Business plan
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Business plan

on

  • 1,823 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,823
Views on SlideShare
1,820
Embed Views
3

Actions

Likes
1
Downloads
29
Comments
0

1 Embed 3

http://www.slideshare.net 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Business plan Presentation Transcript

  • 1. BUSINESS PLAN 2003 - 2005
  • 2. Indice
    • 1. Executive Summary
    • 2. Andamento generale del mercato
    • 3. Business Model - Piano a tre anni
    • 4. Operations
    • 4.1 Linee strategiche di sviluppo operativo
    • 4.2 Pianificazione e Programmazione (Livello di Servizio, Scorte)
    • 4.3 Capacità produttiva
    • 4.4 Interventi di recupero efficienza
    • 5. Risorse
    • 5.1 Assetto
    • 5.2 Organici
    • 6. Investimenti
    • 7 Economics
    • 7.1 Ipotesi di riferimento
    • 7.2 Economics: CE e Stato Patrimoniale
    • Allegati
  • 3. 1. EXECUTIVE SUMMARY
    • Premessa
      • Il Business plan 2003 – 2005 è stato svolto in piena collaborazione e condivisione con il management team della Società., al fine di verificarne e garantirne il più possibile:
        • Comprensione degli interventi individuati e proposti
        • Fattibilità
      • Il Piano ha interessato la capogruppo, incorporando senza specifiche analisi le valutazioni relative alle società partecipate
      • Non sono state eseguite certificazioni a carattere contabile/legale delle voci di conto economico e di bilancio, per le quali sono stati assunti come validi i dati forniti dall’azienda
      • Le elaborazioni economico/finanziarie sono state svolte dal team amministrativo dell’azienda in base alle indicazioni definite dal team di progetto
  • 4.
    • La Società opera principalmente nel mercato italiano delle tele e della biancheria casa
    • La situazione attuale è caratterizzata da:
      • Posizionamento riconosciuto dal Trade tradizionale e dall’ingrosso, ma con margini in tensione
      • Buon product concept e Brand Image nel confezionato
      • Eccessiva complessità di offerta
      • Inefficienze operative
      • Dilatazione del circolante, e conseguente esposizione a livelli difficilmente sopportabili
    • E’ stato definito un Piano a tre anni basato su:
      • Drastica riduzione degli stock e stretto controllo degli investimenti
      • Forte recupero di redditività
      • Difesa della posizione attuale (Tele,Tagli, Ingrosso)
      • Sviluppo del retail per il prodotto di marca
      • Sviluppo della presenza estera (in particolare sul mercato USA)
    • Il piano appare in grado di raggiungere gli obiettivi di:
      • Miglioramento della redditività (EBIT da 4,4%(2002) a 16,9%(2005)
      • Recupero dell'equilibrio finanziario (MP/MT: 0,47 nel 2005)
    1. Executive Summary
  • 5. Indice
    • 1. Executive Summary
    • 2. Andamento generale del mercato
    • 3. Business Model - Piano a tre anni
    • 4. Operations
    • 4.1 Linee strategiche di sviluppo operativo
    • 4.2 Pianificazione e Programmazione (Livello di Servizio, Scorte)
    • 4.3 Capacità produttiva
    • 4.4 Interventi di recupero efficienza
    • 5. Risorse
    • 5.1 Assetto
    • 5.2 Organici
    • 6. Investimenti
    • 7 Economics
    • 7.1 Ipotesi di riferimento
    • 7.2 Economics: CE e Stato Patrimoniale
    • Allegati
  • 6. 2. ANDAMENTO GENERALE DEL MERCATO
    • Mercato Biancheria Casa tendenzialmente in lieve contrazione, con marcata flessione nel secondo semestre 2001, e nel primo semestre 2002
    • Il segmento più rilevante (Teleria Letto, in sostanziale tenuta (2002 --> 2001 1° semestre: -0,5%),
      • più critici Bagno (-6,4%), Tavola (-8,1%);
      • in crescita Coperture Letto Cotone (+13,9%) e Piuma (+6,4%), Arredo Casa (+2,7%)
    2.1 Biancheria Casa Italia Mercato Biancheria Casa (ml €) 1999 2000 2001 1189 1153 770 770 Composizione segmenti (%) Bagno Cop. Letto Cotone Teleria Letto Tavola Arredamento Cop letto piuma Cucina Fonte: ATI Fonte: Largo Consumo Consumo Valore produz.
  • 7.
    • In generale, il mercato si sta fortemente segmentando
      • Upper-medium segment
        • Buona tenuta/sviluppo es. nel mercato USA (consumo emozionale)
        • Prevalenza prodotti branded
        • Crescente rilievo distribuzione organizzata
      • Lower segment
        • Price competition
        • "Commodizzazione"
        • Dominio dei prodotti di importazione
        • Consumo funzionale (sostituzione)
    • Aspettative di (prudente) ripresa dei consumi a partire dal 2003
      • Consumi famiglie area Euro*:
        • 2002: 1,2%
        • 2003: 2,5%
        • 2004: 2,6%
    segue - 2.1 Biancheria Casa * Fonte: CSC 2. Andamento generale del mercato
  • 8.
    • Andamento stabile fino al 2001, con brusca caduta nel 2002 (primo semestre 2002 vs secondo semestre 2001: -27% (1) )
    • Nello stesso periodo, produzione europea diminuita del 9% (2)
    • Peso a valore crescente delle importazioni, in particolare nei prodotti basici
    • "Risalita" dei prodotti "overseas" lungo la filiera (da filati a tessuti)
    • Crisi di alcuni players di rilievo (es. Linificio Canapificio Nazionale: vendite 2000 --> 2002 (1° semestre): - 36% 2)
    2.2 Andamento Industria Liniera Produzione Liniera (ml €) 1999 2000 Fatturato 465 542 54,9% 55% Export % Fonte: Largo Consumo (1) Fonte Ati (2) Fonte Bilans Marzotto 2. Andamento generale del mercato
  • 9. Indice
    • 1. Executive Summary
    • 2. Andamento generale del mercato
    • 3. Business Model - Piano a tre anni
    • 4. Operations
    • 4.1 Linee strategiche di sviluppo operativo
    • 4.2 Pianificazione e Programmazione (Livello di Servizio, Scorte)
    • 4.3 Capacità produttiva
    • 4.4 Interventi di recupero efficienza
    • 5. Risorse
    • 5.1 Assetto
    • 5.2 Organici
    • 6. Investimenti
    • 7 Economics
    • 7.1 Ipotesi di riferimento
    • 7.2 Economics: CE e Stato Patrimoniale
    • Allegati
  • 10. 3. BUSINESS MODEL - PIANO A TRE ANNI
    • Azienda presente in tre segmenti principali
      • tele e tagli lino, in pezze, per clienti principalmente all'ingrosso
      • prodotti confezionati o semiconfezionati, commercializzati su diversi canali (ingrosso, dettaglio multimarca, grandi superfici, retail mono marca diretto/indiretto)
      • prodotti, principalmente confezionati, private label
        • designer
        • retailer
    • Business model
        • bassi margini (margine industriale netto forecast 2002: 24,9%)
        • bassi costi fissi (G&A: 7,7%)
    3.1 Situazione di riferimento
  • 11.
    • Brand conosciuto e rinomato nell'industry per qualità del prodotto e delle lavorazioni, supportate da alcune caratteristiche del processo
    • Posizionamento riconosciuto nel segmento classico dell'offerta
    • Sinergie con offerta di confezionato (tele fantasia)
    • Erosione quote nei prodotti basici da parte dei competitor far east (  prezzo 30%)
    • Basso valore aggiunto (MP da sola è il 51% prezzo medio di vendita)
    • Pressione sui margini
    • Vendite sostenute, sul canale ingrosso, da pesanti azioni promozionali
    FORZA Tele e Tagli + - DEBOLEZZA 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 12.
    • Crescita della awareness del Brand al consumo, ottenuta con limitati investimenti (solo materiale POP)
    • Buone strutture di offerta nel Letto e nel Bagno, supportato da buon sell-out, in particolare nei negozi diretti
    • Outlet in grado di esitare gli stock con limitati oneri di svalorizzazione
    • Grande complessità di offerta (v. tav. 3.1) con una gestione poco efficiente (con conseguente esplosione degli stock e quindi del circolante e dell'indebitamento)
    • Presenza su aree di dettaglio marginali, con conseguente dilatazione dei crediti, e quindi del circolante
    • Presenza limitata all'estero
    • Alcun segmenti di offerta (Tavola, Coperture) poco rilevanti o addirittura sotto-margine
    • Posizionamento Brand su canali da affinare
    Produzione Marca + - FORZA DEBOLEZZA 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 13. Tav. 3.1 - Linea Letto 53% 18% 29% Cod. Fatt. Sc. 111 17% 27% 4% 46 7% Cod. 28% 654 60% 68% 5% 149 14% Fatt. 79% 154 49% 7% 2% 4 1% Sc. 52% 29 4% 33 5% 58 9% Cod. 18% 28 3% 31 3% 50 5% Fatt. 11% 35 11% 9 3% 6 2% Sc. 16% 36 8% 59 9% 241 37% Cod. 54% 16 1% 22 2% 71 7% Fatt. 10% 62 20% 15 5% 20 7% Sc. 32% Cod. Fatt. Sc. Cod. Fatt. Sc. Cod. Fatt. Sc. Cod. Fatt. Sc. Cod. Fatt. Sc. Cod. Fatt. Sc. Cod. Fatt. Sc. Cod. Fatt. Sc. Cod. Fatt. Sc. 64% 80% 10% 10% 10% 3% TOTALE TOT Cod. Fatt. Sc. Cod. Fatt. Sc. Codici 26% Fatturato 9% Scorte 45% Onerosità Codici 37% Fatturato 7% Scorte 7% Complessità Scorte Fatturato 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 14.
    • Alcuni clienti prestigiosi (Designer) e retailer (USA)
    • Sviluppo Know-how Retail e Business Fashion
    • Volatilità del parco clienti (rischio uscita)
    • Comportamenti di acquisto "aggressivi" Retail
    • N° ristretto di clienti
    • Debole supporto nella creazione/sviluppo prodotto
    Private Label + - FORZA DEBOLEZZA 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 15.
    • Il piano intende definire lo sviluppo dei prossimi tre anni (03-05) alla luce delle iniziative (commerciali e operative) che abbiano una significativa probabilità di realizzazione
      • i progetti innovativi ma rischiosi e/o le accelerazioni di sviluppo sono state valutate ma non hanno impatto sul piano stesso
    • Il piano:
      • non è un "business as usual": prevede infatti profondi interventi soprattutto in area gestionale
      • tiene conto delle capability dell'azienda e delle normali tempistiche di evoluzione del business
      • non prevede iniezioni di capitale e quindi rispetta i pesanti vincoli finanziari dettati dalla situazione attuale
    • Nel piano non si sono formulate ipotesi sulla sostenibilità a breve della posizione finanziaria
    • I valori sono deinflazionati
    3.2 Piano a tre anni: Linee guida di sviluppo 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 16. Linee guida generali del piano
    • Portafoglio dell’offerta prodotto/canale
      • Tele/tagli: segmento maturo, da difendere come generazione di margini
      • Private Label e industria:
        • Generazione di Know how su retail moderno
        • Apertura dei mercati esteri chiave (USA)
      • Marca
        • Rafforzamento valori
        • Crescita volumi visibilità all’end user con iniziative retail
    • Redditività
      • Focus sul recupero dei margini anziché sui volumi
      • Recupero della redditività operando prima di tutto sull’efficienza operativa e sulla riduzione della complessità
    • Indebitamento
      • Drastica riduzione degli stock modificando radicalmente i meccanismi operativi
      • Piano di smaltimento overstock
      • Stretto controllo degli investimenti
    3. Business Model - Piano a tre anni
  • 17. Linee guida: posizionamento e sviluppo commerciali
    • Segmento Tele / Tagli – marca
      • Mantenimento del posizionamento attuale e dei prezzi/margini, anche a scapito di una lieve flessione delle quantità
      • Miglioramento del livello di servizio, con conseguente recupero di fatturato a prezzo pieno
      • Riduzione dell'incidenza % vendite promozionali
      • Possibile inserimento prodotti importazione(non quantificato nel piano) per:
        • difesa fascia bassa offerta
        • sviluppo volumi
    3. Business Model - Piano a tre anni
  • 18.
    • Segmento: Prodotti Marca
    • Prodotto
      • Messa a regime linea Baby
      • Differenziazione gamma canale ingrosso – confezionato per vendita a Canvass
    • Brand
      • Mantenimento e sviluppo identità di marca
        • Storica
        • Updated
        • Percepita come appartenente al segmento superiore (da operatori e consumatori)
      • Investimenti misurati in comunicazione per sviluppare awareness
      • Sviluppo visibilità sul punto di vendita (corner)
    3. Business Model - Piano a tre anni
  • 19.
    • Canali
      • Ingrosso
        • moderato sviluppo per inserimento nuova linea
      • Retail Italia (attuale negozi mondo: 2 negozi diretti, 1 outlet, 6 franchisee)
        • messa a regime struttura (retail manager) e superfici aperte nell '02
        • fine 2003: apertura 1 PdV diretto, con impatto sul 2004
        • upgrade posizionamento (listino 03 + 5%)
        • sviluppo franchising:
          • previsti '03 2 aperture, 1 nello ‘04,1 nel ’05
          • partnership per l’apertura in tre anni di 70 PdV(*) franchising multimarca, oltre che per sviluppo (BP Venture) di outlet
        • sviluppo corner
          • Da 70 a 90 nel 2003
    segue - Segmento: Prodotti Marca 3. Business Model - Piano a tre anni (*) di cui solo 60 valutati nel piano
  • 20.
      • Dettaglio Italia
        • semplificazione gamma (obiettivo ’02- '03: - 30% codici con recupero risorse sviluppo prodotto e riduzione stock)
        • focalizzazione PdV
          • top 200: gestione diretta
          • Fascia media: gestione via agenti (miglioramento ponderata)
          • Fascia bassa: eliminazione 200 clienti su totale di 900 (l'ultima 45% dei clienti, pari a 350 PdV, copre il 6% fatturato)
        • miglioramento livello servizio (puntualità/ completezza: attuale 77%)
      • Estero
        • Germania
          • Chiusura della subsidiary
          • Selezione della clientela significativa (da 400 a 250 PdV) e aumento penetrazione
          • Apertura 1 PdV franchising inizio 2005
        • Europa
          • Sviluppo 20 corner in due anni
        • USA
          • 1 PdV diretto inizio 2005 a New York
          • Sviluppo sinergico con Private Label
          • Accordi per co marketing con altri produttori
    segue - Segmento: Prodotti Marca 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 21.
    • Focalizzazione su:
      • Segmento Retail
      • Posizionamento medio – alto
      • Mercati Esteri (USA: crescita del segmento superiore e delle fibre naturali)
    • Crescita numerica parco clienti per ridurre rischio volatilità dei rapporti
    • Sviluppo fatturato (in particolare su mercato USA) grazie a:
      • Potenziamento contenuti innovativi dell’ offerta (oggi carente) con:
        • Utilizzo sinergie con ricerca tessuti abbigliamento
        • Inserimento 2 risorse (2003) per industrializzazione prodotto confezionato
      • Focalizzazione struttura commerciale (responsabilità diretta della Dir. Comm.)
      • Accordi con fornitori di prodotti complementari (es. fornitore - prodotto Jacquard)
    • Private Label di fascia bassa solo per:
      • Destoccaggi
      • Grandi volumi di articoli standard
    Segmento: Private Label 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 22. La crescita del fatturato, significativa dal 2004, è generata principalmente dalle iniziative retail (diretti, alleanze, corner, franchising) 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 23. Lo sviluppo estero è guidato dalle iniziative sul mercato USA 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 24. 3.3 Piano smaltimento stock Fine serie e seconde scelte 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 25. Smaltimento filati, tessuti e scampolame 3. Business Model - Piano a tre anni
  • 26. Indice
    • 1. Executive Summary
    • 2. Andamento generale del mercato
    • 3. Business Model - Piano a tre anni
    • 4. Operations
    • 4.1 Linee strategiche di sviluppo operativo
    • 4.2 Pianificazione e Programmazione (Livello di Servizio, Scorte)
    • 4.3 Capacità produttiva
    • 4.4 Interventi di recupero efficienza
    • 5. Risorse
    • 5.1 Assetto
    • 5.2 Organici
    • 6. Investimenti
    • 7 Economics
    • 7.1 Ipotesi di riferimento
    • 7.2 Economics: CE e Stato Patrimoniale
    • Allegati
  • 27. 4. OPERATIONS
    • Forte Know – how produttivo nelle fasi di orditura e tessitura riconosciuto dal mercato
    • Accordi con fornitori di nobilitazione eccellenti
    • Buona capacità di acquisto della M.P. Liniera
    • Parco macchine aggiornato nelle larghezze e nella tecnologia tradizionale liniera
    4.1 Situazione di riferimento
    • Pianificazione poco focalizzata (metodologia non differenziata, con lotti minimi eccessivi di produzione e stampa, mono tecnologia sulla stampa, ecc.) che genera stock elevati e forti oneri di svalutazione
    • Basso livello di servizio su prodotti Brandizzati (77%)
    • Eccesso di capacità produttiva interna in orditura e tessitura, con conseguenti extracosti e rigidità
    • Alcune aree di inefficienza (es. logistica)
    • Ciclo di confezione esterno oneroso
    + - FORZA DEBOLEZZA
  • 28. 4.2 Linee strategiche di sviluppo operativo
    • Cambiamento del modello di Pianificazione e Programmazione
    • Riduzione/flessibilizzazione della capacità produttiva interna
    • Recupero di efficienza
    4. Operations
  • 29.
    • Spostamento della responsabilità in area Operations, a fronte di livelli di servizio e scorta definiti e concordati con la Direzione Aziendale e il settore Commerciale
    • Introduzione di:
      • Merchandising Plan in area Mktg/Commerciale per definire ampiezza e focalizzazione della struttura di offerta
      • Previsioni di vendita con aggiornamento rolling
    • Modello di Pianificazione / programmazione diversificato:
      • A flusso per gli item ad alto volume
      • A lotto minimo ridotto e copertura fissa per gli item complementari (modulando conseguentemente le tecnologie produttive)
    • Riduzione degli stock di Semi lavorati ottimizzando le coperture
    Pianificazione e programmazione 4. Operations
  • 30. Riduzione/flessibilizzazione della capacità produttiva
    • A fronte di un eccesso di capacità produttiva (2 milioni mt/anno con un fabbisogno di 1,5 milioni mt/anno) nel 2003:
      • Riduzione di 1 turno (da 3 a 2) di tessitura
      • Riduzione dell’organico di orditura (con ulteriore efficienze nel 2004
      • Riduzione del costo medio orario del 10% circa
    • Gestione dei picchi produttivi e dei previsti aumenti di volumi (2004-2005) con capacità produttiva esterna monitorata da expertise interne.
    • Utilizzo di parte del recupero costi per flessibilizzare la produzione interna (riduzione dei lotti minimi)
    4. Operations
  • 31. Recupero efficienza
    • Riduzione costi esterni di roccatura (utilizzando efficienze di orditura)
    • Riduzione costi medi di tessitura (v. punto precedente)
    • Riduzione costi lavorazione tagli (parziale automazione, eliminazione ridondanza C.Q. e spostamento su esterno) nel 2003, e decentramento nel 2004.
    • Riduzione nel 2003 dell’organico area programmazione (-3 unità) e area logistica (- 4 unità, anche grazie al miglioramento Sistemi, es. spunta colli in spedizione)
    • Confezione esterna:
      • 1^ step (2003): spostamento verso aree a minor costo in Italia
      • 2^ step (2004): delocalizzazione estera
    • Riduzione strutture (Jolly e Servizi generali) 6 risorse in due anni
    4. Operations
  • 32. Indice
    • 1. Executive Summary
    • 2. Andamento generale del mercato
    • 3. Business Model - Piano a tre anni
    • 4. Operations
    • 4.1 Linee strategiche di sviluppo operativo
    • 4.2 Pianificazione e Programmazione (Livello di Servizio, Scorte)
    • 4.3 Capacità produttiva
    • 4.4 Interventi di recupero efficienza
    • 5. Risorse
    • 5.1 Assetto
    • 5.2 Organici
    • 6. Investimenti
    • 7 Economics
    • 7.1 Ipotesi di riferimento
    • 7.2 Economics: CE e Stato Patrimoniale
    • Allegati
  • 33. 5. RISORSE 5.1 Assetto: situazione attuale 5. Risorse VICE PRESIDENZA AMMINISTRAZIONE E FINANZA PRODUZIONE COMMERCIALE DIREZIONE STILE CONTROLLO DI GESTIONE SERV.GENERALI LOGISTICA PIANIFICAZIONE/ PROGRAMMAZIONE TESSITURA SVILUPPO PRODOTTO GESTIONE NEGOZI VENDITE DETTAGLIO VENDITE INGROSSO
  • 34. Si prevede inserimento di responsabilità formale su Brand e struttura di offerta (coperta a interim da Direzione), oltre che piena autonomia dell’area Pianificazione Potenziamento Area Private Label 5.1 Assetto: situazione prevista 5. Risorse VICE PRESIDENZA AMMINISTRAZIONE E FINANZA PRODUZIONE COMMERCIALE DIREZIONE STILE CONTROLLO DI GESTIONE SERV.GENERALI LOGISTICA PIANIFICAZIONE/ PROGRAMMAZIONE TESSITURA SVILUPPO PRODOTTO GESTIONE NEGOZI VENDITE DETTAGLIO VENDITE INGROSSO MARKETING
  • 35. 5.2 Organici: situazione attuale Area Organici Direzione/CED 2 Amm, Fin&Controllo 9,75 Area Commerciale 19 Operations 116 Acquisti 2 Stile/Prodotto 12 Generali 11 Programmazione 7 Logistica e trasporti 19,5 C.Qualità 10 Incorsatura e Orditura 12 Tessitura 27,5 Taglio, Confezione 15 Totale Azienda 146,75 5. Risorse
  • 36. Organici
    • Gli interventi individuati portano a una riduzione netta di circa 30 unità (-32, 3 inserimenti) nel corso del biennio 2003-2004
    • Gli oneri di ristrutturazione legati alla riduzione di organici sono stati stimati complessivamente in circa 430.000 € (14.000€/addetto), tenendo conto dello storico aziendale (interventi del 99/00)
    5. Risorse
  • 37. Risorse/Competenze
    • Il piano richiede:
      • Un forte presidio manageriale della attuazione del piano:
        • Realizzazione degli interventi e degli obiettivi individuati, con estrema determinazione
          • Complessità
          • Efficienza
          • Sviluppo
        • Rispetto con rigore dei limiti finanziari definiti, anche a discapito di opportunità economiche che potessero ulteriormente presentarsi
      • Il mantenimento delle competenze tecniche/operative (a rischio in parte per il processo di ristrutturazione)
      • Lo sviluppo di alcune competenze (es. offerta segmento Private Label)
      • Un approccio manageriale che coniughi
        • Snellezza propria di una media azienda
        • Maggiore responsabilizzazione delle prime linee
        • Maggior strutturazione e formalizzazione dei meccanismi operativi
    5. Risorse
  • 38. Indice
    • 1. Executive Summary
    • 2. Andamento generale del mercato
    • 3. Business Model - Piano a tre anni
    • 4. Operations
    • 4.1 Linee strategiche di sviluppo operativo
    • 4.2 Pianificazione e Programmazione (Livello di Servizio, Scorte)
    • 4.3 Capacità produttiva
    • 4.4 Interventi di recupero efficienza
    • 5. Risorse
    • 5.1 Assetto
    • 5.2 Organici
    • 6. Investimenti
    • 7 Economics
    • 7.1 Ipotesi di riferimento
    • 7.2 Economics: CE e Stato Patrimoniale
    • Allegati
  • 39. 6. INVESTIMENTI
    • Gli investimenti complessivi di piano tengono conto della situazione attuale (estremamente critica dal punto di vista finanziario) e delle necessità future di riduzione dell’esposizione:
      • il cash flow generato dalle attività operative deve essere utilizzato prioritariamente per la riduzione del debito
      • il cash flow disponibile per gli investimenti è stato valutato in circa 1,2 milioni € nei tre anni, ripartito fra le diverse aree in relazione alla priorità degli interventi .
  • 40. 2003: Investimenti principalmente focalizzati sull’area retail (negozio, new co) 6. Investimenti
  • 41. 2004: Investimenti di mantenimento della struttura operativa 6. Investimenti
  • 42. 2005: Focus sullo sviluppo retail in USA 6. Investimenti
  • 43. Indice
    • 1. Executive Summary
    • 2. Andamento generale del mercato
    • 3. Business Model - Piano a tre anni
    • 4. Operations
    • 4.1 Linee strategiche di sviluppo operativo
    • 4.2 Pianificazione e Programmazione (Livello di Servizio, Scorte)
    • 4.3 Capacità produttiva
    • 4.4 Interventi di recupero efficienza
    • 5. Risorse
    • 5.1 Assetto
    • 5.2 Organici
    • 6. Investimenti
    • 7 Economics
    • 7.1 Ipotesi di riferimento
    • 7.2 Economics: CE e Stato Patrimoniale
    • Allegati
  • 44. 7. ECONOMICS
    • Perimetro dei piano:
      • Analisi relativa solo alla Società; i dati relativi alle partecipate sono stati assunti senza analisi specifiche da parte del team di progetto come comunicati dalle singole unità .
    • Finanza
      • Nessuna variazione nel capitale proprio (solo autofinanziamento)
      • Riduzione del debito in relazione:
        • Agli adempimenti esistenti (rate a scadenza)
        • Alle possibilità derivanti dallo stato dei flussi di cassa
      • Sostenibilità del livello di indebitamento (attualmente critico)
      • Tassi interesse: attuali
      • Cambi a livello attuale
      • Non sono stati ipotizzati interventi sulla struttura del debito
    • Valori deinflazionati
    • Circolante:
      • Tempi fornitori e clienti in linea con i valori attuali (pur essendo ipotizzabile un miglioramento dovuto alla selezione del dettaglio multimarca ed al maggior peso del canale diretto)
    7.1 Ipotesi di riferimento
  • 45. Conto economico 7. Economics
  • 46. Conto economico: considerazioni
    • Il risanamento è basato principalmente sul recupero di contribuzione più che sullo sviluppo dei volumi, con una forte impulso già nel 2003:
      • Margine commerciale netto da 12,1% a 15,9%)
    • L’effetto dei volumi, significativo a partire dal 2004, si somma agli interventi di recupero efficienza ed alla riduzione degli oneri finanziari, portando a livelli di margine operativo decisamente interessanti (EBIT 2004 13,7%)
    • Gli oneri finanziari dal 2004 avvicinano il livello critico (3%), per scendere sotto di esso a partire dal 2005
    7. Economics
  • 47. Stato Patrimoniale: Attività 7. Economics
  • 48. Stato Patrimoniale: Passività 7. Economics
  • 49. Cash flow 7. Economics
  • 50. Elementi patrimoniali/finanziari
    • Il trend di riduzione del capitale investito, avviato nel 2001, prosegue incisivamente fino al 2004 per:
      • Riduzione del magazzino
      • Stretto controllo degli investimenti
    • Nel 2005 è previsto un lieve incremento delle attività, a fronte di un incremento significativo delle vendite.
    • Il ROE (v. All. 10) elevato già dal 2003 per il forte leverage, migliora qualitativamente oltre che qualitativamente:
      • Riduzione della leva finanziaria (eccessiva)
      • Miglioramento di ROS e Asset turnover
    • A partire dal 2004 l’assetto finanziario è già più equilibrato
      • Ac/Pc=1,28
      • Mp/Mt = 0,3
    • Il flusso finanziario generato dalle operazioni correnti e la riduzione del circolante permettono un significativo alleggerimento dell’utilizzo delle fonti finanziarie
    7. Economics
  • 51. A L L E G A T I
  • 52. All.1: 2002 - Fatturato/Margine Commerciale Netto per linea (€ x 1000) -39 (-7,8%) 499 128 (4,5) 2823 78 (25,5%) 308 - 68 (-14,6%) 467 87 (10,3%) 848 944 (12%) 7869 290 (12%) 2413 2023 (17,7%) 11420 CONFEZIONATI ABBIGLIAMENTO E ALTRI Totale Attività Ricavi: 26.649 Margine Comm. netto: 3443 (12,9%) Fonte: Forecast 2002
  • 53. All.2: 2002 - Fatturato/Margine Commerciale Netto per canale - Biancheria (€ x 1000) 599 (27,8%) 2156 436 (7,8%) 697 (11,5%) 6067 9479 1621 (17,1%) RETAIL Totale Biancheria Ricavi: 23.325 Margine Comm. netto: 3.354 (14,4%) 5622 BIANCHERIA ESTERO BIANCHERIA ITALIA Fonte: Forecast 2002
  • 54. All. 3: Profilo scorte a valore : 2003- 2005
  • 55. All. 4: Profilo scorte a quantità: 2003-2005
  • 56. All. 5: Scorte / rotazioni 2001 - 2005
  • 57. All. 6: Riconciliazione ricavi
  • 58. All. 7: Vendite/margini segmento: Prodotti marca
  • 59. All. 8: Vendite / margini segmento Tele/Tagli
  • 60. All. 9: Vendite/margini segmento Private Label
  • 61. All. 10: Analisi ROE 2003 - 2005 1,1 1,03 0,93 Asset Turnover 28 3,13 8,3 26 4,29 5,9 11,9 5,81 2,2 ROE Leverage ROS 2005 2004 2003 Anno