Comunicazione narcisistica sul WEB
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Comunicazione narcisistica sul WEB

on

  • 792 views

Comunicazione narcisistica sul WEB

Comunicazione narcisistica sul WEB

Statistics

Views

Total Views
792
Views on SlideShare
792
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Comunicazione narcisistica sul WEB Comunicazione narcisistica sul WEB Presentation Transcript

  • Comunicazione Narcisistica e Twitter effect Prof.Daniele Pauletto
            • Per alcuni autori i contenuti prodotti dal web2.0, il web partecipativio
            • fatto di blog,video-audio-foto sharing,Twitter,mashup sono prodotti "non-sense autoreferenziali", autocitazioni che vanno a gratificare l'Io,
            • io digitale.
    Prof. Daniele Pauletto
    • Domina la comunicazione comunque
    • e ovunque, con qualsiasi media:
    • tutto va sperimentato
    • Condividendo esperienze, relazioni
    • in gruppi reali o virtuali
    • di breve durata, o creati per l'occasione.
    Prof. Daniele Pauletto View slide
    • Si vivono così mutevoli forme di coscienza, digit-Io proteiforme, flessibile, capace di adattarsi continuamente alle nuove circostanze, trasformandosi in forme e mimetismi buoni per ogni occasione.
    Prof. Daniele Pauletto View slide
    • Immersi in una cultura sempre più
    • individualista, in cui l’estetica,la conoscenza
    • e la verità si muovono al di là della comunità
    • per orientarsi e isolarsi verso l’Io.
    • La sola autorità ammessa è l’Io, a sua volta
    • mandata in frantumi dalla cultura
    • dell’anonimato online.
    Prof. Daniele Pauletto
    • "Il continuo flusso informativo è un vortice che cattura
    • contenuti rigurgitandoli in laghi artificiali e giganteschi,
    • ma stagnanti e stantii...
    • La cultura della modernità liquida non è più una cultura
    • dell’apprendimento e dell’accumulazione, è invece una
    • cultura del disimpegno, della discontinuità e della
    • dimenticanza...
    • lo sciame inquieto del Web inondandoci di soundbites e
    • immagini fagocita le discussioni e i pensieri reali"
    • (Zygmunt Bauman ).
    • Predomina il principio del piacere a discapito
    • del principio della realtà, crescono forme
    • ossessive e compulsive ( videocompulsione ) legate all'uso
    • del web, e forme di netdipendenza,
    • l'importante è apparire ( narcisimo digitale) ed essere
    • connessi ( connect syndrome),comunicare comunque e
    • ovunque,con qualsiasi media , always on
    • come Twitter .
    Prof. Daniele Pauletto
    • Il cibernauta tende facilmente a costruire forme di socialità artefatte, in cui la propria identità e quella degli altri utenti possono essere facilmente mascherate, falsate e manipolate ( es. in web chat nelle sue varie forme). Nessuno sa chi sei nè dove sei, si creano contatti sui social network autoselezionati a propria misura e gratificazione , con il culto del numero di contatti e con la selezione degli utenti più consoni ai propri gusti e idee , vengono alimentate forme di endonismo digitale
    Prof. Daniele Pauletto
    • Cresce la mercificazione della propria vita
    • interiore o altrui con strumenti di
    • condivisione ed interazione, anche della
    • propria privacy in video autoprodotti e resi
    • pubblici ad es. su Youtube ( casi di
    • bullismo ).
    Prof. Daniele Pauletto
    • La soluzione per alcuni : il web 2.0 potrà
    • funzionare solo reintroducendo elementi
    • dell’ecosistema tradizionale e quindi gli
    • intermediari che diano "autorevolezza" alle
    • informazioni, per altri solo attraverso una
    • presa di coscienza e libertà dalla "tirannia
    • dell'io", anzi dell' io-digitale.
    Prof. Daniele Pauletto