Via lucis
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
869
On Slideshare
869
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. VIA LUCISCome naturale coronamento della Via Crucis, è sortain tempi recenti la pratica della Via Lucis: lameditazione orante dei misteri gloriosi del Signore - glieventi compresi tra la Risurrezione e la Pentecoste - ciinsegna a camminare nel mondo da «figli della luce»,testimoni del Risorto. Prima Stazione: GESU’ RISORGE DA MORTEV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.«So che cercate Gesù crocifisso. Non è qui. E risorto,come aveva detto; venite avedere il luogo dove eradeposto» (Mt 28, 5-6).In quellalba ancora incerta unvolto misterioso si presentaalle donne che con tristezza eamore si erano recate di buonmattino al sepolcro di Gesù diNazareth. E langelo, ilmessaggero di Dio, che rivelala gloria di Colui che ha varcato la frontiera dellamorte: la tomba è aperta, su di essa si affaccia il cieloove Cristo risorto vive per sempre e ci attende.Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore.
  • 2. Seconda Stazione: I DISCEPOLI TROVANO IL SEPOLCRO VUOTOV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.«Entrò nel sepolcro il discepolo che era giunto perprimo, e vide e credette»(Gv 20, 8). Correvanoinsieme quella mattina,verso la tomba di Gesù,Pietro e il discepoloamato. Agli occhi diquestultimo appaionosolo delle bende funerariee un sudario abbandonatoa terra. In quegli occhinon saccende solo lameraviglia ma anche lostupore della fede: «vide e credette» nel Signorevincitore della morte. Il suo è lo sguardo di tutti icredenti in Cristo di tutti i tempi e di tutte le terre.Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore. Terza Stazione: IL RISORTO SI MANIFESTA ALLA MADDALENAV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.
  • 3. «Gesù le disse: "Maria!". Essa voltatasi verso di lui, glidisse in ebraico: Rabbunì,che significa: "Maestro!"(Gv 20, 16).Maria di Magdada, chepure aveva camminato conGesù per mesi e mesi,laveva ascoltato e avevavisto le sue mani gu arire imalati, non lo riconoscenellaurora di Pasqua. Enecessario essere chiamatiper nome in una vocazione personale perché gli occhidella fede si accendano e vedano ciò che lo sguardosolo umano non sa intuire.Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore. Quarta Stazione: IL RISORTO SULLA STRADA PER EMMAUSV. Ti adoriamo, o Cristo, e tibenediciamo.R. Perché con la tua Pasquahai redento il mondo.«"Non bisognava che il Cristosopportasse tutte queste
  • 4. sofferenze per entrare nella gloria?". E cominciando daMosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scrittureciò che si riferiva a lui» (Lc 24, 26-27).Su quella strada polverosa che da Gerusalemmeconduce a Emmaus camminano i due discepoli maanche quel viandante sconosciuto. Le sue parole nonsono comuni, spiegano un senso nascosto che la storiafinora vissuta non ha svelato e che lui solo sa mostrare.A quelle parole il cuore arde nel petto e rifiorisce lasperanza e la fiducia. Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore. Quinta Stazione: IL RISORTO SPEZZA E DONA IL PANEV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.«Quando fu a tavola conloro, prese il pane, disse labenedizione, lo spezzò e lodiede loro. Allora siaprirono loro gli occhi e loriconobbero» (Lc 24, 30--31).E ormai sera. I duediscepoli di Emmaus sonoa tavola con quel viandantemisterioso che ha svelatoloro il senso della storia che
  • 5. stavano vivendo. Dopo le sue parole, ecco il suo gesto:spezzare il pane, come nella santa cena eucaristica.Quel volto diventa allimprovviso riconoscibile, èancora il Cristo del cenacolo che nel pane e nel vinopresenta il suo corpo e il suo sangue, cibo per la vitadel mondo. Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore. Sesta Stazione: IL RISORTO SI MANIFESTA AI DISCEPOLIV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.«Perché siete turbati e perché sorgono dubbi nel vostrocuore? Guardate le miemani e i miei piedi: sonoproprio io» (Lc 24,38-39).Il sospetto di avere difronte un fantasma èforte. Gesù non è forsesepolto nella tomba coni segni della tortura edella crocifissione?Eppure egli è ancora lì,davanti ai suoi amici,con mani e piedi feriti ma nella pienezza della vita. Equesta nuova vita che spazza via lamarezza, la tristezza
  • 6. e il dubbio e fa guardare oltre la morte e il suo silenzio.Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore. Settima Stazione: IL RISORTO DA IL POTERE DI RIMETTERE I PECCATIV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.«Alitò su di loro e disse:"Ricevete lo Spirito Santo;a chi rimetterete i peccatisaranno rimessi"» (Gv 20,22-23).Il respiro di Cristo inquella sera di Pasquacorre nei discepoli che loattorniano stupiti. E unsimbolo di vita diversa daquella che pure esce dalleloro labbra col loro alito.E il segno di una rigenerazione che solo lo Spirito puòoperare, facendo uscire luomo dalla morte del peccatoe avviandolo in una vita nuova in verità che rinnova.Nella Chiesa soffia questo alito divino che rinnova,trasforma e santifica lumanità. Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore.
  • 7. Ottava Stazione: IL RISORTO CONFERMA LA FEDE DI TOMMASOV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.«Gesù disse a Tommaso: "Non essere più incredulo,ma credente". RisposeTommaso: "Mio Signore emio Dio!"» (Gv 20, 27-28).Il dubbio si insinua nelcuore del discepolo chepure aveva ascoltato Gesùe aveva visto i segni dellasua potenza divina durantei giorni terreni. Ora, però,il Risorto è lì, davanti agliocchi di Tommaso, nellarealtà viva della suapresenza. E il discepolo ritorna alla luce della certezzae pronunzia la sua limpida professione di fede: «MioSignore e mio Dio!». Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore. Nona Stazione: IL RISORTO SI MANIFESTA SUL LAGO DI TIBERIADEV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.
  • 8. «Il discepolo che Gesù amava disse a Pietro: "E ilSignore!". Allora Gesùsi avvicinò, prese ilpane e lo diede loro»(Gv 21, 7. 13).Sul litorale del lago diTiberiade, alle primeluci dellalba, cè unuomo in attesa. Idiscepoli di Gesù sonoritornati alla loro anticaprofessione di pescatorie stanno navigandosulle loro barche. Il discepolo amato getta uno sguardoa quella figura e ha un sussulto: «E Il Signore!». ECristo li attende sulla spiaggia, pronto ad offrire ancoraagli uomini stanchi ed esitanti il pane della suapresenza. Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore. Decima Stazione: IL RISORTO CONFERISCE IL PRIMATO A PIETROV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.«"Simone di Giovanni, mi vuoi bene tu più di costoro?".Gli rispose: "Certo, Signore, tu sai che ti voglio bene".Gli disse: "Pasci i miei agnelli"» (Gv 21, 15).
  • 9. Tre domande e tre rispostedamore costituiscono latrama del dialogo tra Cristorisorto e Pietro sulla riva dellago di Tiberiade. Ildiscepolo che per tre volte loaveva tradito, ripete la suatriplice confessione di fede edi amore, e Cristo affida a luila missione di essere ilpastore del suo gregge lungo isecoli. E attraverso la parola, la mano, la persona diPietro che Cristo continuerà a guidare la sua Chiesa.Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore. Undicesima Stazione: IL RISORTO INVIA I DISCEPOLI NEL MONDOV. Ti adoriamo, o Cristo, e tibenediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hairedento il mondo.«Andate e ammaestrate tutt e lenazioni, battezzandole nelnome del Padre, del Figlio edello Spirito Santo. Ecco, io
  • 10. sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt28, 19-20).Sul monte della Galilea il Cristo glorioso dellarisurrezione saluta i suoi discepoli. Pur nellassenzaesteriore, la sua presenza sarà viva, efficace e costanteper sempre e sosterrà lazione apostolica della Chiesa,che proclama il Vangelo e dona la vita nuova nelloSpirito attraverso il battesimo che salva. Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore. Dodicesima Stazione: IL RISORTO ASCENDE AL CIELOV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.«Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo?Questo Gesù, che è stato ditra voi assunto fino al cielo,tornerà un giorno allo stessomodo in cui lo avete vistoandare in cielo» (At 1, 11).Il monte degli Ulivi diventail segno dellincontro tra laterra e il cielo, incontro chesi è compiuto nel Cristorisorto. Nella suaascensione egli ritornanellorizzonte infinito della gloria divina ove attenderàlumanità redenta. Ma il fedele deve ora vivere nelle vie
  • 11. della storia e del mondo, costruendo nella sua città ilRegno in attesa del ritorno di Cristo. «E saremo semprecol Signore» (1 Ts 4, 17). Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore. Tredicesima Stazione: CON MARIA IN ATTESA DELLO SPIRITO SANTOV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.«Gli apostoli erano assidui econcordi nella preghiera,insieme con alcune donne econ Maria, la madre diGesù, e con i fratelli di lui»(At 1, 14).La comunità cristiana èraccolta attorno a Marianella fede, nella preghieracostante e nellamore.Apostoli e fedeli, uomini edonne, tutti insieme innalzano la loro lode a Dio,testimoniando attraverso la carità la loro fede nel Cristorisorto, sorgente della nuova vita, nellattesa che sicompia la promessa di Gesù di inviare lo SpiritoConsolatore «perché rimanga con voi per sempre» (Gv14,16). Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore.
  • 12. Quattordicesima Stazione: IL RISORTO MANDA LO SPIRITO SANTOV. Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.R. Perché con la tua Pasqua hai redento il mondo.«Venne allimprovviso dalcielo un rombo, come divento che si abbatte gagliardo.Apparvero loro come linguedi fuoco, ed essi furono pienidi Spirito Santo» (At 2, 2-4).Nella sala del cenacolo, ilgiorno di Pentecoste, passa ilvento dello Spirito che è ilrespiro divino effuso neidiscepoli del Cristo risorto. Siaccende anche il fuoco dellamore che riscalda il cuoredei credenti e li conduce nel mondo a testimoniare lavita, la luce e la carità di Dio. La Chiesa dalle millelingue, dalle diverse culture e nazionalità ha aGerusalemme la sua radice e nello Spirito Santo la suasorgente. Padre nostro.V. Per la risurrezione di Cristo.R. custodiscici nella luce, o Madre del Signore.Preghiamo. O Dio, che nella gloriosa risurrezionedel tuo Figlio hai ridato la gioia al mondo intero, perintercessione di Maria Vergine concedi a noi di goderela luce della vita senza fine.Per Cristo nostro Signore. R. Amen.