Le motivazioni dei piccoli azionisti Telecom depositate in Procura il 18 ottobre 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Le motivazioni dei piccoli azionisti Telecom depositate in Procura il 18 ottobre 2012

on

  • 9,865 views

 

Statistics

Views

Total Views
9,865
Views on SlideShare
990
Embed Views
8,875

Actions

Likes
0
Downloads
9
Comments
0

12 Embeds 8,875

http://www.ilfattoquotidiano.it 8828
http://iglicinidicetta.blogspot.it 24
http://businesstime.ejarvis.eu 5
http://satarlanda.eu 5
http://iglicinidicetta.blogspot.com 3
http://www.google.it 3
http://127.0.0.1 2
http://www-ig-opensocial.googleusercontent.com 1
http://www.newsblur.com 1
http://www.laltranotizia.net 1
http://newsblur.com 1
http://www.gordonlab.com 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Le motivazioni dei piccoli azionisti Telecom depositate in Procura il 18 ottobre 2012 Document Transcript

  • 1. Documento consegnato alla Consob il 17 ottobre 2012 ore 11:00Documento aggiornato e depositato alla Procura della Repubblica di Milano il 18 ottobre 2012 ore11:00Oggetto: Proposta di mettere direttamente a votazione l’Azione di responsabilità controCarlo Buora per i rilevanti eventi recenti o in alternativa rinviare l’Assemblea o riconvocareuna nuova assemblea. Quanto detto analogamente per il dottor Riccardo Ruggero.In riferimento all’ordine del giorno dell’Assemblea del 18 ottobre di TI, il sottoscritto in qualita’ dipresidente dei piccoli azionisti riuniti in Asati, e come singolo azionista della Societa’, propone dimettere a votazione direttamente il voto sull’azione di responsabilita’ verso Carlo Buora pergravi motivi emersi a valle dell’Assemblea del 15 maggio 2012 e a valle dello scorso CdA del 2agosto 2012 , quando il CDA accetto’, contro le nostre sollecitazioni, una elemosina dagli avvocatidi Buora che chiesero la transazione per 500.000 euro, successivamente con trattative elevati a1.000.000 di euro generando confusione e sgomento tra gli azionisti di minoranza.A nostro parere i motivi di questa richiesta, la stessa che facemmo nel corso dell’assemblea del 15maggio 2012 - bocciata per un conflitto di interesse- trovano oggi la conferma di quanto abbiamosempre sostenuto. La notizia della recente chiusura di una tranche delle indagini da parte dellaProcura di Milano su Tronchetti Provera accusato di un delitto gravissimo quale la ricettazione cheprevede una pena fino a 8 anni di reclusione, ne dà conferma. Tra l’altro ci risulta che i legali diTelecom Italia hanno già ritirato il dischetto con l’articolato del provvedimento relativo al dr.Marco Tronchetti Provera emesso dal Procuratore Robledo. Perché questo fatto non risulta nellacomunicazione 2, pubblicata ieri sera 17 ottobre alle 20:00 e relativa alle richieste dalla CONSOB?
  • 2. Perche’ oggi sosteniamo che non e’ possibile votare la transazione?In riferimento alle informazioni messe a disposizione su richiesta della Consob alle ore 20 dimercoledi 17 ottobre 2012, a sole 19 ore dall’inizio dell’assemblea, la domanda è:  il 16 dicembre del 2010, giorno del CDA di Telecom Italia, era descritta l’”operazione K” (spionaggio alla Kroll) nel rapporto Deloitte (depositato recentemente in corso di giudizio presso la corte di assiste di Milano giudice Gamacchio), e nella relazione del Comitato di Governance e del Governo Societario del bilancio 2010 (acquisita anche essa in Corte d’Assise dal Giudice Gamacchio, con le relative 51 fatture per diversi milioni di euro tanto da far sforare il budget della funzione security dell’epoca)? O perazione le cui fatture nemmeno il Presidente del Collegio Sindacale, dott. Bignami, nell’assemblea del 15 maggio scorso, alla domanda del Presidente di ASATI, diceva di conoscere. Operazione questa, della Kroll, presente anche nella chiusura dell’indagine su Tronchetti Provera da parte del Procuratore aggiunto della Repubblica Dott. Robledo.Ai fini dell’azione di responsabilita’ nei confronti di Carlo Buora – che, lo ricordo a tutti, era ildiretto superiore gerarchico di Tavaroli - non è necessario avere la prova che Buora fosseconsapevole delle pratiche illecite della security ma e’ sufficiente che a Buora si possa rimproveraredi non aver adeguatamente organizzato l’Azienda – e quindi anche la funzione Security che da luidipendeva - prevenendo in maniera efficace che Tavaroli e sodali non commettessero taligravissime pratiche illecite. Il fatto che ancora non esistano molti precedenti di azioni civili fondatesulla violazione di questo dovere non può essere un serio argomento per non proporre azioni.Diversamente si dovrebbe concludere che l’art. 2392 del codice civile che ha introdotto nel 2003l’obbligo a carico degli Amministratori Delegati di curare l’adeguatezza dell’assettoorganizzativo, amministrativo e contabile della Società, sia poco più che una grida manzonianadestinata a non dover mai essere applicato, appunto per mancanza di precedenti (se non si fannoazioni perché mancano i precedenti, i precedenti continueranno a mancare e non si faranno maiazioni, in un circolo vizioso che non fa onore all’intelligenza di chi propone questi argomenti, chisono i legati che hanno dato questi consigli insignificanti!). Quanto all’argomento che le prospettivedi successo dell’azione sarebbero incerte, chiediamo solo di non essere presi in giro: azionigiudiziarie che abbiano, in partenza, esito certo non ne esistono e se esistessero, non ci sarebbebisogno, come fa Telecom ogni giorno, di pagare milioni di euro fior di avvocati (quanto sonocostati gli avvocati tutti di Telecom Italia per difendersi dalle vicende di queste politiche illecite).L’esperienza giudiziaria di questi ultimi anni, proprio a proposito della security, dice poi che tutti iGiudici che se ne sono occupati incidentalmente o direttamente, i GIP dott. Gennari, dott. ssaBelsito e soprattutto dott.ssa Panasiti fino addirittura alla Corte di Cassazione nella recente sentenzasull’appropriazione indebita hanno tutti e sempre speso parole durissime e di condanna contro gli examministratori di Telecom. Ora che, finalmente, anche la Procura della Repubblica muovepesantissime accuse all’ex Presidente, si vuole davvero che Telecom continui a mettere la testasotto la sabbia e a fare finta che nulla sia successo e che la Società sia stata ben gestita eamministrata dal 2002 al 2007? Oppure, con questi argomenti cavillosi e inconsistenti si vuolnascondere altro e cioè il pesantissimo conflitto di interessi che condiziona le deliberazioni di molticonsiglieri in CdA e di riflesso dei rappresentanti degli azionisti in assemblea, che non vogliono,per nessun ragione, indipendentemente dall’interesse della società che amministrano e di cui sonosoci, colpire gli amici o gli amici degli amici, con cui sono in affari? C’è bisogno che Vi spieghidove è il conflitto di interessi?  nel corso dell’assemblea del 15 maggio 2012 Asati aveva gia’ proposto l’azione di responsabilita’ direttamente verso Buora come risulta dai verbali;
  • 3.  il Presidente Esecutivo della Societa’ rispondendo alla lettera della Consob del 9 maggio 2012, a seguito anche delle denunce di un “socio”, in Assemblea tra l’altro ha detto: “ la Direzione security , dell’epoca, non avrebbe agito all’insaputa delle altre funzioni Aziendali e dei Vertici della Pirelli prima e di TI poi (coincidenti nelle stesse persone) “.Quindi Buora ne era perfettamente al corrente e ancora il Presidente continua :”il Consiglio di Amministrazione della Societa’ del 9 maggio “ha deciso di porre in essere nei confronti dell’ex Amministratore Esecutivo Carlo Buora u atto interruttivo della prescrizione ( che scadrebbe il 3 dicembre 2012), propedeutico all’esercizio dell’azione sociale di responsabilita’, che sara’ inserita all’ordine del giorno in apposita Assemblea , compiendo tutti gli atti necessari ed opportuni a tal fine”.E allora ci chiediamo perche’ questa farsa di oggi…, perche’ si e’ accettato di proporre unatransazione?E’ notizia di questi giorni che Telecom è stata condannata a pagare 1 milione di euro e ne ha giàpagati 500000 all’ex calciatore Vieri in una causa da lui intentata per illecito spionaggio. 1 milioneè esattamente l’importo della transazione che ci proponete di approvare per Buora. Vieri è solo unodei più di 5000 soggetti dossierati e spiati dalla security di Telecom negli anni nefasti della gestioneTronchetti. Basta fare una moltiplicazione (1 milione per 5000) e si capisce quale sia il rischioeconomico, di possibili condanne per risarcimento del danno, che grava su Telecom per i fatti dellasecurity. E Buora se la può cavare con 1 milione? E il resto del conto lo dovrà pagare Telecom, equindi, per la nostra parte, noi azionisti?Il presidente del Collegio sindacale aveva a sua volta letto una relazione - ma nemmeno lacommentiamo visto che non conosceva nemmeno le 51 fatture del rapporto K (spionaggio allaKroll) da noi consegnate in assemblea , allegate al verbale e materia proprio su cui oggi Tronchettiverrebbe accusato e di cui lo stesso Buora, sapeva tutto come dimostreremo – in cui l’Operazione Kera ignorata;  la Corte di Cassazione in data 20 settembre 2011, afferma nel capitolo 17 che il dott. Carlo Buora, in riferimento allo spionaggio alla Kroll , che e’ costato ingenti risorse finanziarie tanto da nel 2004 uno sforamento del budget della security di TI, era particolarmente informato come il dott. Tronchetti. Testimonianza resa dal dott. Francesco Chiappetta general counsel della societa’.  Telecom Italia gia’ si e’ costituita nel procedimento in Corte di Assise contro Tavaroli, Bernardini, Ghioni, Cipriani e & per il reato presupposto della ricettazione (hacheraggio a danno della Kroll) contestata a Tronchetti e quindi a Buora Il fatto che Buora non e’ stato coinvolto nella specifica chiusura delle indagini non significa nulla. Quando si articolera’ il procedimento vedrete si parlera’ molto di lui e la TI cosa fara’, che ha patteggiato in maniera tombale, il conflitto di interessi ha vinto e i gli azionisti di minoranza ancora una volta sono stati presi in giro e danneggiati.Ora potrete argomentare che il voto per corrispondenza non permette questo cambiamento diprogramma. Ma il voto di corrispondenza rappresenta pochissime deleghe e si potrà sempreeccepire “la prova di resistenza” . In ancora non conosciamo le motivazioni della Procura diMilano e cosi’ scavalcate l’assemblea e dopo vi inventate un’altra alchimia sempre sull’onda delconflitto di interessi, tra l’altro non vi è venuto in mente di chiedervi perché la chiusura suTronchetti è avvenuta a 100 ore dall’Asssemblea? , che aleggia sul CdA di Telecom Italia.Cio’ premesso invitiamo l’azionista Telco ad astenersi dalla votazione per conflitto di interessi nondichiaratao vedi artic. 2692 bis e 2931 cc. Tra l’altro se ci fosse una ulteriore dimostrazione delcontinuo conflitto di interessi facciamo presente che da notizie riportate dalla stampa nazionale tra
  • 4. gli advisor per la valutazione dell’asset della rete di accesso in vista di uno scorporo successivo e’stata invita anche Mediobanca e Banca Intesa due dei maggiori azionisti di Telco, i quali hannorapporti con la Societa’ Pirelli.Chiediamo pertanto di mettere in votazione le seguenti tre proposte:la prima – rinviare questa assemblea;la seconda - sospendere la votazione sulla transazione per Buora e procedere direttamente allavotazione sull’azione di responsabilita’ su Buorala terza - riconvocare un’altra Assemblea, su cui votare tra l’altro sicuramente l’azione diresponsabilita’ contro Tronchetti Provera fatto ormai inevitabile, alla luce del fatto chenell’instaurando procedimento Telecom Italia si dovrà per forza di cose costituire come partelesa. Ci sono i tempi infatti , dalla data di comunicazione alla stampa dell’ordine del giornooccorrono 30 giorni di calendario: il Cda per statuto ha bisogno di 5 giorni per proporrel’Assemblea ma per fatti urgenti l’Assemblea può essere convocata 12 ore prima quindiampiamente entro la scadenza del 3 dicembre 2012 per l’azione di responsabilità verso Buora.Se viene opposto che non si puo’ modificare l’ordine del giorno rispondiamo che il voto percorrispondenza, pochissime deleghe 0.1% del capitale massimo non sposta in nessuna direzione ilrisultato finale.Per quanto riguarda il dr. Riccardo Ruggero, non c’è bisogno di articolare nessuna ulteriorespiegazione, dato che ha un processo penale in corso.Per Asati Per Azionista SocioIl PresidenteIng. Franco Lombardi Ing. Franco Lombardi