SalinAs
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

SalinAs

on

  • 1,192 views

Un progetto di mobilità sostenibile nell'area metropolitana pescarese

Un progetto di mobilità sostenibile nell'area metropolitana pescarese

Statistics

Views

Total Views
1,192
Views on SlideShare
1,192
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
11
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    SalinAs SalinAs Presentation Transcript

    •  
    • Le città si impegneranno per migliorare l'accessibilità e sostenere il benessere sociale e lo stile di vita urbano pur riducendo la mobilità. E' divenuto ormai imperativo per una città sostenibile ridurre la mobilità forzata e smettere di promuovere e sostenere l'uso superfluo di veicoli a motore. (Carta di Aalborg - Modelli sostenibili di mobilità urbana) Le persone viaggiano per stupirsi delle montagne, dei mari, dei fiumi, delle stelle; e passano accanto a se stesse senza provare meraviglia ( Sant'Agostino )
    • Mobilità Sostenibile
      • Corrisponde a un sistema di mobilità urbana che, pur consentendo per ciascuno l'esercizio del proprio diritto alla mobilità, sia tale da non gravare eccessivamente sul sistema sociale in termini delle seguenti esternalità:
      • inquinamento atmosferico ed emissioni di gas serra
      • inquinamento acustico
      • congestione dovuta al traffico veicolare
      • incidentalità .
    • Trasporto intermodale
      • Accessibilità al servizio di trasporto significa realizzare un sistema di trasporti modale che renda possibile muoversi utilizzando mezzi di trasporti differenti a seconda degli spostamenti urbani ed extra-urbani
      • E’ necessario un cambiamento culturale che lentamente introduca l’idea del “mezzo giusto al momento giusto”
    • Alcuni dati
      • Nel 2007 in Italia soltanto l’ 11,5% delle persone ha scelto il trasporto pubblico come propria mobilità motorizzata, mentre l’ 81 % ha preferito l’ auto e il 7,6% lo scooter o la moto (V Rapporto sulla mobilità urbana in Italia di Asstra , l'Associazione delle società ed enti del trasporto pubblico locale)
    • Tipologia mezzi utilizzati in Abruzzo (Fonte Regione Abruzzo – Serv. Mobilità e Trasporti, 2001)
    • Ripartizione determinanti degli spostamenti La Regione Abruzzo che negli anni ‘70 possedeva un indice di motorizzazione inferiore a quello medio nazionale, nell’anno 2002 ha raggiunto tale valore ponendosi a 0,73 veicoli/abitante su una media nazionale di 0,74. (PRIT, Piano Regionale Integrato dei Trasporti Regione Abruzzo, da 6 forum tematico mobilità sostenibile -25 Ottobre 2005)
      • E’ indispensabile rivedere profondamente la strategia della convivenza tra i diversi sistemi di mobilità nelle città, con un’azione su tre fronti principali:
      • redistribuzione dello spazio urbano
      • rafforzamento, nel numero e nel profilo, delle regole che disciplinano la guida dei veicoli privati e delle relative sanzioni
      • law enforcement.
      Strategie
    • Bicicletta: potenzialità di spostamento e trasporto
      • Potenzialità nell'ambito degli spostamenti urbani : nelle ore di punta la velocità media del traffico veicolare cittadino può scendere anche al di sotto dei 10 km/h, che è circa la metà della velocità media di un individuo che si sposti in bicicletta
      • Vantaggio derivante dal non dover cercare parcheggio
      • Turismo in bicicletta , per il quale la "qualità" dello spostamento è sicuramente più importante della "quantità".
    • Associazione temporanea di Scopo per la mobilità sostenibile
      • “ Bando MATTM di cofinanziamento per la diffusione di azioni finalizzate al miglioramento della qualità dell’aria nelle aree urbane e d al potenziamento del trasporto pubblico rivolto ai Comuni non rientranti nelle aree metropolitane ” (GU n.67 del 21 marzo 2009)-Promozione della mobilità ciclistica attraverso la creazione di reti urbane dedicate, dell’intermodalità tra bici e treno e i mezzi di trasporto pubblico (…) - art.1 comma, 2, lett. H
    • Soggetti coinvolti
      • SOGGETTI PUBBLICI
      • Comune di Montesilvano capofila
      • Comune di Silvi
      • Comune di Città Sant’Angelo
      • Comune di Pescara
      • Provincia di Pescara
      • GTM Società di Gestione Trasporti Metropolitani.
      • SOGGETTI PRIVATI
      • Consorzio Grandi Alberghi di Montesilvano
      • RESCo Italia srl - società di servizi energetici (ESCO) ai sensi della Del. AEEG 103/2003 e succ. mod. Del. 200/2004 -.
    • Inserimento dell'intervento nelle politiche di mobilità urbana
      • Agenzia della Mobilità Pescara Nord
      • Piano Urbano della Mobilità di Area Vasta, lo strumento per il completamento e il potenziamento delle reti del territorio che il Comune di Pescara
      • Corridoio Verde Adriatico o Ciclovia Adriatica (integrata in Eurovelo )
      • Asse di penetrazione lungo l’asta fluviale dell’Aterno/Pescara verso l’interno per un percorso ciclabile di km 5 e, che con alcuni tratti mancanti per il collegamento con l’asse litoraneo, costituisce già un sistema integrato per la città di Pescara.
    • Area interessata dall'intervento
      • Asse Adriatico di collegamento tra la città di Pescara (pineta D’Annunziana) e la città di Silvi, con attraversamento dei territori comunali di Città Sant’Angelo e Montesilvano
      • I territori comunali interessati presentano caratteristiche estremamente “articolate”: da un’ area metropolitana con diverse destinazioni d’uso (industriali, residenziali, commerciali), oggi interessata da un processo di trasformazione importante, ad aree costiere di pregio ambientale e turistico .
    •  
    • Stagionalità dei flussi turistici annui Numero delle presenze mensili nelle province della regione Abruzzo. Fonte: Direzione Turismo ed Attività Sportive della G.R. d’Abruzzo (anno 2004) La domanda di trasporto Rete stradale in congestione (Fonte PRIT Abruzzo)
    • Ripartizione determinanti degli spostamenti La Regione Abruzzo che negli anni ‘70 possedeva un indice di motorizzazione inferiore a quello medio nazionale, nell’anno 2002 ha raggiunto tale valore ponendosi a 0,73 veicoli/abitante su una media nazionale di 0,74. (PRIT, Piano Regionale Integrato dei Trasporti Regione Abruzzo, da 6 forum tematico mobilità sostenibile -25 Ottobre 2005)
    • Distribuzione (%) delle emissioni: Indice di esposizione della popolazione da sorgenti stradali (ton abit/Kmq) (RSA ARTA Abruzzo, 2005)
    • Azioni di progetto
      • Piste ciclabili
      • Attraversamento ciclopedonale leggero
    • Azioni di progetto
      • n. 16 MEET-POINT in corrispondenza delle maggiori zone di interconnessione con il TPL
      • n. 16 ECO-CHIOSCHI localizzati in adiacenza ai meet-point realizzati in bioedilizia e alimentati da pannelli fotovoltaici, con servizi WC pubblici e colonnine di ricarica, destinati al noleggio, la custodia ed il ricovero delle bici e alla erogazione di micro-servizi
    • Azioni di progetto
      • PORTER ELETTRICO PIAGGIO per il riposizionamento delle bici tra i chioschi meet-point e per la distribuzione di materiali
      • n. 240 BICICLETTE (15 x 16) elettriche a pedalata assistita (liberamente integrabili dal gestore del meet-point con altre biciclette)
      • RETE WI-FI FREEC in corrispondenza di ogni area meet-point
    • Azioni di progetto
      • SOFTWARE/HARDWARE Acquisto di 17 PC, di 1 server, di software dedicato, di sistema di gestione con codice a barre per il feed-back noleggio delle bici, il monitoraggio degli usi e dei risultati in termini funzionali ed ambientali
      • SELEZIONE GESTORI MEET-POINT
      • FORMAZIONE
      • INFORMAZIONE.
    • Gestione dei servizi attivati
      • I meet-point ed i chioschi multiservizi sono concepiti come punti di informazione e di affari con apposita licenza pubblica ai soggetti selezionati attraverso bando pubblico e successiva sessione formativa
      • Questo consente di abbattere i costi di gestione per il pubblico ma anche convertire un costo in una opportunità in termini di:
      • - nuovi servizi per la P.A.
      • - nuovi sbocchi professionali per giovani.
    • Comunicazione e marketing
      • Le campagne saranno puntate su focus principali:
      • - Promozione dell’ uso delle biciclette con esplicitazione dei vantaggi che ne conseguono in termini di miglioramento della qualità della vita (riduzione traffico, parcheggio facile, riduzione inquinamento atmosferico)
      • - Promozione di stili di vita più consapevoli volti alla mobilità sostenibile, all’abbandono del mezzo privato
      • - Promozione del trasporto intermodale .
    • Comunicazione e marketing
      • Fondamentale è il logo che lo rappresenta e le politiche di “brand” che saranno messe in campo.
      •  
      • Meeto sta per meet-to “incontrarsi a” a definire un luogo punto di incontro di persone e mezzi.
    • Comunicazione e marketing
      • Gli strumenti di comunicazione :
      • poster 100x140; 140x200
      • locandine da affiggere negli esercizi commerciali
      • cartelloni 6x3 da affiggere su apposite plance
      • fliers divulgativi
      • gadgets
      • comunicati radio e televisivi
      • sito web
      • video-vest , ossia un monitor da indossare su cui si proiettano filmati informativi.
    • Monitoraggio dell'intervento
      • Tracciabilità degli spostamenti grazie a computer in ogni meet-point collegati ad un server e gestito da un software client-server con terminali a codice a barre per la gestione delle bici
      • Sarà strutturato un indicatore rappresentativo dell’efficacia del mezzo in termini di utilizzo ed emissioni evitate (km/veicolo; gCO2 abbattute per veicolo; litri gasolio risparmiati; etc.).
    • Benefici
      • Miglioramento qualità dell’aria
      • Diminuzione traffico veicolare e conseguente inquinamento atmosferico e acustico
      • Riduzione consumi energetici
      • Efficienza nei trasporti e nella comunicazione
      • Riduzione delle congestioni, incidenti stradali e parcheggio selvaggio
      • Riduzioni stress da guida
      • Stili di vita più sostenibili
      • Ecoturismo
      • Ottimizzazione dei servizi per il cittadino e nel periodo estivo, per il turista
      • Nuove opportunità di lavoro .
    • Quantificazione dei benefici ambientali attesi
      • Ipotizzando una percorrenza media per ciascuna bicicletta di 6 km/die (variabili da 10km estivi a 2 km invernali), si stima un chilometraggio di percorrenza minimo del parco mezzi di 1200 km/die.
      • Risparmio in termini di risorsa petrolio ben 14.400 l di benzina al giorno riferito al singolo parco mezzi
      • Riduzione dei flussi di traffico del trasporto privato.
      • Oltre all’abbattimento delle emissioni acustiche
      • Abbattimento inquinanti .