Modello A1                       TITOLO DEL PROGETTO                          Giocando s’impara                           ...
Questo progetto è rivolto ai bambini dai 3 ai 6 anni circa e nasce dallanecessità di favorire e sostenere l’attività motor...
respirazione, educazione alla                                percezione tattile/pressoria,                                ...
• Aiutare l’insegnante ad                             acquisire la capacità di lavorare                             in una...
SPAZI          Palestra o aula molto grande o atrio       METODOLOGIE       La forma privilegiata di attività sarà        ...
di vari colori, stereo, strumenti                                  musicali, materassini, tappetini,                      ...
FIRMA DEI DOCENTI PARTECIPANTI
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Progetto giocando si impara

492

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
492
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Progetto giocando si impara"

  1. 1. Modello A1 TITOLO DEL PROGETTO Giocando s’impara ProponenteDocente Dott.ssa Nobile Antonellareferente  Dott.ssa Nobile AntonellaGruppo dei docenti  Dott.ssa Pezza Carmela coinvolti Consiglio Scuola dell’infanzia d’interclasse di Lanzara BISOGNI FORMATIVI RILEVATI
  2. 2. Questo progetto è rivolto ai bambini dai 3 ai 6 anni circa e nasce dallanecessità di favorire e sostenere l’attività motoria, poco presente nella scuoladell’Infanzia. I più grandi pedagogisti hanno sempre dichiarato l’importanzadel “corpo” nello sviluppo della “mente”, basta citare Piaget che nel libro“Psicologia e sviluppo mentale del bambino” afferma che “Il corpo èprotagonista dei primi apprendimenti, della conquista dello spazio e deltempo, ciò che crea il substrato di apprendimenti intermedi e superiori chesono indispensabili ai processi di simbolizzazione, astrazione eclassificazione”. Proprio per questo, l’attività motoria deve essere unmomento importante del processo educativo, per uno sviluppo ottimale delcomportamento e una formazione completa della personalità, senza poiconsiderare i benefici che se ne traggono a livello fisico (apparato muscolo-scheletrico, cardio-respiratorio, sistema endocrino-metabolico) DESTINATARI PLESSI SEZIONI/CLASSI GRUPPI DI ALUNNI Scuola dell’Infanzia Di Lanzara Numero complessivo degli alunni coinvolti _________ Numero complessivo dei docenti coinvolti _________ Numero delle ore complessive richieste per il progetto _35.5_ Numero dei collaboratori scolastici richiesti durante ____ le ore del progetto Indicare se il progetto è seguito anche da un alunno diversamente abile o Si o No OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI MOTORI 1. Sviluppo delle capacità senso- percettive (controllo della
  3. 3. respirazione, educazione alla percezione tattile/pressoria, percezione visiva, percezione uditiva) 2. Sviluppo degli schemi motori, posturali e dinamici (controllo tonico, segmentario, camminare, correre, saltare,lanciare, prendere, ecc..) 3. Sviluppo delle capacità di adattarsi al movimento nello spazio e nel tempo (educazione al ritmo, percezione dello spazio, orientamento)OBIETTIVI RELAZIONALI 1. Acquisire una maggiore conoscenza e padronanza di sé, sollecitando il corpo attraverso le attività percettive 2. Sviluppo della creatività 3. Sviluppo dell’espressività 4. Sviluppare il piacere de gioco 5. Sperimentare le prime forme di cooperazione con i compagni 6. Misurare attraverso il gioco l’impegno e l’affermazione di sé Livello B gruppo-insegnanti • Riflettere con i gruppo- insegnanti su aspetti teorici riguardanti le sfere motoria- emotiva-fantastica-razionale per un sano sviluppo dei bambini • Riflettere sulle dinamiche relazionali che si creano all’interno del gruppo-classe tra i bambini, tra i bambini e l’insegnante • Aiutare l’insegnante a ricercare strategie d’intervento differenti a seconda dei singoli bambini
  4. 4. • Aiutare l’insegnante ad acquisire la capacità di lavorare in una chiara sintonia in equipe e con l’equipe Livello C gruppo-genitori • Riflettere con il gruppo-genitori sulle varie modalità educative da loro utilizzate, sulla difficoltà e sui dubbi • Chiarire quella che è la nostra idea del ruolo genitoriale (armonizzare affetto e regole) della responsabilità ultima dei genitori rispetto alla crescita dei propri figli • Offrire ai genitori un contesto in cui poter discutere delle proprie difficoltà a mantenere un ruolo adulto/genitoriale ARTICOLAZIONE E CONTENUTI DELLE ATTIVITA’ Il progetto prevede un numero di oreTEMPI DI ATTUAZIONE pari a 35,5 da dividere sui tre livelli: Livello A gruppo-bambini • Lavoro con il gruppo-bambini 15 incontri di 1,5 h totale 22,5h Livello B • Lavoro con il gruppo-insegnanti 4 incontri di 2h ciascuno totale 8 h Livello C • Lavoro con il gruppo genitori 2 incontri di 2,5 h totale 5h Gli incontri avranno cadenza: Livello A settimanale Livello B quindicinale Livello C mensile
  5. 5. SPAZI Palestra o aula molto grande o atrio METODOLOGIE La forma privilegiata di attività sarà costituita dal gioco, in quanto è attraverso questa forma di comunicazione che il bambino può conoscere, sperimentare, dare libero sfogo alle proprie abilità creative e fantastiche. Il ruolo dell’educatore è quello di: creacre le condizioni di lavoro affinchè il bambino a imparare la tolleranza alla frustrazione; rispettare e valorizzare il bambino; attenzione alle diverse capacità e competenze dei bambini; stimolare il fanciullo affinchè possa ritrovare forme espressive e comunicative personali ed efficaciSTRUMENTI E TECNOLOGIE Livello A gruppo-bambini • Laboratori esperenziali (giochi di percezione, di esplorazione, di imitazione, di immaginazione, attività mimiche, manipolative, giochi tradizionali, giochi motori, percorsi Livello B gruppo-insegnanti • Discussioni di gruppo • Visioni di filmati e commento Livello C gruppi-genitori • Discussioni di gruppo • Visioni di filmati e commento • Colloqui di consulenza Materiali Palle di varie dimensioni, cerchi, birilli,cinesini, rotolo di nastro, tubi e cubi per l’attività psicomotoria, stoffe
  6. 6. di vari colori, stereo, strumenti musicali, materassini, tappetini, corde, fogli A4, colori a matita, tempere, pennarelli, matite, forbicine, carta pacco, carta gommata, colla vinavil, palloncini, pennelli, gomme cancellabili MODALITA’ DI VERIFICA E VALUTAZIONE STRUMENTI DI VERIFICA Scheda di valutazione finale e discussioni di gruppi PREVENTIVO DI SPESA ELENCO DEI COSTO UNITARIO COSTO MATERIALI COMPLESSIVODocenze € 35,00 x 22,5 35,00 x ora 787,50 h gruppo ADocenze € 50,00 x 8 h 50,00 x ora 400,00 gruppo B Docenze 50,00 x 5 h 50,00 x ora 250,00 gruppo C Totale € 1437,50 FIRMA DEL DOCENTE RESPONSABILECASTEL SAN GIORGIO,__/__/___
  7. 7. FIRMA DEI DOCENTI PARTECIPANTI

×