• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
La tassazione sulla casa nel 2014
 

La tassazione sulla casa nel 2014

on

  • 3,134 views

L'effetto combinato di imu e tasi nel 2014 costerà 29 miliardi ai contribuenti, con un aggravio di 19 miliardi rispetto al 2011. A fare i conti è stata Confedilizia che ha analizzato l'andamento ...

L'effetto combinato di imu e tasi nel 2014 costerà 29 miliardi ai contribuenti, con un aggravio di 19 miliardi rispetto al 2011. A fare i conti è stata Confedilizia che ha analizzato l'andamento della fiscalità sugli immobili negli ultimi tre anni

Statistics

Views

Total Views
3,134
Views on SlideShare
1,025
Embed Views
2,109

Actions

Likes
0
Downloads
8
Comments
0

2 Embeds 2,109

http://www.idealista.it 2106
https://www.facebook.com 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    La tassazione sulla casa nel 2014 La tassazione sulla casa nel 2014 Document Transcript

    • UFFICIO STAMPA FRA 23 E 29 MILIARDI IL RISCHIO IMU-TASI DEI PROPRIETARI DI CASA Le tabelle predisposte dall’Ufficio Studi della Confedilizia illustrano l’aggravio di tassazione abbattutosi sui proprietari di casa a partire dal 2012, primo anno di applicazione – nell’ambito della versione sperimentale dell’Imu – dei moltiplicatori catastali previsti dalla manovra Monti, per i quali la stessa legge istitutiva prevedeva che avessero un carattere di provvisorietà. Fino al 2011, infatti, l’Ici era applicata su una base imponibile che era di gran lunga inferiore rispetto a quella adottata a partire dal 2012. Per le abitazioni, in particolare, il moltiplicatore da applicare alla rendita catastale ai fini del calcolo dell’imposta è passato nel 2012 da 100 a 160, con un aumento – quindi – del 60 per cento. I moltiplicatori Monti sono stati posti a base dell’Imu anche nel 2013 ed essi costituiranno – se il disegno di legge di stabilità non sarà modificato – anche la base di tassazione per il 2014 sia ai fini dell’Imu sia ai fini della Tasi. Come indicato nelle tabelle allegate, l’abnorme aumento della base imponibile catastale dato dall’utilizzo dei moltiplicatori Monti, ha provocato – nel solo anno 2012 – il versamento da parte dei proprietari di casa di maggiori imposte per 14,5 miliardi di euro rispetto al 2011 e di ulteriori 10,8 miliardi di euro nel 2013, sempre rispetto al 2011, per un totale di 25,3 miliardi. Nel 2014, se il disegno di legge di stabilità non sarà modificato, le maggiori imposte dovute potranno variare – per effetto del combinato disposto della reiterata applicazione dei moltiplicatori Monti e dell’introduzione della Tasi – da un minimo di 39,9 miliardi a un massimo di 45,2 miliardi, in ragione delle aliquote che saranno applicate dai singoli Comuni. Il Presidente della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, ha dichiarato: “Il mercato immobiliare è in piena sofferenza e questo condiziona la ripresa. Siamo l’unico Paese che proprio per questo non l’ha agganciata. Ove l’immobiliare cresce, la ripresa è già da tempo partita. La proprietà edilizia ha corrisposto in tre anni 53 miliardi di euro e la legge di stabilità prevede che ne paghi, nel solo 2014, 23,8 nel caso, del tutto improbabile, che tutti i Comuni applichino l’aliquota minima del’Imu-bis, e addirittura 29,1 nel caso in cui i Comuni applichino l’aliquota massima. Le maggiori imposte relative agli anni 2012-2014 per effetto dei moltiplicatori Monti e dell’istituzione dell’Imu-bis ammonterebbero a 39,9 miliardi nell’ipotesi minima e a 45,2 miliardi nell’ipotesi di applicazione dell’aliquota massima da parte dei Comuni. E’ indispensabile una decisa inversione di tendenza, con un ritocco – perlomeno – dei moltiplicatori Monti e il ripristino della Service tax decisa dal Governo il 28 agosto, al posto del’Imu-bis prevista invece dalla legge di stabilità, sempre basata sui moltiplicatori Monti”. Roma, 6 novembre 2013 UFFICIO STAMPA CONFEDERAZIONE ITALIANA PROPRIETA’ EDILIZIA 00187 ROMA – Via Borgognona, 47 – Tel. 06/679.34.89 (r.a.) - 06.699.42.495 (r.a.) – Fax 06/679.34.47 – 679.60.51 www.confedilizia.it www.confedilizia.eu Componente per l’Italia della UNION INTERNATIONALE PROPRIÉTÉ IMMOBILIÈRE
    • GETTITO ICI 2011 9,2 miliardi GETTITO IMU 2012 (primo anno di applicazione dei moltiplicatori Monti) 23,7 miliardi (+ 14,5 miliardi rispetto al 2011) GETTITO IMU 2013 (secondo anno di applicazione dei moltiplicatori Monti) 20 miliardi* (+ 10,8 miliardi rispetto al 2011) GETTITO IMU-TASI 2014 (terzo anno di applicazione dei moltiplicatori Monti) IPOTESI CON TASI ALL’ALIQUOTA MINIMA Tasi Imu (Abitazioni principali A1, A8 e A9 e immobili diversi dall’abitazione principale) 3,8 miliardi** Totale 23,8 miliardi Variazione 2011-2014 + 14,6 miliardi (+ 159%) 20 miliardi* GETTITO IMU-TASI 2014 (terzo anno di applicazione dei moltiplicatori Monti) IPOTESI CON TASI ALL’ALIQUOTA MASSIMA Tasi Imu (Abitazioni principali A1, A8 e A9 e immobili diversi dall’abitazione principale) 9,1 miliardi 20 miliardi* Totale 29,1 miliardi Variazione 2011-2014 + 19,9 miliardi (+ 216%) Maggiori imposte dovute a seguito dell’introduzione dei moltiplicatori Monti Anni 2012 e 2013 25,3 miliardi (14,5 + 10,8) Maggiori imposte dovute a seguito dell’introduzione dei moltiplicatori Monti e dell’istituzione della Tasi Anni 2012-2013-2014 Ipotesi minima = 39,9 miliardi (14,5 + 10,8 + 14,6) Ipotesi massima = 45,2 miliardi (14,5 + 10,8 + 19,9) * Arrotondamento del dato Imu 2012 ** Stima della relazione tecnica al disegno di legge di stabilità Fonte: Confedilizia-Ufficio Studi