Il Caffè Corretto GENNAIO 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
682
On Slideshare
682
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Gennaio 2012 Distribuzione Gratuita Anno 1 Numero 10 Verso il futuro G li uomini avanti in età devono essere esploratori./Il luogo e lora non sono importanti./Noi principio. In my end is my beginning. Un nuovo anno è arrivato e, come di consueto, nei fumi di spumante temporaneamente, le nostre ansie, le nostre paure, le nostre perplessità, e persino, forse, i nostri desideri. Resta fermerà a quel fatidico 21/12/2012 o dieci lune dopo, saremo nuovamente tutti qui, presenti, a raccontarci come dobbiamo muoverci senza sosta verso annacquato dalla solita ed affannosa adesso, ununica certezza, quella per è andata e a salutare lennesimo unaltra intensità,/per ununione più ricerca della felicità, ed esploso nei lincognito. Il non riuscire a com- “nuovo” anno? Intanto, questo saràC ari lettori, ciò che sto per dirvi forse vi sorprenderà… Già, conquesto mio editoriale vado via! La completa e una comunione più profonda…/Nella mia fine è il mio mille fuochi arrivati dalla tigre cinese, sono evaporate, anche se solo prendere che cosa questo nostro mondo ci riserva. Il nostro orologio si lanno dei Maya o quello dei mai? (Lello Tagliamonte segue a pagina tre)mia è una decisione sofferta ma“doverosa”, direi quasi naturale...Vado via perché è giunto il momento,la mia “missione” è terminata! La “Una politica seria per il bene comune”mia presenza è servita da ispirazione,da pungolo, da incoraggiamento, da Lanno che verrà con il Dott. Tommaso Espositosprone a questa nascente creatura, daguida “spirituale” a questa, per certiversi, “folle” avventura! Ne sono M edico, appassionato di storia e edico, appassionato di storia e tradizioni locali, ex Direttore tradizioni locali, ex Direttore del Museo della Maschera di del Museo della Maschera di tere a regime una serie di iniziative che contemporaneamente facciano leva sulla creazione di strutture, essere riusciti a realizzare tutte le iniziative che erano in programma. Quello che ho fatto di buono, tuttavia,stato un po il padre, il saggio checonsiglia, che stimola, che aiuta a Pulcinella, giornalista e curatore di Pulcinella, giornalista e curatore di allinterno delle quali i beni maturerà, come sta già accadendo,crescere. Ma arriva il momento, per rubriche gastronomiche su diverse rubriche gastronomiche su diverse immateriali siano valorizzati e non sotto gli occhi di tutti (lavori diogni genitore, di lasciar camminare i testate nazionali. Già Consigliere testate nazionali. Già Consigliere solo contemplati! Una delle cose di ristrutturazione della Scuola Mediafigli con le proprie gambe, di lasciare Comunale e Sindaco della città. Comunale e Sindaco della città. cui da ex Sindaco sono più fiero è il Caporale, digitalizzazione delleche essi si cimentino con il mondo, Dottor Esposito, cosa augura ad “Bando per le Idee Progettuali”, che attività comunali, rifacimento diche conoscano la realtà e la vivano, Dottor Esposito, cosa augura adanche eventualmente commettendo Acerra e agli Acerrani per questo Acerra e agli Acerrani per questo ci consentì di ricevere dei finan- molte piazzette cittadine). Durante ildegli errori. “Il Caffè Corretto” è nuovo anno? nuovo anno? ziamenti per la rivalutazione del mio mandato è mancata la possibilitàcresciuto, e tra un mese compirà un Da cittadino auguro un anno che Da cittadino auguro un anno che Castello Baronale. Ecco, credo di creare una classe dirigente che si mettere le mani nelle tasche deianno! È cresciuto e lo dimostrate voi possa essere portatore di certezze, possa essere portatore di certezze, proprio che la riqualificazione e la assumesse le reali responsabilità di cittadini che, paradossalmente,che sempre più numerosi ci seguite, lo soprattutto sociali, in questo momen- tutela del Centro Storico, siano un governo complessivo del territorio, avranno sempre meno servizi. In undimostrano i vostri attestati di stima e soprattutto sociali, in questodi affetto e quelli “sinceri” degli to di crisi nazionale ed internazionale. momento di crisi nazionale ed punto di partenza indispensabile per minacciato da politiche espansio- periodo in cui il Governo nazionaleaddetti ai lavori. Probabilmente il Da ex amministratore, invece, spero internazionale. Da ex amministratore, un definitivo rilancio. nistiche e di occupazione “selvaggia” obbliga i comuni ad auto-finanziarsi,nostro periodico non avrà ancora la nellavvento di nellavvento che una invece, spero una politica di sia Lo scorso Giugno le sue dimissioni: che, paradossalmente, in questo una delle cose principali alle qualimaturità della maggiore età, ci capace che sia capace dilordinario politica di governare governare ha qualche rimpianto? Rimorso? momento, giungono in modo dovrà badare il prossimo Sindaco saràsaranno nuove cose da apprendere ed presente, ponendo le basi per basi Rifarebbe tutto ciò che ha fatto alla allarmante dal capoluogo partenopeo, lequità fiscale, e ciò dovrà partire daaltre sicuramente da migliorare, ma lordinario presente, ponendo le unnon è più il neonato da proteggere, da futuro futuro che riscatti lasituazione per un che riscatti la situazione guida della città? vedi su tutte la concezione della una riduzione dellevasione. Occor-difendere, ha intrapreso un suo odierna e che sappia affrancarsi dalla odierna e che sappia affrancarsi dalla Più che di rimpianti mi nutro di una gestione del ciclo dei rifiuti e rono maggiori sacrifici, ma questicammino ben preciso, si è fatto pian sua incapacità di pensare a tutti, sua incapacità di pensare a tutti, speranza, e cioè che questi due anni e dellInceneritore che, a Napoli, d o v r a n n o e s s e re u g u a l m e n t epiano strada in città, in punta di piedi, anziché al particolare. anziché al particolare. la fine traumatica del Consiglio considerano essere “cosa loro”! distribuiti tra la popolazione,senza clamori, senza far troppo Dal punto di vista culturale, che fase Comunale non siano vani per il nostro Per concludere, Dottor Esposito è altrimenti non si è “buoni” am-“rumore”, forse tra la diffidenza Dal punto di vista culturale, che fasegenerale, ma ha conquistato un stiamo attraversando? sta attraversando la nostra città? paese, ma possano essere “utilizzati” nuovamente tempo di elezioni! ministratori! Operazione preli-“posto” tra la stampa locale con la Abbiamo grandi risorse, ma la Abbiamo grandi risorse, ma la per una grande riflessione, a seguito Come vede la situazione per le minare da compiere sarà, però, quellasua informazione “corretta” e la sua Cultura non vive di sole parole, ha Cultura non vive di sole parole, ha della quale la politica venga final- prossime Amministrative? di risolvere, già nei primi giorni, lelinea editoriale. Lidea di andar via bisogno di iniziative valide, che bisogno di iniziative valide che mente e realmente intesa come Sosterrò ogni tipo di progetto, che si cosiddette “questioni vitali”, tra lebalenava da un po nella mia mente, possano durare a lungo, grazie anche servizio per tutti, per il bene comune, avvarrà di proposte serie e concrete e quali rientrano, su tutte, il pianoma ciò che mi ha fatto decidere possano durare a lungo, grazie anchedefinitivamente, è stato linvito al ai finanziamenti. È necessario che ai finanziamenti. È necessario che e non solo per il vantaggio dei pochi. di amministratori che non utiliz- urbanistico e lorganizzazione dellaconvegno “Culturalmente Informati” questi ultimi, messa da parte lipotesi questi ultimi, messa da parte lipotesi Spero in una politica disinteressata, zeranno la politica per incrementare “macchina” comunale. Se non sidello scorso Dicembre, il rico- che possano provenire dal Pubblico, che possano provenire dal Pubblico, che non continui ad “allevare” le loro attività o per soddisfare le troverà un accordo su questi punti cinoscimento “ufficiale” di essere derivino dal Privato; insomma auguro derivino dal Privato; insomma auguro amministratori che, con essa, pensano esigenze “speciali” dei propri elettori. sarà chi, purtroppo, deciderà per noi!entrati a far parte del panorama e mi auguro il risveglio di una sorta di di poter “campare” o di “tirare a Ci aspettano anni terribili, in cui,giornalistico acerrano, una sorta di e mi auguro il risveglio di una sorta di“debutto in società”. Da ora in poi, mecenatismo culturale. Occorre met- mecenatismo culturale. Occorre met- campare”. Resta lamarezza di non sempre più spesso, si dovranno Angelo Maria Castaldonon leggerete più su queste pagineavorio la mia firma, ma la mia animasarà sempre presente. Ritornerò lì dadove sono venuto, nelle memorie De Gasperi, medicina efficace!letterarie di quella mia monografia,che “dagli scaffali impolverati cheprofumano di cultura” della piccola L Italia ha celebrato i suoi 150 anni unitari, ed in questo scenario, si erge, austera, la figura di rispetto e al riconoscimento di “Grande Nazione”. Il suo pensiero politico è sempre attuale, ovvero che europei, senza egoismi nazionali che, oggi, avanzano minacciosi con la crisi economica che rischia di travolgere salvaguardò la laicità dello Stato, distinguendo il ruolo politico da quello religioso. Uomo di partito,libreria di Via de Servi a Firenze, si è Alcide De Gasperi, Padre dellItalia lUnità del Paese, più che essere solo tutti. Attento ai costi della politica, contrastava la frammentazionetrasferita tra gli scaffali che“vogliono profumar di cultura” della Repubblicana, politico, uomo di territoriale, si deve basare sulla rifiutò luso, momentaneo, dellauto politica dei cattolici affermando:piccola Redazione di Via Togliatti ad governo. Statista, con umiltà, portò il solidarietà, sullemancipazione, (blu) ad una figlia, perché, le disse: “Solo se saremo uniti, saremo forti.Acerra… Paese, distrutto da cinque anni di sulleguaglianza sociale. Europeista, “Non è di mia proprietà, ma è del Solo se saremo forti, saremo liberi!”. Pietro Verri guerra, mortificato dalla sconfitta, al tracciò il percorso ideale dei popoli Presidente del Consiglio”. Cattolico, (Antonio Santoro segue a pagina tre)
  • 2. adv|fratellicapone.it|0818857986 Happy Hour Drinks Liquori Champagneria & Vini Breakfast EventiVia Nazionale delle Puglie - SAN VITALIANO (NA) Tel. 081 519 64 43 celliniloungebar@alice.it www.celliniloungebar.it
  • 3. ilcaffecorr@gmail.com 3(dalla prima) pseudo sapienza e molta insipienza, ricerca delloltre la collina che è fru-strata. Ecco perché è importante L’ESPRESSO DEL DIRETTOREQuesta la struggente domanda che in hanno posto laccento sulla loro sinonimo di vitalità e di crescita. muoversi non solo fisicamente, ma “Sartoria Monti”tanti ci stiamo ponendo. E così, visione delle cose: nulla più ci Occorre, però, che ci si ricordi che in anche e soprattutto moralmente,partendo da una fine del mondoannunciata, passando per i tanti mai attende! Tutto è ormai giunto alla red razionem, che la nostra società ha fondo, siamo solo “gente di passaggio”. Il nostro tempo è spiritualmente, tenendo fissa una meta che dia senso allintera L a parola chiave del 2012 per noi italiani sarà sicuramente “crisi”. Questo nuovo anno non è iniziatoche questi tempi ci fanno intonare, ormai sperimentato tutto e più di comodo, ciascuno di noi è troppo esistenza. Oltre il ponte e il fiume certo sotto rosei auspici per il Belpaese, e così, se in passato, il 31innalziamo al grande architetto tutto. Insomma, un “tutto è compiuto” legato alla cultura “del salotto” e, turbolento della storia cerchiamo un Dicembre si poteva salutare ilceleste il nostro mantra rituale. laico che, come un faro da teatro, dunque, odiamo tutto ciò che ha il approdo che sia però più in là, vecchio anno augurandosi che quelloAuguri in un futuro migliore…, che illumina esclusivamente una fredda sapore del precario, dello scomodo, nellinfinito e nei vasti orizzonti a venire sarebbe stato migliore,questo sia lanno del riscatto…, che lapide funeraria. Dimenticando però del nomade. Abbiamo perso di vista dellanima. Sì, in my end is my questa volta si sarà faticato aaccada ciò che il cuore chiede e così questi annebbiati e fumosi consigli, lessenzialità delle cose! E non beginning, nella mia fine cè un nuovo formulare questo pensiero. Lo scetticismo e soprattutto la necessitàvia, in un crescendo di banalità e di credo che sia quanto mai opportuno e riusciamo a comprendere quanto inizio. O meglio: Nel terreno della (da non confondere con il bisogno,qualunquismo di cui, anche le nostre necessario trarre da questi tempi - specie in questora - sia importante la storia potremmo trovare anche noi – ma da intendere nel senso ontologicobic sono ormai stufe di comporre. “strani” la forza necessaria per ricerca, il viaggio, la conoscenza come diceva il poeta Mario Luzi – “il risalente a Parmenide, cioè il fattoAlcuni degli amici che in queste ore sovvertire lordine delle cose e dellaltro. Non ci capacitiamo che bulbo della speranza … in attesa di che ciò che accade "debba esser cosìmi hanno fatto gli auguri, hanno ricercare nel buio la necessaria luce questa pulsione interiore è solo il fiorire alla prima primavera”. e non altrimenti") di essere realisti avranno avuto il sopravvento suisottolineato - in modo catastrofico - per ritornare in cima alla vetta. La segno tangibile di una scontentezza, desideri e le speranze. La oramai notache “i tempi sono duri e tristi”, con nostra vita è un continuo andare, una di un’insoddisfazione, di un’attesa Lello Tagliamonte e tanto discussa “Manovra Monti”, lascia intravedere tempi duri: tra riforma delle pensioni, Ici pro- “Lalbero a tre mani” di Pasquale Forni gressiva, Irpef, Imu, IVA e chi più ne ha più ne metta, gli italiani dovranno Lesordio narrativo del commercialista acerrano stare bene attenti al proprio portafogli. Addio quindi a “spese più profondo dellamore, ma con il desiderio e la volontà di farne passione e un sentimento damore a folli”, divertimenti, regali, cenoni, soprattutto di colmare il senso di un libro che possa raggiungere una lungo repressi. Accade in pratica fuochi dartificio? Certo un calo rispetto al passato cè stato, ma mi vuoto che la attanaglia. Moderatrice platea più ampia di quella del paese quello che <accade> a ciascuno di sarei aspettata effetti più evidenti e dellevento Tommasina Sammarco, dorigine. Le vicende dei personaggi noi, quando ci sentiamo attratti da drastici, come conseguenza di questo che ha coordinato gli interventi e, con hanno infatti un respiro comune, in qualcuno, ovvero si abbattono tutte le “spauracchio”. E invece no! Si è Vincenzo Morgillo, Ferdinando particolare Manuelle incarna barriere! Eppure anche quella non festeggiato, mangiato e speso in Smaldone e Maddalena Sammarco, complessità che potrebbero essere sarà <la volta buona…>!”. Altra abbondanza e si è anche “sparato”. Italiani poco parsimoniosi ed oculati, ha letto alcuni passi del libro. proprie di ciascuno di noi; lautore figura importante, quella che lautore desiderosi di godersi gli agi finché Lautore, al suo esordio narrativo, ha cerca di rendere la protagonista una “sente” come più affine a se stesso è possono o “coraggiosi” a tal punto spiegato così la genesi dellopera: “I figura totalmente libera, che utilizza Enrico. “Egli è il miglior perso- da sfidare persino il “Dio denaro” ed primi appunti di questa storia, che lavvenenza per raggiungere i suoi naggio del libro – afferma il Forni – intenti ad esorcizzare il pericolo di un nasce per caso e si sviluppa nel scopi, talvolta anche commettendo riflette molte cose della mia vita. Tutti periodo di magra? Non si sa, fatto sta che lavvento del 2012 è stato salutato tempo, risalgono al 1992, durante il errori. “Inizialmente – dichiara lo i protagonisti della storia si sono fatti pressoché alla consueta maniera.U natmosfera magica di luci ed ombre e le dolcissime edincantevoli note di “Nuvole bianche” mio servizio militare in quel di Lecce. Ricordo che i primi file si chiamavano <Biagini>, dal nome di un soldato scrittore – nonostante la sua bellezza ed il suo successo la ragazza non riesce ad andare avanti, perché non da sé; tuttavia il successo di Enrico non è economico, ma riguarda il suo carattere e la sua natura di uomo. È, Eppure credo che a breve gli effetti di questa “manovra” si faranno sentire in tutta la loro potenza; tagli(a) didi Ludovico Einaudi, hanno fatto da dellItalia del Nord. Quando iniziai a ha i requisiti ed il vissuto adatto; ella infatti, una persona molto qua, tagli(a) di là, prima o poi la “coperta” diventerà troppo corta persfondo, presso il Teatro Rostocco di scrivere non sapevo ancora dove cerca in tutti i modi di dimostrare che equilibrata, che sa quello che dice e questo Paese, condannandolo ad unVia Calzolaio, alla presentazione de sarei arrivato, non avevo idea di non esiste solo laspetto fisico, ma i quello che vuole, che sa cogliere destino di “freddo e gelo”. Insomma,“Lalbero a tre mani”, romanzo del come si sarebbe sviluppata la trama. suoi tentativi sembrano fallire e lei subito le sfumature di coloro che la “Sartoria Monti&Co” avrà vogliacommercialista acerrano Pasquale Nel corso degli anni ho lasciato ai non riesce mai a costruire rapporti incontra. Ha saputo superare la sua di rammendare, cucire e ricucire, laForni, edito da LAutore Libri personaggi la possibilità e la libertà autentici con le persone. Ma quando cecità e i disagi ad essa legati, grazie veste che ne verrà fuori sarà forse, troppo logora e consunta per potersiFirenze. Il titolo dellopera, come di crescere, di cambiare improv- incontra Dick la storia sembra ad uninnata forza di volontà”. Una presentare al cospetto delle “grandi”spiega lo stesso scrittore, allude ai visamente. Tra le varie fasi di cambiare; nellistante in cui lei storia quindi affascinante, da leggere che sono riuscite, con il tempo, advari modi di intendere lamore carnale composizione si nota, infatti, uno stile sceglie che quello deve essere il suo tutta dun fiato, che, tra laltro, assicurarsi “abiti dalta moda”,tra uomo e donna, che non è solo diverso: lentusiasmo e lenfasi primo uomo, lo fa senza riserve, dimostra come lerotismo, se senza fare la figura della “Piccolasessuale, ma anche viscerale e emotiva propria del trentenne concedendosi con unintensità affrontato con leggerezza e garbo, Fiammiferaia”. Ma ciò che mi preoccupa di più, al di là dellepassionale. Lalbero è proprio la lasciano spazio alla più matura travolgente. Manuelle prova per il non diventa mai becera pornografia. possibili ristrettezze economiche, èmetafora dellamore. Protagonista consapevolezza e pacatezza del ragazzo quel coinvolgimento che si Pagine affascinanti, ricche di una crisi peggiore, quella delledellopera, la giovane e bella quarantenne”. La stesura, abban- avverte una sola volta nella vita; suggestioni intense ed emozioni “menti”, degli “spiriti”, delleManuelle, affermata fotomodella, che donata per varie ragioni, viene ripresa vuole fare lamore con lui perché è profonde, nelle quali ciascuno di noi “coscienze”; ho il timore che lacerca, attraverso le persone che nel 2009, in seguito ad un concorso lunica persona che ama e che può ritrovare, nel suo piccolo, una nostra cara vecchia Italia possa ripiegarsi su se stessa, appiattirsi inincontra e in particolare gli uomini letterario, quando Forni viene desidera davvero. In quel momento parte del proprio vissuto. una mediocrità sempre più evidente,che si innamorano del suo fascino contattato da una casa editrice. Lo non è soggiogata dal sesso, che è solo che avanza pericolosamente,prorompente, di scoprire il significato scrittore torna allora a lavorarci su latto con cui si concretizzano una Angelo Maria Castaldo scalzando il talento, limpegno, la professionalità. La mia paura è che lo(dalla prima) del Paese. Cera sviluppo e crescita uomini, soprattutto ora che il Paese governare, è la medicina – non scontro “nepotismo – meritocrazia”Il debito pubblico, liceberg insidioso economica nella libertà e nella pace. da lui costruito, assieme ai Padri tecnica, ma politica, giusta, equa, per si concluda con un ko a vantaggio deldi oggi, negli anni degasperiani, e Ecco, in questo inizio d’anno, ho Costituenti, ritorna ai tempi dellItalia ritrovare la fiducia e ricostruire il primo, o peggio, con una “vittoria a tavolino”. Perciò preoccupiamocifino agli anni Cinquanta, era del 30% voluto ricordare il trentino Alcide De distrutta dalla Seconda Guerra Paese. anche di questo…del Pil (Prodotto Interno Lordo), Gasperi, perché fa bene a tutti Mondiale. Rifarsi a quei valori, anonostante la difficile ricostruzione mantenere viva la memoria dei grandi quegli ideali, a quel modo di Antonio Santoro Flora Monda Frjda Corso Italia, 10 - Acerra (NA) I nostri punti vendita: Via Catania, 9 - ACERRA - Tel. 0815208755 Via S. Gioacchino, 1 - ACERRA - Tel. 0813198012
  • 4. 4 Gennaio 2012STORIE DI DONNE ACERRANE Virginia Petrellese “Culturalmente Informati”I l 29 Agosto 2004, trentamila persone, tra cui uomini, donne,anziani e bambini, scesero in piazza G iovani e politica è un binomio che si tende a valorizzare, a sul territorio. Quella di focalizzare lattenzione sullinformazione è una Caffè Corretto”, che pone linfor- mazione culturale come punto di sapere della comunità. “Con la nostra testata affrontiamo le notizie spesso in mettere in risalto. I primi vengono scelta ben precisa che vuole riferimento. “Sulle nostre pagine maniera eclatante senza risparmiarciper manifestare contro la costruzionedel Termovalorizzatore. Subito dopo, visti come i volti “nuovi”, le facce valorizzare la “cultura” delle notizie diamo ampio risalto alla storia e alle e senza censurare gli aspetti più“la rivolta” terminò a causa della “pulite”, ma poi nel concreto, spesso, come lelemento essenziale della tradizioni locali, recensioni di libri, scomodi sia della politica che dellaforte repressione da parte della sono bersaglio facile da colpire, società odierna. A rompere il ghiaccio teatri, personaggi ed opinioni, a cronaca”. A conclusione, un veteranopolizia. Una delle protagoniste di scoperti nei loro punti vulnerabili: è stato Antonio Pintauro, Vice- rubriche dedicate alla cucina del giornalismo locale, Pasqualequesta vicenda fu Virginia Petrellese. linesperienza, la mancanza di direttore de “La Roccia”, organo nostrana, allarchitettura e agli Sansone, Direttore del “Tablò”, èNata ad Acerra il 23 Gennaio 1943,ha vissuto per ben diciotto anni a sicurezza; li si addita come carenti di informativo della Diocesi di Acerra, antichi mestieri – e conclude citando intervenuto constatando come, daRoma; dopodiché, nel 1961, ritorna credibilità. I giovani di Fli hanno che ha posto lattenzione su come la un maestro del giornalismo italiano, diciotto anni a questa parte, ovveronella sua città natale per conseguire scommesso su di un partito che non ha stampa religiosa sia attenta al Indro Montanelli – <Un popolo che dalla prima edizione del suo perio-la Laurea in Architettura, facoltà ancora avuto modo di cristallizzarsi confronto culturale e al dibattito ignora il proprio passato non saprà dico, nulla sia cambiato (alludendo alallepoca ancora sconosciuta. Fu una sulla scena politica nazionale politico. “Compito del giornale è mai nulla del proprio presente>. È commissariamento della città) edelle prime donne, e non solo, alaurearsi in questo campo. Inse- attraverso le elezioni, ma ad Acerra quello di ricercare ed interpretare i questo il senso che cerchiamo di “scommette” sui giovani di Fli: “Mignante e architetto attualmente in sembrano pronti a prendersi le proprie segni della presenza di Dio nella trasmettere attraverso il nostro auguro che possiate essere lapensione, la Petrellese sposò un responsabilità e a confrontarsi con gli cronaca e nei fatti quotidiani, <Foglio>: partire dal passato, <nuova> primavera acerrana e farIraniano; da questo “primo ma- altri schieramenti del Terzo Polo cogliendo semi di speranza e verità, valorizzare il presente per costruire il strada da soli. Non siete più <etrimonio misto” sono nati ben quattro locale, mettendo al centro del loro non guardando direttamente alla futuro”. Arcangelo Giacinto, Di- criature> e dovete essere protagonistifigli maschi. Ma torniamo a quel“famoso” Agosto di qualche anno fa. programma il bene della città e società, ma cercando luomo”. A rettore Editoriale de “Il Gazzettino di una politica seria per un rilancioI vari Movimenti contro lInceneritore dellintera comunità. I “finiani” hanno seguire Flora Monda, Direttore Locale”, si è soffermato, invece, sulla della città”. Saluti finali di Carmineche vigevano in quel periodo “stuz- organizzato, presso la Casa dellUma- Responsabile del nostro periodico, ha lunga storia della stampa acerrana e Ruotolo, Coordinatore cittadino delzicarono” lattenzione di Virginia nei na Accoglienza, il convegno “Cul- evidenziato come la linea guida del sullimportanza della presenza in città partito di Gianfranco Fini.confronti di questo problema. Il 17 turalmente Informati”, invitando le convegno sia perfettamente in di numerosi free press, che sono laAgosto, nonostante le opposizioni, siavviarono i lavori per la costruzione varie testate giornalistiche presenti sintonia con quella editoriale de “Il testimonianza della voglia di dire e di Vincenzo Laudandodellimpianto che, dodici giorni dopo,sfociarono nella manifestazione checoinvolse quasi la metà dellapopolazione. Dopo la repressione, icittadini Acerrani, intimoriti, si “La voce di Napoli” “Progetto Policoro”ritirarono. Nacque così un comitatodi sole donne, il cui solo interesse eralambiente; tali “associazioni” nonappartenevano però a nessun partito A i miei allievi dico che per imparare il canto bisogna studiare Sergio Bruni. Lui è stato il quando al risveglio cominciava a scaldare la voce. Il libro è il resoconto dettagliato della vita del cantautore, D alla sentita e profonda esigenza di svecchiare un sistema rallentato e ormai mal funzionante, da capo alla Chiesa Romana, esso è anche un valido veicolo di in- formazione evangelica. Daltra parte,politico, si attivavano solo ed più grande! Così scrive Riccardo descritto come una personalità dai diciassette anni è presente sul il libero arbitrio è una delle grandiesclusivamente se si trattava di Muti, sulla fascetta editoriale del grandi contrasti: umile di origini, ma territorio italiano il “Progetto concessioni del cattolicesimo, ragionproblemi legati alle discariche ed libro di Bruna Chianese “Mio padre approdato, da autodidatta, alla Policoro”, che ha coinvolto anche la per cui chiunque, sia egli ateo oaltri impianti di smaltimento. Con il Sergio Bruni. La voce di Napoli”, nobiltà dellarte; completamente Diocesi di Acerra. Promosso dalla cattolico o evangelico, può trovare unpassar del tempo si è creata una retedi comitati regionale chiamata presentato presso la Sala dei Conti dedito al proprio lavoro ma sempre CEI (Conferenza Episcopale Ita- valido sostegno nellaprire una“ C o r re r i ” . S o rg e s p o n t a n e o del Castello Baronale, dove la presente nel suo ruolo di genitore; liana) e attualmente attivo in otto piccola attività commerciale, nellachiedersi: chi sono le “Donne del 29 scrittrice ha raccontato, tra teneri schivo, difficilmente malleabile, ma Regioni dellItalia Meridionale, il redazione di un curriculum vitae, oAgosto”? E qual è il loro scopo? Esse ricordi ed emozionanti aneddoti, la allo stesso tempo allegro e gioioso. Il Progetto fu voluto da Mario Operti, anche nellapprendere informazioni,sono diverse per età e professione, storia di una delle più celebri voci del racconto della Chianese è il risultato un sacerdote cuneese, già “militante” scambi di idee e contatti col mondosono casalinghe, in carriera, giovanie anziane, tutte accomunate 900. Insieme a lei, il marito, il Sen. delle testimonianze e delle col- nella GiOC (Gioventù Operaia del lavoro. Dunque presso la Casadallinteresse per il bene comune e Tancredi Cimmino, Presidente della laborazioni, oltre che di Muti, anche Cristiana), deciso a far fronte dellUmana Accoglienza il Progetto èdalla volontà di garantire alle future Fondazione “Sergio Bruni il mito”, di De Simone, Ranieri, Carosone, allincombente e “drammatica” stato ufficialmente presentato allagenerazioni un posto migliore e lo ha celebrato come “lambasciatore artisti che Bruni apprezzava, così impossibilità dei giovani di trovare comunità acerrana. I volontari hannosoprattutto più sano. Spesso le donne della canzone napoletana”. Leven- come stimati erano Battisti, Edith lavoro dopo gli studi. Il 14 Dicembre spiegato che per tutto il mese dihanno subito, soprattutto nelle lorobattaglie passate, delle discri- to, moderato dal giornalista Lello Piaf e Frank Sinatra, da lui definito, 1995, a seguito del meeting a Gennaio sarà possibile compilare unminazioni; eppure la Petrellese non Tagliamonte, è stato caratterizzato da non senza una punta di ironia, “il Policoro, in provincia di Matera, dei questionario anonimo – reperibileha mai riscontrato, nei suoi confronti, unatmosfera intima, a tratti fami- Bruni americano”. L’autrice ha poi tre grandi organi della CEI: la presso le parrocchie locali – con ilatteggiamenti simili da parte del liare. Ospite il cantante Antonio reso nota liniziativa del Comune di Pastorale Giovanile, la Pastorale al fine di carpire quali siano gli interessisesso maschile, anzi, con il passar del Siano, che ha interpretato alcuni dei Roma di intitolare il Viale delle lavoro e la Caritas, lassociazione attuali di disoccupati e sottoccupati. Atempo, nel comitato si sono inseritianche degli uomini, anche se il nome più famosi successi dellautore, tra Terme di Caracalla alla“voce di cominciò le sue attività. Limpegno Febbraio, poi, si verrà a conoscenzadel gruppo non ha ricevuto nessuna cui “Carmela”, “Palcoscenico” e Napoli”. Così lo chiamò Eduardo e del “Policoro” e degli animatori di degli orari di apertura di specialimodifica. Unaltra esponente impe- “Na Bruna”. Canzoni capaci di così Sergio Bruni è universalmente comunità, è quello di dare una sportelli e di attività ed eventignata in questa “eco-battaglia” è parlare allanima, che richiamano a conosciuto. “Questo libro è un atto concreta speranza e un supporto, organizzati dagli animatori diMaria Piscopo che, grazie alla sua quella sentimentalità popolare tipica damore per mio padre e per Napoli”, anche psicologico, a chi, purtroppo, è comunità. In tempi di crisi comecarica di Responsabile dellUfficioAmbiente, riesce a controllare i vari del vissuto napoletano. Dalle parole conclude la figlia, rimarcando il suo ancora nellattesa di trovare un posto quelli attuali, è sempre dolce alleimpianti di smaltimento dei rifiuti. di Bruna Chianese, il padre emerge affetto per lartista e luomo citato con di lavoro stabile e sicuro, intessendo orecchie sentirsi dire che “nonMa un grazie va, in generale, a tutti come un uomo completamente orgoglio ogni qualvolta che si parla fitti rapporti fra i giovani aderenti e gli esistono formule magiche per ilcoloro che, nel mondo intero, si immerso nella sua passione per la della città partenopea e del suo enti pubblici e privati operanti sul lavoro. Occorre investire nel cuore ebattono, ogni giorno per la tutela del musica, al punto da dedicare ad essa riscatto. territorio. È indiscutibile il carattere nellintelligenza delle persone!”nostro ambiente. ogni ritaglio di tempo, ogni spazio religioso del Progetto: essendo una Maria Bianca Russo della giornata, fin dal mattino, Teresa Caporale “creatura” di Associazioni che fanno Marilena Laudando
  • 5. ilcaffecorr@gmail.com 5 RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO Il doppio volto de “Linfame” Primarie AcerraneG uardare in faccia la realtà senza aver paura di dire le cosecome stanno! Questo è il senso de unalternanza di stati danimo ed emozioni che in alcuni momenti, ricchi di intensità e di pathos tagonista non cè la “gloria” auspicata dal padre, anchegli affiliato alla malavita, che avrebbe desiderato per linfamia, gli porta via anche laltro fratello, quello “buono”, che non ha mai avuto a che fare con “questa” ÈAcerra,primarie. 2005 quando, ad il 16 Ottobre del elezioni fanno il loro esordio le Ad esportare questo sistema di democrazia diretta“Linfame”, monologo scritto e drammatico, sfiorano quasi lal- il figlio un futuro da boss perché vita, “quello con la manina piccola per la scelta dei candidati è ladiretto dal regista Giovanni Meola, lucinazione, il protagonista racconta “come ogni buon padre di famiglia che fa il fornaio”, verso cui nutre un coalizione di centrosinistra: lUnio-magistralmente interpretato dallat- il suo rapporto con la criminalità vuole che il figlio faccia più strada di profondo affetto ed un innato senso di ne. Il principio di base delle primarietore Luigi Credendino, portato in organizzata. Tutto parte da una lui!”. Ma il giovane non ha “questa” protezione. Viene naturale chiedersi, è quella di allargare la base elettoralescena al “Rostocco” di Acerra. “necessità”, che trasforma i “ragazzi vocazione, egli vuole “solo” fumare, allora, quale sia, nella società odierna, di una coalizione chiamando a partecipare alla scelta del nome daLopera, pluripremiata nel corso degli che non hanno nulla da fare” in killer ed il suo ruolo allinterno del gruppo il “ruolo” dellinfame e quale signi- presentare, non solo gli iscritti ad unanni, è la “confessione” ad un spietati, situazione legata anche alla era quello di “far stare bene” gli altri. ficato vada attribuito al termine. partito, ma anche gli elettori ed imagistrato del pentito Luigi Della mancanza di luoghi di aggregazione, La sua fragilità risulterà evidente nel Realizzato in collaborazione con simpatizzanti. Una nuova forma diBona, detto Mazza e scopa, un che fanno della Camorra lunica momento in cui, dopo aver già subito “Libera”, questo dramma fa luce su legittimazione delle scelte dei partiti“pesce piccolo” della Camorra locale “valida” alternativa ad una vita una vendetta trasversale che gli ha un mondo violento, che spesso non di fronte allelettorato. Il successo di questo nuovo sistema è notevole,che, ad un certo punto, “tradisce” il altrimenti vuota. Ed è in questa portato via padre, madre, un fratello, risparmia neppure gli innocenti e che infatti sono più di quattro milioni gliclan dorigine per passare a quello circostanza che nascono anche i la sorella e “persino” il cane, lo lattore ha saputo “offrire” al pubblico elettori che si recano alle urne perrivale perché, come egli stesso dirà soprannomi che, in quel mondo, spietato mondo che egli ha tradito, e con straordinaria intensità. esprimere il proprio parere sullanella sua deposizione: “Uno, poi, servono ad identificare, “ad essere verso cui si è macchiato del “peggior scelta da fare. Dopo lesordiocerti conti in tasca se li fa!”. In qualcuno”. Tuttavia, per il pro- crimine” che possa esistere, ovvero incoraggiante, sempre il centro- Angelo Maria Castaldo sinistra decide di usare le primarie anche per la scelta dei candidati Sindaco, Presidenti di Provincia e per Natale in “Casa Pulcinella” quelli di Regione, insomma, per tutte le cariche per cui è prevista lelezione diretta. Il successo di queste elezioni è Lo show di Carmine Coppola al Castello Baronale sempre più forte, infatti non solo è netto laumento della partecipazioneIIl ricorrente evento, che dal 2001 si l ricorrente evento, che ormai dal2001 si tiene ogni anno nella Galleria tiene ogni anno nella Galleria deldel Museo di Pulcinella,èè tradizioneMuseo di Pulcinella, dellartista, proponendo uno spettacolo interessante, allinsegna della genialità e dellesclusività, cara “Chiagne Pulcinella”, unorgoglio- sa commozione; difatti da quaran- tadue anni è il “Pulcinella ufficiale”. numerica, ma è solo grazie allausilio delle primarie che riescono ad emer- gere persone fuori dai giochi delormai radicata, che saluta il vecchio radicata che saluta al popolo napoletano. Con i due La maschera, dal naso appuntito e potere come: Nichi Vendola, Rita Borsellino, Giuliano Pisapia eanno attraverso evocazioni di gerundi “Musicando e Poetando”, latteggiamento goffo, popolano e Massimo Zedda. Inoltre, a detta dipersonaggi partenopei quali: Antonio scelti come titolo della rappre- grossolano, gli è stata conferita nel molti esperti, chi vince le primarie èPetito, Raffaele Viviani e Totò. Tutti sentazione, lo spettatore viene 1980 da Gianni Crosio, suo sempre avvantaggiato nelle elezioni,pilastri portanti che hanno segnato la catapultato immediatamente in un predecessore, mentre la consa- per motivi prevalentemente mediatici.cultura teatrale e musicale della dinamico dualismo; tra poesie e crazione arriva in seguito ad un Ma a mio avviso il più grande vantaggio delle primarie è quello di“bella Napoli”. Questanno, pro- Napoli”. Questanno musiche, non a caso, si colora il incontro col grande Eduardo De garantire una vera forma di de-tagonista indiscusso è stato Giuseppe quadro del folklore partenopeo. La Filippo che, nel 1984, lo nomina mocrazia diretta agli elettori, cheC o r u l l ocommediografoo g rsceneg-Corullo, , c o m m e d i e a f o e prima parte della manifestazione ha “Pulcinella di Napoli” con una validi elementi quali Marco Spinosa, possono finalmente scegliere ilsceneggiatore napoletano, autore, ingiatore napoletano, autore, visto protagonista lErede della simbolica e rappresentativa firma Barbara de Luca, Luca Tizzano e Ciro candidato Sindaco che vogliono. Uncollaborazione con Sergio Bruni, Maschera, accompagnato dalla sulla tanto onorata Maschera. Gaglione, ed è in scena nel nostro modo per evitare il solito ricatto della partitocrazia che impone ai suoidella canzone “O schiaffier”, canzone classica napoletana, rega- Fondatore del “Gruppo Storico del Museo di Pulcinella, organizzando elettori la scelta tra la minestra ed ilnonché Direttore di due riviste: lataci da Luca Allocca e dalla sua Teatro San Carlino”, il cui nome è spettacoli destinati ad un pubblico salto dalla finestra. Insomma“Ribalta” e “6&22”. La scelta di chitarra. Non poteva mancare un ispirato allomonimo teatro di corte scolastico, per invogliare e avvicinare unarma in mano allelettore che puòricordare Corullo e la sua arte nasce dovuto riferimento a Pulcinella, allinterno di Palazzo Reale a Napoli, anche i più piccoli al mondo della iniziare a dire la sua già prima delleda Carmine Coppola, che il 30 maschera nostrana. Coppola sente esistente dal 1740 e demolito circa un tradizione napoletana. elezioni. Certo, fino ad oggi le primarie in Italia non sono state tutteDicembre scorso, con maestria, ha nella sua interpretazione, fedele e al Secolo dopo, Coppola, nelle sue rose e fiori, ci sono state delleofferto una rivisitazione dei versi tempo stesso originale, della lirica perfomance, è accompagnato da Martina Di Martino distorsioni rispetto al normale svolgimento, basti pensare al caso napoletano che solo pochi mesi fa Il re dello swing “Made in Acerra” portò ad uno scandalo nazionale. Ma una cosa è certa, nonostante tutte le possibili difficoltà che ha avuto ilR ispolverando nel libro delle memorie storiche dei per-sonaggi illustri che hanno, in qualche Venti, insieme ai genitori, e lì mise su una band con cui pubblicò ventisei dischi e tenne centinaia di concerti. del grande successo di Renato Carosone, “Torero”. Morì di infarto nel 1978, di ritorno da una tournée. tutto casuale. Sembra infatti che uno dei fondatori della pagina, ricercando sul web immagini della città di sistema, i vantaggi sono più degli svantaggi, ed è per questo che spero che il sistema faccia il suo esordiomodo, dei legami con la nostra città, si Assunto nellorchestra di Radio Nbc, Nonostante fosse molto seguito negli Pulcinella, notò la foto di questo anche ad Acerra. Un sistema cheritrova un tale Raffaele Martire. Il durante il secondo conflitto mon- States, Marterie era pressoché musicista. Dalle successive indagini, potrebbe dare la possibilità, final-nome non dirà molto, ma se si parla di diale, fu chiamato a dirigere la banda sconosciuto nella città dorigine, pare presso lArchivio Vescovile è stato mente, agli acerrani di interagire sulle scelte dei candidati a Sindaco,Ralph Marterie, le cose cambiano. Eh musicale della Marina Militare per un errore di trascrizione del- ritrovato proprio il certificato di un modo per entrare finalmente nellegià, perché dietro questultimo, una Statunitense; nel 1951, dopo un lanagrafe americana, che riportava nascita di Martire – Marterie. Una stanze dei partiti e dire la propria. Undelle star dello swing americano degli contratto con la casa discografica come città di nascita Acella, anziché pura coincidenza ha dunque restituito nuova frontiera che potrebbe essere,anni Cinquanta, si cela proprio il Mercury, fondò il suo gruppo. Tra i Acerra. Tutto ciò fino a quando, alla sua terra dorigine un “figlio quindi, il preludio per il vero e tantonostro succitato concittadino. Figlio suoi brani più noti si ricordano: la qualche tempo fa, la creazione di una dimenticato”, anzi, forse sarebbe atteso cambiamento, per un rinno- vamento e linizio di un rinascimentodi un musicista della Civic Opera cover di “Caravan”; “Pretender”, pagina Facebook dedicata alla storia meglio dire “sconosciuto”. della città.Orchestra, il “nostro” Ralph, trom- con cui vinse il suo secondo disco locale, non ha contribuito alla suabettista, emigrò a Chicago negli anni doro e una versione particolarissima “scoperta”, avvenuta in modo del Francesca Esposito Andrea Luigi Mennitto Da Tony PIZZERIA - FRIGGITORIA Corso della Resistenza, 125 - ACERRA (NA) Tel. 081 885 73 40
  • 6. adv|fratellicapone.it|0818857986
  • 7. 8 Gennaio 2012RICEVIAMO E PUBBLICHIAMOSoq...quadri da Mostra LInfernoP resso il Complesso ex Tabac- chificio Centola di Ponteca-gnano – Faiano, si è svolta la mostra C erti filosofi, che non credevano alle storie degli inferi, volevano perché la gehenna di Ennom era una valle dove si bruciavano le vittime a pace fra voi”. E disse ancora, sulla via di Gerusalemme: “Quando il padre di quale, non possedendo nulla, restituì ai figli del gran pensionario De Witt i che il popolino fosse tenuto a freno Moloch, e questa locuzione servì a famiglia sarà entrato e avrà chiuso la trecento fiorini a cui gli olandesi“Lo stato dellArte/Regione Cam-pania – Iniziativa promossa dal per mezzo di queste credenze. Così Gesù per indicare il fuoco infernale. porta, resterete fuori e picchie- mangiarono il cuore, benché nonPadiglione Italia alla Cinquan- Timeo di Locri, così lo storico politico Egli disse ancora: “Se qualcuno farà rete dicendo: <Maestro, apriteci>. avessero niente da guadagnarci.taquattresima Esposizione Inter- Polibio, che scrisse: “Linferno, scandalo ai poveri di spirito che Ed egli, rispondendo, dirà: <Nescio Quelli con cui abbiamo a che fare innazionale dArte della Biennale di inutile ai savi, è necessario allinsen- credono in me, meglio sarebbe met- vos, di dove venite?>. E allora comin- questa vita non sono come DesVenezia 2011”. Lesposizione lascia sata plebe”. La teologia giudaica del tergli al collo una ruota da mulino e cerete a dire: <Abbiamo mangiato Barreaux, che pagava di tasca suauno strascico di polemiche, in quantoè stata giudicata di basso livello dagli Pentateuco non parlò mai del- gettarlo in mare. E se la tua mano dà bevuto con te, e hai insegnato sui agli interessati una causa della qualeesperti. In effetti, già Vittorio Sgarbi, linferno; gli Ebrei non furono mai scandalo, tagliala; è meglio per te crocicchi>. Ed egli risponderà: <Ne- aveva lasciato scadere i termini. Néideatore e curatore dellevento, nella tenuti a credere in una vita futura. Gli entrare monco nella Vita, piuttosto scio vos, di dove venite? Fabbri di ini- tutte le donne sono come Nino desua introduzione, dopo aver afferma- uomini erano immersi in questo caos che andare nella gehenna del fuoco quità>. E ci sarà pianto e stridor di Lenclos, che conservava religiosa-to che “la presenza a Pontecagnano è di contraddizioni e incertezze, quando inestinguibile, dove il verme non denti, quando vedrete Abramo, mente i depositi, mentre grandiequivalente a quella di Venezia, etalvolta ha più motivato titolo per venne Gesù e confermò lantica teoria muore e il fuoco non finisce mai. E se Isacco, Giacobbe, e i profeti, e voi personaggi fingono di non ricor-considerazioni estetiche che pre- che poi divenne la base del Cristia- il tuo piede dà scandalo, tagliati il resterete fuori”. Nonostante queste darsene. Signori miei, non tutto ilscindono dalle indicazioni di un nome nesimo: annunciò un Regno dei giusti piede; perché è meglio entrare zoppo dichiarazioni, Origene e alcuni altri mondo è fatto di filosofi onesti.di <risonanza> eletto a patrono, che sarebbe venuto, e un Inferno che nella Vita, piuttosto che esser gettato non hanno creduto alleternità delle Abbiamo a che fare con una quantitàcome accade nella città lagunare”, non avrebbe mai avuto fine. Disse con tutti e due i piedi nella gehenna pene. Neanche i Sociniani ci credono. di birbanti che non hanno maiha in seguito sottolineato che “unacommissione ha proposto gli artisti chiaramente a Cafarnaum, in Galilea: inestinguibile, dove il verme non I Luterani e i Calvinisti, per quanto meditato su niente, con una folla diche io ho osservato e selezionato con “Chiunque chiama raca un suo fra- muore e il fuoco non finisce mai. E se siano anchessi fuori del seno della bruti, ubriaconi, ladri. Predicate puregrande interesse; tuttavia vari tello sarà condannato dal sinedrio; il tuo occhio dà scandalo, strappalo: Santa Chiesa, ammettono un inferno che linferno non esiste e che lanima ènominativi non rientravano nella mia ma chi lo chiamerà pazzo sarà è meglio entrare senza occhio nel senza limiti. Per illustrare questo mortale. Per parte mia, imiterò quelvisione dellarte <buona>, ma erano condannato alla gehenei eimom, Regno di Dio, che esser gettato con passo farò unesortazione ai filosofi curato di campagna che, essendoda considerarsi un superamento delpersonalismo nelle scelte”. Ciò è a gehenna del fuoco”. Questo dimostra tutti e due gli occhi nella gehenna del che negano linferno: “Signori, noi stato vergognosamente derubato deldir poco opinabile! A ben vedere, la due cose: primo, che Gesù non voleva fuoco, dove il verme non muore e il non dobbiamo passare la nostra vita suo gregge, disse dal pulpito: <Dav-qualità delle opere scelte lascia molto ci scambiassimo ingiurie, perché lui fuoco non finisce mai. Ciascuno sarà con Cicerone, Attico, Catone, Marco vero non so come sia venuto in mentea desiderare, sia per originalità, sia solo aveva il diritto, come maestro, di salato col fuoco, e ogni vittima sarà Aurelio, Epiteto, Cartesio, Newton o a Gesù Cristo di morire per canaglieper stile; inoltre, lelenco dei chiamare i prevaricatori farisei, salata col sale. Il sale è utile; ché se il Locke, con lo scrupoloso Bayle, che come voi>”.<prescelti> è cresciuto a causa dicontinue indicazioni di artisti non “razza di vipere”; secondo, che chi sale perde il suo gusto, come salerete era così al di sopra della fortuna, népresenti nel gruppo iniziale. Anche il ingiuria il prossimo merita linferno, voi? Avete in voi il sale, conservate la col virtuoso incredulo Spinoza, il Aurelio ParadisoSindaco di Pontecagnano, ErnestoSica, soddisfatto per aver accentratolattenzione sulla sua città, ha delleresponsabilità, avendo <suggerito>nomi locali, decisamente di livello I “Caporale” di Salvatore Nuzzo I “Fossili” di Valentina Corsutomediocre. Lidea originale di Sgarbiera veramente valida; prevedeva chela suddetta commissione agisse da O pere in maiolica, pastello, terracotta, matita e carboncino lo ha fatto solo per i suoi calcoli statistici. Ad esempio, quando parla Q uasi un Secolo fa Le Corbusier, noto urbanista, scriveva: realista; la sua ecletticità non si sofferma allastrattezza e al clas- attraverso le quali lartista Salvatore delle acque termali di Suessola, cita “Questi frammenti di elementi sicismo dei dipinti, anzi, abbracciasupporto per la segnalazione di tuttiquegli artisti che, dopo essere stati da Nuzzo ricostruisce la figura del le malattie guarite grazie ai bagni naturali, pezzetti di pietra, fossili, tutte le altre arti figurative, fino alui osservati e selezionati, fossero di nostro illustre concittadino Gaetano presso le fonti nostrane, ma le elenca schegge di legno, cose martorizzate coinvolgere anche la scultura e ladiritto inseriti nellelenco; ma le Caporale, nella sua personale esposta in modo distaccato e solo per ri- dagli elementi, raccattate lungo il scenografia. Assolutamente originalipressioni reiterate e lingerenza di presso la Biblioteca Comunale. portare quante persone ne hanno bordo del mare […], che esprimono i separè realizzati interamente achi, operando a Salerno, poteva Allinaugurazione erano presenti: il tratto beneficio”. Ha spostato leggi fisiche, lusura, lerosione, lo mano, tenui e delicati i disegniesercitare un certo potere, hannopermesso di <deformare> e dilatare Dott. Eustachio Paolicelli, Pre- lattenzione sullartista il critico darte scoppio... non solo hanno qualità ottenuti con i colori a pastello. Lail numero dei concorrenti, in modo sidente del Centro di Cultura “Acerra Sciascia, che ha sottolineato la scultoree, ma anche uno straordi- suggestione è, però, forte e vibrantetale che ogni giorno la lista cambiava Nostra”, il Dott. Tommaso Esposito, “straordinaria capacità” di Salvatore nario potenziale poetico”. E pare che nel preciso istante in cui ci si accorgeed alcuni erano immessi persino dopo appassionato di storia e tradizioni Nuzzo “di cogliere il valore della Valentina Corsuto sia stata guidata di essere accompagnati dallala presentazione alla stampa. Non si locali, e il critico della Reggia di persona, reso attraverso il volto dalla stessa ispirazione dellarchitetto celestiale musica di Einaudi conpuò, quindi, ancora una volta noncriticare quella perenne voglia di Caserta Carlo Roberto Sciascia. severo e gli occhi pensierosi, uno svizzero, allestendo una mostra dal “I giorni”, che sembra far luce su di<esserci> comunque ed ovunque si “Caporale è stato lo storico più sguardo accigliato che non si limita a titolo emblematico, “Fossili”. Le un piccolo capolavoro, allestito conrealizzi qualche evento di maggiore importante della città, egli ha guardare le cose in modo super- opere della giovane artista sono state evidente meticolosità: rami secchi,risonanza, pur non avendo i requisiti. allattivo oltre cinquanta pubbli- ficiale, ma va alla ricerca di elementi esposte dal 20 al 30 Dicembre, al sospesi, quasi bruciati dal sole, comeMa lesserci è stato in molti casi, la cazioni su temi diversi, ma solo atti a dimostrare una teoria supe- Teatro Rostocco. Valentina Corsuto dei fossili, i cui colori si confondonoconstatazione della scarsa qualitàdellopera. In effetti, per loro sarebbe quattro/cinque solo le più note – ha riore, che va oltre la realtà sensibile. ha già alle spalle un bagaglio non con quelli artificiali delle luci. Lastato preferibile non esserci e non fare affermato Paolicelli – eppure a lui Le opere restituiscono il dialogo indifferente di esperienze: diplomata Corsuto ha voluto creare opere cheuna magra figura. Una notazione hanno fatto riferimento tutti gli intimo dello storico con il mondo allIstituto dArte “Bruno Munari”, restassero quasi cristallizzate, maimportante da fare è che in molti si acerrani che parlano di Acerra!”. Ha circostante. Ancora una volta Nuzzo laureanda allAccademia di Belle Arti che, al tempo stesso, registrassero ilsono <lanciati> ad esaltare la mostra proseguito lex Sindaco Esposito che ha cercato di valorizzare la propria a Napoli, nel 2008 collabora con cambiamento sensibile, i “graffi del(spesso anche senza averne le realicompetenze e le dovute capacità...) e ha dichiarato: “Credo che Gaetano terra, attraverso lavori su personag- Teresa Margolles e dal 2010 con vento” e i “mutamenti di quel chelo stesso hanno fatto con alcuni Caporale non abbia mai fatto il gi illustri locali, e ciò è importante in Art/Beat. La sua prima mostra fu verrà” di un mondo che oggi èartisti, guarda caso, proprio con i medico, semplicemente perché non un periodo in cui si è perso linteresse dedicata proprio allartista milanese “martoriato” e violentato dalle aber-salernitani!!! gli piaceva; lo dimostra il fatto che per le proprie radici”. Munari. Oggi Valentina preferisce ranti scelte degli uomini. ha scritto di tutto tranne che di una pittura tendenzialmente di Carlo Roberto Sciascia Medicina, e, laddove ne ha parlato, Teresa Caporale ispirazione caravaggesca e sur- Marilena Laudando Farmacia MAIORINOOMEOPATIA - ERBORISTERIA - COSMETICA - DIMAGRANTI - ALIMENTI PER CELIACI - ORTOPEDIA - SANITARIA PREPARAZIONI GALENICHE E MAGISTRALI - PRODOTTI PER L’INFANZIA - INTEGRATORI ALIMENTARI Via Leonardo Da Vinci, 20 (angolo Via C. Battisti) - Acerra (NA) - Telefax 081 520 92 28