Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Le tappe dal web1 al web2
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Le tappe dal web1 al web2

  • 538 views
Published

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
538
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Unità 3Le tappe delle strutture telematiche dal Web1.0 al Web 2.0È riconosciuto il ruolo che le ICT hanno nel processo di modernizzazione delle pubblicheamministrazioni e delle istituzioni di governo, in particolare nel fornire servizi ai cittadini ealle imprese e nellestendere processi di inclusione sociale (Schuler, 2001)Lestensione dellaccesso telematico e della partecipazione è considerata una condizioneper contrastare il digital divide, che riguarda i cittadini e inibisce la crescita di molte piccolee medie imprese e per superare discontinuità e squilibri territoriali, sociali e istituzionali.La diffusione delle reti civiche, i progetti di realizzazione dell’e-government con i portali peri servizi ai cittadini, le varie possibilità per l’utente di fruire in un futuro molto vicino diservizi multicanale e multimediale, evidenziano una crescita e uno sviluppo dellatelematica pubblica che segna il passaggio da una fase di telematica spontanea ad unadi integrazione istituzionale.In questo contesto le istituzioni del governo locale - principalmente i comuni, ma anche leregioni e le province - possono giocare un ruolo importante nel sostenere la nascita di unambiente favorevole allo sviluppo di applicazioni e servizi sia per quanto riguarda ladiffusione di infrastrutture e tecnologie, ma ancora di più per la realizzazione di servizi per icittadini e per le imprese che li utilizzano.Com’è noto, le strutture telematiche territoriali, nelle loro diverse articolazioni (reti civiche,servizi telematici comunali, reti provinciali e regionali), permettono di costruire un sistemache abbia una forte referenzialità locale negli obiettivi e nelle applicazioni perseguite,nell’offerta di informazioni e di servizi e, nello stesso tempo, consenta un veloceinterscambio a livello regionale, nazionale e internazionale. Utilizzando, infatti, le nuovetecnologie dell’informazione e della comunicazione si possono promuovere iniziative voltea diffondere la conoscenza e la crescita di nuovi servizi integrati.Nella storia delluso delle reti telematiche e di Internet da parte delle comunità locali,associazioni non-profit, cittadini, istituzioni pubbliche e amministrative, si possonodistinguere tre fasi (De Cindio, 2004) 1. La prima rappresenta leffervescente nascita di molti progetti spontanei o di iniziative da parte di amministrazioni illuminate, per favorire pratiche di discussione bilaterale e interattiva fra i cittadini e fra questi e la pubblica amministrazione. Le tecnologie usate sono inizialmente povere e rudimentali. 2. La seconda è quella dei progetti di governo elettronico. È la fase connessa ad una riorganizzazione e modernizzazione dei sistemi amministrativi. Un esempio importante è il progetto di costruzione di autostrade informatiche e di riorganizzazione amministrativa, promosse da Al Gore, ex vice presidente degli Stati Uniti, nellamministrazione Clinton. 3. La terza fase, che oggi, è indicata, in sintonia con la filosofia d’interazione del Web 2.0, Technology Building Democracy (TBD), non definisce un modello preciso. Le tecnologie e i meccanismi di regolazione devono orientare il difficile passaggio istituzionale dalle-government alle-governance.E un modello che dovrebbe integrare le forme di partecipazione della fase “statonascente” a quella di consolidamento delle-government per costruire forme di democraziarappresentativa nella gestione sociale, economica e politica del territorio.
  • 2. Schema 5.1. Web (1990-2000) Web1.0 (2000-2005) Web.2.0 (2005 …) TBD Community e Civic Città digitali (Technology Building networks Democracy) Bottom-up e top-down Modello istituzionale Democrazia deliberativa E- partecipation E- government E-governanceElaborazione da Fiorella De CindioTav. 5.2 – La cronologia della telematica civica secondo le indagini sulle Città Digitali in Italia1994 Nascono la Rete Civica di Milano e il Servizio telematico del Comune di Siena1995 Nasce la rete civica Iperbole a Bologna1996 L’anno della sorpresa (esplode il fenomeno delle reti civiche)1997 L’anno della consapevolezza (il fenomeno non è più conosciuto da pochi iniziati)1998 L’anno del raddoppio (le città digitali sono ormai una realtà diffusa)1999 Prevalere della logica istituzionale; successo delle città medie2000 Piano nazionale di e-government2001 Saturazione: tutti gli enti istituzionali on line2002 Affermazione della logica di servizio; 1° bando2003 Avvio della seconda fase di e-government2004 La ricerca della cooperazione; 2° bando nazionale2005 Introduzione della P.E.C. (Posta Elettronica Certificata) D.Lgs. 11 febbraio 2005, n. 48 Istituzione del S.P.C. (Sistema Pubblico di Connettività) e della rete internazionale della pubblica amministrazione (D.Lgs. 28 febbraio 2005, n. 42) Istituzione del C.A.D. (Codice dellAmministrazione Digitale) (D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82, aggiornato dal D.Lgs. n. 159 del 4 aprile 2006)2006 Regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari del CNIPA (D.P.C.M. 28 dicembre 2006, n. 318)Fonte: dati Rur-Censis, 2004 aggiornati 2007.
  • 3. Fig. 5. 3 Le quattro fasi delle-government 1. PRESENZA 2. INTERAZIONE 3 3. TRANSAZIONE Costruzione di un Attivazioni di avamposto 4. TRASFORMAZIONE funzione di (sito, portale) ricerca su internet Attivazione di semplici, transazioni per documenti e Ridefinizione informazioni complete modelli (end-to-end) di modalità di varie scaricabili, erogazione link, e-mail dei serviziFonte: dati A.M Consulting - 2002