Your SlideShare is downloading. ×
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Maxiemendamento
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Maxiemendamento

19,334

Published on

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
19,334
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
252
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. A.S. 2968Allelenco 1 di cui allarticolo 3 apportare le seguenti modificazioni: a) sostituire Jelenco delle riduzioni delle dotazioni finanziarie rimodulabili delle missioni e dei programmi del Ministero delleconomia e delle finanze come da tabella allegata relativa al Ministero medesimo. b) sostituire Jelenco delle riduzioni delle dotazioni finanziarie rimodulabili delle missioni e dei programmi del Ministero dellambiente e della tutela del territorio e del mare come da tabella allegata relativa al Ministero medesimo. c) alla riga "Totale" in corrispondenza della voce "Riduzioni" sostituire gli importi per gli anni 2012, 2013 e 2014 coni seguenti: 2012: 9.606.088 2013: 4.401.811 2014: 4.259.348Conseguentemente, allarticolo 4, apportare le seguenti modificazioni: a) sostituire il comma 9 con il seguente: "9. Allarticolo 7-bis, comma 1, del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, convertito con modijicazioni dalla Iegge 31 marzo 2005, n.43, le parole "a decorrere dallanno 2005" sono sostituite dalle seguenti: "dal 2005 a/ 2011" e, alla fine, sono aggiunte le seguenti: "e a decorrere da/2012/a somma di un milione di euro",· b) al comma 27, sostituire Ia parola 57 con Ia seguente: "57-ter"; c) dopo il comma 57 aggiungere i seguenti commi: 57-bis "AI comma 3 dellartico/o 53, secondo periodo, della Iegge 27 dicembre 1997, n. 449, dopo le parole "Iegge 23 dicembre 1996, n. 662" sono aggiunte le seguenti " il cui onere nonpotra essere superiore a 321,6 milioni di euro per lanno 2012, 351,6 milioni di euro per /anno 2013 e 291,6 milioni di euro a decorrere dallanno 2014." 57-ter "Le risorse disponibili per gli interventi recati dalle autorizzazioni di spesa di cui alle/enco 3 allegata alla presente Iegge sono ridotte per ciascuno degli anni 2012, 2013 e 2014 per gli importi ivi indicati. "; d) a/ comma 88, apportare le seguenti modijiche:
  • 2. I) al prima periodo, sostituire le parole "da 80 a 87" con le seguenti parole: "da 74 a 76 e da 79 a 87"; 2) aggiungere dopo l ultimo periodo le seguenti parole: "ll Ministro dell economia e delle jinanze e autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occ01renti variazioni di bilancio. "; Elenco 3 (articolo 4, comma 57-ter) Norme 2012 2013 2014Articolo I3, comma I, della Iegge 2 maggio I990, n. 102 38.960.000Decreto-legge 30 gennaio 1998, n. 6, convertito, conmodificazioni, dalla Iegge 30 marzo I998, n. 6I 13.097.259 10.832.306Articolo 4 del decreto-legge 30 maggio 1994, 11. 328,convertito, con modificazioni, dalla Iegge 25 luglio 1994, n.471 40.103.116 33.167.952 40.103.116Articolo 6, comma 1, del decreto-legge 19 dicembre 1994, n.691, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 16 febbraio1995, 11. 35 1.500.000 827.067 1.200.000 Articolo 5 della decreto-legge 20 settembre 2003, n. 269,convertito dalla [eJ?,ge 24 novembre 2003, n. 326 8.000.000 6.616.534 8.000.000Articolo 29, comma I, della decreto-legge 20 settembre2003, n. 269, convertito dalla Iegge 24 novembre 2003, n.326 1.000.000 2.000.000Conseguentemente, alia tabella C, apportare le seguenti modificazioni (tra parentesi, gli importida sostituire): 2012 2013 2014 (in migliaia di euro) Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dellamhiente Tutela e conservazione della fauna e della flora, salvaguardia della biodiversita e dellecosistema marino MINISTERO DELLAMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE LEGGE N. 979 Del 1982: DISPOSIZIONI PER LA DIFESA DEL MARE (1.10- CAPP. 1644, 1646) 21.700 21.700 5.612 (16.971) (21.168) (5.572)
  • 3. DECRETO LEGGE N. 2 Del 1993: CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE N. 59 DEL 1993: MODIFICHE E INTEGRAZIONI ALLA LEGGE 7 FEBBRAIO 1992 N. 150, IN MATERIA DI COMMERCIO DETENZIONE DI ESEMPLARI DI FAUNAE FLORA MINACCIATI DI ESTINZIONE. (1.10- CAPP. 1388, 1389) 187 155 155 154) (150) (105) LEGGE N. 549 Del 1995: MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA FINANZA PUBBLICA - ART. 1 COMMA 43: CONTRIBUTI AD ENTI,. ISTITUTI, ASSOCIAZIONI, FONDAZIONI ED ALTRI ORGANISM! E LEGGE FINANZIARIA N. 296 DEL 2006: DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE FINANZIARIA 2007), ART. 1,COMHA 519- STABILIZZAZIONE PERSONALE (1.10 - CAP. 1551) 7.000 7.000 7.000 S.721) (7.000) (7.000)Conseguentemente alta tabella E, apportare le seguenti modificazioni (tra parentesi, gli importi dasostituire): 2012 2013 2014 (in migliaia di euro)Sviluppo sostenibile e tutela del territorio edel1 1 ambiente Tutela e conservazione del territorio e delle risorse idriche,trattamento e smaltimento rifiuti, bonifiche AHBIENTE E TUTELA DEL TERRITORIO E DEL HARE LEGGE FINANZIARIA N. 244 Del 2007: DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE FINANZIARIA 2007) -ART. 2 COMMA 327: PIANO STRAORDINARIO DI TELERILEJAHENTO (Set.27)INTERVENTI DIVERS! (1.9- CAP. 8534) 500 (411) (-) (-) lRelatore j j () h_:;k ..<
  • 4. Rlduzloni delle dotazionl finanzlarie rimodu!abill di elascun Mlnistero Triennio 2012-2014 {mlgiall-dl BJID)Minis-t-ero Mis-s !one Progr.unma RIDUZK>Uf 2012 ... ...... 1-- RWUZIORI 2013 ,.,_ ."" I~~ RJOUZfOHl £014 I ,.,..,...... """ ....... 3.W£~ 2454.0~ 71U92 """-71< lli.9~3 ~T.!..t;V5MINISlERO OELlECOHOMIA E DELLE F!NAIIZE 41-o.ws 18-7.107 92.315 13J%!5 -MC•.S:?4 Z22.~Q- 1 PoJffiche- economlco-finanziarie e- di !Xlancio (29} u Regotmor~ giori:!::diz..~ne fuo.frla !11 e oo:~nf:namenta d~ sistema della 1-tS.-;"!..£ 4.102 SS..291 0 65.575 "" u Prevenfune e repressfcme delfe frodi e d.:Se -b~lazklni-al}1 !.M$0 21.224 .,.. • 9.31!.~ >0.147 <~bb!ighi frscafl {3) 1.4 Regc!amen~cne e ~oig_lianza slli settore fhanzlado (4) 1.152. m m • = 0 2t47.S 19.502: :255 1.5 RegOCazbnl ront-abilf, resilluzior.i a ri:nbcrsi d1mpcs-te (5} ~.2.!.3 30f "" 1.B A!lalisi e program marion~ econo~fmanziaria (5) ,, . rn "" .Uf 1..1-GS- J~~ 1.7 Analisf, mo.litorag!f.o e rontrcllo delia finanza pubblica e 101~rs 151l~7CJ I :US: nz.ro- Zll.29-~ 212705"- po!f-tiche tfi bilanclo (7} .!!!.-&!2 o!P.SSZ 7.191 7.2P7 14.DP! Ut;!:JS 2 Refaz.ionl futanziarie con le autanomie t-erritaria!i (3-} 12.Q2.0 2.1 Eroga:it:m!- a EnfitE!Il"itoriali p-erintervenU til retiore (1l ~sz...q ~5.J57 6500. ~"" 12..92a 2.3 Regot.azbnl-oont-abili e4 allii trasf-=rimenli al!e R~klni a stabf.o speciale {5) ·= ~225 1?4- 704 1.175 1.175 ~f;l 627 37 3 Ll!a!ia in Europa e nel mondo (4) JA93- " " 3.1 Parle¢!p!IDne itaIiana aile pc...9tche di bUanclo-ln amtffio UE (10) UD1 • " • " 32 Pciiti¢3. economica e finanriaria mamf:tito inemazion;;E (11} ... ., Jro " J!~ 37 eos 161 214 274 4 Difesn e sicurezza det temtofio {5) B"" "" 4.1 Mls:OOI milita:rl ill pace (a) -B69" ., ,., " 274 274- 5 Of!fme pubblico e sicureua (7) 61f43 • 5R3-92 • """ • !U Concorso. decful G-uanfia di Fnanu Dlla slcurezza pubb:~ (5) ~.943 0 • 0 63-7 0 52 srcurezza demoaaUca (4) 6iHit>G • 50.ill • 4lt.fiQ • 122..795 122.iP5 13!:1~9-5 07.$!1 55.231 SS.ZJt 6 SOccoso cMie (8)MilllSTERO OC....ttECONOMf:A E DElLE FlNANZE P-agina 1- tfi4
  • 5. Riduzioni delle dotazionl finanziarle rimodulabili di ciascun Ministero Triennio 2012-2014 {rn;gtala dl El!ro}Uinis-t&o 2012 2013 2014 fAfssione: Pro9Jamma mnwow I""""""" """ l!lllUZlOm ~~~~ IIDUZIONI I "" ~..&.~ """ ,._.., S5.231 """"" S-5..231 62 Prote-z!cf<-e ~~ {5) 122195 122.7~5 MI.~~ 7 Agrtcolfum, politiclle agroalimenta<l e pesca (9) ~.IJ22 3}".021 322~" ,._... Zi-.155 21. ta;: 7.1 Sc:;!egno at s~ore a~...ola (3} J1a22 Jlt.022 31.945 $2.045 ZS-.16.-S 25.ta.f 8 CompelitMta e siluppo delle lmprese (11) IDS.MI!i 02.3~ 0 • 7-1~ ;gs,- 8.2 fn~nW. aBe impre-se- pe.r fnteMmti d! sost-EgnO (S:) • • • • • • 1!.3 tms.,;·en!T di s05~egM tramfte IJ sistana: della fisc..a!italS} iD6.~S Q2.SCS • 0 7.1~4 7.£.~~ 91Jilftloalla mobilita(13) E18..S1f, n!.G1(J 4.5~ ..., t53..t:M 1:SO..t07 P2-!. U"H 15~~-e...:~: 150.®7 0.1 Sostegno aJio- svfuppo del: tr.J;;porlo {"3:) lli.51f. 4£;3:1 "" 10 ln!iastrulture pullbllclle elogislica (14) :roun 2re.S~ >14 0 1S1 c 1D-.1 Op=re pubhtiche e hfra9r t¥.ur-= ($) .... ~o.un WJ.~7 11ol; 0 151 11 Comunlcaz!oni {15) 63.358 • e-2...~ • 4f.S6! • ·1 t. t Senri:zl: postaH :e telef~nicl {3} 7.635: • H.S..3 0 4.551 • 11.2 Sostegw alledifcf.a(4) 56..3.19: 4&!5"2 0 31.21! • 13 Siluppa SO>"ienlbile e tule.a del lenllorio e deTIambiente (18) • • 1£1~ 0 23-l 0 13..2 Sasleg.no al!o svJup:pa sostenib2e (14) • • Z9J. G 2j) 14 Casa e aS&etto urbanistico (19) ,.,. m • • • • 14.1 Edi!ir..a abita.thla e- poiiliche {el"lfto.:iali {1) " m • 0 • 16 lstrumne•eo.astlca (22) ooe ~.TCXI 715 710 1..200- r.zoo 710 um 1..103 16-.1 Sostegaoali1;;1<ID...""ne (1D) ~.70B G.TW " 17 llirtiti socia!i, pofrticlle sociali efumlglia {24) ~5.31S t2.4SJ 3t-.127 2!i.UT 24D<7 2.1.232MINJSTERO DELlECONOMl4 E 0-El.LE FttWIZE. P-ag:lna. 2 di4
  • 6. Riduzloni delle dotazionl finanziarie rimodulabiil di clascun Mlnlstero Triennio 2012-2014 (migfaa~ a:Jro}Mintster"O 2012 2013 2014 Mis-sione Programma R!DllZiOfU ~~~ RIDUZIONl .... ,.,..,. 1--~ HIOUZlORI dCii I -L~ """ r~m 11129~ 10-.1~ .... """ 6.601 17.1 Protezione so::::We per pa..rfc:~ cate&Orie {5} 12336 172. Gararu:h defdiffi!l dei cftfa!iinl {ill uae • • • ~ " 21.1~ 11l.~S. 1Q.O"Q5 .a...G-3 .s-.4~ 17.3 Snstegao aU a famigr~a {1) 21.129 -17 A! Pr001oi-one e ,gar...nzia d-el diriUi e d81e pari owoftunh· {S} 7.fm 7.0"i7 5.$5.5- Me5 47C<2: U02 17.5 Lotta aUe :diper.-den.:..--e (4} 4J.J-25 • 3.Uii 0 .2661 0 37.113 37.!13 .:ID.Ui1 J-?.001 24.515 24-.5~ 18 Po!i!i<:he pr<Mdenziall {25) 37.113 37.113 3M61 ~.:BC.t 2:4..Sa 14.5~ 12-.1 PreM£:nZa obbEl:f.i;toria -e wmprem=r.!are, S:.curezza s.oclafe- h<isklimeni:i ag!i enU ed organism~ int~sall {2) 21 Organ! costituzionaH, a nlevanza coslitUzionale e mE-.~11 51.5~ BB~365 47.732 7U.1B:f J7.Q57 Pres!den:md5l Coosigoo deimlnisl!i (1) 3~.7~3 13:148 261115 11).~34 22..-312: S.t30 21.2 Organ a ri!e-yanza oostluzioaale (2} 6&.191 ~~.rv; 47~36-3 ~.fOB 21.3 Pr~s1Ctnza del Consigfu del Minisfri (3) 75-.1~9 .U.S93 na94 5.274 27.~61 J.4f0 21.€8.5 270> 22 Gio>ronf e spcrt {30) 22:..1 Attim ricreatlve e sport{i) 32.6-2!; 0 23.€61 • 15-.B1~ • 22.2. Jn~ntiY;ui"<one e sosregno .;;:Jfa gbllalli (21 5.:274 5.274 3.4o"l s.4ea "-" 27M 4.517 4.(111 23 Tunsmo (31) E-.387 "" 5-..eOS 5.805 23.1 SVilllf..pllEcompeli~#.a dgturfSII;O (1} ..,., >S-.3~7 5-.-5(•:! 5.805 .4.em 4.617 24 S..."""Vizi isti!uzionafi e- genera!i de!!e amminie-trazloni 55-.11& -" 47.&3l "-" 3~.111 52$ pu!Jblidle (32) 1f~ 0 24.2: lndirfzzo politic-o (2} 19-!l 0 " 24-.3 Se--rvlzl e .affarl generafi per Je ammfrf.<S-frazioni di ccmtH=t-=m:-a (S) 4.!0& • • 0 0 0 24.4 SeMzl-genaan. formatlt ed apyro-ffiglonar.umli per !e 5!::!.£-25: 553 46523- 655 37.J2t 520 Amf/U.istrnionl pubhli~ {4) 24.5 RapE!fe.sETitanz:a~ dif~ In giudlrio-e ronsutenzalegale In HIDD 0 1.200 0 UJ;~ 0 favore delf~ Amministrazkmt dee.o: Stab e d;;.aH -enti aufur";zzall (-5}MINlSTERO OEllECONOMIA E DEllE FINANZE P.cgina3di4
  • 7. Riduzioni deUe dotazioni finanzlarie rimodulabili dl ciascun Ministero Ttiem>io 2012-2614 {mlg1>l><l!Em>jMinisfero 2012 2013 2014 J,Us.sfone. Programma arwt RIDUZK>Nf I~~ RIDUZIDUI w~ I ~l"..mo d?:~UI F1c?>i 25 Fondi da ripartire (33) 124.E1-6 fJ17.MS 25-.1 Fondi da assegg~ (1) 57.58f 25-.2 Fontfl diris:eiVa e speclalit2) f(j,llJf 41AT1 1.7.477 . 26 Debi!opubblico {34) • • • • • 28-.1 Onaiperil5~deldebifo stata~(1) • • 0 • •MINJSTERO DEll EOOUOMIA E o=:LLE fiNANZE
  • 8. Riduzioni delle dotazionl finanziarle rlmoduJablli di ciascun Ministero Triennio 2012-2614 {mfgl31a 41 E!!ro}Ministero 2012 2013 2014 Miss:Ione: ,.., tt!OII 8ni Programma RIDUZIONJ ~-­ RID!JZlO!ll Ip.~ EM!flonli RIOUZ!ONI I """"""" 124.f15- """" l«il-ti"MlNJSTERO DElLAMBIEHTE E DELlA TUTElA DElTERR!TDR!O E DEL MARE 1 Sviluppo sosteru"blffi e tute!:a del terrnano e delJambfente {1-8) 1.2 Pr~venri:.ne e: riduziw.e.int£-grai:a de-~.aqufnamento (3} 1Q--.171 1.6 V~giianza. prelenzlone e rep-ression!! in ambito a..Jlblentale {$) 95! Coonf;nameffiacg.:--m~~. infurmaziroe ed educazione ., ,,,. 1.B am!i*nbie-; comtmfcazillne- amblentale 11) "" 1.9 Tul:ela e ronser..razione dS terf1..00o -e d~lle- rlsor:se ldridte, 3S.121 tratlamarto e smatffmento rifi..rli, bonffiche (12) 1.10 Tutela e-oonse-Naz:bne deHa fa~a e delta flea-, saloagaarrlia 5.10!i de!=..:a bJodN.ers!ta e rlellecosfstema m-arin.o (U.} 2 Ricerca:e innovazione (17} t23 " " 0 3 Servizi i.stif.uz.looali e genem!i deUe amministrazioni pubbHche (32} 3.1 lrnfiduo p.olitico {2} 0 • " 3..2 Servizi e- affa.:i genaali perle: ammin~:zic,•ti di: compet-=nz.a 414 0 0 7S.5 (3} 4 Fondi da ripartire (33) 71 101 U! -4.-1 Fond! da asseunare (-1) 107 ~.0&7MNISTERG OEUAMBfENTE E DELLA TUTELA DEL TERR!TORJO E OEl Pag!na t di: 1MA.qE
  • 9. Relazione tecnica Lemendamento e volto in primo luogo a considerare le proposte formulate dal Ministero dellambiente e della tutela del territorio e del mare di riduzione delle spese rimodulabili, pervenutedopo Ia presentazione del disegno di Iegge di stabilita, da intendersi sostitutive delle riduzioni linearigi<l apportate a! medesimo stato di previsione, in applicazione dell articolo 3 del provvedimento inesame, incluse nellelenco 1, mediante corrispondente riduzione degli accantonamenti disposti ai sensidellarticolo 10 del decreto-legge 98 del2011. Daile variazioni delle citate voci di spesa non derivano effetti negativi sui saldi di frnanzapubblica e risulta confermato i1 raggiungimento dellobiettivo di riduzione relativo a! Ministeromedesimo per ciascuno degli anni 2012,2013 e 2014. Inoltre, per alcune Missioni di spesa della stato di previsione del Ministero dell economia edelle finanze, e necessaria procedere a modifiche di carattere tecnico del suddetto elenco, per tenerconto che talune delle riduzioni richiedono lintroduzione di interventi normativi, da inserirenellarticolo 4 del disegno di Iegge di stabilita, a! fme di assicurare il conseguimento dei relativirisparmi. Trattandosi di una mera ricollocazione delle riduzioni di spesa tra lelenco e larticolo 4 deldisegno di Iegge (che comunque rinvia allo specifico elenco 2), anche dalla presentazione delle citateproposte emendative non derivano effetti sui saldi di finanza pubblica. In ordine aile modifiche a! citato articolo 4, Ia disposizione di cui a! comma 57-bis prevede Iarideterminazione a partire dallarmo 2012 delle risorse iscritte in bilancio sui capitola 1502 dello statodi previsione del Ministero delleconomia e delle finanze, per i servizi offerti in convenzione inrelazione agli obblighi del servizio universale dei recapiti postali. Di conseguenza il contratto diprogramma con Poste italiane Spa in corso di definizione dovra risultare coerente con i1 nuovoquadro cantabile e con Ia direttiva 2008/6/CE, per quanta riguarda il pieno completamento delmercato interno dei servizi postali della Comunita Europea. A tal fine, vengono rideterminate per larmo 2012 le risorse iscritte sui predetto capitola concorrispondente compensazione, per 50 milioni di euro, a carico del capitola 2175/MEF, relativo aspese rimodulabili. Pertanto, per larmo 2012 lo stanziamento del capitola in parola a seguito delle suddettemodifiche si attestera a 321,6 milioni di euro (rispetto a 351,6 milioni previsti dal disegno di Iegge dibilancio a legislazione vigente). II comma 57-ter prevede lintroduzione di un nuovo elenco di interventi correttivi, daaggiungere a quelli indicati dallarticolo 4, relativi allo stato di previsione del Ministero delleconomia
  • 10. e delle finanze, concementi stanziamenti destinati a finanziare operazioni finanziarie con !a Cassa depositi e prestiti non ancora utilizzati, nonch6 canoni di locazione di innnobili pubblici, con conseguente razionalizzazione degli spazi in uso. Lart. 4 comma 9 del diseguo di legge di stabilita, nellambito delle iniziative volte a! raggiungimento dellobbiettivo di riduzione della spesa relativo a! Ministero dellintemo, prefissato dal DPCM del 28 settembre 2011, in applicazione dellart 1, comma 1, del D.L. 138 del 2011, prevede una modifica dellart.7bis, comma 1, del d.!. 31 gennaio 2005, n.7, convertito nella legge 43/2005, che attribuiva a! comune di Campione dItalia una somma di 2 milioni di euro annui per lassistenza sanitaria a favore degli abitanti di que! comune. Nel ridurre tale asseguazione di 2 milioni ad 1 milione a decorrere dal2012, di fatto si ribadisce che per gli anni dal 2005 a! 2011 lassegnazione e pari a 2 ruilioni. Tuttavia, su proposta del Ministero dellinterno, negli anni 2009, 2010 e 2011 e stata prevista, nellambito delle rimodulazioni tra i programmi delle dotazioni fmanziarie di ciascuna missione di spesa, anche !a riduzione di 1 milione di euro della citata assegnazione. A tal proposito, si rende necessaria una modifica del testo del suddetto comma 9, tenuto contoche lattuale forrnulazione potrebbe deterrninare leventuale insorgenza di richiesta di integrazione daparte del comune di Campione d Italia, per i suddetti anni dal 2009 a! 2011. La disposizione noncomporta effetti sui saldi di finanza pubblica. Le modifiche introdotte a! comma 88 sono volte ad individuare le disposizioni dellarticolo 4che concorrono a! conseguimento dei risparmi di spesa peril Ministero dellistruzione, delluniversitae della ricerca, quota parte delle quali so no destinate a! fondo di nuova istituzione di cui all articolo 4,comma 88. Inoltre si introduce !a norma di autorizzazione ad apportare, con decreti del Ministrodelleconomia e delle finanze, le variazioni di bilancio per il riparto del predetto fondo di nuovaistituzione. Infme, nellambito del suddetto elenco 1, si propone una variazione compensativa, relativa allostato di previsione Ministero dell economia e delle finanze, ridotando !a missione Comunicazioni -programma Sostegno alleditoria (cap. 2183), per gli importi di euro 19.550.727 euro per lanno2012, di euro 16.257.524 per !anno 2013 e di euro 12.920.019 per lanno 2014, per tener conto ditalune obbligazioni pluriennali vincolanti. AI fme di assicurare !a necessaria compensazione, e prevista la contestuale diminuzione,rispettivarnente, per lanno 2012, della dotazione della missione Fondi da ripartire - programmaFondi da assegnare, da operare, sul cap. 2175, e, per gli anni 2013 e 2014, della dotazione dellamissione Politiche economico-finanziarie e di bilancio - programma Regolazioni contabili,restituzioni e rimborsi dimposte, sul cap. 3565, come riportato dal prospetto a seguire.
  • 11. elenco 1- variazioni saldo netto da finanziare lndebitamento netto compensative MEF 2012 I 2013 I 2014 2012 I 2013 I 2014capltolo 2183/MEF· nuovo 1m porto della riduzione 50.269.932 41.802.002 33.220.550 50.269.932 41.802.002 33.220.550- precedente lmporto della riduzione 69.820.659 58.059.526 46.140.569 69.820.659 58.059.526 46.140.569- differenza da coprire - 19.550.727 - 16.257.524 - 12.920.019 - 19.550.727 - 16.257.524 - 12.920.019capitola 2175/MEF 19.550.727 19.550.727capitola 3565/MEF 16.257.524 12.920.019 16.257.524 12.920.019 L einendamento comprende altresl Ie conseguenti modifiche tecniche aile tabelle C ed E delDDL di stabilita, derivanti dalle nuove proposte di riduzione delle spese rimodulabili formulate dalMinistero dellambiente e della tutela del territorio e del mare. Si tratta di modifiche che assicuranoii coordinamento tecnico tra ii nuovo elenco di riduzioni del citato Ministero e gli stanziamentiesposti nelle suddette tabelle. eff•.::Hi tl:..:/lart. t7, Ct1mma 3, Jt.Jl:i k.gr,t.! J.{ dkc111bro 20f}9 1 li, ll}h, !;.l avtHoc::.iro ¥ POS!T!VO I J NfCGMNO t 11 Raj!.ioniere Gun~ra-lc J.dlv .StaW
  • 12. . 4-. D. ,~LOOO A.S. 2968 Articolo 4-bis ( Patto di stabilita intemo)1. Allarticolo I del decreto Iegge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148, sono apportate le seguenti modifiche:a) a! comma 12, primo periodo, le parole: "puo essere" sono sostituite dalla seguente: "e";b) a! comma 12, il secondo periodo e sostituito dal seguente: "La riduzione e distribuita tra i comparti interessati nella seguente misura: 760 milioni di euro alle regioni a statuto ordinario, 370 milioni di euro alle regioni a statuto speciale e alle province autonome di Trento e Bolzano, 150 milioni di euro alle province e 520 milioni di euro ai comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti;c) a] comma 12-quater le parole: "Le disposizioni di cui ai commi 12, primo periodo, e" sono sostituite dalle seguenti: "Le disposizioni di cui a! comma".2. Allarticolo 20, comma 3, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111, !ultimo periodo esostituito dal seguente: "II contributo degli enti territoriali alia manovra per lanno 2012 e ridotto di 95 milioni di euro per le regioni a statuto ordinario, di 20 rnilioni di euro per le province e di 65 milioni di euro per i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti. E ulteriormente ridotto, per un importo di 20 milioni di euro, lobiettivo degli enti che partecipano alia sperimentazione di cui allarticolo 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118. Le predette riduzioni sono attribuite ai singoli enti con il decreto di cui allarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111 ".3. Allarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98 convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15luglio 2011, n. Ill, sono apportate le seguenti modifiche: a) nellalinea le parole "in quattro classi, sulla base dei" sono sostituite dalle seguenti: "in due classi, sulla base della valutazione ponderata dei"; b) alla lettera a), prima delle parole "prioritaria considerazione" sono inserite le seguenti "a decorrere dallarmo 2013,"; 1
  • 13. c) alia lettera c), prima delle parole "incidenza della spesa del personale" sono inserite le seguenti "a decorrere dallanno 2013,"; d) alia lettera f), prima delle parole "tasso di copertura" sono inserite le seguenti "a decorrere dallanno 2013,"; e) alia lettera g), prima delle parole "rapporto tra gli introiti" sono inserite le seguenti "a decorrere dallanno 2013,"; f) alia lettera h), prima delle parole "effettiva partecipazione" sono inserite le seguenti "a decorrere dallanno 2013,"; g) alia lettera 1), prima delle parole "operazione di dismissione" sono inserite le seguenti "a decorrere dallanno 2013,".4. Allarticolo 20 del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111, il comma 2-ter esoppresso.5. Allartico1o 14, comma 1, del decreto Iegge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148, nellalinea, sostituire le parole", ai fmi della collocazione nella classe di enti territoriali pili virtuosa di cui allarticolo 20, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111, oltre a! rispetto dei parametri gia previsti dal predetto articolo 20, deb bono adeguare" con le seguenti "adeguano".6. Allarticolo 3 del decreto Iegge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148, i1 comma 4 esoppresso.7. I mutui e i prestiti obbligazionari posti in essere con istituzioni creditizie o finanziarie per i1 fmanziamento degli investimenti devono essere corredati di apposita attestazione da cui risulti il conseguimento degli obiettivi del patto di stabilita intemo per lanno precedente. Listituto finanziatore o lintermediario finanziario non puo procedere al finanziamento o a! collocamento del prestito in assenza della predetta attestazione. Articolo 4-ter (Patio di stabilita intemo degli enti locali) 2
  • 14. 1. Ai fini della tutela dellunita economica della Repubblica, le province e i comuni conpopolazione superiore a 5.000 abitanti e, a decorrere dallanno 2013, i comuni con popolazionecompresa tra 1.001 e 5.000 abitanti, concorrono alia realizzazione degli obiettivi di frnanza pubblicanel rispetto delle disposizioni di cui a! presente articolo, che costituiscono principi fondamentali dicoordinamento della finanza pubblica ai sensi degli articoli 117, terzo comma, e 119, secondocomma, della Costituzione.2. Ai fini della deterrninazione dello specifico obiettivo di saldo frnanziario, le province e i comunicon popolazione superiore a 1.000 abitanti applicano, alia media della spesa corrente registrata neglianni 2006-2008, cosl come desunta dai certificati di conto consuntivo, le percentuali di seguitoindicate: a) perle province le percentuali sono pari a 16,5 per cento per lanno 2012 e a 19,7 per centoper gli anni 2013 e successivi; b) peri comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti le percentuali sono pari a 15,6 percento per lanno 2012 e a 15,4 per cento per gli anni 2013 e successivi; c) peri comuni con popolazione compresa tra 1.001 e 5.000 abitanti, le percentuali per gli anni2013 e successivi sono pari a 15,4 per cento. Le percentuali di cui aile lettere a), b) e c) si applicano nelle more delladozione del decretoprevisto dallarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, conmodificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111.3. II saldo finanziario tra entrate finali e spese frnali calcolato in termini di competenza mista ecostituito dalla somma algebrica degli importi risultanti dalla differenza tra accertamenti e impegni,per Ia parte corrente, e dalla differenza tra incassi e pagamenti, per Ia parte in conto capitale, a!netto delle entrate derivanti dalla riscossione di crediti e delle spese derivanti dalla concessione dicrediti, come riportati nei certificati di conto consuntivo4. Ai fini del concorso a! contenimento dei saldi di frnanza pubblica, gli enti di cui a! comma Idevono conseguire, per ciascuno degli anni 2012, 2013 e successivi, un saldo finanziario in terminidi competenza mista non inferiore a! valore individuate ai sensi del comma 2 diminuito di unimporto pari alia riduzione dei trasferimenti di cui al comma 2 dellarticolo 14 del decreto-legge 31maggie 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 30 luglio 2010, n. 122.5. Gli enti che, in esito a quanto previsto dallarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6luglio 2011,n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111, risultano collocati nella 3
  • 15. classe piu virtuosa, conseguono lobiettivo strutturale realizzando un saldo finanziario espresso intermini di competenza mista, come defmito a! comma 3, pari a zero, ovvero a un valore compatibilecon gli spazi finanziari derivanti dallapplicazione del comma 6.6. Le province ed i comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti diversi da quelli di cui a!comma 5 applicano le percentuali di cui a! comma 2 come rideterminate con decreto del Ministrodelleconomia e delle finanze da emanare, di concerto con il Ministro dellinterno e con il Ministroper i rapporti con le Regioni e per Ia coesione territoriale, dintesa con Ia Conferenza unificata, inattuazione dellarticolo 20, comma 2 del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, conmodificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. Ill. Le percentuali di cui a! periodo precedente nonpossono essere superiori: a) perle province, a 16,9 per cento per lanno 2012 e a 20,1 per cento per gli anni 2013 e successivi; b) peri comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti, a 16,0 per cento per !anno 2012 e a 15,8 per cento per gli anni 2013 e successivi; c) per i comuni con popolazione compresa tra 1.001 e 5.000 abitanti, per gli anni 2013 e successivi, a 15,8 per cento.7. Nel saldo finanziario in termini di competenza mista, individuato ai sensi del comma 3, rilevanteai fini della verifica del rispetto del patto di stabilita interno, non sono considerate le risorseprovenienti dallo Stato e le relative spese di parte corrente e in conto capitale sostenute dalleprovince e dai comuni per lattuazione delle ordinanze emanate dal Presidente del Consiglio deiMinistri a seguito di dichiarazione dello stato di emergenza. Lesclusione delle spese opera anche seesse sono effettuate in piu anni, purcM nei Iimiti complessivi delle medesime risorse e purcherelative a entrate registrate successivamente a! 2008.8. Le province e i comuni che beneficiano dellesclusione di cui a! comma 7 sono tenuti a presentarealia Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della protezione civile, entro i1 mese digennaio dellanno successivo, lelenco delle spese escluse dal patto di stabilita intemo, ripartite nellaparte corrente e nella parte in conto capitale.9. Gli interventi realizzati direttamente dagli enti locali in relazione allo svolgimento delleiniziative di cui a! comma 5 dellarticolo 5-bis del decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343,convertito, con modificazioni, dalla Iegge 9 novembre 2001, n. 401, sono equiparati, ai fmi del pattodi stabi!ita intemo, agli interventi di cui al comma 7. 4
  • 16. 10. Ne1 saldo fmanziario in tennini di competenza rnista, individuato ai sensi del comma 3,rilevante ai fini della verifica del rispetto del patto di stabilita intemo, non sono considerate lerisorse provenienti direttamente o indirettamente dallUnione europea ne le relative spese di partecorrente e in conto capitale sostenute dalle province e dai comuni. Lesclusione non opera per lespese connesse ai cofmanziamenti nazionali. Lesclusione delle spese opera anche se esse sonoeffettuate in piu anni, purche nei lirniti complessivi delle medesime risorse e purch6 relative aentrate registrate successivamente a! 2008.11. Nei casi in cui lUnione europea riconosca importi inferiori a quelli considerati ai fmidellapplicazione di quanto previsto dal comma 10, limporto corrispondente aile spese nonriconosciute e incluso tra le spese del patto di stabilita intemo relativo allanno in cui e comunicatoil mancato riconoscimento. Ove !a comunicazione sia effettuata nellultimo quadrimestre, ilrecupero puo essere conseguito anche nellanno successivo.12. Per gli enti locali individuati dal Piano generale di censimento di cui a! comma 2 dellarticolo50 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 30 luglio2010, n. 122, come affidatari di fasi delle rilevazioni censuarie, le risorse trasferite dallIstitutonazionale di statistica (ISTAT) e le relative spese per Ia progettazione e lesecuzione dei censimenti,nei lirniti delle stesse risorse trasferite dallISTAT, sono escluse dal patto di stabilita intemo. Ledisposizioni del presente comma si applicano anche agli enti locali individuati dal Piano generaledel 6° censimento dellagricoltura di cui a! numero ISTAT SP/1275.2009, del 23 dicembre 2009, edi cui a! comma 6, lettera a), dellarticolo 50 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito,con modificazioni, dalla Iegge 30 luglio 2010, n. 122.13. I comuni della provincia dellAquila in stato di dissesto possono escludere dal saldo rilevante aifini del rispetto del patto di stabilita intemo relativo allanno 2012 gli investimenti in conto capitaledeliberati entro il 31 dicembre 2010, anche a valere sui contributi gia assegnati negli anniprecedenti, fmo alia concorrenza massima di 2,5 rnilioni di euro; con decreto del Ministrodellintemo, di concerto con il Ministro delleconomia e delle fmanze, da emanare entro i1 15settembre, si provvede alia ripartizione del predetto importo sulla base di criteri che tengano contodella popolazione e della spesa per investimenti sostenuta da ciascun ente locale.14. Nel saldo fmanziario in termini di competenza mista, individuato ai sensi del comma 3,rilevante ai fini della verifica del rispetto del patto di stabilita intemo, non sono considerate lerisorse provenienti dallo Stato e le spese sostenute dal comune di Parma per Ia realizzazione degli 5
  • 17. interventi di cui a! comma I, dellarticolo I, del decreto-legge 3 maggio 2004, n. 113, convertito,con modificazioni, dalla Iegge 2 luglio 2004, n. 164, e per Ia realizzazione della Scuola per !Europadi Parma di cui alia Iegge 3 agosto 2009, n. 115. Lesclusione delle spese opera nei limiti di 14rnilioni di euro per ciascuno degli anni 2012 e 2013.15. Aile procedure di spesa relative ai beni trasferiti ai sensi delle disposizioni del decretolegislativo 28 maggio 2010, n. 85, non si applicano i vincoli relativi a! rispetio del patio di stabilitaintemo, per un importo corrispondente aile spese gia sostenute dallo Stato per Ia gestione e Iamanutenzione dei beni trasferiti. Tale importo e deterrninato secondo i criteri e con le modalitaindividuati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministrodelleconornia e delle fmanze, di cui a! comma 3, dellarticolo 9, del decreto legislativo 28 maggio2010, n. 85.16. Per gli anni 2013 e 2014, nel saldo finanziario in termini di competenza mista, individuato aisensi del comma 3, rilevante ai fini della verifica del rispetio del patio di stabilita intemo, non sonoconsiderate le spese per investimenti infrastrutturali nei limiti defrniti con decreto del Ministro delleinfrastrutture e dei trasporti, di concerto con iJ Ministro delleconornia e delle fmanze, di cui alcomma 1, dellarticolo 5, del decreto Iegge 13 agosto, n.138, convertito, con modificazioni, dallaIegge 14 setiembre 2011, n.148.17. Sono abrogate Je disposizioni che individuano esclusioni di entrate o di uscite dai saldi rilevantiai fini del patio di stabilita intemo non previste dal presente articolo.18. II bilancio di previsione degli enti locali ai quali si applicano le disposizioni del patio distabilita intemo deve essere approvato iscrivendo le previsioni di entrata e di spesa di parte correntein rnisura tale che, unitamente aile previsioni dei flussi di cassa di entrata e di spesa in contocapitale, a! netio delle riscossioni e delle concessioni di crediti, sia garantito il rispetio delle regoleche disciplinano il patio medesimo. A tale fine, gli enti locali sono tenuti ad allegare a! bilancio diprevisione un apposito prospetio contenente le previsioni di competenza e di cassa degli aggregatirilevanti ai fini del patio di stabilita int()mo.19. Per i1 monitoraggio degli adempimenti relativi a! patio di stabilita intemo e per lacquisizione dielementi informativi utili per Ia finanza pubblica anche relativarnente alia !oro situazione debitoria,le province e i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e, a decorrere dal2013, i comunicon popolazione compresa tra 1.001 e 5.000 abitanti, trasmetiono semestralmente a! Ministerodelleconornia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, entro trenta 6
  • 18. giorni dalla fine del periodo di riferimento, utilizzando il sistema web appositamente previsto per ilpatto di stabilita interno nel sito web «www.pattostabilita.rgs.tesoro.it», le informazioni riguardantile risultanze in termini di competenza rnista, attraverso un prospetto e con le modalita defrniti condecreto del predetto Ministero, sentita !a Conferenza Stato-citta ed autonornie locali. Con lo stessodecreto e definito i1 prospetto dimostrativo dellobiettivo determinato ai sensi del presente articolo.La mancata trasrnissione del prospetto dimostrativo degli obiettivi progranunatici entroquarantacinque giorni dalla pubblicazione del predetto decreto nella Gazzetta Ufficiale costituisceinadempimento a! patto di stabilita interno.20. Ai fini della verifica del rispetto degli obiettivi del patto di stabilita interno, ciascuno degli entidi cui a! comma 1 etenuto a inviare, entro il terrnine perentorio· del 31 marzo dellanno successivo aquello di riferimento, a! Ministero delleconornia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneriagenerale dello Stato, una certificazione del saldo finanziario in termini di competenza rnistaconseguito, sottoscritta dal rappresentante legale, dal responsabile del servizio fmanziario edallorgano di revisione econornico-:finanziaria, secondo un prospetto e con le modalita definiti daldecreto di cui a! comma 19. La mancata trasrnissione della certificazione entro il terrnine perentoriodel 31 marzo costituisce inadempimento a! patto di stabilita interno. Nel caso in cui lacertificazione, sebbene trasmessa in ritardo, attesti il rispetto del patto, si applicano le soledisposizioni di cui a! comma 2, lettera d), dellarticolo 7, del decreto legislativo 6 settembre 2011,n. 149. Decorsi 15 giorni dal termine stabilito per lapprovazione del conto consuntivo, !acertificazione non puo essere rettificata.21. Qualora dai conti della tesoreria statale degli enti locali si. registrino prelevarnenti non coerenticon gli impegni in materia di obiettivi di debito assunti con lUnione europea, il Ministrodelleconornia e delle fmanze, sentita !a Conferenza Stato-citta ed autonomic locali, adotta adeguatemisure di contenimento dei prelevarnenti.22. In considerazione della specificita della citta di Roma quale capitale della Repubblica e fmoalia compiuta attuazione di quanto previsto dallarticolo 24 della Iegge 5 maggio 2009, n. 42, esuccessive modificazioni, il comune di Roma concorda con il Ministro delleconomia e delle:finanze, entro i1 31 maggio di ciascun anno, le modalita del proprio concorso alla realizzazionedegli obiettivi di finanza pubblica; a tale fme, entro il31 marzo di ciascun anno, i1 sindaco trasmettela proposta di accordo a! Ministro del!economia e delle finanze. 7
  • 19. 23. Gli enti locali istituiti a decorrere dallanno 2009 sono soggetti alle regole del patto di stabilitainterno dal terzo anno successivo a quello della !oro istituzione assurnendo, quale base di calcolo sucui applicare le regole, le risultanze dellanno successivo allistituzione medesirna. Gli enti localiistituiti negli anni 2007 e 2008 adottano come base di calcolo su cui applicare le regole,rispettivamente, le risultanze medie del biennio 2008-2009 e le risultanze dellanno 2009.24. Gli enti locali commissariati ai sensi dellarticolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n.267, sono soggetti alle regole del patto di stabilitit interno dallanno successivo a quello dellarielezione degli organi istituzionali. La mancata comunicazione della situazione dicommissariamento secondo le indicazioni di cui a! decreto previsto dal primo periodo del comma19, detennina per lente inadempiente lassoggettamento alle regole del patto di stabilita intemo.25. Le informazioni previste dai commi 19 e 20 sono messe a disposizione della Camera deideputati e del Senato della Repubblica, nonche dellUnione delle province dItalia (UP!) edellAssociazione nazionale dei comuni italiani (ANCl) da parte det Ministero delleconomia e dellefinanze, secondo modalita e contenuti individuati tramite apposite convenzioni.26. Restano ferme le disposizioni di cui allarticolo 7, comma 2 e seguenti, del decreto legislativo 6settembre 2011, n. 149.27. Dopo il primo periodo della 1ettera a) del comma 2 dellarticolo 7 del decreto legislativo 6settembre 2011, n.l49, aggiungere, i1 seguente: "Gli enti locali della regione Siciliana e dellaregione Sardegna, sono assoggettati alla riduzione dei trasferimenti erariali nella misura indicata a!primo periodo.".28. Agli enti locali per i quali !a violazione del patto di stabilita interno sia accertatasuccessivamente allanno seguente a quello cui !a violazione si riferisce, si applicano, nellannosuccessivo a quello in cui e stato accertato i1 mancato rispetto del patto di stabilita interno, lesanzioni di cui a! comma 26. La rideterminazione delle indennitit di funzione e dei gettoni dipresenza di cui a! comma 2, lettera e), dellarticolo 7, del decreto legislativo 6 settembre 2011, n.149, e app!icata ai soggetti di cui allarticolo 82, del decreto legislativo 18 agosfo 2000, n. 267 esuccessive modificazioni, in carica nellesercizio in cui e avvenufa !a violazione del patto distabilitit inferno.29. Gli enfi locali di cui a! comma 28 sono fenufi a comunicare linadempienza entro 30 giornidallaccertamenfo della violazione del patto di stabilitit inferno a! Ministero delleconomia e dellefinanze - Dipartirnenfo della Ragioneria Generale dello Sfafo. 8
  • 20. 30. I contratti di servizio e gli altri atii posti in essere dagli enti locali che si configurano elusividelle regole del patio di stabilita intemo sono nulli.31. Qualora le Sezioni giurisdizionali regionali della Corte dei conti accertino che i1 rispetio delpatio di stabilita intemo e stato artificiosamente conseguito mediante una non corretia imputazionedelle entrate o delle uscite ai pertinenti capitoli di bilancio o altre forme elusive, le stesse irrogano,agli amministratori che hanno posto in essere atii elusivi delle regole del patio di stabilita intemo, lacondanna ad una sanzione pecuniaria fino ad un massimo di dieci volte lindennita di caricapercepita al momento di commissione dellelusione e, al responsabile del servizio economico-finanziario, una sanzione pecuniaria fino a 3 mensilita del tratiamento retributivo, al netio deglioneri fiscali e previdenziali.32. Con decreto del Ministro delleconomia e delle fmanze possono essere aggiomati, oveintervengano modifiche legislative alla disciplina del patio di stabilita intemo, i termini riguardantigli adempimenti degli enti locali relativi al monitoraggio e alla certificazione del patio di stabilitaintemo. Articolo 4-quater (Patio di stabilita intemo delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano)1. Ai fmi della tutela dellunita economica della Repubblica, le regioni e le province autonome diTrento e di Bolzano concorrono alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica nel rispetiodelle disposizioni di cui al presente articolo, che costituiscono principi fondamentali dicoordinamento della finanza pubblica ai sensi degli articoli 117, terzo comma, e 119, secondocomma, della Costituzione.2. II complesso delle spese finali in termini di competenza finanziaria di ciascuna regione a statutoordinario non pub essere superiore, per ciascuno degli anni 2012 e 2013, agli obietiivi dicompetenza 2012 e 2013 trasmessi ai sensi dellarticolo 1 del decreto del Ministero delleconomia edelle fmanze del 15 giugno 2011, concemente il monitoraggio e Ia certificazione del Patio distabilita intemo 2011 per le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, attraverso imodelli 50B/11/CP e, per le regioni che nel 2011 hanno ridefinito i propri obietiivi ai sensidellarticolo I, comma 135, della Iegge 13 dicembre 2010, n. 220, attraverso il modello 60B/11,ridotii degli importi di cui alla tabella seguente. Per gli anni 2014 e successivi il complesso delle 9
  • 21. spese fmali in tennini di competenza di ciascuna regione a statuto ordinario non puo esseresuperiore allobiettivo di competenza per lanno 2013 determinate ai sensi del presente comma. (in migliaia di euro) Ripartizione contribute agli obiettivi di finanza pubblica in termini di competenza finanziaria aggiuntivo rispetto al2011 REGION! 2012 2013 e succ. ABRUZZO 26.465 56.838 BASILICATA 18.348 39.405 CALABRIA 36.764 78.956 CAMPANIA 98.398 211.325 EMILIA ROMAGNA 49.491 106.289 LIGURIA 23.408 50.272 LAZIO 119.357 256.338 LOMBARDIA 95.810 205.765 MARCHE 22.223 47.728 MOUSE 9.396 20.179 PIEMONTE 68.892 147.957 PUGLIA 54.713 117.504 TOSCANA 47.183 101.332 UMBRIA 20.321 43.642 VENETO 54.231 116.470 TOTALE 745.000 1.600.000Gli importi di cui alla predetta tabella si applicano nelle more delladozione del decreto previstodallarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111.3. II complesso delle spese finali in tennini di cas sa di ciascuna regione a statuto ordinario non puoessere superiore, per ciascuno degli anni 2012 e 2013, agli obiettivi di cassa 2012 e 2013 trasmessiai sensi dell articolo 1 del decreto del Ministero dell economia e delle finanze del 15 giugno 2011,concemente il monitoraggio e Ia certificazione del Patio di stabilita intemo 2011 per le Regioni e leProvince autonome di Trento e di Bolzano, attraverso i modelli 50B/11/CS e, perle regioni che nel2011 hanno ridefinito i propri obiettivi, ai sensi dellarticolo 1, comma 135, della Iegge 13 dicembre2010, n. 220, attraverso il modello 60B/11, ridotti degli importi di cui alia tabella seguente. Per glianni 2014 e successivi il complesso delle spese fmali in termini di cassa di ciascuna Regione astatuto ordinario non puo essere superiore allobiettivo di cassa per lanno 2013 determinate ai sensidel presente comma. 10
  • 22. (in migliaia di euro) Ripartizlone contribute agli obiettivi di finanza pubblica in termini di cassa aggiuntivo rispetto al2011 REGION! 2012 2013 e succ. ABRUZZO 26.557 57.035 BASILICATA 20.770 44.606 CALABRIA 39.512 84.857 CAMPANIA 89.286 191.755 EMILIA ROMAGNA 58.630 125.917 LIGURIA 28.687 61.609 LAZIO 69.539 149.346 LOMBARDIA 118.203 253.860 MARCHE 23.710 50.921 MOUSE 10.406 22.349 PIEMONTE 78.392 168.359 PUGLIA 46.824 100.561 TOSCANA 57.991 124.545 UMBRIA 19.582 42.056 VENETO 56.911 122.224 TOTALE 745.000 1.600.000Gli importi di cui alia predetta tabella si applicano nelle more delladozione del decreto previstodallarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111.4. II complesso delle spese frnali di cui ai commi 2 e 3 e determinato, sia in termini di competenzasia in termini di cassa, dalla somma delle spese correnti e in conto capitale risultanti dal consuntivoa! netto: a) delle spese per !a sanita, cui si applica !a specifica disciplina di settore; b) delle spese per !a concessione di crediti; c) delle spese correnti e in canto capitale per interventi cofrnanziati correlati ai frnanziamenti dellUnione europea, con esclusione delle quote di finanziamento statale e regionale. Nei casi in cui lUnione europea riconosca importi inferiori, limporto corrispondente a11e spese non riconosciute e incluso tra le spese del patto di stabilita intemo relativo allanno in cni e comunicato i1 mancato riconoscimento. Ove Ia comunicazione sia effettuata nellultimo quadrimestre, i1 recupero puo essere conseguito anche ne1lanno successivo; d) de1le spese relative ai beni trasferiti in attuazione del decreto legislativo 28 maggio 2010, n. 85, per un importo corrispondente aile spese gia sostenute dallo Stato per !a gestione e !a 11
  • 23. manutenzione dei medesimi beni, determinato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di cui allarticolo 9, comma 3, del decreto legislativo n. 85 del 2010;e) delle spese concementi ii conferimento a fondi immobiliari di immobili ricevuti dallo Stato in attuazione del decreto legislativo 28 maggio 2010, n. 85;f) dei pagarnenti effettuati in favore degli enti Iocali soggetti a! patto di stabilita intemo a valere sui residui passivi di parte corrente, a fronte di corrispondenti residui attivi degli enti locali. Ai fini del calcolo della media 2007-2009 in termini di cassa si assume che i pagarnenti in conto residui a favore degli enti Iocali risultanti nei consuntivi delle regioni per gli anni 2007 e 2008 corrispondano agli incassi in conto residui attivi degli enti locali, ovvero ai dati effettivi degli enti locali ove disponibili;g) delle spese concementi i censimenti di cui allarticolo 50, comma 3, del decreto-Iegge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con. modificazioni, dalla Iegge 30 luglio 2010, n. 122, nei Iimiti delle risorse trasferite dallISTAT;h) delle spese conseguenti alia dichiarazione dello stato di emergenza di cui alla Iegge 24 febbraio 1992, n. 225, e successive modificazioni, nei limiti dei maggiori incassi derivanti dai provvedimenti di cui allarticolo 5, comma 5-quater, della Iegge n. 225 del 1992, acquisiti in apposito capitola di bilancio;i) delle spese in conto capitale, nei limiti delle somme effettivarnente incassate entro il 30 novembre di ciascun anno, relative a! gettito derivante dallattivita di recupero fiscale ai sensi dellarticolo 9 del decreto legislativo 6 maggio 2011, n. 68, acquisite in apposito capitola di bilancio;j) delle spese fmanziate dal fondo per il finanziarnento del trasporto pubblico locale, anche ferroviario di cui allarticolo 21, comma 3, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 20 I 1, n. 111;k) per gli anni 2013 e 2014, delle spese per investimenti infrastrutturali nei limiti definiti con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con ii Ministro delleconomia e delle finanze, di cui a! comma 1, dellarticolo 5, del decreto Iegge 13 agosto, n.l3 8, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n.148.I) delle spese a valere sulle risorse del fondo per Io sviluppo e Ia coesione sociale, sui cofmanziarnenti nazionali dei fondi comunitari a finalita strutturale e sulle risorse individuate ai sensi di quanto previsto dall articolo 6-sexies del decreto Iegge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 6 agosto 2008, n. 133, 12
  • 24. subordinatamente e nei lirniti previsti dal decreto del Ministro delleconomia e delle finanze di cui allarticolo 5-bis, comma 2, del decreto Iegge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n.l48.5. Sono abrogate le disposizioni che individuano esclusioni di spese dalla disciplina del patto distabilita intemo delle regioni a statuto ordinaria differenti da quelle previste a! comma 4.6. Ai fmi della determinazione degli obiettivi di ciascuna regione, le spese sono valutateconsiderando le spese correnti riclassificate secondo Ia qualifica :funzionale "Ordinamento degliuffici. Anuninistrazione generale ed organi istituzionali" ponderate con un coefficiente inferiore a 1e le spese in conto capitale ponderate con un coefficiente superiore a 1. La ponderazione di cui a!presente comma e deterrninata con decreto del Ministro delleconomia e delle fmanze, previa intesain sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome diTrento e di Bolzano, da adottarsi entro i1 31 ottobre di ogni armo, assumendo a riferimento i daticomunicati in attuazione dellarticolo 19-bis del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135,convertito, con modificazioni, dalla Iegge 20 novembre 2009, n. 166, valutati su base omogenea. Ledisposizioni del presente comma si applicano nellarmo successivo a quello di emanazione deldecreto del Ministro dell economia e delle fmanze di cui a! presente comma.7. II complesso delle spese fmali relative allarmo 2012, 2013 e successivi, sia in termini dicompetenza finanziaria che di cassa, delle regioni a statuto ordinario che, in esito a quanto previstodallarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,dalla Iegge 15 luglio 20 l1, n. 111, risultano collocate nella classe piu virtuosa, non puo esseresuperiore alia media delle corrispondenti spese finali del triennio 2007 ~ 2009, ridotta dello 0,9 percento.8. Ai fini dellapplicazione del comma 7, le regioni a statuto ordinaria calcolano Ia media dellaspesa _finale del triennio 2007-2009, sia in termini di competenza che di cassa, rettificando, perciascun anno, Ia spesa fmale con Ia differenza tra i1 relativo obiettivo programmatico e ilcorrispondente risultato, e con Ia relativa quota del proprio obiettivo di cassa ceduta agli enti locali.9. Le regioni a statuto ordinario diverse da quelle di cui a! comma 7, ai fini dellapplicazione deicommi 2 e 3, applicano le tabelle rideterminate dal decreto del Ministro delleconomia e dellefinanze da emanare, di concerto con il Ministro dellinterno e con i1 Ministro per i rapporti con leregioni e per Ia coesione territoriale, dintesa con Ia Conferenza unificata, in attuazione dellarticolo 13
  • 25. 20, comma 2, del decreta legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla 1egge 15luglio 2011, n. 111.10. II concorso alla manovra finanziaria delle regioni a statuto speciale e delle province autonome diTrento e di Balzano, di cui allarticolo 20, comma 5, del decreta Iegge 6 luglio 2011, n. 98,convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111, come modificato dallartico1o 1,comma 8, del decreta legge 13 agosto, n. 13 8, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14settembre 2011, n. 148, aggiuntivo rispetto a quella disposta dallarticolo 14, comma 1, lettera b),del decreta Iegge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 30 luglio 2010,n. 122, eindicate, per ciascuno degli anni 2012, 2013 e successivi, nella seguente tabella. (in migliaia di euro) Ripartizione contribute agli obiettivi di finanza pubblica in termini di competenza e di cassa aggiuntivo rispetto al 2011 AUTONOMIE SPECIAL! 2012 2013 e successivi DL 78 del DL 98 e 138 DL 78 del DL98e1381 2010 del2011 Totale 2010 del2011 Totale IBOLZANO 59.347 242.216 301.563 59.347 297.198 356.545FRIULI VENEZIA GIULIA 77.217 229.350 306.567 77.217 281.411 358.628SARDEGNA 76.690 237.544 314.234 76.690 291.466 368.156SICILIA 198.582 572.826 771.408 198.582 702.853 901.435TRENTINO ALTO ADIGE 4.537 27.571 32.108 4.537 33.829 38.366TRENTO 59.346 225.462 284.808 59.346 276.641 335.987VALLE DAOSTA 24.281 95.031 119.312 24.281 116.602 140.883TOTALE 500.000 1.630.000 2.130.000 500.000 2.000.000 2.500.00011. AI fine di assicurare il concorso agli obiettivi di finanza pubblica, le regioni a statuto speciale,escluse Ia regione Trentino-Alto Adige e le province autonome di Trento e di Balzano, concordano,entro i1 31 dicembre di ciascun anna precedente, con il Ministro delleconornia e delle fmanze, perciascuno degli anni 2012, 2013 e successivi, illivello complessivo delle spese correnti e in cantocapitale, nonche dei relativi pagamenti, determinate riducendo gli obiettivi prograrnrnatici del 2011della somma degli importi indicati dalla tabella di cui a! comma 10. A tale fme, entro il 30novembre di ciascun anna precedente, i1 presidente dellente trasmette Ia proposta di accordo a!Ministro delleconornia e delle finanze. Con riferimento allesercizio 2012, i1 presidente dellente 14
  • 26. trasmetie Ia proposta di accordo entro il 31 marzo 2012. In caso di mancato accordo, si applicano ledisposizioni stabilite per le regioni a statuto ordinaria.12. AI fine di assicurare il concorso agli obietiivi di finanza pubblica, Ia regione Trentino-AltoAdige e Je province autonome di Trento e di Balzano concordano, entro i1 31 dicembre di ciascunanna precedente, con il Ministro delleconomia e delle finanze, per ciascuno degli anni 2012, 2013 esuccessivi, i1 saldo prograrnmatico calcolato in termini di competenza mista, determinatomigliorando i1 saldo prograrnmatico dellesercizio 2011 della somma degli importi indicati dallatabella di cui a1 comma 10. A tale fine, entro i1 30 novembre di ciascun anna precedente, ilpresidente dellente trasmetie Ia proposta di accordo a! Ministro delleconomia e delle finanze. Conriferimento allesercizio 2012, i1 presidente dellente trasmette Ia proposta di accordo entro il 31marzo 2012. In caso di mancato accordo, si applicano le disposizioni stabilite perle regioni a statutoordinaria.13. Le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e di Balzano che esercitano in viaesclusiva le funzioni in materia di finanza locale definiscono per gli enti Jocali dei rispettiviterritori, nellambito degli accordi di cui ai commi 11 e 12, le modalita attuative del patio di stabilitainterno, esercitando le competenze aile stesse attribuite dai rispetiivi statuti di autonomia e dallerelative norme di attuazione e fermo restando I obietiivo complessivamente determinato inapplicazione dellarticolo 4-ter. In caso di mancato accordo, si applicano, per gli enti locali di cui a!presente comma, le disposizioni previste in materia di patio di stabilita interno per gli enti locali delrestante territorio nazionale.14. Le regioni cui si applicano limiti alia spesa possono ridefmire il proprio obietiivo di cassaattraverso una corrispondente riduzione dellobietiivo degli impegni di parte corrente relativi agliinteressi passivi e oneri fmanziari diversi, alia spesa di personale, ai trasferimenti correnti econtinuativi a imprese pubbliche e private, a famiglie e a istituzioni sociali private, alia produzionedi servizi in economia e allacquisizione di servizi e forniture calcolati con riferimento alia mediadei corrispondenti impegni del triennia 2007-2009. Entro il 31 Juglio di ogni anna le regionicomunicano a! Ministero delleconomia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generaledella Stato, per ciascuno degli esercizi compresi nel triennia 2012-2014, lobietiivo prograrnmaticodi cassa rideterminato, lobietiivo prograrnmatico di competenza relativo aile spese compensate elobietiivo prograrnmatico di competenza relativo alle spese non compensate, unitamente aglielementi informativi necessari a verificare Je modalita di calcolo degli obiettivi. Le modalita per il 15
  • 27. monitoraggio e Ia certificazione dei risultati del patio di stabilita intemo delle regioni che chiedonoIa ridefinizione del proprio obietiivo sono definite con i1 decreto di cui a! comma 17.15. Le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e di Bolzano concorrono a!riequilibrio della fmanza pubblica, oltre che nei modi stabiliti dai commi 11, 12 e 13, anche conmisure fmalizzate a produrre un risparmio per il bilancio dello Stato, mediante lassunzionedellesercizio di funzioni statali, atiraverso 1emanazione, con le modalita stabilite dai rispetiivistatuti, di specifiche norrne di attuazione statutaria; tali norrne di attuazione precisano le modalita elentita dei risparmi per il bilancio dello Stato da otienere in modo perrnanente o comunque perarmualita defmite.16. A decorrere dallarmo 2013 le modalita di raggiungimento degli obiettivi di fmanza pubblicadelle singole regioni, esclusa Ia componente sanitaria, delle province autonome di Trento e diBolzano e degli enti locali del territorio, possono essere concordate tra lo Stato e le regioni e leprovince autonome, previo accordo concluso in sede di Consiglio delle autonornie locali e, ove nonistituito, coni rappresentanti dellANCI e dellUPI regionali. Le predetie modalita si conforrnano acriteri europei con riferimento allindividuazione delle entrate e delle spese da considerare nel saldovalido per il patio di stabilita intemo. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzanorispondono nei confronti dello Stato del mancato rispetio degli obietiivi di cui a! primo periodo,attraverso un maggior concorso delle stesse nellarmo successivo in misura pari alia differenza tralobietiivo complessivo e il risultato complessivo conseguito. Restano ferrne le vigenti sanzioni acarico degli enti responsabili del mancato rispetio degli obietiivi del patio di stabilita intemo e ilmonitoraggio, con riferimento a ciascun ente, a livello centrale, nonch6 il !ermine perentorio del 31otiobre per Ia comunicazione della rimodulazione degli obietiivi, con riferimento a ciascun ente. LaConferenza perrnanente per i1 coordinarnento della fmanza pubblica, con i1 supporto tecnico dellaCommissione tecnica paritetica per lattuazione del federalismo fiscale, monitora lapplicazione delpresente comma. Con decreto del Ministro delleconomia e delle finanze, sentita Ia ConferenzaUnificata di cui allarticolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, da adotiare entro il 30novembre 2012, sono stabilite le modalita per lattuazione del presente comma, nonche le modalitae le condizioni per leventuale esclusione dallarnbito di applicazione del presente comma delleregioni che in uno dei tre anni precedenti siano risultate inadempienti a! patio di stabilita intemo edelle regioni sotioposte ai piani di rientro dai deficit sanitari. Restano ferrne per larmo 2012 ledisposizioni di cui ai commi da 138 a 143 dellarticolo 1 della Iegge 13 dicembre 2010, n. 220. 16
  • 28. 17. Per ii monitoraggio degli adempimenti relativi a! patto di stabilita intemo e per acquisireelementi informativi utili per Ia finanza pubblica anche relativamente alia !oro situazione debitoria,le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano trasmettono trirnestralmente a! Ministerodelleconomia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, entro trentagiorni dalla fine del periodo di riferimento, utilizzando ii sistema web appositamente previsto per iipatto di stabilita intemo nel sito web «www.pattostabilita.rgs.tesoro.it», le informazioni riguardantisia Ia gestione di competenza sia quella di cassa, attraverso i prospetti e con le modalita definiti condecreto del predetto Ministero, sentita Ia Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, leregioni e le province autonome di Trento e di Bolzano.18. Ai fini della verifica del rispetto degli obiettivi del patto di stabilita intemo, ciascuna regione eprovincia autonoma e tenuta ad inviare, entro il termine perentorio del 31 marzo dellarmosuccessivo a quello di riferimento, a! Ministero delleconomia e delle fmanze - Dipartimento dellaRagioneria generale dello Stato una certificazione, sottoscritta dal rappresentante legale e dalresponsabile del servizio fmanziario, secondo i prospetti e con le modalita definite dal decreto di cuia! comma 17. La mancata trasmissione della certificazione entro il termine perentorio del 31 marzocostituisce inadempimento al patto di stabilita intemo. Nel caso in cui la certificazione, sebbenetrasmessa in ritardo, attesti il rispetto del patto, si applicano le sole disposizioni di cui allarticolo 7,comma 1, lettera c), del decreta legislativo 6 settembre 2011, n. 149.19. Le Regioni e le Province autonome di Trento e Balzano entro 30 giorni dallentrata in vigoredella Iegge di bilancio provvedono a trasmettere a! Ministero delleconomia e delle fmanze -Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato un prospetto che evidenzi ii rispetto del patto distabilita con riferimento allesercizio fmanziario cui ii bilancio di previsione si riferisce.20. Le informazioni previste dai commi 17, 18 e 19 sono messe a disposizione della Camera deideputati e del Senato della Repubblica, nonche della Conferenza dei presidenti delle regioni e delleprovince autonome, da parte del Ministero delleconomia e delle fmanze, secondo modalita econtenuti individuati trarnite apposite convenzioni.21. Restano ferme le disposizioni di cui allarticolo 7, comma 1, del decreta legislativo 6 settembre2011, n. 149.22. Allarticolo 7, comma 1, lett. a), del decreta legislativo 6 settembre 2011, n. 149, !ultimoperiodo e sostituito dal seguente: "La sanzione non si applica nel caso in cui il superamento degliobiettivi del patto di stabilita intemo sia determinato dalla maggiore spesa per interventi realizzati 17
  • 29. con Ia quota di :finanziamento nazionale e correlati ai :finanziamenti dellUnione europea rispettoalla media della corrispondente spesa del triennio considerata ai fmi del calcolo dellobiettivo,diminuita della percentuale di manovra prevista per 1 anno di riferimento, nonche, in caso dimancato rispetto del patto di stabilitit nel triennio, dellincidenza degli scostamenti tra i risultatifinali e gli obiettivi del triennio e gli obiettivi progrannnatici stessi. 23. Le regioni e le Province autonome di Trento di Bolzano che si trovano nelle condizioni indicatedallultimo periodo dellarticolo 7, comma I, lettera a), del decreto legislativo 06 settembre 2011, n.149 si considerano adempienti a! patio di stabilitit inferno, a tutti gli effetti, se, nellanno successivo,provvedono a: a) impegnare le spese correnti, al netto delle spese per !a sanitit, in misura non superioreallimporto annuale minimo dei corrispondenti impegni effettuati nellultimo triennio. A tal fmeriducono lannnontare complessivo degli stanziamenti relativi alle spese correnti, a! netto dellespese per !a sanitit, ad un importo non superiore a quello annuale rninimo dei corrispondentiimpegni dellultimo triennio; b) non ricorrere allindebitamento per gli investimenti; c) non procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo con qualsivoglia tipologiacontrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione continuata e di somrninistrazione, anche conriferimento ai processi di stabilizzazione in atto. E fatto altresl divieto di stipulare contratti diservizio che si configurino come elusivi della presente disposizione.A tal :fine, il rappresentante legale e i1 responsabile del servizio fmanziario certificanotrimestralmente il rispetto delle condizioni di cui alle lettere a) e b) e di cui alla presente lettera. Lacertificazione e trasmessa, entro i dieci giorni successivi a! terrnine di ciascun trimestre, a!Ministero delleconornia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato. Incaso di mancata trasrnissione della certificazione le regioni si considerano inadempienti a! patio distabilitit intemo. Lo stato di inadempienza e le sanzioni previste, ivi compresa quella di cuiallarticolo 7, comma I, lettera a), del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149, hanno effettodecorso il terrnine perentorio previsto per linvio della certificazione.24. Alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano perle quali Ia violazione del patiodi stabilitit intemo sia accertata successivamente allanno seguente a quello cui !a violazione siriferisce, si applicano, nellanno successivo a quello in cui e stato accertato il mancato rispetto delpatio di stabilitit intemo, le sanzioni di cui a! comma 21. In tali casi, Ia comunicazione dellaviolazione del patto e effettuata a! Ministero dell economia e delle finanze - Dipartimento della 18
  • 30. Ragioneria Generale dello Stato entro 30 giorni dallaccertamento della violazione da parte degliuffici dellente.25. I contratti di servizio e gli altri atti posti in essere dalle regioni e dalle Province autonome diTrento e di Bolzano che si configurano elusivi delle regole del patto di stabilita intemo sono nulli.26. Con decreto del Ministro delleconornia e delle fmanze possono essere aggiomati, oveintervengano modifiche legislative alia disciplina del patto di stabilita intemo, i termini riguardantigli adempimenti delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano relativi a!monitoraggio e alia certificazione del patto di stabilita intemo. 19
  • 31. RELAZIONE ILLUSTRATIVA ARTICOLO 4-bis (Patto di stabilita inferno)II comma 1 apporta Ie modifiche ai commi 12 e 12 quater dellarticolo 1 del decreta Iegge 13 agosto 2011, n.138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148, con Ia finalita di rendereapplicabile Ia riduzione della manovra a carico degli enti territoriali cannes sa alia cosiddetta Robin Tax.Larticolo 1, comma 12, del decreta Iegge n. 138/2011 prevede, infatti, che Ia manovra prevista dallarticolo20, comma 5, del decreta Iegge n. 98 del 2011, cosi come modificato dallarticolo 1, comma 8, del citatodecreta Iegge n. 138/201 I, puc essere complessivamente ridotta di un importo fmo alia totalita dellemaggiori entrate previste dallarticolo 7, commi da 1 a 6, dello stesso decreta (Robin tax). La riduzione dellamanovra correttiva e distribuita tra i comparti interessati con decreta del Ministro delleconomia e dellefinanze, dintesa con Ia Conferenza Unificata. II successivo comma 12 quater subordina lapplicazione delledisposizioni di cui al comma 12 alia istituzione, da parte dei comuni, dei consigli tributari entro il 31dicembre 2011.II riparto tra i comparti della riduzione di cui trattasi direttamente nellambito della Iegge di stabilita,evitando il rinvio alia decretazione ministeriale, perrnette di quantificare immediatamente il concorso aliamanovra, a! netto della riduzione della robin tax, dei singoli enti, in grado pertanto di programmare Ia !oroattivita fmanziaria e garantire ii perseguirnento degli obiettivi di fmanza pubblica.II riparto e stato effettuato in base a! peso delle manovre previste sia dallarticolo 14 del decreta Iegge 31maggio 2010, n. 78, che dal decreta Iegge 6 luglio 2011, n. 98.Inoltre, Ia costituzione dei consigli tributari permane requisito essenziale per beneficiare dellassegnazionedel!OO% delle maggiori entrate recuperate attraverso la Iotta allevasione.La disposizione proposta al comma 2, analogamente, mira ad effettuare il riparto della riduzione delcontributo degli enti alia manovra per !anna 2012, per un irnporto non superiore, in termini di indebitamentonetto e fabbisogno, a 200 milioni di euro (articolo 20, comma 3, del decreta Iegge n. 98/2011) direttamentein sede di Iegge di stabilita, evitando il rinvio al decreta ministeriale.Peraltro, un irnporto di 20 mi!ioni a valere sui predetti 200 milioni e destinato, in funzione premiale, infavore degli enti territoriali che avviano nel 2012 Ia sperirnentazione dellarmonizzazione dei sistemicontabili di cui a! decreta legislativo 23 giugno 2011, n. 118.La norma di cui al comma 3 e fmalizzata a modificare larticolo 20, comma 2, del citato decreta Iegge 98 del2011 relativamente alia individuazione delle classi di virtnosita, che si ritiene debbano essere ridotte a duenon essendo prevista una graduazione degli obiettivi di concorso alia manovra in base alia classe diappartenenza.Ulteriori integrazioni, previste anche con i successivi commi 4, 5 e 6, riguardano Ia previsione dellaponderazione degli indici di virtuosita e lo slittamento di parte di questi, in termini applicativi, a! 2013 o Iadiretta soppressione. I pararnetri in argomento necessitano. di indagini apposite per cui, in alcuni casi, se neprevede lutilizzo nellanno 2013, quando I Amministrazione sara in grado di applicar!i senza incorrere inpossibili controversie, .II comma 7 ripropone infme quanto gia inserito nella Iegge di stabilita 2011 (n. 220/2011), a! comma 121,relativamente al!obbligo di attestazione da cui risulti i1 rispetto del patto a! fine di poter legittimamentericorrere a mutui e prestiti obbligazionari. 20
  • 32. ARTICOLO 4-ter (Patto di stabilita inferno degli enti loca/i) Le disposizioni recate dallarticolo sono rivolte a defmire le regale di dettaglio del patto di stabilitll intemo dei Comuni e delle Province per gli esercizi 2012 e successivi.In particolare, il comma 2 indica le percentuali che tali enti dovrarmo applicare sulla spesa corrente media2006-2008 per individuare i propri obiettivi da raggiungere.Tali percentuali sono distinte perle province (16,5% nel2012 e 19,7% nel2013 e successivi), peri comunia! di sopra dei 5000 abitanti (15,6% nel2012 e 15,4% nel2013 e successivi) e peri comuni con popolazionecompresa tra 1001 e 5000 abitanti (15,4% nel2013 e successivi) che saranno sottoposti aile regale del pattodi stabilita a partire dallanno 2013, cos! come stabilito dallarticolo 16, comma 31, del decreta Iegge 13agosto 2011, n. 138, convertito in Iegge 14 settembre 2011, n. 148.Tali percentuali si applicano nelle more della adozione del decreta previsto dallarticolo 20, comma 2, deldecreta Iegge 6 luglio 2011, n. 98 convertito illegge 15 luglio 2011, n. 111, concemente lindividuazionedegli enti virtuosi.Vengono ribadite le regale relative alia individuazione del saldo di competenza mista (comma 3), giapreviste nella Iegge 13 dicembre 2010, n. 220, e alle modalita di deduzione degli importi delle riduzioni deitrasferimenti (comma 4) di cui a! comma 2 dellarticolo 14 del decreta Iegge 31 maggio 2010, n. 78,convertito con modificazioni dalla Iegge 30 luglio 2010, n. 122.I commi 5 e 6 disciplinano invece le modalita di individuazione degli obiettivi sia da parte degli enti virtuosiche da parte di quelli non virtuosi.II comma 5, infatti, richiamando quanta stabilito dallarticolo 20, comma 3, del decreta Iegge 6 luglio 2011,n. 98, prevede che gli enti che si collocheranuo nella classe dei virtuosi, in base a quanta previsto dalmedesimo articulo 20 comma 2, saranno chiamati a conseguire il saldo zero, ovvero un valore obiettivocompatibile con gli spazi finanziari che si ottengono applicando Ia clausola di salvaguardia di cui a!successivo comma 6.II comma 6 infatti dispone che le percentuali da applicare alia spesa corrente media 2006-2008 perindividuare lobiettivo degli enti locali non virtuosi non possono essere superiori ad un determinato limitediversificato per province (16,9% nel2012 e 20,1% nel 2013 e successivi), comuni con popolazione a! disopra dei 5000 abitanti (16,0% nel2012 e 15,8% ne12013 e successivi) e comuni con popo1azione tra i 1001e i 5000 abitanti (15,8% nel2013 e successivi).I commi da 7 a 17 confermano le disposizioni vigenti riguardanti le esclusioni dal patto di stabilita intemo(interventi di protezione civile, fondi comunitari, spese per censimenti ISTAT, grandi eventi, spese conuessea! federalism a demaniale, etc).II comma 18, conceme lattestazione del patto di stabilita intemo, in sede di bilancio di previsione.II comma 19 ripropone le disposizioni relative a! monitoraggio del patto di stabilita e estende lobbligo delmonitoraggio ai comuni con popolazione compresa tra i 1001 e i 5000 abitanti a decorrere dal2013.Con rifurimento alia certificazione, il comma 20 prevede Ia certificazione delle risultanze del patto entro il!ermine perentorio del 31 marzo, con laggiunta della previsione di un !ermine perentorio oltre il quale glienti non possono procedere alia rettifica della certificazione stessa. 21
  • 33. II comma 21 dispone restrizioni sui prelevamenti di tesoreria in caso in cui i prelevamenti stessi non sianocoerenti con gli obiettivi di debito assunti con 1Unione europea in linea con quanto gia disposto dal commaIll della citata Iegge 220/20 10.Vengono altresl riproposte: a! comma 22 !e norme concementi Roma Capitale, prevedendo lanticipazionedel termine di presentazione della proposta di accordo a! 31 marzo, a! comma 23 le norme relative ag!i entidi nuova istituzione, al comma 24 !e regole per gli enti commissariati e a! comma 25 sono individuati gliorgani che possono accedere aile informazioni relative a! patto di stabilita intemo, gia contenute nella Ieggedi stabilita 20 II. I commi da 26 a 31 integrano e perfezionano il quadro sanzionatorio gia delineate da! decreto legislativo 6settembre 2011, n. 149 (articolo 7, comma 2), il qua!e viene testualmente richiamato a! comma 26.II comma 27 integra le norme sul!e sanzioni indicando le modalita applicative per !e regioni Sardegna eSicilia, tuttora beneficiarie di trasferimenti erariali; i commi 28 e 29 invece prevedono lapplicazione dellesanzioni anche nel caso in cui il mancato rispetto del patto di stabilita intemo sia accertato successivamenteallanno seguente a quello a cui Ia vio!azione si riferisce e il relativo obbligo di comunicazione a carico deglienti locali.I commi 30 e 31, relativi alia nullita dei contratti di servizio stipulati in elusione aile regole del patto e ailesanzioni a carico dei responsabi!i della non corretta imputazione delle voci di bilancio o di a!tre formeelusive, ricalcano quanto stabi!ito dai commi 111-bis e 111-ter del!articolo 1 della Iegge 13 dicembre 2010,n. 220. Articolo 4-quater (Patto di stabilita inferno delle regioni e delle province autonome)Le disposizioni recate dal!articolo sono rivolte a definire le regole di dettaglio del patto di stabi!ita infernodelle regioni e delle Province autonome di Trento e Bo!zano per gli esercizi 2012 e successivi. In particolare, i commi da 2 a 9, prevedono che, il complesso delle spese finali, sia in terminidi competenza finanziaria che di cassa, di ciascuna regione a statuto ordinario non puo esseresuperiore, per ciascuno degli anni 2012 e 2013, agli obiettivi di competenza 2012 e 2013 trasmessiai sensi dellarticolo 1 del decreto del Ministero delleconomia e delle finanze del 15 giugno 2011,concemente il monitoraggio e la certificazione del Patto di stabilita intemo per le Regioni e leProvince autonome di Trento e di Bolzano, ridotti degli importi di cui aile tabelle del comma 2, perla competenza fmanziaria, e del comma 3, per la cassa. · Gli obiettivi cosl deterrninati sono destinati ad essere ridefmiti a seguitodellindividuazione degli enti virtuosi ai sensi del comma 2 dellarticolo 20 del decreta Iegge n.98/2011. In particolare, lobiettivo delle regioni collocate nella classe piu virtuosa non sarasuperiore alia media delle spese fmali del triennia 2007 - 2009, ridotta dello 0,9 per cento, mentrelobiettivo delle altre regioni sara incrementato della quota di manovra ridotta aile regioni virtuose. II contributo di ciascuna regione a statuto ordinario alia manovra, determinate in funzionedellincidenza della media delle spese fmali, di competenza e di cassa, rispetto alia sommatoriadelle stesse medie delle spese fmali nel !oro complesso per le regioni a statuto ordinaria, per gli eanni 2012,2013,2014 e successivi, costituito dai seguenti importi: (in migliaia di euro) 22
  • 34. Ripartizione contributo agli obiettivi di finanza pubblica in termini di competenza finanziaria aggiuntivo rispetto al DL 78/2010 INCIDENZA PERCENTUALE MEDIASPESE FINAL! 2007/2009 REGION! COMPETENZA 2012 2013 e succ.ABRUZZO 3,55% 26.465 56.838BASILICATA 2,46% 18.348 39.405CALABRIA 4,93% 36.764 78.956CAMJANIA 13,21% 98.398 211.325EMILIA ROMAGNA 6,64% 49.491 106.289LIGURIA 3,14% 23.408 50.272LAZIO 16,02% 119.357 256.338LOMBARDIA 12,86% 95.810 205.765MARCHE 2,98% 22.223 47.728MOUSE 1,26% 9.396 20.179PIEMONTE 9,25% 68.892 147.957PUGLIA 7,34% 54.713 117.504TOSCANA 6,33% 47.183 101.332UMBRIA 2,73% 20.321 43.642VENETO 7,28% 54.231 116.470TOTALE 100,00% 745.000 1.600.000 (in migliaia di euro) 23
  • 35. Ripartizione contributo agli obiettivi di finanza pubblica in termini di cassa aggiuntivo rispetto al DL 78/2010 INCIDENZA PERCENTUALE MEDIASPESE FINALI 2007/2009 REGIONI CASSA 2012 2013 e succ.ABRUZZO 3,56% 26.557 57.035 .BASILICATA 2,79% 20.770 44.606CALABRIA 5,30% 39.512 84.857CAMPANIA 11,98% 89.286 191.755EMILIA ROMAGNA 7,87% 58.630 125.917LIGURIA 3,85% 28.687 61.609LAZIO 9,33% 69.539 149.346LOMBARDIA 15,87% 118.203 253.860MARCHE 3,18% 23.710 50.921MOUSE 1,40% 10.406 22.349PillMONTE 10,52% 78.392 168.359PUGLIA 6,29% 46.824 100.561TOSCANA 7,78% 57.991 124.545UMBRIA 2,63% 19.582 42.056VENETO 7,64% 56.911 122.224TOTALE 100,00% 745.000 1.600.000 Le elaborazioni per ripartire Ia manovra tra le regioni sono state effettuate sulla base deidati trasmessi da ciascun ente nellambito del monitoraggio del Patto di stabilita interno 2011.Le spese finali sono cal colate a! netto: 24
  • 36. I) delle spese per Ia sanitil, cui si applica Ia specifica disciplina di settore; m) delle spese per Ia concessione di crediti; n) delle spese correnti e in conto capitale per interventi cofmanziati correlati ai finanziamenti dellUnione europea, con esclusione delle quote di finanziamento statale e regionale. Nei casi in cui lUnione europea riconosca importi inferiori, limporto corrispondente aile spese non riconosciute e incluso tra le spese del patto di stabilitil intemo relativo allanno in cui e comunicato il mancato riconoscimento. Ove Ia comunicazione sia effettuata nellultimo quadrimestre, il recupero puo essere conseguito anche nellanno successivo; o) delle spese relative ai beni trasferiti in attuazione del decreto legislativo 28 maggio 2010, n. 85, per un importo corrispondente aile spese giil sostenute dallo Stato per la gestione e Ia manutenzione dei medesimi beni, determinato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di cui allarticolo 9, comma 3, del decreto legislativo n. 85 del2010; p) delle spese concementi il conferimento a fondi immobiliari di immobili ricevuti dallo Stato in attuazione del decreto legislativo 28 maggio 2010, n. 85; q) dei pagamenti effettuati in favore degli enti locali soggetti a! patto di stabilitil intemo a val ere sui residui passivi di parte corrente, a fronte di corrispondenti residui attivi degli ·enti Iocali. Ai fmi del calcolo della media 2007-2009 in termini di cassa si assume che i pagamenti in conto residui a favore degli enti locali risultanti nei consuntivi delle regioni per gli anni 2007 e 2008 corrispondano agli incassi in conto residui attivi degli enti locali, ovvero ai dati effettivi degli enti locali ove disponibili; r) delle spese concementi i censimenti di cui allarticolo 50, comma 3, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 30 luglio 2010, n. 122, nei lirniti delle risorse trasferite daliISTAT; s) delle spese conseguenti alia dichiarazione dello stato di emergenza di cui alia Iegge 24 febbraio 1992, n. 225, e successive modificazioni, nei Iimiti dei maggiori incassi derivanti dai provvedimenti di cui allarticolo 5, comma 5-quater, della Iegge n. 225 del 1992, acquisiti in apposito capitolo di bilancio; t) delle spese in conto capitale, nei lirniti delle somme effettivamente incassate entro il 30 novembre di ciascun anno, relative al gettito derivante dallattivitil di recupero fiscale ai sensi dellarticolo 9 del decreto legislativo 6 maggio 2011, n. 68, acquisite in apposito capitolo di bilancio; u) delle spese fmanziate dal fondo per il fmanziamento del trasporto pubblico locale, anche ferroviario di cui allarticolo 21, comma 3, del.decreto Iegge 6luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111; v) per gli anni 2013 e 2014, delle spese per investimenti infrastrutturali nei Iirniti defmiti con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro delleconomia e delle finanze, di cui al comma 1, dellarticolo 5, del decreto Iegge 13 agosto, n.138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n.148. m) delle spese a valere sulle risorse del fondo per lo sviluppo e Ia coesione sociale, sui cofinanziamenti nazionali dei fondi comunitari a finalitil strutturale e sulle risorse individuate ai sensi di quanto previsto dall articolo 6-sexies del decreto Iegge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 6 agosto 2008, n. 133, subordinatamente e nei limiti previsti dal decreto del Ministro delleconomia e delle finanze di cui allarticolo 5-bis, comma 2, del decreto Iegge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n.148; Per le Regioni a statuto speciale e le Province autonome, le regole del patto di stabilitilintemo sono rimesse ad appositi accordi tra il Presidente di ciascun ente ed il Ministro 25
  • 37. delleconomia e delle finanze e prevedono che il contribute alia manovra venga garantito secondomodalita differenziate. In particolare, Ia regione Trentino Alto Adige e le Province autonome di Trento e Bolzanocontribuiscono alia manovra migliorando il proprio saldo programmatico 2011, espresso in terminidi competenza mista, pari alia somma dei seguenti addendi: 1) accertarnenti di parte corrente a1 netto degli impegni di parte corrente; 2) incassi in conto capitale a! netto dei pagarnenti in conto capita1e; 3) pagarnenti per concessioni crediti a! netto degli incassi per riscossioni di crediti. Le regioni a statuto speciale, Friuli, Sardegna, Sicilia e Valle d Aosta contribuiscono aliamanovra riducendo il proprio obiettivo programmatico 2011 (di cassa e di competenza) costituitodallivello complessivo delle spese correnti e in conto capitale, espresso in termini di competenza edi cassa. II concorso alia manovra finanziaria di ciascuna autonomia speciale per gli anni 2012, 2013e successivi, epari ai seguenti importi: (in migliaia di euro)Ripartizione contributo agli obiettivi di finanza pubblica in termini di competenza e di cassa aggiuntivo rispetto al2011 AUTONOMIE SPECIALI 2012 2013 e successivi DL78 del DL98 e 138 DL78 del DL98 e 138 2010 del2011 Totale 2010 del2011 TotaleBOLZANO 59.347 242.216 301.563 59.347 297.198 356.545FRIULI VENEZIA GWLIA 77.217 229.350 306.567 77.217 281.411 358.628SARDEGNA 76.690 237.544 314.234 76.690 291.466 368.156SICILIA 198.582 572.826 771.408 198.582 702.853 901.435TRENTINO ALTO ADIGE 4.537 27.571 32.108 4.537 33.829 38.366TRENTO 59.346 225.462 284.808 59.346 276.641 335.987 26
  • 38. VALLE DAOSTA 24.281 95.031 119.312 24.281 116.602 140.883TOTALE 500.000 1.630.000 2.130.000 500.000 2.000.000 2.500.000 I commi successivi riguardano Ia disciplina della "compensazione degli obiettivi" (comma14) e del "patio regionale integrato" (comma 16), che costituiscono importanti strumenti eliattenuazione delle rigidita del patto di stabilita interno. Perle Regioni che adottano il patto " per tetti " Ia "compensazione degli obiettivi" consentedi incrementare lobiettivo di cassa attraverso una corrispondente riduzione dellobiettivo dicompetenza. La norma individua con precisione le spese di competenza che e possibile ridurre in modotale da non produrre effetti negativi sullindebitamento netto. Di conseguenza, lallargamentodellobiettivo di cassa comporta Ia definizione di due distinti obiettivi di competenza: lobiettivo dicompetenza finanziaria riguardante Ie spese oggetto di compensazione e lobiettivo di competenzariguardante le spese non compensate. A decorrere dal 2013, il "patto regionale integrato" consentira aile singole regioni e aileprovince autonome, di concordare con lo Stato Ie modalita di raggiungimento dei propri obiettivi,esclusa !a componente sanitaria, e quelli degli enti Iocali del proprio territorio, previo accordoconcluso in sede di Consiglio delle autonomie locali e, ove non istituito, con i rappresentantidellANCI e dellUPI regionali. Le predette modalita si conformano a criteri europei con riferimentoallindividuazione delle entrate e delle spese da considerare nel saldo valido per il patto di stabilitainterno.In caso di mancato rispetto degli obiettivi complessivi concordati, le regioni e Ie provinceautonome rispondono attraverso un maggior concorso delle stesse, nellanno successivo, in rnisurapari alia differenza tra lobiettivo complessivo e i1 risultato complessivo conseguito. Nellanno 2012, neUe more dellentrata in vigore del "patto regionale integrato" continuanoad applicarsi Ie disposizioni riguardanti il cd. "patto verticale e orizzontale" di cui ai commi da 13 8a 143 dellarticolo 1 della Iegge 13 dicembre 2010, n. 220I commi da 17 a 20 riguardano il monitoraggio del patto di stabilita intemo e Ia certificazione deirisultati.I commi da 21 a 25 definiscono il sistema sanzionatorio per gli enti inadempienti a! patto di stabilitaintemo, confermando quello previsto nel 2011, disciplinato del decreto legislativo 6 settembre2011, n. 149. In particolare, il comma 22 individua, definendone con precisione Ie modalita dicalcolo, i casi in cui non si applica Ia sanzione del versamento a! bilancio dello Stato dell importocorrispondente alla differenza trail risultato registrato e lobiettivo programmatico predeterminato. 27
  • 39. RELAZIONE TECNICA Art. 4-bis (Patto di stabilita intemo)Ai sensi dellarticolo 11, comma 3, lettera m, della Iegge 31 dicembre 2009, n. 196, gli articolo 4-bis, 4-ter e 4-quater introducono Ie norme di dettaglio che consentono agli enti territoriali diperseguire gli obiettivi del patto di stabilita intemo complessivamente determinati dallarticolo 14del decreta Iegge n. 78/2010 e dallarticolo 20 del decreta Iegge n. 98/2011, come modificatodallarticolo 1 del decreto Iegge n. 138/2011.In particolare, le disposizioni contenute nel presente articolo, a! fine di consentire !a deterrninazionedelle percentuali che le regioni e gli enti locali dovranno applicare per individuare il proprioobiettivo 2012, ripartiscono, fra Ie regioni, le province ed i comuni, Iirnporto di 1.800 milionirelativo alia cosiddetta "Robin Tax" (articolo I, comma 12, del decreto Iegge n. 138/2011) e lirnportodi 200 milioni previsto come premialita per gli enti virtuosi (articolo 20, comma 3, del decreto Ieggen. 98/2011 ).I commi 1 e 2 dispongono ii riparto della riduzione della manovra in relazione alla cosiddetta"Robin Tax" e ai richiamati 200 milioni, secondo le tabelle di seguito allegate. II riparto e effettuatoin misura proporzionale allincidenza dei contributi alle manovre di ciascun comparto, previsti daidecreti Iegge n. 78/2010 en. 138/2011. Riparto di 1.800 milioni (Robin tax) Riparto di 200 milioni (virtuosita) proporzionale ai contributi del dl 78/2010 proporzionale ai contributi del dl 78/2010 e del dl 138/2011 e del dl138/2011 Manovra dl d/78+dl138 Ripafto lnddenza% Rlduzlone % 78+dl138 (2012) vlrtuoslta della manovra Robin (2012) a b c-180*b a b c-1.8DO*b Region/ SO 6.100 53% 95Region/ SO 6.100 42% 760 Province 1.200 10% 20Region/ 55 3.000 21% 370 Comunl 4.200 37% 65Province 1.200 8% 150 Sperimentazione (art.Comuni 4.200 29% 520 35 d.J.vo 118/2011) 20Totale 14.500 100% 1.800 Totale 11.500 100% 200 .Le disposizioni non determinano effetti finanziari sui saldi di finanza pubblica, atteso cheintervengono solo nel riparto della riduzione della manovra a valere sui patto di stabilita intemo, Iacui compensazione e stata gia individuata con Ie disposizioni di cui ai decreti Iegge n. 98/20 II e n.138/2011. 28
  • 40. I commi da 3 a 6 sono finalizzati a posticipare a! 2013 lutilizzo di alcuni parametri perlindividuazione degli enti locali virtuosi. Le disposizioni, pertanto, non detenninano effettifinanziari sui saldi di frnanza pubblica.II comma 7 mira a garantire lapplicazione della sanzione correlata a! divieto di ricorso a! debito epertanto non detennina effetti finanziari sui saldi di finanza pubblica. Art.4-ter (Patto di stabilita intemo degli enti locali)Le disposizioni del patto di stabilita interno defmiscono le modalita del concurso alia manovra degli entilocali previsto dallarticolo 14 del decreta Iegge n.78/2010, dallarticolo 20 del decreta Iegge n. 98/2011 edallartico1o 1 del decreto Iegge n.l38/2011. II concurso complessivo e pari, per le province, a 1.200milioni di euro per il2012 e a 1.300 milioni di euro a decorrere dal 2013, mentre, peri comuni, a 4.200milioni di euro peril 2012 e a 4.500 milioni a decorrere dal2013. Tali irnporti, lirnitatamente a! 2012,sono ridotti degli importi disposti sia dallarticolo 1, comma 12, del decreta Iegge n. 138/2011, - !acosiddetta "Robin Tax", per !50 milioni di euro perle province e per 520 milioni di euro peri comuni- siadallarticolo 20, comma 3, del decreta Iegge n. 98/2011 - pari a 200 milioni di euro per gli enti virtuosi, dicui 20 milioni di euro per le province e 65 milioni di euro peri comuni.Pili precisamente, i1 comma 2 stabilisce le percentuali che gli enti locali applicano aile spese mediecorrenti registrate nel triennia 2006-2008. Tali percentuali sono tali da assicurare i1 concorso allamanovra di finanza pubblica delle province e dei comuni soggetti aile regole del patto di stabilitaintemo in rnisura pari agli irnporti del contributo complessivo richiesto di seguito evidenziati. Comuni Province Manovra 2013 e Manovra 2013 e Manovra 2012 Manovra successivl successividl78/2010 a 2.500 2.500 500 500Manovra dl98/2011 e 138/2011 b 1.700 2.000 700 800Robin Tax c 520 150Quota 200 milioni d 65 20Manovra Totale e=atb-c-d 3.615 4.500 1.030 1.300 Articolo 4-quater (Patto di stabilita inferno delle Regioni e delle Province Autonome di Trento e Balzano)Le disposizioni del patto di stabilita interno delle Regioni e delle Province autonome definiscono le modalitadi attuazione del concurso alia manovra per Regioni e Province autonome previsto dellarticolo 20 deldecreta Iegge n. 98/2011, (1.600 milioni per le Regioni a statuto ordinaria e 2.000 milioni per Autonomiespeciali a decorrere dallanno 2012), ridotto degli importi previsti dallarticolo 1, comma 12, del decretoIegge n. 138/2011 (Robin Tax per 1.800 milioni, di cui 760 milioni per le regioni a statuto ordinaria e 370milioni di euro aile regioni a statuto speciale e alle province autonome di Trento e Balzano), e dallarticolo20, comma 3, del decreta Iegge n. 98/2011 (200 milioni nel2012 per gli enti virtuosi, di cui 95 milioni dieuro per le regioni a statuto ordinaria). II suddetto concurso alia manovra fmanziaria e aggiuntivo rispetto a 29
  • 41. quello previsto dallarticolo 14, comma 1, del decreta Iegge n. 78/2010, in termini di fabbisogno e diindebitamento.Nel triennio 2012-2014 le regole del patto di stabilita inferno delle Regioni a statuto ordinaria individuanocon precisione Ia riduzione degli obiettivi relativi al complesso delle spese fmali, sia in termini dicompetenza fmanziaria che di cassa, di ciascuna regione a statuto ordinario, in modo da garautire gli effettifmanziari complessivi della manovra (in migliaia di euro) Rlpartlzlone contribute agli obiettlvi dl flnanza pubbllca In termini di competenza flnanziaria aggiuntlvo rlspetto al DL 78/2010 INCIDENZA PERCENTUALE MEDIA SPESE . FINAL! 2007/2009 REGION I CDMPETENZA 2012 2013 e succ.ABRUZZO 3,55% 26.465 56.838BASI LICATA 2,46% 18.348 39.405CALABRIA 4,93% 36.764 78.956CAMPANIA 13,21% 98.398 211.325EMILIA ROMAGNA 6,64% 49.491 106.289LIGURIA 3,14% 23.408 50.272LAZIO 16,02% 119.357 256.338LOMBARDIA 12,86% 95.810 205.765MARCHE 2,98% 22.223 47.728MOUSE 1,26% 9.396 20.179PIEMONTE 9,25% 68.892 147.957PUGLIA 7,34% 54.713 117.504TOSCANA 6,33% 47.183 101.332UMBRIA 2,73% 20.321 43.642VENETO 7,28% 54.231 116.470TOTALE 100,00% 745.000 1.600.000 30
  • 42. (in mlgliaia di euro) Ripartizione contribute agli oblettlvi dl flnanza pubblica in termini di cassa aggiuntlvo rlspetto al DL78/2010 INCIDENZA PERCENTUALE MEDIASPESE FIN ALl 2007/2009 REGION! CAS SA 2012 2013 e succ.ABRUZZO 3,56% 26.557 57.035BASI LICATA 2,79% 20.770 44.606CALABRIA 5,30% 39.512 84.857CAMPANIA 11,98% 89.286 191.755EMILIA ROMAGNA 7,87% 58.630 125.917LIGURIA 3,85% 28.687 61.609LAZIO 9,33% 69.539 149.346LOMBARDIA 15,87% 118.203 253.860MARCHE 3,18% 23.710 50.921MOUSE 1,40% 10.406 22.349PIEMONTE 10,52% 78.392 168.359PUGLIA 6,29% 46.824 100.561TOSCANA 7,78% 57.991 124.545UMBRIA 2,63% 19.582 42.056VENETO 7,64% 56.911 122.224TOTALE 100,00% 745.000 1.600.000Anche per le Regioni a statuto speciale e le Province autonome e stato determinato puntualmente il concorsodi ciascuna autonomia speciale alia manovra, in modo da garantire, sia attraverso il cd. "patto per tetti dispesa" (adottato dalle regioni Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Sicilia e Valle dAosta), sia attraverso il cd."patto per saldi" (adottato dalla Regione Trentino Alto Adige e dalle Province autonome di Trento e diBalzano), leffetto sui saldi di finanza pubblica pari a 2.130 milioni (di cui 500 milioni aggiuntivi rispetto a!2011 previsti dallarticolo 14, comma 1, del decreto Iegge n. 78/2010 e 1.630 milioni previsti dallarticolo20 del decreta n. 98/2011, a! netto della Robin Tax) per il 2012 e a 2.500 milioni (di cui 500 milioniaggiuntivi rispetto al2011 previsti dallarticolo 14, comma I, del decreto Iegge n. 78/2010 e 2.000 milioniprevisti dallarticolo 20, del decreta Iegge n. 98/2011) per il2013 e successivi. 31
  • 43. II contribute di ciascuna autonomia speciale alia manovra e stato determinate in funzione dellincidenzadella media degli impegni fmali 2007-2009 di ciascun ente rispetto alia sonunatoria delle medie degliimpegni fmali del triennia 2007-2009 delle autonomie speciali nelloro complesso comunicati in attuazionedellarticolo 19-bis del decreta Iegge 25 settembre 2009, n. 135, convertito, con modificazioni, nella Iegge 20novembre 2009, n. 166. Le spese fmali sono state calcolate con le stesse modalita previste perle Regioni astatuto ordinaria.In particolare, nel triennia 2012-2014 lapplicazione delle regale del patto di stabilita intemo delleautonornie speciali prevede che ciascun ente riduca ii proprio obiettivo programmatico 2011 (dicassa e di competenza) o rnigliori ii proprio saldo prograrnmatico 2011, espresso in termini dicompetenza rnista, dei seguenti importi: (In migliala di euro) Rlpartizione contribute agll obiettlvi di finanza pubbllca ln. termini dl competenza e di cassa aggiuntivo rispetto 312011 AUTONOMIE SPECIAL! 2012 2013 e successivi DL 98 e 138 del DL 98 e 138 del DL 78 del2010 2011 Tota!e DL 78 del2010 2011 TotaleBOlZANO 59.347 242.216 301.S63 59.347 297.198 356.545FRIULI VENEZIA GIULIA 77.217 229.350 306.567 77.217 281.411 358.628SARDEGNA 76.690 237.544 314.234 76.690 291.466 368.156SICILIA 198.582 572.826 771.408 198.582 702.853 901.435TRENTINO ALTO ADIGE 4.537 27.571 32.108 4.537 33.829 38.366TRENTO 59.346 225.462 284.808 59.346 276.641 335.987VALLE DAOSTA 24.281 95.031 119.312 24.281 116.602 140.883TOTALE 500.000 1.630.000 2.130.000 500.000 2.000.000 2.500.000 ,. ·i,_·a della prcsc;Jt~ rcbncr.c tccmca,c<.tu,t•·u•·t "i ,.,.,..,..: ... • • rc~a "·· ,,,, .. d • I 1 .,1QQ9 II ~·if~lli Ucllurt. 17, cO::t!llK 3, della kggc 31 otccmoru ,_ , n· 1 Jvuto esito .< (POSlTIVO [ ] NEGATIVO t .· -~. I l R[!"t~~r~-~-cncra 1c ucr.o .. · . G ~ (f)»il?J . · 32
  • 44. 5 ..JJ)()0 AS2968Allarticolo 5, sostituire il comma 7 coni seguenti:7. Allarticolo 1, comma 13, della Iegge 13 dicembre 2010, n. 220, come modificato dallarticolo25, comma 1, lettera c), del decreto-legge 6luglio 201.1, n. 98, convertito, con modificazioni, dallaIegge 15 luglio 2011, n. 111, il quinto, i1 sesto ed i1 seitirno periodo sono sostituiti dal seguente:«Eventuali maggiori entrate rispetto allirnporto di 3.150 milioni di euro sono riassegnate a! fondoper lammortamento dei titoli di Stato>>. II presente comma entrain vigore alia data di pubblicazionedella presente Iegge nella Gazzetta Ufficiale.7-bis. Per lanno 2012 e istituito un apposito fondo con una dotazione di 750 milioni di euro,destinato, quanto a 200 milioni di euro a! Ministero della difesa per il potenziamento ed i1fmanziamento di oneri indifferibili del comparto difesa e sicurezza, quanto a 220 milioni di euro a!Ministero dellinterno peril potenziamento ed il finanziamento di oneri indifferibili della Polizia diStato, dell Anna dei Carabinieri e dei Vigili del fuoco, quanto a 30 milioni di euro a! Corpo dellaguardia di finanza per il potenziamento ed il frnanziamento di oneri indifferibili, quanto a I 00milioni di euro a! Ministero dellistruzione, delluniversita e della ricerca per Ia messa in sicurezzadegli edifici scolastici, quanto a 100 milioni di euro a! Ministero dellambiente e della tutela delterritorio e del mare per interventi in materia di difesa del suolo ed altri interventi urgenti, quanto a100 milioni di euro al Ministero dello sviluppo economico per il finanziamento del fondo digaranzia di cui allarticoio 15 della Iegge 7 agosto I997, n. 266.7-ter. Allarticolo 55, comma I, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con Iegge 30luglio 2010, n. 122, le parole: "2.300 milioni di euro", sono sostituite dalle seguenti: "3.050 milionidi euro". II presente comma entra in vigore alia data di pubblicazione della presente Iegge nellaGazzetta Ufficiale. j ,II Relatore UCAhMro ~-~.l~ ; II I1 I
  • 45. RELAZIONE TECNICA La pioposta in esame e volta alia modifica del comma 13 dell art. 1 della Iegge n. 220 del2010 in <irdine alla destinazione delle maggiori entrate, rispetto alia stima di 2.400 miliardi di euro,derivanti dalle procedure per lassegnazione di diritti duso di frequenze radioelettriche. Le non:rie che si propongono sostituiscono lattuale formulazione del comma 7 dell art. 5 deldisegno di lt;gge di stabilita 2012 (A.S. 2968), che ha inteso novellare la disposizione vigente. Cio premesso, la proposta emendativa in esame prevede che una quota delle suddettemaggiori entrate per lanno 2011, pari a 750 milioni, invece di essere fmalizzata alia costituzione diun fondo per fronteggiare alcune esigenze indifferibili delle Ministeri per il medesimo armo, siadestinata alia copertura delle minori entrate derivanti dalla modifica dellarticolo 55, comma I, deldecreto-legge n. 78/2010, convertito dalla Iegge n. 122/2010. Tale modifica eleva di pari importo (da 2.300 milioni a 3.050 milioni) illimite massimodelle minori entrate che possono derivare dal differimento del versamento dellacconto IRPEFdovuto per larmo 2011. In conseguenza del minore acconto nel 2011, si registreranno corrispondenti maggiorientrate nellesercizio 2012, derivanti dal maggior saldo IRPEF che sara versato in tale armo. Lecitate risorse sararmo destinate allistituzione di un fondo con dotazione di 750 milioni peril 2012,per esigenze di spesa delle predette amministrazioni. Le eventuali ulteriori maggiori entrate rispetto allimporto di 3.150 milioni (2.400 + 750)saranno destinate a! fondo ammortamento titoli di stato. Le modifiche che si intendono apportare con 1 emendamento m esame risultanofinanziariamente neutrali rispetto a! citato articolo 5, comma 7. f.,·, .. .. -· . ~.
  • 46. 4 . .2wo AS. 2968 EMENDAMENTO GOVERNATIVO AL DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA PERIL 2012In sede di prima attuazione delle misure concordate con lUnione Europea, sono introdotte leseguenti disposizioni:Dopo huiico1o 4, sono inseriti i seguenti articoli: Art. 4-bis (Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici) 1. Ferma restando 1a disciplina vigente in materia di decorrenza del trattamento pensionistico e diadeguamento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico agli incrementi della speranza di vitaai sensi dellarticolo 12 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,dalla legge 30 1uglio 2010, n. 122, e successive modificazioni, peri lavoratori e le lavoratrici la cuipensione e liquidata a carico dellassicurazione genera1e obbligatoria e delle forme esclusive esostitutive della medesima, nonche della gestione separata di cui allarticolo 2, conuna 26, dellalegge 8 agosto 1995, n. 335, i requisiti anagrafici per laccesso alla pensione di vecchiaia nel sistemaretributivo e rnisto e i requisiti anagrafici di cui allarticolo 1, conuna 6, lettera b), della legge 23agosto 2004, n. 243, come modificati, perle lavoratrici, dallarticolo 22-ter, comma 1, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito con modificazioni con legge 3 agosto 2009, n. 102 esuccessive modificazioni e integrazioni e dallruiicolo 18, conuna 1, del decreto legge 61uglio 2011n. 98, convertito con legge 15 luglio 2011, n. 111, e successive modificazioni e integrazioni, devonoessere tali da garantire uneta minima di accesso a] trattamento pensionistico non inferiore a 67anni, tenuto conto del regime delle decorrenze, per i soggetti, in possesso dei predetti requisiti, chematurano il diritto alla prima decorrenza utile del pensionrunento dallanno 2026. Qualora, pereffetto degli adeguamenti dei predetti requisiti agli incrementi della speranza di vita ai sensidellarticolo 12 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge30 luglio 2010, n. 122, e successive modificazioni, la predetta eta minima di accesso non fosseassicurata, sono ulteriormente incrementati gli stessi requisiti, con lo stesso decreto direttoriale dicui a] citato articolo 12, conuna 12-bis, da emanarsi entro il31 dicembre 2023, a1 fine di gru·antire,per i soggetti, in possesso dei predetti requisiti, che maturano i1 diritto alla prima decorrenza utiledel pensionrunento dallanno 2026, uneta minima di accesso al trattrunento pensionistico comunquenon inferiore a 67 anni, tenuto conto del regime delle decorrenze. Resta ferma ]a disciplina vigentedi adegurunento dei requisiti di accesso a] sistema pensionistico agli incrementi della speranza divita ai sensi dellarticolo 12 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 per gli adegurunenti successivi a quanto previsto dal penultimoperiodo del presente comma. Art. 4-ter (Disposizioni in materia di dismissioni dei beni immobili pubblici)1. Il Ministro dellEconomia e delle Fiuanze e autorizzato a conferire o trasferire beni immobilidello Stato, a uso diverso da quello residenziale, fatti salvi gli inunobili inseriti negli elenchipredisposti o da predisporre ai sensi del decreto legislativo 28 maggio 2010, n. 85, e degli entipubblici non territoriali ivi inclusi quelli di cui alla legge 196 del 2009 articolo 1, conuna 3, ad unoo pili fondi comuni di investimento immobiliare, ovvero ad una o pili societa, anche di nuovacostituzione. I predetti beni sono individuati con uno o pili decreti del Presidente del Consiglio deiMinistri, su proposta del Ministro delleconornia e delle fmanze, da pubblicare nella Gazzetta 1
  • 47. A.S. 2968Ufficiale. II primo decreto di individuazione e emanato entro il 30 aprile 2012; sono conferiti otrasferiti beni immobili di proprieta dello Stato e una quota non inferiore al 20 per cento dellecarceri inutilizzate e delle caserme assegnate in uso alle forze armate. Con uno o pili decreti dinatura non regolamentare del Ministro dell Economia e delle Finanze sono conferiti o trasferiti isuddetti beni inrmobili e sono stabiliti i criteri e le procedure per lindividuazione o leventualecostitnzione della societa di gestione del risparmio o delle societa, nonche per il collocamento dellequote del fondo o delle azioni delle societa e i lirniti per 1 eventuale assunzione di finanziamenti daparte del predetto fondo e delle societa. Ai fini dellattnazione del presente comma e autorizzata Iaspesa di 1 rnilione di euro lanno a decorrere dallaru1o 2012.2. Alla cessione delle quote dei fondi o delle azioni delle societa di cui al comma 1 si provvedemediante le modalita previste dai suddetti decreti di natura non regolamentare del Ministrodelleconornia e delle finanze, che dovrarmo prioritariamente prevedere il collocamento medianteofferta pubblica di vendita, applicandosi, in quanto compatibili, le disposizioni di cui al decretoIegge 31 maggio 1994, n. 332, convertito con Iegge 30 luglio 1994, n. 474. Il MinisterodellEconornia e delle Finanze puo accettare come corrispettivo delle predette cessioni anche titolidi Stato, secondo i criteri e le caratteristiche definite nei decreti ministeriali di cui al comma 1.3. I proventi netti derivanti dalle cessioni di cui al comma 2, sono destinati alia riduzione del debitopubblico. Nel caso di operazioni che abbiano ad oggetto esclusivamente inrmobili liberi, i proventidella cessione, previo versamento allentrata del bilancio dello Stato, sono destinati al Fondo perlammortamento dei titoli di Stato. Negli a1tri casi i decreti ministeriali di cui al comma 1 prevedonolattribuzione di detti proventi all Agenzia del Demanio per lacquisto sul mercato, secondo leindicazioni del Ministero delleconomia e delle finanze- Dipartimento del Tesoro, di titoli di Statoda parte della medesima Agenzia, che li detiene fino alia scadenza. L Agenzia destina gli interessidei suddetti titoli di Stato al pagamento dei canoni di locazione e degli oneri di gestione connessi.Tali operazioni non sono soggette allimposta di bollo e ad ogni altra imposta indiretta, ne ad ognialtro tributo o diritto di terzi.4. Alle societa di cui al comma 1 si applica, in quanto compatibile, il trattamento fiscale disciplinatoperle societa di investimento immobiliare quotate di cui allarticolo 1, comma 134, della Iegge 27dicembre 2006, n. 296. Ai conferimenti ed ai trasferimenti dei beni immobili ai fondi comnni diinvestimento ed alle societa di cui al comma 1 si applicano, per quanto compatibili, le disposizionidi cui agli articoli da 1 a 3 del decreto Iegge 25 settembre 2001, n. 351, convertito conmodificazioni dalla Iegge 9 novembre 2001, n. 410. La valutazione dei beni conferiti o trasferiti eeffettnata a titolo gratuito dall Agenzia del Territorio, dintesa con I Agenzia del Demaniorelativamente agli immobili di proprieta dello Stato dalla stessa gestiti.5. I decreti ministeriali di cui al comma 1 prevedono la misura degli eventuali canoni di locazionedelle Pubbliche Amministrazioni sulla base della valutazione tecnica effettuata dall Agenzia delDemanio. Indicano inoltre Ia misura del contributo a carico delle Amministrazioni utilizzatrici inrelazione aile maggiori superfici utilizzate rispetto ai piani di razionalizzazione di cui allarticolo 2,corurna 222, della Iegge 23 dicembre 2009, n. 191.6. Relativamente aile societa partecipate dal Ministero dellEconomia e delle Finanze, le eventualimaggiori entrate, fino ad un massimo di 5 milioni annui rispetto alle previsioni, derivanti dalladistribuzione di utili desercizio o di riserve sotto forma di dividendi o la attribuzione di risorse perriduzioni di capitale, possono essere utilizzate, nel rispetto degli obiettivi di finanza pubblica esecondo criteri e limiti stabiliti con decreto del Ministro dellEconomia e delle Finanze, peraumenti di capitale di societa partecipate, anche indirettamente, dal medesimo Ministero, ovveroper la sottoscrizione di capitale di societa di nuova costituzione. Le sorurne introitate a tale titolosono riassegnate, anche in deroga ai lirniti previsti per le riassegnazioni, con decreto del Ministrodelleconomia e delle finanze ad apposito capitolo dello stato di previsione della spesa del MinisterodellEconomia e delle FinmiZe per essere versate ad apposita contabilita speciale di tesoreria. Le 2
  • 48. A.S.2968 disposizioni del presente connna si applicano a decorrere dalla data di pubblicazione della presente legge.7. Allarticolo 33 del decreta legge 6 luglio 2011, n. 98, come conve1iito con modificazioni dallalegge 15 luglio 2011, n. 111, dopa il connna 8, e aggiunto infine il seguente: "8-bis. I fondi istituitidalla societl di gestione risparrnio del Ministero dellEconomia e delle Finanze possono acquistareimmobili ad uso ufficio di proprieta degli enti territoriali, utilizzati dagli stessi o da altre Pubblicheministrazioni nonche altri irnmobili di proprieta dei medesimi enti di cui sia completato ilprocesso di val01izzazione edilizio-urbanistico, qualora inseriti in programmi di valorizzazione,recupero e sviluppo del territorio. Le azioni della predetta societa di gestione del risparrnio possonoessere trasferite, mediante decreta del Ministro dell economia e delle fmanze, a titolo gratuitoall Agenzia del Demanio. Con apposita convenzione la stessa societa di gestione del risparmio puoavvalersi in via transitoria del personale dellAgenzia del Demanio".8. Allo scopo di accelerare e semplificare le procedure di dismissione del patrimonio irnmo biliaredella Stato all estero, la vendita dei cespiti individuati nel piano di razionalizzazione del patrimonioimmobiliare della Stato ubicato allestero ai sensi dellarticolo 1, connna 1311 e 1312, della legge27 dicembre 2006, n. 296, e effettuata mediante trattativa privata, salve comprovate esigenze, anchein deroga al parere della Commissione Immobili del Ministero degli Affari Esteri di cui allmiicolo80 del decreta del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967 n. 18. La stima del valore di mercatodei beni di cui al presente connna puo essere effettuata anche avvalendosi di soggetti competenti nelluogo dove e ubicato linnnobile oggetto della vendita. I relativi contratti di vendita sonoassoggettati al controllo preventivo di legittimita della Corte dei Conti.9. Le risorse nette derivanti dalle operazioni di dismissione di cui al comma 8 sono destinate allariduzione del debito pubblico.Conseguentemente,- Allarticolo 5, connna 4, sostituire le parole: "4.798 milioni" con le seguenti: "4.799 milioni";- Alla tabella A voce Ministero dell economia e delle finanze, apportare le seguenti variazioni indiminuzione:2012:2013: -1000;2014: -1000. Art. 4-quater (Disposizioni in materia di dismissioni di terreni agricoli)1. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministero delle PoliticheAgricole Alimentari e Forestali, con uno o pili decreti di natura non regolamentare da adottaredintesa con il Ministero dellEconomia e delle Finanze, individua i terreni a vocazione agricola,non utilizzabili per altre fmalita istituzionali, di proprieta della Stato non ricompresi negli elenchipredisposti ai sensi del d.lgs n. 28 maggio 2010, n,. 85 nonche di proprieta degli enti pubblicinazionali, da alienare a cura dellAgenzia del Demanio mediante trattativa privata per gli imrnobilidi valore inferiore a 400 mila euro e mediante asta pubblica per quelli di valore pari o superiore a400 mila euro. Lindividuazione del bene ne deterrnina il trasferimento al patrimonio disponibiledella Stato. Ai citati decreti di individuazione si applicano le disposizioni di cui allarticolo 1,cornmi 3, 4 e 5, del decreto-legge n. 351 del2001. 3
  • 49. AS. 29682. Nelle procedure di alienazione dei terreni di cui al comma 1, al fine di favorire lo sviluppodellirnprenditorialita agricola giovanile e riconosciuto il diritto di prelazione ai giovaniimprenditori agricoli, cosi come defmiti ai sensi del decreta legislativo 21 aprile 2000, n. 185, esuccessive modificazioni. Nelleventualitit di incremento di valore dei terreni alienati derivante dacambi di destinazione urbanistica intervenuti nel corso del quinquennio successivo allalienazionemedesirna, e riconosciuta allo Stato una quota pari al 75% del maggior valore acquisito dal terrenorispetto al prezzo di vendita; le disposizioni di attuazione del presente periodo sono stabilite condecreta di natura non regolamentare del Ministro delle Politiche Agricole Alirnentari e Forestali,dintesa con il Ministro dellEconomia e delle Finanze.3. Per i terreni ricadenti allintemo di aree protette di cui alla legge 6 dicembre 1991 n. 394,1 Agenzia del Demanio acquisisce preventivamente lassenso alla vendita da parte degli enti gestoridelle medesime aree.4. Le Regioni, le Province, i Comuni possono vendere, per le finalita e con le modalita di cui aicommi 1 e 2, i beni di !oro proprieta aventi destinazione agricola compresi quelli attribuiti ai sensidel d.lgs 28 maggio 2010, n. 85; a tal fme possono conferire all Agenzia del Demanio mandatainevocabile a vendere. L Agenzia provvede al versamento agli Enti territoriali gia proprietari deiproventi derivanti dalla vendita al netto dei costi sostenuti e documentati.5. Le risorse nette derivanti dalle operazioni di dismissione di cui ai commi precedenti sonodestinate alia riduzione del debito pubblico. Art. 4-quinquies (Disposizioni in materia di debito pubblico degli enti locali)1. All articolo 204, comma 1, del testo unico di cui al decreta legislativo 18 agosto 2000, n. 267, leparole:« i110 per cento per lanno 2012 e 18 per cento a deconere dallanno 2013» sono sostituitedalle seguenti: <<18 per cento per larmo 2012, i1 6 per cento per lanno 2013 e il 4 per cento adeconere dallanno 2014».2. Allarticolo 10, comma 2, della legge 16 maggio 1970, n. 281 le parole "25 per cento" sonosostituite dalle parole "20 per cento".3. Ai fini della tutela dellunita economica della Repubblica a deconere dallatmo 2013 gli entiterritoriali riducono lentita del debito pubblico. A tal fme, le disposizioni di cui ai commi 1, 2, 3 e4 costituiscono principi fondamentali di coordinamento della fmanza pubblica ai sensi degli articoli117, terzo comma, e 119, secondo comma, della Costituzione. Con decreta di natura nonrego1amentare del Ministro delleconomia e delle fmanze, sentita la Conferenza unificata, fennorestando quanta previsto dallarticolo 204 del decreta legislativo 18 agosto 2000, n. 267 edallarticolo 10, comma 2, della legge 16 maggio 1970, n. 281 sono stabilite le modalita diattuazione del presente comma. In particolare, sono stabilite:a) distintamente per Regioni, province e comuni, la differenza percentuale, rispetto al debito mediopro capite, oltre la quale i singoli enti territoriali harmo lobbligo di procedere alla riduzione deldebito;b) la percentuale amma di riduzione del debito;c) le modalita con le quali puo essere raggiunto lobiettivo di riduzione del debito. A tal fine, siconsidera comunque equivalente alla riduzione il trasferimento di irnmobili al fondo o alla societadi cui al comma l, dellarticolo 4-ter.4. Agli enti che non adempiono a quanta previsto nel comma 8 dellarticolo 4-ter, si applicano ledisposizioni contenute nellarticolo 7, comma 1, lettere b) e d) e comma 2, lettere b) e d), deldecreta legislativo 6 settembre 2011, n. 149. 4
  • 50. A.S. 2968 Art. 4-sexies (Liberalizzazione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica)1. AI fine di assicurare il migliorarnento organizzativo nel settore del trasporto pubblico locale,allaJ.iicolo 1, comma 13, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni,dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148, eapportata la seguente modificazione:a) le parole: "strnttura paritetica da istituire" sono sostituite dalle seguenti: "strnttura pariteticaistituita nellarnbito della predetta Conferenza".2. AI fme di realizzare un sistema liberalizzato dei servizi pubblici locali di rilevanza economicaattraverso la piena concorrenza nel mercato e di perseguire gli obiettivi di liberalizzazione eprivatizzazione dei medesimi servizi secondo quanto previsto dallarticolo 4 del decreto-legge 13agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148, nonche diassicurare, mediante un sistema di benchmarking, i1 progressivo migliorarnento della qualita edefficienza di gestione dei medesimi servizi, al predetto articolo 4 sono apportate le seguentimodificazioni:a) al comma 2, aggiungere, in fme, il seguente periodo: "Con la stessa delibera gli enti localivalutano lopportunita di procedere allaffidarnento simultaneo con gara di una pluralita di servizipubblici locali nei casi in cui possa essere dimostrato che tale scelta sia economicarnentevantaggiosa. ";b) al connna 3, prima delle parole: "ai fmi della relazione al Parlarnento" aggiungere laseguente: "anche";c) al comma 4, aggiungere, in fine, il seguente periodo: "In caso contrario e comunque inassenza della delibera di cui al conuna 2, 1 ente locale non puo procedere all attribuzione di diritti diesclusiva ai sensi del presente articolo."d) al comma 13, aggiungere, in fme, il seguente periodo: "Al fme di garantire lunitarieta delservizio oggetto dellaffidarnento, e fatto divieto di procedere al frazionarnento del medesimoservizio e del relativo affidarnento."e) al comma 32, lettera a), dopo le parole: "alia sonm1a di cui al comma 13" aggiungere leseguenti: "ovvero non conforrni a qumto previsto al medesimo comma";f) al comma 32, lettera d), sostituire le parole: "a condizione che la partecipazione pubblica siriduca mche progressivarnente" con le seguenti: "a condizione che la partecipazione in capo a socipubblici detentori di azioni alia data del 13 agosto 2011, ovvero quella sindacata, si riduca ancheprogressivarnente";g) dopo il comma 32, aggiungere il seguente comma: "32-bis. AI fme di verificare e assicurareil rispetto delle disposizioni di cui al conmm 32, il prefetto accerta che gli enti locali abbianoattuato, entro i termini stabiliti, qumto previsto al medesimo comma. In caso di inottemperanza,assegua agli enti inadempienti un terruine perentorio entro il quale provvedere. Decorso inutilmentedetto terrnine, il Governo, ricorrendone i presupposti, esercita il potere sostitutivo ai sensidel!aJ.iicolo 120, comma secondo, della Costituzione e secondo le modalita previste dallarticolo 8della Iegge 5 giugno 2003, n. 131."h) al comma 33, primo periodo, sostituire le parole: "ovvero ai sensi del comma 12" con leseguenti: "ovvero non ai sensi del comma 12";i) al comma 33, secondo periodo, dopo le parole: "nonche al socio selezionato ai sensi delconnna 12" aggiungere le seguenti: "e alle societa a partecipazione mista pubblica e privatacostituite ai sensi del medesimo connna"; 5
  • 51. A.S. 29681) al comma 33, sostituire !ultimo periodo con il seguente: "I soggetti affidatari diretti diservizi pubblici locali possono comunque concorrere su tutto il territorio nazionale a gare indettenell ultimo auno di affidarnento dei servizi da essi gestiti, a condizione che sia stata indetta laprocedura competitiva ad evidenza pubblica per il nuovo affidarnento del servizio o, ahneno, siastata adottata la decisione di procedere al nuovo affidarnento attraverso la predetta proceduraovvero, purche in favore di soggetto diverso, ai sensi del comma 13.".m) dopo il comma 33, aggiungere i seguenti commi:"33-bis. Al fine di assicurare il progressivo migliorarnento della qualita eli gestione dei servizipubblici locali e di effettuare valutazioni comparative delle diverse gestioni, gli enti affidatari sonotenuti a rendere pubblici i dati concementi illivello di qualita del servizio reso, il prezzo medio perutente e il livello degli investimenti effettuati, nonche ogni ulteriore inforrnazione necessaria allepredette finalita.33-ter. Con decreta del Ministro peri rapporti con le regioni e per la coesione territoriale, adottato,entro il 31 geunaio 2012, di concerto coni Ministri delleconornia e delle fmanze e dellintemo,sentita la Conferenza unificata, sono defrniti:a) i criteri per la verifica di cui al comma 1 e ladozione della delibera quadro di cui al comma2;b) le modalita attuative del comma 33-bis, anche tenendo conto delle diverse condizioni elierogazione in termini di aree, popolazioni e caratteristiche del territorio servito;c) le ulteriori misure necessarie ad assicurare la piena attuazione delle disposizioni di cui alpresente articolo.";n) al comma 34, aggiungere, allinizio, il seguente periodo: "Le disposizioni contenute nelpresente articolo si applicano a tutti i servizi pubblici locali e prevalgono sulle relative discipline disettore con esse incompatibili.";o) dopo il comma 34, aggiungere il seguente comma: "34-bis. 11 presente articolo, ferrnorestando quanta disposto al comma 34, si applica a! trasporto pubblico regionale e locale. Conriguardo al trasporto pubblico regionale, sono fatti salvi gli affidarnenti gia deliberati in conforrnitaallarticolo 5, paragrafo 2, del regolarnento (CE) 23 ottobre 2007, n. 1370/2007.". Art. 4-septies (Riforma degli ordini professionali e societa tra professionisti)1. Allarticolo 3 comma 5 del decreta legge 13 agosto 2011 n. 138, convertito con modificazioni,dalla legge 14 settembre 2011 n. 148, le parole "Gli ordinarnenti professionali dovrauno essereriforrnati entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge per recepire i seguentiprincipi:" sono sostituite dalle seguenti:"Con decreta del Presidente della Repubblica emanato ai sensi dellarticolo 17, comma 2, dellalegge 23 agosto 1988 n. 400, gli ordinarnenti professionali dovrauno essere riforrnati entro 12 mesidalla data di entrata in vigore del presente decreta per recepire i seguenti principi:".2. Allarticolo 3 del decreta legge 13 agosto 2011 n. 138, convertito con modificazioni, dalla legge14 settembre 2011 n. 148, dopo il comma 5 einserito il seguente:"5-bis. Le norrne vigenti sugli ordinarnenti professionali sono abrogate con effetto dallentrata invigore del regolarnento govemativo di cui al comma 5". 6
  • 52. AS. 2968 3. E consentita Ia costituzione di societa per lesercizio di attivita professionali regolamentate nel sistema ordinistico secondo i modelli societari regolati dai titoli V e VI dellibro V del codice civile.4. Possono assumere la qualifica di societa tra professionisti le societa il cui atto costitutivopreveda: a) lesercizio in via esclusiva dellattivita professionale da parte dei soci;b) lamrnissione in qualita di soci dei soli professionisti iscritti ad ordini, albi e collegi, anche indifferenti sezioni, nonche dei cittadini degli Stati membri dellUnione europea, purche in possessodel titolo di studio abilitante, ovvero soggetti non professionisti soltanto per prestazioni tecniche, oper fmalita di investimento;c) criteri e modalita affmche lesecuzione dellincarico professionale conferito alia societa siaeseguito solo dai soci in possesso dei requisiti per lesercizio della prestazione professionalerichiesta; la designazione del socio professionista sia compiuta dallutente e, in mancanza di taledesignazione, il nominativo debba essere previamente comunicato per iscritto allutente;d) le modalita di esclusione dalla societa del socio che sia stato cancellato dal rispettivo albo conprovvedimento definitivo.5. La denominazione sociale, in qualunque modo formata, deve contenere lindicazione di societatra professionisti.6. La partecipazione ad una societa e incompatibile con !a partecipazione ad altra societa traprofessionisti.7. I professionisti soci sono tenuti allosservanza del codice deonto1ogico del proprio ordine, cosicome la societa e soggetta al regime discip1inare dellordine a1 quale risulti iscritta.8. La societa tra professionisti puo essere costituita anche per lesercizio di pili attivitaprofessionali.9. Restano salvi i diversi modelli societari gia vigenti al momento dellentrata in vigore dellapresente Iegge.10. Ai sensi dellarticolo 17, comma 3, della Iegge 23 agosto 1988, n. 400, il Ministro dellaGiustizia, di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico, entro sei mesi dalla approvazionedella presente Iegge, adotta un regolamento allo scopo di disciplinare le materie di cui ai precedenticomrni 4, lettera c), 6 e 7.11. La Iegge 23 novembre 1939, n. 1815, e successive modificazioni, e abrogata.12. Allartico1o 3, comma 5, lettera d), del decreto Iegge 13 agosto 2011 n. 138, convertito conmodificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011 n. 148, le parole : "prendendo come riferimento letariffe professionali. E amrnessa la pattuizione dei compensi anche in deroga aile tariffe." sonosoppresse. Art. 4-octies (Programmazione della ricerca e premialita)1. II Ministero dellIstruzione, Universita e Ricerca assicura Ia coerenza dei Piani e Progetti diricerca e di attivita proposti dagli Enti Pubblici di Ricerca vigilati con 1e indicazioni del ProgrammaNazionale della Ricerca, anche in sede di ripartizione della quota del 7% del fondo di finanziamentoordinario dei predetti Enti di ricerca, preordinata a! finanziamento premiale di specifici programmi eprogetti, anche congiunti, proposti dagli enti medesimi. 7
  • 53. A.S. 2968 Art. 4-novies (Fondo nuovi nati)1. Le misure, relative al Fondo di credito per i nuovi nati, di cui al comma 1, primo periodo,dellarticolo 4, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, in Iegge28 gennaio 2009, n. 2, sono prorogate per gli anni 2012, 2013 e 2014. Al relativo onere si provvedemediante utilizzazione delle risorse complessivamente disponibili alia data del 31 dicembre 2011sullapposito conto corrente infruttifero, aperto presso la Tesoreria centrale dello Stato, nonche diquelle successivamente recuperate in ragione del carattere rotativo del Fondo stesso. Art. 4-decies (Semplificazione dei pagamenti e degli accertamenti delle violazioni allobbligo di copertura assicurativa)1. TI comma 3-bis, dellarticolo 9, del decreto Iegge 29 novembre 2008, n. 185 e sostituito daiseguenti:"3-bis. Su istanza del creditore di somme dovute per somministrazioni, forniture e appalti, leregioni e gli enti locali certificano, nel rispetto delle disposizioni normative vigenti in materia dipatto di stabilitit intemo, entro il terruine di sessanta giorni dalla data di ricezione dellistanza, se ilrelativo credito sia certo, liquido ed esigibile, anche al fme di consentire a1 creditore la cessione prosoluto a favore di banche o interrnediari fmanziari riconosciuti dalla legislazione vigente. Scaduto ilpredetto terrnine, su nuova istanza del creditore, provvede la Ragioneria territoriale dello Statocompetente per territorio, che, ove necessaria, nomina un connnissario ad acta con oneri a caricodellente territoriale. La cessione dei crediti oggetto di certificazione avviene nel rispettodellarticolo 117 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163. Ferrna restando lefficacia liberatoriadei pagamenti eseguiti dal debitore ceduto., si applicano gli articoli 5, comma 1, e 7, comma 1, dellaIegge 21 febbraio 1991, n. 52.3-ter. La ce1iificazione di cui al comma 3-bis non puo essere rilasciata, a pena di nullitit:a) dagli enti locali commissariati ai sensi dellarticolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n.267. Cessato il commissariamento, la certificazione non puo comunque essere rilasciata in relazionea crediti sorti prima del comrnissariamento stesso. Nel caso di gestione commissariale, lacertificazione non puo comunque essere rilasciata in relazione a crediti rientranti nella gestionecommissariale;b) dalle regioni sottoposte ai pi ani di rientro dai deficit sanitari.2. Con decreto del Ministro delleconomia e delle fmanze, da adottare entro 90 giomi dalla data dientrata in vigore della presente Iegge, sentita !a Conferenza unificata di cui allarticolo 8, deldecreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, sono disciplinate, nel rispetto degli obiettivi di fmanzapubblica concordati in sede europea, le modalitit di attuazione delle disposizioni recate dai comrni3-bis e 3-ter, dellarticolo 9, del decreto Iegge 29 novembre 2009, n. 185, convertito conmodificazioni, dalla Iegge 28 gennaio 2009, n. 2, come modificato dal comma 1 del presentearticolo. Fino allentrata in vigore del decreto di cui al periodo precedente restano valide lecertificazioni prodotte in applicazione del decreto del Ministro delleconornia e delle fmanze 19maggio 2009.3. Allarticolo 210, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, dopo i1 comma 2, e aggiunto ilseguente: "2-bis. La convenzione di cui al comma 2 puo prevedere lobbligo per il tesoriere diaccettare, su apposita istanza del creditore, crediti pro-soluto certificati dallente ai sensi del comma 8
  • 54. A.S.2968 3 bis, dellarticolo 9, decreto legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2.". 4. Lobbligo di cui a1 comma 2-bis, dellarticolo 210, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come introdotto dal comma 3 del presente articolo, trova applicazione con riferimento alle convenzioni stipulate successivamente alla data di entrata in vigore della presente legge. 5. Allarticolo 193 del decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 , dopo il comma 4-bis, sono aggiunti i seguenti:"4-ter. Laccertamento della mancanza di copertura assicurativa obbligatoria del veicolo puo essereeffettuato anche mediante i1 raffronto dei dati relativi alle polizze emesse dalle imprese assicuratricicon quelli provenienti dai dispositivi o apparecchiature di cui alle lettere e), f) e g) del comma 1-bisdellarticolo 201, omologati ovvero approvati per il funzionamento in modo completamenteautomatico e gestiti direttamente dagli organi di polizia stradale di cui allarticolo 12, comma 1.4-quater. Qualora, in base alle risultanze del raffronto dei dati di cui al comma 4-ter, risulti che a1momento del rilevarnento un veicolo munito di targa di immatricolazione fosse sprovvisto dellacopertura assicurativa obbligatoria, lorgano di polizia procedente invita il proprietario o altrosoggetto obbligato in solito a produrre i1 certificato di assicurazione obbligatoria, ai sensi e per glieffetti dellarticolo 180, comma 8.4-quinquies. La documentazione fotografica prodotta dai dispositivi o apparecchiature di cui a1comma 4-ter, costituisce atto di accertamento, ai sensi e per gli effetti dellarticolo 13 della legge 24novembre 1981, n. 689, in ordine alla circostanza che al momento del rilevamento un determinatoveicolo, munito di targa di immatricolazione, stava circolando sulla strada.". Art. 4-undecies (Riduzione degli oneri amministrativi per irnprese e cittadini)1. In via sperimentale, fino al 31 dicembre 2013, sullintero territorio nazionale si applica ladisciplina delle zone a burocrazia zero prevista dallarticolo 43, del decreto legge 31 maggio 2010,n. 78, convertito dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.2. A tale scopo, fmo al 31 dicembre 2013, i provvedimenti di cui al primo periodo della lettera a),del comma 2, dellarticolo 43, del decreto legge n. 78 del2010 sono adottati, ferme restando le altreprevisioni ivi contenute, in via esclusiva e allunanimita, dallUfficio Locale dei Governi, istituito inciascun capoluogo di provincia, su richiesta della regione, dintesa con gli enti interessati e suproposta del Ministro dellinterno, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Latrasmissione dei dati e dei documenti previsti dal secondo periodo della medesima lettera, avvienein favore del medesimo Ufftcio.3. LUfficio Locale dei Governi e presieduto dal Prefetto e composto da un rappresentante dellaregione, da un rappresentante della provincia, da un rappresentante della citta metropolitana oveesistente, e da un rappresentante del comune interessato. I1 dissenso di uno o pili dei componenti, apena di inarnmissibilita, deve essere manifestato nella riunione convocata dal Prefetto, deve esserecongruamente motivato e deve recare le specifiche indicazioni delle modifiche e delle integrazionieventualmente necessarie ai fmi dellassenso. Si considera acquisito lassenso dellarnministrazioneil cui rappresentante non partecipa alla riunione medesima, ovvero non esprime definitivarnente lavolonta dellarnministrazione rappresentata.4. Resta esclusa lapplicazione dei commi 1, 2 e 3 ai soli procedimenti amministrativi di naturatributaria, a quelli concernenti la tutela della salute e la sicurezza pubblica, nonch6 alle nuoveiniziative produttive avviate su aree soggette a vincolo. 9
  • 55. A.S. 2968 5. Fatto salvo quanta previsto dal decreta del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010, n. 160, ne1 caso di mancato rispetto dei tennini dei procedimenti, di cui allarticolo 7 del medesimo decreta, da parte degli enti interessati, ladozione del provvedimento conclusivo e rimessa allUfficio Locale dei Govemi.6. Le previsioni dei commi da 1 a 5 non comportano nuovi o maggiori oneri a carico della finanzapubblica e la partecipazione allUfficio Locale dei Govemi e a titolo gratuito e non comportarin1borsi.7. A deconere dall entrata in vigore della presente legge e abrogato 1 articolo 7 della Iegge 18 aprile1975, n. 110, recante "Norme integrative della disciplina vigente per il controllo delle arlui, dellemunizioni e degli esplosivi".8. Il comma 1-bis dellarticolo 36 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, conmodificazioni, dalla Iegge 6 agosto 2008, n. 133, deve intendersi nel sensa che latto ditrasferimento delle partecipazioni di societa a responsabilita limitata ivi disciplinato i: in deroga alsecondo comma dellarticolo 2470 del codice civile ed e sottoscritto con la fmna digitale di cuiallarticolo 24 del decreta legislativo 7 marzo 2005, n. 82.9. A partire dal 1o gennaio 2012, le societa a responsabilita limitata che non abbiano nominata ilCollegia Sindacale possono redigere il bilancio secondo uno schema semplificato. Con decreta delMinistro delleconomia e delle finanze, da adottare entro novanta giomi dalla data di entrata invigore della presente Iegge, sono definite le voci e la struttura che compongono lo schema dibilancio semplificato e le modalita di attuazione del presente comma".10. I soggetti in contabilita semplificata e i lavoratori autonomi che effettuano operazioni conincassi e pagamenti interamente tracciabili possono sostituire gli estratti canto bancari alla tenutadelle scritture contabili.11. I limiti per la liquidazione trimestrale dellIVA sono i medesimi di quelli fissati per il regime dicontabilita semplificata.12. Allarticolo 6 del decreta legislativo 8 giugno 2001, n. 231, dopa i1 comma 4, e inserito ilseguente:«4-bis. Nelle societa di capitali il collegia sindacale, il consiglio di sorveglianza e il comitato perilcontrollo della gestione possono svolgere le funzioni dellorganismo di vigilanza di cui al comma 1,lettera b)».13. Larticolo 2477 del codice civile e cosi sostituito:"2477. Sindaco e revisione legale dei conti.Latto costitutivo puo prevedere, dete1minandone le competenze e poteri, la nomina di un sindaco odi un revisore.La nomina del sindaco e obbligatoria se il capitale sociale non e inferiore a quello minima stabilitoperle societa per azioni.La nomina del sindaco e altresi obbligatoria se la societa:a) e tenuta alla redazione del bilancio consolidato;b) controlla una societa obbligata alla revisione legale dei conti;c) per due esercizi consecutivi ha superato due dei limiti indicati dal prima comma dellarticolo2435-bis.Lobbligo di nomina del sindaco di cui alla lettera c) del terzo comma cessa se, per due eserciziconsecutivi, i predetti limiti non vengono superati. 10
  • 56. A.S.2968 Nei casi previsti dal secondo e terzo comma si applicano le disposizioni in tema di societa per azioni; se latto costitutivo non dispone diversamente, Ia revisione legale dei conti e esercitata dal sindaco.L assemblea che approva il bilancio in cui vengono superati i limiti indicati al secondo e terzocol1lllla deve provvedere, entro h·enta giorni, alla nomina del sindaco. Se l assemble a non provvede,all a nomina provvede il tribunale su richiesta di qualsiasi soggetto interessato."14. Allarticolo 2397 del codice civile e aggiunto, in fme, il seguente col1lllla: "Perle societa aventicapitale sociale inferiore a 1 milione di euro lo statuto puo prevedere che lorgano di controllo siacomposto da un sindaco unico, scelto tra i revisori legali iscritti nellapposito registro.".15. Nel caso in cui siano entrate in vigore norme di legge o regolamentari che incidano,direttamente o indirettamente, sulle materie regolate dallo statuto sociale, le societa cooperative dicui al capo I del titolo VI dellibro V del codice civile, le cui azioni non siano negoziate in mercatiregolamentati, possono modificare il proprio statuto con le maggioranze assembleari previste in viagenerale dallo statuto per le sue modificazioni, anche nei casi in cui lo statuto stesso prevedamaggioranze pili elevate per la modifica di determinati suoi articoli.16. La legge 23 novembre 1939, n. 1815, e successive modificazioni, e abrogata.17. Per semplificare 1e procedure di rilascio delle autorizzazioni relative ai trasporti eccezionali sugamma, allarticolo 10 del Codice della strada di cui al decreta legislativo 30 aprile 1992, n. 285, esuccessive modificazioni, il comma 9-bis, e sostituito con il seguente: «9-bis. Entro sessanta giorni dalla data di enh·ata in vigore della presente disposizione, il Govemo,con regolamento adottato ai sensi dellarticolo 17, col1lllla 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, esuccessive modificazioni, modifica il regolarnento di esecuzione e di attuazione del nuovo codicedella strada, di cui al decreta del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, prevedendoche:a) per i trasporti eccezionali su gamma sia sufficiente prevedere la trasrnissione, per via telematica,della prescritta richiesta di autorizzazione, corredata della necessaria docun1entazione, allenteproprietario o concessionario per le autostrade, strade statali e militari, e alle regioni per larirnanente rete viaria, almena quindici giomi prima della data fissata per il viaggio e leautorizzazioni devono essere rilasciate entro quindici giomi dalla loro presentazione;b) 1e autorizzazioni periodiche di cui allarticolo 13 del citato regolarnento siano valide per unnumero indefmito di viaggi con validita armuale per la circolazione a carico e a vuoto dei convogliindicati sull autorizzazione;c) le autorizzazioni multiple di cui al medesirno articolo 13 siano valide per un numero defmito diviaggi da effettuarsi entro sei mesi dalla data del rilascio;d) le autorizzazioni singole di cui al medesirno articolo 13 siano valide per un unico viaggio daeffettuarsi entro tre mesi dalla data di rilascio;e) perle autorizzazioni di tipo periodico none prevista lindicazione della tipologia e della nahrradella merce trasportata;f) le disposizioni contenute allarticolo 13, comma 5, non siano vincolate alia invariabilita dellanahu·a del materiale e della tipologia degli elementi trasportati;g) i trasporti di beni della medesirna tipologia ripetuti nel tempo siano soggetti allautorizzazioneperiodica prevista dallarticolo 13, cosi come modificato dal presente comma e che questa siarilasciata con le modalita semplificate di cui alia lettera a) del presente comma;h) tutti i tipi di autorizzazioni, anche con validita scaduta, siano rinoovabili su domanda che deveessere presenta in carta semplice, per non pili di tre volte, per un periodo di validita non superiore a 11
  • 57. A.S. 2968 tre anni, quando tutti i dati, riferiti sia al veicolo che al suo carico, ed i percorsi stradali siano rimasti invariati;i) neUe domande relative alle autorizzazioni di tipo singolo o multiplo, possano essere indicati, conannotazione a parte fino ad un massimo di cinque veicoli costituenti riserva di quelli scelti per iltrasporto, pari a cinque sia per il veicolo trattore che per il veicolo rirnorchio o semirimorchio esiano anunesse tutte le combinazioni possibili tra i trattori ed i rirnorchi o semirimorchi ancheincrociate.>>. Art. 4-duodecies (Norme in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive, e divieto di introdurre, nelrecepirnento di direttive dellUnione europea, adempimenti aggiuntivi rispetto a quelli previsti dalle direttive stesse)1. A1 decreta del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, recante i1 testa unico delledisposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione annninistrativa, sonoapportate le seguenti modificazioni:a) allarticolo 40 Ia rubrica e sostituita dalla seguente:"40. (L) Certificati ", e sono premessi iseguenti commi:01. Le certificazioni ri1asciate dalla pubblica annninistrazione in ordine a stati, qualita personali efatti sono valide e utilizzabili solo nei rapporti tra privati. Nei rapporti con gli organi della pubblicaamministrazione e i gestori di pubblici servizi i certificati e gli atti di notorieta sono sempresostituiti dalle dichiarazioni di cui agli articoli 46 e 4 7.02. Sulle certificazioni 1da produrre ai soggetti privati e apposta, a pena di nullita, Ia dicitura " I1presente ce1iificato non puo essere prodotto agli organi della pubblica anuninistrazione o ai privatigestori di pubblici servizi".b) allarticolo 41, i1 comma 2 e soppresso;c) allarticolo 43, il comma 1 e sostituito dal seguente: <<1. Le amministrazioni pubbliche e igestori di pubblici servizi sono tenuti ad acquisire dufficio le informazioni oggetto delledichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47, nonch6 tutti i dati e i documenti che siano inpossesso delle pubbliche amministrazioni, previa indicazione, da parte dellinteressato, deglielementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati richiesti, ovvero ad accettareIa dichiarazione sostitutiva prodotta dallinteressato. >>;d) dopo larticolo 44 e inserito il seguente: <<44-bis. Acquisizione dufficio di informazioni- 1. Leinformazioni relative alla regolarita contributiva sono acquisite dufficio, ovvero controllate ai sensidellarticolo 71, dalle pubbliche amministrazioni procedenti, nel rispetto della specifica nommtiva disettore. 2. >>; e) lruiicolo 72 e sostituito dal seguente: <<72. Responsabilita in materia di accertarnento dufficioe di esecuzione dei controlli.- 1. Ai fini dellaccertamento dufficio di cui allarticolo 43, deicontrolli di cui allruiicolo 71 e della predisposizione delle convenzioni quadro di cui allruiicolo 58del CAD, le ministrazione certificanti individuano un ufficio responsabile per tutte le attivitavolte a gestire, garantire e verificare la trasmissione dei dati o 1accesso diretto agli stessi da partedelle anuninistrazioni procedenti. 2. Le amministrazioni certificanti, per il tramite dellufficio di cuial comma 1, individuano e rendono note, attraverso la pubblicazione sul sito istituzionaledellamministrazione, le misure organizzative adottate per lefficiente, efficace e tempestivaacquisizione dufficio dei dati e per 1 effettuazione dei controlli medesimi, nonch61e modalita per Ialora esecuzione. 3. La mancata risposta aile richieste di controllo entro trenta giorni costituisce 12
  • 58. A.S. 2968violazione dei doveri dufficio e viene in ogni caso presa in considerazione ai fmi della misurazionee della valutazione della performance individuate dei responsabili dellomissione.>>;f) allarticolo 74, comma 2, Ia lettera a) e sostituita dalla seguente: "a) Ia richiesta e laccettazione dicertificati o di atti di notorieta" ed e aggiunta Ia seguente lettera: "d) il rilascio di certificati nonconfonni a quanto previsto allarticolo 40, comma 2.".2. Allarticolo 14, della Iegge 28 novembre 2005, n. 246, sono apportate le seguenti modificazioni:a) dopo il comma 5, e inserito il seguente comma:"5-bis. La relazione AIR di cni al comma 5, lettera a), da altresi conto, in apposita sezione, delrispetto dei livelli minirni di regolazione comunitaria ai sensi dei commi 25, 26 e 27.";b) sono aggiunti, in fine, i seguenti commi:<< 25. Gli atti di recepimento di direttive comunitarie non possono prevedere lintroduzione o ilmantenimento di livelli di regolazione superiori a quelli minirni richiesti dalle direttive stesse, salvoquanto previsto al comma 27.26. Costituiscono livelli di regolazione superiori a quelli minimi richiesti dalle direttivecomunitarie:a) lintroduzione o il mantenimento di requisiti, standard, obblighi e oneri non strettarnentenecessari per 1 attuazione delle direttive;b) lestensione dellambito soggettivo o oggettivo di applicazione delle regole rispetto a quantoprevisto dalle direttive, ove comporti maggiori oneri arnrninistrativi peri destinatari;c) 1introduzione o il mantenimento di sanzioni, procedure o meccanismi operativi pili gravosi ocomplessi di quelli strettarnente necessari per lattuazione delle direttive.27. Larmninistrazione da conto delle circostanze eccezionali, valutate nellanalisi dimpatto dellaregolarnentazione, in relazione aile quali si rende necessaria il superarnento del livello minima diregolazione comunitaria. Per gli atti norrnativi non sottoposti ad AIR, le Amministrazioni utilizzanocomunque, i metodi di analisi definiti dalle direttive di cui al comma 6, dellarticolo 14, della legge28 novembre 2005, n. 246.>>. Art. 4-terdecies (Disposizioni in tema di mobilita e collocamento in disponibilita dei dipendenti pubblici)1. Larticolo 33 del decreta legislativo 31 marzo 2001, n. 165 e sostituito dal seguente: "Art. 33.(Eccedenze di personate e mobilita collettiva) - 1. Le pubbliche arnministrazioni che hannosituazioni di soprannumero o rilevino comunque eccedenze di personate, in relazione aile esigenzefunzionali o alla situazione fmanziaria, anche in sede di ricognizione annuale prevista dall articolo6, comma 1, terzo e quarto periodo, sono tenute ad osservare le procedure previste dal presentearticolo dandone immediata comunicazione a! Dipartimento della funzione pubblica.2. Le arnrninistrazioni pubbliche che non adempiono alia ricognizione annuale di cui a! comma 1non possono effettuare assunzioni o instaurare rapporti di lavoro con qualunque tipologia dicontratto pena Ia nullita degli atti posti in essere.3. La mancata attivazione delle procedure di cui al presente articolo da parte del dirigenteresponsabile evalutabile ai fini della responsabilita disciplinare. 13
  • 59. A.S.2968 4. Nei casi previsti dal comma 1 del presente articolo il dirigente responsabile deve dare uninforrnativa preventiva alle rappresentanze unitarie del personale e alle organizzazioni sindacali fmnatarie del contratto collettivo nazionale del comparto o area.5. Trascorsi dieci giorni dalla comunicazione di cui al comma 4, larnministrazione applicalarticolo 72, comma 11, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, in subordine, verifica la ricollocazione totale o parziale delpersonale in situazione di soprannuntero o di eccedenza nellambito della stessa annninistrazione,anche mediante il ricorso a forme flessibili di gestione del tempo di lavoro o a contratti disolidarietit, ovvero presso altre annninistrazioni, previo accordo con le stesse, comprese nell ambitodella Regione tenuto anche conto di quanto previsto dallarticolo 1, comma 29, del decreto-legge 13agosto 2011, n. 138, convertito dalla legge del14 settembre 2011, n. 148, nonch6 del comma 6.6. I contratti collettivi nazionali possono stabilire criteri generali e procedure per consentire, tenutoconto delle caratteristiche del comparto, la gestione delle eccedenze di personale attraverso ilpassaggio diretto ad altre alllffiinistrazioni al di fuori del territorio regionale che, in relazione alladistribuzione territoriale delle annninistrazioni o alla situazione del mercato dellavoro, sia stabilitodai contratti collettivi nazionali. Si applicano le disposizioni dellarticolo 30. 7. Trascorsi novanta giomi dalla comunicazione di cui al comma 4 lannninistrazione colloca indisponibilita il personale che non sia possibile impiegare diversamente nellantbito della medesirnaarnministrazione e che non possa essere ricollocato presso altre annninistrazioni nellambitoregionale, ovvero che non abbia preso servizio presso la diversa alllffiinistrazione secondo gliaccordi di mobilita.8. Dalla data di collocamento in disponibilita restano sospese tutte le obbligazioni inerenti alrapporto di lavoro e i1 lavoratore ha diritto ad unindennitit pari all80 per cento dello stipendio edellindennita integrativa speciale, con esclusione di qualsiasi altro emolumento retributivocomunque denorninato, per la durata massirna di ventiquattro mesi. I periodi di godirnentodellindennita sono riconosciuti ai fini della determinazione dei requisiti di accesso alla pensione edella rnisura della stessa. E riconosciuto altresi il diritto allassegno per il nucleo familiare di cuiallatticolo 2 del decreto-legge 13 marzo 1988, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 13maggio 1988, n. 153.".2. Le procedure di cui allarticolo 33, del decreto legislativo 31 marzo 2001, n. 165, comemodificato dalla presente legge, si applicano anche nei casi previsti dallarticolo 15 del decretolegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito in legge, con modificazioni, dallarticolo 1, comma 1, dellalegge 15 luglio 2011, n. 111.3. Le disposizioni di cui ai comrni precedenti non si applicano ai concorsi gia banditi e alleassurtZioni gia autorizzate alla data di entrata in vigore della presente legge. Art. 4-quaterdecies (Semplificazione procedimento distretti turistici)1. Allarticolo 3, comma 5, del decreto legge 13 maggio 2011, n. 70, come convertito in legge, conmodificazioni, dallruiicolo 1, comma 1, della legge 12 luglio 2011, n. 106, e aggiunto in fme ilseguente periodo:"Il relativo procedimento si intende conc1uso favorevolmente per gli interessati se lanmtinistrazionecompetente non comunica allinteressato, nel terrnine di novanta giorni dallavvio del procedirnento,il provvedirnento di diniego." 14
  • 60. A.S. 2968 Art. 4-quinquiesdecies (Finanziamento di infrastrutture mediante defiscalizzazione) 1. Al fine di favorire la realizzazione di nuove infrastmtture autostradali con il sistema della finanzadi progetto, le cui procedure sono state avviate, ai sensi della normativa vigente, e non ancoradefinite alla data di entrata in vigore della presente legge, riducendo ovvero azzerando lanrmontaredel contributo pubblico a fondo perduto, possono essere previste, perle societa di progetto costituiteai sensi dellarticolo 156 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni,le seguenti misure:a) le irnposte sui redditi e lIRAP generati durante il periodo di concessione possono esserecompensati totalmente o parzialmente con i1 predetto contributo a fondo perduto;b) il versamento dellirnposta sul valore aggiunto dovuta ai sensi dellarticolo 27 del decreto delPresidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, puo essere assoltomediante compensazione con i1 predetto contributo pubblico a fondo perduto, nel rispetto delladirettiva IVA 2006/112 CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, e delle pertinenti disposizioni inmateria di risorse proprie del bilancio dell Unione europea;c) lanrmontare del canone di concessione previsto dallarticolo 1, comma 1020, della legge 27dicembre 2006, n. 296, e successive modificazioni, nonche, lintegrazione prevista dallarticolol9,comma 9-bis, della legge 3 agosto 2009, n. 102, e successive modificazioni, possono esserericonosciuti a! concessionario come contributo in conto esercizio.2. Lirnporto del contributo pubblico a fondo perduto nonche 1e modalita e i termini delle misurepreviste a! comma 1, utilizzabili anche cumulativamente, sono posti a base di gara perlindividuazione del concessionario, e successivamente riportate nel contratto di concessione daapprovarsi con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministrodelleconomia e delle fmanze. La misura massirna del contributo pubblico, ivi incluse le misure dicui a! comma 1, non puo eccedere il 50 per cento del costo dellinvestirnento e deve essere inconformita con !a disciplina nazionale e comunitaria in materia.3. Lefficacia delle misure previste ai comrni 1 e 2 e subordinata allemanazione del decreto delMinistero delleconomia e delle fmanze previsto dallarticolo 104, comma 4, del decreto delPresidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 e successive modificazioni.4. In occasione degli aggiomamenti periodici del piano economico-finanziario si procede allaverifica del calcolo del costo medio ponderato del capitale investito ed eventualmente del premio dirischio indicati nel contratto di concessione vigente, nonche alla rideterminazione delle misurepreviste al comma 1 sulla base dei valori consuntivati nel periodo regolatorio precedente, anche allaluce delle stirne di traffico registrate nel medesirno periodo. Art. 4-sexiesdecies (Interventi per la realizzazione del corridoio Torino- Lione e del Tunnel del Tend a)1. Per assicurare !a realizzazione della linea ferroviaria Torino-Lione e garantire, a tal fine, ilregolare svolgimento dei lavori del cunicolo esplorativo de La Maddalena, le aree ed i siti delComune di Chiomonte, individuati per linstallazione del cantiere della galleria geognostica e per larealizzazione del tunnel di base della linea ferroviaria Torino-Lione, costituiscono aree di interessestrategico nazionale. 15
  • 61. A.S. 2968 2. Fatta salva lipotesi di pili grave reato, chiunque si introduce abusivamente nelle aree di interesse strategico nazionale di cui a! comma I ovvero impedisce o ostacola laccesso autorizzato alle aree medesime epunito a norma dellarticolo 682 del codice penale.3. Le risorse frnanziarie a carico della Stato italiano previste per Ia realizzazione del nuovo Tunneldi Tenda, nellambito dellaccordo di Parigi del 12 marzo 2007 tra il Governo della Repubblicaitaliana ed il Governo della Repubblica francese, ratificato con Iegge 4 agosto 2008, n. 136, daattribuire all ANAS S.p.a., committente delegato incaricato della realizzazione dellopera, sono daconsiderare quali contributi in conto impianti, ai sensi dellarticolo 1, comma 1026, della Iegge 27dicembre 2006, n. 296.4. Le entrate derivanti dal rimborso da parte della Repubblica francese, ai sensi degli articoli 22 e23 dellaccordo di cui a! comma 3, della propria quota di partecipazione peri lavori di costruzionedel nuovo tunnel di Tenda, sono versate allentrata del bilancio dello Stato italiano per essereriassegnate ad apposito capitola dello stato di previsione del Ministero dell economia e dellefrnanze relativo ai fondi da attribuire ad ANAS per il contratto di programma.5. Le entrate derivanti dal rimborso da parte della Repubblica francese, ai sensi degli articoli 6 e 8del predetto accordo, della propria quota di partecipazione dei costi correnti della gestione unificatadel tunnel di Tenda in servizio, sono versate allentrata del bilancio dello Stato italiano per essereriassegnate ad apposito capitola dello stato di previsione del Ministero delleconomia e dellefinanze relativo ai fondi da attribuire ad ANAS per il contratto di servizio. Art. 4-septiesdecies (Cessione partecipazioni ANAS)1. Allarticolo 36 del decreta Iegge 6luglio 2011 n. 98, convertito, conmodificazioni, dalla Iegge15luglio 2011 n. 111, il comma 7 e sostituito dal seguente:"7. A decorrere dal 1° gennaio 2012, A.oas S.p.A. trasferisce a Fintecna S.p.A. al valore nettocantabile risultante al momenta della cessione tutte le partecipazioni detenute da A.oas S.p.A. anchein societa regionali; Ia cessionee esente da imposte dirette, indirette e da tasse.". Art. 4-octiesdecies (Finanziamento opere portuali)1. Allarticolo 2 del decreta Iegge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dallaIegge 26 febbraio 2011, n. 10, dopo il comma 2-undecies, e inserito il seguente:"2-undecies 1). Peril solo anno 2012, perle finalita di cui al comma 2-novies, puo essere disposto,ad integrazione delle risorse rinvenienti dalla revoca dei finanziamenti, lutilizzo delle risorse delFondo perle infrastmtture portuali di cui allarticolo 4, comma 6, del decreta Iegge 25 marzo 2010,n. 40, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 22 maggio 2010, n. 73, e successivemodificazioni.". 16
  • 62. A.S. 2968 Art. 4-noviesdecies (Apprendistato, contralto di inserimento donne, part-time, telelavoro, incentivi fiscali e contributivi) 1. AI fme di promuovere loccupazione giovanile, a decorrere dall 0 gennaio 2012, peri contrattidi apprendistato stipulati successivarnente alia medesima data ed entro il 31 dicembre 2016, ericonosciuto ai datori di lavoro, che occupano alle dipendenze un numero di addetti pari o inferiorea nove, uno sgravio contributive del 100 per cento con riferimento alia contribuzione dovuta aisensi dellarticolo 1, comma 773, quinto periodo, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 peri periodicontributivi maturati nei primi tre armi di contratto, restando fermo illivello di ali quota dell 0 percento per i periodi contributivi maturati negli anni di contratto successivi al terzo. Con effetto dall agennaio 2012 laliquota contributiva pensionistica per gli iscritti alia gestione separata di cuiallarticolo 2, comma 26, della Iegge 8 agosto 1995, n. 335, e Ia relativa aliquota contributiva perilcomputo delle prestazioni pensionistiche sono aumentate di un punto percentuale. AIIarticolo 7,comma 4, del decreto legislative 14 settembre 2011, n. 167, le parole "lettera i)" sono sostituite da"lettera m)".2. A decorrere dallarmo 2012 il Ministero dellavoro e delle politiche sociali con proprio decretodestina armualmente, nellarnbito delle risorse di cui a!larticolo 68, comma 4, lettera a), della Iegge17 maggio 1999, n. 144 e successive modifiche e integrazioni, una quota non superiore a 200milioni di euro alle attivita di formazione nellesercizio dellapprendistato, di cui il 50% destinatoprioritariarnente alia tipologia di apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere stipulatoai sensi dellarticolo allarticolo 49 del decreta legislativo 10 settembre 2003, n. 276 e dellarticolo4 del decreta legislative 14 settembre 2011, n. 167.3. AI fme di promuovere loccupazione femrninile, allarticolo 54, comma 1 del decreto legislative10 settembre 2003, n. 2761a lettera e) e sostituita dalla seguente: "e) donne di qualsiasi eta prive diun impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi residenti in una area geografica in cui iltasso di occupazione femminile sia inferiore almeno di 20 punti percentuali di quello maschile o incui il tasso di disoccupazione femminile superi di 10 punti percentuali quello maschile. Le aree dicui al precedente periodo nonch6 queUe con riferimento alle quali trovano applicazione gli incentivieconomici di cui allarticolo 59, comma 3 nel rispetto del regolarnento (CE) n. 800/2008 dellaComrnissione, del 6 agosto 2008 sono individuate con decreta del Ministro del lavoro e dellepolitiche sociali di concerto con il Ministro delleconomia e delle fmanze da adottarsi entro il 31dicembre di ogni armo, con riferimento allarmo successivo". Per gli anni 2009, 2010,2011 e 2012,le aree geografiche di cui allarticolo 54, comma 1 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276lettera e) come modificata dal presente comma sono individuate con decreta del Ministro dellavoroe delle politiche sociali di concerto con il Ministro delleconomia e delle finanze da adottarsi entro30 giorni dalla data di entrata in vigore della presente Iegge.4. AI fme di incentivare luso del contralto di lavoro a tempo parziale, le lettere a) e b) del comma44 dellarticolo 1 della Iegge 24 dicembre 2007, n. 247, sono abrogate. Dalla data di entrata invigore della presente Iegge trovano applicazione le disposizioni in materia di contratto di lavoro atempo parziale di cui allarticolo 3, commi 7 e 8, del decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 61,come sostituiti, da ultimo, dallarticolo 46 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276.AI!articolo 5, comma 1, secondo periodo, del decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 61, le parole"convalidato dalla direzione provinciale dellavoro competente per tenitorio" sono soppresse.5. Sono introdotte le seguenti misure di incentivazione del telelavoro:a) al fme di facilitare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro attraverso il ricorso allostrumento del telelavoro, i benefici di cui allarticolo 9, comma 1, lettera a) della Iegge 8 marzo2000, n. 53 possono essere riconosciuti anche in caso di telelavoro nella forma di contratto atermine o reversibile; 17
  • 63. A.S. 2968b) al fme di facilitare linserimento dei lavoratori disabili mediante i1 telelavoro, gli obblighi di cuial comma 1, dellarticolo 3 della Iegge 12 marzo 1999, n. 68 in tema di assunzioni obbligatorie equote di riserva possono essere adempiuti anche utilizzando Ia modalita del telelavoro;c) ai medesimi fmi di cui alia precedente lettera b), fra le modalita di assunzioni che possonocostituire oggetto delle convenzioni e delle convenzioni di integrazione lavorativa di cui all articolo11 della Iegge 12 marzo 1999, n. 68, sono incluse le assunzioni con contratto di telelavorod) al fine di facilitare i1 reinserimento dei lavoratori in mobilita, le offerte di cui a1 comma 2,dell articolo 9 della Iegge 23 luglio 1991, n. 223 comprendono anche le ipotesi di attivita lavorativesvolte in forma di telelavoro, anche reversibile.6. AI fine di armonizzare i1 quadro normativo in tema di incentivi fiscali e contributivi allacontrattazione aziendale e in tema di sostegno alia contrattazione collettiva di prossirnita, Iatassazione agevolata del reddito dei lavoratori e lo sgravio dei contributi di cui all articolo 26 deldecreto-legge 6luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111applicabili anche alle intese di cui allarticolo 8 del decreto Iegge 13 agosto 2011, n. 138,convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148, sono riconosciuti in relazionea quanto previsto da contratti collettivi di lavoro sottoscritti a 1ivello aziendale o teiTitoriale daassociazioni dei lavoratori comparativarnente pili rappresentative sul piano nazionale o territorialeovvero dalle loro rappresentanze sindacali operanti in azienda ai sensi della normativa di legge edegli accordi interconfedera1i vigenti. Allarticolo 26 del decreto-legge 98 del 2011, le parole"compresi i contratti aziendali sottoscritti ai sensi dellaccordo interconfederale del28 giugno 2011tra Confindustria, Cgil, Cis!, Uil e U gl sono soppresse".7. Per lanno 2012 ciascuna regione, conformemente a1 proprio ordinamenta, puo disporre Iadeduziane dalla base impanibile dellimposta regionale sulle attivita produttive delle sammeerogate ai lavoratori dipendenti del settore privato in attuazione di quanta previsto da contratticollettivi aziendali o territoriali di produttivita di cui allarticolo 26 del decreto-legge 6 luglio 2011,n. 98, canvertita, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111. G1i effetti fmanziariderivanti dagli interventi di cui al presente comma sono esclusivarnente a carica del bilancio dellaregione. Restana fermi gli automatismi fiscali previsti dalla vigente legislazione nel settare sanitarianei casi di squilibrio econornico, nonch6 le disposizioni in materia di applicazione di incrementidelle aliquote fiscali per le regioni sottoposte ai piani di rientro dai deficit sanitari.8. AI fine di accelerare la piena operativita del credita di imposta per nuovo lavoro stabile nelMezzogiomo di cui allarticolo 2 del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito con Iegge 12luglia 2011, n. 106, la Conferenza Stato-Regioni sancisce intesa sul decreto di natura nonregolarnentare volto a stabilire i limiti di finanziarnento garantiti da ciascuna delle Regioniinteressate, nonche le disposizioni di attuazione del medesimo articolo 2 entro il termine di trentagiorni dalla trasmissione dello schema di decreto.9. Al fine di ridurre gli oneri arnrninistrativi gravanti sulle imprese e di semplificare Ia gestione delrapparta di lavoro sona introdotte le seguenti misure:a) larticolo 11 del decreto legislativo del Capo pravvisorio dello Stato 16 luglio 1947, n. 708 eabrogato;b) all articolo 6, comma 1, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 27 6, dopo la lettera f) einserita Ia seguente: "g) lEnte Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori delloSpettacolo con esclusivo riferimento ai lavoratori dello spettacolo come definiti ai sensi dellanormativa vigente." . 18
  • 64. AS. 2968 Art. 4-vicies (Fondo di rotazione perle politiche comunitarie)1. Al fme di cousentire il completo utilizzo delle risorse asseguate dallUuione europea a titolodi cofmauziameuto di interveuti nei settori dellagricoltura e della pesca, il Fondo di rotazionedi cui alia Iegge n. 183/1987 e autorizzato ad anticipare, nei limiti delle proprie dispouibilitafinauziarie, !a quota di saldo del contributo comuuitario e di quello statale corrispondente.2. Le somme anticipate sulla quota comuuitaria, ai sensi del comma 1, sono reintegrate alFondo di rotazione a val ere sugli accrediti disposti dallUuione europea a titolo di saldo per gliinterventi che hauno beneficiato delle anticipazioui stesse.3. II Miuistero delle politiche Agricole, Alimentari e Forestali attiva le necessarie azioui direcupero delle somme anticipate dal Fondo di rotazione e non reintegrate a causa del mancatoriconoscimento delle spese da parte dell Uuione europea.4. II Fondo di rotazione di cui a! comma 1, destina le risorse fmauziarie a proprio carico,proveuienti da uneventuale riduzione del tasso di cofmauziamento nazionale dei prograrumidei fondi strutturali 2007/2013, alia realizzazione di interventi di sviluppo socio-econoruicoconcordati tra le Autorita italiane e Ia Commissione europea nellambito del processo direvisione dei predetti prograrumi. Art. 4-semel et vicies (Disposizioni per Io sviluppo del settore dei beni e delle attivita culturali)1. Le somme corrispondenti alleventuale minor utilizzo degli stauziamenti previsti dallarticolo 1,comrui da 325 a 337, della Iegge 24 dicembre 2007, n. 244, cosi come rifmauziati dallarticolo 1,comma 4, del decreto Iegge 31 marzo 2011, n. 34, convertito, con modificazioui dalla Iegge 26maggio 2011, n. 75, per !a copertura degli oneri relativi alia proroga delle agevolazioui fiscali perleattivita cinematografiche di cui alia Iegge 24 dicembre 2007, u. 244, individuate con decreto delMiuistro per i beni e le attivita culturali e del Miuistro delleconoruia e delle fmauze, sonoaunualmente riassegnate, con decreto del Miuistro dell econoruia e delle fmauze, allo stato diprevisione del Miuistero per i beui e le attivita culturali, per essere destinate al rifinauziamentodel Fondo di cui allarticolo 12, comma 1, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 28, esuccessive modificazioui. II ripaJ.io di dette risorse tra le fmalita di cui al citato decreto legislativon. 28 del 2004 e disposto con decreto del Miuistro per i beui e le attivita culturali. II Miuistrodell economia e delle finauze e autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrentivariazioui di bilancio. Allarticolo 1 della Iegge 24 dicembre 2007, n. 244, e successivemodificazioui, i comrui da 338 a 343 sono abrogati.2. Al fine di assicmare lespletamento delle fuuzioui di tutela, fruizione e valorizzazione delpatrimouio culturale statale secondo i principi di efficieuza, razionalita ed economicita e di farfronte aile richieste di una crescente domanda culturale nell ottica di uno sviluppo del settore taleda renderlo pili competitivo ed in grado di generare ricadute positive sui turismo e sulleconoruiadel Paese, all articolo 2, comma 3, del decreto Iegge 31 marzo 2011, n. 34, convertito, conmodificazioui dalla Iegge 26 maggio 2011, n. 75, dallarticolo 2 del decreto Iegge 31 marzo 2011, n.34, convertito, con modificazioui, dalla Iegge 26 maggio 2011, n. 75 sono apportate le seguentimodificazioni:a) a! primo periodo, le pa1·ole: "alle disposizioui di cui allarticolo 2, comma 8-quater, del decretoIegge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioui, dalla Iegge 26 febbraio 2010, n. 25"sono sostituite dalle seguenti: "alle disposizioui di cui allarticolo 2, comrui 8-bis e 8-quater, del 19
  • 65. A.S.2968decreta Iegge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 26 febbraio2010, n. 25 e di cui al1articolo 1, cormni 3 e 4, del decreta Iegge 13 agosto 2011, n. 138,convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148";b) prima dellultimo peri ado sono aggiunti i seguenti periodi: "Al fine di procedere aile assunzionidi personale presso Ia Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e di Pompei, ilMinistero per i beni e le attivita culturali procede, dopa lutilizzo delle graduatorie regionali incorso di validita ai fmi di quanta previsto dal terzo periodo, alia formazione di una graduatoriaunica nazionale degli idonei secondo I ordine generale di merito risultante dalla votazionecomplessiva riportata da ciascun candidato nelle graduatorie regionali in corso di validita,applicando in caso di parita di merito il principia della minore eta anagrafica. La graduatoria unicanazionale e elaborata anche al fine di consentire ai candidati di esprimere Ia propria accettazione enon comporta Ia soppressione delle singole graduatorie regionali. I candidati che non accettanomantengono Ia collocazione ad essi spettante nella graduatoria della regione per cui harrnoconcorso. II Ministero peri beni e le attivita culturali provvede alle attivita di cui a! presente commanell ambito delle risorse umane, frnanziarie e strumentali gia disponibili a legislazione vigente.". Art. 4-bis et vicies (Impiego della posta elettronica certificata nel processo civile)I. AI codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni:a) allarticolo 125, primo comma, le parole «il proprio indirizzo di pasta elettronica certificata» sonosostituite dalle seguenti: «lindirizzo di pasta elettronica certificata comunicato al proprio ordine»;b) allarticolo 133, i1 terzo comma e abrogato;c) allarticolo 134, il terzo comma e abrogato;d) allarticolo 136 sono apportate le seguenti modifiche:l) il secondo comma e sostituito dal seguente: «II biglietto e consegnato dal cancelliere a!destinatario, che ne rilascia ricevuta, ovvero trasmesso a mezzo pasta elettronica certificata, nelrispetto della normativa, anche regolamentare, concemente Ia sottoscrizione, Ia trasmissione e Iaricezione dei documenti informatici.»;2) il terzo comma e sostituito dal seguente: «Salvo che Ia Iegge disponga diversamente, se non epossibile procedere ai sensi del comma che precede, il biglietto viene trasmesso a mezzo telefax, o erimesso allufficiale giudiziario per Ia notifica.»;3) il quarto comma e abrogato;e) allarticolo 170, a! quarto comma, le parole da «II giudice puo autorizzare per singoli atti» sino a«lindirizzo di pasta elettronica presso cui dichiara di voler ricevere le comunicazioni» sonosoppresse;f) allarticolo 176, al secondo comma, le parole da «anche a mezzo telefax» sino a «lindirizzo diposta elettronica presso cui dichiara di volere ricevere Ia comunicazione.» sono soppresse;g) allarticolo 183, lottavo comma eabrogato;h) allarticolo 250, il secondo comma e sostituito dal seguente: «Lintimazione a! testimoneammesso su richiesta delle parti private a comparire in udienza puo essere effettuata dal difensoreattraverso linvio di copia dellatto mediante lettera raccomandata con avviso di ricevirnento o amezzo posta elettronica certificata o a mezzo telefax.»; 20
  • 66. A.S.2968 i) allarticolo 366, sono apportate le seguenti modificazioni:1) al secondo comma, dopo le parole «se il riconente non ha eletto domicilio in Roma» sonoaggiunte le seguenti: «ovvero non ha indicate lindirizzo di posta elettronica certificata comunicatoal proprio ordine»;2) il quarto comma e sostituito dal seguente: «Le comunicazioni della cancelleria e le notificazionitra i difensori di cui agli articoli 372 e 390 sono effettuate ai sensi dellarticolo 136, secondo e terzocomma.»;1) allarticolo 518, al sesto comma, i1 secondo periodo e sostituito dal seguente: «Lufficialegiudiziario trasmette copia del processo verbale al creditore e al debitore che lo richiedono a mezzoposta elettronica cettificata ovvero, quando cio non e possibile, a mezzo telefax o a mezzo postaordinaria.»;2. Alle disposizioni per lattuazione del codice di procedura civile e disposizioni transitorie, di cui alregio decreto 18 dicembre 1941, n. 1368, sono apportate le seguenti modificazioni:a) allarticolo 173-bis, al terzo comma, le parole da «a mezzo di posta ordinaria» sino alia fine delperiodo sono sostituite dalle seguenti: «a mezzo posta elettronica certificata ovvero, quando cio none possibile, a mezzo telefax o a mezzo posta ordinaria.»;b) allarticolo 173-quinquies, al primo comma, le parole da «a mezzo di telefax» sino alia fme delperiodo sono sostituite dalle seguenti: «a mezzo posta elettronica certificata ovvero, quando cio none possibile, a mezzo telefax, di una dichiarazione contenente le indicazioni prescritte dai predettiarticoli.»;3. Alia legge 21 gennaio 1994, n. 53, sono apportate le seguenti modificazioni:a) allarticolo 1, dopo le parole «a mezzo del servizio postale, secondo le modalita previste dallaIegge 20 novembre 1982, n. 890» sono inserite le seguenti: «ovvero a mezzo della posta elettronicacertificata»;b) allarticolo 3, il comma 3-bis e sostituito dal seguente: «La notifica e effettuata a mezzo dellaposta elettronica certificata solo se lindirizzo del destinatario risulta da pubblici elenchi. IInotificante procede con le modalita previste dallarticolo 149-bis del codice di procedura civile, inquanto compatibili, specificando nella relazione di notificazione il numero di registro cronologicodi cui allarticolo 8»;c) allarticolo 4 sono apportate le seguenti modifiche:1) al comma 1, dopo le parole: «puo eseguire notificazioni in materia civile, anmtinistrativa estragiudiziale, direttamente,» sono aggiunte le seguenti: «a mezzo posta elettronica certificata,ovvero»;2) al comma 1 le parole «e che sia iscritto nello stesso albo del notificante» sono soppresse;3) il comma 2 e sostituito dal seguente: «2. La notifica puo essere eseguita mediante consegna dicopia dellatto nel domicilio del destinatario se questi ed il notificante sono iscritti nello stesso albo.In tal caso loriginale e la copia dellatto devono essere previamente vidimati e datati dal consigliodellordine nel cui albo entran1bi sono iscritti.»;d) allarticolo 5 sono apportate le seguenti modifiche:1) il comma 1 e sostituito dal seguente: « l. Nella notificazione di cui allarticolo 41atto deve esseretrasmesso a mezzo posta elettronica certificata allindirizzo di posta elettronica certificata che ildestinatario ha comunicato al proprio ordine, nel rispetto della normativa, anche regolamentare,concemente la sottoscrizione, Ia trasmissione e la ricezione dei documenti informatici.»; 21
  • 67. A.S.29682) al comma 2, aile parole: «Se Ia consegna non puo essere fatta personalmente al destinatario» eanteposto i1 seguente periodo: «Quando Ia notificazione viene effettuata ai sensi dellarticolo 4,comma 2, latto deve essere consegnato nelle mani proprie del destinatario.»;3) al comma 3, le parole «In entrambi i casi di cui ai commi 1 e 2» sono sostituite dalle seguenti:«Nei casi previsti dal comma 2».4. Allarticolo 16 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dallaIegge 28 gennaio 2009, n. 2, dopo il comma 7, e inserito il seguente: <<7-bis. Lomessapubblicazione dellelenco riservato previsto dal comma 7, ovvero il rifiuto reiterato di comunicareaile pubbliche amministrazioni i dati previsti dal medesimo comma, costituiscono motivo discioglimento e di commissariamento del collegio o dellordine inadempiente.».5. Le disposizioni di cui al presente articolo entrano in vigore decorsi trenta giorni dalla data dientrata in vigore della presente Iegge. Art. 4-ter et vicies (Misure straordinarie per Ia riduzione del contenzioso civile pendente davanti alia Corte di cassazione e aile corti di appello)1. Nei procedimenti civili pendenti davanti alia Cmie di cassazione, aventi ad oggetto ricorsiavverso le pronunce pubblicate prima dellentrata in vigore della Iegge 18 giugno 2009, n. 69, e inquelli pendenti davanti aile corti di appello da oltre due anni prima dellentrata in vigore dellapresente Iegge, Ia cancelleria avvisa le parti costituite dellonere di presentare istanza di trattazionedel procedimento, con lavvertimento delle conseguenze di cui al comma 2.2. Le impugnazioni si intendono rinunciate se nessuna delle parti, con istanza sottoscrittapersonalmente dalla parte, dichiara Ia persistenza dellinteresse alia !oro trattazione entro i1 termineperentorio di sei mesi dalla ricezione dellavviso di cui al comma 1.3. Nei casi di cui al comma 2 il presidente del collegio dichiara lestinzione con decreto. Art. 4-quater et vicies(Modifiche al co dice di procedura civile per laccelerazione del contenzioso civile pendente in grado di appello)1. AI codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni:a) allru.iicolo 283 e aggiunto, in fme, i1 seguente comma: «Se listanza prevista dal comma cheprecede e inammissibile o manifestamente infondata i1 giudice, con ordinanza non impugnabile, puocondarmru.·e Ia parte che lha proposta ad una pena pecuniaria non inferiore ad euro 25 0 e nonsuperiore ad euro 10.000. Lordinanza e revocabile con Ia sentenza che definisce il giudizio»;b) allarticolo 350, primo comma, dopo le parole: «<a trattazione dellappello e collegiale», sonoinserite le seguenti: «rna il presidente del collegio puo delegare per lassurrzione dei mezzi istruttoriuno dei suoi componenti»;c) allarticolo 351 sono apportate le seguenti modifiche:1) al primo comma, dopo le parole «il giudice provvede con ordinanza», sono aggiunte le seguenti:«non impugnabile»; 22
  • 68. A.S.29682) e aggiunto, in fme, il seguente connna: «II giudice, alludienza prevista dal primo connna, seritiene Ia causa matura per Ia decisione, puo provvedere ai sensi dellarticolo 281-sexies. Se per 1adecisione sulla sospensione e stata fissata ludienza di cui al terzo connna, il giudice fissa appositaudienza per Ia decisione della causa nel rispetto dei termini a comparire»;d) allarticolo 352 e aggiunto, in fme, il seguente connna: «Quando non provvede ai sensi deicommi che precedono, il giudice puo decidere 1a causa ai sensi dellarticolo 281-sexies»;e) allarticolo 431 e aggiunto, in fine, il seguente connna: «Se listanza per Ia sospensione di cui alterzo ed al sesto connna e inannnissibile o manifestamente infondata il giudice, con ordinanza nonimpugnabile, puo condannare Ia parte che lha proposta ad una pena pecuniaria non inferiore adeuro 250 e non superiore ad euro 10.000. Lordinanza e revocabile con Ia sentenza che defmisce ilgiudizio».2. Allarticolo 445-bis del codice di procedura civile e aggiunto, in fme, il seguente comma: «Lasentenza che definisce il giudizio previsto dal connna precedente e inappellabile»3. Le disposizioni di cui al presente articolo entrano in vigore decorsi trenta giomi dalla data dientrata in vigore della presente Iegge. Ali. 4-quinquies et vicies (Modifiche in materia di spese di giustizia)1. AI testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia, di cuial decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, sono apportate le seguentimodificazioni:a) allarticolo 13, dopo il conuna 1 e inserito il seguente: «1-bis. II contributo di cui al comma 1 eaumentato della meta per i giudizi di impugnazione ed e raddoppiato per i processi dinanzi aliaCorte di cassazione»;b) allarticolo 14, il comma 3 e sostituito da1 seguente: «3. La parte di cui al comma 1, quandomodifica Ia domanda o propone domanda riconvenzionale o formula chiamata in causa, cuiconsegue laumento del valore della causa, e tenuta a fame espressa dichiarazione e a procedere alcontestuale pagamento integrativo. Le altre parti, quando modificano Ia domanda o propongonodomanda riconvenzionale o formulano chiamata in causa o svolgono intervento autonomo, sonotenute a fame espressa dichiarazione e a procedere al contestuale pagamento di un autonomocontributo unificato, determinato in base al valore della domanda proposta.»2. II maggior gettito derivante dallapplicazione delle disposizioni di cui al presente articolo eversato allentrata del bilancio dello Stato, con separata contabilizzazione, per essere riassegnato,con decreto del Ministro delleconomia e delle finanze, allo stato di previsione del Ministero dellagiustizia per assicurare il funzionamento degli uffici giudiziari, con particolare riferimento ai serviziinformatici e con esclusione delle spese di personal e. N ei rapporti finanziari con le autonomiespeciali il maggior gettito costituisce riserva all erario per un periodo di 5 anni.3. La disposizione di cui al comma 1, lettera a), si applica anche alle controversie pendenti nellequali il provvedimento impugnato e stato pubblicato ovvero, nei casi in cui non sia prevista Iapubblicazione, depositato successivamente alia data di entrata in vigore della presente Iegge.
  • 69. A.S. 2968Allarticolo 5, dopo il comma 25 e inserito il seguente:"25-bis. Per consentire il rientro dallemergenza derivante dal sisma che ha colpito il territorioabruzzese il 6 aprile 2009, Ia ripresa della riscossione di cui allart. 39, commi 3-bis, 3-ter e 3-quater, del decreto Iegge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 30 luglio2010, n. 122, avviene, senza applicazione di sanzioni, interessi e oneri accessori, mediante ilpagamento in centoventi rate mensili, di pari importo a decorrere dal mese di gennaio 2012.Lammontare dovuto per ciascun tributo o contributo, ovvero, per ciascun carico iscritto a ruolo,oggetto delle sospensioni, a! netto dei versamenti gia eseguiti, e ridotto a! 40 per cento. 2. Le somme versate entro il 31 ottobre 2011 allentrata del bilancio dello Stato ai sensi delle disposizioni indicate nellallegato 3, che, alia data di entrata in vigore della presente disposizione, non sono state riassegnate aile pertinenti unita previsionali, sono acquisite definitivamente a! bilancio dello Stato.7 II presente comma entra in vigore alia data di pubblicazione della presente Iegge nella Gazzetta Ufficiale. 3. Con provvedimento del direttore dell Agenzia delle dogane e disposto laumento dellaliquota dell accisa sulla benzina e sulla benzina senza piombo, nonche dell ali quota dell accisa sui gasolio usato come carburante di cui allallegato I del testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e arnministrative, di cui a! decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, e successive modificazioni, in misura tale da deterrninare, per lanno 2012, maggiori entrate pari a 65 milioni di euro. Conseguentemente, - Alia tabella A voce Ministero dell economia e delle finanze, appmtare le seguenti variazioni in diminuzione: 2012: 2013: -65.000; 2014:- 65.000.
  • 70. Allegato 3Riepilogo somme versate allentrata del bilancio dello Stato non riassegnate Entrate non Disposizioni riassegnate {dati in milioni di euro) Articolo 1, comma 851, della Iegge 27 dicembre 2006, n. 296 (Brevetti) 32.087 Articolo 148, comma 1, della Iegge 23 dicembre 2000, n. 388 (Sanzioni Antitrust) 70.714 Articolo 11-bis del decreta Iegge 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 maggio 2005, n. 80 (Sanzioni Autorita energia elettrica e gas) 4.099 Totale 106.900
  • 71. 1:5.0.~ A.S. 2968 Dopo larticolo 5, e inserito il seguente: "Art. 5-bis (Deduzione forfetaria in favore degli esercenti impianti di distribuzione carburanti) 1. Per tenere conto dellincidenza delle accise sui reddito di impresa degli esercenti impiantidi distribuzione di carburante, il reddito stesso e ridotto, a titolo di deduzione forfettaria, di unimporto pari aile seguenti percentuali dellammontare lordo dei ricavi di cui allarticolo 53, comma 1, lettera a), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente dellaRepubblica 22 dicembre 1986, n. 917 : a) 1,1 per cento dei ricavi fino a 1.032.000,00 euro; b) 0,6 per cento dei ricavi oltre 1.032.000, 00 euro e fino a 2.064.000,00 euro; c) 0,4 per cento dei ricavi oltre 2.064.000,00 euro. 2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano a decorrere dal periodo dimposta successivoa quello in corso al 31 dicembre 2011. I soggetti di cui al comma 1 nella determinazionedellacconto dovuto per ciascun periodo di imposta assumono quale imposta del periodo precedentequella che si sarebbe determinata senza tenere conto della deduzione forfetaria di cui al medesimocomma 1. 3. Allarticolo 2, comma 5, del decreto Iegge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito conmodificazioni, dalla Iegge 26 febbraio 2011, n. 10, sono soppresse le parole da "nei limiti di spesadi 24 milioni di euro per lanno 2012" fino alia fine del secondo periodo. 4. Laliquota di accisa sulla benzina e sulla benzina con piombo nonche laliquota di accisasui gasolio usato come carburante di cui allallegato I del testo unico delle disposizioni legislativeconcementi le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali ed amministrative,approvato con decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, e successive modificazioni, sonorispettivamente fissate: a) a decorrere dal1 ° gennaio 2012, ad euro 614,20 e ad euro 473,20 per mille litri di prodotto; b) a decorrere dall 0 gennaio 2013, ad euro 614,70 e ad euro 473,70 per mille litri di prodotto. 5. Agli aumenti di accisa sulle benzine disposti dal comma 4 non si applica latiicolo 1,comma 154, secondo periodo, della Iegge 23 dicembre 1996, n. 662. II maggior onere conseguenteagli aumenti, disposti con il comma 4, dellaliquota di accisa sui gasolio usato come carburante e
  • 72. rimborsato, con le modalita previste dallarticolo 6, comma 2, primae secondo periodo, del decretalegislativo 2 febbraio 2007, n. 26, nei confi·onti dei soggetti di cui allarticolo 5, comma 1,1imitatamente agli esercenti le attivitit di traspmto merci con veicoli di massa massima complessivapari o superiore a 7,5 tonnellate, e comma 2, del decreta Iegge 28 dicembre 2001, n. 452,conve1tito, con modificazioni, dalla Iegge 27 febbraio 2002, n. 16. 6. All onere derivante dalle disposizioni dei commi da I a 3, valutato in 41 milioni di euro per1anno 2012 ed in 65 milioni di euro a decorrere dallanno 2013, si provvede mediante le maggiorientrate derivanti dalle disposizioni dei commi 4 e 5 . 7. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente Iegge, le transazioni regolate concmte di pagamento presso gli impianti di distribuzione di carburanti, di impmto inferiore ai centoeuro, sono gratuite sia per lacquirente che peril venditore.". II GOVERNO t .h.- ..---- ,..-
  • 73. Relazione illustrativa Con Ia norma proposta si rende strutturale Ia deduzione forfetaria vigente a favore deidistributori di carburante vigente dal 1998 (co. 1, art. 21 della L. n. 448/98), e di volta in voltaprorogata annualmente, a riconoscimento del servizio di incasso delle rilevante quantita di impostesui consumo dei carburanti svolto dalla categoria dei gestori. La disposizione ha lo scopo di sostenere le attivita di migliaia di esercizi della distribuzionecarburanti gia messi a dura prova dalla crisi dei consumi, dalla contrazione dei margini,dallinasprimento delle spese di gestione. Resta fermo che, per in ciascun periodo dimposta isoggetti in questione dovranno calcolare lacconto dovuto ai fini delle imposte dirette senza tenereconto della deduzione forfetaria.

×