Milanese napoli
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Milanese napoli

on

  • 4,061 views

Corruzione, rivelazione di segreto d’ufficio e associazione per delinquere: sono i capi d’accusa contestati al deputato del Pdl, Marco Mario Milanese, nell’ordinanza di custodia cautelare in ...

Corruzione, rivelazione di segreto d’ufficio e associazione per delinquere: sono i capi d’accusa contestati al deputato del Pdl, Marco Mario Milanese, nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei suoi confronti e trasmessa oggi alla Camera dei Deputati per l’autorizzazione all’arresto. Nelle 73 pagine è ricostruita la rete di favori e ricatti che Milanese avrebbe imbastito dal 2004 sfruttando, scrivono gli inquirenti, la sua “posizione privilegiata” di “consulente del ministro Giulio Tremonti e alto ufficiale della Guardia di Finanza”.

Statistics

Views

Total Views
4,061
Views on SlideShare
4,061
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
113
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Milanese napoli Milanese napoli Document Transcript

  • N. 43725/09 R.G. N.R. N. 12850/10 R.G. G.l.P. I( {rJt;;;jj1 O.C.C. TRIBUNALEDINAPOLI 11 Giudice perle indagini preliminari Sezione XXXVII Dott.ssa Amelia Primavera !etta Ia richiesta di applicazione della misura cautelare avanzata dal pubblico ministero nei confronti di: I. MILANESE Marco Mario, nato a Milano !8.9.1959 2. MARCHESE Guido, nato a Voghera il 29.4.1964 3. BARBIERI Carlo, nato a Voghera ill8.12.1965 INDAGATI MILANESE Marco Mario A) delitto p. e p. dagli artt. 110,326 l 0 e IWcomma, 61 n. 2 cp perche, in concorso con pubblici ufficiali appartenenti alia Guardia di Finanza allo state non identificati che. in violazione dei propri doveri di ufficiali di polizia giudiziaria obbligati al segreto sulle investigazioni delegate dall Auto rita Giudiziaria, gliene fomivano in precedenza Ia noti- zia, violando a sua volta i doveri di ufficio inerenti Ia sua funzione di Aiutante di Campo del Ministro dell Economia, al fine di commettere il reato di cui a! capo B) e comunque per procurare a se e ad altri un indebito profitto patrimoniale, comunicando a Viscione Paolo Ia notizia ricevuta di essere lo stesso iscritto nel registro degli indagati e di essere oggetto di indagini svolte sulle societa a lui riferibili quali ARTEINVEST ed altre, indagini effettivamente condotte dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Pro- cura di Napoli, rivelava notizie di ufficio che dovevano rirnanere segrete Reate accertato in Napoli nel dicembre 2010 e commesso tra Napoli. Roma e Bene-"" vento tra il 2004 e il 2007 MILANESE Marco Mario e VISCIONE Paolo B) delitto p. e p. dagli artt. II 0,319, 320 cp perche, in concorso tra !oro e con ufficiali di polizia giudiziaria appartenenti alia Guardia di Finanza allo stato non ancora identifi- cati, il Milanese quale pubblico ufficiale appartenente fino al luglio del 2004 allo stesso Corpo della Guardia di Finanza con funzioni di Aiutante di Campo del Ministro deliEconomia. e comunque stabilrnente nella Segreteria della stesso Ministro a pani- re dal 200 I • dopa aver assunto liniziativa di rivelare a! Viscione il segreto di ufficio costiruito dallesistenza di indagini condotte dalla Guardia di Finanza su delega della
  • Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli nei suoi confronti e del gruppo di societa a lui riferibili quali ARTEINVEST ed altre , contestualmente sollecitando lo stesso a versargli cospicue somme di danaro ed altri svariati donativi per "sistemare positiva- mente ogni cosa, riceveva da Viscione Paolo prima Ia promessa di consegnargli quan- ta richiesto e poi Ia somma complessiva di euro cinquecentomila circa nonche altri donativi quali gioielli, viaggi e soggiomi turistici in corso di precisa individuazione nonche leffettiva disponibilita prima di unauto Bentley quindi di un auto Ferrari Scag/ielli quale illecito corrispettivo per rallentare od omettere piu atti necessari alla compiuta investigazione penale al momenta in corso e comunque contrari ai doveri di ufficio della polizia giudiziaria Reato accertato in Napoli nel dicembre 2010 e commesso tra Capri, Roma e Benevento• tra il 2004 e il 2007" MILANESE Marco Mario C) delitto p. e p. dagli artt. 110, 326 ! 0 e Ill 0 comma, 61 n. 2 cp perche, in concorso con pubblici ufficiali appartenenti alia Guardia di Finanza allo stato non identificati che, in violazione dei doveri di ufficiali di polizia giudiziaria, obbligati a! segreto sulle investi- gazioni condotte su del ega dell Autorita Giudiziaria, gliene avevano fomito in prece- ;<;:denza Ia notizia, violando a sua volta i doveri di ufficio inerenti Ia sua funzione di Gpnsigliere politico del Ministro per lEconomia nominata ai sensi dellart. 3 dpr 227/ .-, 1t,)03, al fine di commettere il reato di cui al capo D) e comunque per procurare a se ll altri un indebito profitto patrimoniale, comunicando a Viscione Paolo di essere i- scritto nel registro degli indagati, di essere oggetto di intercettazioni telefoniche e, co- munque, di essere oggetto di indagini condotte dalla Sezione di Criminalita Economica della Procura della Repubblica di Napoli in online ai reati di cui agli artt. II 0, 648 bis CP ed altri svolte dalla Guardia di Finanza delegata sulle societa allo stesso Viscione riferibili quali ARTEINVEST ed altre, rivelava notizie di ufficio che dovevano rimanere segrete Reato accertato in Napoli nel dicembre 2010 e commesso tra Napoli e Roma a parti- re dal settembre 2009 MILANESE Marco Mario e VISCIONE Paolo D) delitto p. e p. dagli artt. II 0,319,320 cp perche, in concorso tra !oro e con altri ap- partenenti alla Guardia di Finanza allo stato non identificati, il Milanese nella sua quali- ta di pubblico ufficiale perche Consigliere politico del Ministro dellEconomia, dopo che lo stesso aveva assunto liniziativa descritta al capo C) di rivelare a! Viscione il segreto di ufficio costituito dallesistenza di indagini condotte nei suoi confronti dalla Guardia di Finanza su delega della Sezione di Criminalita Economica della Procura di Napoli nel proc. 43725/09 e di sollecitare contestualmente il versarnento di cospicue somme di danaro ed altri donativi per "sistemare positivarnente ogni cosa. riceveva da Viscione Paolo prima Ia promessa di consegnargli Ia somma concordata di 600
  • mila euro e poi. con versamenti frazionati in piu riprese. la consegna effettiva dellu somma complessiva di euro 450 mila euro nonche altri donativi come un viaggio e soggiomo a New York per due persone peril Capodanno 2009/2010 quale illecito cor- rispettivo per rallentare ad omettere piu atti necessari alla compiuta investigazione pe- nale in alto e comunque contrari ai suoi doveri di ufficio Accertato in Napoli nel dicembre 2010 e commesso tra Napoli, Roma e Cervinara trail settembre 2009 e il febbraio 2010 MILANESE Marco Mario E) delitto p. e p. dagli artt.11 0, 416 cp perche tenendo le condotte descritte ai capi A), B), C) e D) e quindi assicurando di fatto a Viscione Paolo pili informazioni coperte da segreto sulle attivita investigative dis paste dall Auto rita Giudiziaria nonche ponendo" in essere iniziative verso gli organi e gli appartenenti della Guardia di Finanza delegati all investigazione volte a far concretamente rallentare od omettere atti di indagine a- venti ad oggetto le societa allo stesso Viscione facenti capo quali ARTEINVEST ed al- tre, iniziative che consentivano comunque a! Viscione, aile societa all a stesso riferibili e agli altri concorrenti nei reati di operare per un lungo lasso di tempo senza ricevere in- terventi repressivi delle Autorita preposte, prendeva in tal modo parte all associazione per delinquere di cui il Viscione era stato il promotore. Accertato in Napoli a partire dal 2004 e commesso tra Capri, Napoli, Roma, Cervinara e altrove fino a! febbraio 201 0 MILANESE Marco Mario, MARCHESE Guido e BARBIERI CARLO j F) Delitto p. e p. dagli artt. 81 cpv , 110 , 319,319 bis cp perche il Milanese in tempi l diversi e con piu azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, quale pubblico uf- ficiale nella sua qualita di consigliere politico nominata ai sensi dellart. 3 dpr 227/ 2003 dal Ministro per lEconomia e da questultimo delegato aile iniziative di raccordo con Ia maggioranza parlamentare di go vema finalizzate all individuazione dei nomina- tivi da segnalarsi nelle societa controllate dallo stesso Ministero, promettendo prima e assicurando poi I attribuzione di nomine e incarichi in diverse societa o direttamente controllate dal predetto Ministero o da societa da queste ultime a !oro volta controllate (societa cd.di secondo livello), in corrispettivo delle stesse nomine si faceva promette- re primae consegnare poi somme di danaro ed altre utilita in corso di preciso accerta- mento tra le quali finora accertate quelle non inferiori ad euro centomila effettivamen- te corrisposte da Marchese Guido in corrispettivo delle nomine quale componente del collegia sindacale nelle societa a partecipazione pubblica Ansa/do Breda spa , Oto Me- lara spa, Ansaldo Energia spa, SOGIN spa e SACE spa e da Barbieri Carlo in corri- spettivo delle nomina quale consigliere di arnministrazione di Ferservizi spa societil controllata dalle spa Ferrovie della Stato ed altre in corso in accertamento. Accertato in Napoli nel marzo 2011
  • OSSERVA 1. I {atti oggetto della presente misura cautelare e lindicazione dei principali elemen- ti di prova. La presente misura cautelare ha ad oggetto le condotte di rivelazione di segreti di ufficio e corruzione poste un essere da Milanese Marco Mario in concorso con Viscione Paolo ed altri soggetti quali Marchese Guido e Barbieri Carlo. La piattaforma indiziaria acquisita a sostegno dellimpostazione accusatoria costituisce levoluzione dellattivitil investigativa condotta nei confronti di Viscione Paolo, culmi- nata nellemanazione, da parte di questo giudice, di varie ordinanze di custodia cautela- re peri reati di abusivo esercizio dellattivitil finanziaria, abusivo esercizio dellattivitil assicurativa, appropriazione indebita, truffa, falso in bilancio, abusiva raccolta del ri- sparmio ed altro, essendosi acclarato che costui avesse costituito una rete associativa con disponibilitil di mezzi e di uomini e con una precisa distribuzione dei compiti. In particolare, dalle intercettazioni disposte nell originario procedimento ne emergevano alcune aventi ad oggetto i rapporti, diretti o indiretti, tra Viscione Paolo ed esponenti politici. Degne di rilievo sono le conversazioni intercorse tra Viscione Paolo e Sidoti Giovanni, nelle quali gli interlocutori si riferiscono a ripetuti donativi, quali versarnenti di danaro, auto di lusso ed orologi preziosi, effettuati dal Viscione a Milanese Marco Mario, ori- ginario di Cervinara, ufficiale della Guardia di Finanza poi congedatosi nelluglio 2004, parlarnentare eletto alia Camera dei Deputati nel 2008 e componente dal 200 I dello staff di diretta collaborazione dellattuale Ministro deliEconomia Giulio Tremonti, secondo il curriculum vitae redatto dal Capo di Gabinetto del Ministero dell Economia e Finanze (d ora in avanti semplicemente MEF) in data 13.1.2011 ed allegato agli atti del proce-I·1 dimento. II Milanese ha ricoperto Iincarico arnrninistrativo di Consigliere del Ministro per le questioni pelitiche ai sensi dellart.3 comma I del dpr 3.7.2003 nr. 227, sino alle sue dimissioni, avvenute il 28 giugno 20 II. Ebbene, lo spunto investigativo emerso dalle citate intercettazioni veniva approfondito con autonome investigazioni condotte dalla DIGOS presso Ia Questura di Napoli. Le indagini venivano eseguite ad arnpio raggio, in quanto, oltre ad effettuare nuove in- tercettazioni sulle utenze in uso al Viscione ed a! Sidoti, venivano disposti accertarnenti finanziari sui conti correnti bancari del Milanese e veniva espletata consulenza tecnica sugli esiti di quei movimenti bancari. Si procedeva, inoltre, ad acquisire elementi di riscontro a dette risultanze mediante I assunzione di informazioni e sequestri di documenti. A completamento degli esiti del- le indagini si pongono, poi. Je dichiarazioni di Viscione Paolo e di Sidoti Giovanni. i quali hanno, con chiarezza e precisione. ricostruito le vicende di cui all odierno proce- dimento. consentendo di acquisire ulteriori elementi volti a corrborare quanto gia appre- so dalle indagini condotte dalla DIGOS.
  • Jd complesso. lodiema indagine puo dirsi particolunnente truttuosa. Condotta con Cll- renzione e con tenacia. e stata gratiticata dalla inconsapevole collaborazione degli inda- gati (ci si riferisce. in particolare. aile conversazioni tra Viscione Paolo e Sidoti Gio- vanni I i quali non hanna adottato astuzie comunicative durante i !oro comatti telefonici. cosi consentendo involontariamente agli investigaton di ricostruire con elevato dettaglio le attivita illecite di volta in volta in corso. II materiale offerto dal P.M. risulta completo e soddisfacente sia in termini di ricostru- zione dei fatti reato. sia in !ermine di individuazione dei singoli partecipanii. Cosi pure Ia richiesta di misura caute!are che risulta attenta, puntuale, oggettiva e scrupolosa a! punta che puo essere seguita in dettaglio ai tini della ricostruzione giudiziaria dei fatti reato. come di seguito avverrit. 2. L accertata corresponsione di vari donativi ingiusti(icati da/ Viscione a/ Milanese. Come giit evidenziato, le investigazioni svo!te alia ricerca dei riscontri aile circostanze emerse dalle intercettazioni consentivano di acquisire numerosi elementi di prova in re- lazione allaccertata corresponsione di diversi donativi a beneficia del Milanese e ad opera del Viscione, il quale vi ha provveduto con risorse finanziarie illecitamente sot- tratte aile societit del gruppo oggetto delle indagini in corso. Dette donazioni non trovano alcuna ragionevole giustificazione se non quella, va detto subito, di corrispettivi illeciti per le "controprestazioni" fomite dal Milanese in ragione della sua posizione di vicinanza istituzionale con il Ministro Tremonti (risalente a! 2001 e tuttora attuale), riferimento di vertice gerarchico del Corpo della Guardia di Finanza della quale il Milanese, come si e detto, aveva fatto a Iongo parte e le cui articolazioni territoriali ed operative avevano condotto. anche da ultimo. ad indagini aventi ad ogget- to il Viscione e lattivitit delle societit a lui riferibili. .;,2.1. Le(fettivo acquisto deg/i orologil Nella disamina degli elementi di prova racco!ti dagli investigaton nel sensa sopra preci- sato va segnalata Ia vicenda relativa allacquisto di piu orologi di pregio, risultati pagati dal Viscione e di fatto attribuiti e consegnati a! Milanese. La circostanza dellacquisto di piu orologi di pregio destinati a! Milanese era emersa nella prima delle conversazioni intercettate, tra quelle qui rilevanti. Ia m. 468 del 26.2.2010, nella quale ci si chiedeva della scadenza di un assegno di 15.500 euro. (-!el corso della conversazione. in panicolare, il Viscione, parlando con Sidoti Giovanni. parla dellassegno in scadenza per gli orologi di TREMONT! e di MILANESE. Vl- SCIONE aggiunge che "tengana gli aralagi di lussa perche se li sana andati a scegliere dirertamente" GIANNI ride. La scadenza e del!O marzo limporto 15.500. Gli accenamemi del ctu Luigi Mancini in ordine allindividuazione dellassegno citaiO hanna consentito di acclarare che detto titolo era stato effettivamenie emesso dai conti ,Jel Sidoti e che destinatari de!lo stesso erano i gioiel!ieri L:mrenti. titolari della SLTL .ST Gold. di Roma (vedi. sui punto. Ia prima relazione-comunicazione del consu!ente ("".
  • redatta in data 26.7.2010 (all.7). Lassegno risultava. infatti. emesso a beneficia di Nencioni Anna. lanziana madre di Stefano Laurenti, quale destinataria formale, per evidenti motivi fiscali. di parte delle somme incassate nell esercizio dell attivitl. di gioielliere. di cui effettivo dominus era il figlio. La societit Sl.Tl. ST GOLD, a sua volta, risultava gia destinataria di somme ingiustifica- tamente erogate da parte della NOWOSAD, Ia societa inglese costituita dal Viscione ed utilizzata come paravento della EIG (vedi ordinanza di custodia cautelare in atti). Si procedeva, quindi, a disporre una perquisizione nei locali della predetta Sl. TI. ST GOLD dove venivano anche raccolte le dichiarazioni di Laurenti Stefano ed acquisiti diversi documenti di riscontro che confermavano Ia circostanza altrimenti appresa. Nelloccasione il Laurenti, tra laltro, dichiarava quanta segue: ADR Effettivamente conosco VISCIONE Paolo da diversi anni, circa I 0 perche ha ac- quistato piil volte oggetti presso il mio esercizio commercia/e.--- Negli ultimi due anni il predetto Viscione ha comprato presso il mio esercizio commer- ciale piil oggetti preziosi ed in particolare ricordo bene degli acquisti da lui .falli nel Natale del 2009, quando compro tre orologi di prestigio ( un "Frank Muller", da donna con brillantini e forma a cuoricino e due "Patek Philippe", mod. 5055 con cinturino in pel/e e mod. 5035, entrambi da uomo, come da.foglio di catalogo che vi produco) dal valore complessivo di mercato di circa 50.000 euro. Erano orologi usati rna in ottimo stato di conservazione e di lecita provenienza, che so no in grada di documentare. --- ADR Viscione verso limporto di 39.000 euro, anzi verso Ia somma complessiva di 44.000 euro. Questa perche gli orologi acquistati erano destinati ad un nostro cliente, if i/ dr. Marco MILANESE, che venne persona/mente a sceglierli e a ritirarli. ---- In una successiva occasione venne un suo autista per ritirare uno degli orologi a/ quale era stato sostituito i/ centuirino. Nelloccasione di questa acquisto il Viscione, oltre a pagare i/ prezzo degli orologi, mi sa/do anche un "sospeso" del predetto MILANESE di 5. 000 euro, quale dijferenza per un acquisto di un anello con brillanti da donna acqui- stato dallo stesso Milanese circa due anni prima e non ancora completamente sa/data. - Quindi complessivamente il Viscione mi ha versato circa 44.000 euro. --------- Ouanto alle modalita di pagamento ricordo che ce stato un bonifico di 20.000 euro e Ia differenza con uno o piu assegni postdatati che avro fatto transitare o sui canto della societa o su quella di mia madre Nencioni Janna, questultima modalita quale pagamen- 10 della differenza "in nero".------- ADR per if pagamento dei 20.000 euro versati con bon!fico sui canto della Sf. T!.ST. 6
  • GOLD Sr./.. if Viscione mi disse a chi ilJ/estare lafauura che produco in copia. dovecampaiono degli oggelli diversi dagli orologi acquistari. come concordato con if Vi-scione. ----ADR Ricardo che Viscione mi preannuncio che sarebbe passato Milanese per sceg/ieredegli orologi, chiedendomi di mellermi a disposizione e poi sarebbe passato lui per sal-dare. Non mi diede W!letto di spesa, anche semi chiese di nonfargli spendere troppo.ADR Milanese venne da solo, se ben ricordo, e scelse gli orologi da/la vetrina. Mi dis-se che uno dei due orologi da uomo era per i/ Ministro Tremonti, io poi non so se fossevera o meno. Non mi disse lorologio da donna per chi era. Immagino che fosse per Iasua compagna che non conosco ne di nome ne di persona. ------ADR Quanta a! pagamenlo del saldo dei 5. 000 euro dellanello di brillanti, il Viscionedecise di accollarselo dopa che noi ne avevamo parlato insieme. In effetti io Viscione eMilanese siamo amici, per cui Viscione era venula a conoscenza del sospeso per aver-lglielo riferilo io. Tale sospeso si era verificato a causa del fallo che essendo stato iooggetto di indagini da parte della Guardia di Finanza- Polizia Valutaria, mi disse Mi-lanese che era diventato "troppo esposto" per ricevere una visita da parte sua. Questacircostanza i/ Milanese me Ia riferi nel corso di un incontro casuale in piazza San Silve-stro.----ADR Quest altivita della Polizia Valutaria mi fu delta dagli operanti essere una verifi-ca "a campione", iniziata nel maggio 2009 e terminata ad ollobre della stesso anna. Inproposito esibisco stralci del relativo verba/e.--A.DR Jo non so come Milanese fosse a conoscenza di questa verfica da parte dellaGuardia di Finanza, non gli fu detto da me, anche perche era irraggiungibile sui suocellulare, dove Ia stavo cercando da tempo peri/ pagamento del sospeso. I numeri deitelefonini di Milanese sana i seguenti: ---nr. 329 · · · 364 e nr. 335 .. · 078.--L Ujjicio dii atto che Laurenti consulta Ia rubrica telefonica del proprio telefono eel-tulare, sui display del quale compaiono i numeri riferiti.-L ufficio dii atto, altresi, che dalla stessa rubrica telefonica il Laurenti estrae i numeritelefonici attraverso i quali entra in contatto con Viscione: nr. 338 · · .· 271 - nr.345 · · . 833 - nr. 08]. ... 183.-A.DR II dr. MILANESE e un nostro cliente da tempo, circa 5 o 6 anni ed ha compratodiversi oggetti da noi oltre lanello di cui ho parlato prima. Mi ha sempre pagaro incantanti per un tota/e di circa 30.000 euro. -
  • ADR II mio contatto piu recente con Milanese risa/e a circa un mese fa quando mi ha contaUato te/efonicamente e mi ha deuo che aveva bisogno di un oro/agio particolare che avrei dovuto cercargli sui mercato e fargliene conoscere Ia disponibilita. ------ fa ho effettuato queste ricerche Ira colleghi del seUore ed ho appreso che cerano state a/tre ricerche sullo stesso artico/o, evidentemente avviate da//o stesso Milanese. Le ri- cerche sana state comunque iJ?fruttuose, anche se non ho avuto modo di comunicarglie- /o. Questa anche perc he era rimasto male dal fatto che avesse chiesto anche ad altri miei colleghi. ---ADR Loro/ogio che Milanese cercava era un Patek Philippe da donna disegnato daCa/atrava con tutti brillantini intorno, del valore di circa 20.000 euro.---ADR Questa ricerca fatta per canto di Milanese /ho commentata con Viscione Paolonei giorni successivi alia richiesta di Milanese. Viscione mi ha consigliato di lasciarperdere Ia ricerca perche i lora rapporti amichevoli si erano interrotti. Questa collo-quia con Viscione e avvenuto circa un mesefa, subito dopa quel/o con Milanese.-----ADR fa avevo saputo che i rapporti tra Viscione e Milanese si erano interrotti percheViscione, se ben ricordo nel mese di agosto di questanno, ha fatto firmare, da//a miaex moglie Casadei Tiziana, amministratrice della Si. Ti.St. Gold, , una lettera da luipredisposta con Ia quale Ia S!.TI.ST. S.r.l. chiedeva a Viscione il saldo degli oro/ogidati a Milanese. -------In real/ail saldo cera gia stato, rna a Viscione serviva una prova per dimostrare lav-venuta consegna degli orologi a Milanese per suo canto.---ADR Gli acquisti di cui ho parlato ora, anche se effettuati nel periodo del Natale 2009, li ho scaricati, anche se so/tanto in parte, sui "registro del commercia dei preziosi e be- ni usati" previsto dal TULPS solo successivamente e gradatamente in coincidenza conlincasso degli assegni, come risulta da//e pagine che vi esibisco. ----ADR Dopa questa acquisto, nel 2010, ricordo di aver venduto a/ Viscione un PatekPhilippe in acciaio pagato 18.000 euro, in parte "in nero" ed in parte no. Vorrei preci-sdare che questa oro/agio, secondo quella che mi disse Viscione Paolo, era destinato a/figlio Vincenzo e noi Ia consegnammo negli uffici di via Della Pietra. -----ADR Ricardo degli altri acquisti fatti da Viscione Paolo e destinati ad un suo ammini-stratore, tale Resciniti Enzo. --------In particolare, ricordo che in un prima momenta Viscione aveva pagato questi orologiper un ammontare complessivo di 13.000 euro e il Resciniti li aveva scelti e ritirati in-sieme alia moglie. Avevano poi litigato Resciniti e Viscione, per cui questultimo michiese Ia cortesia di telefonare a Resciniti ed invitarlo a restituire gli orologi rappre-
  • senlandogli che g/i slessi non erano stati pagali.Jn realta gli orologi. come gia deno.erano stati pagati ma if Resciniti venne a restituirli ed io compensai consegnando a! li-scione lorofogio Palek Philippe di acciaio poi consegnato alfiglio.---I due numeri telefonici di cellulare che il Laurenti nell occasione indicava come in pre-cedenza fomitigli dal Milanese, dalle successive indagini risultavano essere effettiva-mente intestati al MEF ed in uso personale allo stesso Milanese.2.2. L e(fettivo pagamento del viaggio di Capodanno a New YorkUn ulteriore donativo di cui si parlava nelle telefonate intercettate nel corso delle attivitatecniche condotte dalla Digos era costituito dal pagamento di un viaggio e soggiomo aNew York peril Capodanno 2009/2010 a favore del Milanese e di Bravi Emanuela.Del resto, anche tale "regalo" era emerso, sia pure indirettamente, insieme ad altri pa-gamenti, gia dai primi rilievi ispettivi svolti dallISVAP e poi dai relativi approfondi-menti investigativi delegati alia Guardia di Finanza nellambito delle pili ampie attivitavolte a ricostruire Ia destinazione finale delle somme sottratte alia EIG attraverso IaNowosad.NOWOSAD, infatti, nel suo ruolo formale di broker e mandataria della EIG, secondoIa fisiologia dei rapporti, avrebbe dovuto riversare a questultima le somme incassateper conto della mandante; anzi, secondo Ia specifica normativa di settore riscontrata via-lata dallISV AP, tali somme avrebbero dovuto ab origine essere versate direttamente suun canto bancario cd. dedicato. dalloperativita vincolata esclusivamente ai rapporti conIa mandante EIG (cfr. relazione ISV AP richiamata pag.J8 annotazione del 25.6.20 I 0).Nella realta dei fatti e come pili volte accertato, le somme incassate da Nowosad perconto di EIG hanno ricevuto destinazioni indebitamente divergenti da guella a cui eranovincolate.Il!uminante e, a tale riguardo, il prospetto ricostruttivo dei flussi finanziari registratidaliISVAP in uscita dai conti della Nowosad, come richiamato nella suddetta infor-mativa e che, per maggiore chiarezza espositiva, viene qui riportato integralmente. 9
  • " -- 1 ARTtlfMST S$lJ. ,.,..,. l4lfi..118.0l , __ 4A R&lt«TT lNZC. ,.,..,. 2 WOPfiHIN Ul50. 732.!lJ 4S Mm ANOREA 30.000.0:. HIG l51.0!0,00 46 fiSCHml ANTOtiEUA 27.000.0:: 4 llSCJCm[ PAOLO i!!.Oll,OO 47 SlNGIOOLO VfTO AHTONIO !5.000.00 5 IMMOIIUAR£ COJt.l SJL 4!A.Ol9,01 48 POSroUOHE COPPOlA ANDREA 2S.IXXI.OJ 6 GIOIAHN: liS.073,07 49 GIRARD< MARIO !2.247,33 7 CENTROCOHSULENZAASSKURATIVA IOC l20.436,U 50 INSUIWICI S!lMCt SRL 20.1ID,OO 8 RUSSO OSCAR 16l..SS6,36 S1 0IECIIt.IIMOGIUAJl! Sill lO.ni,D: S U.P.SIIl !GO.OJO,OO S! M.G.A. SIU 19.!6!.04 10 V.S.IIlOil£11 Sit 159.!011,5! Sl PAm!Om Gll&PPE lS.Jlll.OO 11 SOlANO IABY.l 110.211&.41 54 RrM C»>TAl VENTURE 14.690,00 U lOY MARINE 511. 132-000.00 55 fiN.FO Sf,A, 1J.620,&S 13 GAllO f!IJCINA IIS.158.ll 56 VISOONE VIIKENIO lA.SOO,OO 14 MANAGEMENt SCRV!Cl SAt llll.5!9,00 57 RESONm G<USfP!f 1C.J.l6,00 15 lRI(A!UCOPASQWf 106.090.!! 5!1 Rllltlll£0 l1JOAOO IA.OOO.OO 16 DVSSill 100.l!ll,29 59 SOlANO WCA 1L669,86 17 MINERVA SPA 97.9Dl,ll1 60 !AGOIIPUJI U.OOJ.OO 18JBfYH 15.134,26 II GM MOlllftSPOOT 1!.000,00 19 w.t..IA DE ocro 10.057,11 52 CARC»U SAL 10.!171.57 i!) GENKEAliH Sill 75.342,00 6! msP.WNRIA SAl lD.llll,OO 21 CO.GanN. llll 73.Slll.OO 14 !USA!mA GllJS[PP£ f GLAMPAOLD LEONfTll 10.015.25 l2 IIA- AltGtlD 70.000.00 65 GALLO RW«<5CCJ lQ..lXJO,OO 23 UllfRI TUT1l w 69.979,00 66 1M INVESt !lA ttOOJ.OO 14 SIN&I GRAZIEllA 6!LfiSQ,OO 67 NOWOSAI> PrnR 01110 6..57.4,76 2S OVBCOI6ULTIYG SRl 01 AUBfRTl DOMENICO 56.UIUIO 68 IPAIIG£U IION!fll 16 YISOONE !J)II1lf!! Sill 65.o.i,OO 69PEIIIOSU!A SAl 27 I£SClMTI ANTONIO SlOOJ,OO 10 WNUTliA Sill 2! AS51.1JEl.O. SA$ D1 ftf5CHT1 £NZO ESJHISI GltAZIEL.lA SlOOJ,OO 71 MEROlA lUND 4.0Sl.1S lllliAlTAGUUJIOREA n EVEJm4SRL 4.lli!J.OO :0 IFmli:HATIJNA!.IiiROtDI: SII.L 711Sml1TO FIHMllAIUO fRNATO sPA 3.247.20 !I SOOICl LUCJANO 5U63,!6 74 GA!ATIIIIA IIOAIA lllll,OO 32 CllSTAIIZOAIIlRIND ll.llO.OO USlOIII r.m!EIA 1000.00 l3 INDUSTJIIA £ FINANZA SPA lllOOJ.lXJ 7i DtWITISIWf£UA llli!J.OC .l4 lAlKA AOIWASIWG /fi,71JM7 nrosSI!L l!lRNI!IUEllSIIl /fi,J]JJ;tJ 711AMIIOA l£1MC! MflWORr Sill 2.l6l6C 36 TtmlSIIO<£Al.!BIGJ!!ERESII. 47.00J,OO 79 Dt DOHA MASSIMO Lm.oe >I IIANCAITALW! 45.5Ql61 10 T!aiOVlSION soc l.S4lS€ 3!11<0Mf GIOII/.Nfl 41.1Ql,00 i1 Dt MIOIDA LDI!O.OC 39 UCCI PA!QUAli <O.OOJ,OO 12 VliOC*f jASSIXli.ZJOI<E !RC)IESS!ONALE EAll _ JOO.Ix: 40 GOWSRl 411.CCO.OO a:· m LliUi5,15 41lP INVimM!Nll SRL l7.SE9.15 42 AltNASRl !5.!67.72 43 lCDAllll" SR. lS.OOO.ro/ J Come si vede chiaramente, dlll1que, lll1a parte rilevante delle somme introitate dalla NOWOSAD, anzicche confluire nelle casse della EIG, erano state indebitamente corri- sposte all agenzia di viaggi "Liberi tutti", indicata a! numero 23 del citato elenco. AI fine di ricostruire con maggiore certezza Ia finale destinazione delle somme ricevute da NOWOSAD, veniva, dlll1que, senti to il titolare dell agenzia, Peroglio Longhin Al- berto, cosi accertandosi che il Milanese e !a Bravi avevano beneficiato del viaggio e soggiomo a New York. 2.3. L acquisto dellauto Ferrari Scaglietti Le citate intercettazioni. aventi ad oggetto le conversazioni intercorse tra il Viscione e il
  • Sidoti avevano avuto come lema ulteriore anche gli acquisti di altri costosi beni. asseri- tamente avvenuti ad opera del Viscione e a beneficia dello stesso Milanese. quali. ad esempio, unautovettura Ferrari. Sempre al fine di riscontrare quanto emerso dall attivitil di monitoraggio. venivano ese- guiti specifici accertamenti sulle autovetture risultate possedute dal Milanese, acclaran- dosi che lo stesso risultava aver effettivamente posseduto, tra le altre. una Ferrari 612 Scaglietti, acquistata in leasing presso la concessionaria RACE CARS di Roma nel no- vembre 2006. Gli accertamenti disposti presso quella concessionaria, peraltro, si rivelavano piuttosto laboriosi perche Ia societa era orrnai inattiva, anche a seguito di autonome e precedenti indagini condotte dalla Guardia di Finanza, Nucleo di Polizia Tributaria di Roma, sulle attivitit proprie della stessa concessionaria. AI contrario, le indagini svolte sui conti correnti del Milanese, compendiati nella rela- zione di consulenza del dottor Mancini, erano particolarmente fruttosi, atteso che si ac- certava che lindagato aveva ricevuto dalla predetta RACE CARS cospicue somrne di danaro anche nel periodo coincidente a quello dell acquisto della Ferrari Scaglietti. Inoltre, tra i documenti acquisiti presso Ia RACE Cars dalla GdF, Nucleo di Polizia Tributaria di Roma, vi era una cartellina che riportava in epigrafe il nome MILANESE e che conten eva Ia documentazione relativa alia Ferrari Scaglietti (cartellina richiamata nelle predetta annotazione conclusiva DIGOS del 16.3.2011). Allintemo della predetta cartellina, veniva anche rinvenuto un preventivo indirizzato alia societil del Viscione ARTEINVEST avente ad oggetto una perrnuta tra una Bentley (di proprieta dell ARrEINVEST ed in precedenza risultata giit in usa gratuito a! Mila- nese secondo le dichiarazioni di Sidoti Giovanni, come appresso si vedra) e una Ferrari Scaglietti nuova, con contestuale versamento di un conguaglio in denaro (all.13). Tale preventivo rendeva evidente- gia in quella sola corrispondenza- una promiscuitil e triangolazione di rapporti (Arteinvest-Race Cars-Milanese) che, non avendo altra ra- gione di essere, costituiva un oggettivo riscontro delle dichiarazioni rese dal Viscione sulla specifica circostanza, che saranno di qui a poco esaminate. : Ma vi e di pili. ;;; A dette emergenze vanno aggiunte le dichiarazioni di Dionisi Davide, rappresentante.1 della ARTEINVEST (all.l4), allattenzione del quale era indirizzato il preventivo invia- to dalla RACE CARS avente ad oggetto proprio lacquisto della Ferrari Scaglietti. Infatti, per quanta Io stesso Dionisi abbia riferito di non aver mai saputo chi fosse Ia persona fisica, destinataria finale della Ferrari Scaglietti oggetto di que! preventivo, ri- cordava e conferrnava in ogni caso che lo stesso gli era stato certamente richiesto dal Viscione e/o - per canto della stesso - dal Sidoti Giovanni, del quale era arnica perche gli era stato presentato dal Viscione, con cui aveva rotto i rapporti. Circostanza, questa, conferrnata dallo stesso Sidoti Giovanni, il quale. nel corso delle dichiarazioni rese il 21.12.2010. riferiva che il Milanese aveva avuto in precedenza in usa gratuito dal Viscione proprio una Bentley nera GT.
  • Le dichiarazioni, estremamente generiche. raccolte in due tempi dal preposto a11e vendi- te Jacopo Sanvoisin (all.lS e all. 20), nel precisare il contesto di irregolaritit fiscali e ai danni della societit di leasing in cui era maturata quella vendita, non davano pen) canto delle ragioni in presenza de11e quali lo stesso Milanese risultava aver ricevuto somme cosi consistenti dalla RACE CARS (63 mila euro solo nel momenta dellacquisto delle Ferrari, su un totale complessivo di 218 mila euro, secondo le ricostruzioni del ctu Mancini). Una risposta sui punta era fomita dal consulente, dottor Mancini, il quale, nel ricostruire !a movimentazione bancaria del Milanese, in merito agli assegni in questione, prodotti in fotocopia dal Viscione in data 4.1.2011, giungeva a conclusioni rilevanti. In particolare, secondo il Viscione i due assegni erano stati da lui dati alia concessiona- ria RACE CARS quale anticipo per lacquisto della predetta Ferrari ed effettivamente Ia circostanza veniva confermata dalle ricerche e dagli approfondimenti sui punta. L acquisizione della copia recto/verso dei due assegni e le indagini presso le rispettive banche di addebito (BNL e Monte dei Paschi di Siena) consentivano infatti non solo di accertare Ia presenza della girata di Fornari Gianfranco, amministratore della RACE CARS all epoca, poi deceduto, rna anche una inequivoca dicitura su entrambi i titoli ap- posta a penna "Scag.612" e "black horse" che significava illoro utilizzo per !acquisto di quella Ferrari Scaglietti. Black Horse era, peraltro, il nome di unaltra societa di commercializzazione degli au- toveicoli riferibile ai Sanvoisin (all. 20) e utilizzata per far transitare quegli assegni. 2.4. Le consegne di somme in contanti II generico riferimento, nelle conversazioni intercettate tra il Viscione e il Sidoti, a somme consegnate in contanti a! Milanese, senza indicazione degli importi ne delle da- te di quelle consegne, rendeva la ricerca dell eventuale, successivo versamento effettua- to dal Milanese sui propri conti un riscontro dalleventualita piuttosto improbabile atte- so che, secondo Ia comune esperienza, Ia richiesta di ricevere in contanti i corrispettivi illeciti pattuiti era evidentemente mirata ad evitare di lasciare qualsiasi traccia de11e somme stesse. Tuttavia, il doveroso approfondimento di quella ulteriore anche se solo potenziale fonte prova, costituita dall esame dei movimenti registrati sugli estratti dei conti bancari .1 intrattenuti dallo stesso Milanese (nonche su quelli di Bravi Emanuela, anchella benefi- ciaria ingiustificata del soggiomo a New York come giil riportato, nonche di altri dona- tivi riferiti dal Viscione), approfondimento avvenuto con lanalisi del dr.Luigi Mancini e compendiato poi nella relazione finale di consulenza tecnica depositata in data 27.12.2010, consentiva di rilevare comunque una serie di movimenti finanziari apparsi anomali e comunque rivelatori, a giudizio del predetto consulente tecnico, della necessi- tit di mirati, ulteriori accertarnenti. 3. Le dichiarazioni di Viscione Paolo
  • Nel prosieguo dell attivitil di indagine venivano acquisite le dichiarazioni dell indagato Viscione Paolo. Questi, in particolare, in seguito all esecuzione della misura cautelare del 9.12.201 0. i- niziava una fattiva collaborazione con lautoritil giudiziaria, fomendo. nel corso dei vari interrogatori (17.12.2010, 19.12.2010, 4.1.2011 e 7.1.2011- all. 33, 34,35 e 36). una precisa ricostruzione dellorigine e dellevoluzione dei suoi rapporti con il Milanese. spiegando il significate di quelle prime conversazioni intercettate ed indicando altresi Ia presenza di altre persone che avevano agito per canto del Milanese (come lannariello Paolo). Riferiva, inoltre, altre vicende di cui non vi era traccia neUe conversazioni inter- cettate o negli atti comunque acquisiti. Particolarmente importante e il contenuto dellinterrogatorio reso il 19.12.2010. di cui si riporta uno stralcio: PM. Vogliamo un attimo ... lei ... e che rapporti ci sono o ci sono stati fra lei e Milanese e come sono strutturati? · VP. Si, posso fare una premessa? PM.Si VP. La premessa e questa io sono disponibilissimo a, a, a raccontare per fila e per segno tutti i rapporti che sono intercorsi frame e Milanese, fin dallinizio, da quando, cioe, ha cominciato a portarmi notizie e a intimorirmi sulla posi ... sulle posizioni mie che· sembravano preoccupanti rispetto a indagini in corso da parte della Magistratura. fin dal se ... dal duemilaquattro e peril ... perche prima io non gli ho data mai nessun tipo di confidenza, perche era un personaggio che non tenevo in considerazione rna, chiaramente, vista che occupava un certo tipo di ruolo e aveva un certo tipo di grado allinterno del corpo e, tra laltro, era anche in que! periodo Consigliere giu ... Consigliere militare del vicepresidente del Consiglio, quando e iniziata questa storia, eh, chiaramente mi sono sempre preoccupato di queste case e ho aderito a richieste varie ... VP. Pen) io avevo il dovere per me stesso di chiarire e di verbalizzare questa fatto che e anche rilevante, come giustamente dice il Procuratore, rispetto allo stato dellarte, cioe, ad oggi, perche poi si vedra domani, a valle, qual e Ia mia posizione processuale, allora io chiarisco ... e, e, e nel ; duemilaquattro sono stato avvicinato da Milanese, che io ...) PM. Lei gia lo conosceva? VP. lo lo conoscevo da ragazzotto, perche questa era un ragazzo, va bene, e inutile che attardo in considerazioni di natura personale ... PM. No, siete compaesani? VP. Beh, siamo compaesani, si PM.- Voci sovrapposte- VP. Siamo compaesani, rna e un ragazzo di cinquantanni, io ho circa settantanni, quindi lela- scio immaginare in che considerazione veniva questa ragazzo, che in effetti sapeva di essere uno "scapocchione" peril padre che conoscevo, e il padre a tutti i costi lha voluto inserire, ha avuto un bel successo perche Ia fortuna lha accompagnato, rna io non sono mica invidioso dei successi della gente, peril, voglio dire, le considerazioni che facevo sulla persona erano tali per cui non avevo proprio interesse ad avere rapporti con lui e invece lui mi ha avvicinato perche, e, e, e, su Roma, io facevo, svolgevo giL. era il duemilaquattro, svolgevo attivim imprenditoriali nel settore delle sociem finanziarie e mi venne a dire che ci stava un problema su Napoli che era seguito da un dottor ... dal Procuratore Ardituro ... e un altro pure seguito da unaltra Procuratri- ce ... Sostituto Procuratore donna. che il nome mi sfugge ... PM. Napoletana? VP . Napole ... non mi ricordo piu ... all ora ... il Sostituto Procuratore donna ci sta sicurament • 13
  • state nel processo di Roma, pero il nome me lha pure detto, rna questa e stato adesso, estate a Isettembre adesso ...VP. No, io sono in grade peri> ... va bene, comunque, nel duemilaquattro e capitate questo avvi-cinamento, chiaramente Ia cosa mi ha impressionato molto, perche gia si parlava di associazionea delinquere, e, e, e, finalizzata a reati finanziari e, e, e mi ha comunicato tutto questo all HotelBellini di Roma, dove mi ha convocate ... VP. E dopo di che dice: qua ci penso io, ci penso io, ci penso io ... insomma, ce stata una ri-chiesta di danaro a cui io ho date soddisfazione ... poi a questa, chiaramente, ci sono state tutte ...rna questo e un reate molto rna molto importante ... che non posse chiaramente dimostrare per-eM ... posse dimostrare soltanto attraverso i flussi finanziari dei contanti che venivano realizzatida Russo ... poi abbiamo cominciato a parlare del leasing di unautomobile, perche voleva unamacchina perche poi voleva prima !Aston Martin, unAston Martin che gli abbiamo preso usa-ta, si e arrabbiato perche era usata e, e, e abbiamo cambiato Ia macchina presso un concessiona-rio che si chiama Iacopo, questo che non conosco, perche era una persona che mi veniva da Si-doti o giii di Ii, non ricordo precisamente chi e che me Iaveva segnalato e abbiamo cambiatoquesta Aston Martin vecchia dando una differenza sempre in leasing e lui pagava cinquemilaeuro al mese, molto spesso era Russo che gli portava i cinquemila euro perche era intestata a luiil leasing ...PM. Intestata a chi, a Russo?VP. No, era intestata a Milanese ...PM. MilaneseVP.I Cioe Ia prima macchina...PM. E voi pagavate ...VP .I Io pagavo il leasing, il dotter Russo gli portava proprio i soldi in una busta perche era Rus-so ...PM. Quindi pagavate sempre dando a lui i soldi, none che ...VP .I Pagavo dando a lui i soldi e lui si pagava il leasingPM. I Nel duemilasei?VP .IE credo di si, duemilasei, fine duemilasei, inizi duemilasette, mi chiama uno dei personag-gi con cui ho avuto uno scambio di assegni, il quale mi dice: mi ha chiamato unaltra volta IaGuardia di Finanza di Benevento... e questo e questo famoso "Lucci" con il quale io intrattengorapporti per catering, per. ..PM. Lucci PasqualeVP.- Inc.- e via discorrendo, si... e dice: va bene, Ia Guardia di Finanza... comunque aveva del-to dieci gior... quindici giomi prima, pretendendo !ultima rata di questo pagamento che io gliho fatto dilazionato ...PM. Dice a Milanese?VP. A Milanese ... guarda che e finita lindagine, hanno chiuso le indagini ... ailora chiaramenteho ritenuto opportune chiamarlo e dirgliene di tutti i colori e chiudere i rapporti ... nel sense chenon ci ho volute piu avere a che fare ... poi questa indagine comunque e finita bene, nel senseche nessuno mi ha piii chia... nessuno mi ha mai chiamato, non ce state nessun. diciamo, stra-scico successive, e pen) io sono rimasto lontano dai miei rapporti con Milanese per. .. da que!memento fino a settembre dellanno scorso ...PM. Duemilanove?VP.I Dove lui mi viene a dire ... perche mincontra aRoma in un ristorante ... guarda che hai dueindagini in corso, una ce lha il dotter Piscitelli di Napoli e laltra ce lha Ia dottoressa non sochi di Roma ... non ti preoccupare perche hanno chiesto anche di peter fare lacquisizione storicae via discorrendo, forse era meglio, eh, perche cosi io sarei arrivato subito alia soluzione delproblema invece di arrivare ad oggi ... e non ti preoccupare, ci penso io. Ia richiesta e stata Iastessa richiesta della volta precedente ... ah, tenga presente che pure per il passato mi sono 14" . ·,
  • lui chiedeva viaggi, glieli abbiamo fatti fare per quanto riguarda Ia prima ... PM. lndagineVP. lndagine, quell a del dotter Ardituro, io ho pure il numero segnato da qualche parte. eh PM. II numero di che cosa 0VP.I Del procedimentoPM. Va bene. rna lei poi avril avuto notizie di questo procedimento"VP. NoAV. No, rna lui di questo non ha mai avuto notizieVP. Cioe sara state archiviato perche, voglio dire, peril e un fatto che mi ha messo in allarmecon lui e mi ha fatto litigare con lui perche ce state questa particolare di cui le ho parlato. cioeche lui mi viene a dire: e fin ito tutto, pagami, dammi il resto ... e, in buena sostanza, credo che sitrattava di centomila euro, eh, mica era una barzelletta il resto .. .PM.- Inc.- nel processo per avere queste notizie sui processo Ardituro lei quanta ha pagato?VP. No, veramente, io non lo facevo per avere notizie, me le dava lui, me le ha date lui e mi haintimorito, no, io mi permetto sempre ... PM. No, dobbiamo chiarire adesso VP .I Si, rna io ho paura che par lando cosi, per avere le notizie, significa che io ... io non ... io non gli ho mai chiesto nulla, e venuto lui da me sempre a pressarmi perche ... io, voglio dire, mi ren- do conto, dice: se tu non hai nulla da temere, rna per quale motive tu devi pagare a questa qua? Ma io vivevo in un mondo delle societa finanziarie nelle quali questo tipo di attivitil ti potevano bloccare improvvisamente lattivitil che era abbastanza luminosa e a me comunque, in ogni ca-se, mi dava fastidio pure ... PM. Oh, rna nel duemilaquattro lui che posizione rivestiva?VP. Rivestiva Ia carica di Consigliere militare del viceconsigl... del vicepresidente del Consi-glioPM. Chi era il vicepresidente?VP. TremontiPM. Nel duemilaquattro?VP. Si, duemilaquattro, duemilacinque, una cosa del generePM. Eh, peril a parte questo qui aveva anche un ruolo all interne del corpo che lei sappia?VP. No, lui era ...PM. Che faceva pesare?VP. Lui faceva ... all interne del corpo questo quae uno che e andato fuori come generale, si efatto una leggina in base alia quale puil rientrare una volta che finisce Ia sua esperienza di par-lamentare, e, e, e ...PM. Che e iniziata nel duemilaotto, perilVP. E si, e iniziata nel duemilaotto peril fino a quando non ... era, era fuori ruolo, no, perche a-vendo assunto Ia carica di consigliere, e, e, e, si era messo in aspettativa, rna io non ho mai chie-sto che facesse, perche aveva i suoi poteri allintemo dellarma che probabilmente oggi, sicco-me io sono un, un coccio di terracotta per IISV AP da un Jato e per Ia Finanza dallaltra, eviden-temente fra Ioro si combattono all interne e io sono rimasto in mezzo, cioe, in buena so stanza,questo Milanese era, e ... ha dei poteri allinterno dellarma per pater decidere alcune cose, tantevero che questa indagine, Ia prima perlomeno, e rimasta bloccata cosi e, e, e ...PM. In riferimento al processo di Napoli?VP. Invece anche sui processo di Napoli ha data un altro nome di donna, allepoca, peril sem-pre ... non mi ricordo se su Napoli o su Roma, in ogni case, io non ho mai sollecitato notizie sul-Je mie posizioni, diciamo, sulle indagini in corso su me e sulle mie societil ...PM. E stata uniniziativa sua di dirle ...VP. Sempre solo sua di portarmi anche lelenco delle societaPM. Dopa di che che cosa le ha detto? Come nato poi questa accordo 0VP. Quale accordo? 15
  • PM. Quello in virtu del quale lei poi gli ha dato dei soldi iVP. No. e. e. e. abbiamo ... glielho detto prima. lui praticamente mi ha detto: non tire, me Ia vedo io .PM. E me Ia veda io. cioe, mi impegno a fare che cosa? Ad evitare che il processo fosse - voci Isovrapposte -VP.I Si, si, assolutamente si IPM. Cioe, voglio dire ...VP.I La sua attivitiL..PM. Lei ha pagato ...VP.I E siPM. Lui che cosa avrebbe dovuto fare?VP.I Per me lui diceva che sistemava tutto, ora io non dovevo ... perche dovevo entrare nel meri-to di come ... io che ho capite, peri>? Ho capita che il suo metoda e un metoda truffaldino, per-che infatti stiamo qua, eh, eh, perche se lui fosse stato ...PM. No, - voci sovrapposte -, voglio dire, il suo impegno, del Milanese. nei suoi confronti eraquello di sistemare le coseVP.SiPM. Lei da questo ne ha desunto, visto come sono andate le cose che probabilmente lha truffa-ta?VP.I Direi di siPM. Perche il "Lucci" i: stato chiamato dopo che lei aveva giil- voci sovrapposte-VP. Perfetto, infatti, ed a que! punto io ho litigate e siamo stati per un paio di anni, un anno emezzo, circa, fino a settembre duemilanove, tanto per intenderci, adesso poi i riferimenti ... sarapuntuale sui riferimenti delle date, perche non pub essere che questa cosa "non finisce" nel di-menticatoio, see possibile ... perche mi sono sentito raggirato oltre che utilizzato e strumentaliz-zato, quindi... e comunque non sono stato io a cercarlo, neanche Ia seconda volta, perche lo in-centro in un ristorante di Roma, allapertura del Pantheon e lui mi dice: ci sono due procedi-menti per te pronti, uno il dotter Piscitelli di Napoli, il secondo un Procuratore donna di Roma ...non ti preoccupare, ci penso io ... Ia stessa storia ... e siamo arrivati al dodici o diciotto di feb-braio che lui mi dice: sei intercettato, non si pub parlare piu ... anche questa data gliela do percerto ioVP. Io lho visto a settembre ...PM. Eh, per lapertura del Pantheon e poi?VP .I A settembre ha avuto soldi, tutto ... quasi tutti, quattrocentocinquantaVP .I Eh, si, si... e all ora che succede? Succede che io sono interessato alia vicenda e segue lostesso iter precedente, dove lui mi segue continuamente, quasi una volta alia settimana mi vienea trovare in ufficio, prende soldi contanti ...PM. Lui viene in ufficio tranquillamente?VP.I Si, ci stanno riscontri di Solano, riscontri di Sidoti, riscontri di Russo ...PM. Che significa riscontri?VP. Significa che vedevano. no, che sale, viene dame ... il signor Russo mi porta i soldi, che liva a prendere in banca, e ci stanno anche temporalmente Ia possibilita di dimostrare questa, e iogli dole buste con centomila euro a "botta", quindi, voglio dire ...PM. Ecca, rna quando veniva in ufficio da lei cerano delle persone ...VP:I Si, assalutamente, assalutamente, assolutamentePM. Queste persane chi erana? IVP. E ora ve Ia dico, prima di tutto abbiamo fatto questi incontri qua, le ho parlato di Sidoti, leho parlata di Russo e le ho parlato di Solano, che chiaramente stavano fuori quando io pagavoPM. Certo. rna gli incontri.lei dice, siccome avvenivano in ufficio... . ..... 16
  • PM. Benissimo. in conseguenza di questa che cosa succede 0 YP.I Che io mi accordo con lui ... nel sensa, lui fa delle richieste che sono delle richieste esosis- sime e io le adempio gradualmente e arriviamo a febbraio PM. Limpegno qual e in questa caso da parte sua? Quello di sistemare le case YP. Sistemare tutto, se Ia vede lui PM. Che cosa chiede? YP. Come soldi? Io gli ho data quattro e cinquanta che avrei dovuto dare seicento PM. Eh, questi quattro e cinquanta glieli dit ... YP.I In varie tranche PM. Tutti in contanti? VP. Tutti in cash, si... prelevati dalle banche PM. Con prelievi in contanti ... VP. Si, li faceva Russo. io non sono state mai in banca PM. Quante consegne ha fatto? VP. E non mi ricordo, quattro, cinque PM. Sempre li ... VP. Cento, cento, cento alia volta, quindi in quattro volte PM. E quindi anche i prelievi sono cento per volta? VP. Cento e a volte di piu pure perche ci servivano poi anche a noi soldi per altre operazioni PM. Quindi troviamo dei prelievi in contanti con le date VP.I Si, troverete dei prelievi, si, no, le date non me le ricordo, troverete le date e troverete Rus- so che vi deve dichiarare per forza che mi portava i soldi a me per darli a questa, perche lui lo sapeva, altrimenti significa che se li prendeva lui i soldi, non so se mi sono spiegato PM. Quindi per questa vicenda qua napoletana, lui ha... lei ha versato a Milanese quattrocento- cinquanta ... VP. Si PM. Perche avrebbe dovuto sistemare le case, rna in che modo poi avrebbe dovuto sistemare le case? VP.I Eh, come, come prima, cioe che non succedeva piu niente, veniva archiviato il processo VP .I Eh, e, e, e rna io avevo anche altre richieste, mica solo queste, e Ia macchina, e un altra volta, adesso, per esempio, rna c era un prosieguo ancora piu interessante ... PM. Oh, scusi, lincontro con Ponzellini, poi, estate fatto ... ? VP. E state fatto presso il mio studio ... allora, io sono andato in Banca Popolare, Ponzellini mi ha fatto aspettare mezz ora, siccome io oggi sono in una posizione di grande ... insomma, so no una parte debolissima, no, dirimpetto a lei, perche ho il problema di mio figlio, il problema mio, il problema di Solano ... il problema anche di altre persone che stanno dentro soltanto perche hanna Iavorata per me ... e pen) io sono un tipo particolare perche se Milanese mi dit appunta- mento anche col Presidente della Repubblica e io sono una preci ... una persona precisa e vade allappuntamento con cinque minuti di anticipo e questa signore passa, perche arriva, me lo in- dicano: quello e Ponzellini, lo diceva uno che stava II ad aspettare a piazza e, e, e. a Piazzale Flaminio aRoma, ce questa Banca Popolare di Milano. lui veniva da Milano evidentemente e quello era il suo ufficio romano ... e io dopa mezzora ho chiamato Ia segretaria e ho detto: io sono stufo di aspettarlo, mi sal uti il dotter Ponzellini perche a me non minteressa avere rapporti con lui ... Ponzellini dopa cinque minuti mi ha chiamato: no. avvocato, mi dovete scusare ... io me ne stave andando per Via del Corso ... dove sta il suo ufficio, che Ia raggiungo ... ed e venuto in ufficio PM. Mae venuto anche il Milanese? VP.NoIPM. II Milanese aveva data solo il contattoiVP.I Solo il contatto ... poi ci stanno tutti questi, questi, questi messaggini sui... ci stan no 18
  • e date. le ore. tutto ... non e fin ita, perc he poi appumamento che si doveva fare. tutto gja sui< telefonini ce tutto. il mio uomo. non il mio uomo e via discorrendo. e un dove I non si presenta ... rna io vado pure Ia seconda volta peri> da ... da ... da questa Ponzelini. non si presenta piu Ponzelini rna si presenta solo "Cannarile" quando viene Rainone e Lettieri. e ce state presente anche Marco Milanese ... presso il mio studio a Via DiPietro ... il giomo ve o pos- se indicare con assoluta PM. Chi sono i presenti in questa occasione? VP. Lettieri, il compratore ... PM. Ponzellini? VP. Non Ponzellini, Lettieri, e, e, e Rainone, sana i due che, diciamo, che debbono comprare, e, e, e debbono comprare, diciamo, Rainone e interrnediario, "Cannarile" ... PM. "Cannarile" per canto di Ponzellini? VP. Per canto, no, diciamo, come, diciamo, plenipotenziario, cioe lui in effetti ... allora, il- inc.- in che cosa consisteva? E, e, e, ascoltando Ia mia voce - inc.- !interesse, Ia societa lora lavevano valutata trentadue milioni, perche era nella fase di partenza e poi lavevano - inc.- quaranta- inc.- PM. Quindi Ia Banca Popolare di Milano ha fatto unistruttoria su questa persona? VP . Ha fatto una pseudo istruttoria ... PM. Lei ha detto era- inc.- VP. Dovevano diventarlo, cioe noi siamo arri ... questa e un fatto di febbraio, poi e successa Ia storia di marzo, ha buttato a mare tutto e, quindi, voglio dire, io ... PM. Qual e Ia storia di marzo? VP. E il 29 marzo arriva lISVAP ... PM. Ho capita VP. Mentre noi stiamo ancora trattando con questi qua se doveva essere "Montestallei", se do- veva essere ... e, e, e tante vero che cera pure Sidoti, ci stava pure Sidoti con me ... quindi in quella riunione ci sta Sidoti, ci sto io, ci sta Lago, credo, una volta pero Lago si e incontrato con Ponzellini, ora non mi ricordo, e comunque Sidoti e io sicuramente, Milanese, "Cannarile" per Ia banca, Lettieri, Rainone ... PM.Si VP. E a que! punta Ia si doveva andare avanti per chiudere, quando a febbraio, dopa quattro, cinque giomi Milanese se ne viene col discorso: siamo interce ... sei intercettato, non mi chiama- re piu, ci vediamo il martedi. .. poi improvvisamente qua stanno ... adesso non ci sta piu Ia Finan- za solo, ci stanno i Carabi... insomma, un "casino", allora a que! punta ... PM. Cioe dopa questincontro Milanese viene da lei e le dice ... VP.Eh f PM. Viene lui di sua iniziativa? VP . Quattro, cinque giomi... no, mi ha chiamato: ci dobbiamo vedere ... e ci siamo visti... PM. Ha chiamato sui suo cellulare? VP. Si, a piazza del... del... del... piazza .. Piazza Colonna, sotto il colonnato del Tempo ... PM.Si VP. Per. .. PM. Di fronte al palazzo di- inc.-? VP. Si, girando ... perfettamente, girando, lui andava verso Montecitorio, verso il palazzo dei deputati, proprio su quella salita mi dice: allora, ci vediamo ogni martedi, ogni mercoledi, ora non mi ricordo, direttamente a Piazza Di Pietro giit... e perche il dotter Piscitelli ha delle inter- cettazioni, finiranno in un mesetto finiscono, non ti preoccupare ... e io a que! punta mi sana "in- cazzato" e allora ho fatto quella telefonata... glielho fatta apposta, facendo capire che sapevo di essere intercettato e dicendo: vorrei essere ascoltato dal Magistrate per dire che questa e un pez- zo di "merda" ... PM. E quindi Ia notizia dell intercettazione lei Iha presa come un modo per... VP. E beh, significa che sei il solito truffatore. perche sei venuto unaltra volta a fare lo 19. "
  • gioco di due anni fa ... tu mi vieni a dire oggi. dopo che mi hai detto per prendere !"ultima rata ... / IPM. Che anno- inc.-. del duemilaquattro sono? 1 VP. No I PM. Ah. duemilasei- inc.- I VP. Eh, in buona sostanza, io ho salvato cinquecen ... centocinquantamila euro su questa opera- zione ... PM. Quale? VP. Sulla seconda PM. Perche lui ne voleva seicentomila? VP. E si, e. io gli ho dato solo cinquanta, (ride), per un ... un sesto senso, cosi, pen) dopo quattro, cinque giorni e nata questa situazione qua e nel frattempo, peri>. .. non lo so, se mi volete fare qualche altra domanda ... PM. Si, no, prego VP. Nel frattempo che cosa succede? Che lui non solo a dicembre, chiede di ... a novembre co- mincia a "smaniare" che deve partire per I America e vuole sapere da Sidoti se aveva unagenzia viaggi arnica ... case varie ... PM. Questa e successo prima, peri>? AV. Si, si,- inc.- PM. Novembre duemilanove VP. Sto rientrando, sto rientrando perche questa fatto qua, siccome abbiamo parlato solo dei soldi, abbiamo parlato solo dei rapporti relativi aile informazioni che ricevevo sui piano delle intercettazioni, non intercettazioni, eccetera, ho trascurato un paio di asp ... due, tre aspetti che poi chiudono completamente il quadro della situazione ... le ho detto pure perche mi sono ... in- fatti, e questa vi dovrebbe anche dire, e importante, ad aprile, quando lui e tomato dall America... PM. Duemiladieci? VP. Duemiladieci, mi chiama e mi convoca al Cristina Park Hotel di Montesarchio, dove lui va abitualmente quando viene in zona, io stavo a Cervinara da noi, perche io, in buona sostanza,io con mia moglie sono separate peri> ci vediamo spessissimo, nella settimana stiamo un paio di volte alia settimana insieme, che e un fatto di, diciamo, di, di, di ... ci sta un grande fatto di affet- to anche se !eta e il mio caratteraccio probabilmente ci hanna indotto a, a separarci un po di anni fa, e poi i figli sono grandi quindi non ci sono problemi ... il punta dove sta? Sta sui fatto che io stando a Cervinara lo veda subito ... lo veda subito e lui mi caccia fuori un foglio di carta con le intercettazioni telefoniche ... - inc.-, no, dice: e tu perche hai fatto questa? Sei un pezzo di ... perche tu potevi chiamarmi e mi dicevi... testuale, eh: pezzo di "merda" ... che lui si ricono- sceva ... e io gli avrei data spiega ... a dire : !ho fatto apposta per farti intervenire PM. Cioe lui le mostra le intercettazioni ... VP. Dove io dico: Milanese e lorologio di Tremonti ... lui si metteva paura soltanto che poteva .essere interrogate Tremonti. .. allora questa intercettazione a me ha detto: guarda, eccole qua, · ue, tre fogli di carta, glieli ha dati Ia Finanza, no, a questa punta che cosa succede? Succede che mi dice: perche non mi hai chiamato e mi dicevi: pezzo di "merda" ... e mi scuso peril lin- guaggio, rna e il linguaggio che ha usato lui per se stesso ... invece di farti ... di metterti a parlare cosi per telefono ... dove io ho fatto pure capire che sapevo che ero intercettato, non so se si e capita, peril io lho fatto capire proprio ... oh, allora, a questa punta io gli ho risposto: si, perche volevo che tu ti interessassi della questione perch<! e una questione che ti deve stare a cuore da oggi in poi ... punta e basta, fine ... con lui ... con lui ce stato ... invece lui che faceva? Dove ci siamo visti due, tre volte a Roma, ho visto che mi diceva un sacco di "stronzate" ... e, e, e ... e non sono andato piu a Roma, sono rimasto a casa perche ... sono rimasto giu per un periodo di tempo abbastanza lungo, cinque, sei mesi ... poi non sono andato piu a Roma perche avevo il ri- getto proprio dellufficio, il rigetto di tutto dopo che era capitate il fatto della ... deliISVAP e via discorrendo ... che fa? Mi manda il suo attendente, un certo Paolino, non so il cognome. non me lo ricordo. era uno che faceva il maresciallo, per avere ... veniva dame e mi diceva: vi manda a salutare Marco, tanti sal uti. avvocato ... 20 "-
  • PM. E di Cervinara? VP. Eh, non lo so di dovera. penso che sia di Montesarchio. era il suo porta ... gli porta Ia mac- china e uno che sta con lui PM. Mae della Finanza? VP. Della Finanza, e veniva dame a casa, due volte. tre volte, Ia terza volta, siccome avevo ca- pita che il soggetto voleva soltanto attingere notizie da me ... cioe ... anche per tenermi buono, probabilmente e via discorrendo, Ia terza volta gli ho detto: senti, non ci venire piil a casa mia ... era un tenente della Finanza, ho detto: vattene un poco a que! paese ... PM. Era un Ufficiale 0 VP. Si, si PM. Che gli porta Ia macchina? VP. Eh PM. E senta, lei diceva viaggi che sono stati ... VP . Ecco, e adesso, adesso ... dopa questa ultima, e, e, e... e, e, e, considerazione che le ho fatto relativamente a! comportamento del Milanese per quanta attiene i rapporti con me e quindi il fatto che mi ha avvertito delle intercettazioni, il fatto mi ha fatto, mi ha fatto leggere proprio i testi delle intercettazioni e, e, e dopa che, le ho detto, che mi sono vista qualche volta con lui a Roma e poi non lho voluto piu vedere, rna probabilmente anche lui, e alla fine per due, tre volte ha mandata questa attendente presso di me, allora io ... ritorniamo un momenta indietro, ritor- niarno indietro a livello novembre dove lui comincia a chiedere insistentemente viaggi per se e per Ia sua compagna, una certa Manuela "Bravi", prima faceva Ia portavoce di Tremonti e poi e diventata Ia direttrice del... credo, del... del... della Zecca della Stato, credo, credo, non lo so, rna ritengo che sia... !oro danno diecimila euro !anna, e qui stanno due episodi che debbo racconta- re, importantissimi a mio avviso, quello dei viaggi, che e volgarissimo perche si e fatto disdire dieci volte il viaggio, perche doveva partire con Ia Ferilli, con, con De Sica... che dovevano sta- re tutti alia stesso piano e si doveva trovare lo stesso albergo, insomma, ha fatto impazzire Sido- ti, che poi si occupava di questa, peril Sidoti ci e riuscito perche, gia le ho detto Ia volta scorsa, che le sue caratteristiche sono proprio quelle di fare ... PM. L uomo di relazione .. . VP. Eh ... abbiarno pagato .. . PM. Che cosa? VP. I viaggi, i viaggi suoi e della "Bravi", lui lha fatto tranquillarnente ... PM. Ma Ia "Bravi" e Ia sua compagna? VP . La sua compagna, si VP. Peril ce ... questa e !ultimo punta importante, Milanese ha una barca, uscita dai suoi pa- trimoni immobiliari che sono abbastanza consistenti in !tali a e all estero, peril Milanese ha una barca, aveva una barca importante, non mi ricordo il... !a... come si chiama Ia barca, peril e una- barca importante, comprata da Russo di Capri, quello dellabbigliarnento, eccetera, che valeva seicento, settecentomila euro ... in un memento di... invernale, diciarno, novembre, ottobre, no- vembre: Paolo, mi devi fare Ia cortesia, dobbiamo provare a vendere Ia barca... lui me Ia voleva rifilare ... e io che stavo sotto scacco non potevo dire di no cosi, allora ho trovato Ia soluzione ... (ride), avevo un arnica che aveva bisogno di una cortesia, quella Ia di essere confermato in una nomina... da- inc.- diecimila nomine, arnica peril non mio. arnica di Sidoti... Sidoti mi premeva: perche non lo presentiarno a Milanese, non lo presentiarno a Milanese? Va bene, lo presentiamo a! Milanese, invece di presentarlo, lo faccio portare dame e gli dice: senti, tu sei disposto a fare unoperazione di questa tipo? Ti compri Ia barca, Ia fai comprare a qualcuno e quello ti fara il piacere sicuramente, no ... cosi e state, questa si chiarna Fabrizio "Testa" ed e il presidente di- missionario dellENAV, Finmeccanica ... PM. Fabrizio? VP.ENAV PM. No, ENA V Ia conosco, il nome ... 21
  • [VP. Fabrizio "Testa" inquisito dallo scandala famoso delle fatture false ENA V e compagnia! bella ....- inc.- non lo voleva. Matteoli non lo voleva. Alemanno non lo voleva. Tremonti lha fat·j to nommare... 1 PM. Ma aliENAV? VP. Eh PM.- Inc.- di ENAV? VP. No, lha fatto diventare presidente deiiENAV, con i poteri, che poi dopa si e dovuto di- mettere, perche e nato il "casino" delle fatture false. e un altro discorso ... peri> e state nominata e si e comprato Ia barca... io tengo i documenti, eh VP. Ma ha avuto tanti problemi perche ogni tanto spostava, una volta perche non so che era successo e non poteva andare, unaltra volta ... perche lui, alia fine, siva a fare Capodanno al Plaza di New York con Ia compagna, dove alia stesso piano, perche non era riuscito Sidoti a trovargli una stanza alia stesso pasta dove lui stava con De Sica, con Ia Ferilli e con quello Ia che fa "Terra", come si chiama, era prima il direttore della RAI... PM. Cattaneo VP. Cattaneo AV. Lamico della Ferilli PM. E quindi lei paga lei questa viaggio? VP.Sl PM. Con Ia societil, con ... VP. Sl, "Nowosad", penso che cl sta proprio Ia documentazione allintemo della societa PM. Per lui e per questa "Bravi"? VP. Sl; poi se vogliamo parlare degli orologi e poi non tengo piu niente da dire PM. Sl, Ia storia degli orologi invece qual e? VP. Gli orologi, e semplice, Laurenti e un arnica mio, ogni tanto mi servo di lui, eccetera, ecce- tera ... arnica, pill ... diciamo, e diventato arnica, io sono un cliente che, e, e, e, sono appassionato di case, per esempio, particolari, dico: fammi questa oggetto, perche non me lo riproduci? E via discorrendo, perch<! mi piace, lui me Ia fa, insomma, mi... questa accortezza, me mi mette in una condizione di privilegio nel sensa che io preferisco avere a che fare con lui piuttosto che con un altro ... e piano piano negli anni ho comprato qualche orologio da lui, eccetera, eccetera ... lo co- nosceva gia Milanese, non glielho portato io a Laurenti, gli ha lasciato a dare cinquemila euro a Laurenti e glieli ho data io, perche lui mi disse: guarda, tengo un debito peri> non Ia posso senti- re perche e intercettato ... PM. Laurenti? VP. Eh ... allora, questa, praticamente, sa tutti i fatti di tutti e, e, e tiene Ia gente sotto scacco e Laurenti aveva pure paura di chiederglielo probabilmente, tant e che quando abbiamo fatto i conti degli orologi, prima Laurenti me li porta sullo studio gli orologi, lui Ii vede, non gli piac- ciono, perche voleva tre orologi, uno per Ia compagna, un altro peril ministro ... poi se ne piglio quattro, alia fine del giro, quattro, ora non mi ricordo bene, peri> tengo tutto segnato perche mi sono fatto fare Ia dichiarazione da Laurenti ... con Ia scusa che doveva ancora essere pagato, giu-) sto per avere Ia prova, se fosse stato necessaria, delloperazione ... uno era quello che doveva es- sere destinate a Tremonti e gli altri tre, mi pare, uno, uno se le preso lui, un altro ... e poi gli ho data quarantotto, quarantasette, quarantottomila euro, quarantacinque, una cosa del genere, che ho pagato - inc.- PM. Machi ha detto che doveva essere destinate a Tremonti questa orologio? VP. Lui PM. Lui? VP . E io lho detto pure a Laurenti. Ia veritil ... e poi quindi lui ha mandate questi orologi sopra perch<! Milanese ... ci penso io, non ti preoccupare, li faccio venire sopra ... e li ha mandati Lau- renti. a lui non sono piaciuti ed e andato lui da Laurenti a sceglierli ... quello Laurenti lo puo be- nissimo testimonian:
  • PM. Quindi accanto a questa ... questa e una delle occasioni in cui ha regalato. lei ha regalato gli: I orologi ... VP. Anche in date precendenti, cioe qua ci sono le due tappe. Ia prima che si e risolto ... PM. Duemilaquattro, duemilasei, diciamo VP. Eh, piu o meno ... e ... PM. Parliamo dellindagine di Ardituro, diciamo? VP. Perfettamente, e Ia lui ha avuto orologi, ha avuto viaggi e orologi per6. insomma ... PM. Viaggi dove? VP. E non mi ricordo, io riesco a ricostruire soltanto questa viaggio qua PM. Lultimo? VP. Lultimo AV. Documentalmente VP. Con documenti, eh, come riesco a ricostruire parzialme ... gli orologi, con documenti, come riesco a ricostruire un po i movimenti di danaro fra Russo, eh, e. e lui, con le buste di soldi ... e poi ... e Ia Finmeccanica, questa questione famosa della barca di ... Ia riesco a ricostruire PM. Senta, invece, Ia storia delle macchine, lei ha detto ... VP. Le macchine, io, praticamente, non ho avuto mai rapporti con questa concessionario, se non telefonici... si vedeva tutto Sidoti... quindi noi abbiamo preso una macchina usata dallamico di Sidoti, Aston Martin, e glielabbiamo data ... era bella, nueva quasi ... lui e rimasto insoddisfatto e ha preteso che noi gli garanti... facessimo questa altro tipo di, di elargizione, cioe una Ferrari nuova e allora lha presa a leasing ... per6 a suo nome, dando questa macchina, Aston Martin ... PM. In perm uta VP. In perrnuta, piu assegni miei, assegni di portafoglio PM. Assegni suoi nel sensa che lei gli ha data ... VP. Io li ho dati al concessionario per. .. PM. Erano assegni, diciamo ... VP. Non miei personali, assegni pure di- inc.- per conguaglio rispetto allanticipo che si dove- va dare per il leasing e poi per sette, otto mesi, fino a quando cioe non abbiamo ... cinque, sei mesi ... non ho litigate io per Ia vicenda, diciamo ... PM. Delle intercettazioni... VP. No, eh, no, no ... PM. Siamo nel duemilasei ancora VP. Si, no, Ia macchina e- inc.-li, quello e il periodo della macchina PM. Ah, ho capita VP. Gli orologi sono di adesso, rna ci stanno orologi anche prima, ci stanno gli orecchini alia moglie ... uff, ci stanno ... PM. Va bene, altri regali che ha fatto per il passato ... no, dicevo, Ia storia delle macchine che traccia documentale troviarno in questi passaggi, secondo lei? VP. Troviamo, non lo so, troviamo ... troviamo Ia Ferrari, troviarno sicuramente il contralto di,, leasing suo PM. Questa per6 dimostra che lui ha fatto il contralto VP. E per6 lo tengo io PM. Eva bene, lei pu6 avere una copia, voglio dire, il fatto che lei avesse data dei suoi assegni di portafoglio in pagamento ... VP. E I Aston Martin che io gli ho data? US. Ma a chi era intestata, chiedo scusa, !Aston Martin? VP. LAston Martin era intestata a "Crespam" PM. Chi e "Crespam"? VP. E uno di Roma che e arnica di Sidoti che lha ... e labbiamo data in perrnuta. rna e stata intestata a lui, mi pare, I Aston Martin, ora non mi ricordo, dovrei vedere un poco di ricostruire, Iporo moJo ml• doqo;lolooo lo 0. <qoollo d<ll• m=lm• 2)-. ·-....
  • IborazioneIAY. Forse Je macchine- inc.- YP. E ora non mi ricordo piu US. Ya bene, quando aveva lutilizzo, capire se era intestata a terzi, se era- inc.- no, puo essere utile per Je indagini PM. No, voglio dire, lei dice di aver pagato in parte, tutto in parte alcune automobili a questa signore. una macchina o piu macchine? VP. In parte, tutta una che sarebbe questa Aston Martin usata ... PM. Che ha usato lui? VP. Si, si, si, che ha usato lui PM. Quindi era usata nel sensa che lei lha comprata e ha pagato il compratore, il venditore di questa macchina ... YP. Eh PM. E poi lha data in usa ... VP. Labbiamo ... non in usa, io lho data proprio a lui, no AV. A chi estata intestata? YP. Non mi ricorso a chi AV. Deve vedere gli appunti VP. Si debbono vedere gli appunti, ovvio no ... e, e, e, io sono riuscito a ri ... PM. Di queste vicende, dei suoi rapporti con Milanese, chi altri e informato oltre lei? YP. Sidoti ... lo stesso "Cannarile", Banca Popolare di Milano PM. Della vicenda peril sta parlando ... VP. Di tutte le vicende PM. Diciamo, dei. .. A V. I rapportiPM. Dei rapporti in danaro, diciamoVP. Eh, allora, Sidoti, Russo ... Solano nellultimo periodo, perche nel precedente periodo conSolano non avevo rapporti io ... e bastaPM.E lei ...US. Prima ha detto che, chiedo scusa, Resciniti una volta ...VP. Si, una volta RescinitiPM. Ha fatto dei prelieviVP. Ha fatto dei prelievi e ha portato i soldi e poi ha fatto pure prelievi per se stesso Resciniti,perche infatti dovrebbe essere denunziato, cosa che mi sono dimenticato di dire !ultima volta,lui e una certa "Sensieri" hanna preso trecentomila euro, se li sono intascati, insomma, eh, ehA V . Pare che e stato documentato, Ia den uncia e stata fatta ...VP. Non credo che abbiamo ... non abbiamo fatto in tempo, credoPM. Oh, comunque, al di lit .. .PM. Uhm, senta, rna ... a parte Milanese, lei ha fatto per conto di Milanesi regali anche ad altrepersone? Regali- inc.- lei parlava di Manuela "Bravi" ...YP. No, no, no, ho fatto a questa Manuela "Bravi", sempre perche Milanese lo pretese, che eraun bel quadro di "Milo", era un trittico grossissimo e glielo mandai a casa, rna questa nella pri-ma, diciamo, Ia prima puntataPM. Duemilaquattro, duemilasei?YP. SiPM. A casa di chi?YP. Di questa Manuela "Bravi" che allora non viveva ancora con Milanese, perche Milanese sie separato, si eseparate, diciamo, nella seconda ondata... lho trovato separato con Ia mogliePM. Sarebbe nel duemilanove, duemiladieci?YP. SiPM. E adesso lui vive con Manuela "Bravi" 0 24
  • VP. Con questa Manuela "Bravi"PM. Ho capitaVP. ARoma dove io ho mandata pure a Natale, anraverso una ragazza che lavorava con Sidoti./una certa Stefania, un pacco di "Scaturchio" con regali, roba varia :PM. Natale duemilanove parliamo? IVP. Parliamo del duemila ... fine, fine duemilanove, Natale duemilanove JPM. Dove lha mandata?VP .No, va bene, le sto dicendo pure I indirizzo di questa quaPM. Senta, e quindi, complessivamente, se lei dovesse fare canto delle somme che ha data ... anoi ha detto quattrocentocinquanta in questa prima ...VP. In tutto una "milionata", non sono precise, sono sulle novecentocinquanta. un milione ecinquantaPM. Con esclusione della barca naturalmente?VP. Con esclusione della barca e dei regali... regali che tra laltro, alcuni di questi, soprattuttonella prima ondata, sono stati numerosi e malta costosi alcuni, tipo per dire, un paio di gioielli,un paio di orecchini da sette carati di brillanti che ... io sono stato costretto a regalargli, percheerano stati prenotati da luiPM. Dove?VP. A Capri, in un negozio di CapriPM. Equal e questa negozio?VP. Eh, periJ e una cosa vecchia che non so se riesco a dimostrarla per cui mi riservo di avere Iadocumentazione del gioielliere, cioi: fare in modo tale di avere una documentazione di ... unadichiarazione dal gioielliere per poterla portare a disposizione della MagistraturaVP. La gioielleria e Ia "Fiorente" di Capri, no, va bene, io non ho il problema, non ho ... io micanon volevo rispondere alia domanda ...AV. No, no, e chiaroPM. Ma che cosa e successo in questa gioielleria di Capri, diciamo?VP. E successo, questa e una cosa vecchia, ehPM. Vecchia quanta? Duemilaquattro?VP. E, e, e, eh, duemilacinque, duemilaquattro, duemilacinquePM. Perche- voci sovrapposte -VP. Si, si, si, e successo che dice: questi qua li ho presi, sai, sto un momenta in difficolta eche ...PM. Li aveva prenotati?VP. Si, siPM. Presi nel sensa prenotati?VP. Si, si, li aveva presi, li doveva pagarePM. E Ii ha pagati lei. ..VP. Quattordici milia ... quattordicimila euro, eh, quattordicimila euroPM. Che lei ha pagato direttamente a questa gioielliere?VP. Si, siPM. Assegno, contante?VP. No, va bene, io con questa gioielliere sempre con assegni, assegni ...PM. Della societil sempre?VP. No, anche miei personaliPM. No, siccome sono quattordicimi ... ha preso anche altre case?VP. Si, si, si, per cui era in grado di pater avere una dichiarazione dal gioiellierePM. Dove sta, Ia "Fiorente" di Capri, dove sta questa gioielleria?VP. Sta proprio nel centro di Capri. sta... dove sta Ia funicolarePM. Nella piazzetta?VP .Prima della piazzetta. Ia prima via 25
  • PM. Dove sta Ia funicolare ... va bene ... senta. invece. per quanta riguarda Ia vicenda della. della barca lei non, non ha altri ricordi? VP.I No, ho i documenti proprio della barca, so ... tengo tutto il leasing della barca, tengo i do- cumenti di identita di Milanese, tengo i documenti di identita anche della "Bravi, credo, per Ia questione viaggi, della barca ho ... mi fermo sui nominative di chi e subentrato e perc Ia basta Fabrizio Testa per cap ire e per sapere ... Come si evince dalla lettura delle dichiarazioni sopra riportate, che e possibile consulta- re integralrnente negli allegati versati in atti, il Viscione opera una ricostruzione chiara e precisa suoi rapporti con il Milanese, evidenziando 1interessamento di costui alle indagini in corso a carico del dichiarante e le ripetute richieste di denaro ed altri beni di lusso che egli stesso non esita a definire "esosissime ". Viscione Paolo, in particolare, si sofferma dapprima sulle indagini condotte nel 2004 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli e da quella presso il Tribu- nale di Roma, fornendo indicazioni precise anche sui numeri di procedimento e sui no- minativi dei Pubblici Ministeri titolari (PM Dottor Ard.ituro ), circostanza questa che co- stituisce un formidabile elemnento di riscontro alle sue dichiarazioni trattandosi di noti-zie di cui, data il tenore delle imputazioni contestate, non avrebbe avuto altrimenti co-noscenza, se non per avergliene fornito notizia il Milanese.Cosi come il Milanese lo aveva messo al corrente delle successive indagini (2009) con-dotte a suo carico, notiziandolo anche di unattivita di intercettazione sulle sue utenzetelefoniche.Per tutte queste notizie, rna soprattutto per garantirgli un esito favorevole dei procedi-menti, lodierno indagato gli aveva continuamente "chiesto" la corresponsione di ingen-ti sornme di denaro e di altri costosi donativi (quali gioielli, viaggi allestero ed autovet-ture di lusso ).Infine, il Viscione si sofferma sulla vicenda relativa all acquisto della sua compagnia diassicurazione da parte di Gianni Lettieri e sui ruolo svolto nella trattativa dal Milanese,che avrebbe dovuto ricevere, per il huon esito dell affare, una percentuale del I 0%.In occasione delle dichiarazioni rese il 4 gennaio 2011, il Viscione depositava numerosidocumenti e alcuni apparecchi cellulari a lui in uso nel recente passato, da cui, attraver-so una consulenza tecnica affidata al ctu Roberto Porto, venivano estratti i testi di d.iver-si SMS risultati intercorsi con le utenze accertate in uso al Milanese (cfr. a11.22).3.1. L attendibilita del Viscione. Esclusione di un ipotetico movente ritorsivo e calun-nioso.Ebbene, cosi riportate le dichiarazioni rese da Viscione Paolo, occorre rilevare come, adavviso di questa giudice, dette dichiarazioni rivestano una fondarnentale rilevanza nelquadro ind.iziario ritenuto sussistente a carico di Milanese Marco.Ed. invero. il Viscione e un chiamante in correitil. intrinsecamente credibile. non essen-clavi motivi per dubitare della sua scelta collaborativa, ne sussistendo ragioni per ritener-re che egli sia mosso da un intento calunniatorio nei confronti del soggetto accusato I ".. - 26
  • quale era legato, per sua stessa arnmissione. da una pregressa frequentazione. Oltretutto. Ia chiarnata in correiti! e tuttaltro che generica. avendo il propalante indicato con precisione. nel corso dei plurimi interrogatori, le circostanze in cui gli furono rileva- te le notizie e gli furono "imposte" le ripetute elargizioni in denaro o in altri beni di Ius- so. fomendo dati precisi e obiettivarnente riscontrabili anche con riferimento ai nomina- tivi degli altri soggetti coinvolti nella vicenda. Egli, peraltro, ha arnmesso le proprie responsabilitit in ordine agli episodi narrati. Puo, conseguentemente, affermarsi che le dichiarazioni auto ed etero indizianti rese, a piil riprese, dal Viscione presentino una complessiva coerenza, rendendo pienarnente at- tendibile il suo racconto. Premesso cia in linea generale, non puo, francarnente, essere sottaciuto un dato impor- tante, emerso sin dalle prime conversazioni intercettate, consistente in un sentimento di rancore del Viscione nei confronti del politico denunciato, provocato dalla vicenda dell elezione alla carica di sindaco del comune di Cervinara del genera del dichiarante, Sergio Clemente, che il Milanese avrebbe ostacolato. Circostanza, questa, che, se isolatamente considerata, potrebbe minare Ia credibilita del dichiarante. Come si evince chiararnente dal tenore di uni dei primi colloqui monitorati, infatti, il Viscione parla al telefono della vicenda come sefosse consapevole {e, a suo dire, quasi conten to) della concreta possibilitit di essere intercettato; e, quindi, riferendo fatti, nomi e circostanze nella consapevolezza o, addirittura, nella speranza, che le sue parole po- tessero in tal modo pervenire direttarnente all Autoritit Giudiziaria. Si riportano sotto le conversazioni ritenute sui punta rilevanti: n. prog. 273 giorno 22.02.2010 aile ore 13:32, intercorsa con Gianni SIDOTI , sullutenza 335 · ·. 211: GIANNI per VISCIONE. Parlano del tipo di moneta. VISCIONE dice che non gli inte-.• ressa. Parlano della trattativa. VISCIONE parla relativarnente allincontro di mercoledi e detta ]e linee operative. Dice che ANGELO si deve rivolgere alloro punta di riferirnen- to, alia Banca. ..e vediamo che succede. GIANNI comunica a VISCIONE che giovedi, insieme a VINCENZO, non si recherit a Malta perche non ha sensa. VISCIONE si in- cazza pesantemente con GIANNI e dice: "voi dovete fmirla di chiamarmi. Io non sono lazionista. Io mi sono rotto i coglioni. Io voglio uscire da questa storia percht quan- do vengo ricattato dalla politics, da questo MILANESE per questa questione qua, che si fotte soldi. lo non voglio piu averci a fare. Se stanno i telefoni sotto controllo, e buono che il magistrato che ascolta mi chiama e io gli racconto per filo e per se- gno. Cbe pezzi di merda sono questi qua, percbe siccome non sono un infame, peril I I non sono neanche un delinquente io. sono una persona per bene, io non voglio piil a-
  • vere a che fare perche questa storia sta proprio facendo venire fuori appetiti enorrni. lo I ho 70 anni ... mi dovete Iasciare in pace, tu e VINCENzo··. i Siccome GIANNI gli replica che e sua prassi chiamarlo per inforrnarlo. VISCIONE gli I ribadisce che sara testimone "perche tu sai tutti i fatti, porca puttana". Come si vedra nel prosieguo, di questa apparente contraddizione Jo stesso Viscione ha poi offerto neUe sue dichiarazioni una spiegazione pii.J che persuasiva. E un data acclarato che effettivamente il Milanese, quale parlamentare di rilievo nel territorio di comune provenienza, esponente della maggioranza di governo della stesso schieramento politico e vicecoordinatore regionale del PDL in Campania, abbia di fatto contrastato il proposito di Sergio Clemente, genera del Viscione, di candidarsi come sindaco di Cervinara. AI di Ia del merito della vicenda squisitarnente politica e delle effettive e sottostanti ra- gioni di quella iniziativa, va riconosciuto che essa puiJ aver senzaltro ingenerato motivi anche di forte, personale, risentimento nella famiglia del candidato "mancato", come e dato cogliere dal to no con cui Jo stesso Viscione a] telefono in data 1.3 .20 10 commen- ta Jaccaduto. n. prog. 518 del 01.03.2010, ora 11.48.21, intercorsa con Gianni SIDOTI sullutenza 066 . . . 322 SIDOTI: e caduta Ia linea. VISCIONE: e lhai fatta cadere tu o lha fatta cadere qualcuno che. SIDOTI: no hai parlavi no (non si intende). VISCIONE: (non si intende) sara caduta, qualcuno che ci ascolta lo vuole favorire que- sto.) SIDOTI: eh, eh, eh, eh. VISCIONE: questa straccione che e pieno, che ci fa truffe da tre anni allora voglio dire io so bersagliato dai truffatori in divisa e adesso con Ia camera dei deputati so bersa- gliato da nemici tipo V ARRIALE non so chi di lettere anonime in Procura a Napo- li, in Procura aRoma, alia ISVAP, a Banca dltalia alia MPSA mi mettono in so- cieta co gente cbe manco conosco. Di me raccontano di tutto edi piil estrapolando da problematicbe anticbe di rapporti con Nicola MANCINO su Voce della Cam- pania gossip di Google, cioe mischiando bugie con verita storiche nel sensa che degli anni che tengo (non si intende) storiche quello che ho fatto come avvocato i miei tra- scorsi con personaggi eccellenti tipo NICOLA e poi con grandi bugie dicendo che so un pirata delle assicurazioni un so che un non so che alia fine alia fme del giro tutto questo questa miscellanea deve fmire quindi io debbo capire poi che cazzo amma fa vista che lui ci ha proposto questa gente per fare loperazione di acquisto ecce in quindici anni e 1 venuto a portare degli affari no questo miserabile, riscuotendo allora io dico che dob-
  • biamo fare? Ia vuoi chiamare a questa giusto per. promo e cad uta nata vota a linea. SIDOTI: no, no io ti sentivo ho sentito giusto per. VISCIONE: no rna si sente il rimbombo. SIDOTI: no io. VISCIONE: e io invece ho sentito il rimbombo no se e proprio come se stesse rna io non Ia so pronto? SIDOTI: si ti sento. VISCIONE: e invece prima ho sentito un rimbombo della mia voce figurati e adesso non sento piu va be insornma in conclusione mhanno rotto proprio a cazzo taggia dice Ia verita intercettazioni o non intercettazioni io non tengo niente da nasconde. io mi debbo togliere i debiti e debbo rientrare dei soldi che ho investito so cinquanta anni e fatiche io sto in pensione e non me ne posso vedere bene e allora alia fine del giro io voglio capire tu che pe (non si intende) cioe sulla questione CANNARlLE PONZEL- LINI perche questa e tutto collegato con chisto RAINONE che viene per Ia questione di LETTIERl che debbo fare ci dobbiamo dire. SIDOTI: secondo me dobbiamo andare avanti come abbiamo detto non ci sono novita. VISCIONE: allora tu devi preparare un po di document! rna lo vuoi chiamare a PON- ZELLINI pe dice rna come non ti sei fatto neanche sentire siva be che LAGO me lha detto pero dico un cenno di risposta non, avete parlato co Marco MILANESE. SIDOTI: lo chiamo (non si intende). VISCIONE: capi facci sta domanda. SIDOTI: gli dico se ci rna secondo me lui illunedi e ii martedi di soli to e a Milano (non si intende ). VISCIONE: no rna io vorrei che tu registrassi Ia telefonata vatti a fa compril un re- gistratore perche se registra Ia Polizia o Ia Guardia di Finanza e meglio che regi- striamo pure noi eh perche voglio dire io non ho capito per quale motivo io debbo . essere cosi preoccupato della mia (non si intende) settanta anni quando a me solo il . Padre eterno mi puo distruggere eh cioe gli altri si debbono preoccupa se hanno fatto del) male. Io no se mhanno fatto delle truffe, insornma io sarei in societil con un certo DE. CRlSTOFARO Ia Procura indaga a Roma indaga a Finanza, indaga stu suzzuso fetente · viene a distruggere a mio genero ca che lha costretto a cambiare partito dopo quindici anni hai capito. SIDOTI: che vergogna pero. VISCIONE: ah? SIDOTI: che vergogna periJ. VISCIONE: e ha distrutto il partito qua proprio per mera cattiveria dopo che sha fottuto i soldi che si e fottuto lo dobbiamo dire quanti per telefono. SIDOTI: no e. VISCIONE: e una domanda che ti pongo ate. ,I SIDOTI: rna non ce bisogno. 29
  • SIDOTI: che bisogno ce. I VISCIONE P.: ah? SIDOTI: che bisogno ci: tanto rimane (non si intende ). VISCIONE: so fatti storici che comunque so provati no per (non si intende) noi teniamo tutta Ia documentazione non tanto inerente a questo perche ci stanno le testimo- nianze che so tntti cash poi ci stanno i prelievi in banca no. SIDOTI: certo. VISCIONE: almeno visto che hanno a fa Ia verifica se noi ricicliamo abbiamo rici- clato per lui no. SIDOTI: (non si intende). VISCIONE: o no. SIDOTI: bah. VISCIONE: eh. SIDOTI: non capisco veramente non capisco insomma cioi:. VISCIONE: e (non si intende) uno (non si intende) no. SIDOTI: non so che dirti. VISCIONE: viene date Ia mattina a dirti che attenzione per amor di Dio eh. SIDOTI: bah. VISCIONE: o none Gianni. SIDOTI: va be eh e cosi o. VISCIONE: dice rna tu perche stai pariando proprio per farglielo sentire se stanno in ascolto debbono sapere che siamo stati avvertiti che noi comunque ce ne fottiamo perche non abbiamo nulla da nascondere che non abbiamo mai fatto niente di male nella vita che siamo oggetto di concussioni continue da parte di (non si intende) che dovrebbero essere servitori dello Stato. E siccome questa vicenda qua della vendita passa attraverso una sua presentazione dove lui doveva lucrare delle differenze io gradirei che tn ti rendessi conto che mi devi non voglio perdere tempo cioe o dob- biamo parlare chiaro con questa gente e dire signori questo e un delinquente e se vogliamo andare avanti nella trattativa ci andiamo per conto nostro oppure doh- . biamo stare zitti e aspettare quello che succede e rna resta un fatto che io non posso stare in attesa degli eventi no Gianni.-" SIDOTI: certo va be in questa momenta Iattesa dipende piu da noi devo dire per. VISCIONE: io denunzie non ne faccio no, pen) sinceramente parlando mi debbo co- munque cautelare perche non sta scritto a nisciuna parte che questo si puo consentire illusso di fare e disfare Ia vita degli altri e poi intervenendo a livello familiare cioe tu davanti a mia moglie, a mia moglie dichiari baci abbracci giovedl pomeriggio quando quello il venerdi doveva venire qua per distruggere a Sergio. SIDOTI: bah. VISCIONE: rna io da quanta tempo ti dicevo che succedeva questa?. SIDOTI: si si. VISCIONE: ah?
  • ISIDOTI: eh tanto, parecchio paio di mesi. VISCIONE: rna senza motivo Gianni se ci fosse stato un motivo logico gia Sergio ha i detto sempre faccio quello che dice lui faccio quello che dice lui pero chiaramente non 1 poteva abdicare dopo quindici anni era illeader indiscusso di questa picco!a compagine 1 a livello amministrativo di questa partito quel!o lo butta fuori con un atto dimperio met- tendo un candidate che ha inventato di un uomo di sessanta anni che faceva trentanni fa politica con Ja Democrazia Cristiana se le inventato lui proprio per fottere a mio ge- nero rna dove cazzo stai tu te futt e sord dalla famiglia mia mi vieni a ricattare con- tinuamente perche ti fai forza del tuo rapporto con Ia Guardia di Finanza che poi perche Ia debbo temere io rna cbe me ne fotte a me, (non si intende) ecco perche parlo pe telefono e e ed e un peccato no, pronto. SIDOTI: si. VISCIONE: no pensavo che ti cadeva Ia linea. SIDOTI: no, no. VISCIONE: che cade continuamente stammatina, comunque che dici camma fa voglio un consiglio. SIDOTI: no e adesso io in questa memento, no non onestamente secondo me non ab- biamo nulla che dobbiamo fare. VISCIONE: CANNARILE non lo dobbiamo chiamare. SIDOTI: guarda io ti dico mi posso sbagliare lui illunedi e il martedi e sempre a Milano io lo chiamai merei mercoledi che lui e a Roma magari con Ia scusa di dirgli ti vieni a prendere un caffe parlargli de visu. VISCIONE: si rna compra un registratore io voglio senti parlare. SIDOTI: per far parlare per parlargli de visu cioe. VISCIONE: e de visu rna lo devi registra. SIDOTI: va bene non saprei come fa pero. VISCIONE: eh no non lhai mai fatto te mpari che ce vo si compra un piccolo registra-· tore portatile. SIDOTI: va be rna che deve di cioe in che con che obiettivo. VISCIONE: parlare, parlare di questa storia no di questa trattativa lobiettivo della veri til come quale obiettivo. SIDOTI: vabbe mo tanto domani ci vediamo. VISCIONE: vabbe tanto quello non serve ci stanno tanti testimoni LETTIERI RAINO- NE e cose. SIDOTI: vabbe domani ci vediamo tanto. VISCIONE: rna che stai in imbarazzo con (non si intend e). SIDOTI: assolutamente. VISCIONE: sono veriti! io voglio parli!. SIDOTI: per niente per niente, e niente io non non so io non mi muoverei oggi (non si intende). VISCIONE: eva be (non si intende). 31
  • SIDOTI: distinto pen). VISCIONE: va be all ora io all ora ricapitolando muoviti con questa SCIRJA e digli che i quadri debbono andare Ia fine. nel contempo parliamo con questa VILLANI domani. ESPOSITO vediamo che fa con Maria Teresa oggi per Ia guestione dellUNICREDIT poi subito dopa vedi di organizzarti con ROSSETTI e co CANNARJLE si ci parla ve- diamo parliamo domani e decidiamo il da farsi se lo vogliamo chiamare o no. SIDOTI: va bene. VISCIONE: altre novita non ce ne stanno no? SIDOTI: zero. VISCIONE: va be allora organizza sto fatto che per fare arrivare subito tutti sti quadri a MALTA dai. SIDOTI: va be (non si intende ). VISCIONE: ciao. Detta conversazione e di estrema importanza ai fini di un esatta comprensione della vi- cenda che ci occupa, dal momenta che lascia chiaramente trasparire, oltre a! risentimen- to del Viscione, anche le ragioni ultime di cui lo stesso si nutriva, con particolare riferi- mento alia pretesa "ingratitudine" del Milanese che, nonostante i doni e i soldi in prece- denza ricevuti dal Viscione, aveva comunque "fatto fuori" il genera dalla corsa a sin- daco di Cervinara. Sicche, Ia richiamata vicenda politico-familiare, oltre ad evidenziare il predetto risenti- mento, fmisce perc> per certificare, per altro verso, Ia circostanza dell effettiva corre- sponsione di guei donativi, ponendosi come antecedente logico di quella reazione di impronta emotiva, nonche ulteriore fattore di convalida dell effettiva erogazione dei soldi e dei beni di cui si era fatto cenno a! telefono e dei quali Io stesso Viscione ha poi parlato a! P.M .. D altra parte, le ragioni esposte in sede di interrogatorio dal Viscione, per spiegare que] suo pari are esplicitamente di Milanese a! telefono che sapeva poter essere intercettato, rivelano un fondamento di intrinseca ragionevolezza che trova altresi un sal do ancorag-Jgio negli atti del procedimento.fRiprendendo le dichiarazioni del Viscione, sopra riportate, infatti, egli ha spiegato co- me, gia in occasione della prima vicenda (capi A) e B) dellincolpazione provvisoria). gli fosse sorto il sospetto di essere stato in qualche modo "truffato" dal Milanese perche. dopa che Io stesso aveva incassato tutte le somme concordate, dando assicurazioni sul buon esito del suo intervento sulla Guardia di Finanza per Ia cessazione delle attivitil in- vestigative in atto, queste poi, di fatto, erano inspiegabilmente riprese, con il nuovo in- terrogatorio richiesto dalla stessa GdF di uno degli uomini del Viscione. E quando poi, in occasione della seconda vicenda (quella descritta nei capi C) e D) della rubrica), il Milanese, dopo aver incassato quasi tutta ]a somma nuovamente ta con il Viscione (450 mila euro sui 600 mila concordati), gli aveva ad un certo punta . j 32 ·-
  • rivelato che i telefoni erano sotto controllo e sarebbe stato quindi imprudeme parlarsi. vedersi anche in ufficio etc. il Viscione aveva pensato ad una nuova millanteria usata per "spillargli" danaro, senza alcun effettivo intervento sulla GdF delegata alle indagi- nL La spiegazione cosi offerta dal Viscione appare in se certarnente ragionevole e, soprat- tutto, ancorata a piu elementi di fatto desumibili dagli atti del procedimento e che si pongono quale oggettivo riscontro a quelle dichiarazioni, in conformitit a quanta richie- sto dallart. I 92 comma me cpp, come piu avanti si avra modo di rappresemare. In conclusione, dunque, anche a voler riconoscere come effettivamente sussistenti le ra- gioni di risentimento personale del Viscione verso il Milanese, queste, come si e detto. da un Jato finiscono per convalidare ulteriormente leffettiva corresponsione dei dona- tivi, dallaltro, possono, a! piu, aver effettivamente contribuito alia decisione e alla de- terminazione del Viscione di denunciare le condotte del Milanese (ed anche le proprie, in fonda), non certo di inventarne Ia stessa effettiva verificazione o il !oro preciso con- tenuto. Ma vi e di pili. Oltre ad essere intrinsecamente credibili, le dichiarazioni del Viscione sono obiettiva- mente corroborate da molteplici elementi, emersi dall espletata attivita di indagine, che si pongono quali necessari riscontri estrinseci, contribuendo a rendere dette propalazioni degne della massima attendibilitit. La necessitit di riscontri estrinseci alia chiamata di correo e principia consolidato alla luce di un costante orientarnento giurisprudenziale, a mente del quale: "Ia chiamata di correo quale grave indizio di colpevolezza, oltre che essere apprezzato nella sua atten- dibilita intrinseca, deve essere supportato da riscontri esterni individualizzanti in grado di dimostrarne Ia compatibilita col "thema decidendum "proprio della pronuncia de fi- ber/ate ... " (cfr. Cass. penale, sez. 5, 13.4.2010, n. 18097). In altre parole, "i riscontri esterni alia chiamata in correita richiesti dall art. 192 c.p.p. devono essere individualizzanti, nel sensa che devono avere ad oggetto direttamente Ia persona dell incolpato e devono possedere idoneita dimostrativa in relazione allo spe- cijico fatto a questi attribuito" (Cass. penale, sez. 3, 10.12.2009, n. 3255). cia posto in linea generale, occorre rilevare come dall espletata attivitit di inda-·J;ine siano emersi numerosi elementi volti a corroborare le dichiarazioni del Viscione.; contribuendo a fondare que! giudizio di attendibilitit che si ritiene di dover esprimere. 3.2. I riscontri aile dichiarazioni di Viscione Paolo 3.2. a) Le risu/tanze delle investigazioni in precedenza svolte e gia descritte II prima, imponante, elemento di riscontro estrinseco alle dichiarazioni di Viscione Pao- lo, il principale accusatore di Milanese Marco, e rappresentato dagli esiti delle investi- gazioni condotte in relazione ai donativi effettuati dal dichiarante in favore del politico. 3)
  • Ci si riferisce aile indagini svolte sui costosi regali che iJ Viscione aveva fatto aJ Mila- nese (il riferito pagamento di un viaggio e soggiorno a New York, Jacquisto degli oro- logi presso Laurenti, iJ dono della Ferrari etc.), che riscontrano anche Je relative e suc- cessive dichiarazioni rese daJ Viscione suJ punto specific a. InoJtre, va aggiunto che queUe prime attivitil investigative delegate alla Digos avevano avuto per oggetto anche Je circostanze relative alla pregresse indagini giudiziarie suJ Vi- scione ed il suo gruppo di societil - di cui vi era cenno nelle conversazioni teJefoniche intercettate- come Je vicende in occasione delle quali iJ Milanese aveva richiesto ed ot- tenuto compensi iJJeciti. Nel corso dellattivitil di indagine, Ia D!GOS accertava, infatti, acquisendo gli atti rile- vanti del relativo fascicolo e riferendone con Iannotazione dell11.10.2010, che effetti- vamente il Viscione e Ie sue societil avevano costituito oggetto di una pregressa indagi- ne giudiziaria, sempre condotta daJJa GdF, partita dalla Procura di Benevento nel 2003 e subito trasferita per competenza alla DDA di Napoli. Dopa diverso tempo, esciusasi Ia ritenuta aggravante dellart.7 L.203/91, gli atti erano stati restituiti alia Procura di Benevento, che aveva poi richiesto ed ottenuto 1 archiviazione del procedimento nel 2009. Ebbene, nel corso delle dichiarazioni rese dopo Iesecuzione della misura cautelare, il Viscione conferrnava, anche su questa specifico aspetto, Je circostanze emerse dalle conversazioni intercettate e, in data 4.1.2011, produceva, tra gli altri documenti. anche un appunto contenente un elenco di societil consegnatogli dal Milanese, in occasione deJla riferita indagine, per rappresentargli quale fosse Io spettro dellinvestigazione a! memento condotta nei suoi confronti. Circostanza, questa, alquanto strana se si consideri che di tali indagini condotte dalla DDA di Napoli non vi era mai stato alcun atto garantito ne aicun avviso deJJa richiesta di proroga delle stesse, precluso ovviamente dalla ritenuta sussistenza della circostanza aggravante dell art.? L.203/91 II Viscione, quindi, non avrebbe avuto alcuna occasione per conoscerne ufficialmente Iesistenza, lampiezza del raggio di azione e, soprattutto, il magistrate titolare dr.Ardituro (del cui nome riferisce giil al telefono con Sidoti 1). i Daltra parte, Ia posizione di Aiutante di Campo del Ministro alJepoca rivestita dal Mi-) . Ianese aveva come nucieo essenziale proprio quello di fare da trait d union tra il Mini- stro e iJ corpo della Guardia di Finanza, come chiarito dal colonnello Bertetti nelle sue dichiarazioni del 28.2.201 J. Posizione, quindi, che consentiva a! Milanese sia di accedere, attraverso iegami di carat- tere personale e quasi certamente di vertice, aile inforrnazioni riservate provenienti dallintemo del Corpo, sia di indirizzare, sul versante opposto, ai suoi appartenenti, a lui iegati. direttive ed orientamenti per quanta naturalmente illeciti. 1 Si richiamano le conversazioni allegate allannotazione DIGOS del16.3.2011_ (all.50) r" (J 34
  • Se le indagini delegate dalla DDA di Napoli. ora descritte. erano state condotte da!le ar- ticolazioni territoriali di Napoli e Benevento della Guardia di Finanza. va anche rilevato che sia r acquisto della Ferrari Scaglielli sia i prelievi in contanti ad opera del delegato Oscar Russo. cadono nellarco temporale di svolgimento di quelle investigazioni. come risulta dalla specifica comunicazione resa dal ctu Mancini in data 7.2.2011 (all. 24). Cosi come cade nello stesso arco temporale il donativo degli orecchini di brillanti del valore di 40.000 euro di cui fu beneficiaria lallora mog!ie del Milanese. secondo le di- chiarazioni rese in data 25.3.2011 dal gioie!liere di Capri (all.52) Alberino Costanzo che, pagato in buona parte "in nero" dal Viscione, ha confermato integralmente lepisodio, arricchendolo di dettagli che ne confermano leffettiva verificazione. In par- ticolare, I A! berino ha riferito di aver venduto gli orecchini a! Viscione, precisando che erano destinati alia moglie di un presunto generale della Guardia di Finanza che aveva successivamente rivisto presso il suo esercizio commerciale insieme al ministro Tre- monti ed ai sindaco di Capri Ciro Lembo. Anche in ordine a tali circostanze, dunque, le dichiarazioni del Viscione appaiono obiet- tivamente ed inequivocabilmente riscontrate. Altrettanto riscontrate sono, poi, le dichiarazioni provenienti dal Viscione con riferi- mento a!la condotta del Milanese a partire dal settembre 2009, allorquando il politico lo aveva informato delle nuove indagini avviate dall Autorilil Giudiziaria sui suo gruppo, anche in questa occasione condotte dalla Guardia di Finanza su delega dell AG di Na- poli. Anche in questa seconda fase, secondo le dichiarazioni del Viscione, il Milanese, nel comunicargli le notizie per lui tanto importanti quanta riservate, avrebbe poi chiesto ed ottenuto, per "sistemare" ogni cos a, oltre a cospicue somme di danaro in contanti (450 mila euro sui seicentomila richiesti e concordati), unaltra serie di costosi regali, tra i quali un viaggio e soggiomo per Capodanno a New York per due persone e i citati oro- logi, per se e per altri, prelevati dalla gioielleria Laurenti. Di questi regali, oltretutto, come si e vista, le indagini svolte avevano gia offerto numerosi elementi di oggettivo riscontro. Inoltre, tra le notizie relative a quelle nuove indagini che il Milanese avrebbe riferito a!" Viscione, vi era quella relativa all esistenza di intercettazioni telefoniche disposte sulle 1::J1 utenze della stesso Viscione (con conseguente impossibililil di pater tra !oro due comu- nicare a! telefono ). Tale circostanza aveva trovato un prima oggettivo riscontro proprio nel contenuto di quelle conversazioni, intercettate tra il Viscione e il Sidoti, sopra richiamate. e Ia cui captazione, assieme ad altre circostanze, aveva poi generato lavvio del procedimento in oggetto. II contenuto di tali conversazioni consente di effettuare talune considerazioni: 35
  • a) il Viscione lascia chiaramente trasparire leventualita (e quindi Ia consapevolez- za) che le utenze da cui parla siano sotto controllo perche dice ad un certo punto : "siamo stati awertiti": b) nel corso delle conversazioni. in stretta connessione logica e temporale con que I riferimento, Viscione pari a di Milanese. esternando l auspicio che, con i telefoni sotto controllo. il magistrato inquirente possa convocarlo cosi da potergli raccontare altre co- se sullo stesso Milanese: c) successivamente allesecuzione della misura cautelare, il Viscione, interrogato sui punta (vedi dichiarazioni rese il 7.1.2011), riferisce di aver appreso Ia notizia di queUe intercettazioni in un giorno ben preciso- il giorno 15.2.2010- che lui provvide successivamente ad annotare sui proprio calendario da tavolo, presente in uno studio del proprio domicilio di Cervinara. Quella stanza, al momenta di queUe dichiarazioni era stata resa a lui inaccessibile dallintervenuto sequestra disposto da questa Gip, con i sigilli apposti proprio a quello studio dove erano stati collocati anche altri beni segue- strati nell occasione; d) sui predetto calendario, successivamente acquisito (vedi all. 30) effettivamente si trovano le annotazioni a cui ha fatto riferimento il Viscione: quella dellincontro al bar in data 11.2.2010, quella della "rivelazione" alia data del 15.2.2010, quella dellincontro Milanese /Sidoti del 18.2.2011, nonche lulteriore incontro Milane- seNiscione avvenuto il 23.2.2010 e annotato sullo stessa pagina di calendario relativa al mese di febbraio con Ia scritta parlato"; e) alia data del15.2.2011- quando il Viscione riceve Ia notizia- le attivitil inter- cettive prendono effettivo avvio - in particolare aile ore 17.54, come risulta dalla cer- tificazione di segreteria con allegata documentazione della Guardia di Finanza relativa aile operazioni tecniche; f) tale notizia era assolutamente riservata come e ovvio, e nota quindi solo agli operatori di polizia giudiziaria della Guardia di Finanza delegati aile operazioni e !oro riferimenti gerarchici. Nessun dubbio, dunque, che sia stato proprio il Milanese (lunico che avrebbe potuto farlo) a riferire al Viscione tale circostanza cosi riservata e puntuale ed in un momentaP cosi prossimo alleffettivo avvio delle operazioni di ascolto.1 - 3.2. b. Le dichiarazioni di Sidoti Giovanni Altro, importante, elemento di riscontro estrinseco aile dichiarazioni di Viscione Paolo e costituito dalle dichiarazioni reseda Sidoti Giovanni (all. 37 e all. 38). Sentito dal Pubblico Ministero in data 21.12.2010, in particolare, il Sidoti ha riferito di aver conosciuto Milanese Marco perche amico di Visicone Paolo e di avergli prenotato. tramite lagenzia di viaggi "Liberi tutti", un viaggio a New York nel dicembre del 2009, cui avrebbe dovuto partecipare, oltre al Milanese, anche Ia sua compagna. Naturalliien;_ te. il viaggio era stato pagato dal Viscione. come gia accaduto negli anni precedenti. ""-- 3G
  • Nel prosieguo della deposizione, il Sidoti ha riferito in ordine aile circostanze relative alia vend ita di una barca del Milanese con l intermediazione del presidente di "T ec- nosky" Fabrizio Testa ed alia trattativa per lacquisto della societit EIG del Viscione ad opera di Lettieri Gianni, trattativa svolta con lintermediazione di Milanese Marco. Rimandando alia lettura integrale di dette dichiarazioni, allegate agli atti del procedi- mento, preme, in questa sede, evidenziare, Ia perfetta coincidenza tra le dichiarazioni in esame e quelle rese dal Viscione Paolo sui punta. E rilevante, inoltre, sottolineare che, a proposito del descritto viaggio di Capodanno a New York, Ia circostanza riferita dal Sidoti in ordine alia richiesta del Milanese di spa- stare pili voile Ia data concordata di que! viaggio ha trovato conferma sia neUe dichiara- zioni di Bravi Manuela (all.46) che ha spiegato le ragioni del differimento sia di Cat- taneo Flavio (all.4 7) che ha confermato I organizzazione autonoma e precedente del viaggio a cui si aggregarono solo in un momenta successivo il Milanese e Ia Bravi. 3.2. c. Le dichiarazioni di Russo Oscar Ulteriore riscontro, come giit in precedenza si anticipava, veniva poi dalle dichiarazioni reseda Russo Oscar nelle date del23.12.2010 e dell4.2.2011 (all.43 e all. 44 ). Prima di riportarne il contenuto, si deve rilevare come egli sia risultato, dagli accerta- menti effettuati dal ctu Mancini, Ia persona delegata alle operazioni bancarie e ai nume- rosi e consistenti prelievi bancari effettuati sia nel 2009 che in epoca precedente. Ebbene, dopa aver riferito di essere abilitato ad operare sui conti correnti del Viscione, della cui fiducia godeva incondizionatamente, egli ha ricordato come, effettivamente, il Viscione- in occasione di alcuni di quei prelievi- fece a lui esplicito riferimento alia necessitit di pagare il Milanese " per sistemare /e cose" in relazione aile indagini della Guardia di Finanza in corso. 3.2. d. L effettiva intermediazione del Milanese nella vendita della societa EIG II Viscione ha, poi, riferito in merito a! ruolo svolto dal Milanese- a cui era stata garan- tita un provvigione per lintermediazione - neUe trattative per Ia cessione della EIG allimprenditore campano Gianni Lettieri. Questultimo, sentito in data 29.12.2010 (all.41), confermava Ia circostanza relativa ai- le trattative, confermando altresi Ia presenza di Milanese Marco ad una riunione avente ad oggetto proprio Ia trattativa in esame, tenutasi negli uffici del Viscione tra Ia fme del} 2009 e gli inizi del201 0. Le circostanze riferite dal Viscione inoltre, quanta a! coinvo1girnento, ad iniziativa della stesso Milanese, della Banca Popolare di Milano quale soggetto finanziatore dell eventuale operazione di acquisto della societit EIG ad opera di terzi, venivano ri- scontrate da Massimo Ponzellini, presidente della predetta banca, nelle sue dichiarazio- ni al PM in data 13.1.2011 (a11.42). 3.2. e. I messaggi ricevuti via SMS dal Milanese 37
  • Ancora. nella disamina degli elementi di indagine volti a corroborare ab extrinseco le dichiarazioni del Viscione. meritano di essere segnalati i numerosi SMS estratti dai cel- lulari del dichiarante. rispetto ai quali Ia consulenza tecnica accertava Ia provenienza dai numeri in uso a! Milanese. Si richiama qui !a relazione del ctu Porto coni relativi allegati (all.22). 3.2. (. Le diclliarazioni di Iannariello Paolo Quale definitive riscontro obiettivo vi sono poi le dichiarazioni rese da Iannariello Pa- olo in data 10.3.2011 (all.48) a seguito di invito a comparire. Lo Iannariello - Ia cui posizione di indagato, per il compito di mediazione svolto, og- gettivamente ambiguo, e tuttora in via di approfondimento - ha ricostruito Ia visita a! Viscione commissionatagli dal Milanese e Ia reazione avuta dal Viscione. In particolare, egli ha riferito di essere stato incaricato dal Milanese di andare a Cervina- ra dal Viscione per portargli i suoi saluti e chiedergli se era "tutto a posto"; il Viscione ebbe una reazione violenta dicendo che il Milanese gli aveva "rot/ale palle ··. 4. Le spontanee diclliarazioni di Milanese rese in data 29.3.2011 Molte delle circostanze e degli episodi ora riferiti hanno trovato conferrna, sia pure in una diversa ricostruzione e, soprattutto, con una diversa giustificazione, nelle spontanee dichiarazioni rese in data 29.3.2011 dal Milanese, integralmente fonoregistrate e tra- scritte (all. 51). In sintesi, il Milanese, nel conferrnare di aver ricevuto alcuni di quei donativi nell ambito di anti chi rapporti di arnicizia e parentela esistenti con il Viscione e con i suoi familiari, ha fomito una versione dei fatti assolutamente contrastante non solo con quanto dichiarato dal suo accusatore, rna soprattutto con le emergenze investigave sin qui riportate. Dopo aver escluso di aver mai ricevuto dal Viscione somme di danaro e lautovetrura Ferrari, da lui stesso acquistata e pagata con illeasing, ha spiegato con Ia natura di an- ticipazioni e, concordato, successive rimborso Ia ragione del pagamento ad opera del Viscione di altri pretesi donativi, quali i viaggi e soggiomi a New Yorke lacquisto de- gli orologi dal Laurenti, escludendo, dunque qualsiasi corrispettivita tra quei donativi e).1 Ia sua posizione a! Ministero dell Economia. In ordine alia possibile causa!e delle accuse mosse nei suoi confronti, il Milanese ha sostanzialmente attribuito alia richiamata vicenda della mancata candidatura a! Comune di Cervinara del genera del Viscione Ia radice del risentimento del Viscione e dei suoi farniliari verso Ia sua persona. Lindagato ha, infme. riferito del suo ruo!o a! Ministero deliEconomia in ordine aile nomine neUe societil. control!ate dal Ministero. riservandosi di documentare gli episodi narrati con una successiva memoria. 4.1. L inattendibilita delle diclliarazioni del Milanese 3S
  • Orbene. riportato il contenuto dei passaggi pili significativi deBe dichiarazioni sponta- neamente rese dal Milanese - non contrastate da alcuna contestazione del Pubblico Mi- nistero. mantenendosi Ia racco!ta delle stesse nei confini definiti dallart.374 cpp- oc- corre rilevare come, a parere del1a scrivente, delle dichiarazioni siano da considerarsi inattendibili, sia perche smentite dalle a!tre fonti di prova appresso specificamente ri- chiamate, sia perche in pili punti contraddittorie ed intrinsecamente incoerenti ed inve- rosimili, secondo i pili comuni canoni della verosimiglianza e dell id quod plerumquc accidil. Dette dichiarazioni devono, quindi, essere esaminate alla !uce delle acquisizioni investi- gative e dei predetti canoni di valutazione di logica ed intrinseca attendibilitiL Prendendo avvio proprio da quanta pacificamente riconosciuto dallo stesso Milanese in ordine al fatto di aver ricevuto quei donativi nell ambito di antic hi rapporti di amicizia e di parentela con il Viscione ed i suoi familiari - ad esempio gli orecchini regalati a Ca- pri dal Viscione alia moglie dell indagato (pag. 15 della trascrizione) - va osservato, in prima luogo, che appare in se inverosimile che tali doni possano essere maturati in con- testa completamente disinteressato (come quello descritto dal Milanese) dei riferiti rapporti di parentela e frequentazione amicale. Se infatti cene e regali reciprocamente scambiati possono normalmente connotare ordi- nari rapporti di frequentazione amicale, va pero osservato, nel caso che ci occupa, di ta- le reciprocita sui versante dei doni fatti asseritamente dal Milanese al Viscione non solo non e stata fornita alcuna documentazione rna neanche alcuna precisa allegazione per poterli eventualmente individuare e valutare. D altro canto il val ore economico in assoluto decisamente rilevante di uno solo di tali tali doni- orecchini di brillanti del valore di euro quarantamila ad esempio (cfr. dichia- razioni di Alborino Costanzo versate in atti) - fuori da qualsiasi particolare ragione ed occasione (matrimoni, nascite, anniversari etc) appare decisamente stridente e assoluta- mente non in linea con le pur comuni consuetudini di un rapporto di ordinaria amicizia, dove proprio lo scambio di doni di valore tendenzialmente equivalente tende a mante-1 nere in equilibria i predetti rapporti.f Con riferimento, poi, alla vicenda della Ferrari, rispetto alia quale i1 Milanese ha escluso di averla ricevuta dal Viscione, riferendo, a! contrario, di averla acquistata e pagata con il leasing, vanno necessariamente richiamate le gia descritte acquisizioni investigative (preventivo con riferimento alia permuta con Ia Bentley, uso gratuito di questultima da parte del1o stesso Milanese per qualche tempo, assegni del Viscione alia Black Horse con i riferimenti alia "Scaglietti etc) che contrastano decisamente le affermazioni dellindagato anche su questa versante. In ordine alia asserita natura di anticipazioni e. concordato, successive rimborso dei pa- gamenti ad opera del Viscione di alcuni donativi, quali viaggi a New York e I acquisto degli orologi dal Laurenti. deve osservarsi che Ia motivazione offerta dal "- ·
  • giustificare !e anticipazioni richieste a Viscione peri suoi viaggi a New York (non ren- dere "visihilt alia moglie dal!a quale andava separandosi le spese sostenute assieme alia compagna Manuela Bra vi) apparirebbe astrattamente sostenibile solo per il primo dei viaggi a New York, peril quale lindagato avrebbe poi restituito in contanti a! Viscione le somme anticipategli. E cia in guanto que! viaggio cade effettivamente in un periodo precedente al!intervenuta separazione formale tra i coniugi Milanese-Taddeo. Anche se non sica- pisce perche pagare in contanti. Ma essendo Ia separazione intervenuta con laccordo del30.11.2009, Ia motivazione al- legata non puo reggere in questa seconda occasione dal memento che il secondo viag- gio a New York del dicembre 2009 si e svolto ad accordi coniugali gia conc!usi. Daltra parte, questa esigenza di riservatezza appare contraddetta da quanta riferisce lo stesso Milanese con riferimento allacguisto delle barche. di cui ricostruisce Ia vicenda nelle pagg. 78 e segg della trascrizione del verbale fonoregistato, acguisto avvenuto nel 2008 per una e nel2009 per laltra. Ora, vain prima luogo osservato che, secondo Ia comune esperienza, lacquisto di una barca, in regime di contenzioso che precede ad una separazione coniugale, appartiene a que! genere di acquisti massimamente voluttuario che qualsiasi avvocato matrimoniali- sta, anche aile prime armi, sconsiglierebbe al proprio cliente; a maggiore ragione poi nel caso in cui (come ricorda proprio il Milanese) Ia moglie si era sempre opposta a questa genere di acquisti. In secondo luogo, que! che qui rileva e che i costi del/easing che si attivava con rate i- niziali di circa settemila euro mensili (per Ia prima barca) e poi di ventirnila (per Ia se- conda), con I addebito sui conto bancario asseritamente visibile a! coniuge, appaiono decisamente contrastanti con Ia concorrente dichiarata scelta di occultare spese occasio- nali e dellimporto infinitamente rninore come quella del viaggio a New York. Analogo giudizio di inattendibilitil va espresso con riferimento aile dichiarazioni del Milanese in ordine all acguisto degli orologi presso il Laurenti, dove a contrastare quan- ta riferito dallindagato non vi sono solo le dichiarazioni del Viscione rna quelle, ri- chiamate in precedenza, del Laurenti stesso, persona informata sui fatti ed amico del..;, t Milanese. 1 Come detto, il Laurenti attribuisce le ragioni della "presa di distanza" del Milanese, n- rnasto deliberatamente assente dal suo esercizio per un certo lasso di tempo - circostan- za, questa, che lindagato giustifica con strane storie e vicissitudini del Laurenti non meglio chiarite apprese dai giornali - alia ben piu grave e pressante esigenza di oopor- tunitil. rappresentata a! Laurenti dallo stesso Milanese. nata dalle indagini a carico dello stesso Laurenti condone dalla Guardia di Finanza Nucleo di Polizia Valutaria e delle quali e stata acquisita nel corso della perguisizione copia delle relativa docurnentazio- ne. In secondo luogo, quanta ai pregressi rapporti di dare ed avere. sernpre il Laurenti .. ·· . -
  • see di un debito non onorato dello stesso Milanese (e non del Laurenti verso il Yiscione 1 del quale questultimo si accollo il pagamento unitamente al costo degli orologi com- prati nelroccasione. In terzo luogo, il Milanese. sempre con riferimento ai rapporti con il predetto Laurenti. ha riferito del contestuale acquisto di tre orologi, uno da donna destinato alla propria compagna e asseritamente pagato in contanti nell occasione, ed alti due da uomo en- trambi destinati a se stesso. In proposito il Laurenti smentisce il Milanese anche su queste circostanze avendo riferi- to, tra laltro, che il Milanese nelloccasione attribul espressamente uno dei due orologi alia persona del Ministro Tremonti. La circostanza che questultimo, sentito come persona informata sui fatti (all. 72) abbia negato di aver mai ricevuto doni dal Milanese, al di lit di qualsiasi valutazione sull attendibilitil dello stesso, nulla toglie alla effettivitil della circostanza per come rife- rita a! Laurenti e confermata dal contenuto della conversazione telefonica captata il 26.2.2010 (n. 468) ed intercorsa tra il Viscione ed il Sidoti, nel corso della quale gli in- terlocutori fanno espresso riferimento agli orologl di Tremonti. Anche in relazione aile modalitil di pagamento vi sono, nelle dichiarazioni del Milanese, degli aspetti poco chiari. A tale proposito, infatti, egli ha riferito di aver pagato in con- tanti, secondo una prassi abitualmente imposta dal Laurenti ai suoi clienti e di non poterfomire alcuna ricevuta. Ora, al di Ia delle considerazioni che Ia sola circostanza in se potrebbe indurre sulla coe-renza e caratura morale del Milanese (alto ufficiale della Guardia di Finanza, tra i mas-simi esponenti del Ministero istituzionalmente preposto alia repressione dell evasionefiscale che, pagando grosse somme in contanti, asseconda un prassi dichiaramene evasi-va, in aperto contrasto con il profilo di integritil professionale dallo stesso Milaneserivendicato), resta da vedere se anche questa affermazione non sia contrastata dalle al-tre emergenze investigative.E qui vanno richiamate le risultanze delle relazione del ctu Mancini che, senza smentirela riconduzione del Laurenti al novero degli evasori fiscali (peraltro pacificamente rico-nosciuta dallo stesso Laurenti), ha evidenziato come fosse il transito di alcuni assegni suconti della mamma dello stesso Nencioni Anna a consentire di fatto allo stesso Lauren-ti di sottrarre parte consistente dei suoi ricavi allimposizione fiscale.Yiene, pertanto, il ragionevole sospetto che i ripetuti pagamenti in contanti per il passa-to certamente effettuati al Laurenti dal Milanese - per un totale di circa trentamila euro- pili che favorire il Laurenti e nascondere l origine dei suoi ricavi. fossero piuttostodestinati ad occultare quella dei ricavi dellacquirente.Con riferimento poi alia asserita esclusione di qualsiasi corrispettivita tra i donativi ri-cevuti e Ia sua posizione amministrativa al Ministero dell Economia, va osservato inprimo luogo che questa corrispettivitil puo senz altro desumersi dalla pretesa gratuitildegli stessi. 41
  • A smentire tale asserzione va. innanzitutto. evidenziato lingente valore economico di quei regali. che, secondo Ia prospettazione del Viscione. erano addirittura "estorti". A tale proposito, vanno segnalate Je dichiarazioni rese sui punta dal gioielliere di Capri. Alberino Costanzo, il quale, sentito in merito allacquisto degli orecchini di brillanti per la rnoglie del Milanese, ha riferito che il Viscione gli aveva detto che il Milanese si era presentato come un generale della Guardia di Finanza che avrebbe dovuto "fargli un favore H. Degne di rilievo sono, poi, le dichiarazioni di Russo Oscar, il quale, sentito in ordine a tale vicenda, ha dichiarato di quanta a sua volta a lui riferito dal Viscione in occasione dei prelievi di contanti destinati a] Milanese per "sistemare le cose" in relazione alle in- dagini in que! momenta condotte da!Ja Guardia di Finanza. Appare, al!ora, evidente, come le dichiarazioni del Milanese, apertarnente sconfessate dalle chiare ed inequivoche emergenze investigative sin qui esposte, non possano consi- derarsi che inattendibili, rappresentando solo un estremo tentativo di tirarsi fuori da una vicenda che, a! contrario, lo vede competamente coinvo!to. 5. La partecipazione del Milanese allassociazione per delinquere (acente capo a Vi- scione Paolo (Reato ascritto at capo E/ dellimputazjone) Le condotte paste in essere dal Milanese, cosi come descritte, integrano senza dubbio sia il reato di rilevazione di segreti di ufficio (art. 326, III comma, c.p.) sia le fattispe- cie corruttive (artt. 319 e 320 c.p.), come contestati nellincolpazione provvisoria, es- sendosi acc!arato che lodierno indagato, pubblico ufficiale per Ia qualifica rivestita, a- veva rivelato notizie di ufficio destinate a rimanere segrete, sfruttando dette notizie per avere, come corrispettivo, denaro o a!tri donativi. Natura!rnente, detta condotta, per le concrete modalita in cui si e estrinsecata, integra anche il delitto di corruzione, concorrente con quello previsto dallart. 326 c.p. (cfr., in tal sensa, Cass. penale, sez. I, 3.10.2007, n. 39514). Pera!tro, dallespletata attivita di indagine e emerso che le ri!evazioni del Milanese- il qua!e, giova ripeterlo, non aveva esitato a sfruttare Je sue conoscenze anche per far ral-J. ·Jentare od omettere Je investigazioni condotte dalla Guardia di Finanza su un gruppo dif societa facenti capo a! Viscione, proprio per "estorcergli" considerevoli somme di dena- ro o altri costosissimi rega!i- non erano state occasionali o sporadiche, rna, al contrario. si erano concretamente e necessariamente dispiegate in un lasso di tempo piuttosto tun- go, iniziando nel2004 ed arrivando fino al2010. Nei fatti, le investigazioni condotte dapprima dal!a Guardia di Finanza delegata dalla DDA di Napoli nel 2004 (in occasione della prima serie di interventi) e poi (in occasio- ne della seconda serie di interventi, posti in essere dal settembre 2009 in poi) dalla se- zione di Crimina!ita Economica. investivano piu che direttamente Ja persona fisica del Viscione, quell a dell aggregato di societit e uomini alia stesso Viscione facenti capo. A riprova di quanta ora riferito basti considerare che tra i documenti prodotti dal Vi-
  • sci one nelle sue dichiarazioni del 4.1.2011 vi e ] appunto, giit richiamato in precedenza (all.31 ), asseritamente consegnatogli dal Milanese in occasione di quei primi interventi. dove sana elencate le societit oggetto degli accertamenti in atto e sui quali il Milanese sarebbe intervenuto. Alia stesso modo, anche nella seconda fase delle indagini, le investigazioni hanna sem- pre riguardato direttamente lintero gruppo di uomini e di societit facenti capo a! Vi- scione, come ad esempio ARTEINVEST, in parte coincidenti con quelle del prima ap- punto. Si aggiunga a cio il rilievo che, secondo quanta accertato dal CTU, le stesse somme percepite dal Milanese provenivano dalla disponibilitil delle societa investigate in quanta prelevate dai conti della stessa ARTEINVEST gia nella prima fase e poi anche della NOWOSAD nella seconda. Inoltre, da un canto di INDUSTRIA e FINANZA proveniva per girata uno degli assegni versati alia RACE CARS quale anticipo per il leasing della citata Ferrari Scaglietti e- sarninati nella relazione del ctu Mancini in data I 0.3.2011 (all. 49) Ebbene, da queste premesse discende che, evidentemente, le condone corruttive del Mi- lanese, con il descritto corredo di rivelazioni di notizie coperte dal segreto e di interventi sulle indagini, hanna di fatto offerto, attraverso Ia copertura assicurata grazie all intervento sugli organi di polizia giudiziaria, uno stabile e consapevole sostegno allassociazione facente capo a! Viscione, lesistenza della quale e risultata inequivoca- bilmente provata alia stregua degli elementi di prova raccolti dagli investigaton che hanno condotto, il 9.12.2010, allernissione, da parte di questa giudice, di numerose or- dinanze di custodia cautelare, confermate, sui punta, da1 Tribunale del Riesame. Ebbene, nella citata ordinanza, si Iegge, a proposito della susistenza del delitto di cui allart. 416 c.p., che: Orbene, cosi esposti gli elementi di prova raccolti dagli investigatori nel corso delle in- dagini, occorre ribadire come detti elementi abbiano pasta in risalto I esistenza di una vera e propria associazione a delinquere essendo emersa Ia sussistenza di una stabile e consolidata struttura organizzativa, che proprio articolandosi in una rete di compe- l tenze e di ruoli ha consentito Ia programmazione di una serie di reati fine ed il concreto perseguimento di molti di essi. Detti reati costituiscono, invero, il momenta terminale di un vera e proprio programma indeterminato, tipico dell associazione per delinquere, portato a termine attraverso una artico/ata organizzazione, nell ambito della quale si e assistito via via alia predisposi- zione dei mezzi necessari e dei supporti /ogistici, alia suddivisione dei ruoli ed ai patti sui/a suddivisione dei profitti illeciti. Nella vicenda in questione, I aspetto organizzativo assume connotati di so.fisticazione davvero singo/ari: vengono utilizzate numerose societa aile qua/i viene artificiosamente """" "" ""pa""" di •olidUa ""· >i impio"<ow (o >i dichio,ooo) "Jiid 43
  • / positi in diversi luoghi delterritorio, si impiegano ingegno e risorse per pubblicizzarle massicciamente. G/i indagati assumono anche personate qua/ificato. estraneo alia [I compagine associativa per permettersi di operare frodi anche in campo internazionale. Colora che collaborano nelle imprese criminali emerse nella presente indagine Ia fan- J no, oltre che nella consapevolezza del /oro agire illecilo, in maniera non solo stabile rna addirittura professionale, talvolta sempre e per tulle le imprese, altre volte quali stabili amministratori delle singole societa, molte delle qua/i prive di consistenza effet- tiva e dalla sede legale "mobile", usale cioe come veicoli, di volta in volta delle diverse operazioni di travaso finanziario. In definitiva, il consorzio criminate individual a nell ambito della presente indagine !ega i suoi associati nel vincolo sanzionato dall art. 4I6 c.p.. Gli apporti dichiarativi fino ad ora esaminati raccolti nell indagine svo/ta dalla Guar- dia di Finanza e dall autorita di vigilanza del settore delle assicurazioni consentono gia di individuare, come si vedra piu dijfitsamente nel prosieguo della trattazione, nelle persone di VISCJONE Paolo, VISCIONE Vincenzo, SIDOTI Giovanni e SOLANO Fabio i ruoli di promotori e direttori del sodalizio individuabile nelle condotte oggetto del presente procedimento. Nessun dubbio, dunque, sussiste, a parere della scrivente, in ordine allesistenza ed ope- rativitll. del sodalizio facente capo a Viscione Paolo. Altrettanto indubbio e che il Milanese, attraverso .il sostegno cosi assicurato, con il pas- saggio di notizie riservate ed interventi di vario genere, abbia di fatto fornito un contri- buto concreto, specifico e consapevole alia vita dellassociazione, rafforzandone le ca- pacitll. operative e ponendosi, in definitiva, come condizione necessaria per Ia concreta realizzazione del fatto criminoso collettivo. Con cio integrando, a giudizio di questo Gip, Ia ulteriore condotta di partecipazione al sodalizio, nella forma del concorso esterno, come descritta al capo E) dellimputazione provvisoria. Una simile impostazione trova il conforto della prevalente giurisprudenza (ad es. sen-tenza n.4805 del !993, ric. P.M. in proc. Altomonte della I Sezione della Cassazione), secondo cui "in tema di associazione per delinquere, perche assuma rilevanza Ia con-dot/a individuale, occorre lesistenza del pactum sceleris, con riferimento alla consorte-ria criminate, e dellaffectio societatis, in relazione alla consapevolezza del soggetto diinserirsi in unassociazione vietata. E punibile, pertanto, a titolo di partecipazione. co-lui che presti Ia sua adesione e il suo contributo allattivita associativa, anche per unafase temporalmenle limitata. Risponde, invece, a titolo di concorso nel reato associativoil soggetto che, estraneo alla struttura organica del sodalizio, si sia limitato anche adoccasionali prestazioni di singoli comportamenti aventi idoneita causale per il conse-guimento della scopo sociale a per il mantenimento della struttura associativa. avendoIa consapevolezza dellesistenza dellassociazione e Ia coscienza del contributo che adessa arreca _ 44
  • Sotto diverso profilo. si ritiene che nessun dubbio sussista in ordine all a competenza del Tribunale di Napoli. sicuramente competente in relazione a! reato associativo. che costi- tuisce !a violazione pili grave, quanta meno peril Viscione che ne e capo e promo tore. Sui punta si richiama lordinanza cautelare emessa da questa giudice a carico, tra glial- tri, di Viscione Paolo, dove sono esplicate le ragioni per cui si e ritenua radicata !a com- petenza del Tribunale partenopeo, ragioni condivise anche dal Tribunale del Riesame. Del resto, le condotte corruttive contestate a! Milanese costituiscono reati che si inseri- scono nella fase di realizzazione del programma delinquenziale e, dunque, successiva a quella della costituzione ed operativita del soda!izio. Tutte le condotte in contestazione sono certamente avvinte dal vincolo della connessio- ne rispetto ai relativi procedirnenti (art. 12 cpp) sia perche si tratta di reati cornmessi dapili persone in concorso tra !oro (lett. a), sia perche sono chiaramente riconoscibili i se- gni dellidentita di un unico disegno crirninoso ai sensi dellart. 81 cp (lett. b), con ri- guardo sia aile condotte ascrivibili al Milanese sia a quelle del coindagato Viscione; sia. infine, perche e certamente ricorrente il nesso funzionale tra i reati rnedesirni (lett. c),come emerge dalle stesse contestazioni in epigrafe.Se i Juoghi di cornmissione dei reati di cui alle odierne incolpazioni appartenessero all acornpetenza di giudici egua!rnente cornpetenti per materia rna con diversa competenzaterritoriale, dovrebbe perch} trovare applicazione, vertendosi appunto in materia di reaticonnessi, ]a previsione dell art. 16 cpp comma prirno.Cia riporta alia competenza peril reato piu grave che, come detto, e quello di cui allart.416 c.p ..Peraltro, anche a voler diversamente opinare, non vi e dubbio che il prima reato ascrittoa] Milanese sia quello di cui a! capo A) dell irnputazione, con !a prima delle rivelazionida lui indotta e ricevute da chi - ancora ignoto - stava conducendo le indagini condottedal Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli e su delega della DDA di Napoli.E in questa territorio quindi - nel cui circondario si trova anche !isola di Capri dove lefrequentazioni con il Viscione, secondo Ia stessa versione del Milanese, sono diventatepiu intense ed e stato pagato uno dei primi corrispettivi della corruzione con I acquistodegli orecchini di brillanti di cui riferisce sia il Viscione che A! berino Costanzo - che sie realizzata non soltanto la prima manifestazione del pili grave reato associativo, rna an-che quella delle u!teriori condotte individuali in contestazione.Per mera completezza espositiva, va rappresentato che il Circondario del Tribunale diNapoli appare cornpetente anche in relazione ai reati contestati sub F), per quanta illuogo di consumazione di queste fattispecie delittuose sia. allo stato, ignoto in quantanon e dato sapere dove e come sia stato concluso il patto corruttivo tra gli indagati. con!a promessa di attribuzione degli incarichi pubblici in corrispettivo di sornme di danaro.Del resto, in considerazione della modalita simulatoria, per quanta appresso si dira. co-me concordata per il pagamento dei corrispettivi illeciti, restano- allo stato degli attc, 45
  • indetenninati sia i !oro ammontari orecisi. sia i tempi e i luoghi dei rispettivi pagamenti. Questi. per Ia eventuale frazione nota. sana stati registrati in parte in Italia in parte airestero. in Francia, dove l"acquirente formale", SOGEPA, e stata finanziata dalla Banca CARJGE filiale di Nizza, provvedendo a corrispondere gli anticipi a! Milanese grazie a! mutua cola concesso per 550 mila euro. Daltra parte, apparendo non risolutivo neanche il criteria residuale dellart.9 comma II - in quanta illuogo di residenza degli indagati non e unico- resta da applicare il comma III che attribuisce Ia competenza a questUfficio quale sede della prima iscrizione della notizia di reato. Va infine aggiunto che, a parere della scrivente, indipendentemente dalluogo di consu- mazione dei reati in contestazione, essendo gli stessi uniti dal vincolo delle continuazio- ne con le piu antiche e connesse condotte in precedenza esaminate, resterebbe ferma Ia competenza di questa Ufficio anche ai sensi dell art. 16 cpp. 6. La vicenda delle nomine (reato ascritto agli indagati Milanese Marco Mario, Mar- chese Guido e Barbieri Carlo a/ capo F) dellimputazione!. Nel corso delle indagini tese a ricostruire i rapporti tra Viscione Paolo e Milanese Mar- co, veniva svolta, come gia in precedenza ricordato, anche I analisi dei conti correnti bancari facenti capo a! Milanese, analisi affidata alia consulenza tecnica del dr. Luigi Mancini, i cui esiti venivano compendiati nella relazione del 27.12.2010. II consulente segnalava come degne di approfondimento alcune operazioni e, tra esse, quelle risu!tate intercorse Ira il Milanese (che aveva ricevuto le somme) e altri soggetti quali Marchese Guido, Barbieri Carlo e Alpeggiani Giovanni (che avevano disposto quei pagarnenti confluiti sui conti del Milanese). II complesso di quegli specifici movirnenti e stato poi riassunto in una schematica e monografica relazione del predetto ctu del 15.1.201 I (all.66). Ebbene, tale spunto investigativo veniva approfondito a! fine di risalire aile vere ragioni di quei pagamenti, apparsi, prima facie, privi di valida giustificazione. Le indagini venivano espletate in piil direzioni. + Si procedeva, infatti, a perquisire lo studio di Marchese Guido, ad intercettare le utenze _:J telefoniche in usa alia stesso Marchese, a! Barbieri e all Alpeggiani, nonche, infine. ad ; interrogare costoro quali persmie informate sui fatti (all. 55 e aii.S7). Tra le conversazioni intercettate ve ne sana molte in cui uno degli interlocutori era Mi- lanese Marco. Circostanza, questa, che rende necessaria una preliminare considerazione in ordine alia utilizzabilitil di dette intercettazioni, attesa Ia condizione soggettiva dellindagato. Lo status di parlarnentare rivestito da questultimo obbliga. infatti, ad affrontare il lema delle cd. intercettazioni casuali o indirette che ha ricevuto una specifica disciplina nor- mativa con lart. 6 della L. 14012003. Ya. in prima luogo. ricordato che. a seguito delle sentenza della Corte Costituzionale nr. -+6
  • 390/2007- che ha dichiarato parzialmente incostituzionale rart.6 - le predette intercet- tazioni possono senzaltro utilizzarsi nei confronti di soggetti diversi dal parlamentare. quali, in questa caso. Marchese Guido e Barbieri Carlo.Ad avviso della scrivente. tuttavia, dette conversazioni possono comunque utilizzarsi.nellattuale fase delle indagini preliminari (cd. utilizzabilitii investigativa), anche conspecifico riferimento alla posizione del Milanese, senza dover richiedere ed ottenerelautorizzazione della Camera di appartenenza, prevista dalla richiamata norma dell art.6 della L. 140/2003.L autorizzazione prevista dall art. 6 e, infatti, necessaria solo per Ia utilizzabilita pienain dibattimento (cd. utilizzabilitii probatoria e dibattimentale) second a linterpretazioneautentica della norma datane dallo stesso Parlamento.Si richiarna in proposito Ia relazione della Giunta per le autorizzazioni della Camera deiDeputati (all.70) che, recependo Ia distinzione delle due nozioni di utilizzabilita primaesposte, ha ritenuto di dover circoscrivere Ia nozione prevista dalla norma in parola so-lo alia seconda di quelle nozioni, richiedendosi in particolare Jautorizzazione di cuiall art. 6 solo per pater utilizzare in dibattimento anche nei confronti della stesso parla-mentare le intercettazioni indirette relative allo stesso.Orbene, premesso cia, e passando allesposizione delle emergenze investigative acquisi-te a carico degli odierni indagati, occorre rilevare come le investigazioni, condotte an-che attraverso lintercettazione delle utenze in usa ai prevenuti, si siano rivelate partico-larmente fruttuose.In particolare, nella studio del Marchese venivano acquisiti vari documenti, dal com-plesso dei quali emergeva che lo stesso aveva ricevuto piu nomine ed incarichi in socie-ta pubbliche cd. di prima livello, nelle quali cioe il MEF era I azionista di maggioranza(societa quali SOGIN Finmeccanica ed altre) o in altre societa cd.di no livello in cui1azionista di maggioranza era costituito dalle predette societa di prima livello ( qualiOtomelara ed Ansaldo Breda).Su tale distinzione, sulle procedure di nomina e sul ruolo del Milanese nelle stesse van-no in prima luogo richiamate le dichiarazioni del Dirigente del MEF che si occupa delsettore dr. Francesco Parlato (all. 63 e all.64) oltre che queUe del Capo di Gabinettodr. Vincenzo Fortunato (all.40)La contestuale attivita di monitoraggio consentiva di registrare una serie di conversa-zioni intercorse tra i soggetti convocati aventi ad oggetto proprio Ia !oro convocazione eil modo di rispondere aile domande degli investigaton, conversazioni intercorse in par-tical are tra alcuni degli stessi convocati, lo stesso Milanese Marco e tale Sergio Frac-chia, agente immobiliare con interessi prevalenti in Francia oltre che in Italia.II Fracchia, in particolare, conterraneo ed arnica di Barbieri Carlo nonche arnica dellastesso Milanese, aveva svolto, secondo ie dichiarazioni raccolte, il ruolo di intermedia- - nrio negJi acquisti di immobili nel Sud della Francia che, di proprieta del Milanese, erano . 47 - -· j
  • stati poi venduti al Marchese, al Barbieri ed a!lo stesso A!peggiani e che costituivano asseritamente Ia giustificazione di quei pagarnenti registrati sui canto del Milanese. Le modalita, i tempi e le motivazioni di quei pagamenti erano apparsi ab initio forte- mente incongrui e perci6 sospetti. E tali comunque da far pensare che queUe "vendite··. pur se effettivamente avvenute, costituivano una copertura formale oer giustificare il trasferimento di somme dagli "acguirenti" alia oersona del "venditore" Milanese. II 4 febbraio 20 II veniva senti to, come persona informata sui fatti. Fracchia Sergio. Questo uno stralcio delle sue dichiarazioni: (all.54) D PM Qua/e Ia sua attivitil? R Sono agente immobiliare dal 1986 ed opero prevalentemente in Francia, anche se con ]a societa ALTITALIA curo anche alcune compravendite di immobi!i italiani. In Fran- cia opero con unaltra societa giuridica francese che ha Jo stesso nome "ALTITALIA". Questo perche non pu6 operare !a societa francese in Italia e viceversa. Non ho altre so- cieta. La Francia e comunque il territorio della mia prevalente attivitil, occupandomi della cornpravendita di immobili in Costa Azzurra dal 1995. D PM La sua compagna Maria Cucciardi lavora con lei? R Si, e mia socia in affari. D PM Ricorda le vendite effettuate nei confronti di MARCHESE Guido, ALPEG- GIANI Giovanni e BARBIERI Carlo? R Si, devo fare una premessa. Io ho lavorato come venditore di immobili negli anni scorsi curando !a pubb!icita su "Antenna3 ", una TV lib era lombarda, di cui conservo ancora !a registrazioni. II legale di questa societa era lavv. TADDEO Anna Maria, che curava gli aspetti contrattuali. Diventammo, cosi, amici anche con i! marito di allora, MILANESE Marco. Divennero anche miei clienti comprando una casa a Cap Martin nel 96/97. Questa casa e stata poi venduta, sempre attraverso di me, e ne hanno comprata unaltra piu grande con una camera in piu, sempre a Cap Martin. Anche questa seconda casa e stata poi venduta, sempre mio tramite. Qualche anno dopo mi hanno chiesto un } investimento piu consistente e hanno comprato, nellanno 2006/2007, una villetta a 1j Cannes, ricorrendo ad un mutua, pagandola poco sopra il milione di euro. Inoltre, devo precisare che nella mia attivita ci sono molte persone che vogliono investire nel settoreV immobiliare rna non hanno !a disponibilita sufficiente per comprare un intero immobile. Per venire incontro a questa esigenza. si costituiscono delle societil immobiliari. sempre di diritto francese, e si vendono le quote di partecipazione per importi che possono o- scillare da 50.000 a 150.000 euro massimo. II MILANESE, oltre !e villette di cui ho par!ato. ne! 2007/2008, se ben ricordo, in occasione dellacquisto del!ultima villetta, a- veva comprato quote in due di queste societa. una era "RIVARAMA Sri" e latra "CA- . STELLO Sri". Se ben ricordo per quanto riguarda ]a prima MILANESE aveva "-· , 48
  • tra 135.000/160.000 euro circa. per Ia seconda tra i 40.000/50.000 euro. Per quello che e;I noto a me. MILANESE conserva ancora una partecipazione in una terza societa france- I1 I se per 15.000 euro. D PM Anche questi itzvestimenti in quote societarie erano stati fatti in societa con Ia j I R Non sono sicuro se anche tali operazioni siano state fatte da entrambi o solo da MI-l LANESE. Quando MILANESE e Ia TADDEO si sono separati, per sistemare le ]oro cose, mi han- no chiesto di vendere sia le quote che Ia villetta di Cannes intestata ad entrambi, pre- gandomi di liquidare il tutto. Mi fu detto, in particolare, di vendere in un prima momen- ta solo le quote e, successivamente, mi fu detto di vendere anche Ia villetta che Ia mo- glie non voleva cedere. Di conseguenza ne parlai con alcuni amici di Voghera e princi- palmente con Carlo BARBIERI. Di quest ultimo sapevo, infatti, che aveva gia fatto al- 1 cuni investimenti in Francia ed avevo anche interesse ad allacciarlo come cliente. Quin- di laffare si perfeziono e, in considerazione del momenta del mercato e dei tempi ri- stretti per Ia liquidazione, il prezzo di vendita fu piu o meno pari a quello di acquisto di queste quote. D PM Ha percepito una commissione per questa intermediazione e da chi? R Se ben ricordo ho percepito una commissione da MILANESE al quale ho fatto fattu- ra. Il pagamento di questimporto, piu o meno 5.000 euro, e avvenuto attraverso il no- taio. Questultimo, secondo ]a procedura francese, provvede ad incassare i soldi dal compratore rna prima di versarli al venditore si preoccupa di saldare tutti i crediti vantati dai vari fornitori tra cui lagenzia di intermediazione. D PM Quando estato deciso di vendere Ia villa di Cannes? 2 R Se ben ricordo questa e avvenuto nella prima meta del 2009, in piena crisi del merca- to immobiliare. Tante che Ia villa labbiamo tenuta in vendita per molto tempo a! prezzo di 1.900.000 euro, come si rileva dalla pagina 25 del catalogo 2009/2010, che sottoscri- vo, dove compare la foto dellimmobile dei coniugi Milanese. LUfficio acquisisce copia della pagina del catalogo che allega quale parte integrante della stesso. Devo aggiungere che in precedenza !immobile era stato da noi messo in vendita ad un prezzo superiore ai 2.000.000 di euro, abbassando successivamente il prezzo alia sam- rna indicata in catalogia. Viste le offerte eccessivamente basse. i tempi si sono allungati. fino a quando ho individuato un cliente olandese di nome Hoskins disposto a comprare 1, e con il quale ho avviato una trattativa. Avendo intravisto la possibilita di lucrare trail I 49
  • prezzo di vendita finale richiesto da Milanese ( 1.650.000 euro) e quell a di acquisto proveniente da Hoskins ( 1850.000 ) ho proposto ai miei amici di Voghera. Alpeggiani. [ Barbieri e Marchese. di acquistare con Ia !oro societit francese. costituita in precedenza. [ per poi rivenderla subito dopo, lucrando Ia differenza. D PM quale era I suo tornaconto in questa operazione deontologicamente scorretta verso it committente Milanese? R. E vero che loperazione era deontologicamente scorretta, rna cosi avrei lucrato due volte le commissioni, una prima volta vendendo Ia casa al gruppo di Voghera e Ia se- conda volta rivendendo !a stessa casa allofferente Hoskins o chi per lui. D PM Hoskins aveva fatto una proposta scritta impegnativa? Risposta No si trattava di una proposta verbale rna di scritto non cera nulla. D PM II gruppo di Voghera comejaceva ad essere certo della rivendita se non cera una proposta impegnativa? R Lora si sono fidati delle mie capacitit di venditore e non mi hanna chiesto se ci fosse una proposta impegnativa da parte di un terzo. D PM Come mai if gruppo di Voghera si e addirittura indebitato per fare questa o- perazione? R Non so perche si siano indebitati, non ne abbiamo parlato. D PM quanta ha pagato if gruppo di Voghera? R I1 prezzo e stato concordato in 1.650.000 euro per il quale hanna fatto un compro- messo tra Ia SOGEPA, MILANESE e TADDEO, versando di acconto 100 0 150.000 euro, con un pagamento interrnedio che portava il totale versato a 650.000 euro, riser- vandosi di versare il sa! do, un milione di euro, entro i 131.12.20 I 0, come da compro- messo. D PM Che cos a e accaduto dopo? R I miei amici di Voghera mi pressavano per !a vendita in quanta Hoskins era venuto meno ed rimasti con !immobile invenduto, anche perche si erano resi conto che era stata una scelta un po avventata. Per fortuna di tutti, ad un certo punto, nel giugno lug!io del 2010, e spuntata una signora giapponese, di nome "MITSUMORI" di Tokio. che ha fat- to unofferta impegnativa indiscutibile per 1.610.000 euro, con pagamento immediate. A tanto. ho contattato telefonicamente sia MILANESE che il gruppo di Voghera perI toporgli !a situazione. AI prima prospettavo !a convenienza di incassare una somma in- 50
  • feriore ma in tempi immediati ed ai secondi Ia possibilita di liberarsi dellimpegno as- ; sumo. nonche di rientrare delle somme versate. D PM MILANESE, che lza incassato lintera somma subito, quindi ha rimborsato I if gruppo di Voghera delle somme da /oro anticipate? 1 R So che MILANESE avrebbe dovuto rimborsarli entro fine 20 I 0. Non so se sian a stati rimborsati o meno. D PM per La vendita alia giapponese ha percepilo una provvigione? R Si, ho percepito da MILANESE una provvigione di 32.000 euro per Ia quale ho rila- sciato regolare fattura per Ia mia parte. MILANESE ha pagato anche unulteriore somma di 32.000 euro allaltra agenzia, che h portato il cliente. Anche questa pagamento e av- venuto tramite notaio. Peraltro, Ia figura di Sergio Fracchia emerge dalle numerose conversazioni monitorate sulle utenze in usa agli indagati. Tra le tante intercettazioni riportate nellannotazione della Digos del 9.4.2011 (all.68), sene segnalano alcune, registrate sullutenza 339.... 458, intestata a Barbieri Carlo, immediatamente dopa Ia notifica degli inviti a comparire di Barbieri ed Alpeggiani. Nella prima telefonata Loredana, Ia moglie di Barbieri, contatta Ia moglie di Fracchia e le chiede di far chiamare il marito Sergio sul suo cellulare da un numero fisso: . :WREDANA MOGUED! BARBIERl.Nun=o ·-· monltorato . 339 ... 158 . ... •:. · .. • ..,;,.-·,_,.-;;_.,, • .. lLG:NJl .... .. · .4372SID9NRGNR-269ilim ·.,_;-··· "• , .. _, ..... ····· 269/ll:RIT :·:. f: .: );1 C·-. ___ • .• : ;_;">_:·:, ·-;:1-.:·;.-f:,f;,, .: .. · >:; . -- .· .. .to +3361- .. 133 . ,• .. - ... _c· ___ · _u-ILon:.dana:cliliuna.Marinella erlice rli rlire a Sergio di cbiamarla sulcellulare dal numero fisso. Poco dopo, effettivamente. Sergio contatta il numero di Loredana .... (moglie di Barbie- ri) da una utenza fissa di Nizza (Francia) e parla con Guido Marchese che risponde dallutenza cellulare della moglie di Barbieri. Marchese riferisce a Sergio che Carlo e Giovanni ( leggi Barbieri ed Alpeggiani) srati convocati presso Ia Questura ( di Pavia) per essere sentiti quali persone ·C. "---- _I 51· •.
  • Nel corso del colloquia Fracchia Sergio domanda a Marchese conferma di una sua visita aRoma qualche giomo prima presso ( pronuncia solo linizio del nome Mi... ) e chiede se lo stesso gli avesse detto qual co sa. La conversazione si chiude con l intenzione di Fracchia di contattare la persona : Nome Decreta LOREDANA MOGLIE Dl BARBIERI Numero monitomto 339- ... 458 R.G.N.R. 43725/09NRGNR-·269/II RIT Registro Int. 269/11 RIT In usoa Progressivo II Chii!Ill!!IO/Chiamante +3349 .• ,()()6 In uso a ? lntestatario Data 20/01/2011 Verso Entrante Om 19:13:10 Dumta 0:03:04 Dopo circa 15 rninuti ( fonia n.l2), Fracchia richiama Guido sempre sullutenza di Barbieri affermando di avere laltra persona dallaltra parte del telefono che ascolta. Nel corso della conversazione Fracchia chiede a Marchese i dettagli delle convocazioni, chis, 1 fosse il P.M. e cosa contenesse !invito eli riferisce al terzo a! telefono su altra linea. Al,.ft. .. !ermine Fracchia invita Marchese a farsi riferire dai convocati tutto cia che avranno det- io in sede di interrogatorio: . .339-.... l58 .... _,., ,..,... ,£269/ll RIT ·•. ,. : -.:·: l:_.,;:;,.. i ,·., . •.. . .· :.- : .... 0 ..... · gress;.VO::::::: :· ·:12 .::. · ... Cbimnstnfarlamantc .Jntestttario 20/01/2011 Entrante
  • Ora 19:28:03 Durata 0:04:29 Sergio chiama sullutenza della moglie di Barbieri e si fa passare Guido a cui prima dice cbe "ho dallaltra parte del telefono, che ascolta .. ", quindi chiede cosa dice Ia convoca- zione; Guido risponde che ce scritto che e una convocazione come persona informata sui fatti.e che viene direttamente il P.M. da Napoli e 1a sua inizial.e e P di Palermo. Ser- gio chiede se anche Guido e stato convocato, questi risponde dino. Tutto cio viene ri- portato- da Sergio ad altro interlocutore con cui sta parlando su un altro telefono e sui fatto che Guido non e stato convocato, dice "due su tre, .niente Guido, e un mistero ", quindi .aggiunge che sono ·stati convocati con urgenza a Pavia. .Guido chiede a Sergio cosa dire, questi risponde "lui ha di dire quell a .che e ,la veritit, punto e basta" e di farsi dire tutto cio che diranno. Guido sipreoccupa di quandolanotizia.sarit ripresa dai gior- nali e.-su come potranno ricamarci, ancbe se Ioro non centrano nulla. N.B. Contattata Ia RCS per il chiamante,:riferivano.che a -loro·latelefonata risulta essere ·stata 339. ... 481.alle 1927.53,ma..che il dato deve.essere certi:ficato dal .gestore. Nella quarta telefonata delle serie ( fonia n.l3 ), questa volta intercorsa tra Barbieri Car- lo e Fracchia Sergio, il contenuto del contatto e piu esplicito. Allinizio della conversa- zione Fracchia si preoccupa di chiedere a Barbieri se stesse parlando da una linea pulita e solo dopo aver ricevuto assicurazioni in tal senso inizia a parlare. Fracchia comunica a! suo inter!ocutore di aver sentito il "mister ", che lo aveva subissato di telefonate, il quale aveva dato precise indicazioni su cosa rispondere nel caso venisse fatto riferimen- to a nomine di favore o ad altri piaceri ricevuti da Iui in cambio delle citate operazioni finanziarie, invitandoli a negare in maniera assoluta : llERBALE: ,_ ·· .di. ·tras=i-ziane di. conversaz.iani... teLefoniche . in_ arri vo ed a-- t, l ···· · a vente il ·numero: 33943094.58. in .tiso ·Cu_iNll-EO!.I,:._·.!,;-M.:;:;i)ott..:::nr... Vincell:z:o_· Barbieri 4ella .:Repubblica ·nell_(amJllto .del · proce---1 ; •• , . __ >.: -- --- : ! O:llh34 ··· •• .• :2/::r,::;tE - _· ·-- · ·-· · ,. .. .• ,_ .. 526 -··· :)l: -.pz:out:c>J .· .. :· ··a: 4!cmo :i.o I :F: • E: ..0 ·:una _J.i.noia :a JOat.>? g: _,a;_, ;no, All •• tutt:c> .... F: .S una Hnea pulita? B: prcnt:c> pa:ra .ai F: <!h, ck perfetto. Allora ho aentito il mister ...
  • B: si F: ... cia specif.icare bene, doma.D;de che faranno, che sicu.ramente chiedono ma perch& avate comprato questa, questa, questa (incampransi- bile) no? E ha datto, 9 un amico comune cha ci. ha fatto prendare, per- chS noi avevamo gia fatto dcal.le operazion:i i..m:mobil.iari in Francia e cera un affara a labb:iam fatto. Perche dove andranno a puntare, mi ha datto l • ami co, a sa avete fat to quasto qua in camb:i.o di qualche co- sa ....di qualche nomina di qualoosa ... negare total.m.ente. B: ah non Q varo non 9 varo ... F: asatto, poi se piech.iano villa, da dire ssmpra per un d.iacor- ao di .invaatimento no:i abbiam. fatto, poi ·siccoaa ara troppo i..m.pQgnati- vo laffara ai siam aasai·daccordo lui ... ah ... i soldi B: va bene he cap:i. to F: mi raccom•ndo pa.rchQ ha datto, sicuramanta ·puntara. .sui piac.ari del- la case ... E: va bene F: m:i. ha ch:i.amato quattrocento volta, ·poi ... pronto? E: si Sergio dai domani ciao F: ciao F.L.S. Che il "mister" di cui si parla nella telefonata sia Milanese e dimostrato dal fatto che le persone escusse hanna esplicitamente dichiarato di aver avuto rapporti con il citato sog- getto in relazione agli affari di cui si parla proprio in quest ultima telefonata. Altre conversazioni degne di rilievo sono state registrate nei giomi a cavallo del 31.01.2011, in occasione della convocazione di Marchese Guido presso gli uffici della Procura di Napoli. II prima contatto e delle ore 15:20 del 31 gennaio 2011, quando Marchese Guido, at- traverse lutenza 335 · · · 517, anchessa sottoposta ad intercettazioni, nellarnbito del presente procedirnento penale, con decreta 296/20 II, chiarna Barbieri Carlo sullutenza 335 · · · 829 e gli cornunica della sua nuova convocazione presso Ia Procura di Napoli: •·. - NomeD<:creto ··MARCHESE-GUIDO " "1 Nmneronuriitmato 335( ... 517 =vo . , : · 7,:,· _____,.:..296/ll. . !SBS ; . . :; +39335 ... 829 . lSTISIITODI FORMAZIONE !nnsoa Barbieri Corio . V.·ALFIERI S.R.L. 02271330181 3110112011 Verso Uscenle Ora 15:12:05
  • Durall! 0:00:53 Marchese Guido chiama Barbieri Carlo a cui dice di essere stato convocato a Napoli per i I dopodomani, quindi gli salteranno tutti gli appuntamenti. Carlo gli chiede di chiamarlo j se sara a Voghera piu tardi. Successivamente, aile 19:20 circa, Marchese Guido, attraverso unutenza estera non monitorata (il prefisso +38 corrisponde ad utenze Ucraine), contatta Fracchia sullutenza cellulare francese e gli comunica di aver ricevuto una convocazione a Napoli e i due concordano di farlo sapere a quella persona, non specificando il nome: VERBALE: di trascrizione di conversazioni .telefoniche in arrivo ed in partenza sullutenza .avente il numel:o 003361 ... ·526 in usa a FRAC- CHIA ..sergio , come da de=eto nr •. 43725109l(RGNR-.370/llRIT - 37012011 e- masso ·.dal.l.a Procura clal.l.a Rapubbl..ica ,di ··lIAPOL:t a. f:U:ma clal. Dott. Dr. v;n,.,zo ----II .rL::gio,r:Oo 28/l1/2011. alle .ore .16,20 :.hel.la :•sala ±ntercettaziani .instal- lata .Piie!oso ia :i?rocura della .Repubblica di Ni.poli . ----I I . ______ ... ____ .... ___ . __ _ _ __ n": :<&O:Data :·.31/0l/20ll·.Ora·,., 1!h19.:39.Durata" 0:01:.45 -..nt:&b. tdai i!ltllll&rO. +38. · · • 411 . :_,:> ;.-- :; .. ..Y- :--,.. _.. _.- ·<-·. ·.: · i..- • _ -: ,. - . ..... 111i.. l.a ll!naor;a ;dal.J.a ...,.t:t:ina ·a1la "Sera, non ...a ilon. •. : au. .4-:m<mta· ... ·.: •.; di- .... . -. - - . ·-"··--, -- ----· .---- .J. :k: ,dcpodamani a .mezzogio:z:no. . Ji: ·fin "ii.;.,. .. . , .. · ·.,,- . :.· .. ..•• :. ,..:. ...:•. ,, . .,.,: · .... , •.. :..., ..•. ·;-.c: . . ¥.: ·ah ;to .cao._..Dffatt.t ..•• A parts 11 ·eruo a .ae, ..• avo par . . . F: .quando a &rrivata. ..! .• quando ti 9 arrivata ·convocaziona? M: Q arrivata ·oqgi, oqqi pomari:gqio m.i .ha.nno fatto la notifica: -- . . )) "
  • santarsi urgentemente 1.9., urgantemente. F: _che due pal.l.e! Che due pal.l.e! M: lo so ... Va ·be, Dianbe. F: giovsdi a mezzogiorno. M: si, va .bS. F: va bane. M: non so, vedi te, digl.iel.o ... digl.iel.o. F: si, si, glialo dice, si glielo dice. M: va buO. Ciao, ciao, ciao. Poco dopa Sergio Fracchia viene contattato sullutenza 003361 ... 133. ( nel frattem- po sottoposta ed intercettazione telefonica con decreta 370/11) da Marco Milanese. at- traverso il numero 335 ... 078, intestato a! Ministero delle Finanze ed a lui in usa. Nel corso del breve colloqui Milanese domanda a Fracchia, senza esplicitare il nome, noti- zie su Marchese, gli chiede di contattarlo e dirgli che in serata o anche lindomani do- veva chiamarlo ( a Milanese) da una cabina pubblica perche doveva dirgli lui delle ca- se, in quanta linterrogatorio vertera sulle nominee sulle persone che le propongono: VEB.BAIB: di . .t-rasctizione .di .conversazioni telefciniche in arrive ed •.partenza ·.sull.utenza avente .,iLnumero c003361 _ .. 133 ..ln usa a Sergio -370/.af!Uf);;..u.,.mo -d;&lla P=aura -della Repub- . :aL-1i/APQLI ..a ;fimaa ..dal .:Dr. ·f:liTi """Dl"O l?l:SCTP!I!I.TJ nsll.:ambi to nr; o,l ----- ·· - - n"·: ..Ia Data ::31lD1/20ll ·Ora :; ,:=ata : o:D1:54 .... 078 .···· - r::: . : :; .... ; __ ..,. ·•--:· M: ..!iarco.-M; Jpnaaa ;__, . .. ·-·· --- . . ; . . C; .,•_,; .. . : .- .... ..·:r If abi;.;.m"---:.i:hfatti ; .;..-_,..S.i hacb.iamato adeaao .,._..4tlDn vogll.o ogni · ...·.. ·. .M: .no .aico!ilui. ,.., :acmt:irl.o tu? F: -• . .si.·..ba ·chiamato ..lui .. M: :no no? E.: ·::sa no-·si··chiV•va -d.a1lal.tro-lUDI&ro lo!: Plro :perc.. . . . l!: ..,. poi p&rl.ii.va !Ulche a1. tel.afono t:ranquillo nsl somso che non ....
  • M: perc 1 gli dici . . se m.agari da un telefono o da una cabina piu · tardi ... dom.ani .. anche dom.ani _mi da un colpo di talefono cosi gli dico io un po perche tanto .. loro Vogl£0n6- battere solo sulla faccenda no- :m..i.ne .. i. . son matti. ragazzi . . . oomunque vabbe F. si era cal.m.ato sta setti.m.ana qua ... M: no ma i l problema che questi non aanno dove battere allora lunica cosa battono su questo ... come lui sa poi di suo cia una marea di no- lrine .. .. f F: mano male I ! M:&? no si·mano male perc quelli vogliono chiadsre chi lha presen- tato? ooae 1o c:onosca? chi lo fa? capi.aci ,cha di.co ecce .. F: sa stava un po• piu schiacio_& il furbo? M: e 1o ·soma infatti .infatti! comunque .se·g1i puoi dire per favore "" JU.gari dom.ani quando puc mi da un co1po ·di te1efono da un ·tele- fono diciamo fisso ... da una .cabina ..• da qua1cosa ok? F: si ..si si M: -vabbuo . . . qrazie mille 0 poi ci. aanti.am.o -ciao. c:i..ao ciao . .. F: ma figurati Immediatamente dopo lo stesso Milanese richiama Fracchia e si preoccupa di chiedere ulteriori dettagli sulle modaliti! con le quali Marchese era entrato in contatto con lui. Nel contesto Milanese avanza I ipotesi che Marchese possa essere intercettato e si preoccu- pa di precisare che lui non deve essere assolutamente contattato direttamente dal citato commercialista dai suoi numeri, rna solo dallestemo. Fracchia Jo tranquillizza, dicendo che in precedenza ha par Jato con Marchese solo di cose banali e che, comunque, lo sen- tin! attraverso una donna: . .... -...-- ·M: tial:cO . t co } ,,;•.· . !!.: Aicuiiilflm ,Uaccnd<>"tavo 40ai :lmi :v.eniva 1da .tutte .. ma ...,.tt:cno,o;CU··1:AI!l.<ifonO •)lllotto ,.- .• .aagari gli •;,.....·:,.J,.,•.i:)nh2 "". J•:iual.-i:uno ..••.•qu:indi "par1ata :ion . ; .£al.l.o ;cbiamarel··.non mretta- .acnta ..• ·, •.. ·. ·. . . . . . c . . F.: - .-. ·- - . _infatti-:i.o;.:a.dGuJUio ..noil ;lo ,.facCl.o _piu :Chiamere ..... . - ., . .M: .•• pare 4 F: a par.te cha noi .qua11e vol.:tache ·abbiam 1?&r1ato •• abbiam parlato caz::ate ed altro per cui quarda ... M: no. · .ao lo ao -perc ti voqlio dire .. . .m.o per dire ohe :mi 4 57
  • chiamare come fai a di se lui ti chiama col suo . ..·F: no .. Ok no no no ho fatto .. qli hQ mandato_un codice adesso mi faccio i chiama.ra dalla .. donna 1i coma si. chiama M: bravo bravo bravo perc a1 di fuori .. F: no no non ci parlo piu M: dal di fuori acco .. non dai suoi. numeri di telefono naanohe lal- tro numero che santo io .. F: certo - i.ncomprenaibile- i l suo numero .. non lo chi.amo pi.u dai ... M: fino a qiovadi niante ok ciao ciao F: ok ciao ciao M: ciao ciao ..Non a caso dopo circa I 0 minuti Fracchia in via, dallo stesso numero, un SMS con ilquale chiede a Marchese il numero, verosimilmente di telefono, di MeaNome Decreto MARCHESE GUIDO _Numcro monitomto 335 •.. 517R.G.N.R. 43725/09 N RGNR- 2%/11 RIT ·RegistrolnL 296/1 I1n uso 8Progressivo 1648 Chiamato/Q!iamante +3361 .. .526Jn USOll. Sergio Frncchis lntestmmioData : .:·;:, 31/011201 I Verso Entranteom.: ·r:: .. .. 19:48:11Dtm!la 0:00:00IMi mandi nmeaLa mancata intercettazione di ulteriori conversazioni in tale momento dimostra come glistessi personaggi (Fracchia e Marchese) abbiano, come richiesto da Milanese, adottatotutte le cautele per evitare lintercettazioni delle comunicazioni successive.Anche in occasione della perquisizione presso gli uffici di Milano di agenziaimmobiliare di cui Fracchia Sergio i: rappresentante, eseguita in data 4.2.2011. non sonomancate significative conversazioni.Nella circostanza contattato dalla sua segretaria di Milano, nellintraprendereil viaggio per raggiungere il capoluogo Iombardo e presenziare aile attivita di P.G .. vie-ne contattato da Milanese e lo informa dellattivitit in corso presso i suoi uffici. Comenelle altre occasioni Milanese si preoccupa di suggerire cosa rispondere nel caso venis-sero fatte domande specifiche sulle transazioni riguardanti gli immobili ubicati in Fran-cia e, soprattutto. su eventuali nomine.Nella prima conversazione Milanese parla con Marinella, compagna e socia di Fracchia.alia qua]e chiede di passargli luomo. Marinella gli dice che i: dovuto andare di corf<Nl, Milano e che lo puo contattare sullutenza francese: . -......_. . SR
  • VERBALE: di. trascr.iz.ione di. conversazioni in arri.vo ed in partanr:a eul.lutenza avante i l n1Jll1ero 003361· · · .. 133 in uso a Sergio i FRACCHIA , come da deere to nr. .43725/09 N RGNR - 370/11 R1T - 370/2011 ames so dal.la .P.racara •.della ·Rspubblina · di NAPOLI, PM titolara del Dott. Dr. V.inoenzo .Pl:SCin:LLI -----/I Prograssl.vo n•: 74 Data :: 04/02/2011 Ora • 09:25:36 Durata 0:00:27 in <mtrata. dal. .immaro 335... ·078 M: cMaranGlla Pochi minuti dopo lo stesso Milanese contatta nuovamente Fracchia e gli suggerisce Ia storia da dire, raccomandandosi di negare qualsiasi circostanza relativamente aile nomi- ne: 59 ... -
  • M: Apunto ... va buO .. .. va buO .. . ok ... a dopo .. ciao, ciao. _F_: ben&, oiao, ciao. F.L. .. ··-·- Nel corso della perquisizione, poi, prima del suo arrivo a Milano, Mariella contatta il compagno e lo inforrna della convocazione di alcuni collaboratori. Fracchia tranquilliz- za Ia donna dicendo che le persone convocate non sanno nulla, che presso gli uffici non vi erano documenti importanti e che lui stesso nulla ha intenzione di dire: Nome Decreto FRACCIDA(NIZZA) 2 003361. .. 526 R:G.N.R. 370/2011 inE evidente, nella circostanza e le parole di Fracchia lo conferrnano, che Ia tranquillitacia lui dissimulata e legata non allinesistenza di circostanze o fatti di cui preoccuparsLrna solo allirnpossibilita cia parte degli investigaton di poterli reperire sui posto.AI terrnine della perquisizione e della escussione a verbale, Fracchia ricontatta Marinel-la alia quale riferisce, per sommi capi, I esito delle attivita svolte clalla Polizia commen-tandole, afferrnando di aver subito le "solite doltUlnde" e di sospettare di avere i telefonisotto controllo. La donna cerca di tranquillizzarlo e Ia conversazione si chiude conlintesa di lasciare i cellulari italiani a Milano:fu 60
  • Progressive 86 Chiwnato/Chiamante +39335 ... 176In uso a Pirio lntestat.arioData 04/0212011 Verso EntranteOra 15:52:37Dumta 0:05:01!·. Fraccliia chiama MaririeiJa e gli dice che haimo firiito, poigli .dice .che gli hamw .fatio le solitec.dornande, nonche lumno messo lufficio sotto sopra, poi .dice che si so-noportati_Viai filedeiclientie te"Jefoni.sottocontrollo. Marlnella lokvita .a mantenere dice che Barta1i.lnfine di-Qualche giorno dopa Fracchia viene chiamato da Marco Milanese che utilizza nella cir-costanza unutenza con prefisso Thailandese. Dopa i convenevoli Milanese chiede aFracchia, probabilmente riferendosi a Marchese e Barbieri. se i due si fossero tranquil-lizzati e gli comunica che il venerdi sarebbe andato a Genova con quello piii grassottel-lo. Successivamente il discorso prosegue sulla situazione di una societa verosimilmentefrancese, che Fracchia aveva messo a pasta e Milanese fa riferimento alle contraddizio-ni che potrebbe emergere fra quanta detto ed il contenuto di alcune lettere che erano sta-te redatte in precedenza: r.!
  • cose da mettere a posto, che le avevo fatte un po con !eggerezza e che nella leggerezza le ho messe a posto per Ia fine dellanno ..,_toillllpdo .da Napoli". Marco ribatte: " eh no perch6 ...il problema e che cozza contra quello .che hanno detto, c;:he le lettere se le so no fatte prima, capisci?" Marco chiede se lunedi sara a Milano e Sergio risponde: "se hai bisogno, si ma Marco dice che non era .urgente e si vednmno llnaltra volta. Sergio di- ce: ."lunica•cosa che abbiamo, e virgolali". ·Marco dice che quella non e un pro- . . . blema e che poi etutto vero. Chiudono dieendo che si risentiranno. Peraltro, levidente intento di sfuggire ad eventuali, per !oro, inopportune interferenze e dimostrato non solo dallutilizzo. come visto, di utenze con prefissi esteri. verosimil- mente intestate a terzi stranieri. rna anche dalla prudenza adottata neUe modalita di con- tatto, come quando chiedono di essere chiamati da utenze diverse da queUe note a !oro e terzi. Un esempio di tale modalitit si registra, tra gli altri, nel caso della conversazione sotto riportata, nella quale Fracchia chiede a Barbieri di cambiare telefono. NOJDi:Dccreto . · . J:IARBIERI(SCUOLA) · ,.Numennnonitorato ,, -- }3St· ... 829 ;R..G.N.R. ... .43725109 N RGNR -370/ll RIT ,37012011 JnWJOs · ._,. Pmgressivo 205 Chiamato/Obiamsnte +3361 ... 123 lnU50a Fracclrla Sergio (N.I.) lntestalario Dsla · ""· -··· ·.Oll0212011 ..!.16:27.:21: .. · . - ,...,. · . ,-; • ··· " r . ..• jr, :·>;; - :, : . · . : t. ·:.. ; ... . Dunlta " " :, . .. . •. . . 0:00:3.4 Sergio Cell. Carlo gli dice di cambiare il telefono, poi si interrompe . Ebbene, il complesso delle risultanze investigative sin qui esposte induce ad effettuare talune considerazioni: a) le dichiarazioni via via raccolte da Marchese, Barbieri, Fracchia quali persone informate su fatti erano state accompagnate da accordi prima telefonici e poi di persona tra gJi stessi e il Milanese. accordi volti a orientare e concertare il contenuto di quelle" dichiarazioni da offrire a! Pubblico Ministero: b) il contenuto cosi "aggiustato" di quelle dichiarazioni doveva "allontanare " il piu possibile I interesse del Pubblico Ministero da quei pagamenti rilevati sui conto del Mi- lanese. dichiaratamente legati aile descritte compravendite immobiliari, ed escludere gualsiasi possibile connessione con le nomine ricevute da Marchese e Barbieri etc. nelle societa controllate dal Ministero dellEconomia:
  • c) le conversazioni telefoniche intercettate erano inoltre tutte caratterizzate dall8 preoccupazione deg!i interlocutori di evitare !e possibili intercettazioni. ricorrendosi a tal fine sia a conversazioni sulle utenze delle mogli e campagne. sia all usa di schede straniere, come quella utilizzata da Marchese (ucraina), quella utilizzata dal Fracchia (francese) que!la da ultimo utilizzata dal Milanese (thailandese). Oltre che !opera inquinante pasta in essere dagli indagati e principalrnente dal Milane- se, e chiara anche Ia !oro cornune preoccupazione: evitare nelle dichiarazioni da rendere a! Pubblico Ministero gualsiasi riferirnento aile nomine intervenute e gualsiasi colJega- rnento tra guelle nomine e guei pagarnenti. II che, sui piano Jogico, portava conseguenternente a focalizzare lipotesi di un rapporto di concordata corrispettivita tra guegli incarichi - naturalrnente retribuiti rna verosirnil- rnente forieri di altre uri/ita attraverso le attivita gestionali delle singole societa a cui si nrendeva parte - e guei pagarnenti. Del resto, il ruolo svolto dal Milanese nella sua qualitil di consigliere politico del Mini- stro dell econornia ex art. 3 dpr 227/2003 era stato proprio quell a di occuparsi delle nomine allinterno delle societil contro!late dal Ministero dellEconornia per canto del Ministro Tremonti, secondo quanta riferito nelle dichiarazioni del Capo di Gabinetto dr.Fortunato (all.40) e del Direttore dr. Parlato (all.63 e all.64) gia in precedenza ri- chiarnate. E, nellespletamento di questa funzione, egli aveva certarnente promosso lattribuzione degli incarichi poi effettivarnente ricevuti dal Marchese e dal Barbieri. Circostanza, questa, obiettivarnente avvalorata: • dalle acquisizioni documentali, in particolare presso Finmeccanica, • dalle dichiarazioni di Borgogni Lorenzo, • dalle spontanee dichiarazioni della stesso Milanese, • dalle dichiarazioni rese, come persona inforrnata su fatti, da Guido Marchese. Ed, invero, contestualmente alle perquisizioni effettuate presso le societa destinatarie degli interventi del Milanese ai fini delle nomine venivano raccolte le dichiarazioni dei soggetti in posizione di responsabilitil all interna di que!le stesse societil.·. Sulla docurnentazione acquisita presso Finrneccanica, in particolare, venivano sentiti. nelle date dell2.3.2011 e del22.3.20!1, Corbo Barbara e Borgogni Lorenzo (all. 59, all.60, all.61 e all. 62). II Borgogni in particolare, nel ricostruire il piu arnpio e generalizzato "sistema" di at- tribuzione e sostanziale "spartizione partitica" degli incarichi anche in societil non diret- tamente contra !late dal Ministero e ne!le quali nessuna influenza govemativa o partitica avrebbe dovuto esercitarsi, secondo il quadro norrnativo ricostruito attraverso il dr. Par- Jato, conferrnava quanta giil reso evidente dagli atti acquisiti e cioe che il norninativo del Marchese gli era stato fomito da Marco Milanese.
  • Presso gli uffici delle Ferrovie dello Stato. invece. veniva sequestrato un curriculum vi- foe del Barbieri e. successivamente. venivano raccolte le dichiarazioni dellAmministratore Delegato Mauro Moretti (all.65). Quest ultimo, pur dichiarando di non ricordare chi gli avesse sottoposto, per raccoman- darlo, il nominative di Barbieri Carlo, confermava pero che Ia sua nomina era stata cer- tamente a lui proposta dall esterno della societit. Precisava inoltre, che delle nomine per conto del MEF se ne era sempre occupato il Milanese. Unultima considerazione infine, si impone, attese le similitudini tra le modalitil opera- tive del Milanese nelle vicende sopra descritte ed il ruolo svolto dal politico nella vi- cenda, giil esaminata, della vendita della barca, su cui hanno reso concordi dichiarazioni Viscione Paolo e Sidoti Giovanni e della quale ha parlato a lungo anche lo stesso Mila- nese nelle sue dichiarazioni spontanee. Ebbene, in tale vicenda le indagini avevano rivelato che: • cera stato un accordo conclusosi trail Milanese e Testa Fabrizio, con Ia concorrente mediazione iniziale del Viscione e del Sidoti; • in virtU di tale accordo, il Milanese, grazie alia posizione occupata, aveva "pro- mosso" Ia nomina del TESTA (giil consigliere di arnministrazione dellENAV) quale presidente di TECNOSKY;• in corrispettivo di tale intervento Ia barca era stata pagata ad un prezzo di molto su- periore a quello effettivo e di rnercato da parte dellacquirente EUROTEC;• vi era stato quindi il ricorso ad una modalitit sirnulatoria per ricevere le sornme con- cordate attraverso leffettivo "acquisto" della barca del Milanese da parte di EU- ROTEC;• 1acquirente della barca EUROTEC aveva quasi contestualrnente versato sornme alla Fondazione Casa della Libertit, chiara articolazione di natura politica.Alia luce di tale vicenda della vendita della barca, quindi, quella delle altre nomine, oraesarninata, ha seguito coerenternente lo stesso schema operative, sia in ordine a! ruolodel Milanese e dellasservirnento della sua funzione nella "vendita" di incarichi nellesocietit pubbliche, sia neUe modalitit simulatorie utilizzate per far transitare i corrispet-tivi illeciti nella disponibilitit del "venditore" Milanese per il pagamento di sornme su-periori a! valore effettivo dei beni irnmobili compravenduti.Lo stesso Milanese, peraltro, nel corso delle spontanee dichiarazioni rese il 29.3.2011.si soffermava sulla vicenda delle nomine, circoscrivendo, tuttavia il suo ruolo, rna con-fermando di aver personairnente segnalato i nominativi di Marchese e di Barbieri.Nellesciudere qualsiasi rapporto con le nomine descritte, il Milanese confermava an-che i rapporti economico-oatrirnoniali comungue intercorsi con gli stessi soggetti. a-venti ad oggetto ie quote di societit immobiliari e Ja sua villa a Cannes.Dette dichiarazioni appaiono francamente inattendibili. in considerazione degli esiti del- 64
  • Ia perquisizione presso Finrneccanica, del contenuto della documentazione ivi rinvenutae. soprattutto, delle dichiarazioni del Borgogni, che sconfessano apertamente quanto so-stenuto dall indagato.In conclusione, puo tranquillamente affermarsi che il Milanese, nella sua qualita di con-sigliere politico del Ministro dellEconomia. abbia promesso prima ed assicurato poiJattribuzione di nomine ed incarichi in diverse societa controllate dal Ministero. rice-vendo come corripettivo somme di denaro o altre utilitil.In particolare, le indagini hanno consentito di acclarare, al di fuori di ogni dubbio, cheegli abbia effettivamente assicurato Ia nomina di Marchese Guido a componente del col-legia sindacale nelle societil a partecipazione pubblica Ansa/do Breda s.p.a., Oto Me laras.p.a , Ansa/do Energia s.p.a., SOGJN s.p.a e SACE s.p.a., ricevendo dallo stesso Iasomma di euro l 00.000.Con lo stesso modus operandi, risulta che abbia imposto Ia nomina di Barbieri Carlo aconsigliere di arnrninistrazione di Federservizi s.p.a., societil controllata dalla societilFerrovie dello Stato.Sussistono, dunque, pili che gravi indizi di reita degli indagati Milanese Marco, BarbieriCarlo e Marchese Guido in ordine a1 reato !oro ascritto a! capo F) dell epigrafe.A corroborare u]teriormente iJ, granitico, quadro indiziario sussistente a carico del Mi-lanese, vanno menzionate altre conversazioni telefoniche, riportate neJlannotazione del-la DIGOS del 9.4.2011 (all.68) dalle quali pub desumersi che, dopo lincassodellassegno di 650 mila euro ricevuto dalla SOGEPA ed emesso dallo stesso Milanesein restituzione degli importi ricevuti per 1 acquisto, non perfezionato, della casa (cfr. di-chiarazioni di Fracchia, Barbieri e Marchese), lo stesso indagato ne ha richiesto e vero-sirnilmente ottenuto - anche a mezzo del so lito Fracchia - una parziale e ingiustificatarestituzione pe! centomila euro.Nella conversazione sotto riportata, infatti, Marchese viene contattato da Fracchia Ser-gio, da altra utenza non monitorata, il quale gli riferisce deJlimpossibilitil di lui (vero-similmente Milanese Marco) di trovarsi a Genova il venerdi perche impegnato a Perugiae concorda un appuntamento per il Junedi successive a Milano in quanto si devono re-cuperare " un cento di quei documenti che avevamo depositato ..• "Nome Decreta ALmALIANIZZA Numero monitorato 003349 ... J06R.G.N.R. 43725109 N RGNR- 370/11 R1T Rcglstro Int. 37012011in uso B.Progressivo 133 Chiamato/Chiamante +3349.•.. ·006fo uso a ? JntestatarioData 02102/2011 Verso U=nteOra I 7:36:00
  • Durata 0:01:08 Fracchia richilimli"Marchese -e dice che Jra· parlato-con "lui" (presumibilmente on. Milanese) il quale Junedl non puo venerdl a Genova, in quanta deve andare a Perugia dove ha "unaltra ro- gna" da sistemare. Quindi lappuntamento e lnnedl a Milano, nonche haJascilito detto che side- vono recuperate "un cento di quei documenti che avevamo depositato ...non tutti", Marchese ca- pisce, poi chiudono dlcendo che si sentiranno dopo. La conversazione, per quanto non esplicita - indice delle natura non trasparente dell intera operazione - sembra fare senz altro riferimento alia transazione finanziaria intercorsa tra Milanese e Ia societil francese COGEPA e a! pagamento dell assegno di 650 mila euro da parte del Milanese quale restituzione delle somme da lui ricevute co- me anticipi per I acquisto delle casa poi venduta alia cliente giapponese. In particolare, come si e prima rilevato, tra le parti era intercorso un preliminare di ven- dita di una villa a Cannes con contestuale versamento di un anticipo pari a 650.000,00 euro, di cui I 00.000,00 provenienti dai conti personali di Marchese e Barbieri e 550.000,00 da un finanziamento di Banca Carige filiale di Nizza. Tale contralto, secondo Ia ricostruzione offerta dagli interessati, per accordo bonario tra le parti, si risolse a seguito dell intervento di un terzo acquirente e Milanese si impegno a restituire lanticipo, consegnando in garanzia un assegno di importo esattamente corri- spondente, da incassare entro dicembre 20 I 0, !ermine poi asseritamente slittato a gen- naio. Nel mese di gennaio, lassegno e stato posto allincasso presso banca Carige. Tanto premesso, appare assai verosimile che Ia frase "ha lasciato detto che si devono recuperare "un cento di quei documenti che avevamo depositato... ," possa senzaltro riferirsi proprio a! denaro sborsato di tasca propria da Barbieri e Marchese nella transa- zione sopra descritta e che Milanese ha dovuto formalmente restituire per rendere coe- rente con Ia suddetta operazione le dicharazioni giil rese dai vari Marchese, Barbieri e Fracchia. Lespressione "cento di quei documenti" e certamente criptica in quanto non puo cer- to riferirsi a veri documenti che sono notoriamente sempre connotati da una singolaritil-t.,.,. rappresentativa del !oro contenuto e non sono fungibili per quantitil indifferenziate sa 0 -·. V,,o differenza di quanto accade peril bene fungibile per eccellenza come il danaro. Che Ia persona di cui si parla nella telefonata sia senzaltro il Milanese poi lo si ricava indirettamente da altri contatti telefonici intercorsi tra Marchese e Banca Carige, per concordare nuovi appuntamenti, nei quali si fa esplicito riferimento a Milanese: MARCHESE GUIDO Nwncro manitorato 33.5< 0 •• 517 . ,. R.G.N.R. 43125109 N RGNR • 296/ll RIT Registro,Int . 296/11 ln usa a Progressive 2231 Chiamata/Chiamante +39010. 0 655
  • In uso a CARIGE Jntest.atario Data 04/0212011 Verso Entrante Ora 14:40:06 Durata 0:01:45 Banca Carige (Presidenza) chiama Guido a cui dice di aver ricevuto Ia sua mail e ha detto all Presidente che lui (Guido o Milanese) oggi non ci sara Guido dice che non pub perche lonore- vole (verosimilmente Milanese) e stato mandata a Perugia dal Ministro. Guido dice che lonore- vole solitamente e ll il ma !interlocutrice risponde che questa lunedi per il Presidente e impossibile, quindi restano daccordo che lincontro si :fani lunedi 14 verso Ie 12 o nel primo pomeriggio, previa risentirsi e verificare gli impegni del Presidente il quale ha gia un impegno aile 16. Nome Dccreto MARCHESE GUIDO N = monitorntD 33s- ... 517 R.G.N.R. 43725109 N RGNR-296/11 RlT Registro lnl 296111 In uso.a Progressivo 2651 Chiamato/Chiamante +39010: •.. 507 lnUS011 . .. ·. ;:.CllncaCARIGE? .11Jtl>i1l!iwio ·; .:::(;; : :: ,· · .; . li. ;·,: _. .. :.1 . -;·.••... ( :1 -, ;) ,--c:Guj®·.cortlide Pignoriiiliii :MIDNESE -von:ebbe spostare che.chiedera.al.presi-dente e•glilara sapereNpme·Dcal:to ¥ARQIESE.GUIDO · . monitorato :·33$ ... 517_, ,_, ...R.G.N.R. 43725109 N RGNR- 296/11 RlT Registrolnt 296/11 .-.,-··; . ••:CARIGE: · .... . 07/0212011 ·ta:nss ,. ., •, __burata· ---·--_-1:00:21-:-· -- ..Guido con:Pignaoeini .della:banca CARIGE.Ia .quale dif.erisce per.i:Oil!O .del Presidente BER- LEZZI oclle-Jappuntamento per venerdi 1 I ln tarda mattinata va bene . Ia .donna .si raccomanda I .. ·-·-----·--- ... ·- -·. - ........... - . I 67
  • 6.1. Gli atti contrari ai doveri di u(ficio. La con{igurabilita del reato di corruzionecontestato a/ capo F/ del/imputazione.Le condotte riportate nella imputazione provvisoria. attribuite al pubblico ufficiale Mi-lanese nella sua qualita amministrativa di consigliere politico del Ministro - che pre-scinde dallo status di parlamentare- sono senzaltro contrarie ai doveri di ufficio, comerichiesto dalla norma dell art. 319 cp, seconda il consolidato orientamento di giurispru-denza de1Ja Suprema Corte, aHa Juce del quale:"Ai fini della configurabilita del reato di corruzione, sia propria che impropria, non edeterminante il fatto che latto dufjicio o contrario ai doveri dufjicio sia ricompresonellambito delle specifiche mansioni del pubblico ufficiale o dellincaricato di pubblicoservizio, rna enecessaria e sufjiciente che si tratti di un atto rientrante nelle competenzedellufjicio cui il soggetto appartiene ed in relazione a! quale egli eserciti, o possa eser-citare, una qualche forma di ingerenza, sia pure di mero fatto". (Cass. pen. Sez. VI.02/03120 I 0, n. 20502) 7. Profili soggettivi di responsabilitii ed esigenze cautelari. II complesso degli elementi probatori sopra illustrato appare piu che sufficiente a formu-lare un giudizio prognostico su1Ja reiterazione di condotte de1Ja medesima specie pertutti gli indagati.L egregia indagine condotta dalla Guardia di Finanza e dalla DIGOS di Napoli, conden-sata abilmente dal P.M. ne1la richiesta di misura cautelare, e assolutamente completa.straordinariamente dettagliata, priva di lacune istruttorie e pervasivamente convincente.Gli elementi raccolti a carico dei singoli indagati sono univoci, concordanti e gravi esuperano di gran Junga Ia soglia de1la gravita indiziaria richiesta dalla Iegge per Ia emis-sione de1Ja misura cautelare richiesta.Come gia evidenziato, I espletata attivita di indagine ha acclarato inequivocabilmente Iasistematiciti!., Ia continuita e Ia molteplicita de1Je azioni criminose paste in essere daglistessi.Nel dettaglio, sussiste, a parere di questa Gip, il pericolo di inquinamento probatorio(art. 274 lett. A), c.p.p.).Quanta al Milanese Marco Mario, Ia posizione di assoluto rilievo amministrativo rico-perta da costui, co1Jocato, come si e vista, ai vertici de1la struttura del Ministerode1JEconomia in quanta incaricato, per lungo tempo, del ruolo di consigliere politicodel Ministro, ufficio di diretta co1laborazione de1Jo stesso, gli consente, quale naturaleconseguenza di que1Ja funzione, di mantenere contatti con esponenti di vertice dellaGuardia di Finanza e/o con persone comunque gravitanti in posizione di responsabilitanellambiente specifico dove dovranno svilupparsi le successive investigazioni e quindidi accedere a notizie. informazioni. decisioni che dovrebbero essergli precluse.Le attivita di indagine ulteriori dovranno. infatti. essere tese ad individuare gli esponentide1Ja Guardia di Finanza che hanna comunicato al Milanese o a persone a lui vicine Jenotizie relative a1Je investigazioni descritte in precedenza e che hanna poi operata perrallentare le indagini o manipolarne gli esiti. panecipando probabilmente aHa ripartiz(o="··..
  • ne delle somme corrisposte a tal tine da Viscione (e forse anche da altri). La posizione di preminenza gerarchica ed amministrativa del MEF sulla Guardia di Fi- nanza. con le prevedibili ricadute in tema di promozioni. trasferimenti etc. sugli appar- tenenti del predetto Corpo, ha certamente favorite le condone in contestazione unita- mente, come e ovvio. alia diretta provenienza del Milanese dal medesimo corpo militare dal quale si e congedato con il grado di colonnello. Le indagini da svilupparsi quindi appaiono particolarmente complesse e l"unico modo per ridurre i rischi di permeabilita ad ulteriori interventi del Milanese e di pregiudizio allacquisizione e alia genuinita delle fonti di prova e quello di privare, nella misura massirna possibile, lindagato della possibilita di intrattenere rapporti con altri apparte- nenti alia Guardia di Finanza, possibilita che gli deriva in rnaniera privilegiata dalla po- sizione rivestita sino aile sue recenti dimissioni. A tale proposito, Ia scrivente ritiene che le dirnissioni presentate il 28.6.20 II dal Mila- nese non facciano venir meno il pericolo, tuttora concerto ed attuale, di inquinarnento probatorio, in considerazione del fatto che, nonostante Ia cessazione dallincarico, per- mane una situazione di oggettiva .vicinanza tra I odiemo indagato ed il Ministro Tre- monti, al quale il prima e legato da un rapporto di stretta fiducia che prescinde dallincarico formale rivestito dal parlarnentare e sopravvive aile dimissioni rassegnate. Emblematica dellattualita del rapporto fiduciario esistente tra i due uomini politici e Ia vicenda relativa allimrnobile sito in Roma, alia via Campo Marzio n. 24, di proprietadel Pia Sodalizio dei Piceni.Detto immobile, infatti, e stato concesso in locazione a Milanese Marco per un canonemensile di 8.500 euro, rna viene di fatto utilizzato dal Ministro Tremonti, il quale, a suavolta, risulta aver emesso, nel febbraio 2008, un assegno di 8.000 euro in favore del Mi-lanese (vedi, sul punta, relazione del CTU Mancini del29.6.2011).Ebbene, se da un Jato Ia circa stanza che il Milanese sia 1 intestatario formale di un con-tralto di locazione dellabitazione del Ministro puo trovare ragionevole giustificazionenelle esigenze di riservatezza connesse al ruolo istituzionale dell esponente di go vema.dallaltro e pur vera che lobiettivo di riservatezza cosi perseguito appare assolutamenterelative, dal momenta che Ia circostanza e stata di fatto resa nota allocatore, allimpresaesecutrice dei lavori, al portiere della stabile, agli organi preposti alia sicurezza etc.Oltretutto, i rapporti finanziari tra il Tremonti ed il Milanese sono assolutamente pocochiari. atteso che: il Milanese paga mensilmente un canone molto alto il cui complessivo ammon-tare rispetto aile rate gia pagate risulta di oltre centomila euro; le fonti di rirnborso da parte del beneficiario Tremonti non risultano dallesamedei conti esplorati dal CTU, il quale, nella relazione agli atti, riferisce di non aver rinve-nuto assegni o bonifici provenienti da Tremonti; r assegno del febbraio 2008 attiene evidentemente ad altra partita economica rrai due. essendo isolate nel tempo e risultando emesso un anno prima della nascita delmpporto comrattuale con il Pio Sodalizio dei Piceni.
  • :-le discende Ia pennanenza di uno stretto ed attuale rapporto fiduciario tra i due espo- nenti politici che prescinde, evidentemente. dal ruolo istituzionale rivestito dal Milene- se. Sotto diverso profilo, ed a conferma di quanta sia ancora poco chiaro il contesto dei rapporti con i vertici della Guardia di Finanza - nel cui ambito e necessaria un appro- fondimento di indagine - va segnalato il contenuto delle dichiarazioni rese, come perso- na informata sui fatti, dal Ministro Tremonti, il quale, sentito il 17.6.2011, ha riferito in merito allesistenza di "cordate" esistenti allintemo del Corpo e costituitesi in vista del- la prossima nomina del Comandante General e. precisando come alcuni rappresentanti di que! Corpo siano in stetto contatto con il Presidente del Consiglio. Ma, soprattutto, per que! che interessa in questa sede, egli ha riferito che il Milanese sia tuttora in stretto contatto con quei vertici, avendo appreso dagli stessi quanta riferito poial Ministro ed oggetto del colloquia tra lo stesso ed il Presidente del Consiglio Berlu- .,sconL La circostanza, dunque, che il Milanese sia ancora oggi un punta di riferimentoallintemo della Guardia di Finanza, proprio per Ia accertata vicinanza al Ministro Tre-monti, aggrava, a parere di questa Gip, le evidenziate esigenze cautelari legate a1 perico-lo di inquinamentio probatorio.Nella prospettiva indicata non va peraltro sottovalutata Ia circostanza che Ia stessa Bra-vi Manuela, persona informata su fatti, compagna di vita di Milanese e destinataria, in-sieme a1 parlamentare. del soggiomo americana pagato dalla Nowosad, occupa un ruoloanal ago a quella del parlamentare, operand a nella staff di diretta collaborazione del Mi-nistro, quale consigliere per linformazione politica e portavoce dellattuale MinistroTremonti.Ma vi e di piii.Le considerazioni sin qui esposte, Ia posizione dei consigliere politico occupata sino apochi giorni fa dal Milanese e il ruolo diretto sulla formazione delle "rose" di candidatiper le nomine nelle societa pubbliche rivestito sino alle sue recentissime dimissioni, co-stituiscono altresi fattore di forte pregiudizio nellacquisizione e genuinita delle fonti diprova aventi ad oggetto le condotte contestate a1 capo F) dell imputazione.Considerazione resa tanto piu fondata sol che si pensi all opera inguinante gia svoltadal Milanese ed evidenziata dalle tetefonate richiamate e commentate con riferi-mento aile condotte in oggetto.Appare evidente che Ia posizione di potere tuttora rivestita dal Milanese - malgrado,giova ripeterlo, le sue recenti dimissioni- gli consentirebbe un ampio margine di inter-vento e di pressione sulle persone oggetto delle successive investigazioni e. in generale.negli ambiti societari ed arnministrativi dove queste dovranno ancora svilupparsi.Sussistre. inoltre, il peri colo di reiterazione di condotte analoghe a quelle per cui si pro-cede (art.274 lett. C) c.p.p.).La caniera di ufficiale della Guardia di Finanza svolta prima del congedo dal Milanese ---0 "· .... -....... I
  • e riassunta nella allegata scheda matricolare a lui relativa (all.26) dove viene evidenzia- to anche lattua!e status di appartenente a] Corpo. Che il Milanese conservi attualmente strette e frequenti relazioni. favorite dal ruolo isti- tuzionale rivestito sino a] 28.6.2011 (data delle dimissioni), con altri appartenenti del medesimo corpo tuttora in servizio soprattutto ai vertici di quella gerarchia militare, e data che puo desumersi oltre che dalla comune esperienza. anche dal concreto della vi- cenda in esame. Ed. infatti, solo in conseguenza di pregressi, permanenti e stretti rapporti con apparte- nenti a! Corpo - allo stato non identificati - e stato possibile a! Milanese accedere alle notizie coperte da! segreto in ordine aile diverse indagini condotte dalla Guardia di Fi- nanza in un contesto verosimilmente pin ampio da quello evidenziato dai rapporti con il Viscione. Si pensi a tal fine a quanta riferito da! Laurenti a! qua!e il Milanese riferi di non potersi recare da lui in considerazioni delle indagini in corso, condotte da!la Guardia di Finan- za. di cui il Milanese aveva avuto notizia non certo da! Laurenti. Tali rilievi e considerazioni portano a ritenere fondatarnente che il mantenimento in li- berta del Milanese costituisce oggettivo fattore di concreto rischio non solo per lacquisizione e genuinita delle fonti di prova, come in precedenza rappresentato, rna anche per Ja reiterazione di condotte recidivanti specifiche. Conclusione questa cui si addiviene anche in considerazione della plura!ita di condotte analoghe, come sopra contestate, e della non occasiona!ita delle stesse, rinnovate in un lungo area di tempo- da! 2004 al 2010- e nate, secondo lattendibile versione del Vi- scione, per diretta iniziativa dello stesso Milanese. Unica misura idonea a fronteggiare le esposte esigenze di cautela e quella della custo- dia in carcere, in considerazione, in prima luogo, della particolare gravita delle condot- te in contestazione, che coinvolgono direttamente Ia trasparenza e I affidabilita dell operata del Corpo della Guardia di Finanza. e che sono tutta!tro che isolate e spo- radiche. II Milanese si e reso autore, infatti, di condotte gravissirne paste in essere in un area tempora!e di diversi anni, indice sicurarnente di una personalita proclive a delinquere. Gli episodi delittuosi ascritti a! parlarnentare sono, pera!tro, maturati in contesti diversi dove il tratto cornune, anche nella vicenda delle nomine da ultimo esarninata. e costitui- to da!lasservimento della pubblica funzione rivestita a fmi privatistici e di guadagno il-.. lecito fuori da qua!siasi possibile astratta giustificazione di carattere economico o farni- liare rna per mera fina!italucrative. La persona!ita del Milanese appare quella di chi, arnante del lusso e della "bella vita". sembra muoversi in dispregio proprio di quelle Jeggi che, egli piu di ogni altro, avrebbe dovuto far rispettare. Emblernatica e Ia vicenda relativa agli acquisti di oggetti preziosi presso !a gioielleria Laurenti di Roma, ave sono ernersi profili di violazione della nor- mativa antiriciclaggio sulla quale proprio il Ministero dellEconornia e chiarnato ad ap- plicare Je sanzioni arnrninistrative previste dalle varie leggi; cosi come Ja violazione del- "",) -1
  • le normativa tiscale in materia di dichiarazione dei redditi (con lomissione delle dichia- razioni relativa agli immobili posseduti in Francia) o !utilizzo del sottoposto !annariello per Ia "missione" presso Viscione a Cervinara o dellautista per ritirare gli orologi edaltri gioielli presso Laurenti. Daltra parte loggettivo coinvolgimento dellattuale compagna Manuela Bravi nellavita professionale e delle relazioni gravitanti intorno al Ministero dellEconomia (oltreche in alcune specifiche vicende legate ai rapporti con il Viscione) rende inadeguate, agiudizio della scrivente. altre misure custodiali in astratto disponibili.Peraltro, il nurnero e !a gravita degli episodi attribuiti a! Milanese consentono di esclu-dere che, in caso di condanna, lo stesso possa beneficiare della sospensione condiziona-le della pena.Ogni altra misura cautelare appare, quindi, inadeguata.Essendo accertato in atti lo status di parlarnentare rivestito dallindagato Milanese Mar-co, 1 esecuzione della presente ordinanza e subordinata alla condizione che sia rilasciatadalla Camera dei Deputati lautorizzazione prevista dallart. 4 della Iegge 20 giugno2003 n. 140.L autorizzazione sara richiesta da questa Giudice ai sensi e nelle forme previste dagliartt. 4, co. 2 e 5, della Iegge citata.Quanta, poi, alia posizione degli indagati Marchese Guido e Barbieri Carlo, occorreevidenziare come questi ultirni, sentiti inizialmente quali persone informate sui fatti, ab-biano inteso rendere dichiarazioni certarnente compiacenti rna comunque indottedall opera del Milanese, cosi come e emerso chiararnente dal tenore delle conversazionimonitorate, sopra riportate.11 contesto di eterodirezione dei !oro atti nel quale questi due indagati continuano amuoversi in relazione alia vicenda in esarne risulta inoltre dalla successive condotte -sempre evidenziate dalla conversazioni intercettate - volte a riconsegnare al Milaneseparte delle somme dallo stesso ricevute.Tale condotta e certarnente sintomatica di generalizzata mistificazione nella ricostruzio-ne dei fatti offerta dagli stessi, cosi come, in generale, da tutti i protagonisti delle vicen-da.Per costoro, dunque, susisste, con concretezza ed attualitit, il pericolo di inquinarnentoprobatorio oltre che, naturalmente, il pericolo di reiterazione di condotte analoghe aquelle per cui si procede.Misura idonea a fronteggiare le evidenziate esigenze di cautela e quella degli arrestidomiciliar!. P.Q.M. Letti gli artt. 291 e ss. c.p.p., :10olica !a misura della custodia cautelare in carcere a :Ylilanese Narco Mario, nato a Miano 18.9.1959, I l i J l i
  • aoplica a Ia misura cautelare degli arresti domiciliari. con divieto di incontro con le persone che non coabitano con gli indagati. nel domicilio che indicheranno all atto dell esecuzione a Marchese Guido, nato a Voghera il 29 .4.1964, Barbieri Carlo, nato a Voghera il18.12.1965, Letti gli artt. 4 e 5 della Iegge 20 giugno 2003 n. 140, sospende I esecuzione del presente provvedimento limitatarnente alia posizione di Milanese Marco Mario e contestualmente dispone !a trasmissione di co pia dell atto al Signor Presidente della Camera dei deputati con richiesta di apposita autorizzazione.• Si riserva di trasmettere a detta Autoritl! gli ulteriori atti depositati ai sens1 dell art. 291 c.p.p., ove cio risulti necessaria ai fini della richiesta autorizzazione. Manda alia eancel!eria per gli adempimenti e per !a trasmissione dell ordinanza in du- plice copia al Pubblico Ministero che ne curera I esecuzione. Napoli, 6 luglio 2011 ·1 Depositato in cancelleria ilr-lt++----- ., Il C lie e .••• 73