Il papiro mitologico di Khonsu-mes della Collezione Drovetti: uno dei più begli esemplari di arte grafica egizia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Il papiro mitologico di Khonsu-mes della Collezione Drovetti: uno dei più begli esemplari di arte grafica egizia

on

  • 156 views

Conference ...

Conference
“Una collezione di antichità Egizie unica al mondo”
Bernardino Drovetti, dall’avventura alla scienza
23 maggio 2014
Accademia delle Scienze di Torino Sala dei Mappamondi

Statistics

Views

Total Views
156
Views on SlideShare
156
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
6
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Il papiro mitologico di Khonsu-mes della Collezione Drovetti: uno dei più begli esemplari di arte grafica egizia Il papiro mitologico di Khonsu-mes della Collezione Drovetti: uno dei più begli esemplari di arte grafica egizia Presentation Transcript

    • Il papiro mitologico di Khonsu-mes della collezione Drovetti: uno dei più begli esemplari di arte grafica egizia (Vienna ÄS 3859) H. Satzinger (Vienna)
    • Il papiro mitologico di Khonsu-mes della collezione Drovetti: uno dei più begli esemplari di arte grafica egizia (Vienna ÄS 3859) H. Satzinger (Vienna)
    • La campagna di Napoleone in Egitto tra il 1798 e il 1801, che fu allo stesso tempo una spedizione scientifica, e la conseguente pubblicazione dei suoi risultati, incrementarono in modo enorme l'interesse pubblico per la civiltà faraonica e stimolarono molte case regnanti europee a concorrere tra loro per la creazione di collezioni di antichità egizie negli anni ’20 dell’Ottocento.
    • Tali ambizioni furono perseguite da un piccolo gruppo di persone - diplomatici e avventurieri - che raccolsero i più splendidi monumenti faraonici e li offrirono alle parti interessate per l'acquisto. A quanto pare, il possesso di una collezione egizia era per un principe uno status symbol, dimostrando al mondo l'alto livello culturale della casa regnante.
    • La dinastia venerabile d’Asburgo era meno sensibile su questo punto. Tuttavia, per caso, furono proprio loro tra i primi che potérono ostentare opere dell’Egitto faraonico. Nel 1821 il medico ungherese (dal nome tedesco) Ernst August Burghard informò la Corte austriaca che intendeva viaggiare in Egitto, e propose di acquistare per la casa imperiale di Vienna una ragguardevole collezione di antichità egizie.
    • FRANCESCO I, 1768-1835; imperatore austriaco da 1804
    • Successivamente, sempre nel 1821, Burghard acquistò in Egitto una notevole collezione di più di 3.500 oggetti per la corte viennese. Dunque il 1821 può essere considerato l‘anno di náscita della collezione egizia in Vienna, sebbene prima di allora si trovassero già parecchi oggetti egizi nel Gabinetto delle monete e d'antiquariato degli Asburgo.
    • Mentre questi non superavano certamente il mezzo migliaio di pezzi, il loro numero aumentò a quasi quattro mila in quel 1821. Sembra che gli oggetti che Burghart portò dall’Egitto fossero stati acquistati da Giuseppe Nizzóli, cancelliere del consolato Austriaco a Alessandria d‘Egitto.
    • Nizzoli stesso non faceva scavi, piuttosto soleva comprare i reperti portati alla luce da altri personaggi, in particolare dal piemontese Antonio Lébolo che lavorava al servizio di Bernardino Drovetti nella ricerca di antichità.
    • Quando B. Drovetti nel 1823 offrì la sua prima collezione anche alla corte di Vienna (un fatto che non è molto noto), era troppo tardi: gli Asburgo, nella loro modestia, pensavano infatti di possedére ormai reperti egizi a sufficienza. In questo modo la splendida collezione di Drovetti – che era stata offerta anche a Parigi - non arrivò mai a Vienna. Questa prima collezione assemblata da Drovetti, considerata troppo costosa da Luigi XVIII, come anche da Francesco I di Asburgo,
    • re Carlo Felice di Savoia (1821-1831)
    • fu infine acquistata dal re Carlo Felice di Savoia nel 1823, per la somma di 400.000 lire piemontesi. Essa consisteva di circa 8000 pezzi, tra cui 98 grandi statue, 170 papiri, 100 mummie di uomini ed animali, 1500 scarabei ed altri oggetti che furono trasportati nel palazzo dell’Accademia delle Scienze dove costituirono la base per il Museo Egizio di Torino che fu inaugurato nel novembre del 1824.
    • Dopo essersi fatta sfuggire questa occasione, la Corte di Vienna, nel 1825, acquistò parecchi oggetti da Drovetti. Fra pezzi di scarso valore si trova anche un reperto straordinario, cioè un papiro appartenente alla categoria die “papiri mitologici“, con disegni magnifici, una vera opera d’arte.
    • Dall’inventario della collezione di Vienna, del 1825: Oggetto: Rotolo di papiro molto lungo, ma stretto, con rappresentazioni consecutive e con poca scrittura geroglifica in mezzo : si notano fra le varie rappresentazioni: l’albero della vita, la pesatura del cuore, l’uccisione dell‘asino, la navigazione sul Nilo (per due volte) ecc. Il tutto dipinto. Luogo di provenienza e datazione: Egitto, acquistato a Vienna per 15 fl(orini) - [valore]: pagato 180 Fr(ancs), ma vale 400 Fr(ancs) – L'ex proprietario: Drovetti il Giovane [Drovetti der Jüngere].
    • Che cos‘è un „papiro mitologico“? Per dirlo in un modo semplice, è un Libro dei morti che invece del testo geroglifico contiene rappresentazioni pittoriche dettagliate. Ma il Libro dei morti egiziano non ha un contenuto fisso o definito, come la Bibbia: ogni esemplare costituisce una scelta personale di formule, tratte da un corpus di invocazioni varie. Dunque non esiste un esemplare uguale ad un altro.
    • Allo stesso modo anche i papiri mitologici sono personali: probabilmente non ci sono due esemplari con lo stesso programma iconografico.
    • All’inizio del Nuovo Regno i sarcofagi cambiárono la loro forma. Se fino ad allora erano casse rettangolari, presero allora la forma di corpi umani mummificati. La forma della cassa era ideale per recare iscrizioni tratte da testi funerari, mentre la forma della mummia forniva poca superficie per tale scopo.
    • COFANO DEL MEDIO REGNO Museo del Louvre, Parigi
    • SARCOFAGO MOMMIFORME MUSEO EGIZIO TORINO
    • I testi furono dunque scritti su rotoli di papiro. Questa è l’origine del Libro dei morti, che rimase in uso da allora in poi, fin quasi alla fine della storia egizia, nei primi secoli dopo Cristo. Ma alla fine del Nuovo Regno, durante la XXI dinastia, apparve un nuovo tipo di composizione funeraria, nota come Papiro mitologico.
    • Libro dei morti di Hor figlio di Heqairdies (Museo Egizio, Torino). Epoca tarda.
    • Libro dei morti di Kenena (Leida), 18a dinastia
    • Questi papiri sono caratterizzati dalla sostituzione del testo del Libro dei morti con immagini, accompagnate soltanto da rarissime legende. Molti di questi disegni risalgono alle illustrazioni convenzionali del Libro dei Morti, le cosiddette „vignette“ associate alle singole formule, così come ad altri testi funerari.
    • Un „papiro mitologico“ tipico: della signora Mesha-sebeq (Museo Egizio Torino)
    • Una dei più begli esemplari di Papiro mitologico è quello di Khonsu-mes di Vienna, proveniente appunto dalla collezione di Drovetti. L'uomo per cui venne realizzato questo papiro è anche noto da altre fonti. Il suo sarcofago si trova ora a Marsiglia, così come quello di sua moglie, il cui papiro funerario è conservato alla Bibliothèque Nationale di Parigi.
    • Il sarcofago della figlia è al Museo Nazionale di Copenaghen, mentre il suo papiro funerario è a Leida. Da tutte queste fonti apprendiamo che Khonsu-mes aveva ricoperto la carica di Capo Archivista, ed inoltre era Sovrintendente del Laboratorio degli Orafi e Sovrintendente di tutti i lavori di costruzione, nonchè capo degli Artigiani nel tempio di Amon.
    • Le illustrazioni di questo papiro sono di rara qualità e bellezza. La serie di immagini inizia a destra, dove troviamo il titolo, "Libro di ciò che si trova nell’Aldilà”.
    • Inizio del papiro die Khonsu-mes: "Libro di ciò che si trova nell’Aldilà”
    • All’inizio del suo viaggio nell’Aldilà il morto – Khonsu-mes, capo di coloro che sono responsabili dei libri – è in ginocchio in atteggiamento di adorazione verso il simbolo dell’ovest: il falco divino e la piuma di struzzo sullo stendardo; l’ovest è la zona della morte, dove il sole tramonta. Dietro l’uomo si trova la dea ”che è opposta al suo signore“; il simbolo dell’ovest vi è il sole della sera, il dio Sole stanco, dipinto come ariete, anche lui sullo stendardo, simbolo degli esseri divini.
    • L‘OVEST CHE È OPPOSTA AL SUO SIGNORE IL GRANDE DIO NEL SUO DISCO
    • Le parole scritte in geroglifici signifícano come “il grande dio nel suo disco”.   Il sole della sera si appresta ad attraversare la zona notturna. Questo passaggio non è solo la controparte logica del viaggio diurno del sole attraverso il cielo. Questo processo cosmico è importante anche perchè il sole stanco ed invecchiato viene così rigenerato. Affiancato dalla “figlia di Ra”, il Dio Sole effettua il suo ringiovanimento.
    • La restante parte delle scene non costituisce un vero itinerario nel mondo ultraterreno; si tratta piuttosto di immagini, di icone che rappresentono delle verità religiose di grande importanza, selezionate dal proprietario della tomba che deve aver consultato a questo scopo sacerdoti specializzati in testi funerari.
    • In un’altra scena si vedono una donna divina e un sicomoro, la scritta identifica la dea come Nut. Davanti a lei si inginocchia Khonsu-mes; la dea versa dell‘acqua da una brocca-hes sulle mani del defunto e gli porge un vassoio con del cibo .
    • La scena seguente mostra Khonsu-mes in atto di fare un’offerta al dio sole Ra Horakhty.
    • Il misterioso lago di fuoco, che è affiancato da quattro babbuini, distrugge il defunto che risulti colpevole, mentre il defunto beato si rinfresca nelle sue acque.
    • La scena centrale nella teoria dell’esistenza di una vita dopo la morte è quella del giudizio divino finale, caratterizzato da una grande bilancia. Anubi (dalla testa di sciagallo) è colui che effettua la pesatura. Osiride in trono presiede il tribunale. Thoth dalla testa di ibis è lo scriba che annota il risultato della pesatura.
    • L'idea che sta alla base di questa scena è notevole: non si tratta di pesare le buone azioni di una persona contro quelle cattive. Piuttosto, il cuore del defunto – sede del suo pensiero, del suo sentimento e della sua volontà – deve risultare esattamente dello stesso peso rispetto alla norma divina (ma'at in egiziano), raffigurata spesso da una piuma.
    • Due barche (di modello arcaico) consentono al defunto un pellegrinaggio ai santuari di Abido e Menfi.
    • ABIDO MENFI
    • Khonsu-mes è infine identificato con il dio Osiride, e dopo la morte raggiunge la vita eterna nell’Aldilà grazie al sostegno del dio Anubi e all'assistenza delle dee Iside e Nefti.
    • ISIDE WENENNEFER = OSIRIDE NEFTI
    • Dunque, anche se Vienna non rientra tra i musei che possiedono grandi collezioni di antichità egizie di Drovetti, conserva comunque un magnifico oggetto che gli era appartenuto.