Your SlideShare is downloading. ×
0
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Incontro del 19 aprile
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Incontro del 19 aprile

256

Published on

Buona Pasqua

Buona Pasqua

Published in: Spiritual, Travel, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
256
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Gruppo Famiglia<br />Parrocchia SS. Addolorata<br />BENVENUTI<br />all’Incontro del 19 aprile 2011<br />1<br />1<br />1<br />
  • 2. 2<br />2<br />2<br />
  • 3. Pasqua = Passaggio<br />3<br />
  • 4. E’ l’avvenimento più importante del Cristianesimo, con cui si celebra la risurrezione di Gesù<br />4<br />
  • 5. Sapete quando è morto….<br />è morto nel 477 a.C.<br />Buddha ?:<br />È morto nel 632 d.C.<br />Maometto ?:<br />5<br />
  • 6. Di Maometto <br />o Buddha, <br />abbiamo <br />anche le tombe<br />Gesù invece è morto <br />e poi<br />Risorto. <br />La sua tomba è VUOTA<br />GESU’ è VIVO!<br />6<br />
  • 7. I SIMBOLI della PASQUA<br />7<br />
  • 8. Agnello:<br />Simbolo di <br />debolezza e dolcezza<br />8<br />
  • 9. <br />= PACE<br />COLOMBA<br />9<br />
  • 10. UOVO: <br />Passaggio a nuova vita<br />10<br />
  • 11. Fuoco: <br />Passaggio dal freddo al caldo<br />11<br />
  • 12. Luce: <br />Passaggio dalla notte al giorno<br />12<br />
  • 13. Acqua:<br />Passaggio dallo sporco al pulito<br />13<br />
  • 14. Cero Pasquale = Gesù Risorto<br />14<br />
  • 15. Con la Domenica delle Palme ha inizio la settimana santa ma non termina la Quaresima, che finirà solo con la celebrazione dell'ora nona del giovedì santo, giorno in cui, con la celebrazione vespertina si darà inizio al Sacro Triduo Pasquale.<br />In questo giorno la Chiesa ricorda il trionfale ingresso di Gesù a Gerusalemme in sella ad un asino, osannato dalla folla che lo salutava agitando rami di palma. La folla, radunata dalle voci dell'arrivo di Gesù, stese a terra i mantelli,<br />mentre altri tagliavano rami <br />dagli alberi di ulivo e di palma, <br />abbondanti nella regione, e <br />agitandoli festosamente gli <br />rendevano onore.<br />15<br />
  • 16. Settimana Santa<br />16<br />
  • 17. L’ultima settimana di Gesù cola goccia a goccia,<br /> minuto dopo minuto <br />così come i cronisti dell'epoca ci raccontano. <br />Fatti che conosciamo, eventi che ancora <br />(ci auguriamo) <br />suscitano emozione dentro di noi.<br />17<br />
  • 18. .<br />L'ingresso trionfale <br />nella Gerusalemme…<br />.<br />barlume di riconoscimento messianico <br />destinato ben presto a scomparire.<br />18<br />
  • 19. La cena (cosiddetta ultima) consumata <br />con i discepoli il giovedì.<br />19<br />
  • 20. La lunga notte di solitudine e…<br />L’angoscia <br />al Getsemani.<br />20<br />
  • 21. La croce <br />drammatica…<br />che inchioda ogni speranza <br />e la travolge e la notte di attesa. <br />21<br />
  • 22. Che giorni stiamo per vivere! <br />Siate presenti, vi prego, siateci.<br />Non è folclore ciò che ci apprestiamo a vivere, <br />non è devozione. E' memoriale, vale a dire <br />attualizzazione di ciò che Gesù ha vissuto e vive.<br />22<br />
  • 23. Mi vedo, Gesù, in tutti quanti hai <br />incontrato per la via della tua passione, <br />mi appartengono i loro sentimenti <br />e condivido ciò che hanno vissuto. <br />23<br />
  • 24. Ti tradisco, Gesù,<br />come Giuda, opportunista, <br />non ti comprendo e triste<br /> mi addormento; <br />fuggo appena scorgo<br /> il pericolo<br /> e abbandono l'amico, <br />e se mi schiero è <br />per me stesso; <br />come Pietro, dinanzi <br />al pericolo<br /> rinnego d'averti <br />conosciuto;<br />come i soldati ti <br />ho beffeggiato<br /> e insultato.<br />24<br />
  • 25. Ti ho provocato come<br /> il sinedrio e non ti ho<br /> creduto, ti ho venduto; <br />come Pilato,<br /> per paura di perdere<br /> il ruolo prestigioso, <br />mi sono lavato le mani, <br />con Erode ti ho<br /> schernito,<br />con i Barabba<br /> di turno <br />ti ho barattato quando<br /> non ho difeso<br /> i giusti e veritieri;… <br />25<br />
  • 26. Dopo il peccato, <br />come la folla, <br />mi sono battuto <br />il petto;<br /> da lontano,<br /> per paura della morte, <br />ho guardato gli altri <br />morire. <br />Per riparare <br />ai sensi di colpa, <br />Come Giuseppe<br /> D'Arimatea<br />mi sono occupato<br /> della loro "sepoltura". <br />26<br />
  • 27. Pietà Signore,<br /> pietà, per tanta incomprensione, <br />per la mia cattiveria, <br />pietà per quando ho deriso il buono, <br />pietà per gli insulti ai deboli e per la mia viltà. <br />Ti chiedo Compassione<br />per la mia condizione umana. <br />27<br />
  • 28. Non sono bastate le parole e i miracoli, non le parabole sul<br /> vero volto di Dio, non l'inaudita notizia di un Dio<br /> reso accessibile. Macché, nulla: <br />conservo un cuore duro, difficile da capire. <br />Occorre un ultimo drammatico gesto,<br /> un segno inequivocabile, indiscutibile. <br />28<br />
  • 29. La croce è e resta l'amore infinito che si manifesta,<br />l'unità di misura esagerata per manifestare l'amore di Dio.<br />29<br />
  • 30. quel legno del fallimento,<br />Il legno della Croce,<br />30<br />
  • 31. è divenuto il parametro vero<br />di ogni vittoria.<br />31<br />
  • 32. Gesù ha operato <br />più salvezza<br />con le mani <br />inchiodate sulla Croce,<br />che con le mani stese sui malati.<br />32<br />
  • 33. Donaci, Signore,<br />di non sentirci costretti<br />nell'aiutarti a portare la Croce,<br />di aiutarci a vedere<br />anche nelle nostre croci<br />33<br />
  • 34. aiutaci a capire che<br />la nostra storia crocifissa<br />e nella stessa Croce,<br />un mezzo per ricambiare<br />il Tuo Amore,<br />34<br />
  • 35. Se ci sentiamo sfiniti, Signore, <br />è perché, purtroppo,<br />molti passi li abbiamo consumati<br />sui viottoli nostri e non sui tuoi,<br />35<br />
  • 36. La Pasqua è la festa<br />degli ex delusi della vita,<br />nei cui cuori all'improvviso<br />dilaga la speranza.<br />ma proprio i nostri fallimenti<br />possono essere la salvezza<br />della nostra vita.<br />36<br />
  • 37. Cambiare è possibile,<br />per tutti e sempre!<br />don Tonino Bello<br />37<br />
  • 38. Gesùosa. Gesù accetta. Osa e accetta perché ama,<br />osa e accetta perché crede nell'uomo incredulo.<br />38<br />
  • 39. Eccolo, dunque, Dio: <br />nudo, appeso ad una croce.<br />Grondante sangue e disperazione, <br />Cancellato e allontanato<br /> dall'uomo che crede di sapere,<br />che immagina di riuscire. <br />Eccolo: Dio è nudo, svelato, consegnato, donato, <br />vulnerabile e fragile come mai.<br />Per amore, per dono.<br />39<br />
  • 40. Arrabbiato con il <br />Cireneo nel portare<br /> la maledizione del <br />vivere, e con le <br />donne mi sono<br /> battuto il petto <br />per convenienza; <br />ancora ti ho <br />Scaricato rabbia<br /> come il ladrone<br />40<br />
  • 41. Venerdì Santo al lavoro, a scuola,<br />dovunque saremo, <br />fermiamoci e guardiamo.<br />Talmente abituati a<br />tenere tutto in mano<br />(anche la nostra vita di fede) <br />sapremo sederci e guardare?<br />Dio ora è protagonista, <br />vita e morte si affrontano, <br />le tenebre<br />che sfigurano l'innocenza<br />degli uomini<br />scatenano il loro impero. <br />41<br />
  • 42. La croce! <br />Il nostro sguardo<br />la incontra spesso... <br />Ma non siamo forse <br />troppo abituati a vederla? <br />Cerchiamo di guardarla,<br />con occhi nuovi ... <br />Sulla croce tutto l'odio<br />del mondo è sconfitto<br />dall'amore...<br />Sulla croce ogni peccato del mondo è annientato dal perdono … <br />Sulla croce ogni angoscia del mondo trova la speranza … <br />Sulla croce l'amore di Dio ci fa intravedere l'altra faccia del mondo: <br />quella di un mondo nuovo, liberato e salvato.<br />42<br />
  • 43. Luca dice che un angelo venne a consolarlo.<br /> Che gli avrà mai detto? <br />Cosa gli avrà fatto vedere per convincerlo? <br />Noi, gli avrà fatto vedere noi. Me, tu che leggi.<br />Noi siamo qui per dare coraggio al Signore, <br />a dirgli: non è inutile, Signore, non è inutile, <br />mi hai salvato, mi hai cambiato la vita. <br />Io sono la consolazione di Dio.<br />43<br />
  • 44. Davanti alla croce facciamo silenzio, <br />ma col cuore pieno del mondo <br />diciamo piangendo come Pietro dopo il tradimento: <br />"Tu sei l'Amore".<br />Se lo comprendiamo, <br />comprendiamo che il racconto della passione <br />è un vangelo, cioè una "buona notizia".<br />44<br />
  • 45. Dio è amore<br />La Croce ne è il segno<br />Diciamo grazie per quest’amore, <br />nel quale sta tutta la nostra consolazione <br />e tutta la nostra speranza di salvezza.<br />45<br />
  • 46. La data della Pasqua, variabile di anno in anno secondo i cicli lunari, determina anche la cadenza di altre celebrazioni e tempi liturgici, come la Quaresima e la Pentecoste.<br />46<br />
  • 47. 47<br />
  • 48. il Risorto ha mostrato alle donne<br />che è possibile il rotolare del macigno,<br />48<br />
  • 49. E se ognuno di noi,<br />uscito dal suo sepolcro,<br />si adoperasse per rimuovere <br />il macigno del sepolcro accanto,<br />49<br />
  • 50. si ripeterebbe nuovamente <br />il miracolo del terremoto<br />che contrassegnò <br />la prima Pasqua di Cristo.<br />50<br />
  • 51. Resurrezione è vivere<br />l'esperienza del tradimento <br />e della croce.<br />E' passare dalla prigionia<br />alla libertà.<br />51<br />
  • 52. Passare dalla morte<br />alla vita nuova.<br />52<br />
  • 53. Sabato santo<br />53<br />
  • 54. Veglia Pasquale <br />Nella liturgia della Chiesa cattolica , la Veglia pasquale è la solenne celebrazione della Risurrezione del Signore e poiché celebra la vittoria sul peccato e sulla morte da parte di Gesù Cristo è la celebrazione più importante dell'anno liturgico. È anche la terza celebrazione del Triduo Pasquale ed anche la più ricca e lunga liturgia di tutto l'Anno liturgico: si celebra fra il tramonto del sabato e l'alba della domenica.<br />54<br />
  • 55. Liturgia del Lucernario <br />La chiesa, lasciata completamente al buio, senza luci né candele accese, dal Venerdì santo. I concelebranti raggiungono un braciere precedentemente preparato, e dopo un breve saluto iniziale (senza il Segno della Croce) il celebrante benedice il fuoco. Quindi prende delle braci e le mette nel turibolo e accende, da quella fiamma, il Cero pasquale; benedice poi il cero pasquale, tracciandovi una croce, le lettere greche Alfa e Omega e le cifre dell'anno; prende cinque grani di incenso e li conficca alle quattro estremità e al centro della croce disegnata, a simboleggiare le cinque piaghe gloriose di Cristo, delle mani, dei piedi e del costato. Quindi il diacono, portando il cero pasquale, comincia la processione che entrerà in chiesa, intonando per la prima volta "Lumen Christi" (La luce di Cristo), e il popolo risponde "DeoGratias" (Rendiamo grazie a Dio). <br />55<br />
  • 56. Liturgia della Parola <br />La Liturgia della Parola della Veglia di Pasqua è la più ricca di tutte le celebrazioni dell'anno; consta di sette letture e otto salmi dall'antico testamento, ed il vangelo allo scopo di ripercorrere la storia della redenzione dall'origine della vita in Dio. Dopo ogni lettura e ogni salmo vi è l'orazione del celebrante. <br />56<br />
  • 57. Liturgia Battesimale <br /> È uso celebrare anche dei battesimi la notte di Pasqua. Tutti i fedeli riaccendono la candela che avevano all'inizio. Quindi il celebrante, pronunciata la preghiera, prende il Cero pasquale e lo immerge parzialmente nell'acqua del Battistero, benedicendo l'acqua. Poi passa ad aspergere tutto il popolo. Nel caso in cui ci siano battesimi, si compie in questo momento il rito che può avvenire anche per immersione come nelle comunità neocatecumenali, altrimenti si pronuncia la professione delle promesse battesimali. È possibile concludere la Liturgia Battesimale con le Preghiere dei fedeli. Non si dice il Credo, perché è sostituito dalla rinnovazione delle promesse battesimali <br />57<br />
  • 58. Liturgia eucaristica <br />Segue la Liturgia Eucaristica, articolata come in tutte le celebrazioni eucaristiche; alla fine il celebrante dà la benedizione, concludendo così una grande celebrazione che era cominciata il Giovedì santo con la Messa in Cena Domini <br />58<br />
  • 59. Video pasqua<br />59<br />
  • 60. Il significato della Pasqua oggi<br /> Oggi la Pasqua rischia di avere l’aspetto più di una festa, di un anniversario, che di un fatto esistenziale. Per molti è il ricordo di qualcosa che fu: Cristo è risorto; ma non di qualcosa che continua a essere: noi stiamo risorgendo. Pasqua in realtà è ogni istante della nostra esistenza.<br /> Scrive una ragazza: La Pasqua per me è uguale a gioia Che Cristo è risorto lo so, lo sento e mi fa entrare nella gioia, Gioia di sentirmi in comunione con il creatore e con il creato gioia di rispecchiarmi negli occhi dell’uomo e dirgli: siamo nuovi. La Pasqua! E’ per me un mistero da spiegare e una meravigliosa realtà da vivere.<br /> A volte pensiamo che i giovani di oggi sono insensibili alle realtà soprannaturali, che sono superficiali nella sfera dello spirito. Non sarà piuttosto che ci manca la sensibilità necessaria per cogliere la voce più profonda della loro coscienza?<br />60<br />
  • 61. Vita di gruppo<br />Proposte per pasquetta<br />Martedì prossimo ci vediamo?<br />Incontri nel mese di maggio?<br />Ritorno a Pacognano?<br />61<br />61<br />
  • 62. Questa presentazione si trova sul nostro blog<br />http://blog.libero.it/GRUPPOFAMIGLIA/<br />Per tenerci sempre in contatto<br />62<br />62<br />62<br />
  • 63. PREGHIERA FINALE<br />Eccoti, Gesù, nostro Signore e nostro Dio, con le braccia spalancate per annunciare a tutti gli abitanti della terra: “Guardate, c'è posto per tutti nell'amore del Padre che è nei cieli.“ Eccoti, Cristo, nostro Signore e nostro Dio, con le braccia spalancate per dire agli abitanti della terra: “Venite, seguitemi! Nessun odio, nessuna violenza potranno mai fermare l'amore! Poiché dalle mie braccia crocifisse io eliminerò il male e la morte, e vi guiderò attraverso lo stretto passaggio che porta alla vita senza fine!” Eccoci, Gesù Cristo, in ginocchio davanti a Te, per contemplarti e dirti :<br /> “Grazie, nostro Signore e nostro Dio; insegnaci ed aiutaci ad amare come Te ! “<br />63<br />63<br />63<br />
  • 64. Il gruppo famigliaaugura a tutti<br />Buona Pasqua<br />64<br />
  • 65. Grazie per la partecipazione<br />Arrivederci al prossimo incontro …<br />65<br />65<br />65<br />

×