ai tavolini di un presidente Bush «un messaggio di profonde condoglianze». Il attraverso l’orrore del terrori- televisioni satellitari, e per que- terroristi hanno fatto nella ca- A causa della tragedia ame- bar sul Nuovo Arbat, a poca premier spagnolo Josè Maria Aznar ha condannato «la follia smo», ha aggiunto Putin sotto- sto New York sembra essere pitale russa centinaia di morti, ricana sono crollati sulla Piaz- distanza dallambasciata ame- terrorista», in una conferenza stampa a Taillin, dove si trova in lineando che «tali azioni disu- una città da qualche parte dell alcuni a poche decine di metri za Rossa i minuscoli commer- ricana, alcuni turisti tedeschi visita. In nottata il premier è ripartito per MadridMadrid. Per mane non devono restare im- immensa Russia. Solo così si dalla Piazza Rossa, quelli dila- ci alimentati dalle comitive dei di mezza età bevono birra e rispondere a questi «attacchi selvaggi e crudeli», ha detto il punite». spiega la vastità deserta della niati nel centro commerciale turisti che vogliono vedere il ridono alle probabili battute di premier, è necessario «un impegno ancora più forte» da parte Putin, hanno fatto sapere Piazza Rossa a Mosca alle sette del Maneggio. «È stato poco Cremlino. Si chiama Viktor, è uno del gruppo. Non capisco- dei paesi del mondo libero «per porre fine al terrorismo». Il re fonti del Cremlino, ha seguito di sera. dopo le 17:00, quando ho visto uno studente universitario no il russo, sono ignari, sono di Spagna, Juan Carlos, ha inviato intanto un messaggio al a lungo, attraverso le immagi- «È la paura, la paura che in televisione quel macello: che vende ai turisti colbacchi tra i pochi che in una città di presidente Bush, nel quale esprime «lappoggio e la solidarietà ni della Cnn, lo svolgersi degli senza una ragione linferno mia moglie a quellora va a della polizia, distintivi con il dieci milioni di abitanti non del popolo spagnolo al popolo americano». avvenimenti ed ha poi convo- possa spalancarsi anche qui prendere i bambini a scuola e piccolo Lenin, le matrioshke provano paura e angoscia per cato una riunione dell’unità di da noi, è questo il terrorismo», ho sentito il bisogno di telefo- con Putin e dentro Ieltsin e poi le notizie che arrivano dagli crisi del governo, dando dispo- dice un poliziotto di servizio nare a casa per sapere se erano Gorbaciov e tutti gli altri. Stati Uniti.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 16 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.40 ----------Cr
  • 17. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 17 Casini e Pera: «Un vile attacco alla democrazia» Parole di condanna, orrore e sgomento sono state espresse dal Presidente del Senato Marcello Pera e dal Presidente della Camera Pier Ferdinando Casini. «Esprimo il mio cordoglio per le vittime - ha dichiarato Pera in un messaggio inviato alle autorità Usa - per il vile attacco che ha colpito la grande amica I presidenti nazione americana. Questa azione terroristica è di Camera contro i valori di democrazia e di libertà su cui e Senato si basa la pacifica convivenza dei popoli». A Pier sua volta Casini al presidente della Camera dei Ferdinando Rappresentanti Usa Dennis J.Hastert: «La prego Casini di voler far conoscere a tutta la sua grande e Marcello nazione l’orrore, lo sgomento e la nostra più Pera hanno ferma condanna di ogni forma di terrorismo. La condannato cosa più sconvolgente è che i governanti Usa l’attacco hanno visto, come noi, lo svolgimento dei fatti contro gli Usa in tv, prova questa di vulnerabilità». Ciampi: «L’Italia è in lutto» «È un atto di guerra contro il mondo civile. Uniti per battere il terrorismo» CLAUDIO SARDO quell’incontro è stato per Ciampi, L’ANALISI l’occasione per collegare la battaglia ’ITALIA è in lutto. Questi atten- di liberazione con la lotta di oggi «L tati contro gli Stati Uniti col- piscono e offendono l’intera contro il terrorismo e con la solidarie- tà necessaria tra «i popoli liberi». Sotto quelle macerie comunità internazionale. I popoli li- Appena la matrice terroristica de- beri debbono essere uniti e compatti nella risposta a questo atto di guerra gli attentati di New York e Washin- gton è stata chiara, Ciampi aveva caduta la rete globale contro il mondo civile». Carlo Azeglio inviato al Presidente americano Geor- ge W. Bush un messaggio di cordo- MAURO CALISE Ciampi ha deciso di entrare nelle case degli italiani alle 18 in punto, glio: «Non vi sono parole - ha scritto A oggi, linsicurezza torna a essere una quando da due ore e mezzo le televi- sioni trasmettevano le sconvolgenti immagini di New York e di Washin- Ciampi - che possano esprimere il mio sgomento e il mio orrore nell’ap- prendere dei devastanti attentati che hanno colpito gli Stati Uniti, ma che D componente abituale della nostra vita quotidiana. Credevamo di esserci la- sciati alle spalle le grandi guerre mondiali e, gton. Il suo messaggio alla nazione è con la fine della guerra fredda, anche lincu- stato un brevissimo. E la singolare offendono e chiamano in causa tutta la comunità internazionale». Il «popo- bo dellecatombe nucleare. LOccidente fie- ripresa in primo piano del Presiden- ro dei suoi successi economici, culturali, te, invece della solita inquadratura lo italiano», ha assicurato il Capo dello Stato a Bush, è vicino «a lei e a civili si era quasi convinto di essere riuscito larga sulla scrivania e lo studio, ha in a marginalizzare il conflitto, a neutralizzare qualche modo finito per aggiungere tutti gli americani nel lutto, nel dolo- re e nell’esecrazione». «L’Italia è al il nemico. Restavano solo i focolai di tante drammaticità al momento, oltre che piccole guerre locali, segregate però entro i evidenziare la preoccupazione e la fianco degli Stati Uniti», ha ripetuto il Presidente nel suo messaggio, prima confini del mondo sottosviluppato: in Afri- tensione sul volto del Capo dello ca, in Asia, in Sudamerica, ormai lontano Stato. di tornare sulla necessità di una dura e compatta risposta contro il terrori- dalle nostre case e dalle nostre preoccupa- «Questo attentati - ha detto anco- zioni. ra Ciampi a reti unificate - richiedono smo: tema, questo ripreso nelle di- chiarazioni di tutti i Capi di Stato e di Per celebrare la fine della guerra, aveva- una lotta senza quartiere contro il mo edificato un nuovo idolo, una parola governo europei. terrorismo. Sappiamo di difendere in «La comunità internazionale - so- magica capace di farci sentire universali: questo modo i valori che sono alla no sempre parole di Ciampi - deve senza confini, senza più limiti. Da timorosi base della civiltà e della pacifica con- rispondere compatta a questi atti cittadini degli Stati-Nazione, ci eravamo vivenza fra i popoli». Sarà questo esecrandi. Nella lotta senza quartiere autopromossi ad impavidi protagonisti del- anche il cuore del massaggio, che il al terrorismo dobbiamo lavorare in la globalizzazione. Un nuovo credo econo- Presidente della Repubblica ha fatto assoluta comunità di intenti per la mico e tecnologico aveva spazzato via le recapitare a George W. Bush: «I terro- difesa di quei valori, a cui gli Stati vecchie religioni ed ideologie del passato. risti devono sapere che i loro gesti Uniti hanno fornito un contributo Ci eravamo abituati a sentirci in comunica- saranno puniti». Prima di presentarsi impagabile e che sono stati barbara- zione permanente, tutti partecipi della stes- davanti alle telecamere, Ciampi ha mente violati oggi. I terroristi debbo- parlato con Silvio Berlusconi e più sa rete: in televisione, al telefono, in Inter- no sapere che i loro gesti saranno net eravamo finalmente liberi di circolare e volte si è poi sentito al telefono con punti». Palazzo Chigi e con i ministri compe- di far circolare le nostre idee, la nostra voce, E proprio questo messaggio - «I i nostri risparmi e investimenti. tenti in materia di difesa e di sicurez- terroristi debbono sapere che i loro za, fino all’incontro serale al Quirina- Sotto le macerie delle torri gemelle, ac- gesti verranno puniti» - Ciampi lo ha canto a migliaia di vite spezzate, si è spezza- le con il capo del governo. ripetuto anche all’incaricato d’affari Ma, nonostante le notizie prove- to anche questa rete di circolazione globa- dell’ambasciata degli Stati Uniti a le. Da oggi tutti, inconsapevolmente e ineso- niente dagli Stati Uniti monopolizzas- Roma, William Pope, che ha convoca- sero ogni attenzione, Ciampi non ha rabilmente, cominceremo a ripiegare indie- to e voluto ricevere già nel primo voluto rinunciare, ieri pomeriggio, ad pomeriggio al Quirinale, per assicura- tro: su noi stessi, sulle nostre paure, sulla un appuntamento ufficiale, già previ- re il massimo impegno dell’Italia, nel vertigine di vuoto che ci portiamo dentro sto nella sua agenda: l’incontro con il momento in cui gli Usa e l’intera come fossimo noi su quella torre sbriciolata- comitato per le onoranze ai Caduti di Europa stanno mobilitando tutte le si sotto i nostri occhi. Prendiamone doloro- Marzabotto e con alcuni sopravvisuti proprie strutture militari per difen- samente atto: in questetà governata dai agli eccidi nazifascisti. Anzi, proprio dersi e reagire al pericolo terrorista. simboli, il colpo non poteva essere più duro. Dopo anni di simulazioni nei kolossal cinematografici, da Lucas a James Bond, è MESSAGGIO DI GIOVANNI PAOLO II A BUSH arrivato lolocausto in diretta. Con la diabo- lica regia che ha frapposto diciotto minuti Lo sconforto del Papa: «Indicibile orrore» tra i due attacchi aerei al World Trade Center, perché tutta lAmerica - e il mondo - potesse avere il tempo di sedersi davanti al televisore e provare dal vivo il brivido del secondo velivolo che si schianta sul gratta- Questa mattina appello alla comunità internazionale per la pace in Medio Oriente cielo. Quellincubo difficilmente ce lo levere- ALCESTE SANTINI primere una svolta alla situa- tario di Stato, cardinale Ange- lenza, che a nulla conduce se lennio sia di pace e non di mo di dosso. Perché la regola che faceva la zione mediorientale nella di- lo Sodano, facendosi inter- non a prospettive catastrofi- odio». Ed ha rivelato, in mo- forza e lorgoglio della società globale era L Papa, sconvolto «dallindi- rezione di una reale pacifica- prete di queste vive preoccu- che». Ed ha aggiunto che, do inconsueto, che «tutti in lassenza di barriere, lidea che per andare I cibile orrore» suscitato da- gli attacchi terroristici che hanno colpito al cuore gli zione, Giovanni Paolo II ha fatto rimarcare, parlando ieri pomeriggio con i suoi colla- pazioni del Papa e della Santa Sede, ci ha detto che «questo incredibile ed efferato gesto proprio alla luce di queste prime riflessioni su quanto è appena accaduto, «il Santo Papa Giovanni Paolo II Sopra, il capo Segreteria di Stato abbiamo pianto per i morti di questa enorme tragedia e ci siamo da Napoli a New York bastasse un colpo di telefonino, di mouse, uno zapping sul Cnn. Ora che New York è scoppiata in diretta Stati Uniti, ha inviato al presi- boratori, che, con «questa dei terroristi induce tutti a Padre chiede limpegno di tut- dello Stato uniti alla preghiera del Papa sotto i nostri occhi, il mondo globale è dente George Bush un accora- enorme tragedia» è comincia- riflettere sulla natura antiu- te le persone responsabili a Carlo Azeglio per invocare dal Signore la diventato improvvisamente ostile. Abbia- to messaggio per esprimere ta davvero «una nuova sto- mana e anticristiana della vio- vari livelli perché il terzo mil- Ciampi fine di tanto odio fratricida». mo, in pochi secondi, scoperto che il nemi- la sua «vicinanza e quella di ria» per cui o la Comunità Possiamo anticipare che, que- co non era stato eliminato. Si era solo tolto tutta la Chiesa al popolo ame- internazionale affronta, in sta mattina in occasione dell la divisa. Può nascondersi in un qualunque ricano, in questo momento modo risolutivo, la questione udienza generale in piazza S. aereo di linea e trasformarlo in un missile di sofferenza e di prova», am- mediorientale, inducendo Pietro, Giovanni Paolo II lan- cielo-terra. Con tanto di benservito a Bush e monendo i diretti responsabi- israeliani e palestinesi a trova- cerà un nuovo e forte appello ai suoi patetici progetti di scudi stellari li e quanti non hanno valuta- re una forma di convivenza alla Comunità internaziona- planetari. to appieno, finora, i loro folli come più volte aveva auspica- le perché ci sia una svolta nei Nei prossimi giorni la parola passerà, gesti che «con questa violen- to, soprattutto in occasione rapporti tra israeliani e pale- comprensibilmente e giustamente, ai gran- za nulla si costruisce». Ha, al della sua visita in Terra Santa stinesi come premessa per di leader perché provino a imbastire una tempo stesso, manifestato il poco più di un anno fa quan- riportare bla pace e la coope- risposta. I fronti immediatamente più espo- suo «profondo dolore» per le do la pace sembrò essere a razione in tutta larea medio- sti sono quelli militare e finanziario: è lì che numerose vittime innocenti, portata di mano, oppure ci si rientale. Abbiamo appreso ci si aspetta interventi tempestivi perché la invocando Dio perché «pon- avvia verso nuove tragedie. che, per tutto il pomeriggio crisi non si trasformi in catastrofe. Ma è ga fine a tanto odio fratrici- Quanto è avvenuto ieri nel di ieri, dalle nunziature di importante che si faccia sentire anche la da». cuore di una grande potenza tutto il mondo ed anche dalle voce della politica, che riprenda coraggio il Senza nascondere la gran- che sembrava fosse inattacca- varie cancellerie sono perve- senso di appartenere a una società aperta. de amarezza per il fatto che bile, potrebbe più facilmente nute in Segreteria di Stato Prima che, in ciascuno di noi, scenda la sono stati poco ascoltati i ripetersi in altri Paesi. sollecitazioni per una iniziati- notte della paura. Trasformandoci nei con- suoi ripetuti appelli per im- È significativo che il Segre- va della Santa Sede. vitati di pietra del nostro stesso destino.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 17 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 11/09/01 22.06 ----------Cr
  • 18. IL MATTINO 18 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 Ruggiero lascia Lubiana e rientra «Così la pace diventa più lontana» Quanto sta succedendo negli Stati Uniti «è una tragedia che può cambiare i destini del mondo in cui viviamo». Con queste parole il ministro degli Esteri, Renato Ruggiero, ha concluso anticipatamente la sua missione in Slovenia e Croazia, per ripartire alla volta di Roma, dove ha partecipato alla seduta straordinaria del Consiglio dei Ministri, convocata da Silvio Berlusconi. Ruggiero ha aggiunto che «tutto quel che è accaduto allontana di molto le prospettive di Il presidente pace». Il ministro, venuto a conoscenza degli del Consiglio attentati poco prima di partire da Lubiana Silvio per Zagabria, ha ridotto al minimo la visita Berlusconi in Croazia, e, dopo aver ribadito gli ottimi ieri rapporti con il Paese balcanico, è ripartito a Palazzo per Roma, esprimendo piena solidarietà al Chigi popolo e alla Amministrazione americana. «È barbarie, dobbiamo vincerla» Berlusconi rilancia l’alleanza Roma-Washington. E in serata va da Ciampi CLAUDIO SARDO LE REAZIONI IN PARLAMENTO «D AVANTI a noi c’è un futuro che mette- rà a dura prova la nostra capacità di resistere alle barbarie. Ma non ab- Polo e Ulivo, fronte comune di condanna biamo paura di affrontarlo». Sono passate da MARIA PAOLA MILANESIO Usa», ha detto il ministro per la Fun- poco le 20 e 30, quando Silvio Berlusconi zione pubblica che non ha voluto scende nella sala stampa di Palazzo Chigi per LAVORI di Montecitorio sospesi, le commentare l’ipotesi di un black out leggere la sua dichiarazione ufficiale sui cata- strofici attentati di New York e Washington. Il Consiglio dei ministri straordinario deve an- cora cominciare, ma da ore ormai i Palazzi I bandiere a mezz’asta, il Transatlan- tico affollato, il presidente del Con- siglio che si precipita a Roma, il di tutti i servizi segreti mondiali. Scuro in volto, proprio come Fini, lo è anche il leader dell’Ulivo, France- romani sono immersi nel clima plumbeo ministro degli Esteri, Ruggiero, che sco Rutelli. Le notizie che arrivano dell’emergenza. Berlusconi ha saputo dell’at- interrompe la visita in Croazia e con- dall’America interrompono il vertice tacco terroristico, mentre stava a casa, ad danna «una pagina della storia che della coalizione, che avrebbe dovuto Arcore. «Ho visto tutto in diretta tv - confida cambierà il mondo, purtroppo in peg- toccare tasti come federalismo, falso prima di entrare nella sala del Consiglio. - È gio». Le notizie che arrivano dall’Ame- in bilancio. Finisce tutto accantona- stato sconvolgente. Anche perché, in un pri- rica, le immagini terrificanti delle to, a incombere è la tragedia america- mo momento, non ci si accorgeva di quanto Torri di New York che si afflosciano na. «Solidarietà e amicizia al popolo fosse grande la tragedia. Prima ho pensato ai hanno sconvolto non solo l’agenda Usa», dice Rutelli, mentre chiede che passeggeri degli aerei, poi, conoscendo il dei lavori parlamentari, ma l’intero «l’Italia si faccia, con voce unica, World trade center, ho pensato a chi era bloccato negli ascensori... Immagini dramma- mondo politico italiano, unito nel parte responsabile, assieme all’Unio- tiche, incredibili...» Berlusconi aveva un moti- condannare un’azione terroristica ne europea, per esprimere questa vo particolare di preoccupazione: sua figlia che non ha precedenti. Mentre vengo- solidarietà alla democrazia america- Marina era a New York per lavoro. Ma ha no prese immediate misure di sicurez- na crudelmente colpita». Sconvolto avuto rassicurazioni dalla figlia stessa, nel za a difesa degli obiettivi Giuliano Amato, per il qua- pomeriggio, prima di partire per Roma. «Ho adottato tutte le opportune misure di sicurez- sensibili, a Montecitorio e a Palazzo Madama vengo- Fini: «Una le «neanche la fantasia del cinema era mai riuscita ad za - è scritto nel comunicato che il premier legge - informato il Parlamento, convocato il no convocate in fretta e tragedia architettare un’azione ter- furia le riunioni dei capi- roristica così spaventosa». Consiglio dei ministri e il Consiglio intermini- steriale di sicurezza. Subito dopo il Consiglio gruppo. Un primo approc- immensa» «Questi atti sono frutto di cio, che sfocerà oggi alle cose maturate negli anni», incontrerò Ciampi». Ancora: «Provo pena e sgomento per le vittime innocenti di New 15 nel dibattito alla Came- E Rutellli: conclude l’ex premier. York e Washington, per i passeggeri degli ra, deciso ieri alla conclu- sione della riunione dei «Dal Paese «Paura e angoscia» esprime il presidente dei aerei dirottati, per quell’angoscia inferta dal terrorismo più spietato. Mai nella storia del- capigruppo convocata dal si levi Ds, Massimo D’Alema, e l’umanità si era visto tanto accanimento nei presidente Casini. All’in- timore per le conseguen- confronti di civili inermi. Mai una città era contro era presente anche un’unica ze che questi fatti avranno stata devastata da una così tremenda volontà il vicepremier Gianfranco a livello mondiale. «Certo, omicida. Non sono stati colpiti solo gli Usa, Fini. «Si tratta di una trage- voce» l’effetto è quello di una un Paese al quale l’Italia è legata da un’antica dia che può davvero cam- dichiarazione di guerra, e fraterna amicizia, ma sono stati colpiti tutti i biare il mondo. Non c’è altro da un attacco simile a Pearl Harbour, ma Paesi liberi e democratici. In questo tragico aggiungere, di fronte all’angoscia che momento, la risposta delle democrazia e di questa volta non sappiamo chi sono i tutti gli uomini liberi del mondo è quella della tutti quanti provano in questo mo- giapponesi», dice il capogruppo ds solidarietà, basata sui valori comuni della mento», dice il vicepremier mentre, Violante. civiltà e del rispetto del diritto degli uomini». scuro in volto, lascia Montecitorio. Le parole di condanna pronuncia- Nel comunicato non l’ha scritto. Ma Berlu- Sull’esito dell’incontro, durante il sconi ha spinto ieri la solidarietà verso Geor- quale non si è parlato delle eventuali te dagli esponenti della Margherita ge W. Bush fino a confermare, in modo ricadute sui vertici Nato e Fao, poche compariranno oggi su manifesti che esplicito, il suo pieno sostegno al progetto di le parole di Fini: «Tutte le forze politi- verranno affissi in tutta Italia, e nei scudo spaziale (progetto che vede favorevole che parlamentari hanno preso atto quali viene sottolineato il sentimento solo la Gran Bretagna e contrari gli altri Paesi che le misure di sicurezza adottate di solidarietà verso l’America, «terra Ue). «Non è un caso - ha detto Berlusconi in dal governo sono necessarie e indi- un’intervista che apparirà stamane su Il Fo- di democrazia e libertà». glio - se, a partire dalla campagna elettorale, spensabili». A Palazzo Madama sono Una condanna senza appello arri- l’obiettivo dichiarato di Bush è stato lo scudo. stati i ministri Frattini e Giovanardi a va anche da parte dei Comunisti di Ora che si è visto quali ferite può aprire il rappresentare il governo nella riunio- ne con i capigruppo. «L’unica cosa Cossutta e di Rifondazione. Il leader terrorismo sponsorizzato da Stati-canaglia, anche i sordi cominceranno a intendere, che è emersa è la particolare profes- Bertinotti ammonisce affinché non si anche i ciechi vedere». Anche nel messaggio sionalità con la quale è stata condotta ricorra a «ritorsioni, tali da mettere in pubblico, comunque, Berlusconi ripete che Bandiere a mezz’asta a Palazzo Chigi questa azione di guerra contro gli moto ulteriori spirali distruttive». l’Italia «non può che essere solidale con gli Stati Uniti», che l’Italia «è al fianco degli Stati Uniti», che «lo sarà sempre come lo è sempre SOSPESA LA FESTA DELL’UNITÀ, ANNULLATO IL CONFRONTO FRA I TRE CANDIDATI stata in passato». Lo aveva scritto anche al Lo sgomento dei Ds: è un giorno nero per l’umanità presidente Bush, nel telegramma di cordoglio trasmesso già nel primo pomeriggio. La sera, Berlusconi aggiunge che la solidarietà italia- na viene «da tutte le forze politiche senza nessuna distinzione ideologica». «Le demo- crazie - continua il capo del governo - danno il meglio di sè stesse, della loro capacità di «Sul terrorismo siamo pronti cancello della Festa. Dagli altoparlan- ti una voce femminile legge il testo tutti e tre i candidati alla segreteria della Quercia. degli Stati Uniti ed al popolo america- no, vittime di questo attacco». La resistenza proprio nei momenti di pericolo del manifesto ed invita alla «mobilita- Quella dellundici di settembre - «ferocia» degli attentatori, il «senso di perché si fondano sul consenso dei loro cittadini». Anche il popolo americano, è il a collaborare con il Governo» zione» contro la «barbarie inaudita che ha colpito persone inermi ed commenta Giovanni Berlinguer - è «una data nera», quel che è successo impotenza» che ha provocato genera- no «sgomento» e materializzano fan- passaggio conclusivo di Berlusconi, supererà DALL’INVIATO A REGGIO EMILIA indifese». «segnerà a lungo la storia del mondo. tasmi ancor più spaventosi. Cè quasi «questa tremenda prova», rafforzato «nei suoi I dirigenti Ds hanno deciso in Per questo bisogna riflettere, ragiona- il pudore, la paura nel ricordare «Pe- valori e nella sua volontà di continuare nel TERESA BARTOLI cammino della civiltà e della democrazia». La fretta e di comune accordo: sospen- re per capire «la ferocia e la potenza arl Harbour», lattacco che spinse RASTORNATI», «addolorati», qua- sione di ogni manifestazione politica dimostrata dagli attentatori», per ca- lAmerica in guerra nel 41. Sì - dice giornata di Berlusconi si è conclusa al Quirina- le,accompagnato da Gianni Letta, con un lungo resoconto al Presidente sulle misure di sicurezza adottate nel nostro Paese e sui «F si senza parole di fronte alla «ferocia» degli attentatori e sopprattutto per la «fragilità» dimo- e di spettacolo, anche a Reggio Emi- lia, sede della festa nazionale dellUni- tà. Rinviato a data da destinarsi, dun- pire e porre rimedio alla «fragilità dei sistemi di difesa», soprattutto per sollecitare la «necessaria risposta del- Fassino - anche questo è «un evento che può cambiare il corso della sto- ria», che avrà «conseguenze che oggi contatti con le altre cancellerie europee, e strata dai sistemi di difesa della pri- que, il confronto tra i tre candidati la coscienza universale», la sola che nessuno può prevedere». con una preoccupata conversazione con ma potenza del mondo, i Ds esprimo- alla segreteria della Quercia. Il popo- possa permettere di «sradicare le radi- E di fronte a questo «limperativo, Ciampi. Non è escluso che il colloquio abbia no «solidarietà al popolo america- lo diessino si ritrova, alle nove di sera, ci» dellodio che ha provocato lesplo- morale prima che politico» è «non toccato anche due temi spinosi come i prossi- no». Il manifestino stampato in gran a manifestare «contro il terrorismo», sione di tanta violenza. dare spazio» a chi ha voluto tanta mi vertici Fao e Nato e l’eventuale rinnovo dei fretta in bianco e nero e distribuito in per «solidarietà al popolo america- Levento «inimmaginabile» sino al- violenza, «battere» chi lha ordita per vertici dei servizi segreti italiani. L’argomento gran numero di copie si materializza no». Piero Fassino è lultimo ad arriva- la «data nera» dell11 settembre - dice «salvare lumanità». E la risposta de- però non è stato affrontato nel Cdm. «Stiamo seguendo con attenzione gli eventi tragici di a metà pomeriggio mentre i televisori re, da Roma. Giovanni Berlinguer ed Piero Fassino - non può che provoca- ve essere «univoca», «immediata». New York e Washington», ha osservato il capo della Festa sono tutti sintonizzati sui Enrico Morando lo aspettano già ne- re «angoscia», nei Ds «come in ogni Nel mondo ed anche in Italia. Per ufficio stampa della Fao Nick Parsons. E tg che rimandano le immagini dell gli uffici della Direzione. Assieme uomo o donna del pianeta che viva questo in parlamento «i gruppi Ds e anche la commissione Esteri-Interni-Fao sta- America colpita al cuore. Viene attac- decidono di tenere una conferenza questo momento». Le prime parole dellUlivo concorreranno alle decisio- rebbe facendo una «seria riflessione in un cato alle porte degli stand, viene stampa. Parlerà, a nome di tutti, Fassi- sono di «solidarietà» per le vittime, ni del governo che vedranno lItalia impe- momento particolarmente caldo e a rischio». distribuito a chi verso sera varca il no. Invece sul palco si alterneranno ma la stessa solidarietà va «al governo gnata nella lotta al terrorismo».Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 18 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.40 ----------Cr
  • 19. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 19 SCAJOLA IN TV: VERTICI NATO E FAO CONFERMATI (PER ORA) Claudio Scajola ha precisato che per il momento si tratta «A Genova rischio attentati a Bush» solo di «illazioni». Sui vertici Fao e Nato, il ministro ha detto che al mo- N occasione del G8 di Genova il governo decise mento sono confermati. «Dovremo però valutare - ha «I di chiudere lo spazio aereo sulla città ligure perchè i servizi avevano dato notizia di un possibile attentato contro il presidente degli Usa». Lo poi aggiunto Scajola - con gli altri paesi occidentali levoluzione della situazione». Dopo aver sostenuto che lattacco terroristico agli Stati Uniti «cambierà ha rilevato il minsitro dellinterno Scajola durante la molto» anche le abitudini degli italiani, parlando dei trasmissione Porta a porta. Scajola ha poi aggiunto: provvedimenti decisi dal Comitato nazionale per «Chissà che la nostra decisione non abbia scongiurato lordine e la sicurezza pubblica, Scajola ha detto che una possibile azione da parte di questi terroristi». E a sono state «attivate le procedure per garantire al proposito del G8, il ministro, di fronte allo sbalordi- meglio la sicurezza degli italiani», arrivando «allappli- mento di quello che è successo negli Stati Uniti ha cazione delle più rigide misure antiterrorismo»; sem- lanciato un appello a stringersi «accanto ai grandi pre applicando le norme vigenti, ma con la conseguen- valori di libertà e forse archiviare finalmente la pagina za che, ad esempio, verrà «reso più scomodo il del G8». trasporto aereo, con un rigoroso controllo del baga- Quanto all’attentato, il ministro ha parlato di glio. Quello di oggi è un fatto incredibile - ha aggiunto «spaventosa tragedia» e, riferendosi a fonti america- - che modificherà molte abitudini». Tornando succes- ne, ha detto che i morti dell’attentato potrebbero sivamente sullo stesso argomento, il ministro ha essere oltre ventimila. Circa cinquanta, invece, sareb- sottolineato che contro questa forma di terrorismo L’aeroporto di Fiumicino e l’ambasciata Usa (sotto) presidiati dalla polizia. In basso, Scajola bero stati i kamikaze, ma su questo punto lo stesso «nessuno strumento può risultare efficace». Anche in Italia è subito allarme Riunione del Comitato per la sicurezza: intensificati i controlli GIGI DI FIORE civili, con una stato di allarme «Delta». Restano, all’interno, soltanto mille militari americani. O stato d’allarme scatta quasi subito anche Allarme nella base Nato di Sigonella in Sicilia e a NELL’AMBASCIATA USA L in Italia. A meno di un’ora dalle notizie provenienti dagli Usa, il Governo decide lo stato di allerta da «codice Bravo». E, in serata, il Taranto, nelle basi militari della Marina milita- re, mentre nella base dell’Aeronautica militare a Birgi, in provincia di Trapani, gli Awacs (velivo- Ore 17, tutti fuori vice premier Gianfranco Fini ne dà notizia ai li da battaglia della Nato) sono pronti al decollo. Ma in Italia i gravi attentati negli Stati Uniti capigruppo parlamentari di Camera e Senato. È un allarme intermedio tra il più grave codice «Charlie» e quello «Alfa» di routine. Significa, in hanno anche significato interruzione di collega- menti telefonici con New York fino alle otto di È stato di allerta concreto, che, su tutto il territorio nazionale, sera. Soltanto a quell’ora, la Telecom informava che «tutte le zone degli Stati Uniti sono raggiun- ANTONIO TROISE sono stati intensificati il controllo e la vigilanza sui possibili obiettivi del terrorismo internazio- gibili». Ma, per l’elevato volume di traffico O SGUARDO perso della signora in nale. Situazione di pericolo, ma il Governo, per il momento, nonostante gli attentati negli Stati Uniti, non ha preso in telefonico da e per gli States, solo una chiamata su sette riusciva a raggiungere l’utente richie- sto. In tilt anche la rete Internet: l’intasamento, provocato dall’alto volume di richieste di infor- L abito fucsia che si avvicina all’Am- basciata per chiedere notizie. «Ho due figli a New York», dice, sgomenta, considerazione la possi- mazioni, rendeva problematici i collegamenti allontanando i cronisti. Il via vai di bilità di annullare i pros- con i siti statunitensi. turisti che varcano il cancello ed esco- simi vertici della Fao e È stato però il traffico aereo, come era no dal Palazzone di via Veneto con gli della Nato. Mentre, pro- prevedibile, a subire pesanti battute d’arresto. occhi colmi di incertezza. La chioma prio alla Fao, c’è chi chie- Cancellati i voli per gli Stati Uniti: da Fiumicino grigia del consigliere per gli Affari Pub- de di esaminare con at- sospesi i collegamenti con il Nord America, ma blici, Robert Callahan, che cerca di tenzione l’opportunità anche da e per il Medio Oriente, a causa della riportare ordine, smentisce l’ordine di del vertice in questo cli- chiusura di quegli spazi aerei. Allertati gli uomi- evacuazione e conferma che è stato ma internazionale. ni radar in servizio negli aeroporti italiani: sono semplicemente dato ai dipendenti la Si attiva il ministro stati invitati a segnalare alla polizia, con urgen- possibilità di uscire qualche minuto della Difesa Antonio za, «qualunque episodio ritenuto anomalo nel- prima del normale orario di ufficio. Per Martino, in contatto la loro attività di servizio». il resto, «nessuno ci ha minacciato, non con i colleghi dell’allean- Controlli particolari a Fiumicino, mentre a abbiamo segnali di allarme». Ore 17 e za Nato, mentre il mini- Malpensa è stato ridotto il numero delle porte 30, davanti al palazzo simbolo degli stro degli Interni, Clau- di accesso e uscita. Sette, in totale, gli aerei, che Stati Uniti in Italia, l’ambasciata di via dio Scajola, presiede il erano già partiti per gli Stati Uniti, tornati Veneto, nel cuore della capitale. Pro- Comitato nazionale per indietro. E anche l’Alitalia ha attivato dei nume- prio qui, qualche mese fa, scattò l’allar- la sicurezza, convocato ri telefonici per fornire informazioni sui voli cancellati: 800551350 dall’Italia e me rosso, con il palazzone chiuso per in riunione straordina- un paio di giorni proprio proprio per il ria. Viene deciso di atti- 0039665859051 dall’estero. In due casi (un volo in partenza da Roma e l’altro da Milano), rischio di attentati. vare «tutti i sistemi di Ma ora è tutto diverso, i terroristi protezione per gli obiet- l’atterraggio è avvenuto in Canada. Il primo aereo costretto a fare marcia indietro è stato, sono arrivati a colpire il cuore degli tivi di nuovi potenziali Stati Uniti. Sembra un film, ma è solo la attentati». È nutrito invece, l’AZ618, decollato da Milano alle 14,35. Tornato a Malpensa dopo due ore di volo, ha realtà. Dentro, negli uffici di via Veneto, l’elenco di quei possibili tutti sono incollati alla tv, da dove la obiettivi: sedi diplomati- riportato in Italia decine di passeggeri italiani e americani. Tutti ignari di cosa fosse realmente Cnn e le principali tv americane manda- che (ambasciate e con- accaduto. Tutti alla ricerca di notizie, al loro no in onda scene di guerra di New York solati), compagnie ae- Più vigilanza sui possibili ree e marittime, installa- sbarco a Milano. e Washington. «Siamo seguendo con orrore gli eventi - commenta con la zioni militari, scuole, uf- obiettivi del terrorismo, fici turistici, culturali, TERRORE E ANGOSCIA NELLA CITTADELLA USA DI GRICIGNANO voce stentorea un funzionario dell’am- basciata - E il nostro pensiero va alle attivati i Servizi segreti commerciali e industria- vittime, alle loro famiglie, e natural- I marines in assetto di guerra li. Tutti organismi, che mente, agli amici e ai colleghi che Unità di crisi presso la hanno sedi in Italia, in potrebbero essere stati colpiti da questi qualche modo collegati Farnesina: allo 0636225 agli Stati Uniti e alla poli- atroci atti di guerra». Poco prima delle 17, dall’interno del Palazzone di Via tica occidentale. Vigilan- vengono fornite notizie za più stretta anche nei DALL’INVIATO A GRICIGNANO allontanare eventuali curiosi. la cosa più importante è fare il Veneto, suona un allarme elettrico. CLAUDIO COLUZZI È allarme rosso, l’ufficiale che proprio mestiere, il mio è di difen- Non è l’ordine di evacuazione ma solo Cancellati i voli per gli porti e negli aeroporti, mentre ai servizi segreti comanda il picchetto di guardia dere il Support Site, ci penseranno una misura precauzionale. Fuori, la INQUEMILA militari americani e all’ingresso parla italiano: «Non altri ad acciuffare e punire quei Polizia rafforza le misure di sicurezza. Usa e il Medio oriente e agli organi di polizia sono affidate le attività di intelligence per racco- gliere tutte le informazioni possibili sui pericoli C loro familiari prigionieri del- la cittadella blindata. Ma an- cora più del terrore, per quanto siamo autorizzati a rilasciare di- chiarazioni, questo è zona milita- re, allontanatevi, abbiamo l’ordi- cani». In serata le operazioni di «boni- fica» delle abitazioni terminano, Arriva un furgone di carabinieri mentre le volanti si sistemano ai quattro angoli dell’Ambasciata. Molti dipendenti esco- legati all’attuale realtà nazionale ed internazio- avvenuto oltre oceano, e dell’ango- ne di sparare». La tensione è alle all’ingresso la bandiera americana no in macchina, dal retro, per evitare la nale. scia, per non riuscire a contattare i stelle. Si manifesta con i modi viene ammainata per metà, in se- folla di cronisti che occupa il cancello loro cari negli Stati Uniti. «It’s spicci dei militari e si legge sui volti gno di lutto. Il di- principale di via Vene- Lo stato di allerta avrà al Ministero della terrible, it’s terrible». Non riesce a dei civili che rientrano nella citta- spositivo di sicu- to. Appena appresa la Difesa un centro operativo interforze. Un cen- dire di più, tra le lacrime, una della. Facce tese, visi segnati dalle rezza di carabinie- notizia degli attentati, tro decisionale nazionale sarà invece presiedu- donna di colore a bordo di un lacrime. Solo a distanza, dal ponte ri e polizia viene l’Ambasciatore convo- to dal generale Tricarico a Forte Braschi, mentre fuoristrada con targa Afi. Supera i della superstrada, si possono segui- potenziato. Una ca una riunione di al Ministero degli Esteri è stata attivata un’unità posti di blocco dei carabinieri, si re le fasi di una vera e propria vasta area al confi- emergenza con i suoi di crisi con un numero (06/36225) per fornire ferma all’ingresso e viene perquisi- operazione di «bonifica». Ad uno ne tra le province più stretti collaborato- informazioni sulla situazione negli Stati Uniti ta da soldati in mimetica e con ad uno i militari fanno sgomberare di Napoli e Caserta ri, per fare il punto sul- dopo gli attentati. fucile mitragliatore. La Us Navy le villette occupate dai civili, effet- è illuminata a gior- la situazione e decide- L’allarme, naturalmente, è scattato in con- Support Site di Gricignano, una tuano minuziosi controlli e perqui- no dai fari delle re il da farsi. Per i turisti temporanea in tutte le Prefetture italiane. Comi- vera e propria città con tanto di sizioni, alla ricerca di improbabili auto delle forze americani è stato atti- tati provinciali per la sicurezza sono stati subito scuole, ospedale e decine di villet- ordigni. Lo scrupolo con cui vengo- dell’ordine, con il vato anche un sito In- convocati nelle grandi città, come Napoli, Mila- te a due piani, è area blindata. In no effettuate le operazioni è mania- blu dei lampeg- ternet (www.usaem- no, Palermo, Firenze. Subito sono scattate le fretta e furia il Comitato per l’Ordi- cale. Da lontano, con un cannoc- gianti visibile an- bassy.it), con consigli e misure di sicurezza a controllo dei cosìddetti ne e la sicurezza di Caserta ha chiale un militare nota l’auto con che a distanza. notizie aggiornate. A «obiettivi sensibili», quelli individuati dal Comi- messo a punto un piano di control- cui abbiamo raggiunto la zona. In Misure di prote- quelli che si presenta- tato nazionale presieduto dal ministro Scajola. lo delle zone esterne. La superstra- pochi minuti giungono militari in zione straordina- no direttamente negli Al primo posto, consolati e sedi Nato. Ad Aviano, da Nola-Villa Literno è stata blocca- assetto di guerra e carabinieri. Do- rie sono state at- uffici, i funzionari del- in provincia di Pordenone, sede di comando ta allo svincolo di Gricignano, cara- po il controllo dei documenti am- tuate, rimanendo l’Ambasciata, non pos- Nato al nord-est, una riunione operativa presie- binieri e poliziotti rimandano in- morbidiscono un pò il comporta- alla provincia di Caserta, anche nei sono far altro che scuotere la teste, duta dal comandante Alessandro Tudini. È dietro tutti gli automobilisti in tran- mento: «Qui non potete stare, ordi- confronti di alcuni parchi residen- suggerire di guardare la Cnn e conse- stato dichiarato il terzo livello di allerta, il sito. I militari americani sono in ni superiori». ziali occupati da americani nel gnare un comunicato. Poche righe per «Charlie». assetto di guerra. Un elicottero Il sergente americano si lascia capoluogo. Sorveglianza speciale metterli in guardia, invitando tutti a Allarme «Bravo», invece, alla base Nato di volteggia sulla cittadella, marines andare a qualche battuta: «Hanno «mantenere un alto livello di vigilanza, San Damiano in provincia di Piacenza. Sospese pure a Pinetamare, sul litorale, armati fino ai denti pattugliano il colpito al cuore lAmerica, ho mol- prendere le misure per aumentare la tutte le attività alla caserma «Ederle» di Vicenza, perimetro interno lungo la rete di ti parenti a New York, spero pro- dove la comunità americana è an- sicurezza e ridurre la vulnerabilità». che ospita truppe statunitensi in questi giorni recinzione. Già a trecento metri prio che nessuno sia finito sotto a cora abbastanza consistente. E la Nella speranza che l’incubo finisca pre- impegnate in alcune esercitazioni in Germania. dall’ingresso altri soldati con ca- quelle macerie. Purtroppo mia mo- cosa andrà avanti per diversi gior- sto. Nella base di Camp Darby a Tombolo in provin- sco e fucili mitragliatori puntati glie non è riuscita a mettersi in ni. Anche qui il terrorismo islami- cia di Livorno, sono stati evacuati ottocento non hanno bisogno di parole per contatto telefonicamente. Ma ora co fa paura.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 19 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 00.57 ----------Cr
  • 20. IL MATTINO 20 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 LA FRONTIERA-NAPOLI Vertice in Prefettura in vista del 26 ma è polemica sull’organizzazione e su 12 navi-caserma. Poi, in serata la Nato: «Possibile un ripensamento» MESSAGGIO AI CITTADINI Il sindaco Rosa Russo Il sindaco:«Niente panico, massima Iervolino con il allerta, la città non corre più rischi presidente della Provincia delle altre». Bassolino: «Il summit? Lamberti e il prefetto Più di prima riflettere e valutare» Ferrigno al Comitato sicurezza «Ora il vertice Nato va annullato» La Iervolino: ricordo la guerra, ma non ho mai visto nulla di simile PAOLA PEREZ menti,ripensareall’opportunitàditene- sciavano trapelare la possibilità: «di ri- colgonoisegnalidellostrappo.LaIervo- dell’alloggio per tutte quelle migliaia rein piedi questoappuntamento? «Cer- considerare l’opportunità di tenere il lino lascia la sala riunioni buttando lì di agenti? E della funzione del porto I torna in mente la seconda to che bisogna ripensarci - conclude la vertice». una frase: «Ci rivedremo venerdì po- chi si è preoccupato? Il governo si è «M guerra mondiale. Ero una ragazzina. Erano situazioni che vivevo in prima persona. I bombar- Iervolino, incontrando in serata i sinda- cati a Palazzo San Giacomo - non credo proprio sia il caso di confermarlo in un Già, il vertice Nato. Qualche ora prima, mentre dagli Usa arrivavano le prime immagini della catastrofe, il sin- meriggio. Questo piano deve diventa- re convincente per tutti». In che sen- so convicente per tutti? C’è qualcuno mosso in ritardo. E anche il prefet- to....insomma, lo vedo in difficoltà». C’è il rischio di non fare in tempo? «Il damenti,lafuga, lesirene...Maimmagi- momento di questo genere. La decisio- daco aveva commentato: «Il summit di che esprime perplessità? La risposta, tempo c’è ma scarseggia la buona ni drammatiche come queste, credete- ne, comunque, spetta al governo. Ma Pozzuoli sarebbe una partita a scacchi». a chiare lettere, arriva dal sindaco di volonta. Se le condizioni sono queste mi, non le avevo mai viste. Ho una sola non adesso. Adesso ci sono altre priori- L’argomento era stato all’ordine del Pozzuoli Vincenzo Figliolia: «Come io non sono più disposto a collabora- speranza, e ci credo fermamemente: tà». Stessa musica dal ”governatore” giornodelcomitatoconvocato inmatti- organizzazione siamo a zero. Ci han- re». Ma tutto sembrava procedere per che da parte di tutti, oggi, ci sia la Antonio Bassolino: «Rifletteremo nei nata dal prefetto Carlo Ferrigno. Una no chiamati per informarci che il il meglio. La prova generale del mini- volontà di mantenere la pace. Possiamo prossimi giorni». E quasi contempora- riunione segnata dalle polemiche: si vertice era confermato per quelle vertice è andata liscia come l’olio... e dobbiamo farcela». Il sindaco Rosa neamente, fonti militari della Nato la- comincia alle 11, e già mezz’ora dopo si date, punto e basta. E il problema «Sapete che cosa è successo? È succes- Russo Iervolino lascia la prefettura alle so che chi ha in mano la gestione del 18.30 dopo aver partecipato alla riunio- summit si è presentato qui oggi (ieri, ne straordinaria del comitato ordine ndr) con un programma completa- pubblico. Al suo fianco il vicesindaco, mente diverso». Un programma che Rocco Papa, e il presidente della Provin- prevede la militarizzazione di Pozzuo- cia Amato Lamberti. Un vertice rapidis- li e, altro punto assai discusso, il simo, giusto il tempo di ratificare il posizionamento delle 12 navi-caser- dispositivo di sorveglianza che scatta in ma nei porti di Napoli (quattro unità), automaticosuicosiddetti”obiettivisen- Pozzuoli (quattro), Torre Annunziata sibili” quando cresce il livello d’allarme (due) e Castellammare di Stabia in campo internazionale. «Un passag- (due). Il prefetto non replica. Nemme- gio formale che conosco bene per la no quando i giornalisti lo invitano a L’Accademia riascoltare la voce di Figliolia registra- mia esperienza da ministro dell’Interno di Pozzuoli. ta da un’emittente radiofonica priva- - continua la Iervolino - certi meccani- ta, tanto per aver conferma delle smi sono perfettamente oliati e, all’oc- Sopra bandiera parole usate nell’atto d’accusa. Per correnza, si mettono subito in moto». venerdì pomeriggio viene fissata una Unmessaggioaicittadini?«Nientepani- a mezz’asta a Palazzo nuova riunione del comitato e si co. Tutte le istituzioni sono mobilitate mettono in calendario altri incontri per garantire sicurezza. E Napoli non ha San Giacomo. A sinistra tecnici a livello ristretto. Il nodo da una percentuale di rischio superiore ad sciogliere è quello delle navi militari altre località». Un pensiero commosso Palazzo Reale un «obiettivo sulle quali alloggeranno i quasi 8mila allevittime dell’attaccoaereosuicida,in agenti del servizio d’ordine. «Siamo particolare ai bambini, poi a tutti i sensibile» all’inizio di un percorso complesso - napoletani che in queste ore temono spiega l’ammiraglio Francesco Dona- per la sorte di familiari e amici in Ameri- to, comandante della capitaneria di ca: «Non avremo un’unità di crisi, per- Napoli - bisogna definire con precisio- ché sarà gestita a livello centrale dal ne dove sarà ormeggiata ciascuna ministero degli Esteri, al quale ci siamo delle unità che partecipano all’opera- giàrivoltiperchiedereuna”corsiaprefe- zione». A Francesco Nerli, presidente renziale” in considerazione dei tanti dell’Autorità portuale, spetta il compi- cittadini napoletani che vivono negli to di rendere indolore la convivenza States. Anch’io sono preoccupata: lag- delle navi militari con il normale giùhouncugino».«Purtroppo-intervie- traffico di passeggeri e merci nello neLamberti - le linee telefoniche con gli scalo napoletano. Compito non faci- Stati Uniti sono saltate. Avere qualche le, se consideriamo che per il 27 è notizi è impossibile». previsto l’arrivo di quattro navi da E il vertice Nato di Pozzuoli? Non crociera: «European Vision», «Bole- sarà il caso, alla luce degli ultimi avveni- ro», «Sea Garden» e «R1». IL SINDACO DELLA CITTÀ FLEGREA PROTESTA: NON POSSIAMO ESSERE MILITARIZZATI «È tutto cambiato, Pozzuoli ha paura» Figliolia: piano sicurezza assurdo annullati. Bisogna fare mar- cia indietro. E poi non biso- gna dimenticare che ad un ANDREANA ILLIANO Su quali punti non è dac- sindaco viene chiesta dispo- cordo? nibilità per un’organizza- A città ha paura. Il «Su tutto. Non è concepibi- zione di questo genere. Io «L Vertice Nato va spo- stato. Gli attentati a Manhattan e a Washintgon le avere una città militariz- zata e il centro storico chiu- so. Stando alle direttive del ero pronto fino a qualche tempo fa, ho cercato anche un dialogo diretto col mini- non possono essere sottova- ministro dell’Interno, detta- stro, ma senza ottenere al- lutati. Per molti la Nato è te in Prefettura, avremo il cun risultato. Adesso no. l’America». A parlare è Vin- porto bloccato da quattro Adesso chiedo che, se l’in- cenzo Figliolia, il sindaco di navi-caserma e oltre seimi- contro debba aver luogo, Pozzuoli, la città flegrea, se- la soldati con tanto di auto- avvenga altrove». Estate a Napoli e Sergio Bruni de ufficiale dell’incontro in- mezzi blindati piazzati sul Che cosa le ha fatto cam- ternazionaledei ministri del- molo caligoliano...». biare idea? Tutto rinviato per lutto la Difesa del Patto Atlantico, previsto il 26 e 27 settembre. Il governo ritiene che una misura di questo ge- «Sono convinto che alle pro- vocazioni delle manifesta- Una seduta straordinaria del Consiglio comunale sui Fino a pochi giorni fa, nere sia fondamentale In che senso cambia tut- Bianche Luca Casarini, ri- zioni violente bisognava ri- drammatici avvenimenti in Usa «in segno di solidarietà lei, sindaco, era di pare- per evitare manifestazio- to? tengo che la tensione sia spondere con determina- con gli Stati Uniti e di condanna del terrorismo»: è la re diametralmente oppo- ni violente da parte dei «In primo luogo c’à la que- aumentata, anche all’inter- zione e non cedere. Adesso proposta del presidente dellassemblea, Giovanni sto. contestatori. stione delle navi. Il porto di no nel movimento dei No- abbiamo gli attentati, i mor- Squame, che per oggi alle 16 ha convocato i «Già. Ma allora non ci trova- «Non erano questi i patti. In Pozzuoli ha una collocazio- Global». ti, pezzi di città distrutti. capigruppo. In adesione alla giornata di lutto vamo di fronte ad attentati tutti i verbali redatti dai ne geografica diversa da Ma l’amministrazione Come si può ignorare tutto nazionale proclamato per oggi dal Capo dello Stato, di questo genere e non era comitati per la sicurezza e quella di Napoli, in quanto di un Comune non può questo? E come può essere l’amministrazione comunale ha sospeso gli spettacoli stato ancora illustrato il pia- l’ordine pubblico è stato è legato al centro storico. opporsi ad un ordine del concepibile che un piano di «Estate a Napoli» e la festa per gli ottant’anni di no di sicurezza. Un piano detto che una sola strada Inoltre le attività del molo governo... di sicurezza, non ancora Sergio Bruni a Palazzo San Giacomo. E il sindaco ha che in realtà non c’è anco- sarebbe stata chiusa: la Do- saranno completamente in- «Lei crede? Io sono dispo- reso ufficialmente noto in disdetto tutti gli appuntamenti istituzionali e culturali, ra, e già questo avrebbe mitiana. E questo valeva terrotte. Noi no, non possia- sto a far scendere la gente tutte le sue parti e in tutti i compresa la festa con i bambini dell’Unicef. dell’incredibile, ma di cui anche per l’appuntamento mo proprio permettercelo. in piazza. Inoltre, dopo suoi dettagli, continui a ci sono state rese note le del 26 settembre. Ma ades- E poi, dopo l’avviso di ga- quello che sta accadendo cambiare di giorno in gior- cosiddette linee generali». so cambia tutto» ranzia al leader delle Tute in America, i vertici vanno no?».Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 20 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.05 ----------Cr
  • 21. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 21 POMERIGGIO FRENETICO Alle 15,20 arriva via radio l’ordine generale: «Stretto controllo per gli obiettivi israeliani e statunitensi» NEL MIRINO L’ingresso Protezione strettissima del comando Nato per il consolato Usa, che oggi a Bagnoli: scatta sarà chiuso, e per i McDonald’s l’allarme Delta Pattugliata tutta la costa nelle basi militari americane Golfo blindato, elicotteri in ronda Allarme massimo a Napoli. «Stato di guerra» al comando Nato Sud-Europa MAURIZIO CERINO da nelle acque del Golfo prevista nelle situazio- Marittima,dove pattugliedella guardia difinan- ON era ancora chiara la gravità di quanto ni di massima allerta. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le za sono state dislocate nei pressi degli approdi. Anche dal mare la guardia costiera ha alzato il Capodichino, codice Delta N stava accadedo negli Usa e già a Napoli la Questura aveva fatto scattare il proprio piano di prevenzione. Alle 15,20 loperatore alla misurestraordinarie:il piano prevedela vigilan- za, 24 ore su 24, di tutte le installazioni america- ne. Primo fra tutti il consolato Usa di via livello di guardia, con la collaborazione, nelle ore diurne, della motovedetta della polizia. Non sono previsti, al momento, arrivi di navi Chiusa la base Usa centrale radio ha chiamato a raccolta tutte le Caracciolo (che oggi sarà chiuso come l’amba- americane. Nel frattempo la Digos ha fatto pattuglie in servizio e con tono perentorio ha sciata di Roma e tutte le altre sedi diplomatiche uscire tutte le pattuglie disponibili, rinforzando A base della US Navy di Capodichino è diramato le disposizioni di vigilanza di «obietti- vi americani e israeliani», concludendo la nota radio: «...dallAmerica stanno giungendo noti- americane in Italia), intorno al quale è stata creata una zona «cuscinetto» interdetta a chic- chessia. Le misure di sicurezza esterne sono quelle del cosiddetto «settore internazionale», mentre lantiterrorismo era già in attività per il recente minivertice che si è concluso laltro ieri, L chiusa. Il «Theatcom», ossia il livello di difesa è al massimo stato, «Delta». I militari sono stati richiamati tutti allinterno. zie a dir poco drammatiche». Qualche ora più state rinforzate, quelle interne e le cosiddette ma alcune delegazioni erano ancora presenti Stessa procedura nella base navale di Nisida. tardi, per ordine del comandante della base «misure passive», portate al massimo livello di ieri, e hanno raggiunto laeroporto di Capodi- Avvicinare qualche americano di stanza a Usa di Agnano, si levavano in volo gli elicotteri allerta. La sorveglianza, ha reso noto il sindaco chino in elicottero. Napoli è arduo. Se sincontra un militare della Marina militare americana per sorvolare Iervolino, riguarderà anche i simboli commer- Carabinieri e polizia si sono divisi gli obietti- parlare di servizi di sicurezza e di intelligence lo spazio aereo cittadino. E in mare, le motove- ciali statunitensi come i McDonald’s. vi da vigilare. Le strutture militari restano ai è come parlare di corda in casa dellimpicca- dette della Guardia Costiera iniziavano la ron- Altro segnale di blindatura alla Stazione carabinieri, con laggiunta del consolato, le to. Esistono le procedure, i protocolli, hanno altre alla polizia. In via Scarfoglio vengono tutto pianificato in caso di qualsiasi evento, tenuti sotto controllo gli alberghi utilizzati dai ma non avevano previsto, a livello centrale militari americani che non hanno ancora casa come nelle basi delocalizzate nel mondo, ad a Napoli, e vigilanza anche allospedale. un attacco aereo con velivoli civili. Perché un In via Cappella Vecchia diventa fissa la attacco con aviogetti militari è immediata- vigilanza alla Sinagoga ebraica, luogo di culto mente rilevato dal sistema satellitare di difesa dellacomunitàisraeli- americano e nel giro di frazioni di secondo viene «allertata» larea interessata dallaggres- ta napoletana, men- tre una pattuglia vigi- Agenti anche sione. Un sistema programato per scattare laassiduamenteleabi- nei pressi con gli «enemy identify», il codice di identifica- zione che ogni oggetto in volo possiede. tazioni di esponenti della stessa comuni- dei luoghi di culto Codici non identificabili dal sistema di control- tà, ad iniziare da quel- lo sono automaticamente considerati nemici. la del rabbino capo. e perlustrazioni Un sistema che possiede ovviamente anche la base dellUs Navy di capodichino e quella di La Digos ha anche di- slocato agenti a guar- nel centro storico. Nisida, le istallazioni militari Usa e Nato a dia delle due mo- Presidiate Napoli. Con la competenza del controllo del comanndo AFI di Bagnoli per il Sud Europa. scheeislamiche di Na- poli, quella del corso le scuole Dopo il primo flash irradiato dalla Cnn, i vertici statunitensi delle basi napoletani han- Arnaldo Lucci e quel- la di piazza Mercato, di lingua straniera no immediatamente cambiato i livelli di sicu- temendo la ritorsione rezza. Il «theatcom» che alle 9 italiane era isolata di qualche estremista di destra contro i tranquillamente ad «Alfa», alle 15 è passato al frequentatori di due luoghi di culto. «Charlie», ossia stato di massima allerta da Il questore ha comunicato che, in ogni caso, aggressioni esterne di natura terroristica. Ma prima di qualsiasi comunicazione ufficiale sul- fonti non ufficiali facevano intendere che le sorti del vertice Nato, nessun funzionario tutto era pronto per passare allo stato «Delta», potrà godere di ferie o permessi straordinari, ossia il livello di difesa in caso di truppe anche se già programmati. Analoga disposizio- americane in guerra, al di fuori dei confini ne scatterà per il resto del personale. Inoltre, nazionali. per disposizione ministeriale, tutti i rinforzi Invece la decisione è giunta prima del previsto, inaspettata per i non esperti di affari inviati per il mini vertice dei capi di stato militari, «theatcom Delta». Il che significa che Maggiore, resteranno in città fino al termine Il consolato Usa presidiato dai carabinieri nelle prossime ore ci saranno sicuramente del vertice Nato. attività militari Usa nel mondo. Laccesso alla base di Capodichino è con- LA COMUNITÀ MUSULMANA: QUESTI ATTI NON FANNO PARTE DELLA NOSTRA CULTURA sentito soltanto ai militari di rientro e al personale civile della cosiddetta suqsdra di «Terribile, ma l’Islam è contro il terrorismo» indispensabilità. Da stamattina fornitori e service esternoi non avranno accesso alla base, almeno fino a lunedì, salvo contrordini e ulteriore dilatazione del periodo Delta. Unici ad entrare gli addetti alle pulizie ma superper- Stupore e condanna nella moschea del capoluogo campano quisiti e seguiti a vista da militari armati e dovranno trattenersi il tempo strettamente DARIO DEL PORTO ora: il terrorismo non fa parte ore determineranno, nell’opi- «Annullate tutto» necessario per lespletamento delle attività assegnate. Tutte le attività ricreative, del tem- della cultura islamica. In de- nione pubblica, un contrac- LL’ora della preghiera, terminati casi l’Islam giustifi- colpo negativo per l’immagi- i NoGlobal ieri in piazza po libero, scolastiche e culturali interne sono A l’eco della catena di at- tentati che sta sconvol- gendo gli Stati Uniti e il mon- ca l’uso delle armi. Ma solo quando è un esercito a sfidare un altro esercito. Ormai 1400 ne dell’Islam. Ma non credo che a Napoli ci saranno pro- blemi. I napoletani sono per- «Sgomenti» per quanto accaduto negli Stati Uniti, gli aderenti alla Rete No Global rilanciano state sospese. Analogamente il centro com- merciale di via Scarfoglio è stato chiuso. La vigilanza interna è stata rinforzata con arma- mento da guerra. Allesterno i controlli sono do intero non è arrivata anco- anni fa - prosegue l’uomo, sone pacifiche, non ci sono la richiesta di «annullamento del vertice Nato» dei carabinieri. Non è consentito a nessuno ra fra i fedeli della moschea che lavora per la Comunità mai state complicazioni per in programma a Pozzuoli il 26 e 27 settembre avvicinarsi ai cancelli se non munito del pass napoletana. Mohammed, islamica napoletana da diver- noi da queste parti». Seduti prossimo. Dopo la riunione che si è tenuta ieri USA. Blindato e chiuso Carney Park, il parco trentenne napoletano conver- si anni - il Profeta e chi è all’ingresso della moschea, nel pomeriggio allo Ska, il laboratorio occupato giochi dei bambini americani. Strettissima tito all’Islam da un paio di venuto dopo di lui hanno spie- due ragazzi algerini che ven- di piazza del Gesù, i no Global di Napoli hanno vigilanza anche allospedale americano che si lustri, giunge nella sede della gato che neppure gli eserciti dono testi sacri e musicasset- fatto in serata un volantinaggio in piazza trova sulla collinetta al di sopra della centro Comunità islamica di via Gali- possono colpire gli innocenti. te arabe ascoltano dalla voce Plebiscito e in piazza del Gesù per commerciale di Bagnoli. leo Ferrari qualche minuto pri- Per questo motivo anche i di Mohammed le notizie sugli sensibilizzare su quanto è accaduto. «La morte Le misure di sicurezza si estendono alle ma delle cinque della sera. bombardamenti atomici del- attenti sferrati contro l’Ameri- di migliaia di civili e lavoratori a New York - navi militari: la «Non so molto di quanto sta la Seconda Guerra mondiale ca. dice il documento - non può lasciare «Carter Hull» il cui arrivo era previsto per accadendo - dice - ho sentito sono condannabili per la no- Si scambiano uno sguardo indifferente chi oggi si mobilita per un nuovo oggi, ha alla radio che sono state di- stra religione. E lo stesso di- carico di stupore. «Commen- mondo possibile». Ma, secondo la Rete No immediatamente comunicato un cambio strutte le Torri Gemelle e che scorso, a maggior ragione, va- tare? - replicano - E cosa po- Global, «questo drammatico avvenimento è il di rotta. La stessa cosa per la nave da sbarco un aereo si è schiantato sul le per il terrorismo». tremmo dire noi se non sap- prodotto di una politica internazionale sempre «Sirius» che avrebbe dovuto giungere a Napoli Pentagono. È terribile, davve- La Comunità Islamica na- piamo nulla di tutto questo»? NELL’ORA DELLA PREGHIERA più improntata alla logica di guerra proprio per il 17 prossimo. Anche le case dei militari a ro. Hanno ucciso centinaia di poletana è una delle più radi- La preghiera dura circa quin- «Un contraccolpo questo, il movimento ribadisce le sue posizioni», Varcaturo sono sotto stretta vigilanza della innocenti». cate, e conta oltre 1500 perso- dici minuti. Alla spicciolata, i cioè la necessità di sciogliere la Nato, di polizia italiana, mentre allaeroporto di Capo- Spiega Mohammed che ne. In 5-600 si riuniscono pres- fedeli indossano nuovamente negativo, ma Napoli annullare il vertice di settembre a Napoli e dichino agenti della sicurezza militare Usa «in questi momenti è impossi- so la moschea di via Galileo le scarpe e lasciano la mo- è una città di pace» infine «la liberazione della città da siti militari osservano i passeggeri in arrivo in città men- bile dare giudizi. Bisognerà Ferraris per la preghiera più schea. In strada, le radio ag- che rappresentano un serio rischio per la tre polizia e guardia di finanza hanno intensifi- vedere innanzitutto chi sono i importante, quella del vener- giornano le cronache dell’or- popolazione». cato i controlli ai bagagli dei passeggeri prove- responsabili di questo gesto. dì. «Certo - commenta rore di un giorno che il mon- nienti da Grecia, Germania e Francia. Ma una cosa posso dirla fin da Mohammed - i fatti di queste do non potrà dimenticare. m. cer.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 21 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 12/09/01 01.16 ----------Cr
  • 22. IL MATTINO 22 PRIMOPIANO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 Emmy e Grammy sospesi: niente feste né premi Anche il mondo dello spettacolo è in lutto per le migliaia di morti americani negli attacchi terroristici a New York e Washington. È stata rinviata infatti la cerimonia degli Emmy Awards, gli Oscar della tv, che si sarebbe dovuta svolgere domenica. «Abbiamo rinviato gli Emmy», ha detto Jim Chabin, il presidente della Academy of Television Arts and Sciences, A destra, «non stabiliremo unaltra data fino a una scena quando non scopriremo lentità dei danni del film che ha provocato questa tragedia e dopo «Independence che sarà passato il periodo di lutto». day», con Annullata anche la consegna dei Grammy l’attacco per la musica latina in programma ieri a alieno alla Los Angeles: tra gli artisti coinvolti Laura Casa Bianca Pausini, che aveva conquistato ben quattro nomination. Neppure Hollywood ha osato tanto Nei film solo gli alieni riescono a distruggere i centri di potere Usa VALERIO CAPRARA lattacco assassino della vigliacca mano inte- promana dalle psicanalitiche guerre dei mon- I PRECEDENTI gralista contro il simbolo (prosaico, non spiri- di, dalle scorrerie dei «bestiali» King Kong e L mondo intero trattiene il fiato, crisi così tuale e quindi liberamente detestabile e libera- Godzilla e dalle riletture sarcastiche alla «Mars I drammatiche le nuove generazioni non le hanno mai vissute. Dappertutto, sullonda demozioni e di terrori, uno dei primi commen- mente perfettibile) del potere democratico moderno. Lannotazione più drammatica e significati- Attacks!» - trasmette un messaggio di ottimisti- co solidarismo, lo stesso che sembra farsi largo nellodierno sbigottimento: bianchi, neri ed ti è sempre lo stesso: la nuda e cruda realtà ha va che viene subito in mente è, però, quella ebrei (nonché iracheni e israeliani, in una sbaragliato la leggendaria fantasia di Hollywo- che solo nella fantascienza il tema dellattacco breve sequenza) uniti contro i mostri per la od. Fa impressione, sfogliando febbrilmente distruttivo viene trascinato alle ultime conse- salvezza della terra. gli archivi e i dizionari, rilevare la sufficienza guenze. LEmpire State Building, il Pentagono, Il nutrito elenco delle pellicole che sposano con cui gli esperti riportano le trame dei i ponti di San Francisco, la Casa Bianca posso- il gusto esorcistico del disastro ai messaggi thriller sorpassati in queste ore dalla cronaca: no davvero bruciare e disintegrarsi quando gli allarmati sul ruolo degli Stati Uniti raramente «effetti speciali senza una briciola dironia», assalitori calano da barbarici pianeti, fuorie- prevede, invece, un olocausto conclusivo. Da «uno scenario da incubo risolto in un crescen- scono dai misteri degli spazi siderali, planano «Air Force One», in cui il Presidente bracca i do di cliché», «scene dazione grossolane e da mondi ostili, ma soprattutto sconosciuti, terroristi nascosto nellaereo dirottato, ad «At- ATTACCO AL POTERE. Di Edward Zwick risibili», «fantapolitica spicciola», «grottesco invisibili. È in «Independence Day» - e non nei tacco al potere», in cui si cerca la via giusta tra (98). Il generale guerrafondaio Bruce Willis safari metropolitano», «esplosioni ed effetti film dedicati alla concreta minaccia terroristi- la trattativa e lo stato dassedio di fronte alla e il vicedirettore dellanti-terrorismo Den- speciali stile modernariato alla James Bond» e ca - che le gigantesche astronavi degli alieni si sfida islamica; da «Invasion USA», in cui un zel Washington fronteggiano il terrorismo via deridendo i maldestri intenti di propagan- piazzano sopra le metropoli e le distruggono, solo ex agente segreto torna a combattere i islamico: il primo mette in stato dassedio da. Tra dialettica politica, catastrofismo spetta- prima che lultimo contrattacco della scienza sovietici, a «True Lies», in cui un finto cittadino New York, il secondo cerca la trattativa con colare e fantascienza profetica non si contano, argini linvasione sventrando lammiraglia. È medio impedisce a un fanatico musulmano di laiuto dellambigua agente Cia Annette infatti, i film americani che, con più o meno nello stesso kolossal «devasione» che la paura far esplodere la bomba atomica su New Orle- Bening. Un film dazione tagliato con lac- abilità tecnica e sostanza stilistica, ipotizzano tipica degli anni Cinquanta -la stessa che ans: il the end scongiura puntualmente la cetta che, peraltro, infila sequenze ad irresi- disgrazia e la presun- stibile tasso spettacolare. ta «paranoia» princi- pale americana, quel- In «Air Force One» la di una potenza stra- il presidente Usa niera che occupa mili- tarmente il territorio lotta con i terroristi patrio, si materializza solo nelle visioni apo- sul suo jet. L’attacco calittiche dell«Alba rossa» di John Milius. extraterrestre di A differenza dell «Independence aspro cinema cosid- detto reaganiano (dei day». Schwarzy Pan Cosmatos e dei Menahem Golan), il salva New Orleans DIE HARD - DURI A MORIRE. Di John «dynamovie» contem- McTiernan (95). Un uomo solo chiuso in poraneo si presenta con una sua levigatezza e un universo ostile e imprevedibile è costret- docilità da playstation che risulta in fondo to a battersi contro un nemico invisibile che ottimistica. Adesso, comunque, i virulenti spre- lo spia a distanza. Terzo episodio della serie, giatori del genere si uniscono al generale e rispetta il ritmo e la compattezza del copio- compunto cordoglio. Quando a pagare le ne grazie agli effetti speciali che trasforma- drammatiche controversie del mondo sono la no New York da semplice sfondo a vero e carne e il sangue degli americani, qualcuno proprio «personaggio» drammaturgico. persino sinterroga sullutilità del demonizza- to scudo spaziale. Forse qualcuno invocherà la «vera fantasia» di una Cia onnipotente, di uno Stallone, un Willis, uno Schwarzenneger che Harrison Ford in «Air Force One», in cui interpreta un presidente Usa alle prese con i terroristi. Al centro, Arnold Schwarzenegger. Sotto, «Mars attacks!» arrivino a salvarci allultimo momento. L’INCUBO DELL’INVASIONE DA ALTRI PIANETI E LA PAURA DEL NEMICO COMUNISTA Quando King Kong morì sulle Torri gemelle L’ossessione americana tra vecchie pellicole e remake-kolossal THE PEACEMAKER. Di Mimi Leder (97). Mercenari bosniaci con un finto incidente ferroviario sappropriano 9 ordigni nucleari ALBERTO CASTELLANO fantastico delle due mostruose iconografie e mitologie per pro- Nel 2002 arriva sugli schermi da vendere allIran: il fisico Nicole Kidman e creature per esorcizzare le pau- lungarle nellimmaginario col- il colonnello George Clooney devono recu- EL «King Kong» (’76) di re collettive americane di mi- lettivo. Nel primo Emmerich «La somma di tutte le paure» perarli. Un thriller che sfrutta i risvolti N John Guillermin il gigan- tesco scimmione si libera e fugge con lamata Dwan pro- nacce e invasioni. E molta fantascienza cata- strofica degli anni 50 si è ali- immagina con finale allinse- gna dellottimistica solidarietà che gigantesche astronavi alie- ROMA. Uscirà solo nel 2002, «The sum of all fears», (La somma di tutte le paure), ma dattualità sulle responsabilità dellOcciden- te nella tragedia jugoslava soprattutto per attivare il carisma della divistica coppia. prio sulle torri gemelle del Wor- mentata delle paranoie degli ne distruggono mezzo mondo prefigura con allarmante precisione un sini- ld Trade Center dove sarà abbat- attacchi extraterrestri all’Ameri- e alcuni simboli sacri america- stro scenario di terrorismo politico. Una tuto da tre elicotteri. Nel «God- ca (che in piena guerra fredda ni (la Casa Bianca, lEmpire cellula terroristica araba mette le mani su una zilla»(’98) di Roland Emmerich alludevano spesso al pericolo State Building) e nel secondo il vecchia bomba nucleare sottratta a Israele, la un lucertolone anfibio scodin- comunista). In «La guerra dei geniale Tim Burton con umori- modifica e architetta un piano per sganciarla zola tra i grattacieli di New York mondi»(’53), un classico del ge- smo caustico e politicamente su Baltimora durante il Super Bowl, la finale seminando distruzione e caos. nere, i Marziani invadono la scorretto fa atterrare sulla Terra del campionato di football: lobiettivo, indur- Non è un caso che due capola- Terra cominciando dagli Stati i marziani decisi a sparare e re Washington a una rappresaglia nucleare vori del cinema fantastico degli Uniti con le loro navi dotate di neutralizzati con melodie coun- che inneschi la terza guerra mondiale. Solo il anni 30 e 50 siano stati aggior- raggi micidiali e su questa scia try e western. vicedirettore della Cia Jack Ryan si frappone nati da Hollywood accentuan- «La Terra contro i dischi volan- Lossessione apocalittica tra gli attentatori e lolocausto nucleare. La do la dimensione catastrofico- ti»(’56) va oltre, facendo di- nel cinema americano ha preso morte del presidente russo e lascesa di un spettacolare a scapito della for- struggere mezza Washington anche altre forme, dalla rozza oscuro personaggio contribuisce a rendere za poetica e del fascino onirico (l’unico monumento-simbolo propaganda anticomunista di ancora più incandescente la situazione. Il DECISIONE CRITICA. Di Stuart Baird (96). e visionario (il «King Kong» del risparmiato è la Casa Bianca) «Invasion Usa» (’85) con Chuck «La guerra dei mondi» capo della Cia (Morgan Freeman) recluta un Un terrorista islamico dirotta un Boeing ’33) e della tensione allusiva e da dischi volanti fatti poi cade- Norris, dalla paura degli ameri- «Mars attacks!» distrugge funzionario di stanza a Mosca (Ben Affleck) 747 diretto a New York con lintenzione di metaforica del messaggio antia- re con le onde magnetiche. So- cani difronte a una cometa che come suo consigliere. Grozny, capitale della far esplodere una bomba di gas nervino su tomico e antiamericano (il «Go- no due film che si possono sta per abbattersi sulla Terra di anche la Casa Bianca Cecenia, è rasa al suolo da unesplosione Washington. In extremis ununità speciale dzilla» giapponese del ’54) origi- considerare progenitori di «In- «Deep impact»(’98) alla suspen- e l’Empire State Building nucleare. Gli Usa incolpano i russi, ma si del Pentagono a bordo di uno Stealth nali. I due remake sono macchi- dependence day»(’96) e «Mars se con la quale una squadra di tratta di unaltra trama dei terroristi. Riusci- aggancia il velivolo e s’introduce a bordo ne spettacolari che esibiscono attacks!»(’96), coerentemente trivellatori viene inviata nello ranno i nostri eroi a salvare il mondo? sgominando i sequestratori. Kurt Russell e lonnipotenza degli effetti spe- con la vocazione hollywoodia- spazio per far esplodere un aste- Steven Seagal coalizzati per servire il puro ciali e esasperano il paradosso na a riprendere e manipolare roide di «Armageddon»(’98). scopo di suspense con un pizzico dironia.Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 22 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 11/09/01 22.58 ----------Cr
  • 23. PRIMOPIANO IL MATTINO MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2001 23 Tom Clancy: fatti che vanno oltre la mia immaginazione «Una cosa come quella che è successa a New York ed a Washington va oltre la mia immaginazione. Tempo fa - ha detto alla Cnn Tom Clancy, lo scrittore che nei suoi romanzi ha dipinto scenari di attacchi terroristici di ogni genere, anche sul suolo americano - chiesi ad un generale dellaviazione se era pensabile lo Le due Torri scenario di un attacco aereo contro il Congresso del World riunito in sessione. Gli sembrava inverosimile». Trade Center Clancy ha seguito senza staccarsi un attimo dal distrutte, televisore il susseguirsi delle cronache da New divorate anche York, da cui era appena rientrato (vi si era recato dalle fiamme, per il funerale di un amico) e da Washington. È tra i simboli sbigottito, ma deciso: «Per quante migliaia di morti non solo di abbiano fatto, non hanno distrutto l’America, che New York, ma esiste ancora, esistono il suo Governo, la sua degli interi intelligence, il suo esercito. Li localizzeremo e li Stati Uniti prenderemo, sarà una reazione violenta e rapida». Se la realtà supera la fantasia Irrompe la fragilità del mondo globale preannunciata dagli scrittori EUGENIO MAZZARELLA MOLTI LIBRI AVEVANO GIÀ DESCRITTO QUEL CHE È AVVENUTO N EW YORK. Ore 9,15. Va in scena il mondo del coprifuoco globale che ci aspetta, se qualcosa non cambia. Sono le sicurez- Scenari narrativi, teatri di vita recisa ze del nostro grande presuntuoso mondo PASQUALE ESPOSITO dell’establishment. che vanno in pezzi con le Torri del Wold Parte comunque da lontano la prefigu- Trade Center. È la fragilità planetaria del NVEROSIMILE, è quello che pensano, e razionefantapolitica di quelcheè avvenu- mondo globale ad andare in scena. Un intri- co di fili intossicato dall’odio. Un mondo dove il conflitto è dovunque, e può essere I dicono - sgomenti - tutti. Eppure era stato già scritto in numerosi, tanti libri, già visto in numerosi, tanti, films. La realtà to ieri nella narrativa internazionale, uno dei primi libri ad occuparsi di questi temi è stato Golden Gate (Bompiani) di Alistair trasmesso in diretta, se va bene, nel nostro segue la fantasia, l’invenzione, l’immagi- McLean. con un gruppo di terroristi che a salotto, o portato con qualche ora di volo nazione anticipa la realtà, le parole che San Francisco riescono a prendere in dappertutto, magari nel sangue delle nostre non si trovano per metabolizzare eventi ostaggio il Presidente Usa, personaggio vite. così tragici sono state già usate in pagine e centrale, come si vede, di molte storie. Sul Da ieri nessuno è sicuro. Neanche nel pagine. tema del terrorismo internazionale la bi- cuore dell’Impero. È la guerra civile planeta- Un maestro del genere, tra fantascien- bliografia è corposa, ed anche di buon ria che va in scena. Ieri era nelle previsioni zaefantapolica, tra gli scrittoriè senz’altro livello, da Don De Lillo a Philip K. Dick a della teoria, oggi è nel senso comune. Ma il Tom Clancy, prolifico autore di best-sel- Ian Fleming le cui storie sono state diffuse, primo pensiero non è questo. Il primo pensie- lersspesso saccheggiati dal cinema: c’è un divenendo popolarissime, dallo schermo ro è per migliaia di uomini, donne, bambini, romanzo della sua saga, imperniata sulle cinematografico e da Sean Connery in che sono caduti in una nuvola di fuoco e di avventure del personaggio principale Jack particolare: la minaccia delle armi nuclea- polvere, in una guerra per cui non si erano Ryan (tra cui, Pericolo imminente, Paura ri contro gli Usa è presente in Thunderball arruolati: vivere all’inizio del terzo millennio senza limiti, Debito d’onore, La Mossa del (Bompiani) l’assalto a Fort Knox, un altro occidentale. Mentre scrivo, qualcuno è chia- Drago)del1996,Potereesecuti- dei simboli degli States, è al mato alla scelta del diavolo. Abbattere o non vo (in originale «Executive or- ders») edito da Rizzoli in cui Tra fantapolitica centro di Goldfinger. Di Don De Lillo è giusto ricordare un un quarto aereo che porta ignari innocenti, che sono già incolpevoli morti, a fare altri unjumbo giapponese(ultima e fantascienza romanzo di qualche anno fa, morti. ”scena” di Debito d’onore, tra- Rumore bianco (Rizzoli)nel Mentre va in scena l’apocalisse, niente è ma essenziale di questo libro da Don De Lillo quale si racconta di un attac- successivo, pubblicato due co agli Stati Uniti che non si chiaro. Chi è stato, come è stato possibile, perché. A chi serve. A chi torna utile? Al anni dopo) si comporta come a Philip K. Dick, sadadovearrivi,edellaneces- fanatismo folle del terrorismo islamico? A i kamikaze che si lanciavano contro il nemico nella Secon- a Ian Fleming, sità di evacuare intere regioni dellosterminatoterritoriosta- breve termine può essere. Ma la reazione dell’America sarà direttamente proporziona- daGuerramondiale, sapendo all’autore tunitense.Diterrorismointer- ta. E dunque? Mentre si affollano questi di morire. Impressionanti le nazionale e della possibiltà di dubbi nell’ascolto del bollettino dell’apoca- analogie con quanto ha scon- di «Potere farscoppiare una bomba ato- volto il mondo, non solo gli mica nel cuore degli Usa par- lisse, nella visione delle sue immagini in diretta, in diretta va in onda a chi certamente StatiUnitid’America,ieri:l’ae- esecutivo» lavano circa vent’anni fa an- servirà. C’è il bollettino dei corsi azionari, reo si schianta contro il Capi- che Dominique Lapierre e che vanno giù. E l’oro che sale su. tol(Campidoglio)diWashington,ucciden- Larry Collins ne Il quinto cavaliere. Scena- Ma che c’entra con le notizie sui morti, do il Presidente, ministri, deputati del ri americani, teatri di guerra nella creati- con le torri che crollano, con l’aereo in volo Congresso, i vertici della Corte Suprema, i vità degli scrittori. Come quella di Patri- pare su San Francisco circondato da caccia, capi militari. Uno scenario apocalittico, cia Anthony di cui quest’anno Solaria ha inverosimile, ecco (giusto come quello - pubblicato Fratello Termite, con gli ex- che forse avranno l’ordine di abbatterlo? Con reale, terribilmente reale - di ieri che la tra-terrestri che hanno occupato la Casa l’aereo forse abbattuto su Camp David? C’en- televisione ha portato nelle case di tutto il bianca al tempo di Eisenhower (siamo tra. C’entra. È tempo di comprare. Blue Chip, mondo), un thriller d’azione superbo, una nel 1948) senza che nessuno sospetti Mibtel, Nasdaq alla mano, freddamente, so- radiografia e nel contempo una riflessio- che siano degli E.T.; oppure il Faust di no corsi che risaliranno. È cominciato il ne sul potere esecutivo in America: il Serge Leman (una cospirazione-attacco commercio sul sangue. Chi venderà e com- pericolo - sembra voler indicare Clancy, alle potenze mondiali ambientata nel prerà titoli sull’apocalisse di Manhattan è né grandeconoscitoredella realtàstatuniten- 2095), o, ancora, Caos Usa di Bruce più né meno che uno speculatore di guerra. se ed internazionale, in grado come pochi Sterling (Fanucci). O la Terza Guerra Come tale andrebbe trattato. Ma non sarà di anticipare eventi che poi si verificano mondiale nucleare in Usa, dal 1960 al così. Non saranno bloccati i corsi azionari. puntualmente nella realtà - viene non 2002, di Philip K. Dick immaginata in E Non sarà bloccato il prezzo dell’oro. O il solo dall’esterno, ma anche dall’interno, e Jones creò il mondo (Fanucci). prezzo del barile di petrolio. Non sarà blocca- cioè dalla impreparazione degli States di Sgomento, dolore, incredulità: le pa- to il macello morale del guadagno e la perdita fronte al fenomeno terroristico, sta nella role per dirlo erano state già immagina- sulla fiera dell’odio. Il Presidente Bush sale sull’Air Force One per rientrare alla Casa Bianca inettitudine della burocrazia, nel cinismo te, dette. Scritte. Il mercato è sovrano. Ma sovrano di che? Di un mondo che da tempo è entrato nell’om- bra dura del nichilismo. Lo dicono i filosofi. INTERVISTA A FERNANDA PIVANO, LA SCRITTRICE CHE CI HA FATTO CONOSCERE L’AMERICA Una formula. Facile da ricordare. Più facile da vedere, senza formule, nelle cose, in un mondo di relazioni umane e internazionali lacerate, dove la macroeconomia dell’odio di Manhattan è speculare al macello quotidia- no della microeconomia degli agguati delle «Io, portavoce della pace, dico: guerra chiama guerra» periferie. Il Nord e il Sud del mondo a confronto, il centro e la periferia, l’uno all’al- Il mito dell’invincibilità, in pezzi fa le armi dovrebbe infilarsele...» Do- ve, non si può dire. sono risposte. Ma che cosa passa per la mente di Nanda Pivano, che Ameri- ta da sessant’anni, e dico che guerra porta guerra». La scrittrice, saggista e traduttrice ca è questa, vulnerabile, colpita al Di seguito, quest’anno abbiamo tro necessari, l’uno all’altro fonte di ango- scia. E mentre Arafat resta sbigottito alla già col Viet-nam. Il ruolo di Bush di centinaia di libri che hanno raccon- tato le luci e le ombre del Paese cuore, in ginocchio, così diversa dal- l’immagine che ha sempre dato di visto prima vacillare, poi franare il mito dell’invincibilità americana. notizia dell’accaduto, il circo dell’odio torna simbolo dell’Occidente vittorioso, sé? «È un Paese colpito da una guerra Quel crollo rischia di travolgere tutto TITTI MARRONE in pista: gruppi di palestinesi ballano in audace e fiero delle sue ricchezze, barbarica. Solo i barbari uccidono il mondo, Nanda? «La prima immagi- strada distribuiscono dolciumi come se ci IANGEma non vuol farlo sapere l’intellettuale che meglio di tutti in impiegati ancora imbambolati dal ne degli States sconfitti è venuta tanti fosse qualcosa da festeggiare. Domani qual- cuno userà queste immagini per tenere anco- ra lontana la ragione dal tavolo della polverie- P Fernanda Pivano, la magnifica «Nanda» che ci ha fatto scoprire l’America di Edgar Lee Master, He- Italia ha incarnato le voci contraddit- torie e l’anima inquieta degli States, non sa staccarsi dal televisore e non sonno alle otto del mattino, passanti ignari mentre vanno al lavoro. Certo la responsabilità è tutta di questi anni fa, dal Viet-nam, è lì che è andato in pezzi il mito. Poi certo, le ultime elezioni presidenziali non so- ra mediorientale. Con gli occhi accecati dal- mingway, Kerouac, Allen Ginsberg, sa darsi pace di fronte alle immagini pazzi che hanno incendiato e distrut- no state un bello spettacolo, con la l’orrore, è tuttavia il momento di distinguere Philip Roth e tanti altri. Piange di che scorrono sul video. «Mi sono to, ma io non posso star zitta, e devo sconfitta della trasparenza. E adesso, tra i popoli e gli assassini. Con l’ambasciatore rabbia e orrore, ma al telefono ingoia rifugiata da un’amica, adesso sto da dire che, secondo me, se un Presiden- che cosa ci aspetta? Ricominceremo Romano, confidiamo nella saggezza del- le lacrime e dice che «non serve, lei per evitare di diventare matta. Ho te fa capire che ama la guerra, si con dei ragazzi con la divisa addosso, l’America. Il mondo non ne può fare a meno, niente lacrime di fronte a questa tentato subito di mettermi in contat- caccia in un guaio. Certo ora è il mandati dall’oggi al domani a com- E in questa tragedia, sull’indicibile orrore catastrofe, dovremmo invece trarne to telefonico con i miei amici a momento del dolore, bisogna pensa- battere, a dare la morte e a incontrar- nella condanna del Papa, nelle parole di tutti una lezione. Questa: fino a quando Manhattan, ma le linee sono interrot- re a chi soffre e ha perso tutto, gli la? No, ho visto troppe volte queste gli uomini civili, oggi tutti americani, veleg- permetteremo la costruzione e la te, o sovraccariche. Erica Jong dove- affetti, la casa, la vita, ma una cosa cose in 84 anni di vita per aver voglia giano i corsi azionari. È di una poetessa vendita delle armi, ci saranno guerre. va partire domani, dovevamo essere debbo proprio dirla: sono convinta di rivederle ancora. A casa ho due americana un verso letto da ragazzo, che Perché alle Twin Towers è scoppiata insieme a Firenze per presentare il che ci sia anche una responsabilità di grandi armadi pieni zeppi di libri che ricordo nei momenti di malumore, scritto a una guerra. È la lezione che dovrem- suo ultimo libro, ma non so dove sia George Bush jr. Non sono una polito- ho scritto, o tradotto, contro la guer- vedere un mondo che girava storto: «Questo mo ricavare, ma so già che non adesso». loga, non m’intendo di strategie in- ra in quasi sessant’anni. Sono una mondo/che lo spacchino i venti!». avverrà. Ecco perché vorrei dire: chi È difficile fare domande se non ci ternazionali, ma sono una nonviolen- povera illusa, è stato tutto inutile.»K-Black IL_MATTINO - NAZIONALE - 23 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 11/09/01 23.03 ----------Cr
  • 24. Cyano IL_MATTINO - NAZIONALE - 23 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 11/09/01 23.03 ----------Cr
  • 25. Magenta IL_MATTINO - NAZIONALE - 23 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 11/09/01 23.03 ----------Cr
  • 26. Yellow IL_MATTINO - NAZIONALE - 23 - 12/09/01 ---------- ---------- Orario: 11/09/01 23.03 ----------Cr