Ept 6

  • 337 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
337
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
12
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. EPT di Psicologia della Comunicazione a.a. 2009/2010 LA TECNOLOGIA POSITIVA Impariamo a usare la tecnologia per migliorare la qualità della nostra vita 06 - 22 aprile 2010
  • 2. Le comunità virtuali …luoghi di incontro di persone con gli stessi interessi e passioni e che si avvalgono dell’ausilio della rete per comunicare in modo continuato ed intenso… (H. Rheingold, Comunità Virtuali)
  • 3. Le comunità virtuali Evoluzione dei nuovi media testuali (webmail, web forum, social network) creazione di nuove comunità di apprendimento (Brown & Campione, 1990) creazione di comunità di pratiche (Wenger, 2001) Collaborano all’interno di ambienti virtuali Costruzione/condivisione Raggiungimento di un di conoscenze obiettivo comune
  • 4. A che cosa servono? •Obiettivo sostegno finalizzato al raggiungimento di un risultato comune, a cui sarebbe impossibile pervenire individualmente •Vantaggi lo scambio comunicativo avviene in rete, all’interno di un ambiente virtuale accessibile ai membri della comunità È possibile intervenire in una discussione in qualsiasi momento ed in qualsiasi luogo: non è necessario essere contigui temporalmente e spazialmente
  • 5. Le comunità di pratiche L’esperienza di un gruppo di persone diventa una comunità di pratiche se risponde a tre caratteristiche: • un impegno reciproco (mutual engagement) • un’impresa comune (joint enterprise) • un repertorio condiviso di risorse interpretative (shared repertoire)
  • 6. Identità sociale Il costrutto teorico delle comunità di pratiche è strettamente connesso al concetto di identità sociale--> gruppo di riferimento. Gli individui diventano consapevoli di appartenere ad uno o più gruppi sociali ed attribuiscono uno specifico significato emotivo a questa appartenenza
  • 7. Costruiamo una comunità I Social Network (SN) si offrono a questo punto come valido strumento per la creazione di comunità di pratiche Social Networking l’utilizzo dei nuovi media per condividere le proprie conoscenze
  • 8. Comunicare vs condividere I Social Network (SN, reti sociali) vengono oggi considerati come dei nuovi ambienti di comunicazione e cooperazione, all’interno dei quali è possibile trasferire e condividere informazioni, partecipando alla medesima esperienza.
  • 9. Un capitale sociale Il Social network può essere lo strumento concreto per attivare il “Capitale Sociale”, inteso innovativamente come l’insieme di relazioni e contatti dei singoli, che possono creare plus-valore, ovvero sviluppo.
  • 10. I vantaggi del SN Essere sempre in CONTATTO SCAMBIARE informazioni DISCUTERE su eventi, interventi, normative Costruire GRUPPI Organizzare EVENTI Aprire FORUM di discussione
  • 11. I vantaggi del SN è un luogo di reciproca conoscenza e amicizia è un’entità che si sviluppa grazie al continuo apporto di scambi comunicativi tra i membri
  • 12. I vantaggi del SN • è collegato a un sito: gli argomenti che si sviluppano sul SN possono essere caricati su un sito donando loro maggiore rilievo • è una realtà che non ha bisogno di un amministratore (come invece necessita un sito) né di un supporto tecnico particolare •ha un costo di gestione inferiore a un sito
  • 13. Entriamo nel dettaglio
  • 14. La mappa dei SN
  • 15. I SN di una volta…
  • 16. Il principio alla base •Allarghiamo le nostre reti sociali, superando i limiti spazio-temporali: matura il concetto di community •Usiamo i new media per condividere le nostre conoscenze ed esperienze •Come funziona: –Bisogna essere invitati –Vince la proprietà transitiva –Due possibilità: comunico solo con chi conosco/con chi mi sta vicino ma non conosco
  • 17. Il principio alla base •L’iscrizione permette a tutti i partecipanti alla rete di consultare e contattare i profili degli altri •Si crea una rete sociale “chiusa” dove tutti sono identificabili come “amici” o “amici di” •Il contatto può essere diretto o mediato da un amico comune •Posso selezionare diversi privilegi di accesso
  • 18. Quali opportunità •Posso interagire con chi non conosco personalmente con un livello di fiducia sufficiente per svolgere attività critiche come: •Il corteggiamento •La condivisione di interessi privati (orientamento politico, sessuale, religioso, stato di salute ecc.) •La condivisione di link a prodotti
  • 19. I due SN per eccellenza: Facebook e Twitter
  • 20. Un SN eccellente
  • 21. I SN per il lavoro
  • 22. Chi c’è? •Uomini e donne fanno diverso uso dei SN •37% donne - 27% uomini • Sotto i 26 anni, si trascorre la metà del tempo online sui SN •In Europa gli italiani sono al primo posto (più di 2 ore alla settimana) •Si tende a collegare gli amici della vita reale con le persone conosciute online allo scopo di allargare contatti e relazioni.
  • 23. Come costruire un SN: NING
  • 24. Come richiedere un account
  • 25. Pubblico o privato?
  • 26. Come impostarlo
  • 27. Scelta layout
  • 28. Grazie