Le Guerre Di Indipendenza
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Le Guerre Di Indipendenza

on

  • 9,342 views

 

Statistics

Views

Total Views
9,342
Views on SlideShare
9,311
Embed Views
31

Actions

Likes
2
Downloads
142
Comments
0

2 Embeds 31

http://www.slideshare.net 27
http://scuoladestate.blogspot.com 4

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Le Guerre Di Indipendenza Le Guerre Di Indipendenza Presentation Transcript

  • Il processo di unificazione italiano Il Risorgimento italiano tra il 1848-1861
  • Cosa favorì il ’48 in Italia
    • Elezione di Pio IX che si dimostrò un papa liberale
    • Libertà di stampa anche in Piemonte, Toscana e Stato Pontificio
    • Statuto Albertino
    • Lega doganale
    • Teoria neoguelfa
    • Le rivoluzioni di Parigi e Vienna
  • Le tappe del ’48 in Italia
  • La I guerra di Indipendenza 1/2
    • Il 23 marzo Carlo Alberto dichiara guerra all’Austria
    • Sconfitte austriache a Goito e poi a Curtatone e Montanara (studenti toscani)
    • Carlo Alberto si annette il Lombardo Veneto e gli alleati lo abbandonano
    • Sconfitta piemontese di Custoza
  • La I guerra di Indipendenza 2/2
    • Dopo un anno di armistizio la guerra riprende
    • Sconfitta definitiva di Novara il 24 marzo 49
    • Nuovo re Vittorio Emanuele II che mantiene lo Statuto Albertino, ma tutti i territori occupati tornano all’Austria
  • Bilanci della guerra
    • Tutte le conquiste territoriali vennero annullate
    • La repressione austriaca fu molto dura (soprattutto a Roma e a Venezia)
    • Le divisioni in Italia apparvero chiare
    • Ma fu anche la prima volta che un monarca si impegnava contro l’Austria
    • Si capì che era necessario l’aiuto di altre potenze straniere
  • Il pensiero di Cavour
    • Solo il Piemonte poteva realizzare l’indipendenza perché non era sottomesso all’Austria
    • E solo il Piemonte poteva essere un baluardo ai moti democratici
    • Ma da solo non ce l’avrebbe fatta
    • Necessità di alleanze internazionali
  • La Guerra di Crimea
    • Scoppiata fra Turchia e Russia nel 54 vide la partecipazione con la prima anche di Francia e Inghilterra
    • Anche il Piemonte inviò un contingente di 15.000 bersaglieri, 1/10 dei quali morì per epidemia
    • Questo servì a Cavour per presentare alle potenze europee la questione dell’Indipendenza dell’Italia
    Napoleone III
  • La diplomazia cavouriana 1/2
    • Cavour iniziò da subito a trattare con Napoleone III
    • Contessa di Castiglione
    • Ma un attentato del repubblicano Felice Orsini a Napoleone III stava facendo fallire le trattative
  • La diplomazia cavouriana 2/2
    • Orsini venne condannato a morte
    • Cavour riuscì a girare a suo vantaggio la situazione
    • Disse che questo attentato dimostrava come l’Italia fosse a rischio di rivolte democratiche e solo un intervento francese accanto al Piemonte avrebbe scongiurato il pericolo
  • Trattati di Plombières
    • Si giunse a questo accordo segreto nel 1858:
        • La Francia avrebbe aiutato il Piemonte se fosse stato attaccato dall’Austria
        • In cambio la Francia avrebbe avuto Nizza e Savoia
        • L’Italia, una volta indipendente, sarebbe stata divisa in 4 parti per non renderla troppo forte
  • La II guerra di Indipendenza
    • Il problema era “convincere” l’Austria ad attaccare il Piemonte
    • Troppo semplice per Cavour che ordinò delle esercitazioni militari proprio sul confine del Ticino
    • Il 23 aprile del 1859 l’Austria, innervosita, inviò un ultimatum al Piemonte che rispose sdegnato
    • Una settimana dopo l’Austria invadeva il Piemonte e la Francia entrava in guerra
  • Le battaglie
    • Prima vittoria piemontese a Magenta
    • Presa Milano, altra vittoria a Solferino
    • E infine l’ultima battaglia a San Martino
  • Fine della guerra
    • Quest’ultima battaglia fu molto sanguinosa e in Francia cominciarono a sorgere proteste
    • Senza avvisare il Piemonte, Napoleone III firmò un armistizio con l’Austria (Villafranca – 11 luglio 1859)
    • La Lombardia passava al Piemonte (tramite la Francia), ma il Veneto rimaneva all’Austria
    • Vittorio Emanule accettò a malincuore, Cavour invece si dimise
  • Le trattative con la Francia
    • Alla F. non andarono Nizza e Savoia, ma Napoleone accettò in cambio delle annessioni al Piemonte della Toscana e dell’Emilia
    • Vennero fati dei plebisciti che diedero risultati bulgari (+ del 90% di sì)
    • L’Italia stava nascendo: il 12 marzo del 1860 il primo nucleo era formato da Piemonte, Liguria, Sardegna,Toscana, Emilia e Romagna
  • L’Italia nel marzo 1860 Nell’aprile del 1860 si riunì il nuovo parlamento allargato alle nuove regioni Emerse forte la volontà di continuare l’opera di unificazione Mancava ancora tutto il Sud d’Italia Ma ora c’era bisogno di un intervento democratico…
  • L’impresa dei 1000
    • Vecchia idea di Garibaldi: annettere il sud partendo dalla Sicilia
    • L’organizzazione della spedizione fu in parte in Sicilia (Crispi) e in parte in Piemonte (aiuti non ufficiali di Cavour)
    • Partenza da Genova il 5 maggio 1860
  • Chi erano i 1089?
    • Tutti volontari, in prevalenza borghesi, per la metà circa lombardi, una sola donna
    • 150 avvocati, 100 medici, 60 proprietari terrieri, poi docenti, artigiani, commercianti, pochi operai, nessun contadino
    • Per metà circa erano professionisti o intellettuali con esperienze belliche con Garibaldi
    • Quasi tutti erano di sinistra, repubblicani democratici
    • C’era qualche ufficiale inglese e ungherese
  • La partenza da Quarto
  • Le imprese militari
  • La conquista del centro Italia
    • Mentre Garibaldi conquistava il Sud, Cavour organizzava la spedizione in centro Italia, rassicurando gli alleati stranieri che l’impresa serviva per evitare rivoluzioni democratiche
    • Sconfitte le truppe del papa a Castelfidardo, Marche e Umbria vennero annesse e, dopo Teano, anche il Sud
    • Le richieste di Garibaldi per i suoi uomini non vennero accolte e lui si ritirò a Caprera
  • Proclamazione del regno d’Italia
    • Il nuovo parlamento si riunì la prima volta il 17 marzo 1861 e proclamò la nascita del Regno d’Italia con capitale Torino
    • Vittorio Emanuele rimase “2°”
    • 3 mesi dopo moriva Cavour
  • Ecco l’Italia nel 1861 quando viene proclamato il Regno Manca Roma e il Triveneto Si parlerà infatti da questo momento di “Questione romana” e di “Questione veneta” I confini del Regno
  • I problemi dell’Italia Unita
    • Il nuovo stato era centralizzato (no federalismo) e “piemontizzato”
    • Dovette affrontare problemi:
      • Amministrativi (norme, prefetti, province…)
      • Economici (debito pubblico, tasse,…)
      • Sociali (Questione meridionale, brigantaggio…)
      • Territoriali (Questione romana e veneta)
  • Fine
  • Lo Statuto Albertino (primi articoli)
    • Art. 1. - La Religione Cattolica, Apostolica e Romana è la sola Religione dello Stato. Gli altri culti ora esistenti sono tollerati conformemente alle leggi.
    • Art. 2. - Lo Stato è retto da un Governo Monarchico Rappresentativo. Il Trono è ereditario secondo la legge salica.
    • Art. 3. - Il potere legislativo sarà collettivamente esercitato dal Re e da due Camere: il Senato, e quella dei Deputati.
    • Art. 4. - La persona del Re è sacra ed inviolabile.
    • Art. 5. - Al Re solo appartiene il potere esecutivo. Egli è il Capo Supremo dello Stato: comanda tutte le forze di terra e di mare; dichiara la guerra: fa i trattati di pace, d'alleanza, di commercio ed altri, dandone notizia alle Camere tosto che l'interesse e la sicurezza dello Stato il permettano, ed unendovi le comunicazioni opportune. I trattati che importassero un onere alle finanze, o variazione di territorio dello Stato, non avranno effetto se non dopo ottenuto l'assenso delle Camere.
    • Art. 6. - Il Re nomina a tutte le cariche dello Stato; e fa i decreti e regolamenti necessarii per l'esecuzione delle leggi, senza sospenderne l'osservanza, o dispensarne.
    • Art. 7. - Il Re solo sanziona le leggi e le promulga.
    • Art. 8. - Il Re può far grazia e commutare le pene.