Tsp350

506 views
443 views

Published on

Kernel sistemi TSP 350 manual

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
506
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Tsp350

  1. 1. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itMANUALE UTENTE TSP 350 Rel.: 0.2 Agosto 2011 TSP 350 1
  2. 2. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it Kernel Sistemi s.r.l. Documentazione Tecnica © Kernel Sistemi Kernel Sistemi s.r.l. , via Vignolese 1138 Modena - ITALY Tel.059 468 878 - Fax 059 468 874 http//:www.kernel.modena.itAVVERTENZA:La Kernel Sistemi s.r.l. Si riserva il diritto di modificare in qualsiasi momento il contenuto diquesto documento , senza previa comunicazione ai clienti in seguito ad eventuali modifiche orevisioni . TSP 350 2
  3. 3. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it Legenda : TSP 350 3
  4. 4. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it Indice1.0 Caratteristiche Hardware....................................................................................................6 1.1 Installazione...............................................................................................................................................122.0 Note Generali......................................................................................................................16 2.1 Flash..........................................................................................................................................................16 2.2 Sistema Operativo.....................................................................................................................................16 2.3 Set Up menu..............................................................................................................................................18 2.4 System Test menu......................................................................................................................................19 2.5 Connessione con PC..................................................................................................................................20 2.6 Le Password...............................................................................................................................................22 2.7 Struttura di programmazione.....................................................................................................................22 2.8 Calibrazione touch screen..........................................................................................................................243.0 Progettazione.......................................................................................................................25 3.1 Per Iniziare.................................................................................................................................................25 3.2 Opzioni Progetto........................................................................................................................................27 3.2.1 Generale.............................................................................................................................................28 3.2.2 TIM – CNT – Filtri dIngresso...........................................................................................................29 3.2.3 Variabili Esterne ...............................................................................................................................29 3.2.4 Lettura/Scrittura variabili Esterne......................................................................................................32 3.2.4.0 Scrittura da software (attributo “Nessuna”)...............................................................................32 3.2.4.1 Scrittura da display (attributo “Nessuna”).................................................................................33 3.2.4.2 Lettura da software (attributo “Nessuna”).................................................................................34 3.2.4.3 Scrittura continua.......................................................................................................................34 3.2.4.4 Lettura continua.........................................................................................................................34 3.2.4.5 Scrittura da display (attributo “Lettura continua”)....................................................................34 3.2.4.6 Scrittura da software (attributo “Lettura continua”)..................................................................34 3.2.5 CAN...................................................................................................................................................35 3.2.5.1 Moduli I/O CAN........................................................................................................................36 3.2.5.2 Configurazione variabili CAN...................................................................................................37 3.3 Interfaccia principale.................................................................................................................................38 3.3.1 Finestra display..................................................................................................................................39 3.3.2 Finestra allarmi..................................................................................................................................41 3.3.3 Tavolozza strumenti...........................................................................................................................42 3.3.3.1 Cancella .....................................................................................................................................44 3.3.3.2 Zoom .........................................................................................................................................44 3.3.3.3 Inserisci Testo ...........................................................................................................................45 TSP 350 4
  5. 5. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it 3.3.3.4 Linee , Rettangoli vuoti e pieni , Rettangoli arrotondati.............................................................45 3.3.3.5 Cerchi pieni e Cerchi vuoti.........................................................................................................46 3.3.3.6 Inserimento immagini.................................................................................................................46 3.3.3.7 Inserimento variabili...................................................................................................................46 3.3.3.8 Inserimento istogrammi .............................................................................................................48 3.3.3.9 Inserimento grafici .....................................................................................................................49 3.3.3.10 Inserimento Menu.....................................................................................................................50 3.3.3.11 Inserimento Tachimetro............................................................................................................51 3.3.3.12 Inserimento Slide......................................................................................................................52 3.4 Tavolozza proprieta..................................................................................................................................53 3.5 Barra di stato..............................................................................................................................................54 3.6 Menu a tendina..........................................................................................................................................57 3.7 Gestione Pagine.........................................................................................................................................66 3.8 Gestione Allarmi.......................................................................................................................................67 3.9 Operandi....................................................................................................................................................694.0 Risorse...................................................................................................................................70 4.1 Memoria....................................................................................................................................................70 4.1.1 Operazioni a 16 e 32 bit......................................................................................................................70 4.1.2 Memoria redentiva e memoria volatile ..............................................................................................71 4.1.3 Mappa di memoria..............................................................................................................................72 4.2 Flags di Sistema.........................................................................................................................................92 4.3 Timers........................................................................................................................................................97 4.4 Contatori..................................................................................................................................................100 4.5 Set Istruzioni............................................................................................................................................104 4.5.1 LD / LDNOT....................................................................................................................................105 4.5.2 @LD / %LD......................................................................................................................................105 4.5.3 AND / ANDNOT / OR / ORNOT / XOR / XORNOT.....................................................................107 4.5.4 ANDLD / ORLD..............................................................................................................................111 4.5.5 ANDW / ORW .................................................................................................................................112 4.5.6 ANDX / ORX...................................................................................................................................113 4.5.7 OUT / OUTNOT...............................................................................................................................114 4.5.8 SET /RES..........................................................................................................................................115 4.5.9 TOGGLE..........................................................................................................................................116 4.5.10 BSET / BCLR.................................................................................................................................117 4.5.11 BLDN..............................................................................................................................................118 4.5.12 BOUT / BOUTN.............................................................................................................................119 4.5.13 BAND / BANDN / BOR / BORN /BXOR / BXORN....................................................................120 4.5.14 SBR.................................................................................................................................................122 4.5.15 ENDSBR.........................................................................................................................................125 4.5.16 LBL.................................................................................................................................................127 4.5.17 CALL..............................................................................................................................................128 4.5.18 JMP / JMPNOT..............................................................................................................................129 4.5.19 JNZ..................................................................................................................................................130 TSP 350 5
  6. 6. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it 4.5.20 END................................................................................................................................................131 4.5.21 TIM.................................................................................................................................................132 4.5.22 CNT................................................................................................................................................133 4.5.23 (L)MOV..........................................................................................................................................134 4.5.24 MOVB............................................................................................................................................138 4.5.25 FILLB.............................................................................................................................................139 4.5.26 (L)ADD / (L)SUB / (L)MUL / (L)DIV..........................................................................................140 4.5.27 (L)EADD / (L)ESUB / (L)EMUL / (L)EDIV................................................................................141 4.5.28 LSHIFT / RSHIFT..........................................................................................................................142 4.5.29 LSHIFTB / RSHIFTB.....................................................................................................................144 4.5.30 (L)INC / (L)DEC............................................................................................................................146 4.5.31 (L)CMP...........................................................................................................................................147 4.5.32 BTW................................................................................................................................................148 4.5.33 FIFO................................................................................................................................................149 4.6 E²PROM esterna......................................................................................................................................151 4.7 Orologio calendario.................................................................................................................................152 4.8 Programmatore Settimanale....................................................................................................................153 4.9 Ricette......................................................................................................................................................154 4.10 Ingressi Analogici..................................................................................................................................155 4.11 Uscite Analogiche.................................................................................................................................156 4.12 Encoders................................................................................................................................................157 4.13 Regolatore P.I.D....................................................................................................................................158 4.15 Gestione PWM......................................................................................................................................162 4.16 Protocollo libero....................................................................................................................................1635.0 Ladder................................................................................................................................164 5.1 Finestra ladder.........................................................................................................................................164 5.2 Menu a tendina........................................................................................................................................165 5.3 Barra pulsanti...........................................................................................................................................171 5.4 Finestra Network.....................................................................................................................................172 5.5 Area titolo e commento...........................................................................................................................173 5.6 Griglia di programma..............................................................................................................................174 5.7 Online......................................................................................................................................................174 5.8 Programma minimo.................................................................................................................................175 5.9 Form dei contatti......................................................................................................................................176 5.10 Editor dei simboli..................................................................................................................................1776.0 Lista Istruzioni..................................................................................................................178 6.0.1 Come iniziare...................................................................................................................................178 6.0.2 Programma minimo.........................................................................................................................179 TSP 350 6
  7. 7. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it1.0 Caratteristiche Hardware Alimentazione Min 20Vcc ; Max 26 Vcc Min 15 Vac ; Max 21 Vac Assorbimento inferiore a 600mA senza carichi Microprocessore Fujitsu MB91467 @ 100MHz Memoria Programma 128 KB Memoria Pagine 128 KB E²PROM 64 KB Tempo di Ciclo Programmabile (minimo 1 msec.) Input Digitali 12 input digitali PNP a 24 Volts con filtro antidisturbo programmabile singolarmente (valore 0..255) Input Analogici Quattro input analogici con risoluzione a 10 bit [0...1023] ; per PT100 , termocoppia (J o K) in tensione (0...10V) o in corrente (0...20mA) . Output Digitali 12 uscite statiche PNP 24V a 500mA Output Analogici 4 uscite analogiche -10/+10 V a 12 bits Ingressi Encoder 2 ingressi per encoder bidirezionale fino a 10 KHzImpedenza Ingresso ADC 250 Ω In CorrenteImpedenza Ingresso ADC 10 KΩ In Tensione RAM tampone --- Range Temperatura di da -10 °C a +70 °C Funzionamento Range Umidita da 10 a 90% (senza condensa) Atmosfera di Libera da gas corrosivi Funzionamento Immunita ai Disturbi Secondo norme vigenti Protezione Anteriore IP65 TSP 350 7
  8. 8. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it Sistema di Fissaggio Quattro perni M4 Peso 760 g Tastiera Touch screen resistivo con ampia risoluzione Display Display grafico 320 per 240 a 256 colori, retroilluminato. 4 LEDS di segnalazione. RTC Real time clock esterno con calendario e orologio tamponato con batteria ricaricabile . (durata carica batteria 1 anno)Connessioni I/O (Outputs) TSP 350 8
  9. 9. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itDimensioni Frontale 145x120 mm , Profondita 82 mm TSP 350 9
  10. 10. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it 3 linee seriali (COM 0,COM 1,COM 2) e porta CAN Porte di Comunicazione COM 0 : Questa seriale e RS232 e puo supportare diversi tipi di protocolli di comunicazione per interfacciamento con altri dispositivi (termoregolatori, inverters o per collegamento in rete) . E usata per caricare il programma applicativo o il sistema operativo in alternativa alla porta USB . COM 1 : Questa seriale e RS422 o RS485 e puo supportare diversi tipi di protocolli di comunicazione per interfacciamento con altri dispositivi (termoregolatori, inverters o per collegamento in rete) . COM 2 : Questa seriale e RS485 e puo supportare diversi tipi di protocolli di comunicazione per interfacciamento con altri dispositivi (termoregolatori, inverters o per collegamento in rete) .Figura 1.2 TSP 350 10
  11. 11. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itgli ingressi analogici ( 4 per PT100, TMC, tensione 0...10V o corrente 0...20mA ) sono disposti su morsettierain questo modo :figura 1.3 TSP 350 11
  12. 12. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it 1.1 InstallazioneLutente deve installare ed utilizzare i prodotti in base alle specifiche riportate nei manuali. Prima di utilizzare i prodotti incondizioni non previste dai manuali o di applicarli in sistemi di controllo nucleari, ferroviari, per aviazione, su veicoli,sistemi di combustione, apparecchiature medicali, macchine per Luna Park, apparecchiature di sicurezza o a qualunquealtro sistema, macchina o apparecchiature il cui uso improprio possa comportare il rischio di lesioni a persone o cose,rivolgersi direttamente a KERNEL sistemi.Accertarsi che i valori nominali e le specifiche di prodotto siano sufficienti per i sistemi, le macchine e le apparecchiatureche verranno utilizzare e dotare sempre tali sistemi di doppi meccanismi di sicurezza.Il presente manuale fornisce informazioni sulla programmazione e sullutilizzo del PLC , Kernel si raccomanda dileggerlo attentamente prima di utilizzare il prodotto per la prima volta e tenerlo sempre a portata di mano comeriferimento durante le operazioni. Installazione e quadro elettricoLa connessione elettrica tra il dispositivi KERNEL e il quadro elettrico rappresenta una delle parti più importante per ilcorretto funzionamento di tutta la macchina.In ogni caso si devono seguire delle regole generali fondamentali e soprattutto il buon senso.  E` buona norma inserire i dispositivi in una carpenteria metallica opportunamente messa a terra, separare la parte di potenza dalle parti logiche, evitare di mettere i dispositivi nei pressi di fonti di calore.  Utilizzare cavi adeguati all’uso sia come sezione e sia come schermatura quando serve. Evitare di accoppiare cavi di segnali o a bassa tensione con cavi di potenza.  Rispettare le regole di messa a terra e in modo particolare il concetto di terra stellare utilizzando le apposite barre di terra con sezioni idonee al carico.  Inserire i filtri su carichi induttivi o simili come su contatti di contattori per motori o elettrovalvole.  Schermare sul bordo macchina i segnali come sensori finecorsa encoder ecc..  Utilizzare eventuali sensori analogici (Termocoppie, PT100, corrente etc..) con carcassa metallica isolata dai conduttori.Queste regole sommarie sono descritte anche in testi specifici, in ogni caso è buona norma interpellare la KERNELsistemi per ogni chiarimento tecnico.Altre direttive applicabili• Direttiva sulla compatibilità elettromagnetica (EMC)• Direttiva per le basse tensioni (LVD)Per consentire lutilizzo con qualsiasi macchinario e in combinazione con apparecchiature di altri produttori, i prodottiKERNEL sono stati progettati nel rispetto degli standard EMC allo scopo di agevolare anche la conformità deglieventuali macchinari e dispositivi assemblati ai medesimistandard. Tuttavia, sebbene i singoli macchinari o apparecchiature siano conformi agli standard EMC primadellassemblaggio, tale condizione potrebbe cambiare a seconda dellapplicazione, della configurazione del pannello dicontrollo e del cablaggio. Per tale motivo, KERNEL non può garantire che un determinato sistema sia conforme con laDirettiva. È pertanto necessario accertare ilmacchinario o il dispositivo nel suo complesso rispetti le Direttive EMC.Direttiva per le basse tensioni (LVD) TSP 350 12
  13. 13. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itLa Direttiva per le basse tensioni stabilisce i necessari standard di sicurezza e la relativa implementazione per i dispositivifunzionanti a tensioni compresetra 50 e 1.000 Vc.a. o tra 75 e 1.500 Vc.c. EMC: direttiva concernente la compatibilità elettromagnetica (Electro-Magnetic Compatibility) EMS: standard di suscettibilità elettromagnetica (Electro-Magnetic Susceptibility) EN 61131-2 EN 61000-6-2EMI: standard di interferenza elettromagnetica (Electro-Magnetic Interference) EN 50081-2 Standard generico sulleemissioni EN 50081-2, standard sulle emissioni irradiate (10 m) È di fondamentale importanza che il PLC e tutti i relativi Moduli vengano utilizzati per lo scopo specificato e nelle condizioni specificate, in particolare in applicazioni che implicano rischi diretti o indiretti per lincolumità delle persone. Prima di utilizzare il PLC per tali applicazioni, rivolgersi al proprio rappresentante KERNEL Non tentare di rimuovere un dispositivo in presenza di alimentazione, in quanto ciò implica il rischio di scosse elettriche. Non toccare i terminali o le morsettiere quando il sistema e alimentato, cio potrebbe comportare il rischio di scosse elettriche . Applicare adeguate misure di sicurezza ai circuiti esterni (cioè, esterni al Controllore programmabile) , incluse quelle riportate di seguito, per garantire la massima sicurezza in caso di anomalie dovute al funzionamento incorretto del PLC o ad altri fattori esterni che influiscono sul funzionamento del PLC. Disattendere queste precauzioni potrebbe essere causa di gravi incidenti. I circuiti di controllo esterni devono essere dotati di circuiti di arresto di emergenza, circuiti di interblocco, limitatori di ampiezza e altre misure di sicurezza analoghe Le uscite del PLC potrebbero restare attivate o disattivate in caso di deposizione elettrolitica, bruciatura dei relè di uscita o distruzione dei transistor di uscita. Come soluzione a tali problemi, il sistema deve essere dotato di misure di sicurezza esterne. TSP 350 13
  14. 14. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it Precauzioni relative allambiente operativo : !Attenzione Non utilizzare il sistema di controllo nei seguenti luoghi: • Luoghi esposti alla luce solare diretta.• Luoghi con temperature o tassi di umidità al di fuori dellintervallo di valori riportato nelle specifiche.• Luoghi soggetti a formazione di condensa a causa di considerevoli escursioni termiche.• Luoghi esposti a gas corrosivi o infiammabili.• Luoghi esposti a polvere (in particolare polvere metallica) o agenti salini.• Luoghi esposti ad acqua, oli o agenti chimici.• Luoghi soggetti a urti o vibrazioni.!Attenzione Applicare soluzioni di sicurezza adeguate e sufficienti quando si installano sistemi nei seguenti luoghi:• Luoghi soggetti a elettricità statica o altre forme di disturbi.• Luoghi in cui sono presenti forti campi elettromagnetici.• Luoghi potenzialmente esposti a radioattività.• Luoghi in prossimità di fonti di alimentazione.!Attenzione Lambiente in cui opera il PLC può avere un grande impatto sulla durata e sullaffidabilità del sistema.Lutilizzo in ambienti operativi non appropriati può essere causa di funzionamento incorretto, guasti e altri problemi nonprevedibili. Accertarsi che lambiente operativo rispetti le condizioni richieste per linstallazione e che tali condizionisiano mantenute per lintera durata diesercizio del sistema.esercizio del sistema. Precauzioni relative allapplicazione : Osservare le seguenti precauzioni nelluso del PLC. !AVVERTENZA Attenersi sempre alle seguenti precauzioni. Il mancato rispetto di tali precauzioni puòessere causa di lesioni gravi, anche mortali.• Durante linstallazione dei dispositivi, effettuare sempre un collegamento a terra di classe 3 (a 100 . o inferiore). Ilcollegamento a una massa diversa dalla classe 3 potrebbe determinare scosse elettriche.• Spegnere sempre il PLC e scollegare lalimentazione prima di eseguire una delle operazioni riportate di seguito. Lamancata interruzione dellalimentazione,comporta il rischio di scosse elettriche o il funzionamento incorretto.• Montaggio o smontaggio di Moduli di I/O, CPU, o espansioni.• Collegamento di cavi o cablaggio del sistema.• Collegamento e scollegamento di connettori.!Attenzione Il mancato rispetto delle seguenti precauzioni può causare il funzionamento incorretto del PLC o del sistemao danni al PLC e ai relativi Moduli. Seguire sempre tali precauzioni.• Il cliente è tenuto a implementare meccanismi di sicurezza per guasti ederrori allo scopo di garantire la sicurezza in caso di segnali errati,mancanti o anomali provocati da guasti a carico dellelinee di segnale,cadute di tensione temporanee o altre cause.• Utilizzare sempre le tensioni di alimentazione specificate nel presente manuale. Una tensione errata può provocare unfunzionamento incorretto o bruciature.• Adottare le misure necessarie per garantire che il sistema sia sempre alimentato nel rispetto delle specifiche di tensionee frequenza nominali. Prestare particolare attenzione in ambienti in cui lalimentazione è instabile.Unalimentazione nonadeguata può comportare un funzionamentoincorretto.• Installare interruttori esterni o altri dispositivi di sicurezza per evitare cortocircuiti nelle aree di cablaggio esterno.Misure insufficienti di protezione da cortocircuiti potrebbero causare bruciature.• Non applicare alle sezioni di ingresso tensioni superiori alla tensione di ingresso nominale. Tensioni eccessivamente TSP 350 14
  15. 15. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.italte potrebbero essere causa di bruciature.• Non applicare tensioni o collegare carichi alle sezioni di uscita superiori alla capacità di commutazione massima.Tensioni o carichi eccessivamente elevati potrebbero essere causa di bruciature. TSP 350 15
  16. 16. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it 2.0 Note GeneraliPer avere un corretto quadro completo sull utilizzo del TSP350 e su come lavorare con questo oggetto , e opportuno darealcune informazioni generali sul software e sull hardware . 2.1 FlashIl software Flash e lambiente di sviluppo per la parte terminale (e quindi la grafica delle pagine) e la parte ladder (lascrittura del codice) che permette la creazione di applicativi per il TSP350 . Per installare Flash e sufficente scaricare ilpacchetto di installazione completo presente sul nostro sito www.kernel.modena.it ; il download e gratuito . Il softwareFlash e inoltre in costante sviluppo per migliorarne il funzionamento , inserire nuove funzioni , correggere eventualibachi di programma ; e pertanto opportuno subito dopo linstallazione del software , scaricare anche l aggiornameto diFlash , in quanto il pacchetto di installazzione completo potrebbe non racchiudere lultima versione.Questa operazione dovra essere fatta ogni qual volta si riscontri unanomalia o sia stata inserita una modifica su espressarichiesta del cliente , e comunque buona norma tenersi aggiornati con le ultime versioni di Flash . E possibileverificare la versione del software installato selezionando il menu a tendina in alto “?” e poi “Info”. (figura 2.0)figura 2.0 E buona norma tenersi aggiornati con le ultime versioni del software di sviluppo Flash scaricabili dal nostro sito . 2.2 Sistema OperativoLa parte software del TSP350 e costituita dal sistema operativo e dal programma applicativo . Al momento dellaconsegna sul TSP e presente solamente il sistema operativo , il programma applicativo verra creato in seguito dallutentecol software Flash e trasmesso . Il sistema operativo non e altro che quella parte di software che gestisce tutte le risorsedel PLC e le mette a disposizione del programma applicativo (in maniera analoga a quanto avviene in un comune PC) .Anche il sistema operativo , proprio come lambiente di programmazione Flash , e in costante sviluppo per migliorarne ilfunzionamento , inserire nuove risorse , correggere eventuali bachi software ; pertanto , sono spesso disponibili nuoviaggiornamenti sul sito www.kernel.modena.it . Se si e appena effettuata linstallazione del programma tramite ilpacchetto di installazione completo , e consigliato scaricare anche laggiornamento del sistema operativo , in quanto ilpacchetto di installazione potrebbe non racchiudere lultima versione . Laggiornamento del sistema operativo e indicatosul nostro sito con il nome “sistema operativo SYS_DLC” .A differenza di Flash , pero , per quanto riguarda il sist. op. non e esplicitamente consigliato di tenersi aggiornati con leultime versioni , le quali potrebbero implementare risorse aggiuntive ritenute non interessanti e non essere utilizzate dal TSP 350 16
  17. 17. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itcliente . Il suggerimento che viene dato , quindi , e quello di continuare con una determinata versione di sist. op. nel casoquesta sia considerata sufficiente dal programmatore per i propri scopi .Flash viene installato in automatico nel disco fisso principale nella cartella ProgrammiFlash . La cartella Flash conterrauna serie di files necessari alla programmazione e alcune sottocartelle contenenti i sistemi operativi dei vari PLC fra cuianche la cartella TSP_350 .Dopo aver scritto il proprio programma applicativo e necessario compilarlo per linkarlo alle risorse del sistema operativoinstallato sul proprio PC nella cartella sopracitata . Nel caso in cui la voce “aggiornamenti automatici” fosse spuntata(figura 2.1) , al momento della trasmissione da PC a TSP viene controllato se il sist.op. presente sul TSP sia uguale aquello con cui viene compilato lapplicativo .Figura 2.1Nel caso in cui la risposta del TSP sia errata o non vi sia risposta il software Flash propone di aggiornare il sist. op.(figura 2.2)figura 2.2Nel caso si decidesse di deselezionare la voce “aggiornamenti automatici” , Flash non mostrera piu la finestra di figura2.2 ma trasmettera comunque il programma applicativo anche in caso di sistemi operativi differenti fra PC e TSP ; sara ilTSP350 a segnalare attraverso il messaggio derrore “SYSTEM Mismatch Fatal Error” (figura 2.3) che e stato trasmessoun applicativo compilato con un sist.op. Differente da quello presente sul TSP . TSP 350 17
  18. 18. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itfigura 2.3 2.3 Set Up menuSe sul TSP350 non e caricato nessun applicativo , allaccensione entra in automatico nel menu di “Set Up” (figura 2.4)dopo aver mostrato per qualche istante la scritta “No Application Fatal Error” (tale scritta segnala appunto che non ecaricato alcun applicativo) .figura 2.4Le voci del menu sono le seguenti:Language : allinterno di questo menu e possibile selezionare la lingua di lavoro nel caso in cui lapplicativo preveda lamodalita multilingua .Keys Shape : allinterno di questo menu è possibile scegliere il font dei tati che si desidera utilizzare.Parameters : permette di modificare alcuni parametri del TSP , in particolare il Net Address cioe lindirizzo del TPS nelcaso in cui venga messo in comunicazione con altri dispositivi , Backlight : tempo di attivazione retroilluminazione(espresso in sec.) , Password : impostazione della password con la quale sara possibile andare a proteggere pagine .Set Default : questo menu permette di eseguire un Set Default tramite password . La password per poter eseguire questaoperazione e 31415 (Π senza la virgola) . Il Set default ha la funzione di andare a riscrivere tutti i parametri a livello didefault , cosi ad esempio tutti i parametri del manu “Parameters” tornano ad essere Net Address = 1 ; Backlight = 600 ;Password = 1234 , in questo modo , nel caso in cui venga dimenticata la password utente con questo tipo di operazionela si puo riportare al valore standard . Il Set Default non cancella lapplicativo e non cancella i valori salvati in EEPROMRTC Clock : esegue un controllo sulla carica della batteria tampone , se la batteria della RAM tamponata e carica ,mostra “RAM OK” e mostra lorologio calendario . Qui e anche possibile modificare le impostazioni dellorologiocalendario .Nel caso in cui sul TSP sia presente un programma applicativo , per accedere al “Set Up” menu sara necessarioaccendere il TSP tenendo premuto il tasto “ENTER” ; oppure mentre lapplicativo e in esecuzione , tenere premuto iltasto“CLEAR” per piu di cinque secondi . TSP 350 18
  19. 19. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it Nel caso in cui lapplicativo trasmesso sul TSP350 preveda un protocollo di comunicazione su COM1 che non sia slave , e bene tener presente che il TSP in questa condizione ha la COM1 impegnata e NON riceve da PC . Per poter ricevere lapplicativo da PC sara necessario entrare in “Set Up” menu , dentro questo menu la COM1 vierra impostata in automatico come slave 115200 N 8 1 , tali caratteristiche sono necessarie per poter ricevere da PC . 2.4 System Test menuE possibile entrare nel menu “System Test” tenendo premuto il tasto “SW1” a lato del TSP in fase di accensione (figura2.5) .figura 2.5In questo menu e possibile fare un test di alcune parti hardware . Per uscire da ogni singola voce premere “C“ . Le voci inelenco sono le piu utilizzate :Display : Accende tutti i led dei tasti funzione uno ad uno ed e possibile regolare il contrasto del display con i tastifreccia su e giu .Keyboard : In questo menu è possibile eseguire la calibrazione del touch screen. Appena entrati comparirà la schermataseguente: TSP 350 19
  20. 20. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itIl cerchio in alto a sinistra sarà lampegiante, premendolo verranno automaticamente salvate le coordinate di quel punto,comparirà successivamente un cerchio lampeggiante nellangolo in alto a destra e così via fino ad aver completato iquattro angoli, al termine, premere “SW2”per salvare ed uscire da questo menu.Rotate Outs : Accensione delle uscite a rotazione .Test Outs : Accensione delle uscite singolarmente una ad una premendo i tasti freccia su e freccia giu .Test Inputs : Sedici bit visualizzati a display , uno per ogni ingresso , ogni bit passa da 0 a 1 quando lingresso e presenteADC Convert : Questo test mostra istante per istante il valore in bit di ogni ingresso analogico.Cold Temp : E possibile impostare la temperatura del giunto freddo (nel caso di ingressi per termocoppia)Sensor Cal. : Entrando in questo menu e possibile selezionare con i tasti freccia su e freccia giu il modello di ingressoanalogico in temperatura montato sul TSP , una volta selezionato il modello di ADC corretto premere ENTER . Il TSPmostrera il valore letto in bit ed in gradi di ogni ingresso .Eeprom : Lancia il test dell eeprom , se non trova alcun errore scrive : “EEPROM OK”2.5 Connessione con PCPer connettersi al PC con il TSP350 e sufficiente crearsi un cavo come in figura 2.6 . La connessione andra effettuata frala COM0 del TSP350 e la porta seriale del PC . Oppure utilizzare la porta USB del PC collegata alla porta USB slave delTSP350 tramite un comune cavo USB per stampante (USB/USA) figura 2.7 .figura 2.6Una volta connessi e bene ricordare che e possibile scaricare lapplicativo da PC a TSP MA NON IL CONTRARIO .Attualmente diversi computer , in particolare i portatili non montano piu la porta seriale , sostituendola con una portaUSB , in tal caso sara obbligatoria la scelta del cavo di figura 2.7 collegato alla porta USB slave del TSP ; tale porta USBe gia opto isolata garantendo cosi la separazione elettrica fra il computer e il TSP in fase di programmazione sullamacchina . Puo infatti accadere che collegandosi ad un TSP installato su una macchina con un portatile alimentato con latensione di rete , si venga a creare una differenza di potenziale fra le due GND (quella della macchina e quella delcomputer che la prende dalla rete) in modo tale da danneggiare in maniera definitiva computer e TSP . TSP 350 20
  21. 21. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itfigura 2.7La porta USB slave del TSP , isolata galvanicamente in modo da disaccoppiare le due porte , tutela da questo tipo diproblema ed e pertanto fortemente consigliata nel caso si collegasse il computer portatile al TSP installato direttamentesulla macchina . Chiaramente una volta connesso il cavo di figura 2.7 sara necessario verificare dentro al menu diWindows : impostazioni → pannello di controllo → sistema → hardware → gestione periferiche → porte (COM e LPT)il numero della com seriale virtuale , per poi selezionarla dentro al software Flash (figura 2.8) . figura 2.8 Se si collega il computer ad un TSP installato su una macchina , e importante utilizzare la connessione su porta USB slave del TSP , questo per tutelarsi in caso di differenze di potenziali fra le masse del computer portatile e della macchina .La porta USB slave del TSP e isolata galvanicamente in modo da disaccoppiare le due porte . TSP 350 21
  22. 22. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it Per poter agiornare il sistema operativo del TSP tarmite porta USB e necessario ponticellare i pin 1 e 6 della COM 0 2.6 Le PasswordIl TSP350 prevede due differenti livelli di password : la password di sistema e la password utente . Attraverso lapassword utente e possibile proteggere pagine del programma applicativo , in questo modo quando il DATA.00 avra ilvalore della pagina in questione a display verra richiesta la password utente . La password utente di default e 1234 ma epossibile cambiarla nel SET UP menu (vedi § 2.3 Set Up menu) . Nel caso la password utente venga modificata ma poidimenticata , e possibile reimpostare la password di default eseguendo una operazione di “set default” (vedi sempre § 2.3Set Up menu) , in questo caso verra richiesta la password di livello superiore 31415 (NON MODIFICABILE) 2.7 Struttura di programmazioneIl software di sviluppo Flash , dividera la programmazione in due macro-sezioni : la sezione TERMINALE e la sezioneSOFTWARE . La sezione relativa alla programmazione terminale riguarda tutti gli aspetti di visualizzazione display ,gestione pulsanti e led di tastiera ; tutto cio e possibile attraverso una semplice ed intuitiva interfaccia che compareimmediatamente ad inizio progetto (figura 2.9) . Come verra approfondito in seguito , la sezione software invece potraessere di due tipi diversi : ladder o lista istruzioni , ed in base ad essa cambiera anche il tipo di interfaccia grafica (figura2.10) . Sara possibile accedere alla sezione software tramite lapposita voce nel menu a tendina “progetto” TSP 350 22
  23. 23. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itoppure tramite lapposito tasto sulla barra di stato :figura 2.9figura 2.10 TSP 350 23
  24. 24. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it 2.8 Calibrazione touch screenNel caso in cui il touch non sia calibrato è possibile eseguire una calibrazione per tararlo correttamente. Per farlo tenerepremuto, allaccensione, il tasto a lato del TSP “SW1”; in questo modo si entrerà nel menu “SYSTEM TEST”. È possibilescorrere tale menu con il tasto “SW2”, il quale verrà utilizzato con la funzione di “freccia giù”. Una volta selezionata lavoce “Keyboard” entrare con il tasto a lato “SW2”. Questo menù mostrerà la seguente schermata:Il cerchio in alto a sinistra sarà lampegiante, premendolo verranno automaticamente salvate le coordinate di quel punto,comparirà successivamente un cerchio lampeggiante nellangolo in alto a destra e così via fino ad aver completato iquattro angoli, al termine, premere “SW2”per salvare ed uscire da questo menu. TSP 350 24
  25. 25. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it 3.0 ProgettazioneIl capitolo seguente si prefigge lobbiettivo di analizzare lo sviluppo di un progetto per il TSP350 seguendo loperatorepasso passo . 3.1 Per IniziarePer iniziare una nuova applicazione scegliere <nuovo progetto> (figura 3.0).figura 3.0Successivamente comparira una finestra come in figura 3.1 , dove sara possibile dare un nome al progetto e scegliere iltipo di oggetto da programmare (nel caso in esame TSP_350) ed in che modo programmarlo : ladder o lista istruzioni .figura 3.1La programmazione ladder , o linguaggio a contatti (figura 3.2) , e pensata per facilitare lapproccio alla programmazionesoftware a chi ha maggior confidenza con gli aspetti hardware (mostrando un interfaccia fatta di contatti N.A , N.C ,bobine duscita ecc...). Per la programmazione in lista di istruzioni (figura 3.2) , invece , e necessaria qualche conoscenzadi base maggiore per quanto riguarda la programmazione software , infatti , mentre con il ladder gia allo start up viene TSP 350 25
  26. 26. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itfornito lo scheletro principale del programma (END , SBR INITIALIZE , ENDSBR) con la programmazione in lista diistruzioni compare una pagina vuota su cui andare a scrivere codice (AWL) .figura 3.2UNA VOLTA SELEZIONATO IL MODO DI PROGRAMMAZZIONE ( ladder, lista istruzioni ) AD INIZIOPROGETTO , NON E POSSIBILE TORNARE INDIETRO . Va comunque tenuto presente che il linguaggio ladder eun linguaggio di alto livello , e quindi un interfaccia che si aggiunge fra il programmatore ed il PLC , infatti il softwareFlash traduce il linguaggio ladder nella corrispettiva lista di istruzioni ed e possibile verificarlo istante per istante . Inquesto modo e relativamente semplice copiare la corrispettiva lista di istruzioni di un progetto ladder ed incollarla su unNUOVO PROGETTO in lista istruzioni .Una volta selezionato il TSP350 ed il modo di programmazione compare la finestra opzioni progetto. E importante stabilire correttamente fin da subito come si vuole programmare il TSP350 , se in ladder o in lista istruzioni ; questa scelta non e reversibile . TSP 350 26
  27. 27. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it 3.2 Opzioni ProgettoIl menu opzioni progetto (figura 3.4) comapre appena iniziata la programmazione oppure e possibile visualizzarlopremendo il relativo tasto sulla barra di stato in alto (figura 3.3) o ancora , attraverso il menu a tendina visualizza.figura 3.3figura 3.4 TSP 350 27
  28. 28. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itIn questo form e possibile impostare tutte le opzioni del progetto in corso, che verranno scaricate nel TSP350 insiemealle pagine e alla applicazione. Il form e diviso in quattro sottomenu : • Generale • TIM – CNT – Filtri dingresso • Var. Esterne • Nodi – Parametri CAN / COM3.2.1 GeneraleAllinterno di questo menu e possibile impostare alcuni parametri (figura 3.4) : Parametro Descrizione Progetto E possibile dare un nome al progetto Terminale Mostra il tipo di oggetto cui fa riferimento il progetto Pag.Iniziale E possibile selezionare quale pagina del progetto visualizzare all accensione . Main COM Consente di selezionare la porta di comunicazione principale . Di default “INTERNAL” Set Caratteri Consente di selezionare fra caratteri standard e Cirillici . Modem Abilita la connessione con un Modem per la supervisione o l invio di SMS Com Delay E possibile inserire un ritardo sulla porta di comunicazione . Ini. Delay Tempo di visualizzazione della pagina iniziale . All Scroll Tempo di scroll automatico degli allarmi, se impostato a zero lo scroll e manuale T ciclo Tempo di ciclo del PLC in millisecondi, puo scendere fino a 1.0 msec (default = 2 msec) Multi Plc Se selezionato segnala la presenza di piu PLC sulla stessa porta seriale . Pipeline Abilitazione/disabilitazione architettura pipeline . Beep All. Abilitazione/disabilitazione beep allarmi Beeper Abilitazione/disabilitazione beep sonoro Show Vers Se spuntata mostra allaccensione la versione del sistema operativo Multi Port Abilitazione/disabilitazione delle COM in aggiunta alla COM_1 Local Abilitazione/disabilitazione architettura local . Clock non usata Se spuntato , lallarme viene scritto sopra la pagina visualizzata . Se non spuntato viene Backg. Alr pulito lo sfondo su cui compare lallarme Protocollo Selezione del protocollo di comunicazione relativo al PLC utilizzato Baud, Parity, Stop Parametri del protocollo di comunicazione con il PLC PLC Area Shift delle aree di memoria . E possibile impostare un offset sulle locazioni di memoria . Es. : PLC Area 100 , allora il data della pagina DATA.00 sara DATA.100 , il data dellanalogica DATA_300 diventera DATA_400 e cosi via .Variabili Configurazione CAN Vedi § 3.2.4.2 Configurazione variabili CAN TSP 350 28
  29. 29. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it Selezionare le espansioni Attraverso questa finestra e possibile selezionare quante espansioni Kernel saranno presenti collegate al PLC. Config. Ingressi Se il numero delle espansioni presenti e > 0, in questo menu e possibile configurare il tipo di espansione (I/O digitali, Analogica, solo ingressi ecc...) INI. DATA WR Enable Allinterno del range di DATA specificato, saranno compresi tutti quei DATA FIN. DATA WR Enable MEMORY interni al PLC che sara possibile leggere/scrivere da remoto. Tutti i DATA NON inclusi in tale range, saranno di sola lettura e pertanto non sara possibile modificarli da remoto.3.2.2 TIM – CNT – Filtri dIngressoPer quanto riguarda limpostazione e luso di TIMERS e COUNTERS rimandiamo ai relativi paragrafi § 4.4 Timers e §4.5 Contatori . In merito ai filtri dingresso ; ogni ingresso viene filtrato da un filtro software per eliminare eventualidisturbi o rimbalzi sull ingresso stesso, il valore del filtro puo variare da 1 (nessun filtraggio) a 255 (cicli di PLC,massimo filtraggio)3.2.3 Variabili EsterneLe variabili esterne sono variabili su dispositivi esterni collegati termite porta seriale o tramite CAN . Nel menu “opzioniprogetto” , “Var. Esterne” (figura 3.5) e possibile stabilire le variabili esterne da utilizzare .figura 3.5 TSP 350 29
  30. 30. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itCliccando sul pulsante “Aggiungi Variabile” compare la finestra di inserimento nome variabile (figura 3.7) ed in seguitoviene creata la variabile con il nome assegnato (figura 3.8) . Nel riquadro di sinistra avremo quindi lelenco delle variabiliesterne , con il nome assegnato ad il numero della variabile (figura 3.6) .figura 3.6figura 3.7figura 3.8Nel riquadro di destra saranno riportate le caratteristiche della variabile esterna (figura 3.9). TSP 350 30
  31. 31. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itfigura 3.9Nel caso di una variabile esterna sulla porta CAN , essa potra avere alcuni attributi in piu . Il funzionamentodella variabile esterna e molto semplice : viene specificata la COM sulla quale essa deve essere letta ,figura 3.10il nodo dell oggeto esternofigura 3.11su quale DATA MEMORY del TSP350 dovra essere scritto il valore letto dal dispositivo esternofigura 3.12dimensione del dato esterno (a 16bit oppure a 32bit)figura 3.13e in fine lindirizzo della memoria delloggetto esterno da andare a leggere/scrivere TSP 350 31
  32. 32. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itfigura 3.14a questo punto , tutte le caratteristiche della variabile esterna sono state inserite e sul DATA MEMORY del DMX 16D(figura 3.12). La variabile esterna e ora utilizzabile allinterno del software oppure direttamente a display . Per utilizzarela variabile a video e sufficente inserire a display una variabile e nella finestra “impostazioni variabile” selezionarla dalmenu che compare premendo il tasto “variabile esterna” (figura 3.15) .3.2.4 Lettura/Scrittura variabili EsterneNella finestra delle variabili esterne e possibile notare tre attributi selezionabili da poter associare alla variabile:“Nessuna”, “Lettura continua”, “Scrittura continua”.3.2.4.0 Scrittura da software (attributo “Nessuna”)Associando alla variabile esterna lattributo “Nessuna”, sara necessario eseguire la lettura e la scrittura della variabilestessa da programma. Per eseguire la scrittura su un dispositivo esterno da programma, senza necessariamentevisualizzare a dispaly lindirizzo da scrivere e possibile usare i DATA.23 e DATA.24 da software , come in tabella : Data Memory spiegazione DATA.23 Questo DATA dovra contenere il numero della variabile esterna (figura 3.6) DATA.24 Questo DATA dovra contenere il valore da scrivere sulla variabile estarnaTutte le variabili esterne dichiarate hanno un numero che le contraddistingue , in questo modo passando a DATA.23questo valore numerico e possibile scrivere su quella variabile esterna un valore attraverso il DATA.24 . Per esempiosupponiamo di prendere in esame la variabile esterna numero 4 di figura 3.16 nominata “Frequenza”.Figura 3.16 TSP 350 32
  33. 33. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itVolendo scrivere dentro ad essa il valore “888” alla pressione del tasto F1, sara necessario scrivere il codice come segue:In questo modo sul fronte di salita del tasto F1 viene scritto il valore “888” allindirizzo 82 delloggetto collegato allaCOM1 con nodo 5 .3.2.4.1 Scrittura da display (attributo “Nessuna”)Come appena visto la variabbile puo essere utilizzata allinterno del software oppure direttamente a display. Per utilizzarela scrittura variabile a video e sufficente inserire a display una variabile e nella finestra “impostazioni variabile”selezionarla dal menu che compare premendo il tasto “variabile esterna” (figura 3.15) . Se viene spuntato anche lattributo“ENA” , allora la variabile sara abilitata anche alla scrittura , e premendo il tasto “ENTER” da tastiera sara possibileandare ad inserire un nuovo valore che verra scritto allindirizzo puntato dalla variabile estarna .Figura 3.15 TSP 350 33
  34. 34. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it3.2.4.2 Lettura da software (attributo “Nessuna”)Per eseguire invece la lettura da software di una variabile esterna con spuntato lattributo “Nessuna”, e che quindi si vuoleleggere solamente in quellinstante, e sufficente specificare in DATA.22 il numero della variabile (figura 3.6). QuandoDATA.22 e diverso da zero, viene letta la variabile che ha numero (figura 3.6) pari a quallo specificato nel DATA. Data Memory spiegazione DATA.22 Qunado diverso da zero viene letta la variabile esterna con numero pari al valore specificato3.2.4.3 Scrittura continuaUtilizzando lattributo “Scrittura continua”, qualsiasi valore venga scritto sul “DATA destinazione” della variabile(da software tramite una semplice operazione di MOV o da display) viene automaticamente scritto allindirizzo finale.Questra scrittura e eseguita sempre, pertanto se il valore dellindirizzo finale viene modificato da qualche altro punto, lavariabile esterna ci sovrascrive subito il proprio valore.3.2.4.4 Lettura continuaUtilizzando lattributo “Lettura continua”, la variabile specificata e continuamente letta allindirizzo finale, qualsiasimodifica da software (ad esempio con una semplice operazione di MOV) a tale variabile esterna, verra immediatamentesovrascritta dal valore letto (in modo continuo) allindirizzo finale.3.2.4.5 Scrittura da display (attributo “Lettura continua”)Utilizzando lattributo “Lettura continua” e tuttavia possibile eseguire la scrittura della variabile esterna. Per fare questo enecessario che la variabile esterna sia visualizzata a video e con lattributo “ENA” spuntato, modificando la variabile dadisplay, il nuovo valore verra scritto allindirizzo finale (vedi § 3.2.5.1 Scrittura da display (attributo “Nessuna”)).3.2.4.6 Scrittura da software (attributo “Lettura continua”)Utilizzando lattributo “Lettura continua” e tuttavia possibile eseguire la scrittura della variabile esterna anche dasoftware. Per eseguire la scrittura su un dispositivo esterno da programma, e possibile usare i DATA.23 e DATA.24 dasoftware , come in tabella : Data Memory spiegazione DATA.23 Questo DATA dovra contenere il numero della variabile esterna DATA.24 Questo DATA dovra contenere il valore da scrivere sulla variabile estarnaTutte le variabili esterne dichiarate hanno un numero che le contraddistingue , in questo modo passando a DATA.23questo valore numerico e possibile scrivere su quella variabile esterna un valore attraverso il DATA.24 . Vedi § 3.2.5.2Lettura da software (attributo “Nessuna”). TSP 350 34
  35. 35. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it3.2.5 CANNella sezione CAN viene data la possibilita di impostare alcuni parametri , i quali hanno inizialmente un valore di default(figura 3.18) . Per inserire un nuovo oggetto CAN OPEN e collegarlo al TSP , e necessario aggiungerlo in questo menu ;per farlo , selezionare il pulsante “Aggiungi Nodo” , verra suggerito un nome di default per il nuovo nodo CAN aggiuntoche sara possibile modificare . Ora prima di vedere nel dettaglio i vari parametri impostabili e necessario sottolineare chee possibile scegliere , tramite lapposita finestra , il tipo di oggetto CAN OPEN che si andra a collegare (figura 3.17)figura 3.17figura 3.18Per ogni oggetto CAN sono impostabili i seguenti parametri generali :CAN guard time : e un parametro standard della comunicazione CAN , nel caso venga persa la comunicazionefra TSP ed il nodo CAN , verra atteso un tempo in msec pari al valore di “CAN guard time” * “CAN lifetime”(nellesempio di figura 3.18 avremo 2000*1 = 2sec) prima di spegnere automaticamente le uscite delmodulo .CAN life time: e un parametro standard della comunicazione CAN , nel caso venga persa la comunicazione fraTSP ed il nodo CAN , verra atteso un tempo in msec pari al valore di “CAN guard time” * “CAN life time”(nellesempio di figura 3.18 avremo 2000*1 = 2sec) prima di spegnere automaticamente le uscite del modulo .CAN time update out : e un parametro standard della comunicazione CAN , tempo (in µsec) di aggiornamentodi ogni nodo CAN OPEN . TSP 350 35
  36. 36. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itCAN Time monitor : e un parametro standard della comunicazione CAN , nel caso venga persa la comunicazione fra TSPe il nodo CAN per questo tempo , il TSP considera il modulo scollegato e la comunicazione persa .CAN Time Recovery : e un parametro standard della comunicazione CAN , in caso di perdita della comunicazione ,tempo in cui il TSP riprova a ricollegarsi con il modulo .COM Time Recovery : uguale a sopra , solo in riferimento alle linee seriali .In basso a destra nella finestra su sfondo verde (figura 3.19) , e possibile andare ad impostare 4 variabili PDO nel caso incui loggetto in questione ne sia dotato (quindi , generalmente , nel caso di Encoder , Azionamenti e Inverter) .figura 3.19Nellesempio di figura 3.19 viene abilitata la seconda variabile PDO , la quale occupera come indicato 3 Byte everra posizionata sulla memoria interna del TSP a partire dal DATA.6043.2.5.1 Moduli I/O CANIl TSP350 gestisce complessivamente un numero massimo di I/O da 0 a 1023 . Tale gestione e divisa a blocchi di 32 (chee il numero massimo di I/O per un modulo CAN) dove il primo blocco fa riferimento a gli input/output a bordo del TSP(ne sono riservati 32 anche se attualmente il TSP350 monta a bordo 16 ingressi e 16 uscite e non 32 input e 32output) ; isuccessivi blocchi fanno riferimento a moduli ; ogni singolo blocco e contraddistinto dal proprio indirizzo di nodo , perogni nodo I/O CAN , vengono riservati 32 input/output dal sistema operativo del TSP , questo indipendentementedalleffettivo numero di ingressi/uscite presenti sul modulo , i quali potrebbero essere anche in numero inferiore . (vedifigura 3.20).figura 3.20 TSP 350 36
  37. 37. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itPer avere rapidamente un idea del numero degli input e degli output che mette a disposizione il modulo I/O CAN appenacollegato e sufficiente moltiplicare il suo numero di nodo per 32 . (esempio : il modulo collegato ha numero di nodo = 9 ,allora 9*32 = 288 , quindi il primo input o output del modulo si chiamera INP.288 o OUT.288).3.2.5.2 Configurazione variabili CANNel caso in cui vi siano oggetti CAN collegati al TSP , e nel caso in cui questi oggetti abbiano variabili interne , potrebbeessere necessario configurarne alcune caratteristiche . Cliccando sul pulsante “Variabili Configurazione CAN” dentro almenu “opzioni progetto” (vedi figura 3.21) si accede allinterfaccia di modifica (figura 3.22)figura 3.21figura 3.22tramite questa finestra sono impostabili le seguenti variabili SDO (tali valori verranno scritti solo una volta sullostrumento allinizializzazione della rete CAN) :COM : Com sulla quale e presente il dispositivo . Nellesempio porta CAN .Valore: Valore decimale che verra scritto allindirizzo “Indice [dec]” delloggetto indicato .Indirizzo di Nodo : Address delloggetto CAN .Indice [dec] : Area di memoria interna alloggetto specificato nella quale allinizializzazione della rete CAN verra scrittoil valore decimale “Indice [dec]” .Sub Indice [dec] : parametro SDO specifico delloggetto (controllare sul manuale dello strumento)Dimensione : dimensione a 8 , 16 o 32 bit . TSP 350 37
  38. 38. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it 3.3 Interfaccia principaleAppena entrati nel progetto , si accede allinterfaccia principale di programmazione (figura 3.20) . Tale interfaccia ,permettera di creare tutto cio che riguarda le pagine a display e gli aspetti grafici del progetto . Per quanto riguarda laparte software per il TSP fare riferimento ai paragrafi § 5.0 Ladder e § 6.0 Lista Istruzioni .figura 3.20 TSP 350 38
  39. 39. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it3.3.1 Finestra displayIn questo Form (figura 3.21) e possibile progettare la pagina da visualizzare e quindi esso mostra esattamente cio chevedro a video sul TSP350. Agendo allinterno di questa finestra , utilizzando gli elementi messi a disposizione sullatavolozza strumenti , è possibile creare le pagine come si desiderano . Una pagina grafica , infatti , è composta da diversitipi di elementi inseribili a piacere, per comporre lo sfondo desiderato, su cui porre successivamente i campi per levariabili. Sono disponibili tre tipi di elementi: testi fissi, primitive grafiche (retta, rettangolo, cerchio, etc) ed oggettibitmap, eventualmente importabili da altri applicativi grafici, quali Paint e simili.figura 3.21La finestra display fa riferimento alla finestra in alto a sinistra sulla barra di stato che indica il numero di pagina (figura3.22) . Cio significa che la finestra display attualmente visualizzata , sara cio che mostrera il TSP quando il DATA.00avra come valore il numero della pagina visualizzato nel box sulla barra di stato .figura 3.22Tutti gli oggetti che vengono posti sullo schermo , che non siano primitive grafiche , (quindi immagini e variabili) TSP 350 39
  40. 40. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itvengono posizionati in una griglia di dimensioni 6X8 pixel . E possibile visualizzare questa griglia in modi differenti ,oppure nasconderla , per farlo selezionare dal menu a tendina in alto la voce “Opzioni” --> “Griglia” come in figura 3.23figura 3.23Essendo il TSP350 un PLC grafico a colori, è possibile andare ad impostare il colore di sfondo (di default è nero) per lapagina attualmente selezionata; per farlo selezionare dal menu a tendina in alto “Visualizza”, la voce “Opzioni pagina”Qui troverete la voce “Colore sfondo” attraverso la quale selezionare il colore desiderto. TSP 350 40
  41. 41. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it3.3.2 Finestra allarmiIn questo Form (figura 2.24) e possibile inserire tutti i messaggi di allarme. I messaggi di allarme vengono organizzati inpagine, ciascuna richiamabile secondo una ben definita gestione allarmi (vedi § gestione allarmi) .figura 3.24Nella finestra allarmi non e possibile inserire variabili . Sulla cornice in alto , dopo la scritta “ All: ” varra visualizzato ilnumero di allarme e il numero totale allarmi presenti (Num. allarme/Num. totale allarmi presenti) . E inoltre importantericordare che il DATA MEMORY 06 e interamente dedicato ad allarmi di sistema , pertanto il primo allarme editabile daFlash corrisponde al bit 0 di DATA 07 (vedi § Mappa di memoria ) . TSP 350 41
  42. 42. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it3.3.3 Tavolozza strumentiIn questo menu (figura 2.25) e possibile selezionare cio che si desidera inserire sulla finestra display o sulla finestraallarmi . In generale tutti questi elementi e necessario selezionarli con il pulsante destro del mouse , posizionarli sullafinestra display o allarmi , e trascinare con il pulsante destro del mouse premuto . Quando un oggetto e selezionato ,comparira la relativa icona in alto a destra sul cursore del mouse.finestra 3.25 icona descrizione Puntatore, consente di selezionare un oggetto esistente Gomma da cancellare, consente di eliminare un oggetto selezionato TSP 350 42
  43. 43. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.iticona descrizione Zoom, permette diversi livelli di ingrandimento dello schermo Carattere, per linserimento di testi fissi in diverse dimensioni Linea, consente il tracciamento di linee Rettangolo, inserisce rettangoli vuoti Rettangolo pieno Cerchio per il disegno di cerchi vuoti Cerchio pieno Rettangolo arrotondato , inserisce rettangoli vuoti Rettangolo arrotondato pieno , inserisce rettangoli pieni Cornice, inserisce una cornice rettangolare vuota Inserimento variabile Consente di inserire immagini bit map generate con un editor grafico tipo Paint. Le immagini dovranno essere a 256 colori. Inserimento variabile istogramma orizzontale Inserimento variabile istogramma verticale TSP 350 43
  44. 44. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.it icona descrizione Inserimento grafico Inserimento funzione menu Inserimento funzione tachimetro Inserimento elemento cursore. Questi comandi consentono visualizzare le coordinate Questi comandi consentono visualizzare e selezionare il colore corrente. Dimensione dei caratteri di testo3.3.3.1 CancellaSelezionando la gomma , sara possibile andare a selezionare e cancellare qualsiasi elemento nella finestra display oallarmi .3.3.3.2 ZoomIl pulsante Zoom se selezionato mostra nella sezione bassa della tavolozza strumenti i 3 tipi di zoom possibili : TSP 350 44
  45. 45. KERNEL Sistemi s.r.l. - Via Vignolese , 1138 - 41100 Modena Tel.059 469 978 Fax 059 469 974 www.kernel.modena.it support@kernel.modena.itsaranno zoommate le finestre display e allarmi .3.3.3.3 Inserisci TestoDopo aver scelto lelemento inserisci testo , sara possibile inserire le dimensioni del carattere di testo nella sezione bassadella tavolozza strumenti (sarà possibile anche in seguito modifcare la dimensione del carattere) :per inserire un testo nella finestra display o in quella allarmi , dopo aver selezionato la relativa icona premere con ilpulsante sinistro del mouse sulla finestra e tenendo premuto trascinare , rilasciando il pulsante comparira la finestra diinserimento testo :nella riga centrale sara possibile inserire il testo , nella casella in basso a sinistra sara possibile modificare le dimensionidel testo (D11, D21, D31 ecc...) e premendo il pulsante in alto a sinistra “Caratteri Speciali” sara possibile inserire altritipi di carattere. Potrà inoltre essere selezionato il font con il quale si desidera eseguire la scritta, il colore della scrittastessa più eventualmente il colore di sfondo ai caratteri.3.3.3.4 Linee , Rettangoli vuoti e pieni , Rettangoli arrotondatiSi tratta di elementi di disegno, per inserirli selezionare licona sulla tavolozza “Strumenti”, premere con il pulsantesinistro del mouse sul display , trascinare e rilasciare. Sarà possibile vederne le caratteristiche di posizionamento emodificarne i colori nella tavolozza di sinistra “Proprietà”: TSP 350 45

×