2 novembre-dicembre

  • 364 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
364
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1.  
  • 2. On Off Mug On off, la tazzina che cambia (vedi sotto), a sinistra nella immagine scaricata dal web e a destra nella versione corretta, specchio della natura, con l'ON al centro e l'OFF all'esterno (dal nostro punto di vista: per gli altri sara' al contrario, ON all'esterno e OFF al centro) >>> (...da geekissimo) Di  gadget geek  ultimamente ne segnalo sempre meno, ma questo di oggi non potevo proprio evitarlo. Si tratta di  On Off Mug , una tazza per thè, caffè americano, cappuccino, camomilla, insomma per tutto quello che volete. La particolarità che la rende unica è la capacità di cambiare colore in base al calore del contenuto. Se la bevanda è calda la scritta “off” con lo sfondo marrone, si trasformerà e accenderà in “on” cambiando colore a contrasto, infatti ora la scritta sarà marrone e lo sfondo bianco. La trovo davvero carina, attuale ed elegante, l’accoppiata dei colori bianco sporco con il marrone è scic, mi piacerebbe molto averla, penso proprio che l’acquisterò. Perfetta per un regalo natalizio di sicuro effetto ma senza svenarsi, il costo è di 16 euro e potete acquistarla online da  Charlesandmarie . L’unica nota dolente è che la  On Off Mug  è andata subito esaurita, ma se volete regalarla potete sempre fare una stampa e metterla in un bigliettino, tanto da natale a gennaio passano pochi giorni. http://www.geekissimo.com/2007/12/08/on-off-mug-la-tazza-per-geeks-che-cambia-colore/ 39
  • 3. concetto-mentali Ho ripreso ad aggiornare il blog, dopo un periodo di stop. Volevo riprendere dalla definizione di mappe mentali e concettuali, supponendo che esiste una terza mappa, unione delle due. Anzi che le mappe concettuali e mentali non esistano, se non in una visione parziale del nostro pensiero, un po' come l'occhio destro e l'occhio sinistro, oppure la gamba destra e la gamba sinistra, paragone, l'ultimo, che forse fa capire meglio la differenza tra le due mappe prese separatamente e le due mappe facenti parte di uno stesso insieme, per cui ci sono delle strette relazioni fra le mappe mentali e concettuali (forse sono il risultato della elaborazione dei due emisferi, destro e sinistro?). O come magnetismo ed elettricita', dove dopo il periodo di analisi iniziale da separati ----------------------- (da wikipedia: Cenni storici Il primo fisico a scoprire una prima decisiva correlazione tra elettricità e magnetismo fu Hans Christian Ørsted, un fisico danese che eseguendo un esperimento (peraltro già effettuato diciotto anni prima da Gian Domenico Romagnosi [1]) noto oggi come esperimento di Ørsted, intuì che un filo percorso da corrente elettrica generava attorno a sé un campo magnetico. In seguito fu il chimico britannico Michael Faraday a condurre una simile esperienza (ribattezzata esperimento di Faraday) con cui dimostrò che un conduttore percorso da corrente immerso in un campo magnetico subisce una forza, che egli prontamente misurò, controbilanciandola con dei pesetti. ------------------------ si cominciarono a trovare dei collegamenti fra le due scienze. Scocco in primis (mi fido del siti e blog di alessio sperlinga http://www.alessiosperlinga.it/mappe/sitieblog.asp) dovrebbe conoscere bene la differenza tra le due mappe: secondo Scocco (ma anche secondo qualcun altro del gruppo) come dovrebbe essere questa mappa concetto-mentale? O forse, partendo dall'inizio, secondo Scocco e company c'è la mappa concetto-mentale o le mappe concettuali e mentali rimarrano sempre separate? (per adesso non rispondo al fattore tempo del post precedente) https://www.xing.com/net/lemappedelpensiero/lo-spazio-della-teoria-189941/mappe-in-movimento-22885294/23015073/ 40
  • 4. vergine (una) Differenza tra un cervello vergine, non ancora immatricolato, ed un cervello con un minimo di navigazione. Nel cervello piu' esperto ci sono delle azioni piu' ricorrenti ed importanti delle altre, che hanno a disposizione canali privilegiati per la loro individuazione 41
  • 5. fusione tra mappe In alto due mappe mentali, quella dei poveri e quella degli assistenti sociali. Se le due mappe presentano un elemento comune (in questo casi i preti) si possono fondere a formare una mappa unica come nell'esempio dell'immagine sotto 42
  • 6. Come si legano due mappe mentali? Come si legano due mappe mentali? Sotto un esempio di due mappe mentali legate tra loro, attraverso un elemento comune che fa da collante. In alto la mappa dei poveri, con al centro i preti, che di fatto costituiscono il vertice di tale categoria. In basso un'altra mappa, quella degli assistenti sociali, o di chi in genere viene pagato per sostenere i poveri, ed anche in questa mappa figurano i preti (non all'ultimo gradino come appare in figura ma in una posizione che in questo contesto si puo' anche approssimare) Preti che a dire la verita' un po' (parecchio) ci giocano, mascherandosi da assistenti sociali per chiedere soldi a tutto spiano per poi, ricevuti gli aiuti, mettersi l'altra maschera, quella dei poveri, e appropriarsene per una buona parte (ma questa e' un'altra storia). 43
  • 7. mappa di mappe mentali (http://mappementaliblog.blogspot.com/2009/11/cervello-in-technicolor.html ) Dal blog di Roberta Buzzacchino, una comparazione tra una mappa mentale ed un neurone. Cosa succede quando si prendono in esame piu' neuroni? Si puo' disegnare una mappa? Nelle immagini la piu' grossolana delle mappe, tanti neuroni-mappe uguali tra loro e senza assembramenti-collegamenti 44
  • 8. fusione-scissione fusione tra mappe. Se è possibile fondere due mappe tra loro, è anche possibile il processo inverso, la scissione.  45
  • 9. due emisferi perchè due emisferi. Abbozzo di ipotesi 46
  • 10. supermappa Prendendo tutte le mappe del nostro universo e fondendole tutte come nelle tre immagini sopra 47
  • 11. supermappa si ottiene una unica grande supermappa. Cosa c'è scritto nel topic centrale? Si puo' ottenere una unica mappa oppure al massimo due mappe? Oppure una unica supermappa solo alle alte temperature? 47
  • 12. + e - Una mappa vista nella sua parte piu' piccola, formata da due unita' che si cercano, si trovano e si lasciano, si allontanano e si avvicinano 48
  • 13. alberi   possibili stati fra due neuroni, nelle immagini a forma di albero: insieme e divisi  49
  • 14. distanza Da vicino è meglio, si evitano equivoci 50
  • 15. libero arbitrio Come i neuroni scelgono se collegarsi o no agli altri neuroni? Attraverso il libero arbitrio, reso possibile dalla loro doppia natura (rappresentato in figura dagli alberi bianco e nero, per cui il neurone di sinistra ha facolta' di scegliere se essere collegato o meno a quello di destra nell'ultima immagine) 51
  • 16. tre neuroni Per avere il libero arbitrio ci vogliono minimo tre neuroni, perchè con solo due neuroni viene scelta sempre l'opzione collegati che e' piu' conveniente (o sempre scollegati se l'altro neurone e' negativo). (da rivedere perchè scritto dopo le 21 Un po' tutti ma io in special modo non connetto tanto bene dopo una certa ora) 52
  • 17. scontato Non sempre il libero arbitrio è scontato. Tante volte, vuoi per ignoranza o per malafede, il libero arbitrio viene negato. Come nel caso della organizzazione territoriale, con l'appartenenza ad uno stato senza la possibilita' di cambi a meno di fare guerre, rivoluzioni, colpi di stato. Un solo stato, come nell'immagine sopra in una mappa degli USA. Sotto come saranno gli USA nel 2050: ogni stato avra' una doppia dimensione territoriale, nello specifico insieme agli stati confinanti (o non) oppure divisi, con la possibilita' di passare da uno all'altro solo tramite votazione e non tramite guerre e rivoluzioni come avviene adesso 53
  • 18. pulsa gli stati del futuro pulseranno. Restano da vedere i limiti che portano il pulsare tutti assieme 54
  • 19. email la distanza, la collocazione spaziale, è uno dei parametri che l'uomo tiene in maggior considerazione per gerarchizzare un qualcosa, anche se molte volte non viene usata o viene usata in una forma ridotta. Sotto nelle immagini delle email, in cui è possibile posizionare in alto le email piu' importanti (a parte il contrassegno con etichette o colori) in un reticolo 2d (terza immagine) ed in un reticolo 3d (altre immagini) Nella ultima immagine il presunto reticolo 4d cercando in google e bing, che corrisponde ad una visione acerba perchè ancora non si è capito come debba essere raffigurata questa quarta dimensione 55
  • 20. email 55
  • 21. california Uno dei parametri per fare parte di un gruppo è rientrare in una certa fascia di reddito che sia vicina a quella degli altri componenti. Nelle immagini ponendo nell'asse 3d il reddito e ponendo per assurdo la California sempre piu' ricca rispetto agli altri stati, il risultato sarebbe un allontanamento sempre maggiore 56
  • 22. mappe concettuali Le mappe concettuali si rifanno ad una delle funzioni base del nostro cervello: stabilire se due elementi appartengano o no ad uno stesso insieme 57
  • 23. mappe mentali Le mappe mentali, nella loro forma base: stabilire, tra due o piu' elementi, una gerarchia 58
  • 24. sitemap 3D 59
  • 25. atomi http://www.youtube.com/watch?v=TRePimxBpLs&feature=player_embedded 60
  • 26. prima e dopo In alto una rappresentazione grafica dell'idea che un cervello ha di un qualcosa di sconosciuto, inesplorato. Sotto quello che si vede in un emisfero dopo avere analizzato questo qualcosa. 61
  • 27. prima e dopo 2 L'altro emisfero al lavoro, assegnare ogni elemento ad un gruppo 62