Your SlideShare is downloading. ×
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Ept 6
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Ept 6

356

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
356
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. EPT di Psicologia della Comunicazione a.a. 2009/2010 LA TECNOLOGIA POSITIVA Impariamo a usare la tecnologia per migliorare la qualità della nostra vita 06 - 22 aprile 2010
  • 2. Le comunità virtuali …luoghi di incontro di persone con gli stessi interessi e passioni e che si avvalgono dell’ausilio della rete per comunicare in modo continuato ed intenso… (H. Rheingold, Comunità Virtuali)
  • 3. Le comunità virtuali Evoluzione dei nuovi media testuali (webmail, web forum, social network) creazione di nuove comunità di apprendimento (Brown & Campione, 1990) creazione di comunità di pratiche (Wenger, 2001) Collaborano all’interno di ambienti virtuali Costruzione/condivisione Raggiungimento di un di conoscenze obiettivo comune
  • 4. A che cosa servono? •Obiettivo sostegno finalizzato al raggiungimento di un risultato comune, a cui sarebbe impossibile pervenire individualmente •Vantaggi lo scambio comunicativo avviene in rete, all’interno di un ambiente virtuale accessibile ai membri della comunità È possibile intervenire in una discussione in qualsiasi momento ed in qualsiasi luogo: non è necessario essere contigui temporalmente e spazialmente
  • 5. Le comunità di pratiche L’esperienza di un gruppo di persone diventa una comunità di pratiche se risponde a tre caratteristiche: • un impegno reciproco (mutual engagement) • un’impresa comune (joint enterprise) • un repertorio condiviso di risorse interpretative (shared repertoire)
  • 6. Identità sociale Il costrutto teorico delle comunità di pratiche è strettamente connesso al concetto di identità sociale--> gruppo di riferimento. Gli individui diventano consapevoli di appartenere ad uno o più gruppi sociali ed attribuiscono uno specifico significato emotivo a questa appartenenza
  • 7. Costruiamo una comunità I Social Network (SN) si offrono a questo punto come valido strumento per la creazione di comunità di pratiche Social Networking l’utilizzo dei nuovi media per condividere le proprie conoscenze
  • 8. Comunicare vs condividere I Social Network (SN, reti sociali) vengono oggi considerati come dei nuovi ambienti di comunicazione e cooperazione, all’interno dei quali è possibile trasferire e condividere informazioni, partecipando alla medesima esperienza.
  • 9. Un capitale sociale Il Social network può essere lo strumento concreto per attivare il “Capitale Sociale”, inteso innovativamente come l’insieme di relazioni e contatti dei singoli, che possono creare plus-valore, ovvero sviluppo.
  • 10. I vantaggi del SN Essere sempre in CONTATTO SCAMBIARE informazioni DISCUTERE su eventi, interventi, normative Costruire GRUPPI Organizzare EVENTI Aprire FORUM di discussione
  • 11. I vantaggi del SN è un luogo di reciproca conoscenza e amicizia è un’entità che si sviluppa grazie al continuo apporto di scambi comunicativi tra i membri
  • 12. I vantaggi del SN • è collegato a un sito: gli argomenti che si sviluppano sul SN possono essere caricati su un sito donando loro maggiore rilievo • è una realtà che non ha bisogno di un amministratore (come invece necessita un sito) né di un supporto tecnico particolare •ha un costo di gestione inferiore a un sito
  • 13. Entriamo nel dettaglio
  • 14. La mappa dei SN
  • 15. I SN di una volta…
  • 16. Il principio alla base •Allarghiamo le nostre reti sociali, superando i limiti spazio-temporali: matura il concetto di community •Usiamo i new media per condividere le nostre conoscenze ed esperienze •Come funziona: –Bisogna essere invitati –Vince la proprietà transitiva –Due possibilità: comunico solo con chi conosco/con chi mi sta vicino ma non conosco
  • 17. Il principio alla base •L’iscrizione permette a tutti i partecipanti alla rete di consultare e contattare i profili degli altri •Si crea una rete sociale “chiusa” dove tutti sono identificabili come “amici” o “amici di” •Il contatto può essere diretto o mediato da un amico comune •Posso selezionare diversi privilegi di accesso
  • 18. Quali opportunità •Posso interagire con chi non conosco personalmente con un livello di fiducia sufficiente per svolgere attività critiche come: •Il corteggiamento •La condivisione di interessi privati (orientamento politico, sessuale, religioso, stato di salute ecc.) •La condivisione di link a prodotti
  • 19. I due SN per eccellenza: Facebook e Twitter
  • 20. Un SN eccellente
  • 21. I SN per il lavoro
  • 22. Chi c’è? •Uomini e donne fanno diverso uso dei SN •37% donne - 27% uomini • Sotto i 26 anni, si trascorre la metà del tempo online sui SN •In Europa gli italiani sono al primo posto (più di 2 ore alla settimana) •Si tende a collegare gli amici della vita reale con le persone conosciute online allo scopo di allargare contatti e relazioni.
  • 23. Come costruire un SN: NING
  • 24. Come richiedere un account
  • 25. Pubblico o privato?
  • 26. Come impostarlo
  • 27. Scelta layout
  • 28. Grazie

×