Your SlideShare is downloading. ×
0
Mendel maria
Mendel maria
Mendel maria
Mendel maria
Mendel maria
Mendel maria
Mendel maria
Mendel maria
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Mendel maria

588

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
588
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. • Gregor Johann Mendel (Hynčice, 22 luglio 1822– Brno, 6 gennaio1884) è stato un biologo, matematico e un frate agostinianoceco, considerato il precursore della moderna genetica per le sueosservazioni sui caratteri ereditari.• Il nome "Gregor" - con cui oggi è universalmente noto - è quello cheassunse dopo la professione religiosa. Johann Gregor Mendel avevadue sorelle, una minore Veronika e laltra maggiore Theresia[3].Erano figli di un contadino di Hynčice, una voltaHeinzendorf, dove Johann nacque il 20 luglio 1822. Durantelinfanzia lavorò come giardiniere, ma fin dalladolescenza sognavadi essere ritenuto degno della memoria dei posteri ed era pertantoconsapevole del fatto che il mondo contadino non gli si addiceva.Così, conclusa letà infantile, decise di intraprendere gli studipresso il ginnasio di Troppau, oggi Opava, dopo il quale frequentòper due anni un istituto filosofico ad Olmütz, oggi Olomouc. Lapermanenza nella nuova città risultò difficile, in quanto Mendelera privo di denaro, di casa e ostacolato anche dal problema dellalingua.
  • 2. • Nel 1843 Mendel fece ingresso nel monastero di San Tommaso aBrunn accolto dai frati agostiniani e dallabate Cyrill Napp. lìpoteva finalmente dedicarsi allo studio delle sue disciplinepreferite (matematica, botanica, meteorologia), e, in un clima dipiena libertà, si laureò sia in biologia sia in matematica.• Trascorsi cinque anni felici a San Tommaso, Mendel fu ordinatosacerdote il 6 agosto 1847. Nel 1849 cominciò a insegnare in unascuola media a Znaim : nella città si sottopose allesame perdiventare professore, che superò solo dopo numerosi fallimenti ebocciature. Nel 1851 quando Napp gli concesse la possibilità diiscriversi allUniversità imperiale di Vienna Mendel seppesfruttare pienamente loccasione e divenne quasi subito assistenteallistituto di fisica, ruolo riservato agli studenti migliori.• Nel 1853 Mendel conobbe Andreas von Ettingshausen e FranzUnger, linfluenza dei quali fu determinante per lo sviluppo delsuo esperimento sui piselli rugosi: il primo gli spiegò la teoriacombinatoria, il secondo le tecniche più avanzate diimpollinazione artificiale.
  • 3. • Dopo anni trascorsi a Vienna, nel luglio del 1853 Mendeltornò al monastero come professore, principalmente difisica, matematica e biologia. Lì sviluppò le sue doti diricercatore e scienziato, fondamenti della sua attivitàfutura nel monastero di Brno. Mendel amava dedicarsi allameteorologia (pubblicò diversi lavori al riguardo) e allortodellabbazia, dove scoprì le caratteristiche variabili dellepiante, svelando dopo molti anni di lavoro i meccanismidellereditarietà. Gregor Mendel, oggi conosciuto un poimpropriamente come il "padre della geneticamoderna", per compiere i suoi esperimenti coltivò eanalizzò durante i sette anni di esperimenti circa 28.000piante di piselli; successivamente impegnò un biennio perelaborare i suoi dati, che portarono a tre generalizzazioniche divennero in seguito famose come Leggidellereditarietà di Mendel.
  • 4. • La prima legge di Mendel o legge della dominanzadei caratteri dice che: La prima generazione diibridi, cioè figli di due diverse razze pure, fascomparire il carattere recessivo, sul quale ilcarattere dominante ha la prevalenza.
  • 5. La seconda legge di Mendel o legge della separazionedei caratteri dice che : nella seconda generazionedi ibridi ricompare il carattere recessivo, nelrapporto di circa 1:3 rispetto al caratteredominante.
  • 6. • La terza legge di Mendel o legge dell’ indipendenzadei caratteri dice che: Ogni carattere, sempredeterminato da una coppia di fattori, si trasmetteai figli indipendentemente rispetto a tutti glialtri.

×