• Like
5 aprile 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
330
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. 5 Aprile 2011 MartedìAttigliano – Jerez de La FronteraFinalmente eccoci a questo 5 aprile che tutti noi,studenti e professoresse, aspettavamo con tanto Salire sul treno per laeroporto ci sembraentusiasmo. Alle 6.00, ancora un po insonnoliti, impossibile e invece ….!siamo tutti pronti alla stazione di Attigliano per Il treno arriva in perfetto orario e noi, in modoprendere il treno, tutti tranne, purtroppo, David ordinato, ci presentiamo al check-in con tutti iche sta male e sua mamma, quasi in lacrime, è lì documenti necessari e ci accettano tutti, maa dirci che non potrà essere dei nostri. Il tempo proprio tutti!stringe e, tra un saluto, un abbraccio e un bacio,quasi non ci accorgiamo che il treno staarrivando, il papà di Francesco Berretta, per A questo punto le prof. e la preside sono moltofortuna, ci aiuta con i bagagli e …. siamo a più tranquille e ci avviamo al controllobordo! documenti. Alessandro si dimentica di riprendere lo zaino, ma cè un motivo: la sua attenzione èArrivati alla stazione Roma Tiburtina dobbiamo stata attratta da un personaggio famoso, “venite,aspettare qualche minuto per prendere il treno guardate chi cè ….che ci porterà a Fiumicino, ma ora siamo tutti unpo più svegli e abbiamo voglia di scherzare! è Fabio Capello! Corri, andiamo a chiedergli lautografo”. “No, ragazzi ora …, e va bene dai”. E così abbiamo anche incontrato una personalità
  • 2. prima del nostro volo. Davvero il viaggio inizia fame, tutti abbiamo fame! Il tempo di una foto dibene e tutti siamo felici fino a quando non gruppo e poi via verso il cibo!vediamo dove dobbiamo salire: “E quello è il Ora ci sentiamo meglio e siamo pronti per ilnostro aereo? Ma è piccolo! Piccolo? secondo volo da Madrid a Jerez.Piccolissimo!” Arrivati finalmente a ….Insomma con un po di incredulità ciimbarchiamo, e, dopo le spiegazioni sulle misuredi sicurezza, momento sempre scomodo, si partedavvero! In aereo siamo bravi, come ci hannoraccomandato le prof., ma non possiamo fare ameno di notare la bellezza folgorante dellehostess spagnole che con tanta cura e gentilezzaci offrono snack e bibite e già siamo con lamente a Jerez dalle nostre amiche e amicispagnoli. ci precipitiamo alla ricerca delle nostre valigie, ne vediamo passare alcune: “Ci sarà la mia? E la mia? Speriamo di sì, altrimenti chi mi presta i vestiti?”Nonostante le perplessità, viste le dimensionidellaereo, arriviamo senza intoppi a Madrid ed Si, si le valigie ci sono tutte e, dopo pochi minuti, sfilano una dietro laltra sul nastro trasportatore dellaeroporto di Jerez in attesa di essere prese. E ora che abbiamo le valigie che si fa? “Io devo andare la bagno”; “Io mi devo rifare il trucco”; “Io ancora non lho presa” …. Insomma siamo ancora lì ad organizzarci sottoora il nostro stomaco ci ricorda che abbiamo gli sguardi divertiti degli assistenti di terra e
  • 3. delle guardie di finanza spagnole con i loro cani e pure un gran bel rinfresco, su una tavolameravigliosi. apparecchiata con tovaglie rosse, bianche e verdiIntanto, da fuori, ogni volta che si aprono leporte si sentono voci che si spegnono dopo pochi e dello stesso colore sono anche i bicchieri e isecondi, ma finalmente ci decidiamo ad uscire tovaglioli, ma … un momento, un momento, none… è ancora ora di mangiare!sono tutti qui che ci aspettano!Ci salutiamo, ormai, come vecchi amici e iragazzi salgono ognuno nellauto della propria La preside Elena ci accoglie con il cappellanofamiglia mentre i prof. nellauto dei loro colleghi don Francisco e Sara. Il discorso è in spagnolospagnoli Sara, Carlos e Asunción per dirigerci ma non facciamo fatica a capire le sue parole ditutti al Colegio Compañía de María dove ci benvenuto.hanno preparato una sorpresa, solo la prima delletante! Ed ora lo spettacolo organizzato per noi inizia con lesecuzione al flauto della melodia da “LaHanno allestito un angolo con i libri e i lavori vita è bella” e prosegue con un balletto delleche abbiamo regalato loro quando sono venuti in nostre dolcissime amiche spagnole.Italia,
  • 4. Al termine, anche la nostra preside pronuncia un Il viaggio è stato molto bello perchébreve discorso di ringraziamento sottolineando non avevo mai viaggiato in aereo.che questo progetto ci ha dato e ci darà la Alla f ne ero un po stanco e lapossibilità di migliorare nella comunicazione tra famiglia è stata molto ospitaleculture diverse utilizzando la lingua inglese, (Alessandro).spagnola e italiana ma soprattutto si augura che,attraverso la comunicazione, possiamo creare Non ho mai viaggiato in aereo ed èlegami di amicizia duraturi nel tempo. stata la mia prima volta. Allinizio ero molto tesa poi, devo dire, che mi piaceva talmente da non volerne più scendere. Arrivati a Jerez Ana e la sua famiglia è stata molto gentile e ospitale con me (Alessia). Il viaggio è stato molto lungo e duro. Arrivati a Jerez sono stato accolto benissimo, come non mi sarei aspettato (Marco). Il viaggio è stato lungo e mi ha fatto annoiare un po, ma alla fne ne è valsa la pena. Larrivo a JerezEd ora davvero si mangiano quei meravigliosi è stato molto entusiasmante, rivedere tutti, spero che questidolcetti che le mamme e le nonne hannopreparato per noi e, nel frattempo, anche le prof. giorni non passino mai (Flavio).si rilassano e chiacchierano con le loro amichespagnole. E stata una giornata impegnativa e faticosa ma ne è valsa la pena (Valerio). Mi mancano già i miei parenti e la mia famiglia, ma sono stata molto bene con quella di Ludy … sono molto gentili (Gaia). Nella famiglia di Belen si sta benissimo, i suoi genitori sono gentilissimi, spero che questi giorni non passino troppo velocemente (Rachele). I nostri commenti Il viaggio è stato lungo, ma ancheIl viaggio è stato molto duro ma molto divertente; non ero mai stataarrivati qui ho trovato un paesaggio su un areo prima ed è statabellissimo (Antonio). unesperienza unica. Il paesaggio era magnifco e la mia famiglia mi haQuando sono partito lunica cosa di accolto benissimo (Federica).cui avevo paura era di nonmangiare bene ma sono rimastosoddisfatto (Gianmarco).