Your SlideShare is downloading. ×
0
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Progetto Di Riqualificazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Progetto Di Riqualificazione

2,136

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,136
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. PROGETTO URBANO ED ILLUMINOTECNICA DA VIA GIAMBELLINO A PIAZZA TIRANA: UN PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE
  • 2. Progetto: area interessata <ul><li>L’area interessata dal </li></ul><ul><li>progetto di riqualificazione </li></ul><ul><li>comprende tutta via del </li></ul><ul><li>Giambellino, da </li></ul><ul><li>Piazza Napoli fino a </li></ul><ul><li>Piazza Tirana, vero punto </li></ul><ul><li>focale dell’intero progetto. </li></ul>
  • 3. Progetto: perché piazza Tirana? <ul><li>Difficile integrazione tra le diverse etnie. </li></ul><ul><li>Stato di degrado degli edifici. </li></ul><ul><li>Mancanza di strutture per svaghi, divertimenti e attività culturali. </li></ul><ul><li>Non esiste un punto d’incontro sicuro per la comunità del quartiere. </li></ul><ul><li>Diffuso senso di insicurezza tra gli abitanti che ostacola sempre più la partecipazione alla vita sociale. </li></ul>
  • 4. Progetto: Obiettivi <ul><li>Costruire uno spazio che crei le condizioni per favorire l’integrazione tra le diverse etnie, un luogo di scambio culturale in cui le differenze possano avviare un percorso di crescita e comprensione, per superare pregiudizi e ostilità. </li></ul><ul><li>Utilizzare l’architettura e il design per realizzare un edificio simbolo che avvii il processo di riqualificazione dell’intera zona. </li></ul><ul><li>Incentivare la nascita di esercizi commerciali e punti di ristoro che migliorino la qualità di vita del quartiere, sfruttando la nuova immagine capace di attirare un consistente flusso turistico. </li></ul>
  • 5. Progetto: Strategie <ul><li>Via del Giambellino : un percorso luminoso </li></ul><ul><li>Via del Giambellino : la strada dell’arte. </li></ul><ul><li>Piazza Tirana : il Museo d’Arte Contemporanea. </li></ul><ul><li>Piazza Tirana : un parco, molte culture... </li></ul><ul><li>Il Giambellino virtuale </li></ul>
  • 6. Via del Giambellino : un percorso luminoso. <ul><li>Percorrendo via del Giambellino da Piazza Napoli in </li></ul><ul><li>direzione Corsico, si ha la sensazione di varcare il </li></ul><ul><li>confine che separa il centro città, con le sue luci e le </li></ul><ul><li>sue attrattive, dalla periferia. </li></ul><ul><li>Obiettivo del nostro progetto è quello di ribaltare </li></ul><ul><li>questa sensazione, creando un percorso che sia </li></ul><ul><li>assieme una promessa e una scoperta. </li></ul><ul><li>I binari del tram occupano tutta la parte centrale di Via </li></ul><ul><li>del Giambellino, dividendola in due corsie. L’idea è </li></ul><ul><li>quella di creare un tracciato luminoso a lato di ogni </li></ul><ul><li>corsia, che funga da canalizzatore verso il centro </li></ul><ul><li>culturale di Piazza Tirana. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 7. Via del Giambellino : un percorso luminoso. <ul><li>Il percorso della strada verrà sottolineato </li></ul><ul><li>e accentuato da una striscia luminosa </li></ul><ul><li>posizionata al limitare di ogni </li></ul><ul><li>marciapiede. </li></ul><ul><li>Il tipo di illuminazione deve essere </li></ul><ul><li>bilaterale, simmetrico e continuo. </li></ul><ul><li>Si è pertanto pensato di utilizzare sistemi </li></ul><ul><li>a fibre ottiche che accompagneranno il </li></ul><ul><li>tragitto verso Piazza Tirana. </li></ul><ul><li>Il percorso luminoso non sarà </li></ul><ul><li>monocromatico, proietterà luci di </li></ul><ul><li>diverso colore, così da simboleggiare il </li></ul><ul><li>caleidoscopio di culture e identità </li></ul><ul><li>differenti presenti nella zona. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 8. Via del Giambellino : un percorso luminoso. <ul><li>Un altro piccolo intervento </li></ul><ul><li>sull’illuminazione di via Giambellino </li></ul><ul><li>sarà effettuato in prossimità delle fermate </li></ul><ul><li>del tram, applicando proiettori da incasso </li></ul><ul><li>attorno alle pensiline. </li></ul><ul><li>I proiettori avranno dei filtri colorati in </li></ul><ul><li>modo da creare un disegno armonico </li></ul><ul><li>con il percorso di fibre </li></ul><ul><li>ottiche. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 9. Via del Giambellino : la strada dell’arte. <ul><li>Via Giambellino non verrà caratterizzata </li></ul><ul><li>solo dal percorso luminoso. </li></ul><ul><li>Si è pensato di coinvolgere artisti </li></ul><ul><li>internazionali per creare installazioni </li></ul><ul><li>pensate appositamente per il paesaggio </li></ul><ul><li>urbano della zona. </li></ul><ul><li>La finalità è quella di ridisegnare lo spazio </li></ul><ul><li>metropolitano attraverso il tema portante </li></ul><ul><li>dell’iniziativa di riqualificazione: l’integrazione </li></ul><ul><li>culturale. </li></ul>
  • 10. Via del Giambellino : la strada dell’arte. <ul><li>La natura, la forma e la posizione </li></ul><ul><li>delle varie opere d’arte sarà </li></ul><ul><li>eterogenea e per ognuna di esse </li></ul><ul><li>sarà necessario uno studio accurato </li></ul><ul><li>del sistema di illuminazione migliore. </li></ul><ul><li>Tuttavia, per mantenere una </li></ul><ul><li>coerenza con il percorso luminoso di </li></ul><ul><li>Via Giambellino, per molte opere si </li></ul><ul><li>potrebbero utilizzare terminali </li></ul><ul><li>ottici per sistemi a fibre ottiche, </li></ul><ul><li>apparecchi interrati piuttosto versatili </li></ul><ul><li>e poco invasivi. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 11. Piazza Tirana :il Museo d’Arte Contemporanea. <ul><li>Arrivando da Via Giambellino, la </li></ul><ul><li>maggior parte di Piazza Tirana si </li></ul><ul><li>apre sulla sinistra in un grande parco. </li></ul><ul><li>Sulla destra rimane quello che </li></ul><ul><li>potremmo definire un grande </li></ul><ul><li>spartitraffico erboso, con qualche </li></ul><ul><li>albero al centro. </li></ul><ul><li>Oltre a via Giambellino, nella piazza </li></ul><ul><li>confluiscono anche via Angelo </li></ul><ul><li>Inganni e via Paolo Segneri che </li></ul><ul><li>provengono da Viale Lorenteggio e </li></ul><ul><li>via Francesco Gonin che proviene da </li></ul><ul><li>Corsico. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 12. Piazza Tirana :il Museo d’Arte Contemporanea <ul><li>Si è pensato di sfruttare il grande spazio </li></ul><ul><li>a disposizione costruendo un centro </li></ul><ul><li>culturale dedicato all’arte </li></ul><ul><li>contemporanea. </li></ul><ul><li>Non si tratta solo di un museo, quindi, </li></ul><ul><li>ma di un luogo di incontro che trova </li></ul><ul><li>nell’arte, in tutte le sue forme, il minino </li></ul><ul><li>comune denominatore per instaurare un </li></ul><ul><li>dialogo costruttivo con tradizioni culturali </li></ul><ul><li>diverse. </li></ul><ul><li>Videoteca, biblioteca e laboratorio </li></ul><ul><li>artistico, uno spazio in cui la cultura può </li></ul><ul><li>diventare un mezzo per abbattere </li></ul><ul><li>barriere socio-culturali e ritrovare il </li></ul><ul><li>senso d’appartenenza ad una comunità. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 13. Piazza Tirana :il Museo d’Arte Contemporanea. <ul><li>Anche l’architettura dell’edificio stesso dovrebbe contribuire all’idea di un incontro tra le diversità, proponendosi come simbolo dell’integrazione culturale. </li></ul><ul><li>Sotto questo aspetto l’Art School di Singapore è un buon punto di partenza. Con la sua particolare forma crea infatti una sorta di morbido abbraccio ecosostenibile. </li></ul><ul><li>Il suo tetto verde ha diversi vantaggi: è un isolante naturale per tutto l’edificio e raccoglie le acque piovane, che vengono poi riutilizzate. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 14. Piazza Tirana :il Museo d’Arte Contemporanea. <ul><li>Un altro tipo di struttura architettonica che possa simbolicamente riassumere l'idea di integrazione culturale è rappresentata dallo Sky Garden. Uno spazio naturale che apre la vista sul cielo ma al tempo stesso racchiude e delimita un'ambiente intimo e accogliente. </li></ul><ul><li>Un luogo ideale per incontrarsi, studiare, passeggiare, in un'atmosfera rassicurante che promuove l'interazione sociale. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 15. Piazza Tirana :il Museo d’Arte Contemporanea. <ul><li>Piazza Tirana si rivela essere una </li></ul><ul><li>zona abbastanza strategica per </li></ul><ul><li>un’operazione di questo tipo. Non si </li></ul><ul><li>trova nel pieno caos cittadino ma </li></ul><ul><li>neanche troppo in periferia, è </li></ul><ul><li>accessibile da 4 strade diverse e </li></ul><ul><li>ben servita dai tram. In più, proprio </li></ul><ul><li>nella piazza, si trova la stazione </li></ul><ul><li>ferroviaria di San Cristoforo, che </li></ul><ul><li>potrebbe essere potenziata nel caso di </li></ul><ul><li>Realizzazione del progetto. </li></ul><ul><li>Esistono inoltre, nella piazza e nei </li></ul><ul><li>dintorni, alcune estensioni di terreno </li></ul><ul><li>non edificato che potrebbero ospitare </li></ul><ul><li>le nuove strutture legate alla creazione </li></ul><ul><li>del museo. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 16. Piazza Tirana : un parco, molte culture. <ul><li>Il parco di piazza Tirana ci si presenta </li></ul><ul><li>oggi molto trascurato, tra mucchi di </li></ul><ul><li>immondizia e il grigiore del cemento. </li></ul><ul><li>C’è anche un piccolo parco giochi per </li></ul><ul><li>bambini, ma è molto poco </li></ul><ul><li>frequentato. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 17. Piazza Tirana : un parco, molte culture. <ul><li>Prendendo spunto dal “Giardino cromatico” del parco di Gerland a Lione, in </li></ul><ul><li>Francia, si vuole tentare di rivitalizzare il potenziale sociale del parco di Piazza </li></ul><ul><li>Tirana, cercando di creare un’atmosfera onirica, piacevole e sicura, un’ambiente </li></ul><ul><li>per favorire l’incontro e l’interazione tra la comunità. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 18. Piazza Tirana : un parco, molte culture. <ul><li>Per ottenere un’ambientazione </li></ul><ul><li>notturna di questo tipo, è </li></ul><ul><li>necessario ricorrere a proiettori </li></ul><ul><li>a fascio stretto con lampade e </li></ul><ul><li>filtri colorati, fissati con l’aiuto di </li></ul><ul><li>staffe su pali alti 15 metri. </li></ul><ul><li>. </li></ul>
  • 19. Un Giambellino virtuale <ul><li>Alla fase di progettazione del museo di piazza Tirana si potrebbe far precedere un periodo di sperimentazione nel mondo virtuale di Second Life, divenuto ormai una piattaforma particolarmente adatta per lo studio e la realizzazione di complesse strutture architettoniche. </li></ul><ul><li>Si potrebbe prendere in considerazione l'idea di un concorso che premi le migliori proposte per la riqualificazione della zona e in particolare, per il progetto del Centro culturale. In tal modo si potrebbe alimentare l'aspettativa per l'operazione reale e allo stesso tempo accogliere le iniziative più creative. </li></ul>
  • 20. Fine Presentazione Gian Marco Sillani Paolo Rosso

×