• Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
491
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
5
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Indagine Tns Italia sullo stress da Natale DATI ITALIANI
  • 2. Quale aspetto le piace meno del Natale?
    • Il Natale mette a dura prova gli italiani. I vincitori della categoria “cosa piace meno del Natale” sono:
      • la ressa nei negozi e per la città (circa 1 italiano su 4 la cita)
      • dover spendere tanti soldi per i regali e le cene e in aggiunta le abbuffate (citato da circa 14% degli italiani)
      • ridursi a fare tutto all’ultimo minuto (citato da circa 12% degli italiani)
    © TNS 2009 Agli uomini, rispetto alle donne (8% vs. 4% di citazioni) piace di meno il dover prendere parte a cene/ feste con i parenti mentre per le donne gli aspetti meno graditi sono il ridursi a fare tutto all’ultimo minuto (14% vs. 10%) e avere a che fare con i regali sbagliati che ricevono (10% vs.7%). Per gli italiani over 35 rispetto a quelli più giovani (18-34 anni) il dover fare i regali (circa 13% di over 35 anni vs. 7% di 18-34enni) e le abbuffate (16% vs. 9%) sono decisamente gli aspetti che piacciono di meno. Il target dei 18-34enni rispetto ai 45-65enni segnala la ressa nella città e per i negozi come elemento meno gradito del Natale (26% vs. 17%). Indagine TNS Italia, condotta su un campione di oltre 1000 intervistati, di età compresa tra i 18 e 65 anni
  • 3. Quale aspetto del Natale vive come un dovere?
    • Per circa la metà degli italiani,
    • non c’è nulla del Natale che viene vissuto come un dovere.
    • L’altra metà, però, segnala qualche elemento di disagio - il dover fare
    • i regali è un problema sentito da 1 italiano su 3 seguito dalle cene
    • e incontri con i parenti (segnalato da circa 2 italiani su 5).
    © TNS 2009 Per gli italiani over 35 rispetto a quelli più giovani (18-34 anni) il dover fare i regali (circa 13% di over 35 anni vs. 7% di 18-34enni) e le abbuffate (16% vs. 9%) sono decisamente gli aspetti che piacciono di meno. Il target dei 18-34enni rispetto ai 45-65enni segnala la ressa nella città e per i negozi come elemento meno gradito del Natale (26% vs. 17%). Indagine TNS Italia, condotta su un campione di oltre 1000 intervistati, di età compresa tra i 18 e 65 anni
  • 4. Lo strascico peggiore del periodo natalizio che devo affrontare nei mesi successivi e’…
    • I chili guadagnati con le abbuffate e i soldi che ci si ritrova in meno
    • sul conto sono decisamente i due strascichi peggiori che 1 italiano su 3
    • dovrà affrontare nell’immediato clima post-natalizio.
    • Quasi 9 milioni di italiani avrebbero bisogno di vacanze supplementari
    • per riposarsi dalla frenesia natalizia.
    • Circa 5 milioni di italiani si ritroveranno a pensare
    • cosa fare dei regali inutili ricevuti!
    © TNS 2009 Osservando il comportamento degli italiani per fasce d’età, vediamo che è il target più giovane 18-34 quello che mag-giormente accusa la necessità di smaltire i chili di troppo guadagnati con i cenoni natalizi (38% vs. 32% dei 35-44enni e 27% dei 45-65enni). Gli uomini segnalano di più rispetto alle donne (34% vs. 27%) un problema legato al prosciugamento dei conti, mentre più donne rispetto agli uomini (27% vs. 21%) segnalano la stanchezza accu-mulata e non smaltita durante le vacanze. Indagine TNS Italia, condotta su un campione di oltre 1000 intervistati, di età compresa tra i 18 e 65 anni
  • 5. Natale 2009 vs Natale 1999
    • il costo del Natale che oggi preoccupa il 46% degli italiani, nel 1999 era fonte d’ansia solo per il 26%;
    • lo stress natalizio è aumentato (47% vs il 33%)
    • natale oggi è percepito maggiormente commerciale (36% vs 28%)
    • rimangono pressoché invariate le discussioni in famiglia (35% e 36%)
    • mentre i regali indesiderati preoccupano un po’ di meno (28% vs 31%)
    • per il 75% degli italiani lo spirito natalizio si è perso
    • il miglior Natale è stato vissuto all’età di 20 anni
    © TNS 2009 Indagine TNS internazionale , condotta su un campione di 1110 intervistati online, di età compresa tra i 16 e 54 anni
  • 6. I regali imbarazzanti
    • Aprire regali che hanno fatto sentire in imbarazzo
    • è capitato ad oltre 5 milioni e mezzo di italiani.
    • Soprammobili (statuette e animaletti di materiali più disparati)/fiori finti
    • (ricevuti dal 49% di italiani), regali di valore economico esagerato (41%), capi d'abbigliamento stile nonna o ridicoli con fantasie poco alla moda/ brutte (38%), regalo doppio (36%) sono solo alcuni degli esempi di regali che al momento dell’apertura hanno fatto sentire in imbarazzo.
    © TNS 2009 Anche i parenti (genitori, cugini, nonni) non aiutano - oltre ai soliti soprammo-bili (17%) i parenti deten-gono il primo posto per regali d’abbigliamento stile nonna o ridicoli con fanta-sie poco alla moda/brutte (23%). Gli amici sono il gruppo che maggiormente contri-buisce a creare situazioni di imbarazzo con sopram-mobili fuori luogo (23% dei casi) e addirittura regali doppi (18% delle citazioni). Indagine TNS Italia, condotta su un campione di oltre 1000 intervistati, di età compresa tra i 18 e 65 anni
  • 7. I regali inutili
    • Ad oltre 27 milioni di italiani è capitato di ricevere dei regali inutili.
    • E sono sempre gli amici che detengono il primo posto
    • per i regali meno azzeccati (54% dei casi) seguiti dai parenti (46%)
    • e dai colleghi del lavoro (9%).
    © TNS 2009 Indagine TNS Italia, condotta su un campione di oltre 1000 intervistati, di età compresa tra i 18 e 65 anni
  • 8. I costi del Natale
    • Per il Natale 2009, gli italiani stimano spese mediamente superiori a € 150. In particolare prevedono di spendere:
      • circa € 170 per il cenone (1 italiano su 3 non prevede alcuna spesa)
      • circa € 180 per fare il regalo agli amici e partner
      • circa € 260 per fare il regalo ai vari parenti
      • circa € 90 per fare il regalo a suoceri (e sono solo il 30% degli italiani)
    © TNS 2009 Gli uomini sembrano essere mediamente più propensi rispetto alle donne a spendere di più per il regalo al partner (€206 vs. €148) . Il target dei 18-34enni e quello dei 35-44enni spenderà mediamente di più rispetto ai 45-65enni per il cenone di Natale (€209 e €178 vs. €151). Per contro, il target più maturo spenderà mediamente di più rispetto ai 18-34enni e 35-44enni per fare i regali ai parenti (€284 vs. €231 e €263). Indagine TNS Italia, condotta su un campione di oltre 1000 intervistati, di età compresa tra i 18 e 65 anni
  • 9. Modi efficaci per risparmiare
    • Per oltre 17 milioni di italiani il modo più efficace di risparmiare
    • è acquistando regali nei mercatini (zonali, delle pulci) seguito
    • da mercati eco-solidali (citato da circa 10 milioni di italiani) e
    • portali internet come eBay (citato da circa 5 milioni di italiani).
    © TNS 2009 Per gli uomini il portale internet sembra essere il luogo di maggiore risparmio (21% vs. 9% delle donne) come anche per la fascia della popolazione italiana più giovane, 18-34 anni (23% vs. 18% dei 35-44enni e 7% degli ultra 45enni). Per il mondo femminile il risparmio viaggia in luoghi come mercatini zonali o quello delle pulci (53% vs. 40% degli uomini). Questa opinione è condivisa anche dal target più maturo (57% vs. 45% dei 35-44enni e 36% dei 18-34enni). Indagine TNS Italia, condotta su un campione di oltre 1000 intervistati, di età compresa tra i 18 e 65 anni
  • 10. Profilo dello shopper natalizio europeo DATI EUROPEI
  • 11.
    • Gli italiani quest’anno compreranno regali per una media di 9 persone, dimostrandosi abbastanza generosi rispetto alla media degli altri Paesi Europei:
    • per Uk: 12 destinatari
    • per Irlanda: 11 destinatari
    • per Austria: 10 destinatari
    • per Germania e Francia: 8 destinatari
    • per Spagna: 7 destinatari
    • per Belgio e Polonia: 6 destinatari
    A quante persone faranno i regali quest’anno gli shopper natalizi d’Europa? © TNS 2009 Indagine TNS internazionale , condotta su un campione di 1110 intervistati online, di età compresa tra i 16 e 54 anni
  • 12. E chi saranno i destinatari dei regali degli shopper d’Europa?
    • Per comprare i regali, gli italiani spenderanno soprattutto per la famiglia e meno per gli amici:
    • per i figli circa 145 euro
    • per il partner circa 118 euro, più che per gli amici quindi
    • per i genitori circa 77 euro
    • per gli amici circa 60 euro
    • Anche gli altri Paesi europei sono allineati rispetto alle prime due categorie di persone cui faranno i regali. L’Italia, insieme al Belgio, è però la nazione che comunque prevede di spendere le cifre più basse anche per queste due categorie. In Italia sono soprattutto gli uomini a dimostrarsi più generosi, dichiarando una previsione di spesa per ogni regalo decisamente più alta rispetto alle donne.
    © TNS 2009 Indagine TNS internazionale , condotta su un campione di 1110 intervistati online, di età compresa tra i 16 e 54 anni
  • 13. Per chi non si compreranno regali quest’anno?
    • Se la maggior parte dei nostri connazionali farà regali quest’anno a tutti coloro cui l’aveva fatto l’anno scorso (52%), c’è anche un 29% (percentuale che sale a 32% per le donne), che non acquisterà il regalo a qualcuno a cui l’anno prima lo aveva fatto. I meno fortunati nel 2009 saranno:
    • gli amici (40%)
    • vicini(28%)
    • parenti meno stretti (27%)
    • Anche per il resto d’Europa valgono percentuali simili tranne che per i meno fortunati che cambiano. Per Irlanda, Uk, Germania e Austria si confermano ai primi posti di chi non riceverà regali gli amici, mentre per Francia, Polonia, Spagna e Belgio sono i familiari a farne le spese.
    © TNS 2009 Indagine TNS internazionale , condotta su un campione di 1110 intervistati online, di età compresa tra i 16 e 54 anni
  • 14. Quale sarà la spesa complessiva per le famiglie europee nel Natale 2009?
    • Nonostante il Natale sia sempre Natale, la crisi si farà sentire e gli europei spenderanno complessivamente meno dell’anno scorso:
    • Austria 231 euro contro 241 del 2008
    • Irlanda 207 euro contro 234 del 2008
    • Francia 195 euro contro i 217 del 2008
    • Uk 191 euro contro i 208 del 2008
    • Spagna 188 euro contro 201 del 2008
    • Belgio 176 euro contro 188 del 2008
    • Italia 174 euro contro i 190 del 2008
    • Germania 162 euro contro i 172 del 2008
    • Polonia 113 euro contro 115 del 2008
    © TNS 2009 Indagine TNS internazionale , condotta su un campione di 1110 intervistati online, di età compresa tra i 16 e 54 anni
  • 15. A cosa si rinuncerà per risparmiare?
    • Piuttosto che rinunciare ai doni natalizi, il 34% degli italiani cercherà di ridurre tutte le altre spese, mentre saranno in molti ad optare per una soluzione da formichina, cercando di risparmiare nel corso dell’anno (22%).
    • La tendenza a risparmiare utilizzando queste due opzioni è comune a tutti i paesi europei analizzati, anche se Francia, Irlanda, Uk e Austria è più alta la percentuale di chi tende a risparmia durante tutto l’anno, piuttosto che risparmiare su altro.
    © TNS 2009 Indagine TNS internazionale , condotta su un campione di 1110 intervistati online, di età compresa tra i 16 e 54 anni
  • 16. Lo shopping natalizio 2009 sarà online
    • Anche rivolgersi al commercio elettronico per gli acquisti natalizi è una forma di risparmio che gli italiani dimostrano di apprezzare:
    • Tra coloro che usano il web per cercare il dono giusto, il 39% continuerà anche nel 2009 a comprare online.
    • Tra coloro che hanno dichiarato che quest’anno faranno addirittura un maggior uso di internet per gli acquisti di Natale:
      • il 65% sceglierà questo canale per i prezzi;
      • il 55% per la convenienza;
      • il 40% per la semplicità;
      • 38% per l’ampia scelta.
    • Anche negli altri Paesi si acquisterà online, con l’unica differenza che, tra i motivi per cui lo fanno, si evidenzia con percentuali maggiori che per l’Italia la motivazione di voler evitare le code.
    © TNS 2009 Indagine TNS internazionale , condotta su un campione di 1110 intervistati online, di età compresa tra i 16 e 54 anni
  • 17. eBay.it – Gli acquisti di Natale iniziano
    • Su eBay.it è possibile già delineare il trend di Natale 2009.
    • Gli internauti si sono infatti già portati avanti negli acquisti
    • natalizi:
    • il 16 novembre è risultato il giorno di maggior affluenza su eBay.it
    • 100 gli oggetti venduti ogni minuto
    • oltre 1,5 milioni i visitatori
    • Le categorie più visitate per gli acquisti nel periodo
    • pre-natalizio sono*:
    • Computer
    • Orologi e gioielli
    • Abbigliamento e accessori
    • Cellulari
    • Tra le parole più cercate su eBay.it in questo
    • periodo*:
    • Moncler e Denny Rose
    • Notebook
    • Iphone
    * Fonte: Indagine interna eBay – ottobre 2009
  • 18. E per chi non sa ancora cosa regalare a Natale arriva l’aiuto personalizzato di eBay su Facebook e Twitter – La Cacciaffari
    • Da pochi mesi eBay.it ha introdotto su Facebook e Twitter un profilo virtuale, “La Cacciaffari”, un’esperta di ecommerce che aggiorna costantemente i suoi fan sugli affari presenti in rete, sia su eBay che su altri siti, e risponde a tutte le richieste con consigli personalizzati. Al momento ha circa 2000 fan tra Twitter e Facebook.
    • Dal 16 novembre Cacciaffari si è travestita .. da Babbo Natale e lancia interessanti iniziative piene di sorprese.
    • In occasione del Natale Cacciaffari aiuterà i suoi fan a trovare il dono che cercano, ad un prezzo competitivo, e risponderà alle richieste personalizzate.
        • … perché fare affari, anche a Natale, è possibile!
    http://www.facebook.com/cacciaffari http://twitter.com/Cacciaffari