Mara del Baldo, docente della Facoltà di Economia dell’Università Carlo Bo: Laboratorio sulla RSI nelle PMI

1,457 views
1,367 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,457
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
28
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Mara del Baldo, docente della Facoltà di Economia dell’Università Carlo Bo: Laboratorio sulla RSI nelle PMI

  1. 1. La responsabilità sociale d’impresa Laboratorio sulla RSI nelle PMI Prof.ssa Del Baldo Mara Dott.ssa Palazzi Federica con la collaborazione di Confindustria Pesaro Gruppo Giovani Industriali Urbino, 14 marzo 2007
  2. 2. Il concetto di responsabilità sociale d’impresa (RSI) Fattori genetici della RSI Disastri ecologici Globalizzazione e crescente divario tra ricchi e poveri Diritti umani e diritti dei lavoratori Scandali e fallimenti aziendali Diffusione di cultura e movimenti ambientalisti Necessità di governare il fenomeno Maggiori attenzioni a: pari opportunità, sicurezza, lavoro minorile, soggetti svantaggiati Esigenza di correttezza e trasparenza
  3. 3. Il concetto di responsabilità sociale d’impresa (RSI)  “Integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali ed ecologiche delle imprese nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate”. (Libro Verde della Commissione delle Comunità Europee, 2001)
  4. 4. L’evoluzione del concetto di responsabilità sociale d’impresa (RSI)
  5. 5. Il concetto di responsabilità sociale d’impresa (RSI)  SVILUPPO SOSTENIBILE (sustainable development)  CITTADINANZA D’IMPRESA (corporate citizenship)  MULTIDIMENSIONALITA’ (triple bottom line) Tre Concetti di sintesi:
  6. 6. Il concetto di responsabilità sociale d’impresa (RSI) Triple Bottom Line Insieme di scelte adottate per raggiungere determinati obiettivi di sviluppo, assicurando la soddisfazione di chi impiega risorse nell’impresa senza pregiudicare i diritti delle future generazioni.
  7. 7. Le dimensioni della RSI ( Libro Verde Commissione Europea) DIMENSIONE INTERNA all’azienda AMBITO DI APPLICAZIONE POSSIBILI MISURE CORRELATE  Gestione delle risorse umane Istruzione e formazione continua, livelli retributivi, orari di lavoro, pratiche non discriminatorie, prospettive di inserimento professionale, ecc…  Salute e sicurezza nel lavoro Adempienza alle normative cogenti in materia; adozione volontaria di misure volte alla prevenzione e quindi alla migliore sicurezza e protezione della salute sul luogo di lavoro  Adattamento alle trasformazioni Attenzione alla partecipazione e coinvolgimento delle parti interessate; adozione di politiche di riconversione professionale; impegno a favore dell’occupazione locale  Gestione delle risorse naturali e degli effetti sull’ambiente Riduzione nel consumo delle risorse, delle emissioni inquinanti e dei rifiuti; adozione di sistemi di gestione ambientale e audit convalidabili da enti accreditati
  8. 8. Le dimensioni della RSI ( Libro Verde Commissione Europea) DIMENSIONE ESTERNA all’azienda AMBITO DI APPLICAZIONE POSSIBILI MISURE CORRELATE  Comunità locali Sensibilità verso la tutela della comunità locale (assunzione personale, salvaguardia ambiente…); creazione di partnership; sponsorizzazoni manifestazioni, donazioni  Partnerships commerciali, fornitori e consumatori Selezione fornitori in base ad attributi correlati all’etica d’impresa e persuasione all’applicazione dei principi di RSI; creazione di rapporti durevoli con clienti, incentrati su sicurezza, affidabilità e servizi superiori  Difesa dei diritti umani Rispetto delle disposizioni nazionale ed internazionali in merito; adozione volontaria di codici condotta relativi al rispetto di tali diritti  Problematiche ambientali a livello planetario Miglioramento delle prestazioni ambientali lungo tutta la catena produttiva; impegno allo sviluppo sostenibile
  9. 9. I benefici per le imprese Le opportunità derivanti dalle politiche di RSI: • miglioramento della reputazione e valorizzazione di immagine; • acquisizione di competitività (fidelizzazione / acquisizione clienti); • miglioramento dei rapporti con la comunità locale e con le Istituzioni; • aumento dell’attrattività per la forza lavoro; • miglioramento del clima interno con riflessi sulla produttività; • qualificazione delle relazioni con le istituzioni finanziarie.
  10. 10. Gli strumenti di comunicazione della RSI RSI: da valore potenziale a valore effettivo Comportamento socialmente responsabile Creazione di valore potenziale per l’impresa Corretta comunicazione Creazione di valore effettivo per l’impresa Conseguimento di benefici I principali strumenti di comunicazione del comportamento socialmente responsabile Certificazioni sociali (SA 8000, Norme ISO, ecc…) Codice eticoBilancio sociale
  11. 11. Gli strumenti di comunicazione della RSI I principali vantaggi Certificazioni socialiCodice eticoBilancio sociale Possono essere validi per diverse tipologie di imprese e per diversi settori produttivi Se utilizzati correttamente contribuiscono alla reputazione dell’impresa creando fiducia verso l’esterno Se utilizzati correttamente contribuiscono a migliorare il clima aziendale e a rendere l’azienda maggiormente appetibile per la forza lavoro Flessibilità Interfacciabilità Miglioramento immagine Possono essere funzionalmente integrati con altri sistemi normativi Miglioramento clima interno
  12. 12. Gli strumenti di comunicazione della RSI I principali limiti Certificazioni sociali Codice etico Bilancio sociale Assente Assente Oneroso Rischio di Onerosità Discrezionale Discrezionale Audit esterno Costi Rapporto con stakeholders Coinvolgimento insufficiente (es: SA 8000) Rischio di burocraticità e formalità Oneroso (ISO in particolare) Grado di copertura dei vari aspetti Discrezionale Discrezionale Incompleto e su standard minimi
  13. 13. + Il bilancio sociale  Strumento per valutare e rendere conto periodicamente dei risultati dell’attività aziendale nella loro dimensione sociale, ambientale ed etica.  Completamento delle informazioni del bilancio d’esercizio.  Potenziale strumento gestionale, in grado di migliorare l’organizzazione interna e portare ad una conduzione d’impresa meno spontaneista.  Strumento utile per rafforzare la legittimazione sociale dell’impresa sia al proprio interno, sia verso gli interlocutori esterni.  Strumento di comunicazione in grado di rendere possibile la formazione di cultura condivisa.  Strumento dotato di notevole efficacia dal punto di vista RELAZIONALE e STRATEGICO (individuazione degli stakeholders rilevanti e ottimizzazione dei rapporti con essi).
  14. 14. Il bilancio sociale  Documento ancora in fase dinamica, in via di formazione (“cantiere aperto”).  Redazione non vincolata a regole o norme particolari.  Pluralità di dottrine attinenti alla disciplina della rendicontazione che porta ad un disorientamento delle imprese.  Sviluppo non omogeneo nei diversi paesi.  Rischio di utilizzo opportunistico del documento (self serving).  Elevato costo in termini di risorse organizzative e finanziarie. 
  15. 15. La RSI nelle Piccole Medie Imprese (PMI) PMI: un ruolo di primo piano nell’economia europea Le PMI operanti nei paesi membri dell’Unione Europea sono circa 18 milioni, ossia il 99,8% del totale delle imprese esistenti. Le PMI costituiscono il 66% della forza lavoro e producono il 55% del fatturato complessivo. Il 60-80% dei posti di lavoro creati tra il 1992 e il 1997 proviene da PMI e imprese artigianali. L’occupazione femminile e giovanile a tempo parziale impiegata nelle PMI è maggiore rispetto a quella delle grandi imprese. Dati riferiti all’anno 2000 (Eurostat e Commissione europea)
  16. 16. La RSI nelle Piccole Medie Imprese (PMI) Caratteristiche delle PMI che agevolano l’assunzione di politiche di RSI: - Riconoscibilità - Approcciabilità - Enfasi sulla persona - Flessibilità Profondo radicamento nel contesto socio- economico locale. Imprenditore facilmente identificabile e raggiungibile direttamente. Rapporti imprenditore-interlocutori caratterizzati da ampio coinvolgimento interpersonale. Ruolo centrale dell’imprenditore nelle decisioni. Facilità di adattamento ai cambiamenti sociali e ambientali.
  17. 17. La RSI nelle Piccole Medie Imprese (PMI)  GESTIONE DEI COLLABORATORI attenzione alla qualità del lavoro e all’ambiente di lavoro (flessibilità orario lavoro, formazione, trasparenza nei rapporti contrattuali, sistema di premi e incentivi, informalità nei rapporti, uguaglianza, ecc..).  COMUNITA’ LOCALI interventi diretti a rispondere alle esigenze e ai bisogni della comunità ospitante (ad es.: donazioni, sponsorizzazioni).  RAPPORTI CON FORNITORI E CLIENTI trasparenza ed eticità dei rapporti con gli stessi, attenzione alla salute e al benessere del cliente (investire sull’immagine, creazione di rapporti fiduciari).  GESTIONE RISORSE/AMBIENTE adozione di prassi rispettose dell’ambiente (utilizzo di materie prime provenienti da fonti rinnovabili o prive di residui inquinanti, uso di fonti energetiche alternative, riduzione emissioni inquinanti, ecc...). Principali ambiti di applicazione della RSI nelle PMI
  18. 18. La RSI nelle Piccole Medie Imprese (PMI)  SCARSITA’ DELLE RISORSE difficoltà nel reperimento di risorse finanziarie e difficoltà nell’attrarre e/o trattenere i collaboratori più competenti e capaci.  STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEMPLICE semplicità strutturale non solo nelle dimensioni ridotte, ma anche nelle funzioni e competenze presenti.  GESTIONE SPESSO ISTINTIVA, SPONTANEISTA iniziative di RSI hanno i caratteri dell’occasionalità, senza procedure di pianificazione e programmazione.  MAGGIORE VULNERABILITA’ ECONOMICA scarsa propensione negli investimenti con ritorni nel medio-lungo termine. I PROBLEMI
  19. 19. La RSI nelle Piccole Medie Imprese (PMI) Le proposte della Commissione Europea aiutare le PMI ad una migliore comprensione dell'impegno sociale ed ambientale già posto in essere; promuovere lo scambio e la diffusione delle best practices (ad esempio, tramite pubblicazioni, librerie on-line di buone pratiche, ecc) identificate con l’aiuto di studiosi, ricercatori e di organizzazioni rappresentative delle PMI o anche associazioni dei consumatori; facilitare lo sviluppo e la diffusione di strumenti di semplice utilizzo e adatti alle esigenze delle PMI che intendano attuare o sviluppare ulteriormente azioni socialmente responsabili su base volontaria; attirare l’attenzione delle associazioni di categoria o di organismi d’aiuto e assistenza, per consentire loro la partecipazione alle azioni di sostegno alle iniziative di gestione responsabile in seno alle PMI; facilitare la cooperazione tra le grandi imprese e le PMI nella gestione della responsabilità sociale e ambientale (gestione della catena di approvvigionamento, programmi di consulenza, ecc.).
  20. 20. L’impegno sociale nelle PMI italiane • Ricerca realizzata da ISVI (Istituto per i Valori d’impresa) in collaborazione con Doxa e conclusasi nel gennaio 2003. • Metodo CATI (Computer Aided Telephone Interviews). • Campione elaborato da Unioncamere e costituito da 427 PMI (secondo la definizione della UE), suddivise tra quattro aree geografiche del territorio italiano (Nord-Ovest, Nord-Est, Centro, Sud e Isole), più un ulteriore campione di 60 aziende di dimensione maggiore (251-500 dipendenti). • Gli aspetti analizzati dalla ricerca: - rapporti col personale; - rapporti con la comunità; - corporate governance; - rapporti con clienti e fornitori; - salute, sicurezza, ambiente; - orientamento culturale verso la RSI; - strumenti per comunicare la RSI;
  21. 21. PRINCIPALI RISULTATI EMERSI (1^ Parte) » Lento ma progressivo incremento del numero di PMI impegnate in pratiche di RSI. » L’attenzione alla RSI cresce all’aumentare delle dimensioni, ma in molte aree d’intervento la distanza delle PMI rispetto alle più grandi è assai limitata. » In generale i rapporti col personale sono ben presidiati dalle PMI e viene confermato un loro profondo radicamento nel territorio. » Vi sono tuttavia ampi spazi di miglioramento per le PMI relativi alle seguenti dimensioni: relazioni interne (rapporti di lavoro, sistema di governance, ecc..), relazioni esterne (rapporti con la comunità, controllo della supply chain, marketing sociale, ecc.), tematica ambientale (risparmio energetico, riciclabilità, emissioni inquinanti, ecc.). » I nuovi strumenti di comunicazione della RSI (codice, bilancio sociale, certificazione sociale), prevalentemente adottati per volontà dei vertici aziendali, hanno una diffusione tuttora limitata, ancorché in crescita. » Tra imprese piccole e grandi le differenze riguardano più gli strumenti che i comportamenti. L’impegno sociale nelle PMI italiane
  22. 22. PRINCIPALI RISULTATI EMERSI (2^ Parte) » Le PMI dell’area nord-orientale mostrano una maggiore sensibilità ai temi della responsabilità sociale. » Non si denotano sostanziali differenze di comportamento tra PMI del settore industriale e quello dei servizi. » I motivi di tipo etico continuano ad essere il principale fattore che spinge le imprese ad essere socialmente responsabili, tuttavia si rafforza la consapevolezza dei benefici prodotti dalla responsabilità sociale in termini di competitività. » Gli ostacoli all’impegno sociale maggiormente percepiti dalle PMI sono soprattutto la mancanza di tempo e l’impatto sui costi. » Il decollo della RSI sembra dipendere dalla capacità di connettere/dimostrare la convenienza economica dell’impegno sociale. Viene confermata quindi l’importanza di: • politiche pubbliche che premino la RSI; • ricerche tese a misurare la correlazione tra impegno sociale e performance economiche; • favorire un adattamento degli strumenti di RSI alle esigenze/necessità delle PMI. L’impegno sociale nelle PMI italiane
  23. 23. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa Campione di 20 imprese selezionate in collaborazione con Assindustria di Pesaro. Criteri di selezione: aziende di piccola e media dimensione. Indagine effettuata tramite questionario a risposta chiusa (multiple choice), formulato ispirandosi alla tipologia Minnesota test utilizzato dalle FF. AA. Area oggetto di indagine: distretto industriale della provincia di Pesaro Urbino. Periodo di riferimento: giugno e luglio 2004. OBIETTIVO: verificare la conoscenza del concetto di RSI e il livello di coinvolgimento in pratiche di responsabilità sociale nelle imprese dislocate nell’area di riferimento.
  24. 24. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa CATEGORIA N° DIPENDENTI FATTURATO Composizione del campione Microimprese Inferiori a 10 / 3 Piccole imprese Da 10 a 49 7 milioni di euro 7 Medie imprese Da 50 a 249 40 milioni di euro 5 Imprese rifiutatesi a collaborare……………………………………. 5 I NUMERI DEL CAMPIONE 15 su 20 (75%) 5 su 20 (25%) Suddivisione del campione per settore produttivo delle 15 imprese • Metalmeccanico • Industria del mobile 3 imprese • Artigianato 2 imprese • Industria chimica 1 impresa • Minerario • Moda • Stampe, grafiche, edit. • Industria navale 1 impresa5 imprese “ “ “
  25. 25. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa LO STATO DI CONOSCENZA SULLA RSI • Il 67% del campione dichiara di conoscere il concetto di RSI. • Solamente il 30% è a conoscenza dell’esistenza del LIBRO VERDE della Comunità Europea (principale fonte di informazione: Associazioni di categoria). • Coinvolgimento in RSI giudicato positivamente nel complesso: opportunità per migliorare la gestione delle risorse (53%), opportunità per una maggiore visibilità (40%). • Solo 2 casi (su 15) di imprese a conoscenza di altre realtà produttive impegnate in attività di RSI.
  26. 26. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa L’IMPEGNO IN AZIONI E STRUMENTI DI RSI • Le imprese impegnate in politiche di RSI sono ancora in minoranza: 6 casi sul campione di 15. • La dimensione influisce su tale fenomeno: 5 dei suddetti 6 casi sono stati riscontrati in imprese con organico superiore alle 50 unità. • Impegno in prima persona del proprietario nella totalità dei casi (riluttanza verso consulenza). • Obiettivi ricercati: migliori relazioni con la comunità e le istituzioni (27%), miglioramento dell’immagine e della reputazione (28%). • Politiche di RSI: nessuna ripercussione in materia di reperimento di finanziamenti, di risorse umane e nei rapporti con clienti/fornitori, ma notevole contributo al consolidamento della cultura aziendale. • Scarso il ricorso a strumenti di comunicazione della RSI. Tra le 6 imprese socialmente responsabili si rilevano: 2 casi di codice etico, 1 di certificazione sociale e ben 3 casi di nessun strumento utilizzato.
  27. 27. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa L’IMPEGNO IN AZIONI E STRUMENTI DI RSI PMI e bilancio sociale, le ragioni di un rapporto difficile: • Mancanza di chiarezza circa le modalità operative…………...………..38% • Eccessivo dispendio di risorse richiesto……………………...…….…..33% • Difficoltà organizzative………………………………...……………....21% • Rischio di esporsi troppo al pubblico….………………………...………4% • Altro………………………………………………………….…………. 4% PMI e bilancio sociale, le opinioni sull’utilità: • Strumento utile, ma sostituibile con altri (certific., codici condotta)......60% • Strumento dalle elevate potenzialità strategico-comunicative….…........33% • Documento superfluo...………………………………………...……..….7% Il bilancio sociale
  28. 28. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa L’IMPEGNO IN AZIONI E STRUMENTI DI RSI PMI e le caratteristiche che agevolano la RSI approccio relazionale verso gli interlocutori esterni 14% altro 5% radicamento nel contesto locale socio- economico 32% flessibilità delle decisioni e scelte operativo- strategiche 14% conoscenze interpersonali interne ed esterne 35% I maggiori ostacoli alla RSI per le PMI esistenza di altre priorità 6% risorse finanziarie limitate 20% scetticismo sui risultati 14%mancanza di tempo 11% resistenze culturali 11% mancanza di competenze professionali 23% mancanza di appoggio istituzionale 15% Gli ostacoli I punti di forza
  29. 29. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa L’IMPEGNO IN AZIONI E STRUMENTI DI RSI Le iniziative sociali Iniziative sociali realizzate abitualmente dalle PMI gite, tornei per dipendenti 3% donazioni di vario genere 22% programmi di formazione professionale complementare 14% sponsorizzazione di manifestrazioni, sagre, ecc… 21% nessuna 5% sponsorizzazione di squadre sportive 21%sostegno di progetti a favore di studenti 14% N. dipendenti N. imprese del campione Casi di RSI dichiarati Casi di iniziative sociali riscontrati (donazioni, sponsorizzazioni) Sotto i 10 3 - 2 Da 10 a 49 7 2 6 Da 50 a 249 5 4 5 TOTALE 15 6 13
  30. 30. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa L’IMPEGNO IN AZIONI E STRUMENTI DI RSI • Richiesta di incentivi da parte dell’ente pubblico per favorire un maggiore impegno in RSI. In particolare: . vantaggi fiscali (46%), concessione di finanziamenti agevolati (33%), priorità in bandi e appalti (13%), promozione di collaborazioni tra imprese (8%). PMI: maggiore coinvolgimento in RSI in caso di incentivi da parte dell'ente pubblico? 60% 40% si no non so
  31. 31. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa CATEGORIA N° DIPENDENTI FATTURATO Composizione del campione Microimprese Inferiori a 10 / 3 Piccole imprese Da 10 a 49 7 milioni di euro 7 Medie imprese Da 50 a 249 40 milioni di euro 5 Imprese rifiutatesi a collaborare……………………………………. 5 I NUMERI DEL CAMPIONE 15 su 20 (75%) 5 su 20 (25%) Suddivisione del campione per settore produttivo delle 15 imprese • Metalmeccanico • Industria del mobile 3 imprese • Artigianato 2 imprese • Industria chimica 1 impresa • Minerario • Moda • Stampe, grafiche, edit. • Industria navale 1 impresa5 imprese “ “ “
  32. 32. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa (anno 2003) LO STATO DI CONOSCENZA SULLA RSI • Il 67% del campione dichiara di conoscere il concetto di RSI. • Solamente il 30% è a conoscenza dell’esistenza del LIBRO VERDE della Comunità Europea (principale fonte di informazione: Associazioni di categoria). • Coinvolgimento in RSI giudicato positivamente nel complesso: opportunità per migliorare la gestione delle risorse (53%), opportunità per una maggiore visibilità (40%). • Solo 2 casi (su 15) di imprese a conoscenza di altre realtà produttive impegnate in attività di RSI.
  33. 33. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa L’IMPEGNO IN AZIONI E STRUMENTI DI RSI • Le imprese impegnate in politiche di RSI sono ancora in minoranza: 6 casi sul campione di 15. • La dimensione influisce su tale fenomeno: 5 dei suddetti 6 casi sono stati riscontrati in imprese con organico superiore alle 50 unità. • Impegno in prima persona del proprietario nella totalità dei casi (riluttanza verso consulenza). • Obiettivi ricercati: migliori relazioni con la comunità e le istituzioni (27%), miglioramento dell’immagine e della reputazione (28%). • Politiche di RSI: nessuna ripercussione in materia di reperimento di finanziamenti, di risorse umane e nei rapporti con clienti/fornitori, ma notevole contributo al consolidamento della cultura aziendale. • Scarso il ricorso a strumenti di comunicazione della RSI. Tra le 6 imprese socialmente responsabili si rilevano: 2 casi di codice etico, 1 di certificazione sociale e ben 3 casi di nessun strumento utilizzato.
  34. 34. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa L’IMPEGNO IN AZIONI E STRUMENTI DI RSI PMI e bilancio sociale, le ragioni di un rapporto difficile: • Mancanza di chiarezza circa le modalità operative…………...………..38% • Eccessivo dispendio di risorse richiesto……………………...…….…..33% • Difficoltà organizzative………………………………...……………....21% • Rischio di esporsi troppo al pubblico….………………………...………4% • Altro………………………………………………………….…………. 4% PMI e bilancio sociale, le opinioni sull’utilità: • Strumento utile, ma sostituibile con altri (certific., codici condotta)......60% • Strumento dalle elevate potenzialità strategico-comunicative….…........33% • Documento superfluo...………………………………………...……..….7% Il bilancio sociale
  35. 35. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa L’IMPEGNO IN AZIONI E STRUMENTI DI RSI PMI e le caratteristiche che agevolano la RSI approccio relazionale verso gli interlocutori esterni 14% altro 5% radicamento nel contesto locale socio- economico 32% flessibilità delle decisioni e scelte operativo- strategiche 14% conoscenze interpersonali interne ed esterne 35% I maggiori ostacoli alla RSI per le PMI esistenza di altre priorità 6% risorse finanziarie limitate 20% scetticismo sui risultati 14%mancanza di tempo 11% resistenze culturali 11% mancanza di competenze professionali 23% mancanza di appoggio istituzionale 15% Gli ostacoli I punti di forza
  36. 36. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa L’IMPEGNO IN AZIONI E STRUMENTI DI RSI Le iniziative sociali Iniziative sociali realizzate abitualmente dalle PMI gite, tornei per dipendenti 3% donazioni di vario genere 22% programmi di formazione professionale complementare 14% sponsorizzazione di manifestrazioni, sagre, ecc… 21% nessuna 5% sponsorizzazione di squadre sportive 21%sostegno di progetti a favore di studenti 14% N. dipendenti N. imprese del campione Casi di RSI dichiarati Casi di iniziative sociali riscontrati (donazioni, sponsorizzazioni) Sotto i 10 3 - 2 Da 10 a 49 7 2 6 Da 50 a 249 5 4 5 TOTALE 15 6 13
  37. 37. PMI della provincia di Pesaro Urbino e RSI: un’indagine esplorativa L’IMPEGNO IN AZIONI E STRUMENTI DI RSI • Richiesta di incentivi da parte dell’ente pubblico per favorire un maggiore impegno in RSI. In particolare: . vantaggi fiscali (46%), concessione di finanziamenti agevolati (33%), priorità in bandi e appalti (13%), promozione di collaborazioni tra imprese (8%). PMI: maggiore coinvolgimento in RSI in caso di incentivi da parte dell'ente pubblico? 60% 40% si no non so
  38. 38. PMI e RSI: alcune prime riflessioni » RSI: opportunità di rilevanza strategica pure per le PMI. » PMI penalizzate da limitate risorse finanziare e risorse umane, ma avvantaggiate da qualità specifiche che si conciliano con la RSI. » PMI caratterizzate da un impegno sociale tanto concreto, quanto poco visibile o inconsapevole (“RSI sommersa”). » Politica di comunicazione del comportamento sociale carente, non efficace. » Necessità di coinvolgere le PMI in un percorso a tappe: • acquisizione consapevolezza del proprio potenziale; • valorizzazione della cosiddetta RSI sommersa; • sistematicità delle attività socialmente responsabili; • creatività nella ricerca delle pratiche di RSI. » Ruolo cruciale delle istituzioni e delle associazioni di categoria nel creare le condizioni ideali per avviare le PMI nel suddetto percorso.
  39. 39. PMI della provincia di Ascoli Piceno e RSI: un’indagine esplorativa 25 aziende Composizione del campione per settore di appartenenza delle imprese intervistate Calzature 36% Alimentare 12% Accessoristi 4% Trasporti e Logistica 8% Sanità Privata 8% Legno 4% Metalmeccanico 21% Edilizia 4% Chimica, gomma, plastica 4%
  40. 40. La conoscenza del concetto di responsabilità sociale d'impresa Non la conosce 28% La conosce 72%
  41. 41. Modalità di diffusione del concetto di RSI Clienti 17% Fornitori 11% Concorrenti 6% Banche e istituti finanziari 28% Associazioni di categoria 39% Istituzioni 28% Università e centri di ricerca 33% Riviste, letture, tesi 22% Media 6% Internet 17%
  42. 42. 17% 11% 6% 28% 39%28% 33% 22% 6% 17% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% Clienti Fornitori Concorrenti Banche e istituti finanziari Associazioni di categoria Istituzioni Università e centri di ricerca Riviste/letture/tesi Media Internet Interlocutori e strumenti di conoscenza della RSI
  43. 43. 8% 0% 40% 40% 44% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45% Un costo aggiuntivo Un aspetto trascurabile Un'opportunità per gestire meglio le risorse Un'opportunità per migliorare immagine e reputazione Un'opportunità per contribuire alla costruzione dell'ambiente socio-economico L'orientamento in pratiche ed azioni di responsabilità sociale
  44. 44. L’importanza del settore di appartenenza, delle dimensioni aziendali e dell’orientamento dell’imprenditore nell’adozione di pratiche socialmente responsabili Ritiene che l'adozione di pratiche e strumenti di responsabilità sociale d'impresa dipenda: N. Imprese % Dal settore di appartenenza e dal tipo di attività svolta 9 27% Dalle dimensioni dell'impresa 9 27% Dall'orientamento innato dell'imprenditore e/o del management verso la gestione responsabile 15 46% Totale frequenze 33 100%
  45. 45. L'impegno in azioni e strumenti di responsabilità sociale L'impegno in azioni e strumenti di responsabilità sociale N. Imprese % Imprese che adottano pratiche di RSI 10 40% Imprese che non adottano pratiche di RSI 15 60% Totale 25 100%
  46. 46. Opinioni in merito al bilancio sociale N. Imprese % E' un documento superfluo rispetto ad altri che già l'impresa deve produrre 0 0 E' uno strumento che possiede elevate potenzialità per comunicare la strategia dell'impresa e che completa le informazioni fornite tramite il bilancio ufficiale 16 64% E' un documento utile ma sostituibile con altri di pari efficacia 9 36% Totale 25 100%
  47. 47. Motivazioni che hanno portato all'adozione di pratiche di RSI Motivazioni Ordine di priorità % Priorità alta Priorità media Priorità bassa Miglioramento immagine e reputazione 75% 13% 13% Miglioramento rapporti con clienti e/o fornitori 40% 40% 20% Miglioramento relazioni con istituzioni e comunità 50% 25% 25% Miglioramento relazioni con finanziatori 0 0 0 Miglioramento relazioni con il personale 0 50% 50% Possibilità di sviluppare nuove strategie 0 80% 20% Necessità di tenere il passo con la concorrenza 0 0 0 Sollecitazione da parte degli stakeholder 0 0 0 Totale imprese
  48. 48. Motivazioni che hanno portato all'adozione di pratiche di RSI 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Miglioramento immagine e reputazione Miglioramento rapporti con clienti e/o fornitori Miglioramento relazioni con istituzioni e comunità Miglioramento relazioni con finanziatori Miglioramento relazioni con il personale Possibilità di sviluppare nuove strategie Necessità di tenere il passo con la concorrenza Sollecitazione da parte degli stakeholder Motivazioni che hanno portato all'adozione di pratiche di RSI per ordine di priorità Priorità alta Priorità media Priorità bassa
  49. 49. Effetti sul rapporto con la clientela Aumento delle vendite e nuovi clienti 40% Fidelizzazione della clientela 60% Decremento delle vendite 0 Nessuna variazione 20% Totale imprese 10 Effetti sul rapporto con i fornitori La qualità delle forniture è migliore 20% La qualità della relazione con i fornitori e l'affidabilità è migliore 50% Nessuna variazione 30% Totale imprese 10
  50. 50. Effetti sulla gestione delle risorse umane E’ migliorato il clima sociale 60% E’ aumentata la produttività 10% Si è rafforzata la cultura aziendale e il senso di appartenenza 90% Sono aumentati i conflitti e le tensioni interne 0 Nessuna variazione 0 Totale imprese 10
  51. 51. 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90%100% Attenzione alla qualità dei processi produttivi, alle materie prime, alle caratteristiche del prodotto Rispetto e miglioramento delle condizioni di lavoro Tutela delle diverse categorie di lavoratori Attenzione al risparmio/riciclo di fonti energetiche Valorizzazione dell'ambiente socio-economico Iniziative di utilità generale Principali ambiti di applicazione della RSI per ordine di priorità Priorità alta Priorità media Priorità bassa
  52. 52. Le iniziative di RSI Organizzazione di gite, tornei ecc.. per dipendenti 5% Donazioni di vario genere 14% Partecipazione a programmi di formazione professionale complementare 11% Sponsorizzazione di manifestazioni culturali ecc.. 21% Partecipazione a programmi di ricerca 5% Sostegno di progetti a favore di studenti 14% Sostegno di progetti culturali 14% Sponsorizzazione di squadre sportive 16%
  53. 53. L'utilizzo degli strumenti di comunicazione della RSI Bilancio ambientale 7% Codice etico 20% Bilancio sociale 13% Comunicazione solo informale 27% Certificazioni (Iso, SA8000, altro..) 33%
  54. 54. 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Bilancio sociale Codice etico Bilancio ambientale Certificazioni (Iso, SA8000, ecc..) Comunicazione solo informale Gli strumenti di comunicazione della responsabilità sociale per ordine di priorità Molto importante Abbaastanza importante Poco importante
  55. 55. Fattori che hanno ostacolato l'adozione di pratiche di RSI Mancanza di risorse professionali 18% Resistenze culturali interne 8% Mancanza di tempo 18% Mancanza di risorse finanziarie 24% Scetticismo sull'utilità dei risultati 5% Resistenze culturali esterne 0%Mancanza di un appoggio istituzionale 13% Esistenza di altre priorità 3% Mancanza di informazioni 11%
  56. 56. 93% 13% 33% 40% 20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Previsione di vantaggi fiscali Riconoscimento di priorità in bandi/appalti Previsione di finanziamenti agevolati Il fatto che la RSI diventi un oblbigo per legge La promozione di accordi collaborativi tra imprese Possibili incentivi all'adozione di pratiche socialmente responsabili: il parere degli intervistati
  57. 57. PMI e RSI: riflessioni conclusive » RSI: opportunità di rilevanza strategica pure per le PMI. » PMI penalizzate da limitate risorse finanziare e risorse umane, ma avvantaggiate da qualità specifiche che si conciliano con la RSI. » PMI caratterizzate da un impegno sociale tanto concreto, quanto poco visibile o inconsapevole (“RSI sommersa”). » Politica di comunicazione del comportamento sociale carente, non efficace. » Necessità di coinvolgere le PMI in un percorso a tappe: • acquisizione consapevolezza del proprio potenziale; • valorizzazione della cosiddetta RSI sommersa; • sistematicità delle attività socialmente responsabili; • creatività nella ricerca delle pratiche di RSI. » Ruolo cruciale delle istituzioni e delle associazioni di categoria nel creare le condizioni ideali per avviare le PMI nel suddetto percorso.
  58. 58. Alcuni riferimenti bibliografici  Ansoff. H. I et alii (1984), Strategia sociale dell’impresa, Etas, Milano  Baldarelli M.G., Le aziende eticamente orientate, Clueb, Bologna  Commissione delle Comunità Europee (2002) COM 366 def. Libro Verde, 19.07.2001  Commissione delle Comunità Europee (2002) COM 347 def. RSI delle imprese, 07.02.2002  GBS (2001), Principi di redazione del bilancio sociale, Milano  Hinna L. (2002), Il bilancio sociale, Il Sole 24 Ore, Milano  Matacena A. (1984) Impresa e ambiente. Il bilancio sociale, Clueb, Bologna,  Viviani M. (1999), Lo specchio magico. Il bilancio sociale e l’evoluzione delle imprese, Il Mulino, Bologna Fine

×