Depression day 2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Depression day 2010

on

  • 1,058 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,058
Views on SlideShare
1,058
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
12
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Il piano di trattamento deve essere condiviso dal paziente. Il paziente deve sapere quale è il possibile esito della depressione non tratta, i vantaggi e gli svantaggi (effetti collaterali) del trattamento ed i probabili tempi della remissione sintomatologica. Il paziente viene corresponsabilizzato, chiedendogli di essere molto scrupoloso nella assunzione delle terapie e vigile nel segnalare eventuali cambiamenti, anche iatrogeni. La verifica della compliance, in questo contesto, non risulta fiscale ma al contrario propositiva. Perché il paziente possa collaborare alla motorizzazione del decorso della depressione è necessario individuare un linguaggio comune, che tenga conto delle modalità con cui il paziente esperisce soggettivamente e comunica il proprio stato psichico.
  • E’ di fondamentale importanza informare il paziente che l’episodio depressivo è un episodio di malattia acuto, che è basato su alterazioni biologiche significative e che richiede trattamenti specifici. Non è raro vede persone affette da depressione che peggiorano il proprio stato e rischiano serie conseguenze ostinandosi a “farcela da solo”. Questo accade quando il paziente non è consapevole di essere affetto da un sindrome clinica e attribuisce i sintomi ad una forma di debolezza del carattere o di mancanza di determinazione che quindi vuole combattere. E’ necessario far capire al paziente che, anche se il suo malessere è nato da uno stress o da un fatto negativo della vita, tuttavia questo stress ha determinato la comparsa di una sindrome depressiva, che richiede riposo e cure mediche. Il paziente va anche informato che i farmaci antidepressivi disponibili al giorno d’oggi consentono, se usati correttamente, di risolvere la maggior parte dei casi. Il paziente, inoltre, può avere una attitudine negativa verso gli psicofarmaci, temendo che possano causare sedazione e perdita di lucidità e, soprattutto, indurre dipendenza. Occorre spiegare al paziente che mentre le benzodiazepine, oggettivamente abusate dalla classe medica italiana, possono causare dipendenza, gli antidepressivi non comportano questo problema. E’ necessario illustrare al paziente quali sono gli effetti terapeutici degli antidepressivi e quali sono i loro possibili effetti collaterali, ed anche che si tratta di un trattamento a termine, di durata nella maggior parte dei casi prevedibile.
  • Il piano di trattamento deve essere condiviso dal paziente. Il paziente deve sapere quale è il possibile esito della depressione non tratta, i vantaggi e gli svantaggi (effetti collaterali) del trattamento ed i probabili tempi della remissione sintomatologica. Il paziente viene corresponsabilizzato, chiedendogli di essere molto scrupoloso nella assunzione delle terapie e vigile nel segnalare eventuali cambiamenti, anche iatrogeni. La verifica della compliance, in questo contesto, non risulta fiscale ma al contrario propositiva. Perché il paziente possa collaborare alla motorizzazione del decorso della depressione è necessario individuare un linguaggio comune, che tenga conto delle modalità con cui il paziente esperisce soggettivamente e comunica il proprio stato psichico.
  • Le forma più gravi di depressione richiedono un intervento a sostegno della famiglia. Nei casi gravi, la sofferenza del paziente depresso travalica la dimensione individuale per divenire un problema della famiglia. La depressione può infatti indurre modificazioni del comportamento in famiglia (affettività, aggressività, disinteresse) o modificazioni della vita economica e sociale del paziente che si ripercuotono anche sulla famiglia. La famiglia necessita in questi casi di aiuto. In primo luogo i familiari potranno meglio aiutare il paziente se sono adeguatamente informati sulla condizione clinica, il piano di trattamento, le prospettive per il futuro ed i bisogni del paziente. Inoltre, può essere necessario accogliere e sostenere anche lo stress dei familiari.

Depression day 2010 Depression day 2010 Presentation Transcript

  • Con il patrocinio di e la collaborazioni di La Giornata Europea sulla Depressione - 2010
  • Lo scopo della “Giornata sulla Depressione” :
    •  
    • coordinata in Europa dall’associazione EDA ( ”European Depression Association ) , consiste nell’attirare l’attenzione di tutti sul fatto che la depressione:
    • - si può e si deve diagnosticare,
    • - si può e si deve curare,
    • - le informazioni diffuse devono essere validate.
    • Vincenzo Costigliola
    • Presidente EDA e EDA Italia Onlus
  • EDA Italia Onlus Soci Fondatori: Vincenzo Costigliola - Presidente Giuseppe Tavormina - Segretario Gabriella Ferrari - Vice-presidente Sabrina Milardi - 2° Vice-presidente Dominique Tavormina - Tesoriere Maurilio Tavormina - Dir. Editoriale/stampa Marilisa Amorosi - Coord. Gruppi Auto-Aiuto Marcello Nardini - Coord. Comitato Scientifico Guido Di Sciascio - Coord. Comitato Scientifico Ferdinando Pellegrino - Coord. per i Progetti Enza Maierà - Coord. fra le Associazioni Italiane Sergio Tartaglione - Collegio Probiviri Calogero Anzallo - Collegio Probiviri www.edaitalia.org
  •                                                 1 Infezioni respiratorie 1 Cardiopatie ischemiche 2 Malattie diarroiche 2 Depressione 3 Condizioni perinatali 3 Incidenti automobilistici 4 Depressione 4 Malattie cerebrovascolari 5 Cardiopatie ischemiche 5 COPD 6 Malattie cerebrovascolari 6 Infezioni respiratorie 7 Tubercolosi 7 Tubercolosi 8 Morbillo 8 Guerra 9 Incidenti automobilistici 9 Malattie diarroiche 10 Anomalie congenite 10 HIV Stima 1990 Proiezione 2020 Murray JL et al, Lancet, 1997; 349: 1436-1442 CAUSE di DISABLITA ’ secondo l ’ OMS
  • Tema del 2004: ”Conto alla rovescia al 2020 !” Tema del 2005: ”La Depressione: qual è il miglior approccio?” Tema del 2006: ”Malinconia e ansia: cosa sono e cosa significano? ” Tema del 2007: ”Vincere la depressione: i giovani e la vita” Tema del 2008: ”Emozioni e depressione nelle fasi della vita ” Tema del 2009: ”Le depressioni: spesso non viaggiano da sole...”
  • “ Popolosi deserti e depressione” Tema del 2010 :
  • Depressione riconosciuta (1 su 4 pz) Depressione non diagnosticata (20%) Pazienti depressi che non cercano l’aiuto del medico (80%)
  • Nell’arco della propria vita una persona su cinque sviluppa un disturbo dell’umore Frequenza dei disturbi dell’umore
  • Prevalenza della depressione
    • Il 5% della popolazione soffre di depressione
    • Il 10% ha sofferto almeno una volta nella vita di depressione
    • I casi di depressione tra le donne sono il doppio che tra gli uomini
    • La prevalenza della depressione è la stessa in differenti paesi, culture e classi sociali
  • Le cause della Depressione Cause genetiche Familiarità Stress protratto / carenze affettive ulteriore diminuzione di neurotrasmettitori ( serotonina , noradrenalina , dopamina ) in aree cerebrali
  • Eventi di vita
    • Alcuni eventi della vita comportano un significativo rischio di depressione :
      • perdita di persone amate e significative
      • assistenza ai malati
      • perdita del lavoro, trasferimenti
      • cambiamenti di ruolo e posizione (gravidanza, pensionamento o cambiamenti nel lavoro o in famiglia)
      • conflitti cronici
      • difficoltà economiche, superlavoro
      • mancanza di supporto
      • malattie fisiche croniche
  • MODELLO INTEGRATO
    • DEPRESSIONE
    • Fattori biologici, psicologici
    • ed ambientali
  • Il “depresso” è...: TRISTEZZA ECCITAZIONE un soggetto in cui la normale oscillazione del tono dell’umore si blocca stabilmente nell’area della tristezza per almeno due settimane
  • TRATTAMENTO della DEPRESSIONE
    • Farmacoterapia
    • Psicoterapia
    • Riabilitazione psicosociale
    • Ospedalizzazione
  • TERAPIA FARMACOLOGICA
    • Antidepressivi
    • Stabilizzatori del tono dell’umore
    • Neurolettici, “Atipici” e “Tipici”
    • Ansiolitici (come sintomatici)
  • Fasi del trattamento della depressione Acuta Continuazione Mantenimento Fasi di trattamento Ricaduta Guarigione Remissione Sintomi Sindrome Recidiva Progressione del disturbo Risposta Eutimia Peggioramento Recidiva da : Kupfer et al., 1985
  • Gestione della Depressione Alleanza terapeutica
    • Lo Psichiatra deve essere il medico di riferimento . E’ cruciale una forte alleanza terapeutica con il paziente. Lo psichiatra deve prestare attenzione alla relazione con il paziente cosi come con i suoi familiari.
    • Attribuire un ruolo attivo del paziente ed eventualmente della famiglia.
    • Validazione delle esperienze del paziente .
  • Gestione della Depressione Informazione
    • La depressione è una malattia con alterazioni biologiche significative
    • La depressione non è segno di debolezza o di pigrizia
    • La depressione non può essere vinta con uno atto di volontà ( devo farcela da solo! )
    • Sono oggi disponibili trattamenti efficaci
  • Gestione della Depressione Aderenza alla terapia
    • I medici dovrebbero incoraggiare i pazienti ad esprimere chiaramente le loro preoccupazioni rispetto all’ aderenza alla terapia ed enfatizzare l’importanza della collaborazione per un trattamento efficace.
    • L’aderenza si migliora anche riconoscendo gli effetti collaterali dei trattamenti e condividendo il disagio che causano al paziente
    • Spiegare la prognosi positiva
  • Gestione della Depressione Supporto alla famiglia
    • La famiglia, soprattutto nelle forme più gravi di depressione, è ampiamente coinvolta :
      • Il cambiamento del comportamento del paziente crea disagio e sofferenza, soprattutto se non è chiaro che è dovuto ad una malattia
      • I familiari possono preoccuparsi molto
      • I cambiamenti e la assistenza la paziente possono logorare emotivamente i familiari
      • Lo stress può creare in famiglia tensioni e conflitti che certamente aggravano la malattia del paziente
  • EDA Italia ONLUS Associazione Italiana sulla Depressione sede : Piazza Portici, 11 - Provaglio d’Iseo (BS) - tel/fax : 030 9882061 e-mail : [email_address] sito web : www.edaitalia.org