Your SlideShare is downloading. ×
0
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Analisi report generale invalsi 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Analisi report generale invalsi 2013

1,432

Published on

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,432
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. ANALISI REPORT INVALSI 2013 I. C. FALCONE - NAPOLI Dipartimento INVALSI : proff. Teresa Cantiello, Maria Pia Caputo, Francesca Di Fenza, Maria Grazia Marimpietri, Emilia Sciarné
  • 2. BUSSOLA Caratteristiche delle prove invalsi 2013  Punteggi delle prove  Andamento delle prove nell’ultimo triennio  Analisi delle prove nelle varie discipline e segmenti di scuola 
  • 3. PROSPETTO RIASSUNTIVO DELLE CARATTERISTICHE DELLE PROVE DI ITALIANO
  • 4. PROSPETTO RIASSUNTIVO DELLE CARATTERISTICHE DELLA PROVE DI MATEMATICA
  • 5. I PUNTEGGI MEDI IN ITALIANO
  • 6. I PUNTEGGI MEDI IN MATEMATICA
  • 7. DIFFERENZA PERCENTUALE NEI RISULTATI MEDI DELLA PROVA DI ITALIANO
  • 8. DIFFERENZA PERCENTUALE NEI RISULTATI MEDI DELLA PROVA DI MATEMATICA
  • 9. ANALISI DELLE PROVE Prove italiano e matematica scuola primaria proff. Maria Grazia Marimpietri, Emilia Sciarné Prova italiano scuola secondaria di I grado proff. Teresa Cantiello, Francesca Di Fenza Prova matematica scuola secondaria di I grado prof. Maria Pia Caputo
  • 10. DIFFERENZA PERCENTUALE NEI RISULTATI MEDI DELLA PROVA DI ITALIANO
  • 11. ANALISI REPORT INVALSI SCUOLA PRIMARIA 2013 proff. MariaGrazia Marimpietri ed Emilia Sciarnè
  • 12. PROVA DI ITALIANO La prova di Italiano è composta di due parti: 1. testo narrativo e testo espositivo con relativi quesiti 2. domande di grammatica. La prima parte della prova riguarda la comprensione della lettura di un testo narrativo e di un testo espositivo. Il racconto ha uno spessore adeguato per permettere domande di diversi livelli di difficoltà, relative soprattutto alla ricostruzione del significato di parti più o meno estese del testo, ma anche all’interpretazione dei messaggi che la storia veicola, al di là della comprensione letterale del significato.
  • 13. Per la seconda parte della prova sono stati costruiti 10 quesiti di grammatica di vario formato: 5 a scelta multipla semplice, 1 a scelta multipla complessa, 4 a risposta aperta univoca. I criteri adottati per le domande di grammatica, che costituiscono la seconda parte delle prove d’Italiano dalla V primaria in poi, tengono conto della situazione odierna dell’insegnamento della grammatica, relativamente a tre ordini di problemi: il modello Grammaticale di riferimento, la posizione della grammatica nei curricoli, l’obiettivo che si intende conseguire con la riflessione sulla lingua (in termini di competenze linguistiche e cognitive). La situazione è complessa su tutti e tre i fronti.
  • 14. Ambiti e argomenti grammaticali valutati nelle prove d’Italiano  1 Ortografia Uso di accenti e apostrofi, maiuscole e minuscole, segmentazione delle parole (gliel’ho detto), uso delle doppie, casi di non corrispondenza tra fonemi e grafemi (uso dell’h, della q, dei digrammi, ecc.).  2 Morfologia Flessione (tratti grammaticali: genere, numero, grado, modo, tempo, persona, aspetto, diatesi); categorie lessicali (nome, aggettivo, verbo, ecc.) e sottocategorie (aggettivo possessivo, nome proprio, ecc.) e loro funzione nella frase.  3 Formazione delle parole Parola base e parole derivate; parole alterate; parole composte; polirematiche (ferro da stiro, asilo nido).  4 Lessico e semantica Relazioni di significato tra parole; polisemia; campi semantici e famiglie lessicali; usi figurati e principali figure retoriche; espressioni idiomatiche; struttura e uso del dizionario.  5 Sintassi Accordo (tra articolo e nome, tra nome e aggettivo, tra soggetto e predicato, ecc.); sintagma (nominale, verbale, preposizionale); frase: minima20, semplice (o proposizione), complessa (o periodo); frase Dichiarativa, interrogativa, ecc.; elementi della frase semplice: soggetto (esplicito o sottinteso, in posizione pre-verbale o post-verbale), predicato, complementi predicativi e altri complementi (obbligatori, facoltativi); gerarchia della frase complessa: frase principale, coordinate, subordinate (diverse tipologie); uso di tempi e modi nella frase.  6 Testualità Segnali di organizzazione del testo e fenomeni di coesione: anafora, connettivi 21, punteggiatura, ecc.; aspetti pragmatici del linguaggio (fenomeni del parlato, funzioni dell’enunciato, ecc.).
  • 15. Ambiti di valutazione in matematica Gli ambiti di valutazione in Matematica, valevoli per tutto il primo ciclo d’istruzione, sono stati definiti in base a un Quadro di Riferimento, sviluppato a partire dalle “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione”. I contenuti sono suddivisi in quattro ambiti:  Numeri, Spazio e figure, Dati e previsioni, Relazioni e funzioni. Quest’ultimo ambito non è oggetto di valutazione nella classe seconda primaria, dove la prova si limita ai primi tre. Tipologia dei quesiti Le prove di Matematica sono costituite da quesiti di diverso formato: a “risposta chiusa”, a “risposta aperta” e “cloze”.
  • 16. Processi attivati nella risoluzione dei quesiti         1 Conoscere e padroneggiare i contenuti specifici della matematica (oggetti matematici, proprietà, strutture...) 2 Conoscere e utilizzare algoritmi e procedure (in ambito aritmetico, geometrico, …)Conoscere e utilizzare algoritmi e procedure (in ambito aritmetico, geometrico, algebrico, statistico e probabilistico) 3 Conoscere diverse forme di rappresentazione e passare da una all'altra (verbale,numerica, simbolica, grafica, ...) 4 Risolvere problemi utilizzando strategie in ambiti diversi – numerico, geometrico, algebrico – (individuare e collegare le informazioni utili, individuare e utilizzare procedure risolutive, confrontare strategie di soluzione, descrivere e rappresentare il procedimento risolutivo,…) 5 Riconoscere in contesti diversi il carattere misurabile di oggetti e fenomeni, utilizzare strumenti di misura, misurare grandezze, stimare misure di grandezze (individuare l'unità o lo strumento di misura più adatto in un dato contesto, stimare una misura,…) 6 Acquisire progressivamente forme tipiche del pensiero matematico (congetturare, argomentare, verificare, definire, generalizzare, ...) Utilizzare forme tipiche del ragionamento matematico (congetturare, argomentare, verificare, definire, generalizzare, dimostrare ...) 7 Utilizzare strumenti, modelli e rappresentazioni nel trattamento quantitativo dell'informazione in ambito scientifico, tecnologico, economico e sociale (descrivere un fenomeno in termini quantitativi, utilizzare modelli matematici per descrivere e interpretare situazioni e fenomeni, interpretare una descrizione di un fenomeno in termini quantitativi con strumenti statistici o funzioni ...) 8 Riconoscere le forme nello spazio e utilizzarle per la risoluzione di problemi geometrici o di modellizzazione (riconoscere forme in diverse rappresentazioni, individuare relazioni tra forme, immagini o rappresentazioni visive, visualizzare oggetti tridimensionali a partire da una rappresentazione bidimensionale e,viceversa, rappresentare sul piano una figura solida, saper cogliere le proprietà degli oggetti e le loro relative posizioni)
  • 17. Analisi prova d’italiano  Dall’analisi dei risultati della prova d’italiano emerge che gli alunni di seconda primaria hanno incontrato maggiori difficoltà nel rispondere alle domande di comprensione della lettura del testo narrativo rispetto agli esercizi di linguaggio proposti nell’ultima parte della prova. Si deve però tener presente che il grosso dei quesiti si concentrava sulla comprensione della lettura, mentre gli esercizi di carattere linguistico erano solo due, con un totale di 8 item.
  • 18. Dalla prova di italiano, emerge inoltre, che gli alunni di quinta primaria hanno incontrato maggiori difficoltà nel rispondere alle domande di comprensione della lettura del testo espositivo e alle domande di grammatica, mentre le domande relative al testo narrativo sono risultate più facili. Questo dato conferma quanto già riscontrato l’anno precedente.
  • 19. Analisi prova di matematica In quella di matematica,invece, gli alunni hanno incontrato maggiori difficoltà è “Dati e previsioni”, mentre più adeguata ad affrontare la prova è risultata la loro preparazione nell’ambito “Numeri” e soprattutto in “Spazio e figure”. Per quel che riguarda i tre processi della matematizzazione, “formulare” è risultato più difficile rispetto a “utilizzare” e “interpretare”; le domande relative all’interpretare sono risultate per gli alunni, in questo caso, relativamente le più facili.
  • 20. Dalla prova di matematica emerge che gli ambiti in cui gli alunni hanno incontrato maggiori difficoltà sono “Relazioni e funzioni” e “Spazio e figure”, mentre più adeguata ad affrontare la prova è risultata la loro preparazione nell’ambito “Numeri” e soprattutto in “Dati e previsioni”. Per quel che riguarda le macro-categorie di processi, “utilizzare” è risultato decisamente più semplice: il livello di difficoltà delle domande eguaglia quello della prova complessiva; mentre le domande relative ai macroprocessi “formulare” e “interpretare” sono risultate decisamente più complesse.
  • 21. Per ciascuna sezione delle prove si è identificato il livello di competenza raggiunto dall’alunno che ha risposto correttamente ad almeno il 50% delle domande ad essa appartenenti. Tale livello è stato poi posto a confronto con il livello di abilità necessario per conseguire lo stesso risultato nell’intera prova. Si è così potuto misurare il grado di difficoltà relativo che gli studenti hanno di fatto incontrato nel rispondere alle domande di quella determinata sezione della prova.
  • 22. LA PROVA D’ITALIANO NELLA SECONDARIA DI I GRADO proff. Teresa Cantiello, Francesca Di Fenza
  • 23. BASE TEORICA  I principi ispiratori e le linee guida che sottostanno alla struttura e ai contenuti delle prove sono illustrate nel Quadro di Riferimento per la prova di Italiano INVALSI coerente con l’attuale formulazione delle Indicazioni Nazionali del 16 novembre 2012, al quale si rinvia. «Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l’esercizio pieno della cittadinanza, per l’accesso critico a tutti gli ambiti culturali e per il raggiungimento del successo scolastico in ogni settore di studio.…]è necessario che l’apprendimento della lingua sia oggetto di specifiche attenzioni da parte di tutti i docenti […]. La cura rivolta alla progressiva padronanza dell’italiano […] guarda allo sviluppo delle competenze[…] come una componente essenziale delle abilità per la vita»
  • 24. TIPOLOGIA DELLA PROVA CLASSE I LIVELLO 6 La prova di Italiano è composta di due parti: 1. testo narrativo e testo espositivo con relativi quesiti; La prima parte della prova riguarda la comprensione della lettura di un testo narrativo e di un testo espositivo. Nel primo caso il testo proposto è stato “Come sono diventato portiere” (tratto e adattato da: E. De Luca, Il giorno prima della felicità, Milano, Feltrineli, 2011). Per la seconda parte e ultima della prova sono stati costruiti 10 quesiti di grammatica, di cui 6 a scelta multipla semplice, 1 a scelta multipla complessa (matching) e 3 a risposta aperta univoca Il testo espositivo proposto è stato “E tu ci credi, al venerdì 13?” (tratto e adattato da: Special Eurobarometer 340: Science and Technology, giugno 2010), un testo misto costituito da uno scritto di 31 righe corredato da un grafico
  • 25. TIPOLOGIA DELLA PROVA CLASSE I LIVELLO 6 2. domande di grammatica Per la seconda parte e ultima della prova sono stati costruiti 10 quesiti di grammatica, di cui 6 a scelta multipla semplice, 1 a scelta multipla complessa (matching) e 3 a risposta aperta univoca.
  • 26. TIPOLOGIA DELLA PROVA CLASSE III LIVELLO 8 La prova di Italiano di terza media entra a costituire, insieme alla parallela prova di Matematica e con lo stesso peso, la Prova nazionale dell’esame di conclusione del primo ciclo d’istruzione. Questa è dunque l’unica delle prove INVALSI ad avere il duplice obiettivo di monitorare l’efficacia del sistema d’istruzione e di contribuire alla valutazione degli studenti. A questo scopo, il punteggio del test sia d’Italiano sia di Matematica deve essere trasformato, attraverso una procedura definita di anno in anno, in un unico voto decimale.
  • 27. TIPOLOGIA DELLA PROVA CLASSE III LIVELLO 8 La prima parte della prova riguarda la comprensione della lettura di due testi: un testo narrativo e un testo espositivo. Nel primo caso il testo proposto è stato “Il rumorino crudele” (tratto e adattato da: V. Cerami, La gente, Torino, Einaudi, 1993). Si tratta di un racconto verosimile Nel secondo caso il il testo è espositivo-argomentativo, “La scuola della vita: quando i giovani si appassionano alla lettura”, è un articolo tratto da La Stampa del 3 luglio 2011 che ha per tema il ruolo svolto dai romanzi di Harry Potter nell’appassionare i ragazzi alla lettura
  • 28. CRITERI DI COSTRUZIONE DEI QUESITI DI GRAMMATICA I criteri adottati per le domande di grammatica, che costituiscono la seconda parte delle prove d’italiano dalla V primaria in poi, tengono conto della situazione odierna dell’insegnamento della grammatica, relativamente a tre ordini di problemi: modello grammaticale di riferimento, sillabo competenze
  • 29. IL MODELLO Il modello grammaticale tradizionale, di tipo descrittivoanalitico, messo in discussione fin dagli anni Sessanta del secolo scorso, è ritenuto oggi insufficiente e inefficace, quando non scorretto, dalla ricerca grammaticale, sia nel campo della linguistica teorica che in quello della linguistica educativa. In particolare, sono considerate inutili le tassonomie meramente classificatorie – come ad esempio i lunghi, variegati, spesso incerti e contraddittori elenchi di complementi. Questo modello è tuttavia molto utilizzato nella prassi didattica, vuoi per l’ininterrotto sostegno editoriale, vuoi per la mancanza di un modello grammaticale alternativo e universalmente condiviso.
  • 30. SILLABO La distribuzione della materia nei 13 anni di scuola di base e secondaria, nelle disposizioni ministeriali vigenti (Programmi, Indicazioni, Linee guida) non presenta una progressione unitaria e puntuale dei contenuti grammaticali. Nella messa in sequenza dei temi grammaticali nei diversi ordini di scuola c’è dunque un margine di discrezionalità che non consente di ancorare le prove a temi sicuramente corrispondenti alle competenze richieste per ogni singolo anno.
  • 31. COMPETENZE Il modello tradizionale, elaborato originariamente in funzione della didattica del latino, mira ad assicurare il possesso di conoscenze di tipo meramente descrittivo e classificatorio (con risvolti enciclopedici di tipo erudito), mentre la didattica moderna tende a sviluppare abilità e ad assicurare competenze di più ampia rilevanza cognitiva: analizzare, ordinare, correlare, dedurre, ecc.
  • 32. LINEE GUIDA NELLA COSTRUZIONE DELLE PROVE Tenendo conto di questa situazione, le linee guida a cui ci si è attenuti nella costruzione delle prove si muovono prudenzialmente su queste direttrici: ‐ si seguono in ogni caso le linee maestre tracciate nel Quadro di Riferimento per la prova d’Italiano nell’istruzione obbligatoria, evitando i contenuti grammaticali e gli approcci più controversi; ‐ si dispongono i livelli d’analisi, gli ambiti e i fenomeni su una scala di progressivo impegno e difficoltà, sulla base della bibliografia esistente, della teoria linguistica e dell’esperienza offerta dai rilevamenti pregressi; ‐ si tiene conto delle pratiche didattiche, ma si introducono anche alcuni dei contenuti innovativi più assodati e condivisi nel mondo della ricerca;
  • 33. LINEE GUIDA NELLA COSTRUZIONE DELLE PROVE ‐ si affronta il problema spinoso delle innovazioni terminologiche accompagnando i termini introdotti – pochi ed essenziali – con perifrasi esplicative, parafrasi, esempi, ecc., con l’obiettivo di non penalizzare gli studenti più avvezzi alla grammatica tradizionale; ‐ si punta soprattutto a sollecitare nei giovani allievi l’osservazione dei dati e la messa a fuoco di fenomeni grammaticali anche nuovi rispetto alle consuete pratiche didattiche, guidandoli al ritrovamento delle regolarità, alla scoperta di relazioni, simmetrie e dissimmetrie, in un approccio ai fatti di lingua (pre)scientifico piuttosto che normativo.
  • 34. SPUNTI DI RIFLESSIONE . .  Il modello valenziale, oggi assunto da molte scuole di linguistica, fu proposto in modo organico e coerente per la prima volta dal linguista francese Lucien Tesnière. L’opera di riferimento obbligato è Elementi di sintassi strutturale, tradotta e pubblicata in italiano da Rosenberg & Sellier, Torino, nel 2001 (l’edizione originaria vide la luce nel 1959 col titolo Eleménts de syntaxe structurale, Klincksieck, Paris). Il modello valenziale spiega la struttura sintattica delle lingue a partire dal verbo. Per approfondire: GRAMMATICA VALENZIALE di Francesco Sabatini
  • 35. PROVA INVALSI DI MATEMATICA Prof.ssa Maria Pia Caputo
  • 36. BASE TEORICA L’obiettivo fondamentale dell’insegnamento della disciplina è l'acquisizione della capacità di utilizzare la matematica per leggere e rappresentare la realtà. Questa operazione denominata con il termine “matematizzazione” viene schematizzata in tre processi: il passaggio dalla situazione di problema reale al modello matematico,  il lavoro sul modello matematico,  l’interpretazione dei risultati rispetto alla situazione di partenza 
  • 37. BASE TEORICA Queste tre fasi, presenti negli obiettivi delle Indicazioni di legge,vengono indicate con i termini:    “Formulare” (Formulate) in cui all’allievo è richiesto di descrivere con uno strumento matematico (un’equazione, una operazione, una tabella,un grafico, un diagramma...) un problema o una situazione. “Utilizzare”(Employ) in cui il processo richiesto all’allievo è interno alla matematica (trovare il risultato di una operazione, risolvere un’equazione,...). “Interpretare” (Interpret) in cui l’allievo deve leggere e interpretare i risultati delle procedure matematiche descritte, nel particolare contesto di un problema.
  • 38. BASE TEORICA Esse vengono valutate nei vari livelli scolari e analizzati nei seguenti ambiti disciplinari: Numeri  Spazio e figure  Dati e Previsioni  Relazioni e funzioni(quest’ultimo richiedendo operazioni mentali più complesse viene valutato dalla V primaria in poi) 
  • 39. PROCESSI ATTIVATI
  • 40. SPUNTI DI RIFLESSIONE . . . Necessità di un rapporto dinamico tra matematica e realtà , gli obiettivi di apprendimento vanno raggiunti partendo da situazioni concrete Il processo di matematizzazione prevede, quindi una didattica che , partendo da compiti di realtà attivi i processi che portino all’astrazione e quindi alla competenza matematica cioè alla capacità di utilizzare i contenuti in contesti diversi.
  • 41. SPUNTI METODOLOGICI   Creare situazioni significative, campi di esperienza complessi aperti all’indagine e alla scoperta Partire dalle conoscenze degli alunni e valorizzare l'immaginario personale di ciascuno.  Usare la discussione come strategia di lavoro  Non penalizzare l’errore e favorire la discussione  Utilizzare un diario di bordo in cui l’alunno storicizzi il suo percorso didattico
  • 42. STRUMENTI Formare nelle scuole gruppi di area misti (di insegnanti di scuola primaria e insegnanti di scuola secondaria) che si confrontino.  Strutturare la classe come laboratorio per la partecipazione a progetti standardizzati di miglioramento della scuola, mediante situazioni formative attraverso cui veicolare i contenuti.  Protocollo d’intesa per la sperimentazione es: SEQUENZA OPERATIVA(F) PRODOTTI INTERMEDI SAPERI/ABILITA‘(E) PROCESSI ATTIVATI(I) che ricalca lo schema “INVALSI”: Formulare(F) Utilizzare (E) Interpretare(I)   Proposte di esercitazioni condivise sul sito della scuola che partano da situazioni reali.
  • 43. LA MATEMATIZZAZIONE NELLA PRATICA SCOLASTICA QUOTIDIANA I compiti di realtà (breve o lunga durata) possono essere definiti come situazioni di apprendimento che hanno una connessione diretta con il mondo reale.  richiedono agli studenti la capacità di pensare le conoscenze in modo integrato (“le une con le altre”) e di ragionare su cosa e come lo stanno facendo. 
  • 44. COMPITO DI REALTA’ DI BREVE DURATA Una prova di breve durata è composta da due elementi: a) uno scenario (stimolo) che descrive (o introduce) la situazione; b) una serie di domande chiuse e aperte. Uno degli obiettivi delle prove è di sollecitare due operazioni:  l’uso integrato di conoscenze/abilità  il ragionamento. 
  • 45. COMPITO DI REALTA’ DI BREVE DURATA PENSI CHE L’AFFERMAZIONE DEL CRONISTA SIA UN’INTERPRETAZIONE RAGIONEVOLE DEL GRAFICO? SPIEGA BREVEMENTE LA TUA RISPOSTA (PROVA P.I.S.A)
  • 46. COMPITI DI REALTA’ DI LUNGA DURATA Strutturazione della classe come laboratorio per la partecipazione a progetti standardizzati di miglioramento della scuola, mediante situazioni formative attraverso cui veicolare i contenuti.  Strutturazione di un protocollo progettuale condiviso es:  SEQUENZA OPERATIVA (F) PRODOTTI INTERMEDI SAPERI/ABILITA‘ (E) PROCESSI ATTIVATI (I)
  • 47. QUALCHE IDEA . . . http://zte.zanichelli.it/

×