Your SlideShare is downloading. ×
0
Guerra e diritti umani
Riflessioni per un’etica
condivisa

Prof. Rosa De Luca - ITCG Enrico Fermi Tivoli
Per cominciare il nostro
viaggio, una citazione
« ...il riconoscimento della dignità specifica e dei
diritti uguali e inal...
Il diritto soggettivo è una situazione giuridica
soggettiva attiva, attribuita ad un soggetto di
diritto per soddisfare un...
L’espressione «diritti umani» nasce solo nel XX
secolo, con l’affermarsi delle idee di
eguaglianza e di democrazia tipiche...
«I DIRITTI DELL'UOMO COSTITUISCONO UNA
CLASSE VARIABILE, COME LA STORIA DI QUESTI ULTIMI
SECOLI MOSTRA A SUFFICIENZA.
«L'E...
I diritti fondamentali dell’uomo hanno, quindi,
natura storica: sono diritti e regole che si
affermano in un dato momento,...
*Excursus storico:
età antica

La storia ci mostra che la definizione della categoria “diritti
umani” è in continua evoluz...
*Medioevo

Per tutto il Medioevo esistettero delle
forti disparità tra soggetti appartenenti a
diverse classi sociali: si
...
*Età moderna
Sempre in Inghilterra, nel 1679 viene emanato
un documento
fondamentale nell’affermazione dei diritti
umani:
...
*Il Giusnaturalismo
La teoria del diritto naturale,
elaborata nel 1600, affermava che
nella natura di ogni essere umano so...
*L’Illuminismo
Di diritti umani e di eguaglianza tra gli esseri
viventi parlarono anche gli ILLUMINISTI
attraverso le teor...
*L’età delle codificazioni
A partire dal 1800 nelle Costituzioni, cioè nelle leggi
fondamentali dei nuovi Stati che via vi...
*La Carta Onu

« Il riconoscimento della dignità
specifica e dei diritti
uguali e inalienabili di tutti i
membri della fam...
* I principali diritti umani sanciti

dalla Carta Onu del 1948

Diritto alla vita
• Diritto all’identità
• Diritto alla li...
*Per riassumere:
* 1- I diritti sono interessi riconosciuti degni
* di tutela
da un ordinamento giuridico
2 -Essi sono div...
Diritti umani e guerra

Pablo Picasso, Guernica,
1937
*Guerra: cos’è?
Lotta tra stati, o all'interno di
uno stato, condotta con le armi
La guerra è un evento sociale e
politico...
Il generale prussiano Carl von Clausewitz, nel suo
libro »Sulla guerra» del 1832 compie un'analisi
del fenomeno:
«La guerr...
*I diritti umani in

guerra

La guerra è una di quelle situazioni in cui i diritti umani vengono
offesi, violati o semplic...
*Il cosiddetto diritto bellico
Tali principi furono perfezionati dopo la tragica esperienza della I guerra
mondiale, dove ...
*La II guerra mondiale
e la violazione dei
diritti umani

* Mentre la prima guerra mondiale, nonostante il grande

numero ...
* Violazioni dei diritti umani
nella II guerra mondiale

* Bombardamenti «strategici»
* Crimini di guerra (violazione di l...
*Le prime Convenzioni di

Ginevra

Consistono in una serie di trattati sottoscritti per la maggior parte a Ginevra,
in Svi...
*Le moderne

Convenzioni di Ginevra
*

Il 12 agosto 1949 furono adottate quattro Convenzioni,
destinate a sostituire tutto...
*I Protocolli Aggiuntivi
Il processo di decolonizzazione e l'estendersi dei conflitti non simmetrici
condusse all'integraz...
*Ma i diritti umani

vengono ancora violati
Diritto alla vita:
• in 46 paesi c’è la pena di morte e le
esecuzioni nel 2013...
*Altre violazioni dei diritti
Diritto al cibo:

* 1 miliardo di affamati

umani

Diritto all’educazione:
* 776 milioni gli...
Conflitti armati nel mondo aggiornati a febbraio
2014
*Ma se le guerre

continuano…il
cammino dei diritti
umani è lungo,
ma inesorabile
L’impegno attuale dell’ONU
1993 - Dichiarazione e Programma d’azione di Vienna:
adottati dalla Conferenza mondiale dell’ON...
Alcuni organismi e agenzie dell’Onu
UNHRC - Consiglio ONU per i Diritti Umani (ex UNCHR
- Commissione per i Diritti Umani)...
*A livello europeo
La Convenzione Europea per la salvaguardia dei
diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (CEDU)
è ...
*Altre convenzioni
1981 - Dichiarazione islamica dei diritti
dell'uomo, proclamata presso l’UNESCO a
Parigi, è la versione...
* VERSO
UNA ETICA UMANA
CONDIVISA
Ognuno di noi ha il dovere e la responsabilità di
rispettare i diritti degli altri e di ...
Per terminare il
nostro viaggio,
tre citazioni:
La pace non è assenza di guerra: è una virtù,
uno stato d'animo, una disposizione alla
benevolenza, alla fiducia, alla giu...
Nelson Mandela
Bibliografia essenziale
Bibliografia
Rivista Jura Gentium del 2007
Bales K., I nuovi schiavi. La merce umana nell’economia...
Diritti umani e guerra: riflessioni per un'etica condivisa
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Diritti umani e guerra: riflessioni per un'etica condivisa

657

Published on

Slides sull'elaborazione del concetto di diritti umani e sulla violazione dei diritti dell'uomo in guerra

Published in: Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
657
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Diritti umani e guerra: riflessioni per un'etica condivisa"

  1. 1. Guerra e diritti umani Riflessioni per un’etica condivisa Prof. Rosa De Luca - ITCG Enrico Fermi Tivoli
  2. 2. Per cominciare il nostro viaggio, una citazione « ...il riconoscimento della dignità specifica e dei diritti uguali e inalienabili di tutti i membri della famiglia umana è la base di libertà, giustizia e pace nel Mondo» (Preambolo alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, 1948)
  3. 3. Il diritto soggettivo è una situazione giuridica soggettiva attiva, attribuita ad un soggetto di diritto per soddisfare un suo interesse. Corrisponde alle scelte effettuate dall’ordinamento giuridico, che in un determinato momento storico attribuisce priorità a determinati interessi piuttosto che ad altri I diritti umani sono considerati diritti inalienabili spettanti a tutti gli esseri umani *Cosa sono i diritti umani?
  4. 4. L’espressione «diritti umani» nasce solo nel XX secolo, con l’affermarsi delle idee di eguaglianza e di democrazia tipiche dello stato democratico e sociale. Tuttavia il vocabolo costituisce il perfezionamento di un movimento di idee che parte da lontano
  5. 5. «I DIRITTI DELL'UOMO COSTITUISCONO UNA CLASSE VARIABILE, COME LA STORIA DI QUESTI ULTIMI SECOLI MOSTRA A SUFFICIENZA. «L'ELENCO DEI DIRITTI SI È MODIFICATO E VA MODIFICANDOSI COL MUTARE DELLE CONDIZIONI STORICHE, CIOÈ DEI BISOGNI E DEGLI INTERESSI, DELLE CLASSI AL POTERE, DEI MEZZI DISPONIBILI PER LA LORO ATTUAZIONE, DELLE TRASFORMAZIONI TECNICHE, ECC.» (Norberto Bobbio, “Sul fondamento dei diritti dell’uomo”)
  6. 6. I diritti fondamentali dell’uomo hanno, quindi, natura storica: sono diritti e regole che si affermano in un dato momento, da condividere e da difendere, ma che possono cambiare; non diritti naturali e assoluti, dati una volta per sempre. Essi non fanno parte solo della nostre radici Europee comuni, ma sono, in buona parte, (es: Dichiarazione dei diritti dell’ISLAM), regole e valori che gli uomini si sono dati in vaste parti del mondo: una sfera condivisa di bene e male, giusto ed ingiusto. Limiti che gli uomini di popoli o culture diversi non dovrebbero oltrepassare.
  7. 7. *Excursus storico: età antica La storia ci mostra che la definizione della categoria “diritti umani” è in continua evoluzione. Nell’antica Grecia, così come nell’antica Roma, esistevano dei diritti che però venivano riconosciuti solo a certe categorie di individui (ne erano esclusi stranieri, donne e schiavi). Un contributo importante è stato dato dal Cristianesimo, che si fonda sull’idea dell’uguaglianza degli uomini davanti a Dio. In realtà questo principio si scontrava con la realtà dell’epoca e in particolare con i fondamenti su cui si basava il potere politico, che presupponeva una forte gerarchizzazione e delle profonde diseguaglianze sociali.
  8. 8. *Medioevo Per tutto il Medioevo esistettero delle forti disparità tra soggetti appartenenti a diverse classi sociali: si pensi ai servi della gleba, sostanzialmente equiparati ad oggetti, che si potevano vendere o scambiare (e si ricordi che in Russia la schiavitù della gleba fu abolita solo nel 1861) La Magna Charta Libertatum (1215), emanata dal re d’Inghilterra Giovanni Senza Terra, contiene un elenco di diritti come, per esempio, il diritto alla proprietà privata, il diritto alla libertà, il diritto a non essere condannati senza motivo e comunque ad essere giudicati da un organo legittimo. Ma questi diritti, che possono assomigliare a quelli contenuti nella Dichiarazione universale ONU, non venivano riconosciuti a tutti gli individui, ma solo a quelle classi sociali ritenute più importanti.
  9. 9. *Età moderna Sempre in Inghilterra, nel 1679 viene emanato un documento fondamentale nell’affermazione dei diritti umani: l’Habeas corpus Act, che in pratica si stabiliva che nessuno poteva essere arrestato, e quindi privato della sua libertà personale, in modo arbitrario, senza, cioè, delle prove concrete sulla sua colpevolezza. Sulla scia di questo documento nel 1689 viene approvato anche il così detto Bill of rights (la Carta dei diritti) in cui si afferma, in particolare, la libertà di religione, di parola e di stampa. Ma anche questi due documenti spesso indicati come i progenitori delle leggi di tutela dei diritti dell’uomo, riservavano la tutela solo ad alcune fasce di popolazione.
  10. 10. *Il Giusnaturalismo La teoria del diritto naturale, elaborata nel 1600, affermava che nella natura di ogni essere umano sono insiti i diritti fondamentali alla vita, alla libertà e alla proprietà. Diritti inalienabili che non possono essere modificati dalle leggi né soppressi dall’autorità costituita che esprime la sovranità statale Questi diritti naturali sono tali perché razionalmente giusti, ma non sono istituiti per diritto divino; anzi, Dio li riconosce come diritti proprio in quanto corrispondenti alla ragione.
  11. 11. *L’Illuminismo Di diritti umani e di eguaglianza tra gli esseri viventi parlarono anche gli ILLUMINISTI attraverso le teorie di Rousseau, Voltaire, Kant Una svolta giuridica vera e propria si ha solo con la Dichiarazione d’indipendenza delle colonie americane (1776), che rivendicava l’indipendenza in base ad alcuni diritti inalienabili e naturali, quali il diritto alla vita e alla libertà (“tutti gli uomini sono creati uguali tra loro, … essi sono dotati dal loro creatore di alcuni inalienabili diritti tra cui la vita, la libertà e la ricerca della felicità”) e con la Dichiarazione francese dei diritti dell’uomo e del cittadino (1789) che riconosce una serie di diritti a tutti i cittadini, come l’uguaglianza, la libertà di pensiero, parola, stampa e religione, la presunzione di innocenza, il diritto alla proprietà privata. *
  12. 12. *L’età delle codificazioni A partire dal 1800 nelle Costituzioni, cioè nelle leggi fondamentali dei nuovi Stati che via via si vanno formando, si sente la necessità di sancire gli stessi diritti rivendicati nella Dichiarazione di indipendenza americana e nella Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino francese. Ma il concetto di diritti umani universali, riconosciuti cioè a tutti gli uomini, e non solo ai cittadini di un particolare Stato (per esempio l’Inghilterra, la Francia o gli Stati Americani), viene definito per la prima volta dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1948. Ormai si parla di diritti positivi riconosciuti dalla legge e non di diritti naturali
  13. 13. *La Carta Onu « Il riconoscimento della dignità specifica e dei diritti uguali e inalienabili di tutti i membri della famiglia umana è la base di libertà, giustizia e pace nel Mondo» (Preambolo alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, 1948 «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza» (Art. 1 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, 1948)
  14. 14. * I principali diritti umani sanciti dalla Carta Onu del 1948 Diritto alla vita • Diritto all’identità • Diritto alla libertà • Diritto a cibo, salute, alloggio • Diritto alla vita privata • Diritto all’educazione • Diritto al lavoro e alla proprietà • Diritto alla libertà di culto • Diritto alla libertà d’espressione e alla partecipazione politica • Diritto a tribunali equi • Diritto alla pace • Un capitolo a sé sono poi i diritti dei rifugiati, spesso poco rispettati; oggi si tende alla “specificazione” del diritto per tutelare le minoranze più deboli: si distinguono anche i diritti dei bambini, delle donne, dei malati, dei disabili, degli anziani, dei gay
  15. 15. *Per riassumere: * 1- I diritti sono interessi riconosciuti degni * di tutela da un ordinamento giuridico 2 -Essi sono diversi (nella norma e di fatto) nei vari paesi (relatività geografico-culturale) * 3- I diritti non sono naturali, dati per sempre, nascono da bisogni in un determinato periodo storico quando qualcuno lotta per affermarli e quando vengono tradotti in norme e poi difesi (relatività storica). * 4- Esistono diverse generazioni di diritti come risposta a diversi bisogni in differenti epoche. * 5- Occorre definire e rispettare un’etica universale condivisa.
  16. 16. Diritti umani e guerra Pablo Picasso, Guernica, 1937
  17. 17. *Guerra: cos’è? Lotta tra stati, o all'interno di uno stato, condotta con le armi La guerra è un evento sociale e politico generalmente di vaste dimensioni che consiste nel confronto armato fra due o più soggetti collettivi significativi. Il termine "guerra" deriva dalla parola werran dell'alto tedesco antico, che significa «mischia», in latino bellum. Nel diritto internazionale, il termine è stato sostituito, subito dopo la seconda guerra mondiale, dall'espressione "conflitto armato" applicabile a scontri di qualsiasi dimensioni e caratteristiche. Foto di Horst Faas
  18. 18. Il generale prussiano Carl von Clausewitz, nel suo libro »Sulla guerra» del 1832 compie un'analisi del fenomeno: «La guerra è la continuazione della politica con altri mezzi» e «La guerra è un atto di forza che ha lo scopo di costringere l'avversario a sottomettersi alla nostra volontà.» La Costituzione italiana del 1948 prende nettamente posizione contro la guerra
  19. 19. *I diritti umani in guerra La guerra è una di quelle situazioni in cui i diritti umani vengono offesi, violati o semplicemente ignorati. Gli sforzi delle organizzazioni internazionali e delle onlus sono rivolti soprattutto verso i civili, ad evitare che vengano offesi nei loro diritti fondamentali dalle attività belliche Già dall’’800 gli stati avevano tentato di introdurre il rispetto dei diritti umani attraverso le prime convenzioni di Ginevra In più, la Società delle Nazioni, organismo internazionale precedente all’ONU, aveva fatto da intermediaria tra Stati, come poi l’Onu, per l’adozione condivisa di principi, innanzitutto il pacifismo e l'autodeterminazione dei popoli
  20. 20. *Il cosiddetto diritto bellico Tali principi furono perfezionati dopo la tragica esperienza della I guerra mondiale, dove pertanto erano stati sostanzialmente rispettati. Erano le regole cui dovevano sottostare gli Stati che si affacciavano all’inizio della II guerra mondiale. * 1) è proibito attaccare il nemico indiscriminatamente, cioè senza distinguere tra militari e civili; * 2) è proibito attaccare chiese, monumenti, opere d’arte, edifici destinati alla scienza e a scopi caritatevoli, ospedali o luoghi in cui sono ricoverati feriti, purché non vengano contemporaneamente utilizzati per scopi militari; * 3) è proibito attaccare località indifese . Nel caso in cui debbano essere attaccati villaggi o località difesi militarmente bisogna fare in modo da avvertire le autorità prima del bombardamento, tranne che in caso di assalto; * 4) è proibito utilizzare armi, strumenti di guerra o metodi intesi a causare sofferenze non necessarie; * 5) è proibito causare delle vittime dopo che le ostilità sono cessate; * 6) è proibito l’uso di veleni o armi avvelenate, gas asfissianti. Nel 1925 la Conferenza di Ginevra estese il divieto alle armi batteriologiche.
  21. 21. *La II guerra mondiale e la violazione dei diritti umani * Mentre la prima guerra mondiale, nonostante il grande numero di vittime, si attestò come una guerra di posizione, la II guerra fu fin dall’inizio una guerra di movimento. * Per prima la Germania violò la legge del diritto bellico bombardando indiscriminatamente l’Inghilterra (1940) senza sconfiggerla. * Quest’ultima sempre con maggior coesione si schierò intorno al I ministro Churchill, che dal 1943 al 1945 bombardò la Germania in modo terrificante giustificandosi con la legge "occhio per occhio,…". * I vari bombardamenti da entrambe le parti in conflitto rasero al suolo migliaia di città europee, come per esempio Dresda, Coventry, Treviso, Roma, Tivoli ecc. e uccisero moltissimi civili.
  22. 22. * Violazioni dei diritti umani nella II guerra mondiale * Bombardamenti «strategici» * Crimini di guerra (violazione di leggi o consuetudini di guerra (es. assassinio, maltrattamenti, deportazioni dei civili, distruzione delle città)) * Crimini contro l’umanità (assassinio, deportazione, riduzione in schiavitù, persecuzioni) * Uso della bomba atomica (Hiroshima e Nagasaki) * Crimini contro la pace (guerra di aggressione, violazione di diritti o trattati e impegni internazionali e non)
  23. 23. *Le prime Convenzioni di Ginevra Consistono in una serie di trattati sottoscritti per la maggior parte a Ginevra, in Svizzera; esse costituiscono, nel loro complesso, un corpo giuridico di diritto internazionale, noto anche sotto i nomi di Diritto di Ginevra, Diritto delle Vittime di Guerra e Diritto Internazionale Umanitario. La prima Convenzione fu adottata il 22 agosto 1864, dai rappresentanti di 12 governi, compresi gli Stati Uniti d'America, potenza non europea Fra il 1864 ed oggi furono sottoscritte numerose Convenzioni di Diritto Internazionale Umanitario: ognuna delle successive prevedeva l'ampliamento ed il completamento delle precedenti ovvero la loro sostituzione. Dopo la “grande” guerra nascono le note Convenzioni di Ginevra del 27 luglio 1929 (Convenzione per il miglioramento e dei feriti e malati negli eserciti di campagna; Convenzione sul trattamento dei prigionieri di guerra), che stabiliscono le regole, i limiti da non oltrepassare in guerra (che Hitler comunque violerà sistematicamente). Le Convenzioni antecedenti la II Guerra mondiale sono tutte state sostituite dalle quattro approvate nel 1949.
  24. 24. *Le moderne Convenzioni di Ginevra * Il 12 agosto 1949 furono adottate quattro Convenzioni, destinate a sostituire tutto il corpo giuridico preesistente in materia: * I Convenzione per il miglioramento delle condizioni dei feriti e dei malati delle Forze armate in campagna, Ginevra, 12 agosto 1949 * II Convenzione per il miglioramento delle condizioni dei feriti, dei malati e dei naufraghi delle Forze armate sul mare, Ginevra, 12 agosto 1949 * III Convenzione sul trattamento dei prigionieri di guerra, Ginevra, 12 agosto 1949 * IV Convenzione sulla protezione delle persone civili in tempo di guerra, Ginevra, 12 agosto 1949 Sessantuno Stati ratificarono le quattro Convenzioni favorendo la successiva ratifica da parte di altri Stati.
  25. 25. *I Protocolli Aggiuntivi Il processo di decolonizzazione e l'estendersi dei conflitti non simmetrici condusse all'integrazione delle Quattro Convenzioni di Ginevra mediante due Protocolli Aggiuntivi, adottati sempre a Ginevra l'8 giugno 1977: I Protocollo Aggiuntivo relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali; II Protocollo Aggiuntivo relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati non internazionali. Poiché la sottoscrizione e la ratifica di questi due Protocolli ha incontrato forti opposizioni, specie fra le Grandi Potenze e le Potenze regionali europee, le norme ivi contenute non hanno per il momento assunto valenza di Diritto Internazionale consuetudinario. Infine, a causa di recenti avvenimenti che, in alcuni paesi, hanno coinvolto in atti di violenza le strutture della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, è stato ultimamente adottato un terzo Protocollo Aggiuntivo, che prevede l'uso, da parte delle Organizzazioni internazionali umanitarie, di un simbolo non collegato né confondibile con una qualsiasi confessione religiosa: III Protocollo Aggiuntivo relativo all'adozione di un emblema distintivo aggiuntivo, Ginevra, 8 dicembre 2005.
  26. 26. *Ma i diritti umani vengono ancora violati Diritto alla vita: • in 46 paesi c’è la pena di morte e le esecuzioni nel 2013 sono state almeno 3967 • il Novecento è stato il secolo dei genocidi. Elenchiamo solo alcuni dei più grandi massacri: - 1 milione di Armeni - 10 milioni nell’Olocausto - 1.800.000 Cambogiani - 1.000.000 di Tutsi - 100.000 in Bosnia - 4 milioni in Congo
  27. 27. *Altre violazioni dei diritti Diritto al cibo: * 1 miliardo di affamati umani Diritto all’educazione: * 776 milioni gli adulti e 75 milioni i bambini completamente analfabeti a fine 2013, di cui 15 milioni nei paesi ricchi quasi un terzo dei bambini cresce senza cibo sufficiente Nuove schiavitù: * secondo la Fao, la * Bambini soldato produzione alimentare * Lavoro obbligatorio globale dovrà * Prostituzione minorile e aumentare del 70% per femminile nutrire la popolazione * Traffico di organi mondiale del 2050
  28. 28. Conflitti armati nel mondo aggiornati a febbraio 2014
  29. 29. *Ma se le guerre continuano…il cammino dei diritti umani è lungo, ma inesorabile
  30. 30. L’impegno attuale dell’ONU 1993 - Dichiarazione e Programma d’azione di Vienna: adottati dalla Conferenza mondiale dell’ONU sui diritti umani, tenutasi appunto a Vienna tra il 14 e il 25 giugno. Essi accordano grande spazio alla democrazia ed allo sviluppo considerati come parte integrante dei diritti dell’uomo; il Programma chiama tutti gli Stati membri a creare delle istituzioni nazionali che siano garanti dei diritti dell’uomo; 1998 - Statuto di Roma sulle Corti Criminali Internazionali (in vigore dal 2002); 2000 - Dichiarazione del Millennio 2002 - Statuto di Roma sulle Corti Criminali Internazionali 2006 - Convenzione sui diritti delle persone disabili 13 Settembre 2007 - Dichiarazione sui Popoli Indigeni e Tribali (dell’ONU) *
  31. 31. Alcuni organismi e agenzie dell’Onu UNHRC - Consiglio ONU per i Diritti Umani (ex UNCHR - Commissione per i Diritti Umani) dipende dall’Alto Commissariato dell'ONU per i Diritti Umani (OHCHR) FAO - Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura (Roma, Italia) WFP: World Food Program (Roma, Italia) ILO - Organizzazione Internazionale del Lavoro (Ginevra, Svizzera) UNICEF - Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia (New York, Stati Uniti) UNESCO - Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (Parigi, Francia) UNHCR - Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Ginevra, Svizzera)
  32. 32. *A livello europeo La Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) è un trattato internazionale elaborato dal Consiglio d'Europa, un'organizzazione internazionale il cui scopo è promuovere la democrazia, i diritti dell'uomo: la convenzione firmata a Roma il 4 novembre 1950, è entrata in vigore il 3 settembre 1953. Ha istituito la Corte Europea dei diritti dell'uomo, che ha sede a Strasburgo ed è parte del Consiglio d'Europa, (e che non va confusa con la Corte di giustizia delle Comunità europee, che ha sede né con la Corte Internazionale di Giustizia dell'Aia, che dipende dall'ONU). La Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea è stata solennemente proclamata il 7 dicembre 2000 a Nizza, e risponde alla necessità di definire un gruppo di diritti e di libertà di eccezionale rilevanza che fossero garantiti a tutti i cittadini dell’Unione: è confluita nella Costituzione europea del 2004.
  33. 33. *Altre convenzioni 1981 - Dichiarazione islamica dei diritti dell'uomo, proclamata presso l’UNESCO a Parigi, è la versione islamica della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. Si è resa necessaria per il fatto che la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo non è compatibile con la concezione della persona e della comunità che ha l'Islam. 1990 - Dichiarazione sui Diritti Umani delle Nazioni Islamiche, proclamata al Cairo al dalla 19a Conferenza Islamica dei Ministri degli Esteri
  34. 34. * VERSO UNA ETICA UMANA CONDIVISA Ognuno di noi ha il dovere e la responsabilità di rispettare i diritti degli altri e di riconoscere nella soggettività dell’altro il proprio limite Rita Levi Montalcini ha proposto di elaborare una CARTA DEI DOVERI UMANI che vincoli legalmente ciascuno Stato al rispetto dei suoi principi
  35. 35. Per terminare il nostro viaggio, tre citazioni:
  36. 36. La pace non è assenza di guerra: è una virtù, uno stato d'animo, una disposizione alla benevolenza, alla fiducia, alla giustizia. Baruch Spinoza, Trattato teologico-politico, 1670 La guerra esisterà ancora a lungo, probabilmente per sempre. Tuttavia il superamento della guerra, oggi come ieri, continuerà a essere la più nobile delle nostre mete. Hermann Hesse, Lettere 1895-1962
  37. 37. Nelson Mandela
  38. 38. Bibliografia essenziale Bibliografia Rivista Jura Gentium del 2007 Bales K., I nuovi schiavi. La merce umana nell’economia globale, Milano, Feltrinelli, 1999 Bobbio N., L’età dei diritti, Einaudi, Torino, 1990 Cassese A., Il sogno dei diritti umani, Milano, Feltrinelli, 2008 Cassese A., Voci contro la barbarie. La battaglia per i diritti umani attraverso i suoi protagonisti, Milano, Feltrinelli, 2008 Diritti Umani, Cultura dei diritti e dignità della persona nell’epoca della globalizzazione, 4 voll., 2 DVD e Cd-Rom, Torino, Utet, 2007 Facchi A., Breve storia dei diritti umani, Bologna, Il Mulino, 2007 Flores M., La storia dei diritti umani, Bologna, Il Mulino, 2008 Gambino A., L’imperialismo dei diritti umani, Roma, Editori Riuniti, 2001 Lotti F. - Giandomenico N. (a cura di), Insegnare i Diritti Umani, Torino, Edizioni Gruppo Abele, 1999 Sitografia www.hrw.org http://dirittiumani.utet.it/dirittiumani/sitografia.jsp http://itit.abctribe.com/attualit%C3%A0/la_carta_dei_doveri_umani_tutti_a vete/_art_270 www.amnestyinternational.it
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×