• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Venezia camp base-mc
 

Venezia camp base-mc

on

  • 271 views

Presentation of the I-CLEEN (www.icleen.museum) project of the Museum of Sciences of Trento, Italy. A collaborative information gateway of Open Ediucational Resources for active learning of Earth ...

Presentation of the I-CLEEN (www.icleen.museum) project of the Museum of Sciences of Trento, Italy. A collaborative information gateway of Open Ediucational Resources for active learning of Earth System Sciences

Statistics

Views

Total Views
271
Views on SlideShare
271
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Venezia camp base-mc Venezia camp base-mc Presentation Transcript

    • Il progetto I-CLEENUn servizio collaborativo per sostenere la diffusione della didattica attiva Venezia 12 Aprile 2012 Matteo Cattadori mcattadori@gmail.com
    • Presentazione relatoreMatteo Cattadori• Insegnante di Scienze dal 1989 al 2006• 2006 Insegnante italiano-embedded in una spedizione scientifica antartica internazionale e con scopi paleoclimatici (ANDRILL)• Dal 2008. Docente in utilizzo presso la Sezione Servizi Educativi (gruppo Ricerca e Sviluppo) del Museo delle Scienze di Trento
    • Obiettivo della relazione1. Sul mestiere dell’insegnante di scienze2. Il servizio I-CLEEN
    • Sul mestiereSul METODO DI INSEGNAMENTO (com’è) ref Cavalli 2000“ Per gli insegnanti di scienze intervistati i fattori determinanti per sviluppare attività sperimentali sono sostanzialmente la disponibilità dei laboratori e la preparazione del docente.” ref. Greco 2010
    • Sul mestiereSul METODO DI INSEGNAMENTO (come dovrebbe essere) Ref European Commission 2007 E così la scienza invece di essere esperienza e teoria insieme, resta solo gnoseologia Ref Berlinguer 2008
    • Sul mestiereSulla COLLABORAZIONE PROFESSIONALE ref Cavalli 2000
    • Sul mestiereSul SUPPORTO PROFESSIONALE ref Cavalli 2000
    • Sul mestiere dell’insegnante di ScienzeConclusioniGli insegnanti di scienze• usano prevalentemente metodi di insegnamento passivi• subiscono pressioni crescenti (sia esterne che interne) alla realizzazione di lezioni attive• per realizzare lezioni attive avrebbero bisogno di tempo per la preparazione• assistono a una continua contrazione del tempo extra-orario (< ore x classe, > classi x insegnante, > studenti x classe)• lavorano in un contesto con supporto e collaborazione professionale scarso e/o non sempre disegnato sulle loro reali esigenze
    • MUSEO DELLE SCIENZE di TRENTO• 6 sedi territoriali in Trentino e 1 in Africa (Tanzania)• 9 dipartimenti (7 ricerca, 1 eventi, 1 servizi per la scuola)• Servizi per la scuola: Attivo dal 1990, 50k studenti x anno, 1100 insegnanti, oltre 200 attività Un gateway informatico (sperimentale) e collaborativo di risorse per la didattica attiva sui temi delle Scienze del Sistema Terra.
    • ICLEEN – Descrizione generale FINANZIATO da Museo delle Scienze di Trento e Dipartimento Istruzione Prov.Aut.di TN avvio del progetto nel Settembre 2008. ONLINE da Dicembre 2009 STAFF EDITORIALE: 5 insegnanti di scienze (TN, PR, FI, PO) che lavorano online e in presenza gruppo dei REVISORI SCIENTIFICI (MTSN, INGV, UNITN) sviluppo software: ditta YMIR srl - Trento
    • ICLEEN - Metodi Un repository FATTO DA insegnanti e ricercatori... ...su un RANGE SPECIFICO di argomenti scientifici (Clima e Energia/Scienze del Sistema Terra)... ..realizzato seguendo BPRACTICES (DLESE, LRE, OER), lineeguida & manuali (DESIRE, SPREAD), e STANDARDS , (LOM, DCMI) sotto supervisione dell INDIRE. Attingendo a RISORSE MULTIPLE (esperienze degli insegnanti, MTSN, NSTA, IODP) e di differente natura (NON solo ICT) Ponendo attenzione alla PORTABILITA’ dell’esperienza didattica Le risorse sono pubblicate con uno/più “DOCUMENTI DI SUPPORTO” realizzati su modelli originali e pubblicati con licenza Ccommons (OER - qualità vs quantità) Primo esempio di strumento di questo tipo gestito interamente da Liferay
    • ICLEEN EsempiUn laboratorio “tradizionale” (da fare anche in classe) - COMPLETO Un laboratorio “tecnologico” - COMPLETO Una lezione collaborativa - COMPLETA Una semplice segnalazione
    • ICLEEN EsempiUn laboratorio “tradizionale” (da fare anche in classe) - COMPLETO Un laboratorio “tecnologico” – anche con LIM Una lezione learning-with- data – anche per CLIL
    • ICLEEN - Risultati• dati Google Analitycs – 25 VISITORI UNICI per giorno (valore medio dal 2010-oggi). – permanenza media del visitatore 4’20” (valore medio dal 2010-oggi) – 10k DOWNLOAD DI DOCUMENTI / mese (valore medio dal 2010-oggi)• Due STUDI della Università di Trento: usabilità/accessibilità e efficacia del progetto (Sociologia e Human-Machine Interaction)• VINCITORE dell’ e-Learning Award 2010 (EU Schoolnet)• I-CLEEN è stato INCLUSO nei seguenti repositories: OPAL (Open Educational Quality Initiative) e SCIENTIX
    • Riferimenti www.icleen.museum mcattadori@gmail.com1. Cavalli A., “Gli insegnanti nella scuola che cambia”, Società Editrice Il Mulino Studi e Ricerche, Bologna, 2000.2. Berlinguer, L. (2008). Conferenza Stampa Laboratori scientifici. Presentazione dati e statistiche della prima ricerca censuaria e campionaria realizzata in Italia Roma, 23 Aprile 2008 – CNR.3. Hofman e Worsford “Selection criteria for Quality controlled information gateways” October, 1999 http://www.ukoln.ac.uk/metadata/desire/quality/4. DESIRE Information Gateways Handbook http://www.desire.org/handbook/5. SPreaD - Strategic Project Management Tool-Kit for Creating Digital Literacy Initiatives http://wiki.spread-digital-literacy.eu/6. Dublin Core Metadata Initiative http://dublincore.org/7. Draft Standard for Learning Object Metadata IEEE 1484.12.1-2002 Institute of Electrical and Electronics Engineers Standards Association, New York8. DLESE Digital Library for Earth System Education http://www.dlese.org/library/index.jsp9. LRE Learning Resource Exchange for Schools http://lreforschools.eun.org/LRE-Portal/Index.iface10. OER Commons Open Educational Resources http://www.oercommons.org/11. ODP Ocean Drilling Project http://www-odp.tamu.edu/12. NSTA National Science Teaching Association http://www.nsta.org/13. Scientix The community for Science Education in Europe http://www.scientix.eu14. OPAL. Open Education Quality Initiative http://opal.innovationpros.net15. European Commission (2007) Science Education NOW: A renewed Pedagogy for the Future of Europe. Directorate General for Research. http://ec.europa.eu/research/science-society/document_library/pdf_06/report-rocard-on-science-education_en.pdf.16. European Commission (2010) Common European Principles for Teacher Competences and Qualifications. Directorate General for Education and Culture. http://ec.europa.eu/education/policies/2010/doc/principles_en.pdf.17. Greco R (2010) Reinventare il laboratorio. Ricerca-azione sulla didattica laboratoriale delle Scienze della Terra: analisi e prospettive. phD thesis, University of Camerino18. OECD Organization for Economic Co-operation and Development (2009) Creating effective teaching and learning environments: First results from TALIS. OECD Publishing. http://www.sourceoecd.org/education/9789264056053.19. Fondazione Giovanni Agnelli (2010) Gli insegnanti neoassunti e la “fatica” dell’insegnare http://www.fga.it/home/i-documenti/working-papers/dettaglio-documento/article/gli-insegnanti-neoassunti-e-la-afaticaa-dellainsegnare-124.html