NORMATIVA e DSA di M.F.Maiorano

3,906 views
3,778 views

Published on

Normativa sui disturbi specifici di apprendimento

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
3,906
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
164
Actions
Shares
0
Downloads
65
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

NORMATIVA e DSA di M.F.Maiorano

  1. 1. Normativa e D.S.A.<br />MATTEO MAIORANO<br />PSICOLOGO – CENTRO FARE<br />
  2. 2. Normativa di riferimento <br />Decreto del Presidente della Repubblica n° 122 del 22 giugno 2009<br />Lettera all&apos;AID da parte del Capo della Segreteria del Ministro Gelmini - 30.06.2009<br />C.M.28 maggio 2009 - Anno Scolastico 2008-2009 - Esami di Stato per alunni affetti da disturbi specifici di apprendimento DSA.<br />Disposizioni a conclusione a.s. 2008/09 - C.M. n 50 - 20 maggio 2009<br />Esame secondaria 1° grado - C.M. n.51 - 20 maggio 2009<br />ORDINANZA MINISTERIALE per lo svolgimento degli esami di Stato, scuola secondaria di secondo grado a.s. 2008/2009<br />Regolamento Valutazione 13.03.2009 - Ministero dell&apos;Istruzione, dell&apos;Università e della Ricerca<br />Circolare dell&apos;USR dell&apos;Emilia Romagna - 3 febbraio 2009<br />Esami 2007<br />Ordinanza Ministeriale esami di stato 2008<br />Circolare Emilia Romagna 4/9/2007<br />Scrutini ed esami di stato fine primo ciclo anno 2008 (terza media)<br />Circolare Ministeriale N.54 del 26 maggio 2008<br />Quesiti sull&apos;esame di stato a conclusione del 1° Ciclo d&apos;Istruzione (esame terza media)<br />Circolare Ministeriale prot. n. 4099/A/4 del 5/10/2004 <br />Nota Ministeriale del 05.01.2005<br />Nota Ministeriale 4674 del 10 maggio 2007<br />circolare n.4 del 15/01/2009 - scelta della sola lingua inglese al momento dell&apos;iscrizione alla 1 classe della scuola secondaria di 1° grado <br />Fonte: www.dislessia.it<br />
  3. 3. D.P.R. (8 marzo 1999) n.275 art.4 – autonomia didattica<br />NEL QUADRO DELL’AUTONOMIA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE<br /> “Le istituzioni scolastiche, riconoscono e valorizzano le diversità, promuovono le potenzialità di ciascuno adottando tutte le iniziative utili al raggiungimento del successo formativo. A tal fine le istituzioni scolastiche possono adottare tutte le forme di flessibilità che ritengono opportune comprese l&apos;attivazione di: Percorsi Didattici Individualizzati”.<br />
  4. 4. PERCORSO DIDATTICO INDIVIDUALIZZATO<br />(PERCORSO EDUCATIVO PERSONALIZZATO<br />PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO…)<br />NON E’ UGUALE<br />PERCORSO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO(DPR 24.2.04)<br />
  5. 5. Nota MIUR (5.10.04)<br />E’ la prima circolare emanata dal MIUR per studenti con DSA <br />
  6. 6. Nota MIUR (5.10.04)<br />Indica ai Docenti di adottare misurecompensative e dispensativeonde evitare ricadute negative da un punto di vista sia didattico che emotivo.<br />Suggerisce che i criteri di valutazione devono tenere conto del contenuto e non della forma. Auspica che le istituzioni scolastiche attivino iniziative di formazione <br />
  7. 7. Strumenti Compensativi<br /><ul><li>Tabella dei mesi, tabella dell’alfabeto, e dei vari caratteri.
  8. 8. Tavola pitagorica.
  9. 9. Tabella delle misure, tabella delle formule geometriche.
  10. 10. Calcolatrice.
  11. 11. Registratore.
  12. 12. Computer con programmi di video-scrittura con correttore ortografico
  13. 13. Sintesi vocale. </li></li></ul><li>Misure Dispensative<br /><ul><li>Dispensa dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso del vocabolario, studio mnemonico delle tabelline.
  14. 14. Programmazione di tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio a casa.
  15. 15. Valutazione delle prove scritte e orali con modalità che tengano conto del contenuto e non della forma.
  16. 16. Organizzazione di interrogazioni programmate.
  17. 17. Ulteriori strumenti possono essere utilizzati durante il percorso scolastico, in base alle fasi di sviluppo dello studente ed ai risultati acquisiti. </li></li></ul><li>Valutazione della prova in base <br /> ai contenuti e non alla forma?<br />E&apos; fondamentale che nella valutazione si sappiano sempre separare gli obiettivi oggetto della singola verifica dalle competenze strumentali di tipo generico.<br />“L&apos;alunno dislessico non ha bisogno di sconti, ma di una valutazione formativa che sappia davvero verificare le competenze acquisite e far emergere gli apprendimenti che, nonostante le difficoltà, vengono raggiunti” (USP Vincenza – Flavio Fogarolo).<br />
  18. 18. Nota MIUR (5.1.2005)<br />La nota è stata emanata allo scopo di specificare:<br />La diagnosi di DSA consegnata alla scuola deve essere “Specialistica”(di esclusiva competenza di medici e psicologi) compilata sia da privati che SSN.<br />L&apos;utilizzazione dei provvedimenti dispensativi e compensativi debbano essere applicati in tutte le fasi del percorso scolastico, compresi i momenti di valutazione finale in sede d’esame.<br />
  19. 19. P. D. I.  PATTO<br />
  20. 20. NotaMIUR (10.5.2007)<br />La nota aggiunge Indicazioni operative.<br />Riguardo alle lingue non native sia moderne che antiche, precisa che gli alunni non possono essere dispensati dalla lingua straniera (vs 2004) in forma scritta durante gli esami ma è necessario che, anche durante gli esami, essi usufruiscano di misure compensative quali:<br />Prolungamento del tempo della prova <br />Valutazione della prova in base ai contenuti e non alla forma<br />Compenso DOVUTO dello scritto con la prova orale <br />
  21. 21. C.M. - (28.5.2009)<br /> “In sede di scrutinio finale, appare doveroso che i Consigli di classe valutino con particolare attenzione le situazioni concernenti gli allievi con DSA, verificando che in corso d’anno siano state applicate le indicazioni inserite nelle note emanate da questo Ministero… <br /> (nota 5.10.2004 prot. 4099/A/4 – nota 5.01.05 prot. 26/A - nota1.03.2005 prot. 1787 – CM 10.05.2007, prot. 4674) <br />… e siano stati predispostipercorsi personalizzati con le indicazioni di compenso e dispensa, considerando in ogni caso se le carenze presenti in questi allievi siano o meno da imputarsi al disturbo di apprendimento”. <br />
  22. 22. L&apos;art 3.1 C.M. n°4 (15.01.2009)<br /> “Si fa presente che consente alle famiglie, al momento dell&apos; iscrizione alla 1^ classe della scuola secondaria di 1° grado, la scelta della sola lingua INGLESE invece di inglese + altra lingua straniera, contrariamente a quanto in vigore fino allo scorso anno”.<br /> L&apos;opzione è irreversibile e vale solo per l&apos;inglese.<br />  Esiste una clausola per cui l&apos;opzione è legata all&apos;organico disponibile, è pertanto opportuno motivare la domanda facendo presenti le difficoltà legate allo studio delle lingue straniere in caso di DSA.<br />
  23. 23. Regolamento Valutazione MIUR art. 10 (13.03.2009) <br />Si ribadisce: Valutazione degli alunni con difficoltà specifica di apprendimento (DSA) comprese quelle effettuate in sede di esame conclusivo dei cicli, sono adottati gli strumenti compensativi e dispensativi ritenuti più idonei.<br />Nel diploma finale rilasciato al termine degli esami non viene fatta menzione delle modalità di svolgimento e della differenziazione delle prove.<br />
  24. 24. C.M. 26.5.08, n. 54<br />Nel caso vi siano candidati con D.S.A. che necessitino di prova in formato dedicato (versione informatizzata),il presidente della commissione ovvero il vice presidente o il commissario delegato ne informa, il giorno precedente la prova, l’Invalsi<br /> - inviando una e-mail a: esameprimociclo@invalsi.it<br />- o un fax al numero:06/94185202 <br />al fine del tempestivo invio, nel giorno della prova, dei testi. Tale comunicazione deve essere inviata per conoscenza anche all’Ufficio scolastico regionale.<br />Si richiede: “Per lo svolgimento della prova dì esame è previsto un tempo aggiuntivo stabilito dalla commissione”.<br />

×