• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Motori Di Ricerca e Standard Web - Smau 2008
 

Motori Di Ricerca e Standard Web - Smau 2008

on

  • 2,122 views

Intervento presentato a Smau e-Academy nell'ottobre 2008, presenta analogie ed introduce alle correlazioni tra motori di ricerca e standard web, con particolare attenzione al web semantico e RDFa.

Intervento presentato a Smau e-Academy nell'ottobre 2008, presenta analogie ed introduce alle correlazioni tra motori di ricerca e standard web, con particolare attenzione al web semantico e RDFa.

Statistics

Views

Total Views
2,122
Views on SlideShare
2,117
Embed Views
5

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 5

http://www.iwa.it 3
http://www.slideshare.net 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-NoDerivs LicenseCC Attribution-NonCommercial-NoDerivs LicenseCC Attribution-NonCommercial-NoDerivs License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Motori Di Ricerca e Standard Web - Smau 2008 Motori Di Ricerca e Standard Web - Smau 2008 Presentation Transcript

    • Motori di ricerca e standard per il web: presente e futuro della promozione Massimiliano Navacchia Sito web - http://www.navacchia.it/
    • Cos’è IWA/HWG IWA/HWG è un’Associazione professionale no profit riconosciuta leader mondiale nella fornitura dei principi e delle certificazioni di formazione per i professionisti della Rete Internet; è presente in 100 paesi, con 130 sedi ufficiali in rappresentanza di più di 165.000 associati. La sua missione •Fornire programmi formativi di qualità •Fornire agli associati supporto e collaborazione a livello regionale, nazionale e internazionale, nonché un marchio di affiliazione riconosciuto a livello mondiale •Promuovere i principi universali di etica e di pratica professionale per tutti i professionisti della Rete Internet •Fornire supporto per la definizione e lo studio di normative nei Paesi in cui è presente Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Cos’è IWA/HWG Partecipazioni e Attività Network: http://www.iwa.it - http://webaccessibile.org - http://www.itlists.org - http://blog.iwa.it - http://www.skillprofiles.eu Contatti: comunicazione@iwa.it Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Standard Web, questi (s)conosciuti • Come trovare soluzioni durature all’interno dei nostri progetti di promozione sul web? • Come aver successo su internet spendendo il minimo ed avendo il massimo delle garanzie? • Come costruire una rete di contatti, politiche di link e ottenere autorevolezza investendo attivamente nel futuro della vostra azienda? Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Si… Può… Fare… Però… • Serve avere a disposizione la professionalità per evitare i mostri del Mashup 2.0 • Occorre affidarsi a formazione ed esperienza per saper valutare rischi, valore reale di tecnologie proprietarie, tecniche tanto avveniristiche quanto avventate Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Il punto. Cos’è un motore di ricerca? • Un motore di ricerca è essenzialmente un insieme di programmi che si occupano di trovare informazioni, leggerle dai siti di provenienza, indicizzarle e ordinarle secondo particolari calcoli (algoritmi), per poi fornire risultati a seconda delle richieste degli utenti (Search Engine Report Page) • Poiché oggi la lettura da parte di crawler (spider e robot) è a grandi linee simile a quanto noi vediamo sul Televideo, occorre fornire contenuti testuali affinché i contenuti siano assimilati. Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Il punto. Cosa sono gli Standard Web? • Gli “standard web” sono una serie di regole atte a definire aspetti e tecnologie del web non solo dal lato meramente tecnico ma anche filosofico • Tali standard, sono divisi generalmente in raccomandazioni fornite dal consorzio W3C o, “de facto”, spesso derivati dallo stesso, come per sitemap.org, rss, robots.txt, ecc... Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Il punto. Chiarezza su Standard Web? • Tramite Standard Web possiamo oggi dividere ed ottimizzare dati, contenuti, struttura e layout • Tra essi, spesso genitori di quelli “de facto”, sono: • XML : una famiglia di tecnologie gratuite per strutturare dati. Genitore di molte altre. • XHTML: linguaggio per costruire pagine web (XML) • CSS : disegna il layout delle pagine web • RDF : framework per la descrizione di risorse alla base del web semantico. • RDFa : fornisce la possibilità di inserire dati macchina all’interno di pagine Xhtml Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Presente della promozione. Web 2.0 • Fare web 2.0 e quot;mashupquot; vuol dire permettere l'integrazione di applicazioni diverse in una stessa scena dove al centro si muove il protagonista: l'utente. • Il web 2.0, nuovo modello partecipativo di vivere la rete, può presentare alcune problematiche relative all’indicizzazione, anche quando disponibilità di applicazioni e risorse, che poi sono solo virtuali, rischia di creare un ingorgo 2.0 di dati e metadati, tra l’altro con possibili contenuti duplicati offerti a robot. • Solo tramite standard, come WAI-ARIA, è possibile rendere applicazioni complesse accessibili e quindi allo stesso tempo più indicizzabili da parte dei motori di ricerca Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Futuro della Promozione. Web Semantico • Già oggi il web semantico ci permette anche per fini SEO di associare semanticamente contenuti per uomini a contenuti per macchine al fine di referenziare informazioni e migliorare pertinenza delle ricerche, tramite asserzioni costituite da triple formate da soggetto, predicato e valore. • Così come altri progetti tracciati da lungo tempo, in un futuro prossimo RDFa ci permetterà di offrire ai motori di ricerca contenuti ottimizzati per una maggiore qualità dei risultati forniti poi all’utente finale. Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Concludendo… • Siamo partiti dall’importanza delle prime raccomandazioni del W3C nel secolo scorso, per poi arrivare all’odierno Web 2.0 ed all’imminente Web Semantico applicato ai motori di ricerca. • Se Google, Yahoo!, Microsoft, ovvero le aziende dietro i più importanti motori di ricerca, investono tempo, denaro e fanno parte del Consorzio W3C, un motivo ci deve essere. Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Bibliografia e risorse utilizzate • Consorzio WWW – http://www.w3.org • Blog IWA Italy – http://blog.iwa.it • Webaccessibile – http://www.webaccessibile.org • Wikipedia - http://wikipedia.org/ • Membri del W3C - http://www.w3.org/Consortium/Member/List • IWA Labs - http://labs.iwa.it/ Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/
    • Termini e licenza del documento • A cura di Massimiliano Navacchia • Disponibile e scaricabile gratuitamente all'indirizzo http://www.navacchia.it/ Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported. Per leggere una copia della licenza visita il sito web http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/ o spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA. Diritti, marchi registrati e siti web riportati in immagini e url sono riservati e proprietà dei diretti interessati e relative aziende. IWA/HWG e l’associazione IWA Italy non sono direttamente o indirettamente responsabili dei contenuti riportati nel presente documento che sono ad esclusiva cura e responsabilità del relatore. Massimiliano Navacchia – http://www.navacchia.it/