Maxiemendamento

19,738 views
19,709 views

Published on

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
19,738
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5,445
Actions
Shares
0
Downloads
253
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Maxiemendamento

  1. 1. A.S. 2968Allelenco 1 di cui allarticolo 3 apportare le seguenti modificazioni: a) sostituire Jelenco delle riduzioni delle dotazioni finanziarie rimodulabili delle missioni e dei programmi del Ministero delleconomia e delle finanze come da tabella allegata relativa al Ministero medesimo. b) sostituire Jelenco delle riduzioni delle dotazioni finanziarie rimodulabili delle missioni e dei programmi del Ministero dellambiente e della tutela del territorio e del mare come da tabella allegata relativa al Ministero medesimo. c) alla riga "Totale" in corrispondenza della voce "Riduzioni" sostituire gli importi per gli anni 2012, 2013 e 2014 coni seguenti: 2012: 9.606.088 2013: 4.401.811 2014: 4.259.348Conseguentemente, allarticolo 4, apportare le seguenti modificazioni: a) sostituire il comma 9 con il seguente: "9. Allarticolo 7-bis, comma 1, del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, convertito con modijicazioni dalla Iegge 31 marzo 2005, n.43, le parole "a decorrere dallanno 2005" sono sostituite dalle seguenti: "dal 2005 a/ 2011" e, alla fine, sono aggiunte le seguenti: "e a decorrere da/2012/a somma di un milione di euro",· b) al comma 27, sostituire Ia parola 57 con Ia seguente: "57-ter"; c) dopo il comma 57 aggiungere i seguenti commi: 57-bis "AI comma 3 dellartico/o 53, secondo periodo, della Iegge 27 dicembre 1997, n. 449, dopo le parole "Iegge 23 dicembre 1996, n. 662" sono aggiunte le seguenti " il cui onere nonpotra essere superiore a 321,6 milioni di euro per lanno 2012, 351,6 milioni di euro per /anno 2013 e 291,6 milioni di euro a decorrere dallanno 2014." 57-ter "Le risorse disponibili per gli interventi recati dalle autorizzazioni di spesa di cui alle/enco 3 allegata alla presente Iegge sono ridotte per ciascuno degli anni 2012, 2013 e 2014 per gli importi ivi indicati. "; d) a/ comma 88, apportare le seguenti modijiche:
  2. 2. I) al prima periodo, sostituire le parole "da 80 a 87" con le seguenti parole: "da 74 a 76 e da 79 a 87"; 2) aggiungere dopo l ultimo periodo le seguenti parole: "ll Ministro dell economia e delle jinanze e autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occ01renti variazioni di bilancio. "; Elenco 3 (articolo 4, comma 57-ter) Norme 2012 2013 2014Articolo I3, comma I, della Iegge 2 maggio I990, n. 102 38.960.000Decreto-legge 30 gennaio 1998, n. 6, convertito, conmodificazioni, dalla Iegge 30 marzo I998, n. 6I 13.097.259 10.832.306Articolo 4 del decreto-legge 30 maggio 1994, 11. 328,convertito, con modificazioni, dalla Iegge 25 luglio 1994, n.471 40.103.116 33.167.952 40.103.116Articolo 6, comma 1, del decreto-legge 19 dicembre 1994, n.691, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 16 febbraio1995, 11. 35 1.500.000 827.067 1.200.000 Articolo 5 della decreto-legge 20 settembre 2003, n. 269,convertito dalla [eJ?,ge 24 novembre 2003, n. 326 8.000.000 6.616.534 8.000.000Articolo 29, comma I, della decreto-legge 20 settembre2003, n. 269, convertito dalla Iegge 24 novembre 2003, n.326 1.000.000 2.000.000Conseguentemente, alia tabella C, apportare le seguenti modificazioni (tra parentesi, gli importida sostituire): 2012 2013 2014 (in migliaia di euro) Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dellamhiente Tutela e conservazione della fauna e della flora, salvaguardia della biodiversita e dellecosistema marino MINISTERO DELLAMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE LEGGE N. 979 Del 1982: DISPOSIZIONI PER LA DIFESA DEL MARE (1.10- CAPP. 1644, 1646) 21.700 21.700 5.612 (16.971) (21.168) (5.572)
  3. 3. DECRETO LEGGE N. 2 Del 1993: CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE N. 59 DEL 1993: MODIFICHE E INTEGRAZIONI ALLA LEGGE 7 FEBBRAIO 1992 N. 150, IN MATERIA DI COMMERCIO DETENZIONE DI ESEMPLARI DI FAUNAE FLORA MINACCIATI DI ESTINZIONE. (1.10- CAPP. 1388, 1389) 187 155 155 154) (150) (105) LEGGE N. 549 Del 1995: MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA FINANZA PUBBLICA - ART. 1 COMMA 43: CONTRIBUTI AD ENTI,. ISTITUTI, ASSOCIAZIONI, FONDAZIONI ED ALTRI ORGANISM! E LEGGE FINANZIARIA N. 296 DEL 2006: DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE FINANZIARIA 2007), ART. 1,COMHA 519- STABILIZZAZIONE PERSONALE (1.10 - CAP. 1551) 7.000 7.000 7.000 S.721) (7.000) (7.000)Conseguentemente alta tabella E, apportare le seguenti modificazioni (tra parentesi, gli importi dasostituire): 2012 2013 2014 (in migliaia di euro)Sviluppo sostenibile e tutela del territorio edel1 1 ambiente Tutela e conservazione del territorio e delle risorse idriche,trattamento e smaltimento rifiuti, bonifiche AHBIENTE E TUTELA DEL TERRITORIO E DEL HARE LEGGE FINANZIARIA N. 244 Del 2007: DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE FINANZIARIA 2007) -ART. 2 COMMA 327: PIANO STRAORDINARIO DI TELERILEJAHENTO (Set.27)INTERVENTI DIVERS! (1.9- CAP. 8534) 500 (411) (-) (-) lRelatore j j () h_:;k ..<
  4. 4. Rlduzloni delle dotazionl finanzlarie rimodu!abill di elascun Mlnistero Triennio 2012-2014 {mlgiall-dl BJID)Minis-t-ero Mis-s !one Progr.unma RIDUZK>Uf 2012 ... ...... 1-- RWUZIORI 2013 ,.,_ ."" I~~ RJOUZfOHl £014 I ,.,..,...... """ ....... 3.W£~ 2454.0~ 71U92 """-71< lli.9~3 ~T.!..t;V5MINISlERO OELlECOHOMIA E DELLE F!NAIIZE 41-o.ws 18-7.107 92.315 13J%!5 -MC•.S:?4 Z22.~Q- 1 PoJffiche- economlco-finanziarie e- di !Xlancio (29} u Regotmor~ giori:!::diz..~ne fuo.frla !11 e oo:~nf:namenta d~ sistema della 1-tS.-;"!..£ 4.102 SS..291 0 65.575 "" u Prevenfune e repressfcme delfe frodi e d.:Se -b~lazklni-al}1 !.M$0 21.224 .,.. • 9.31!.~ >0.147 <~bb!ighi frscafl {3) 1.4 Regc!amen~cne e ~oig_lianza slli settore fhanzlado (4) 1.152. m m • = 0 2t47.S 19.502: :255 1.5 RegOCazbnl ront-abilf, resilluzior.i a ri:nbcrsi d1mpcs-te (5} ~.2.!.3 30f "" 1.B A!lalisi e program marion~ econo~fmanziaria (5) ,, . rn "" .Uf 1..1-GS- J~~ 1.7 Analisf, mo.litorag!f.o e rontrcllo delia finanza pubblica e 101~rs 151l~7CJ I :US: nz.ro- Zll.29-~ 212705"- po!f-tiche tfi bilanclo (7} .!!!.-&!2 o!P.SSZ 7.191 7.2P7 14.DP! Ut;!:JS 2 Refaz.ionl futanziarie con le autanomie t-erritaria!i (3-} 12.Q2.0 2.1 Eroga:it:m!- a EnfitE!Il"itoriali p-erintervenU til retiore (1l ~sz...q ~5.J57 6500. ~"" 12..92a 2.3 Regot.azbnl-oont-abili e4 allii trasf-=rimenli al!e R~klni a stabf.o speciale {5) ·= ~225 1?4- 704 1.175 1.175 ~f;l 627 37 3 Ll!a!ia in Europa e nel mondo (4) JA93- " " 3.1 Parle¢!p!IDne itaIiana aile pc...9tche di bUanclo-ln amtffio UE (10) UD1 • " • " 32 Pciiti¢3. economica e finanriaria mamf:tito inemazion;;E (11} ... ., Jro " J!~ 37 eos 161 214 274 4 Difesn e sicurezza det temtofio {5) B"" "" 4.1 Mls:OOI milita:rl ill pace (a) -B69" ., ,., " 274 274- 5 Of!fme pubblico e sicureua (7) 61f43 • 5R3-92 • """ • !U Concorso. decful G-uanfia di Fnanu Dlla slcurezza pubb:~ (5) ~.943 0 • 0 63-7 0 52 srcurezza demoaaUca (4) 6iHit>G • 50.ill • 4lt.fiQ • 122..795 122.iP5 13!:1~9-5 07.$!1 55.231 SS.ZJt 6 SOccoso cMie (8)MilllSTERO OC....ttECONOMf:A E DElLE FlNANZE P-agina 1- tfi4
  5. 5. Riduzioni delle dotazionl finanziarle rimodulabili di ciascun Ministero Triennio 2012-2014 {rn;gtala dl El!ro}Uinis-t&o 2012 2013 2014 fAfssione: Pro9Jamma mnwow I""""""" """ l!lllUZlOm ~~~~ IIDUZIONI I "" ~..&.~ """ ,._.., S5.231 """"" S-5..231 62 Prote-z!cf<-e ~~ {5) 122195 122.7~5 MI.~~ 7 Agrtcolfum, politiclle agroalimenta<l e pesca (9) ~.IJ22 3}".021 322~" ,._... Zi-.155 21. ta;: 7.1 Sc:;!egno at s~ore a~...ola (3} J1a22 Jlt.022 31.945 $2.045 ZS-.16.-S 25.ta.f 8 CompelitMta e siluppo delle lmprese (11) IDS.MI!i 02.3~ 0 • 7-1~ ;gs,- 8.2 fn~nW. aBe impre-se- pe.r fnteMmti d! sost-EgnO (S:) • • • • • • 1!.3 tms.,;·en!T di s05~egM tramfte IJ sistana: della fisc..a!italS} iD6.~S Q2.SCS • 0 7.1~4 7.£.~~ 91Jilftloalla mobilita(13) E18..S1f, n!.G1(J 4.5~ ..., t53..t:M 1:SO..t07 P2-!. U"H 15~~-e...:~: 150.®7 0.1 Sostegno aJio- svfuppo del: tr.J;;porlo {"3:) lli.51f. 4£;3:1 "" 10 ln!iastrulture pullbllclle elogislica (14) :roun 2re.S~ >14 0 1S1 c 1D-.1 Op=re pubhtiche e hfra9r t¥.ur-= ($) .... ~o.un WJ.~7 11ol; 0 151 11 Comunlcaz!oni {15) 63.358 • e-2...~ • 4f.S6! • ·1 t. t Senri:zl: postaH :e telef~nicl {3} 7.635: • H.S..3 0 4.551 • 11.2 Sostegw alledifcf.a(4) 56..3.19: 4&!5"2 0 31.21! • 13 Siluppa SO>"ienlbile e tule.a del lenllorio e deTIambiente (18) • • 1£1~ 0 23-l 0 13..2 Sasleg.no al!o svJup:pa sostenib2e (14) • • Z9J. G 2j) 14 Casa e aS&etto urbanistico (19) ,.,. m • • • • 14.1 Edi!ir..a abita.thla e- poiiliche {el"lfto.:iali {1) " m • 0 • 16 lstrumne•eo.astlca (22) ooe ~.TCXI 715 710 1..200- r.zoo 710 um 1..103 16-.1 Sostegaoali1;;1<ID...""ne (1D) ~.70B G.TW " 17 llirtiti socia!i, pofrticlle sociali efumlglia {24) ~5.31S t2.4SJ 3t-.127 2!i.UT 24D<7 2.1.232MINJSTERO DELlECONOMl4 E 0-El.LE FttWIZE. P-ag:lna. 2 di4
  6. 6. Riduzloni delle dotazionl finanziarie rimodulabiil di clascun Mlnlstero Triennio 2012-2014 (migfaa~ a:Jro}Mintster"O 2012 2013 2014 Mis-sione Programma R!DllZiOfU ~~~ RIDUZIONl .... ,.,..,. 1--~ HIOUZlORI dCii I -L~ """ r~m 11129~ 10-.1~ .... """ 6.601 17.1 Protezione so::::We per pa..rfc:~ cate&Orie {5} 12336 172. Gararu:h defdiffi!l dei cftfa!iinl {ill uae • • • ~ " 21.1~ 11l.~S. 1Q.O"Q5 .a...G-3 .s-.4~ 17.3 Snstegao aU a famigr~a {1) 21.129 -17 A! Pr001oi-one e ,gar...nzia d-el diriUi e d81e pari owoftunh· {S} 7.fm 7.0"i7 5.$5.5- Me5 47C<2: U02 17.5 Lotta aUe :diper.-den.:..--e (4} 4J.J-25 • 3.Uii 0 .2661 0 37.113 37.!13 .:ID.Ui1 J-?.001 24.515 24-.5~ 18 Po!i!i<:he pr<Mdenziall {25) 37.113 37.113 3M61 ~.:BC.t 2:4..Sa 14.5~ 12-.1 PreM£:nZa obbEl:f.i;toria -e wmprem=r.!are, S:.curezza s.oclafe- h<isklimeni:i ag!i enU ed organism~ int~sall {2) 21 Organ! costituzionaH, a nlevanza coslitUzionale e mE-.~11 51.5~ BB~365 47.732 7U.1B:f J7.Q57 Pres!den:md5l Coosigoo deimlnisl!i (1) 3~.7~3 13:148 261115 11).~34 22..-312: S.t30 21.2 Organ a ri!e-yanza oostluzioaale (2} 6&.191 ~~.rv; 47~36-3 ~.fOB 21.3 Pr~s1Ctnza del Consigfu del Minisfri (3) 75-.1~9 .U.S93 na94 5.274 27.~61 J.4f0 21.€8.5 270> 22 Gio>ronf e spcrt {30) 22:..1 Attim ricreatlve e sport{i) 32.6-2!; 0 23.€61 • 15-.B1~ • 22.2. Jn~ntiY;ui"<one e sosregno .;;:Jfa gbllalli (21 5.:274 5.274 3.4o"l s.4ea "-" 27M 4.517 4.(111 23 Tunsmo (31) E-.387 "" 5-..eOS 5.805 23.1 SVilllf..pllEcompeli~#.a dgturfSII;O (1} ..,., >S-.3~7 5-.-5(•:! 5.805 .4.em 4.617 24 S..."""Vizi isti!uzionafi e- genera!i de!!e amminie-trazloni 55-.11& -" 47.&3l "-" 3~.111 52$ pu!Jblidle (32) 1f~ 0 24.2: lndirfzzo politic-o (2} 19-!l 0 " 24-.3 Se--rvlzl e .affarl generafi per Je ammfrf.<S-frazioni di ccmtH=t-=m:-a (S) 4.!0& • • 0 0 0 24.4 SeMzl-genaan. formatlt ed apyro-ffiglonar.umli per !e 5!::!.£-25: 553 46523- 655 37.J2t 520 Amf/U.istrnionl pubhli~ {4) 24.5 RapE!fe.sETitanz:a~ dif~ In giudlrio-e ronsutenzalegale In HIDD 0 1.200 0 UJ;~ 0 favore delf~ Amministrazkmt dee.o: Stab e d;;.aH -enti aufur";zzall (-5}MINlSTERO OEllECONOMIA E DEllE FINANZE P.cgina3di4
  7. 7. Riduzioni deUe dotazioni finanzlarie rimodulabili dl ciascun Ministero Ttiem>io 2012-2614 {mlg1>l><l!Em>jMinisfero 2012 2013 2014 J,Us.sfone. Programma arwt RIDUZK>Nf I~~ RIDUZIDUI w~ I ~l"..mo d?:~UI F1c?>i 25 Fondi da ripartire (33) 124.E1-6 fJ17.MS 25-.1 Fondi da assegg~ (1) 57.58f 25-.2 Fontfl diris:eiVa e speclalit2) f(j,llJf 41AT1 1.7.477 . 26 Debi!opubblico {34) • • • • • 28-.1 Onaiperil5~deldebifo stata~(1) • • 0 • •MINJSTERO DEll EOOUOMIA E o=:LLE fiNANZE
  8. 8. Riduzioni delle dotazionl finanziarle rlmoduJablli di ciascun Ministero Triennio 2012-2614 {mfgl31a 41 E!!ro}Ministero 2012 2013 2014 Miss:Ione: ,.., tt!OII 8ni Programma RIDUZIONJ ~-­ RID!JZlO!ll Ip.~ EM!flonli RIOUZ!ONI I """"""" 124.f15- """" l«il-ti"MlNJSTERO DElLAMBIEHTE E DELlA TUTElA DElTERR!TDR!O E DEL MARE 1 Sviluppo sosteru"blffi e tute!:a del terrnano e delJambfente {1-8) 1.2 Pr~venri:.ne e: riduziw.e.int£-grai:a de-~.aqufnamento (3} 1Q--.171 1.6 V~giianza. prelenzlone e rep-ression!! in ambito a..Jlblentale {$) 95! Coonf;nameffiacg.:--m~~. infurmaziroe ed educazione ., ,,,. 1.B am!i*nbie-; comtmfcazillne- amblentale 11) "" 1.9 Tul:ela e ronser..razione dS terf1..00o -e d~lle- rlsor:se ldridte, 3S.121 tratlamarto e smatffmento rifi..rli, bonffiche (12) 1.10 Tutela e-oonse-Naz:bne deHa fa~a e delta flea-, saloagaarrlia 5.10!i de!=..:a bJodN.ers!ta e rlellecosfstema m-arin.o (U.} 2 Ricerca:e innovazione (17} t23 " " 0 3 Servizi i.stif.uz.looali e genem!i deUe amministrazioni pubbHche (32} 3.1 lrnfiduo p.olitico {2} 0 • " 3..2 Servizi e- affa.:i genaali perle: ammin~:zic,•ti di: compet-=nz.a 414 0 0 7S.5 (3} 4 Fondi da ripartire (33) 71 101 U! -4.-1 Fond! da asseunare (-1) 107 ~.0&7MNISTERG OEUAMBfENTE E DELLA TUTELA DEL TERR!TORJO E OEl Pag!na t di: 1MA.qE
  9. 9. Relazione tecnica Lemendamento e volto in primo luogo a considerare le proposte formulate dal Ministero dellambiente e della tutela del territorio e del mare di riduzione delle spese rimodulabili, pervenutedopo Ia presentazione del disegno di Iegge di stabilita, da intendersi sostitutive delle riduzioni linearigi<l apportate a! medesimo stato di previsione, in applicazione dell articolo 3 del provvedimento inesame, incluse nellelenco 1, mediante corrispondente riduzione degli accantonamenti disposti ai sensidellarticolo 10 del decreto-legge 98 del2011. Daile variazioni delle citate voci di spesa non derivano effetti negativi sui saldi di frnanzapubblica e risulta confermato i1 raggiungimento dellobiettivo di riduzione relativo a! Ministeromedesimo per ciascuno degli anni 2012,2013 e 2014. Inoltre, per alcune Missioni di spesa della stato di previsione del Ministero dell economia edelle finanze, e necessaria procedere a modifiche di carattere tecnico del suddetto elenco, per tenerconto che talune delle riduzioni richiedono lintroduzione di interventi normativi, da inserirenellarticolo 4 del disegno di Iegge di stabilita, a! fme di assicurare il conseguimento dei relativirisparmi. Trattandosi di una mera ricollocazione delle riduzioni di spesa tra lelenco e larticolo 4 deldisegno di Iegge (che comunque rinvia allo specifico elenco 2), anche dalla presentazione delle citateproposte emendative non derivano effetti sui saldi di finanza pubblica. In ordine aile modifiche a! citato articolo 4, Ia disposizione di cui a! comma 57-bis prevede Iarideterminazione a partire dallarmo 2012 delle risorse iscritte in bilancio sui capitola 1502 dello statodi previsione del Ministero delleconomia e delle finanze, per i servizi offerti in convenzione inrelazione agli obblighi del servizio universale dei recapiti postali. Di conseguenza il contratto diprogramma con Poste italiane Spa in corso di definizione dovra risultare coerente con i1 nuovoquadro cantabile e con Ia direttiva 2008/6/CE, per quanta riguarda il pieno completamento delmercato interno dei servizi postali della Comunita Europea. A tal fine, vengono rideterminate per larmo 2012 le risorse iscritte sui predetto capitola concorrispondente compensazione, per 50 milioni di euro, a carico del capitola 2175/MEF, relativo aspese rimodulabili. Pertanto, per larmo 2012 lo stanziamento del capitola in parola a seguito delle suddettemodifiche si attestera a 321,6 milioni di euro (rispetto a 351,6 milioni previsti dal disegno di Iegge dibilancio a legislazione vigente). II comma 57-ter prevede lintroduzione di un nuovo elenco di interventi correttivi, daaggiungere a quelli indicati dallarticolo 4, relativi allo stato di previsione del Ministero delleconomia
  10. 10. e delle finanze, concementi stanziamenti destinati a finanziare operazioni finanziarie con !a Cassa depositi e prestiti non ancora utilizzati, nonch6 canoni di locazione di innnobili pubblici, con conseguente razionalizzazione degli spazi in uso. Lart. 4 comma 9 del diseguo di legge di stabilita, nellambito delle iniziative volte a! raggiungimento dellobbiettivo di riduzione della spesa relativo a! Ministero dellintemo, prefissato dal DPCM del 28 settembre 2011, in applicazione dellart 1, comma 1, del D.L. 138 del 2011, prevede una modifica dellart.7bis, comma 1, del d.!. 31 gennaio 2005, n.7, convertito nella legge 43/2005, che attribuiva a! comune di Campione dItalia una somma di 2 milioni di euro annui per lassistenza sanitaria a favore degli abitanti di que! comune. Nel ridurre tale asseguazione di 2 milioni ad 1 milione a decorrere dal2012, di fatto si ribadisce che per gli anni dal 2005 a! 2011 lassegnazione e pari a 2 ruilioni. Tuttavia, su proposta del Ministero dellinterno, negli anni 2009, 2010 e 2011 e stata prevista, nellambito delle rimodulazioni tra i programmi delle dotazioni fmanziarie di ciascuna missione di spesa, anche !a riduzione di 1 milione di euro della citata assegnazione. A tal proposito, si rende necessaria una modifica del testo del suddetto comma 9, tenuto contoche lattuale forrnulazione potrebbe deterrninare leventuale insorgenza di richiesta di integrazione daparte del comune di Campione d Italia, per i suddetti anni dal 2009 a! 2011. La disposizione noncomporta effetti sui saldi di finanza pubblica. Le modifiche introdotte a! comma 88 sono volte ad individuare le disposizioni dellarticolo 4che concorrono a! conseguimento dei risparmi di spesa peril Ministero dellistruzione, delluniversitae della ricerca, quota parte delle quali so no destinate a! fondo di nuova istituzione di cui all articolo 4,comma 88. Inoltre si introduce !a norma di autorizzazione ad apportare, con decreti del Ministrodelleconomia e delle finanze, le variazioni di bilancio per il riparto del predetto fondo di nuovaistituzione. Infme, nellambito del suddetto elenco 1, si propone una variazione compensativa, relativa allostato di previsione Ministero dell economia e delle finanze, ridotando !a missione Comunicazioni -programma Sostegno alleditoria (cap. 2183), per gli importi di euro 19.550.727 euro per lanno2012, di euro 16.257.524 per !anno 2013 e di euro 12.920.019 per lanno 2014, per tener conto ditalune obbligazioni pluriennali vincolanti. AI fme di assicurare !a necessaria compensazione, e prevista la contestuale diminuzione,rispettivarnente, per lanno 2012, della dotazione della missione Fondi da ripartire - programmaFondi da assegnare, da operare, sul cap. 2175, e, per gli anni 2013 e 2014, della dotazione dellamissione Politiche economico-finanziarie e di bilancio - programma Regolazioni contabili,restituzioni e rimborsi dimposte, sul cap. 3565, come riportato dal prospetto a seguire.
  11. 11. elenco 1- variazioni saldo netto da finanziare lndebitamento netto compensative MEF 2012 I 2013 I 2014 2012 I 2013 I 2014capltolo 2183/MEF· nuovo 1m porto della riduzione 50.269.932 41.802.002 33.220.550 50.269.932 41.802.002 33.220.550- precedente lmporto della riduzione 69.820.659 58.059.526 46.140.569 69.820.659 58.059.526 46.140.569- differenza da coprire - 19.550.727 - 16.257.524 - 12.920.019 - 19.550.727 - 16.257.524 - 12.920.019capitola 2175/MEF 19.550.727 19.550.727capitola 3565/MEF 16.257.524 12.920.019 16.257.524 12.920.019 L einendamento comprende altresl Ie conseguenti modifiche tecniche aile tabelle C ed E delDDL di stabilita, derivanti dalle nuove proposte di riduzione delle spese rimodulabili formulate dalMinistero dellambiente e della tutela del territorio e del mare. Si tratta di modifiche che assicuranoii coordinamento tecnico tra ii nuovo elenco di riduzioni del citato Ministero e gli stanziamentiesposti nelle suddette tabelle. eff•.::Hi tl:..:/lart. t7, Ct1mma 3, Jt.Jl:i k.gr,t.! J.{ dkc111bro 20f}9 1 li, ll}h, !;.l avtHoc::.iro ¥ POS!T!VO I J NfCGMNO t 11 Raj!.ioniere Gun~ra-lc J.dlv .StaW
  12. 12. . 4-. D. ,~LOOO A.S. 2968 Articolo 4-bis ( Patto di stabilita intemo)1. Allarticolo I del decreto Iegge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148, sono apportate le seguenti modifiche:a) a! comma 12, primo periodo, le parole: "puo essere" sono sostituite dalla seguente: "e";b) a! comma 12, il secondo periodo e sostituito dal seguente: "La riduzione e distribuita tra i comparti interessati nella seguente misura: 760 milioni di euro alle regioni a statuto ordinario, 370 milioni di euro alle regioni a statuto speciale e alle province autonome di Trento e Bolzano, 150 milioni di euro alle province e 520 milioni di euro ai comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti;c) a] comma 12-quater le parole: "Le disposizioni di cui ai commi 12, primo periodo, e" sono sostituite dalle seguenti: "Le disposizioni di cui a! comma".2. Allarticolo 20, comma 3, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111, !ultimo periodo esostituito dal seguente: "II contributo degli enti territoriali alia manovra per lanno 2012 e ridotto di 95 milioni di euro per le regioni a statuto ordinario, di 20 rnilioni di euro per le province e di 65 milioni di euro per i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti. E ulteriormente ridotto, per un importo di 20 milioni di euro, lobiettivo degli enti che partecipano alia sperimentazione di cui allarticolo 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118. Le predette riduzioni sono attribuite ai singoli enti con il decreto di cui allarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111 ".3. Allarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98 convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15luglio 2011, n. Ill, sono apportate le seguenti modifiche: a) nellalinea le parole "in quattro classi, sulla base dei" sono sostituite dalle seguenti: "in due classi, sulla base della valutazione ponderata dei"; b) alla lettera a), prima delle parole "prioritaria considerazione" sono inserite le seguenti "a decorrere dallarmo 2013,"; 1
  13. 13. c) alia lettera c), prima delle parole "incidenza della spesa del personale" sono inserite le seguenti "a decorrere dallanno 2013,"; d) alia lettera f), prima delle parole "tasso di copertura" sono inserite le seguenti "a decorrere dallanno 2013,"; e) alia lettera g), prima delle parole "rapporto tra gli introiti" sono inserite le seguenti "a decorrere dallanno 2013,"; f) alia lettera h), prima delle parole "effettiva partecipazione" sono inserite le seguenti "a decorrere dallanno 2013,"; g) alia lettera 1), prima delle parole "operazione di dismissione" sono inserite le seguenti "a decorrere dallanno 2013,".4. Allarticolo 20 del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111, il comma 2-ter esoppresso.5. Allartico1o 14, comma 1, del decreto Iegge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148, nellalinea, sostituire le parole", ai fmi della collocazione nella classe di enti territoriali pili virtuosa di cui allarticolo 20, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111, oltre a! rispetto dei parametri gia previsti dal predetto articolo 20, deb bono adeguare" con le seguenti "adeguano".6. Allarticolo 3 del decreto Iegge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n. 148, i1 comma 4 esoppresso.7. I mutui e i prestiti obbligazionari posti in essere con istituzioni creditizie o finanziarie per i1 fmanziamento degli investimenti devono essere corredati di apposita attestazione da cui risulti il conseguimento degli obiettivi del patto di stabilita intemo per lanno precedente. Listituto finanziatore o lintermediario finanziario non puo procedere al finanziamento o a! collocamento del prestito in assenza della predetta attestazione. Articolo 4-ter (Patio di stabilita intemo degli enti locali) 2
  14. 14. 1. Ai fini della tutela dellunita economica della Repubblica, le province e i comuni conpopolazione superiore a 5.000 abitanti e, a decorrere dallanno 2013, i comuni con popolazionecompresa tra 1.001 e 5.000 abitanti, concorrono alia realizzazione degli obiettivi di frnanza pubblicanel rispetto delle disposizioni di cui a! presente articolo, che costituiscono principi fondamentali dicoordinamento della finanza pubblica ai sensi degli articoli 117, terzo comma, e 119, secondocomma, della Costituzione.2. Ai fini della deterrninazione dello specifico obiettivo di saldo frnanziario, le province e i comunicon popolazione superiore a 1.000 abitanti applicano, alia media della spesa corrente registrata neglianni 2006-2008, cosl come desunta dai certificati di conto consuntivo, le percentuali di seguitoindicate: a) perle province le percentuali sono pari a 16,5 per cento per lanno 2012 e a 19,7 per centoper gli anni 2013 e successivi; b) peri comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti le percentuali sono pari a 15,6 percento per lanno 2012 e a 15,4 per cento per gli anni 2013 e successivi; c) peri comuni con popolazione compresa tra 1.001 e 5.000 abitanti, le percentuali per gli anni2013 e successivi sono pari a 15,4 per cento. Le percentuali di cui aile lettere a), b) e c) si applicano nelle more delladozione del decretoprevisto dallarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, conmodificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111.3. II saldo finanziario tra entrate finali e spese frnali calcolato in termini di competenza mista ecostituito dalla somma algebrica degli importi risultanti dalla differenza tra accertamenti e impegni,per Ia parte corrente, e dalla differenza tra incassi e pagamenti, per Ia parte in conto capitale, a!netto delle entrate derivanti dalla riscossione di crediti e delle spese derivanti dalla concessione dicrediti, come riportati nei certificati di conto consuntivo4. Ai fini del concorso a! contenimento dei saldi di frnanza pubblica, gli enti di cui a! comma Idevono conseguire, per ciascuno degli anni 2012, 2013 e successivi, un saldo finanziario in terminidi competenza mista non inferiore a! valore individuate ai sensi del comma 2 diminuito di unimporto pari alia riduzione dei trasferimenti di cui al comma 2 dellarticolo 14 del decreto-legge 31maggie 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 30 luglio 2010, n. 122.5. Gli enti che, in esito a quanto previsto dallarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6luglio 2011,n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111, risultano collocati nella 3
  15. 15. classe piu virtuosa, conseguono lobiettivo strutturale realizzando un saldo finanziario espresso intermini di competenza mista, come defmito a! comma 3, pari a zero, ovvero a un valore compatibilecon gli spazi finanziari derivanti dallapplicazione del comma 6.6. Le province ed i comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti diversi da quelli di cui a!comma 5 applicano le percentuali di cui a! comma 2 come rideterminate con decreto del Ministrodelleconomia e delle finanze da emanare, di concerto con il Ministro dellinterno e con il Ministroper i rapporti con le Regioni e per Ia coesione territoriale, dintesa con Ia Conferenza unificata, inattuazione dellarticolo 20, comma 2 del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, conmodificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. Ill. Le percentuali di cui a! periodo precedente nonpossono essere superiori: a) perle province, a 16,9 per cento per lanno 2012 e a 20,1 per cento per gli anni 2013 e successivi; b) peri comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti, a 16,0 per cento per !anno 2012 e a 15,8 per cento per gli anni 2013 e successivi; c) per i comuni con popolazione compresa tra 1.001 e 5.000 abitanti, per gli anni 2013 e successivi, a 15,8 per cento.7. Nel saldo finanziario in termini di competenza mista, individuato ai sensi del comma 3, rilevanteai fini della verifica del rispetto del patto di stabilita interno, non sono considerate le risorseprovenienti dallo Stato e le relative spese di parte corrente e in conto capitale sostenute dalleprovince e dai comuni per lattuazione delle ordinanze emanate dal Presidente del Consiglio deiMinistri a seguito di dichiarazione dello stato di emergenza. Lesclusione delle spese opera anche seesse sono effettuate in piu anni, purcM nei Iimiti complessivi delle medesime risorse e purcherelative a entrate registrate successivamente a! 2008.8. Le province e i comuni che beneficiano dellesclusione di cui a! comma 7 sono tenuti a presentarealia Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della protezione civile, entro i1 mese digennaio dellanno successivo, lelenco delle spese escluse dal patto di stabilita intemo, ripartite nellaparte corrente e nella parte in conto capitale.9. Gli interventi realizzati direttamente dagli enti locali in relazione allo svolgimento delleiniziative di cui a! comma 5 dellarticolo 5-bis del decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343,convertito, con modificazioni, dalla Iegge 9 novembre 2001, n. 401, sono equiparati, ai fmi del pattodi stabi!ita intemo, agli interventi di cui al comma 7. 4
  16. 16. 10. Ne1 saldo fmanziario in tennini di competenza rnista, individuato ai sensi del comma 3,rilevante ai fini della verifica del rispetto del patto di stabilita intemo, non sono considerate lerisorse provenienti direttamente o indirettamente dallUnione europea ne le relative spese di partecorrente e in conto capitale sostenute dalle province e dai comuni. Lesclusione non opera per lespese connesse ai cofmanziamenti nazionali. Lesclusione delle spese opera anche se esse sonoeffettuate in piu anni, purche nei lirniti complessivi delle medesime risorse e purch6 relative aentrate registrate successivamente a! 2008.11. Nei casi in cui lUnione europea riconosca importi inferiori a quelli considerati ai fmidellapplicazione di quanto previsto dal comma 10, limporto corrispondente aile spese nonriconosciute e incluso tra le spese del patto di stabilita intemo relativo allanno in cui e comunicatoil mancato riconoscimento. Ove !a comunicazione sia effettuata nellultimo quadrimestre, ilrecupero puo essere conseguito anche nellanno successivo.12. Per gli enti locali individuati dal Piano generale di censimento di cui a! comma 2 dellarticolo50 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 30 luglio2010, n. 122, come affidatari di fasi delle rilevazioni censuarie, le risorse trasferite dallIstitutonazionale di statistica (ISTAT) e le relative spese per Ia progettazione e lesecuzione dei censimenti,nei lirniti delle stesse risorse trasferite dallISTAT, sono escluse dal patto di stabilita intemo. Ledisposizioni del presente comma si applicano anche agli enti locali individuati dal Piano generaledel 6° censimento dellagricoltura di cui a! numero ISTAT SP/1275.2009, del 23 dicembre 2009, edi cui a! comma 6, lettera a), dellarticolo 50 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito,con modificazioni, dalla Iegge 30 luglio 2010, n. 122.13. I comuni della provincia dellAquila in stato di dissesto possono escludere dal saldo rilevante aifini del rispetto del patto di stabilita intemo relativo allanno 2012 gli investimenti in conto capitaledeliberati entro il 31 dicembre 2010, anche a valere sui contributi gia assegnati negli anniprecedenti, fmo alia concorrenza massima di 2,5 rnilioni di euro; con decreto del Ministrodellintemo, di concerto con il Ministro delleconomia e delle fmanze, da emanare entro i1 15settembre, si provvede alia ripartizione del predetto importo sulla base di criteri che tengano contodella popolazione e della spesa per investimenti sostenuta da ciascun ente locale.14. Nel saldo fmanziario in termini di competenza mista, individuato ai sensi del comma 3,rilevante ai fini della verifica del rispetto del patto di stabilita intemo, non sono considerate lerisorse provenienti dallo Stato e le spese sostenute dal comune di Parma per Ia realizzazione degli 5
  17. 17. interventi di cui a! comma I, dellarticolo I, del decreto-legge 3 maggio 2004, n. 113, convertito,con modificazioni, dalla Iegge 2 luglio 2004, n. 164, e per Ia realizzazione della Scuola per !Europadi Parma di cui alia Iegge 3 agosto 2009, n. 115. Lesclusione delle spese opera nei limiti di 14rnilioni di euro per ciascuno degli anni 2012 e 2013.15. Aile procedure di spesa relative ai beni trasferiti ai sensi delle disposizioni del decretolegislativo 28 maggio 2010, n. 85, non si applicano i vincoli relativi a! rispetio del patio di stabilitaintemo, per un importo corrispondente aile spese gia sostenute dallo Stato per Ia gestione e Iamanutenzione dei beni trasferiti. Tale importo e deterrninato secondo i criteri e con le modalitaindividuati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministrodelleconornia e delle fmanze, di cui a! comma 3, dellarticolo 9, del decreto legislativo 28 maggio2010, n. 85.16. Per gli anni 2013 e 2014, nel saldo finanziario in termini di competenza mista, individuato aisensi del comma 3, rilevante ai fini della verifica del rispetio del patio di stabilita intemo, non sonoconsiderate le spese per investimenti infrastrutturali nei limiti defrniti con decreto del Ministro delleinfrastrutture e dei trasporti, di concerto con iJ Ministro delleconornia e delle fmanze, di cui alcomma 1, dellarticolo 5, del decreto Iegge 13 agosto, n.138, convertito, con modificazioni, dallaIegge 14 setiembre 2011, n.148.17. Sono abrogate Je disposizioni che individuano esclusioni di entrate o di uscite dai saldi rilevantiai fini del patio di stabilita intemo non previste dal presente articolo.18. II bilancio di previsione degli enti locali ai quali si applicano le disposizioni del patio distabilita intemo deve essere approvato iscrivendo le previsioni di entrata e di spesa di parte correntein rnisura tale che, unitamente aile previsioni dei flussi di cassa di entrata e di spesa in contocapitale, a! netio delle riscossioni e delle concessioni di crediti, sia garantito il rispetio delle regoleche disciplinano il patio medesimo. A tale fine, gli enti locali sono tenuti ad allegare a! bilancio diprevisione un apposito prospetio contenente le previsioni di competenza e di cassa degli aggregatirilevanti ai fini del patio di stabilita int()mo.19. Per i1 monitoraggio degli adempimenti relativi a! patio di stabilita intemo e per lacquisizione dielementi informativi utili per Ia finanza pubblica anche relativarnente alia !oro situazione debitoria,le province e i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e, a decorrere dal2013, i comunicon popolazione compresa tra 1.001 e 5.000 abitanti, trasmetiono semestralmente a! Ministerodelleconornia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, entro trenta 6
  18. 18. giorni dalla fine del periodo di riferimento, utilizzando il sistema web appositamente previsto per ilpatto di stabilita interno nel sito web «www.pattostabilita.rgs.tesoro.it», le informazioni riguardantile risultanze in termini di competenza rnista, attraverso un prospetto e con le modalita defrniti condecreto del predetto Ministero, sentita !a Conferenza Stato-citta ed autonornie locali. Con lo stessodecreto e definito i1 prospetto dimostrativo dellobiettivo determinato ai sensi del presente articolo.La mancata trasrnissione del prospetto dimostrativo degli obiettivi progranunatici entroquarantacinque giorni dalla pubblicazione del predetto decreto nella Gazzetta Ufficiale costituisceinadempimento a! patto di stabilita interno.20. Ai fini della verifica del rispetto degli obiettivi del patto di stabilita interno, ciascuno degli entidi cui a! comma 1 etenuto a inviare, entro il terrnine perentorio· del 31 marzo dellanno successivo aquello di riferimento, a! Ministero delleconornia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneriagenerale dello Stato, una certificazione del saldo finanziario in termini di competenza rnistaconseguito, sottoscritta dal rappresentante legale, dal responsabile del servizio fmanziario edallorgano di revisione econornico-:finanziaria, secondo un prospetto e con le modalita definiti daldecreto di cui a! comma 19. La mancata trasrnissione della certificazione entro il terrnine perentoriodel 31 marzo costituisce inadempimento a! patto di stabilita interno. Nel caso in cui lacertificazione, sebbene trasmessa in ritardo, attesti il rispetto del patto, si applicano le soledisposizioni di cui a! comma 2, lettera d), dellarticolo 7, del decreto legislativo 6 settembre 2011,n. 149. Decorsi 15 giorni dal termine stabilito per lapprovazione del conto consuntivo, !acertificazione non puo essere rettificata.21. Qualora dai conti della tesoreria statale degli enti locali si. registrino prelevarnenti non coerenticon gli impegni in materia di obiettivi di debito assunti con lUnione europea, il Ministrodelleconornia e delle fmanze, sentita !a Conferenza Stato-citta ed autonomic locali, adotta adeguatemisure di contenimento dei prelevarnenti.22. In considerazione della specificita della citta di Roma quale capitale della Repubblica e fmoalia compiuta attuazione di quanto previsto dallarticolo 24 della Iegge 5 maggio 2009, n. 42, esuccessive modificazioni, il comune di Roma concorda con il Ministro delleconomia e delle:finanze, entro i1 31 maggio di ciascun anno, le modalita del proprio concorso alla realizzazionedegli obiettivi di finanza pubblica; a tale fme, entro il31 marzo di ciascun anno, i1 sindaco trasmettela proposta di accordo a! Ministro del!economia e delle finanze. 7
  19. 19. 23. Gli enti locali istituiti a decorrere dallanno 2009 sono soggetti alle regole del patto di stabilitainterno dal terzo anno successivo a quello della !oro istituzione assurnendo, quale base di calcolo sucui applicare le regole, le risultanze dellanno successivo allistituzione medesirna. Gli enti localiistituiti negli anni 2007 e 2008 adottano come base di calcolo su cui applicare le regole,rispettivamente, le risultanze medie del biennio 2008-2009 e le risultanze dellanno 2009.24. Gli enti locali commissariati ai sensi dellarticolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n.267, sono soggetti alle regole del patto di stabilitit interno dallanno successivo a quello dellarielezione degli organi istituzionali. La mancata comunicazione della situazione dicommissariamento secondo le indicazioni di cui a! decreto previsto dal primo periodo del comma19, detennina per lente inadempiente lassoggettamento alle regole del patto di stabilita intemo.25. Le informazioni previste dai commi 19 e 20 sono messe a disposizione della Camera deideputati e del Senato della Repubblica, nonche dellUnione delle province dItalia (UP!) edellAssociazione nazionale dei comuni italiani (ANCl) da parte det Ministero delleconomia e dellefinanze, secondo modalita e contenuti individuati tramite apposite convenzioni.26. Restano ferme le disposizioni di cui allarticolo 7, comma 2 e seguenti, del decreto legislativo 6settembre 2011, n. 149.27. Dopo il primo periodo della 1ettera a) del comma 2 dellarticolo 7 del decreto legislativo 6settembre 2011, n.l49, aggiungere, i1 seguente: "Gli enti locali della regione Siciliana e dellaregione Sardegna, sono assoggettati alla riduzione dei trasferimenti erariali nella misura indicata a!primo periodo.".28. Agli enti locali per i quali !a violazione del patto di stabilita interno sia accertatasuccessivamente allanno seguente a quello cui !a violazione si riferisce, si applicano, nellannosuccessivo a quello in cui e stato accertato i1 mancato rispetto del patto di stabilita interno, lesanzioni di cui a! comma 26. La rideterminazione delle indennitit di funzione e dei gettoni dipresenza di cui a! comma 2, lettera e), dellarticolo 7, del decreto legislativo 6 settembre 2011, n.149, e app!icata ai soggetti di cui allarticolo 82, del decreto legislativo 18 agosfo 2000, n. 267 esuccessive modificazioni, in carica nellesercizio in cui e avvenufa !a violazione del patto distabilitit inferno.29. Gli enfi locali di cui a! comma 28 sono fenufi a comunicare linadempienza entro 30 giornidallaccertamenfo della violazione del patto di stabilitit inferno a! Ministero delleconomia e dellefinanze - Dipartirnenfo della Ragioneria Generale dello Sfafo. 8
  20. 20. 30. I contratti di servizio e gli altri atii posti in essere dagli enti locali che si configurano elusividelle regole del patio di stabilita intemo sono nulli.31. Qualora le Sezioni giurisdizionali regionali della Corte dei conti accertino che i1 rispetio delpatio di stabilita intemo e stato artificiosamente conseguito mediante una non corretia imputazionedelle entrate o delle uscite ai pertinenti capitoli di bilancio o altre forme elusive, le stesse irrogano,agli amministratori che hanno posto in essere atii elusivi delle regole del patio di stabilita intemo, lacondanna ad una sanzione pecuniaria fino ad un massimo di dieci volte lindennita di caricapercepita al momento di commissione dellelusione e, al responsabile del servizio economico-finanziario, una sanzione pecuniaria fino a 3 mensilita del tratiamento retributivo, al netio deglioneri fiscali e previdenziali.32. Con decreto del Ministro delleconomia e delle fmanze possono essere aggiomati, oveintervengano modifiche legislative alla disciplina del patio di stabilita intemo, i termini riguardantigli adempimenti degli enti locali relativi al monitoraggio e alla certificazione del patio di stabilitaintemo. Articolo 4-quater (Patio di stabilita intemo delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano)1. Ai fmi della tutela dellunita economica della Repubblica, le regioni e le province autonome diTrento e di Bolzano concorrono alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica nel rispetiodelle disposizioni di cui al presente articolo, che costituiscono principi fondamentali dicoordinamento della finanza pubblica ai sensi degli articoli 117, terzo comma, e 119, secondocomma, della Costituzione.2. II complesso delle spese finali in termini di competenza finanziaria di ciascuna regione a statutoordinario non pub essere superiore, per ciascuno degli anni 2012 e 2013, agli obietiivi dicompetenza 2012 e 2013 trasmessi ai sensi dellarticolo 1 del decreto del Ministero delleconomia edelle fmanze del 15 giugno 2011, concemente il monitoraggio e Ia certificazione del Patio distabilita intemo 2011 per le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, attraverso imodelli 50B/11/CP e, per le regioni che nel 2011 hanno ridefinito i propri obietiivi ai sensidellarticolo I, comma 135, della Iegge 13 dicembre 2010, n. 220, attraverso il modello 60B/11,ridotii degli importi di cui alla tabella seguente. Per gli anni 2014 e successivi il complesso delle 9
  21. 21. spese fmali in tennini di competenza di ciascuna regione a statuto ordinario non puo esseresuperiore allobiettivo di competenza per lanno 2013 determinate ai sensi del presente comma. (in migliaia di euro) Ripartizione contribute agli obiettivi di finanza pubblica in termini di competenza finanziaria aggiuntivo rispetto al2011 REGION! 2012 2013 e succ. ABRUZZO 26.465 56.838 BASILICATA 18.348 39.405 CALABRIA 36.764 78.956 CAMPANIA 98.398 211.325 EMILIA ROMAGNA 49.491 106.289 LIGURIA 23.408 50.272 LAZIO 119.357 256.338 LOMBARDIA 95.810 205.765 MARCHE 22.223 47.728 MOUSE 9.396 20.179 PIEMONTE 68.892 147.957 PUGLIA 54.713 117.504 TOSCANA 47.183 101.332 UMBRIA 20.321 43.642 VENETO 54.231 116.470 TOTALE 745.000 1.600.000Gli importi di cui alla predetta tabella si applicano nelle more delladozione del decreto previstodallarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111.3. II complesso delle spese finali in tennini di cas sa di ciascuna regione a statuto ordinario non puoessere superiore, per ciascuno degli anni 2012 e 2013, agli obiettivi di cassa 2012 e 2013 trasmessiai sensi dell articolo 1 del decreto del Ministero dell economia e delle finanze del 15 giugno 2011,concemente il monitoraggio e Ia certificazione del Patio di stabilita intemo 2011 per le Regioni e leProvince autonome di Trento e di Bolzano, attraverso i modelli 50B/11/CS e, perle regioni che nel2011 hanno ridefinito i propri obiettivi, ai sensi dellarticolo 1, comma 135, della Iegge 13 dicembre2010, n. 220, attraverso il modello 60B/11, ridotti degli importi di cui alia tabella seguente. Per glianni 2014 e successivi il complesso delle spese fmali in termini di cassa di ciascuna Regione astatuto ordinario non puo essere superiore allobiettivo di cassa per lanno 2013 determinate ai sensidel presente comma. 10
  22. 22. (in migliaia di euro) Ripartizlone contribute agli obiettivi di finanza pubblica in termini di cassa aggiuntivo rispetto al2011 REGION! 2012 2013 e succ. ABRUZZO 26.557 57.035 BASILICATA 20.770 44.606 CALABRIA 39.512 84.857 CAMPANIA 89.286 191.755 EMILIA ROMAGNA 58.630 125.917 LIGURIA 28.687 61.609 LAZIO 69.539 149.346 LOMBARDIA 118.203 253.860 MARCHE 23.710 50.921 MOUSE 10.406 22.349 PIEMONTE 78.392 168.359 PUGLIA 46.824 100.561 TOSCANA 57.991 124.545 UMBRIA 19.582 42.056 VENETO 56.911 122.224 TOTALE 745.000 1.600.000Gli importi di cui alia predetta tabella si applicano nelle more delladozione del decreto previstodallarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111.4. II complesso delle spese frnali di cui ai commi 2 e 3 e determinato, sia in termini di competenzasia in termini di cassa, dalla somma delle spese correnti e in conto capitale risultanti dal consuntivoa! netto: a) delle spese per !a sanita, cui si applica !a specifica disciplina di settore; b) delle spese per !a concessione di crediti; c) delle spese correnti e in canto capitale per interventi cofrnanziati correlati ai frnanziamenti dellUnione europea, con esclusione delle quote di finanziamento statale e regionale. Nei casi in cui lUnione europea riconosca importi inferiori, limporto corrispondente a11e spese non riconosciute e incluso tra le spese del patto di stabilita intemo relativo allanno in cni e comunicato i1 mancato riconoscimento. Ove Ia comunicazione sia effettuata nellultimo quadrimestre, i1 recupero puo essere conseguito anche ne1lanno successivo; d) de1le spese relative ai beni trasferiti in attuazione del decreto legislativo 28 maggio 2010, n. 85, per un importo corrispondente aile spese gia sostenute dallo Stato per !a gestione e !a 11
  23. 23. manutenzione dei medesimi beni, determinato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di cui allarticolo 9, comma 3, del decreto legislativo n. 85 del 2010;e) delle spese concementi ii conferimento a fondi immobiliari di immobili ricevuti dallo Stato in attuazione del decreto legislativo 28 maggio 2010, n. 85;f) dei pagarnenti effettuati in favore degli enti Iocali soggetti a! patto di stabilita intemo a valere sui residui passivi di parte corrente, a fronte di corrispondenti residui attivi degli enti locali. Ai fini del calcolo della media 2007-2009 in termini di cassa si assume che i pagarnenti in conto residui a favore degli enti Iocali risultanti nei consuntivi delle regioni per gli anni 2007 e 2008 corrispondano agli incassi in conto residui attivi degli enti locali, ovvero ai dati effettivi degli enti locali ove disponibili;g) delle spese concementi i censimenti di cui allarticolo 50, comma 3, del decreto-Iegge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con. modificazioni, dalla Iegge 30 luglio 2010, n. 122, nei Iimiti delle risorse trasferite dallISTAT;h) delle spese conseguenti alia dichiarazione dello stato di emergenza di cui alla Iegge 24 febbraio 1992, n. 225, e successive modificazioni, nei limiti dei maggiori incassi derivanti dai provvedimenti di cui allarticolo 5, comma 5-quater, della Iegge n. 225 del 1992, acquisiti in apposito capitola di bilancio;i) delle spese in conto capitale, nei limiti delle somme effettivarnente incassate entro il 30 novembre di ciascun anno, relative a! gettito derivante dallattivita di recupero fiscale ai sensi dellarticolo 9 del decreto legislativo 6 maggio 2011, n. 68, acquisite in apposito capitola di bilancio;j) delle spese fmanziate dal fondo per il finanziarnento del trasporto pubblico locale, anche ferroviario di cui allarticolo 21, comma 3, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 20 I 1, n. 111;k) per gli anni 2013 e 2014, delle spese per investimenti infrastrutturali nei limiti definiti con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con ii Ministro delleconomia e delle finanze, di cui a! comma 1, dellarticolo 5, del decreto Iegge 13 agosto, n.l3 8, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n.148.I) delle spese a valere sulle risorse del fondo per Io sviluppo e Ia coesione sociale, sui cofmanziarnenti nazionali dei fondi comunitari a finalita strutturale e sulle risorse individuate ai sensi di quanto previsto dall articolo 6-sexies del decreto Iegge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 6 agosto 2008, n. 133, 12
  24. 24. subordinatamente e nei lirniti previsti dal decreto del Ministro delleconomia e delle finanze di cui allarticolo 5-bis, comma 2, del decreto Iegge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14 settembre 2011, n.l48.5. Sono abrogate le disposizioni che individuano esclusioni di spese dalla disciplina del patto distabilita intemo delle regioni a statuto ordinaria differenti da quelle previste a! comma 4.6. Ai fmi della determinazione degli obiettivi di ciascuna regione, le spese sono valutateconsiderando le spese correnti riclassificate secondo Ia qualifica :funzionale "Ordinamento degliuffici. Anuninistrazione generale ed organi istituzionali" ponderate con un coefficiente inferiore a 1e le spese in conto capitale ponderate con un coefficiente superiore a 1. La ponderazione di cui a!presente comma e deterrninata con decreto del Ministro delleconomia e delle fmanze, previa intesain sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome diTrento e di Bolzano, da adottarsi entro i1 31 ottobre di ogni armo, assumendo a riferimento i daticomunicati in attuazione dellarticolo 19-bis del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135,convertito, con modificazioni, dalla Iegge 20 novembre 2009, n. 166, valutati su base omogenea. Ledisposizioni del presente comma si applicano nellarmo successivo a quello di emanazione deldecreto del Ministro dell economia e delle fmanze di cui a! presente comma.7. II complesso delle spese fmali relative allarmo 2012, 2013 e successivi, sia in termini dicompetenza finanziaria che di cassa, delle regioni a statuto ordinario che, in esito a quanto previstodallarticolo 20, comma 2, del decreto Iegge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,dalla Iegge 15 luglio 20 l1, n. 111, risultano collocate nella classe piu virtuosa, non puo esseresuperiore alia media delle corrispondenti spese finali del triennio 2007 ~ 2009, ridotta dello 0,9 percento.8. Ai fini dellapplicazione del comma 7, le regioni a statuto ordinaria calcolano Ia media dellaspesa _finale del triennio 2007-2009, sia in termini di competenza che di cassa, rettificando, perciascun anno, Ia spesa fmale con Ia differenza tra i1 relativo obiettivo programmatico e ilcorrispondente risultato, e con Ia relativa quota del proprio obiettivo di cassa ceduta agli enti locali.9. Le regioni a statuto ordinario diverse da quelle di cui a! comma 7, ai fini dellapplicazione deicommi 2 e 3, applicano le tabelle rideterminate dal decreto del Ministro delleconomia e dellefinanze da emanare, di concerto con il Ministro dellinterno e con i1 Ministro per i rapporti con leregioni e per Ia coesione territoriale, dintesa con Ia Conferenza unificata, in attuazione dellarticolo 13
  25. 25. 20, comma 2, del decreta legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla 1egge 15luglio 2011, n. 111.10. II concorso alla manovra finanziaria delle regioni a statuto speciale e delle province autonome diTrento e di Balzano, di cui allarticolo 20, comma 5, del decreta Iegge 6 luglio 2011, n. 98,convertito, con modificazioni, dalla Iegge 15 luglio 2011, n. 111, come modificato dallartico1o 1,comma 8, del decreta legge 13 agosto, n. 13 8, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 14settembre 2011, n. 148, aggiuntivo rispetto a quella disposta dallarticolo 14, comma 1, lettera b),del decreta Iegge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Iegge 30 luglio 2010,n. 122, eindicate, per ciascuno degli anni 2012, 2013 e successivi, nella seguente tabella. (in migliaia di euro) Ripartizione contribute agli obiettivi di finanza pubblica in termini di competenza e di cassa aggiuntivo rispetto al 2011 AUTONOMIE SPECIAL! 2012 2013 e successivi DL 78 del DL 98 e 138 DL 78 del DL98e1381 2010 del2011 Totale 2010 del2011 Totale IBOLZANO 59.347 242.216 301.563 59.347 297.198 356.545FRIULI VENEZIA GIULIA 77.217 229.350 306.567 77.217 281.411 358.628SARDEGNA 76.690 237.544 314.234 76.690 291.466 368.156SICILIA 198.582 572.826 771.408 198.582 702.853 901.435TRENTINO ALTO ADIGE 4.537 27.571 32.108 4.537 33.829 38.366TRENTO 59.346 225.462 284.808 59.346 276.641 335.987VALLE DAOSTA 24.281 95.031 119.312 24.281 116.602 140.883TOTALE 500.000 1.630.000 2.130.000 500.000 2.000.000 2.500.00011. AI fine di assicurare il concorso agli obiettivi di finanza pubblica, le regioni a statuto speciale,escluse Ia regione Trentino-Alto Adige e le province autonome di Trento e di Balzano, concordano,entro i1 31 dicembre di ciascun anna precedente, con il Ministro delleconornia e delle fmanze, perciascuno degli anni 2012, 2013 e successivi, illivello complessivo delle spese correnti e in cantocapitale, nonche dei relativi pagamenti, determinate riducendo gli obiettivi prograrnrnatici del 2011della somma degli importi indicati dalla tabella di cui a! comma 10. A tale fme, entro il 30novembre di ciascun anna precedente, i1 presidente dellente trasmette Ia proposta di accordo a!Ministro delleconornia e delle finanze. Con riferimento allesercizio 2012, i1 presidente dellente 14
  26. 26. trasmetie Ia proposta di accordo entro il 31 marzo 2012. In caso di mancato accordo, si applicano ledisposizioni stabilite per le regioni a statuto ordinaria.12. AI fine di assicurare il concorso agli obietiivi di finanza pubblica, Ia regione Trentino-AltoAdige e Je province autonome di Trento e di Balzano concordano, entro i1 31 dicembre di ciascunanna precedente, con il Ministro delleconomia e delle finanze, per ciascuno degli anni 2012, 2013 esuccessivi, i1 saldo prograrnmatico calcolato in termini di competenza mista, determinatomigliorando i1 saldo prograrnmatico dellesercizio 2011 della somma degli importi indicati dallatabella di cui a1 comma 10. A tale fine, entro i1 30 novembre di ciascun anna precedente, ilpresidente dellente trasmetie Ia proposta di accordo a! Ministro delleconomia e delle finanze. Conriferimento allesercizio 2012, i1 presidente dellente trasmette Ia proposta di accordo entro il 31marzo 2012. In caso di mancato accordo, si applicano le disposizioni stabilite perle regioni a statutoordinaria.13. Le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e di Balzano che esercitano in viaesclusiva le funzioni in materia di finanza locale definiscono per gli enti Jocali dei rispettiviterritori, nellambito degli accordi di cui ai commi 11 e 12, le modalita attuative del patio di stabilitainterno, esercitando le competenze aile stesse attribuite dai rispetiivi statuti di autonomia e dallerelative norme di attuazione e fermo restando I obietiivo complessivamente determinato inapplicazione dellarticolo 4-ter. In caso di mancato accordo, si applicano, per gli enti locali di cui a!presente comma, le disposizioni previste in materia di patio di stabilita interno per gli enti locali delrestante territorio nazionale.14. Le regioni cui si applicano limiti alia spesa possono ridefmire il proprio obietiivo di cassaattraverso una corrispondente riduzione dellobietiivo degli impegni di parte corrente relativi agliinteressi passivi e oneri fmanziari diversi, alia spesa di personale, ai trasferimenti correnti econtinuativi a imprese pubbliche e private, a famiglie e a istituzioni sociali private, alia produzionedi servizi in economia e allacquisizione di servizi e forniture calcolati con riferimento alia mediadei corrispondenti impegni del triennia 2007-2009. Entro il 31 Juglio di ogni anna le regionicomunicano a! Ministero delleconomia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generaledella Stato, per ciascuno degli esercizi compresi nel triennia 2012-2014, lobietiivo prograrnmaticodi cassa rideterminato, lobietiivo prograrnmatico di competenza relativo aile spese compensate elobietiivo prograrnmatico di competenza relativo alle spese non compensate, unitamente aglielementi informativi necessari a verificare Je modalita di calcolo degli obiettivi. Le modalita per il 15
  27. 27. monitoraggio e Ia certificazione dei risultati del patio di stabilita intemo delle regioni che chiedonoIa ridefinizione del proprio obietiivo sono definite con i1 decreto di cui a! comma 17.15. Le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e di Bolzano concorrono a!riequilibrio della fmanza pubblica, oltre che nei modi stabiliti dai commi 11, 12 e 13, anche conmisure fmalizzate a produrre un risparmio per il bilancio dello Stato, mediante lassunzionedellesercizio di funzioni statali, atiraverso 1emanazione, con le modalita stabilite dai rispetiivistatuti, di specifiche norrne di attuazione statutaria; tali norrne di attuazione precisano le modalita elentita dei risparmi per il bilancio dello Stato da otienere in modo perrnanente o comunque perarmualita defmite.16. A decorrere dallarmo 2013 le modalita di raggiungimento degli obiettivi di fmanza pubblicadelle singole regioni, esclusa Ia componente sanitaria, delle province autonome di Trento e diBolzano e degli enti locali del territorio, possono essere concordate tra lo Stato e le regioni e leprovince autonome, previo accordo concluso in sede di Consiglio delle autonornie locali e, ove nonistituito, coni rappresentanti dellANCI e dellUPI regionali. Le predetie modalita si conforrnano acriteri europei con riferimento allindividuazione delle entrate e delle spese da considerare nel saldovalido per il patio di stabilita intemo. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzanorispondono nei confronti dello Stato del mancato rispetio degli obietiivi di cui a! primo periodo,attraverso un maggior concorso delle stesse nellarmo successivo in misura pari alia differenza tralobietiivo complessivo e il risultato complessivo conseguito. Restano ferrne le vigenti sanzioni acarico degli enti responsabili del mancato rispetio degli obietiivi del patio di stabilita intemo e ilmonitoraggio, con riferimento a ciascun ente, a livello centrale, nonch6 il !ermine perentorio del 31otiobre per Ia comunicazione della rimodulazione degli obietiivi, con riferimento a ciascun ente. LaConferenza perrnanente per i1 coordinarnento della fmanza pubblica, con i1 supporto tecnico dellaCommissione tecnica paritetica per lattuazione del federalismo fiscale, monitora lapplicazione delpresente comma. Con decreto del Ministro delleconomia e delle finanze, sentita Ia ConferenzaUnificata di cui allarticolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, da adotiare entro il 30novembre 2012, sono stabilite le modalita per lattuazione del presente comma, nonche le modalitae le condizioni per leventuale esclusione dallarnbito di applicazione del presente comma delleregioni che in uno dei tre anni precedenti siano risultate inadempienti a! patio di stabilita intemo edelle regioni sotioposte ai piani di rientro dai deficit sanitari. Restano ferrne per larmo 2012 ledisposizioni di cui ai commi da 138 a 143 dellarticolo 1 della Iegge 13 dicembre 2010, n. 220. 16
  28. 28. 17. Per ii monitoraggio degli adempimenti relativi a! patto di stabilita intemo e per acquisireelementi informativi utili per Ia finanza pubblica anche relativamente alia !oro situazione debitoria,le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano trasmettono trirnestralmente a! Ministerodelleconomia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, entro trentagiorni dalla fine del periodo di riferimento, utilizzando ii sistema web appositamente previsto per iipatto di stabilita intemo nel sito web «www.pattostabilita.rgs.tesoro.it», le informazioni riguardantisia Ia gestione di competenza sia quella di cassa, attraverso i prospetti e con le modalita definiti condecreto del predetto Ministero, sentita Ia Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, leregioni e le province autonome di Trento e di Bolzano.18. Ai fini della verifica del rispetto degli obiettivi del patto di stabilita intemo, ciascuna regione eprovincia autonoma e tenuta ad inviare, entro il termine perentorio del 31 marzo dellarmosuccessivo a quello di riferimento, a! Ministero delleconomia e delle fmanze - Dipartimento dellaRagioneria generale dello Stato una certificazione, sottoscritta dal rappresentante legale e dalresponsabile del servizio fmanziario, secondo i prospetti e con le modalita definite dal decreto di cuia! comma 17. La mancata trasmissione della certificazione entro il termine perentorio del 31 marzocostituisce inadempimento al patto di stabilita intemo. Nel caso in cui la certificazione, sebbenetrasmessa in ritardo, attesti il rispetto del patto, si applicano le sole disposizioni di cui allarticolo 7,comma 1, lettera c), del decreta legislativo 6 settembre 2011, n. 149.19. Le Regioni e le Province autonome di Trento e Balzano entro 30 giorni dallentrata in vigoredella Iegge di bilancio provvedono a trasmettere a! Ministero delleconomia e delle fmanze -Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato un prospetto che evidenzi ii rispetto del patto distabilita con riferimento allesercizio fmanziario cui ii bilancio di previsione si riferisce.20. Le informazioni previste dai commi 17, 18 e 19 sono messe a disposizione della Camera deideputati e del Senato della Repubblica, nonche della Conferenza dei presidenti delle regioni e delleprovince autonome, da parte del Ministero delleconomia e delle fmanze, secondo modalita econtenuti individuati trarnite apposite convenzioni.21. Restano ferme le disposizioni di cui allarticolo 7, comma 1, del decreta legislativo 6 settembre2011, n. 149.22. Allarticolo 7, comma 1, lett. a), del decreta legislativo 6 settembre 2011, n. 149, !ultimoperiodo e sostituito dal seguente: "La sanzione non si applica nel caso in cui il superamento degliobiettivi del patto di stabilita intemo sia determinato dalla maggiore spesa per interventi realizzati 17
  29. 29. con Ia quota di :finanziamento nazionale e correlati ai :finanziamenti dellUnione europea rispettoalla media della corrispondente spesa del triennio considerata ai fmi del calcolo dellobiettivo,diminuita della percentuale di manovra prevista per 1 anno di riferimento, nonche, in caso dimancato rispetto del patto di stabilitit nel triennio, dellincidenza degli scostamenti tra i risultatifinali e gli obiettivi del triennio e gli obiettivi progrannnatici stessi. 23. Le regioni e le Province autonome di Trento di Bolzano che si trovano nelle condizioni indicatedallultimo periodo dellarticolo 7, comma I, lettera a), del decreto legislativo 06 settembre 2011, n.149 si considerano adempienti a! patio di stabilitit inferno, a tutti gli effetti, se, nellanno successivo,provvedono a: a) impegnare le spese correnti, al netto delle spese per !a sanitit, in misura non superioreallimporto annuale minimo dei corrispondenti impegni effettuati nellultimo triennio. A tal fmeriducono lannnontare complessivo degli stanziamenti relativi alle spese correnti, a! netto dellespese per !a sanitit, ad un importo non superiore a quello annuale rninimo dei corrispondentiimpegni dellultimo triennio; b) non ricorrere allindebitamento per gli investimenti; c) non procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo con qualsivoglia tipologiacontrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione continuata e di somrninistrazione, anche conriferimento ai processi di stabilizzazione in atto. E fatto altresl divieto di stipulare contratti diservizio che si configurino come elusivi della presente disposizione.A tal :fine, il rappresentante legale e i1 responsabile del servizio fmanziario certificanotrimestralmente il rispetto delle condizioni di cui alle lettere a) e b) e di cui alla presente lettera. Lacertificazione e trasmessa, entro i dieci giorni successivi a! terrnine di ciascun trimestre, a!Ministero delleconornia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato. Incaso di mancata trasrnissione della certificazione le regioni si considerano inadempienti a! patio distabilitit intemo. Lo stato di inadempienza e le sanzioni previste, ivi compresa quella di cuiallarticolo 7, comma I, lettera a), del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149, hanno effettodecorso il terrnine perentorio previsto per linvio della certificazione.24. Alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano perle quali Ia violazione del patiodi stabilitit intemo sia accertata successivamente allanno seguente a quello cui !a violazione siriferisce, si applicano, nellanno successivo a quello in cui e stato accertato il mancato rispetto delpatio di stabilitit intemo, le sanzioni di cui a! comma 21. In tali casi, Ia comunicazione dellaviolazione del patto e effettuata a! Ministero dell economia e delle finanze - Dipartimento della 18
  30. 30. Ragioneria Generale dello Stato entro 30 giorni dallaccertamento della violazione da parte degliuffici dellente.25. I contratti di servizio e gli altri atti posti in essere dalle regioni e dalle Province autonome diTrento e di Bolzano che si configurano elusivi delle regole del patto di stabilita intemo sono nulli.26. Con decreto del Ministro delleconornia e delle fmanze possono essere aggiomati, oveintervengano modifiche legislative alia disciplina del patto di stabilita intemo, i termini riguardantigli adempimenti delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano relativi a!monitoraggio e alia certificazione del patto di stabilita intemo. 19

×