€ 1,20 – Arretrati: € 2,00
Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/...
pagina 2
Vietti: servono regole
di equilibrio
tra i diversi interessi
“Sulle intercettazioni servono
probabilmente regole ...
Martedì 11 ottobre 2011
Il blocco degli straordinari disposto dal
ministero per il personale
amministrativo determinerà un...
pagina 4
Arrivano tutti
dalla Dc i dissidenti
del Cavaliere
Itre dell’Ave Maria, si dicono pronti a
rimettere in moto il P...
Martedì 11 ottobre 2011
Un’inchiesta di 12 minuti trasmessa
dalla televisione olandese
Nieuwsuur fa dell’Italia un ritratt...
pagina 6 Martedì 11 ottobre 2011
Chi è Maurilio Canton
il “raccomandato”
del Senatùr
Maurilio Canton fino a sabato scorso
...
Martedì 11 ottobre 2011 pagina 7
Il governatore Lombardo
chiede 100 milioni
di danni a Minzolini
Ilegali del presidente de...
pagina 8 Martedì 11 ottobre 2011
INCHIESTA ESCORT
Il governo
“indaga” i pm
Ispettori a Bari e Napoli
Laudati, fuga di noti...
Martedì 11 ottobre 2011 pagina 9
Comune non ricavava sol-
di, ma magicamente copri-
va i debiti che aumentava-
no. E nel f...
Ilfatto20111011
Ilfatto20111011
Ilfatto20111011
Ilfatto20111011
Ilfatto20111011
Ilfatto20111011
Ilfatto20111011
Ilfatto20111011
Ilfatto20111011
Ilfatto20111011
Ilfatto20111011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Ilfatto20111011

7,457

Published on

Il Fatto Quotidiano del 11/10/2011

Published in: News & Politics
0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
7,457
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
283
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ilfatto20111011

  1. 1. € 1,20 – Arretrati: € 2,00 Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009 Martedì 11 ottobre 2011 – Anno 3 – n° 241 Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 www.ilfattoquotidiano.it Berlusconismo senza B. di Marco Travaglio M entre il mondo piange Steve Jobs e rimpiange le sue geniali allucinazioni che hanno abolito le distanze spazio-temporali della comunicazione, il nostro regimetto è tutto indaffarato intorno a una leggina premedievale che vieta ai cittadini di conoscere gli atti d’indagine e le intercettazioni anche quando sono pubblici. “Pubblici, ma non pubblicabili” è lo slogan dei fascistelli della mutua che ci sgovernano. Tutt’intorno a loro, il mondo assiste allibito. E anche buona parte dell’Italia che, con tutti i difetti, è molto meglio dei suoi politici. La fuga di massa di un milione e mezzo di telespettatori dalla Rai è una grande prova di maturità. E lo sarà anche l’aumento dell’evasione del canone che, se quest’anno supererà i livelli consueti, andrà attribuita non a un ulteriore crollo del senso civico, ma alla rivolta dei cittadini contro il servizietto privato gabellato da servizio pubblico. Tra sabato e ieri almeno 20 mila persone hanno versato 10 euro per dar vita a un vero Servizio Pubblico che consenta a Santoro e alla sua squadra di tornare in onda. Un fenomeno unico al mondo, una notiziona coi fiocchi: infatti, con lodevoli eccezioni come Fazio e Annunziata, nessuno ne parla in tv, né sulla carta stampata. Ma soprattutto non ne parla, con la lodevole eccezione dell’Idv, la politica. Fino a ieri pomeriggio, l’unico politico oltre a Di Pietro a commentare questa fiumana di cittadini che si tassano per uno spicchio di informazione libera, era tal Giorgio Merlo del Pd, che giustamente nessuno conosce, ma è addirittura il vicepresidente della commissione parlamentare di Vigilanza. Uno di quelli che, con la lodevole eccezione di Vincenzo Vita, si sono astenuti sul demenziale Lodo Butti che impegna la Rai a “sperimentare la doppia conduzione” nei talk show. Dice il Merlo: “Massimo rispetto per Santoro, la sua professionalità, i suoi guadagni e le sue nuove trasmissioni. Una cosa però dovrebbe essere chiara, fino a prova contraria. Di servizio pubblico radiotelevisivo, pur ammaccato e malconcio, in Italia ne esiste uno solo: la Rai”. Tralasciamo la volgarità sui “guadagni” di Santoro, peraltro inferiori a quelli dei conduttori preferiti dal regime che più perdono ascolti più incassano (secondo il Merlo, Santoro dovrebbe lavorare gratis). E concentriamoci sulla frase: “Una cosa dovrebbe essere chiara”. Ecco, che questa Rai sia un servizio pubblico, addirittura l’unico, non è chiaro proprio a nessuno, eccezion fatta per i Merli. Lungi da noi ingigantire l’importanza di questo noto frequentatore di se stesso. Registriamo però che il cosiddetto “maggior partito di opposizione”, il Pd, così impegnato a inseguire le manfrine di preclare figure come Scajola e Pisanu, rimane afasico di fronte a un fenomeno come quello che sta attraversando il mondo della tv: non ha nulla da dire. Infatti non parla nessuno (cioè Merlo). E intendiamoci: se questo silenzio significasse che il Pd ha deciso di disinteressarsi della tv, nel senso di liberarla dal controllo dei partiti (se stesso compreso), sarebbe una buona notizia. Ma non pare questo il caso. Infatti il primo bavaglio, quello di Mastella, lo inventò il centrosinistra: lo stesso che non risolse il conflitto d’interessi e non sfiorò neppure la legge Gasparri. Tre settimane fa, il Pd vomitava insulti e scomuniche contro Luca Mercalli, reo di aver parlato contro il Tav a Che tempo che fa. “Ci chiediamo se la propaganda contro la Tav sia un modello di giornalismo da servizio pubblico”, tuonò il solito Merlo. Tal Farinone, sempre del Pd, denunciò un “uso militante della tv contro la Torino-Lione”. Come se esistesse il reato di leso Tav. Il guaio è che anatemi e silenzi derivano da una concezione tutta berlusconiana dell’informazione: che non è un diritto da liberare dai conflitti d’interessi, ma una proprietà privata di tutti i partiti. Il peggio che può capitarci quando B. sarà caduto è proprio questo: il berlusconismo senza Berlusconi. STRAPPIAMO IL BAVAGLIOGiornalisti, editori, docenti universitari e Cgil contro la porcata di B. che vuole far tacere l’informazione sui processi di B. Il Pdl chiama, Nitto Palma risponde: ispettori a Napoli e Bari FrattinibacchettaMerkeleSarkozyperilverticesullacrisi:“Nonne sapevamonulla”.Replica:noisiamograndiPaesi.Maperchénontace? Patrizia Aldrovandi, Ilaria Cucchi, Lucia Uva e Domenica Ferrulli davanti a Montecitorio (FOTO ANSA) GOVERNO x Si aprono crepe nella maggioranza, ma il rimedio lo conosce Verdini Altro che rivolta, Scajola e gli ex dc trattano sulle poltrone future Udi Malcom Pagani CHETORTURA ILQUIZZONE CENSIMENTO LaDivinaCommediadeinostri giorni va letta con il testo a fronte. Con busta bianca dell’I- stat,acirca25milionidifamiglie italiane, il quindicesimo censi- mento della storia nazionale è stato recapitato con la traduzio- ne. pag. 10 z di Luca Telese La voce dell’ex ministro era risuonata limpida e gioviale nel mio auricolare: “Buongiorno, Tele- se!Malosacheleièunbelfigliodiputtana?”.Epoi ecco la risata sonora – inconfondibile – di Claudio Scajola.Disolitoigiornalistioccultanoquestolato non del tutto gradevole del loro lavoro. pag. 4 z Contro i fuorilegge di Antonio Padellaro dc D aoggi,carilettori,troverete accanto alla testata del Fat- to un logo su cui abbiamo riportatoiltitolodelgiorna- le di domenica: “Noi non obbedi- remoallaleggebavaglio”.Disobbe- dienza civile che avevamo già pro- messonelfebbraioscorso,quando Berlusconi, terrorizzato (e ne ave- vabendonde)dalle“proveeviden- ti” depositate dalla Procura di Mi- lano sul caso Ruby, annunciò un decreto urgente per fare in modo chenessunosapesse.Gliandòma- le,stoppatocomefudalpresidente Napolitano. Ma poiché da allora i suoi problemi con la giustizia da pioggia sono diventati grandine, eccochel’imputatodiArcorevuo- le di nuovo imporre il silenzio de- finitivo dell’informazione sulle sue gesta con battaglioni di prostitute minorenni e non. Cosicché alle prossime elezioni (che qualcuno consideraprossime)eglipossapre- sentarsi come un giglio immacola- to, contando sulla smemoratezza degli italiani e sull’occultamento della verità da parte dei tg al suo servizio. Non facciamoci inganna- re dai movimenti di truppe ex dc guidatedalloScajola,dettoSciabo- letta.Costorominaccianodifarca- dere un governo che non si regge in piedi per ottenere qualcosa di moltopiùcommerciabile,comela garanziadiunaricandidaturacerta nel prossimo Parlamento. Come hascrittoieriLaStampa,malgrado questi confusi diversivi, l’Italia “re- sta prigioniera del cavaliere”, a cui dellacrisifinanziarianonfreganul- laefiguriamocidellefabbricheche chiudono.BrunoTintihaspiegato come l’alta incostituzionalità della leggesulleintercettazioniunitaalla giurisprudenza delle Corti euro- pee rendano il bavaglio uno strac- cio inservibile. Ma il nostro No a questarobacciaèmossodaunara- gione più di fondo: noi non pren- diamoordinidaun’armatabranca- leone guidata da un personaggio squalificato in tutto il mondo tran- nechenelladaciadiPutin.Ciòche dobbiamoonondobbiamoscrive- relodecidiamonoi.Costiquelche costi.Speriamocheafarcicompa- gniasianointanti. Aldrovandi,Cucchi,Uva,Ferrulli:senzalapubblicazionedifotoeregistrazioni, imortipermanodelloStatononavrebberogiustizia D’Onghiapag.3z CATTIVERIE Il Pdl: “Papa in carcere è un prigioniero politico”. Dalle Brigate rosse alle Brigate gnocca Massari, Nicoli, Paolin, Truzzi pag. 2 - 3 - 8 z L’uomo con la casa pagata a sua insaputa scrive al premier “per evitare la rottura”. Intanto nella Lega monta la rivolta anti-Bossi della base, anche nella natìa Varese nterrore dei mari Altra nave italiana sequestrata. Fare il pirata conviene Schiavulli pag. 13z nil ritorno di Santoro Già 210 mila euro con le sottoscrizioni per Comizi d’amore Tecce pag. 7z IL RISCHIO DI MORIRE DUE VOLTEIL RISCHIO DI MORIRE DUE VOLTE D’Esposito, Sansa, Vecchi pag. 4 - 5 - 6 z y(7HC0D7*KSTKKQ( +#!=!z!#!#
  2. 2. pagina 2 Vietti: servono regole di equilibrio tra i diversi interessi “Sulle intercettazioni servono probabilmente regole che trovino un migliore equilibrio tra tre diversi interessi che vengono in gioco in questa materia”. Lo ha affermato il vicepresidente del Csm, Michele Vietti. Che ha elencato i tre interessi: “Il primo è l’interesse delle indagini che non può fare a meno di questo insostituibile strumento di investigazione; il secondo è la libertà di stampa e il diritto dei cittadini di essere informati; il terzo è il diritto alla riservatezza, in particolare dei soggetti terzi, estranei all’indagine, soprattutto se si tratta di fatti che non hanno rilevanza penale”. Quindi ha spiegato: “Spetta alla politica, al legislatore, trovare questo punto di equilibrio”. E poi ha detto basta alle “energie sprecate nello scontro tra giustizia e politica” e ha auspicato, invece, l'impegno per dare “maggiore efficienza al sistema ordinamentale”. Perché “è importante tenere presente che un mercato funziona se considera affidabile le regole che lo governano. Perciò è dovere della politica e di un saggio legislatore garantire regole affidabili per tutti e che valgano per tutti, sempre”. A BOCCA APERTAEditori, mondo dell’università, Cgil, associazioni: scoppia la rivolta contro il bavaglio del Caimano di Silvia Truzzi D igitando la parola “inter- cettazioni” nel filtro di ri- cerca delle Agenzie ieri ci s’imbatteva in due tipi di notizie. Le più numerose, quelle politiche. Poi un paio, interes- santi, di cronaca che davano conto dell’arresto di cinque per- sone, tra cui tre pedofili fermati mentre stavano stuprando una bambina di 12 anni. Accuse: vio- lenza sessuale di gruppo, abusi su minore, induzione e sfrutta- mento della prostituzione mino- rile (ricorda qualcosa?). Intanto la maggioranza di governo sta per essere assordata dal rumore del movimento anti-bavaglio, che cresce spontaneamente su diversi fronti. Il fattore Marina B. Gli editori hanno ritirato fuori dal cassetto l’appello che aveva- no presentato l’anno scorso, quando si discuteva di multe mi- lionarie e carcere per gli autori che avessero riportato le inter- cettazioni. “Alla vigilia della Fie- ra internazionale del libro di Francoforte – dove potremo condividere la nostra preoccu- pazione con i colleghi editori di tuttoilmondo–chiediamoalgo- verno e al Parlamento di recede- re da questo nuovo tentativo di bloccare la diffusione di cono- scenze rilevanti e significative sugli atti processuali”. Quella volta ciascuno firmò per la casa editrice che rappresentava. Na- turalmente Mondadori non sot- toscrisse l’appello ed Ernesto Franco,direttoreeditorialediEi- naudi, dopo le vibratissime pro- testediscrittoriesaggistiscrisse una lettera a Repubblica per ade- rire a titolo personale, temendo forse un esodo di massa dei suoi autori. Così ha fatto anche que- stavolta.LacasadelloStruzzofa- ràsaperelasuaposizioneufficia- leentrodomani.Ancheipromo- tori hanno aderito con nome e cognome: Marco Cassini e Da- niele di Gennaro di Minimum fax, Stefano Mauri e Luigi Spa- gnoldelgruppoeditorialeMauri Spagnol, Alessandro e Giuseppe Laterza. “L’attuale maggioranza – è scritto nel documento – sta perapprovareunaleggechevie- ta la pubblicazione delle inter- cettazioni disposte dai magistra- ti(anchedopolalorodivulgazio- ne alle parti del processo). Una legge – per fare un esempio – se- condo cui un’intercettazione potrebbe essere letta in pubbli- co dall’avvocato della persona intercettatamanonpotrebbees- sere pubblicata su un giornale. Una legge – per fare un altro esempio–secondocuilareplica Intercettazioni,ilPdlperdefiducia VOTO BLINDATO SOLO SE CONVINCONO SCAJOLA. PRESCRIZIONE BREVE, LEGGE A NOVEMBRE di parte prevale sulla ricostru- zione di giornalisti e autori neu- trali, inquinando proprio l’infor- mazione più responsabile e pro- fessionale”. E ancora: “Negli ul- timianniitentatividirestringere il diritto di informazione ha su- scitato una vasta opposizione chehaattraversatolepiùdiverse categorie. Anche a livello inter- nazionale, i provvedimenti sulle intercettazioni hanno sollevato fortiperplessitàperfinodaparte di qualificati rappresentanti di istituzioni quali l'Osce, l'Onu e l'Unione europea”. È prevedibi- le che, a titolo personale, firme- ranno in tantissimi. A comincia- re da Roberto Saviano, nome di punta di Mondadori, passando per i tanti professori di Einaudi: Gustavo Zagrebelsky, Marco Re- velli, Paul Ginsborg. Così le case editricidellafigliadelpadronesi ritroveranno tutti gli autori (o quasi) contro. L’elenco delle adesioni sarà diffuso giovedì: sa- rà interessante capire chi si tira indietro. Domenica gli editori, come fecero già l’anno scorso, invitano tutti a partecipare a un’assemblea pubblica (alle 11 al Teatro Valle di Roma). Giusep- pe Laterza, intervistato dal sito di Repubblica, spiega: “In una co- munità le leggi sono importanti maèimportantesoprattuttoche ogni cittadino prenda in mano il suo destino. E in questi ultimi mesi in tanti, abituati a stare alla finestra, sono scesi in strada”. La lettera a Napolitano Infatti anche la Cgil si sta mobi- litando: domani alle 17 è convo- cato un nuovo presidio al Pan- theon, ci sarà anche Articolo 21. Anche il mondo universitario è in agitazione. Un gruppo di pro- fessori bolognesi che si oppone alla riforma Gelmini ha promos- L’appello delle case editrici: le firme a titolo personale per “stanare” gli autori Mondadori Costituzione Articolo 21 e libertà di stampa Tutti hanno diritto di manifestare libera- mente il proprio pensie- ro con la parola, lo scrit- to e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o cen- sure. Cassazione penale Verità, interesse pubblico, obiettività Il diritto di cronaca può esercitarsi anche quan- do può nuocere all’altrui reputazione purché la no- tizia sia vera; esista un in- teresse pubblico alla co- noscenza dei fatti; l’infor- mazione rimanga nei giu- sti limiti di obiettività. Convenzione europea Manifestare il pensiero La Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo san- cisce il principio della libertà di manifestazione del pen- siero. Senza ingerenza del- l’autorità pubblica. I limiti di critica nei confronti dei poli- tici sono maggiori di quelli nei confronti dei privati. Convenzione europea Diritto a informare sulle indagini Sempre la Convenzio- ne europea stabilisce che il diritto della stampa di informare su indagini in corso e quello del pub- blico di ricevere notizie su inchieste scottanti pre- vale sulle esigenze di se- gretezza. CONTRO I FUORILEGGE Corte costituzionale Prima l’Europa, poi i singoli Stati Gli Stati contraenti so- no vincolati a unifor- marsi alle interpretazioni che la Corte di Strasburgo dà alle norme della Con- venzione europea dei di- ritti dell’uomo. Lo spiega la nostra Corte costituzio- nale. di Sara Nicoli Ancora un giorno. È questo che Angelino Alfano ha chiesto a Berlusconi per poter recuperare quei voti (gli scajo- liani, ma anche tra i Responsa- bili come Grassano e Sardelli tira brutta aria) e decidere se mettere la fiducia o meno sul ddl intercettazioni. Con una conseguenza politica di non poco conto in caso di decisio- ne per il no; la raggiunta con- sapevolezza da parte del Pdl di non avere più una maggioran- za solida alla Camera. Quindi, se proprio ci sarà da buttare il cuore oltre l'ostacolo con un voto a rischio per il governo, ebbene sarà più probabile che il Cavaliere voglia correre que- sto rischio non sulle intercet- tazioni, ma sulla prescrizione breve,chegliserveperevitare anche la condanna di primo gradoalprocessoMillschepo- trebbe arrivare entro fine no- vembre. Dunque, tanto vale andare avanti con il ddl inter- cettazioni con l'iter normale, contando su dei tempi contin- gentati per il dibattito, anche se questo vorrà dire tenere im- pegnata l'aula per un'intera settimana. QUELLO CHE, alla fine, po- trà venire fuori non sarà co- munque soddisfacente, quindi tanto vale non rischiare. Ma se Alfano riuscirà “a recuperare Scajola - ecco la voce di un uo- mo vicino al segretario – allora si potrà ripartire spediti; maxi emendamento che raccolga le modifiche indicate da Costa e da Paniz e fiducia entro vener- dì”. Sullaprescrizioneloscoglioèil TerzoPolo.OggilaCommissio- ne Giustizia del Senato termi- nerà la discussione sui 150 emendamenti, quindi il testo sarà licenziato per l'aula. Do- manimattina,laconferenzadei capigruppo potrebbe anche decidere di inserirlo nel calen- dario per la settimana succes- siva:“Noncredocheiltestoab- bia bisogno della fiducia – spie- gava ieri a Palazzo Madama Fi- lippo Berselli, pidiellino presi- dente della commissione Giu- stizia – mentre credo che sarà necessario metterla alla Came- ra per evitare che torni nuova- mente indietro... a quel punto ce la possono fare tranquilla- mente entro la metà di novem- bre”. Esattamente quel che vuole il Cavaliere. Insomma, le intercettazioni alla Camera po- trebbero vedere dei tempi più lunghi di approvazione e rag- giungere il Senato dopo l'ap- provazione della prescrizione breve,maperunsingolarecaso deldestino,entrambigliartico- lati potrebbero atterrare sulla scrivania del Quirinale a poca distanza l'uno dall'altro. Salvo incidenti di percorso, ovvia- mente. PER QUANTO riguarda le intercettazioni, molto dipen- derà da cosa ci sarà scritto den- tro,masenzamodifichesostan- ziali al “lodo Costa” (che ina- sprisceleregolesullapubblica- bilità delle registrazioni) è mol- to improbabile che il Quirinale la firmi senza chiedere almeno un chiarimento al Parlamento per questioni legate alla costi- WOODCOCK “Così bloccano le indagini” di Vincenzo Iurillo Sono le 16:45 e sono trascorse quasi tre ore dall’inizio del convegno allestito dall’Ordine degli Avvocati su in- tercettazioni, tutela della privacy e diritto all’indagine, quando Henry John Woodcock prende la parola. Gli or- ganizzatorilofannoparlareperultimo.Ilpmdelleinchie- ste più scottanti non delude. Secondo Woodcock il ddl sulle intercettazioni in via di approvazione in Parlamento “èassolutamenteinadeguato,nonserveanulla,èdachiu- dere in un cassetto e buttare via la chiave, come sa anche chi lo sta scrivendo”. E spiega, a suo dire, il perché: “Non c’entra niente con la sua presunta finalità di tutela della privacy (che pronuncia correttamente ‘privasi’ e non ‘prai- vasi’: la parola non è un inglesismo, ndr)”. Lo scopo prin- cipale del ddl, secondo il sostituto procuratore di Napoli, è invece “quello di depotenziare l’ufficio del pubblico ministero.Chec’entranoconlaprivacylenormecheren- dono più complicato chiedere e ottenere i permessi per intercettare? Che c’entra l’istituzione di un giudice col- legiale al posto del Gip? Perché questa distinzione tra giu- dici di serie A, quelli del distretto, competenti a disporre le intercettazioni, e di serie B, quelli dei tribunali di pro- vincia? È un’invenzione che paralizzerà i piccoli tribuna- li”. Woodcock ha poi rilevato che l’udienza filtro finirà per “privilegiare i ricchi, i soli che potranno permettersi avvocati chiusi in caserma per giorni ad ascoltare dieci- mila telefonate. Inserire un elemento discriminante che può far sì che l’esito del processo possa dipendere dal portafoglio dell’imputato è una cosa che mi ripugna”. Le conclusioni del Woodcock pensiero: “Questo ddl è ine- mendabile e insanabile, quindi meglio che venga appro- vato così come è al più presto, perché per fortuna c’è il Capo dello Stato che può firmarlo o meno, e c’è la Corte Costituzionale che lo vaglierà”. In prima fila Il pm di Napoli Henry John Woodcock (ANSA)
  3. 3. Martedì 11 ottobre 2011 Il blocco degli straordinari disposto dal ministero per il personale amministrativo determinerà un “rallentamento delle indagini” e una riduzione dei tempi a disposizione degli avvocati per l’accesso alle segreterie dei pm e la consultazione degli atti depositati. Lo ha annunciato il procuratore di Napoli Giovandomenico Lepore. Anche il presidente del Tribunale, Carlo Alemi, ha messo l'accento sui problemi che gravano sull'amministrazione della giustizia. “Di questo passo – ha detto Alemi – non potremo più fare i processi. Non abbiamo personale, abbiamo 50 giudici in meno e non ho la possibilità di comporre i collegi. Non si può dire: ‘c’è la crisi LIRIO ABBATE Ecco perché ha pubblicato la raccomandazione di B. a Lavitola di non tornare “Sono pronto alla disobbedienza civile” Da Aldrovandi a Cucchi: “Avrebbero insabbiato le violenze”TUTTIPESTATIDAAGENTIINFEDELI,LEFAMIGLIEDENUNCIANO: “CONLASTRETTASULLEREGISTRAZIONISINASCONDONOGLIABUSI” sounappelloalCapodelloStato: “Siamo certi di trovare acco- glienzanellaSuamenteenelSuo cuore, nel chiederLe di evitare questoulterioreschiaffoallacul- tura, alla libertà e alla civiltà che rappresenterebbe l'adozione della così detta ‘legge bavaglio’! Lei è il primo difensore dei prin- cipi della Repubblica nata con la Resistenza e milioni di Italiani confidano in Lei”. I firmatari so- nogiàpiùdi130:peraderire,do- centi_preoccupati@yahoo.it. di Silvia D’Onghia N on possono lasciare da sole le famiglie”. Per Pa- trizia, Ilaria, Lucia e Do- menica quella contro il ddl intercettazioni non è solo una battaglia di democrazia in nome della libertà di stampa. È una battaglia di verità e di giu- stizia. “Perché se la legge fosse già stata in vigore, io non avrei maipotutofarmandareinonda il video che mostra le percosse subìte da mio padre”, ha spie- gato Domenica Ferrulli due giorni fa durante la trasmissio- ne “In mezzora” di Lucia An- nunziata. Una puntata che ve- devainstudiol’avvocatoGiulia Bongiorno (che ha tolto la sua firma dal ddl), e che ha fatto il 12,6percentodisharecondue milioni e 142 mila spettatori (un ottimo risultato per Rai3). In collegamento, invece, c’era- no loro: mamme, sorelle, figlie di persone uccise per mano dello Stato. Le stesse che la set- timana scorsa, quando è inizia- taladiscussioneinaula,sisono presentate sotto Montecitorio con le foto atroci dei quattro cadaveri. Per dire che il divieto di pubblicare foto, registrazio- ni o intercettazioni salva il pre- mier, ma uccide coloro che combattono per la giustizia. PATRIZIA MORETTI è la mamma di Federico Aldrovan- di, il 18enne pestato a morte il 25 settembre 2005 a Ferrara da quattro poliziotti, condannati inappelloatreanniemezzoper omicidiocolposo.Patriziaèsta- ta la prima a combattere una battaglia feroce contro l’omer- tà. Se non fosse stato per per il blog aggiornato giorno per giorno, per la foto del corpo di- laniato di suo figlio e per il co- raggio di alcuni giornalisti, la morte di Federico non avrebbe uncolpevole.“Quell’immagine eleconversazionitraipoliziotti sono state determinanti – rac- conta al Fatto –. In un caso di omicidio si può dire tutto e il contrarioditutto,mapoterpro- vare cosa è accaduto fa la diffe- renza.Noilottiamocontroi‘po- teri forti’, se non avessimo dalla nostra l’opinione pubblica sa- remmo completamente soli. E chi informa l’opinione pubbli- ca? La stampa. Nel mio caso sta- va per essere tutto archiviato. Chi vuole mettere il bavaglio ai giornalisti fa il proprio interes- se, non quello delle persone”. DOMENICA FERRULLI è la figlia di Michele, il facchino baresedi51annimortoilprimo luglio a Milano durante un fer- mo di polizia. Su richiesta del- l’avvocato Fabio Anselmo (che segue tutti e quattro i casi), il pm Gaetano Ruta ha acquisito da Mediaset il video girato con un iPhone che mostra le imma- gini del fermo. Nel filmato si sentono le voci di alcuni citta- dini romeni che potrebbero es- sere determinanti per lo svolgi- mento delle indagini. L’autop- sia ha evidenziato un trauma cranicoeunaseriedifrattureto- raciche forse determinate dal massaggio cardiaco, ma ora la Procura vuole vederci chiaro. “Mio padre non era un pregiu- dicato, come hanno provato a dire, e voleva continuare a vive- re – ha detto Domenica alla An- nunziata –. Io ringrazio la stam- pa e i giornali”. ILARIA CUCCHI è la sorella di Stefano, il geometra 31enne morto in ospedale a Roma il 22 ottobre 2009 dopo una settima- na di agonia dovuta a un pestag- gio.Sulbancodegliimputatiso- nofinititreagentipenitenziarie sei medici. Tra poche settima- ne, al Festival del Cinema di Ro- ma, verrà presentato fuori con- corso un documentario che, at- traverso una serie di testimo- nianze, racconta la vita di Stefa- no, quegli ultimi giorni e una fa- miglia che non ha mai cercato vendetta.“Sepassasselalegge– spiega Ilaria – la gente non sa- prebbe mai di reati molto più gravidellospacciodidroga,per cui mio fratello fu arrestato. La veritàèchevoglionofareinfret- ta per nascondere le loro vergo- gne. Le intercettazioni sono già regolamentate. Perchè non si occupanodicosepiùimportan- ti?”. LUCIA UVA è la sorella di Giuseppe, artigiano varesino di 43annimortoil14giugno2008 dopo un fermo dei carabinieri. A processo c’è solo un medico, accusato di aver somministrato a Giuseppe, ubriaco, un farma- co ansiolitico. “È stato scritto chemiofratelloeraaggressivo– commenta Lucia –, ma nelle re- gistrazioni si sentono i carabi- nieri parlare di una persona do- cile. Quando le ascolto io im- pazzisco, ma allo stesso tempo so che si tratta di una salvezza. La divulgazione dei nastri o del- le foto è l’unica speranza che ci è rimasta”. CONTRO I FUORILEGGE IN QUESTO STATO Stefano Cucchi Morto il 22 ottobre 2009 in ospedale a Roma, sei giorni dopo il suo arresto per droga (FOTO ANSA) Giuseppe Uva Morto il 14 giugno 2008 a Varese subito dopo un fermo dei carabinieri (FOTO ANSA) Federico Aldrovandi Ucciso a Ferrara nel 2005. Condannati in appello quattro poliziotti (FOTO MILESTONE) Michele Ferrulli Morto il primo luglio 2011 a Milano durante un fermo di polizia tuzionalità del testo (ex Artico- lo 21). Diverso per la prescri- zione breve, di fatto “un'amni- stia mascherata” che, secondo buone fonti del Pdl, Napolita- no potrebbe non vedere male per l'effetto che avrebbe sullo svuotamentodellecarcerichei Radicali invocano da tempo, seppurattraversolostrumento di una vera amnistia. Insomma, alla fine Napolitano la prescri- zionepotrebbeanchefirmarla. Ma per uno scopo “più alto”. di Chiara Paolin Le sue inchieste, scomode, l’han- no già costretto a vivere sotto scorta. L’idea di poter subire anche la privazione della libertà d’espres- sione fa sputare a Lirio Abbate, gior- nalista dell’Espresso e autore di libri sul malaffare nazionale dalla mafia in su, una frase che ogni cittadino vor- rebbe evitare: ho deciso di trasgre- dire la legge del mio Stato pur di conservare il rispetto verso la mia nazione. Non sarà eccessivo evocare il martirio civico e professionale? Andiamo subito al punto. Mi è ca- pitato di avere tra le mani l’intercet- tazione in cui il presidente del Con- siglio dice il famoso “resta dove sei” a un Valter Lavitola già allertato (gra- zie a Panorama) sul caso Tarantini. Precisiamo: intercettazione nota al- le parti, indagini chiuse, nessuna possibilità di danneggiare la giusti- zia. Se fosse stata vigente la norma ora in esame, avrei dovuto attendere le decisioni dei giudici nella fanto- matica udienza filtro o chissà quale altro passaggio tecnico prima di de- cidere con l’unico metro efficiente quanto indispensabile in questi casi: la coscienza di giornalista. Che le ha suggerito di pubblicare un dato penalmente non rilevan- te. Ma socialmente importantissimo. La gente avrà diritto di sapere come il premier consigli un fuggitivo coin- volto nelle indagini per prostituzio- ne sì o no? La stampa seleziona solo i brani pruriginosi. Non è colpa nostra se dobbiamo par- lare di bunga bunga. È troppo chiedere “il Waterga- te” alla politica italiana. Gli scandali non mancano, lavoria- mo su tutto quanto meriti l’impegno di professionisti seri. Ogni giorno gi- rano informazioni che non si pos- sono pubblicare perché si evidenzia il loro carattere di privacy. Si viene puniti cercando solo lo scandalo: dal pubblico, presso cui si perde cre- dibilità, e poi dagli organi compe- tenti, che emettono le loro senten- ze. Succede di rado. Quando uscirono i colloqui privati tra Ricucci e la moglie, alcuni col- leghi furono sanzionati dall’Ordine dei giornalisti. Che deve fare ora l’Odg? Schierarsi contro queste proposte, nessuna incertezza in un momento così difficile per il nostro Paese. Chiedo anche al sindacato unitario, l’Fnsi, massima chiarezza: non ci può essere mediazione tra le notizie e la pubblicazione se non il dovere di cronaca e il diritto alla libertà. Che diventa un bene prezioso, e pure co- stoso. I grandi gruppi editoriali possono permettersi le multe. E i piccoli no. Il web no. Ma anche i grandi rischiano di trovarsi davanti riassunti, schemini, sintesi. Si chia- mano veline, quelle dell’epoca fasci- sta. Per questo dico di essere pronto alla disobbedienza civile. E ci pen- serà la Corte dei diritti dell’uomo a tirarmi fuori dai guai, in caso. La mia coscienza, nel frattempo, mi terrà buona compagnia. Il cronista antimafia Lirio Abbate, impegnato nelle inchieste su Cosa Nostra, è stato più volte minacciato finanziaria’, perché nella Pubblica amministrazione ci sono comparti che devono essere tutelati come la sanità, l’istruzione, la sicurezza e la giustizia. Noi magistrati andremo tutti sotto procedimento disciplinare perché non riusciamo a fare giustizia. E ci saranno condanne della Corte europea”. A. Cost. Lepore: “Il blocco degli straordinari rallenterà le indagini” (FOTO EMBLEMA) Angelino Alfano (FOTO ANSA)
  4. 4. pagina 4 Arrivano tutti dalla Dc i dissidenti del Cavaliere Itre dell’Ave Maria, si dicono pronti a rimettere in moto il Pdl e la maggioranza di governo attraverso manovre che hanno a che vedere con la politica e il palazzo. È gente navigata, proveniente dalla Balena Bianca. Esperta di rimpasti e di governo. Claudio Scajola, figlio di Ferdinando, amico personale di De Gasperi, e segretario provinciale del partito a Imperia (di cui divenne anche sindaco) per due lustri, dalla fine della guerra sino al 1954, è il più “fresco”. Costretto per due volte a dimettersi da ministro, adesso prova a scollare i suoi colleghi di partito. L’altro cavaliere ha sede in Lombardia. Roberto Formigoni, estrazione ciellina, presidente della Regione in cui siede consigliere Nicole Minetti (che ha contribuito a eleggere essendo collegata attraverso un listino bloccato alla sua elezione), è l’altro congiurato. Segue con apprensione la vicenda anche Beppe Pisanu, democristiano di lunga data, esponente di quei “giovani turchi” che con Francesco Cossiga ribaltarono le sorti di un congresso sassarese loro avverso. Oggi, pare, voglia riprovare un’impresa del genere. I LAVORI SENZA PERMESSO UN’ALTRA CASA DA SOGNO PER SCAJOLA. QUESTA VOLTA ALL’INSAPUTA DEL COMUNE di Ferruccio Sansa Un’altra casa all’insaputa, ma stavolta del Comune. Claudio Scajolanonèfortunatoconilmat- tone:hacostruitouncampettodi calcio, uno spogliatoio nella sua splendida villa sulle alture di Im- peria. Peccato soltanto che non abbia chiesto il permesso. Non basta: la costruzione che gli è co- statasanzionipermigliaiadieuro èstatarealizzatapropriodalladit- ta del geometra Gianfranco Gag- gero. Sì, proprio il vicesindaco e assessorealleOperePubblichedi Imperia,ilComunecuidovevaes- sere richiesto il permesso. Per Scajola, che nelle sua Impe- ria viene ancora chiamato “u mi- nistru”, è la terza volta che il ce- mentonascondeunarogna.Cer- to,inpassatoglièandatapeggio: prima c’è stato l’appartamento con vista sul Colosseo, che, se- condo i pm, sarebbe stato paga- to dall’imprenditore Diego Ane- monecon80assegnicircolarida 12.500 euro. Parliamo della fa- mosa casa comprata, disse l’allo- ra ministro, “a sua insaputa”. La Procura di Roma l’ha indagato per violazione della legge sul fi- nanziamento illecito ai partiti. POI SULLA TESTA dell’ex mi- nistro è piovuta un’altra tegola che pochi ricordano: “u mini- stru” è ancora indagato per asso- ciazione a delinquere insieme con l’imprenditore Francesco Bellavista Caltagirone (uno dei patriotidellacordataAlitalia).Og- getto dell’inchiesta la costruzio- ne del mega-porticciolo di Impe- ria,un’operada140milionidieu- ro fortemente voluta da Scajola. Insomma, da un politico scafato COMPLOTTOALCOLOSSEOL’architetto di Forza Italia che dette del “rompicoglioni” a Marco Biagi è poco credibile come “congiurato” FINE IMPERO come l’ex ministro ci si sarebbe aspettato che si muovesse con i piedidipiombo.Einvecedueanni fahadecisodirealizzarenuoveco- struzioni nei terreni della sua villa da sogno: ecco allora il campetto perlepartitelleconamicieparen- ti, poi gli spogliatoi, quindi muret- ti a secco e qualche sentiero. Non un ecomostro, ma bisogna tener presente dove siamo: parliamo di una zona vincolata, uno degli an- goli più belli del Ponente ligure. E la villa di Scajola è una via di mezzotraun’abitazioneeunmo- numento:29stanzeaffacciatesul Golfo di Imperia, un complesso capacediospitarenel2002ilver- tice tra gli allora ministri dell’In- ternoitalianoefrancese,Claudio Scajola e Nicolas Sarkozy. Un edificio tanto semplice quan- toelegante,finitosullepaginepa- tinate dei magazine di mezza Ita- Azzoppato dalla vicenda dell’alloggio pagato dalla “cricca” di Anemone è di nuovo in pista lia, con le fotografie dell’allora ministro e della signora Maria Te- resa Verda ritratti in mezzo ai sa- loniscintillanti,nelparcoeinsel- la a moto d’epoca. Mentre i cro- nisti entusiasti scrivevano: “Più che il ministero dello Sviluppo economico avrebbero dovuto dargliquellodell’ambiente”.Sca- jola disse: “Da casa nostra si cat- tura tutta Imperia”, una frase che a qualcuno parve quasi un’allu- sione allo strapotere dell’allora ministro sul Ponente ligure. Ma qualcosa lo stesso mancava a quel paradiso. Così Scajola ha de- ciso di aggiungere l’impianto sportivo privato. Senza permes- so. Salvo poi “autodenunciarsi”. La pratica alla fine è arrivata sui tavoli della Sovrintendenza e del Comune. Così il 7 giugno la So- vrintendenza ha dichiarato la conformitàdelleopere,ma“umi- nistru” ha dovuto pagare 4.000 euro di sanzione (il massimo pre- visto). Poi la parola è passata al Comune, che ha concesso il per- messo dopo il pagamento di un’oblazione di 1.288 euro. Gio- vanni De Cicco, l’ingegnere che ha presentato il progetto assicu- ra:“Ilprogettoècompatibilecon le norme, sennò non ci avrebbe- ro dato il parere favorevole”. GAGGERO, vicesindaco e tito- lare dell’impresa che ha costrui- to,spiega:“Ètuttosecondolaleg- ge. In quella zona il piano rego- latoreprevedechesipossanoco- struire gli impianti che abbiamo realizzato”. Aggiunge: “Noi lavo- riamo da quindici anni per Scajo- la e sappiamo che lui ci tiene a rispettare la legge. È stato lui a in- sistere per pagare il massimo del- le sanzioni previste”. Gaggero è uomo di fiducia di Scajola. Gli è vicino anche Paolo Strescino, il sindaco. Sindaci, vicesindaci, membri del cda di banche e au- tostrade, “u ministru” nel Ponen- te è ancora monarca assoluto, in barba agli scandali romani e alle inchieste. Sanzione massimaper lacostruzione diuncampo dacalciocon spogliatoi annessi di Luca Telese L a voce dell’ex ministro era risuonatalimpidaegioviale nel mio auricolare: “Buon- giorno, Telese! Ma lo sa che lei è un bel figlio di puttana?”. E poi ecco la risata sonora – incon- fondibile – di Claudio Scajola. Di solito i giornalisti occultano questo lato non del tutto grade- voledellorolavoro,quelloincui si incassano le “lodi” per gli ar- ticolipubblicati.IosuScajola,su questo giornale, ne avevo scritti almeno 4 dotati di un contenuto per lui “sensibile”. Ognuno di questiavrebbepotutofarmigua- dagnare l’epiteto. Per esempio: eronellasededelministerodelle Attività produttive la mattina dell’indimenticabile conferenza stampa di dimissioni. Quel gior- no in cui aveva pronunciato la frase: “Se dovessi acclarare di abitare in una casa che è stata in partepagatadaaltri(...)imieile- gali eserciteranno le azioni ne- cessarie per l’annullamento del contratto di compravendita”. C’era da immaginarseli i legali di Scajola che inseguivano le ven- ditrici, le ormai celeberrime so- relle Papa, per convincerle a ri- prendersi l’appartamento con vista sul Colosseo. ADESSO Scajola sorrideva, e di- ceva cose inversamente propor- zionali alla gravitá delle parole cheavevaappenapronunciatosu di me: “Lei è un bel figlio di put- tana, davvero! E voi del Fatto mi avete levato la pelle, con un’ope- razione di chirurgica ferocia. Sa perchévirispetto,malgradotutte le terribili cose che avete detto e scritto di me, tra lei, Lillo e non parliamo nemmeno di Trava- glio?”. Scajola aveva già pronta una sua risposta. Ero tutt’orecchi ad ascoltarla: “Perché voi – aveva detto sicuro l’ex ministro – non avete secondi fini. E quando io le avrò spiegato tutto quello che ho trovatonellecarte,sareteproprio voideIlFattoariabilitarmidavanti all’opinionepubblica!Perchésie- tefiglidiputtana,certo,maanche intelligenti. E soprattutto, al con- trario di altri, privi di secondi fini e onesti”. Nei giorni in cui avveniva questa conversazione Scajola stava tor- nando in campo per la terza (o quarta volta) in vita sua, con l’in- dimenticabile associazione Cri- stoforo Colombo. Sembrava eu- forico. Se svelerò il piccolo retro- scena di quella telefonata, dun- que, è perché da quando i gior- nali scrivono che sarà proprio lui – Scajola – il Dino Grandi del ber- lusconismo, l’uomo che propi- zierà il cambio di regime, quelle parolechemieroappuntatoriac- cendono la mia inquietudine. DI SICURO, quello di cui Scajo- lasieraconvintoinquelleore,haa chefareconquellochestafacendo oggi. E quindi devo trascrivere an- che il tono di spavalderia con cui ripeteva:“Iohopassatomesisenza dormire. Ho riletto ogni singola cartadiquell’inchiesta,eogginon hoalcundubbio:qualcunohapro- vato a fregarmi!!”. Percompletareilquadro,bisogna dire che Luigi Crespi, il sondaggi- stachefuildemiurgodiSilvioBer- lusconi, oggi fa anche il suo con- sulente per l’immagine (mestieri che bisognerebbe indagare me- glio). Da Mara Carfagna a Gian- franco Fini, a Stefania Prestigiaco- mo,aLinoMicciché,metàdelPar- lamento è (o è stato) nel suo por- tafogli. E il cliente più complesso l’avevoscopertoprimadell’estate quando Crespi – cui certo non di- fetta il senso del teatro – mi aveva dettoaltelefono:“Tipassounami- co, eh eh...”. Scajola, appunto. Quella mattina gli avevo chiesto come poteva pensare che qualcu- no avesse potuto mettere in piedi una macchinazione tanto compli- cata solo per colpire lui. E Scajola aveva risposto: “Questo deve dir- melo lei! Ma sta di fatto che se nemmeno i magistrati hanno rite- nuto di dover indagare...”. Evidentemente in quei giorni il deputato del Pdl era convinto che non sarebbe stato rinviato a giudi- zio(comeinveceèaccaduto,nem- menounmesefa)perlacasadivia del Fagutale. E così mi bombarda- va con i suoi rovelli: “Ma si rende conto? I soldi sarebbero stati affi- dati a un corriere che in passato aveva truffato il suo padrone? Per fare l’operazione avrebbero usato assegni circolari? Le sorelle Papa nonhannodettomaidiaveravuto isoldidame?”.Aquelpuntoloave- vointerrotto:“Mascusi,leinegao no che quei 900 mila euro siano finitidentroilrogitodelsuoappar- tamento?”.Aquestopuntol’exmi- nistro aveva fatto una pausa: “Mi crede se le dico sul mio onore che quei soldi io non li ho mai visti?”. Allora gli avevo detto: “Però lei sa bene che c’erano. Quindi l’unica possibilità sarebbe che lei è stato vittima di un gigantesco complot- to”. Lo dicevo per schiacciare l’ex ministrosuun’ipotesiparadossale e assurda. E invece di nuovo Sca- jola era rimasto per un attimo in silenzio: “Questa parola la sta usandolei.Maguardicheèlostes- so dubbio che attanaglia me! Si chiedaperòachièconvenutofare fuori un ministro dell’Interno co- me il sottoscritto!”. Avevo chiesto a Scajola se stava provando a con- vincermi che il caso della sua casa alColosseofosseuncomplottoor- ditonelcentrodestra.Luiaquesto puntoavevadismessolamaschera deldemocristianoridanciano,per indossare quella dello statista cor- rucciato: “Mi creda. È la stessa do- manda che mi sto facendo io”. ADESSO,nelleoreincuimoltia sinistrasonoprontiadammazzare il vitello grasso pur di conquistare un voto contro Berlusconi, biso- gnanondimenticarecheScajolaè stato l’architetto di Forza Italia, il ministro dell’Interno che si vanta- vadiaverdatodisposizionedispa- rareaGenova(“fuicostrettoadare l’ordine di sparare se avessero su- perato la zona rossa”), che è dav- vero la stessa persona che aveva definito una vittima delle Br come MarcoBiagi“unrompicoglioni”.E che è anche il principale benefi- ciario, come ha dimostrato una bella inchiesta di Corrado Formi- gli, della tratta Albenga-Roma, isti- tuita purtroppo a nostra insaputa, sovvenzionata con denaro pubbli- co ed efficacemente ribattezzata “Scajola Airlines” per l’indubbio servizioresoall’alloraministroim- periese. Il giorno delle dimissioni Mattia Feltri, disse di lui: “Correva un grande rischio. E ha preferito passare per imbecille piuttosto che per ladro. Dopotutto è peg- gio”. Io invece mi sono convinto che forse c’è una possibilità che Scajola abbia ottenuto davvero quella casa come una regalia, e senza averne piena contezza. Sa- rebbe un caso incredibile. Ma se Scajoladovesserisultarepiùimbe- cille che ladro non sarebbe un buon viatico per la politica italia- na. di Lidia Ravera IlGiornaleavvisa i“diversamentemilitanti” SOTTO IL TITOLO “Il futuro della maggioranza”, “Il Giornale” impagina quattro fotografie: Alfano, i capelli ulteriormente diradati dallo stress, fa ciao con la manina sotto un virgolettato da cane fedele (“impossibile accantonare Silvio”). Bondi sorride a bocca chiusa, dal tondo posto a ornamento della sua lapide e ammonisce: “Solo il presidente del Consiglio può proporre al Paese pochi e qualificati provvedimenti in grado di rilanciare lo sviluppo” (oh, yes!) ed è così contento di essere stato intervistato che sembra vivo. A fondo pagina, sotto la didascalia “Diversamente militanti”, si stagliano le schede segnaletiche dei reprobi: l’ingrato Formigoni, perplesso e rugoso e il periclitante Scajola, col dorso della mano a chiudersi la bocca da solo. Né nell’intervista a Bondi, né nel discorso di Angelino si riscontrano tracce di pensiero politico. È la composizione della pagina che illumina sullo stato di salute della compagine di governo: agonizzante e divisa. In lotta per la sopravvivenza.
  5. 5. Martedì 11 ottobre 2011 Un’inchiesta di 12 minuti trasmessa dalla televisione olandese Nieuwsuur fa dell’Italia un ritratto da ultimo impero. Largo spazio alle manifestazioni contro il governo, da Sel a piazza Navona fino al Teatro Valle “occupato per i tagli alla cultura”. E poi una serie di interviste eccellenti. Partendo dall’economista Massimo Messori, che commenta la lettera di Trichet e Draghi: “Il governo ha negato la crisi e non ha corretto il debito pubblico – spiega l’economista – che sommato all’incapacità di esprimere una politica per la crescita non rende possibile un progetto di sviluppo”. Poi tocca all’ex presidente del Consiglio, Romano Prodi, che definisce l’Italia “una nave in un mare in tempesta”. Poi si passa alle inchieste di Berlusconi, allo scoop del Fatto sul crocifisso, ai pareri dei cattolici in crisi con la premiership del paese e infine tocca a Giuliano Ferrara: “Voi siete calvinisti, e pensate che il mondo sia trasparente. Ma l’Italia è rimasta cattolica nonostante Calvino e Lutero, e i cattolici hanno sempre qualcosa da nascondere, soprattutto nella loro vita privata”. I mal di pancia Pdl stanno guarendo FRONDISTI PRONTI ALLA RESA PER UN SEGGIO FINE IMPERO IlPdchiedegovernotecnico.Bersanino L’IDEA DI VELTRONI SEDUCE ANCHE LETTA. E RENZI ANNUNCIA IL SUO “BIG BANG” La crisi italiana va in onda sulla tv olandese “Nieuwsuur” MAGLIE e la gnocca con deficit di dignità La nota esperta di rimborsi Rai Maria Giovanna Maglie, domenicascorsasuLibero,hascaricatosulFattounaserie diinsultiridicoli:“Manettaricheodianoledonne”,poi“mi- sogini, ipocriti, rancorosi, invidiosi”. In pratica, per noi “le donne sono tutte puttane”. C’è pure l’accusa di fare una “lista di proscrizione”, ancora più risibile perché prove- niente da un quotidiano che in passato le ha fatte davvero (l’ultima,quelladeifinianitraditoriinprimapagina).Asca- tenarelafuriadellaMaglieèstatol’elencodi“ForzaGnocca ègiàqui”conlebiografiedi25berlusconianeimpegnatein politicaoselezionateperunacandidatura.Ignoriamoimo- tivi per cui all’esperta di rimborsi Rai piaccia così tanto il metodo del velinismo per fare politica nel Pdl, ma sarebbe stato meglio se avesse risposto nel merito dei casi da noi segnalati.TipolafrasedellaFaggioliallaMinetti,“Facciamo come la Carfagna”, oppure gli insulti di Bisignani della P4 alla Brambilla. Buttarla in una polemica di genere è stru- mentale e surreale. Su un punto però vogliamo rassicurare la Maglie. Non si tratta di imporre una nuova morale, ma di dignità. Come in quel bellissimo cartello alla prima mani- festazionedi“Senonoraquando”:“Ladignitàdelledonneè ladignitàdiunanazione”.Difficilecomprenderloperchila dignità magari l’ha messa a disposizione di una parte. fd’e Ma dopo lo scandalo dell’apparta- mento vista Colosseo, dopo l’in- chiesta sul porto, perché costrui- re senza permesso e pagare 5.200 euro?“Daquestepartilofannotut- ti”, dice una persona vicina a Sca- jola. Ma da un esponente politico dispiccononcisipotrebbeaspet- tare di più? “Scajola ha sanato la si- tuazione pagando perfino la san- zione”. Ma c’è chi dà una versione diversa: “La trafila prevista dalla legge richiede tempo. E magari imponevariazionialprogetto.Più semplice costruire senza permes- so e poi metterci una pezza”. di Wanda Marra Governo tecnico o d’emergenza, che dir si voglia, sì, voto subito no. Tutti d’accordonelPd,tranneilsegretarioPier Luigi Bersani (e pochi altri). A “dettare la linea” è un’iniziativa organizzata ieri da Modem,lacomponentediWalterVeltro- ni, dove sul palco però non salgono solo gli uomini dell’ex sindaco di Roma, ma anchepesimassimidelpartito.“Situazio- ne di emergenza, governo di emergen- za”, comincia Paolo Gentiloni, introdu- cendol’incontro.LosegueDarioFrance- schini,illeaderdiAreaDemocratica,con una leggera variante: “Governo d’emer- genzaentroNatale,senosivota”.Ancora più netto Enrico Letta, che dei Democra- ticièilvicesegretario:“Serveungoverno di tregua”. Gongola evidentemente Bep- pe Fioroni, pure lui pezzo grosso dei Mo- dem, mentre parla di un “governo di uni- tànazionale”,esottolineal’indispensabi- lità dei cattolici. Alle grandi manovre nel centrodestra fanno da specchio quelle nelPd.ChiudeVeltronidapadronedica- sa, ribadendo che un governo tecnico è necessario, perché andare al voto ora sa- rebbe una strada certa “per l’ingoverna- bilità”. Ma non dice solo questo: “Il lea- der è quello che è in grado di capire le cose prima del tempo”, afferma, riven- dicando le battaglie fatte dalla sua mino- ranza.Però,no,percarità“nonfaròaBer- sani quello che è stato fatto a me”. Che la leadership del segretario non sia in di- scussione lo declamano tutti, senza esi- tazioni. Nella variante Franceschini, “ba- sta logorare il leader” e in quella Fioroni “non siamo qui per dire Bersani a casa”. Però, sembra tanto la classica “excusatio nonpetita”(accusatiomanifesta).Anche perché è abbastanza chiaro che se si an- dasse a votare subito la candidatura di Bersaniapremiersarebbepiùomenoob- bligata,masulledistanzemedieolunghe ètuttaun’altrastoria.Veltroninonrispar- mia neanche indicazioni ad altri. “Bene i giovani, ma aprano porte e finestre”. E poi, la battuta: “Sono giovani, ma alcuni di loro li conosco da 30 anni”. E il rife- rimento è evidentemente a Nicola Zin- garetti,chesarebbe(seluiaccettasse,pe- rò) il candidato di punta dei T/q (tren- ta-quarantenni) che si riuniscono dome- nica a L’Aquila. Dunque il placet di Vel- troni va alle iniziative delle prossime set- timane: a quella di Serracchiani a Civati che il 22 e il 23 si vedono a Bologna e soprattutto a quella di Matteo Renzi, le cui ambizioni da leader non sono un se- greto per nessuno, che proprio ieri ha lanciato la sua kermesse dal 28 al 30 ot- tobre a Firenze promettendo “un big bang” di una nuova fase. Non un’investi- tura, ma un’attenzione che è già emersa nelle scorse settimane. Alla fine della giornata arriva pure la benedizione di Massimo D’Alema: “Se qualcuno ritiene che si possa aprire una fase politica nuo- va,vengaalloscopertoesiprendalepro- prie responsabilità”. di Fabrizio d’Esposito S abato notte a Saint Vin- cent, alla lunga tavolata dopo il convegno neode- mocristiano del ministro Gianfranco Rotondi, una cini- ca battuta ha fatto sorridere la maggioranza dei presenti: “Chissà forse ci ritroveremo ScajolavicesegretariodelPdl”. L’ennesima conferma ai so- spetti che circolano sui frondi- sti del tandem democristiano composto dai due ex ministri dell’Interno, Pisanu e Scajola. Arriveranno allo strappo deci- sivooppureèsolounaquestio- ne di posti e di ricandidature per la prossima legislatura? E qual è la vera consistenza, al- l’interno del Pdl, delle truppe in campo contro il premier? Il tormentone è destinato a du- rarealmenounpaiodisettima- ne. Fino a quando, cioè, pren- derà forma quel decreto svi- luppo che dovrebbe costituire il terreno su cui rompere e mandare a casa Berlusconi, al- meno nei piani dei più ostinati tra i malpancisti scajoliani. Nel frattempo è ricominciata la guerra dei numeri come già al- la vigilia della fiducia del 14 di- cembre scorso, quando i Re- sponsabili di Scilipoti sostitui- ronoiribellifinianiesalvarono il governo. Sulla carta i parla- mentari della fondazione sca- jolianaCristoforoColomboso- no 37 tra deputati e senatori. Alla cena della settimana scor- sa,quandoèpartitoiltrenodel dissenso, erano però venti in meno: 17. In quanti resteran- noincasodirottura,contando che l’apporto di Pisanu è dav- vero minimo, ossia non più di due o tre senatori? IL PRESSING in atto in que- ste ore fornisce alcuni indizi preziosi. E si scopre che alme- no in dieci, se non dodici, po- trebbero cedere a un ritorno al- l’ovile dietro la garanzia di un seggio sicuro con il Porcellum alle prossime politiche. È que- sto il quadro rassicurante che i vertici del Pdl, a partire dal triumviro-sherpaDenisVerdini (sempre all’opera), avrebbero prospettato al Cavaliere. Non solo. Ai frondisti, sempre in te- ma di ricandidature, sarebbero arrivati segnali negativi dal- l’Udc. Al punto che uno dei po- tenziali congiurati si lascia scappare off the record: “Se fac- ciamocadereBerlusconiabbia- mo da guadagnarci solo una soddisfazione morale e basta. Unpo’poco”.Nonsolo:inque- ste ore i più scettici sono i fe- delissimi di Scajola rimasti alla finestra, circa una ventina: nes- suno di loro crede nell’affondo finale. Ancheperquesto,allora,lema- novre per il trappolone demo- cristiano (a detta di qualche scajoliano prudente “forse troppo sopravvalutate dalla stampa dei poteri forti che vuo- le mandare il premier a casa a tutti i costi”) avrebbero subìto una brusca frenata. Innanzitut- to non ci sarà una nuova cena. Prevista per stasera o al più tar- di domani è stata smentita dalla cerchia dell’ex ministro. Dice un senatore vicino a lui: “Non sono stato avvisato. E se non vengo invitato io dubito seria- mentechesifaccia”.Nientece- na. Niente documento, poi, su cui far confluire le firme parla- mentari per la “scossa” alla maggioranza. Continuano i malpancisti: “Il documento non esiste ancora. Per il mo- mento ci sono una serie di ap- punti per riflettere”. Ma a dare il senso della ritrovata cautela dei frondisti sarebbe una lette- rariservatachelostessoScajola avrebbe mandato a Berlusconi. Nellamissivasarebbemessane- ra su bianco anche l’ipotesi di un Berlusconi-bis come possi- bile gesto di discontinuità. Una richiesta che indebolirebbe an- cora di più la sponda centrista di Casini. E così già oggi Scajola potrebbe incontrare il segreta- rioAlfano,cheasuavoltaieriha visto Berlusconi. Due i temi a rischio: da un lato la fronda de- mocristiana, dall’altro il partito del condono contro Tremonti. NEL COLLOQUIO con Alfa- no, il capo dei ribelli dc potreb- be anche spostare il tiro dal go- verno al Pdl. Del resto, le sue richieste incrociano il rilancio chiesto dal governatore lom- bardo Formigoni e dal sindaco di Roma Alemanno. Dietro lo scudodella“maggiorecollegia- lità”, Scajola potrebbe puntare a un ruolo di primo piano nella gestioneAlfano.Unamossaper iniziare a bilanciare il peso di Verdini nella scelta delle candi- datureperleelezionipolitiche. Il problema esiste ed è attualis- simo. Come nota un ministro lontano dai microfoni: “Se an- diamoavotarenel2012perdia- mo meglio. Nel 2013 sarebbe peggio”. Una questione di seg- gi, appunto. L’exministro alleAttività produttive hascritto alpremier perscongiurare rotture La mancanza di garanzie dall’Udc avrebbe convinto gli scissionisti a rinunciare La villa a Imperia dove Scajola ha fatto costruire un campo da calcio L’ex ministro Claudio Scajola gonfia un palloncino del Pdl (FOTO EMBLEMA)
  6. 6. pagina 6 Martedì 11 ottobre 2011 Chi è Maurilio Canton il “raccomandato” del Senatùr Maurilio Canton fino a sabato scorso era un perfetto sconosciuto anche nella Lega di Varese. Bossiano, estimatore del cerchio magico, il 44enne sindaco di Cadrezzate, un comune di 1.779 anime affacciato sull’anonimo lago di Monate, è stato “incoronato” segretario provinciale da Umberto Bossi contro il volere di buona parte dei delegati al congresso di Varese. Del resto Canton non è mai neanche stato candidato con la Lega Nord. Le due elezioni in cui ha conquistato la poltrona di primo cittadino, infatti, lo hanno visto correre con una lista civica e senza il simbolo del Carroccio. Consigliere comunale dal 1999, si è conquistato la fiducia del Senatùr quando gli ha consegnato il “libretto verde”, una sorta di vademecum del perfetto leghista scritto di suo pugno. Una “dispensa della scuola quadri della circoscrizione leghista numero 4 della provincia di Varese”, quella dei laghi. Ripercorre il Bossi pensiero e il Capo se n’è talmente invaghito da aiutare Canton a insegnarlo nelle scuole. Padane, ovviamente. A iniziare da Cazzago Brabbia, dando vita a una sorta di Frattocchie del Carroccio. da. ve. GIÙ AL NORD SECESSIONE IN PADANIAL’imposizione di un fedelissimo di Bossi a Varese fa esplodere la protesta e spacca in due il Carroccio IL PERSONAGGIO Da TelePadania all’Arena di Giletti Camilla si fa strada in Rai di Davide Vecchi Q ui la Lega di Bossi è nata e quiBossil’hacondannataa morte”. A Varese, nella se- de numero uno del Carroc- cio,itelefonisquillanoavuoto.I militanti che fino a domenica per vent’anni hanno tenuto in vita il partito, dalle feste ai co- mizi, cominciano a disertare. “É la reazione naturale al Soviet, al madornale errore commesso dal Capo”, spiega con assoluta disinvoltura Giulio Moroni, ca- pogruppo del Carroccio in Co- mune a Varese. Parole che nel Carroccio garantiscono l’imme- diata espulsione. Lui lo sa, ma garantisce: “Non mi interessa. Perché “se non cambiamo qual- cosa,lanostraLegaèdestinataa morire”. Come lui la pensano i vertici locali del partito e, so- prattutto, i militanti, la famosa base. Quella che da mesi critica il Capo perché continua a soste- nere Silvio Berlusconi. La base che vuole Roberto Maroni lea- der: lo ha chiesto a Pontida, gri- dato a Venezia e ribadito in ogni occasione utile. Per questo il congresso di Varese era un pas- saggio cruciale. “Qui l’unico di- rigente che la gente salva è Ma- roni”.Edomenicaicircatrecen- to delegati al congresso per eleggere il segretario provincia- levolevanoesprimereillorovo- to “proprio per contarsi”, pro- segueMoroni.“EinveceBossilo ha vietato. Prima ha costretto uno dei due candidati a ritirarsi, poi ha preteso la nomina per ac- clamazione dello sconosciuto Canton, infine lo ha imposto tra le grida dei presenti”, ricostrui- sce Moroni. “Una prova di forza inutile e controproducente, Va- rese ora si aggiunge ai territori che non sono più con Bossi”. Bergamo, ad esempio. E ormai tuttoilVeneto.ABellunolascor- sa estate il Senatùr è stato co- stretto ad annullare i comizi per evitare le contestazioni dei diri- gentilocalidelCarroccio,come a Ponte di Legno. Mentre a Ve- rona ancora non è riuscito a far cacciare dal partito il sindaco Flavio Tosi, additato da Roberto Calderoli e dal cerchio magico allastreguadiunsovversivo.Lui resiste. Mentre il primo cittadi- no di Varese, il supermaroniano Attilio Fontana, è caduto sul campo colpevole di essersi schierato contro i tagli del go- verno agli enti locali e costretto al silenzio. Il suo commento su quanto accaduto domenica è emblematico del clima di terro- re che il cerchio magico sta cer- cando di diffondere nel partito: “Ufficialmente dico è andato tuttomoltobene,laLegaèunita come sempre”. Dichiarazione che stride talmente con la realtà da dover essere letta al contra- rio. Ma a Fontana è stato impo- sto il Bavaglio, che negli ultimi mesi via Bellerio usa con estre- ma disinvoltura. I FORUM DEI SITI ufficiali del partito sono chiusi ormai da Aprile, mentre ieri a Radio Pada- nia,perlaprimavoltanellastoria dell'emittente del Carroccio, è stato messo il silenziatore anche ai microfoni: vietato parlare del- la nomina di Maurilio Canton. Un perfetto sconosciuto al par- tito. É stato eletto sindaco di Ca- drezzateinunalistacivica,senza neanche il simbolo della Lega. Mai striscione è stato più vero di quello esposto ieri davanti alla sede provinciale del Carroccio: “Cantonsegretariodichi?Dines- suno”. Lo conferma anche Gia- nluigi Lazzarini, 66enne tessera numero quattro del partito qui a Varese. Uno che ha cresciuto Bossi e Manuela Marrone, che qui è stata iscritta fino al 2010. Insomma Lazzarini, oggi maro- niano moderato e convinto cri- ticodelcerchiomagico,l'univer- so leghista lo conosce bene. Ma non Canton. “Non so neanche che faccia abbia”, ammette. “Quando lo hanno candidato ho chiesto da dove usciva, chi era; mi hanno risposto che era nel partito da vent’anni. Sarà, io ci sono da vent’anni e non l’ho mai visto, si vede che sono distratto io”, afferma Lazzarini. L’ha visto domenica per la prima volta e “non mi è piaciuto perché non ha neanche avuto le palle di sa- lire sul palco a parlare”. Alle agenziehainvecedettodiessere stato scelto da Bossi. “Ed è la ve- rità infatti”, aggiunge Lazzarini. Canton “s'è preso la nomina ed è scappato dal congresso, per me non ha alcuna referenza per fare ilsegretarioprovinciale”.Dome- nica“èstatobrutto,laLeganonè questa.Èassurdo,siamoridottia lottare per avere un minimo di li- bertà nel partito. Adesso abbia- mo idee bellicose, quindi aspet- tiamo un paio di giorni per ana- lizzare quanto accaduto, oggi sa- rebbe guerra”. Contro Bossi, ov- viamente. Che secondo Lazzari- ni “ha usato parole non sue ed è stato consigliato male”. Lui, da vecchio militante, il Capo non riesce ancora a criticarlo. Se la prende con Rosi Mauro, Marco Reguzzoni, Giancarlo Giorgetti. Con quanti, “e lo dico con estre- mo e profondo dispiacere, lo stanno usando”. LA CONSEGUENZA, anche secondoLazzarini,“saràlamorte della nostra Lega, i militanti non hanno più voglia di impegnarsi, siamostanchieaspettiamo”.Ma- roni? “Certo, sì”, ammette. Per- chéquiènatalaLegavent’annifa e qui è nata la corrente maronia- na.Eral’estatedel2010.Quando inpiazzadelPodestàMaronipas- seggiò sottobraccio ad Andrea Mascetti, il fondatore di Terra In- subre cacciato il giorno prima da Bossiduranteilcomiziosulsacro prato di Pontida. Divieto di parlare in radio e sui forum Anche i militanti veneti sono sul piede di guerra La battaglia di Varese è scoppiata dopo l’elezione per acclamazione di Maurilio Canton (nella foto al centro tra la vicepresidente del Senato Rosi Mauro e il padre padrone del partito Umberto Bossi) a segretario provinciale della Lega. Ieri uno striscione “Canton segretario di nessuno” è stato posizionato fuori della sede del Carroccio dove è avvenuta l’elezione. A destra, l’uomo forte del partito a Varese, il ministro dell’Interno Roberto Maroni. (FOTO ANSA) di Chiara Paolin Tutto è iniziato ai primi di ot- tobre su TelePadania, quando unabiondaconduttricecontanto di orecchini verdissimi piazzò sul- la scrivania tre scatolotti cantile- nando:“Ognimattinaunpadano sisvegliaesachealdilàdellasua volontà deve fare tre cose: lavo- rare, pagare le tasse e fare la rac- colta differenziata. Giggino, noi sappiamo che nonostante San Gennaro la rivoluzione culturale che sei chiamato a compiere a Napoli è un compito davvero dif- ficile.Quindinoivogliamoaiutarti e vogliamo inviarti questo video che tu potrai girare ai tuoi citta- dini per spiegare quanto sia ele- mentare fare la raccolta differen- ziata, anche perché sappiamo che hai poco tempo dati i tuoi in- numerevoli impegni istituzionali che ti portano spesso anche oltre la Manica a seguire la tua squa- dra del cuore”. Giggino era Luigi De Magistris, il guaio era che alcune indicazioni si sono rilevate gravemente erro- nee: alluminio e carta mescolati, cartone della pizza infilato nel box sbagliato, il tutto con aria saccente. Perfetto pasticcio da salotto tivù, che lo scaltro Mas- simo Giletti ha ben montato nella prima puntata della sua Arena per lanciare la “Domenica In” edizione2011/2012:cosadivide il Nord dal Sud? A rispondere, un parterredilussoconigovernatori CotaeCaldoro,FrancescoRutelli, Debora Serracchiani, Gian Anto- nio Stella, Mario Sechi, Stefano Zecchi,MariaGiovannaMagliee la famosa biondina, Camilla Va- naria. Che anche lì ha avuto mo- do di illustrare il verbo padano, benché sommersa dalle voci as- sai caotiche del gruppo. “Ma era solounoscherzo,unironicoinvito a trovare soluzioni nuove al pro- blema dell’immondizia – assicu- ra il direttore di Telepadania, Au- rora Lussana –. Camilla ha rice- vuto minacce di morte per quella trasmissione. Che, tra l’altro, si chiama “I Polentoni”: chiaro che stavamo scherzando, o no?”. Tommaso Sodano, assessore al- l’ambiente di Napoli, non ride: “I polentoni della Lega dovrebbero vergognarsi delle migliaia di ton- nellatedirifiutitossicienociviche hanno inquinato le nostre terre e le nostre acque”. Ma chez Giletti il preconcetto passa soprattutto dalle voci fuoricampo: quando si racconta del falso invalido di Ca- serta scatta l’oh collettivo, ma se compare lo studente padovano nullatenente con Porsche d’ordi- nanza sfugge un sonoro ‘embè?’. “SempremegliocheDomenica5, lìc’erailGf–concludeLussana–. Ecomunquelaplateapopolareci interessa molto, specie ora che la base ribolle”. E va mescolata, co- me la polenta, col solito vecchio mestolone. di Pino Corrias Ben scavato, vecchia Manuela A DISPETTO DI TUTTI i satanassi del dio Po, Manuela Marrone, in arte signora Bossi, siciliana, sta riuscendo dove hanno fallito le opposizioni e persino tutti i festeggiamenti dell’Unità d’Italia: riunificare il Nord al Sud e finalmente dissolvere la Lega. Trasformandola in un più tradizionale (e commestibile) clan familiare. Omogeneo ai modelli che dagli aranceti di Palermo fino alle piantagioni di partite Iva del Veneto, ha innervato la storia politica italiana in una unità di intenti e di bottino a cui il cattolicesimo ha fatto volentieri da fondale. E qualche volta anche da alibi, come nei territori del beneventano, dove in tempi anche recenti regnava una certa famiglia di Ceppaloni, non ancora ristretta dagli ordini di custodia cautelare. Sola soletta Manuela scava la sua voragine patriottica. E dall’ombra della sua cucina guida al naufragio il pater familias che ormai regna con la sola efficacia del dito medio, disdice candidati, annulla votazioni, impone l’ostensione del figlio e a Varese mette in fuga addirittura Bobo Maroni, ministro della forza, in realtà malinconico leader della debolezza. Un giro elettorale ancora e anche lei fischierà con noi l’allegro inno di Mameli.
  7. 7. Martedì 11 ottobre 2011 pagina 7 Il governatore Lombardo chiede 100 milioni di danni a Minzolini Ilegali del presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo hanno avviato la procedura per l’atto di citazione in giudizio civile contro il direttore del Tg1 Augusto Minzolini. Nell’atto di citazione a giudizio i legali proporranno un risarcimento per danni morali e materiali pari a 100 milioni di euro. “Dopo l’ennesima puntata contro la Sicilia e contro il governo della Sicilia – spiega Lombardo – è il momento di affidare alla magistratura il compito di stabilire l’entità dei danni morali e materiali causati da una campagna denigratoria che non ha nulla a che vedere con il sacrosanto diritto d’informazione”. Tra i documenti che lo staff legale del presidente della Regione siciliana produrrà a sostegno dell’atto di citazione contro Minzolini saranno presentati anche ampi stralci del “Libro Bianco del Tg1”, documento realizzato dal Comitato di redazione del telegiornale di Rai 1. Da quelle note si evince, sostengono i legali, che quella del Tg1 è stata una vera e propria “campagna contro” Lombardo. In serata arriva la replica di Minzolini: “Non ci intimidisce. Il Tg1 ha fatto cronaca”. C’È TANTA VOGLIA DI COMIZI D’AMOREIn 48 ore la sottoscrizione supera 210 mila euro soltanto con il paypal Michele Santoro (FOTO ANSA) SENZA BAVAGLIO I l primo è un passo lungo. La raccolta fondi per Comi- zi d'amore, iniziata sabato con il lancio del sito Servi- zio Pubblico (che conta già 500milacontatti),superai200 mila euro in 48 ore, esattamen- te 210 mila soltanto con accre- diti paypal, al conteggio man- canoiversamentidialmeno10 euro ciascuno con banco po- sta o bonifici bancari. La mar- cia che porta al debutto di gio- vedì3novembreècominciata, mentre arrivano nuove adesio- ni, Michele Santoro a Padova ha fissato i suoi obiettivi: “Fare unmilioneemezzoditelespet- tatoriconquestasituazionesa- rebbe un successo. Si tratta di unmilioneemezzodipersone che alla fine ti vengono a cer- care. Se tu dimostri che questa cosa sta in piedi anche econo- micamente – ha detto domeni- ca al Festival delle Parole – ci si può cominciare a convincere che non è il canale a fare il pro- gramma ma viceversa: è il pro- gramma che fa il canale. E que- stolopossonocominciareaca- pireancheimieicolleghi.D’al- tronde Rai per una notte è stata vista su Youtube da 800 mila personeinduegiorni”.APado- va il giornalista ha annunciato che Comizi d'amore, sostenuto dal Fatto Quotidiano, verrà tra- smessoanchedaSkysulcanale eventi 504 e dunque anche sul mosaico di Sky Tg 24: “Poi per chi non ha Sky c'è sempre In- ternetelaretedelletelevisioni di digitale terrestre: più siamo più avremo la possibilità di portare a termine questa im- presa di serie A”. C'è mobilita- zione a Sky per ospitare il pro- gramma di Santoro, un esperi- mento di programma politico ed'attualitàinprimaseratache si scontra con i palinsesti dei canali generalisti. Il direttore Sarah Varetto ha diffuso un co- municato per dare il benvenu- to a Santoro: “Siamo lieti di tra- smettere la sua nuova trasmis- sione”. Con lo sbarco sul satel- lite si completa l'integrazione fra i tre mezzi per guardare Co- mizi d'Amore insieme con Inter- net e il digitale terrestre. L'i- deatore di Samarcanda e Anno- zero ha parlato anche del vasto circuito di emittenti private che contribuirà a creare l'ete- rogenea platea di Comizi d'Amo- re. La copertura sarà capillare daNordaSud,isolecomprese, per il momento la lista conta 23 televisioni fra chi ha già tro- vatol'accordoelepocheanco- ra in trattativa. Ci sono, per esempio, Telelombardia, An- tenna 3, Rtv38, Primocanale, Videogruppo e Telecapri. Poi Santorohasvelatoleambizioni delsuoprogettoeditoriale:“La primapuntatalafacciamoaCi- necittà,nelcuorediquellache è l’industria più importante di Roma.Senoisaremointantial- la fine di questo anno rappre- senteremo una enorme lobby democratica ad esempio per dirigerelaRai.Qualcunomiha accusato come Libero e Il Gior- nale di chiedere l’elemosina – replica – mi sto muovendo per fare una cosa che scassa come direbbe Luigi De Magistris”. C.T. REPORTtime GabanellisuCorriere.it Il sito del Corriere lancia le inchieste pensate esclu- sivamente per il web. È ReporTime.it, affidato al team di Report, la trasmissione di Milena Gabanelli. “É un esperimento in cui Milena Gabanelli ha la massima libertà”, ha detto il direttore de Il Corriere della Sera Ferruccio de Bortoli, presentando il nuovo progetto assieme alla stessa giornalista. ReporTime.it sarà dun- que uno spazio dedicato al giornalismo d’inchiesta, autonomo, ma ospitato da Corriere.it, che offrirà con- tenuti diversi da quelli che andranno in onda su Rai3, frutto di un accordo fra Rcs e lo staff di Report che, nei prossimi tre mesi, garantirà la pubblicazione di al- meno 16 servizi e di videochat con i giornalisti. “Par- tendo da questo nucleo originario – ha aggiunto De Bortoli – vorremmo poi dar vita a un filone di inchieste più ampio che completerà la nostra offerta sul web, integrandosi anche con la carta stampata”. “Varie te- state erano interessate al nostro progetto web, ma ci piace l’idea di lavorare con un gruppo che magari non la pensa esattamente come noi – ha detto Milena Ga- banelli –. Rcs non è Il Fatto Quotidiano e la compagine azionaria di Rcs è nota: nelle nostre inchieste alcuni azionisti sono stati spesso criticati e non ho mai pen- sato di averne un occhio di riguardo”. Il nuovo canale inaugurato oggi è un esperimento “fatto per essere al passo con i tempi, non escludendo la generazione dai 30 in giù – ha spiegato la Gabanelli –. Dopo anni di tv, ripartiamo da capo con un nuovo mezzo. Ci piace metterci in discussione, ma bisognerà imparare a con- densare i contenuti in un mix fra interventi scritti e video, contenendo molto i costi. Vedremo come va”.
  8. 8. pagina 8 Martedì 11 ottobre 2011 INCHIESTA ESCORT Il governo “indaga” i pm Ispettori a Bari e Napoli Laudati, fuga di notizie a senso unico di Antonio Massari I spezionidelministeronelle Procure di Bari e Napoli: il ministro della Giustizia Francesco Nitto Palma ha deciso di “indagare” sulle in- chieste che riguardano Gianpi Tarantini e le donne portate al premier. Il ministero vuole ca- pire se davvero vi sono stati “ri- tardi” nell’inchiesta barese, poi accertare se l’intercettazione (dispostadallaProcuradiNapo- li)traValterLavitolaeSilvioBer- lusconi, riportata da l’Espresso, sia stata pubblicata prima anco- ra che venisse depositata. E ve- rificare, infine, la revoca della competenza a indagare, decisa dal Tribunale di Napoli, sulla presunta estorsione di Lavitola e Tarantini ai danni di Berlusco- ni: parliamo dell’accusa che poi, a Bari, s’è trasformata – per il solo Lavitola – in induzione a rendere dichiarazioni mendaci dinanzi all’autorità giudiziaria. Sotto il profilo delle indagini giudiziarie,ieris’èregistratoun incontro di coordinamento tra le Procure di Bari e Roma: nes- suna delle due procure sembra avere la voglia di prendere de- cisioni su scelte imbarazzanti, come iscrivere Berlusconi sul registro degli indagati per indu- zione a falsa testimonianza, convocarlo per un interrogato- riogiàrifiutatoaNapoli,peggio ancora ipotizzare un confronto tra il premier e l’imprenditore barese. Una prima parte dell'in- contro si è svolta tra il pm ba- rese, Pasquale Drago e il procu- ratore aggiunto, Piero Saviotti, titolari dell'indagine, poi la riu- nione si è spostata nella stanza del procuratore di Roma Ferra- ra. Nessuno ha sollevato con- flittodicompetenzaosollecita- to l'invio degli atti. Tre indizi fannounaprova,sembrapensa- re l'avvocato Diddi che difende “Gianpi” e la moglie Nicla De- venuto. Il primo indizio: se co- mesembracadessel’iscrizione, a Bari, di Valter Lavitola per in- duzione alla falsa testimonian- za, si renderebbe automatica l'uscita di scena di Berlusconi come indagato, smentendo la tesi del Tribunale del Riesame diNapolicheavevadirottatogli atti nel capoluogo pugliese. Se- condo indizio: la Procura di Ro- maavevaannunciatoperbocca del procuratore la volontà di ar- chiviareintempistrettil'inchie- stasull'ipotesidiestorsione,ma sembra aver cambiato idea e ri- tiene che questo reato si sia svi- luppatonellaprimafasedelrap- porto tra il premier e Tarantini, nel periodo che risale al 2009. Terzo e ultimo indizio la deci- sione, del tutto anomala, del pm Drago di chiedere la conva- lida della “non richiesta di arre- sto” per Tarantini. Quasi un in- vito nei confronti del gip a di- chiarare inconsistente l'ipotesi accusatoria nei confronti di Berlusconi. Che se viene a ca- derelasciasolalaprocuradiRo- ma. ALTRO FRONTE aperto: quello del Csm. Ieri alle audizio- ni del consiglio superiore si so- no presentati Ciro Angelillis ed Eugenia Pontassuglia, i due pm chehannocondotto–insiemeal sostitutoGiuseppeScelsi,finoal suo trasferimento – l’inchiesta barese su Tarantini. Il ministro Nitto Palma ha chiesto di acqui- sireleaudizionedelprocuratore capo di Bari, Antonio Laudati, e del pm Scelsi, che ha denuncia- to i “ritardi” nell’inchiesta bare- se. A questo proposito, va rile- vato che, nella ricostruzione of- ferta da Laudati al Csm, il procu- ratore capo elenca una serie di fughedinotizie,relativeall’inda- gine sulle “escort” che, a partire dal suo arrivo in procura, sareb- bero invece terminate. Il procu- ratore dimentica di menzionare la fuga di notizia, firmata da Pa- norama che – con il quotidiano Libero – per primo parlò di un’in- dagine sul “complotto”, ordito attraverso Patrizia D’Addario e i suoi “pupari”, per colpire Berlu- sconi.Unatesid’indaginemolto cara proprio a Laudati. E al Csm intende presentarsi anche il se- natoredelPdAlbertoMaritati,ti- rato in ballo da Scelsi e Laudati, perché avrebbe tentato di sape- renotizieriservatesull’indagine barese per riferirle al dalemiano RobertoDeSantis:“Unfattomai accaduto”. De Santis temeva di essere accostato all’inchiesta su Tarantini per la droga e, dicen- dosi estraneo ai fatti, voleva evi- Il manifesto a novembre a Napoli “Scassare” l’Italia: De Magistris sogna un partito tare di essere accostato a quei reati: “Incontrai Scelsi e – pre- messo di non volere alcuna in- formazione a proposito – gli dis- si testualmente: “Qualora fosse verocheèestraneoaifattisucui tu indaghi e vi fosse il pericolo che il suo nome fosse indebita- mente posto accanto a quello di altri, inquisiti per droga, ti chie- do di evitare che ciò accada”. Di questo intende parlare Maritati alCsm.Infine,arrival’ennesimo messaggio firmato Alfonso Pa- pa,letteraraccoltadalPdlperal- zarelatensionesullamagistratu- ra campana: Papa sostiene di es- sere sottoposto a "pressioni e minacce" dai pm – Henry John Woodcock,VincenzoPiscitellie FrancescoCurcio–elidefinisce "estorsori" perché il loro obiet- tivo è "farmi parlare di Berlusco- ni e Lavitola". MALITALIA di Enrico Fierro Luigi De Magistris fonda un nuo- vo partito. “L’Italia è tua”, proie- zione nazionale di “Napoli è tua”, la lista-movimento dal colore arancio- ne che gli fece conquistare la carica di sindaco del capoluogo campa- no. L’ipotesi circola da giorni e agi- ta i sonni di Anto- nio Di Pietro, scuote Nichi Ven- dola e la sua Sel e fa venire i mal di pancia alla lea- dership del Pd. “Calma, calma, Italia è tua” non esiste”. Non sarà questo il nome, ma lei sta fondando un nuovo partito? Io ho una idea in cui credo ferma- mente. Nel Paese c’è tantissima vo- glia di politica, di partecipazione, ci sono interi settori sociali che non intendono più essere rappre- sentati dai partiti così come sono. E lei è pronto a offrire un nuovo contenitore. Se così fosse la mia sarebbe una vi- sione limitata allo strumento par- tito. Ci sono nuove soggettività da affermare. E bisogna farlo in fretta, altrimenti il vuoto lasciato dalla ca- duta di Berlusconi sarà occupato dai Montezemolo, dai Pro- fumo, dai Della Valle. Da chi è sulla scena im- prenditoriale da anni, ma si presenta col volto della novità. Un’operazione che è già riuscita a Silvio Berlusconi nel ’94. E allora scen- de in campo lei, il sindaco di Napoli. Certo, ma con iniziative, pro- poste, idee, dando coraggio a chi dentro lo tsunami di questa crisi complessiva che è economica, sociale, ma an- che etica e morale, si batte ogni giorno per cambiare le cose. In- somma, voglio riproporre il meto- do e le dinamiche sociali che hanno portato alla mia elezione a sindaco, avvenuta grazie al contributo di al- cuni partiti, ma soprattutto al di fuori di essi. Si è fatto a Napoli, si può fare in Italia. C’è un movimen- to in campo, che non è un partito, anche se bisogna vedere come si svilupperà e quali forme assumerà. Presto stileremo un manifesto po- litico. Scassare, era questo il verbo trainante della sua campagna elettorale, si può coniugare an- che nel resto d’Italia? Scassare significava per Napoli ri- mettere tutto in discussione, pro- vare a dare spazio a quelle realtà escluse dalla politica, penso agli in- tellettuali tenuti fuori dai sistemi di potere, ai centri sociali, alle asso- ciazioni anti-camorra, ai gruppi che si erano battuti contro il degrado e l’affarismo del ciclo dei rifiuti, noi non ci siamo limitati a dargli una generica rappresentatività politica. Oggi questi soggetti sono consiglie- ri comunali, decidono le scelte da fare per la città, sono protagonisti. L’obiettivo del movimento è aggre- gare quelle energie che dentro i partiti hanno mostrato di credere nel cambiamento. Lei crede davvero che dentro un centrosinistra che si vede fa- vorito nei sondaggi, ci sia tanta gente disposta a farsi da parte e dare spazio alle novità? Anch’io vedo in giro tanto spirito di conservazione. Tutti aspettano il dopo Berlusconi, ma nessuno sta lavorando per costruire davvero una svolta radicale. Penso alla que- stione morale: i partiti non l’hanno affrontata. Non hanno fatto scelte coraggiose e questo sta dando spa- zio all’antipolitica, quella vera che cerca nel capitalista di turno la so- luzione. I partiti resistono al cam- biamento, per questo metteremo in campo idee e proposte. Che non si rinchiuderanno nello steccato del centrosinistra tradizionale. La nostra è una rete di municipi, luo- ghi dove il rapporto eletto-elettore è ravvicinato, movimenti di lotta, energie che si sono spese nei re- ferendum. Ci rivolgiamo anche a quella cultura liberale che si richia- ma ai valori della Costituzione, la nostra radicalità è la loro radicalità, in termini di diritti civili, giustizia, questione morale, libertà di mer- cato e di intrapresa. A Napoli mi dicevano che non avrei mai avuto i voti della borghesia se mi fossi ac- compagnato con i centri sociali e i disoccupati, invece è andata diver- samente: mi hanno votato anche li- berali e conservatori. Ci dica le prossime mosse. Intanto il 15 ottobre sarò all’inizia- tiva Uniti contro la crisi, a fine no- vembre renderemo pubblico il no- stro manifesto e in primavera ter- remo una grande iniziativa a Napoli che avrà al centro i temi del lavoro e dello sviluppo. Governo e Lega stanno spogliando il nostro terri- torio delle sue eccellenze industria- li, Alenia, Fincantieri, Irisbus, An- saldo. Non mi rassegno ad un fu- turo deindustrializzato, Napoli e l’intero Sud hanno più potenzialità di crescita di un Nord ormai saturo dal punto di vista industriale. Parliamo della città: lei ha no- minato Roberto Vecchioni alla guida del Forum delle culture 2013 e sono scoppiate polemi- che. La nomina precedente, quella del- l’ex assessore Nicola Oddati, era stata fatta dal sindaco Iervolino dentro una logica partitocratica. Io ho proposto un cantautore che è unanimemente considerato un poeta, un artista che ama Napoli. Vecchioni mi ha commosso quan- do gli ho proposto questo incarico. E’ la cosa più bella che mi sia ca- pitata nella vita, mi ha detto. E que- sto per me è un onore enorme. SALTO NEL VUOTO A SILVI MARINA di Antonio d’Amore IL SINDACO E LE DIMISSIONI IN PARACADUTE E Papa manda un altro pizzino: “Se parlo di Berlusconi, Woodcock mi scarcera” Messaggi incrociati A sinistra, il procuratore capo di Bari, Laudati; sopra, il parlamentare del Pdl, Alfonso Papa detenuto per l’inchiesta P4 (FOTO ANSA) Quasi a rispondere a chi sostiene che l’ingresso in politica sia un salto nel vuoto, il sindaco di Silvi Marina, il salto nel vuoto l’ha fatto davvero, ma per lasciarla la politica. E l’ha fatto letteralmente. Con un gesto a metà tra D’Annunzio e Cinecittà, Gaetano Vallescura, Pdl ex An, 49 anni, si è dimesso lanciandosi con il paracadute da 4 mila metri. Ai suoi assessori, la sera prima aveva detto: “Questa giunta ha bisogno di una scossa, domani ci penso io…”. E scossa è stata. Sotto l’imbragatura, una felpa con il cuore e la scritta “I love Silvi”, dedicata ai suoi quindicimila concittadini. A chi gli contesta l’eccesso di protagonismo, spiega: “È stato un gesto di coraggio, non sterile esibizionismo, rassegno le mie dimissioni e con questo lancio ho chiesto quanto coraggio ho per continuare eventualmente la mia missione”. Contraddizione: se si cerca il coraggio per continuare, non ci si dimette. O no? “In questo momento difficile, chi ha responsabilità di governo deve assumersi le responsabilità, avendo i piedi sempre per terra...” Ri-contraddizione: per restare coi piedi per terra, sale su un aereo. “È una pagliacciata – commenta Sel - ‘Silvi precipita in una Vallescura’ avevamo detto, ma non pensavamo al paracadute”. In effetti, Vallescura è amante delle ribalte mediatiche, anche per dare visibilità ad un Comune che è ormai periferia di Pescara. Andare sui giornali non è facile, ma il turismo pretende visibilità. Così, eccolo a teatro ad interpretare un podestà in fez, poi con Mogol a cercare talenti. L’inverno si avvicina, i terremotati che riempivano gli alberghi se ne sono andati, l’economia ristagna. Serve una scossa. Contro l’oblio. Vallescura cita Jobs: “Ho voglia di abbattere muri, costruire ponti e di quella cosa che chiamano "visione" e non ho paura di cominciare…”. Esattamente il proclama di uno che se ne va. Sipario. Luigi De Magistris e i suoi nuovi progetti secondo Emanuele Fucecchi
  9. 9. Martedì 11 ottobre 2011 pagina 9 Comune non ricavava sol- di, ma magicamente copri- va i debiti che aumentava- no. E nel frattempo anda- vano in scena manifestazio- ni pubbliche, si bandivano appalti, si andava ad elezio- ni nel 2005 senza che esi- stesse il bilancio consunti- vo dei due anni pre- cedenti. UNA STORIA portata alla luce nel 2004 quando, in se- de di approvazione del primo consuntivo 2003, veniva presentato ai revisori comunali un bilan- cio con l'attivo di dicianno- vemila euro. In realtà, ana- lizzando le entrate gonfia- te, venne fuori il primo bu- co da quaranta milioni di euro. E così via sino alle nuove elezioni del 2008, quando la città è stata con- segnata al nuovo sindaco con le luci al buio e le stra- de intasate dalla spazzatu- ra. Un vero e proprio rega- lo benedetto dal 90 per cento di consensi del cen- trodestra. Scapagnini, per una volta, aveva bisogno di essere curato da Berlusco- ni, la ricetta è arrivata at- traverso una legge ad per- sonam con tanto di fondi Fas e decreto sul federali- smo. Per la gioia di Bossi e dei suoi seguaci. FALSI I BILANCI DEL COMUNE DI CATANIA QUASI 3 ANNI DI CARCERE A SCAPAGNINI Berlusconi coprì il buco con 140 milioni di euro di fondi Fas di Antonio Condorelli Catania A desso è ufficiale: B. ha utilizzato i 140 mi- lioni di euro dei fondi Fas per coprire bilan- ci truccati dal proprio me- dico personale Umberto Scapagnini quand'era sin- daco di Catania. La senten- za di primo grado è arrivata ieri pomeriggio all'ombra dell'Etna: Scapagnini e 13 assessori sono stati con- dannati a due anni e nove mesi per falso ideologico continuato con l'interdi- zione perpetua dai pubbli- ci uffici. Entrate gonfiate per coprire un fiume di consulenze, bilanci trucca- ti violando decine e decine di leggi, secondo l'accusa sostenuta dal pm Giusep- pe Gennaro che, dispo- nendo le intercettazioni, ha beccato anche una con- versazione tra l'ex ragio- niere generale Francesco Bruno - Scapagnini lo con- siderava “il mio Tremonti” - e il sindaco senatore Raf- faele Stancanelli, successo- re di Scapagnini e grande amico del ministro Ignazio La Russa. “Rimanga tra me e lei – esordisce Stancanelli – mi ha telefonato Berlusconi in questo momento, siamo in condizione di avere il va- lore del patrimonio che possiamo vendere?”. Il “Tremonti” dell'Etna ri- sponde incredulo: “Ma lo- ro acquistano?”. Berlusco- ni, secondo Stancanelli “vuole una scusa”, è il 15 ottobre 2008, “lui mi dice – continua il sindaco sena- tore Pdl – tu mi devi dire il linea di massima”. A tutto c'è un limite e il ragioniere generale sbotta: “Un valore di massima ce lo inventia- mo?”. DETTO FATTO. Per otte- nere i 140 milioni di euro serviva un elenco di opere pubbliche da finanziare, un vero e proprio pretesto, una scusa, come diceva Berlusconi, tanto che gli importi necessari sono sta- ti gonfiati moltiplicando tutto per un numero fisso. E il sindaco Stancanelli, in stretto contatto con Berlu- sconi, ha detto pubblica- mente di sapere che “il giorno successivo all'invio della lista a Roma una ma- nina avrebbe creato una legge ad hoc”. È questo il vero volto della prima leg- ge sul federalismo della nuova era Berlusconi data- ta 4 ottobre 2008: ha con- sentito di destinare fondi pubblici vincolati alla co- pertura di buchi di bilancio falsificati. Ma non basta, perché la Procura ha scoperto che i bilanci venivano truccati grazie ad una finta società creata sotto Capodanno. Una vera e propria società fantasma, denominata “Ca- tania Risorse”, posseduta interamente dal Comune, alla quale veniva venduto anche il patrimonio indi- sponibile (monumenti e palazzi storici). Problemi- no: vendendo a se stesso il In alto, l’ex sindaco di Catania Scapagnini. A destra, il sostituto procuratore Gennaro (FOTO LAPRESSE) BENVENUTI AL SUD “IbossvolevanovendicarsicontroiCarabinieri” BRUSCA: SPATUZZA E MESSINA DENARO DISSERO CHE NON ERANO STATI AI PATTI. IL PAPELLO DOPO CAPACI L’ultimabattagliadiArnone: “Gennarononpuòessereprocuratore” Dueannienove mesiall’ex sindaco(medico delpremier)e allasuagiunta peravergonfiato leentrate di Giuseppe Giustolisi Catania Ci siamo. Domani il Csm nomi- nerà il nuovo procuratore della Repubblica di Catania, a sceltafraunodeitrecandidatiin- dicati dalla commissione refe- rente: tutti molto noti. Si tratta del Pg di Catania Giovanni Tine- bra (Magistratura Indipenden- te), del pm della Dda etnea, Giu- seppe Gennaro (Unicost) e del sostituto Pg di Roma Giovanni Salvi(Md).L'occasioneètroppo ghiotta perché non si scateni Peppe Arnone, l'avvocato agri- gentino consigliere comunale del Pd e coscienza critica del partito in Sicilia. Arnone ormai ha deciso di intestarsi tutte le battagliedilegalitàeantimafiadi ogni angolo di Sicilia e questa volta ha voluto occuparsi della questionedelprocuratorediCa- tania, nomina fondamentale per gliequilibridelpoterepoliticoe giudiziario, siciliano e non. Lohafattoieri,distribuendocen- tinaia di copie di un volanti- no-j’accuse, davanti al Palazzo di Giustizia di Catania. E oggi sarà a Roma, per consegnare il docu- mentoinbustachiusaecontanto di timbro a ciascuno dei consi- glieri del Csm. Bersaglio della penna al curaro dell'ambientalista agrigentino, è Giuseppe Gennaro, magistra- to molto noto, già presidente dell’Anm, da anni nel mirino delle polemiche per la vicenda della villa acquistata anni fa da una società il cui amministrato- re di fatto era il boss mafioso Carmelo Rizzo, legato alla fami- glia mafiosa dei Laudani di San Giovanni La Punta, braccio ar- mato della famiglia Santapaola. Arnone ricorda che un’altra vil- letta fu acquistata anche da un cognato di Anna Finocchiaro, che pure poco prima era stata avvertita da un ispettore di po- lizia, militante dei Ds, di infor- marel'amicoecollegaGennaro che quell'acquisto non era pro- prio opportuno. E qui Arnone coglie la palla al balzo per pun- tareilditoanchecontrounalar- ga fetta del Pd siciliano, colpe- vole di essersi girata dall'altra parte davanti alle documenta- tissime denunce portate in Csm dall'ex Presidente del Tri- bunale per i Minorennni Giam- battistaScidàedalPmantimafia Nicolò Marino, che ora è tra i titolari, a Caltanissetta, dell'in- chiesta sulle stragi di mafia e sullatrattativafraCosaNostrae lo Stato. L'avvocato Arnone se la prende coi suoi colleghi di partitoAnnaFinocchiaroedEn- zo Bianco “che non ritengono di occuparsi, come sarebbe lo- ro dovere, del funzionamento della più importante istituzio- nedellaStatoapresidiodellale- galità” e ignorerebbero il “caso Catania”. Arnone insiste: “Il dottor Gennaro ha posto in es- sereatticontrarialverosuisuoi reali rapporti col mafioso Car- melo Rizzo, come accertato da una sentenza del Tribunale di Roma, non appellata dalla Pro- cura, pronunciata a seguito di querela del magistrato contro i giornalisti Giustolisi e Trava- glio,perunarticolosuMicrome- gacheraccontavaquestevicen- de. Può un magistrato con que- sto pedigree candidarsi al po- sto di Procuratore capo?”. Arnone quindi conclude il pro- prio documento, invocando la nomina di un procuratore esternoall'ambientecatanesee richiamando anche i numerosi scritti di Scidà (mai oggetto di smentita, né di querela) inviati al Csm sulle vicende del Caso Catania. IN UNO di questi scritti, invia- to appena qualche settimana fa per sollevare la questione dell'i- nopportunità della nomina del dottorGennaroaProcuratoreca- po della città e della sua incom- patibilità con la funzione di sosti- tuto, Scidà rievoca un vecchio processo,dicuiGennaroeragiu- dice istruttore, contro il boss Se- bastiano Laudani e il figlio Gae- tano. “Non si è mai saputo – scri- ve Scidà – perché il magistrato, che incriminò i due per tentato omicidio, non procedette per mafia contro nessuno dei due. Un'inflessione di meraviglia si legge, tra le sobrie righe iniziali della sentenza della Corte d'Assi- sechepoidefinìilprocesso”.Sci- dà ricorda poi le controverse vi- cendedelprocessocontroilboss AlfioLaudani,accusatodiintesta- zione fittizia delle ville di pro- prietàdelclanLaudaniallaDiSte- fano costruzioni, conclusasi con un'assoluzione per il boss. Tuttevicendenarratedall'anzia- no magistrato in pensione nel- l'e-book “Per capire il Caso Ca- tania”,editodalsitoucuntu.orgdi Riccardo Orioles. Parte di que- stevicendevengonoripresenel documentoconcuiArnonepro- verà a convincere i consiglieri del Csm a riflettere a lungo su una nomina così importante, quale quella di Procuratore del- la Repubblica di Catania. di Giuseppe Lo Bianco Palermo Torna Giovanni Brusca nell’aula del processo Mori, conferma che Riina gli parlò del ‘papello’ tra le stragi di Capaci e via D’Amelio (cosa che aveva già fatto sin dal 23 gennaio del 1999), e aggiunge due tasselli nuovi, individuando i carabinieri co- me bersaglio di attentati di Cosa No- stra all’inizio del ’94 per “vendicar- si”, visto che i “cc non avevano ri- spettato i patti”. Così gli disse Ga- spare Spatuzza, rife- rendosi specificamen- te all’attentato (man- cato) dello stadio Olimpico e così gli fu confermato, in modo più generico, da Mat- teo Messina Denaro, incontrati entrambi da latitanti negli anni suc- cessivi. UN CLIMA di “tratta- tiva”, insomma, di patti e ricatti conseguenti a forti tensioni che il pubblico ministero ha provato a re- stituire al Tribunale producendo una serie di fonogrammi riservati inviati dal Viminale e dal capo della Polizia alle Prefetture e ai comandi dei ca- rabinieri dal gennaio al marzo del ’92, all’inizio della stagione delle stra- gi, che allertavano sulle iniziative eversive di Cosa Nostra, dopo la con- ferma delle condanne del maxipro- cesso. Fonogrammi poi sfociati nel- l’allarme del ministro degli Interni Vincenzo Scotti che allora nessuno prese in considerazione. Eppure in un fonogramma del 16 marzo del ’92, tre giorni dopo l’omicidio Lima, si faceva esplicito riferimento a possi- bili attentati contro il presidente del Consiglio (allora era Andreotti) e agli esponenti politici Mannino e Vizzini. Gli stessi nomi fatti anni dopo dai pentiti, come lo stesso Brusca ha confermato ieri in aula, aggiungendo ai primi due anche i nomi di Seba- stiano Purpura e Salvo Andò. E AGLI ATTI, depositato sempre dal pm, è finito anche un interroga- torio di Salvatore Cance- mi, recentemente scom- parso, del 1998, in cui il pentito parla esplicita- mente del papello, soste- nendo di averlo visto in mano a Riina tra Capaci e via D’Amelio e confer- mando, dunque, le paro- le di Giovanni Brusca. Fu tra la fine di giugno e gli inizi di luglio del 1992, a margine di un summit di mafia a casa del mafioso Girolamo Guddo, che Rii- na gli avrebbe detto che "lo Stato finalmente si era fatto sotto e che lui gli aveva dato un papello con una serie di richieste scritte''. Suc- cessivamente Brusca e il capo dei ca- pi si sarebbero visti in un'altra oc- casione per programmare un duplice omicidio ma non sarebbero tornati a discutere del papello. Il 16 luglio del '92, tre giorni prima dell'omicidio di Borsellino, Brusca avrebbe incontra- to il boss Salvatore Biondino, luogo- tenente di Riina, che gli avrebbe ac- cennato ad un "lavoro da compiere''. E lui capì dopo che si riferiva alla strage di via d'Amelio. L’ultimo in- contro è di agosto, a cui erano pre- senti anche i boss Vincenzo Sinacori e Leoluca Bagarella, nel quale venne fuori l'esigenza "di dare un altro col- petto per far tornare qualcuno a trat- tare''. Poi si salta al ’94: "Fino a quan- do Gaspare Spatuzza non me ne par- lò non sapevo del progetto di atten- tato ai carabinieri allo stadio Olim- pico - ha concluso Brusca - fu lui a dirmi che serviva per vendicarsi dei carabinieri che non avevano rispet- tato i patti’’. Si riprende il 25 ottobre con la deposizione del neo pentito Stefano Lo Verso. “Riina mi parlò della trattativa” Gli allarmi inascoltati del Viminale sugli attentati

×