Scrivere per il web: Vendere di più con le tecniche di scrittura per il web

  • 186 views
Uploaded on

Il corso Scrivere per il Web è rivolto a PMI, Start Up e tutti coloro che vogliono imparare a comunicare in modo efficace i loro prodotti e servizi online per vendere di più. Si compone di tre …

Il corso Scrivere per il Web è rivolto a PMI, Start Up e tutti coloro che vogliono imparare a comunicare in modo efficace i loro prodotti e servizi online per vendere di più. Si compone di tre parti:
- Scrivere per il Web: cosa cambia
- Siamo quello che pubblichiamo: siti Internet, Blog, Social Media
- Consigli pratici
E' possibile approfondire i temi trattati o ricevere supporto contattandomi via mail a skarabotcristina@gmail.com

More in: Internet
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
186
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
9
Comments
0
Likes
3

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. SCRIVERE PER ILWEB 2014 Cristina Skarabot Web Marketing e Social MediaConsultant
  • 2. PROGRAMMA Introduzione Scrivere per il web: cosa cambia Sito Internet, blog, social media: siamo quello che pubblichiamo Consigli pratici per la scrittura onlineConsigli pratici per la scrittura online
  • 3. SCRIVERE PER ILWEB: COSA CAMBIA
  • 4. SCRIVERE PER ILWEB Per comunicare efficacemente online è necessario imparare a usare i colori e le tonalità che Internet ci offre. La parola sulla carta è statica. Il testo su web è azione, movimento.
  • 5. COME SI LEGGE SULWEB Come afferma il pubblicitario francese Séguéla "la lingua cyber agisce tramite l'interpenetrazione delle immagini: le immagini fanno l'amore con le parole come in una fusione totale del linguaggio".fusione totale del linguaggio". Questo non vuol dire che chi scrive debba trasformarsi improvvisamente in un grafico, ma che deve assolutamente sapere alcune cose.
  • 6. IL CONTENUTO E’ UNA CIPOLLA Il testo su web è come una cipolla e man mano che andiamo verso il centro dobbiamo focalizzarci su: - contesto di lettura e vincoli del mezzomezzo - aspetti di usability - aspetti di formattazione - aspetti di strutturazione - aspetti di stile
  • 7. CONTESTO DI LETTURA EVINCOLI DEL MEZZO Il testo su web è azione e l’utente interagisce in diversi modi: - legge la pagina - scansiona la pagina con gli occhi per vedere se gli interessavedere se gli interessa - scansiona la pagina cercando un contenuto specifico - seleziona una voce da una lista - interagisce con lo spazio web (video, audio, immagini, social media)
  • 8. CONTESTO DI LETTURA EVINCOLI DEL MEZZO CARTA WEB PARATESTO PARATESTO TESTO TESTO Paratesto: ciò che è di contorno, al servizio del testo (titoli, riassunti, tabelle, schemi, figure, decorazioni)
  • 9. L’IPERTESTO Il testo su web si espande in profondità anzichè in lunghezza. George Landow, chiama "la retorica della partenza dell'arrivo" questo viaggio solo apparentemente disordinato tra pagine, temi e interessi diversi.interessi diversi. Scrivere un ipertesto significa chiedersi chi è il nostro lettore, cosa vuole sapere prima, cosa dopo, cosa considera più importante e cosa invece un dettaglio.
  • 10. LA PAGINA COME MAPPA Pensate sempre alla pagina web che state scrivendo come a una mappa o a un paesaggio visto dall'alto. È così che il lettore la guarderà,È così che il lettore la guarderà, farà su e giù con gli occhi cercando quello che gli serve. Fatene un percorso chiaro, fatto di luoghi e di segnali ben precisi.
  • 11. SCRIVERE PER ILWEB: LA GRAFICA Sul web non ci sono parole ed è necessario imparare a “scrivere come un pittore” con: - colori - spazi - immagini- immagini - elementi grafici paratestuali
  • 12. UNA BUSSOLA PER OGNI PAGINA Su una pagina web si può arrivare nei modi e attraverso gli itinerari più impensati, ma bisogna capire subito dove ci si trova. Quindi ogni pagina deve avere unaQuindi ogni pagina deve avere una bussola a disposizione del navigante, anche piccola ma essenziale: logo dell'organizzazione o dell'azienda, titolo del sito, home page, barra di navigazione.
  • 13. L A PIRAMIDE ROVESCIATA E’ necessario cominciare dalla conclusione, per poi addentrarsi nei dettagli. Pensiamo a come leggiamo il giornale: una scorsa veloce ai titoli, soffermandoci solo sull’articolo chesoffermandoci solo sull’articolo che ci interessa davvero. E come i titoli del giornale anche quelli del web devono racchiudere un’intera storia.
  • 14. SITO INTERNET, BLOG, SOCIAL MEDIA: SIAMO QUELLO CHE PUBBLICHIAMO
  • 15. SCRIVERE PER SITI E BLOG: ITITOLI Titoli ad effetto: evitare gli articoli e posizionare per prima la parola principale dell’articolo. Utile non solo ai lettori ma anche ai motori di ricerca Usare i titoli giusti: in ordineUsare i titoli giusti: in ordine <titolo1>, <titolo2> e <titolo3>, per rendere più chiare le informazioni e accontentareGoogle.
  • 16. SCRIVERE PER SITI E BLOG: BREVI MA EFFICACI Secondo Jakob Nielsen, la lettura su schermo è il 25% più lenta di quella su carta. Vogliamo dire tante cose? Usiamo i link e utilizziamo l’ipertestol’ipertesto Per i post del vostro blog utilizzate la funzione teaser e l’opzione “read more”
  • 17. SCRIVERE PER SITI E BLOG: GLI ELENCHI Un elenco è facile da leggere, aiuta a strutturare il vostro articolo, cattura di più l'attenzione di chi fa una rapida scansione delle pagine del vostro sito Molto spesso viene letto solo il primo paragrafo dell’intero articolo. Meglio sviluppare una sola idea, un solo tema, per ogni paragrafo.
  • 18. SCRIVERE PER SITI E BLOG: SIATEVOI STESSI Per rendere il vostro sito o blog letto e visualizzato dai motori di ricerca: Siate voi stessi Non copiate contenuti tecnici dal web, ma scrivete i vostri testi conweb, ma scrivete i vostri testi con parole vostre Il bello del web è proprio lo scambio di idee e opinioni.
  • 19. SCRIVERE PER SITI E BLOG: PENSATEAL LETTORE Chi leggerà il vostro blog? Chi volete raggiungere con il vostro messaggio?Usate le parole chiave con cui i vostri lettori devono trovarvi sui motori di ricerca, a seconda del tema che trattate.trattate. Se scrivete un blog per bambini meglio scrivere "questo gelato è buono" invece che "questo parfait è sublime al palato" ;) Scegliete quindi un linguaggio che abbia ritmo ma che sia semplice, da tutti i giorni.
  • 20. SCRIVERE PER SITI E BLOG: BELLI E LEGGIBILI Anche l'occhio vuole la sua parte. Preferite font standard, più leggibili su monitor, specialmente con caratteri di dimensioni piccole. I più diffusi sono: il times new roman, l'arial e il verdana, senza grazie.il verdana, senza grazie. Importante poi la scelta di colori che assicurino un buon contrasto sfondo-testo e che concorrano a creare l'impatto emotivo desiderato.
  • 21. SCRIVERE PER SITI E BLOG: PAGINE BEN ORGANIZZATE È importante che le pagine del sito siano ben organizzate e brevi, in modo che non obblighino il lettore a scrollare troppo. Nel caso anticipate ad inizioNel caso anticipate ad inizio pagina i titoli e i segnali di contenuto. Per agevolare la lettura meglio utilizzare una colonna di testo non troppo larga.
  • 22. SCRIVERE PER I SOCIAL MEDIA: FACEBOOK Il post perfetto non esiste, quello efficace sì. Testo: max 90 caratteri, link esterno, stile interlocutorio Immagini: sono più efficaci di video e testi, se a forte impatto emotivo ee testi, se a forte impatto emotivo e con colori ben definiti. Coinvolgimento: rispondere ai commenti stimolando ulteriori conversazioni. Maggiori sono i commenti, maggiore è la visibilità del post su Facebook (edgerank).
  • 23. SCRIVERE PER I SOCIAL MEDIA: TWITTER Siate interessanti. Parlate alle persone. Offrite nuove competenze e conoscenze, non comunicazione di nicchia. Coinvolgete i follower. Non siate pigri. Offrite qualcosa di desiderato. Ma soprattutto...ANDATE CONTROCORRENTE!
  • 24. SCRIVERE PER I SOCIAL MEDIA: PINTEREST 5 consigli per una sana presenza su Pinterest: - il bello è fondamentale - personal branding non è parlare di se stessi - Rischiare virtuosamente a volte- Rischiare virtuosamente a volte paga: http://pinterest.com/complementop n/ - Pinterest non è il nuovo Postalmarket - Scrivere la description non è un optional
  • 25. UN PO’ DI SEO
  • 26. LA KEYWORD PRIMARIA La keyword primaria dovrà essere presente nell’URL della pagina web, nel tag title, nel tag H1, negli eventuali tag H2 o H3, nel tag description. Si tratta di un lavoro di ottimizzazione da fare meticolosamente!meticolosamente!
  • 27. IL CAMPO LESSICALE Costruisci l’articolo usando termini di quello specifico settore. Questo aiuterà Google a capire il contesto del tuo contenuto e a catalogarlo nel modo migliore.catalogarlo nel modo migliore. Ricorda però di scrivere naturalmente, senza forzature!
  • 28. STRUTTURA SEO In sostanza, si tratta di dare all’articolo un titolo (tag H1), un cappello introduttivo (una o due frasi introduttive), titoli interni per ogni paragrafo (tag H2), conclusioni finali (due o tre frasi).conclusioni finali (due o tre frasi).
  • 29. SEMPRE UN’IMMAGINE È fondamentale per il posizionamento! E non scordare di inserire la keyword primaria nell’alt text e nel title dell’immagine! La struttura tipo diventa quindi:La struttura tipo diventa quindi:
  • 30. CONSIGLI PRATICI PER LA SCRITTURA ONLINE
  • 31. CONSIGLIO N.1 Essere brevi ed evitare la densità, perché: provoca confusione allunga i tempi annulla l’informazioneannulla l’informazione Imparare ad essere sintetici e efficaci nella comunicazione
  • 32. CONSIGLIO N.2 Dare del “TU”: - il web non è una brochure nè un curriculum - abbandonare il corporatese e adottare uno stile personale eadottare uno stile personale e diretto - abbandonare il “promotional – marketese” (Comprate!Comprate!)
  • 33. CONSIGLIO N.3 Il mondo è il tuo pubblico. Attenzione a: - sigle: INPS fuori dall’Italia è una sigla incomprensibile - date: 2/1/98 fuori dagli USA è 2- date: 2/1/98 fuori dagli USA è 2 gennaio, negli USA 1 febbraio - indicazione del vostro Paese - ora: spesso compare in molti siti senza il Paese di riferimento - parole straniere e versione inglese del sito:American o British... siate coerenti
  • 34. CONSIGLIO N.3 Cura editoriale: un sito web curato genera credibilità per l’azienda e l’autore. - rileggere tutto con attenzione e con l’aiuto di un web editorcon l’aiuto di un web editor - scrivere ai lettori di segnalare eventuali refusi via mail - soprattutto stimolare l’interazione
  • 35. GRAZIE PER L’ATTENZIONE! CONTATTI Web: comunicaresocial.com Mail: cristinaskarabot@gmail.com Skype: cristina.skarabot TEL. : 340 49 40 139