Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
4,095
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
9
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Emittente: Aicon S.p.A. Azionista Venditore: Airon S.A. Prospetto Informativo RELATIVO ALL’OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE E ALL’AMMISSIONE A QUOTAZIONE SUL MERCATO TELEMATICO AZIONARIO - SEGMENTO STAR - ORGANIZZATO E GESTITO DA BORSA ITALIANA S.P.A. DELLE AZIONI ORDINARIE AICON S.P.A. Coordinatori dell’Offerta Globale Responsabile del collocamento dell’Offerta Pubblica, Sponsor e Specialista L’offerta pubblica è parte di un’offerta globale di massime n. 35.000.000 azioni ordinarie di Aicon S.p.A. L’offerta globale comprende un’offerta pubblica rivolta al pubblico indistinto in Italia ed un collocamento istituzionale rivolto agli investitori professionali in Italia e agli investitori istituzionali esteri, ai sensi della Regulation S dello United States Securities Act del 1933, e negli Stati Uniti d’America ai sensi della Rule 144A dello United States Securities Act del 1933, come successivamente modificato con esclusione di Australia, Canada e Giappone. Prospetto Informativo depositato presso la CONSOB in data 23 marzo 2007 a seguito di comunicazione dell’avvenuto rilascio del nulla osta con nota n. 7024062 del 22 marzo 2007. L’adempimento di pubblicazione del prospetto informativo non comporta alcun giudizio della Consob sull’opportunità dell’investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. Il prospetto informativo è a disposizione del pubblico sul sito internet dell’emittente www.aiconyachts.com, nonché presso la sede legale dell’emittente e presso gli intermediari incaricati del collocamento.
  • 2. Indice INDICE DEFINIZIONI .........................................................................................................................................7 GLOSSARIO ........................................................................................................................................11 NOTA DI SINTESI...............................................................................................................................15 SEZIONE PRIMA...............................................................................................................................29 1. PERSONE RESPONSABILI......................................................................................................31 1.1 PERSONE RESPONSABILI DELLE INFORMAZIONI...............................................31 1.2 DICHIARAZIONE DELLE PERSONE RESPONSABILI ............................................31 2. REVISORI LEGALI DEI CONTI ..............................................................................................32 2.1 REVISORI LEGALI DELL’EMITTENTE.....................................................................32 2.2 INFORMAZIONI SUI RAPPORTI CON I REVISORI .................................................32 3. INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE .................................................................33 3.1 INFORMAZIONI FINANZIARIE RELATIVE AI TRIMESTRI CHIUSI AL 30 NOVEMBRE 2006 E 2005 E AGLI ESERCIZI CHIUSI AL 31 AGOSTO 2006, 2005 E 2004.....................................................................................................................33 4. FATTORI DI RISCHIO..............................................................................................................38 4.1 FATTORI DI RISCHIO RELATIVI ALL’ATTIVITÀ DI AICON E DEL GRUPPO AD ESSA FACENTE CAPO .........................................................................38 4.2 FATTORI DI RISCHIO CONNESSI AL SETTORE IN CUI OPERA AICON ............52 4.3 FATTORI DI RISCHIO CONNESSI AGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI .........................................................................................................................55 5. INFORMAZIONI SULL’EMITTENTE.....................................................................................59 5.1 STORIA ED EVOLUZIONE DELL’EMITTENTE .......................................................59 5.2 INVESTIMENTI .............................................................................................................66 6. PANORAMICA DELLE ATTIVITÀ.........................................................................................70 6.1 PRINCIPALI ATTIVITÀ................................................................................................70 6.2 NORMATIVA DI SETTORE .........................................................................................95 6.3 RIPARTIZIONE DEI RICAVI DELL’EMITTENTE PER AREA GEOGRAFICA......96 6.4 FATTORI ECCEZIONALI .............................................................................................96 6.5 DIPENDENZA DA BREVETTI O LICENZE, DA CONTRATTI INDUSTRIALI, COMMERCIALI O FINANZIARI, O DA NUOVI PROCEDIMENTI DI FABBRICAZIONE .........................................................................................................96 6.6 CONCORRENZA ...........................................................................................................97 1
  • 3. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 7. STRUTTURA ORGANIZZATIVA .........................................................................................101 7.1 GRUPPO DI APPARTENENZA ..................................................................................101 7.2 SOCIETÀ CONTROLLATE DALL’EMITTENTE .....................................................101 8. IMMOBILI, IMPIANTI E MACCHINARI .............................................................................103 8.1 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI...........................................................................103 8.2 PROBLEMATICHE AMBIENTALI ............................................................................106 9. RESOCONTO DELLA SITUAZIONE GESTIONALE E FINANZIARIA ............................107 9.1 SITUAZIONE FINANZIARIA.....................................................................................107 9.2 GESTIONE OPERATIVA ............................................................................................107 9.3 POLITICHE O FATTORI DI NATURA GOVERNATIVA, ECONOMICA, FISCALE MONETARIA O POLITICA .......................................................................131 10. RISORSE FINANZIARIE ........................................................................................................132 10.1 INFORMAZIONI RIGUARDANTI LE RISORSE FINANZIARIE DELL’EMITTENTE .....................................................................................................132 10.2 INDEBITAMENTO FINANZIARIO CORRENTE E NON CORRENTE ..................133 10.3 DEBITI BANCARI CORRENTI E FINANZIAMENTI DA BANCHE ......................134 10.4 FINANZIAMENTI DA SOCIETÀ DI LEASING .........................................................144 10.5 DEBITI VERSO SOCIETÀ DI FACTORING ..............................................................145 10.6 PASSIVITÀ PER STRUMENTI DI FINANZA DERIVATA......................................145 10.7 INDICAZIONE DELLE FONTI E DEGLI IMPIEGHI E DESCRIZIONE DEI FLUSSI MONETARI DELL’EMITTENTE .................................................................146 10.8 MOVIMENTAZIONE DEGLI SCOSTAMENTI DEL CAPITALE CIRCOLANTE NETTO PER I PERIODI CHIUSI AL 30 NOVEMBRE 2006 E 2005 E GLI ESERCIZI CHIUSI AL 31 AGOSTO 2006, 2005 E 2004........................149 10.9 FABBISOGNO FINANZIARIO E DELLA STRUTTURA DI FINANZIAMENTO ..151 10.10 LIMITAZIONI ALL’USO DELLE RISORSE FINANZIARIE ...................................152 10.11 FONTI DEI FINANZIAMENTI NECESSARI PER ADEMPIERE AGLI IMPEGNI RELATIVI AI PRINCIPALI INVESTIMENTI FUTURI DEL GRUPPO E ALLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ESISTENTI O PREVISTE.....................................................................................................................152 10.12 ALTRE INFORMAZIONI ............................................................................................152 11. RICERCA E SVILUPPO..........................................................................................................154 12. INFORMAZIONI SULLE TENDENZE PREVISTE...............................................................155 12.1 TENDENZE SIGNIFICATIVE RECENTI NELL’ANDAMENTO DELLA PRODUZIONE, DELLE VENDITE E DELLE SCORTE E NELL’EVOLUZIONE DEI COSTI E DEI PREZZI DI VENDITA...................................................................155 2
  • 4. Indice 12.2 INFORMAZIONI SU TENDENZE, INCERTEZZE, RICHIESTE, IMPEGNI O FATTI NOTI CHE POTREBBERO RAGIONEVOLMENTE AVERE RIPERCUSSIONI SIGNIFICATIVE SULLE PROSPETTIVE DELL’EMITTENTE ALMENO PER L’ESERCIZIO IN CORSO ..............................155 13. PREVISIONI O STIME DEGLI UTILI ...................................................................................156 14. ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE O DI VIGILANZA E ALTI DIRIGENTI ..............................................................................................................................157 14.1 INFORMAZIONI CIRCA GLI ORGANI AMMINISTRATIVI, DI DIREZIONE E DI VIGILANZA, I SOCI E GLI ALTI DIRIGENTI ....................................................157 14.2 CONFLITTI DI INTERESSE DEGLI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE E DI VIGILANZA E DEGLI ALTI DIRIGENTI...................................174 15. REMUNERAZIONE E BENEFICI..........................................................................................175 15.1 AMMONTARE DELLA REMUNERAZIONE (COMPRESO QUALSIASI COMPENSO EVENTUALE O DIFFERITO) E DEI BENEFICI IN NATURA .........175 15.2 AMMONTARE DEGLI IMPORTI ACCANTONATI O ACCUMULATI DALL’EMITTENTE O DA SUE SOCIETÀ CONTROLLATE PER LA CORRESPONSIONE DI PENSIONI, INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO O BENEFICI ANALOGHI ...............................................................................................176 16. PRASSI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ..........................................................177 16.1 DATA DI SCADENZA DEL PERIODO DI PERMANENZA NELLA CARICA ATTUALE, SE DEL CASO, E PERIODO DURANTE IL QUALE LA PERSONA HA RIVESTITO TALE CARICA.................................................................................177 16.2 INFORMAZIONI SUI CONTRATTI DI LAVORO STIPULATI DAI MEMBRI DEGLI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE O DI VIGILANZA CON L’EMITTENTE O CON LE SOCIETÀ CONTROLLATE CHE PREVEDONO INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO ...................................................177 16.3 INFORMAZIONI SUL COMITATO DI CONTROLLO INTERNO E SUL COMITATO PER LA REMUNERAZIONE DELL’EMITTENTE .............................178 16.4 RECEPIMENTO DELLE NORME IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO....179 17. DIPENDENTI...........................................................................................................................182 17.1 NUMERO DEI DIPENDENTI......................................................................................182 17.2 PARTECIPAZIONI AZIONARIE ................................................................................182 17.3 DESCRIZIONE DI EVENTUALI ACCORDI DI PARTECIPAZIONE DEI DIPENDENTI AL CAPITALE DELL’EMITTENTE ..................................................182 18. PRINCIPALI AZIONISTI ........................................................................................................185 18.1 PRINCIPALI AZIONISTI.............................................................................................185 3
  • 5. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 18.2 DIRITTI DI VOTO DEI PRINCIPALI AZIONISTI ....................................................185 18.3 SOGGETTO CONTROLLANTE L’EMITTENTE ......................................................185 18.4 ACCORDI CHE POSSONO DETERMINARE UNA VARIAZIONE DELL’ASSETTO DI CONTROLLO DELL’EMITTENTE .........................................185 19. OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ............................................................................186 20. INFORMAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI RIGUARDANTI LE ATTIVITÀ E LE PASSIVITÀ, LA SITUAZIONE FINANZIARIA E I PROFITTI E LE PERDITE DEL GRUPPO...................................................................................................................................191 20.1 INFORMAZIONI FINANZIARIE RELATIVE AGLI ESERCIZI PASSATI .............191 20.2 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 NOVEMBRE 2006, PREDISPOSTA IN CONFORMITÀ ALLO IAS 34 ....................................................252 20.3 POLITICA DEI DIVIDENDI........................................................................................270 20.4 PROCEDIMENTI GIUDIZIARI E ARBITRALI .........................................................271 21. INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI....................................................................................280 21.1 CAPITALE AZIONARIO.............................................................................................280 21.2 ATTO COSTITUTIVO E STATUTO...........................................................................282 22. CONTRATTI IMPORTANTI ..................................................................................................291 23. INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI ..........................................................................................292 23.1 INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI...............................................................................292 23.2 ATTESTAZIONI CIRCA LE INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI ......................................292 24. DOCUMENTI ACCESSIBILI AL PUBBLICO ......................................................................293 25. INFORMAZIONI SULLE PARTECIPAZIONI ......................................................................294 SEZIONE SECONDA.......................................................................................................................297 1. PERSONE RESPONSABILI....................................................................................................299 1.1 PERSONE RESPONSABILI DELLE INFORMAZIONI ............................................299 1.2 DICHIARAZIONE DELLE PERSONE RESPONSABILI ..........................................299 2. FATTORI DI RISCHIO............................................................................................................300 3. INFORMAZIONI FONDAMENTALI.....................................................................................301 3.1 DICHIARAZIONE RELATIVA AL CAPITALE CIRCOLANTE..............................301 3.2 FONDI PROPRI ED INDEBITAMENTO....................................................................301 4
  • 6. Indice 3.3 INTERESSI DI PERSONE FISICHE E GIURIDICHE PARTECIPANTI ALL’OFFERTA GLOBALE.........................................................................................301 3.4 RAGIONI DELL’OFFERTA GLOBALE E IMPIEGO DEI PROVENTI...................301 4. INFORMAZIONI RIGUARDANTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DA AMMETTERE ALLA NEGOZIAZIONE ...............................................................................302 4.1 DESCRIZIONE DELLE AZIONI ................................................................................302 4.2 LEGISLAZIONE IN BASE ALLA QUALE LE AZIONI SONO STATE EMESSE..302 4.3 CARATTERISTICHE DELLE AZIONI ......................................................................302 4.4 VALUTA DI EMISSIONE ...........................................................................................302 4.5 DESCRIZIONE DEI DIRITTI CONNESSI ALLE AZIONI .......................................302 4.6 INDICAZIONE DELLA DELIBERA IN VIRTÙ DELLA QUALE LE AZIONI SARANNO EMESSE ...................................................................................................303 4.7 DATA PREVISTA PER L’EMISSIONE DELLE AZIONI .........................................303 4.8 LIMITAZIONE ALLA LIBERA TRASFERIBILITÀ DELLE AZIONI.....................303 4.9 INDICAZIONE DELL’ESISTENZA DI EVENTUALI NORME IN MATERIA DI OBBLIGO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI ACQUISTO E/O DI OFFERTA DI ACQUISTO E DI VENDITA RESIDUALI IN RELAZIONE ALLE AZIONI ...........304 4.10 INDICAZIONE DELLE OFFERTE PUBBLICHE DI ACQUISTO EFFETTUATE DA TERZI SULLE AZIONI DELL’EMITTENTE NEL CORSO DELL’ULTIMO ESERCIZIO E DELL’ESERCIZIO IN CORSO...........................................................304 4.11 REGIME FISCALE ......................................................................................................304 5. CONDIZIONI DELL’OFFERTA.............................................................................................320 5.1 CONDIZIONI, STATISTICHE RELATIVE ALL’OFFERTA GLOBALE, CALENDARIO PREVISTO E MODALITÀ DI SOTTOSCRIZIONE DELL’OFFERTA PUBBLICA .....................................................................................320 5.2 PIANO DI RIPARTIZIONE E ASSEGNAZIONE ......................................................324 5.3 FISSAZIONE DEL PREZZO DI OFFERTA ...............................................................329 5.4 COLLOCAMENTO E SOTTOSCRIZIONE................................................................334 6. AMMISSIONE ALLA NEGOZIAZIONE E MODALITÀ DI NEGOZIAZIONE .................336 6.1 DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI ..........................................336 6.2 ALTRI MERCATI REGOLAMENTATI .....................................................................336 6.3 ALTRE OPERAZIONI .................................................................................................336 6.4 INTERMEDIARI NELLE OPERAZIONI SUL MERCATO SECONDARIO ............336 6.5 STABILIZZAZIONE ....................................................................................................337 7. POSSESSORI DI STRUMENTI FINANZIARI CHE PROCEDONO ALLA VENDITA......338 7.1 AZIONISTI VENDITORI.............................................................................................338 7.2 STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI IN VENDITA ...............................................338 7.3 ACCORDI DI LOCK UP ..............................................................................................338 5
  • 7. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 8. SPESE LEGATE ALL’OFFERTA GLOBALE .......................................................................340 9. DILUIZIONE............................................................................................................................341 9.1 AMMONTARE E PERCENTUALE DELLA DILUIZIONE IMMEDIATA DERIVANTE DALL’OFFERTA GLOBALE..............................................................341 9.2 AMMONTARE E PERCENTUALE DELLA DILUIZIONE IMMEDIATA IN CASO DI OFFERTA DI SOTTOSCRIZIONE DESTINATA AGLI ATTUALI AZIONISTI ...................................................................................................................341 10. INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI....................................................................................342 10.1 SOGGETTI CHE PARTECIPANO ALLE OPERAZIONI ..........................................342 10.2 INDICAZIONE DI ALTRE INFORMAZIONI SOTTOPOSTE A REVISIONE O A REVISIONE LIMITATA DA PARTE DI REVISORI LEGALI DEI CONTI.........342 10.3 PARERI E RELAZIONI REDATTE DA ESPERTI ....................................................342 10.4 INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI ..............................................................................342 APPENDICI.......................................................................................................................................343 6
  • 8. Definizioni DEFINIZIONI Advisor: Aurea Corporate Finance. Aumento di Capitale: L’aumento a pagamento del capitale sociale, in forma scindibile, per massimi Euro 5.000.000, mediante emissione di massime n. 250.000.000 azioni prive di valore nominale, con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell’art. 2441, comma 5, del codice civile, deliberato dall’Assemblea straordinaria di Aicon S.p.A. in data 15 dicembre 2006. Azioni: Le azioni ordinarie di Aicon S.p.A. Azionista Venditore: Airon S.A., con sede in Lussemburgo, 6, Rue Adolph L - 1116 Borsa Italiana: Borsa Italiana S.p.A., con sede in Milano, Piazza Affari 6. Codice di Autodisciplina: Il Codice di Autodisciplina delle società quotate approvato dal Comitato per la Corporate Governance delle società quotate. Collocamento Istituzionale: Il collocamento di massime n. 31.425.000 Azioni, corrispondenti a circa il 90% del numero di Azioni oggetto dell’Offerta Globale, rivolto ad investitori professionali in Italia e ad investitori istituzionali esteri, ai sensi della Regulation S dello United States Securities Act del 1933, come successivamente modificato, e negli Stati Uniti d’America ai sensi della Rule 144A dello United States Securities Act del 1933, come successivamente modificato, con esclusione di Australia, Canada e Giappone. Collocatori: I soggetti partecipanti al Consorzio per l’Offerta Pubblica. Consob: La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. Consorzio per il Collocamento Il consorzio di collocamento e garanzia per il Collocamento Istituzionale: Istituzionale. Consorzio per l’Offerta Il consorzio di collocamento e garanzia per l’Offerta Pubblica. Pubblica: Coordinatori dell’Offerta Credit Suisse Securities (Europe) Limited e UniCredit Banca Globale: Mobiliare S.p.A. Credit Suisse: Credit Suisse Securities (Europe) Limited, con sede legale a Londra, One Cabot Square, E14 4QJ. 7
  • 9. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Data di Pagamento: Il 4 aprile 2007, ossia la data in cui avverrà il pagamento integrale delle Azioni assegnate, salvo proroga del Periodo di Offerta, ovvero chiusura anticipata. Emittente o Società o Aicon: Aicon S.p.A., con sede in Milano, Via Larga 15. Greenshoe: L’opzione concessa dall’Azionista Venditore ai Coordinatori dell’Offerta Globale per l’acquisto, al Prezzo di Offerta, di massime n. 5.250.000 Azioni, pari al 15% del numero di Azioni oggetto dell’Offerta Globale, da assegnare ai destinatari del Collocamento Istituzionale. Gruppo Aicon o Gruppo: Aicon e le società da questa controllate direttamente o indirettamente, ai sensi dell’articolo 2359 del codice civile. Investitori Professionali: Gli intermediari autorizzati ai sensi degli articoli 25, lett. d), e 31, comma 2, del Regolamento Intermediari. Istruzioni di Borsa: Le istruzioni al Regolamento di Borsa. Lotto Minimo di Adesione: Il quantitativo minimo, pari a n. 650 Azioni, richiedibile nell’ambito dell’Offerta Pubblica. Lotto Minimo di Adesione Il quantitativo minimo maggiorato, pari a n. 6.500 Azioni, Maggiorato: prenotabile nell’ambito dell’Offerta Pubblica. Monte Titoli: Monte Titoli S.p.A., con sede in Milano, Via Mantegna 6. MTA: Il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana. Offerta Globale: L’offerta di vendita e sottoscrizione di massime n. 35.000.000 Azioni. Offerta Pubblica: L’offerta di minimo n. 3.575.000 Azioni, rivolta al pubblico indistinto in Italia. Over Allotment: L’opzione concessa dall’Azionista Venditore ai Coordinatori dell’Offerta Globale, anche in nome e per conto dei membri del Consorzio per il Collocamento Istituzionale, per il prestito di ulteriori massime n. 5.250.000 Azioni, pari al 15% del numero di Azioni oggetto dell’Offerta Globale, ai fini di una eventuale sovra assegnazione nell’ambito del Collocamento Istituzionale. Periodo di Offerta: Il periodo di adesione all’Offerta Pubblica, compreso tra le ore 9:00 del giorno 26 marzo 2007 e le ore 16:30 del giorno 30 marzo 2007, salvo proroga, ovvero chiusura anticipata. 8
  • 10. Definizioni Prezzo di Offerta: Il prezzo finale unitario a cui verranno collocate le Azioni, comunicato al pubblico secondo le modalità ed i termini di cui alla Sezione Seconda, Capitolo 5, Paragrafo 5.3.2. Prezzo Massimo: Il prezzo massimo unitario di collocamento delle Azioni, comunicato al pubblico secondo le modalità ed i termini di cui alla Sezione Seconda, Capitolo 5, Paragrafo 5.3.2. Principi Contabili Internazionali Tutti gli “International Financial Reporting Standards” e tutti o IFRS: gli “International Accounting Standards” (IAS) che sono stati adottati dall’Unione Europea. Indica inoltre tutte le interpretazioni dell’“International Reporting Interpretations Committee” (IFRIC), precedentemente denominate “Standing Interpretations Committee” (SIC) ad oggi adottati dall’Unione Europea e contenuti nei relativi regolamenti UE pubblicati sino al 5 dicembre 2006. Principi Contabili Italiani o Le norme di legge vigenti alla data di riferimento di ciascun Italian GAAP: bilancio dell’Emittente che disciplinano i criteri di redazione dei bilanci, come interpretate ed integrate dai principi contabili emanati dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri e, limitatamente all’esercizio 2004, dal documento interpretativo OIC 1 “I principiali effetti della Riforma del Diritto Societario sulla redazione del bilancio d’esercizio”. Proponenti: La Società e l’Azionista Venditore. Prospetto Informativo o Il presente prospetto informativo relativo all’Offerta Pubblica ed Prospetto: all’ammissione alla quotazione sull’MTA - Segmento STAR delle Azioni. Regolamento di Borsa: Il regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana e sue successive modificazioni ed integrazioni. Regolamento Emittenti: Il regolamento approvato dalla Consob con deliberazione in data 14 maggio 1999, n. 11971 e sue successive modificazioni ed integrazioni. Regolamento Intermediari: Il regolamento approvato dalla Consob con deliberazione in data 1° luglio 1998, n. 11522 e sue successive modificazioni ed integrazioni. Responsabile del Collocamento: UniCredit Banca Mobiliare S.p.A. 9
  • 11. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Segmento STAR: Segmento Titoli ad Alti Requisiti del Mercato Telematico Azionario. Società di Revisione: PricewaterhouseCoopers S.p.A., con sede in Milano, Via Monte Rosa 91. Specialista: UniCredit Banca Mobiliare S.p.A. Sponsor: UniCredit Banca Mobiliare S.p.A. TUF o Testo Unico: Il Decreto Legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 e sue successive modifiche ed integrazioni. UBM: UniCredit Banca Mobiliare S.p.A., con sede legale in Milano, Via Tommaso Grossi 10. 10
  • 12. Glossario GLOSSARIO Alaggio: operazione di tiro a secco di una imbarcazione. Armatore: proprietario dell’imbarcazione. Centro Ricerche Tecnologiche: il reparto che si occupa della ricerca sull’utilizzo e sull’ottimizzazione dei materiali costruttivi delle imbarcazioni e delle navi da diporto e dell’ottimizzazione dei metodi e dei processi di industrializzazione. Centro Stile: il reparto che si occupa della progettazione dei prototipi delle imbarcazioni e delle navi da diporto Aicon. Il Centro Stile svolge attività inerenti il concept e il design che caratterizzano lo stile Aicon; attraverso lo studio progettuale sui prototipi si definisce una identità estetica che connota le linee esterne, gli spazi interni e elementi specifici delle imbarcazioni. Classificazione CE “A class”: ai sensi della direttiva 94/25 della Commissione Europea, la Classificazione “A” – imbarcazioni e navi da diporto progettate per la navigazione in “alto mare”; definisce gli standard costruttivi affinché una imbarcazione possa navigare in condizioni meteomarine di vento superiore a Forza 8 (Sc. Beaufort) e altezza significativa delle onde superiore a 4 metri. Dealer: il concessionario Aicon cui viene assegnata in esclusiva una zona ove operare. Il concessionario acquista le imbarcazioni Aicon per poi rivenderle al cliente finale. Dinette: area dell’imbarcazione attrezzata per la consumazione dei pasti, che di solito comprende un tavolo, delle poltroncine o divani e delle sedie. EMEA: acronimo inglese di Europe, Middle East, Africa (Europa, Medio Oriente e Africa). Floor Planning: accordi non vincolanti attraverso i quali i dealer indicano alla Società il numero e la tipologia di imbarcazioni che verranno acquistate durante un anno nautico. Flybridge: imbarcazione e nave da diporto planante a motore entrobordo cabinata con ponte superiore collocato sul cielo della tuga, dove è posizionata una seconda postazione di guida (la principale si trova all’interno del cabinato). 11
  • 13. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. HP: Horse Power - potenza in cavalli/unità di misura di potenza dei motori. Imbonaggi: l’insieme dei supporti e degli incàvi necessari per l’inserimento dei mobili e delle paratie all’interno dell’imbarcazione. Marinità: attitudine dell’imbarcazione ad affrontare condizioni meteomarine difficili mantenendo facilità di manovra, adeguata velocità e sicurezza. Metri-barca: unità di misura tipica del settore nautico che indica la somma delle lunghezze delle imbarcazioni prodotte da un cantiere in un arco di tempo. Megayacht: nave a motore di tipo flybridge, open e navetta di lunghezza superiore ai 24 metri o agli 80 piedi entrobordo cabinata (nella definizione di segmento di mercato). Motoryacht: imbarcazione a motore di tipo flybridge, open e navetta entrobordo cabinata di lunghezza superiore ai 40 piedi ed inferiore agli 80 piedi. Navetta: imbarcazione o nave da diporto dislocante e/o semidislocante dotata di carena che non si solleva dalla superficie dell’acqua durante la navigazione. Nesting: attività di definizione delle forme e delle dimensioni degli strati di fibra di vetro che servono per la costruzione di parti in VTR. L’output di questa attività è costituito dai diagrammi di taglio per le macchine utensili. Nodo: unità di misura pari a miglia marine per ora. Open: imbarcazione e nave da diporto a motore priva di ponte superiore aperto con unica postazione di guida interna. Può essere sia cabinata entrobordo (avente uno o più motori sistemati all’interno dello scafo) che con motore entrofuoribordo (motore munito di un’appendice, il piede poppiero, che sopporta l’elica protendendosi fuoribordo). Osmosi: fenomeno fisico di penetrazione dell’acqua all’interno della struttura in VTR. Piede: unità di misura pari a 30,48 cm. 12
  • 14. Glossario Plancia di governo: area dell’imbarcazione situata di fronte alla ruota del timone e dotata di tutte le apparecchiature funzionali alla conduzione dell’imbarcazione (strumentazione di navigazione, strumentazione di controllo dei motori, schermo del radar, etc.). Pozzetto: area a poppavia dell’imbarcazione attrezzata come zona di conversazione o dedicata alle attività di pesca, immersione etc. Scafo: l’elemento strutturale più importante di ogni imbarcazione, esso è distinguibile tra “opera viva” (la parte immersa), ed “opera morta” (la parte che, ad imbarcazione ferma in mare piatto, non è bagnata dall’acqua del mare). Tuga: la sovrastruttura dell’imbarcazione che racchiude le zone abitabili, in generale la zona-giorno. VTR: vetroresina. 13
  • 15. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. [QUESTA PAGINA È STATA LASCIATA VOLUTAMENTE BIANCA] 14
  • 16. Nota di sintesi NOTA DI SINTESI La presente nota di sintesi (la “Nota di Sintesi”) riporta brevemente le informazioni principali relative all’attività e alla situazione patrimoniale e finanziaria di Aicon, nonché le principali informazioni relative all’Offerta Globale. Gli investitori sono invitati a valutare le informazioni contenute nella presente Nota di Sintesi congiuntamente ai fattori di rischio e alle restanti informazioni contenute nel presente Prospetto. In particolare si tenga presente che: • la Nota di Sintesi va letta semplicemente come introduzione al Prospetto; • ciascun investitore deve basare le sue decisioni di investimento sull’esame dell’intero Prospetto; • non sussiste alcuna responsabilità civile nei confronti di coloro che hanno richiesto la pubblicazione della Nota di Sintesi, compresa la sua eventuale traduzione, salvo che tale Nota di Sintesi risulti fuorviante, imprecisa o incoerente se letta insieme con le altre parti del Prospetto; e • qualora sia proposto un ricorso dinnanzi all’autorità giudiziaria in merito alle informazioni contenute nel Prospetto Informativo, l’investitore ricorrente potrebbe essere tenuto a sostenere le spese di traduzione del Prospetto Informativo prima dell’inizio del procedimento. I rinvii alle Sezioni, ai Capitoli ed ai Paragrafi si riferiscono alle Sezioni, ai Capitoli ed ai Paragrafi del presente Prospetto. A. FATTORI DI RISCHIO Si riportano di seguito i titoli dei principali fattori di rischio relativi all’Emittente, al mercato in cui lo stesso opera, nonché relativi alle Azioni, descritti per esteso nella Sezione Prima, Capitolo 4 del presente Prospetto. Fattori di rischio relativi all’attività di Aicon e del Gruppo ad essa facente capo Rischi connessi alla gestione del portafoglio ordini Rischi connessi all’indebitamento della Società e alla dipendenza da finanziamenti esterni al Gruppo Rischi connessi alla crescita Rischi connessi al rapporto operativo con i dealer Rischi connessi alla dipendenza da figure chiave Rischi connessi all’operatività su più mercati internazionali Rischi connessi alla esternalizzazione della produzione 15
  • 17. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Rischi connessi alla responsabilità da prodotto ed agli interventi in garanzia Rischi relativi a eventi straordinari che possano determinare interruzioni dell’attività Rischi connessi alla tutela dei diritti di proprietà intellettuale Rischi connessi ai procedimenti giudiziali ed arbitrali in essere che coinvolgono società del Gruppo e il Presidente e Amministratore Delegato della Società Rischi connessi ai procedimenti di natura fiscale Rischi connessi alle oscillazioni dei tassi di interesse Rischi connessi all’implementazione della gestione di cassa e tesoreria centralizzata Rischi connessi ai tempi di adeguamento alla disciplina di corporate governance prevista per le società quotate Rischi connessi alle dichiarazioni previsionali e di preminenza relative al mercato di riferimento Rischi relativi ai rapporti con parti correlate Fattori di rischio connessi al settore in cui opera Aicon Rischi connessi all’elevato grado di concorrenza nel mercato di riferimento Rischi legati al mutamento delle tendenze di mercato Rischi legati alla fluttuazione dei prezzi di componenti e materie prime Rischi connessi agli effetti dell’impatto della stagionalità sul capitale circolante netto Rischi legati al quadro normativo di riferimento Rischi connessi alla normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro Fattori di rischio connessi agli strumenti finanziari offerti Rischi connessi alla non contendibilità di Aicon Differenza fra il prezzo di recenti collocamenti privati sulle azioni dell’Emittente ed il Prezzo di Offerta Prezzo massimo, prezzo di offerta e stima dei proventi Impegni temporanei all’inalienabilità delle azioni della Società Rischi relativi al conflitto di interesse 16
  • 18. Nota di sintesi B. EMITTENTE, ATTIVITÀ E PRODOTTI Informazioni sull’Emittente L’Emittente è una società per azioni di diritto italiano costituita nel marzo 2004, con sede legale in Milano, in Via Larga, 15. Alla data del Prospetto Informativo, il capitale sociale dell’Emittente, interamente sottoscritto e versato, è pari ad Euro 2.000.000,00. Storia e sviluppo della Società e del Gruppo Aicon è la holding operativa del Gruppo, attivo nella progettazione, produzione e commercializzazione di imbarcazioni e navi da diporto a motore di lusso. Le origini dell’attività del Gruppo Aicon risalgono al 1993; a tale data l’attività iniziale si concentra principalmente nella progettazione e fornitura “chiavi in mano” di soluzioni di arredo per hotel, negozi, ristoranti, uffici, stand fieristici, banche, bar ed esercizi pubblici in genere. A partire dal 1996 l’attività si concentra pressoché esclusivamente sul settore nautico, in un primo momento grazie alle commesse relative all’arredo degli interni delle imbarcazioni, e successivamente a quelle relative alla realizzazione della parte impiantistica ed idraulica di motoryacht. Nel 1999, i risultati raggiunti, l’esperienza maturata nel settore degli interni nautici e le prospettive di crescita del mercato della nautica inducono l’Arch. Siclari a fare il proprio ingresso nel settore come costruttore di imbarcazioni a motore di lusso. Nella seconda metà del 1999 il Gruppo avvia la progettazione di una gamma di motoryacht concepiti e completamente realizzati in Sicilia. Nel luglio 2000 il Gruppo Aicon avvia lo sviluppo del suo primo modello, l’Aicon 56' Fly, e pone le basi per il proprio ingresso nel settore nautico come costruttore di imbarcazioni a motore di lusso. L’Aicon 56' Fly riscuote un crescente successo sul mercato e l’esercizio viene chiuso al 31 agosto 2002 con un totale di 12 imbarcazioni vendute. Nello stesso periodo il Gruppo allarga la propria rete commerciale, che, a tale data, conta 7 dealer. Nel 2004, in linea con le tendenze di mercato che richiedono imbarcazioni sempre più grandi, spaziose e prestigiose, viene concepito e prodotto il modello Aicon 64' Fly, mentre nel 2005 il Gruppo fa il proprio ingresso nel segmento open dei motoryacht, presentando al mercato, nel mese di luglio, l’Aicon 72' Open. Alla chiusura dell’esercizio 2005, il totale delle imbarcazioni vendute è pari a 31 ed il numero di dealer è 16 (12 in EMEA, di cui 4 in Italia, 3 nelle Americhe e 1 in Asia). Nel corso dell’esercizio 2006, il Gruppo prosegue la propria strategia di crescita presentando tre nuovi modelli e, nel corso dello stesso esercizio, fa il proprio ingresso nel segmento ad alta crescita dei megayacht, presentando, nel luglio 2006, il modello Aicon 85' Fly. Sempre a luglio 2006 il Gruppo decide inoltre di estendere la propria presenza nel segmento delle imbarcazioni open, presentando l’Aicon 62' Open. Durante l’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, il Gruppo vende 40 imbarcazioni e continua ad incrementare la propria rete commerciale per un totale di 19 dealer. Attività e prodotti Il Gruppo Aicon opera nella progettazione, costruzione e commercializzazione di imbarcazioni e navi da diporto a motore di lusso. Attivo in questo settore dal 1999, in sette anni il Gruppo si è imposto come un operatore estremamente dinamico a livello internazionale e, nell’esercizio chiuso al 31 agosto 17
  • 19. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 2006, ha registrato ricavi pari a Euro 59.093 ed un EBITDA pari a Euro 20.406 corrispondente ad un margine del 34.5%. L’esperienza maturata nella progettazione e realizzazione degli interni nautici, nonché il passato professionale dell’Arch. Siclari, spiega la particolare attenzione rivolta da Aicon al design ed alla ricerca di soluzioni stilistiche all’avanguardia. La filosofia del Gruppo è infatti quella di offrire una “complete yachting experience” creando imbarcazioni dallo stile riconoscibile e di alta qualità offrendo, nel contempo, una serie di servizi collaterali volti a creare un rapporto esclusivo e duraturo con i propri armatori. Il modello di business di Aicon si caratterizza: (i) per un elevato grado di integrazione verticale, che prevede un ricorso selettivo e strettamente disciplinato all’outsourcing; e (ii) per l’industrializzazione del processo produttivo e per la pianificazione della produzione volta alla ottimizzazione delle capacità produttive e della gestione del magazzino. In particolare, l’elevato grado di integrazione verticale permette al Gruppo: (i) di esercitare un controllo diretto su tutta la catena produttiva, avendo come obiettivo principale la qualità delle imbarcazioni; (ii) di internalizzare i margini derivanti dalle principali attività del processo produttivo; e (iii) di ottenere un livello di flessibilità produttiva elevato e tale da poter offrire alla clientela un’ampia scelta di varianti riguardanti, ad esempio, le essenze del legno, gli accessori ed alcuni elementi architettonici ed abitativi. L’ordinaria attività di produzione e commercializzazione delle imbarcazioni si articola in un ciclo produttivo ricorrente e sistematizzato, che si snoda nell’arco di tutto l’esercizio secondo una cadenza stagionale diversa in funzione dei diversi mercati ove il Gruppo opera e della domanda su ciascuno di tali mercati. Aicon svolge in parallelo una costante attività di ricerca e sviluppo, coordinata dal Centro Stile e dal Centro Ricerche Tecnologiche interni al Gruppo, volta alla continua introduzione di nuovi modelli sul mercato, ed una ordinaria attività di produzione e commercializzazione dei modelli esistenti di imbarcazioni. Alla data di chiusura dell’esercizio 2006, la gamma di imbarcazioni e navi da diporto Aicon comprende cinque modelli di motoryacht di dimensione compresa tra 54' e 72', nelle tipologie flybridge, open e un modello di megayacht: l’Aicon 85' Fly. L’attività di vendita del Gruppo è svolta principalmente attraverso una rete di dealer organizzata secondo tre aree geografiche: EMEA, Americhe, e Asia – Pacifico. Il management del Gruppo attribuisce notevole importanza al ruolo svolto dai dealer in qualità di rappresentanti del marchio Aicon nei mercati dove il Gruppo opera ed alle indicazioni ricevute dagli stessi. Particolare rilevanza è data dalla capacità dei dealer di individuare con tempestività i principali trend di mercato ed i mutamenti dei gusti e delle richieste degli armatori. Il ruolo svolto dai dealer è, inoltre, essenziale per l’attività di prima assistenza e di manutenzione sulle imbarcazioni Aicon vendute poiché, in tale ambito, essi fungono da tramite tra il Gruppo e gli armatori. Alla data del Prospetto Informativo, la piattaforma distributiva dei prodotti del Gruppo si fonda principalmente su una rete di 21 dealer. 18
  • 20. Nota di sintesi Strategia Il Gruppo Aicon intende proseguire nel percorso di crescita intrapreso, continuando a far leva sugli elementi distintivi di design, marinità delle imbarcazioni e customer care. A questo fine, il Gruppo Aicon è focalizzato su una strategia di crescita per linee interne, secondo le direttive di seguito indicate, pur non escludendo la possibilità di cogliere eventuali opportunità di crescita per linee esterne che dovessero proporsi nel segmento della nautica di lusso sul mercato sia domestico che internazionale e in particolare nelle aree geografiche ove il Gruppo è presente (Italia, EMEA, Americhe e Asia Pacifico): ampliamento della gamma di modelli; rafforzamento della presenza nei mercati già presidiati ed espansione geografica, sostenute dall’ottimizzazione delle attività di marketing e commerciali; fidelizzazione della clientela finale e ottimizzazione del livello di servizio; rafforzamento della piattaforma operativa. Consiglio di Amministrazione e principali dirigenti e collaboratori I membri del Consiglio di Amministrazione in carica alla data del Prospetto Informativo sono indicati nella tabella che segue: Nome e Cognome Carica Luogo e data di nascita Pasquale Siclari Presidente ad Amministratore Delegato Messina, 19 settembre 1960 Gaetano Visalli Consigliere Messina, 10 settembre 1966 Antonino Parisi Consigliere Messina, 26 luglio 1955 Marco Saltalamacchia * Consigliere Roma, 13 luglio 1961 Enrico Testa * Consigliere Bergamo, 5 gennaio 1952 * Amministratore indipendente ai sensi del Codice di Autodisciplina. Nella tabella che segue sono riportate le informazioni concernenti i principali dirigenti e collaboratori dell’Emittente: Nome e Cognome Qualifica Luogo e data di nascita Anno di ingresso nel Gruppo Gaetano Visalli Consigliere e Chief Financial Officer Aicon Messina, 10 settembre 1966 2004 S.p.A. Marco Mannino Coordinatore del Centro Stile Milazzo (Me), 16 ottobre 1961 2003 Marc-Udo Broich Chief Financial Officer Aicon Yacht Americas Milano, 24 luglio 1966 2003 LLC e Aicon Yacht LLC Luciano Mario Bregola Direttore di produzione Business Unit Genova, 6 febbraio 1957 2005 motoryacht Antonino Rotondo Direttore di produzione Business Unit Messina, 18 giugno 1955 2006 megayacht Augusto Balestra Chief Operations Officer di Aicon Yacht S.p.A. Forlì, 31 maggio 1968 2006 Angelo Sidoti Chief Executive Officer di Resin Interiors S.r.l. Lipari (Me), 28 luglio 1964 2006 Paola Procopio Direttore Commerciale Aicon Yachts Europe Catanzaro, 27 maggio 1967 1999 S.r.l. 19
  • 21. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Operazioni con parti correlate Nel corso degli esercizi 2006, 2005 e 2004 sono stati intrattenuti rapporti, sia commerciali sia finanziari, con società controllate, collegate e con altre entità correlate; si segnala che tutte le operazioni poste in essere sono state effettuate a condizioni di mercato (per maggiori informazioni, Cfr. Sezione Prima, Capitolo 19). C. INFORMAZIONI CONTABILI E FINANZIARIE RILEVANTI Informazioni finanziarie rilevanti relative ai trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 ad agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 Nel presente Paragrafo sono riportate le informazioni finanziarie, patrimoniali ed economiche consolidate selezionate relative ai trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 ed agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. Tali informazioni sono state estratte senza effettuare alcuna rettifica e/o riclassifica dalla relazione trimestrale consolidata relativa al trimestre chiuso al 30 novembre 2006 e dai bilanci consolidati del Gruppo relativi agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, riesposti in conformità ai criteri di rilevazione e valutazione previsti dagli IFRS adottati dall’Unione Europea. I bilanci consolidati relativi agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 sono stati assoggettati a revisione contabile completa dalla Società di Revisione che ha emesso la propria relazione senza rilievi in data 14 dicembre 2006. La relazione trimestrale consolidata del Gruppo per il trimestre chiuso al 30 novembre 2006 è stata assoggettata a revisione contabile limitata dalla Società di Revisione che ha emesso la propria relazione senza rilievi in data 9 febbraio 2007. Si segnala che i bilanci consolidati del Gruppo relativi agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 e la relazione trimestrale consolidata al 30 novembre 2006 sono stati redatti in conformità agli IFRS adottati dall’Unione Europea ai soli fini dell’inclusione degli stessi nel Prospetto Informativo. Conformemente a quanto previsto dal D. Lgs. 28 febbraio 2005, n.38, la Società comincerà ad utilizzare gli IFRS adottati dall’Unione Europea per la redazione del bilancio d’esercizio e del bilancio consolidato rispettivamente dall’esercizio che chiuderà il 31 agosto 2007 e dal semestre che chiuderà il 28 febbraio 2007. La data di transizione agli IFRS del Gruppo resta comunque quella del 1° settembre 2003. Le informazioni finanziarie di seguito riportate devono essere lette congiuntamente ai Capitoli 9, 10 e 20 della Sezione Prima del presente Prospetto Informativo. 20
  • 22. Nota di sintesi Dati consolidati rilevanti di conto economico Nella seguente tabella sono rappresentate alcune informazioni rilevanti estratte dai conti economici consolidati di Gruppo per i trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 e per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004: (migliaia di Euro) Trimestri chiusi al 30 novembre Esercizio chiuso al 31 agosto Esercizio chiuso al 31 agosto 2006 2005 2006 2005 2004 Ricavi 25.938 1.449 59.093 36.764 29.990 Risultato operativo 6.844 (758) 16.479 10.676 5.662 Utile/(perdita) del periodo 1.709 (1.101) 8.878 2.907 1.781 EBITDA (1) 7.935 (74) 20.406 13.172 7.115 Quota di pertinenza dei terzi (102) (417) (11) 1.103 695 Quota di pertinenza del gruppo 1.811 (684) 8.889 1.804 1.086 Utile per azione – base 0.02 (0.01) 4.44 1.45 0.89 Utile per azione – diluito 0.02 (0.01) 4.44 1.45 0.89 (1) L’EBITDA è definito dalla Società come Utile/(perdita) del periodo al lordo degli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali ed immateriali, degli oneri e proventi finanziari, del risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute e delle imposte sul reddito. Poiché l’EBITDA non è identificato come misura contabile nell’ambito degli IFRS adottati dall’Unione Europea, la determinazione quantitativa dello stesso potrebbe non essere univoca. L’EBITDA è una misura utilizzata dal management del Gruppo per monitorare e valutare l’andamento operativo dello stesso. Il management ritiene che l’EBITDA sia un importante parametro per la misurazione della performance operativa del Gruppo in quanto non è influenzato dagli effetti dei diversi criteri di determinazione degli imponibili fiscali, dall’ammontare e caratteristiche del capitale impiegato nonché dalle politiche di ammortamento. Il criterio di determinazione dell’EBITDA applicato dal Gruppo potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri gruppi e, pertanto, il suo valore potrebbe non essere comparabile con quello determinato da questi ultimi. Dati consolidati rilevanti di stato patrimoniale Nella seguente tabella sono rappresentate alcune informazioni finanziarie rilevanti estratte dallo stato patrimoniale consolidato di Gruppo per il trimestre chiuso al 30 novembre 2006 ed al 31 agosto 2006, 2005 e 2004: (migliaia di Euro) Trimestre chiusi al 30 novembre Esercizio chiuso al 31 agosto Esercizio chiuso al 31 agosto 2006 2006 2005 2004 Totale attività non correnti 25.071 24.934 19.001 10.897 Totale attività correnti 81.374 70.126 44.341 23.589 Totale attività 106.445 95.060 63.342 34.486 Totale Patrimonio Netto 13.777 12.194 7.422 4.514 Totale Passività non correnti 24.770 20.022 16.347 7.849 Totale Passività correnti 67.898 62.844 39.573 22.123 Totale Passività e Patrimonio Netto 106.445 95.060 63.342 34.486 21
  • 23. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Dati consolidati rilevanti del rendiconto finanziario Nella seguente tabella sono rappresentate alcune informazioni finanziarie rilevanti estratte dai rendiconti finanziari consolidati di Gruppo per i trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 e per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004: (migliaia di Euro) Trimestri chiusi Esercizio chiuso al 31 agosto Esercizio chiuso al 31 agosto al 30 novembre 2006 2005 2006 2005 2004 A. Flusso di cassa generato / utilizzato da attività operative (477) (6.976) (2.390) 4.175 5.781 B. Flusso di cassa utilizzato da attività di investimento (1.718) (145) (11.102) (10.249) (6.476) C. Flusso di cassa generato da attività di finanziamento 5.875 2.798 17.040 7.713 3.349 Flusso di cassa complessivo generato nel periodo (A+B+C) 3.680 (4.324) 3.548 1.639 2.654 Posizione finanziaria netta Nella seguente tabella è rappresentata la posizione finanziaria netta (*) al 30 novembre 2006 ed al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. (migliaia di Euro) Al 30 novembre Al 31 agosto 2006 2006 2005 2004 A.. Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 12.001 8.320 4.772 3.133 B. Altre disponibilità liquide - - - - C. Titoli detenuti per la negoziazione - - - - D. Liquidità (A) + (B) + (C) 12.001 8.320 4.772 3.133 E. Crediti finanziari correnti - 15 36 215 F. Debiti finanziari correnti (24.263) (23.726) (8.317) (3.556) G. Parte corrente dei finanziamenti da banche (5.693) (3.217) (861) (860) H. Altri debiti finanziari correnti (1.604) (1.308) (707) (300) I. Indebitamento finanziario corrente (F) + (G) + (H) (31.560) (28.250) (9.885) (4.716) J. Indebitamento finanziario corrente netto (I) + (E) + (D) (19.559) (19.915) (5.077) (1.368) K. Finanziamenti da banche (11.954) (8.706) (8.448) (3.277) L. Obbligazioni emesse - - - - M. Altri debiti non correnti (1.900) (2.248) (1.681) (873) N. Indebitamento finanziario non corrente (K) + (L) + (M) (13.854) (10.954) (10.129) (4.150) O. Posizione finanziaria netta (J) + (N) (33.413) (30.870) (15.206) (5.518) (*) La posizione finanziaria netta è stata determinata in conformità a quanto indicato nel Paragrafo n. 127 delle Raccomandazioni CESR 05-054b del gennaio 2005. D. DATI RELATIVI ALL’OFFERTA GLOBALE La Società ha presentato a Borsa Italiana domanda di ammissione alla quotazione delle proprie azioni ordinarie sul Mercato Telematico Azionario. Contestualmente, la Società ha presentato a Borsa Italiana domanda per ottenere la qualifica di STAR delle proprie azioni ordinarie. Borsa Italiana, con provvedimento n. 5173 del 19 marzo 2007, ha disposto l’ammissione alla quotazione sul Mercato Telematico Azionario delle azioni ordinarie della Società. 22
  • 24. Nota di sintesi Dettagli dell’Offerta Globale L’Offerta Globale, finalizzata all’ammissione alle negoziazioni delle Azioni sul Mercato Telematico Azionario – Segmento STAR, ha per oggetto massime n. 35.000.000 Azioni di cui massime n. 9.000.000 Azioni rinvenienti dall’Aumento di Capitale con esclusione del diritto di opzione, ai sensi dell’articolo 2441, comma 5, del codice civile, deliberato dall’Assemblea straordinaria dell’Emittente in data 15 dicembre 2006, e massime n. 26.000.000 Azioni poste in vendita dall’Azionista Venditore. L’Offerta Globale consiste in: (1) un’Offerta Pubblica di un ammontare minimo di n. 3.575.000 Azioni, pari a circa il 10% delle Azioni oggetto dell’Offerta Globale rivolta al pubblico indistinto in Italia. Non possono aderire all’Offerta Pubblica gli Investitori Istituzionali, i quali potranno aderire esclusivamente al Collocamento Istituzionale di cui al successivo punto b); e (2) un contestuale Collocamento Istituzionale rivolto ad Investitori Professionali in Italia e a investitori istituzionali all’estero ai sensi del Regulation S dello United States Securities Act del 1933, come successivamente modificato, e negli Stati Uniti d’America, ai sensi della Rule 144A dello United States Securities Act del 1933, ad esclusione di Australia, Canada e Giappone, fatte salve le eventuali esenzioni previste dalle leggi applicabili. L’Emittente e l’Azionista Venditore si riservano, d’intesa con i Coordinatori dell’Offerta Globale, di non collocare integralmente le Azioni oggetto dell’Offerta Globale, dandone comunicazione al pubblico nell’avviso integrativo relativo al Prezzo di Offerta; tale circostanza potrebbe determinare una riduzione del numero delle Azioni collocate nell’ambito dell’Offerta Globale, procedendosi dapprima alla riduzione del numero di Azioni poste in vendita dall’Azionista Venditore e, solo successivamente, anche all’eventuale riduzione del numero di Azioni rinvenienti dall’Aumento di Capitale. È prevista la concessione da parte dell’Azionista Venditore ai Coordinatori dell’Offerta Globale, anche in nome e per conto dei membri del Consorzio per il Collocamento Istituzionale, di un’opzione per un prestito gratuito di ulteriori massime n. 5.250.000 azioni, corrispondenti ad una quota pari al 15% del numero di Azioni oggetto dell’Offerta Globale ai fini di un’eventuale sovra assegnazione (c.d. Over Allotment) nell’ambito del Collocamento Istituzionale. In caso di Over Allotment, i Coordinatori dell’Offerta Globale potranno esercitare tale opzione, in tutto o in parte, e collocare le azioni così prese a prestito presso gli Investitori Istituzionali al Prezzo di Offerta. Tale prestito sarà regolato, entro 30 giorni dall’inizio delle negoziazioni mediante: (i) il pagamento delle azioni rivenienti dall’esercizio dell’opzione Greenshoe; (ii) e/o la restituzione delle azioni eventualmente acquistate sul mercato nell’ambito dell’attività di stabilizzazione. La Greenshoe consiste nella concessione da parte dell’Azionista Venditore ai Coordinatori dell’Offerta Globale, anche in nome e per conto dei membri del Consorzio per il Collocamento Istituzionale, di un’opzione per l’acquisto, al Prezzo di Offerta, di ulteriori massime n. 5.250.000 azioni, corrispondenti ad una quota pari al 15% del numero di Azioni oggetto dell’Offerta Globale. 23
  • 25. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Le opzioni sopra menzionate potranno essere esercitate, in tutto o in parte, entro 30 giorni dalla data di inizio delle negoziazioni delle Azioni sul Mercato Telematico Azionario. Prezzo di offerta I Proponenti, anche sulla base di analisi svolte dai Coordinatori dell’Offerta Globale, al fine esclusivo di consentire la raccolta di manifestazioni di interesse da parte degli Investitori Istituzionali nell’ambito del Collocamento Istituzionale, hanno individuato, d’intesa con i Coordinatori dell’Offerta Globale, un intervallo di valorizzazione indicativa del capitale economico della Società compreso fra un minimo di Euro 370.000.000 e un massimo di Euro 460.000.000, pari ad un minimo di Euro 3,7 per azione ed un massimo di Euro 4,6 per azione (l’“Intervallo di Valorizzazione Indicativa”). In particolare, a fini valutativi sono state considerate le risultanze derivanti dall’applicazione del metodo dei multipli di mercato e, come analisi di controllo, il metodo finanziario di valutazione dei flussi di cassa (cosiddetto Discounted Cash Flow) basato sulla attualizzazione dei flussi di cassa prospettici. Con riferimento ai multipli di mercato, è stato selezionato un campione di società comparabili sulla base di talune similarità con il Gruppo individuate di volta in volta (a livello di modello di business, di tipologia di prodotto offerta, di estensione della gamma prodotti, di reputazione e tradizione, di scelta del canale distributivo o di dimensione e performance finanziaria) ed operanti prevalentemente in tre settori di attività: (i) Yachts (Beneteau S.A. quotata sulla Borsa di Parigi, Brunswick Corporation quotata sul New York Stock Exchange, Couach S.A. e Rodriguez Group, quotate entrambe sulla Borsa di Parigi); (ii) beni di lusso branded (Bulgari S.p.A. quotata sull’MTA, Burberry Group Plc quotata sulla Borsa di Londra, Geox S.p.A. quotata sull’MTA, Hermès International e LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton S.A., entrambe quotate sulla Borsa di Parigi, Compagnie Financiere Richemont S.A. e Swatch Group AG entrambe quotate in Svizzera, Tod’s S.p.A. quotata sull’MTA); e (iii) mezzi di trasporto di alta gamma (Harley Davidson, Inc. quotata sul New York Stock Exchange e Porche AG quotata su Deutsche Börse). L’Intervallo di Valorizzazione Indicativa non sarà in alcun modo vincolante ai fini della definizione del Prezzo Massimo e del Prezzo di Offerta, i quali, pertanto, potranno essere definiti anche al di fuori del predetto intervallo. Il Prezzo Massimo delle Azioni sarà determinato dai Proponenti, d’intesa con i Coordinatori dell’Offerta Globale, antecedentemente all’inizio dell’Offerta Pubblica, tenuto conto anche dell’andamento dei mercati finanziari e delle manifestazioni di interesse fornite dagli Investitori Istituzionali nell’ambito del Collocamento Istituzionale, e sarà comunicato al pubblico mediante apposito avviso integrativo pubblicato su almeno un quotidiano economico finanziario a tiratura nazionale entro il giorno antecedente l’inizio del Periodo di Offerta. Il Prezzo di Offerta sarà il medesimo sia per l’Offerta Pubblica sia per il Collocamento Istituzionale e sarà determinato secondo il meccanismo dell’open price. In particolare, il Prezzo di Offerta sarà determinato dai Proponenti, d’intesa con i Coordinatori dell’Offerta Globale, al termine del Periodo di Offerta tenendo conto tra l’altro: (i) dei risultati 24
  • 26. Nota di sintesi conseguiti dalla Società e dal Gruppo; (ii) delle prospettive di sviluppo dell’esercizio in corso e di quelli successivi della Società e del Gruppo, tenendo conto delle condizioni di mercato ed applicando le metodologie di valutazione più comunemente riconosciute dalla dottrina e dalla pratica professionale a livello internazionale; (iii) delle condizioni del mercato mobiliare domestico ed internazionale; (iv) della quantità e qualità delle manifestazioni di interesse ricevute dagli Investitori Istituzionali; e (v) della quantità della domanda ricevuta nell’ambito dell’Offerta Pubblica. Il Prezzo di Offerta sarà reso noto mediante pubblicazione di apposito avviso integrativo su almeno un quotidiano economico finanziario a tiratura nazionale entro due giorni lavorativi dal termine del Periodo di Offerta. Soggetti partecipanti all’operazione La seguente tabella indica i soggetti che partecipano all’Offerta Globale. Soggetto Ruolo Aicon S.p.A. Emittente Airon S.A. Azionista Venditore Credit Suisse UniCredit Banca Mobiliare S.p.A. Coordinatori dell’Offerta Globale UniCredit Banca Mobiliare S.p.A. Responsabile del Collocamento, Sponsor e Specialista PricewaterhouseCoopers S.p.A. Società di Revisione Accordi di Lock-up L’Azionista Venditore e la Società assumeranno l’impegno nei confronti dei Coordinatori dell’Offerta Globale, anche in nome e per conto dei membri del Consorzio per l’Offerta Pubblica e del Consorzio per il Collocamento Istituzionale, dalla data di sottoscrizione degli Accordi di Lock-Up e fino a 365 giorni decorrenti dalla data (inclusa) di inizio delle negoziazioni delle Azioni, a non effettuare, direttamente o indirettamente, operazioni di vendita o comunque atti di disposizione che abbiano per oggetto o per effetto, direttamente o indirettamente, l’attribuzione o il trasferimento a terzi delle azioni dagli stessi detenute (ovvero altri strumenti finanziari, inclusi quelli partecipativi, che attribuiscano il diritto di acquistare, sottoscrivere, convertire in, o scambiare con, azioni ordinarie della Società), a non concedere opzioni, diritti o warrant per l’acquisto, la sottoscrizione, la conversione o lo scambio di azioni ordinarie della Società, nonché a non stipulare o comunque concludere contratti di swap o altri contratti derivati, che abbiano i medesimi effetti, anche solo economici, delle operazioni sopra richiamate, senza il preventivo consenso scritto dei Coordinatori dell’Offerta Globale, consenso che non potrà essere irragionevolmente negato. Tale impegno non riguarderà le Azioni vendute nell’ambito dell’Offerta Globale e quelle oggetto dell’opzione di Over Allotment e Greenshoe. L’Azionista Venditore e la Società si impegneranno, inoltre, per un medesimo periodo, a non (i) promuovere e, se proposti, a non votare a favore di aumenti di capitale (se non per ricostituire il capitale o nei casi in cui l’aumento sia eventualmente necessario ai sensi della normativa vigente) o di emissione di obbligazioni convertibili ovvero di altri strumenti finanziari, anche partecipativi, che conferiscono il diritto di acquistare, sottoscrivere, convertire in o scambiare con azioni ordinarie della 25
  • 27. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Società, ovvero (ii) autorizzare il compimento di atti di disposizione su azioni ordinarie della Società eventualmente possedute dalla stessa, senza il preventivo consenso scritto dei Coordinatori dell’Offerta Globale, consenso che non potrà essere irragionevolmente negato. Tali impegni non si applicheranno agli aumenti di capitale eventualmente eseguiti dagli amministratori della Società su delega dell’Assemblea Straordinaria a servizio del piano di stock option riservato a dirigenti, amministratori, dipendenti e collaboratori della Società e delle sue controllate. Restano in ogni caso salve le operazioni di disposizione eseguite in ottemperanza a obblighi di legge o regolamentari ovvero a provvedimenti o richieste di Autorità competenti. Ragioni dell’Offerta Globale e impiego dei proventi L’Offerta Globale è finalizzata, da un lato, al rafforzamento della struttura patrimoniale della Società, a supporto dei programmi di sviluppo dell’attività che la stessa intende realizzare, tramite l’accesso al mercato dei capitali e a nuove risorse finanziarie per far fronte alle proprie esigenze strutturali e strategiche e, dall’altro, alla distribuzione tra il pubblico di una percentuale del capitale tale da assicurare il flottante per l’ammissione a quotazione e quindi l’ottenimento di status di società quotata, con vantaggi in termini di immagine e visibilità. L’Emittente utilizzerà in particolare i proventi derivanti dalla sottoscrizione dell’aumento del capitale a servizio dell’Offerta Globale al fine di supportare la strategia di crescita del Gruppo, in primo luogo attraverso il piano di investimenti industriali previsti, compresa la costruzione del Polo Nautico di Messina (che è stata avviata all’inizio dell’esercizio in corso), in secondo luogo attraverso l’investimento in capitale circolante necessario per fare fronte alla rapida crescita dei volumi di vendita. La Società, in ogni caso, non esclude la possibilità di utilizzare parte dei proventi derivanti dalla sottoscrizione dell’aumento del capitale a servizio dell’Offerta Globale al fine di cogliere eventuali opportunità di crescita per linee esterne che dovessero proporsi nel segmento della nautica di lusso sul mercato sia domestico che internazionale e in particolare nelle aree geografiche ove il Gruppo è presente (Italia, EMEA, Americhe e Asia Pacifico). Spese legale all’Offerta Globale Si stima che le spese relative al processo di quotazione di Aicon, comprese le spese di pubblicità, escluse le commissioni riconosciute al Consorzio per l’Offerta Pubblica ed al Consorzio per il Collocamento Istituzionale, potrebbero ammontare a circa 2 milioni di Euro e saranno sostenute dall’Emittente. 26
  • 28. Nota di sintesi Azionariato post Offerta Globale La seguente tabella illustra la compagine azionaria dell’Emittente con indicazione del numero di Azioni e della relativa percentuale del capitale sociale, in caso di integrale collocamento delle Azioni oggetto dell’Offerta Globale e di integrale esercizio della Greenshoe. Azionista Situazione alla data del Situazione successiva Situazione successiva all’Offerta Prospetto Informativo all’Offerta Globale Globale e alla Greenshoe Numero di Percentuale Numero di Percentuale Numero di Percentuale azioni azioni azioni Airon S.A. 99.150.000 99,15% 73.150.000 67,11% 67.900.000 62,29% Pasquale Siclari 600.000 0,60% 600.000 0,55% 600.000 0,55% Marc-Udo Broich 250.000 0,25% 250.000 0,23% 250.000 0,23% Mercato - - 35.000.000 32,11% 40.250.000 36,93% Totale 100.000.000 100 109.000.000 100 109.000.000 100 Dati rilevanti dell’Offerta Globale Lotto Minimo (n. Azioni) 650 Lotto Minimo di Adesione Maggiorato (n. Azioni) 6.500 Numero di Azioni oggetto dell’Offerta Globale 35.000.000 Percentuale del capitale sociale rappresentata dalle Azioni dopo l’aumento di capitale 32,1% Percentuale dell’Offerta Pubblica rispetto all’Offerta Globale circa il 10% Numero delle azioni successivamente all’Offerta Globale 109.000.000 Ammontare del capitale sociale successivamente all’Offerta Globale (in Euro) 2.180.000 Numero di azioni oggetto della Greenshoe 5.250.000 Percentuale delle azioni oggetto della Greenshoe rispetto all’Offerta Globale 15% Percentuale del capitale sociale rappresentata dalle Azioni oggetto dell’Offerta Globale e della Greenshoe dopo l’Offerta Globale e la Greenshoe 36,9% Calendario dell’Offerta Globale Attività Data Pubblicazione dell’avviso contenente l’elenco dei Collocatori Entro il 23 marzo 2007 Comunicazione del Prezzo Massimo Entro il 25 marzo 2007 Inizio dell’Offerta Pubblica 26 marzo 2007 Termine dell’Offerta Pubblica 30 marzo 2007 Comunicazione del Prezzo di Offerta Entro il 3 aprile 2007 Comunicazione dei risultati dell’Offerta Globale Entro il 4 aprile 2007 Pagamento delle Azioni 4 aprile 2007 (*) Inizio previsto delle negoziazioni delle Azioni 4 aprile 2007 (*) (*) Salvo proroga del Periodo di Offerta o chiusura anticipata dell’Offerta Pubblica. 27
  • 29. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. E. DOCUMENTI ACCESSIBILI AL PUBBLICO Per la durata di validità del Prospetto Informativo, le copie dei seguenti documenti possono essere consultate presso la sede legale dell’Emittente e presso la sede legale di Borsa Italiana, nonché sul sito Internet dell’Emittente www.aiconyachts.com: • atto costitutivo e statuto dell’Emittente; • bilanci di esercizio dell’Emittente (già Airon S.r.l.) per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2004, al 31 agosto 2005 e 2006 predisposti in accordo con i criteri di rilevazione e valutazione previsti dai Principi Contabili Italiani ed assoggettati, limitatamente ai bilanci di esercizio dell’Emittente per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2005 e 2006, a revisione contabile completa dalla Società di Revisione; • bilanci consolidati del Gruppo per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, predisposti in accordo con i criteri di rilevazione e valutazione previsti dagli IFRS adottati dall’Unione Europea ed assoggettati a revisione contabile completa dalla Società di Revisione; • bilanci consolidati del Gruppo per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005 predisposti in accordo con i criteri di rilevazione e valutazione previsti dai Principi Contabili Italiani ed assoggettati a revisione contabile completa dalla Società di Revisione; e • relazione trimestrale consolidata al 30 novembre 2006 dell’Emittente predisposta in conformità allo IAS 34, ed assoggettata a revisione contabile limitata dalla Società di Revisione. 28
  • 30. Sezione Prima SEZIONE PRIMA 29
  • 31. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. [QUESTA PAGINA È STATA LASCIATA VOLUTAMENTE BIANCA] 30
  • 32. Sezione Prima 1. PERSONE RESPONSABILI 1.1 Persone responsabili delle informazioni Aicon, in qualità di Emittente, assume la responsabilità delle informazioni contenute nel Prospetto Informativo. Airon S.A., in qualità di Azionista Venditore, assume la responsabilità delle informazioni contenute nel Prospetto Informativo e ad essa relative (Cfr. Sezione Seconda, Capitolo 7). UBM, in qualità di Responsabile del Collocamento e Sponsor, assume la responsabilità delle informazioni contenute nel Prospetto Informativo e ad essa relative (Cfr. Sezione Seconda, Capitolo 5, Capitolo 10, Paragrafo 10.1). 1.2 Dichiarazione delle persone responsabili I soggetti di cui al Paragrafo 1.1 che precede dichiarano, ciascuno per le parti di rispettiva competenza, che, avendo adottato tutta la ragionevole diligenza a tale scopo, le informazioni contenute nel Prospetto Informativo sono, per quanto a loro conoscenza, conformi ai fatti e non presentano omissioni tali da alterarne il senso. 31
  • 33. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 2. REVISORI LEGALI DEI CONTI 2.1 Revisori legali dell’Emittente I bilanci consolidati dell’Emittente al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, predisposti in accordo con i criteri di rilevazione e valutazione previsti dagli IFRS adottati dall’Unione Europea, ed i bilanci di esercizio dell’Emittente al 31 agosto 2005 e 2006, predisposti in accordo con i criteri di rilevazione e valutazione previsti dai Principi Contabili Italiani, sono stati oggetto di revisione contabile da parte della Società di Revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. con sede legale in Milano, Via Monte Rosa 91, iscritta all’albo delle società di revisione di cui all’articolo 161 del Testo Unico. L’incarico di revisione contabile dei bilanci di esercizio e consolidati di Aicon per gli esercizi 2007-2015, della revisione contabile limitata delle relazioni semestrali per il medesimo periodo, nonché la verifica della regolare tenuta della contabilità e della corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili nel corso di detti esercizi è stato conferito, subordinatamente alla quotazione delle Azioni della Società sull’MTA, segmento STAR, alla Società di Revisione con delibera dell’Assemblea dei soci in data 15 dicembre 2006, ai sensi dell’articolo 159 del Testo Unico. 2.2 Informazioni sui rapporti con i revisori Durante il periodo cui si riferiscono le informazioni finanziarie relative agli esercizi passati e di cui al Prospetto Informativo, non vi sono stati rifiuti o rilievi di attestazione da parte della Società di Revisione, né la stessa si è dimessa o è stata rimossa dall’incarico. La relazione della Società di Revisione relativa ai bilanci consolidati dell’Emittente al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, predisposti in accordo con i criteri di rilevazione e valutazione previsti dagli IFRS adottati dall’Unione Europea e la relazione della Società di Revisione relativa alla relazione trimestrale consolidata al 30 novembre 2006, predisposta in conformità allo IAS 34, sono riportate in appendice al Prospetto Informativo 32
  • 34. Sezione Prima 3. INFORMAZIONI FINANZIARIE SELEZIONATE 3.1 Informazioni finanziarie relative ai trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 e agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 Nel presente Paragrafo sono riportate le informazioni finanziarie, patrimoniali ed economiche consolidate selezionate relative ai trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 ed agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. Tali informazioni sono state estratte senza effettuare alcuna rettifica e/o riclassifica dalla relazione trimestrale consolidata relativa al trimestre chiuso al 30 novembre 2006 e dai bilanci consolidati del Gruppo relativi agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, riesposti in conformità ai criteri di rilevazione e valutazione previsti dagli IFRS adottati dall’Unione Europea. I bilanci consolidati relativi agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 sono stati assoggettati a revisione contabile completa dalla Società di Revisione che ha emesso la propria relazione senza rilievi in data 14 dicembre 2006. La relazione trimestrale consolidata del Gruppo per il trimestre chiuso al 30 novembre 2006 è stata assoggettata a revisione contabile limitata dalla Società di Revisione che ha emesso la propria relazione senza rilievi in data 9 febbraio 2007. Si segnala che i bilanci consolidati del Gruppo relativi agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 e la relazione trimestrale consolidata al 30 novembre 2006 sono stati redatti in conformità agli IFRS adottati dall’Unione Europea ai soli fini dell’inclusione degli stessi nel Prospetto Informativo. Conformemente a quanto previsto dal D. Lgs. 28 febbraio 2005, n.38, la Società comincerà ad utilizzare gli IFRS adottati dall’Unione Europea per la redazione del bilancio d’esercizio e del bilancio consolidato rispettivamente dall’esercizio che chiuderà il 31 agosto 2007 e dal semestre che chiuderà il 28 febbraio 2007. La data di transizione agli IFRS del Gruppo resta comunque quella del 1° settembre 2003. Le informazioni finanziarie di seguito riportate devono essere lette congiuntamente ai Capitoli 9, 10 e 20 della Sezione Prima del presente Prospetto Informativo. 33
  • 35. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Dati consolidati di conto economico Nella seguente tabella sono rappresentate alcune informazioni estratte dai conti economici consolidati di Gruppo per i trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 e per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004: (migliaia di Euro) Trimestri chiusi Esercizio chiuso al 31 agosto al 30 novembre 2006 2005 2006 2005 2004 Ricavi 25.938 1.449 59.093 36.764 29.990 Altri proventi 435 471 2.435 1.604 777 Variazione rimanenze merci, prodotti finiti, in corso di lavorazione e (1.891) 7.803 7.648 10.689 (982) semilavorati Materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate (9.344) (6.106) (33.133) (21.906) (11.986) Costi per servizi (5.932) (1.470) (13.890) (7.796) (4.492) Costi per godimento di beni di terzi (163) (101) (1.109) (931) (229) Costo del personale (1.999) (1.359) (5.774) (5.071) (4.364) Altri costi operativi (148) (98) (799) (1.860) (1.453) Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni 1.050 - 7.543 3.174 1.838 Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni (1.102) (1.347) (5.535) (3.990) (3.437) Risultato operativo 6.844 (758) 16.479 10.676 5.662 Proventi finanziari e assimilati 175 23 39 22 17 Oneri finanziari e assimilati (509) (450) (2.190) (1.392) (515) Risultato prima delle imposte 6.510 (1.185) 14.328 9.306 5.165 Imposte del periodo (4.154) 302 (5.344) (3.880) (3.009) Risultato prima delle attività destinate a continuare 2.356 (883) 8.984 5.426 2.156 Risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute (647) (218) (106) (2.519) (374) Utile/(perdita) del periodo 1.709 (1.101) 8.878 2.907 1.781 EBITDA (1) 7.935 (74) 20.406 13.172 7.115 Quota di pertinenza dei terzi (102) (417) (11) 1.103 695 Quota di pertinenza del gruppo 1.811 (684) 8.889 1.804 1.086 Utile per azione – base e diluito 0.02 (0.01) 4.44 1.45 0.89 (1) L’EBITDA è definito dalla Società come Utile/(perdita) del periodo al lordo degli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali ed immateriali, degli oneri e proventi finanziari, del risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute e delle imposte sul reddito. Poiché l’EBITDA non è identificato come misura contabile nell’ambito degli IFRS adottati dall’Unione Europea, la determinazione quantitativa dello stesso potrebbe non essere univoca. L’EBITDA è una misura utilizzata dal management del Gruppo per monitorare e valutare l’andamento operativo dello stesso. Il management ritiene che l’EBITDA sia un importante parametro per la misurazione della performance operativa del Gruppo in quanto non è influenzato dagli effetti dei diversi criteri di determinazione degli imponibili fiscali, dall’ammontare e caratteristiche del capitale impiegato nonché dalle politiche di ammortamento. Il criterio di determinazione dell’EBITDA applicato dal Gruppo potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri gruppi e, pertanto, il suo valore potrebbe non essere comparabile con quello determinato da questi ultimi. 34
  • 36. Sezione Prima In considerazione dei significativi mutamenti nella capacità produttiva e nella struttura organizzativa che hanno interessato il Gruppo nei periodi in esame, i trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 risultano di difficile comparazione. La tabella di seguito riportata espone la riconciliazione tra l’Utile/(perdita) del periodo di riferimento e l’EBITDA: (migliaia di Euro) Trimestri chiusi al 30 novembre Esercizio chiuso al 31 agosto 2006 2005 2006 2005 2004 Utile/(perdita) del periodo 1.709 (1.101) 8.878 2.907 1.781 Risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute 647 218 106 2.519 374 Imposte sul reddito 4.154 (302) 5.344 3.880 3.009 Proventi finanziari e assimilati (175) (23) (39) (22) (17) Oneri finanziari e assimilati 509 450 2.190 1.392 515 Ammortamenti 1.091 684 3.927 2.496 1.453 EBITDA 7.935 (74) 20.406 13.172 7.115 Dati consolidati selezionati di stato patrimoniale Nella seguente tabella sono rappresentate alcune informazioni finanziarie estratte dallo stato patrimoniale consolidato di Gruppo al 30 novembre 2006 ed al 31 agosto 2006, 2005 e 2004: (migliaia di Euro) Al 30 novembre Al 31 agosto Attivo 2006 2006 2005 2004 A) Attività non correnti Immobili, attrezzature impianti e macchinari 18.537 18.513 15.656 8.705 Attività immateriali 4.778 4.246 1.178 903 Altre attività 1.756 2.175 2.167 1.289 Totale attività non correnti 25.071 24.934 19.001 10.897 B) Attività correnti Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 12.001 8.320 4.772 3.133 Crediti commerciali 25.614 15.862 8.227 6.219 Rimanenze e lavori in corso su ordinazione 25.558 37.868 22.578 10.028 Altre attività 18.201 8.076 8.764 4.209 Totale attività correnti 81.374 70.126 44.341 23.589 Totale attività 106.445 95.060 63.342 34.486 35
  • 37. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Passivo A) PATRIMONIO NETTO Totale Patrimonio Netto di pertinenza del Gruppo 13.750 12.065 4.349 2.545 Patrimonio Netto di pertinenza di terzi 27 129 3.073 1.969 Totale Patrimonio Netto 13.777 12.194 7.422 4.514 B) PASSIVITÀ NON CORRENTI Passività finanziarie 13.854 10.954 10.129 4.150 Fondi per rischi e per benefici a dipendenti 3.212 3.140 2.261 1.288 Altre passività 7.704 5.928 3.957 2.411 Totale Passività non correnti 24.770 20.022 16.347 7.849 C) PASSIVITÀ CORRENTI Debiti commerciali 21.349 24.281 18.448 10.225 Passività finanziarie 31.560 28.251 9.885 4.716 Altre passività 14.989 10.312 11.239 7.182 Totale Passività correnti 67.898 62.844 39.573 22.123 Totale Passività e Patrimonio Netto 106.445 95.060 63.342 34.486 Dati consolidati selezionati del rendiconto finanziario Nella seguente tabella sono rappresentate alcune informazioni finanziarie estratte dai rendiconti finanziari consolidati di Gruppo per i trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 e per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004: (migliaia di Euro) Trimestri chiusi al 30 novembre Esercizio chiuso al 31 agosto 2006 2005 2006 2005 2004 A Flusso di cassa generato/utilizzato da attività (477) (6.976) (2.390) 4.175 5.781 operative B Flusso di cassa utilizzato da attività di (1.718) (145) (11.102) (10.249) (6.476) investimento C Flusso di cassa generato da attività di 5.875 2.798 17.040 7.713 3.349 finanziamento Flusso di cassa complessivo generato nel periodo 3.680 (4.324) 3.548 1.639 2.654 (A+B+C) 36
  • 38. Sezione Prima Posizione finanziaria netta Nella seguente tabella è rappresentata la posizione finanziaria netta (*) al 30 novembre 2006 ed al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. (migliaia di Euro) Al 30 novembre Al 31 agosto 2006 2006 2005 2004 A. Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 12.001 8.320 4.772 3.133 B. Altre disponibilità liquide - - - - C. Titoli detenuti per la negoziazione - - - - D. Liquidità (A) + (B) + (C) 12.001 8.320 4.772 3.133 E. Crediti finanziari correnti - 15 36 215 F. Debiti finanziari correnti (24.263) (23.726) (8.317) (3.556) G. Parte corrente dei finanziamenti da banche (5.693) (3.217) (861) (860) H. Altri debiti finanziari correnti (1.604) (1.308) (707) (300) I. Indebitamento finanziario corrente (F) + (G) + (H) (31.560) (28.250) (9.885) (4.716) J. Indebitamento finanziario corrente netto (I) + (E) + (D) (19.559) (19.915) (5.077) (1.368) K. Finanziamenti da banche (11.954) (8.706) (8.448) (3.277) L. Obbligazioni emesse - - - - M. Altri debiti non correnti (1.900) (2.248) (1.681) (873) N. Indebitamento finanziario non corrente (K) + (L) + (M) (13.854) (10.954) (10.129) (4.150) O. Posizione finanziaria netta (J) + (N) (33.413) (30.870) (15.206) (5.518) (*) La posizione finanziaria netta è stata determinata in conformità a quanto indicato nel Paragrafo n. 127 delle Raccomandazioni CESR 05-054b del gennaio 2005. 37
  • 39. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 4. FATTORI DI RISCHIO L’OPERAZIONE DESCRITTA NEL PRESENTE PROSPETTO INFORMATIVO PRESENTA GLI ELEMENTI DI RISCHIO TIPICI DI UN INVESTIMENTO IN AZIONI. AL FINE DI EFFETTUARE UN CORRETTO APPREZZAMENTO DELL’INVESTIMENTO, GLI INVESTITORI SONO INVITATI A VALUTARE GLI SPECIFICI FATTORI DI RISCHIO RELATIVI AD AICON ED ALLE SOCIETÀ DEL GRUPPO, AL SETTORE DI ATTIVITÀ IN CUI ESSE OPERANO, NONCHÉ AGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI. I FATTORI DI RISCHIO DESCRITTI DI SEGUITO DEVONO ESSERE LETTI CONGIUNTAMENTE ALLE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL PROSPETTO INFORMATIVO. I RINVII ALLE SEZIONI, AI CAPITOLI ED AI PARAGRAFI SI RIFERISCONO ALLE SEZIONI, AI CAPITOLI ED AI PARAGRAFI DEL PRESENTE PROSPETTO. 4.1 FATTORI DI RISCHIO RELATIVI ALL’ATTIVITÀ DI AICON E DEL GRUPPO AD ESSA FACENTE CAPO 4.1.1 RISCHI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO ORDINI NELL’AMBITO DEL CONTRATTO DI DEALERSHIP, I DEALER SOTTOSCRIVONO DEGLI ORDINI DI ACQUISTO CHE IL GRUPPO RACCOGLIE GENERALMENTE A PARTIRE DAI MESI DI GIUGNO, LUGLIO E AGOSTO, PER L’ANNO NAUTICO SUCCESSIVO, NONCHÉ NEL PRIMO TRIMESTRE DELL’ANNO NAUTICO, IN CUI SI CONCENTRANO ANCHE I PRINCIPALI SALONI DEL SETTORE. LA RACCOLTA DEGLI ORDINI DI ACQUISTO PERMETTE AL GRUPPO DI PROGRAMMARE IN ANTICIPO IL NUMERO E LA TIPOLOGIA DI IMBARCAZIONI DA AVVIARE ALLA PRODUZIONE. IL LIVELLO DI AFFIDABILITÀ DEL PORTAFOGLIO ORDINI È INFLUENZATO DAL VERSAMENTO DI UN ANTICIPO DA PARTE DEL DEALER AL MOMENTO DELLA SOTTOSCRIZIONE DELL’ORDINE DI ACQUISTO, CHE VIENE PERSO IN CASO DI RINUNCIA ALL’ACQUISTO. IL GRUPPO APPLICA LA POLITICA DI INCASSO DEGLI ACCONTI PREVISTA PER I DEALER ANCHE NELLE IPOTESI DI VENDITA DIRETTA AL CLIENTE FINALE (COME PUÒ AVVENIRE NEL CASO DELLA VENDITA DI MEGAYACHT) ANCHE SE, TRATTANDOSI DI TRATTIVE PRIVATE, IL RAPPORTO CON IL CLIENTE FINALE VIENE GESTITO CON MAGGIORE FLESSIBILITÀ. IL LIVELLO DI AFFIDABILITÀ DEL PORTAFOGLIO ORDINI È PERTANTO INFLUENZATO, NEL CASO DI TRATTATIVA DIRETTA, ANCHE DAL VERSAMENTO DI UN ANTICIPO DA PARTE DEL CLIENTE FINALE. NON È TUTTAVIA PREVISTA ALCUNA ULTERIORE PENALE IN CASO DI CANCELLAZIONE DELL’ORDINE GIÀ EFFETTUATO DA PARTE DEL DEALER OVVERO DA PARTE DEL CLIENTE FINALE OLTRE ALLA PERDITA DELL’IMPORTO VERSATO A TITOLO DI ACCONTO DAL DEALER AL MOMENTO DELLA SOTTOSCRIZIONE DELL’ORDINE DI ACQUISTO; PERTANTO, QUALORA UNO O PIÙ DEALER O CLIENTI FINALI A TRATTATIVA DIRETTA DOVESSERO CANCELLARE GLI ORDINI GIÀ EFFETTUATI, I RISULTATI DEL GRUPPO POTREBBERO ESSERNE INFLUENZATI NEGATIVAMENTE. ALLA DATA DEL 30 NOVEMBRE 2006, IL VALORE DEL PORTAFOGLIO ORDINI DEL GRUPPO AMMONTAVA A COMPLESSIVI 88,9 MILIONI DI EURO; ALLA MEDESIMA DATA, IL GRUPPO AVEVA INCASSATO ACCONTI PER EURO 3,5 MILIONI (PARI A CIRCA IL 3,9% DEL VALORE DEL PORTAFOGLIO ORDINI A TALE DATA). ALLA DATA DEL 22 FEBBRAIO 2007, IL VALORE DEL PORTAFOGLIO ORDINI DEL 38
  • 40. Sezione Prima GRUPPO AMMONTAVA A COMPLESSIVI 98,9 MILIONI DI EURO; ALLA MEDESIMA DATA, IL GRUPPO AVEVA INCASSATO ACCONTI PER EURO 4,5 MILIONI (PARI A CIRCA IL 4,6% DEL VALORE DEL PORTAFOGLIO ORDINI A TALE DATA). ANCHE PER LA SUA RECENTE STORIA OPERATIVA, IN PASSATO IL GRUPPO HA GESTITO CON FLESSIBILITÀ IL PROPRIO DIRITTO A RICHIEDERE IL VERSAMENTO DI UN ANTICIPO A FRONTE DELLA SOTTOSCRIZIONE DI UN IMPEGNO DI ACQUISTO. AL FINE DI OTTIMIZZARE IL PROFILO DEI FLUSSI DI CASSA E LA GESTIONE DEL CAPITALE CIRCOLANTE, IL GRUPPO STA PROGRESSIVAMENTE APPLICANDO SEMPRE MAGGIORE ATTENZIONE AL SISTEMA DI PAGAMENTO CHE PREVEDE IL VERSAMENTO DI ACCONTI, PARI A DETERMINATE PERCENTUALI DEL PREZZO DI ACQUISTO, IN DIVERSI MOMENTI (A PARTIRE DALLA FIRMA DELL’ORDINE, CON IL SALDO AL VARO). SI SEGNALA CHE, IN CONSIDERAZIONE DEGLI EFFETTI CHE LA GESTIONE DEL PORTAFOLIO ORDINI HA SUL CAPITALE CIRCOLANTE NETTO (POICHÈ MINORI SONO GLI IMPORTI INCASSATI A TITOLO DI ANTICIPO MAGGIORE È LA NECESSITÀ DI FARE RICORSO AI FLUSSI DI CASSA), LA SOCIETÀ STA PROGRESSIVAMENTE PONENDO IN ESSERE UNA POLITICA VOLTA AD INCREMENTARE LA MISURA DELL’ANTICIPO DA VERSARSI DA PARTE DEL DEALER AL MOMENTO DELLA SOTTOSCRIZIONE DELL’ORDINE. SI SEGNALA CHE, ALLA DATA DEL 30 NOVEMBRE 2006, IL FLUSSO DI CASSA CONSOLIDATO GENERATO DA ATTIVITÀ OPERATIVE ERA NEGATIVO PER UN AMMONTARE DI EURO 477 MIGLIAIA. QUALORA IL GRUPPO NON FOSSE IN GRADO DI PERSEGUIRE LA POLITICA SOPRA DESCRITTA, L’AMMONTARE DEI FLUSSI DI CASSA GENERATI DA ATTIVITÀ OPERATIVE ATTESI NEI PROSSIMI ESERCIZI POTREBBE ESSERNE INFLUENZATO NEGATIVAMENTE. PER ULTERIORI INFORMAZIONI SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.1.3. 4.1.2 RISCHI CONNESSI ALL’INDEBITAMENTO DELLA SOCIETÀ E ALLA DIPENDENZA DA FINANZIAMENTI ESTERNI AL GRUPPO ALLA DATA DEL 31 AGOSTO 2006 E ALLA DATA DEL 30 NOVEMBRE 2006, L’INDEBITAMENTO FINANZIARIO COMPLESSIVO LORDO DEL GRUPPO ERA PARI RISPETTIVAMENTE A EURO 39.205 MIGLIAIA ED EURO 45.414 MIGLIAIA. ALLA DATA DEL 31 GENNAIO 2007, GLI AFFIDAMENTI COMPLESSIVI AMMONTAVANO AD EURO 41.330 MIGLIAIA (DI CUI EURO 16.700 MIGLIAIA DERIVANTI DAI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO STIPULATI CON UNICREDIT BANCA D’IMPRESA S.P.A., UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E SAN PAOLO IMI S.P.A., CHE SONO ASSISTITI DA COVENANT E NEGATIVE PLEDGE, COSÌ COME DESCRITTI AL SUCCESSIVO PARAGRAFO DEL PRESENTE FATTORE DI RISCHIO) UTILIZZATI PER EURO 39.755 MIGLIAIA (DI CUI EURO 16.700 DERIVANTI DAI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO STIPULATI CON UNICREDIT BANCA D’IMPRESA S.P.A., UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E SAN PAOLO IMI S.P.A., CHE SONO ASSISTITI DA COVENANT E NEGATIVE PLEDGE DESCRITTI AL SUCCESSIVO PARAGRAFO DEL PRESENTE FATTORE DI RISCHIO), MENTRE GLI AFFIDAMENTI A BREVE TERMINE COMPLESSIVI AMMONTAVANO AD EURO 21.282 MIGLIAIA, UTILIZZATI PER EURO 19.707 MIGLIAIA. PER FINANZIARE LA PROPRIA CRESCITA, OLTRE ALL’UTILIZZO DELLA CASSA GENERATA DALL’ATTIVITÀ OPERATIVA, IL GRUPPO HA FATTO RICORSO ALL’INDEBITAMENTO FINANZIARIO ED HA IN ESSERE ALCUNI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO, STIPULATI CON DIVERSI ISTITUTI DI CREDITO. IN PARTICOLARE, IL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO IN ESSERE CON UNICREDIT BANCA D’IMPRESA 39
  • 41. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. S.P.A. NELLA QUALITÀ DI CAPOFILA DI UN POOL DI BANCHE, STIPULATO DA AICON E DA AICON YACHTS S.P.A. IN DATA 31 AGOSTO 2005 PER UN IMPORTO DI EURO 13 MILIONI, PREVEDE IL RISPETTO, A CARICO DI ENTRAMBE LE SOCIETÀ BENEFICIARIE DEL FINANZIAMENTO, DEI SEGUENTI PARAMETRI FINANZIARI RILEVATI SULLA BASE DEL BILANCIO CONSOLIDATO DI AICON REDATTO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI ITALIANI: (I) RAPPORTO TRA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA E MARGINE OPERATIVO LORDO UGUALE O INFERIORE A 1,5; (II) PATRIMONIO NETTO NON INFERIORE A EURO 9.208.127; (III) RAPPORTO TRA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA E PATRIMONIO NETTO UGUALE O INFERIORE A 2; A GARANZIA DI TALE FINANZIAMENTO AICON ED AICON YACHTS S.P.A. HANNO CONCESSO PEGNI, IPOTECHE E PRIVILEGI SPECIALI. INOLTRE, IL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO IN ESSERE CON UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. PER LA CONCESSIONE DI UNA LINEA DI CREDITO STAND BY DI EURO 2 MILIONI, STIPULATO DA AICON YACHTS S.P.A. IN DATA 26 APRILE 2004, PREVEDE IL RISPETTO DEI SEGUENTI PARAMETRI FINANZIARI RILEVATI SULLA BASE DEL BILANCIO CIVILISTICO DI AICON YACHTS S.P.A. REDATTO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI ITALIANI: (I) INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO NON SUPERIORE A 3 VOLTE IL PATRIMONIO NETTO; E (II) INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO NON SUPERIORE A 3 VOLTE IL MARGINE OPERATIVO LORDO. INFINE, IL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO IN ESSERE CON SAN PAOLO IMI S.P.A. PER LA CONCESSIONE DI UN FINANZIAMENTO DI EURO 1,7 MILIONI STIPULATO DA AICON IN DATA 31 AGOSTO 2006 PREVEDE IL RISPETTO DEI SEGUENTI PARAMETRI FINANZIARI RILEVATI SULLA BASE DEL BILANCIO CIVILISTICO DI AICON REDATTO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI ITALIANI: (I) POSIZIONE FINANZIARIA NETTA NON SUPERIORE A 2 VOLTE IL MARGINE OPERATIVO LORDO; E (II) POSIZIONE FINANZIARIA NETTA NON SUPERIORE A 1,5 VOLTE IL PATRIMONIO NETTO (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLI 8 E 10). ALLA DATA DEL PROSPETTO INFORMATIVO, L’EMITTENTE HA SEMPRE RISPETTATO I PARAMETRI FINANZIARI PREVISTI DAI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO CITATI E, PERTANTO, NON HA MAI SUBITO LIMITAZIONI NELL’UTILIZZO E NELLE CONDIZIONI DELLE SUDDETTE LINEE DI CREDITO. QUALORA IN FUTURO NON FOSSE IN CONDIZIONE DI RISPETTARE TALI PARAMETRI FINANZIARI, L’EMITTENTE POTREBBE ESSERE TENUTO AL RIMBORSO, IN TUTTO O IN PARTE, DI TALI FINANZIAMENTI. LE TABELLE CHE SEGUONO INDICANO LA MISURA CON CUI I PARAMETRI FINANZIARI PREVISTI DAI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO CON UNICREDIT BANCA D’IMPRESA S.P.A. E UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. SONO STATI RISPETTATI, CON RIFERIMENTO, RISPETTIVAMENTE, AL BILANCIO CONSOLIDATO DI AICON ED AL BILANCIO CIVILISTICO DI AICON YACHTS S.P.A., ENTRAMBI REDATTI SECONDO I PRINCIPI CONTABILI ITALIANI, AL 31 AGOSTO 2006. PER QUANTO ATTIENE IL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CON SAN PAOLO IMI S.P.A., LO STESSO È STATO STIPULATO IN DATA 31 AGOSTO 2006; PERTANTO, LA PRIMA VERIFICA IN MERITO AL RISPETTO DEI PARAMETRI FINANZIARI STABILITI IN TALE CONTRATTO AVVERRÀ IN OCCASIONE DELLA PREDISPOSIZIONE DEL BILANCIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2007. 31 agosto 2006 Target Rispetto dei target (Italian GAAP) UniCredit Banca d’Impresa S.p.A. EBITDA 20.716 PFN/ EBITDA 1,5 1,32 (Target rispettato con margine del 12%) Patrimonio Netto 17.292 PFN/Patrimonio Netto 2 1,58 (Target rispettato con margine del 21%) PFN 27.329 Patrimonio netto > 9.208 Patrimonio netto è superiore a Euro 9.208.127 40
  • 42. Sezione Prima 31 agosto 2006 Target Rispetto dei target (Italian GAAP) UniCredit Banca Mediocredito S.p.A. EBITDA 10.621 PFN/ EBITDA 3 1,74 (Target rispettato con margine del 42%) Patrimonio Netto 12.993 PFN/Patrimonio Netto 3 1,42 (Target rispettato con margine del 53%) PFN 18.499 SONO STATE INOLTRE RILASCIATE FIDEIUSSIONI DA SOCIETÀ DEL GRUPPO A FAVORE DI TERZI, PREVALENTEMENTE ISTITUTI DI CREDITO. TALI FIDEIUSSIONI PASSANO DA EURO 2.568 MIGLIAIA DEL 2005 AD EURO 2.078 MIGLIAIA DEL 2006. LA MOVIMENTAZIONE RIFLETTE LA SCADENZA DI ALCUNE DI ESSE NONCHÉ L’ACCENSIONE DI NUOVE FIDEIUSSIONI. LA TABELLA CHE SEGUE INDICA IL DETTAGLIO RELATIVO ALLE FIDEIUSSIONI RILASCIATE DALLE SOCIETÀ DEL GRUPPO IN ESSERE AL 31 AGOSTO 2006. COME SI EVINCE DALLA TABELLA SEGUENTE, ALCUNE FIDEIUSSIONI SONO STATE RILASCIATE A FAVORE DI SOGGETTI ESTERNI AL GRUPPO, COME AD ESEMPIO LA SOCIETÀ AIRONBLU S.R.L. CHE È USCITA DAL PERIMETRO DI CONSILODAMENTO NEL GIUGNO 2006 A SEGUITO DELLA VENDITA DELLA PARTECIPAZIONE DETENUTA DA AICON, PARI AL 70% DEL RELATIVO CAPITALE SOCIALE, AD AIRON ITALIA S.R.L. (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 5, PARAGRAFO 5.1.5). ALLA DATA DEL PROSPETTO INFORMATIVO NON RESIDUA ALCUN RISCHIO IN CAPO AL GRUPPO AICON PER LE FIDEIUSSIONI RILASCITE IN FAVORE DI AIRONBLU S.R.L IN QUANTO LE STESSE SONO STATE REVOCATE. Istituti bancari e/o assicurativi 31 - ago - 2006 A favore di Concessa da Motivazione (valori in Euro) Istituto San Paolo IMI S.p.A. 8.750,00 Adelfia S.p.A. Aicon S.p.A. Locazione Ufficio Aicon S.p.A. a Milano Istituto San Paolo IMI S.p.A. 240.003,00 Ministero delle Aicon S.p.A. Erogazione I° tranche di Attività Produttive contributo per anticipazione Europlastic Sud Banca di Roma S.p.A. 105.000,00 Banca di Roma per Aicon S.p.A. Affidamento società Aironblue S.r.l. Aironblue S.r.l. San Paolo Leasint 1.350.000,00 San Paolo Leasint Aicon S.p.A. Acquisto imbarcazione per Aironblue S.r.l. Aironblue S.r.l. Banca Intesa S.p.A. 150.000,00 Banca Intesa per Aicon Yachts S.p.A. Finanziamento Aironblue Aironblue S.r.l. S.r.l. Banca Intesa S.p.A. 54.000,00 FATA S.r.l. Aicon Yachts S.p.A. Locazione Area destinata ai servizi di post-vendita UniCredit Banca d’Impresa S.p.A. 170.000.00 Monte dei Paschi Aicon Interiors S.r.l. Acquisto opificio di Siena S.p.A. industriale in Villafranca, per eliminazione ipoteca Totale 2.077.753,00 LA SOCIETÀ HA INOLTRE POTUTO USUFRUIRE NEL TEMPO DI CONTRIBUTI CONCESSI DA ORGANISMI REGIONALI, NAZIONALI E COMUNITARI. I DECRETI DI CONCESSIONE DI TALI CONTRIBUTI PREVEDONO IL RISPETTO DI UNA SERIE DI CONDIZIONI ED OBBLIGHI (TRA CUI, AVER DICHIARATO DI NON AVER OTTENUTO, PRIMA DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE O, IN CASO CONTRARIO, AVER RESTITUITO E COMUNQUE DI RINUNCIARE AD OTTENERE, PER I BENI OGGETTO DEL PROGRAMMA DI INVESTIMENTI OGGETTO DELLA CONCESSIONE, ALTRE AGEVOLAZIONI DI QUALSIASI 41
  • 43. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. NATURA, NON DISTOGLIERE DALL’USO PREVISTO LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI O IMMATERIALI AGEVOLATE PRIMA DI 5 ANNI DALLA RELATIVA DATA DI ENTRATA IN FUNZIONE, OSSERVARE NEI CONFRONTI DEI LAVORATORI DIPENDENTI LE NORME SUL LAVORO ED I CONTRATTI COLLETTIVI DI LAVORO, NONCHÉ OPERARE NEL PIENO RISPETTO DELLE VIGENTI NORME EDILIZIE, URBANISTICHE E DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE, ULTIMARE IL PROGRAMMA DI INVESTIMENTO ENTRO DETERMINATI LIMITI TEMPORALI - COMPRESI TRA UN MINIMO DI 18 MESI ED UN MASSIMO DI 48 MESI, OSSERVARE LE SPECIFICHE NORME SETTORIALI, ANCHE COMUNITARIE, NON MODIFICARE, NEL CORSO DI REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA AGEVOLATO, L’INDIRIZZO PRODUTTIVO DELL’IMPIANTO, RESTITUIRE EVENTUALI SOMME NON DOVUTE GRAVATE DAGLI INTERESSI, COMUNICARE ALLA BANCA CONCESSIONARIA, ENTRO UN MESE DAL RICEVIMENTO DEL DECRETO DI CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI O DALLA DATA IN CUI SE NE VERIFICHINO LE CONDIZIONI, LA DATA DI ULTIMAZIONE DEL PROGRAMMA ED ENTRATA IN FUNZIONE DEI BENI AGEVOLATI, TRASMETTERE ALLA BANCA CONCESSIONARIA LA DOCUMENTAZIONE FINALE DI SPESA ENTRO E NON OLTRE 6 MESI DALLA DATA DI ULTIMAZIONE). L’EVENTUALE MANCATO RISPETTO DELLE CONDIZIONI ED OBBLIGHI PREVISTI NEI DECRETI DI CONCESSIONE PUÒ PORTARE AD OBBLIGHI DI RIMBORSO, TOTALI O PARZIALI, DI TALI CONTRIBUTI, FATTI SALVI GRAVI E GIUSTIFICATI MOTIVI DERIVANTI DA CAUSE DI FORZA MAGGIORE (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 20). ALLA DATA DEL PROSPETTO INFORMATIVO IL GRUPPO HA INCASSATO CONTRIBUTI PER I QUALI NON SONO STATI ANCORA EMANATI DECRETI DEFINITIVI DI CONCESSIONE PER CIRCA EURO 5.516,9 MIGLIAIA. NONOSTANTE IL FLUSSO DI CASSA GENERATO DALL’ATTIVITÀ OPERATIVA SIA STATO NEGATIVO ALLA CHIUSURA DEL PRIMO TRIMESTRE 2007, IL GRUPPO RITIENE DI POTER FAR FRONTE AL RIMBORSO DEL PROPRIO INDEBITAMENTO FINANZIARIO TRAMITE L’UTILIZZO DELLA CASSA GENERATA DALL’ATTIVITÀ OPERATIVA GIÀ A PARTIRE DALLA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO DEL 31 AGOSTO 2007, SULLA BASE DELLE PROIEZIONI E STIME RELATIVE SIA ALL’ANDAMENTO ECONOMICO SIA AI NUOVI INVESTIMENTI PREVISTI IN CORSO D’ANNO. OVE I FLUSSI DI CASSA GENERATI INTERNAMENTE DAL GRUPPO NON RISULTASSERO SUFFICIENTI A FINANZIARE IL PIANO DI CRESCITA, O OVE IL GRUPPO DOVESSE RESTITUIRE IN TUTTO O IN PARTE I CONTRIBUTI RICEVUTI, SI DOVRÀ FARE RICORSO AD ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO, CHE POTREBBERO NON ESSERE DISPONIBILI, OPPURE DISPONIBILI A CONDIZIONI RITENUTE NON SODDISFACENTI, CON CONSEGUENTI POSSIBILI EFFETTI NEGATIVI SULL’ATTIVITÀ E SUI FUTURI RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO. 4.1.3 RISCHI CONNESSI ALLA CRESCITA L’ATTIVITÀ DEL GRUPPO AICON È CRESCIUTA A RITMI CONSIDEREVOLI NEL CORSO DEGLI ULTIMI ANNI, REGISTRANDO UN FATTURATO PARI RISPETTIVAMENTE AD EURO 29.990 NELL’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2004, A EURO 36.764 NELL’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2005 ED A EURO 59.093 NELL’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2006, A FRONTE DI UN NUMERO DI IMBARCAZIONI VENDUTE PASSATE DALLE 28 UNITÀ DEL 2004, ALLE 31 UNITÀ DEL 2005 ED ALLE 40 UNITÀ DEL 2006 (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLI 6 E 9). TUTTAVIA, I DATI DI CRESCITA E DI REDDITIVITÀ OTTENUTI NEI PRIMI ANNI DI AVVIO DELL’ATTIVITÀ DEL GRUPPO NEL SETTORE DELLA PROGETTAZIONE, PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI IMBARCAZIONI A MOTORE DI LUSSO SONO RIFERITI AD UN 42
  • 44. Sezione Prima PERIODO DI TEMPO LIMITATO NON NECESSARIAMENTE INDICATIVO A FINI DI PREVISIONI DI CRESCITA E DI REDDITIVITÀ FUTURE. AICON INTENDE PROSEGUIRE TALE TREND DI CRESCITA TRAMITE UNA STRATEGIA BASATA SULL’AMPLIAMENTO DELLA GAMMA ESISTENTE DI MOTORYACHT E DI MEGAYACHT MEDIANTE LA COSTANTE INTRODUZIONE DI NUOVI MODELLI NELLE TIPOLOGIE FLYBRIDGE, OPEN E NAVETTA, FINO AD ARRIVARE A COPRIRE TUTTI I SEGMENTI DI MERCATO NELLA FASCIA DI IMBARCAZIONI E NAVI DA DIPORTO COMPRESE TRA I 40' E I 130'. AICON, INOLTRE, INTENDE RAFFORZARE LA PROPRIA PRESENZA COMMERCIALE NEI MERCATI GEOGRAFICI DI RIFERIMENTO E FARE IL SUO INGRESSO NEI MERCATI NON ANCORA PRESIDIATI E AD ALTO POTENZIALE DI CRESCITA, FACENDO PERNO AL TEMPO STESSO SU UN RAPIDO ADEGUAMENTO DELLA PROPRIA STRUTTURA PRODUTTIVA ED ORGANIZZATIVA (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.16). IL PERSEGUIMENTO DI TALE STRATEGIA DI CRESCITA IMPLICA LA SOGGEZIONE A RISCHI DI VARIO GENERE, NON TUTTI PREVENTIVAMENTE INDIVIDUABILI. SI SEGNALA PERALTRO CHE IL GRUPPO HA POSTO IN ESSERE ALCUNE AZIONI PROGRAMMATE VOLTE ALLA RICERCA DI NUOVI SITI PRODUTTIVI ED ALL’ALLARGAMENTO DELLA RETE DI DEALER. IL GRUPPO INOLTRE MONITORA COSTANTEMENTE L’ATTUAZIONE DELLA PROPRIA STRATEGIA DI CRESCITA INDIVIDUANDO, ALL’OCCORRENZA, LE NECESSARIE AZIONI CORRETTIVE; A TALE PROPOSITO, SI SEGNALA CHE L’UNICA CRITICITÀ RISCONTRATA HA RIGUARDATO LO SLITTAMENTO DELLA DISPONIBILITÀ DEL SITO PRODUTTIVO DI VILLAFRANCA, CHE AVREBBE DOVUTO ESSERE OPERATIVO A SETTEMBRE 2005 E CHE SI È, INVECE, RESO DISPONIBILE SOLTANTO NEL MESE DI MARZO 2006; CIONONOSTANTE, IL GRUPPO È STATO IN GRADO DI SUPPLIRE A TALE RITARDO SFRUTTANDO LA FLESSIBILITÀ DEI PROPRI SITI PRODUTTIVI E, PERTANTO, LA CAPACITÀ PRODUTTIVA DEL GRUPPO NON HA SUBITO ALCUNA VARIAZIONE. SALVO QUANTO APPENA DESCRITTO, ALLA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO, L’ATTUAZIONE DELLE STRATEGIE DI CRESCITA NON HA SUBITO RITARDI O IMPEDIMENTI. NON È PERTANTO POSSIBILE GARANTIRE CHE IL GRUPPO SIA IN GRADO DI MANTENERE I TASSI DI CRESCITA DEGLI ULTIMI TRE ESERCIZI ANCHE NEGLI ESERCIZI SUCCESSIVI NÉ CHE LA STRATEGIA DI CRESCITA DIMENSIONALE DEL GRUPPO CONSENTA DI MANTENERE INVARIATI I LIVELLI DI MARGINE FIN QUI CONSEGUITI. IL GRUPPO AICON POTREBBE INCONTRARE DELLE DIFFICOLTÀ IMPREVISTE NELLA GESTIONE DEGLI ADATTAMENTI DELLA STRUTTURA INDUSTRIALE, COMMERCIALE E FINANZIARIA, QUALI AD ESEMPIO L’ADEGUAMENTO A COSTI SOSTENIBILI DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA E DI APPROVVIGIONAMENTO, NELL’AMPLIAMENTO DELLA RETE DI DEALER, NELL’INGRESSO IN NUOVE AREE DI MERCATO OVVERO NELL’ACCESSO A RISORSE FINANZIARIE LIQUIDE. INOLTRE, TENUTO CONTO DELLA STRATEGIA DI CRESCITA E DI INCREMENTO DELLA PRODUZIONE, NON È POSSIBILE GARANTIRE CHE LA SOCIETÀ SIA SEMPRE IN GRADO DI MANTENERE INALTERATI NEL TEMPO GLI ATTUALI STANDARD QUALITATIVI CHE CARATTERIZZANO LE PROPRIE IMBARCAZIONI E DI MANTENERE ADEGUATI LIVELLI DI SERVIZI POST VENDITA. DETTE CIRCOSTANZE POTREBBERO CONDIZIONARE IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI CRESCITA E DI MARGINE PERSEGUITI ED AVERE UN IMPATTO NEGATIVO SUI RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO. 43
  • 45. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 4.1.4 RISCHI CONNESSI AL RAPPORTO OPERATIVO CON I DEALER IL MANAGEMENT DELLA SOCIETÀ RITIENE CHE LA DIVERSIFICAZIONE E L’EFFICIENZA DELLA PROPRIA RETE DI DEALER SIANO UN FATTORE CRITICO DEL PROPRIO SUCCESSO E, PERTANTO, DEDICA COSTANTE ATTENZIONE AL RAPPORTO CON I PRINCIPALI DEALER AL FINE DI CONSOLIDARE LA RELAZIONE E MASSIMIZZARNE I RITORNI. IL GRUPPO INTENDE CONSOLIDARE I RAPPORTI CON I PROPRI DEALER ATTRAVERSO UNA POLITICA BASATA PREVALENTEMENTE: (I) SULLA VALORIZZAZIONE DEL MARCHIO AICON; (II) SULL’OFFERTA AI PROPRI DEALER DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE E DI ASSISTENZA POST- VENDITA; (III) SU UNA POLITICA DI SCONTI DIRETTAMENTE PROPORZIONALE AL NUMERO DI IMBARCAZIONI ACQUISTATE DA OGNI DEALER; E (IV) SULL’ISTITUZIONE DEL PREMIO DEALER DELL’ANNO. TUTTAVIA, CONSIDERATA LA LIMITATA STORIA OPERATIVA DELL’EMITTENTE NEL SETTORE DELLA NAUTICA DA DIPORTO ED IL RAPIDO SVILUPPO REGISTRATO NEL CORSO DEGLI ULTIMI ANNI DELLA PROPRIA RETE DI DEALER, IL RAPPORTO CON ALCUNI DI ESSI NON PUÒ ANCORA CONSIDERARSI CONSOLIDATO. IL PRIMO DEALER ED I PRIMI CINQUE DEALER HANNO INCISO, RISPETTIVAMENTE, PER CIRCA L’8,6% E PER CIRCA IL 32% SUL FATTURATO CONSOLIDATO DEL GRUPPO PER L’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2006. QUALORA IL GRUPPO NON FOSSE IN GRADO DI MANTENERE RAPPORTI CON I PRINCIPALI DEALER ESISTENTI NONCHÉ DI INSTAURARE RAPPORTI CON NUOVI DEALER IN LINEA CON LA PROPRIA STRATEGIA DI CRESCITA, I RISULTATI DEL GRUPPO POTREBBERO ESSERNE PREGIUDICATI. PER ULTERIORI INFORMAZIONI SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFI 6.1.4 E 6.1.6. 4.1.5 RISCHI CONNESSI ALLA DIPENDENZA DA FIGURE CHIAVE IL GRUPPO AICON ANNOVERA ALCUNE FIGURE CHIAVE ALL’INTERNO DELLA PROPRIA STRUTTURA, CHE, GRAZIE ALLA ESPERIENZA MATURATA NEL SETTORE ED ALLA PROFONDA CONOSCENZA DELL’ATTIVITÀ DI AICON CONSEGUITA IN FORZA DEL RAPPORTO PLURIENNALE CON IL GRUPPO, HANNO CONTRIBUITO IN MANIERA DETERMINANTE AL SUCCESSO DELLO STESSO; TRA QUESTE, IN PARTICOLARE, L’ARCH. SICLARI, ATTUALE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ED AMMINISTRATORE DELEGATO, NONCHÉ FONDATORE DEL GRUPPO AICON. TRA LE FIGURE CHIAVE ALL’INTERNO DEL GRUPPO AICON SI SEGNALA INOLTRE L’ARCH. MANNINO, CHE COLLABORA CON IL CENTRO STILE DEL GRUPPO. PER ULTERIORI INFORMAZIONI SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.1.4 E CAPITOLO 14. QUALORA DOVESSE INTERROMPERSI IL RAPPORTO TRA IL GRUPPO ED UNA O PIÙ DELLE SUDDETTE FIGURE CHIAVE, NON CI SONO GARANZIE CHE IL GRUPPO RIESCA A SOSTITUIRLE TEMPESTIVAMENTE CON SOGGETTI EGUALMENTE QUALIFICATI ED IDONEI AD ASSICURARE, NEL BREVE PERIODO, IL MEDESIMO APPORTO, CON CONSEGUENTI POSSIBILI EFFETTI NEGATIVI SUI RISULTATI DEL GRUPPO. 44
  • 46. Sezione Prima 4.1.6 RISCHI CONNESSI ALL’OPERATIVITÀ SU PIÙ MERCATI INTERNAZIONALI IL GRUPPO AICON VENDE I PROPRI PRODOTTI IN 29 PAESI. NELL’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2006, I RICAVI NETTI GENERATI AL DI FUORI DEI CONFINI ITALIANI SONO STATI PARI AL 38% DEI RICAVI NETTI CONSOLIDATI. LA PRESENZA INTERNAZIONALE DEL GRUPPO NONCHÉ LA STRATEGIA INDIRIZZATA AD UN’ULTERIORE ESPANSIONE ALL’ESTERO POTREBBERO ESPORRE IL GRUPPO A RISCHI DI VARIA NATURA, DERIVANTI, A TITOLO ESEMPLIFICATIVO, DA MUTAMENTI DEL QUADRO NORMATIVO LOCALE, DELLA SITUAZIONE POLITICA, SOCIALE ED ECONOMICA E DA EVENTI STRAORDINARI QUALI GUERRE, DISORDINI CIVILI ED ATTI DI TERRORISMO (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.1.6 E CAPITOLO 9). LA PROBABILITÀ CHE TALI EVENTI SI VERIFICHINO VARIA DA PAESE A PAESE ED È DI DIFFICILE PREVISIONE; TUTTAVIA UNO O PIÙ DI TALI EVENTI POTREBBE AVERE UN IMPATTO NEGATIVO SUI RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI E SULLE PROSPETTIVE DEL GRUPPO AICON. 4.1.7 RISCHI CONNESSI ALLA ESTERNALIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE IL MODELLO DI BUSINESS DI AICON SI CARATTERIZZA PER UN ELEVATO GRADO DI INTEGRAZIONE VERTICALE. NONOSTANTE IL GRUPPO RICORRA IN MANIERA SELETTIVA ALL’OUTSOURCING EFFETTUANDO, INOLTRE, CONTROLLI DELLE FASI DI LAVORAZIONE AFFIDATE A SOCIETÀ ESTERNE, L’ESTERNALIZZAZIONE DEL LAVORO NON CONSENTE, TUTTAVIA, AL GRUPPO DI ESERCITARE UN CONTROLLO DIRETTO SULLE FASI DI LAVORAZIONE ESTERNALIZZATE. CIÒ POTREBBE IMPLICARE RITARDI NELLA CONSEGNA DELLE IMBARCAZIONI, NONCHÉ RIFLETTERSI NEGATIVAMENTE SULL’IMMAGINE E SULLE VENDITE DEL GRUPPO, CON POSSIBILE PREGIUDIZIO PER I RISULTATI ED IL SUCCESSO DEL GRUPPO. SI SEGNALA, PERALTRO, CHE LE ATTIVITÀ AFFIDATE A SOCIETÀ ESTERNE AL GRUPPO SONO ESCLUSIVAMENTE A BASSO VALORE AGGIUNTO (ATTIVITÀ DI CARROZZERIA, CARPENTERIA DI PREALLESTIMENTO, LAVORAZIONI SUGLI ACCIAI); INOLTRE IL GRUPPO SI AVVALE DI UNA STRUTTURA INTERNA CHE SVOLGE UN CONTINUO CONTROLLO SULLA QUALITÀ DELLE LAVORAZIONI ESTERNE, ATTRAVERSO L’UTILIZZO DI UN DOCUMENTO DI COLLAUDO ED IDONEITÀ VOLTO A MONITORARE OGNI PASSAGGIO DELLA FASE PRODUTTIVA SVOLTA IN OUTSORCING. GLI ACCORDI CONTRATTUALI PREVEDONO, INOLTRE, ADDEBITI ALLA SOCIETÀ ESTERNA, IN CASO DI NON CONFORMITÀ DELLE LAVORAZIONI AGLI STANDARD RICHIESTI. ALLO STESSO MODO, IN OCCASIONE DELLA STIPULA DEL CONTRATTO DI APPALTO E DEL RELATIVO ORDINE DI ESECUZIONE INVIATO DAL GRUPPO, VIENE CHIARAMENTE INDICATA LA DATA DI ESECUZIONE DEI LAVORI E, ANCHE IN QUESTO CASO, IL GRUPPO OPERA UN CONTINUO MONITORAGGIO DELL’AVANZAMENTO DEI LAVORI, PROCEDENDO ALL’EMISSIONE DI UNA NOTA DI DEBITO PER EVENTUALI RITARDI. I COSTI PER LAVORAZIONI AFFIDATE A SOCIETÀ ESTERNE AL GRUPPO HANNO INCISO, SUL TOTALE DEI COSTI DI PRODUZIONE, PER IL 24,5% NELL’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2004, PER IL 27,1% NELL’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2005 E PER IL 28,5% NELL’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2006. PER ULTERIORI INFORMAZIONI SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.1.4. 45
  • 47. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 4.1.8 RISCHI CONNESSI ALLA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO ED AGLI INTERVENTI IN GARANZIA EVENTUALI DIFETTI DI PROGETTAZIONE E DI PRODUZIONE DEI PRODOTTI DEL GRUPPO AICON POSSONO GENERARE UNA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO NEI CONFRONTI DI SOGGETTI TERZI NEI PAESI IN CUI OPERA, INCLUSI GLI STATI UNITI D’AMERICA, DOVE LE CAUSE RELATIVE AD INFORTUNI PERSONALI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO POSSONO COMPORTARE SIGNIFICATIVI OBBLIGHI DI RISARCIMENTO DEI DANNI. NEGLI ULTIMI ANNI, LE SOCIETÀ DEL GRUPPO NON SONO STATE COINVOLTE IN PROCEDIMENTI O TRANSAZIONI CONNESSE A RICHIESTE DI RISARCIMENTO PER DANNI CAUSATI DA DIFETTI DEI PRODOTTI. TUTTAVIA, NON VI PUÒ ESSERE CERTEZZA CHE, NEL CASO DI AZIONI PER IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAGIONATI DA PRODOTTI DIFETTOSI, IL GRUPPO NON DEBBA SOSTENERE COSTI SIGNIFICATIVI CON CONSEGUENTE IMPATTO NEGATIVO SUI RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI. ALLA DATA DEL PROSPETTO LA SOCIETÀ NON HA STIPULATO APPOSITE POLIZZE ASSICURATIVE PER TUTELARSI RISPETTO AL RISCHIO DI RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO; LA SOCIETÀ HA, TUTTAVIA, COSTITUITO UN APPOSITO FONDO COPERTURA RISCHI GARANZIA PRODOTTI CHE, AL 31 AGOSTO 2006, AMMONTA AD EURO 1.598.997, FONDO RITENUTO CONGRUO DA AMMINISTRATORI E SINDACI DI AICON. CONSIDERATA LA GARANZIA CONTRATTUALE (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.1.4) DEL COSTRUTTORE CON LA QUALE VENGONO VENDUTE LE IMBARCAZIONI AICON, NON SI PUÒ, INOLTRE, ESCLUDERE LA POSSIBILITÀ CHE VENGANO AVANZATE RICHIESTE DI INTERVENTO IN GARANZIA PARTICOLARMENTE ONEROSE PER LA SOCIETÀ ED IN GRADO DI INFICIARE LA SITUAZIONE ECONOMICA, FINANZIARIA E PATRIMONIALE DEL GRUPPO. ALLA DATA DEL PROSPETTO INFORMATIVO, NON SONO STATE PROMOSSE AZIONI GIUDIZIARIE NEI CONFRONTI DI SOCIETÀ DEL GRUPPO RELATIVAMENTE A RICHIESTE DI INTERVENTI IN GARANZIA. L’EVENTUALE PROMOZIONE DI AZIONI GIUDIZIARIE DA PARTE DI TERZI, INDIPENDENTEMENTE DALLA FONDATEZZA DELLE PRETESE AVANZATE, COSÌ COME RICHIESTE DI INTERVENTO IN GARANZIA PARTICOLARMENTE SIGNIFICATIVE, POTREBBE COMPORTARE UN DANNO, ANCHE RILEVANTE, ALL’IMMAGINE ED ALLA REPUTAZIONE DI CUI GODE IL GRUPPO NEL MERCATO DI RIFERIMENTO. 4.1.9 RISCHI RELATIVI A EVENTI STRAORDINARI CHE POSSANO DETERMINARE INTERRUZIONI DELL’ATTIVITÀ EVENTI NATURALI CATASTROFICI (QUALI, AD ESEMPIO, TERREMOTI E FENOMENI METEOROLOGICI VIOLENTI) CHE COLPISSERO IL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI MESSINA IN CUI SONO CONCENTRATI I CANTIERI DELLA SOCIETÀ O ALTRI EVENTI NEGATIVI STRAORDINARI (AD ESEMPIO, GRAVI GUASTI ALLE APPARECCHIATURE, INTERRUZIONI SIGNIFICATIVE DI RIFORNIMENTI DI MATERIE PRIME O SEMILAVORATI O ENERGIA, INCENDI, SABOTAGGI O ATTENTATI) POTREBBERO COMPORTARE L’INTERRUZIONE TOTALE O PARZIALE DELL’ATTIVITÀ DEI CANTIERI DEL GRUPPO. NEL CORSO DELL’ULTIMO TRIENNIO NON SI SONO VERIFICATE INTERRUZIONI DELL’ATTIVITÀ PRESSO GLI STABILIMENTI INDUSTRIALI DEL GRUPPO TALI DA INCIDERE IN MISURA SIGNIFICATIVA SULLA SUA OPERATIVITÀ, MA NON È POSSIBILE ESCLUDERE CHE SI POSSANO VERIFICARE EVENTUALI 46
  • 48. Sezione Prima INTERRUZIONI DELL’ATTIVITÀ PRESSO I CANTIERI O GLI UFFICI DEL GRUPPO DOVUTE AD EVENTI STRAORDINARI AL DI FUORI DEL CONTROLLO DELLA SOCIETÀ, CON UN EFFETTO NEGATIVO SULLA SITUAZIONE ECONOMICA, PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL GRUPPO. ALLA DATA DEL PROSPETTO LA SOCIETÀ NON HA STIPULATO APPOSITE POLIZZE ASSICURATIVE PER TUTELARSI RISPETTO AL RISCHIO DI INTERRUZIONE DELL’ATTIVITÀ. 4.1.10 RISCHI CONNESSI ALLA TUTELA DEI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE L’AFFERMAZIONE NEL TEMPO DEI PRODOTTI DEL GRUPPO DIPENDE IN MISURA SIGNIFICATIVA DALLA MESSA A PUNTO DI SOLUZIONI INNOVATIVE PER DESIGN ED ERGONOMIA. A TAL FINE, IL GRUPPO FA AFFIDAMENTO SULLE LEGGI A TUTELA DELLA PROTEZIONE LEGALE DEI PROPRI DIRITTI DI PROPRIETÀ INDUSTRIALE DERIVANTE DALLA REGISTRAZIONE DEGLI STESSI, NONCHÉ SULLA PROTEZIONE DEL PROPRIO KNOW HOW INDUSTRIALE AI SENSI DELLA NORMATIVA APPLICABILE, AL FINE DI EVITARE IL RISCHIO DI IMITAZIONE O DI RIPRODUZIONE DEI PRODOTTI DA PARTE DEI CONCORRENTI O DI TERZI NON AUTORIZZATI (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.5). INOLTRE, NEL CORSO DELL’ULTIMO TRIENNIO, IL GRUPPO NON È STATO COINVOLTO IN VERTENZE GIUDIZIARIE AVENTI AD OGGETTO LA TUTELA DEI DIRITTI DI PRIVATIVA. TUTTAVIA NON VI È CERTEZZA CHE IL GRUPPO SIA IN GRADO DI OTTENERE IN TUTTE LE GIURISDIZIONI IN CUI OPERA UN’EFFICACE TUTELA DEI PROPRI DIRITTI DI PRIVATIVA. INOLTRE, SEBBENE IL MANAGEMENT RITENGA CHE I PRODOTTI DEL GRUPPO NON VIOLINO DIRITTI DI PRIVATIVA DI TERZI, NON È POSSIBILE ESCLUDERE CHE TERZE PARTI SOSTENGANO CON SUCCESSO, ANCHE IN SEDE GIUDIZIARIA, LA SUSSISTENZA DI TALI VIOLAZIONI. QUALORA UNO O PIÙ DI TALI EVENTI SI VERIFICHI, CIÒ POTREBBE AVERE UN IMPATTO NEGATIVO SUI RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI E SULLE PROSPETTIVE DEL GRUPPO AICON. 4.1.11 RISCHI CONNESSI AI PROCEDIMENTI GIUDIZIALI E ARBITRALI IN ESSERE CHE COINVOLGONO SOCIETÀ DEL GRUPPO E IL PRESIDENTE ED AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA SOCIETÀ ALLA DATA DEL PROSPETTO INFORMATIVO RISULTANO PENDENTI PROCEDIMENTI GIUDIZIALI E ARBITRALI CHE COINVOLGONO SOCIETÀ DEL GRUPPO, NONCHÉ IL PRESIDENTE ED AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA SOCIETÀ, ARCH. PASQUALE SICLARI. I CONTENZIOSI MAGGIORMENTE RILEVANTI CHE COINVOLGONO LA SOCIETÀ SONO DUE PROCEDIMENTI ARBITRALI PER I QUALI LE RICHIESTE AVANZATE CONTRO AICON YACHTS S.P.A. AMMONTANO, RISPETTIVAMENTE, AD EURO 1,650 MILIONI ED EURO 1,5 MILIONI (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 20, PARAGRAFO 20.4). NONOSTANTE LA SOCIETÀ RITENGA TALI RICHIESTE INFONDATE, HA PROCEDUTO AD EFFETTUARE UN ACCANTONAMENTO A FONDO RISCHI ED ONERI NELL’AMBITO DEL BILANCIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2006, PER UN IMPORTO DI EURO 420.000, PORTANDO IL FONDO AD UN IMPORTO COMPLESSIVO DI EURO 649.000. AD ESITO DI SVILUPPI SUL FRONTE DI TALI PROCEDIMENTI EMERSI SUCCESSIVAMENTE ALL’APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 NOVEMBRE 2006, CHE PRESENTAVA UN PATRIMONIO NETTO PARI AD EURO 13.750 MIGLIAIA, LA SOCIETÀ INTENDE PRUDENZIALMENTE PROCEDERE AD UN INCREMENTO DEL SUDDETTO FONDO RISCHI ED ONERI PER ULTERIORI COMPLESSIVI EURO 750.000 IN OCCASIONE DELL’APPROVAZIONE DELLA 47
  • 49. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. PROSSIMA RELAZIONE SEMESTRALE. IN OGNI CASO NON È POSSIBILE ASSICURARE CHE GLI ACCANTONAMENTI EFFETTUATI SIANO SUFFICIENTI. L’ESITO NEGATIVO DI UNO O PIÙ DEI SUDDETTI PROCEDIMENTI PER IMPORTI SUPERIORI RISPETTO A QUELLI ACCANTONATI POTREBBE AVERE EFFETTI NEGATIVI SUI RISULTATI ECONOMICI DEL GRUPPO NEL PERIODO DI COMPETENZA ED EVENTUALMENTE SUL PATRIMONIO NETTO DELLO STESSO. LA SOCIETÀ È INOLTRE A CONOSCENZA DEL FATTO CHE L’ATTUALE PRESIDENTE E AMMINISTRATORE DELEGATO DELL’EMITTENTE, ARCH. SICLARI, È OGGETTO DI UN PROCEDIMENTO PENALE PER I REATI DI CUI AGLI ARTICOLI 81, 110 E 640-BIS DEL C.P. (CONCORSO IN TRUFFA AGGRAVATA PER IL CONSEGUIMENTO DI EROGAZIONI PUBBLICHE) E PER I REATI DI CUI ALL’ART. 4 LETT. D) LEGGE 516/82 (ART. 8 D.LGS. 74/2000 - EMISSIONE DI FATTURE O ALTRI DOCUMENTI PER OPERAZIONI IN TUTTO O IN PARTE INESISTENTI), PROMOSSO NEL 2003 DALLA PROCURA DI MESSINA RELATIVAMENTE A FINANZIAMENTI PUBBLICI EROGATI ALLA SOCIETÀ AICON S.P.A, FINANZIAMENTI EROGATI TRA GLI ANNI 1996 E 2000 PER UN TOTALE COMPLESSIVO DI CIRCA EURO 750.000 (A FRONTE DI INVESTIMENTI FINANZIATI PER UN TOTALE DI CIRCA EURO 3 MILIONI) E SUCCESSIVAMENTE TUTTI CONFERMATI IN VIA DEFINITIVA DAL COMPETENTE MINISTERO DELL’INDUSTRIA COMMERCIO ED ARTIGIANATO. IL MEDESIMO MINISTERO INOLTRE, AD ESITO DI APPOSITA VERIFICA, NON HA INTESO ESERCITARE I DIRITTI DELLA PARTE OFFESA OVVERO COSTITUIRSI PARTE CIVILE, ELIMINANDO PERTANTO OGNI RESIDUA POSSIBILITÀ DI AZIONI RESTITUTORIE RELATIVE AI FINANZIAMENTI ASSEGNATI. IN DATA 7 NOVEMBRE 2006, LA CORTE D’APPELLO DI MESSINA, ANNULLANDO UNA PRECEDENTE SENTENZA DI CONDANNA PRONUNCIATA DAL TRIBUNALE DI BARCELLONA POZZO DI GOTTO, HA ASSOLTO L’ARCH. SICLARI CON FORMULA PIENA “PERCHÈ IL FATTO NON SUSSISTE”. AVVERSO TALE SENTENZA, IN DATA 17 MARZO 2007, È STATO NOTIFICATO ALLA DIFESA DELL’ARCH. SICLARI ATTO DI RICORSO PER CASSAZIONE DELLA COMPETENTE PROCURA GENERALE, DEPOSITATO PRESSO LA CANCELLERIA DELLA CORTE D’APPELLO DI MESSINA IN DATA 14 MARZO 2007. LA SOCIETÀ, SULLA SCORTA DEL PARERE DEI PENALISTI INCARICATI, RITIENE CHE IL PROCEDIMENTO IN QUESTIONE NON SIA DESTINATO AD INFLUIRE SULL’ATTIVITÀ DELLA SOCIETÀ E SUL RUOLO DEL SUO PRESIDENTE E AMMINISTRATORE DELEGATO; CIÒ IN QUANTO, IN PRIMO LUOGO, LE EVIDENZE PROBATORIE A DISCARICO DELL’ARCH. SICLARI, COSÌ COME RECEPITE DALLA CORTE D’APPELLO, SONO TALI DA FAR RAGIONEVOLMENTE RITENERE CHE LA PIENA ASSOLUZIONE DELL’ARCH. SICLARI SARÀ CONFERMATA; IN OGNI CASO, IN QUANTO I TEMPI DEL PROCEDIMENTO ATTUALMENTE STIMABILI SONO TALI DA DETERMINARE IL PROBABILE SOPRAGGIUNGERE DELLA PRESCRIZIONE DEI REATI ASCRITTI PRIMA DEL PRONUNCIAMENTO DI SENTENZA DEFINITIVA. NON È TUTTAVIA POSSIBILE PREVEDERE CON CERTEZZA L’ESITO DEL PROCEDIMENTO. QUALORA IL PROCEDIMENTO SUDDETTO DOVESSE CONCLUDERSI IN SENSO SFAVOREVOLE, CIÒ POTREBBE INCIDERE SULL’IMMAGINE DEL PRESIDENTE E AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA SOCIETÀ NONCHÈ, EVENTUALMENTE, SULLA SUA CAPACITÀ DI RICOPRIRE CARICHE NELLA SOCIETÀ, CON POSSIBILE RIFLESSO NEGATIVO SULL’ATTIVITÀ DEL GRUPPO. PER MAGGIORI INFORMAZIONI SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 20, PARAGRAFO 20.4. 48
  • 50. Sezione Prima 4.1.12 RISCHI CONNESSI AI PROCEDIMENTI DI NATURA FISCALE AICON YACHTS S.P.A. È COINVOLTA IN ALCUNI CONTENZIOSI FISCALI RELATIVI AD AVVISI DI ACCERTAMENTO EMESSI DALL’AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA ED IMPUGNATI INNANZI ALLE COMMISSIONI TRIBUTARIE E RELATIVI, IN PARTICOLARE, A PRESUNTE VIOLAZIONE AI FINI IRPEG, IRAP ED IVA PER I PERIODI DI IMPOSTA 1998, 1999 E 2000. A GIUDIZIO DELLA SOCIETÀ, ANCHE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI RICEVUTE DAI PROFESSIONISTI INCARICATI, GLI ATTI IMPOSITIVI SARANNO CON BUONA PROBABILITÀ ANNULLATI. QUALORA DOVESSE COMUNQUE VERIFICARSI LA REIEZIONE DEI RICORSI, L’AMMONTARE DELLE MAGGIORI IMPOSTE E DELLE SANZIONI SAREBBE PARI A COMPLESSIVI EURO 3.156 MIGLIAIA, OLTRE GLI INTERESSI DI LEGGE. INOLTRE, IN DATA 15 GENNAIO 2007 L’AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DI PALERMO HA INIZIATO UNA VERIFICA PER IL PERIODO D’IMPOSTA 01/09/2004 – 31/08/2005. IN RELAZIONE AI CONTENZIOSI SOPRA MENZIONATI, LA SOCIETÀ NON HA RITENUTO DI DOVER EFFETTUARE ACCANTONAMENTI IN BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DELLE POSITIVE INDICAZIONI ESPRESSE DAI PROFESSIONISTI INCARICATI DELLA DIFESA SULLA RAGIONEVOLE POSSIBILITÀ DEL BUON ESITO DEI PROCEDIMENTI SOPRA DESCRITTI. A TAL PROPOSITO SI RILEVA CHE GLI ORGANI DI CONTROLLO INTERNO ED ESTERNO NON HANNO ECCEPITO ALCUNCHÉ SIA NEI VERBALI TRIMESTRALI CHE NELLE RELAZIONI SUI BILANCI IN RELAZIONE AL MANCATO ACCANTONAMENTO DI ALCUN IMPORTO RELATIVAMENTE AL CONTENZIOSO FISCALE IN ESSERE SOPRA DESCRITTO. PER ULTERIORI INFORMAZIONI SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 20, PARAGRAFO 20.3. 4.1.13 RISCHI CONNESSI ALLE OSCILLAZIONI DEI TASSI DI INTERESSE AL 31 AGOSTO 2006 IL 31% CIRCA DEL TOTALE DELL’INDEBITAMENTO DEL GRUPPO, PARI AD EURO 12.029 MIGLIAIA, ERA A TASSO VARIABILE. IL GRUPPO HA CONCLUSO CONTRATTI DERIVATI PER COPRIRE I RISCHI DI FLUTTUAZIONE PER UN IMPORTO NOZIONALE DI COMPLESSIVI EURO 10.500 MIGLIAIA. IL TASSO DI COPERTURA, PERTANTO, RISULTA ESSERE PARI ALL’87,29%. NON È, TUTTAVIA, POSSIBILE ESCLUDERE CHE FUTURE FLUTTUAZIONI DEI TASSI DI INTERESSE POSSANO AVERE CONSEGUENZE NEGATIVE SULLA SITUAZIONE ECONOMICA, FINANZIARIA E PATRIMONIALE DEL GRUPPO. PER ULTERIORI INFORMAZIONI SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 10. 4.1.14 RISCHI CONNESSI ALL’IMPLEMENTAZIONE DELLA GESTIONE DI CASSA E TESORERIA CENTRALIZZATA SI SEGNALA CHE, ALLA DATA DEL PROSPETTO INFORMATIVO, IL GRUPPO NON HA ANCORA IMPLEMENTATO UNA GESTIONE DI CASSA E TESORERIA CENTRALIZZATA; PERTANTO OGNI SOCIETÀ DEL GRUPPO PROVVEDE SEPARATAMENTE ALLA GESTIONE DEGLI IMPIEGHI E DELLE PROPRIE DISPONIBILITÀ FINANZIARIE. SI SEGNALA, TUTTAVIA, CHE LA TESORERIA DELL’EMITTENTE È 49
  • 51. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. RESPONSABILE DEL BUDGET FINANZIARIO E DEL REPORTING PERIODICO PER TUTTE LE ENTITÀ DEL GRUPPO. PER ULTERIORI INFORMAZIONI SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 10, PARAGRAFO 10.1. 4.1.15 RISCHI CONNESSI AI TEMPI DI ADEGUAMENTO ALLA DISCIPLINA DI CORPORATE GOVERNANCE PREVISTA PER LE SOCIETÀ QUOTATE L’ASSEMBLEA STRAORDINARIA DI AICON, TENUTASI IN DATA 15 DICEMBRE 2006, HA ADOTTATO UN NUOVO TESTO DI STATUTO SOCIALE CHE ENTRERÀ IN VIGORE ALLA DATA DEL PROVVEDIMENTO DI AMMISSIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA SOCIETÀ SULL’MTA, SEGMENTO STAR, DA PARTE DI BORSA ITALIANA. A TAL PROPOSITO SI SEGNALA CHE LE DISPOSIZIONI DI TALE STATUTO IN MATERIA DI NOMINA DEI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA BASE DI LISTE PRESENTATE DAI SOCI POTRANNO TROVARE APPLICAZIONE SOLO A DECORRERE DALL’ASSEMBLEA CONVOCATA PER L’APPROVAZIONE DEL BILANCIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2007; ALLO STESSO MODO, LE DISPOSIZIONI IN TEMA DI NOMINA DEL PRESIDENTE DEL COLLEGIO SINDACALE FRA I SINDACI ELETTI DALLA MINORANZA POTRANNO TROVARE APPLICAZIONE SOLO A DECORRERE DALL’ASSEMBLEA CONVOCATA PER L’APPROVAZIONE DEL BILANCIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2009. SI SEGNALA CHE, SUCCESSIVAMENTE ALL’APPROVAZIONE DEL NUOVO TESTO DI STATUTO SOCIALE, È ENTRATO IN VIGORE IL DECRETO LEGISLATIVO 29 DICEMBRE 2006 N. 303, RECANTE NORME DI COORDINAMENTO DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI IN MATERIA BANCARIA E CREDITIZIA E DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA CON LA LEGGE 28 DICEMBRE 2005, N. 262 (LA C.D. “LEGGE SUL RISPARMIO”). LA SOCIETÀ STA PERTANTO VALUTANDO QUALI MODIFICHE APPORTARE AL PROPRIO STATUTO AL FINE DI RENDERE IL MEDESIMO CONFORME ALLE NUOVE DISPOSIZIONI NORMATIVE INTRODOTTE DAL DECRETO LEGISLATIVO 29 DICEMBRE 2006 N. 303. VI SONO PERALTRO ALCUNE DISPOSIZIONI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA, COSÌ COME MODIFICATE SIA DALLA LEGGE SUL RISPARMIO SIA DAL DECRETO LEGISLATIVO 29 DICEMBRE 2006 N. 303, CHE NECESSITANO, AI FINI DELLA LORO IMPLEMENTAZIONE, L’EMANAZIONE DI APPOSITI REGOLAMENTI ATTUATIVI DA PARTE DELLA CONSOB CHE, ALLA DATA DEL PROSPETTO INFORMATIVO, NON SONO ANCORA STATI EMANATI. SARÀ PERTANTO NECESSARIO VALUTARE, A SEGUITO DELL’EMANAZIONE DEI REGOLAMENTI ATTUATIVI MENZIONATI, LA NECESSITÀ DI APPORTARE ULTERIORI MODICHE ALLO STATUTO. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, IN DATA 6 FEBBRAIO 2007, HA INOLTRE DECISO DI ADOTTARE UN MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001, APPROVANDO IL CODICE ETICO CHE NE FORMA PARTE INTEGRANTE. LA SOCIETÀ RITIENE DI POTER COMPLETARE L’ADOZIONE DEL MODELLO ENTRO LA FINE DELL’ANNO 2007. PER ULTERIORI INFORMAZIONI, SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 14, PARAGRAFI 14.1.1 E 14.1.2 E CAPITOLO 16, PARAGRAFO 16.4. 50
  • 52. Sezione Prima 4.1.16 RISCHI CONNESSI ALLE DICHIARAZIONI PREVISIONALI E DI PREMINENZA RELATIVE AL MERCATO DI RIFERIMENTO IL PROSPETTO CONTIENE DICHIARAZIONI DI PREMINENZA E STIME SUL POSIZIONAMENTO DEL GRUPPO AICON NEL MERCATO DI RIFERIMENTO NONCHÉ SULLO SVILUPPO E/O SULLE PROSPETTIVE DEL GRUPPO, FORMULATE DA AICON SULLA BASE DELLA SPECIFICA CONOSCENZA DEL SETTORE DI APPARTENENZA, DELLA PROPRIA ESPERIENZA, DEI DATI PUBBLICI. NON È POSSIBILE GARANTIRE CHE TALI DICHIARAZIONI DI PREMINENZA, STIME O DATI PREVISIONALI POSSANO ESSERE CONFERMATI. IL PROSPETTO CONTIENE, INOLTRE, INFORMAZIONI DI CARATTERE PREVISIONALE CIRCA GLI OBIETTIVI PREFISSATI DALLA SOCIETÀ E L’EVOLUZIONE DEL MERCATO DI RIFERIMENTO IN CUI LA STESSA OPERA. I RISULTATI DEL GRUPPO AICON E L’ANDAMENTO DEI SETTORI IN CUI OPERA POTREBBERO RISULTARE DIFFERENTI DA QUELLI IPOTIZZATI IN TALI DICHIARAZIONI A CAUSA DI RISCHI NOTI ED IGNOTI, INCERTEZZE ED ALTRI FATTORI OLTRE A QUELLI ENUNCIATI NELLA PRESENTE SEZIONE. 4.1.17 RISCHI RELATIVI AI RAPPORTI CON PARTI CORRELATE SI SEGNALA CHE IL GRUPPO AICON INTRATTIENE RAPPORTI COMMERCIALI CON (I) H.L. S.R.L., SOCIETÀ RICONDUCIBILE ALL’ARCH. PASQUALE SICLARI IN QUANTO CONTROLLATA AL 100% DA AIRON ITALIA S.R.L. E QUINDI, INDIRETTAMENTE, DA AIRON S.A., LA QUALE SVOLGE ATTIVITÀ DI DEALERSHIP PER L’AREA CHE DA GENOVA ARRIVA ALL’ARGENTARIO E (II) CON AIRONBLUE S.R.L., SOCIETÀ RICONDUCIBILE ALL’ARCH. PASQUALE SICLARI IN QUANTO CONTROLLATA AL 70% DA AIRON ITALIA S.R.L., E QUINDI, INDIRETTAMENTE, DA AIRON S.A., LA QUALE È UNA SOCIETÀ OPERANTE NEL COMPARTO DEL TURISMO NAUTICO, CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALL’ATTIVITÀ DI CHARTERING. AL 30 NOVEMBRE 2006, LA SOCIETÀ VANTAVA CREDITI NEI CONFRONTI DI H.L.S.R.L. PER COMPLESSIVI 3.012 MIGLIAIA DI EURO E DEBITI PER COMPLESSIVI 210 MIGLIAIA DI EURO, RELATIVI ALLA VENDITA DI 2 IMBARCAZIONI (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 19). AL 22 FEBBRAIO 2007, IL PORTAFOGLIO ORDINI DELLA SOCIETÀ, PARI AD EURO 98,9 MILIONI, INCLUDEVA N. 7 IMBARCAZIONI ORDINATE DA H.L. S.R.L., PER UN TOTALE DI EURO 6,3 MILIONI, PARI AL 6,4% DEL TOTALE DEL PORTAFOGLIO ORDINI A TALE DATA. AL 30 NOVEMBRE 2006, LA SOCIETÀ VANTAVA CREDITI NEI CONFRONTI DI AIRONBLUE S.R.L. PER COMPLESSIVI 2.363 MIGLIAIA DI EURO E DEBITI PER COMPLESSIVI 285 MIGLIAIA DI EURO, RELATIVI ALLA VENDITA DI 1 IMBARCAZIONE ED A ULTERIORI CREDITI COMMERCIALI (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 19). AL 22 FEBBRAIO 2007, IL PORTAFOGLIO ORDINI DELLA SOCIETÀ, PARI AD EURO 98,9 MILIONI, INCLUDEVA N. 4 IMBARCAZIONI ORDINATE DA AIRONBLUE S.R.L., PER UN TOTALE DI EURO 4,7 MILIONI, PARI AL 4,7% DEL TOTALE DEL PORTAFOGLIO ORDINI A TALE DATA. PERTANTO, ALLA DATA DEL 22 FEBBRAIO 2007, IL PORTAFOGLIO ORDINI DELLA SOCIETÀ INCLUDEVA COMPLESSIVAMENTE N. 11 IMBARCAZIONI ORDINATE DA H.L. S.R.L. E DA AIRONBLUE S.R.L., PER UN TOTALE DI EURO 1 MILIONI, PARI ALL’11,1% DEL TOTALE DEL PORTAFOGLIO ORDINI A TALE DATA. 51
  • 53. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. LA SOCIETÀ RITIENE CHE LE CONDIZIONI PRATICATE NEI CONFRONTI DI H.L. S.R.L. E AIRONBLUE S.R.L. SIANO DI MERCATO. 4.2 FATTORI DI RISCHIO CONNESSI AL SETTORE IN CUI OPERA AICON 4.2.1 RISCHI CONNESSI ALL’ELEVATO GRADO DI CONCORRENZA NEL MERCATO DI RIFERIMENTO ALL’INTERNO DEL MERCATO NAUTICO MONDIALE, IL GRUPPO AICON OPERA NEL SEGMENTO DELLE IMBARCAZIONI A MOTORE DI DIMENSIONI SUPERIORI AI 40'. ALL’INTERNO DI QUESTO SEGMENTO, COMPETE PRINCIPALMENTE SUL MERCATO ITALIANO ED EMEA, CONTANDO ALLO STESSO TEMPO UNA PRESENZA NEGLI STATI UNITI D’AMERICA ED IN ASIA (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.6.1). IL MERCATO IN CUI È ATTIVO IL GRUPPO È UN MERCATO FORTEMENTE COMPETITIVO IN CUI OPERANO GRANDI OPERATORI ITALIANI QUALI IL GRUPPO FERRETTI E AZIMUT - BENETTI NONCHÉ OPERATORI STRANIERI QUALI SUNSEEKER, LAZZARO E RODRIGUEZ. MOLTI TRA I PRINCIPALI CONCORRENTI DELLA SOCIETÀ SONO PRESENTI NEL MERCATO DA PIÙ TEMPO RISPETTO ALL’EMITTENTE CON DIMENSIONI, RISORSE FINANZIARIE, ESPERIENZA E CAPACITÀ PRODUTTIVA SUPERIORI A QUELLE DEL GRUPPO AICON NONCHÉ CON UNA PRESENZA GLOBALE MAGGIORMENTE CAPILLARE E DIVERSIFICATA, ANCHE ATTRAVERSO UN’ARTICOLATA RETE DISTRIBUTIVA. INOLTRE, L’ELEVATA COMPETITIVITÀ DEL MERCATO DELLE IMBARCAZIONI DI LUSSO A MOTORE DETERMINA PRESSIONI SUI PREZZI E LA NECESSITÀ DI CONTINUE INNOVAZIONI DI GAMMA E DI DESIGN. INFINE, LA PENETRAZIONE NEL SEGMENTO DEI MEGAYACHT RICHIEDE RILEVANTI INVESTIMENTI I CUI RITORNI NON SONO ASSICURATI (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.6). NON È POSSIBILE GARANTIRE CHE IN FUTURO IL GRUPPO SARÀ SEMPRE IN GRADO DI COMPETERE EFFICACEMENTE NEL PROPRIO MERCATO DI RIFERIMENTO E DI RISPONDERE ADEGUATAMENTE ALLE PRESSIONI COMPETITIVE, IN MODO DA RAGGIUNGERE I PROPRI OBBIETTIVI DI CRESCITA. 4.2.2 RISCHI LEGATI AL MUTAMENTO DELLE TENDENZE DI MERCATO L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA E STILISTICA, LA RICERCA DI DESIGN E DI SOLUZIONI FUNZIONALI ED IL TENTATIVO DI PROPORRE AL MERCATO PRODOTTI IN GRADO DI INCONTRARNE LE PREFERENZE, SONO FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEL MERCATO DI RIFERIMENTO. NEL CORSO DELL’ULTIMO TRIENNIO, IL GRUPPO HA EFFETTUATO INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO PER UN AMMONTARE PARI AD EURO 976 MIGLIAIA (PARI AL 3,25% DEI RICAVI) NEL CORSO DELL’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2004, EURO 779 MIGLIAIA (PARI AL 2,12% DEI RICAVI) NEL CORSO DELL’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2005, EURO 3.968 MIGLIAIA (PARI AL 6,71% DEI RICAVI) NEL CORSO DELL’ESERCIZIO CHIUSO AL 31 AGOSTO 2006. LE IMBARCAZIONI PRODOTTE DALLA SOCIETÀ HANNO INCONTRATO, SIN DALL’INIZIO DELLA PROPRIA ATTIVITÀ, IL FAVORE DEL MERCATO. IL CONTINUO CONFRONTO CON I PROPRI DEALER, INOLTRE, PERMETTE AL GRUPPO AICON DI MONITORARE LE TENDENZE E LE INDICAZIONI DI MERCATO. 52
  • 54. Sezione Prima TUTTAVIA NON VI PUÒ ESSERE GARANZIA CIRCA LA CAPACITÀ DA PARTE DI AICON DI CONTINUARE A COGLIERE LE TENDENZE DI MERCATO PRODUCENDO IMBARCAZIONI IN GRADO DI INCONTRARE LE PREFERENZE DEL PUBBLICO ANCHE IN FUTURO.QUALORA IL GRUPPO NON FOSSE IN GRADO DI INDIVIDUARE E RISPONDERE ADEGUATAMENTE ALLE TENDENZE DI MERCATO, I RISULTATI DEL GRUPPO POTREBBERO RISENTIRNE. PER ULTERIORI INFORMAZIONI, SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.1.4. 4.2.3 RISCHI LEGATI ALLA FLUTTUAZIONE DEI PREZZI DI COMPONENTI E MATERIE PRIME I COSTI DI PRODUZIONE DEL GRUPPO AICON SONO INFLUENZATI DALL’ANDAMENTO DEI PREZZI DEI COMPONENTI (MECCANICI, IDRAULICI E ELETTRONICI) E DELLE PRINCIPALI MATERIE PRIME UTILIZZATE, COME, AD ESEMPIO L’ACCIAIO, IL LEGNO E LA VTR. IL GRUPPO È PERTANTO ESPOSTO AL RISCHIO DI OSCILLAZIONI DEI PREZZI DI ACQUISTO DI TALI COMPONENTI E MATERIE PRIME, DOVUTO A DIVERSI FATTORI SOLO PARZIALMENTE CONTROLLABILI DA AICON. NONOSTANTE LA SOCIETÀ ADOTTI POLITICHE DI CONTROLLO DEI PREZZI, ANCHE ATTRAVERSO LA SOTTOSCRIZIONE DI CONTRATTI PLURIENNALI, NON SI PUÒ ESCLUDERE CHE UN INCREMENTO ANOMALO O PARTICOLARE PROTRATTO NEL TEMPO DEI COSTI DELLE PRINCIPALI MATERIE PRIME E DEI COMPONENTI IMPIEGATI POSSA RIFLETTERSI NEGATIVAMENTE SUI RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO. AL FINE DI POTER LIMITARE IL RISCHIO SOPRA DESCRITTO, IL GRUPPO SI STA DOTANDO DI UNA STRUTTURA IN GRADO DI EFFETTUARE ACQUISTI SU TUTTI I MERCATI INTERNAZIONALI, COSÌ DA POTER COMPRARE MATERIE PRIME AI PREZZI PIÙ COMPETITIVI, MANTENENDO COMUNQUE INALTERATI GLI ELEVATI STANDARD QUALITATIVI RICHIESTI. PER ULTERIORI INFORMAZIONI SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 9. 4.2.4 RISCHI CONNESSI AGLI EFFETTI DELL’IMPATTO DELLA STAGIONALITÀ SUL CAPITALE CIRCOLANTE NETTO IL MERCATO IN CUI OPERA IL GRUPPO AICON È CARATTERIZZATO DA UN ANDAMENTO NON OMOGENEO DEI FLUSSI DI CASSA TIPICO DEL SETTORE. IN PARTICOLARE, I PAGAMENTI RELATIVI ALLE IMBARCAZIONI VENDUTE SI CONCENTRANO NEI MESI PRIMAVERILI DELL’ANNO, IN CONCOMITANZA CON LE CONSEGNE DELLE STESSE IMBARCAZIONI. L’IMPIEGO DELLE RISORSE LIQUIDE NECESSARIE PER SOSTENERE I COSTI FISSI ED I COSTI VARIABILI PER LA REALIZZAZIONE DELLE IMBARCAZIONI SONO, INVECE, SOSTENUTI DAL GRUPPO IN PERIODI DELL’ANNO NON CORRISPONDENTI A QUELLI DEGLI INCASSI. PERTANTO, QUALORA LA SOCIETÀ NON FOSSE IN GRADO DI DISPORRE DI RISORSE FINANZIARIE SUFFICIENTI PER SOSTENERE GLI IMPEGNI DI PRODUZIONE DI NUOVE IMBARCAZIONI, I RISULTATI DEL GRUPPO POTREBBERO RISENTIRNE. PER ULTERIORI INFORMAZIONI, SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLI 9 E 10. 4.2.5 RISCHI LEGATI AL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IL GRUPPO È SOGGETTO ALLE NORMATIVE APPLICABILI IN CIASCUN PAESE IN CUI ESSO OPERA. EVENTUALI VIOLAZIONI DI TALI NORMATIVE, INCLUSE QUELLE A TUTELA DELL’AMBIENTE, POTREBBERO COMPORTARE SANZIONI CIVILI, AMMINISTRATIVE E PENALI NONCHÉ L’OBBLIGO DI 53
  • 55. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. ESEGUIRE ATTIVITÀ DI REGOLARIZZAZIONE, BONIFICA O MESSA IN SICUREZZA DI IMMOBILI O TERRENI, I CUI COSTI E RESPONSABILITÀ POTREBBERO RIFLETTERSI NEGATIVAMENTE SULL’ATTIVITÀ DEL GRUPPO E SUI SUOI RISULTATI. NEL CORSO DELL’ULTIMO TRIENNIO, IL GRUPPO NON È STATO COINVOLTO IN CONTENZIOSI DERIVANTI DALLA VIOLAZIONE DELLE NORMATIVE LOCALI NEI PAESI IN CUI OPERA, INCLUSE QUELLE A TUTELA DELL’AMBIENTE. PER ULTERIORI INFORMAZIONI, SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 6, PARAGRAFO 6.2. 4.2.6 RISCHI CONNESSI ALLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO LE ATTIVITÀ DEL GRUPPO SONO SOGGETTE ALLA NORMATIVA IN TEMA DI TUTELA DELL’AMBIENTE E DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. NEL CORSO DEGLI ESERCIZI CHIUSI AL 31 AGOSTO 2006, 2005 E 2004 IL GRUPPO HA EFFETTUATO INVESTIMENTI NEL SETTORE AMBIENTALE E DELLA SICUREZZA SUL LAVORO RISPETTIVAMENTE PER EURO 157.400, EURO 89.700 ED EURO 58.350. EVENTUALI MUTAMENTI DEGLI STANDARD DI SICUREZZA O DEI LIMITI IN MATERIA DI TUTELA DELL’AMBIENTE NONCHÉ IL VERIFICARSI DI CIRCOSTANZE NON PREVEDIBILI O ECCEZIONALI, POTREBBERO OBBLIGARE IL GRUPPO A SOSTENERE SPESE STRAORDINARIE IN MATERIA AMBIENTALE E SULLA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO. IL GRUPPO NON UTILIZZA AMIANTO O SUOI DERIVATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO; TUTTAVIA, IN ALCUNI STABILIMENTI DEL GRUPPO È PRESENTE MATERIALE CONTENENTE AMIANTO IN PARTE DELLE COPERTURE DEI TETTI ED IN PARTE DELLE COIBENTAZIONI. SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, I MATERIALI CONTENENTI AMIANTO, SE IN BUONO STATO DI CONSERVAZIONE, NON RICHIEDONO LA SOSTITUZIONE. LA PRESENZA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN ALCUNI STABILIMENTI, E IL CONSEGUENTE MONITORAGGIO DEL LORO STATO DI CONSERVAZIONE E MANUTENZIONE, POTREBBE RICHIEDERE INTERVENTI CON INVESTIMENTI DA PARTE DELLA SOCIETÀ E/O DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO CHE POTREBBERO INCIDERE SULLE ATTIVITÀ E SULLA SITUAZIONE ECONOMICA, PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL GRUPPO. L’ATTIVITÀ DEL GRUPPO PRESENTA IL RISCHIO DI ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AD AGENTI CHIMICI E FISICI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA LAVORAZIONE DI VTR. NON È POSSIBILE ESCLUDERE CHE, ANCHE A SEGUITO DELL’EVOLUZIONE DELLE CONOSCENZE IN MATERIA E DELLA RELATIVA NORMATIVA, SIANO NECESSARI IN FUTURO DEGLI INVESTIMENTI STRAORDINARI DA PARTE DEL GRUPPO PER MIGLIORARE ULTERIORMENTE TALI SISTEMI DI PROTEZIONE CON CONSEGUENTI EFFETTI NEGATIVI SULLA SITUAZIONE ECONOMICA, PATRIMONIALE E FINANZIARIA DEL GRUPPO. IL GRUPPO HA PREVISTO IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE CONTENENTI AMIANTO AL FINE DI PROCEDERE, IN CASO DI NECESSITÀ, ALL’EVENTUALE BONIFICA TRAMITE INCAPSULAMENTO; L’EVENTUALE COSTO MASSIMO NECESSARIO PER LO SVOLGIMENTO DI TALE ATTIVITÀ NON SARÀ SUPERIORE AD EURO 150.000. I SITI PRODUTTIVI DOVE VIENE EFFETTUATA LA LAVORAZIONE DELLA VETRORESINA SONO MUNITI DELLE NECESSARIE AUTORIZZAZIONI RILASCIATE DAGLI ENTI GOVERNATIVI. INOLTRE, IL GRUPPO È IN REGOLA CON GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DALLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO. 54
  • 56. Sezione Prima 4.3 FATTORI DI RISCHIO CONNESSI AGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI 4.3.1 RISCHI CONNESSI ALLA NON CONTENDIBILITÀ DI AICON ALLA DATA DEL PROSPETTO INFORMATIVO, AIRON S.A. DETIENE IL 99,15% DEL CAPITALE SOCIALE DI AICON. L’ARCH. SICLARI DETIENE IL 100% DI AIRON S.A., NONCHÉ UNA PARTECIPAZIONE DIRETTA IN AICON PARI ALLO 0,6% DEL CAPITALE SOCIALE. PERTANTO L’ARCH. SICLARI ESERCITA IL CONTROLLO DI DIRITTO SULLA SOCIETÀ, AI SENSI DELL’ARTICOLO 93 DEL TESTO UNICO. ANCHE AD ESITO DELL’OFFERTA GLOBALE, ASSUMENDO L’INTEGRALE COLLOCAMENTO DELLE AZIONI E L’INTEGRALE ESERCIZIO DELL’OPZIONE GREENSHOE, AIRON S.A. DETERRÀ UNA PARTECIPAZIONE PARI AL 62,29% DEL CAPITALE SOCIALE DI AICON E PERTANTO L’ARCH. SICLARI CONTINUERÀ AD ESERCITARE IL CONTROLLO DI DIRITTO SULLA SOCIETÀ, AI SENSI DELL’ARTICOLO 93 DEL TESTO UNICO. LA SOCIETÀ PERTANTO NON SARÀ CONTENDIBILE. PER ULTERIORI INFORMAZIONI, SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 18. 4.3.2 DIFFERENZA FRA IL PREZZO DI RECENTI COLLOCAMENTI PRIVATI SULLE AZIONI DELL’EMITTENTE ED IL PREZZO DI OFFERTA IN DATA 15 DICEMBRE 2006, MARC-UDO BROICH, CHIEF EXECUTIVE OFFICER DI AICON YACHTS AMERICAS LLC E AICON YACHT LLC, SOCIETÀ DEL GRUPPO AICON, HA ACQUISTATO DA AIRON S.A. N. 5.000 AZIONI AICON, PARI ALLO 0,25% DEL RELATIVO CAPITALE SOCIALE, AD UN PREZZO COMPLESSIVO DI EURO 5.000, PARI AL VALORE NOMINALE DELLE AZIONI ORDINARIE DI AICON (EURO 1), MOLTIPLICATO PER IL NUMERO DELLE AZIONI ACQUISTATE E, PERTANTO, AD UN PREZZO PER AZIONE PARI AD EURO 1. IL CRITERIO DI FISSAZIONE DEL PREZZO È STATO DEFINITO A TITOLO DI PREMIO PER L’ATTIVITÀ SVOLTA DA MARC-UDO BROICH NELL’IMPLEMENTAZIONE DELL’ATTIVITÀ COMMERCIALE DEL GRUPPO AICON NEI MERCATI AMERICANI (CFR. SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 5, PARAGRAFO 5.1.5). ALLA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO NON È POSSIBILE PREVEDERE SE IL PREZZO DI OFFERTA POTRÀ DIFFERIRE IN MISURA SOSTANZIALE DAL PREZZO UNITARIO RELATIVO ALL’OPERAZIONE SOPRA DESCRITTA; TALE CONFRONTO POTRÀ ESSERE EFFETTUATO SULLA BASE DEL PREZZO MASSIMO E DEL PREZZO DI OFFERTA QUANDO GLI STESSI SARANNO PUBBLICATI CON LE MODALITÀ INDICATE NELLA SEZIONE SECONDA, CAPITOLO 5, PARAGRAFO 5.3.2. 4.3.3 PREZZO MASSIMO, PREZZO DI OFFERTA E STIMA DEI PROVENTI IL PREZZO MASSIMO SARÀ COMUNICATO AL PUBBLICO MEDIANTE APPOSITO AVVISO INTEGRATIVO PUBBLICATO SU ALMENO UN QUOTIDIANO ECONOMICO FINANZIARIO A TIRATURA NAZIONALE ENTRO IL GIORNO ANTECEDENTE L’INIZIO DEL PERIODO DIOFFERTA E CONTESTUALMENTE TRASMESSO ALLA CONSOB. L’AVVISO CON CUI VERRÀ RESO NOTO IL PREZZO MASSIMO CONTERRÀ, INOLTRE, IL CONTROVALORE DEL LOTTO MINIMO E DEL LOTTO MINIMO DI ADESIONE MAGGIORATO, CALCOLATI SULLA BASE DEL PREZZO MASSIMO. TALE AVVISO CONTERRÀ, INOLTRE, I PRINCIPALI MOLTIPLICATORI DI MERCATO RIFERITI ALL’EMITTENTE ED ALLE SOCIETÀ COMPARABILI. CON RIFERIMENTO AI MOLTIPLICATORI DI MERCATO RELATIVI ALL’EMITTENTE, SI EVIDENZIA COME, NEL CASO SPECIFICO, I MOLTIPLICATORI CORRISPONDENTI ALL’INTERVALLO DI VALORIZZAZIONE 55
  • 57. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. INDICATIVA CALCOLATI SUI DATI STORICI (COME RIPORTATI NELLA SEGUENTE TABELLA) NON SIANO SIGNIFICATIVI A FINI VALUTATIVI, IN CONSIDERAZIONE DEGLI ELEVATI TASSI DI CRESCITA REGISTRATI DALL’EMITTENTE E DELLA CONSEGUENTE MAGGIOR FOCALIZZAZIONE SUI RISULTATI PROSPETTICI RISPETTO A QUELLI STORICI. Minimo Massimo Prezzo per azione 3,7 4,6 Capitalizzazione indicativa (milioni) (a) 370 460 EV/Sales (b) 6,8x 8,3x EV/EBITDA (c) 19,8x 24,2x P/E (d) 41,7x 51,8x (a) Capitale economico calcolato in base alle azioni esistenti ante Offerta Globale pari a n. 100.000.000 (b) Rapporto tra Enterprise Value e fatturato di Gruppo al 31 agosto 2006 (IAS) (c) Rapporto tra Enterprise Value e EBITDA di Gruppo al 31 agosto 2006 (IAS) (d) Rapporto tra prezzo per azione calcolato sulla base dell’Intervallo di Valorizzazione Indicativa ed utile netto per azione dell’esercizio chiusosi al 31 agosto 2006 SI RIPORTANO, A FINI MERAMENTE INDICATIVI E SENZA CHE QUESTI ABBIANO ALCUN VALORE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DEL PREZZO MASSIMO E DEL PREZZO DI OFFERTA, ALCUNI MOLTIPLICATORI RELATIVI A SOCIETÀ OPERANTI NEL SETTORE DI RIFERIMENTO DELLA SOCIETÀ. TALI MOLTIPLICATORI SONO STATI CALCOLATI UTILIZZANDO LA MEDIA ARITMETICA DELLA CAPITALIZZAZIONE DI MERCATO DAL 15 NOVEMBRE 2006 AL 15 FEBBRAIO 2007 (FONTE: BLOOMBERG), NONCHÉ I PIÙ RECENTI DATI CONSOLIDATI ECONOMICI E PATRIMONIALI RIVENIENTI DAI BILANCI PUBBLICATI O DA INFORMAZIONI UFFICIALI RESE DISPONIBILI AL PUBBLICO DALLE SOCIETÀ STESSE. I DATI SONO STATI, QUANDO POSSIBILE, CALENDARIZZATI AL 31 AGOSTO 2006. 56
  • 58. Sezione Prima Moltiplicatori di mercato indicativi delle società comparabili EV/EBITDA P/E Panel Yachts Beneteau (a) 10.3x 19.6x Brunswick 5.8x 9.9x Couach (b) 16.8x 29.7x Rodriguez (c) 8.7x 13.6x Media aritmetica 10.4x 18.2x Panel Beni di Lusso Branded Bulgari 20.0x 31.1x Burberry 13.9x 24.1x Geox 23.1x 37.8x Hermès (d) 20.3x 36.3x LVMH 14.1x 21.5x Swatch (e) 14.6x 23.4x Tod’s 17.2x 37.5x Media aritmetica 17.6x 30.3x Panel Mezzi di Trasporto di Alta Gamma Harley Davidson (f) 11.0x 18.7x Porsche (g) 7.4x 11.8x Media aritmetica 9.2x 15.2x (a) Dati economici al 31 agosto 2006, ad eccezione dell’EBITDA, relativamente al quale è stato utilizzato l’ultimo valore disponibile alla data del Prospetto, riferito al 31 agosto 2005. (b) Dati economici riferiti al 31 ottobre 2005. (c) Dati economici calendarizzati al 31 agosto 2006, ad eccezione dell’EBITDA, relativamente al quale è stato utilizzato l’ultimo valore disponibile, riferito al 30 settembre 2005. (d) Dati economici calendarizzati al 31 agosto 2006 relativamente all’utile netto, con EBITDA di riferimento al 31 dicembre 2005. (e) Dati al 30 giugno 2006. (f) Dati economici calendarizzati al 31 agosto 2006, ad eccezione dell’EBITDA, relativamente al quale è stato utilizzato l’ultimo valore disponibile, riferito al 31 dicembre 2005. (g) Dati riferiti al 31 luglio 2006. L’AVVISO CON CUI VERRÀ RESO NOTO IL PREZZO MASSIMO CONTERRÀ, INFINE, I DATI RELATIVI ALLA CAPITALIZZAZIONE DI AICON CALCOLATI SULLA BASE DEL PREZZO MASSIMO, INSIEME ALLA STIMA DEL RICAVATO DERIVANTE DALL’AUMENTO DI CAPITALE NONCHÉ ALLA STIMA DEL RICAVATO DERIVANTE DALL’OFFERTA GLOBALE, RIFERITA AL PREZZO MASSIMO ED AL NETTO DELLE COMMISSIONI E SPESE RICONOSCIUTE AL CONSORZIO PER L’OFFERTA PUBBLICA ED AL CONSORZIO PER IL COLLOCAMENTO ISTITUZIONALE. CON RIFERIMENTO AI MULTIPLI DI MERCATO, È STATO SELEZIONATO UN CAMPIONE DI SOCIETÀ COMPARABILI SULLA BASE DI TALUNE SIMILARITÀ CON IL GRUPPO INDIVIDUATE DI VOLTA IN VOLTA (A LIVELLO DI MODELLO DI BUSINESS, DI TIPOLOGIA DI PRODOTTO OFFERTA, DI ESTENSIONE DELLA GAMMA PRODOTTI, DI REPUTAZIONE E TRADIZIONE, DI SCELTA DEL CANALE DISTRIBUTIVO O DI DIMENSIONE E PERFORMANCE FINANZIARIA) ED OPERANTI PREVALENTEMENTE IN TRE SETTORI DI ATTIVITÀ: (I) YACHTS (BENETEAU S.A. QUOTATA SULLA BORSA DI PARIGI, BRUNSWICK CORPORATION QUOTATA SUL NEW YORK STOCK EXCHANGE, COUACH S.A. E RODRIGUEZ GROUP, QUOTATE ENTRAMBE SULLA BORSA DI PARIGI), (II) BENI DI LUSSO BRANDED (BULGARI S.P.A. QUOTATA SULL’MTA, BURBERRY GROUP PLC QUOTATA SULLA BORSA DI LONDRA, GEOX S.P.A. QUOTATA SULL’MTA, HERMÈS INTERNATIONAL E LVMH MOET HENNESSY LOUIS VUITTON S.A., ENTRAMBE QUOTATE SULLA BORSA DI PARIGI, COMPAGNIE FINANCIERE RICHEMONT S.A. E SWATCH GROUP AG ENTRAMBE QUOTATE IN SVIZZERA, TOD’S S.P.A. QUOTATA SULL’MTA) E (III) MEZZI DI 57
  • 59. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. TRASPORTO DI ALTA GAMMA (HARLEY DAVIDSON, INC. QUOTATA SUL NEW YORK STOCK EXCHANGE E PORCHE AG QUOTATA SU DEUTSCHE BÖRSE). IL PREZZO DI OFFERTA SARÀ RESO NOTO UNITAMENTE ALLA CAPITALIZZAZIONE SOCIETARIA, AL RICAVATO DERIVANTE DALL’AUMENTO DI CAPITALE E AL RICAVATO DERIVANTE DALL’OFFERTA GLOBALE AL NETTO DELLE COMMISSIONI E SPESE RICONOSCIUTE AL CONSORZIO PER L’OFFERTA PUBBLICA ED AL CONSORZIO PER IL COLLOCAMENTO ISTITUZIONALE, AL CONTROVALORE DEL LOTTO MINIMO DI ADESIONE E DEL LOTTO MINIMO DI ADESIONE MAGGIORATO, CALCOLATI SULLA BASE DEL PREZZO DI OFFERTA, MEDIANTE PUBBLICAZIONE DI UN AVVISO INTEGRATIVO PUBBLICATO SU UN QUOTIDIANO ECONOMICO FINANZIARIO A TIRATURA NAZIONALE ENTRO DUE GIORNI LAVORATIVI DAL TERMINE DEL PERIODO DI OFFERTA E CONTESTUALMENTE TRASMESSO ALLA CONSOB. PER ULTERIORI INFORMAZIONI, SI RINVIA ALLA SEZIONE SECONDA, CAPITOLO 5, PARAGRAFO 5.3.2. 4.3.4 IMPEGNI TEMPORANEI ALL’INALIENABILITÀ DELLE AZIONI DELLA SOCIETÀ NELL’AMBITO DEGLI ACCORDI CHE SARANNO STIPULATI PER L’OFFERTA PUBBLICA GLOBALE DI VENDITA, LA SOCIETÀ E L’AZIONISTA VENDITORE ASSUMERANNO NEI CONFRONTI DEI COLLOCATORI E DEI MEMBRI DEL CONSORZIO PER IL COLLOCAMENTO ISTITUZIONALE DEGLI IMPEGNI DI LOCK-UP DALLA DATA DI SOTTOSCRIZIONE DEGLI ACCORDI DI LOCK-UP E FINO A 365 GIORNI DECORRENTI DALLA DATA (INCLUSA) DI INIZIO DELLE NEGOZIAZIONI DELLE AZIONI SUL MTA. ALLA SCADENZA DEL PERIODO DI LOCK-UP, L’AZIONISTA VENDITORE SARÀ LIBERO DI DISPORRE DI TUTTE LE AZIONI ANTECEDENTEMENTE SOGGETTE A TALE VINCOLO. L’ALIENAZIONE DI TALI AZIONI DA PARTE DELL’AZIONISTA VENDITORE POTREBBE AVERE UN IMPATTO NEGATIVO SULL’ANDAMENTO DEL TITOLO NEL MERCATO DI RIFERIMENTO. PER ULTERIORI INFORMAZIONI, SI RINVIA ALLA SEZIONE SECONDA, CAPITOLO 7, PARAGRAFO 7.3. 4.3.5 RISCHI RELATIVI AL CONFLITTO DI INTERESSE UBM, CHE AGISCE IN QUALITÀ DI COORDINATORE DELL’OFFERTA GLOBALE, RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO, SPONSOR, SPECIALISTA PER L’OFFERTA PUBBLICA E JOINT LEAD MANAGER DEL COLLOCAMENTO ISTITUZIONALE, SI TROVA IN CONFLITTO DI INTERESSE IN QUANTO IL GRUPPO UNICREDIT, CUI UBM APPARTIENE, È UNO DEI SOGGETTI FINANZIATORI DEL GRUPPO AICON. ALLA DATA DEL 31 GENNAIO 2007 L’ESPOSIZIONE DEBITORIA DEL GRUPPO AICON NEI CONFRONTI DEL GRUPPO UNICREDIT ERA PARI AD EURO 9.366.697, CORRISPONDENTI A CIRCA IL 22% DELL’INDEBITAMENTO FINANZIARIO COMPLESSIVO LORDO. L’ARCH. SICLARI, ATTUALE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ED AMMINISTRATORE DELEGATO, NONCHÉ FONDATORE DEL GRUPPO AICON, SI TROVA IN CONFLITTO DI INTERESSE IN QUANTO SOCIO DI CONTROLLO DELL’EMITTENTE ATTRAVERSO AIRON S.A., SOCIETÀ DALLO STESSO CONTROLLATA AL 100% E AZIONISTA VENDITORE. PER ULTERIORI INFORMAZIONI, SI RINVIA ALLA SEZIONE PRIMA, CAPITOLO 10 E ALLA SEZIONE SECONDA, CAPITOLO 3. 58
  • 60. Sezione Prima 5. INFORMAZIONI SULL’EMITTENTE 5.1 Storia ed evoluzione dell’emittente 5.1.1 Denominazione legale e commerciale dell’Emittente Aicon S.p.A. 5.1.2 Luogo di registrazione dell’Emittente e suo numero di registrazione L’Emittente è iscritta nel Registro delle Imprese di Milano, sezione ordinaria, al n. 04339460968. 5.1.3 Data di costituzione e durata dell’Emittente, ad eccezione del caso in cui la durata sia indeterminata L’Emittente è stata costituita in data 23 marzo 2004. La durata dell’Emittente è fissata sino al 31 dicembre 2050 e può essere prorogata con delibera dell’assemblea straordinaria dei soci. 5.1.4 Domicilio e forma giuridica dell’Emittente, legislazione in base alla quale opera, paese di costituzione, nonché indirizzo e numero di telefono della sede sociale L’Emittente è una società per azioni costituita in Italia ed opera in base alla legislazione italiana. L’Emittente ha sede legale a Milano, in Via Larga, 15, e sede operativa in Frazione Giammoro (ME), numero di telefono +39.090.9385301. 59
  • 61. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 5.1.5 Fatti importanti nell’evoluzione dell’attività dell’Emittente (a) Il Gruppo Aicon Aicon S.p.A. (di seguito “Aicon” o la “Società” o l’“Emittente”) è la holding operativa di un gruppo (di seguito il “Gruppo” o il “ Gruppo Aicon”) attivo nella progettazione, produzione e commercializzazione di imbarcazioni a motore di lusso. Di seguito si riporta la struttura del Gruppo facente capo all’Emittente alla data del Prospetto Informativo: AICON S.p.A. 100% 100% 100% 100% AICON YACHTS S.p.A. AICON INTERNATIONAL AICON YACHTS AICON YACHTS TRADING (SHANGHAI) AMERICAS LLC EUROPE S.r.l. 95% 100% 100% 95% 87,625% YACHT AICON AICON MARINE AICON INTERIORS S.r.l. RESIN S.r.l. INTERIORS S.r.l. SYSTEMS S.r.l. YACHT LLC 100% EUROPLASTIC SUD S.r.l. (b) Le origini del Gruppo Aicon Le origini dell’attività del Gruppo Aicon, fondato dall’Arch. Siclari, amministratore delegato dell’Emittente nonché socio di controllo dell’Emittente attraverso Airon S.A., società dallo stesso controllata al 100% e Azionista Venditore, risalgono al 1993, quando viene costituita a Milano la società Arredamenti Commerciali S.r.l., oggi Aicon Yachts S.p.A.. L’attività iniziale di tale società si concentra principalmente nella progettazione e fornitura “chiavi in mano” di soluzioni di arredo per hotel, negozi, ristoranti, uffici, stand fieristici, banche, bar ed esercizi pubblici in genere. In seguito, l’attività di Arredamenti Commerciali S.r.l. si concentra e si specializza progressivamente nella produzione di arredi per il settore della nautica. Nel 1996 tale società trasferisce in Sicilia, a Pace del Mela, Frazione Giammoro1, la sede legale e la base operativa della Società, mutando contestualmente la denominazione sociale in Aicon S.r.l., all’epoca acronimo di Arredamenti e Impianti Contract. 1 Area industriale nelle vicinanze di Messina. 60
  • 62. Sezione Prima A partire da quel momento, l’attività di Aicon S.r.l. si concentra pressoché esclusivamente sul settore nautico, in un primo momento grazie alle commesse relative all’arredo degli interni delle imbarcazioni, e successivamente a quelle relative alla realizzazione della parte impiantistica ed idraulica di motoryacht di dimensione compresa tra 45' e 65' e di navi da crociera per conto di alcuni cantieri operanti in Italia. (c) 1999-2001, il debutto come costruttore nautico Nel 1999, i risultati raggiunti, l’esperienza maturata nel settore degli interni nautici e le prospettive di crescita del mercato della nautica inducono l’Arch. Siclari a fare il proprio ingresso nel settore come costruttore di imbarcazioni a motore di lusso. Nella seconda metà del 1999, quindi, Aicon S.r.l. si trasforma in una società per azioni con la denominazione di Aicon S.p.A. (successivamente modificata, nel dicembre 2004, in Aicon Yachts S.p.A., che alla data del Prospetto Informativo è ancora la principale società operativa del Gruppo); in tale momento il Gruppo avvia la progettazione di una gamma di motoryacht concepiti e realizzati in Sicilia. A giudizio del management, la scelta di progettare e produrre integralmente in Sicilia le proprie imbarcazioni comporta per il Gruppo Aicon una serie di benefici, come la disponibilità di manodopera di alto livello qualitativo, grazie alla tradizione cantieristica radicata specialmente nell’area messinese, la disponibilità di risorse produttive a costi competitivi e la possibilità di usufruire di agevolazioni finanziarie per le imprese. Nel luglio 2000 Gruppo Aicon avvia lo sviluppo del suo primo modello, l’Aicon 56' Fly, e pone le basi per il proprio ingresso ufficiale nel settore nautico come costruttore di imbarcazioni a motore di lusso. In questo primo periodo, l’attività produttiva del Gruppo Aicon si concentra all’interno del cantiere in Frazione Giammoro (Messina), lo stesso in cui si svolgeva da tempo l’attività di produzione di interni per il settore navale e nautico; nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 1999, la forza lavoro impegnata è di circa 54 dipendenti. In questo stesso periodo, così come nel corso dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2000, gli investimenti sostenuti dal Gruppo per l’attivazione della produzione nautica riguardano gli stampi per lo scafo, la coperta e le sovrastrutture del modello Aicon 56' Fly. Sin dall’inizio della propria attività nel settore nautico come costruttore di imbarcazioni a motore di lusso, la scelta del Gruppo è quella di mantenere un elevato livello di integrazione verticale della filiera produttiva ricorrendo selettivamente all’outsourcing e mantenendo un controllo costante delle fasi di lavorazione affidate a società esterne. In linea con questa strategia, nel marzo 2001, viene costituita Aicon Resin S.r.l., società del Gruppo attiva nella produzione di componentistica in VTR (scafi, sovrastrutture, tughe e stampi) destinata alla produzione di imbarcazioni. L’esercizio 2001, che chiude al 31 agosto per permettere al Gruppo di adattarsi agli standard del settore nautico, si conclude con 1 imbarcazione venduta e 3 imbarcazioni ordinate ed in corso di lavorazione. 61
  • 63. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. (d) 2002-2004: l’ampliamento della gamma e l’adeguamento della struttura operativa e manageriale Al fine di espandere la propria attività anche sul mercato delle Americhe, nel marzo 2002 viene costituita la società americana Aicon Yachts LLC. Nel settembre del 2002, nell’ambito del Festival de la Plaisance di Cannes, uno dei più prestigiosi saloni nautici che si tiene annualmente a Cannes, all’Aicon 56' Fly viene assegnato il World Yacht Trophy (titolo di Barca dell’Anno) nel segmento dei motoryacht flybridge di lunghezza compresa tra 50' e 60'. L’Aicon 56' Fly riscuote un crescente successo sul mercato e l’esercizio viene chiuso al 31 agosto 2002 con un totale di 12 imbarcazioni vendute. Nello stesso periodo il Gruppo allarga la propria rete commerciale, che, a tale data, conta 7 dealer, di cui 2 operanti in Italia e 5 attivi in EMEA. Nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2002 viene ampliato il sito produttivo in Frazione Giammoro (Messina), attraverso la locazione di un’area attigua destinata alla produzione di scafi in VTR e all’assemblaggio delle imbarcazioni flybridge. L’apprezzamento degli armatori per gli elementi distintivi che caratterizzano le imbarcazioni del Gruppo è testimoniato anche dall’aumento del numero di imbarcazioni vendute, che nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2003 è pari a 17 unità. Nello stesso esercizio 2 nuovi dealer affiancano il Gruppo nel suo processo di espansione commerciale, e il totale dei dealer, alla fine dell’esercizio, è pari a 9. Nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2003 il Gruppo Aicon ottiene la disponibilità, tramite un contratto di sub-locazione2, di un’area di circa 4.000 mq. posizionata sul mare, attigua al sito produttivo in Frazione Giammoro. Tale area viene attrezzata e destinata all’alaggio, al varo ed alla manutenzione delle imbarcazioni Aicon. Nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2004, in linea con le tendenze di mercato che richiedono imbarcazioni sempre più grandi, spaziose e prestigiose, viene concepito e prodotto il modello Aicon 64' Fly, che, da un lato, mantiene le caratteristiche funzionali dell’Aicon 56' Fly e, dall’altro, introduce quelli che diventeranno gli elementi caratteristici dello stile Aicon. Con l’Aicon 64' Fly si introduce un innovativo grande oblò circolare che diventerà negli anni il “fattore distintivo” delle imbarcazioni e navi da diporto Aicon ed un elemento stilistico caratterizzante il design di Aicon. Nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2004, il numero di imbarcazioni vendute è di 28 ed il Gruppo può contare su una rete costituita da 13 dealer, 10 in EMEA (di cui 4 sul mercato italiano), 2 sul mercato delle Americhe e 1 sul mercato asiatico. Nel corso dello stesso esercizio viene, inoltre, ampliato il sito produttivo in Frazione Giammoro (Messina) attraverso la disponibilità in concessione demaniale di 2 Tale immobile è oggi detenuto da Aicon Yacths S.p.A. a titolo di conduttore sulla base di un contratto di locazione stipulato con il Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale, che prevede il pagamento di un canone annuo di Euro 18.000 oltre IVA, nelle more della sottoscrizione di un contratto di compravendita tra la stessa Aicon Yacths S.p.A. e il Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 8, Paragrafo 8.1). 62
  • 64. Sezione Prima un’area destinata al rimessaggio delle imbarcazioni Aicon, alla manutenzione ed al coordinamento dei servizi di customer-care. Alla chiusura dell’esercizio 2004, i dipendenti che operano all’interno del Gruppo sono 233. Al fine di sostenere la crescita del Gruppo, tra l’agosto 2002 e l’ottobre 2003, vengono costituite le società Aicon Interiors S.r.l. (attiva nel settore degli arredamenti d’interni delle imbarcazioni), Marine System S.r.l. (attiva nel settore degli impianti elettrici per imbarcazioni), Yacht Interiors S.r.l (attiva nel settore degli arredamenti d’interni delle imbarcazioni), Aicon Yachts Europe S.r.l. (inizialmente attiva nel settore immobiliare, divenuta successivamente la società commerciale del Gruppo nel mercato europeo). Nel gennaio 2004 Aicon Yachts S.p.A. sottoscrive una quota pari al 50% nella neo-costituita Ainar S.r.l. che entra far parte del Gruppo Aicon nel giugno 2006, a seguito dell’acquisto del restante 50% da parte di Yachts Interiors S.r.l.. In un’ottica di razionalizzazione societaria, nel marzo 2004 viene costituita a Milano dall’Arch. Siclari l’attuale Aicon S.p.A., allora denominata Airon S.r.l.. A tale società viene affidato il ruolo di holding del Gruppo Aicon. Infatti, nel maggio 2004, la società di diritto lussemburghese Airon S.A. (controllata al 100% dall’Arch. Siclari) conferisce in Aicon, tramite sottoscrizione di apposito aumento di capitale, la propria partecipazione in Aicon Yachts S.p.A. (pari al 62,3% del capitale sociale della medesima) acquisendo, contestualmente, una partecipazione pari al 99,4% del capitale sociale di Aicon e divenendone, pertanto, soggetto controllante. A seguito del conferimento sopra descritto, Aicon acquisisce il controllo di Aicon Yachts S.p.A. e delle società da questa, all’epoca, controllate (Aicon Interiors S.r.l., Aicon Resin S.r.l., Aicon Yachts LLC, Marine System S.r.l., Yachts Interiors S.r.l., Aicon Yacht S.r.l. e Aicon Yachts Europe S.r.l., oggi controllata direttamente dall’Emittente a seguito dell’acquisto delle relative quote da Aicon Yachts S.p.A. nel giugno 2004). Infine, nel maggio 2004, Aicon acquista una partecipazione pari al 70% del capitale sociale di Aironblue S.r.l., società operante nel settore del charter nautico. (e) 2005-2006: il consolidamento del percorso di crescita e l’ingresso in nuovi segmenti del settore nautico L’Aicon 64' Fly, presentato nel 2004, consente al Gruppo Aicon di aggiudicarsi nuovamente il World Yacht Trophy anche nel segmento dei motoryacht flybridge di lunghezza compresa tra 60' e 70', in occasione dell’edizione 2005 del Festival de la Plaisance di Cannes. Nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005, il Gruppo fa il proprio ingresso nel segmento open dei motoryacht, mantenendo inalterati i parametri che caratterizzano la gamma Aicon e presentando al mercato, nel mese di luglio, l’Aicon 72' Open, che utilizza la medesima piattaforma produttiva del modello Aicon 64' Fly. La strategia del Gruppo è quella di integrare la propria offerta posizionandosi anche nel segmento delle imbarcazioni open, caratterizzato da un interesse sempre maggiore degli armatori. Alla chiusura dell’esercizio 2005, il totale delle imbarcazioni vendute è pari a 31 ed il numero di dealer è 16 (12 in EMEA, di cui 4 in Italia, 3 nelle Americhe e 1 in Asia). 63
  • 65. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Per sostenere la crescita e l’ampliamento della gamma, nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005 il Gruppo Aicon acquista un’area industriale attigua allo stabilimento in Frazione Giammoro e destinata alla produzione di megayacht e nello stesso periodo rende operativo il sito di Villafranca Tirrena, destinato principalmente alla produzione della linea open. Nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, il Gruppo prosegue la propria strategia di crescita presentando tre nuovi modelli, il primo dei quali, in ordine temporale, è l’Aicon 54' Fly, che rappresenta l’attuale imbarcazione di ingresso della gamma Aicon, presentato in occasione del Salone di Genova tenutosi durante il mese di ottobre. Nel corso dello stesso esercizio, il Gruppo Aicon fa il proprio ingresso nel segmento ad alta crescita dei megayacht, seguendo quella che può essere considerata una naturale evoluzione “verso l’alto” della gamma e presentando, nel luglio 2006, il modello Aicon 85' Fly. Il management del Gruppo ritiene che il segmento dei megayacht rappresenti un segmento ad elevato potenziale grazie ai costanti ritmi di crescita che ha registrato nel tempo, rivolto ad una clientela ad elevato potere di spesa e pertanto relativamente poco sensibile alle oscillazioni della congiuntura economica. Sempre a luglio 2006 il Gruppo decide inoltre di estendere la propria presenza nel segmento delle imbarcazioni open, presentando l’Aicon 62' Open. Durante l’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, il Gruppo vende 40 imbarcazioni e continua ad incrementare il proprio numero di dealer, per un totale di 19 (14 in EMEA, di cui 5 in Italia, 4 nelle Americhe e 1 in Asia). Alla stessa data, il numero di dipendenti che lavorano all’interno del Gruppo è pari a 249. Al fine di rafforzare ulteriormente l’attività internazionale del Gruppo Aicon, nel luglio 2005 viene costituita a Shanghai la società commerciale di diritto cinese Aicon International Trading (Shanghai) Co. Ltd. e nell’aprile 2006 viene costituita la società commerciale americana Aicon Yachts Americas LLC. Per quanto riguarda l’evoluzione della struttura del Gruppo, nel giugno 2005 Aicon Resin S.r.l. acquista il 100% del capitale di Europlastic Sud S.r.l., società attiva nella produzione di prodotti in VTR. Nel corso del mese di settembre 2005, al fine di attuare una riorganizzazione e razionalizzazione delle attività produttive, Aicon Resin S.r.l. cede il ramo d’azienda “produzione piccoli componenti in vetroresina” alla società collegata Meridian Yacht S.r.l.. In un’ottica di focalizzazione sul proprio core business, nell’ottobre 2005 Aicon Yachts S.p.A. procede alla vendita, ad un prezzo pari al valore nominale delle quote cedute e pertanto ad un prezzo pari a Euro 26.010, della propria partecipazione di controllo (pari all’85%) in Aicon Yacht S.r.l. ad un soggetto terzo (parte non correlata all’Emittente) e, nel giugno 2006, Aicon cede la propria partecipazione in Aironblue S.r.l., pari al 70% del relativo capitale sociale, ad Airon Italia S.r.l. (società controllata da Airon S.A., socio di controllo di Aicon e Azionista Venditore) ad un prezzo pari al valore nominale delle quote cedute, pari ad Euro 7.000. Infine, tra il febbraio 2006 ed il marzo 2006 Aicon acquista la restante partecipazione in Aicon Yachts S.p.A.: dapprima acquista, ad un prezzo pari a circa 3,7 milioni di Euro, il 26% dalla signora Anna Previte (parte non correlata all’Emittente) ed in seguito il rimanente 11,70% dall’Arch. Siclari (ad un prezzo pari a circa 1,7 milioni di Euro), 64
  • 66. Sezione Prima divenendo pertanto socio unico di Aicon Yachts S.p.A. Per l’acquisto delle suddette partecipazioni, Aicon ha fatto ricorso a strumenti di leva finanziaria. Nel giugno 2006, il Gruppo Aicon viene inserito nel rapporto “Nostra Eccellenza”, redatto dall’Eurispes (Istituto di Studi Politici Economici e Sociali), che ha individuato e descritto cento esperienze istituzionali e imprenditoriali italiane, selezionate per capacità di innovazione di processo e di prodotto e qualità dei percorsi organizzativi. Nel corso dell’edizione tenutasi nel settembre 2006 del Festival de la Plaisance di Cannes, l’Arch. Siclari, amministratore delegato dell’Emittente alla data del Prospetto Informativo, viene insignito del “Premio Speciale della Giuria” del “World Yacht Trophy”. (f) Eventi recenti Successivamente alla chiusura dell’esercizio 2006, il Gruppo Aicon ha avviato la produzione dei seguenti nuovi modelli: l’Aicon 75' Fly, la cui consegna è prevista nel giugno del 2007, l’Aicon 82' Open, la cui consegna è prevista nel dicembre del 2007 e la Navetta 110' semidislocante, la cui consegna è prevista nel gennaio del 2008. Alla data di pubblicazione del Prospetto Informativo, il numero di dealer che affianca il Gruppo è pari a 21 (16 EMEA, di cui 5 in Italia, 4 nelle Americhe e 1 nell’area Asia-Pacifico). In data 22 novembre 2006, Aicon Yachts S.p.A. e Marc-Udo Broich, Chief Executive Officer di Aicon Yachts Americas LLC e Aicon Yachts LLC (società commerciale attiva nella vendita diretta di imbarcazioni), hanno sottoscritto un contratto preliminare di compravendita avente ad oggetto la cessione, da parte di Aicon Yachts S.p.A. in favore di Marc-Udo Broich, della propria quota di partecipazione in Aicon Yachts LLC, pari all’87,625% del relativo capitale sociale, ad un prezzo pari al valore nominale della quota ceduta e, pertanto, ad un prezzo pari ad USD 350.500; la stipula del contratto definitivo dovrà avvenire entro il 31 marzo 2007. Il contratto prevede peraltro l’impegno del compratore a modificare la ragione sociale della società, eliminando qualsiasi riferimento ad Aicon ed ai segni distintivi propri e caratteristici del Gruppo. La cessione della quota si inserisce nella strategia del Gruppo di focalizzazione sul proprio core business e razionalizzazione della compagine societaria, in quanto il Gruppo intende operare sul mercato americano esclusivamente tramite la propria controllata Aicon Yacht Americas LLC (costituita nell’aprile 2006). In data 15 dicembre 2006, Marc-Udo Broich, Chief Executive Officer di Aicon Yachts Americas LLC e Aicon Yachts LLC, ha acquistato da Airon S.A. una partecipazione pari allo 0,25% del capitale sociale di Aicon, ad un prezzo di Euro 5.000, pari al valore nominale delle azioni ordinarie di Aicon (Euro 1), moltiplicato per il numero delle azioni acquistate; pertanto Marc-Udo Broich ha acquistato da Airon S.A. 5.000 azioni di Aicon al prezzo di 1 Euro per azione. Il criterio di fissazione del prezzo è stato definito a titolo di premio per l’attività svolta da Marc-Udo Broich nell’implementazione dell’attività commerciale del Gruppo Aicon nei mercati americani. Nell’ambito di tale contratto Marc- Udo Broich ha assunto l’impegno per un periodo di un anno, relativamente al 50% delle azioni acquistate e, per un periodo di due anni, relativamente al restante 50%, a non disporre in alcun modo delle azioni acquistate. 65
  • 67. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Nel dicembre 2006, inoltre, Aicon è stata insignita del premio “Creatori di Valore”, nell’ambito del “Milano Finanza Company Award 2006”, assegnato alle “imprese che hanno realizzato le migliori performance a livello nazionale, regionale e nei principali settori industriali”. In data 19 gennaio 2007, Airon S.A. ha stipulato un contratto di finanziamento con Fortis Banque Luxembourg S.A. (“Fortis”) per un importo di Euro 20 milioni. A garanzia del suddetto finanziamento, Airon S.A. ha concesso in pegno a favore di Fortis tante azioni di Aicon, quante sono quelle corrispondenti in ogni momento al 30% del relativo capitale sociale. Alla data del Prospetto Informativo, il pegno riguarda n. 30.000.000 di azioni Aicon. Il diritto di voto relativo alle azioni concesse in pegno è rimasto in capo al debitore Airon S.A. Ad eccezione del pegno, il contratto di finanziamento non prevede il verificarsi di alcun evento pregiudizievole a carico delle società del Gruppo Aicon in caso di inadempimento da parte di Airon S.A. Il contratto di finanziamento prevede la possibilità per Fortis di richiedere il rimborso anticipato del prestito, inter alia, nel caso di quotazione delle azioni ordinarie di Aicon presso l’MTA. In data 14 febbraio 2007, al fine di razionalizzare la struttura societaria, è stata ceduta a terzi l’intera partecipazione detenuta dal Gruppo in Ainar S.r.l.; in particolare, Aicon Yatchs S.p.A. ha venduto la propria quota, pari al 50% del relativo capitale sociale, ad un terzo, ad un prezzo pari al valore nominale delle quote cedute (Euro 10.000); Yacht Interiors S.r.l. ha venduto la propria quota, pari al 50% del relativo capitale sociale, a due terzi: una quota, pari al 45%, ad un prezzo pari al valore nominale delle quote cedute (Euro 9.000) ed il restante 5% ad un prezzo pari al valore nominale delle quote cedute (Euro 1.000). 5.2 Investimenti 5.2.1 Investimenti effettuati La seguente tabella indica gli investimenti ripartiti per tipologia e categoria effettuati dal Gruppo nel corso degli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, determinati in accordo con gli IFRS: (dati in migliaia di Euro) 2006 2005 2004 Immobilizzazioni immateriali Costi di sviluppo 3.968 779 976 Avviamento 20 Immobilizzazioni in corso ed acconti 301 59 81 Totale immobilizzazioni immateriali 4.289 838 1.057 Immobilizzazioni materiali Terreni e fabbricati 2.516 4.803 Impianti e macchinari 1.044 1.258 326 Attrezzature 2.041 2.595 2.393 Altri beni 369 947 97 Attività in corso 2.050 589 2.005 Totale immobilizzazioni materiali 8.020 10.192 4.821 Totale immobilizzazioni immateriali e materiali 12.309 11.030 5.878 66
  • 68. Sezione Prima Investimenti in immobilizzazioni immateriali Esercizio 2006 Nel corso dell’esercizio 2006 sono stati effettuati investimenti in “Immobilizzazioni immateriali” per complessivi Euro 4.289 migliaia prevalentemente riferiti alla voce “Costi di sviluppo”. Tale voce rappresenta i costi sostenuti per le progettazioni, design e testing di nuovi prodotti o di miglioramento dei prodotti già esistenti. In particolare, nel corso dell’esercizio 2006, la voce include Euro 3.200 migliaia legati allo sviluppo dei modelli 62' Open, 72' Open e 85' Fly. Relativamente allo stesso esercizio, la voce “Immobilizzazioni in corso ed acconti” (Euro 301 migliaia) include principalmente il valore delle attività di sviluppo per la progettazione in corso relativamente ai modelli 75' Fly, 82' Open e la Navetta 110'. Esercizio 2005 Nel corso dell’esercizio 2005 sono stati effettuati investimenti in “Immobilizzazioni immateriali” per complessivi Euro 838 migliaia prevalentemente relativi ai costi di sviluppo e progettazione per i modelli 64' Fly e 72' Open. Esercizio 2004 Nel corso dell’esercizio 2004 sono stati effettuati investimenti in “Immobilizzazioni immateriali” per complessivi Euro 1.057 migliaia prevalentemente relativi ai costi di sviluppo e progettazioni per i modelli 56', 54' Fly e 64' Fly. Investimenti in immobilizzazioni materiali Esercizio 2006 Nel corso dell’esercizio 2006 sono stati effettuati investimenti in “Immobilizzazioni materiali” per complessivi Euro 8.020 migliaia. In particolare, nell’esercizio si registra l’acquisizione da parte di Aicon Yacht S.p.A. di un compendio immobiliare sito in San Pier Niceto, (Euro 967 migliaia), e relativo agli investimenti realizzati nell’esercizio sul capannone Ex Area Gitto (Euro 996 migliaia). La voce “Attività in corso” è riferita principalmente ad acconti su stampi non ancora completati per i modelli 82' Open, 92' Open e Navetta 100' ed, in parte, per un acconto versato sul preliminare di acquisto per un fabbricato industriale sito in Villafranca Tirrena. Gli investimenti nella voce “Attrezzature” sono legati prevalentemente all’acquisto di nuovi stampi necessari ad avviare la produzione dei modelli 85' Fly e 62' Open. Esercizio 2005 Nel corso dell’esercizio 2005 sono stati effettuati investimenti in “Immobilizzazioni materiali” per complessivi Euro 10.192 migliaia. In particolare, nell’esercizio si registrano: i) l’acquisizione da parte di Aicon, in data 18 maggio 2005, di un compendio immobiliare sito nel comune di Pace del Mela 67
  • 69. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. (Me), costituito da un’area di complessivi mq 18.259, (che incide per euro 1.491 migliaia sulla voce “Terreni e Fabbricati”); ii) investimenti realizzati nell’esercizio sul capannone di Villafranca Tirrena (ME) da parte di Aicon Yacht S.p.A. (che incide per euro 2.408 migliaia sulla voce “Terreni e Fabbricati”); iii) investimenti in impianti e macchinari per il sito di Villafranca Tirrena (che incide per Euro 834 migliaia sulla voce “Impianti e Macchinari”) e macchinari e componentistica per la produzione (che incide per Euro 1.063 migliaia sulla voce “Impianti e Macchinari”); iv) l’acquisto di nuovi stampi per la produzione dei modelli 64' Fly e 72' Open (che hanno inciso per Euro 1.567 migliaia sulla voce “Attrezzature”). Esercizio 2004 Nel corso dell’esercizio 2004 sono stati effettuati investimenti in “Immobilizzazioni materiali” per complessivi Euro 4.821 migliaia in parte relativi all’acquisto di stampi per la produzione (per complessivi Euro 2.393 migliaia). La voce “Attività in corso”, per complessivi Euro 2.005 migliaia, ha riguardato l’investimento in fase di realizzazione per lo stabilimento di Villafranca Tirrena (ME). Investimenti in corso di realizzazione Alla data del Prospetto Informativo, gli investimenti previsti concernono principalmente l’ampliamento della capacità produttiva e sono concentrati nell’area in cui sono attualmente ubicati gli impianti produttivi del Gruppo. Nella seguente tabella sono evidenziati gli investimenti in corso di realizzazione alla data del 30 novembre 2006: (dati in migliaia di Euro) 30 novembre 2006 Immobilizzazioni immateriali Costi di sviluppo 848 Immobilizzazioni in corso ed acconti 116 Altre 60 Totale immobilizzazioni immateriali 1.024 Immobilizzazioni materiali Terreni e fabbricati 154 Impianti e macchinari 51 Attrezzature 245 Altri beni 26 Attività in corso - Totale immobilizzazioni materiali 476 Totale immobilizzazioni immateriali e materiali 1.500 Gli investimenti previsti per l’esercizio riguardano il consolidamento della capacità produttiva; si segnala che il dato riferito al 30 novembre non è significativo in termini di proiezione dell’esercizio complessivo, in quanto i contratti con le imprese appaltatrici per la realizzazione programmata degli opifici industriali prevedono fatturazioni a SAL (“Stato avanzamento lavori”) che non sono rientrate nel periodo in oggetto. 68
  • 70. Sezione Prima Gli opifici da realizzare saranno ubicati nell’area in cui sono attualmente concentrati gli impianti industriali del Gruppo e sono funzionali al programma di sviluppo pianificato, volto principalmente allo sviluppo della capacità produttiva ed all’ampliamento della gamma prodotti. Per l’esercizio 2007 sono previsti investimenti per un valore pari a circa Euro migliaia 16.000, focalizzati sul programma di sviluppo del Gruppo, al fine di supportare la capacità produttiva necessaria per proseguire nel progetto di crescita interna. Il Gruppo sta, inoltre, sostenendo degli investimenti in Ricerca & Sviluppo a supporto dei programmi relativi all’innovazione dei materiali e dei processi utilizzati, e a supporto dell’attività di customer care (in termini di “punti di assistenza/servizio after sales”). Gli investimenti in corso di realizzazione sono per lo più concentrati nell’area in cui già sono ubicati gli impianti del Gruppo. 5.2.2 Investimenti futuri La politica di investimenti per gli altri esercizi del prossimo triennio, così come approvata dal Consiglio di Amministrazione, è sostanzialmente in linea con gli investimenti in corso di realizzazione nel presente esercizio; anche per gli esercizi 2008 e 2009, il principale obiettivo strategico alla base del programma di investimenti sarà l’ampliamento della capacità produttiva, in termini di piattaforme produttive, funzionali all’ampliamento della gamma di modelli da immettere sul mercato. I tempi di realizzazione prevedono il completamento dell’allestimento delle nuove aree produttive entro l’esercizio 2009. L’investimento complessivo previsto per gli esercizi 2008 e 2009 è pari a circa Euro 32 milioni e si stima che lo stesso sia finanziato da risorse interne. 69
  • 71. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 6. PANORAMICA DELLE ATTIVITÀ 6.1 Principali attività 6.1.1 Descrizione della natura delle operazioni dell’Emittente e delle sue principali attività Il Gruppo Aicon opera nella progettazione, costruzione e commercializzazione di imbarcazioni e navi da diporto a motore di lusso. Attivo in questo settore dal 1999, in sette anni si è imposto come un operatore estremamente dinamico a livello internazionale e, nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, ha registrato ricavi pari a Euro 59.093 ed un EBITDA pari a Euro 20.406 corrispondente ad un margine del 34.5%. Negli ultimi tre esercizi il Gruppo ha registrato risultati in continuo miglioramento in termini di volumi. La tabella che segue riporta alcuni indicatori significativi del Gruppo per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. (milioni di Euro) Esercizio chiuso al 31 agosto 2006 2005 2004 Ricavi 59,09 36,76 29,99 Percentuale di crescita sull’esercizio precedente 60,7 22,6 N/A EBITDA 20,41 13,17 7,12 Percentuale sui ricavi 34,5 35,8 23,7 Risultato operativo 16,48 10,68 5,66 Percentuale sui ricavi 27,9 29,0 18,9 Nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006 il fatturato era ripartito per il 62,0% sul mercato italiano, per il 29,2% nell’area EMEA e per l’8,8% in quello americano. L’esperienza maturata nella progettazione e realizzazione degli interni nautici, nonché il passato professionale dell’Arch. Siclari, spiega la particolare attenzione rivolta da Aicon al design ed alla ricerca di soluzioni stilistiche all’avanguardia. La filosofia del Gruppo è infatti quella di offrire una “complete yachting experience” creando imbarcazioni dallo stile riconoscibile e di alta qualità offrendo, nel contempo, una serie di servizi collaterali volti a creare un rapporto esclusivo e duraturo con i propri armatori attraverso: • la produzione di imbarcazioni di lusso caratterizzate da interni essenziali, ispirati alla filosofia degli open space (“loft style”); • la marinità delle imbarcazioni in grado di offrire una navigazione sicura in tutte le condizioni meteomarine grazie alla carena a “V” profonda, elemento caratterizzante del prodotto Aicon; • una continua estensione della gamma di prodotto verso imbarcazioni di maggiori dimensioni e/o valore, volta alla creazione di modelli capaci di rispondere alle tendenze di mercato, di attrarre nuovi clienti e di fidelizzare gli armatori già possessori di una imbarcazione Aicon; 70
  • 72. Sezione Prima • la costante attenzione al rapporto con l’armatore durante tutto il ciclo di vita dell’imbarcazione, attraverso l’offerta di servizi collaterali di customer care e di post vendita sempre più efficienti grazie alla struttura di CRM (Customer Relationship Management) dedicata; e • l’elevata ingegnerizzazione della produzione, realizzata tramite piattaforme produttive flessibili ed utilizzabili per la costruzione di più modelli e che permette al Gruppo Aicon di gestire in modo efficace il processo produttivo. Il modello di business di Aicon si caratterizza: (i) per un elevato grado di integrazione verticale, che prevede un ricorso selettivo e strettamente disciplinato all’outsourcing; e (ii) per l’industrializzazione del processo produttivo e per la pianificazione della produzione volta alla ottimizzazione delle capacità produttive e della gestione del magazzino. In particolare, l’elevato grado di integrazione verticale permette al Gruppo: (i) di esercitare un controllo diretto su tutta la catena produttiva, avendo come obiettivo principale la qualità delle imbarcazioni; (ii) di internalizzare i margini derivanti dalle principali attività del processo produttivo; e (iii) di ottenere un livello di flessibilità produttiva elevato e tale da poter offrire alla clientela un’ampia scelta di varianti riguardanti, ad esempio, le essenze del legno, gli accessori ed alcuni elementi architettonici ed abitativi. L’attenzione posta da Aicon al design e alla ricercatezza architettonica delle soluzioni proposte spiega la rapidità con cui il Gruppo si è imposto come attore di primo piano nel settore nautico, nonché la vittoria del World Yacht Trophy (titolo di Barca dell’Anno) al Festival de la Plaisance con l’Aicon 56' Fly nel 2002 e con l’Aicon 64' Fly nel corso dell’edizione del 2005 (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 5, Paragrafo 5.1.5). Alla data del Prospetto Informativo, la piattaforma distributiva dei prodotti del Gruppo si fonda principalmente su una rete di 21 dealer, che acquistano e rivendono al cliente finale le imbarcazioni prodotte dal Gruppo Aicon. I diversi dealer, che normalmente stipulano con il Gruppo contratti di dealership annuali, sono distribuiti nelle tre aree di riferimento a livello globale: EMEA, Americhe e Asia Pacifico (Cfr. successivo Paragrafo 6.1.4). 6.1.2 Prodotti Le imbarcazioni della gamma Aicon si caratterizzano per lo stile riconoscibile nonché per le soluzioni stilistiche all’avanguardia, la qualità costruttiva e di prodotto, per l’attenzione ai dettagli, la vivibilità, l’elevato comfort e la marinità, che assicura la navigabilità con ogni condizioni di mare (garantita dalla certificazione CE “Classe A”)3. Nel corso della sua storia il Gruppo Aicon ha costantemente ampliato la gamma dei propri modelli, coerentemente con la propria strategia. In particolare, nel corso degli ultimi tre esercizi, ha introdotto 5 nuovi modelli, al fine di espandere in modo sistematico la gamma di imbarcazioni offerte al pubblico. Tale strategia ha inteso proporre ai potenziali armatori una gamma che, a partire dai 54', 3 Tutti i modelli del Gruppo sono, infatti, classificati in categoria di progettazione A (“Alto mare”: imbarcazioni per viaggi di lungo corso, in cui la forza del vento può essere superiore ad 8 scala Beaufort, e l’altezza significativa delle onde superiore a 4 mt.; unità da diporto ampiamente autosufficienti; ai sensi del DM n. 436 del 14 agosto 1996 che recepisce la direttiva 94/25/CE). 71
  • 73. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. accompagnasse l’armatore verso i modelli di dimensioni maggiori, promuovendo la fidelizzazione della propria clientela ed allo stesso tempo offrendo un’ampia scelta attraverso la quale attrarre nuova clientela. Il ciclo di vita proprio delle imbarcazioni Aicon, inteso come periodo in cui le stesse sono in produzione all’interno dei cantieri del Gruppo, ha normalmente una durata di cinque o sei anni, e può, per modelli di particolare successo come l’Aicon 56' Fly, prevedere una fase di restyling che prolunga per ulteriori due o tre anni la vita utile del modello. La seguente tabella riporta il numero di imbarcazioni vendute per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004: 31 agosto 2006 31 agosto 2005 31 agosto 2004 Modello 52'/54' Fly4 2 - 7 56' Fly 19 20 21 64' Fly 13 10 - 72' Open 4 1* - 62' Open 1 - - 85' Fly 1 - - Totale 40 31 28 * Tale imbarcazione è una 74' Open, variante custom del modello 72' Open (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 9). Alla data di chiusura dell’esercizio 2006, la gamma di imbarcazioni e navi da diporto Aicon comprende cinque modelli di motoryacht di dimensione compresa tra 54' e 72', nelle tipologie flybridge, open e un modello di megayacht: l’Aicon 85' Fly5. Nella tabella che segue si riportano le principali caratteristiche tecniche dei modelli che, alla data del Prospetto Informativo, compongono la gamma Aicon: Modello Tipo Lungh. Largh. Potenza Vel max (metri) (metri) (HP) (nodi) Motoryacht 54' Fly flybridge 17,61 4,80 2x705 31 56' Fly flybridge 17,61 4,80 2x800 32 64' Fly flybridge 20,51 5,31 2x1224 31 72' Open open 23,00 5,31 2x1550 38 62' Open open 20,11 5,08 2x1200 36 Megayacht 85' Fly flybridge 26,16 6,44 2x1800 31 4 Nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, l’Aicon 54' Fly ha sostituito il modello Aicon 52' Fly. 5 Tra la data di chiusura dell’esercizio 2006 e la data di data di pubblicazione del Prospetto Informativo, il Gruppo Aicon ha avviato la produzione di tre nuovi modelli: l’Aicon 75' Fly, la cui consegna è prevista nel giugno del 2007, l’Aicon 82' Open, la cui consegna è prevista nel dicembre del 2007 e la Navetta 110' semidislocante, la cui consegna è prevista nel gennaio del 2008. 72
  • 74. Sezione Prima Motoryacht Il Gruppo Aicon produce motoryacht sia di tipo flybridge che open. Fly Bridge Alla data di chiusura dell’esercizio 2006 la linea flybridge è costituita da tre modelli di imbarcazioni: l’Aicon 54' Fly (17,61 metri), l’Aicon 56' Fly (17,61 metri) e l’Aicon 64' Fly (20,51 metri). A titolo esemplificativo viene riportato graficamente il modello Aicon 64' Fly: Le imbarcazioni di tipo flybridge sono caratterizzate dalla presenza di un ponte superiore scoperto e dalla doppia postazione di guida esterna ed interna. Le imbarcazioni flybridge esprimono i concetti chiave dello stile Aicon e sono caratterizzate da un design che negli esterni mira alla valorizzazione ed alla fruibilità degli spazi, come il pozzetto o la zona superiore del Fly, e negli interni si ispira alla filosofia del “loft style”. La ricerca di soluzioni stilistiche svolta all’interno del Gruppo Aicon si traduce poi in elementi e particolari riconoscibili, come i grandi oblò tondi, che caratterizzano la murata laterale dello scafo, sia nella linea flybridge che open. Alla data del Prospetto Informativo, le imbarcazioni di tipo flybridge sono vendute agli armatori ad un range di prezzo che varia da Euro 850.000 a Euro 3.200.000, più optional. Open Alla data di chiusura dell’esercizio 2006, la linea open è costituita da due modelli di imbarcazioni: l’Aicon 62' Open (20,11 metri) e l’Aicon 72' Open (23,00 metri). A titolo esemplificativo viene riportato graficamente il modello Aicon 72' Open: 73
  • 75. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Le imbarcazioni della linea open sono caratterizzate dall’assenza del ponte flybridge e della seconda postazione di guida, e per questo mantengono un baricentro più basso e permettono di raggiungere velocità più elevate grazie anche ad una superficie esposta al vento notevolmente inferiore rispetto alle imbarcazioni di tipo flybridge. Le imbarcazioni della linea open sono, pertanto, caratterizzate da linee più sportive e dinamiche. Le imbarcazioni della linea open tendono a sfruttare al massimo gli spazi esterni facendo del pozzetto il vero fulcro della barca e sono caratterizzate da un tettuccio superiore apribile, chiamato hard top, che permette di lasciare la zona della dinette a cielo aperto. Rispetto alle imbarcazioni flybridge, questi modelli si rivolgono ad una clientela di età media più giovane che privilegia gli aspetti legati alle linee sportive ed alle prestazioni elevate. Le linee esterne sono concepite seguendo il concetto di continuità delle forme e delle linee e secondo una ricerca di equilibrio tra esterni e interni, che si traduce nella creazione di grandi finestrature uniche nei laterali, in hard top ampi e nell’assenza di dislivello tra il pozzetto ed il salone interno. Alla data del Prospetto Informativo, le imbarcazioni di tipo open sono vendute agli armatori ad un range di prezzo che varia da Euro 1.500.000 a Euro 2.040.000, più optional. Megayacht Alla data di chiusura dell’esercizio 2006, la linea megayacht è costituita esclusivamente dall’Aicon 85' Fly (26,16 metri), presentato al mercato nel luglio del 2006 e di cui viene riportato graficamente il modello: La produzione dei megayacht rappresenta, a giudizio del management, la naturale evoluzione della gamma delle imbarcazioni Aicon. Al pari di tutte le imbarcazioni Aicon, anche l’Aicon 85' Fly è costruita in VTR ed è caratterizzata da linee concepite in una ideale continuità, forme fluide e soluzioni stilistiche originali, come la grande vetrata laterale, che va da terra al cielo del salone, e che risulta un elemento distintivo nel mercato per questo tipo di imbarcazioni, o i grandi oblò tondi che in questa imbarcazione sono tre per ogni murata. 74
  • 76. Sezione Prima Gli interni sono disegnati secondo la filosofia del “loft style”, con la creazione di un ideale unico spazio nel piano coperta volto a creare un ambiente idealmente continuo. Un altro elemento distintivo di questa imbarcazione è costituito dal posizionamento di un ampio quartiere equipaggio nella zona di prua, completamente chiudibile ed isolabile dal resto dell’imbarcazione, al quale dall’esterno dello yacht si accede tramite una porta laterale posta all’altezza della cucina. Uno dei punti di forza dell’Aicon 85' Fly è costituito dall’ampiezza e dal comfort del flybridge, dotato di un hard top apribile elettronicamente, particolarmente ampio poiché sfrutta l’intera larghezza di 6,44 metri dell’imbarcazione. Alla data del Prospetto Informativo, il modello Aicon 85' Fly è venduto agli armatori ad prezzo pari ad Euro 4.150.000, più optional. 6.1.3 Portafoglio ordini Il rapporto con un dealer ha inizio con la sottoscrizione di un contratto di dealership, che può avvenire lungo tutto il corso dell’anno. Tale contratto ha durata in genere annuale e prevede il raggiungimento di target minimi di vendita, a fronte di una garanzia di esclusiva territoriale da parte del Gruppo. Il mancato raggiungimento dei target minimi di vendita da parte del dealer, consente al Gruppo, se del caso, di rescindere il rapporto di dealership, mentre il raggiungimento dei target minimi di vendita comporta il rinnovo automatico del contratto. La Società ritiene, in base alla propria conoscenza del mercato di riferimento, che la durata dei contratti di dealership stipulati dai principali concorrenti sia normalmente non superiore a due anni. Nell’ambito del contratto di dealership, i dealer sottoscrivono con il Gruppo degli ordini di acquisto, raccolti generalmente a partire dai mesi di giugno, luglio e agosto, per l’anno nautico successivo, nonché nel primo trimestre dell’anno nautico, in cui si concentrano anche i principali saloni del settore. La raccolta di tali ordini permette al Gruppo di programmare in anticipo il numero e la tipologia di imbarcazioni da avviare alla produzione ed al dealer di poter contare sulla disponibilità delle imbarcazioni da rivendere alla propria clientela in tempi e quantità ragionevolmente predefinite. Negli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005, gli ordini presenti in portafoglio alla chiusura del primo trimestre hanno rappresentato una percentuale delle imbarcazioni di nuova produzione vendute nei rispettivi esercizi di circa il 35% nel 2005 e circa il 30% nel 2006. Nell’esercizio in corso, grazie al consolidamento del rapporto con la rete di dealer esistente e anche al fine di programmare con maggiore precisione la produzione, il Gruppo ha notevolmente anticipato la raccolta degli ordini d’acquisto per l’esercizio successivo. Pertanto, gli ordini presenti in portafoglio al 30 novembre 2006 coprono una percentuale elevata (pari a circa il 90%) della produzione programmata del Gruppo in termini di unità di imbarcazioni per l’esercizio in corso. La tabella seguente riporta il portafoglio ordini da evadere in valore e numero di unità riferito sia alla data di chiusura degli ultimi tre esercizi, sia alla data di chiusura del primo trimestre dell’anno nautico 75
  • 77. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. in corso, comparato con il primo trimestre dei due anni nautici precedenti. I dati relativi al portafoglio ordini ad agosto comprendono le barche sia in corso d’opera sia di futura realizzazione per le quali è prevista la consegna nel corso dell’esercizio successivo. Il portafoglio ordini a novembre comprende le barche sia in corso d’opera sia di futura realizzazione per le quali è prevista la consegna nel corso dell’esercizio in corso, al netto di quelle già completate e consegnate nel corso del primo trimestre. Da tale tabella si evince la crescita del portafoglio ordini, passato da 12,4 milioni di Euro di fine novembre 2005 a 88,9 milioni di euro di fine novembre 2006. Portafoglio ordini nov-06 nov-05 nov-04 ago-06 ago-05 ago-04 Valore (in milioni di Euro) 88,9 12,4 10,9 30,4 10,3 11,3 Numero di unità 80 12 11 31 10 12 Il portafoglio ordini del Gruppo, alla data del 22 febbraio 2007, ammonta a complessivi 98,9 milioni di euro, corrispondenti a 83 barche da produrre e consegnare in corso d’anno, di cui 25 (pari ad una percentuale di poco superiore al 30%) coperte da ordine del cliente finale nei confronti del dealer. Alla medesima data, n. 7 imbarcazioni sono state ordinate da H.L. S.r.l., società riconducibile all’arch. Siclari (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 19), per un totale di Euro 6,3 milioni, pari al 6,4% del totale del portafoglio ordini a tale data e n. 4 imbarcazioni sono state ordinate da Aironblue S.r.l., società anch’essa riconducibile all’arch. Siclari (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 19), per un totale di Euro 4,7 milioni, pari al 4,7% del totale del portafoglio ordini a tale data, Pertanto, alla data del 22 febbraio 2007, il portafoglio ordini della Società includeva complessivamente n. 11 imbarcazioni ordinate da H.L. S.r.l. e da Aironblue S.r.l. per un totale di Euro 11 milioni, pari all’11,1% del totale del portafoglio ordini a tale data. Il management ritiene che tale valore del portafoglio fornisca una buona visibilità sull’anno in corso, per programmare adeguatamente la produzione dell’esercizio 2006/2007. Nel caso di cancellazione dell’ordine già effettuato, da parte del dealer, non è prevista alcuna penale, pertanto il livello di affidabilità del portafoglio ordini è influenzato dal versamento di un anticipo da parte del dealer, effettuato al momento della sottoscrizione dell’ordine o comunque della messa in produzione della barca e perso in caso di rinuncia all’acquisto. Con riferimento al portafoglio ordini alla chiusura del primo trimestre 2006/2007, sono stati incassati acconti (in misura complessiva, cioè indipendentemente dallo stato avanzamento lavori di ciascuna imbarcazione) per Euro 3,5 milioni rispetto ad Euro 0,953 milioni nel medesimo periodo del 2005 e ad Euro 0,656 milioni nel 2004. Anche per la sua recente storia operativa, in passato il Gruppo ha gestito con flessibilità il proprio diritto a richiedere il versamento di un anticipo a fronte della sottoscrizione di un impegno di acquisto, per maggiormente incentivare l’acquisto di imbarcazioni soprattutto da parte di nuovi dealer e, pertanto, non è possibile fornire una rappresentazione dell’incidenza percentuale, sul prezzo finale delle imbarcazioni, degli acconti richiesti nelle varie fasi produttive delle imbarcazioni medesime per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2004 e 2005. Alla data del Prospetto Informativo, il consolidamento del rapporto con la rete di dealer esistenti, il maggiore potere contrattuale del Gruppo, anche in funzione della crescente notorietà del marchio Aicon, ha consentito al Gruppo una politica di incasso degli acconti sulle vendite più attenta. Al fine di ottimizzare il profilo dei flussi di cassa e la gestione del capitale circolante, alla data del Prospetto Informativo il Gruppo sta progressivamente applicando con 76
  • 78. Sezione Prima sempre maggiore attenzione un sistema di pagamento che prevede il versamento di un acconto pari al 5% del prezzo alla firma dell’ordine, il versamento di un 15% del prezzo all’avvio della costruzione dell’imbarcazione, un ulteriore 20% del prezzo allo stampaggio di scafo, coperta e tuga, con il saldo al varo. Tale politica di gestione degli acconti e dei pagamenti, prevede anche delle politiche di sconto sul prezzo di vendita al dealer, variabile in funzione di parametri quali i volumi acquistati dai dealer e la puntualità nei pagamenti. Il Gruppo applica la politica di incasso degli acconti sopra descritta anche nelle ipotesi di vendita diretta al cliente finale (come può avvenire nel caso della vendita di megayacht) anche se, trattandosi di trattive private, il rapporto con il cliente finale viene gestito con maggiore flessibilità. Il livello di affidabilità del portafoglio ordini è pertanto influenzato anche dal versamento di un anticipo da parte del cliente finale. 6.1.4 Il modello di business Elementi caratterizzanti del modello di business di Aicon e calendario annuale di attività Il Gruppo Aicon ha impostato la propria attività di costruttore di imbarcazioni a motore di lusso puntando, in primo luogo, sull’attenzione allo stile sofisticato e fortemente riconoscibile e sulla industrializzazione di tutte le fasi di creazione del prodotto. Tale impostazione ha permesso di creare un modello di business integrato verticalmente, grazie alla ingegnerizzazione di prodotto e delle singole componenti della distinta di prodotto, che si differenzia da quello degli altri operatori del settore e si caratterizza per flessibilità ed efficienza. L’assetto produttivo del Gruppo Aicon permette un ricorso selettivo all’outsourcing ed un costante controllo delle fasi di lavorazione affidate a società esterne al Gruppo. Aicon svolge in parallelo una costante attività di ricerca e sviluppo, coordinata dal Centro Stile e dal Centro Ricerche Tecnologiche interni al Gruppo, volta alla continua introduzione di nuovi modelli sul mercato oltre ad una ordinaria attività di produzione e commercializzazione dei modelli esistenti di imbarcazioni. L’ordinaria attività di produzione e commercializzazione delle imbarcazioni si articola in un ciclo produttivo ricorrente e sistematizzato, che si snoda nell’arco di tutto l’esercizio secondo una cadenza stagionale diversa in funzione dei diversi mercati ove il Gruppo opera e della domanda su ciascuno di tali mercati. A titolo esemplificativo, il grafico sottostante riporta le principali fasi del flusso di attività del Gruppo Aicon: RICERCA, SVILUPPO MARKETING E PIANIFICAZIONE PRODUZIONE E SERVIZI POST E DESIGN VENDITE PRODUZIONE E CONTROLLO VENDITA PROGRAMMAZIONE QUALITÀ ACQUISTI L’attività di produzione e commercializzazione inizia con la fase di marketing e vendite che viene svolta sia direttamente dalla Società che attraverso la propria rete di dealer, e si sostanzia nella partecipazione ai principali saloni nautici e nell’organizzazione di mirate campagne di comunicazione. Tra i mesi di maggio e luglio vengono solitamente ridefiniti i contratti di dealership e, contestualmente, gli impegni di acquisto dei dealer per gli esercizi successivi. 77
  • 79. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. I principali saloni nautici, che si tengono tra settembre e febbraio, rappresentano l’occasione per la presentazione al mercato della gamma e dei prodotti Aicon e per l’acquisizione del feedback diretto dalla clientela finale. In questo stesso periodo il Gruppo verifica con i propri dealer l’andamento delle vendite e programma gli interventi necessari alla ottimizzazione dell’attività commerciale. Gli acquisti vengono gestiti in modo da assicurare livelli di scorte minime in magazzino per le materie prime le cui necessità di approvvigionamento non sono legate alla tipologia di imbarcazione prodotta, mentre vengono gestiti “su commessa”, quindi sulla base del piano di produzione programmato, gli acquisti di materiali e componenti il cui fabbisogno varia in funzione dei modelli prodotti. La produzione è caratterizzata da un elevato grado di industrializzazione che ha storicamente permesso al Gruppo, grazie alla razionalizzazione della attività produttiva, di ottenere notevoli miglioramenti in termini di efficienza; tale assetto permette un rapido ed agevole assemblaggio delle imbarcazioni. Lungo tutto il ciclo produttivo, inoltre, il Gruppo pone in essere appositi controlli volti a monitorare la qualità dell’intero processo nonché il rispetto degli elevati standard qualitativi delle imbarcazioni Aicon. Il Gruppo Aicon, infine, presta particolare attenzione a tutti i servizi post vendita e customer care, necessari a garantire la soddisfazione e la fidelizzazione dei propri armatori, e concepiti in modo da accompagnarli lungo il corso di tutto il ciclo di vita delle imbarcazioni. In occasione del lancio di un nuovo modello, il processo produttivo sopra descritto è integrato a monte da una specifica attività di ricerca e sviluppo stilistica e tecnologica che viene svolta dal Centro Stile e dal Centro Ricerche Tecnologiche al fine di assicurare in primo luogo la coerenza tra le caratteristiche della nuova imbarcazione proposta con le tendenze in atto nel mercato, nonché l’utilizzo di soluzioni tecnologiche e funzionali all’avanguardia. La posizione strategica dei propri siti produttivi permette di effettuare in modo efficiente la consegna delle imbarcazioni ai dealer che di norma avviene in Sicilia. Di seguito si riporta una descrizione di dettaglio delle principali fasi in cui si articola il modello di business del gruppo. Ricerca e sviluppo Il management del Gruppo ritiene che l’innovazione stilistica e tecnologica sia uno dei principali fattori critici di successo del Gruppo Aicon. A tale proposito, l’attività di ricerca e sviluppo stilistica e di design sulle imbarcazioni viene svolta direttamente dal Centro Stile, che si avvale della direzione e del coordinamento dell’Arch. Mannino. L’attività di ricerca e sviluppo tecnologico viene effettuata dagli addetti del Centro Ricerche Tecnologiche ed è diretta e coordinata dal direttore tecnico. La filosofia di sviluppo del Centro Stile del Gruppo si fonda sulla volontà di creare e valorizzare una identità di prodotto e di marca propria di Aicon. Il management ha, pertanto, inteso coniugare la rapida evoluzione del numero di imbarcazioni e la continua ricerca architettonica e di design con la creazione di uno stile riconoscibile in tutte le imbarcazioni Aicon. Come dall’esperienza del modello Aicon 56' 78
  • 80. Sezione Prima Fly è nato l’Aicon 64' Fly, così lo sviluppo dell’Aicon 62' Open riflette l’esperienza maturata sull’Aicon 72' Open. Le principali attività svolte del Centro Stile del Gruppo sono: la traduzione delle caratteristiche distintive delle imbarcazioni Aicon in elementi stilistici coerenti e caratterizzanti; lo studio sulle forme e sul design delle imbarcazioni e dei principali componenti nonché sull’articolazione e sui caratteri degli spazi interni; la ricerca volta all’innovazione dei materiali, delle tecnologie e dei processi produttivi utilizzati; la formazione di un patrimonio di conoscenza decisivo nel design dei nuovi prototipi e nella gestione della produzione in serie; la definizione delle procedure di produzione progettuale, di presentazione e archiviazione; e l’addestramento di tecnici qualificati del settore. Il Centro Ricerche Tecnologiche è stato costituito al fine di creare soluzioni tecnologiche innovative in grado di caratterizzare i processi di industrializzazione ed i metodi costruttivi del Gruppo Aicon; in particolare, gli stretti rapporti di collaborazione con le università ed i centri di ricerca, oltre ai progetti già in corso all’interno del Gruppo, sono volti a creare una piattaforma tecnologica in grado di supportare i futuri processi e metodi di costruzione con diretti benefici alla resistenza, alla affidabilità ed alla durata dei componenti in materiale composito, acciaio e legno con cui si compongono le imbarcazioni. Le principali attività svolte del Centro Ricerche Tecnologiche del Gruppo sono: • lo studio accurato degli elementi ingegneristici (linee d’acqua, distribuzione dei pesi, impiantistica) volto a garantire la qualità, l’affidabilità e l’efficienza del prodotto; • le ricerche sugli aspetti di fluidodinamica (avanzamento, stabilizzazione e governabilità); • le ricerche sull’accoppiamento e sulla resistenza meccanica dei materiali (strutture in VTR, paratie, paioli, componenti in vetro, acciaio e legno); • le ricerche su aspetti di insonorizzazione e vibrazioni (rumori, vibrazioni e frequenze sonore); • l’analisi e l’ottimizzazione della qualità percepita dei componenti dell’imbarcazione (gelcoat, impianti, arredi ed acciai); e 79
  • 81. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. • il miglioramento degli standard di sicurezza nell’utilizzo dell’imbarcazione (navigazione e permanenza). Infine, il Centro Stile ed il Centro Ricerche Tecnologiche collaborano alla ricerca degli elementi estetici ed ingegneristici allo scopo di ottenere un progetto agevolmente industrializzabile e coerente ad una produzione di piccola serie, ma con elevati livelli di qualità esteriore e costruttiva tipici delle imbarcazioni Aicon. L’attività di sviluppo di un nuovo modello, dall’ideazione alla definizione dei piani esecutivi, richiede dai sei ai nove mesi; mentre tra la prima sessione di concepimento del prodotto e la disponibilità della prima imbarcazione per le dimostrazioni ai clienti e la presentazione ai saloni nautici intercorrono circa sedici/ventiquattro mesi. Lo sviluppo di ogni nuova imbarcazione Aicon prevede quattro passaggi principali: • identificazione dell’opportunità di mercato; questa fase parte dalla scelta strategica di posizionamento in un determinato segmento di mercato, individuato sulla base delle opportunità e dell’orientamento generale dell’andamento del mercato, un’attenta analisi dell’offerta competitiva e tenendo conto dei feedback qualitativi ricevuti da armatori e dealer. Sin dall’inizio, il prodotto è concepito in coerenza con le caratteristiche del marchio Aicon; • analisi dello scenario competitivo e definizione delle specifiche di progetto; questa fase, gestita dall’ufficio tecnico e dall’ufficio marketing del Gruppo, in coordinamento con l’ufficio commerciale, prende le mosse dall’attività di studio del contesto competitivo di segmento ed arriva alla definizione delle specifiche di massima del progetto. Tali specifiche, elaborate dall’ufficio tecnico, danno origine ai primi disegni e bozze del progetto, sia per gli esterni che per la compartimentazione e lo stile degli interni. La fase termina con un incontro di tutti i responsabili del progetto per effettuare un vero e proprio test di coerenza del nuovo modello rispetto alle caratteristiche distintive dello stile Aicon; • progettazione esecutiva ed engineering; questa terza fase prevede la realizzazione di modelli in realtà virtuale e di modelli in scala, e termina con il progetto esecutivo e i diagrammi di “nesting”. Le attività di progettazione e disegno del Centro Stile sono effettuate attraverso l’utilizzo di alcuni software di modellizzazione, renderizzazione e fotoritocco (quali Autocad, Rhinoceros, Flamingo, SolidWorks e Photoshop). In questa fase, particolare attenzione viene dedicata all’engineering del prodotto e alla compatibilità delle soluzioni architettoniche (relative ad interni ed esterni) con le esigenze di un avanzamento rapido ed efficiente della produzione; • esecuzione della “numero uno”; dalla consegna del progetto esecutivo al varo dello scafo numero uno di ogni esemplare passano dai dodici ai diciotto mesi, a seconda delle dimensioni dell’imbarcazione. In questa fase, particolare attenzione viene dedicata alla progettazione di tutto il set di stampi (necessari alla produzione di scafo, coperta, tuga e parti in VTR delle imbarcazioni) che servirà alla realizzazione delle 80
  • 82. Sezione Prima imbarcazioni. Successivamente, lo scafo numero uno di ogni esemplare viene sottoposto alle necessarie verifiche dei sistemi tecnico-elettronici mediante una serie di prove di navigazione in mare, alla presenza dei tecnici della Società e dei fornitori dei motori. Durante le prove di navigazione in mare vengono altresì verificati i parametri di comfort in termini di analisi delle vibrazioni, rumorosità, manovrabilità e sicurezza. Superata tale fase di prototipazione, il nuovo modello è avviato alla fase di pre-serie, all’interno della quale, ove opportuno, vengono apportate le modifiche ai progetti esecutivi, definite le implementazioni della distinta base e la corretta allocazione dei materiali assegnati all’attività produttiva. Terminata la fase di pre-serie, lo sviluppo della nuova imbarcazione approda alla fase di produzione in serie. (g) Marketing e comunicazione - Vendite Marketing e comunicazione I principali strumenti di marketing utilizzati dal Gruppo sono (i) la partecipazione a saloni nautici e ad altre manifestazioni di settore; (ii) le campagne pubblicitarie sulle principali testate di settore; (iii) l’organizzazione di eventi; (iv) l’utilizzo di materiale promozionale; e (v) l’attività svolta dall’ufficio stampa. I saloni nautici costituiscono per il Gruppo Aicon un momento fondamentale per la promozione della gamma di imbarcazioni, e rappresentano un’importante occasione di confronto con la clientela e di acquisizione di informazioni sui trend di settore. Il Gruppo Aicon tradizionalmente partecipa ai più importanti saloni nautici del Mediterraneo, a Cannes, a Genova ed a Barcellona, che si tengono rispettivamente nei mesi di settembre, ottobre e novembre di ogni anno ed a quelli che si svolgono in Florida (Ft. Lauderdale e Miami) nei mesi di ottobre e febbraio. Assume sempre maggiore rilevanza la presenza nei saloni considerati “emergenti” come quello di Dubai, il China Boat Show, ed i saloni nautici di Mosca e Spalato, che si svolgono tra marzo e aprile. Aicon partecipa, inoltre, anche ai saloni nord-Europei di Southampton e di Londra, che si tengono, rispettivamente, nei mesi di settembre e gennaio, nonché nei principali saloni dei singoli paesi in cui il Gruppo opera. Il Gruppo, inoltre, realizza campagne pubblicitarie sulle principali riviste di settore nazionali ed internazionali, brochures e materiale promozionale che viene messo a disposizione di clienti e dealer. Aggiornamenti e informazioni relative al Gruppo sono, inoltre, disponibili anche sul sito web della Società, costantemente monitorato ed aggiornato. L’attività di organizzazione di eventi costituisce per il Gruppo Aicon un momento di promozione del marchio con i propri clienti, con i clienti potenziali e con la stampa. Aicon si avvale, inoltre, di un servizio continuativo di ufficio stampa volto a mettere in atto tutte le attività propedeutiche ad assicurare la visibilità del Gruppo all’interno dei principali organi di informazione. Una parte fondamentale dell’attività di marketing è costituita dall’accrescimento della notorietà del marchio e dalla valorizzazione della immagine e del marchio anche attraverso delle linee guida 81
  • 83. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. definite dal management del Gruppo cui i dealer sono tenuti ad attenersi, al fine di comunicare la stessa immagine del Gruppo Aicon e delle imbarcazioni prodotte in ogni mercato di sbocco. Vendite Alla data di pubblicazione del Prospetto Informativo, l’attività di vendita del Gruppo è svolta principalmente attraverso una rete di 21 dealer organizzata secondo tre aree geografiche: EMEA, Americhe e Asia – Pacifico. Per quanto attiene specificatamente all’attività di vendita dei megayacht, la stessa viene svolta non solo tramite l’attività dei dealer, ma anche direttamente dal Gruppo. Con la sottoscrizione del contratto di dealership, i dealer assumono l’impegno di acquistare un numero minimo di imbarcazioni Aicon in un periodo prestabilito a prescindere dall’esistenza di un cliente finale. Il mancato rispetto di tale impegno, che varia in funzione dei diversi accordi e dei rapporti in essere con i dealer, determina per gli stessi, se del caso, la perdita della concessione di vendita. Successivamente, sulla base dell’impegno assunto nel contratto di dealership, i dealer trasmettono al Gruppo gli ordini di acquisto completi con i dettagli di tutti gli optional e gli equipaggiamenti richiesti. Il management del Gruppo attribuisce notevole importanza al ruolo svolto dai dealer in qualità di rappresentanti del marchio Aicon nei mercati dove il Gruppo opera ed alle indicazioni ricevute dagli stessi. Particolare rilevanza è data dalla capacità dei dealer di individuare con tempestività i principali trend di mercato ed i mutamenti dei gusti e delle richieste degli armatori. Il ruolo svolto dai dealer è, inoltre, essenziale per l’attività di prima assistenza e di manutenzione sulle imbarcazioni Aicon vendute poiché, in tale ambito, essi fungono da tramite tra il Gruppo e gli armatori. La seguente tabella indica il numero di dealer operanti per il Gruppo Aicon nelle aree geografiche di riferimento per il periodo intercorrente tra la data di chiusura dell’esercizio 2006 e la data di pubblicazione del Prospetto Informativo e per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. Numero dealer per area Data di chiusura esercizio 2006 - Data di 31 agosto 2006 31 agosto 2005 31 agosto 2004 pubblicazione del Prospetto Informativo Italia 5 5 4 4 Area EMEA 11 9 8 6 Americhe 4 4 3 2 Asia 1 1 1 1 Totale 21 19 16 13 Per quanto riguarda l’Italia, 5 dealer coprono le aree: Sicilia - Calabria, Abruzzo - Molise - Emilia Romagna, Veneto - Friuli, Liguria - Lombardia - Piemonte, Lazio - Campania. Per quanto riguarda la zona EMEA, 11 dealer operano a presidio della zona UE, specificatamente in Grecia, Slovenia (attivo in tutti i paesi della ex - Jugoslavia), Francia, Spagna, Austria, Inghilterra, Paesi Baltici, Belgio - Olanda, Sud Africa, Russia e Dubai-EAU (attivo anche in Oman). 82
  • 84. Sezione Prima Il mercato delle Americhe è presidiato direttamente da Aicon Yachts Americas LLC, società del Gruppo Aicon basata a Fort Lauderdale, che a sua volta gestisce una rete di 4 dealer basati negli Stati Uniti (Florida e New Jersey), in Venezuela ed in Messico. Alla data del Prospetto Informativo, il Gruppo Aicon opera nell’area emergente dell’Asia Pacifico tramite un dealer, con sede a Shenzhen, attivo nel sud della Cina (da Shangai ad Hong Kong). Al fine di sostenere i progetti di crescita in tali aree geografiche, il Gruppo Aicon ha, nel 2005, costituito Aicon International Trading (Shangai) Co. Ltd. con l’obiettivo di svolgere l’attività di promozione dei prodotti Aicon e l’attività di monitoraggio del mercato e di studio del contesto competitivo locale. Il Gruppo Aicon intende, inoltre, affiancare alla propria controllata Aicon International Trading (Shangai) Co. Ltd. una rete di dealer al fine di meglio presidiare tale crescente mercato di sbocco. In passato, il Gruppo Aicon ha svolto anche attività di gestione dell’usato tramite la propria controllata Aicon Yachts S.r.l. che, in un’ottica di focalizzazione sul proprio core business, è stata ceduta nell’ottobre del 2005 (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 5, Paragrafo 5.1.5 e Capitolo 9, Paragrafo 9.2.3.18). Infatti, la strategia del Gruppo prevede di demandare alla rete dei propri dealer la gestione del riacquisto delle imbarcazioni Aicon usate e la reimmissione sul mercato di tali imbarcazioni. (h) Pianificazione della produzione e programmazione degli acquisti Pianificazione della produzione Il raccordo tra l’attività di produzione a ciclo continuo e il flusso degli ordini, tipicamente concentrato a ridosso della stagione estiva, è fornito dall’attività di redazione degli accordi di floor planning. Tale attività viene effettuata dall’ufficio commerciale sulla base dei contratti di dealership stipulati tra i mesi di maggio e luglio. A fare data dall’inizio di ogni esercizio, quindi, il Gruppo avvia la propria produzione sulla base di un programma in cui si conoscono le unità da costruire per ciascun modello. A causa delle differenti specifiche di equipaggiamento richieste dal mercato USA (ed utilizzati anche nei Paesi del Sud America), le imbarcazioni vengono distinte tra “europee” ed “americane” sin dall’avvio dei lavori. Le imbarcazioni destinate al mercato americano vengono inviate ad Aicon Yachts Americas LLC complete di tutte le dotazioni richieste, comprese quelle previste dalle norme di sicurezza USA; il personale statunitense, ove richiesto dagli armatori americani, provvede poi a completare queste imbarcazioni con l’aggiunta di dotazioni opzionali. Programmazione degli acquisti Gli acquisti sono gestiti al fine di mantenere costantemente un livello minimo di scorte per materie prime e semilavorati che non subiscono variazioni al variare del range di modelli prodotti (prodotti chimici per VTR, pannelli di legno, tubi di acciaio, componentistica comune a tutti i modelli etc.). Al contrario, per tutti i materiali che variano al variare dei modelli, il Gruppo opera sulla base del piano operativo programmato (ad esempio motori e invertitori, che variano a seconda dei modelli e delle versioni). L’elevata integrazione della catena del valore facilita la logistica in ingresso: infatti, gli acquisti del Gruppo Aicon sono costituiti prevalentemente da merci e componentistica di basso valore unitario il cui approvvigionamento sul mercato e lo stoccaggio risultano particolarmente agevoli. 83
  • 85. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Gli acquisti sono svolti a livello centralizzato da Aicon Yachts S.p.A., ma vedono attivamente coinvolte Aicon Interiors S.r.l. e Aicon Resin S.r.l. specializzate, rispettivamente, nella realizzazione e nell’allestimento di mobili e arredi e nella produzione delle grandi componenti in VTR (stampi, scafi, tughe, coperte). La politica degli acquisti prevede la selezione di due/tre fornitori per ogni gruppo di materie prime e componenti (acquisti per la produzione di VTR, acquisti per la produzione di legni e arredi, acquisti di materiale idraulico, elettrico ed elettronico) ed il monitoraggio continuo da parte del direttore della business unit dei prezzi praticati e del livello di servizio di ogni singolo fornitore. Per i motori e la grande componentistica (aria condizionata, generatori, desalinizzatori etc.) vengono stipulati contratti di approvvigionamento prevalentemente su base annuale, ottenendo così importanti vantaggi in termini di prezzi praticati. Motori e grande componentistica valgono circa il 35%/40% del totale degli acquisti per ciascuna imbarcazione. Considerata l’ubicazione strategica dei propri siti produttivi al centro del bacino del Mediterraneo e la vicinanza degli stabilimenti rispetto al mare, la logistica in uscita del Gruppo Aicon risulta particolarmente agevole, in quanto il trasporto, un costo peraltro generalmente sostenuto dai diversi dealer, avviene direttamente via mare dai siti produttivi di Aicon. (i) Produzione e controllo qualità L’attività produttiva viene svolta interamente in Sicilia nei cantieri in Frazione Giammoro e di Villafranca Tirrena. Il ciclo produttivo del Gruppo Aicon è caratterizzato da un’elevata integrazione verticale, che è stato possibile conseguire, anche grazie all’elevato grado di ingegnerizzazione non solo di prodotto, ma relativo anche ai singoli componenti della distinta di prodotto. Il Gruppo è in grado di presidiare internamente tutte le fasi del processo produttivo, dalla realizzazione dei singoli componenti in legno, acciaio e vetroresina, fino al loro assemblaggio finale; questo modello produttivo consente di massimizzare il controllo della qualità di prodotto. Sin dal proprio debutto come azienda nautica, infatti, la scelta strategica del Gruppo Aicon si è indirizzata verso un ricorso selettivo all’outsourcing, volto a mantenere costi fissi minimi ed una elevata flessibilità operativa. Tale flessibilità operativa permette al Gruppo Aicon di fare fronte ai picchi di domanda tipici dei mesi primaverili ed all’ampliamento dei volumi di produzione. I costi per lavorazioni affidate a società esterne al Gruppo hanno inciso, sul totale dei costi di produzione, per il 24,5% nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2004, per il 27,1% nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005 e per il 28,5% nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006. I costi per lavorazioni affidate a società esterne al Gruppo sono contabilizzati nella voce “Costi per servizi” di conto economico. Le società esterne al Gruppo cui vengono affidate lavorazioni in outsourcing sono legate al Gruppo da contratti di appalto della durata in genere di un anno, e sono tacitamente rinnovabili. La industrializzazione consente al Gruppo di semplificare la varie fasi di produzione standardizzandole e agevolando il raggiungimento ed il controllo degli standard qualitativi. L’industrializzazione della produzione (di prodotto e dei singoli componenti) intesa come la codifica di tempi e metodi di lavoro, nonché le attività di formazione, il controllo ed il training delle squadre di 84
  • 86. Sezione Prima lavoro, consentono, inoltre, di minimizzare la complessità dell’attività svolta per conto del Gruppo dalle società ad esso esterne ottimizzandone la gestione, il controllo dei costi e la qualità dell’output. Inoltre, la codifica accurata di tempi e metodi di lavoro, le attività di formazione ed il training delle squadre di lavoro e di controllo risultano agevoli. L’ingegnerizzazione non solo del prodotto, ma anche dei singoli componenti che compongono la distinta, si concretizza in un forte presidio della qualità del prodotto e, nel contempo, nella possibilità di personalizzazione, anche se non strutturale, delle imbarcazioni prodotte, intesa come offerta di un ampio ventaglio di varianti di allestimento. Il grafico sotto riportato rappresenta in modo schematico le fasi del ciclo produttivo del Gruppo. FASI PRODUZIONE COMPONENTI ASSEMBLAGGIO DELIVERY (VTR, Legno, Acciaio) PRODUZIONE MOBILI E ARREDI CICLI DI PRODUZIONE VTR PRE- ALLESTIMENTO LAVORAZIONE PRODUZIONE ALLESTIMENTO PARTI IN ACCIAIO Il ciclo di produzione di ogni yacht Aicon comprende tre macro-fasi, precedute dallo studio di ingegnerizzazione del prodotto. 1. una macro-fase di produzione di componenti; 2. una macro-fase “di assemblaggio”; e 3. una macro-fase di consegna. Nella prima fase vengono costruite tutte le parti strutturali dell’imbarcazione e gli accessori in VTR, le parti e la componentistica in acciaio, i mobili e gli accessori interni in legno ed in accoppiamento legno-vetro e legno-acciaio. Tale prima fase procede senza soluzione di continuità approvvigionando un magazzino di componentistica a servizio della seconda macro-fase, quella di allestimento delle imbarcazioni. A differenza di quanto avviene normalmente nel settore nautico, in cui le fasi di produzione dei componenti in vetroresina, legno ed acciaio vengono svolte dai fornitori e quindi “a monte” dell’attività tipica di ogni cantiere nautico, consistente nell’assemblaggio e nella finitura delle imbarcazioni, il Gruppo è in grado di internalizzare in maniera selettiva tali fasi di produzione in funzione dei picchi di domanda tipici dei mesi primaverili e dell’ampliamento dei volumi prodotti. In particolare, il Gruppo svolge al proprio interno le seguenti fasi del ciclo di produzione: • lavorazione della vetroresina e produzione di scafi, coperte, sovrastrutture e piccoli componenti in VTR, eseguita da Aicon Resin S.r.l.; • lavorazione del legno e produzione di arredi in legno, eseguita da Aicon Interiors S.r.l.; e 85
  • 87. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. • allestimento degli interni delle imbarcazioni eseguite e/o coordinate da Aicon Interiors S.r.l.. L’output della produzione di tale componentistica è in molti casi costituito da kit di assemblaggio dotati di tutto il necessario per il montaggio di parti dell’imbarcazione (mobili, paratie attrezzate, cruscotti, accessori) secondo tempi e metodi definiti. Tale impostazione dell’attività di produzione di componenti rende più immediata la fase di formazione del personale di allestimento, che spesso è costituito da prestatori d’opera esterni al Gruppo. Alla prima macro-fase sono imputabili circa il 30%/35% del totale dei costi di produzione. Pur essendo una fase che avviene in continuo, in cui le componenti vengono prodotte senza un legame diretto con uno specifico esemplare di imbarcazione, è possibile individuare i tempi per la produzione della componentistica in VTR, legno e metallo per i vari modelli. Tali tempi variano dalle cinque alle dodici settimane in funzione dei modelli prodotti. Nella seconda macro-fase, cui sono imputabili circa il 60%/65% del totale dei costi di produzione, avviene l’assemblaggio dell’imbarcazione completa in tutte le parti strutturali e meccaniche. Tale macro-fase comprende tutti i lavori di accoppiamento delle strutture, di allestimento di componentistica degli interni ed esterni, finitura, carrozzeria. Si tratta di una fase che avviene sulla base di isole di assemblaggio attrezzate, dotate di appositi identificativi di modello e codice di imbarcazione e attrezzate con appositi sistemi di impalcatura e accesso. A tali isole hanno accesso le squadre di lavoro che si avvicendano per l’effettuazione dei vari cicli di montaggio. La seconda macro-fase può avere una durata variabile dalle sei alle undici settimane in funzione dei modelli prodotti. La terza macro-fase, cui sono imputabili circa il 5% del totale dei costi di produzione, comprende i controlli sui montaggi, oltre al controllo finale di qualità. In questa fase vengono anche montati alcuni degli accessori e componenti che fanno parte della lista degli optional e delle richieste specifiche di ogni cliente; vengono eseguiti i collaudi a terra e a mare e la pulizia dell’imbarcazione. La terza macro-fase ha durata di circa dieci - quindici giorni a seconda delle dimensioni delle imbarcazioni e del livello di personalizzazione richiesto dal cliente. Considerata l’elevata disponibilità di aree in immediata prossimità della costa e la vicinanza di tutti i cantieri tra di loro e di questi al mare, Aicon non ha alcun bisogno di utilizzare mezzi di trasporto terrestri per la gestione della logistica in uscita. Le spedizioni oltre oceano avvengono via nave. Controllo qualità La Società pone in essere una costante attività di controllo del processo di produzione al fine di garantire elevati standard qualitativi di costruzione delle proprie imbarcazioni. Lungo il processo produttivo sono istituiti quattro gates di controllo intermedio: sui componenti in VTR, sulle fasi di pre-allestimento, di allestimento e sulle forniture esterne. Ogni singola imbarcazione, per poter avanzare lungo le diverse fasi del processo produttivo, deve rispettare gli standard previsti per ogni singola fase; il passaggio alle successive fasi della lavorazione non può pertanto avvenire se non dopo la riparazione di eventuali non conformità. Il superamento degli 86
  • 88. Sezione Prima sbarramenti viene certificato su un’apposita modulistica che accompagna lo yacht durante tutta la fase di costruzione. Prima della consegna al cliente finale, l’imbarcazione è sottoposta ad una fase di pre-delivery, che consiste nella verifica di tutte le caratteristiche estetiche e funzionali dello yacht. Questa fase viene svolta mediante la compilazione di una check-list nella quale sono riportate le voci più importanti di difettosità, nonché le anomalie eventualmente segnalate dalla rete di assistenza. Il Gruppo, nella fase di pre-delivery, utilizza un indicatore interno di qualità che ha l’obiettivo di misurare l’andamento qualitativo nel tempo, di verificare l’efficacia delle azioni correttive intraprese, di stabilire degli obiettivi misurabili di miglioramento e di coordinare l’attività di delivery con i dealer. Questo indicatore valorizza i diversi difetti riscontrabili attribuendo un peso specifico ad ogni tipologia di difetto; il superamento di alcuni valori critici nella somma di tali valori può arrivare a bloccare la consegna finale dell’imbarcazione. (j) Servizi di CRM (Customer Relationship Management) Il management del Gruppo ritiene particolarmente importante che la qualità delle imbarcazioni prodotte sia affiancata da efficienti servizi di: (i) post-vendita; (ii) assistenza tecnica; e (iii) customer care, destinati ad accompagnare il cliente nel corso di tutto il ciclo di vita della sua imbarcazione. Il Gruppo Aicon fornisce un completo servizio di assistenza nei mercati dove opera, grazie a proprie squadre di pronto intervento, alla stretta collaborazione con i propri fornitori e con i dealer, nonché grazie all’esistenza di magazzini presenti sia nella sede della Società che presso i dealer, preposti non solo allo stoccaggio dei pezzi di ricambio necessari agli interventi di assistenza tecnica, ma anche alla vendita della componentistica e degli accessori Aicon a dealer ed armatori. Tutti i modelli Aicon sono venduti con una garanzia contrattuale del costruttore della durata di due anni, per le imbarcazioni destinate ad uso privato, e di un anno per le imbarcazioni destinate all’attività di noleggio. Tale garanzia decorre dalla data di consegna dell’imbarcazione. Aicon, inoltre, garantisce le parti in VTR delle proprie imbarcazioni contro il fenomeno dell’osmosi per un periodo di cinque anni. Al fine di ottimizzare il servizio di customer care, volto a fornire servizi accessori quali il rimessaggio invernale, la disponibilità della barca sostitutiva e gli interventi di manutenzione straordinaria, è in corso di implementazione la Aicon card, che garantisce agli armatori Aicon la possibilità di accedere ad una gamma completa di servizi di assistenza e di manutenzione a prezzi prestabiliti e ad una serie di vantaggi esclusivi. Alcuni di questi servizi sono fruibili dagli armatori Aicon anche gratuitamente, come, ad esempio, la manodopera per il tagliando dei motori, la sostituzione degli zinchi e la pulitura dell’opera viva dell’imbarcazione. Un’ulteriore iniziativa volta ad accompagnare il cliente nel corso di tutto il ciclo di vita della sua imbarcazione è Aicon Winter, un programma di interventi effettuati fuori stagione, volto ad effettuare manutenzioni preventive e di messa a regime sulle imbarcazioni al termine della stagione di utilizzo. 87
  • 89. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 6.1.5 Il sistema informatico Nel marzo 2006 Aicon ha iniziato l’implementazione di una nuova piattaforma ERP (Enterprise Resource Planning), sviluppata su tecnologia Microsoft Dynamics Navision, al fine di dotare tutte le società del Gruppo di un efficace SCG (Sistema di Controllo di Gestione) e di uno strumento informatico evoluto ma di semplice utilizzo, flessibile e fortemente integrato con gli strumenti di Microsoft Office per l’ottimizzazione e il controllo dei processi aziendali. Navision è utilizzato dal luglio 2006 nelle aree Finanza, Contabilità, Commerciale, Marketing, Produzione e Logistica. Alla data del Prospetto Informativo è in corso una seconda fase di implementazione del progetto, che il Gruppo prevede di concludere entro il mese di aprile 2007, dei moduli CRM (Customer Relationship Management) e PDM (Product Data Management) per un completo controllo del ciclo di vita del prodotto. Il nuovo sistema è stato centralizzato nel data center in Frazione Giammoro e l’accesso alla piattaforma da parte degli utenti delle altre sedi (nazionali e internazionali) è realizzato utilizzando la tecnologia Microsoft Terminal Server su connessioni sicure VPN (Virtual Private Network). La piattaforma ERP è stata recentemente rinnovata utilizzando apparati Cisco Systems; nella moderna sala CED sono stati aggiunti nuovi server Hewlett Packard e, per garantire l’efficienza della attività aziendale, tutti i dispositivi critici sono stati protetti da gruppi di continuità APC. Per tutelare il patrimonio informativo, il Gruppo implementa un attento controllo degli accessi; rigorose procedure di sicurezza sia logica che fisica garantiscono che i dati siano sempre riservati, integri e disponibili. 6.1.6 Strategia aziendale Il Gruppo Aicon intende proseguire nel percorso di crescita intrapreso, continuando a far leva sugli elementi distintivi di design e marinità delle imbarcazioni e sull’attività di customer care che contribuiscono a definire la “complete yachting experience” offerta alla clientela finale e che hanno permesso la crescita del Gruppo. A questo fine, il Gruppo Aicon è focalizzato su una strategia di crescita per linee interne, secondo le direttive di seguito indicate, pur non escludendo la possibilità di cogliere eventuali opportunità di crescita per linee esterne che dovessero proporsi nel segmento della nautica di lusso sul mercato sia domestico che internazionale e, in particolare, nelle aree geografiche ove il Gruppo è presente (Italia, EMEA, Americhe e Asia Pacifico): Ampliamento della gamma di modelli - Il Gruppo intende continuare ad ampliare la gamma esistente di motoryacht e megayacht mediante la costante introduzione di nuovi modelli nelle tipologie flybridge, open e navetta, con l’obiettivo di arrivare a coprire tutti i segmenti di domanda del mercato di riferimento nella fascia di imbarcazioni e navi da diporto comprese tra i 40' e i 130', assecondando la tendenza della clientela a spostarsi progressivamente su imbarcazioni di maggiori dimensioni e/o valore. 88
  • 90. Sezione Prima - La costante introduzione di nuovi modelli di successo si fonda sull’attività del Centro Stile e del Centro Ricerche Tecnologiche del Gruppo, che costituiscono, a giudizio del management, un importante vantaggio competitivo. In particolare, l’aver costituito un Centro Stile interno al Gruppo è, a giudizio del management, un fattore essenziale ai fini della definizione e dell’applicazione coerente di uno stile fortemente caratterizzato e riconoscibile dalla clientela. Rafforzamento della presenza nei mercati già presidiati ed espansione geografica, sostenute dall’ottimizzazione delle attività di marketing e commerciali - ITALIA ED EMEA: Nei mercati più maturi e già presidiati, il Gruppo intende incrementare ulteriormente la sua penetrazione, facendo leva sul positivo riscontro ottenuto presso la clientela e sull’impatto tramite la costante introduzione di nuovi modelli. Il Gruppo intende cogliere le opportunità rappresentate da mercati di più recente penetrazione e, a giudizio del management, a forte potenziale di crescita, come il Medio Oriente, il bacino dell’Africa Settentrionale, la Russia ed il Sud Africa facendo leva sui punti di forza che ne hanno permesso la crescita in Europa, adattandoli alle caratteristiche ed esigenze di ciascun mercato, e sulla rete di dealer già operativa. - AMERICHE: Nel mercato statunitense, il Gruppo Aicon finora ha operato prevalentemente attraverso vendite dirette da parte della controllata Aicon Yachts Americas LLC e intende mettere in atto una strategia di rafforzamento e consolidamento della propria presenza commerciale, attraverso la creazione di una rete di dealer locali che risponda a criteri di esclusività e affidabilità da sempre richiesti ai partner commerciali del Gruppo. Anche nell’area del Centro America, che, a giudizio del management, sta esprimendo notevoli tassi di crescita, il Gruppo intende sfruttare le potenzialità dei dealer di recente acquisizione. Parimenti, per quanto riguarda l’area sud americana, il Gruppo intende sviluppare uno specifico piano di espansione, che prevede, fra l’altro, l’identificazione di dealer locali da coinvolgere nel progetto. - ASIA PACIFICO: nel corso degli ultimi mesi, con la costituzione di Aicon International Trading (Shangai) Co. Ltd. e il rapporto avviato con un dealer a Shenzhen attivo nel Sud della Cina, Aicon ha posto le basi per poter sfruttare l’attesa crescita futura in Cina e nell’area del Sud Est Asiatico, dove, a giudizio de management, la domanda di imbarcazioni e navi da diporto di lusso è in forte crescita. - A sostegno della sua strategia di crescita, il Gruppo ha adottato, con particolare enfasi nel corso dell’ultimo esercizio, un approccio strategico alle attività di marketing e commerciali. Relativamente alle prime, il Gruppo Aicon pianifica e realizza in modo strutturato le azioni di marketing sui diversi mercati nel corso dell’anno, coordinando in particolare il lancio dei nuovi modelli, la presenza ai principali saloni nautici e le campagne di comunicazione su ciascun mercato. L’elevata qualità del prodotto in termini di design, marinità e customer care, combinata ad uno stile fortemente riconoscibile e ad una attività di marketing strategico, ha portato alla rapida 89
  • 91. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. affermazione del marchio Aicon, che il management ritiene essere uno dei presupposti su cui far leva per sostenere l’espansione geografica. Relativamente alle attività commerciali, il Gruppo attribuisce un’importanza fondamentale alla sua rete di dealer che riveste un ruolo strategico nei rispettivi territori di competenza, rappresentando il Gruppo presso la clientela finale, individuando e segnalando i mutamenti dei gusti e delle esigenze degli armatori e facendosi carico dell’attività di assistenza e manutenzione di base delle imbarcazioni. In quest’ottica, il Gruppo applica criteri rigorosi nella scelta dei dealer. La crescita del Gruppo comporta pertanto lo sviluppo costante e selettivo della rete distributiva attraverso la prevista creazione di una rete consolidata di dealer (“Aicon Dealer Partnership Network”) mirata a garantire l’esclusività degli armatori Aicon, l’affidabilità e servizi post-vendita coerenti con la filosofia del Gruppo. È di primaria importanza, infine, assicurare anche la valorizzazione delle imbarcazioni usate Aicon in relazione alle quali il Gruppo intende mantenere gli elevati standard qualitativi e di immagine che ne caratterizzano le imbarcazioni prodotte e già presenti sul mercato. Fidelizzazione della clientela finale e ottimizzazione del livello di servizio - La fidelizzazione della clientela finale rappresenta un presupposto fondamentale del successo e della crescita del Gruppo e costituisce pertanto un obiettivo specifico della strategia del management. - A questo fine, riveste un ruolo fondamentale il costante lancio di iniziative specifiche e dedicate, volte ad aumentare la percezione di esclusività del marchio Aicon e l’offerta di servizi post-vendita di elevato livello. - Le ultime iniziative in fase di implementazione, in tal senso, comprendono l’Aicon Owner’s Club, tramite cui il Gruppo Aicon offre l’opportunità ai propri armatori di riunirsi per eventi esclusivi in contesti prestigiosi, effettuare viaggi in barca e partecipare alle presentazioni di nuovi prodotti e servizi, consentendo in questo modo anche di ottenere riscontri diretti sui prodotti Aicon, e la Aicon Card, il cui possesso permette all’armatore di ricevere training, servizi vari come pulizia, carena alaggio, varo, cambio zinchi, uso di barche sostitutive, acquisti di pezzi di ricambio, abbigliamento e gadget Aicon e, soprattutto, servizi avanzati quali il programma di interventi programmati ed effettuati fuori stagione (Aicon Winter). 90
  • 92. Sezione Prima Rafforzamento della piattaforma operativa - Il Gruppo intende proseguire nell’adeguamento costante della sua piattaforma operativa a sostegno della strategia di crescita perseguita ed in linea con la sua filosofia imprenditoriale ed il modello di business. A questo fine, i principali interventi previsti includono: La creazione del Polo Nautico di Messina (San Pier Niceto), la cui costruzione ad opera del Gruppo è stata avviata all’inizio dell’esercizio in corso ed il cui completamento è previsto entro i prossimi due esercizi. Il Polo Nautico comprenderà un’area di circa 110.000 metri cubi, dedicata all’ampliamento della produzione dei megayacht, ed un porto di riparazione e di servizio per barche con dimensioni fino a 100 metri. Nelle intenzioni del Gruppo, il Polo Nautico è destinato a divenire il vero fulcro dell’attività e della yachting experience offerta. Inoltre, tale struttura, dovrà essere in grado di offrire i propri servizi non esclusivamente agli armatori Aicon, ma anche ai possessori di megayacht non a marchio Aicon, divenendo così un punto di riferimento nel settore nautico per tutto il bacino del Mediterraneo. Un ulteriore incremento della capacità produttiva attraverso l’ampliamento del cantiere di Villafranca, per il quale sono già state acquisite le superfici dedicate ed il cui allestimento è attualmente in corso. Tale nuovo sito produttivo verrà destinato alla centralizzazione della produzione di manufatti in VTR per tutte le imbarcazioni del Gruppo. L’introduzione della tecnologia di laminazione della VTR ad infusione in sostituzione della laminazione manuale, mirata ad ottimizzare la qualità dei manufatti in VTR utilizzati e di ridurne il peso a parità di caratteristiche meccaniche. L’introduzione di un sistema di progettazione integrata, mirata a consentire l’engineering dei nuovi modelli di imbarcazione in fase di progettazione. L’apertura di nuovi centri dedicati all’erogazione di servizi post-vendita rispettivamente in Europa, Americhe e Asia Pacifico, volti a rafforzare il servizio ai dealer ed alla clientela finale in linea con gli standard qualitativi del Gruppo. 6.1.7 Il mercato di riferimento Il mercato della nautica a livello mondiale ha una dimensione, per l’esercizio chiusosi nell’anno 2004, stimata in oltre 13 miliardi di Euro6. Tale mercato è caratterizzato da un notevole grado di frammentazione, con un numero di oltre 3.700 cantieri operanti a livello mondiale. L’Italia, in questo settore, si colloca come il secondo produttore mondiale, con una base produttiva di 770 cantieri ed un fatturato complessivo per l’esercizio chiusosi nell’anno 2004 di poco meno di 1,9 6 Fonte: La nautica in cifre 2005 - dati Ucina riferiti al 2004, Ucina - Unione Nazionale Cantieri e Industrie Nautiche e Affini. 91
  • 93. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. miliardi di Euro, dietro agli Stati Uniti che dispongono di una base produttiva di circa 1.100 cantieri ed un fatturato complessivo per l’esercizio chiusosi nell’anno 2004 di 8,8 miliardi di Euro7. In un settore caratterizzato dalla presenza di molti operatori di dimensioni medio-piccole, con una dimensione produttiva artigianale e rilevanza commerciale locale, spiccano un certo numero di operatori di grandi dimensioni, alcuni dei quali attivi nei segmenti delle piccole unità da diporto (specialmente negli USA), altri nei segmenti dei motoryacht di lusso. Il mercato di riferimento del Gruppo Aicon è costituito dalle imbarcazioni a motore di lusso di dimensione superiore ai 40 piedi. L’ampiezza di questo mercato, a livello mondiale, è stimata in circa Euro 9,2 miliardi8. Alla data del Prospetto Informativo, il Gruppo Aicon compete in tale mercato attraverso un’offerta di prodotti che rientra nei segmenti: • motoryacht flybridge di lunghezza tra i 40 e gli 80 piedi; • motoryacht open di lunghezza tra i 40 e gli 80 piedi; e • megayachts di lunghezza superiore agli 80 piedi. La rappresentazione grafica in basso mostra i segmenti di mercato in cui il Gruppo già opera nonché i segmenti in cui il Gruppo prevede di entrare a partire dal prossimo esercizio. Fino a 500' Mega Yachts 120' Dimensione (in piedi) 80' Motor Yachts 40' 0' Unità a Motore Flybridge Open Navetta Altre Imbarcazioni Gommoni Unità a Vela Unità a Motore Unità Pneumatiche 7 Fonte: La nautica in cifre 2005 - Unione Nazionale Cantieri e Industrie Nautiche e Affini. 8 Fonte: Stima del management su dati Icomia riferiti al 2005, “ORDER BOOK” - Showboats International 2006, Ucina, La nautica in cifre 2006. 92
  • 94. Sezione Prima Il mercato di riferimento nel periodo 2000-2005 è cresciuto ad un tasso medio annuo del 10,6% a valore9. Le prospettive di sviluppo del mercato fanno prevedere tassi di sviluppo analoghi anche per i prossimi anni per tutto il comparto dei motoryacht e megayacht sopra i 40 piedi. In particolare, il segmento delle imbarcazioni megayacht a motore, in cui il Gruppo ha fatto il suo ingresso nel luglio 2006, ha registrato nel periodo 2000-2006 un tasso di crescita annuo medio a volume del 15,2%, passando da 272 unità nel 2000 a 636 nel 200610. In questo segmento, l’Italia risulta essere leader mondiale con una produzione di 260 unità, corrispondente ad una quota di mercato del 37,8%11. Con particolare riferimento al parco nautico italiano, a fronte di una crescita complessiva del 3,2% nel 2005, mentre i segmenti di dimensione inferiore ai 40 piedi hanno registrato una stagnazione, i segmenti motoryacht 40-60 piedi e 60-80 piedi sono cresciuti rispettivamente del 17,7% e del 18,1%, ed il segmento megayacht è cresciuto del 16,9%12. Il segmento di mercato tra i 40 e i 60 piedi, nel quale la Società opera da più tempo ed ha maggiormente consolidato il proprio posizionamento competitivo, ha una dimensione stimata al 2006 in Europa Occidentale di 1.547 unità, 696 delle quali sono motoryacht flybridge13. La Società ritiene che il Gruppo Aicon, che nell’esercizio 2006 ha venduto in Europa complessivamente 21 unità delle linee Aicon 56' Fly e Aicon 54' Fly, detiene quindi una quota di mercato relativa ai motoryacht flybridge pari al 3% in Europa ed all’8,1% in Italia14. 6.1.8 Identificazione della domanda di riferimento La domanda di riferimento della nautica di lusso è rappresentata da due categorie di clienti potenziali: • High Net Worth Individuals (HNWIs) • Affluents Gli HNWIs sono i clienti tipici del mercato della nautica di lusso. Si tratta di una popolazione stimata di circa 8,7 milioni di persone nel mondo, definite come individui dotati di un patrimonio liquido superiore al milione di dollari. Dato l’andamento dell’economia globale, inoltre, il numero di persone dotate di tali disponibilità finanziarie cresce a tassi elevati (7,3% nel 2004 e 6,5% al 2005)15. 9 Fonte: Stima del management su dati Icomia riferiti al 2005, “ORDER BOOK” - Showboats International 2006, Ucina, La nautica in cifre 2006. 10 Fonte: “ORDER BOOK” - Showboats International 2006, Ucina, La nautica in cifre 2005. 11 Fonte: “ORDER BOOK” - Showboats International 2006. 12 Fonte: La nautica in cifre, edizioni 2005 e 2006, Ucina - Unione Nazionale Cantieri e Industrie Nautiche e Affini. 13 Fonte: Analisi del mercato 40-60 piedi in Europa - Osservatorio Mercato Nautico Università di Tor Vergata. 14 La dimensione stimata del segmento 40-60 flybridge in Italia al 2006 è di 135 unità. Fonte: ibidem. 15 Fonte: Cap Gemini & Merrill Lynch, World Wealth Report 2005 e 2006. 93
  • 95. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Gli affluents rappresentano un importante bacino di clientela potenziale per il Gruppo, specialmente considerando la crescente offerta di servizi finanziari specializzati a supporto dell’acquisto di imbarcazioni (quali ad esempio il leasing nautico in Italia, “leasing francese” etc.). Si stima che la popolazione di affluents a livello mondiale sia oggi di circa 30 milioni di individui16. Il grafico in basso17 mostra la segmentazione degli HNWIs per classi di disponibilità finanziaria e le loro relative dimensioni. Nella parte destra del grafico sono riportati i prodotti dedicati alle varie classi di reddito, mentre la freccia della parte destra del grafico mostra i segmenti di mercato e la clientela di riferimento a cui si rivolge il Gruppo, alla data del Prospetto. Ultra $ > 30 mil HNWI 77.000 Up to 500' $ 10–30 mil Very HNWI 745.000 Up to 120' TARGET AICON $ 1–10 mil HNWI 7.446.000 Up to 80' AFFLUENT $0,4–1 mil >30 millions of people worldwide Up to 60' La ricchezza complessiva degli HNWIs è stimata superiore a USD 33,3 migliaia di miliardi ed è cresciuta, nel 2005, dell’8,5% rispetto all’anno precedente ed è significativamente superiore al livello attuale dell’offerta di imbarcazioni di lusso; ciò consente di individuare un bacino di domanda potenziale tale da continuare a guidare la crescita del settore per i prossimi esercizi. Da un punto di vista geografico, la distribuzione degli HNWIs risulta piuttosto omogenea tra Europa, Nord America e Asia (2,8 milioni in Europa, 2,9 Nord America, 2,4 Asia-Pacific). I tassi di crescita percentuali superiori si registrano in particolare nelle aree dei Paesi cosiddetti emergenti, per quanto anche il Nord America continui a registrare tassi di crescita rilevanti (+6,9% nel 2005 rispetto al 2004)18. 16 Fonte: Financial Times, dicembre 2006. 17 Elaborazione Aurea Corporate Finance su dati Cap Gemini & Merrill Lynch, World Wealth Report 2005. 18 Fonte: WWR 2006. 94
  • 96. Sezione Prima 6.2 Normativa di settore 6.2.1 Provvedimenti rilevanti in materia di nautica da diporto Nel settore della nautica da diporto i costi più elevati sostenuti dalle società per l’adeguamento alla normativa attengono alla progettazione e al collaudo dei prodotti nel rispetto delle norme nazionali ed internazionali sulla sicurezza e sulle emissioni. La Direttiva 94/25/CE, così come modificata dalla Direttiva 2003/44/CE del 16 giugno 2003 (di seguito la “Direttiva”), che ha modificato leggi, regolamenti e provvedimenti amministrativi degli Stati membri dell’Unione Europea in materia di nautica da diporto, si applica a tutte le imbarcazioni da diporto dai 2,5 metri ai 24 metri di lunghezza massima. In base alla Direttiva, ogni imbarcazione da diporto deve essere conforme ad una serie di requisiti inerenti alla sicurezza, alla salute e alla protezione dei consumatori. Questi requisiti comprendono - in aggiunta a quelli generali quali la previsione per il manuale d’uso e la visibilità dalla posizione di guida - una serie di requisiti strutturali (quali la stabilità, la portata massima consigliata, la galleggiabilità, l’allagamento, l’ancoraggio, l’ormeggio e il rimorchio), caratteristiche di manovra e dotazioni necessarie (quali i motori ed i compartimenti motore, i serbatoi di carburante, l’impianto elettrico e del gas, i dispositivi antincendio e di emergenza). La Direttiva contiene, inoltre, le disposizioni da seguire per valutare l’adempimento ai requisiti essenziali e le regole per l’assegnazione della marcatura “CE”, con particolare riferimento alla progettazione e costruzione delle imbarcazioni, alle emissioni di gas di scarico e alle emissioni acustiche. La Direttiva ha trovato esecuzione in Italia con il Decreto Legislativo n. 436 del 1996 ed altri provvedimenti legislativi integrativi, tra cui il Decreto Legislativo del 18 luglio 2005 n. 171 (c.d. “Codice della Navigazione”), che stabilisce le condizioni per l’immissione in commercio e la messa in servizio delle imbarcazioni da diporto. Il Codice individua, altresì, i requisiti essenziali in materia di sicurezza, salute e protezione dell’ambiente e dei consumatori. Il D.P.R. 431/97, contenete la disciplina delle patenti nautiche, regolamenta il rilascio, la convalida, la revisione e la revoca delle abilitazioni per il comando e la condotta delle unità da diporto. In base a tale provvedimento, è richiesta una patente nautica (salvo possibili deroghe) per imbarcazioni da diporto a motore, a vela e per motor sailer, con una limitazione che varia dalle 6 alle 12 miglia dalla costa. Negli Stati Uniti esiste una normativa simile che disciplina la sicurezza, la struttura e le altre caratteristiche delle imbarcazioni da diporto. In particolare, le imbarcazioni da diporto a motore devono essere certificate dai costruttori in base ai parametri elaborati dalla Guardia Costiera americana. Inoltre, la sicurezza delle imbarcazioni è soggetta a regolamenti federali in base al Federal Boat Safety Act del 1971. Il Federal Boat Safety Act esige che i produttori di imbarcazioni ritirino il prodotto per la sostituzione di parti o componenti che siano difettosi, compromettendo la sicurezza dell’imbarcazione. Le imbarcazioni del Gruppo sono, inoltre, soggette a standard per la sicurezza richiesti da altri Paesi, nel rispetto delle disposizioni normative dello Stato di destinazione. Il management della Società 95
  • 97. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. ritiene che il Gruppo operi nel rispetto della normativa in materia di progettazione, collaudo e sicurezza delle proprie imbarcazioni. La Società, inoltre, non è a conoscenza di modifiche nella normativa applicabile che possano comportare effetti rilevanti. 6.3 Ripartizione dei ricavi dell’Emittente per area geografica Il Gruppo opera attraverso una singola unità di business attiva in Italia ed all’estero (motoryacht). Non viene pertanto fornita informativa primaria di settore (business), ma soltanto secondaria (settore geografico). La tabella che segue riporta pertanto i ricavi del Gruppo suddivisi per area geografica per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 (dati in migliaia di Euro): (migliaia di Euro) Esercizio chiuso al 31 agosto 2006 2005 2004 Italia 36.665 62,0% 18.198 49,5% 19.450 64,9% EMEA (esclusa Italia) 17.237 29,2% 10.335 28,1% 4.413 14,7% Americhe 5.191 8,8% 8.231 22,4% 5.310 17,7% Asia Pacifico - - - - 817 2,7% Totale 59.093 100,0% 36.764 100,0% 29.990 100,0% Per quello che attiene la segmentazione dei ricavi per modello di business, la Società ha scelto come segment reporting i settori motoryacht e megayacht. Alla data del Prospetto Informativo, non rivestendo carattere di significatività l’attività svolta nel settore dei megayacht, non si ritiene significativo fornire tale dettaglio. Tale segmentazione verrà fornita nella prossima semestrale relativa al semestre chiuso al 28 febbraio 2007. 6.4 Fattori eccezionali Ad eccezione di quanto descritto nel presente Prospetto Informativo non si sono verificati negli ultimi tre esercizi eventi eccezionali che abbiano influenzato in misura rilevante l’attività del Gruppo Aicon. 6.5 Dipendenza da brevetti o licenze, da contratti industriali, commerciali o finanziari, o da nuovi procedimenti di fabbricazione Il marchio “Aicon Yachts” (logo e parola) è registrato in Italia con numero di registrazione 0001009993 per il logo e 0001009992 per la parola AICON, con data di deposito 24 gennaio 2005 e data di registrazione 30 maggio 2006. È inoltre registrato a livello internazionale ai sensi della normativa sancita nell’ambito dell’Accordo di Madrid e del Protocollo di Madrid (World Intellectual Property Organization) in 25 paesi dell’Unione Europea e in altri 10 paesi (Bulgaria, Cina, Cuba, Croazia, Marocco, Romania, Russia, Turchia, Ucraina e Stati Uniti d’America). La registrazione internazionale, ottenuta in data 30 maggio 2006, ha una durata di dieci anni (scadenza 30 maggio 2016, numeri di registrazione 896328 per la parola AICON e 895328 per il logo). Ai sensi della normativa internazionale sancita dal suddetto Accordo e Protocollo di Madrid, la registrazione del marchio è soggetta a controllo e passibile opposizione per un periodo di 12 / 18 mesi dalla data di registrazione, variabile a seconda delle singole normative dei 96
  • 98. Sezione Prima paesi locali, volta a verificare il rispetto della normativa dei singoli paesi e la non esistenza di preesistenti registrazioni. Il Gruppo Aicon ha infine in programma di estendere il processo di registrazione del marchio anche in altri paesi nei quali opera, alcuni dei quali non aderiscono all’Accordo e Protocollo di Madrid. Il Gruppo Aicon non utilizza marchi o brevetti di proprietà di terzi. L’attività del Gruppo non dipende da licenze, contratti industriali, commerciali o finanziari. 6.6 Concorrenza 6.6.1 La concorrenza In un settore caratterizzato dalla presenza di molti operatori di dimensioni medio-piccole, con una logica produttiva ancora artigianale e copertura geografica locale, spiccano un certo numero di operatori di grandi dimensioni, con una estesa gamma di prodotti ed in grado di competere su un mercato globale. All’interno del mercato nautico mondiale, Aicon compete nel segmento dei motoryacht e dei megayacht, quindi imbarcazioni a motore di dimensioni superiori ai 40', ritenendolo il segmento a più alto potenziale di crescita. All’interno di questo segmento, compete principalmente sui mercati italiano ed EMEA, contando allo stesso tempo una presenza negli Stati Uniti ed in Asia Pacific. I principali fattori distintivi del Gruppo Aicon rispetto allo scenario competitivo sono: - l’avere individuato un segmento preciso di azione nel mercato della nautica a motore di lusso (sopra i 40 piedi), nel quale attualmente opera con una gamma fino agli 85' e dove conta di ampliare la propria offerta fino ai 120', flybridge, open e navetta; - l’avere adottato una strategia monobrand, che gli ha permesso di costruire rapidamente la conoscibilità del brand a livello internazionale; - l’adozione di un modello di business ad integrazione verticale, con un ricorso selettivo all’outsourcing; - l’approccio strategico e di marketing con focus anche sul cliente oltre che sul prodotto, coerente con la propria filosofia di offrire una complete yachting experience. Il management del Gruppo Aicon ritiene che la concorrenza sia rappresentata prevalentemente dai grandi cantieri nautici mondiali, operanti nel segmento degli yacht di lusso, e che, per quanto riguarda i segmenti di prodotto in cui il Gruppo attualmente compete, essa sia rappresentata da un numero ristretto di operatori. 97
  • 99. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Il grafico che segue mostra i principali concorrenti del Gruppo, riportati in ordine di fatturato 200519. Gruppo Aicon, principali concorrenti per fatturato, Euro Mln, 2005 (Fonte: bilanci ufficiali delle Società) 800 700 600 500 400 300 200 100 0 Ferretti Azimut Rodriguez Sunseeker Princess Cranchi Group Benetti Group 19 Fonte: Dati elaborate dal Gruppo Aicon sulla base di bilanci pubblicati dagli operatori menzionati. 98
  • 100. Sezione Prima La tabella che segue riporta la segmentazione dei prodotti con la quale i principali concorrenti presidiano il mercato di riferimento. Azienda Marchi Tipologia Numero Modelli Dimensioni Sunseeker - Open 6 35' - 72' Flybridge 4 50' - 75' Megayacht 8 82' - 121' Princess - Open 7 42' - 70' Flybridge 9 42' - 74' Megayacht 2 84' - 95' Fairline Open 6 38' - 62' Flybridge 6 40' - 74' Gruppo Azimut Azimut Yachts Flybridge 11 39' - 80' Azimut Yachts S Open 3 43' - 68' Benetti Megayacht 5 85'-116' Atlantis Megayacht n.a. 30-60 m Open 6 35' - 55' Gruppo Ferretti Ferretti Flybridge 10 46' - 78' Megayacht 2 83' - 88' Bertram Sport Fisherman 9 36' - 67' Pershing Open 6 37' - 76' Megayacht 2 90' -115' Riva Flybridge 1 75' Open 7 30' - 68' Megayacht 2 85' - 115' Customline Megayacht 3 97' - 112' Mochi Craft Lobster boat 4 44' - 74' Apreamare Gozzo 6 45' - 65' CNR Megayacht n.a. > 100' Itama Open 2 40' - 55' Rodriguez Leopard Open 2 75' - 78' Megayacht 4 85' - 111' Mangusta Open 2 72' - 80' Megayacht 5 92' -130' Astondoa Flybridge 2 66' - 72' Megayacht 3 82' - 102' Custom Yacht (ISA) Megayacht n.a. >100' San Lorenzo Flybridge 2 62' - 72' Megayacht 7 82' - 38,50 m Rizzardi Open 5 45' - 73' Flybridge 3 65' - 80' Mega 3 85' - 120' Tra i principali concorrenti del Gruppo si colloca il gruppo Azimut Benetti. Il gruppo Azimut, infatti, offre la più ampia gamma di prodotti afferenti ad un singolo marchio e tra questi si possono identificare dei prodotti in diretta concorrenza con Aicon, anche per un posizionamento di prezzo, sia nei segmenti flybridge (gamma yachts Azimut di dimensioni tra 55' e 85') che nel segmento open (gamma yachts Azimut “S” tra 60' e 86'). Nel segmento dei megayacht navette, Azimut compete tramite il marchio Benetti. 99
  • 101. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Altro importante concorrente di Aicon è il gruppo Ferretti che, a differenza di Aicon e Azimut, opera con strategie multi-brand, ma che, proprio con il marchio Ferretti nel segmento motoryacht flybridge, presenta dei prodotti in concorrenza diretta con quelli di Aicon. Gli yacht a marchio Ferretti, tuttavia, sono caratterizzati da un design e un’architettura degli interni più classica e tradizionale rispetto alle imbarcazioni Aicon. Nel segmento open, inoltre, il gruppo Ferretti opera attraverso il brand Pershing, che presenta delle linee esterne più radicali, che attirano una clientela solo parzialmente in sovrapposizione con quella del Gruppo. Per quanto riguarda gli operatori del mercato estero, il gruppo Sunseeker (UK) presenta una gamma di prodotti in diretta concorrenza con quelli di Aicon, sia nel segmento flybridge che in quello open: nel primo, Sunseeker compete con Aicon con la gamma delle imbarcazioni “Manhattan” nelle dimensioni tra 50' e 90'; mentre, nel segmento degli open, la gamma “Predator”, in particolare nelle dimensioni tra 60' e 80', è in diretta concorrenza con le imbarcazioni Aicon della serie open. Meno avvertita da parte del management del Gruppo Aicon è la concorrenza del gruppo Rodriguez, operatore francese che fa produrre le proprie imbarcazioni prevalentemente presso cantieri italiani. Il gruppo Rodriguez è particolarmente competitivo nel segmento dei megayacht (11 dei 18 modelli tra flybridge e open sono sopra gli 80 piedi) nel quale il Gruppo Aicon è entrato solo recentemente. 100
  • 102. Sezione Prima 7. STRUTTURA ORGANIZZATIVA 7.1 Gruppo di appartenenza Aicon è controllata dalla società di diritto lussemburghese Airon S.A., la quale detiene una partecipazione nel capitale sociale dell’Emittente pari al 99,15%; il capitale sociale di Airon S.A. è interamente detenuto dall’Arch. Siclari, il quale detiene una partecipazione diretta in Aicon pari allo 0,6% del relativo capitale sociale. Si riporta di seguito una rappresentazione grafica del gruppo facente capo ad Airon S.A.. AIRON SA 99,15% 99% 100% 30% AICON S.P.A. AIRON ITALIA S.R.L. AIRON RE S.R.L. LSMB VENTURE GROUP, LLC 100% 70% HL S.R.L. AIRONBLUE S.R.L. 7.2 Società controllate dall’Emittente L’Emittente è la holding del Gruppo Aicon. Aicon esercita nei confronti della società del Gruppo attività di direzione e coordinamento ai sensi degli articoli 2497 e seguenti del codice civile. Le disposizioni del Capo IX del Titolo V del Libro V del codice civile (articoli 2497 e seguenti) prevedono, tra l’altro: (i) una responsabilità diretta della società che esercita attività di direzione e coordinamento nei confronti dei soci e dei creditori sociali delle società soggette alla direzione e coordinamento (nel caso in cui la società che esercita tale attività - agendo nell’interesse imprenditoriale proprio o altrui in violazione dei principi di corretta gestione societaria e imprenditoriale delle società medesime - arrechi pregiudizio alla redditività ed al valore della partecipazione sociale ovvero cagioni, nei confronti dei creditori sociali, una lesione all’integrità del patrimonio della società); (ii) una responsabilità degli amministratori della società oggetto di direzione e coordinamento che omettano di porre in essere gli adempimenti pubblicitari di cui all’articolo 2497-bis, per i danni che la mancata conoscenza di tali fatti rechi ai soci o a terzi. L’Emittente è responsabile della direzione strategica e della definizione di tutte le attività di servizio a supporto delle controllate quali le attività di marketing, sviluppo delle risorse umane e direzione finanziaria. L’Emittente è, inoltre, responsabile dell’attività di engineering e design relativamente ai nuovi prodotti e dell’attività di R&D. 101
  • 103. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. La seguente tabella indica le società controllate dall’Emittente, con indicazione della partecipazione detenuta in ciascuna di esse, direttamente od indirettamente, alla data del Prospetto Informativo: Denominazione % di capitale Paese di costituzione Aicon Yachts S.p.A. 100% Italia Aicon Yachts Europe S.r.l.* 100% Italia Aicon International Trading Co. Ltd. (Shangai) 100% Cina Aicon Yachts Americas LLC. 100% America Aicon Resin S.r.l. 100% Italia Aicon Interiors S.r.l. 100% Italia Marine Systems S.r.l. 95% Italia Yachts Interiors S.r.l. 95% Italia Aicon Yachts LLC 87,625% America Europlastic Sud S.r.l. 100% Italia * Azioni costituite in pegno a favore di UniCredit Banca d’Impresa S.p.A., Banca Intesa S.p.A. e Centrobanca - Banca di Credito Finanziario e Mobiliare S.p.A. a garanzia del finanziamento concesso ad Aicon e ad Aicon Yachts S.p.A. (Cfr. Sez. Prima, Capitolo 10). Si riporta di seguito la rappresentazione grafica del Gruppo Aicon alla data del Prospetto Informativo: AICON S.p.A. 100% 100% 100% 100% AICON YACHTS S.p.A. AICON INTERNATIONAL AICON YACHTS AICON YACHTS TRADING (SHANGHAI) AMERICAS LLC EUROPE S.r.l. 95% 100% 100% 95% 87,625% YACHT AICON AICON MARINE AICON INTERIORS S.r.l. RESIN S.r.l. INTERIORS S.r.l. SYSTEMS S.r.l. YACHT LLC 100% EUROPLASTIC SUD S.r.l. 102
  • 104. Sezione Prima 8. IMMOBILI, IMPIANTI E MACCHINARI 8.1 Immobilizzazioni materiali Nella tabella che segue sono riportati i beni immobili di proprietà delle società del Gruppo alla data del Prospetto Informativo: Società proprietaria Ubicazione Destinazione Estensione Aicon S.p.A. Pace del Mela, Zona Industriale Preallestimento ed allestimento mq. 18.259 Giammoro, Messina (area ex Iron imbarcazioni e uffici Steel Project)* Aicon Yachts S.p.A. Villafranca Tirrena, Messina (area Preallestimento ed allestimento mq. 6.504: unità produttiva; industriale ex Pirelli) imbarcazioni mq. 3.016: area distaccata * Su una porzione del terreno è stata costituita una servitù in favore della società Iron Steel Project S.r.l. per l’effettuazione di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. In data 12 maggio 2006, Aicon Interiors S.r.l. ha stipulato con Hippocampus Soc. Cop. a r.l. un contratto preliminare di compravendita relativo ad un complesso immobiliare sito in Villafranca Tirrena (comprensivo di un capannone industriale) per un corrispettivo pari ad Euro 650.000,00 (oltre IVA), ottenendone così la disponibilità. In considerazione della politica di razionalizzazione degli impianti produttivi, il complesso immobiliare, inizialmente dedicato alla produzione di arredi per interni delle imbarcazioni, è stato successivamente destinato alla lavorazione della vetroresina. Per tale motivo, il Gruppo Aicon ha proceduto a ridefinire i rapporti in essere con la società Hippocampus Soc. Cop. a r.l.: si è pertanto stipulato, in data 29 dicembre 2006, un nuovo contratto preliminare in sostituzione del precedente, avente ad oggetto il medesimo complesso immobiliare e il medesimo corrispettivo del contratto preliminare del maggio 2006. La stipula del contratto definitivo dovrà avvenire entro e non oltre 30 giorni dalla restrizione di un’ipoteca gravante sul complesso immobiliare a favore di Monte dei Paschi di Siena S.p.A. volta a limitare la stessa solo su parte degli immobili e, specificatamente, su quelli che non sono oggetto del contratto. Qualora Monte dei Paschi di Siena S.p.A. non conceda l’assenso alla restrizione della predetta ipoteca, sarà facolta di Aicon Interiors S.r.l.: (i) risolvere il contratto preliminare, con la restituzione di quanto versato, previa riconsegna del complesso immobiliare; (ii) ritenere il contratto preliminare un contratto d’affitto ad uso commerciale per la durata di nove anni, per un corrispettivo di Euro 4.466,05 mensili (oltre IVA), con rivalutazione a decorrere dal 4° anno di affitto. Inoltre, in data 28 novembre 2006, Marine System S.r.l. ha stipulato con Hippocampus Soc. Cop. a r.l. un contratto preliminare di compravendita relativo ad un immobile sito in Villafranca Tirrena (comprensivo di un’area scoperta di pertinenza e di una porzione di capannone) per un corrispettivo pari ad Euro 700.000,00. Il contratto definitivo verrà stipulato non prima del 1 luglio 2007 ed entro il 31 luglio 2007. Si segnala, infine, che con contratti di compravendita del 27 giugno 2006, 28 giugno 2006 e 27 luglio 2006, Aicon Yachts S.p.A. ha acquistato da terzi la proprietà su diverse porzioni di terreno site in San Pier Niceto, contrada Pantano, Messina, per un corrispettivo pari, rispettivamente, ad Euro 760.000,00, Euro 29.800,00 ed Euro 73.800,00. 103
  • 105. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. La seguente tabella elenca i principali beni immobili dei quali le società del Gruppo hanno la disponibilità alla data del Prospetto Informativo sulla base di contratti di locazione commerciale: Società del Ubicazione Destinazione Scadenza Canone annuo Gruppo Aicon Via Larga, 15, Milano uffici 28 marzo 2012. Euro 35.000,00 S.p.A. Rinnovo tacito per un ulteriore oltre IVA periodo di 6 anni Aicon Pace del Mela, Zona Capannone A: lavorazione 31 agosto 2012. Euro 96.000,00 Yachts Industriale - Frazione metallo e verniciatura oltre Rinnovo tacito per un ulteriore oltre IVA S.p.A. Giammoro, Messina* ad uffici al primo piano; periodo di nove anni capannone B: falegnameria; capannone C: falegnameria e n. 2 cabine verniciatura Aicon Pace del Mela, Zona Preallestimento, Aicon Yachts S.p.A. occupa Euro 18.000,00 Yacths Industriale - Frazione allestimento e riparo temporaneamente i locali a oltre IVA S.p.A. Giammoro, Messina (area ex imbarcazioni titolo di conduttore nelle more Nac) della sottoscrizione del relativo contratto di compravendita tra Aicon Yachts S.p.A., in qualità di acquirente, ed il Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale della provincia di Messina, in qualità di venditore Aicon Pace del Mela, Zona Rimessaggio imbarcazioni; 9 marzo 2010. Euro 54.000,00 Yachts Industriale - Frazione uffici Rinnovo tacito per un ulteriore oltre IVA S.p.A. Giammoro, Messina (area ex periodo di sei anni F.A.T.A.) Aicon Pace del Mela, Zona Preallestimento ed 30 giugno 2015. Euro 216.000.00 Yachts Industriale Giammoro, allestimento imbarcazioni e Rinnovo tacito per un ulteriore oltre IVA per S.p.A. Messina (area ex Iron Steel uffici periodo di dieci anni l’area Project)** preallestimento ed allestimento imbarcazioni; Euro 120.000,00 oltre IVA per gli uffici Aicon Resin Via Nazionale, Pace del Mela, Realizzazione componenti 1 aprile 2012. Euro 120.000,00 S.r.l. Zona Industriale - Frazione in materiale composito per Rinnovo tacito per un ulteriore oltre IVA Giammoro, Messina imbarcazioni; uffici periodo di sei anni * Il locatore dell’immobile è Aicon RE S.r.l., parte correlata all’Emittente. ** Immobile di proprietà dell’Emittente. Si segnala che, con contratto del 31 agosto 2006, la società MYD Building S.r.l. ha concesso in comodato gratuito ad Aicon Interiors S.r.l. una porzione di terreno sito in San Pier Niceto, Messina, per la realizzazione di un capannone industriale. La durata del contratto è stata fissata per un periodo iniziale minimo di dieci anni a decorrere dal 1 settembre 2006, rinnovabile tacitamente. Si precisa che sugli immobili di proprietà non gravano vincoli o ipoteche, fatta eccezione per: - l’immobile di proprietà dell’Emittente sito in Pace del Mela, Zona Industriale, Frazione Giammoro, Messina (area ex Iron Steel Project) gravato da ipoteca concessa 104
  • 106. Sezione Prima a garanzia del contratto di finanziamento stipulato in data 31 agosto 2005 tra UniCredit Banca d’Impresa S.p.A., Centrobanca - Banca di Credito Finanziario e Mobiliare S.p.A. e Banca Intesa S.p.A., in qualità di banche finanziatrici, e l’Emittente ed Aicon Yacht S.p.A., in qualità di parti finanziate (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 10); e per - l’immobile di proprietà di Aicon Yachts S.p.A. sito in Villafranca Tirrena, Messina (area industriale ex Pirelli) gravato da: (i) ipoteca concessa su porzione dell’immobile a garanzia del contratto di finanziamento stipulato in data 31 agosto 2005 tra UniCredit Banca d’Impresa S.p.A., Centrobanca - Banca di Credito Finanziario e Mobiliare S.p.A. e Banca Intesa S.p.A., in qualità di banche finanziatrici, e l’Emittente ed Aicon Yacht S.p.A., in qualità di parti finanziate (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 10); e (ii) ipoteca concessa su porzione dell’immobile a garanzia del contratto di finanziamento stipulato in data 4 settembre 2003 tra Interbanca S.p.A., in qualità di banca finanziatrice, ed Aicon Yachts S.p.A., in qualità di parte finanziata (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 10). 8.1.1 Concessione demaniale marittima rilasciata in favore di Aicon Yachts S.p.A. In data 10 dicembre 2003, l’Autorità Portuale di Messina ha rilasciato ad Aicon Yachts S.p.A. una concessione demaniale marittima quadriennale per una superficie di mq. 9.270 affinché Aicon Yachts S.p.A. potesse installare un pontile e un’area per alaggio e varo imbarcazioni necessari per lo svolgimento della propria attività cantieristica presso la c.d. “Marina Aicon” sita in Pace del Mela, Zona Industriale, Frazione Giammoro, Messina. A fronte della concessione è previsto il pagamento di un canone annuale; in particolare, i canoni pagati sono stati pari ad Euro 4.217,85 per il 2003, Euro 17.295,57 per il 2004, Euro 17.779,85 per il 2005 ed Euro 18.286,57 per il 2006; il canone previsto per il 2007 è pari ad Euro 17.828,78. Si segnala che l’importo corrisposto per l’anno 2003, determinato in occasione del rilascio della concessione demaniale marittima, si riferisce esclusivamente al periodo dal 10 dicembre 2003 al 31 dicembre 2003. Tale concessione è revocabile da parte dell’autorità portuale di Messina e scadrà in data 10 dicembre 2007 ma potrà essere rinnovata per un ulteriore periodo di quattro anni, previa presentazione di apposita domanda che Aicon Yachts S.p.A. dovrà inoltrare prima della scadenza prevista, purché la società richiedente risulti in regola con il pagamento del canone, così come disposto nello stesso atto concessorio. Si precisa che, in data 13 marzo 2006, il comune di Pace del Mela ha autorizzato in sanatoria Aicon Yachts S.p.A. per aver realizzato, sulla superficie di cui sopra, strutture per alaggio/varo e collaudi con collocazione di box prefabbricato e deposito di materiali a servizio delle proprie attività produttive. Tale autorizzazione ha validità fino alla data di scadenza della concessione demaniale summenzionata: entro tale data, la società dovrà rimuovere le opere realizzate a meno che non ottenga il rinnovo della concessione stessa. 105
  • 107. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 8.2 Problematiche ambientali Il Gruppo Aicon dedica grande attenzione alle problematiche ambientali al fine di minimizzare l’impatto delle proprie attività sull’ambiente. In particolare, in tutti gli stabilimenti non sono presenti scarichi idrici di produzione poiché non è necessario l’utilizzo di acqua nel ciclo produttivo. Gli stabilimenti del Gruppo presentano delle emissioni in atmosfera, regolarmente autorizzate dagli organi competenti nei termini del D.P.R. 203/8820, di solo materiale particellare (polveri di fibra di vetro) opportunamente filtrato ed abbattuto entro i limiti imposti dai regolamenti regionali e dagli organi di controllo. Negli stabilimenti di costruzione modelli, stampi e resinatura sono presenti invece emissioni in atmosfera di aria contenente solventi organici volatili, in particolare stirolo ed acetone, che vengono sviluppati dai materiali utilizzati nelle lavorazioni. Anche queste emissioni in atmosfera, autorizzate ai sensi del D.P.R 203/88, vengono regolarmente monitorate sia in regime di autocampionamento che dagli organi di controllo (Agenzia Regionale per la Protezione Ambiente) garantendo il rispetto dei limiti imposti. Una parte dei rifiuti prodotti dai cicli di lavorazione viene totalmente assimilata ai rifiuti urbani, mentre le scorie residue costituiscono rifiuti speciali che sono trattati e stoccati come da normativa vigente e smaltiti attraverso aziende specializzate. Nello stabilimento di resinatura sono presenti due distillatori di solventi esausti che, depurando l’acetone che viene utilizzato per le pulizie degli attrezzi di lavorazione, riducono notevolmente il volume di rifiuti speciali prodotti. Nel corso dell’ultimo triennio, il Gruppo non è stato coinvolto in contenziosi derivanti dalla violazione delle normative locali nei paesi in cui opera, incluse quelle a tutela dell’ambiente. 20 Si segnala che il DPR 203/88 è stato abrogato dal D. Lgs. 152/2006; in virtù delle disposizioni transitorie di tale D.Lgs. le nuove autorizzazioni per le emissioni in atmosfera dovranno essere presentate nei termini previsti dall’articolo 281 del D. Lgs., nelle more della presentazione rimangono valide le autorizzazioni concesse in virtù del DPR 203/88. 106
  • 108. Sezione Prima 9. RESOCONTO DELLA SITUAZIONE GESTIONALE E FINANZIARIA Premessa Nel presente Capitolo sono fornite le analisi della situazione finanziaria e gestionale del Gruppo per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 predisposti in conformità agli IFRS adottati dall’Unione Europea. Le informazioni finanziarie ed i risultati economici riportati nel presente Capitolo sono state estratte senza effettuare alcuna rettifica/riclassifica dai Bilanci Consolidati del Gruppo relativi agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. Le informazioni finanziarie di seguito riportate devono essere lette congiuntamente ai Capitoli 10 e 20 della Sezione Prima del presente Prospetto Informativo. 9.1 Situazione finanziaria La situazione finanziaria ed i principali fattori che la hanno influenzata negli esercizi del periodo sono analizzati nel Capitolo 10 della presente Sezione Prima, cui si rinvia. 9.2 Gestione operativa Di seguito sono descritti gli indicatori dell’andamento del Gruppo nonché i principali fattori che hanno influenzato la gestione operativa del Gruppo negli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. 9.2.1 Indicatori circa l’andamento del Gruppo nel corso del triennio 2004 - 2006 Il Gruppo opera nella progettazione, costruzione e commercializzazione di imbarcazioni e navi da diporto a motore di lusso. La tabella di seguito riportata espone alcune informazioni finanziarie del Gruppo per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2004 (a) 2005-2006 2004-2005 Ricavi 59.093 100,0% 36.764 100,0% 29.990 100,0% 60,7% 22,6% EBITDA (b) 20.406 34,5% 13.172 35,8% 7.115 23,7% 54,9% 85,1% Risultato operativo 16.479 27,9% 10.676 29,0% 5.662 18,9% 54,4% 88,6% Utile d’esercizio 8.878 15,0% 2.907 7,9% 1.781 5,9% 205,3% 63,3% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. (b) L’EBITDA è definito dalla Società come Utile d’esercizio al lordo degli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali ed immateriali, degli oneri e proventi finanziari, del risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute e delle imposte sul reddito. Poiché l’EBITDA non è identificato come misura contabile nell’ambito degli IFRS adottati dall’Unione Europea, la determinazione quantitativa dello stesso potrebbe non essere univoca. L’EBITDA è una misura utilizzata dal management del Gruppo per monitorare e valutare l’andamento operativo dello stesso. Il management ritiene che l’EBITDA sia un importante parametro per la misurazione della performance operativa del Gruppo in quanto non è influenzato dagli effetti dei diversi criteri di determinazione degli imponibili fiscali, dall’ammontare e caratteristiche del capitale impiegato nonché dalle politiche di ammortamento. Il criterio di determinazione dell’EBITDA applicato dal Gruppo potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri gruppi e, pertanto, il suo valore potrebbe non essere comparabile con quello determinato da questi ultimi. 107
  • 109. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. La tabella di seguito riportata espone la riconciliazione tra l’Utile d’esercizio e l’EBITDA per gli esercizi di riferimento: Esercizio al 31 agosto (migliaia di Euro) 2006 2005 2004 Utile d’esercizio 8.878 2.907 1.781 Risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute 106 2.519 374 Imposte sul reddito 5.344 3.880 3.009 Proventi finanziari e assimilati (39) (22) (17) Oneri finanziari e assimilati 2.190 1.392 515 Ammortamenti 3.927 2.496 1.453 EBITDA 20.406 13.172 7.115 I Ricavi sono pari ad Euro 59.093 migliaia, Euro 36.764 migliaia ed Euro 29.990 negli esercizi chiusi rispettivamente al 31 agosto 2006, 2005 e 2004: l’incremento dei ricavi riflette lo sviluppo dell’attività del Gruppo. Nel successivo Paragrafo 9.2.2 sono meglio esplicitati i fattori che hanno determinato tale sviluppo. Nel corso del periodo si registra inoltre l’incremento in valore assoluto dell’EBITDA, pari ad Euro 20.406 migliaia nel 2006, Euro 13.172 migliaia nel 2005 ed Euro 7.115 migliaia nel 2004 e del Risultato operativo, pari ad Euro 16.479 migliaia nel 2006, Euro 10.676 migliaia nel 2005 ed Euro 5.662 migliaia nel 2004. 9.2.2 Informazioni riguardanti fattori importanti che hanno avuto ripercussioni significative sulla gestione operativa ed i risultati economici del Gruppo Di seguito vengono descritti più diffusamente i principali fattori che hanno influenzato la gestione operativa del Gruppo negli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. 9.2.2.1 La crescita organica del Gruppo Aicon. L’incremento dei ricavi e dei costi operativi è stato influenzato dalla crescita del Gruppo soprattutto in termini di: i) numero di imbarcazioni realizzate e vendute; ii) ampliamento della gamma di imbarcazioni; e iii) espansione della rete distributiva. • Numero di imbarcazioni realizzate e vendute. Nella tabella seguente sono indicate le imbarcazioni vendute nell’ultimo triennio. Al 31 agosto 2006 2005 2004 Numero di nuove imbarcazioni vendute 40 31 28 Tale incremento è stato di 3 e 9 unità rispettivamente negli esercizi 2005 e 2006. 108
  • 110. Sezione Prima L’aumento dei volumi produttivi è stato possibile grazie all’adeguamento della capacità produttiva, come mostrato nella tabella seguente: Al 31 agosto 2006 2005 2004 Area totale (metri quadrati) 60.119 32.340 25.870 di cui, coperti (metri quadrati) 25.060 14.760 13.980 Metri barca prodotti 1.062,75 719,42 621,45 Area disponibile per metro barca prodotto (metri quadrati) 43,50 40,46 41,63 In particolare, l’incremento di superficie disponibile tra il 2005 ed il 2006 si riferisce principalmente: o ad un’area di mq 18.259 complessivi, nel comprensorio industriale in Frazione Giammoro, nella quale è stato edificato un opificio di mq. 3.600; e o ad un’area di mq 9.520 complessivi, nell’area industriale di Villafranca Tirrena (Area ex-Pirelli), di cui mq. 6.700 coperti. • Ampliamento della gamma di imbarcazioni. Nel corso del triennio il Gruppo ha progressivamente ampliato la gamma di imbarcazioni offerte. In particolare, il 2004 è stato l’anno di introduzione sul mercato del 64' Fly, il 2005 ha visto l’introduzione dei modelli 54' Fly e 72' Open ed il 2006 l’introduzione sul mercato dei modelli 62' Open ed 85' Fly. La vendita di questi due ultimi modelli si riferisce ai prototipi presentati nel corso dell’esercizio. Tale ampliamento di offerta ha avuto un positivo riscontro di mercato, portando ad una forte crescita dei volumi ed al contestuale aumento del prezzo medio per unità venduta e della lunghezza media per imbarcazioni, come si evince dalla tabella successiva. (numero di nuove imbarcazioni vendute) Al 31 agosto 2006 2005 2004 52' Fly - - 7 54' Fly 2 - - 56' Fly 19 20 21 64' Fly 13 10 - 85' Fly 1 - - 62' Open 1 - - 72' Open 4 - - 74' CUSTOM - 1 - Totale 40 31 28 Prezzo medio per unità venduta (migliaia di Euro) 1.135 1.008 808 Lunghezza media per imbarcazione (in piedi) 60,98 59,16 55,00 Come si evince dalla tabella, il modello 52' Fly è uscito di produzione nel 2005 mentre il 74' CUSTOM si riferisce ad un’imbarcazione prodotta con un elevato grado di personalizzazione sulla base del 72' Open. 109
  • 111. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. L’ampliamento della gamma verso modelli di dimensioni maggiori ha spinto in modo significativo l’offerta con un immediato riscontro in termini di volumi realizzati anche per effetto delle più ampie dimensioni dei prodotti offerti. L’inserimento dei nuovi modelli di maggiori dimensioni, caratterizzati da un prezzo di vendita più elevato, spiega l’aumento del prezzo medio per unità prodotta21. A tale effetto ha contribuito, inoltre, un leggero ritocco al rialzo dei prezzi di listino. • Espansione della rete distributiva: La tabella di seguito riportata illustra la rete dei dealer, articolata per area geografica, che registra un incremento di 3 unità sia nel 2005 che nel 2006. La crescita della rete dei dealer testimonia la riuscita del piano di sviluppo del Gruppo, anche in termini di maggiore copertura geografica. Al 31 agosto (numero di dealer a fine periodo) 2006 2005 2004 Italia 5 4 4 di cui, operativi 5 4 2 EMEA (esclusa Italia) 9 8 6 di cui, operativi 8 6 3 Americhe 4 3 2 di cui, operativi 1 1 2 Asia Pacifico 1 1 1 di cui, operativi - - 1 Totale 19 16 13 di cui, operativi (a) 14 11 8 (a) Un dealer è considerato operativo se ha acquistato almeno un’imbarcazione nell’esercizio rilevante. La crescita del numero di dealer operativi è stata anche conseguenza della capacità della Società di offrire una gamma più ampia e quindi attrarre maggiore interesse per le imbarcazioni Aicon. Nella tabella di seguito riportata viene rappresentata la ripartizione dei ricavi per area geografica effettuata seguendo un criterio basato sulla residenza del cliente finale, indipendentemente dall’ubicazione della sede legale della società che provvede alla fatturazione. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2004 (a) 2005-2006 2004-2005 Italia 36.665 62,0% 18.198 49,5% 19.450 64,9% 101,5% (6,4)% EMEA (esclusa Italia) 17.237 29,2% 10.335 28,1% 4.413 14,7% 66,8% 134,2% Americhe 5.191 8,8% 8.231 22,4% 5.310 17,7% (36,9%) 55,0% Asia Pacifico - - - - 817 2,7% - (100,0)% Ricavi per area geografica 59.093 100,0% 36.764 100,0% 29.990 100,0% 60,7% 22,6% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. La crescita in Italia e in Europa nel corso del triennio è stata guidata dalla crescita del numero di dealer operativi, che ha segnato una penetrazione più capillare del mercato italiano ed un 21 Il prezzo medio per unità prodotta è calcolato come rapporto tra i ricavi per “Yachts di nuova produzione” ed il numero di barche vendute. 110
  • 112. Sezione Prima consolidamento della presenza commerciale nei principali bacini nautici europei. L’andamento altalenante delle vendite sul mercato americano è dovuto principalmente al minor sforzo commerciale effettuato dal Gruppo in questo mercato rispetto al mercato italiano e dell’area EMEA e ad una minore notorietà del brand Aicon in tale mercato. Va sottolineato, inoltre, che è prassi per il Gruppo quella di verificare la recettività del mercato per i nuovi modelli prima sul mercato europeo, grazie ad una maggiore conoscenza del mercato e, solo successivamente, sul mercato americano ed asiatico. 9.2.2.2 Controllo dei Costi Operativi: Il Gruppo ha implementato una strategia di controllo dei costi operativi che fa leva su tre principali cardini: • implementazione di una struttura che integra tutte le macrofasi del ciclo produttivo; • utilizzo di manodopera locale a costo sensibilmente più basso rispetto alla media nel settore in Italia; • ubicazione dei siti produttivi in un’area geografica caratterizzata da una “cultura” nautica e relativo indotto di piccole e medie imprese attive nel settore, che hanno consentito un significativo ricorso all’esternalizzazione con conseguente aumento della flessibilità operativa per il Gruppo. La tabella che segue mostra l’incidenza dei costi operativi sui ricavi nel corso dei tre anni. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2004 (a) 2005-2006 2004-2005 Ricavi 59.093 100,0% 36.764 100,0% 29.990 100,0% 60,7% 22,6% Materie prime, materiali di consumo e (33.133) 56,1% (21.906) 59,6% (11.986) 40,0% 51,3% 82,8% merci utilizzate Costi per servizi (13.890) 23,5% (7.796) 21,2% (4.492) 15,0% 78,2% 73,5% Costi per godimento di beni di terzi (1.109) 1,9% (931) 2,5% (229) 0,8% 19,2% 305,9% Costo del personale (5.774) 9,8% (5.071) 13,8% (4.364) 14,6% 13,8% 16,2% Altri costi operativi (799) 1,4% (1.860) 5,1% (1.453) 4,8% (57,0)% 28,0% Totale Costi operativi (54.705) 92,6% (37.564) 102,2% (22.525) 75,1% 45,6% 66,8% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. (b) Cfr. Paragrafo 9.2.2.3. L’incremento dei costi operativi nel periodo considerato riflette principalmente l’incremento dei costi per materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate e dei costi per servizi. 111
  • 113. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 9.2.2.3 Costi delle materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate: Per gli esercizi chiusi 31 agosto 2006, 2005 e 2004, il costo delle materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate ha rappresentato il 56,1%, il 59,6% ed il 40,0% rispettivamente, dei ricavi. Il grafico seguente mostra l’andamento dei costi di materia prima insieme ai ricavi. 70.000 60.000 50.000 Materie prime, materiali di consumo 40.000 e merci 30.000 Ricavi 20.000 10.000 - 2004 2005 2006 La voce materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate è costituita principalmente dall’acquisto, tramite permuta, di imbarcazioni usate, dall’acquisto di materie prime, materiali di consumo e prodotti finiti destinati alla realizzazione e allestimento dell’imbarcazione, e dall’acquisto di motori. Escludendo il costo attribuito alle imbarcazioni usate ricevute in permuta, le altre componenti della voce “materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate” hanno singolarmente una rilevanza limitata rispetto al costo complessivo della tipica imbarcazione prodotta. Inoltre sono tipicamente beni fungibili che hanno mostrato, con l’eccezione dell’acciaio, una limitata volatilità storica dei prezzi. L’incidenza del costo di materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate, al netto dei costi per imbarcazioni usate, rapportata alla somma della voce Ricavi e della voce Variazioni di rimanenze merci, prodotti finiti, in corso di lavorazione e semilavorati, dei vari esercizi passa da un incidenza del 41,3% del 2004, al 46,2% del 2005 e al 49,6% del 2006, come si evince dalla tabella di seguito esposta. Esercizi chiusi al 31 agosto (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2004 (a) Ricavi 59.093 88,5% 36.764 77,5% 29.990 103,4% Variazioni rimanenze merci, prodotti finiti, in corso di 7.648 11,5% 10.688 22,5% (982) 3,4% lavorazione e semilavorati Totale 66.741 100,0% 47.452 100,0% 29.008 100,0% Materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate (33.133) 49,6% (21.906) 46,2% (11.986) 41,3% (a) Incidenza percentuale rispetto alla somma dei Ricavi e delle variazioni di rimanenze merci, prodotti finiti, in corso di lavorazione e semilavorati. 112
  • 114. Sezione Prima L’incremento evidenziato nella precedente tabella è prevalentemente dovuto all’introduzione di nuovi modelli di imbarcazione nel triennio in oggetto e nei conseguenti costi di industrializzazione sopportati (Cfr. Paragrafo 9.2.2.5). 9.2.2.4 Stagionalità. Il mercato in cui opera il Gruppo Aicon è caratterizzato da fenomeni di stagionalità che hanno un impatto sui flussi di cassa. In particolare, i pagamenti relativi alle imbarcazioni vendute si concentrano nei mesi estivi dell’anno (luglio e agosto), in concomitanza con le consegne delle stesse imbarcazioni. L’impiego delle risorse liquide necessarie per sostenere gli investimenti e i costi relativi alla produzione delle imbarcazioni sono, invece, sostenuti dal Gruppo in periodi dell’anno che possono non corrispondere con quelli degli incassi. 9.2.2.5 Costi dell’introduzione di nuove imbarcazioni: Aicon ha introdotto cinque nuovi modelli nel triennio 2004-2006: 1 nel 2004, 2 nel 2005 e 2 nel 2006. La realizzazione dei prototipi e dei primi esemplari di pre-serie richiede dei costi di produzione superiori ai costi di produzione dell’imbarcazione una volta che la produzione è avviata a regime. Detti costi includono l’allestimento delle nuove linee produttive che non rispondono ai requisiti di capitalizzazione. 9.2.2.6 Politica delle permute: Nell’ambito della politica di vendita attuata nel triennio 2004-2006, il Gruppo ha talvolta accettato, da clienti che intendevano acquistare imbarcazioni nuove, barche usate (in alcuni casi, soprattutto all’inizio del triennio, anche non a marchio Aicon) in permuta. Il valore della barca permutata veniva considerato al fine della determinazione del prezzo finale e/o dell’eventuale sconto praticato sul prezzo di listino. Le permute hanno riguardato la cessione diretta dell’imbarcazione e il subentro in preesistenti contratti di leasing (ed i relativi oneri finanziari). 113
  • 115. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 9.2.3 Dati consolidati di conto economico del Gruppo per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 La tabella di seguito riportata espone i dati consolidati di conto economico del Gruppo per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2004 (a) 2005-2006 2004-2005 Ricavi 59.093 100,0% 36.764 100,0% 29.990 100,0% 60,7% 22,6% Altri proventi 2.435 4,1% 1.604 4,4% 777 2,6% 51,8% 106,6% Variazioni rimanenze merci, prodotti 7.648 12,9% 10.688 29,1% (982) 3,3% (28,4)% (1.188,4)% finiti, in corso di lavorazione e semilavorati Materie prime, materiali di consumo e (33.133) 56,1% (21.906) 59,6% (11.986) 40,0% 51,3% 82,8% merci utilizzate Costi per servizi (13.890) 23,5% (7.796) 21,2% (4.492) 15,0% 78,2% 73,5% Costi per godimento di beni di terzi (1.109) 1,9% (931) 2,5% (229) 0,8% 19,2% 305,9% Costo del personale (5.774) 9,8% (5.071) 13,8% (4.364) 14,6% 13,8% 16,2% Altri costi operativi (799) 1,4% (1.860) 5,1% (1.453) 4,8% (57,0)% 28,0% Incrementi di immobilizzazioni per lavori 7.543 12,8% 3.174 8,6% 1.838 6,1% 137,6% 72,7% interni A ammortamenti, accantonamenti e (5.535) 9,4% (3.990) 10,9% (3.437) 11,5% 38,7% 16,1% svalutazioni Risultato operativo 16.479 27,9% 10.676 29,0% 5.662 18,9% 54,4% 88,6% Proventi finanziari e assimilati 39 0,1% 22 0,1% 17 0,1% 78,1% 26,7% Oneri finanziari e assimilati (2.190) 3,7% (1.392) 3,8% (515) 1,7% 57,4% 170,5% Risultato prima delle imposte 14.328 24,2% 9.306 25,3% 5.164 17,2% 54,0% 80,2% Imposte dell’esercizio (5.344) 9,0% (3.880) 10,6% (3.009) 10,0% 37,7% 29,0% Risultato prima delle attività destinate 8.984 15,2% 5.426 14,8% 2.155 7,2% 65,6% 151,7% a continuare Risultato da attività cessate/destinate ad (106) 0,2% (2.519) 6,9% (374) 1,2% (95,8)% 573,9% essere cedute Utile d’esercizio 8.878 15,0% 2.907 7,9% 1.781 5,9% 205,3% 63,2% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi Di seguito sono commentate le variazioni di periodo registrate nelle singole voci di conto economico per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005. 9.2.3.1. Ricavi Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “Ricavi” per il periodo 2006-2005: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Yachts di nuova produzione 45.417 76,9% 31.263 85,0% 45,3% Valutazione dei lavori in corso su ordinazione 6.967 11,8% 2.774 7,5% 151,1% Vendita di imbarcazioni usate 5.195 8,8% 1.553 4,2% 234,4% Ricavi accessori e prestazioni di servizi 1.514 2,6% 1.174 3,2% 29,2% Ricavi 59.093 100,0% 36.764 100,0% 60,7% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi 114
  • 116. Sezione Prima Nel corso degli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005 il Gruppo ha registrato un incremento dei ricavi passando da Euro 36.764 migliaia del 2005 ad Euro 59.093 migliaia del 2006 (+60,7%). L’incremento dei ricavi riflette principalmente l’aumento di imbarcazioni vendute e di imbarcazioni in corso di lavorazione. Yachts di nuova produzione La voce “Yachts di nuova produzione” comprende le componenti economiche relative alla vendita di yachts di nuova produzione durante il periodo. Uno yacht di nuova produzione s’intende venduto e, pertanto, i relativi ricavi vengono registrati, nel momento in cui al cliente vengono trasferiti tutti i rischi e benefici connessi alla proprietà dell’imbarcazione, attraverso la sottoscrizione del relativo verbale di consegna. Nel corso degli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005 il Gruppo ha registrato un incremento di tale voce dei ricavi passando da Euro 31.263 migliaia del 2005 ad Euro 45.417 migliaia del 2006 (+ 45,3%). Su tale risultato ha significativamente inciso il positivo riscontro ottenuto, in termini di imbarcazioni vendute, dal lancio sul mercato dei primi modelli Open e del modello 85' Fly. Valutazione dei lavori in corso su ordinazione La voce “valutazione dei lavori in corso su ordinazione” comprende le componenti economiche relative alla valutazione in base ai corrispettivi pattuiti con i clienti, secondo il metodo della percentuale di completamento, dei lavori in corso su ordinazione. Questi ultimi rappresentano la produzione realizzata in relazione ad imbarcazioni coperte da ordine. La percentuale di completamento viene definita attraverso un’ispezione fisica sullo stato di avanzamento della produzione alla fine del periodo. Il saldo è passato da Euro 2.774 migliaia nel 2005 ad Euro 6.967 migliaia nel 2006 (+151,1%). La variazione fra i due periodi rispecchia principalmente la crescita del numero di ordini raccolti dal Gruppo nel 2006 rispetto al 2005. Vendita di imbarcazioni usate La voce include i ricavi relativi alle vendite di imbarcazioni usate, effettuate nell’ambito di operazioni di permuta sopra descritte. Si segnala che la presente voce non include vendite di imbarcazioni usate effettuate da Aicon Yachts S.r.l. in quanto tale società è stata ceduta nell’ottobre 2005 e, pertanto, le relative componenti economiche sono state esposte nella riga “Attività destinate alla vendita o a cessare”. Nel corso degli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005 la voce registra un incremento passando da Euro 1.553 migliaia del 2005 ad Euro 5.195 migliaia del 2006 (+234,4%). L’incremento è dovuto all’aumento del numero di unità vendute che riflette la strategia del gruppo di limitare, per quanto possibile, le giacenze di imbarcazioni usate. 115
  • 117. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Ricavi accessori e prestazione di servizi La voce accoglie i ricavi derivanti dalla vendita di impianti elettrici e di arredi interni per imbarcazioni ed i ricavi relativi ad interventi di manutenzione sulle imbarcazioni vendute. Nel corso degli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005 la voce registra un incremento passando da Euro 1.174 migliaia del 2005 ad Euro 1.514 migliaia del 2006 (+29,2%), prevalentemente dovuto ad un aumento dei ricavi accessori che riflette il numero di imbarcazioni vendute. 9.2.3.2 Analisi dei Ricavi per area geografica Di seguito si riporta il dettaglio dei ricavi per area geografica. Come illustrato in precedenza, la ripartizione per area geografica è effettuata seguendo un criterio basato sulla residenza del cliente finale, indipendentemente dall’ubicazione della sede legale della società che provvede alla fatturazione. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Italia 36.665 62,0% 18.198 49,5% 101,5% EMEA (esclusa Italia) 17.237 29,2% 10.335 28,1% 66,8% Americhe 5.191 8,8% 8.231 22,4% (36,9)% Ricavi per area geografica 59.093 100,0% 36.764 100,0% 60,7% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi Italia I ricavi rilevati in Italia sono passati da Euro 18.198 migliaia nel 2005 ad Euro 36.665 migliaia nel 2006 (+101,5%). L’incremento è dovuto principalmente al maggior numero di imbarcazioni vendute durante il periodo ed alle maggiori dimensioni delle imbarcazioni vendute e quindi al corrispondente maggior prezzo unitario (Cfr. Paragrafo 9.2.2.1). In particolare, nel 2006 sono state realizzate e vendute 3 unità del modello 72' Open ed è continuata la crescita del modello 64' Fly con la vendita di 8 imbarcazioni. EMEA (esclusa l’Italia) I ricavi rilevati nell’area “EMEA” sono passati da Euro 10.335 migliaia nel 2005 ad Euro 17.237 migliaia nel 2006 (+66,8%). La variazione positiva è dovuta alla maggiore penetrazione nell’area grazie all’ampliamento della rete dei dealer. Le imbarcazioni di nuova produzione realizzate e vendute passano da 9 nel 2005 a 15 nel 2006: in particolare, le vendite del 56' Fly aumentano di due unità (da 7 a 9), mentre quelle del 64' Fly passano da 2 unità del 2005 a 3 unità del 2006. Inoltre si realizza nell’esercizio la vendita di un’imbarcazione per i modelli 54' Fly, 62' Open e 72' Open, presentati nel corso del biennio. Americhe I ricavi rilevati nell’area “Americhe” sono passati da Euro 8.231 migliaia nel 2005 ad Euro 5.191 migliaia nel 2006 (-36,9%). Il decremento dei ricavi è stata conseguenza di un approccio commerciale 116
  • 118. Sezione Prima meno strutturato rispetto alle altre aree geografiche ed ad una minore notorietà del brand Aicon nel mercato americano maggiormente competitivo. 9.2.3.3 Altri proventi Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “Altri proventi” per il periodo 2006-2005: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Ricavi per contributi 1.307 2,2% 456 1,2% 186,6% Ricavi per accessori 830 0,4% 443 1,2% 87,4% Rimborsi spese 72 0,1% 385 1,0% (81,3)% Altri 226 0,4% 320 0,9% (29,2)% Altri proventi 2.435 4,1% 1.604 4,4% 51,8% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. La voce Altri proventi è passata da Euro 1.604 migliaia nel 2005 ad Euro 2.435 migliaia nel 2006 (+51,8%). L’incremento è relativo a: i) l’erogazione di nuovi contributi statali (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 10), che passano da Euro 456 migliaia ad Euro 1.307 migliaia; ii) ricavi da vendita di accessori che passano da Euro 443 migliaia ad Euro 830 migliaia e che riflettono la maggiore attenzione prestata dal Gruppo nell’offerta di accessori per personalizzare le imbarcazioni. Tali incrementi sono stati parzialmente assorbiti da un calo dei rimborsi spese e della voce residuale “altri”. 9.2.3.4 Variazione rimanenze merci, prodotti finiti, in corso di lavorazione e semilavorati Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “Variazione rimanenze merci, prodotti finiti, in corso di lavorazione e semilavorati” per il periodo 2005-2006: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Variazione prodotti finiti 4.621 7,8% 8.156 22,2% (43,3)% Variazioni materie prime, in corso di lavorazione e semilavorati 3.027 5,1% 2.532 6,9% 19,5% Variazioni materie prime, in corso di lavorazione e semilavorati 7.648 12,9% 10.688 29,1% (28,4)% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi La voce Variazione rimanenze merci, prodotti finiti in corso di lavorazione e semilavorati è passata da Euro 10.688 migliaia nel 2005 ad Euro 7.648 migliaia nel 2006 (-28,4%). Il decremento della voce “Variazione prodotti finiti” è legato prevalentemente al maggior numero di vendite di imbarcazioni usate registrate nel corso del 2006 rispetto all’esercizio precedente tenuto conto anche delle quantità in giacenza all’inizio del periodo. Nel corso dell’esercizio 2006 non sono state effettuate svalutazioni dei Prodotti Finiti. 117
  • 119. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 9.2.3.5 Riepilogo dei Costi operativi Nella seguente tabella sono riepilogati i Costi operativi per il periodo 2006-2005: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Materie prime, materiale di consumo e merci utilizzate (33.133) 56,1% (21.906) 59,6% 51,3% Costi per servizi (13.890) 23,5% (7.796) 21,2% 78,2% Costi per godimento di beni di terzi (1.109) 1,9% (931) 2,5% 19,2% Costo del personale (5.774) 9,8% (5.071) 13,8% 13,8% Altri costi operativi (799) 1,4% (1.860) 5,1% (57,)0% Totale costi operativi (54.705) 92,6% (37.564) 102,2% 45,6% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi Tali voci di costo sono passate complessivamente da Euro 37.565 migliaia nel 2005 ad Euro 54.705 migliaia nel 2006 (+45,6%). In termini di percentuale rispetto ai Ricavi, il totale Costi operativi passa dal 102,2% del 2005 al 92,6% del 2006. 9.2.3.6 Materie prime, materiale di consumo e merci utilizzate Nella seguente tabella sono dettagliate le componenti economiche della voce “Materie prime, materiale di consumo e merci utilizzate” per il periodo 2006-2005: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Materie prime e materiale di consumo (7.894) 13,4% (5.860) 15,9% 34,7% Prodotti finiti ed altri materiali per barche di nuova produzione (6.075) 10,3% (6.369) 17,3% (4,6)% Motori (6.425) 10,9% (4.303) 11,7% 49,3% Acquisto imbarcazioni usate (10.690) 18,1% (2.950) 8,0% 262,4% Resine (2.012) 3,4% (1.555) 4,2% 29,4% Altri costi (37) 0,1% (869) 2,4% (95,6)% Materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate (33.133) 56,1% (21.906) 59,6% 51,3% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi I costi per le materie prime ed i materiali di consumo e merci utilizzate sono passati da Euro 21.906 migliaia nel 2005 ad Euro 33.133 migliaia nel 2006 (+51,3%). In termini di incidenza percentuale rispetto ai Ricavi si registra un decremento (59,6% nel 2005; 56,1% nel 2006). L’incremento in valore assoluto in questa voce di costo riflette, come commentato in precedenza nel Paragrafo 9.2.2.3, principalmente l’aumento dell’acquisto di imbarcazioni usate oltre che l’incremento del costo per Materie prime e materiale di consumo legato agli incrementati livelli di produzione. 118
  • 120. Sezione Prima 9.2.3.7 Costi per servizi Nella seguente tabella sono dettagliate le componenti economiche della voce “Costi per servizi” per il periodo 2006-2005: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Lavorazioni di terzi (7.965) 13,5% (4.877) 13,3% 63,3% Servizi amministrativi (968) 1,6% (120) 0,3% 706,7% Lavorazioni in garanzia (947) 1,6% (26) 0,1% 3.542,3% Consulenze e prestazioni da terzi (692) 1,2% (327) 0,9% 111,6% Trasporti (373) 0,6% (179) 0,5% 108,4% Pubblicità e comunicazione (302) 0,5% (1.242) 3,4% (75,7)% Provvigioni e commissioni (291) 0,5% (167) 0,5% 74,3% Rimborsi spese (334) 0,6% (101) 0,3% 230,7% Emolumenti amministratori (310) 0,5% (255) 0,7% 21,6% Altri servizi (1.708) 2,9% (502) 1,4% 240,2% Costi per servizi (13.890) 23,5% (7.796) 21,2% 78,2% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi I costi per i servizi sono passati da Euro 7.796 migliaia nel 2005 ad Euro 13.890 migliaia nel 2006 (+78,2%). L’incidenza sui Ricavi è aumentata, passando dal 21,2% nel 2005 al 23,5% nel 2006. L’incremento in valore assoluto è stato in particolare causato dai maggiori costi per Lavorazioni di terzi, passati da Euro 4.877 migliaia del 2005 ad Euro 7.965 migliaia del 2006 (+63.3%) dovuto prevalentemente all’incremento delle imbarcazioni realizzate e vendute. L’aumento dei volumi di vendita comporta inoltre incrementi nei costi per servizi amministrativi (da Euro 120 migliaia nel 2005 ad Euro 968 migliaia nel 2006) e nelle consulenze e prestazioni di terzi (da Euro 327 migliaia nel 2005 ad Euro 692 migliaia nel 2006). L’effetto di tali andamenti è stato parzialmente ridotto da una diminuzione dei costi per pubblicità e comunicazione (Euro 1.242 migliaia nel 2005 ad Euro 302 migliaia nel 2006) che subiscono un ridimensionamento rispetto al significativo investimento dell’esercizio 2005. 9.2.3.8 Costo per godimento di beni di terzi La voce comprende le componenti economiche relative ai costi sostenuti per la locazione di beni di terzi. I costi per godimento di beni di terzi sono passati da Euro 931 migliaia nel 2005 ad Euro 1.109 migliaia nel 2006 (+19,2%); tale incremento è dovuto prevalentemente alla sottoscrizione, avvenuta nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, di un nuovo contratto di locazione relativo ad un deposito utilizzato per la produzione. 119
  • 121. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 9.2.3.9 Costi del personale Nella seguente tabella sono dettagliate le componenti economiche della voce costi del personale per il periodo 2006-2005: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Salari e stipendi (4.198) 7,1% (3.763) 10,2% 11,6% Oneri sociali (1.120) 1,9% (957) 2,6% 17,0% Piani pensionistici e TFR (285) 0,5% (202) 0,5% 41,1% Altri costi del personale (171) 0,3% (149) 0,4% 12,6% Costo del personale (5.774) 9,8% (5.071) 13,8% 13,8% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. I costi del personale passano da Euro 5.071 migliaia nel 2005 ad Euro 5.774 migliaia nel 2006 (+13,8%); l’incidenza sui Ricavi è diminuita passando dal 13,8% nel 2005 al 9,8% nel 2006. L’incremento in termini di valore assoluto del costo del lavoro è dipeso dall’incremento dell’organico principalmente in conseguenza dei maggiori livelli produttivi. La riduzione dell’incidenza sui ricavi è legata alla riduzione del valore medio di salari e stipendi conseguente al fatto che l’aumento nell’organico ha riguardato prevalentemente figure professionali non specializzate. 9.2.3.10 Altri costi operativi Nella seguente tabella sono riportate le componenti economiche della voce “Altri costi operativi” per il periodo 2006-2005: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Penali - - 808 2,2% (100,0)% Spese di viaggio 306 0,5% 376 1,0% (18,6)% Manutenzioni 151 0,3% 137 0,4% (10,2)% Oneri diversi di gestione 342 0,6% 539 1,5% (36,5)% Altri costi operativi 799 1,4% 1.860 5,1% (57,0)% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi La voce Altri costi operativi è passata da Euro 1.860 migliaia nel 2005 ad Euro 799 migliaia nel 2006 (-57%); l’incidenza sui Ricavi è diminuita passando dal 5,1% nel 2005 all’1,4% nel 2006. Il decremento della voce è legato principalmente ai costi per penali addebitati nel 2005. In particolare, in tale esercizio sono state rilevate penali per complessivi Euro 808 migliaia che il Gruppo ha dovuto riconoscere ad un cliente per ritardata consegna dell’imbarcazione 74' CUSTOM. 9.2.3.11 Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni La voce Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni è passata da Euro 3.174 migliaia nel 2005 ad Euro 7.543 migliaia nel 2006 (+137,6%) e si riferisce ai costi capitalizzati sostenuti per la realizzazione degli stampi utilizzati nella produzione delle imbarcazioni ed ai costi capitalizzati di sviluppo e di industrializzazione di nuove imbarcazioni. In particolare, l’importo dell’esercizio al 2006 include Euro 4.343 migliaia per la realizzazione di nuovi stampi ed Euro 3.200 migliaia di sviluppo e 120
  • 122. Sezione Prima di industrializzazione relativo ai modelli 85' Fly, 62' Open e 72' Open. L’importo dell’esercizio 2005 include Euro 2.872 migliaia per la realizzazione di nuovi stampi ed Euro 302 migliaia di sviluppo e di industrializzazione relativo ai modelli 64' Fly, 54' Fly e 72' Open. La significativa variazione fra i due periodi è prevalentemente legata ai costi inerenti la progettazione del megayacht 85' Fly e del relativo stampo. 9.2.3.12 Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni” per il periodo 2006-2005. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Ammortamento immobilizzazioni materiali (2.982) 5,0% (1.976) 5,4% 50,9% Ammortamento immobilizzazioni immateriali (945) 1,6% (520) 1,4% 81,7% Accantonamenti (1.322) 2,2% (950) 2,6% 39,2% Altri (78) 0,1% (476) 1,3% (83,6)% Svalutazioni crediti (208) 0,4% (68) 0,2% 205,6% Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni (5.535) 9,4% (3.990) 10,9% 38,7% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. La voce ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni è passata da Euro 3.990 migliaia nel 2005 ad Euro 5.535 migliaia nel 2006 (+38,7%) con un decremento dell’incidenza sui Ricavi passata dal 10,9% nel 2005 al 9,4% nel 2006. Nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006 si rileva: i) l’incremento degli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali (Euro 1.006 migliaia) per effetto degli investimenti, per complessivi Euro 8.720 migliaia, effettuati nel corso dell’esercizio 2006; ii) l’incremento degli ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali (Euro 425 migliaia) per effetto prevalentemente della capitalizzazione dei costi sostenuti per lo sviluppo e l’industrializzazione dei nuovi modelli; iii) l’incremento degli accantonamenti (Euro 372 migliaia), prevalentemente relativi alle garanzie sulle imbarcazioni nuove. Nel corso dell’esercizio 2006, infine, il Gruppo ha contabilizzato svalutazioni di crediti per complessivi Euro 208 migliaia. Tali incrementi sono stati parzialmente compensati da una riduzione della voce “Altri”. 9.2.3.13 Risultato Operativo Il Risultato operativo è passato da Euro 10.676 migliaia nel 2005 ad Euro 16.479 migliaia nel 2006 (+54,4%). L’incremento in valore assoluto è legato essenzialmente all’aumento dei volumi di vendita (+60,7% nel 2006 rispetto al 2005), all’effetto positivo degli incrementi di immobilizzazioni per lavori interni ed alla riduzione della voce “altri costi operativi”. 121
  • 123. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 9.2.3.14 Proventi ed oneri finanziari Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “Proventi ed oneri finanziari” per il periodo 2006-2005. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Proventi finanziari e assimilati 39 0,1% 22 0,1% 77,3% Totale proventi finanziari e assimilati 39 0,1% 22 0,1% 77,3% Interessi verso banche e altri finanziatori (1.915) 3,2% (946) 2,6% 102,4% Interessi verso fornitori - - (17) 0,0% (100,0)% Oneri finanziari (256) 0,4% (144) 0,4% 77,8% Valutazione al Fair Value di strumenti di finanza derivata (19) 0,0% (285) 0,8% (93,3)% Totale oneri finanziari ed assimilati (2.190) 3,7% (1.392) 3,8% 57,4% Oneri finanziari netti (2.151) 3,6% (1.370) 3,7% 57,0% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. Gli oneri finanziari netti sono passati da un saldo negativo di Euro 1.370 migliaia nel 2005 ad un saldo negativo di Euro 2.151 migliaia nel 2006 (+57%). Nel 2006 si registra un incremento per complessivi Euro 1.081 migliaia degli interessi verso banche ed altri finanziatori e degli oneri finanziari, conseguenza della accensione di nuovi finanziamenti (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 10). 9.2.3.15 Imposte dell’esercizio Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “imposte dell’esercizio” per il periodo 2006-2005. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2006 (a) 2005 (a) 2005-2006 Imposte correnti (4.551) 7,7% (4.135) 11,2% 10,1% (Oneri)/benefici per imposte differite (793) 1,3% 255 0,7% (410,8)% Imposte dell’esercizio (5.344) 9,0% (3.880) 10,6% 37,7% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. Le Imposte sul reddito sono passate da Euro 3.880 migliaia nel 2005 ad Euro 5.344 migliaia nel 2006 (+37,7%), La variazione è dovuta all’incremento del 54,0% rilevata nel risultato ante imposte, passato da Euro 9.306 migliaia del 2005 ad Euro 14.328 migliaia del 2006. L’aliquota effettiva, riconducibile all’applicazione dell’Ires, è passata dal 35,8% al 35,4% per l’incidenza dei costi e dei ricavi non deducibili/imponibili di 2,8% nel 2005 e 2,4% nel 2006, contro una aliquota teorica del 33%. 9.2.3.16 Risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute Come precedentemente riportato, la voce accoglie le componenti economiche di Aicon Yacht S.r.l., ceduta nell’ottobre 2005, società che, fino al momento di tale cessione, gestiva imbarcazioni usate ottenute in permuta da clienti. Il risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute è passato da un saldo negativo pari ad Euro 2.519 migliaia nel 2005 ad un saldo negativo pari ad Euro 106 migliaia nel 2006 che rappresenta l’effetto netto sull’esercizio 2006 riveniente dalla cessione di Aicon Yacht S.r.l.. 122
  • 124. Sezione Prima Si segnala che il dettaglio delle Attività e Passività possedute per la vendita e relative ai Gruppi in dismissione è stato fornito nel Paragrafo 12 dei Bilanci Consolidati di Gruppo per l’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 predisposti in conformità agli IFRS adottati dall’Unione Europea e riportati nel Capitolo 20, Paragrafo 20,1 del Prospetto Informativo. 9.2.3.17 Utile d’esercizio L’Utile d’esercizio è passato da Euro 2.907 migliaia nel 2005 ad Euro 8.878 migliaia nel 2006 (+205,3%). Tale risultato riflette prevalentemente l’incremento del risultato operativo, che passa nel biennio da Euro 10.676 migliaia ad Euro 16.479 migliaia. In termini d’incidenza del risultato netto rispetto ai Ricavi si rileva un aumento del 7,1% passando dal 7,9% al 15,0%. Di seguito sono commentate le variazioni di periodo registrate nelle singole voci di conto economico per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2005 e 2004. 9.2.3.18 Ricavi Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “Ricavi” per il periodo 2005-2004: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Yachts di nuova produzione 31.263 85,0% 22.618 75,4% 38,2% Valutazione dei lavori in corso su ordinazione 2.774 7,5% 3.746 12,5% (25,9)% Vendita di imbarcazioni usate 1.553 4,2% 1.670 5,6% (7,0)% Ricavi accessori e prestazioni di servizi 1.174 3,2% 1.956 6,5% (40,0)% Ricavi 36.764 100,0% 29.990 100,0% 22,6% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. Nel corso degli esercizi chiusi al 31 agosto 2005 e 2004 il Gruppo ha registrato un incremento dei ricavi passando da Euro 29.990 migliaia del 2005 ad Euro 36.764 migliaia del 2006 (+22,6%). L’incremento ricavi riflette principalmente l’aumento di imbarcazioni vendute. Yachts di nuova produzione Nel corso degli esercizi chiusi al 31 agosto 2005 e 2004 il Gruppo ha registrato un incremento di tale voce passando da Euro 22.618 migliaia del 2004 ad Euro 31.263 migliaia del 2005 (+ 38,2%). Tale risultato è sostanzialmente legato all’incremento nel 2005 delle vendite di prodotti di maggiori dimensioni quali ad esempio il 56' Fly rispetto all’esercizio precedente. Valutazione dei lavori in corso su ordinazione Il saldo registra un decremento, passando da Euro 3.746 migliaia nel 2004 ad Euro 2.774 migliaia nel 2005 (-26%). 123
  • 125. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. La variazione riflette gli sforzi del Gruppo finalizzati a completare e consegnare, entro la chiusura dell’esercizio, il maggior numero possibile di imbarcazioni coperte da ordine e, conseguentemente, di limitare l’ammontare, al 31 agosto 2005, dei lavori in corso su ordinazione. Vendita di imbarcazioni usate Nel corso degli esercizi chiusi al 31 agosto 2005 e 2004 la voce registra un lieve decremento passando da Euro 1.670 migliaia del 2004 ad Euro 1.553 migliaia del 2005 (-7%). Ricavi accessori e prestazione di servizi Nel corso degli esercizi chiusi al 31 agosto 2005 e 2004 la voce registra un decremento passando da Euro 1.956 migliaia del 2004 ad Euro 1.174 migliaia del 2005 (- 40,0%), prevalentemente legato ad una contrazione della richiesta di interventi di manutenzione. 9.2.3.19 Analisi dei Ricavi per area geografica Di seguito si riporta il dettaglio dei Ricavi per area geografica. Come illustrato in precedenza, la ripartizione per area geografica è effettuata seguendo un criterio basato sull’area di destinazione delle vendite indipendentemente dall’ubicazione della sede legale della società che provvede alla fatturazione. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Italia 18.198 49,5% 19.450 64,9% (6,4)% EMEA (esclusa Italia) 10.335 28,1% 4.413 14,7% 134,2% Americhe 8.231 22,4% 5.310 17,7% 55,0% Asia Pacifico - - 817 2,7% (100,0)% Ricavi per area geografica 36.764 100,0% 29.990 100,0% 22,6% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. Italia I ricavi rilevati in Italia sono passati da Euro 19.450 migliaia nel 2004 ad Euro 18.198 migliaia nel 2005. Nel 2005 rispetto all’esercizio precedente si registra un lieve decremento dovuto ad un calo della domanda relativa ai modelli di dimensione più contenute (52' Fly, 56' Fly) parzialmente compensato da una maggiore richiesta dei modelli di dimensioni maggiori. In particolare nel 2005, anno di introduzione, sono state realizzate e vendute 5 unità del modello 64' Fly. EMEA (esclusa l’Italia) I ricavi rilevati nell’area “EMEA” sono passati da Euro 4.413 migliaia nel 2004 ad Euro 10.335 migliaia nel 2005 (+134,2%). La variazione positiva è dovuta, fra l’altro, al consolidamento di alcuni importanti accordi di dealership in regioni strategiche come l’Inghilterra ed all’entrata in nuovi mercati, nei quali ancora il Gruppo non operava, come quello spagnolo e austriaco. 124
  • 126. Sezione Prima Le imbarcazioni di nuova produzione realizzate e vendute passano da 4 nel 2004 a 9 nel 2005: in particolare, le vendite del 56' Fly aumentano di tre unità (da 4 a 7) mentre il 64' Fly, nell’anno di introduzione, registra la vendita di 2 imbarcazioni. Americhe I ricavi dell’area “Americhe” sono passati da Euro 5.310 migliaia nel 2004 ad Euro 8.231 migliaia nel 2005 (+55,0%). La variazione positiva è dovuta, fra l’altro, al positivo debutto sul mercato del modello 64' Fly che, alla chiusura dell’esercizio 2005, registra la vendita di 2 imbarcazioni. Asia Pacifico I ricavi rilevati nell’area “Asia Pacifico” sono pari ad Euro 817 migliaia nell’esercizio 2004 e si azzerano nel corso nel 2005 poiché nessuna imbarcazione è stata venduta in tale mercato nel 2005. 9.2.3.20 Altri proventi Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “Altri proventi” per il periodo 2005-2004: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Ricavi per contributi 456 1,2% 279 0,9% 63,4% Ricavi per accessori 443 1,2% 105 0,4% 321,9% Rimborsi spese 385 1,0% 184 0,6% 109,8% Altri 320 0,9% 209 0,7% 52,6% Altri proventi 1.604 4,4% 777 2,6% 106,6% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. La voce Altri proventi è passata da Euro 777 migliaia nel 2004 ad Euro 1.604 migliaia nel 2005 (+106,4%). L’incremento è relativo a: i) l’erogazione di nuovi contributi deliberati ai sensi della legge 488/92, che passano da Euro 279 migliaia del 2004 ad Euro 456 migliaia; ii) ricavi da vendita di accessori che passano da Euro 105 migliaia ad Euro 443 migliaia; iii) rimborsi spese e altri proventi che complessivamente registrano un incremento di Euro 312 migliaia nel biennio. 9.2.3.21 Variazione rimanenze merci, prodotti finiti, in corso di lavorazione e semilavorati Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “Variazione rimanenze merci, prodotti finiti, in corso di lavorazione e semilavorati” per il periodo 2005-2004: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Variazione prodotti finiti 8.156 22,2% (1.296) 4,3% (729,3)% Variazioni materie prime, in corso di lavorazione e semilavorati 2.532 6,9% 314 1,0% 706,7% Variazioni materie prime, in corso di lavorazione e semilavorati 10.688 29,1% (982) 3,3% (1.188,4)% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. 125
  • 127. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. La voce Variazione rimanenze merci, prodotti finiti in corso di lavorazione e semilavorati è passata da un valore negativo pari ad Euro 982 migliaia nel 2004 ad un valore positivo di Euro 10.689 migliaia nel 2005. L’aumento della voce “Variazione prodotti finiti” é determinato della presenza in magazzino di alcune imbarcazioni finite e consegnate nell’esercizio successivo. 9.2.3.22 Riepilogo dei Costi operativi Nella seguente tabella sono riepilogati i Costi operativi per il periodo 2005-2004: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Materie prime, materiale di consumo e merci utilizzate (21.906) 59,6% (11.986) 40,0% 82,8% Costi per servizi (7.796) 21,2% (4.492) 15,0% 73,5% Costi per godimento di beni di terzi (931) 2,5% (229) 0,8% 305,9% Costo del personale (5.071) 13,8% (4.364) 14,6% 16,2% Altri costi operativi (1.860) 5,1% (1.453) 4,8% 28,0% Totale costi operativi (37.564) 102,2% (22.524) 75,1% 66,8% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. Tali voci di costo sono passate complessivamente da Euro 22.524 migliaia nel 2004 ad Euro 37.564 migliaia nel 2005 (+66,8%). In termini di incidenza percentuale rispetto ai Ricavi, il totale Costi operativi passa dal 75,1% del 2004 al 102,2% del 2005. 9.2.3.23 Materie prime, materiale di consumo e merci utilizzate Nella seguente tabella sono dettagliate le componenti economiche della voce “Materie prime, materiale di consumo e merci utilizzate” per il periodo 2005-2004: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Materie prime e materiale di consumo (5.860) 15,9% (2.915) 9,7% 101,0% Prodotti finiti ed altri materiali per barche di nuova produzione (6.369) 17,3% (2.883) 9,6% 120,9% Motori (4.303) 11,7% (2.543) 8,5% 69,2% Acquisto imbarcazioni usate (2.950) 8,0% (2.585) 8,6% 14,1% Resine (1.555) 4,2% (1.060) 3,5% 46,7% Altri costi (869) 2,4% - - - Materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate (21.906) 59,6% (11.986) 40,0% 82,8% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. I costi per le materie prime ed i materiali di consumo e merci utilizzate sono passati da Euro 11.986 migliaia nel 2004 ad Euro 21.906 migliaia nel 2005 (+82,8%) con un incremento dell’incidenza sui ricavi di 19,6%. L’incremento in valore assoluto in questa voce di costo riflette principalmente l’aumento dell’acquisto di Materie prime e materiale di consumo, Prodotti finiti ed altri materiali per barche di nuova produzione e motori, in conseguenza degli incrementati livelli di produzione. 126
  • 128. Sezione Prima 9.2.3.24 Costi per servizi Nella seguente tabella sono dettagliate le componenti economiche della voce “Costi per servizi” per il periodo 2005-2004: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Lavorazioni di terzi (4.877) 13,3% (3.157) 10,5% 54,5% Servizi amministrativi (120) 0,3% (21) 0,1% 471,4% Lavorazioni in garanzia (26) 0,1% - - - Consulenze e prestazioni da terzi (327) 0,9% (92) 0,3% 255,4% Trasporti (179) 0,5% (99) 0,3% 80,8% Pubblicità e comunicazione (1.242) 3,4% (530) 1,8% 134,3% Provvigioni e commissioni (167) 0,5% (139) 0,5% 20,1% Rimborsi spese (101) 0,3% (60) 0,2% 68,3% Emolumenti amministratori (255) 0,7% (181) 0,6% 40,9% Altri servizi (502) 1,4% (213) 0,7% 135,7% Costi per servizi (7.796) 21,2% (4.492) 15,0% 73,5% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. I costi per i servizi sono passati da Euro 4.492 migliaia nel 2004 ad Euro 7.796 migliaia nel 2005 (+73,5%). L’incidenza sui Ricavi è aumentata, passando dal 15,0% nel 2004 al 21,2% nel 2005. L’incremento in valore assoluto è stato, in particolare, causato dai maggiori costi per Lavorazioni di terzi, passati da Euro 3.157 migliaia ad Euro 4.877 migliaia, che riflette l’aumento delle imbarcazioni realizzate e vendute. Nel corso del 2005 il Gruppo ha inoltre investito significative risorse in pubblicità su quotidiani nazionali ed esteri e su testate lifestyle, conseguentemente il costo per pubblicità e comunicazione aumenta di Euro 712 migliaia passando da Euro 530 migliaia nel 2004 ad Euro 1.242 migliaia nel 2005. 9.2.3.25 Costo per godimento di beni di terzi I costi per godimento di beni di terzi sono passati da Euro 229 migliaia nel 2004 ad Euro 931 migliaia nel 2005 (+305,9%); tale incremento è dovuto alla sottoscrizione di nuovi contratti di locazione e di leasing necessari per sostenere la crescita dei livelli produttivi. In particolare, l’incremento registrato nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005 è relativo a: i) nuovi contratti di locazione per uffici e stabilimenti di produzione dai quali conseguono maggiori canoni per complessivi Euro 200 migliaia annui; ii) la sottoscrizione di leasing operativi relativi ad autovetture, attrezzature per ufficio e software dai quali conseguono maggiori canoni per complessivi Euro 332 migliaia annui; iii) noleggi di breve periodo di macchinari specifici (carrelli, autogrù), automobili e imbarcazioni dai quali conseguono maggiori canoni per complessivi per Euro 170 migliaia annui. 127
  • 129. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 9.2.3.26 Costi del personale Nella seguente tabella sono dettagliate le componenti economiche della voce costi del personale per il periodo 2005-2004: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Salari e stipendi (3.763) 10,2% (3.559) 11,9% 5,7% Oneri sociali (957) 2,6% (573) 1,9% 67,0% Piani pensionistici e TFR (202) 0,5% (220) 0,7% (8,2)% Altri costi del personale (149) 0,4% (12) 0,0% 1.158,3% Costo del personale (5.071) 13,8% 4.364 14,6% 16,2% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. I costi del personale passano da Euro 4.364 migliaia nel 2004 ad Euro 5.071 migliaia nel 2005 (+16,2%); l’incidenza sui Ricavi è diminuita passando dal 14,6% nel 2004 al 13,8% nel 2005. L’incremento in termini di valore assoluto del costo del lavoro è dipeso dall’incremento dell’organico principalmente in conseguenza dei maggiori livelli produttivi. La riduzione dell’incidenza sui ricavi è legata alla riduzione del valore medio di salari e stipendi conseguente al fatto che l’aumento nell’organico ha riguardato prevalentemente figure professionali non specializzate. 9.2.3.27 Altri costi operativi Nella seguente tabella sono riportate le componenti economiche della voce “Altri costi operativi” per il periodo 2005-2004: Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Penali 808 2,2% - - - Spese di viaggio 376 1,0% 236 0,8% 59,3% Manutenzioni 137 0,4% 154 0,5% (11,0)% Oneri diversi di gestione 539 1,5% 1.063 3,5% (49,3)% Altri costi operativi 1.860 5,1% 1.453 4,8% 28,0% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. La voce Altri costi operativi è passata da Euro 1.453 migliaia nel 2004 ad Euro 1.860 migliaia nel 2005 (+ 28%); l’incidenza sui Ricavi è lievemente aumentata passando dal 4,8% nel 2004 al 5,1% nel 2005. L’incremento è relativo a: i) penali per complessivi Euro 808 migliaia sopra descritte; ii) maggiori costi per spese viaggi per effetto di una accresciuta presenza del Gruppo ad eventi e manifestazioni specialistiche. Tali incrementi sono stati parzialmente compensati dalla riduzione della voce Oneri diversi di gestione grazie al maggior controllo circa il sostenimento di tali oneri. 9.2.3.28 Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni La voce Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni è passata da Euro 1.838 migliaia nel 2004 ad Euro 3.174 migliaia nel 2005 (+72,7%). In entrambi gli esercizi la voce include prevalentemente i costi sostenuti per la realizzazione degli stampi utilizzati nella produzione delle imbarcazioni e la 128
  • 130. Sezione Prima variazione è legata all’ampliamento della gamma ed alla conseguente accresciuta esigenza di stampi per la produzione. 9.2.3.29 Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni” per il periodo 2005-2004. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Ammortamento immobilizzazioni materiali (1,976) 5,4% (890) 3,0% 122,0% Ammortamento immobilizzazioni immateriali (520) 1,4% (563) 1,9% (7,6)% Accantonamenti (950) 2,6% (893) 3,0% 6,4% Altri (476) 1,3% (746) 2,5% (36,2)% Svalutazioni crediti (68) 0,2% (345) 1,2% (80,3)% Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni (3.990) 10,9% (3.437) 11,5% 16,1% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. La voce ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni è passata da Euro 3.437 migliaia nel 2004 ad Euro 3.990 migliaia nel 2005 (+16,1%); l’incidenza sui Ricavi è diminuita passando dal 11,5% nel 2004 al 10,9% nel 2005. L’incremento dell’esercizio 2005 rispetto all’esercizio 2004 è relativo prevalentemente a maggiori ammortamenti delle immobilizzazioni materiali per effetto degli investimenti, per complessivi Euro 10.172 migliaia, effettuati nel corso dell’esercizio 2005, parzialmente compensati dalla riduzione degli accantonamenti per svalutazione crediti, conseguenza di una accresciuta attenzione nella gestione dei crediti commerciali. 9.2.3.30 Risultato Operativo Il Risultato operativo è passato da Euro 5.662 migliaia nel 2004 ad Euro 10.676 migliaia nel 2005 (+88,6%). L’incremento in valore assoluto è legato essenzialmente all’aumento dei volumi di vendita (+22,6% nel 2006 rispetto al 2005) e dagli effetti positivi della variazione rimanenze merci, prodotti finiti, in corso di lavorazione e semilavorati, e degli incrementi di immobilizzazione per lavori interni. 129
  • 131. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 9.2.3.31 Proventi ed oneri finanziari Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “Proventi ed oneri finanziari” per il periodo 2005-2004. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Proventi finanziari e assimilati 22 0,1% 17 0,1% 26,7% Totale proventi finanziari e assimilati 22 0,1% 17 0,1% 26,7% Interessi verso banche e altri finanziatori (946) 2,6% (323) 1,1% 192,9% Interessi verso fornitori (17) 0,0% (58) 0,2% (70,7) Oneri finanziari (144) 0,4% (134) 0,4% 7,5% Valutazione al Fair Value di strumenti di finanza derivata (285) 0,8% - - - Totale oneri finanziari ed assimilati (1.392) 3,8% (515) 1,7% 170,5% Oneri finanziari netti (1.370) 3,7% (498) 1,7% 175,2% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. Gli oneri finanziari netti sono passati da un saldo negativo di Euro 498 migliaia nel 2004 ad un saldo negativo di Euro 1.370 migliaia nel 2005 (+175,2%). Tale variazione è principalmente legata all’accensione di nuovi finanziamenti e di nuovi leasing finanziari (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 10) necessari a sostenere i significativi investimenti dell’esercizio 2005. Incidono, inoltre, significativamente gli oneri legati alla valutazione al Fair Value degli strumenti di finanza derivata connessi ai finanziamenti in corso. 9.2.3.32 Imposte dell’esercizio Nella tabella che segue vengono dettagliate le componenti economiche della voce “imposte dell’esercizio” per il periodo 2005-2004. Esercizi chiusi al 31 agosto Variazioni % (migliaia di Euro) 2005 (a) 2004 (a) 2004-2005 Imposte correnti (4.135) 11,2% (3.342) 11,1% 23,7% (Oneri)/benefici per imposte 255 0,7% 333 1,1% (23,3)% Imposte dell’esercizio (3.880) 10,6% (3.009) 10,0% 29,0% (a) Incidenza percentuale rispetto ai Ricavi. Le Imposte sul reddito sono passate da Euro 3.009 migliaia nel 2004 ad 3.880 migliaia nel 2005 (+ 29,0%). L’aliquota effettiva, riconducibile all’applicazione dell’Ires, è passata dal 35,9% al 35,8% per l’incidenza dei costi e dei ricavi non deducibili/imponibili di 2,9% nel 2004 e 2,8% nel 2005, contro una aliquota teorica del 33%. 9.2.3.33 Risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute Il risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute è passato da un saldo negativo pari ad Euro 374 migliaia nel 2004 ad un saldo negativo pari ad Euro 2.519 migliaia nel 2005 (+573,9%). La variazione è determinata prevalentemente alle perdite derivanti dalla ricollocazione sul mercato delle imbarcazioni usate acquistate in permuta dalla Aicon Yacht S.r.l. 130
  • 132. Sezione Prima 9.2.3.34 Utile d’esercizio L’Utile d’esercizio è passato da Euro 1.781 migliaia nel 2004 ad Euro 2.907 migliaia nel 2005 (+63,2%). Tale risultato riflette prevalentemente l’incremento del risultato operativo, che passa nel biennio da Euro 5.662 migliaia ad Euro 10.676 migliaia. In termini d’incidenza del risultato netto rispetto ai Ricavi si rileva un aumento del 2,0% passando dal 5,9% al 7,9%. 9.3 Politiche o fattori di natura governativa, economica, fiscale monetaria o politica Relativamente agli effetti sull’attività dell’Emittente derivanti da politiche o fattori di natura governativa, economica, fiscale o politica, non si evidenziano effetti sostanziali sull’attività del Gruppo. 131
  • 133. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 10. RISORSE FINANZIARIE 10.1 Informazioni riguardanti le risorse finanziarie dell’Emittente La posizione finanziaria netta del Gruppo al 30 novembre 2006 ed al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, determinata facendo riferimento ad attività e passività finanziarie valorizzate in applicazione degli IFRS, é sintetizzabile come segue: Al 30 novembre Al 31 agosto (migliaia di Euro) 2006 2006 2005 2004 A. Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 12.001 8.320 4.772 3.133 B. Altre disponibilità liquide - - - - C. Titoli detenuti per la negoziazione - - - - D. Liquidità (A) + (B) + (‘C) 12.001 8.320 4.772 3.133 E. Crediti finanziari correnti - 15 36 215 F. Debiti bancari correnti (24.263) (23.726) (8.317) (3.556) G. Parte corrente dei finanziamenti da banche (5.693) (3.217) (861) (860) H. Altri debiti finanziari correnti (1.604) (1.308) (707) (300) I. Indebitamento finanziario corrente (F) + (G) + (H) (31.560) (28.251) (9.885) (4.716) J. Indebitamento finanziario corrente netto (I) + (E) + (D) (19.559) (19.915) (5.077) (1.368) K. Finanziamenti da banche (11.954) (8.706) (8.448) (3.277) L. Obbligazioni emesse - - - - M. Altri debiti non correnti (1.900) (2.248) (1.681) (873) N. Indebitamento finanziario non corrente (K) + (L) + (M) (13.854) (10.954) (10.129) (4.150) O. Posizione finanziaria netta (J) + (N) (33.413) (30.870) (15.206) (5.518) Alla data del 31 gennaio 2007, l’indebitamento finanziario netto del Gruppo era pari ad Euro 38.623 migliaia. Il Gruppo non ha ancora implementato una gestione di cassa e tesoreria centralizzata sull’Emittente; pertanto ogni società provvede separatamente alla gestione degli impieghi e delle proprie disponibilità finanziarie. Tuttavia, la Tesoreria dell’Emittente è responsabile del budget finanziario e del reporting periodico per tutte le entità del Gruppo. Alla data del Prospetto Informativo, l’indebitamento finanziario del Gruppo è caratterizzato da debiti bancari correnti e da finanziamenti da banche utilizzati prevalentemente per sostenere il piano di investimenti intrapreso nel corso del periodo in esame (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 5, Paragrafo 5.2). Le disponibilità liquide e mezzi equivalenti al termine di ciascun esercizio presentano generalmente un livello superiore in conseguenza del fatto che nei mesi di luglio ed agosto si concentrano gli incassi relativi alla maggior parte delle imbarcazioni vendute. Nell’agosto 2005, inoltre, in concomitanza con la chiusura dell’esercizio, si rileva l’incasso della prima tranche (pari ad Euro 6.000 migliaia) del Finanziamento in pool (Cfr. successivo Paragrafo 10.2). I livelli di disponibilità liquide e mezzi equivalenti registrano livelli elevati anche al 30 novembre 2006 a causa del significativo numero di imbarcazioni consegnate nel trimestre di riferimento e di ulteriori erogazioni del Finanziamenti in pool per circa Euro 5.800 migliaia. 132
  • 134. Sezione Prima 10.2 Indebitamento finanziario corrente e non corrente L’indebitamento finanziario corrente e non corrente, per il periodo considerato, è sintetizzato nella seguente tabella: Al 30 novembre Al 31 agosto (migliaia di Euro) 2006 2006 2005 2004 Inferiori ad 1 anno (29.956) (26.942) (9.178) (4.416) 1 - 5 anni (11.929) (8.706) (6.947) (3.277) Superiori a 5 anni (25) - (1.501) - Debiti bancari correnti e finanziamenti da banche (41.910) (35.648) (17.626) (7.693) Inferiori ad 1 anno (744) (742) (581) (300) 1 - 5 anni (1.859) (2.060) (1.522) (873) Finanziamenti da società di leasing (2.603) (2.802) (2.103) (1.173) Inferiori ad 1 anno (738) (431) - - 1 - 5 anni - - - - Debiti verso società di factoring (738) (431) - - Inferiori ad 1 anno (122) (136) (126) - 1 - 5 anni (41) (188) (159) - Passività per strumenti di finanza derivata (163) (324) (285) - Indebitamento finanziario corrente e non corrente (45.414) (39.205) (20.014) (8.866) 133
  • 135. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 10.3 Debiti bancari correnti e finanziamenti da banche I debiti bancari correnti e i finanziamenti da banche, per il periodo considerato, sono sintetizzati nelle seguenti tabelle: (migliaia di Euro) Al 30 novembre 2006 Inferiori ad 1 1 - 5 anni Superiori a 5 TOTALE anno anni Finanziamento in pool (UniCredit, Centrobanca e Banca Intesa) (1.971) (8.629) - (10.600) Interbanca (300) (450) - (750) Banca di Roma (Euro 600 migliaia) (394) (205) - (600) Banca di Roma (Euro 700 migliaia) (460) (239) - (700) Banca di Roma (Euro 800 migliaia) (526) (274) - (800) Banca di Roma (Euro 900 migliaia) (592) (308) - (900) Finanziamenti con garanzia reale (4.244) (10.105) - (14.349) Banca Intesa (64) (33) - (97) Linee di credito con UniCredit Banca MedioCredito (1.000) - - (1.000) San Paolo IMI S.p.A. (310) (1.390) - (1.700) Banca Popolare di Milano (75) (400) (25) (500) Finanziamenti senza garanzia (1.449) (1.823) (25) (3.297) Affidamenti a breve termine (24.263) (1) - (24.264) Finanziamenti bancari a breve termine (24.263) (1) - (24.264) Debiti bancari correnti e finanziamenti da banche (29.956) (11.929) (25) (41.910) (migliaia di Euro) Al 31 agosto 2006 Inferiori ad 1 anno 1 - 5 anni TOTALE Finanziamento in pool (UniCredit, Centrobanca e Banca Intesa) (1.544) (6.756) (8.300) Interbanca (300) (600) (900) Finanziamenti con garanzia reale (1.844) (7.356) (9.200) Banca Intesa (63) (66) (129) Linee di credito con UniCredit Banca MedioCredito (1.000) - (1.000) San Paolo IMI S.p.A. (310) (1.390) (1.700) Finanziamenti senza garanzia (1.373) (1.456) (2.829) Affidamenti a breve termine (23.726) 106 (23.620) Finanziamenti bancari a breve termine (23.726) 106 (23.620) Debiti bancari correnti e finanziamenti da banche (26.942) (8.706) (35.649) 134
  • 136. Sezione Prima (migliaia di Euro) Al 31 agosto 2005 Inferiori ad 1 1 - 5 anni Superiori a 5 TOTALE anno anni Finanziamento in pool (UniCredit, Centrobanca e Banca Intesa) - (4.713) (1.287) (6.000) Interbanca (300) (900) - (1.200) Finanziamenti con garanzia reale (300) (5.613) (1.287) (7.200) Banca Intesa (61) (129) - (190) Linee di credito con UniCredit Banca MedioCredito (500) (1.000) - (1.500) San Paolo IMI S.p.A. - - - - Finanziamenti senza garanzia (561) (1.129) - (1.690) Affidamenti a breve termine (8.317) (419) - (8.736) Finanziamenti bancari a breve termine (8.317) (419) - (8.736) Debiti bancari correnti e finanziamenti da banche (9.178) (7.161) (1.287) (17.626) (migliaia di Euro) Al 31 agosto 2004 Inferiori ad 1 anno 1 - 5 anni TOTALE Finanziamento in pool (UniCredit, Centrobanca e Banca Intesa) - - - Interbanca (300) (1.200) (1.500) Finanziamenti con garanzia reale (300) (1.200) (1.500) Banca Intesa (60) (190) (250) Linee di credito con UniCredit Banca MedioCredito (500) (1.500) (2.000) San Paolo IMI S.p.A. - - - Finanziamenti senza garanzia (560) (1.690) (2.250) Affidamenti a breve termine (3.556) (387) (3.943) Finanziamenti bancari a breve termine (3.556) (387) (3.943) Debiti bancari correnti e finanziamenti da banche (4.416) (3.277) (7.693) Per quanto attiene i covenants previsti da taluni contratti di finanziamento e descritti nel prosieguo del presente Capitolo, si segnala che il rispetto degli stessi viene verificato in corrispondenza alla chiusura di ciascun esercizio. Finanziamenti con garanzia reale Finanziamento in pool (UniCredit Banca d’Impresa S.p.A., Centrobanca S.p.A. e Banca Intesa S.p.A.) Il 31 agosto 2005 Aicon e Aicon Yachts S.p.A. hanno sottoscritto un contratto di finanziamento per complessivi Euro 13.000 migliaia (di cui Euro 10.000 migliaia destinati ad Aicon Yachts S.p.A. ed Euro 3.000 migliaia destinati ad Aicon) con un pool di banche costituito da UniCredit Banca d’Impresa S.p.A. (banca capofila), Centrobanca S.p.A. e Banca Intesa S.p.A. destinati in via esclusiva alle necessità finanziarie relative alla realizzazione di investimenti industriali e commerciali (siti produttivi e stampi per nuove imbarcazioni, ricerca e spinta di marketing commerciale e di servizio alla clientela). 135
  • 137. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Il finanziamento prevedeva l’erogazione in più tranches, al verificarsi di determinate condizioni sospensive. Alla data del Prospetto Informativo, il Gruppo ha interamente incassato l’importo previsto da contratto con le seguenti modalità: − la prima tranche, di importo complessivo pari ad Euro 6.000 migliaia (di cui Euro 4.500 migliaia ad Aicon Yachts S.p.A. ed Euro 1.500 migliaia ad Aicon), è stata erogata in data 31 agosto 2005; − la seconda tranche, di importo complessivo pari ad Euro 1.000 migliaia è stata erogata ad Aicon Yachts S.p.A. in data 1 giugno 2006; − la terza tranche, di importo complessivo pari ad Euro 1.300 migliaia, è stata erogata ad Aicon Yacht S.p.A. in data 31 agosto 2006; − la quarta tranche, di importo complessivo pari ad Euro 2.300 migliaia, è stata erogata ad Aicon Yacht S.p.A. in data 18 ottobre 2006; − la quinta tranche, di importo complessivo pari ad Euro 2.400 migliaia (di cui Euro 900 migliaia ad Aicon Yachts S.p.A. ed Euro 1.500 migliaia ad Aicon), è stata erogata in data 27 dicembre 2006. Il piano di rimborso del finanziamento, relativo agli ammontari ricevuti al 30 novembre 2006, è il seguente: (migliaia di Euro) Scadenza Capitale Debito Residuo Erogazioni 31 agosto 2005 - 6.000 6.000 1 giugno 2006 - 7.000 1.000 31 agosto 2006 - 8.300 1.300 18 ottobre 2006 - 10.600 2.300 28 febbraio 2007 977 9.623 - 31 agosto 2007 995 8.629 - 28 febbraio 2008 1.012 7.616 - 31 agosto 2008 1.031 6.585 - 28 febbraio 2009 1.049 5.536 - 31 agosto 2009 1.068 4.468 - 28 febbraio 2010 1.087 3.381 - 31 agosto 2010 1.107 2.274 - 28 febbraio 2011 1.127 1.147 - 31 agosto 2011 1.147 - - A decorrere dalla data di utilizzo, il tasso d’interesse sul finanziamento è pari al tasso Euribor a 6 mesi maggiorato dell’1,40%. Tale maggiorazione potrà essere ridotta, a partire dal periodo di interessi successivo al 31 agosto 2007, all’1,25% qualora il Gruppo dimostri, con riferimento ai bilanci consolidati redatti secondo i principi contabili italiani, una posizione finanziaria netta minore o uguale al margine operativo lordo. 136
  • 138. Sezione Prima A garanzia del presente finanziamento nonché dell’esatto e puntuale adempimento delle obbligazioni derivanti dallo stesso, Aicon e Aicon Yachts S.p.A. hanno concesso ipoteca, per complessivi Euro 46.000 migliaia, su una porzione di capannone industriale sito nel Comune di Villafranca Tirrena (ME) e sul compendio immobiliare sito nel Comune di Pace del Mela, Frazione Giammoro. Inoltre, Aicon S.p.A. ha costituito in pegno a favore delle banche finanziatrici la propria quota di partecipazione al capitale sociale della società Aicon Yachts Europe S.r.l.. È stato, infine, concesso privilegio speciale ai sensi dell’articolo 46 del Decreto Legislativo n. 385 del 1 settembre 1993 sui beni oggetto del programma di investimento; la valorizzazione dei suddetti beni al 31 agosto 2006 ammonta ad Euro 6.583 migliaia. Tale valorizzazione è stata ottenuta dalla stima ai fini assicurativi effettuata da una società terza. Il Gruppo è, inoltre, tenuto al rispetto dei seguenti parametri finanziari con riferimento ai bilanci consolidati redatti secondo i principi contabili italiani: i) rapporto tra posizione finanziaria netta e margine operativo lordo uguale o inferiore a 1,5; ii) patrimonio netto non inferiore a Euro 9.208.127; iii) rapporto tra posizione finanziaria netta e patrimonio netto uguale o inferiore a 2. In caso di violazione di tali parametri finanziari, l’istituto di credito ha la facoltà di dichiarare la risoluzione del presente finanziamento. Finanziamento Interbanca Il 4 settembre 2003 Aicon Yachts S.p.A. ha sottoscritto un finanziamento per complessivi Euro 1.500 migliaia con Interbanca S.p.A. destinato a sopperire parzialmente al fabbisogno relativo all’espletamento di due programmi di investimento di cui, il primo riguardante la manutenzione straordinaria di un capannone industriale sito in Villafranca Tirrena (ME), il secondo riguardante la realizzazione di un’unità produttiva in acqua sita in Frazione Giammoro (ME). L’importo complessivo del finanziamento è stato erogato in più tranches, al verificarsi delle condizioni previste dal contratto di finanziamento, come segue: − la prima tranche di Euro 800 migliaia è stata erogata in data 19 settembre 2003; − la seconda tranche di Euro 700 migliaia è stata erogata in due sub-tranche di cui: la tranche “A” di Euro 150 migliaia è stata erogata in data 30 novembre 2004; la tranche “B” di Euro 550 migliaia è stata erogata in data 12 luglio 2005. 137
  • 139. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Il piano di rimborso del finanziamento è il seguente: (migliaia di Euro) Scadenza Capitale Debito Residuo Erogazioni 18 settembre 2003 - 800 800 30 settembre 2004 150 650 - 30 novembre 2004 - 800 150 31 marzo 2005 150 650 - 12 luglio 2005 - 1.200 550 30 settembre 2005 150 1.050 - 31 marzo 2006 150 900 - 30 settembre 2006 150 750 - 31 marzo 2007 150 600 - 30 settembre 2007 150 450 - 31 marzo 2008 150 300 - 30 settembre 2008 150 150 - 31 marzo 2009 150 - - Il tasso d’interesse sul finanziamento è pari al tasso Euribor a 6 mesi maggiorato dell’1,50%. A garanzia del presente finanziamento nonché dell’esatto e puntuale adempimento delle obbligazioni derivanti dallo stesso, Aicon Yachts S.p.A ha concesso ipoteca indivisibile e solidale per Euro 3.000 migliaia su una porzione di capannone industriale sito in nel Comune di Villafranca Tirrena (ME). Finanziamento Banca di Roma (Euro 600 migliaia) Il 10 novembre 2006 Aicon Yachts S.p.A. ha sottoscritto un finanziamento per complessivi Euro 600 migliaia con Banca di Roma S.p.A. destinato alla realizzazione del prototipo del modello 75' Fly. Il finanziamento è stato erogato in un’unica tranche, contestualmente alla sottoscrizione del contratto. Il piano di rimborso del finanziamento è il seguente: (migliaia di Euro) Scadenza Capitale Debito Residuo 10 novembre 2006 - 600 9 febbraio 2007 97 503 9 maggio 2007 98 405 9 agosto 2007 99 306 9 novembre 2007 101 206 9 febbraio 2008 102 104 9 maggio 2008 104 - Il tasso d’interesse sul finanziamento è pari al tasso Euribor a 6 mesi maggiorato dell’1,50%. A garanzia del presente finanziamento nonché dell’esatto e puntuale adempimento delle obbligazioni derivanti dallo stesso, Aicon ha concesso fideiussione per complessivi Euro 780 migliaia. 138
  • 140. Sezione Prima Finanziamento Banca di Roma (Euro 700 migliaia) Il 10 novembre 2006 Aicon Yachts S.p.A. ha sottoscritto un finanziamento per complessivi Euro 700 migliaia con Banca di Roma S.p.A. destinato alla realizzazione del prototipo del modello 82' Open. Il finanziamento è stato erogato in un’unica tranche, contestualmente alla sottoscrizione del contratto. Il piano di rimborso del finanziamento è il seguente: (migliaia di Euro) Scadenza Capitale Debito Residuo 10 novembre 2006 - 700 9 febbraio 2007 113 587 9 maggio 2007 114 473 9 agosto 2007 116 357 9 novembre 2007 117 240 9 febbraio 2008 119 121 9 maggio 2008 121 - Il tasso d’interesse sul finanziamento è pari al tasso Euribor a 6 mesi maggiorato dell’1,50%. A garanzia del presente finanziamento nonché dell’esatto e puntuale adempimento delle obbligazioni derivanti dallo stesso, Aicon ha concesso fideiussione per complessivi Euro 910 migliaia. Finanziamento Banca di Roma (Euro 800 migliaia) Il 10 novembre 2006 Aicon Yachts S.p.A. ha sottoscritto un finanziamento per complessivi Euro 800 migliaia con Banca di Roma S.p.A. destinato alla realizzazione del prototipo del modello 92' Open. Il finanziamento è stato erogato in un’unica tranche, contestualmente alla sottoscrizione del contratto. Il piano di rimborso del finanziamento è il seguente: (migliaia di Euro) Scadenza Capitale Debito Residuo 10 novembre 2006 - 800 9 febbraio 2007 129 671 9 maggio 2007 131 540 9 agosto 2007 132 408 9 novembre 2007 134 274 9 febbraio 2008 136 138 9 maggio 2008 138 - Il tasso d’interesse sul finanziamento è pari al tasso Euribor a 6 mesi maggiorato dell’1,50%. A garanzia del presente finanziamento nonché dell’esatto e puntuale adempimento delle obbligazioni derivanti dallo stesso, Aicon ha concesso fideiussione per complessivi Euro 1.040 migliaia. 139
  • 141. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Finanziamento Banca di Roma (Euro 900 migliaia) Il 10 novembre 2006 Aicon Yachts S.p.A. ha sottoscritto un finanziamento per complessivi Euro 900 migliaia con Banca di Roma S.p.A. destinato alla realizzazione del prototipo del modello Navetta semidislocante 110. Il finanziamento è stato erogato in un’unica tranche, contestualmente alla sottoscrizione del contratto. Il piano di rimborso del finanziamento è il seguente: (migliaia di Euro) Scadenza Capitale Debito Residuo 10 novembre 2006 - 900 9 febbraio 2007 145 755 9 maggio 2007 147 608 9 agosto 2007 149 459 9 novembre 2007 151 308 9 febbraio 2008 153 155 9 maggio 2008 155 - Il tasso d’interesse sul finanziamento è pari al tasso Euribor a 6 mesi maggiorato dell’1,50%. A garanzia del presente finanziamento nonché dell’esatto e puntuale adempimento delle obbligazioni derivanti dallo stesso, Aicon ha concesso fideiussione per complessivi Euro 1.170 migliaia. Finanziamenti senza garanzia reale Finanziamento Banca Intesa S.p.A. L’8 aprile 2004 Aicon Yacht S.p.A. ha sottoscritto un finanziamento per complessivi Euro 250 migliaia con Banca Intesa S.p.A. destinato in via esclusiva alle esigenze finanziarie aziendali. Il finanziamento è stato erogato in un’unica tranche, contestualmente alla sottoscrizione del contratto. Il piano di rimborso del finanziamento è il seguente: (migliaia di Euro) Scadenza Capitale Debito Residuo 8 aprile 2004 250 31 ottobre 2004 30 220 30 aprile 2005 30 190 31 ottobre 2005 30 160 30 aprile 2006 31 129 31 ottobre 2006 31 97 30 aprile 2007 32 66 31 ottobre 2007 32 33 30 aprile 2008 33 - Il tasso d’interesse sul finanziamento è pari al tasso Euribor a 6 mesi maggiorato dell’1%. 140
  • 142. Sezione Prima Linee di credito con UniCredit Banca MedioCredito S.p.A. Il 26 aprile 2004, Aicon Yachts S.p.A ha sottoscritto con UniCredit Banca MedioCredito S.p.A. una linea di credito stand by di Euro 2.000 migliaia destinati a finanziare il capitale circolante ed altri fabbisogni finanziari del Gruppo. L’ammontare di ciascun utilizzo dovrà essere di importo non inferiore ad Euro 500 migliaia e pari comunque sempre a multipli di Euro 500 migliaia. La durata della linea di credito è fissata in 36 mesi dal primo utilizzo e l’importo disponibile sarà comunque ridotto come segue: • Euro 500 migliaia alla fine del 12° mese dalla data del primo utilizzo; • Euro 500 migliaia alla fine del 24° mese dalla data del primo utilizzo; • Euro 1.000 migliaia alla scadenza finale. Il piano di rimborso è il seguente: (migliaia di Euro) Scadenza Capitale Debito Residuo Erogazioni 26 maggio 2004 - 500 500 17 giugno 2004 - 2.000 1.500 26 maggio 2005 500 1.500 - 9 giugno 2006 500 1.000 - 31 agosto 2006 - 1.000 - 26 maggio 2007 1.000 - - Il tasso di interesse è pari al tasso Euribor a 3 o 6 mesi maggiorato dell’1,95%. Il contratto prevede, inoltre, il rimborso anticipato o la facoltà per l’istituto di credito di applicare una maggiorazione dello 0,75% in caso di non rispetto dei seguenti parametri finanziari, rilevati sulla base del bilancio civilistico di Aicon Yachts S.p.A.: i) indebitamento finanziario netto non superiore a 3 volte il patrimonio netto; e ii) indebitamento finanziario netto non superiore a 3 volte il margine operativo lordo. Il primo utilizzo di tale linea di credito è avvenuto in data 26 maggio 2004 pertanto la scadenza risulta essere il 26 maggio 2005. Al 30 novembre 2006 l’importo complessivo da rimborsare ai sensi di tale linea di credito è pari ad Euro 1.000 migliaia. Finanziamento San Paolo IMI S.p.A. Il 31 agosto 2006 Aicon ha sottoscritto un finanziamento per complessivi Euro 1.700 migliaia con San Paolo Imi S.p.A. destinato a finanziare l’acquisto di un ulteriore 11,7% di Aicon Yachts S.p.A.. Il finanziamento è stato erogato in un’unica tranche, contestualmente alla sottoscrizione del contratto. 141
  • 143. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Il piano di rimborso del finanziamento è il seguente: (migliaia di Euro) Scadenza Capitale Debito Residuo 31 agosto 2006 1.700 28 febbraio 2007 153 1.547 31 agosto 2007 157 1.390 28 febbraio 2008 160 1.230 31 agosto 2008 164 1.066 28 febbraio 2009 168 899 31 agosto 2009 172 727 28 febbraio 2010 176 552 31 agosto 2010 180 372 28 febbraio 2011 184 188 31 agosto 2011 188 - Il tasso d’interesse sul finanziamento è pari al tasso Euribor a 6 mesi maggiorato dell’1,2%. Il contratto prevede il rispetto dei seguenti parametri finanziari, rilevati sulla base del bilancio civilistico di Aicon: i) posizione finanziaria netta non superiore a 2 volte il margine operativo lordo; e ii) posizione finanziaria netta non superiore a 1,5 volte il patrimonio netto. In caso di violazione di tali parametri finanziari, l’istituto di credito ha la facoltà di dichiarare la risoluzione del presente finanziamento. Finanziamento Banca Popolare di Milano S.p.A. Il 18 ottobre 2006 Aicon Yachts S.p.A. ha sottoscritto un finanziamento per complessivi Euro 500 migliaia con Banca Popolare di Milano S.p.A., a valere su Fondi della Banca Europea per gli Investimenti. Il finanziamento è stato erogato in un’unica tranche, contestualmente alla sottoscrizione del contratto. 142
  • 144. Sezione Prima Il piano di rimborso del finanziamento è il seguente: (migliaia di Euro) Scadenza Capitale Debito Residuo 18 ottobre 2006 - 500 15 marzo 2007 25 475 15 giugno 2007 25 450 15 settembre 2007 25 425 15 dicembre 2007 25 400 15 marzo 2008 25 375 15 giugno 2008 25 350 15 settembre 2008 25 325 15 dicembre 2008 25 300 15 marzo 2009 25 275 15 giugno 2009 25 250 15 settembre 2009 25 225 15 dicembre 2009 25 200 15 marzo 2010 25 175 15 giugno 2010 25 150 15 settembre 2010 25 125 15 dicembre 2010 25 100 15 marzo 2011 25 75 15 giugno 2011 25 50 15 settembre 2011 25 25 15 dicembre 2011 25 - Il tasso di interesse sul finanziamento è pari 2 punti in più della media aritmetica, arrotondata allo 0,05% superiore, dei tassi giornalieri Euribor a 3 mesi, relativi al mese solare precedente quello di applicazione. Finanziamenti bancari a breve termine Affidamenti bancari a breve termine Al 30 novembre 2006 il Gruppo disponeva di affidamenti bancari a breve termine per Euro 25.082 migliaia (di cui utilizzati Euro 24.263 migliaia). Tale ammontare si è successivamente ridotto ed è pari ad Euro 21.282 migliaia al 31 gennaio 2007 (di cui utilizzati Euro 19.707 migliaia) a seguito della chiusura di un affidamento bridge di Euro 3.800 migliaia, utilizzato per l’acquisto delle minorities di Aicon Yachts S.p.A. da parte di Aicon. Come precedentemente riportato, gli affidamenti bancari sono utilizzati per sopperire agli eventuali scompensi del capitale circolante. 143
  • 145. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 10.4 Finanziamenti da società di leasing Con riferimento al 30 novembre 2006 ed al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 le passività per locazioni finanziarie si riferiscono alle seguenti società di leasing: (migliaia di Euro) Al 30 novembre 2006 Inferiori ad 1 anno 1 - 5 anni TOTALE Mercantile Leasing S.p.A. (141) (554) (695) LeasingRoma S.p.A. (37) - (37) Intesa Leasing S.p.A. (14) (9) (23) Selmabipiemme Leasing S.p.A. (220) (823) (1.043) Fortis Leasing S.p.A. (332) (473) (805) Finanziamenti da società di leasing (744) (1.859) (2.603) (migliaia di Euro) Al 31 agosto 2006 Inferiori ad 1 anno 1 - 5 anni TOTALE Mercantile Leasing S.p.A. (318) (418) (736) LeasingRoma S.p.A. (38) (9) (47) Intesa Leasing S.p.A. (14) (11) (25) Selmabipiemme Leasing S.p.A. (217) (878) (1.095) Fortis Leasing S.p.A. (155) (744) (899) Finanziamenti da società di leasing (742) (2.060) (2.802) (migliaia di Euro) Al 31 agosto 2005 Inferiori ad 1 anno 1 - 5 anni TOTALE Mercantile Leasing S.p.A. (474) (1.328) (1.802) LeasingRoma S.p.A. (34) (41) (75) Intesa Leasing S.p.A. (15) (14) (29) Selmabipiemme Leasing S.p.A. (58) (139) (197) Finanziamenti da società di leasing (581) (1.522) (2.103) (migliaia di Euro) Al 31 agosto 2004 Inferiori ad 1 anno 1 - 5 anni TOTALE Mercantile Leasing S.p.A. (253) (748) (1.001) LeasingRoma S.p.A. (35) (86) (121) Intesa Leasing S.p.A. (12) (39) (51) Finanziamenti da società di leasing (300) (873) (1.173) Tali contratti hanno ad oggetto prevalentemente l’acquisto di imbarcazioni usate effettuato tramite il subentro in contratti di leasing, nell’ambito di operazioni di permuta che il Gruppo talvolta effettua contestualmente alla vendita di nuove imbarcazioni. Negli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, il tasso medio di interesse pagato è stato rispettivamente del 5,05%, 5,75% e 6,82%, mentre nella situazione trimestrale relativa al 30 novembre 2006, il tasso medio di interesse pagato è stato del 5,02%. 144
  • 146. Sezione Prima 10.5 Debiti verso società di factoring A partire dall’esercizio 2006, il Gruppo ricorre a Fortis Commercial Finance S.p.A. per dilazionare il pagamento dei debiti relativi ad alcuni fornitori. Gli accordi in essere con Fortis Commercial Finance S.p.A. prevedono una dilazione massima complessiva di 60 giorni, rispetto alla data prevista per il pagamento, ed un tasso di interesse su base annua, a fronte della dilazione, pari Euribor a 3 mesi maggiorato dell’1,30%. Al 30 novembre 2006 l’importo complessivo da rimborsare a fronte di tali operazioni di factoring è pari ad Euro 738 migliaia. 10.6 Passività per strumenti di finanza derivata Strumenti derivati In funzione delle politiche finanziarie adottate, il Gruppo utilizza contratti derivati per la gestione del rischio di tasso di interesse. In particolare, il Gruppo utilizza strumenti derivati nell’ambito di strategie di copertura finalizzate a neutralizzare il rischio di variazioni nei flussi di cassa originati dall’esecuzione futura di obbligazioni contrattualmente definite alla data di riferimento del bilancio, essenzialmente il pagamento di interessi a tasso variabile su finanziamenti ricevuti. Il Gruppo, alla data del Prospetto Informativo, ha attivato strumenti di copertura su fluttuazione del tasso per il 50% del valore complessivo del finanziamento del pool di banche, con UniCredit Banca d’Impresa come Banca agente pari, quest’ultimo, ad Euro 13.000 migliaia. Inoltre, a copertura generica degli importi degli altri finanziamenti a tasso variabile, è attiva una protezione su fluttuazione tasso con valore nominale di Euro 4.000 migliaia. Per quanto attiene i chirografari a 18 mesi attivati nel trimestre in oggetto, ricadenti in parte tra le passività correnti e in parte nelle passività non correnti, che ammontano a complessivi Euro 3.000 migliaia, erogati il 10 novembre 2006, sono stati attivati degli strumenti di copertura tasso pari a poco più di Euro 2.000 migliaia, legati al piano di ammortamento dei finanziamenti. Il Gruppo Aicon, inoltre, commercializza i propri prodotti anche in Paesi che non aderiscono all’area Euro, di conseguenza, le attività del Gruppo possono essere soggette al rischio connesso alle fluttuazioni dei tassi di cambio, in particolare del Dollaro statunitense. Anche se il Gruppo non effettua hedging accounting, tuttavia ha in essere alcuni strumenti derivati sul tasso di cambio (valore nozionale USD migliaia 1.200), con il solo scopo di mitigare gli effetti del rischio cambio sopra menzionati; i suddetti strumenti hanno tutti scadenza entro aprile 2007. Alla data del 30 novembre 2006, il tasso di copertura dei crediti in valuta (Dollaro statunitense) era pari al 98,73%. Il Gruppo non è esposto a rischio fluttuazioni tassi di cambi per passività in valuta. Gli strumenti derivati sono inizialmente contabilizzati al fair value alla data di stipula del contratto. Considerato che nessuno degli strumenti derivati in essere soddisfa i requisiti previsti per la contabilizzazione quale strumenti di copertura, le variazioni del fair value rilevate successivamente 145
  • 147. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. alla prima iscrizione, oppure quelle per le quali risulta particolarmente oneroso impostare le procedure di “Hedge accounting”, sono rilevate quali componenti finanziarie del conto economico dell’esercizio. I nozionali dei contratti derivati in essere al 30 novembre 2006 sono riportati nella tabella che segue: (in migliaia) Al 30 novembre 2006 Istituto finanziario Data contratto Scadenza Tipo Operazione Importo nozionale UniCredit Banca d’Impresa S.p.A. 03/10/2005 31/08/2011 Basis Interest Rate Swap € 2.500 UniCredit Banca d’Impresa S.p.A. 31/03/2005 04/04/2009 Basis Interest Rate Swap € 4.000 UniCredit Banca d’Impresa S.p.A. 24/03/2006 21/03/2007 Knock In Knock Out Forward USD 300 Outperforming UniCredit Banca d’Impresa S.p.A. 05/06/2006 15/12/2006 Knock In Knock Out Forward USD 300 Outperforming UniCredit Banca d’Impresa S.p.A. 05/06/2006 16/04/2007 Knock In Knock Out Forward USD 300 Outperforming UniCredit Banca d’Impresa S.p.A. 05/06/2006 30/05/2007 Knock In Knock Out Forward USD 300 Outperforming Banca Intesa S.p.A. 06/10/2005 31/08/2011 Basis Interest Rate Swap € 2.000 Centrobanca S.p.A. 05/10/2005 28/02/2007 Basis Interest Rate Swap € 2.000 Banca di Roma S.p.A. 13/11/2006 09/05/2008 Basis Interest Rate Swap € 2.013 Gli effetti di tali strumenti sul conto economico dei trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 e degli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 sono: Trimestri chiusi al 30 novembre, Esercizi chiusi al 31 agosto, (migliaia di Euro) 2006 2005 2006 2005 2004 Strumenti di finanza derivata con fair value negativo (161) 66 27 285 - Segnaliamo che gli effetti della fluttuazione del fair value degli strumenti finanziari derivati rappresentati nel presente Capitolo sono rilevati tra gli oneri e proventi finanziari del Conto Economico. 10.7 Indicazione delle fonti e degli impieghi e descrizione dei flussi monetari dell’Emittente Nel presente Paragrafo è fornita l’analisi dei flussi monetari consolidati del Gruppo per i trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 e per gli esercizi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. Tale analisi deve essere letta congiuntamente alla relazione trimestrale consolidata relativa al trimestre chiuso al 30 novembre 2006 ed ai Bilanci Consolidati di Gruppo relativi agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, riportati nella Sezione Prima, Capitolo 20. 146
  • 148. Sezione Prima La tabella di seguito mostra una sintesi del rendiconto finanziario consolidato del Gruppo per i trimestri chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 e per gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. Trimestri chiusi al 30 Esercizi chiusi al 31 agosto, novembre, (migliaia di Euro) 2006 2005 2006 2005 2004 Flusso monetario dell’attività di esercizio prima delle variazione del 1.020 5.299 18.153 9.649 7.300 capitale circolante netto Variazione del capitale circolante netto (1.495) (12.275) (20.543) (5.474) (1.519) A Flusso di cassa generato/utilizzato da attività operative (477) (6.976) (2.390) 4.175 5.781 B Flusso di cassa generato/utilizzato da attività di investimento (1.718) (145) (11.102) (10.249) (6.476) C Flusso di cassa generato da attività di finanziamento 5.875 2.798 17.040 7.713 3.349 Flusso di cassa complessivo generato nel periodo (A+B+C) 3.680 (4.324) 3.548 1.639 2.654 30 novembre 2006 – 30 novembre 2005 Nel trimestre chiuso al 30 novembre 2006, il Gruppo ha generato liquidità per un ammontare pari ad Euro 3.680 migliaia contro un assorbimento di cassa di Euro 4.324 migliaia nel corrispondente trimestre dell’esercizio precedente. Flussi monetari generati dall’attività operativa Il flusso di cassa generato dalla gestione operativa passa da un valore negativo di Euro 6.976 migliaia nel trimestre chiuso al 30 novembre 2005 ad un valore negativo di Euro 477 migliaia nell’esercizio chiuso al 30 novembre 2006. Tale minore assorbimento di cassa è prevalentemente attribuibile alla consistente crescita del Risultato operativo. Flussi monetari assorbiti dall’attività di investimento Nel trimestre chiuso al 30 novembre 2006 l’attività di investimento ha assorbito cassa per complessivi Euro 1.718 migliaia rispetto a quanto avvenuto nel corso dell’esercizio precedente in cui l’attività di investimento ha assorbito cassa per complessivi Euro 145 migliaia. Flussi monetari generati dall’attività finanziaria Nel trimestre chiuso al 30 novembre 2006, il Gruppo ha generato liquidità per un ammontare pari ad Euro 5.875 migliaia contro un ammontare di Euro 2.798 migliaia nel corrispondente trimestre dell’esercizio precedente. La variazione riflette l’aumento dell’esposizione debitoria nei confronti di istituti di credito a fronte dei finanziamenti richiesti ed ottenuti. 147
  • 149. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 2006 - 2005 Nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, il Gruppo ha generato liquidità per un ammontare pari ad Euro 3.548 migliaia contro un ammontare di Euro 1.639 migliaia nell’esercizio precedente. Flussi monetari generati dall’attività operativa La gestione operativa presenta un decremento in termini di generazione di cassa passando da un valore positivo di Euro 4.175 migliaia nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005 ad un valore negativo di Euro 2.390 migliaia nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006. Tale decremento è principalmente legato alla movimentazione negativa del capitale circolante di cui si parla in dettaglio nel successivo Paragrafo 10.2.1. Tuttavia, i flussi di cassa generati dall’attività operativa, rettificati delle poste relative al capitale circolante netto, sono passati da Euro 9.649 migliaia nel 2005 ad Euro 18.153 migliaia nel 2006. L’incremento è prevalentemente attribuibile alla consistente crescita del Risultato operativo ed ha controbilanciato parzialmente l’impatto negativo relativo alla movimentazione del capitale circolante. Flussi monetari assorbiti dall’attività di investimento Nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006 l’attività di investimento ha assorbito cassa per complessivi Euro 11.102 migliaia, leggermente superiore rispetto a quanto avvenuto nel corso dell’esercizio precedente (Euro 10.249 migliaia). Nel corso dell’esercizio 2006, il Gruppo ha proseguito l’importante piano d’investimento (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 5, Paragrafo 5.2), prevalentemente focalizzato sull’adeguamento della struttura produttiva ed organizzativa, intrapreso negli esercizi precedenti, finalizzato all’ampliamento della struttura produttiva ed organizzativa. Flussi monetari generati dall’attività finanziaria Nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, il Gruppo ha generato liquidità per un ammontare pari ad Euro 17.040 migliaia contro un ammontare di Euro 7.713 migliaia nell’esercizio precedente. La variazione riflette l’aumento dell’esposizione debitoria nei confronti di istituiti di credito a fronte dei finanziamenti richiesti ed ottenuti. 2005 - 2004 Nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005, il Gruppo ha generato liquidità per un ammontare pari ad Euro 1.639 migliaia contro un ammontare di Euro 2.654 migliaia nell’esercizio precedente. Flussi monetari generati dall’attività operativa La gestione operativa presenta un decremento in termini di generazione di cassa passando da Euro 5.781 migliaia nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2004 ad Euro 4.175 migliaia nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005. Tale decremento è principalmente legato alla movimentazione negativa del capitale circolante di cui si parla in dettaglio nel successivo Paragrafo 10.2.1. 148
  • 150. Sezione Prima I flussi di cassa generati dall’attività operativa, rettificati delle poste relative al capitale circolante netto, passano da Euro 7.300 migliaia nel 2004 ad Euro 9.649 migliaia nel 2005. L’incremento è prevalentemente attribuibile alla consistente crescita del Risultato operativo ed ha controbilanciato parzialmente l’impatto negativo relativo alla movimentazione del capitale circolante. Flussi monetari assorbiti dall’attività di investimento L’attività di investimento ha assorbito cassa per Euro 10.249 migliaia nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005 ed Euro 6.476 migliaia nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2004. Nel corso del biennio, il Gruppo ha intrapreso un importante piano di investimenti prevalentemente focalizzato sull’adeguamento della struttura produttiva ed organizzativa nell’ottica di un ampliamento della gamma verso il mercato dei megayacht, la crescita del segmento open ed il consolidamento nel segmento fly. In particolare, gli investimenti del 2005 hanno riguardato l’ampliamento dei siti produttivi, attraverso l’acquisizione di terreni, fabbricati e macchinari. Flussi monetari generati dall’attività finanziaria L’attività di finanziamento ha generato cassa per Euro 7.713 migliaia nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005 ed Euro 3.349 migliaia nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2004. La variazione riflette l’aumento dei finanziamenti richiesti ed ottenuti dagli istituiti di credito impiegati principalmente nell’attività di investimento perseguita dal Gruppo. 10.8 Movimentazione degli scostamenti del capitale circolante netto per i periodi chiusi al 30 novembre 2006 e 2005 e gli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 30 novembre 2006 – 30 novembre 2005 Il capitale circolante netto ha assorbito cassa per Euro 1.495 migliaia nel periodo chiuso al 30 novembre 2006 contro un assorbimento di cassa pari ad Euro 12.275 migliaia periodo chiuso al 30 novembre 2005. Tale miglioramento è essenzialmente dovuto al decremento delle giacenze di magazzino e dei lavori in corso su ordinazione che ha impattato positivamente sul flusso di cassa, nonostante l’incremento dei crediti commerciali. 2006 - 2005 Il capitale circolante netto ha assorbito cassa per Euro 20.543 migliaia nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006 contro un assorbimento di cassa pari ad Euro 5.474 migliaia nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005. Tale incremento è originato prevalentemente dai seguenti fenomeni: l’esposizione verso clienti, al lordo del relativo fondo svalutazione, aumenta rispettivamente per Euro 9.516 migliaia ed Euro 2.074 migliaia negli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005. Tale variazione, con impatto negativo sui flussi di cassa, è riconducibile prevalentemente alla significativa crescita del numero di imbarcazioni vendute ed alla contestuale relativa fatturazione nell’ultimo trimestre dell’esercizio 2006. Inoltre, nel 2006 il Gruppo ha registrato un aumento dei giorni medi di incasso rispetto all’esercizio precedente; in particolare i giorni medi di incasso sono stati rispettivamente pari a 69 giorni nel 2005 ed 87 nel 2006. Il suddetto 149
  • 151. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. aumento è da imputare alla politica di penetrazione commerciale attuata dal Gruppo, alla luce dell’ampliamento della rete di dealer attuato nell’esercizio. • al 31 agosto 2006 e 2005 il valore delle giacenze di magazzino e dei lavori in corso su ordinazione è aumentato, rispetto alle giacenze all’inizio dei rispettivi periodi, rispettivamente per Euro 15.291 migliaia ed Euro 10.911 migliaia. Tale incremento, che ha impattato negativamente sul flusso di cassa, riflette principalmente la crescita del numero di ordini raccolti dal Gruppo nel biennio di riferimento e l’elevata giacenza di imbarcazioni usate connesse alle permute effettuate; • negli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005 la voce “Altri crediti” aumenta rispettivamente per Euro 5.742 migliaia ed Euro 1.822 migliaia. L’incremento, che ha impattato negativamente il flusso di cassa, è legato prevalentemente a contributi statali contabilizzati al 31 agosto 2006 ma non ancora incassati. In particolare nell’esercizio 2006 essi si sono incrementati in quanto è maturato il diritto al ricevimento di tali contributi. Per quanto attiene invece all’incremento della voce Crediti verso altri si segnala che si tratta prevalentemente di acconti versati a fornitori da parte della Aicon Yachts LLC; • la voce debiti commerciali ed acconti aumenta rispettivamente per Euro 5.833 migliaia ed Euro 8.223 migliaia negli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005. Lo scostamento fra i due esercizi è legato ad una maggiore attenzione dei pagamenti nei confronti di certi fornitori strategici, con particolare riferimento ad alcuni subappaltatori locali. In particolare i giorni medi di pagamento sono passati da 162 del 2005 a 143 del 2006; e • la voce “Altri debiti” aumenta rispettivamente per Euro 4.173 migliaia ed Euro 1.110 migliaia negli esercizi chiusi al 31 agosto 2006 e 2005, in prevalenza a causa di un aumento negli anticipi ricevuti da clienti e nei debiti verso il personale. 2005 - 2004 L’andamento del periodo è caratterizzato prevalentemente dai seguenti fenomeni: • l’esposizione verso clienti, al lordo del relativo fondo svalutazione, rimane sostanzialmente immutato nel biennio; • al 31 agosto 2005 e 2004 il valore delle giacenze di magazzino e dei lavori in corso su ordinazione è aumentato, rispetto alle giacenze all’inizio dei rispettivi periodi, rispettivamente per Euro 10.911 migliaia ed Euro 2.605 migliaia. Tale incremento, che ha impattato negativamente sul flusso di cassa, è conseguenza principalmente della presenza in magazzino, al 31 agosto 2005, di alcune imbarcazioni finite e consegnate sul mercato americano solo nell’esercizio successivo (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 9); 150
  • 152. Sezione Prima • nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005 la voce “Altri crediti” ha generato un flusso di cassa negativo per Euro 1.822 migliaia, dovuto sia all’aumento dei crediti di natura tributaria, ed in particolare dei crediti per IVA sulle vendite, sia a maggiori anticipi riconosciuti ai fornitori. Nel corso dell’esercizio precedente la voce ha generato flussi di cassa positivi, pari ad Euro 1.935 migliaia, prevalentemente dovuto all’incasso di contributi ai sensi della legge 488/92 (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 20); • nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2005 si rileva un aumento dell’esposizione verso fornitori (Euro 8.223 migliaia) riconducibile ai maggiori livelli produttivi ed ai termini di pagamento più vantaggiosi contrattati con i fornitori, in conseguenza del maggiore volume di acquisti. Nel corso dell’esercizio precedente la voce registra invece un aumento poco significativo; e • la voce “Altri debiti” aumenta rispettivamente per Euro 1.110 migliaia ed Euro 568 migliaia negli esercizi chiusi al 31 agosto 2005 e 2004 in prevalenza a causa di una maggiore esposizione verso gli istituti previdenziali e verso l’erario per debiti tributari. 10.9 Fabbisogno finanziario e della struttura di finanziamento Al 30 novembre 2006 ed al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, l’indebitamento finanziario presentava le seguenti caratteristiche: (migliaia di Euro) Al 30 novembre 2006 Tasso variabile Tasso fisso TOTALE – inferiori ad un anno (5.693) (25.867) (31.560) – tra uno e due anni (3.826) (1.901) (5.727) – tra due e tre anni (2.707) - (2.707) – tra tre e quattro anni (2.649) - (2.649) – tra quattro e cinque anni (2.746) - (2.746) – oltre cinque anni (25) - (25) Indebitamento finanziario corrente e non corrente (17.646) (27.768) (45.414) (migliaia di Euro) Al 31 agosto 2006 Tasso variabile Tasso fisso TOTALE – inferiori ad un anno (3.431) (24.820) (28.251) – tra uno e due anni (2.139) (2.356) (4.495) – tra due e tre anni (2.447) - (2.447) – tra tre e quattro anni (2.073) - (2.073) – tra quattro e cinque anni (1.938) - (1.938) – oltre cinque anni - - - Indebitamento finanziario corrente e non corrente (12.029) (27.176) (39.205) 151
  • 153. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. (migliaia di Euro) Al 31 agosto 2005 Tasso variabile Tasso fisso TOTALE – inferiori ad un anno (861) (9.024) (9.885) – tra uno e due anni (2.479) (1.941) (4.420) – tra due e tre anni (1.522) (159) (1.681) – tra tre e quattro anni (1.498) - (1.498) – tra quattro e cinque anni (1.242) - (1.242) – oltre cinque anni (1.287) - (1.287) Indebitamento finanziario corrente e non corrente (8.890) (11.124) (20.014) (migliaia di Euro) Al 31 agosto 2004 Tasso variabile Tasso fisso TOTALE – inferiori ad un anno (860) (3.856) (4.716) – tra uno e due anni (1.248) (873) (2.121) – tra due e tre anni (1.513) - (1.513) – tra tre e quattro anni (216) - (216) – tra quattro e cinque anni (300) - (300) – oltre cinque anni - - - Indebitamento finanziario corrente e non corrente (4.137) (4.729) (8.866) 10.10 Limitazioni all’uso delle risorse finanziarie Come precedentemente riportato, alcuni finanziamenti in essere prevedono per la Società e le sue controllate il rispetto di alcuni parametri finanziari ed il rilascio di garanzie reali. Laddove il Gruppo non fosse in grado di rispettare le condizioni e gli impegni previsti dai suddetti contratti di finanziamento, l’attività del Gruppo potrebbe subire, direttamente o indirettamente, ripercussioni significative. Alla data del Prospetto Informativo, il Gruppo ha sempre rispettato tali requisiti e non ha pertanto mai subito limitazioni nell’utilizzo dei suddetti finanziamenti. Per una descrizione dettagliata di tali impegni si veda il Paragrafo 10.1 del presente Capitolo. 10.11 Fonti dei finanziamenti necessari per adempiere agli impegni relativi ai principali investimenti futuri del Gruppo e alle immobilizzazioni materiali esistenti o previste Alla data del Prospetto Informativo, il Gruppo ritiene che utilizzerà i finanziamenti esistenti per supportare i propri investimenti futuri (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 5, Paragrafo 5.2). 10.12 Altre informazioni Si segnala che, per quanto attiene la voce “Sistema improprio dei rischi” inclusa tra le altre informazioni del Capitolo 20 al 31 agosto 2006 e al 31 agosto 2005, essa si riferisce esclusivamente a fideiussioni prestate dal Gruppo Aicon a favore di terzi, prevalentemente Istituti di Credito e alla società Aironblue S.r.l. esclusa dal perimetro di consolidamento. Tali fideiussioni passano da Euro 2.568 migliaia del 2005 ad Euro 2.078 migliaia del 2006. La movimentazione riflette la scadenza di alcune di esse nonché l’accensione di nuove fideiussioni. La voce “Sistema improprio dei beni altrui presso di noi” indicava al 31 agosto 2005 e 2004 il valore delle rate a scadere dei leasing finanziari ed operativi in corso alla data di ogni esercizio contabile. Dal 152
  • 154. Sezione Prima momento che, in base agli IFRS, l’iscrizione dei leasing finanziari è avvenuta in ottemperanza al disposto dello IAS 17, si è ritenuto superfluo nell’esercizio 2006 includere tale tipo di informazione nell’ambito dell’informativa di bilancio. 153
  • 155. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 11. RICERCA E SVILUPPO Il Gruppo Aicon dedica particolare attenzione alle attività di ricerca e sviluppo. È attualmente in corso un programma triennale di ricerca in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dei Materiali dell’Università di Palermo, per l’identificazione di nuovi materiali e tecniche di produzione per i componenti in VTR e gli accoppiamenti tra diversi materiali. È stato, inoltre, avviato un progetto di ricerca ed innovazione, sempre in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dei Materiali dell’Università di Palermo, sulla identificazione ed analisi di tutte le problematiche di difettosità post-vendita, legate ai materiali e agli accoppiamenti tra gli stessi. Il progetto pone le basi per la realizzazione di un data-base dei difetti per il successivo esame di cause e conseguenze. Queste esperienze serviranno come feedback nelle attività di produzione, per l’utilizzo di materiali e/o tecniche di produzione alternative, ma anche per la formulazione di un check-up temporale dei problemi cui può essere soggetta un’imbarcazione nelle normali condizioni di esercizio. L’obiettivo finale del progetto è quello di arrivare ad una sorta di “tagliando” preventivo della barca, con grande rilievo, per l’innalzamento del livello di servizio, in termini di assistenza post-vendita e per la ricaduta in termini di immagine del prodotto e, pertanto, di capacità di penetrazione commerciale. Nel corso dell’esercizio è stato inoltre avviato un progetto di ricerca industriale con la Facoltà di Ingegneria di Palermo e con il CIRMAC (Centro Interdipartimentale di Ricerche sui Materiali Compositi) sullo studio delle nuove tecnologie applicate alla produzione di imbarcazioni da diporto denominato “yacht building”. Gli obiettivi fondamentali che il Gruppo si prefigge di realizzare mediante questo progetto di ricerca sono riconducibili: (i) all’analisi dello stato attuale del mercato del settore; alla competitività economica e all’impatto occupazionale; (ii) alla standardizzazione e ottimizzazione di progettazione e processo produttivo attraverso l’applicazione di metodi di calcolo avanzati, con conseguente riduzione di tempi e costi di produzione; (iii) alla ricerca e sperimentazione per il recupero e riutilizzo degli scarti, nel rispetto delle vigenti normative in materia nautica e di una crescente sensibilità ambientale; (iv) al miglioramento dello standard qualitativo del prodotto; e (v) all’innalzamento di barriere per la concorrenza. Nel corso dell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, il Gruppo ha sostenuto e capitalizzato costi di sviluppo per complessivi Euro 3.968 migliaia. 154
  • 156. Sezione Prima 12. INFORMAZIONI SULLE TENDENZE PREVISTE 12.1 Tendenze significative recenti nell’andamento della produzione, delle vendite e delle scorte e nell’evoluzione dei costi e dei prezzi di vendita Dalla chiusura dell’esercizio al 31 agosto 2006 alla Data del Prospetto Informativo non si sono manifestate tendenze particolarmente significative nell’andamento della produzione, ovvero nell’evoluzione dei costi e dei prezzi di vendita, in grado di condizionare - in positivo o in negativo - l’attività dell’Emittente e/o del Gruppo. 12.2 Informazioni su tendenze, incertezze, richieste, impegni o fatti noti che potrebbero ragionevolmente avere ripercussioni significative sulle prospettive dell’Emittente almeno per l’esercizio in corso Oltre a quanto indicato nella Sezione Fattori di Rischio, sulla base delle informazioni disponibili alla Data del Prospetto Informativo, la Società non è a conoscenza di tendenze, incertezze, richieste, impegni o fatti noti che potrebbero ragionevolmente avere ripercussioni significative sulle prospettive dell’Emittente e del Gruppo almeno per l’esercizio in corso. 155
  • 157. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 13. PREVISIONI O STIME DEGLI UTILI Il presente Prospetto Informativo non contiene alcuna previsione o stima degli utili. 156
  • 158. Sezione Prima 14. ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE O DI VIGILANZA E ALTI DIRIGENTI 14.1 Informazioni circa gli organi amministrativi, di direzione e di vigilanza, i soci e gli alti dirigenti 14.1.1 Consiglio di amministrazione Ai sensi dell’articolo 14 dello statuto sociale vigente, la Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da 3 a 7 membri, anche non soci. L’Assemblea ordinaria del 5 agosto 2005 ha determinato in n. 3 i membri del Consiglio di Amministrazione della Società; tale numero iniziale è stato poi aumentato a n. 5 mediante deliberazione dell’Assemblea ordinaria del 15 dicembre 2006. Il Consiglio di Amministrazione, nominato dall’Assemblea ordinaria in data 5 agosto 2005, successivamente integrato in data 4 luglio 2006 in merito alla sostituzione di un amministratore ed infine integrato in data 15 dicembre 2006 con riferimento alla nomina del quarto e quinto amministratore, rimarrà in carica fino all’approvazione del bilancio d’esercizio chiuso al 31 agosto 2007. I membri del Consiglio di Amministrazione in carica alla data del Prospetto Informativo sono indicati nella tabella che segue: Nome e Cognome Carica Luogo e data di nascita Pasquale Siclari Presidente ad Amministratore Delegato Messina, 19 settembre 1960 Gaetano Visalli Consigliere Messina, 10 settembre 1966 Antonino Parisi Consigliere Messina, 26 luglio 1955 Marco Saltalamacchia * Consigliere Roma, 13 luglio 1961 Enrico Testa * Consigliere Bergamo, 5 gennaio 1952 * Amministratore indipendente ai sensi del Codice di Autodisciplina. I membri del Consiglio di Amministrazione sono domiciliati per la carica presso l’Emittente. Si riporta di seguito un breve curriculum vitae dei componenti il Consiglio di Amministrazione: Pasquale Siclari è Presidente del Consiglio di Amministrazione di Aicon dal 5 agosto 2005 ed Amministratore Delegato della medesima dall’11 agosto dello stesso anno. Conseguita la laurea in architettura presso la Facoltà di Architettura di Reggio Calabria, nel 1992 ha partecipato al Master in Business Administration presso Insead e nel 1998 ha preso parte al Master in Direzione Aziendale organizzato dall’Università Bocconi di Milano. L’Arch. Siclari ha iniziato la sua carriera in qualità di designer di interni, rivolgendo specificamente la sua attività alla progettazione e produzione di arredamenti commerciali per negozi e centri commerciali. In tale ambito, dal 1983 al 1992 ha ricoperto la carica di Amministratore Delegato di Studio Nova S.n.c. e poi, dal 1993, ha operato per la società Arredamenti Commerciali S.r.l. (oggi Aicon Yachts S.p.A.) con la qulifica di Direttore Generale. In tale periodo ha, inoltre, ricoperto ad interim la direzione dell’ufficio Tecnico e Commerciale della stessa Arredamenti Commerciali S.r.l.. A partire dal 1993, l’Arch. Siclari ha specializzato la propria attività nell’ambito del design e della progettazione di interni per imbarcazioni, con specifiche competenze sugli allestimenti di lusso di navi da crociera (Fincantieri, Chantiere Dell’Atlantique), ricoprendo, dal 2000, la carica di Amministratore Delegato e Direttore Generale di 157
  • 159. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Aicon S.r.l., oggi Aicon Yachts S.p.A.. L’arch. Siclari ricopre attualmente la carica di Presidente del Consiglio di Amministrazione e Amministratore Delegato di Aicon Yachts S.p.A., quella di membro del consiglio di amministrazione in Aicon Yachts Europe S.r.l. ed, dal 2002, socio unico di Airon S.A.. Gaetano Visalli è stato cooptato nel Consiglio di Amministrazione di Aicon il 4 luglio 2006. Ha conseguito la laurea in Ingegnera Elettronica presso l’Università di Padova nel 1991. Ha conseguito MBA Degree nel 1992, presso la Clemson University, South Carolina, USA. Dal 1995 al 1996 ha ricoperto il ruolo di Responsabile della Logistica e del Controllo Qualità presso l’ESA di Augusta. Dal 1994 al 1997 ha fornito la propria consulenza presso diverse aziende. Dal 1996 al 1998 ha ricoperto il ruolo di Responsabile del Settore Innovazione e Tecnologia presso il Centro Europeo di Impresa ed Innovazione di Messina, collaborando alla realizzazione di diversi piani di sviluppo, ricerca, formazione ed investimento. Dal 1999 al 2001 ha svolto l’attività di assistenza tecnica e monitoraggio progetti per la Regione Siciliana - Assessorato all’Industria. Dal settembre 2000 ad oggi fornisce la propria consulenza aziendale a MPV S.r.l., direzione di Messina, in merito a piani di investimento per la finanza agevolata, all’innovazione tecnologica e alla realizzazione ed implementazione di sistemi di qualità secondo le norme della Serie UNI EN ISO 9000 e la norma UNI EN ISO 14001. È attualmente membro del Consiglio di Amministrazione di Aicon e della controllata Aicon Yachts S.p.A., con delega agli investimenti e alla finanza agevolata. Antonino Parisi è membro del Consiglio di Amministrazione di Aicon dal 5 agosto 2005. Svolge l’attività professionale fin dal 1978 ed annovera clientela di primaria importanza, verso la quale presta la propria assistenza e consulenza in materia societaria, finanziaria, contabile e fiscale. Dal 26 aprile 1980 è iscritto al Collegio dei Ragionieri Commercialisti della Provincia di Messina; nel 1986 è stato nominato revisore ufficiale dei conti e dal 1995 è iscritto al Registro dei Revisori Contabili di Messina. Dal 1993 ad oggi, in qualità di consulente e manager operativo, si è occupato della ristrutturazione aziendale e finanziaria di varie società, anche quotate in borsa, tra le quali Santavaleria Finanziaria S.p.A., Raggio di Sole S.p.A., Gerolimich S.p.A., Unione Manifatture S.p.A., Cotonificio Olcese S.p.A. e Rodriquez Cantieri Navali S.p.A.. Dal 1998 al 2000 ha ricoperto la carica di consigliere nel consiglio di amministrazione del Banco di Sicilia S.p.A. e dal 2001 fino al 2005 ha ricoperto, sempre nell’ambito del medesimo organo, la carica di vice-presidente. È stato, inoltre, docente esperto in materia societaria e fiscale presso ISMERFO Istituto Superiore Meridionale di Ricerca e Formazione. Attualmente ricopre la carica di amministratore, liquidatore e sindaco in diverse società italiane ed estere operanti nei settori industriali, immobiliari e finanziari. Marco Saltalamacchia è stato nominato membro del Consiglio di Amministrazione di Aicon il 15 dicembre 2006. Laureatosi in Scienze Statistiche ed Economiche presso l’Università degli Studi di Palermo nel 1984, si è specializzato all’Università di Georgetown University di Washington (D.C.) ed al LCV College di Annville (Pennsylvania) in Marketing e Computer Science. Ha poi conseguito nel dicembre 1986 il Master in Business Administration durante il XII corso MBA della Scuola di Direzione Aziendale dell’Università “L. Bocconi”. Nel 1994 completa la sua formazione manageriale in Francia presso il Centro Europeo di Formazione Permanente dell’INSEAD di Fontainbleu. Dal 1988 al 1989 ha ricoperto il ruolo di Competitive Analysis Manager presso Merloni Elettrodomestici S.p.A.; dal 1989 al 1991 ha invece svolto il ruolo di Marketing Manager presso il Gruppo Fininvest. Dal 1991 fino al 1997 ha ricoperto diversi ruoli presso Renault Italia S.p.A. (tra cui Responsabile 158
  • 160. Sezione Prima Commerciale, Direttore Regionale e Direttore Commerciale post-vendita). È stato inoltre Vice- presidente Marketing presso Deutsche Renault AG dal 1998 al 2000. Dal 2000 al 2001 ha ricoperto il ruolo di Responsabile Centrale per la definizione della strategia di sviluppo dei processi commerciali delle reti di vendita nel mondo presso Renault S.A.. È stato inoltre Responsabile mondiale per il gruppo Fiat del business delle vendite alle flotte aziendali presso Fiat Auto S.p.A. fino al 2002. Dal 2002 ricopre la carica di presidente ed amministratore delegato di BMW Italia S.p.A.. Enrico Testa è stato nominato membro del Consiglio di Amministrazione di Aicon il 15 dicembre 2006. Ha conseguito la laurea in filosofia presso l’Università Statale di Milano nel 1976. Dal 1980 al 1987 è stato segretario nazionale e successivamente presidente nazionale di Legambiente. Dal 1987 al 1994 è stato parlamentare presso la Commissione Ambiente e Territorio. Ha ricoperto nel tempo numerose cariche amministrative (dal 1994 al 1996, presidente del consiglio di amministrazione di A.C.E.A.; dal 1996 al 2002 consigliere di Wind S.p.A. e presidente del consiglio di amministrazione di Enel S.p.A.; dal 2000 al 2005, presidente di Kyoto Club - organizzazione no-profit per il raggiungimento degli obiettivi prefissati nel Protocollo di Kyoto, presidente del consiglio di amministrazione di S.T.A. S.p.A. e membro dell’European Advisory Board di Carlyle Group). Attualmente ricopre la carica di amministratore presso Rotschild S.p.A., presidente del consiglio di amministrazione di Roma Metropolitane e di E.V.A. - Energia Valsabbia, amministratore presso Lloyd Adriatico e Telit Communications S.p.A., nonché di presidente del comitato organizzatore Rome 2007 presso WEC-World Energy Council. Non sussistono rapporti di parentela tra i componenti del Consiglio di Amministrazione con i componenti del Collegio Sindacale e/o con i principali dirigenti dell’Emittente. Nessuno dei componenti del Consiglio di Amministrazione ha, negli ultimi cinque anni, riportato alcuna condanna in relazione a reati di frode né, durante il medesimo periodo, è stato associato nell’ambito dell’assolvimento dei propri incarichi a procedure di bancarotta, amministrazione controllata o liquidazione. Le persone citate non hanno subito incriminazioni ufficiali e/o sanzioni da parte di autorità pubbliche o di regolamentazione (comprese le associazioni professionali designate) né interdizioni da parte di un tribunale dalla carica di membro degli organi di amministrazione, di direzione o di vigilanza dell’Emittente o dallo svolgimento di attività di direzione o di gestione di qualsiasi società. Il Consiglio di Amministrazione di Aicon, con delibera del 6 febbraio 2007, ha attribuito all’Arch. Siclari, in qualità di Presidente e Amministratore Delegato della Società, tutti i poteri per l’amministrazione della Società, ad eccezione di quelli riservati al Consiglio di Amministrazione dalla legge, dallo statuto e dalla deliberazione del Consiglio stesso, e comunque ad eccezione dei seguenti poteri: (a) approvazione di accordi di carattere strategico, di quelli aventi un significativo valore economico - superiori ad Euro 3 (tre) milioni - o comunque contenenti impegni per la Società eccedenti 9 (nove) anni; (b) acquisizione, alienazione, dismissione, conferimento di partecipazioni, aziende o rami d’azienda o immobili di valore superiore a Euro 1 (uno) milione; 159
  • 161. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. (c) la richiesta di concessione di aperture di credito ed affidamenti in genere da parte di istituzioni bancarie, finanziarie e commerciali in genere, per un importo superiore a Euro 3 (tre) milioni per ogni operazione; (d) il rilascio e la concessione nei confronti di Istituzioni bancarie, finanziarie e di terzi in genere di garanzie reali su debiti di terzi e, se su debiti propri o di società facenti parte del Gruppo, per importi complessivamente superiori, per singola Istituzione, a Euro 3 (tre) milioni; (e) il rilascio e la concessione nei confronti di Istituzioni bancarie, finanziarie e di terzi in genere di garanzie di firma su debiti di terzi e, se su debiti propri o di società facenti parte del Gruppo, oltre ai limiti di affidamento esistenti; (f) il compimento di operazioni di copertura del rischio cambi e tassi, quali ad esempio operazioni di acquisto e vendita a termine di valuta, currency swap, interest rate swap, call e put option per un importo superiore a Euro 10 (dieci) milioni per singola operazione. L’Amministratore Delegato ha la rappresentanza della Società nei limiti dei poteri conferitigli dal Consiglio di Amministrazione. L’Amministratore Delegato, sulla base delle direttive ricevute dal Consiglio di Amministrazione, sovrintende a tutte le strutture aziendali e al Sistema di Controllo Interno. Formula inoltre le proposte da sottoporre al Consiglio di Amministrazione in merito alla struttura organizzativa della Società e del Gruppo, ai programmi generali di sviluppo ed investimento, ai programmi finanziari e al bilancio previsionale, nonché in merito ad ogni altra questione richiestagli dal Consiglio. Cura che l’assetto organizzativo, amministrativo e contabile sia adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa. All’Amministratore Delegato è altresì conferito il potere di nominare e revocare procuratori per il compimento di singoli atti o gruppi di atti rientranti nei poteri più sopra attribuiti. L’Amministratore Delegato riferirà al Consiglio, con cadenza almeno trimestrale, in merito alle attività svolte nell’esercizio dei poteri allo stesso attribuiti. Per quanto riguarda le operazioni con parti correlate, l’Amministratore Delegato è tenuto ad osservare il “Regolamento per le operazioni con Parti Correlate” anche se rientranti nei poteri attribuitigli dal Consiglio di Amministrazione. In data 9 febbraio 2007, il Presidente e Amministratore Delegato di Aicon, in virtù dei poteri conferitigli dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 6 febbraio 2007, ha nominato procuratore speciale della Società l’amministratore Gaetano Visalli, nella sua qualità di Direttore Amministrazione, Finanza e Controllo, con i poteri di seguito specificati: (a) sovrintendere alle funzioni aziendali di amministrazione, finanza e controllo nonché alle altre funzioni aziendali individuate dal Consiglio di Amministrazione come rientranti nella sua competenza; 160
  • 162. Sezione Prima (b) osservare e/o far osservare, direttamente e/o per il tramite di propri collaboratori e dei responsabili delle funzioni aziendali a ciò preposte, tutta la normativa e/o gli adempimenti in materia tributaria e fiscale in genere. Predisporre le bozze di bilancio e dei rendiconti periodici previsti dalla normativa vigente per la Società e a livello consolidato di Gruppo nel rispetto della normativa vigente, garantendo l’attendibilità e la conformità alla realtà di tutti i dati; (c) supportare l’Amministratore Delegato nella predisposizione dei piani di investimento e dei programmi finanziari da presentare al Consiglio di Amministrazione; (d) rappresentare la Società dinanzi a qualunque Ente Pubblico o privato, ovvero a qualunque autorità amministrativa o finanziaria, presso la Consob, la Borsa Italiana S.p.A., la Banca d’Italia, l’Ufficio Italiano Cambi, le Dogane, le Imprese ferroviarie, tranviarie, di navigazione, di spedizione e trasporto, gli uffici postali e telegrafici ed in tutte le operazioni con detti enti, autorità, uffici ed imprese, presentando istanze, atti, dichiarazioni e documenti, incassando e pagando somme, ottenendo e rilasciando valide quietanze e discarichi; (e) rappresentare la Società avanti gli uffici fiscali, firmare tutte le dichiarazioni prescritte dalle leggi fiscali in materia di tributi erariali e locali nonché le certificazioni da rilasciare, in qualità di sostituto d’imposta, ai percipienti redditi di lavoro dipendente o assimilati ed ai percipienti di redditi diversi da quest’ultimi, firmare concordati; (f) sottoscrivere verbali redatti a seguito di visite ispettive di pubblici funzionari per verifiche e controlli di qualsiasi tipo, effettuando le relative dichiarazioni; (g) elevare protesti ed intimare precetti; procedere ad atti conservativi ed esecutivi, intervenire in procedure di fallimento e concorsuali; presentare ed accettare offerte reali; esercitare azioni in sede giudiziaria ed amministrativa, in qualunque grado di giurisdizione (compresa anche la Corte di Cassazione); transigere e compromettere in arbitrati; nominare avvocati, procuratori “ad lites” e periti, revocarli e sostituirli, rispondere ad interrogatori, deferire, riferire e rispondere a giuramenti; presentare e sottoscrivere qualsivoglia domanda, memoria o documento; concordare, transigere qualsivoglia lite giudiziaria, rinunciare agli atti del giudizio ed accettarne la rinuncia; fare quant’altro necessario - ogni potere intendendosi conferito - per la completa rappresentanza in giudizio della Società; (h) girare, anche per lo sconto e l’incasso, esigere e quietanzare effetti cambiari, assegni bancari, nonché titoli di qualsiasi specie per girata o per quietanza, ritirare libretti di assegni bancari; (i) effettuare operazioni a debito su conti correnti della Società presso gli Istituti di credito ed uffici postali, per un importo non superiore a Euro 500.000 (cinquecentomila), e senza limiti per operazioni infragruppo; 161
  • 163. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. (j) rilasciare e concedere nei confronti di istituzioni bancarie, finanziarie e di terzi in genere garanzie reali su debiti propri o di società facenti parte del Gruppo per importi complessivamente non superiori, per singola Istituzione, a Euro 500.000 (cinquecentomila); (k) rilasciare e concedere nei confronti di istituzioni bancarie, finanziarie e di terzi in genere garanzie di firma su debiti propri o di società facenti parte del Gruppo entro i limiti di affidamento esistenti; (l) compiere operazioni di copertura del rischio cambi e tassi, quali ad esempio operazioni di acquisto e vendita a termine di valuta, currency swap, interest rate swap, call e put option per un importo non superiore a 3 (tre) milioni per singola operazione; (m) curare tutti gli adempimenti di legge ed i rapporti con le organizzazioni sindacali, e con gli istituti assicurativi e previdenziali in ordine alla assunzione ed al licenziamento dei dipendenti; (n) curare tutte le pratiche necessarie al rinnovo delle polizze assicurative perfezionando i relativi adempimenti e sottoscrivendo i documenti necessari; (o) negoziare, stipulare e risolvere contratti di servizi e prestazioni d’opera inerenti le funzioni aziendali ad esso attribuite per importi non superiori a Euro 100.000 (centomila) e/o di durata superiore a 3 (tre) anni. Al nominato procuratore è altresì conferito il potere di nominare e revocare procuratori per il compimento di singoli atti o gruppi di atti rientranti nei poteri più sopra attribuiti. Il nominato procuratore è tenuto a riferire trimestralmente al Presidente e Amministratore Delegato in merito alle attività svolte in virtù dei poteri ricevuti. La seguente tabella indica le società, diverse dall’Emittente, delle quali i componenti del Consiglio di Amministrazione siano stati e/o siano membri degli organi di amministrazione, di direzione o di vigilanza, ovvero titolari di una partecipazione “qualificata” (superiore al 2% in società quotate e al 10% in società non quotate), in qualsiasi momento nei cinque anni precedenti la data del Prospetto Informativo: Nome e Cognome Società Carica Stato della carica Pasquale Siclari Airon S.A. Socio e Consigliere In essere Aicon Yachts S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione In essere e Amministratore delegato Aicon Yachts Europe S.r.l. Consigliere In essere Gaetano Visalli Aicon Yachts S.p.A. Amministratore delegato In essere MPV S.r.l. Socio ed Amministratore unico In essere Procube S.r.l. Amministratore delegato In essere MID Building S.r.l. Amministratore delegato In essere 162
  • 164. Sezione Prima Nome e Cognome Società Carica Stato della carica Antonino Parisi Rodriquez Cantieri Navali S.p.A. Vice Presidente del Consiglio di In essere Amministrazione Elba S.r.l. Presidente del Consiglio di Amministrazione In essere Intermarine S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione In essere M.C.A. International S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione In essere I2 Capital S.p.A Consigliere In essere CONAM Costruzioni Navali Meridionali Consigliere In essere S.p.A. ABAC Aria Compressa S.p.A. Consigliere In essere Rodriquez do Brasil Consigliere In essere FAA S.r.l. Amministratore unico In essere Immobilprogram S.r.l. Amministratore unico In essere Fineco S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere APEI S.p.A: Presidente del Collegio Sindacale In essere Ustica Lines S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere N H Italia S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale In essere Citterio Finanziaria S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Turismo e Immobiliare S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Idrosicilia S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Virin S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere PEA Palermo Energia e Ambiente Sindaco effettivo In essere Emit S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Panna S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Church Italia S.p.A. Sindaco effettivo In essere Credit Suisse Alternative Solution S.p.A. Sindaco effettivo In essere Società di Gestione del Risparmio PDE Roma S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale In essere Residence Costa Verde S.r.l. Sindaco effettivo In essere Turistica Siracusana S.p.A. Sindaco effettivo In essere Costa di Sibari S.p.A. Sindaco effettivo In essere Techvisory S.p.A. Sindaco effettivo In essere Società Alberghiera Porto D’Orra SAPO Sindaco effettivo In essere S.p.A. La Via Lattea S.r.l. Sindaco effettivo In essere Mezzanove Capital S.p.A. Sindaco effettivo In essere Sikania Lines S.p.A. Sindaco effettivo In essere Credit Suisse (Italy) S.p.A. Sindaco effettivo In essere Credit Suisse Servizi Fiduciari S.r.l. Sindaco effettivo In essere Credit Suisse Asset management SIM S.p.A. Sindaco effettivo In essere Autorità Portuale Messina Componente Comitato In essere Rodriquez Cantieri Navali S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata Banco di Sicilia S.p.A. Vice Presidente del Consiglio di Cessata Amministrazione Banco di Sicilia S.p.A. Consigliere Cessata Collegio dei Revisori della Provincia Presidente Cessata Regionale di Messina Piaggio & C. S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Comune di Messina Consulente fiscale Cessata Azienda Autonoma Trasporti Consulente Cessata Municipalizzata Messina Sweda S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata 163
  • 165. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Nome e Cognome Società Carica Stato della carica Santavaleria Finanziaria S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata I.E.S. Elettronics S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata Raggio Italgene S.r.l. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata Raggio di Sole Immobiliare S.p.A. Consigliere Cessata Unoaerre S.p.A. Consigliere Cessata Sediver (società quotata nel mercato Consigliere Cessata francese) Pierrell Farmaceutici S.p.A. Consigliere Cessata Bosfin S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata Mediatre S.p.A. Consigliere Cessata Borgo di Perolla S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata Unione Manifatture S.p.A. Sindaco Effettivo Cessata Gerolomich S.p.A. Sindaco Effettivo Cessata Floramiata S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Covisoc (Federazione Italiana Giuoco Calcio Ispettore Cessata Italiana) Marco BMW Italia S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione In essere Saltalamacchia BMW Milano S.r.l. Presidente del Consiglio di Amministrazione In essere BMW Roma S.r.l. Presidente del Consiglio di Amministrazione In essere Fiat Auto VAR Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata Enrico Testa Roma Metropolitane S.r.l. Presidente del Consiglio di Amministrazione In essere Lloyd Adriatico S.p.A. Consigliere e Presidente Organismo di In essere Vigilanza Rotschild S.p.A. Consigliere In essere E.V.A. Energie Valsabbia S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione In essere Telit Communications S.p.A. Consigliere In essere Zero Sgr S.p.A. Consigliere In essere FB Group S.r.l. Consigliere In essere FB Net Holding B.V. Consigliere In essere Techvisory S.p.A. Consigliere In essere Kemyx S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione In essere Kelyan S.p.A. Consigliere Cessata Treerre S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata S.T.A. S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata Gruppo Riello Consigliere Cessata Enel S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata Wind S.p.A. Consigliere Cessata Carlyle Europe Consigliere Cessata FB Ambiente Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata Anthropos Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata Individual Training S.p.A. Presidente del Consiglio di Amministrazione Cessata 164
  • 166. Sezione Prima 14.1.2 Collegio Sindacale Ai sensi dell’articolo 20 dello statuto sociale vigente, il Collegio Sindacale si compone di tre membri effettivi e due membri supplenti. Il Collegio Sindacale in carica alla data del Prospetto Informativo è stato nominato dall’Assemblea dei soci del 15 dicembre 2006 e rimarrà in carica fino all’approvazione del bilancio d’esercizio chiuso al 31 agosto 2009. I componenti del Collegio Sindacale sono riportati nella seguente tabella: Carica Nome e Cognome Luogo e data di nascita Presidente Giovanni Barbara Alessano (LE), 19 dicembre 1960 Sindaco effettivo Gamba Marcello Torino, 3 marzo 1944 Sindaco effettivo Fausto Casarano Sansepolcro (AR), 16 settembre 1949 Sindaco supplente Emma Grazia Gentili Milano, 16 febbraio 1963 Sindaco supplente Andrea Rossi Milano, 25 ottobre 1968 I membri del Collegio Sindacale sono domiciliati per la carica presso l’Emittente. Si riporta di seguito un breve curriculum vitae dei componenti il Collegio Sindacale: Giovanni Barbara è iscritto all’Albo degli Avvocati dal 1986 e al Registro dei Revisori Contabili dal 1999. Dal 1994 al 2002 è stato docente e professore a contratto di diritto tributario presso diverse università. È stato consulente legale e fiscale in occasione di molte ristrutturazioni bancarie e industriali; in particolare, ha curato la riorganizzazione del gruppo Banca Intesa, Monte dei Paschi di Siena e Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane; tra i gruppi industriali, ha seguito la pianificazione internazionale del gruppo Campari. Attualmente ricopre la carica di partner responsabile di Kstudio Associato Milano - corrispondente di KPMG International e di partner responsabile per l’Italia dell’Industry Financial Services (Banking, Finance & Insurance) e del Mergers & Acquisitions dello Studio Associato. È stato inoltre nominato da Ministero del Tesoro, su proposta di Banca d’Italia, membro componente del Comitato di Sorveglianza di banche in Amministrazione Straordinaria. Ha ricoperto e ricopre tuttora numerose cariche sindacali. Marcello Gamba è iscritto all’ordine dei Dottori Commercialisti di Milano e Lodi dal 1975. Dal 1974 al 1979 ha ricoperto la carica di direttore finanziario e amministrativo del Gruppo Atahotel. Dal 1995 è iscritto all’Albo dei Revisori Contabili. Ha svolto attività giudiziaria di liquidatore in numerose procedure. Ha ricoperto e ricopre tuttora la carica di Consigliere, di Presidente del Consiglio di Amministrazione, di Presidente del Collegio Sindacale e di Sindaco in società finanziarie, immobiliari ed industriali. Attualmente è senior partner dello studio Sinacta Avvocati e Commercialisti Associati. Fausto Casarano è iscritto all’Albo dei Dottori Commercialisti di Milano e Lodi dal 1981. Nel 1984 è nominato Revisore Ufficiale dei Conti. Dal 1986 è iscritto all’Albo dei Consulenti Tecnici - categoria Dottori Commercialisti con la specializzazione per le “valutazioni aziendali - contabilità”. Dal 1995 è iscritto all’Albo dei Revisori Contabili ed all’Albo dei Periti presso il Tribunale di Milano. Dal 1981 svolge le attività di curatore fallimentare e di liquidatore/commissario giudiziale presso la Sezione Fallimentare del Tribunale di Milano. Ha ricoperto e ricopre tuttora la carica di Consigliere, di Presidente del Consiglio di Amministrazione, di Presidente del Collegio Sindacale e di Sindaco in 165
  • 167. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. società finanziarie, immobiliari ed industriali. È socio fondatore dello studio Sinacta Avvocati e Commercialisti Associati, dove attualmente svolge la propria attività professionale. Emma Grazia Gentili è iscritta all’albo dei Dottori Commercialisti di Milano dal 1990 ed è iscritta nel Registro dei Revisori Contabili di Milano dal 1995. Nel corso della propria carriera professionale, ha svolto la funzione di perito e di curatore di procedure fallimentari presso la Sezione II del Tribunale di Milano. Ha, inoltre, ricoperto e ricopre tuttora la carica di Sindaco Effettivo in diverse società commerciali e, in qualità di dottore commercialista, presta per i propri clienti consulenza in materia societaria, civilistica e fiscale con particolare riguardo alle operazioni di trasformazione, fusione, scissione e conferimenti di rami d’azienda. Attualmente è senior partner dello studio Sinacta Avvocati e Commercialisti Associati. Andrea Rossi è iscritto all’Albo dei Dottori Commercialisti di Milano dal 1999 ed è iscritto presso il Registro dei Revisori Contabili di Milano dal 2001. Dal 2002 è iscritto all’Albo dei Consulenti Tecnici del Giudice. Nel corso della propria carriera professionale ha maturato una forte esperienza nel campo della consulenza societaria e fiscale, nel campo delle valutazioni d’azienda e di partecipazione societarie, nella fiscalità internazionale ed operazioni straordinarie. Attualmente è socio dello studio Sinacta Avvocati e Commercialisti Associati. Non sussistono rapporti di parentela tra i componenti del Collegio Sindacale con i membri del Consiglio di Amministrazione e/o con i principali dirigenti dell’Emittente. Nessuno dei componenti il Collegio Sindacale, ha, negli ultimi cinque anni, riportato alcuna condanna in relazione a reati di frode né, durante il medesimo periodo, è stato associato, nell’ambito dell’assolvimento dei propri incarichi, a procedure di bancarotta, amministrazione controllata o liquidazione. Le persone citate non hanno subito incriminazioni ufficiali e/o sanzioni da parte di autorità pubbliche o di regolamentazione (comprese le associazioni professionali designate) né interdizioni da parte di un tribunale dalla carica di membro degli organi di Amministrazione, direzione o vigilanza dell’Emittente o dallo svolgimento di attività di direzione o di gestione di qualsiasi società. La seguente tabella indica le società, diverse dall’Emittente, delle quali i componenti del Collegio Sindacale siano stati e/o siano membri degli organi di amministrazione, di direzione o di vigilanza, ovvero titolari di una partecipazione “qualificata” (superiore al 2% in società quotate e al 10% in società non quotate), in qualsiasi momento nei cinque anni precedenti la data del Prospetto Informativo: Nome e Cognome Società Carica Stato della carica Giovanni Barbara Crédit Suisse Alternative Solution S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Crédit Suisse Fiduciaria Presidente del Collegio Sindacale In essere Crédit Suisse Italy S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Crédit Suisse Management Funds S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Crédit Suisse Management SIM S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Direct Line Insurance S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Key Client S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere I2 Capital S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere La Fenice One S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere 166
  • 168. Sezione Prima Nome e Cognome Società Carica Stato della carica Piaggio & C. S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Alphabet Italia S.p.A. Sindaco effettivo In essere Beerfin S.p.A. Sindaco effettivo In essere BMW Italia S.p.A. Sindaco effettivo In essere BMW Milano S.r.l. Sindaco effettivo In essere Heineken Italia S.p.A. Sindaco effettivo In essere Intesa Previdenza Sim S.p.A. Sindaco effettivo In essere Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane Sindaco effettivo In essere Moto Guzzi S.p.A. Sindaco effettivo In essere Partesa S.r.l. Sindaco effettivo In essere Speed S.p.A. Sindaco effettivo In essere EDS Italia Software S.p.A. Sindaco supplente In essere Istiservice S.p.A. Sindaco supplente In essere Pirelli Tyre S.p.A. Sindaco supplente In essere Sistemi Sanitari S.p.A. Sindaco supplente In essere UGS Holdings Italia S.r.l. Sindaco supplente In essere UGS Italia S.r.l. Sindaco supplente In essere Via Torino Italy S.r.l. Sindaco supplente In essere Intesa Vita Sindaco effettivo Cessata Swiss Post International Italy S.r.l. Sindaco supplente Cessata Sisif S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Hypo Real Estate Capital Italia S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Chiarore S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale Cessata BMW Servizi Logisitici S.r.l. Sindaco effettivo Cessata EDS Italia Software S.p.A. Sindaco supplente Cessata Effe Sistemi S.p.A. Sindaco supplente Cessata KPMG Fides Servizi di Amministrazione S.p.A. Sindaco supplente Cessata KPMG Audit S.p.A. Sindaco supplente Cessata KPMG Advisory S.p.A. Sindaco supplente Cessata Sistemi Sanitari S.p.A. Sindaco supplente Cessata Aiuto Informatico S.p.A. Sindaco supplente Cessata Istiservice S.p.A. Sindaco supplente Cessata Kairos Investimenti Management S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Kairos Partners SGR S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata GSCP Athena S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale Cessata GSCP Athena Telecom S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale Cessata GSCP Athena Energia S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Du Pont De Numours Italiana S.r.l. Sindaco effettivo Cessata Volare Group S.p.A: Presidente del Collegio Sindacale Cessata Air Europe S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Volare Airlines S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Ligabue Gate Gourmest Milano S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Uni Graphics Solutions S.p.A. Sindaco supplente Cessata Immobiliare delle Erbe S.r.l. Socio Cessata Marcello Gamba Cogeco S.r.l. Amministratore unico In essere Hogar S.r.l. Presidente del Consiglio di In essere Amministrazione Fondazione Gruppo Patologico Lombardo Membro del Collegio dei In essere Revisori Rocce Rosse S.r.l. Amministratore In essere 167
  • 169. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Nome e Cognome Società Carica Stato della carica Satac S.p.A. Amministratore unico In essere Sviluppo Area Terziaria Aeroporto di Caselle S.p.A. Amministratore unico In essere Solipar S.r.l. Presidente del Consiglio di In essere Amministrazione Traona 2000 S.r.l. Amministratore unico In essere Bottofinicio Fenili S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale In essere Cold Car S.p.A. Sindaco effettivo In essere Cold Trading S.r.l. Sindaco effettivo In essere Com-Edile Costruzioni S.p.A. Sindaco effettivo In essere Coget S.r.l. Sindaco effettivo In essere Ecoter S.p.A. Sindaco effettivo In essere Europhon S.p.A. Sindaco effettivo In essere La Compagnia Finanziaria S.p.A. Sindaco effettivo In essere Myrmex S.p.A. Sindaco effettivo In essere Novachem Aromatici S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale In essere Orinvest S.r.l. Presidente del Consiglio di In essere Amministrazione Società gestione Opere Pubbliche SGM S.r.l. Sindaco effettivo In essere SIP S.p.A. Sindaco effettivo In essere Sister S.c.a.r.l. Consorzio Stabile Presidente del Collegio Sindacale In essere Sondrio-Diesel S.r.l. Sindaco effettivo In essere Trivella Costruzioni e Calcestruzzi S.r.l. Sindaco effettivo In essere Calzaturificio Arkte S.r.l. Sindaco supplente In essere Comprel S.r.l. Sindaco supplente In essere Deneb S.p.A. Sindaco supplente In essere Dedi S.p.A. Sindaco supplente In essere Esprinet S.p.A. Sindaco supplente In essere Nuova Serpentino d’Italia S.p.A. Sindaco supplente In essere Nuova Serpentino d’Italia S.p.A. Sindaco supplente In essere Immobiliare Hermes S.r.l. in liquidazione Sindaco supplente Cessata Gruppo Alimentaristi Riuniti Milanesi G.A.R.M società Sindaco supplente Cessata cooperativa commissionaria a r.l. Esprilog S.r.l. Sindaco supplente Cessata Immobiliare Sette S.r.l. Sindaco supplente Cessata TVI Industrie S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Scriba S.p.A. Amministratore unico Cessata Arcadia S.p.A. Sindaco effettivo Cessata Cogei Costruzioni S.p.A. Sindaco effettivo Cessata Gamba S.r.l. Sindaco supplente Cessata Cidia S.r.l. Sindaco effettivo Cessata Cofitral S.p.A. Sindaco effettivo Cessata Euro&BIT S.p.A. Sindaco effettivo Cessata Immobiliare Sirio S.p.A. Sindaco supplente Cessata Iride S.p.A. Sindaco effettivo Cessata Iniziative Immobiliari Italiane S.r.l. Sindaco effettivo Cessata Kyocera Mita Italia S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale Cessata MEG Eletronics Multimedia S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata San Colombano S.r.l. Amministratore unico Cessata Santa Maria alla Porta 1 S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Sony Italia S.p.A. Sindaco supplente Cessata The Net Placet S.p.A. Presidente del Collegio Sindacale Cessata 168
  • 170. Sezione Prima Nome e Cognome Società Carica Stato della carica Eufid Servizi S.r.l. Socio In essere Fausto Casarano Signal Lux Italia S.p.A. Sindaco effettivo In essere Laboratorio Chimico Internazionale S.p.A. Sindaco supplente In essere Mirabello S.p.A. Sindaco supplente In essere Lombarda Imballi S.r.l. Sindaco supplente In essere Tessenderlo Italia S.r.l. Sindaco supplente In essere Rameco S.r.l. Amministratore unico In essere Trading Zhou (Gruppo) S.r.l. Sindaco effettivo In essere Fanuc Robotica Italia S.r.l. Sindaco effettivo In essere Tessenderlo Partecipazioni S.p.A. Sindaco supplente In essere Triglav S.p.A. in liquidazione Presidente del Collegio Sindacale In essere Signal Lux MDS S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale In essere Signal Lux Italia S.p.A. Sindaco effettivo In essere TVI Industrie S.r.l. Sindaco supplente Cessata Myrmex S.p.A. Sindaco effettivo In essere EMTS Center Unipersonale Sindaco effettivo In essere Frautech S.r.l. in liquidazione Presidente del Collegio Sindacale In essere Rebelio Italia S.r.l. Revisore unico In essere M.T.M Italia S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Tesse - Textile Service S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale Cessata Fin.Imm S.r.l. Sindaco effettivo Cessata Arcotronics Hightech S.r.l. Sindaco effettivo Cessata Emma Grazia Apinvest S.p.A. Sindaco effettivo In essere Gentili Fanuc Robotics Italia S.r.l. Sindaco effettivo In essere Internazionale Farmaceutici S.p.A. Sindaco effettivo In essere Labochim S.p.A. Sindaco effettivo In essere Mirabello S.p.A. Sindaco effettivo In essere Signal Lux Italia S.p.A. Sindaco effettivo In essere Signal Lux MDS S.r.l. Sindaco effettivo In essere Frautech S.r.l. in liquidazione Sindaco supplente In essere La CIE S.r.l. Sindaco supplente In essere Leasing Medica Europea S.p.A. Sindaco supplente In essere Lombarda Imballi S.r.l. Sindaco supplente In essere Novachem Aromatici S.p.A. Sindaco supplente In essere Serom S.p.A. Sindaco supplente In essere Triglav S.p.A. in liquidazione Sindaco supplente In essere Cofima S.p.A. in liquidazione Sindaco effettivo Cessata EMTS Center S.p.A. Sindaco supplente Cessata Internazionale Farmaceutici Industriale S.p.A. Sindaco effettivo Cessata Labochim S.p.A. Sindaco effettivo Cessata Leo Marven System S.p.A. in liquidazione Sindaco effettivo Cessata Infa S.r.l Sindaco effettivo Cessata MTM Italia S.r.l. Sindaco effettivo Cessata Tesse - Textile Service S.r.l. Sindaco supplente Cessata S.D.V. Segno di valore S.r.l. Socia In essere Midas S.r.l. Socia Cessata 169
  • 171. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Nome e Cognome Società Carica Stato della carica Andrea Rossi Biffi Luce S.r.l. Sindaco effettivo In essere Preslame S.r.l. Presidente del Collegio Sindacale In essere Forno Italiano S.r.l. Consigliere Cessata Signal Lux Italia S.p.A. Consigliere Cessata Signal Lux Mds S.r.l. Consigliere Cessata Errepi S.r.l. Amministratore Unico Cessata Errepi S.r.l. Socio In essere Copram S.r.l. Sindaco supplente In essere Globen S.p.A. Sindaco supplente In essere Internazionale Farmaceutici S.p.A. Sindaco supplente In essere Internazionale Farmaceutici Industriale S.p.A. Sindaco supplente Cessata Infa S.r.l. Sindaco supplente Cessata Labochim S.p.A. Sindaco supplente In essere Leasing Medica Europea S.p.A. Sindaco supplente In essere Myrmex S.p.A. Sindaco supplente In essere Novachem Aromatici S.p.A. Sindaco supplente In essere Publibarter S.r.l. Sindaco supplente In essere SE.COM. S.r.l. Sindaco supplente In essere Solchim S.p.A. Sindaco supplente In essere Unicasa Italia S.p.A. Sindaco supplente In essere Comprel S.r.l. Sindaco supplente In essere Apinvest S.p.A. Sindaco supplente In essere More Beni Immobili S.r.l. Amministratore Unico In essere FIA S.r.l. Sindaco effettivo Cessata Infinit Holding S.r.l. Amministratore Unico Cessata 14.1.3 Soci fondatori La Società è stata costituita il 23 marzo 2004 dall’Arch. Siclari. 14.1.4 Principali dirigenti e collaboratori Nella tabella che segue sono riportate le informazioni concernenti i principali dirigenti e collaboratori dell’Emittente: Nome e Cognome Qualifica Luogo e data di nascita Anno di ingresso nel Gruppo Gaetano Visalli Consigliere e Chief Financial Officer Aicon S.p.A. Messina, 10 settembre 1966 2004 Marco Mannino Coordinatore del Centro Stile Milazzo (Me), 16 ottobre 1961 2003 Marc-Udo Broich Chief Executive Officer di Aicon Yacht Americas Milano, 24 luglio 1966 2003 LLC e Aicon Yacht LLC Luciano Mario Direttore di produzione Business Unit motoryacht Genova, 6 febbraio 1957 2005 Bregola Antonino Rotondo Direttore di produzione Business Unit megayacht Messina, 18 giugno 1955 2006 Augusto Balestra Chief Operations Officer di Aicon Yacths S.p.A. Forlì, 31 maggio 1968 2006 Angelo Sidoti Chief Executive Officer di Aicon Resin S.r.l. Lipari (Me), 28 luglio 1964 2006 Chief Executive Officer di Aicon Interiors S.r.l. Chief Executive Officer di Europlastic Sud S.r.l. Paola Procopio Direttore Commerciale Aicon Yacht Europe S.r.l. Catanzaro, 27 maggio 1967 1999 170
  • 172. Sezione Prima I principali dirigenti sono domiciliati per la carica presso l’Emittente. Si riporta di seguito un breve curriculum vitae dei principali dirigenti e collaboratori: Gaetano Visalli (Cfr. precedente Paragrafo 14.1.1). Marco Mannino si è laureato nel 1986 presso la facoltà di architettura di Reggio Calabria. Dopo la laurea, ha svolto il suo apprendistato con l’Arch. Claudio D’Amato, applicandosi a importanti concorsi di architettura nazionali e internazionali, ha inoltre, collaborato con l’Arch. Paolo Portoghesi alla redazione di progetti urbani per le città di Grammichele, Acireale e di Scicli in Sicilia. Dal 1986 ha inoltre aperto uno studio di progettazione a Messina, impegnandosi nella partecipazione a numerosi concorsi e nella realizzazione di alcune costruzioni. Dal 2003 è impegnato a sviluppare una specifica attività di progettazione nel settore del design della nautica da diporto. Dall’anno accademico 1993-1994 è ricercatore di ruolo presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Bari e afferisce alla Cattedra di Progettazione del prof. Claudio D’Amato Guerrieri. Dall’anno accademico 2002 - 2003 è ricercatore di ruolo presso la Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi “Mediterranea” di Reggio Calabria. Dall’anno accademico 2006 - 2007 è professore associato di ruolo presso la Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi “Mediterranea” di Reggio Calabria. Marc-Udo Broich nel 1990 si qualifica in Relazioni Internazionali negli Stati Uniti d’America e comincia la propria attività professionale nel settore dell’import-export e nel settore delle plastiche (PVC/PET/HDPE). In questo stesso ambito, nel periodo intercorrente tra il 1997 ed il 2001, ha ricoperto la carica di Presidente e Direttore Finanziario in Covoni Bianca Sim Inc.. Attualmente è Presidente e Direttore Finanziario di Aicon Yachts Americas LLC e Presidente di Imex-Bro Inc., società americana attiva nel settore immobiliare. Luciano Mario Bregola consegue la laurea in Ingegneria Meccanica presso l’Università degli Studi di Napoli. Inizia la sua attività nel mese di aprile 1983 come assistente dell’area manager per i paesi di lingua spagnola presso la Ocrim S.p.A., svolgendo un training in cantiere durante il montaggio di un impianto in Algeria. Dal marzo 1986 al maggio 1987 ha ricoperto la funzione di responsabile dell’unità operativa di produzione carpenteria ed assemblaggio parti del cabinet per i radar civili e militari presso Selenia S.p.A.. Dal mese di agosto 1984 inizia il suo rapporto con FIAT AUTO S.p.A come impiegato presso i servizi tecnici dello stabilimento, ufficio impianti e lay out a Termini Imerese (PA). Dal mese di maggio 1987 al mese di agosto 1991 è responsabile del coordinamento del montaggio ed avviamento produttivo dell’impianto d’assemblaggio automatico delle parti meccaniche su vettura a Cassino (FR) dove, in seguito, ricopre il ruolo di vice-capo officina. Dal mese di agosto 1991 al mese di luglio 1992 assume il ruolo di responsabile della produzione dell’officina di verniciatura di Chivasso (TO). A luglio 1992 passa allo stabilimento di Pomigliano d’Arco (NA) come responsabile della produzione e del planning per l’unità produttiva di verniciatura scocca. A giugno 1995 viene assunto dalla società LEAR CORPORATION S.p.A. di Torino, multinazionale americana quotata in borsa che produce componenti per auto con 300 stabilimenti in tutto il mondo di cui 8 in Italia. Viene assunto con il ruolo di responsabile dello stabilimento di Caivano (NA) e dopo un anno viene trasferito a Pozzilli (IS) e viene nominato, nel febbraio 1997, direttore dello stabilimento. Nel mese di ottobre 2000, viene trasferito presso la sede di Torino come responsabile operations degli stabilimenti dell’area nord. Ad ottobre 2003, assume la responsabilità operativa degli stabilimenti Jit 171
  • 173. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Caivano e Pozzo d’Adda a servizio del marchio Alfa Romeo. Da gennaio 2005, è il responsabile operations degli stabilimenti Jit del centro sud, Cassino e Caivano. Da ottobre 2005, viene nominato direttore della Business Unit Motor Yacht di Aicon Yachts S.p.A. e coordina i due stabilimenti in Frazione Giammoro e Villafranca dove vengono realizzate le imbarcazioni fino a 24 mt. di lunghezza; a lui riportano, oltre la struttura operativa anche i servizi tecnici, la qualità, gli acquisti, la logistica, il servizio prevenzione e protezione, il controllo costi. Attualmente, ricopre il ruolo di dirigente di Aicon. Antonino Rotondo si laurea in Ingegneria Navale e Meccanica all’Università di Napoli nel 1979. A Milano, nel 1980 inizia la propria attività professionale presso Tecnomare, società attiva nella progettazione di strutture marine offshore. Dal 1980 fino al 1984 svolge l’attività di Ispettore del Registro Navale Italiano (sedi di Genova, Bari, Palermo e Messina) per la classificazione ed il controllo delle navi, sia di nuova costituzione, che riparate. Dal 1984 fino al 2005 lavora presso Rodriquez, sino a divenire socio dell’omonimo gruppo oltre che Direttore Operativo. Presso Fincantieri, dall’ottobre 2005 fino al giugno 2006, ricopre le carica di Direttore della divisione Trasformazioni e Riparazioni Navali dello stabilimento di Palermo. Attualmente è Direttore di Stabilimento presso Aicon. Augusto Balestra si è laureato in economia e commercio nel 1994 presso l’Università di Bologna ove, dal 2002 al 2004 ha frequentato l’Executive Master in Business Administration. Tra il 1995 e il 1999 ha svolto l’attività di Auditor e Business Consultant in Arthur Andersen S.p.A.. Nel 1999 fino al 2004 ha svolto la propria attività professionale nel gruppo Ferretti dapprima in qualità di responsabile Controllo di Gestione ed, in seguito, con la qualifica di Investor Relations Manager. Dal settembre 2002 fino ai primi mesi del gennaio 2004 ha ricoperto la carica di General Manager di Mochi Craft, curandone la fase di start-up. Dal 2004 al 2005 è stato Chief Financial Officer di Resin Sistem S.r.l., società del gruppo Ferretti che produce manufatti in vetroresina. Dal 2005 fino al 2006 è stato Direttore Generale di Curvet Ambienti S.p.A., società attiva nel settore del design e dell’arredo. Nel corso del 2006 è entrato a fare parte del Gruppo Aicon come Chief Operations Officer di Aicon Yachts S.p.A.. Dal 1996 è iscritto all’Albo dei Dottori Commercialisti e all’Albo dei Revisori Contabili. Angelo Sidoti si è diplomato ragioniere e perito commerciale nel 1982, ha frequentato il Master in diritto tributario presso l’Università di Messina e la facoltà di Economia e Gestione di Impresa presso l’Università di Bologna. Inizia la propria attività professionale presso Erykodes S.r.l. con la qualifica di addetto alla contabilità. Dal 2000 fino al 2005 è stato consigliere delegato di Italpomice S.p.A., industria estrattiva con sede a Lipari (Me). Alla data di pubblicazione del Prospetto Informativo ricopre la carica di direttore amministrativo in Pumex S.p.A., industria estrattiva con sede a Lipari (Me), è amministratore unico di Video Eolie S.r.l., società attiva nel settore dell’editoria ed è vice-presidente di Omniaturist S.r.l., società siciliana che opera nel settore turistico. Dal 1999 è socio dell’Associazioni Nazionale direttori amministrativi e finanziari e, dal 2000, dell’Associazione Nazionale dei consulenti tributari italiani. Paola Procopio, si laurea in giurisprudenza nel 1991 presso l’università di Messina; dopo una breve esperienza in uno studio legale, nel 1999 entra in Aicon. Dal 1999 al 2003 è stata responsabile delle 172
  • 174. Sezione Prima vendite dirette ai clienti direzionali e delle vendite ai dealer, mentre dal 2004, anno in cui ha assunto il ruolo di Direttore Commerciale, ha iniziato ad occuparsi esclusivamente delle vendite ai dealer. Non sussistono rapporti di parentela tra i principali dirigenti con i membri del Consiglio di Amministrazione e/o con i membri del Collegio Sindacale. Nessuno dei dirigenti sopra menzionati ha, negli ultimi cinque anni, riportato alcuna condanna in relazione a reati di frode né, durante il medesimo periodo, è stato associato nell’ambito dell’assolvimento dei propri incarichi a procedure di bancarotta, amministrazione controllata o liquidazione. Le persone citate non hanno subito incriminazioni ufficiali e/o sanzioni da parte di autorità pubbliche o di regolamentazione (comprese le associazioni professionali designate) né interdizioni da parte di un tribunale dalla carica di membro degli organi di amministrazione, di direzione o di vigilanza dell’Emittente o dallo svolgimento di attività di direzione o di gestione di qualsiasi società. La seguente tabella indica le società, diverse dall’Emittente, delle quali i principali dirigenti e collaboratori di cui sopra siano stati e/o siano membri degli organi di amministrazione, di direzione o di vigilanza, ovvero titolari di una partecipazione “qualificata” (superiore al 2% in società quotate e al 10% in società non quotate), in qualsiasi momento nei cinque anni precedenti la data del Prospetto Informativo: Nome e Cognome Società Carica Stato della carica Marco Mannino - - - Marc-Udo Broich Aicon Yachts Americas LLC Chief Executive Officer In essere Imex-Bro, Inc. Presidente e Socio In essere Vom Broich Properties, LLC Presidente In essere Aicon Yachts LLC Chief Executive Officer e Socio In essere Luciano Mario Bregola - - - Antonino Rotondo Rodriquez Engineering S.r.l. Consigliere Cessata Intermarine S.p.A. Consigliere con delega alla produzione Cessata Rodriquez Service S.r.l. Consigliere Cessata Consorzio Calef Consigliere e vice presidente Cessata M.R.S. Sviluppo in liquidazione socio In essere Augusto Balestra Aicon Yacths S.p.A. Chief Operations Officer In essere Curvet Ambienti S.p.A. Direttore Generale Cessata Resin Sistem S.r.l. Chief Financial Officer Cessata Mochi Craft S.p.A. General Manager Cessata Ferretti S.p.A. Investor Relator Manager Cessata Angelo Sidoti AICQ-CI (Associazione Centro Socio individuale In essere Insulare per la Qualità) Aicon Resin S.r.l. Amministratore Unico In essere Aicon Interios S.r.l. Amministratore Unico In essere Airon Blue S.r.l. Amministratore Unico In essere Europlastic Sud S.r.l. Amministratore In essere Italpomice S.p.A. Consigliere Delegato Cessata 173
  • 175. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Nome e Cognome Società Carica Stato della carica Studiocosult S.r.l. Consigliere Delegato Cessata Liparaion S.r.l. Amministratore Unico Cessata Ede – Editoriale delle Eolie S.r.l. Amministratore Unico Cessata Video Eolie S.r.l. Amministratore Unico Cessata Omniaturist S.r.l. Vice-Presidente Cessata Paola Procopio Aicon Yachts Europe S.r.l. Consigliere In essere 14.2 Conflitti di interesse degli organi di amministrazione, di direzione e di vigilanza e degli alti dirigenti 14.2.1 Conflitti di interesse dei membri del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale o dei principali dirigenti Alla data del Prospetto Informativo, ad eccezione del Presidente del Consiglio di Amministrazione, Arch. Sicari (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 18, Paragrafo 18.3), nessun membro del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale dell’Emittente, né alcuno dei principali dirigenti del Gruppo è portatore di interessi privati in conflitto con i propri obblighi derivanti dalla carica o qualifica ricoperta all’interno del Gruppo. 14.2.2 Eventuali accordi o intese con i principali azionisti, clienti, fornitori dell’Emittente o altri accordi a seguito dei quali i membri del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale o i principali dirigenti sono stati nominati Alla data del Prospetto Informativo, non sussistono accordi o intese con i principali azionisti, clienti o fornitori dell’Emittente o altri accordi a seguito dei quali siano stati nominati i membri del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale o i principali dirigenti. 14.2.3 Eventuali restrizioni in forza delle quali i membri del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale o gli alti dirigenti hanno acconsentito a limitare i propri diritti a cedere e trasferire, per un certo periodo di tempo, le azioni dell’Emittente dagli stessi possedute Ad eccezione di Marc-Udo Broich (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 5, Paragrafo 5.1.5 e Sezione Seconda, Capitolo 4, Sezione 4.1.8), alla data del Prospetto Informativo, non sussistono restrizioni in forza delle quali i membri del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale o i principali dirigenti abbiano acconsentito a limitare i propri diritti a cedere e trasferire, per un certo periodo di tempo, le azioni dell’Emittente dagli stessi possedute. 174
  • 176. Sezione Prima 15. REMUNERAZIONE E BENEFICI 15.1 Ammontare della remunerazione (compreso qualsiasi compenso eventuale o differito) e dei benefici in natura Consiglio di Amministrazione La seguente tabella riporta la retribuzione lorda corrisposta a qualsiasi titolo nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006 dalla Società e dalle società da essa controllate ai membri del Consiglio di Amministrazione in carica alla data di chiusura del relativo esercizio: Carica Nome e Cognome Compenso Presidente Pasquale Siclari 230.000 Amministratore Gaetano Visalli 16.000 Amministratore Antonino Parisi 30.000 Totale 275.000 Collegio Sindacale La seguente tabella riporta la retribuzione lorda corrisposta a qualsiasi titolo nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006 dalla Società e dalle società da essa controllate ai membri del Collegio Sindacale in carica alla data di chiusura del relativo esercizio: Carica Nome e Cognome Compenso Presidente Marcello Gamba 6.861 Sindaco effettivo Emma Grazia Gentili 4.769 Sindaco effettivo Fausto Casarano 4.853 Sindaco supplente Andrea Rossi - Sindaco supplente Monica Carnio - Totale 16.843 Principali dirigenti e collaboratori La seguente tabella riporta la retribuzione lorda corrisposta a qualsiasi titolo nell’esercizio chiuso al 31 agosto 2006 dalla Società e dalle società da essa controllate ai principali dirigenti e collaboratori in carica alla data di chiusura dell’esercizio 2006: Qualifica Nome e Cognome Compenso* (in migliaia di Euro) Consigliere e Chief Financial Officer Aicon S.p.A. Gaetano Visalli 86.5 Coordinatore del Centro Stile Marco Mannino 89 Chief Executive Officer Aicon Yacht Americas LLC e Aicon Yacht LLC Marc-Udo Broich 84 Direttore di produzione Business Unit motoryacht Luciano Mario Bregola 158 Chief Executive Officer di Resin Interiors S.r.l. Angelo Sidoti 64,4 Direttore Commerciale Aicon Yachts Europe S.r.l. Paola Procopio 51,4 Totale 533,3 * Importi calendarizzati 175
  • 177. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 15.2 Ammontare degli importi accantonati o accumulati dall’Emittente o da sue società controllate per la corresponsione di pensioni, indennità di fine rapporto o benefici analoghi Alla data del 31 agosto 2006, né la Società né le società del Gruppo hanno accantonato alcun importo per la corresponsione di pensioni, indennità di fine rapporto o benefici in favore dei componenti il Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; l’importo accantonato nel bilancio consolidato al 31 agosto 2006 per la corresponsione di pensioni, indennità di fine rapporto o benefici in favore dei dirigenti era pari ad Euro 2.573. Si precisa, inoltre, che l’Amministratore Delegato, pur non essendo legato alla Società o alle società controllate da un contratto di lavoro, è legato, in qualità di Amministratore Delegato di Aicon Yachts S.p.A., da un incarico triennale che prevede un trattamento di fine mandato, pari ad Euro 31.000 annui, regolarmente accantonato in bilancio. 176
  • 178. Sezione Prima 16. PRASSI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 16.1 Data di scadenza del periodo di permanenza nella carica attuale, se del caso, e periodo durante il quale la persona ha rivestito tale carica Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione della Società attualmente in carica (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 14, Paragrafo 14.1) è stato nominato dall’Assemblea ordinaria in data 5 agosto 2005, successivamente integrato in data 4 luglio 2006 in merito alla sostituzione di un amministratore ed, infine, integrato in data 15 dicembre 2006 con riferimento alla nomina del quarto e quinto amministratore. L’attuale Consiglio di Amministrazione rimarrà in carica sino all’approvazione del bilancio d’esercizio che si chiuderà al 31 agosto 2007. La tabella che segue indica, per ciascun amministratore, la data di prima nomina quale membro del Consiglio di Amministrazione dell’Emittente: Nome e Cognome Carica Data di nomina Pasquale Siclari Presidente e Amministratore delegato 5 agosto 2005 Gaetano Visalli Consigliere 4 luglio 2006 Antonino Parisi Consigliere 5 agosto 2005 Marco Saltalamacchia * Consigliere 15 dicembre 2006 Enrico Testa * Consigliere 15 dicembre 2006 * Amministratore indipendente ai sensi del Codice di Autodisciplina. Collegio Sindacale Il Collegio Sindacale della Società attualmente in carica (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 14, Paragrafo 14.2) è stato nominato dall’Assemblea ordinaria in data 15 dicembre 2006 e rimarrà in carica sino all’approvazione del bilancio d’esercizio che si chiuderà al 31 agosto 2009. I componenti del Collegio Sindacale attualmente in carica sono riportati nella seguente tabella: Carica Nome e Cognome Data di nomina Presidente Giovanni Barbara 15 dicembre 2006 Sindaco effettivo Gamba Marcello 3 maggio 2004 Sindaco effettivo Fausto Casarano 3 maggio 2004 Sindaco supplente Emma Grazia Gentili 3 maggio 2004 Sindaco supplente Andrea Rossi 3 maggio 2004 16.2 Informazioni sui contratti di lavoro stipulati dai membri degli organi di amministrazione, di direzione o di vigilanza con l’Emittente o con le società controllate che prevedono indennità di fine rapporto I dirigenti sono legati all’Emittente da rapporti di lavoro dipendente, che non prevedono il riconoscimento di trattamenti di fine rapporto ulteriori rispetto al contratto collettivo nazionale di lavoro applicabile ai medesimi. Le indennità di fine rapporto per i dirigenti sono state regolarmente accantonate in bilancio (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 15, Paragrafo 15.2). 177
  • 179. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 16.3 Informazioni sul comitato di controllo interno e sul comitato per la remunerazione dell’Emittente In conformità alle raccomandazioni di cui agli articoli 7 e 8 del Codice di Autodisciplina, in data 6 febbraio 2007 il Consiglio di Amministrazione della Società ha istituito un Comitato per la Remunerazione ed un Comitato per il Controllo Interno, entrambi composti da amministratori non esecutivi, la maggioranza dei quali indipendenti. Le principali caratteristiche e funzioni di tali comitati sono indicate di seguito. Comitato per la Remunerazione Il Comitato per la Remunerazione è formato dai Sig.ri Antonino Parisi, Marco Saltalamacchia ed Enrico Testa. Il Comitato per la Remunerazione svolge funzioni consultive e propositive nei confronti del Consiglio di Amministrazione in osservanza alle raccomandazioni del Codice di Autodisciplina. In particolare, il Comitato per la Remunerazione: - presenta al Consiglio di Amministrazione proposte per la remunerazione degli amministratori delegati e degli altri amministratori che ricoprono particolari cariche nella Società e nel Gruppo, monitorando l’applicazione delle decisioni adottate dal Consiglio di Amministrazione medesimo; - valuta periodicamente i criteri adottati per la remunerazione dei dirigenti con responsabilità strategiche, vigila sulla loro applicazione sulla base delle informazioni fornite dagli amministratori delegati e formula al Consiglio di Amministrazione raccomandazioni generali in materia; - formula proposte di retribuzione legate al raggiungimento di risultati, accompagnate da suggerimenti sugli obiettivi connessi e sui criteri di valutazione, al fine di allineare correttamente la remunerazione degli amministratori delegati e dei dirigenti con responsabilità strategiche con gli interessi a medio-lungo termine dei soci, secondo gli obiettivi specifici preventivamente indicati dal Consiglio di Amministrazione; e - in relazione a piani di stock options ed altri sistemi di incentivazione basati sulle azioni, presenta le proprie raccomandazioni e formula le proprie proposte al Consiglio di Amministrazione in ordine al sistema di incentivazione ritenuto più opportuno e monitora l’evoluzione e l’applicazione nel tempo dei piani approvati dall’Assemblea dei soci su proposta del Consiglio di Amministrazione. Nessun amministratore prende parte alle riunioni del Comitato per la Remunerazione in cui vengono formulate le proposte al Consiglio di Amministrazione relative alla propria remunerazione. Comitato per il Controllo Interno Il Comitato per il Controllo Interno è formato dai Sig.ri Antonino Parisi, Marco Saltalamacchia ed Enrico Testa. 178
  • 180. Sezione Prima Ai sensi delle raccomandazioni di cui all’articolo 8 del Codice di Autodisciplina, il Comitato per il Controllo Interno assiste il Consiglio di Amministrazione nella definizione delle linee di indirizzo del sistema di controllo interno e nella valutazione dell’efficacia, dell’effettivo funzionamento e dell’adeguatezza complessiva del sistema di controllo interno. Inoltre, il Comitato per il Controllo Interno: - valuta, unitamente al dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari ed ai revisori, il corretto utilizzo dei principi contabili e la loro omogeneità ai fini della redazione del bilancio consolidato; - esamina il piano di lavoro preparato dal soggetto preposto al controllo interno nonché le relazioni periodiche dallo stesso predisposte; - valuta le proposte formulate dalla società di revisione per ottenere l’affidamento del relativo incarico, nonché il piano di lavoro predisposto per la revisione ed i risultati esposti nella relazione e nell’eventuale lettera di suggerimenti; - vigila sull’efficacia del processo di revisione contabile; - svolge gli ulteriori compiti eventualmente attribuitigli dal Consiglio di Amministrazione; e - riferisce al Consiglio di Amministrazione, almeno semestralmente, in occasione dell’approvazione del bilancio e della relazione semestrale, sull’attività svolta nonché sull’adeguatezza del sistema di controllo interno. Alle riunioni del Comitato per il Controllo Interno potranno partecipare il Presidente del Collegio Sindacale o altro membro del Collegio Sindacale dal medesimo designato. 16.4 Recepimento delle norme in materia di governo societario In data 15 dicembre 2006, l’Assemblea straordinaria della Società ha approvato un testo di statuto sociale, che entrerà in vigore alla data del provvedimento di ammissione a quotazione delle azioni ordinarie dell’Emittente sull’MTA, Segmento STAR, da parte di Borsa Italiana. Lo statuto sociale contiene previsioni volte all’adeguamento alla normativa vigente per le società con azioni quotate. Si veda, per maggiori dettagli, il Paragrafo 21.2.2, Capitolo 21, Sezione Prima. Si segnala che, successivamente all’approvazione del nuovo testo di statuto sociale, è entrato in vigore il decreto legislativo 29 dicembre 2006 n. 303, recante norme di coordinamento del Testo Unico delle Leggi in materia bancaria e creditizia e del Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria con la Legge 28 dicembre 2005, n. 262 (la c.d. “Legge sul Risparmio”). La Società sta pertanto valutando quali modifiche apportare al proprio statuto al fine di rendere il medesimo conforme alle nuove disposizioni normative introdotte dal decreto legislativo 29 dicembre 2006 n. 303. Vi sono, peraltro, alcune disposizioni del Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, così come modificate sia dalla Legge sul Risparmio sia dal decreto legislativo 29 dicembre 2006 n. 303, che necessitano, ai fini della loro implementazione, l’emanazione di appositi regolamenti attuativi da parte della Consob che, alla data del Prospetto Informativo, non 179
  • 181. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. sono ancora stati emanati. Sarà pertanto necessario valutare, a seguito dell’emanazione dei regolamenti attuativi menzionati, la necessità di apportare ulteriori modiche allo statuto. Per ciò che attiene alla composizione dell’organo amministrativo, al fine di garantire una equilibrata composizione del Consiglio di Amministrazione, l’Assemblea ordinaria del 15 dicembre 2006 ha individuato i Sig.ri Marco Saltalamacchia ed Enrico Testa quali amministratori indipendenti ai sensi dall’articolo 3 del Codice di Autodisciplina. La presenza di 2 amministratori non esecutivi indipendenti nell’organo amministrativo della Società è preordinata alla più ampia tutela del buon governo societario da attuarsi attraverso il confronto e la dialettica tra tutti gli amministratori. Il contributo degli amministratori indipendenti permetterà al Consiglio di Amministrazione di verificare che siano valutati con adeguata indipendenza di giudizio i casi di potenziale conflitto di interesse della Società e quelli dell’azionista di controllo. In conformità a quanto suggerito dall’articolo 2 del Codice di Autodisciplina, la Società ha altresì designato la figura del lead indipendent director la cui funzione è stata attribuita al consigliere indipendente Enrico Testa. A tale figura fanno riferimento gli amministratori non esecutivi, ed in particolare gli indipendenti, per un miglior contributo all’attività e al funzionamento del Consiglio di Amministrazione. Il lead independent director collabora con il Presidente del Consiglio di Amministrazione al fine di garantire che gli amministratori siano edotti in maniera esaustiva e tempestiva delle informazioni relative allo svolgimento dell’attività sociale. Inoltre, al lead independent director è attribuita, tra l’altro, la facoltà di convocare, autonomamente o su richiesta di altri consiglieri, apposite riunioni di soli amministratori indipendenti con lo scopo meramente consultivo per la discussione dei temi giudicati di interesse rispetto al funzionamento del Consiglio di Amministrazione o all’attività di gestione. Inoltre, in data 5 dicembre 2006, il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato i seguenti documenti: • Codice di Comportamento (“Internal Dealing Code”) volto a disciplinare le operazioni aventi ad oggetto azioni della Società o strumenti finanziari ad esse collegati compiute dai soggetti rilevanti di cui all’articolo 152-sexies del Regolamento Emittenti, per tali intendendosi, in particolare, i componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale dell’Emittente, i soggetti che svolgono funzioni di direzione nell’Emittente ed i dirigenti dell’Emittente che abbiano regolare accesso ad informazioni di carattere preciso, che non sono state rese pubbliche e che sono idonee, se rese pubbliche, ad influenzare sensibilmente il prezzo dei relativi strumenti finanziari quotati dell’Emittente, e le persone ad essi strettamente legati. Tale codice individua, in particolare, gli obblighi informativi connessi a dette operazioni e le relative ipotesi di non applicabilità; • regolamento per le operazioni con parti correlate, nel quale viene descritta una procedura idonea ad assicurare che eventuali operazioni con parti correlate vengano effettuate nel rispetto dei criteri di correttezza procedurale e sostanziale. In particolare, 180
  • 182. Sezione Prima il regolamento disciplina il compimento di operazioni con controparti che rientrano nella definizione di “parti correlate” ai sensi dello IAS 24 e contiene specifiche disposizioni in materia di competenza decisionale, obbligo di motivazione e documentazione da predisporre. Il regolamento prevede che normalmente le operazioni con parti correlate siano riservate alla competenza esclusiva del Consiglio di Amministrazione, ad eccezione delle operazioni considerate non rilevanti ai sensi del medesimo regolamento, le quali non sono sottoposte al preventivo vaglio del Consiglio di Amministrazione ma sono oggetto di presentazione periodica al Consiglio stesso da parte dei consiglieri muniti di delega o dei dirigenti responsabili della realizzazione di tali operazioni; e • regolamento sul trattamento delle informazioni societarie, che disciplina le procedure e le modalità per la comunicazione interna ed esterna di documenti ed informazioni relativi alla Società ed alle sue controllate, con particolare riguardo alle informazioni c.d. privilegiate. Tale regolamento è finalizzato; (i) a preservare la segretezza delle informazioni riservate, assicurando al contempo che l’informativa al mercato sia corretta, completa, adeguata, tempestiva e non selettiva; (ii) a recepire, in conformità al combinato disposto degli articoli 115-bis del Testo Unico e 152-bis del Regolamento Emittenti, una procedura per la gestione del registro dei c.d. insider, ove sono riportati gli estremi di coloro che, in ragione dell’attività lavorativa o professionale ovvero in ragione delle funzioni svolte per conto della Società, hanno regolare o occasionale accesso ad informazioni privilegiate. Il Consiglio di Amministrazione ha, inoltre, provveduto, in data 6 febbraio 2007, alla nomina di un investor relator, responsabile dei rapporti con gli investitori istituzionali e con gli altri soci, nella persona dell’Ing. Gaetano Visalli. Infine, il Consiglio di Amministrazione, in data 6 febbraio 2007, ha deciso di adottare un modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001, approvando il codice etico che ne forma parte integrante. La Società ritiene di poter completare l’adozione del modello entro la fine dell’anno 2007. 181
  • 183. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 17. DIPENDENTI 17.1 Numero dei dipendenti La seguente tabella riporta il numero medio dei dipendenti complessivamente impiegati dal Gruppo al 31 agosto 2006, al 31 agosto 2005 ed al 31 agosto 2004, ripartiti secondo le principali categorie di attività: Dipendenti 31 agosto 2006 31 agosto 2005 31 agosto 2004 Italia Estero Italia Estero Italia Estero Dirigenti 2 1 0 1 0 1 Quadri 5 0 6 0 0 0 Impiegati 57 1 37 1 26 0 Operai 180 0 189 0 201 0 Altri 3 0 3 0 5 0 Totale 247 2 235 2 232 1 17.2 Partecipazioni azionarie Ad eccezione dell’Arch. Siclari, Presidente del Consiglio di Amministrazione della Società, che detiene una partecipazione diretta pari allo 0,6% del capitale sociale e indiretta pari al 99,15% del capitale sociale della Società tramite Airon S.A. (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 18, Paragrafo 18.1), e ad eccezione del signor Marc-Udo Broich, Chief Executive Officer di Aicon Yacht Americas LLC e di Aicon Yacht LLC, che detiene una partecipazione pari allo 0,25% della Società (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 5, Paragrafo 5.1.5.) nessuno dei membri del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale o dei principali dirigenti della Società detiene partecipazioni nel capitale sociale della Società e nessuno di essi è titolare di diritti di opzione per la sottoscrizione di azioni della Società. 17.3 Descrizione di eventuali accordi di partecipazione dei dipendenti al capitale dell’Emittente In data 15 dicembre 2006, l’Assemblea straordinaria di Aicon ha deliberato, inter alia, di attribuire al Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell’articolo 2443 del codice civile, la facoltà, da esercitarsi entro cinque anni dalla data della presente deliberazione, di aumentare in una o più volte, a pagamento e in forma scindibile, il capitale sociale per massimi Euro 25.000 (pari all’1,15% del capitale sociale successivamente all’Offerta Globale), con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell’articolo 2441, quinto e ottavo comma, del codice civile, mediante emissione di massime n. 1.250.000 azioni ordinarie prive del valore nominale, godimento regolare, a servizio di un piano di stock option riservato a dirigenti, amministratori, dipendenti e collaboratori della Società e delle sue controllate ritenuti “risorse chiave” per la realizzazione degli obiettivi di crescita e di sviluppo aziendale della Società, che risultino destinatari di tale piano, fermo restando che l’aumento di capitale posto a servizio del piano è condizionato all’inizio delle negoziazioni delle azioni della Società, entro il 31 dicembre 2007, sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., eventualmente Segmento STAR. 182
  • 184. Sezione Prima In data 22 febbraio 2007, l’Assemblea ordinaria di Aicon ha approvato le linee guida del piano di stock option riservato a dirigenti, amministratori, dipendenti e collaboratori della Società e delle sue controllate, condizionato all’inizio delle negoziazioni delle azioni della Società, entro il 31 dicembre 2007, sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., eventualmente Segmento STAR; alla medesima data, il Consiglio di Amministrazione ha approvato il regolamento del piano di stock option, individuando 27 beneficiari tra dirigenti, amministratori, dipendenti e collaboratori della Società e delle sue controllate e assegnando n. 162.000 opzioni (di cui 100.000 assegnate agli amministratori e ai principali dirigenti e collaboratori della Società). La tabella che segue indica le principali caratteristiche del piano. Caratteristiche Attribuzione di diritti di opzione non cedibili a terzi per atto tra vivi per la sottoscrizione/acquisto di azioni del piano ordinarie dell’Emittente, nella misura di una azione ogni opzione assegnata. Destinatari Dirigenti, amministratori, dipendenti e collaboratori della Società e delle sue controllate ritenuti “risorse chiave” per la realizzazione degli obiettivi di crescita e di sviluppo aziendale della Società. Durata Fino al 31 marzo 2017. Le opzioni maturate ed esercitabili che non siano state integralmente esercitate entro tale data si intederanno automaticamente decadute. Condizioni per L’esercizio delle opzioni è subordinato alla verifica dell’effettivo raggiungimento degli obiettivi di l’esercizio delle performance individuali e di gruppo prefissati. In particolare, il Consiglio di Amministrazione, su proposta opzioni del Comitato per la Remunerazione, ove costituito, potrà stabilire per ciascun beneficiario un obiettivo di Gruppo, comune a tutti i beneficiari compresi nel Piano, e un obiettivo individuale, particolare a ciascun beneficiario. Tali obiettivi verranno comunicati per iscritto ai beneficiari nei 45 giorni successivi alla consegna della lettera di concessione dell’opzione al beneficiario. Il raggiungimento di entrambi gli obiettivi, di Gruppo e individuale, darà al beneficiario il diritto di esercitare tutte le opzioni assegnatigli; il raggiungimento del solo obiettivo individuale darà diritto al beneficiario di esercitare il 40% delle opzioni assegnatigli, con l’effetto che le restanti opzioni pari al 60% delle opzioni assegnatigli si intenderanno definitivamente risolte e rientreranno nella disponibilità del Consiglio di Amministrazione; il raggiungimento del solo obiettivo di Gruppo darà diritto al beneficiario di esercitare il 60% del totale delle opzioni assegnatigli (o del minor numero di opzioni risultanti in base al grado di raggiungimento dell’obiettivo di Gruppo come più sotto specificato) con l’effetto che le restanti opzioni pari al 40% delle opzioni assegnatigli si intenderanno definitivamente risolte e rientreranno nella disponibilità del Consiglio di Amministrazione. Fatto salvo quanto sopra, il grado di raggiungimento dell’obiettivo di Gruppo avrà effetto sul numero delle opzioni esercitabili in relazione a tale obiettivo: qualora l’obiettivo di Gruppo venga raggiunto al 100%, il beneficiario avrà diritto di esercitare il 100% delle opzioni relative a tale obiettivo; qualora l’obiettivo di Gruppo venga raggiunto al 95%, il beneficiario avrà diritto di esercitare il 50% delle opzioni relative a tale obiettivo e qualora l’obiettivo di Gruppo venga raggiunto al 90%, il beneficiario avrà diritto di esercitare il 30% delle opzioni relative a tale obiettivo. Ulteriore condizione per l’esercizio delle opzioni è rappresentata dal conferimento ad una società fiduciaria individuata dal Consiglio di Amministrazione di un mandato congiunto con la Società per la gestione delle opzioni rivenienti dall’esercizio delle opzioni medesime. Non saranno ammessi esercizi frazionati: le opzioni assegnate dovranno essere esercitate per l’intero quantitativo maturato ed esercitabile. 183
  • 185. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Prezzo Per le opzioni la cui assegnazione sia contestuale o precedente alla data di inizio delle negoziazioni delle unitario di azioni della Società presso il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., acquisto / il prezzo di esercizio sarà pari al prezzo del titolo al momento di inizio delle negoziazioni; per le opzioni la sottoscrizione cui data di assegnazione sia successiva alla data di inizio delle negoziazioni delle azioni della Società delle azioni presso il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., il prezzo di esercizio non sarà inferiore alla media aritmetica dei prezzi di chiusura rilevati nel periodo intercorrente tra la data di concessione dell’opzione e lo stesso giorno del mese solare precedente. Periodo e Le opzioni non saranno esercitabili per un periodo di tre anni dall’assegnazione (c.d. vesting); decorso tale modalità di periodo, ciascun beneficiario potrà esercitare le opzioni nei 5 anni successivi. In particolare, il beneficario esercizio delle potrà scegliere tra due diverse modalità di esercizio: la modalità long term e la modalità short term. Nel opzioni primo caso, a seguito dell’esercizio delle opzioni, il beneficiario sarà tenuto a sottoporre ad un vincolo di lock up quinquennale un numero di azioni aventi complessivamente un valore normale (inteso come media aritmetica dei prezzi di chiusura del titolo Aicon rilevati nell’ultimo mese antecedente la data di attribuzione della titolarità delle azioni a seguito dell’esercizio dell’opzione, assumendo, ai fini del calcolo della media quale divisore solo i giorni di effettiva quotazione del titolo) corrispondente alla differenza tra il valore normale di tutte le azioni rivenienti dall’esercizio dell’opzione e il prezzo di esercizio. Nel secondo caso, a seguito dell’esercizio delle opzioni, le azioni rivenienti da tale esercizio dovranno essere intestate alla società fiduciaria che sarà tenuta ad alienare le azioni per conto del beneficiario entro le successive 48 ore dal pagamento del prezzo delle opzioni. Disposizioni in Il regolamento del piano prevede periodi di black out durante i quali è interdetto l’esercizio delle opzioni tema di black nonché ogni operazione di acquisto, vendita, sottoscrizione o scambio di azioni (in particolarie, nei 30 out e sorte giorni precedenti la, e il giorno successivo alla, comunicazione al pubblico dell’approvazione, da parte del delle opzioni in Consiglio di Amministrazione, del progetto di bilancio e della relazione semestrale e nei 15 giorni casi particolari precedenti la, e il giorno successivo alla, comunicazione al pubblico dell’approvazione, da parte del Consiglio di Amministrazione, dei risultati del primo, secondo, terzo e quarto trimestre di ogni esercizio della Società), nonché specifiche disposizioni volte a disciplinare la sorte delle opzioni assegnate in caso di cessazione del rapporto di lavoro ovvero di decesso del beneficiario. La tabella che segue indica il numero di opzioni attribuite agli amministratori e ai principali dirigenti e collaboratori della Società. Soggetto Numero opzioni Gaetano Visalli 20.000 Marco Mannino 20.000 Marc-Udo Broich 8.000 Luciano Mario Bregola 4.000 Antonino Rotondo 20.000 Augusto Balestra 20.000 Angelo Sidoti 4.000 Paola Procopio 4.000 Totale 100.000 La Società valuterà la possibilità di assegnare ulteriori opzioni sulla base dell’esistente piano di stock option nonché di approvare nuovi piani ovvero altri strumenti di incentivazione, in funzione del rafforzamento della propria struttura di management. 184
  • 186. Sezione Prima 18. PRINCIPALI AZIONISTI 18.1 Principali azionisti Secondo le risultanze del libro soci, nonché sulla base delle altre informazioni a disposizione della Società, alla data del Prospetto Informativo, Airon S.A. detiene n. 99.150.000 azioni corrispondenti al 99,15% del capitale sociale dell’Emittente. La seguente tabella illustra la compagine azionaria dell’Emittente con indicazione del numero di azioni e della relativa percentuale del capitale sociale, in caso di integrale collocamento delle Azioni oggetto dell’Offerta Globale e di integrale esercizio della Greenshoe. Azionista Situazione alla data del Situazione successiva Situazione successiva all’Offerta Prospetto Informativo all’Offerta Globale Globale e alla Greenshoe Numero di azioni Percentuale Numero di azioni Percentuale Numero di azioni Percentuale Airon S.A. 99.150.000 99,15% 73.150.000 67,11% 67.900.000 62,29% Pasquale Siclari 600.000 0,60% 600.000 0,55% 600.000 0,55% Marc-Udo Broich 250.000 0,25% 250.000 0,23% 250.000 0,23% Mercato - - 35.000.000 32,11% 40.250.000 36,93% Totale 100.000.000 100 109.000.000 100 109.000.000 100 18.2 Diritti di voto dei principali azionisti Alla data del Prospetto Informativo, la Società ha emesso solamente azioni ordinarie; non esistono azioni portatrici di diritti di voto o di altra natura diversi dalle azioni ordinarie. 18.3 Soggetto controllante l’Emittente Alla data del Prospetto Informativo, Airon S.A. detiene il 99,15% del capitale sociale dell’Emittente. L’Arch. Siclari detiene il 100% di Airon S.A., nonché lo 0,6% del capitale sociale di Aicon. Pertanto l’Emittente è controllata di diritto, ai sensi dell’articolo 93 del Testo Unico, dall’Arch. Siclari. Anche in caso di integrale adesione dell’Offerta Globale, Airon S.A. deterrà complessivamente una partecipazione pari al 62,29% del capitale sociale dell’Emittente (assumendo anche l’integrale esercizio della Greenshoe). Pertanto, l’Arch. Siclari continuerà ad esercitare il controllo di diritto su Aicon ai sensi dell’articolo 93 del Testo Unico. 18.4 Accordi che possono determinare una variazione dell’assetto di controllo dell’Emittente Per quanto a conoscenza dell’Emittente, non sussistono accordi dalla cui attuazione possa scaturire, ad una data successiva alla data del Prospetto Informativo, una variazione dell’assetto di controllo dell’Emittente stesso. 185
  • 187. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. 19. OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Nel corso degli esercizi 2006, 2005 e 2004 e nel corso del trimestre chiuso al 30 novembre 2006 sono stati intrattenuti rapporti, sia commerciali sia finanziari, con società controllate, collegate e con altre entità correlate, descritti nelle seguenti tabelle; si segnala che tutte le operazioni poste in essere sono state effettuate a condizioni di mercato. I rapporti di debito/credito ed i costi ed i ricavi relativi ad operazioni tra società rientranti nel perimetro di consolidamento sono oggetto di elisione e pertanto non sono rappresentati nel presente Capitolo. Nel corso del periodo di riferimento, fra le società del Gruppo sono state poste in essere alcune operazioni straordinarie qui di seguito brevemente descritte. Nel mese di maggio 2004, Airon S.A. ha conferito in Aicon la propria quota di partecipazione, pari al 62,30%, del capitale di Aicon Yachts S.p.A.. A seguito del suddetto conferimento, del valore di Euro 5 milioni, il capitale sociale di Aicon è stato aumentato a Euro 2 milioni, determinando una riserva da sovrapprezzo pari a Euro 3 milioni (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 5, Paragrafo 5.1.5 e Capitolo 21, Paragrafo 21.1.7). Nel corso del mese di settembre 2005, al fine di attuare una riorganizzazione e razionalizzazione delle attività produttive, Aicon Resin S.r.l. ha ceduto, ad un prezzo pari ad Euro 100.000, il ramo d’azienda “produzione piccoli componenti in vetroresina” alla società collegata Meridian Yacht S.r.l., la quale ha assorbito l’intero personale occupato (Cfr. Sezione Prima, Capitolo 5, Paragrafo 5.1.5). Le tabelle che seguono evidenziano invece l’ammontare dei rapporti economici e patrimoniali con le controllanti, controllate e collegate da queste e con altre parti correlate: 31 agosto 2006 Debiti Crediti Costi Ricavi (in migliaia di Euro) Controllate Europlastic Sud S.r.l. 240 0,69% Collegate Nauta S.r.l. 196 0,82% Meridian Yacht S.r.l. 94 0,27% 258 1,08% 856 1,82% 135 0,23% MYD Building S.r.l. 282 1,18% Cantiere Noè D.Y. - S.r.l. 67 0,28% Elicost S.r.l. 40 0,17% Altre Troiso Luigi 5 0,01% 231 0,49% Aironblue S.r.l. 22 0,06% 1.073 4,49% 2 0,00% 3.230 5,47% Procube S.r.l. 6 0,02% Airon RE S.r.l. (già AR.COM. S.r.l.) 457 1,91% 112 0,24% Airon Italia S.r.l. 7 0,02% Totale 367 1,06% 2.380 9,95% 1.201 2,55% 3.365 5,69% Totale Totale Totale Totale debiti crediti costi ricavi 34.595 23.890 47.023 59.093 186
  • 188. Sezione Prima 31 agosto 2005 Debiti Crediti Costi Ricavi (in migliaia di Euro) Controllate Nauta S.r.l. 306 2,88% Cantiere Noè D.Y. - S.r.l. 67 0,63% Elicost S.r.l. 31 0,29% Altre Troiso Luigi 47 0,19% 47 0,16% Airon RE S.r.l. (già AR.COM. S.r.l.) 117 1,10% 96 0,32% Totale 47 0,19% 521 4,90% 143 0,48% Totale Totale Totale Totale debiti crediti costi ricavi 25.142 10.632 29.702 31 agosto 2004 Debiti Crediti Costi Ricavi (in migliaia di Euro) Controllate Nauta S.r.l. 1.025 15.39% 1.100 3,67% Cantiere Noè D.Y. - S.r.l. 7 0,05% 58 0,87% 6 0,04% Altre Airon RE S.r.l. (già AR.COM. S.r.l.) 3 0,02% 267 1,62% Totale 10 0,07% 1.083 16,26% 273 1,66% 1.100 3,67% Totale Totale Totale Totale debiti crediti costi ricavi 15.165 6.661 16.478 29.990 30 novembre 2006 Debiti Crediti Costi Ricavi (in migliaia di Euro) Collegate Nauta S.r.l. 196 0,58% Cantiere Noè D.Y. - S.r.l. 67 0,20% Elicost S.r.l. 28 0,08% 40 0,12% Meridian Yacht S.r.l. 205 0,59% 343 1,01% 387 2,53% 14 0,05% Controllate Europlastic Sud S.r.l. Altre Troiso Luigi 5 0,01% Airon RE S.r.l. (già AR.COM. S.r.l.) 549 1,61% Airon Italia S.r.l. 7 0,02% Procube S.r.l. 6 0,02% MYD Bulding S.r.l. 282 0,83% HL S.r.l. 210 0,60% 3.012 8,86% 2.300 8,87% Aironblue S.r.l. 285 0,82% 2.363 6,95% 16 0,10% 776 2,99% Totale 739 2,12% 6.859 20,17% 403 2,46% 3.090 11,91% Totale Totale Totale Totale debiti crediti costi ricavi 34.821 34.014 15.276 25.938 187
  • 189. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. I rapporti in essere con le società collegate e con altre entità correlate sono continuativi e di natura commerciale e sono regolati a condizioni di mercato. Più precisamente: (a) Meridian Yacht S.r.l. svolge attività di produzione componenti in vetroresina e lavorazioni relative (carrozzeria). La società acquista dal Gruppo materie prime quali resina, fibra di vetro, gelcoat, ecc. per la produzione dei componenti in vetroresina. Inoltre, la stessa è anche fornitore del Gruppo, in modo particolare per i piccoli componenti in vetroresina per le linee 56' e 64'. Aicon Yachts S.p.A. partecipa al 40% e, nel corso dell’esercizio 2005/2006, Aicon Resin S.r.l. ha ceduto il ramo d’azienda “produzione piccoli componenti in vetroresina”. (b) Airon Re S.r.l. (già AR.COM. S.r.l. – Airon S.r.l.) svolge attività immobiliare e concede in locazione i capannoni industriali di proprietà siti in Pace del Mela – Fraz. Giammoro. Nel mese di dicembre 2005 è scaduto il contratto di comodato d’uso gratuito per l’area su cui sono stati realizzati da Aicon Yachts S.p.A. due capannoni industriali adibiti a falegnameria, rientrando gli stessi, per accessione, nella proprietà di Airon Re S.r.l.. Alla data del Prospetto Informativo è in vigore un contratto di locazione pluriennale tra Airon RE S.r.l. e Aicon Yachts S.p.A. per i capannoni suddetti. Airon RE S.r.l. è una società a responsabilità limitata controllata interamente da Airon S.A.. (c) Nauta S.r.l. è una società che svolge attività di charter e turismo nautico. La società è partecipata da Aicon al 37,5%. I crediti esposti in bilancio sono imputabili all’acquisto di un’imbarcazione Aicon. (d) Aironblue S.r.l. è anch’essa una società operante nel comparto del turismo nautico, con specifico riferimento all’attività di chartering. Nel corso dell’esercizio 2006, Aicon ha ceduto la propria quota di partecipazione in Aironblue S.r.l. (il 70%) ad Airon Italia S.r.l (controllata da Airon S.A.); pertanto, Aironblue S.r.l. è uscita dal perimetro di consolidamento del Gruppo. È stato peraltro contestulamente siglato un contratto che obbliga Aironblue S.r.l. ad effettuare la sua attività di charter nautico esclusivamente con imbarcazioni a marchio Aicon. Per effetto di tale esclusiva, il Gruppo ha concesso un contributo promozionale. Aironblue S.r.l. ha acquistato dal Gruppo tre imbarcazioni Aicon nell’esercizio 2006 ed una imbarcazione nel trimestre al 30 novembre 2006. (e) Airon Italia S.r.l. è una società controllata al 99% da Airon S.A., ad oggi inattiva, costituita nel corso del 2006, che detiene il controllo di Aironblue S.r.l.. Le interazione dirette con il Gruppo sono ridotte in termini quantitativi. (f) Cantiere Noè Divisione Yachting S.r.l. opera nel comparto cantieristico. Nasce da un’iniziativa congiunta di Cantiere Noè S.p.A. e Aicon Yacht S.p.A., che hanno sottoscritto una quota di partecipazione paritetica (pari al 50%) al fine di utilizzare anche il distretto nautico di Augusta per la produzione di yacht di lusso. A seguito della successiva decisione strategica del Gruppo di concentrare tutti gli opifici industriali nell’area di Giammoro, la società non è mai stata operativa. Nel settembre 2006 Aicon Yachts S.p.A., a seguito dell’esercizio della facoltà di recesso, ha avuto liquidata la propria quota di partecipazione, pari al 50%, in Cantiere Noè 188
  • 190. Sezione Prima Divisione Yachting S.r.l.. Le partite residue presenti nel bilancio 2006, 2005 e 2004 e nella relazione trimestrale scaturiscono da interazioni pregresse ancora da chiudere. (g) MYD Building S.r.l. è una società costituita con lo scopo di supportare la realizzazione del Polo Nautico di Messina. La società è partecipata da Aicon al 24% ed ha lo scopo di progettare, realizzare e gestire il porto di servizio interno al polo nautico previsto nel programma. La società ha inoltre acquisito direttamente alcuni terreni ubicati nell’area del Polo Nautico, concedendone comodato di uso gratuito ad Aicon Yachts S.p.A.. Le partite presenti nel bilancio 2006 e nella relazione trimestrale al 30 novembre 2006 si riferiscono a finanziamento soci. (h) Europlastic Sud S.r.l. è una società il cui controllo è stato acquisito dal Gruppo nell’esercizio 2005 e che non è stata inclusa nel perimetro di consolidamento nel bilancio chiuso al 31 agosto 2006. Al momento dell’acquisizione delle quote la società risultava inattiva. Il debito presente a bilancio fa riferimento ad una cauzione su un contratto di cessione know-how (come anticipo in garanzie per future royalties) da parte di Aicon Resin S.r.l.. (i) Procube S.r.l. è una newco costituita da vari docenti e ricercatori delle Università di Messina e Palermo, i quali detengono la maggioranza societaria, e da Aicon, che detiene una partecipazione pari al 15%. La società ha ususfruito di un Decreto di concessione di agevolazioni da parte del MIUR per il programma di Ricerca e Sviluppo da intraprendere, propedeutico alla successiva attività industriale. L’attività concernerà la produzione di componenti e pannelli in materiale composito. La voce presente a bilancio si riferisce ai decimi di capitale sociale ancora da versare. (j) Elicost S.r.l. è una società di produzione e noleggio elicotteri, partecipata per il 45% da Aicon; la partita di credito riportata a bilancio 2006 e 2005 e nella relazione trimestrale al 30 novembre 2006 si riferisce ad un importo versato per conto della costituenda Elicost S.r.l., mentre la partita di debito riportata nella relazione trimestrale al 30 novembre 2006 si riferisce, per una parte, a parziale compensazione della voce di credito e, per un’altra, a decimi di capitale sociale ancora da versare. (k) Troiso Luigi è un’impresa individuale, non operativa alla data di pubblicazione del Prospetto Informativo, di poprietà del sig. Luigi Troiso, genero dell’Arch. Siclari. Tale ditta individuale ha svolto lavorazioni per le attività di preallestimento per conto di Aicon Yachts S.p.A.. Le cifre a bilancio fanno riferimento alla suddetta attività. Alla data del Prospetto Informativo, la ditta in oggetto non svolge più alcuna attività per conto di Aicon Yachts S.p.A.. (l) H.L. S.r.l. è una società controllata al 100% da Airon Italia S.r.l. e quindi, indirettamente, da Airon S.A.. HL S.r.l. svolge attività di dealership per l’area che da Genova arriva all’Argentario. I crediti risultanti dalla relazione trimestrale al 30 novembre 2006 si riferiscono alla vendita di 2 imbarcazioni (per complessivi 2.510 migliaia di Euro + IVA), cui corrispondono ricavi (al netto degli acconti versati) per 2.300 migliaia di Euro. Dalla relazione trimestrale consolidata al 30 novembre 2006 risultano altresì debiti nei confronti della società (per complessivi 210 migliaia di Euro), corrispondenti ad acconti versati con riferimento alle suddette imbarcazioni. 189
  • 191. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. I debiti e i crediti commerciali rappresentano gli ammontari di saldo a scadere derivanti da rapporti di forniture commerciali. Le società del Gruppo Aicon non detengono al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, né hanno detenuto nel corso del periodo, azioni proprie, di Aicon, né direttamente, né per il tramite di fiduciarie. Amministratori Negli esercizi al 2006, 2005 e 2004, agli amministratori di Aicon sono stati riconosciuti compensi per Euro 591 migliaia. Nel corso degli esercizi non sono state effettuate operazioni con amministratori. 190
  • 192. Sezione Prima 20. INFORMAZIONI ECONOMICO-PATRIMONIALI RIGUARDANTI LE ATTIVITÀ E LE PASSIVITÀ, LA SITUAZIONE FINANZIARIA E I PROFITTI E LE PERDITE DEL GRUPPO 20.1 Informazioni finanziarie relative agli esercizi passati Il presente Paragrafo include le informazioni economico-finanziarie desunte dai Bilanci Consolidati di Gruppo per l’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 predisposti in conformità agli IFRS adottati dall’Unione Europea, così come approvati dal Consiglio di Amministrazione dell’Emittente in data 5 dicembre 2006. Segnaliamo che la relazione della Società di Revisione con riferimento ai Bilanci Consolidati di Gruppo per l’esercizio chiuso al 31 agosto 2006, 2005 e 2004, inclusa in allegato al presente Prospetto Informativo, non contiene alcun rilievo. Inoltre per quanto attiene le relazioni della Società di Revisione sui bilanci consolidati di Gruppo per l’esercizio chiuso al 31 agosto 2005 e 2006 redatti in base ai principi contabili italiani segnaliamo che, rispettivamente, non contengono alcun rilievo e contengono un richiamo di informativa circa l’acquisizione di interessi di minoranza, la modifica rispetto al precedente esercizio del trattamento contabile dei beni acquisiti in locazione finanziaria nonché la modifica delle classificazioni di alcune poste di bilancio rispetto al precedente esercizio. Infine, le relazioni della Società di Revisione sui bilanci di esercizio di Aicon S.p.A. per l’esercizio chiuso al 31 agosto 2005 e 2006, rispettivamente, non contengono alcun rilievo e contengono un richiamo di informativa sulle acquisizioni di interessi di minoranza e sui metodi di valutazione delle partecipazioni in società controllate. Come segnalato nel Capitolo 3 della presente Sezione del Prospetto Informativo, si evidenzia che i bilanci consolidati del Gruppo relativi agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 e la relazione trimestrale consolidata al 30 novembre 2006 sono stati redatti in conformità agli IFRS adottati dall’Unione Europea ai soli fini dell’inclusione degli stessi nel Prospetto Informativo. Conformemente a quanto previsto al D. Lgs. 28 febbraio 2005, n. 38, la Società comincerà ad utilizzare gli IFRS adottati dall’Unione Europea per la redazione del bilancio d’esercizio e del bilancio consolidato rispettivamente dall’esercizio che chiuderà al 31 agosto 2007 e dal semestre che chiuderà il 29 febbraio 2007. La data di transizione agli IFRS del Gruppo resta comunque quella del 1 settembre 2003. 191
  • 193. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO (migliaia di Euro) Al 31 agosto Attivo Note 2006 2005 2004 Attività non correnti Immobili, attrezzature impianti e macchinari 1 18.513 15.656 8.705 Attività immateriali 2 4.246 1.178 903 Attività finanziarie 3 307 248 197 Attività finanziarie valutate al Fair Value 15 - - Attività per imposte anticipate 4 1.597 1.772 980 Altre attività 5 256 147 112 Totale attività non correnti 24.934 19.001 10.897 Attività correnti Rimanenze 6 22.288 14.640 3.952 Lavori in corso su ordinazione 6 15.580 7.938 6.076 Crediti commerciali 7 15.862 8.227 6.219 Attività finanziarie 8 15 36 215 Attività finanziarie valutate al Fair Value 14 - - Altre attività 9 5.886 1.485 407 Crediti per imposte sul reddito 10 2.161 920 35 Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 11 8.320 4.772 3.133 Attività possedute per la vendita ed attività incluse nei gruppi in dismissione 12 - 6.323 3.552 Totale attività correnti 70.126 44.341 23.589 Totale attività 95.060 63.342 34.486 (migliaia di Euro) Al 31 agosto Passivo Note 2006 2005 2004 PATRIMONIO NETTO 13 Capitale sociale 2.000 2.000 2.000 Riserve (58) 2 (6) Risultati portati a nuovo 10.123 2.347 551 Totale Patrimonio Netto di pertinenza del Gruppo 12.065 4.349 2.545 Patrimonio Netto di pertinenza di terzi 129 3.073 1.969 Totale Patrimonio Netto 12.194 7.422 4.514 PASSIVITÀ NON CORRENTI Passività finanziarie 14 10.954 10.129 4.150 Benefici per i dipendenti 15 631 500 386 Passività per imposte differite 4 1.525 782 356 Fondi per rischi ed oneri 16 2.509 1.761 902 Altre passività 17 4.403 3.175 2.055 Totale passività non correnti 20.022 16.347 7.849 PASSIVITÀ CORRENTI Debiti commerciali 18 24.281 18.448 10.225 Passività finanziarie 28.251 9.885 4.716 Altre passività 19 3.918 1.350 1.361 Debiti per imposte 20 6.394 5.344 3.580 Passività incluse nei gruppi in dismissione classificati come posseduti per la vendita 12 - 4.546 2.241 Totale Passività correnti 62.844 39.573 22.123 Totale Passività e Patrimonio Netto 95.060 63.342 34.486 192
  • 194. Sezione Prima CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO Esercizio chiuso al 31 agosto (migliaia di Euro) Note 2006 2005 2004 Ricavi 21 59.093 36.764 29.990 Altri proventi 22 2.435 1.604 777 Variazione rimanenze merci, prodotti finiti, in corso di lavorazione e semilavorati 23 7.648 10.688 (982) Materie prime, materiali di consumo e merci utilizzate 24 (33.133) (21.906) (11.986) Costi per Servizi 25 (13.890) (7.796) (4.492) Costi per godimento di beni di terzi 26 (1.109) (931) (229) Costi del personale 27 (5.774) (5.071) (4.364) Altri costi operativi 28 (799) (1.860) (1.453) Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni 29 7.543 3.174 1.838 Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni 30 (5.535) (3.990) (3.437) Risultato operativo 16.479 10.676 5.662 Proventi finanziari e assimilati 31 39 22 17 Oneri finanziari e assimilati 31 (2.190) (1.392) (515) Risultato prima delle imposte e del risultato delle attività destinate ad essere cedute 14.328 9.306 5.164 Imposte dell’esercizio 32 (5.344) (3.880) (3.009) Risultato netto prima del risultato delle attività destinate ad essere cedute 8.984 5.426 2.155 Risultato da attività cessate/destinate ad essere cedute 33 (106) (2.519) (374) Utile d’esercizio 8.878 2.907 1.781 Quota di pertinenza dei terzi (11) 1.103 695 Quota di pertinenza del gruppo 8.889 1.804 1.086 Utile per azione – base e diluito 13 4,44 1,45 0,89 193
  • 195. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO (migliaia di Euro) Esercizio chiuso al 31 agosto 2006 2005 2004 Flusso di cassa da attività operative: Utile d’esercizio 8.878 2.907 1.781 Ammortamenti 3.927 2.496 1.453 Proventi finanziari e assimilati (39) (22) (17) Oneri finanziari e assimilati 2.190 1.392 515 Perdite di valore delle immobilizzazioni e svalutazioni delle rimanenze 286 693 2.131 Accantonamento ai piani pensionistici e al fondo trattamento di fine rapporto 285 202 220 Variazione fondi rischi e fondo imposte 2.704 2.595 2.588 Incremento crediti commerciali (9.516) (2.074) (2.174) Incremento altri crediti (5.742) (1.822) 1.935 Incremento rimanenze e lavori in corso su ordinazione (15.291) (10.911) (2.605) Incremento debiti commerciali ed acconti 5.833 8.223 757 Incremento altri debiti 4.173 1.110 568 Utilizzi dei piani pensionistici e del fondo trattamento di fine rapporto (184) (147) (60) Flussi di cassa da attività destinate a cessare 106 (467) (1.311) Flusso di cassa generato da attività operative (2.390) 4.175 5.781 Flusso di cassa da attività di investimento: Investimenti in partecipazioni (1.172) (51) (69) Incremento delle immobilizzazioni materiali (5.839) (9.277) (4.664) Incremento delle immobilizzazioni immateriali (4.091) (921) (1.743) Flusso di cassa utilizzato da attività di investimento (11.102) (10.249) (6.476) Flusso di cassa da attività di finanziamento: Incremento finanziamenti da terzi 17.870 8.700 3.402 Rimborso finanziamenti da terzi (830) (987) (53) Flusso di cassa generato da attività di finanziamento 17.040 7.713 3.349 Incremento delle disponibilità liquide 3.548 1.639 2.654 Disponibilità liquide al 1° settembre 4.772 3.133 479 Disponibilità liquide al 31 agosto 8.320 4.772 3.133 194
  • 196. Sezione Prima PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO Patrimonio netto di pertinenza del Gruppo (migliaia di Euro) Capitale Riserva Riserva da Altre Utili Patrimonio Patrimonio Totale legale traduzione Riserve portati netto di netto di Patrimonio a pertinenza pertinenza netto nuovo del Gruppo di Terzi Saldi al 1° settembre 2003 1.248 53 - 966 1.218 3.485 - 3.485 Adozione degli IFRS - - - - (940) (940) 121 (819) Saldi al 1° settembre 2003 1.248 53 966 278 2.545 121 2.666 IFRS Acquisizione inversa 752 (53) (6) (966) (813) (1.086) 1.153 67 Utile d’esercizio 2004 - - - - 1.086 1.086 695 1.781 Saldi al 31 agosto 2004 2.000 - (6) - 551 2.545 1.969 4.514 Altro - - 8 - (8) - - - Utile d’esercizio 2005 1.804 1.804 1.103 2.907 Saldi al 31 agosto 2005 2.000 - 2 - 2.347 4.349 3.073 7.422 Acquisizione di minorities (1.113) (1.113) (1.113) Cessione di due società - - (60) - (60) (2.933) (2.993) Utile d’esercizio 2006 - - - - 8.889 8.889 (11) 8.878 Saldi al 31 agosto 2006 2.000 - (58) - 10.123 12.065 129 12.194 195
  • 197. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. NOTE AI BILANCI CONSOLIDATI PREMESSA Aicon S.p.A. è una società per azioni avente sede legale in Via Larga, 15 - 20100 – Milano ed è controllata al 99,4% dalla Airon S.A., società di diritto lussemburghese le cui azioni sono interamente detenute dall’Arch. Siclari; il restante 0,6% è detenuto dall’Arch. Siclari. Aicon S.p.A. e le sue controllate (di seguito anche il “Gruppo” o il “Gruppo Aicon”) operano nella progettazione, costruzione e commercializzazione di imbarcazioni a motore e sono specializzate nella produzione di motoryacht di lusso e nella fornitura di tutti gli annessi servizi di post-vendita. L’esercizio del Gruppo chiude al 31 agosto, in quanto il periodo 1° settembre – 31 agosto, riflette meglio l’andamento del ciclo produttivo e di vendita del Gruppo. Aicon S.p.A. è stata costituita in data 27 marzo 2004 e in data 3 maggio 2004 ha acquisito, tramite un conferimento di partecipazione, il controllo di Aicon Yacht S.p.A. e delle sue partecipate. Tale acquisizione nel contesto degli IFRS, ovvero dei principi contabili di riferimento per la redazione del presente bilancio consolidato si configura, ai sensi dell’IFRS 3, come operazione “under common control” e cioè, un’operazione di aggregazione aziendale in cui tutte le società o attività aziendali partecipanti sono definitivamente controllate da una medesima società o dalle medesime società sia prima, sia dopo l’aggregazione, e tale controllo non è transitorio. Il trattamento contabile di tali operazioni non è attualmente disciplinato dagli IFRS. Nello specifico, la Società ha adottato quale proprio principio contabile per la contabilizzazione di tale operazione quanto disciplinato dal Paragrafo 22, dell’IFRS 3, identificando tale operazione un’acquisizione inversa, ovvero una transazione dove, applicando il principio della sostanza sopra la forma, il soggetto acquirente è stato identificato nella Aicon Yacht S.p.A. ed il soggetto acquisito nella Aicon S.p.A.. Tale tipo di rilevazione ha determinato il mantenimento dei valori contabili alla data della transazione sia di Aicon Yacht S.p.A. che delle sue partecipate senza apportare alcuna revisione per adeguare gli stessi al relativo valore di mercato, in quanto, come sopra indicato, detta società è stata identificata come il soggetto acquirente. Come si evince anche dalla tabella del prospetto delle variazioni del patrimonio netto consolidato al Paragrafo 20.1, tale operazione ha comportato un incremento netto del patrimonio netto totale del Gruppo e di terzi di circa Euro 67 mila dovuto esclusivamente al consolidamento delle società partecipate dal Gruppo a partire dall’esercizio 2004. CRITERI GENERALI DI REDAZIONE Modalità di presentazione I Bilanci consolidati del Gruppo Aicon, relativi agli esercizi chiusi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 riesposti in accordo con gli IFRS adottati dall’Unione Europea sono stati redatti per l’inserimento nel Prospetto Informativo che la Società sta predisponendo nell’ambito del processo di quotazione sul Mercato STAR organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., inclusa la connessa offerta pubblica di vendita in Italia e all’estero, delle relative azioni ordinarie. Ai fini della predisposizione dei presenti Bilanci Consolidati, il Gruppo ha, come di seguito descritto, attivato un processo di transizione agli IFRS. Per IFRS si intendono tutti gli “International Financial 196
  • 198. Sezione Prima Reporting Standards”, tutti gli International Accounting Standards (“IAS”), tutte le interpretazioni dell’International Financial Reporting Interpretations Committee (“IFRIC”), tutte le interpretazioni dello Standing Interpretations Committee (“SIC”), ad oggi adottati dall’Unione Europea e contenuti nei relativi Regolamenti U.E. pubblicati sino al 5 Dicembre 2006, data in cui il Consiglio di Amministrazione di Aicon S.p.A. ha approvato la presente informativa ed autorizzato l’emissione del presente documento. Si segnala, con particolare riferimento al primo bilancio consolidato rappresentato secondo gli IFRS, che Aicon S.p.A. non ha predisposto il bilancio consolidato per l’esercizio 2004 in quanto in applicazione della vigente normativa italiana non ne era tenuta; conseguentemente le riconciliazioni e gli effetti della transizione dai Principi Contabili Italiani agli IFRS di cui al Paragrafo successivo vengono illustrati avendo come dato di partenza lo stato patrimoniale al 1° settembre 2003 di Aicon Yacht S.p.A. predisposto secondo i criteri di valutazione e misurazione previsti dalle norme di legge vigenti alla data di riferimento di detto bilancio consolidato che disciplinano i criteri di redazione dei bilanci, come interpretate ed integrate dai principi contabili emanati dai Consigli Nazionali dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri e dal documento interpretativo OIC 1 “I principali effetti della riforma del diritto societario sulla redazione del bilancio d’esercizio” predisposto dall’Organismo Italiano di Contabilità. Gli IFRS sono stati recentemente applicati per la prima volta in Italia e contestualmente in altri Paesi e nel loro contesto vi sono numerosi principi di recente pubblicazione, o revisione, per i quali non esiste ancora una prassi consolidata alla quale fare riferimento ai fini dell’interpretazione ed applicazione. I presenti Bilanci Consolidati sono stati pertanto redatti sulla base delle migliori conoscenze degli IFRS e tenuto conto della miglior dottrina in materia; eventuali futuri orientamenti e aggiornamenti interpretativi troveranno riflesso nei successivi esercizi, secondo le modalità di volta in volta previste dai principi contabili di riferimento. I principi e criteri contabili descritti nel presente documento sono stati applicati uniformemente a tutti i periodi presentati. I presenti Bilanci Consolidati, sono redatti in Euro, moneta corrente nell’economia in cui il Gruppo prevalentemente opera, e sono costituiti dallo stato patrimoniale consolidato, dal conto economico consolidato, dal rendiconto finanziario consolidato, dal prospetto delle variazioni del patrimonio netto e dalle presenti note. Tutti i valori indicati nelle note, sono espressi in migliaia di Euro, salvo ove diversamente indicato. Relativamente alle modalità di presentazione degli schemi di bilancio, per lo stato patrimoniale è stato adottato il criterio di distinzione “corrente/non corrente”, per il conto economico lo schema scalare con la classificazione dei costi per natura e per il rendiconto finanziario il metodo di rappresentazione indiretto. 197
  • 199. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Prima adozione degli IFRS Il Paragrafo “La transazione agli IFRS” include la descrizione degli effetti connessi al processo di transizione dai Principi Contabili Italiani agli IFRS. In particolare, sono inclusi e descritti: • la riconciliazione del patrimonio netto consolidato determinato in applicazione dei criteri di rilevazione e misurazione previsti dai Principi Contabili Italiani con patrimonio netto consolidato del Gruppo determinato in accordo con gli IFRS nonché la riconciliazione del patrimonio netto consolidato per l’esercizio chiuso al 1 settembre 2003 (data di transizione); e • gli effetti della transizione sul patrimonio netto consolidato al 31 agosto 2006 nonché sul conto economico del Gruppo al 31 agosto 2006. Gli effetti della transizione agli IFRS derivano dall’applicazione di diversi principi contabili che, come previsto dall’IFRS 1, sono riflessi sul patrimonio netto iniziale alla data di transizione del 1° settembre 2003. Il passaggio agli IFRS ha comportato il mantenimento delle stime precedentemente formulate secondo i Principi Contabili Italiani, salvo per quei casi in cui l’adozione degli IFRS abbia richiesto la formulazione di stime secondo metodologie differenti. CRITERI E METODOLOGIE DI CONSOLIDAMENTO Si segnala che, in considerazione della naturale evoluzione e crescita del Gruppo, e tenuto conto che la Società è stata costituita nel marzo del 2004, i presenti Bilanci Consolidati del Gruppo Aicon fanno riferimento: • per quanto attiene allo stato patrimoniale consolidato di apertura al 1 settembre 2003 ai bilanci di Aicon Yacht S.p.A. e delle entità sulle quali la stessa esercitava, direttamente o indirettamente il controllo; e • per quanto attiene il patrimonio netto consolidato al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 ed al conto economico consolidato al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 ai bilanci della Aicon S.p.A. e delle entità sulle quali la stessa esercita direttamente o indirettamente il controllo. Il controllo si intende esercitato a partire dalla data in cui lo stesso è stato acquisito e sino alla data in cui è cessato. Il controllo è esercitato sia in forza del possesso diretto o indiretto della maggioranza delle azioni o quote con diritto di voto, sia per effetto dell’esercizio di un’influenza dominante espressa dal potere di determinare, anche indirettamente, in forza di accordi contrattuali o legali, le scelte finanziarie e gestionali delle entità, ottenendone i benefici relativi, a prescindere da rapporti di natura azionaria. Al fine della determinazione del controllo, si tiene conto dell’esistenza di potenziali diritti di voto effettivamente esercitabili o convertibili alla data di riferimento. Non sono state incluse nell’area di consolidamento, pertanto non sono consolidate con il metodo integrale, le entità controllate la cui inclusione non produrrebbe effetti significativi da un punto di vista sia quantitativo che qualitativo ai fini di una corretta rappresentazione della situazione patrimoniale, economica e finanziaria del Gruppo. Tali entità sono state contabilizzate con il metodo del patrimonio netto, i cui valori sono analiticamente esposti al successivo Paragrafo 3. 198
  • 200. Sezione Prima I criteri adottati per il consolidamento integrale delle partecipate sono i seguenti: • le attività e le passività, gli oneri e i proventi delle entità consolidate integralmente sono assunti linea per linea nel loro ammontare complessivo, attribuendo ai soci di minoranza, ove applicabile, la quota di patrimonio netto e di risultato d’esercizio di loro spettanza; tali voci sono evidenziate separatamente nell’ambito del patrimonio netto e del conto economico consolidato; • le operazioni di aggregazione di imprese in forza delle quali viene acquisito il controllo di un’entità sono contabilizzate applicando il metodo dell’acquisto (“purchase method”). Il costo di acquisizione corrisponde al valore corrente (“fair value”) alla data di acquisto delle attività cedute, delle passività assunte, degli strumenti di capitale emessi e di ogni altro onere accessorio direttamente attribuibile; la differenza tra il costo di acquisizione ed il valore corrente delle attività e passività acquistate, se positiva, è iscritta nelle attività immateriali alla voce “Differenze da consolidamento”, ovvero, se negativa, dopo aver riverificato la corretta misurazione dei valori correnti delle attività e passività acquisite e del costo di acquisizione, é contabilizzata a conto economico; • le acquisizioni di quote di minoranza relative ad entità per le quali esiste già il controllo non sono considerate tali, bensì operazioni sul patrimonio netto; in assenza di un principio contabile di riferimento il Gruppo, conformemente a quanto previsto dallo IAS 8, ha assunto quale criterio contabile per la rilevazione di tali operazioni, quello di contabilizzare la differenza tra il costo sostenuto per l’acquisizione e le relative quote di patrimonio netto contabile direttamente a patrimonio netto; • gli utili e le perdite, con i relativi effetti fiscali, derivanti da operazioni effettuate tra società consolidate integralmente e non ancora realizzati nei confronti di terzi, sono eliminati, ad eccezione delle perdite rappresentative della riduzione di valore, come pure i reciproci rapporti di debito e credito, i costi e i ricavi, nonché gli oneri e i proventi finanziari; e • gli utili o le perdite derivanti dalla cessione di quote di partecipazione in entità consolidate sono imputati a conto economico per l’ammontare corrispondente alla differenza fra il prezzo di vendita e la corrispondente frazione di patrimonio netto consolidato della ceduta. Le partecipazioni in società nelle quali il Gruppo ha un’influenza notevole (di seguito “Società Collegate”), che si presume sussistere quando la percentuale di partecipazione è compresa tra il 20% ed il 50%, sono contabilizzate con il metodo del patrimonio netto ed il relativo valore è iscritto nell’apposita voce tra le attività non correnti. Di seguito è descritta la metodologia di applicazione del metodo del patrimonio netto: • il valore contabile delle partecipazioni è allineato al patrimonio netto della società partecipata rettificato, ove necessario, per riflettere l’applicazione di principi contabili conformi a quelli applicati dal Gruppo e comprende, ove applicabile, l’iscrizione dell’eventuale avviamento individuato al momento della acquisizione; • gli utili o le perdite di pertinenza del Gruppo sono contabilizzati nel conto economico consolidato dalla data in cui l’influenza notevole ha avuto inizio e fino alla data in cui essa cessa. Nel caso in 199
  • 201. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. cui per effetto delle perdite la società partecipata evidenzi un patrimonio netto negativo, il valore di carico della partecipazione è annullato e l’eventuale eccedenza di pertinenza del Gruppo è rilevata in un apposito fondo, solo nel caso il cui il Gruppo si sia impegnato ad adempiere ad obbligazioni legali o implicite dell’impresa partecipata o comunque a coprirne le perdite. Le variazioni di patrimonio netto delle società partecipate non determinate dal risultato di conto economico sono contabilizzate direttamente a rettifica delle riserve di patrimonio netto; e • gli utili e le perdite non realizzati generati su operazioni poste in essere tra le entità collegate e le altre società appartenenti al Gruppo sono eliminati in funzione del valore della quota di partecipazione del Gruppo nella singola società collegata. Le perdite non realizzate sono eliminate ad eccezione del caso in cui esse siano rappresentative di riduzione di valore. I bilanci delle società incluse nell’area di consolidamento sono redatti utilizzando la valuta dell’ambiente economico primario in cui esse operano (“Valuta Funzionale”). Il bilancio consolidato è presentato in Euro, che è la valuta di presentazione del bilancio consolidato. Le regole per la traduzione dei bilanci delle società che hanno valuta funzionale diversa dall’Euro sono le seguenti: • le attività e le passività sono convertite utilizzando i tassi di cambio in essere alla data di riferimento del bilancio; • i costi e i ricavi sono convertiti al cambio medio dell’esercizio; • la “riserva di conversione valutaria” accoglie sia le differenze di cambio generate dalla conversione delle grandezze economiche ad un tasso differente da quello di chiusura che quelle generate dalla traduzione dei patrimoni netti di apertura ad un tasso di cambio differente da quello di chiusura del periodo di rendicontazione; • l’avviamento e gli aggiustamenti derivanti dal fair value correlati all’acquisizione di una entità estera sono trattati come attività e passività della entità estera e tradotti al cambio di chiusura del periodo; e • nella preparazione del rendiconto finanziario consolidato sono utilizzati i tassi medi di cambio di periodo per convertire i flussi di cassa delle società controllate estere. Con riferimento agli esercizi chiusi al 31 agosto 2004, 2005 e 2006 è stato utilizzato esclusivamente il rapporto di cambio US$/Euro che alle date di riferimento dei singoli bilanci risultava essere pari a 1,2811, 1,2031, 1,2111 rispettivamente al 31 agosto 2006, 2005 e 2004. Il tasso di cambio US$/Euro utilizzato per la conversione dei conti economici ovvero la media dei tassi per i dodici mesi al 31 agosto 2006, 2005 e 2004 risultano pari rispettivamente a 1,2263, 1,255, 1,2114. 200
  • 202. Sezione Prima Nelle tabelle di seguito riportate viene fornito l’elenco delle partecipazioni del Gruppo con evidenza del criterio di consolidamento e di valutazione adottato per ciascun anno (l’indicazione delle percentuali di possesso è quella indiretta detenuta quindi attraverso società controllate). Al 31 agosto 2004 Capitale Criterio di Sede sociale in % di possesso consolidamento/valutazione Controllate Legale unità di Euro 1 settembre 2003 31 agosto 2004 1 settembre 2003 31 agosto 2004 Aicon Yacht S.p.A. Italia 1.248.000 - 62,3 - Integrale Aicon Yacht LLC USA 400.000 USD - 54,6 - Integrale Aicon Interiors S.r.l. Italia 10.000 95 59,2 Integrale Integrale Aicon Resin S.r.l. Italia 10.000 51 52,9 Integrale Integrale Aicon Yacht S.r.l. Italia 30.600 85 52,9 Integrale Integrale Aironblue S.r.l. Italia 10.000 - 70 - Integrale Yacht Interiors S.r.l. Italia 10.000 - 59,2- - Integrale Marine System S.r.l. Italia 10.000 - 59,2 - Integrale Collegate ed altre Ainar S.r.l. Italia 10.000 50 31,2 Patrimonio netto Patrimonio netto C.N.D.Y. S.r.l. Italia 10.000 50 31,2 Patrimonio netto Patrimonio netto Meridian Yacht S.r.l. Italia 10.000 60 37,4 Patrimonio netto Patrimonio netto Nauta S.r.l. Italia 10.000 - 37,5 - Patrimonio netto Al 31 agosto 2005 - 2006 Capitale Criterio di Sede sociale in % di possesso consolidamento/valutazione Controllate Legale unità di Euro 31 agosto 2005 31 agosto 2006 31 agosto 2005 31 agosto 2006 Aicon Yacht S.p.A. Italia 1.248.000 62,3 100 Integrale Integrale Aicon Yacht LLC USA 400.000 USD 54,6 87,6 Integrale Integrale Aicon Yacht Americas USA 100.000 USD - 100 Integrale Integrale LLC Aicon Interiors S.r.l. Italia 10.000 59,2 100 Integrale Integrale Aicon Resin S.r.l. Italia 10.000 52,9 100 Integrale Integrale Yacht Interiors S.r.l. Italia 10.000 59,2 95 Integrale Integrale Marine System S.r.l. Italia 10.000 59,2 95 Integrale Integrale Aicon Yacht Europe S.r.l. Italia 25.000 100 100 Integrale Integrale Aicon International Trading Shanghai 100.000 USD 100 100 Integrale Integrale Aicon Yacht S.r.l. Italia 30.600 52,9 - Integrale - Aironblue S.r.l. Italia 10.000 70 - Integrale - Ainar S.r.l. Italia 20.000 31,2 97,5 Patrimonio netto Patrimonio netto Europlastic Sud S.r.l. Italia 10.000 - 100 Patrimonio netto Patrimonio netto Collegate ed altre C.N.D.Y. S.r.l. Italia 10.000 31,2 50 Patrimonio netto Patrimonio netto Meridian Yacht S.r.l. Italia 10.000 37,4 40 Costo Costo Procube S.r.l. Italia 7.000 - 15 - Costo Elicost S.r.l. Italia 18.000 - 45 - Patrimonio netto MYD Building S.r.l. Italia 7.000 - 24 - Patrimonio netto Nauta S.r.l. Italia 10.000 37,5 37,5 Patrimonio netto Patrimonio netto 201
  • 203. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. SINTESI DEI PRINCIPI CONTABILI E DEI CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI I presenti Bilanci Consolidati sono stati redatti applicando il criterio del costo, salvo che nella valutazione degli strumenti finanziari, nei casi in cui è obbligatoria l’applicazione del criterio del fair value. Di seguito sono indicati i principali principi contabili e criteri di valutazione adottati. Immobili, impianti e macchinari Gli immobili, impianti e macchinari sono valutati al costo d’acquisto o di produzione, al netto degli ammortamenti accumulati e delle eventuali perdite di valore. Il costo include gli oneri direttamente sostenuti per predisporre le attività al loro utilizzo, nonché eventuali oneri di smantellamento e di rimozione che verranno sostenuti conseguentemente a obbligazioni contrattuali che richiedano di riportare il bene nelle condizioni originarie. Gli interessi passivi sostenuti su finanziamenti destinati all’acquisizione o costruzione di immobili, impianti e macchinari sono imputati a conto economico. Gli oneri sostenuti per le manutenzioni e le riparazioni di natura ordinaria e/o ciclica sono direttamente imputati a conto economico nell’esercizio in cui sono sostenuti. La capitalizzazione dei costi inerenti l’ampliamento, ammodernamento o miglioramento degli elementi strutturali di proprietà o in uso da terzi è effettuata nei limiti in cui essi rispondano ai requisiti per essere separatamente classificati come attività o parte di una attività, applicando il criterio del “component approach”, secondo il quale ciascuna componente suscettibile di un’autonoma valutazione della vita utile e del relativo valore deve essere trattata individualmente. Il valore di iscrizione è rettificato dall’ammortamento sistematico, calcolato a quote costanti dal momento in cui il cespite è disponibile e pronto all’uso, in funzione della stimata vita utile. La vita utile degli immobili, impianti e macchinari ed il loro valore residuo sono rivisti ed aggiornati, ove necessario, almeno alla chiusura di ogni esercizio. I terreni non sono ammortizzati. Quando l’attività oggetto di ammortamento è composta da elementi distintamente identificabili, la cui vita utile differisce significativamente da quella delle altre parti che compongono l’attività, l’ammortamento è effettuato separatamente per ciascuna di tali parti, in applicazione del metodo del component approach. La vita utile stimata dal Gruppo per le varie categorie di immobili, impianti e macchinari è la seguente: Fabbricati 33 anni Impianti e macchinari 10 anni Macchine d’ufficio elettroniche 5 anni Automezzi-autovetture 4/5 anni Attrezzature e stampi 4/5 anni Mobili e arredi 8 anni Altri beni 5 anni Gli utili e le perdite derivanti da cessioni o dismissioni di attività sono determinati per differenza fra il ricavo di vendita ed il valore netto contabile dell’attività dismessa o alienata e sono imputati al conto economico dell’esercizio di competenza. 202
  • 204. Sezione Prima Gli immobili, impianti e macchinari detenuti in virtù di contratti di locazione finanziaria, attraverso i quali sono sostanzialmente trasferiti al Gruppo tutti i rischi e benefici legati alla proprietà del bene, sono iscritti come attività al loro valore corrente o, se inferiore, al valore attuale dei pagamenti minimi dovuti per il leasing, inclusa l’eventuale somma da pagare per l’esercizio dell’opzione di acquisto. La corrispondente passività verso il locatore è iscritta in bilancio nelle passività finanziarie. I beni in locazione finanziaria sono ammortizzati su un periodo pari al minore fra la durata del contratto di locazione e la vita utile del bene stesso. Le locazioni nelle quali il locatore mantiene sostanzialmente tutti i rischi ed i benefici legati alla proprietà dei beni sono classificati come leasing operativi. I canoni riferiti a leasing operativi sono rilevati a conto economico in quote costanti negli esercizi di durata del contratto di leasing. Attività immateriali Le attività immateriali sono costituite da elementi non monetari, identificabili e privi di consistenza fisica, controllabili ed atti a generare benefici economici futuri. Tali elementi sono rilevati al costo di acquisto e/o di produzione, comprensivo delle spese direttamente attribuibili sostenute per predisporre l’attività al suo utilizzo, al netto degli ammortamenti cumulati, nei casi in cui è previsto un processo d’ammortamento, e delle eventuali perdite di valore. L’ammortamento ha inizio nel momento in cui l’attività è disponibile all’uso ed è ripartito sistematicamente in relazione alla residua possibilità di utilizzazione della stessa, ossia sulla base della stimata vita utile. • Costi di ricerca e sviluppo I costi relativi all’attività di ricerca e sviluppo sono imputati al conto economico dell’esercizio in cui vengono sostenuti, ad eccezione dei costi di sviluppo. Relativamente ai costi di sviluppo gli stessi sono iscritti tra le immobilizzazioni immateriali qualora tutte le condizioni di seguito riportate siano soddisfatte: (a) il progetto è chiaramente individuato ed i costi ad esso riferiti sono identificabili e misurabili in maniera attendibile; (b) è dimostrata la commerciabilità del prodotto e la sua fattibilità tecnologica; (c) è dimostrata l’intenzione di completare il progetto e di vendere i beni generati dal progetto; (d) esiste un mercato potenziale dei beni generati dal progetto; e (e) sono disponibili le risorse tecniche e finanziarie necessarie per il completamento del progetto. L’ammortamento dei costi di sviluppo iscritti tra le immobilizzazioni immateriali inizia a partire dalla data in cui il risultato generato dal progetto è commercializzabile. L’ammortamento è effettuato in quote costanti in un periodo di cinque anni, che normalmente rappresenta la durata del ciclo di vita del prodotto cui le spese capitalizzate si riferiscono. 203
  • 205. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Riduzione di valore delle attività A ciascuna data di riferimento, gli immobili, impianti e macchinari e le attività immateriali con vita definita sono analizzate al fine di identificare l’esistenza di eventuali indicatori di riduzione del loro valore. Se è identificata la presenza di tali indicatori, si procede alla stima del valore recuperabile delle attività interessate, imputando l’eventuale svalutazione a conto economico. Il valore recuperabile di un’attività è il maggiore tra il suo fair value, ridotto dei costi di vendita, e il suo valore d’uso, laddove quest’ultimo è il valore attuale dei flussi finanziari futuri stimati per tale attività. Nel determinare il valore d’uso, i flussi finanziari futuri attesi sono attualizzati con un tasso di sconto che riflette la valutazione corrente di mercato del costo del denaro, rapportato al periodo dell’investimento ed ai rischi specifici dell’attività. Una riduzione di valore è riconosciuta a conto economico quando il valore di iscrizione dell’attività è superiore al valore recuperabile. Se vengono meno i presupposti per una svalutazione precedentemente effettuata, il valore contabile dell’attività è ripristinato con imputazione a conto economico, nei limiti del valore netto di carico che l’attività in oggetto avrebbe avuto se non fosse stata effettuata la svalutazione e fossero stati effettuati gli ammortamenti. Strumenti finanziari Gli strumenti finanziari includono le attività e passività finanziarie la cui classificazione è determinata al momento della loro iniziale rilevazione, in funzione dello scopo per cui gli stessi sono stati acquisiti. Gli acquisti e le vendite di strumenti finanziari vengono rilevati per data di regolamento (“settlement date”). • Attività finanziarie Al momento della loro iniziale rilevazione, le attività finanziarie sono iscritte al fair value e classificate in una delle seguenti quattro categorie e successivamente valutate come segue: • Attività finanziarie valutate al fair value con variazioni di valore imputate a conto economico: tale categoria include le attività finanziarie acquisite principalmente per essere rivendute nel breve termine, quelle designate nella categoria in oggetto al momento della rilevazione iniziale, qualora ricorrano i presupposti per tale designazione, ovvero sia esercitabile la fair value option, e gli strumenti di finanza derivata, salvo la parte efficace di quelli designati come strumenti di copertura dei flussi di cassa “cash flow hedge”. • Le attività finanziarie appartenenti alla categoria in oggetto sono valutate al fair value; le relative variazioni durante il periodo di possesso sono imputate a conto economico. Gli strumenti finanziari di questa categoria sono classificati nell’attivo corrente se sono “detenuti per la negoziazione” o ne è prevista la cessione entro dodici mesi rispetto alla data di bilancio. I derivati sono trattati come attività o passività, a seconda che il fair value sia positivo o negativo; i fair value positivi e negativi derivanti da operazioni in essere con la medesima controparte sono compensati, ove previsto contrattualmente. • Crediti: sono strumenti finanziari, prevalentemente relativi a crediti verso clienti, non-derivati e non quotati in un mercato attivo, dai quali sono attesi pagamenti fissi o determinabili. Vengono inclusi nell’attivo corrente, ad eccezione di quelli con scadenza contrattuale superiore ai dodici 204
  • 206. Sezione Prima mesi rispetto alla data di bilancio, che sono classificati nell’attivo non corrente. Tali attività sono valutate al costo ammortizzato sulla base del metodo del tasso di interesse effettivo. Se vi è un’obiettiva evidenza di elementi che indicano riduzioni di valore, l’attività è ridotta in misura tale da risultare pari al valore scontato dei flussi di cassa ottenibili in futuro. Le perdite di valore sono rilevate a conto economico. Se nei periodi successivi vengono meno le motivazioni delle precedenti svalutazioni, il valore delle attività viene ripristinato fino a concorrenza del valore che sarebbe derivato dall’applicazione del costo ammortizzato. Le attività finanziarie sono rimosse dallo stato patrimoniale quando il diritto di ricevere i flussi di cassa dallo strumento si è estinto ed il Gruppo ha sostanzialmente trasferito tutti i rischi e benefici relativi allo strumento stesso ed il relativo controllo. • Passività finanziarie Le passività finanziarie, relative a finanziamenti, debiti commerciali ed altre obbligazioni a pagare, sono valutate al costo ammortizzato, applicando il criterio del tasso effettivo di interesse. Se vi è un cambiamento dei flussi di cassa attesi ed esiste la possibilità di stimarli attendibilmente, il valore dei prestiti è ricalcolato per riflettere tale cambiamento sulla base del valore attuale dei nuovi flussi di cassa attesi e del tasso interno di rendimento inizialmente determinato. Le passività finanziarie sono classificate fra le passività correnti, salvo che il Gruppo abbia un diritto incondizionato a differire il loro pagamento oltre i 12 mesi dopo la data di riferimento del bilancio. Le passività finanziarie vengono rimosse dallo stato patrimoniale al momento in cui sono estinte ed il Gruppo trasferisce tutti i rischi e gli oneri relativi allo strumento stesso. • Strumenti di finanza derivata Il Gruppo utilizza i contratti derivati nell’ambito di strategie di copertura finalizzate a neutralizzare il rischio di variazioni nei flussi di cassa originati dall’esecuzione futura di obbligazioni contrattualmente definite alla data di riferimento del bilancio, essenzialmente il pagamento di interessi a tasso variabile su finanziamenti ricevuti. Gli strumenti derivati sono inizialmente contabilizzati al fair value alla data di stipula del contratto. Le variazioni del fair value rilevate successivamente alla prima iscrizione sono rilevate quali componenti finanziarie del conto economico. Determinazione del fair value degli strumenti finanziari Per la determinazione del fair value di strumenti finanziari quotati su mercati attivi si ha riguardo alla relativa quotazione di mercato alla data di chiusura del periodo oggetto di rilevazione. In assenza di un mercato attivo, il fair value è determinato facendo riferimento a prezzi forniti da operatori esterni ed utilizzando modelli di valutazione che si basano prevalentemente su variabili finanziarie oggettive, nonché tenendo conto, ove possibile, dei prezzi rilevati in transazioni recenti e delle quotazioni di strumenti finanziari assimilabili. 205
  • 207. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Imposte Le imposte correnti sono calcolate sulla base del reddito imponibile dell’esercizio e della normativa di riferimento, applicando le aliquote fiscali vigenti alla data di riferimento del bilancio. Le imposte differite attive e passive sono calcolate a fronte di tutte le differenze temporanee che emergono tra il valore fiscale di una attività o passività ed il relativo valore contabile, sulla base delle aliquote fiscali che si prevede saranno applicabili negli esercizi nei quali le differenze temporanee saranno realizzate o estinte. Fanno eccezione a tale principio le imposte differite connesse a differenze temporanee rivenienti dalle partecipazioni in società controllate, nel caso in cui il Gruppo sia in grado di controllare i loro tempi di annullamento. Le imposte differite attive, per la quota non compensata dalle imposte differite passive, sono iscritte nella misura in cui è probabile che sia disponibile un reddito imponibile futuro a fronte del quale possano essere utilizzate le differenze temporanee deducibili. Le imposte correnti e differite sono rilevate nel conto economico, ad eccezione di quelle relative a voci direttamente addebitate o accreditate a patrimonio netto; in tal caso l’effetto fiscale è riconosciuto direttamente nella specifica voce del patrimonio netto. Le attività e passività fiscali, nonché quelle differite relative alle imposte sul reddito, sono compensate quando le stesse sono applicate dalla medesima autorità fiscale sullo stesso soggetto passivo d’imposta, che ha il diritto, legalmente esercitabile, di compensare gli importi rilevati e che intende esercitare tale diritto. Inoltre, relativamente alle imposte correnti, la compensazione è effettuata qualora diversi soggetti passivi abbiano il diritto, legalmente esercitabile, ed intendano regolare le passività e le attività fiscali su base netta. Rimanenze Le rimanenze di magazzino sono valutate al minore tra costo d’acquisto o produzione ed il valore netto di presumibile realizzo. Per le materie prime il costo è rappresentato dal costo medio ponderato. Per il valore di netto realizzo dei prodotti finiti in magazzino si è fatto riferimento al listino ufficiale applicato dalla società. Non vengono inclusi nella valutazione delle rimanenze gli oneri finanziari. I lavori in corso su ordinazione (di seguito anche “commesse”) sono iscritti al valore dei corrispettivi contrattuali pattuiti, ragionevolmente maturati, secondo il metodo della percentuale di completamento, tenuto conto dello stato di avanzamento raggiunto e dei rischi contrattuali attesi. La percentuale di completamento viene definita attraverso il metodo delle misurazioni fisiche. Nel caso in cui i corrispettivi finali non possano essere determinati attendibilmente, la valutazione della commessa viene effettuata a concorrenza del valore dei costi sostenuti e che è probabile che siano recuperati. Nel caso si preveda che il completamento di una commessa possa determinare l’insorgere di una perdita questa viene riconosciuta nella sua interezza a conto economico dell’esercizio in cui tale evento si manifesta. 206
  • 208. Sezione Prima Il Gruppo rappresenta tra le attività il valore delle commesse che eccede il fatturato emesso a titolo di anticipo mentre rappresenta tra le passività il valore delle commesse per le quali il fatturato a titolo di anticipo eccede l’avanzamento della commessa stessa. Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Le disponibilità liquide ed i mezzi equivalenti sono iscritte al fair value e sono rappresentate da investimenti a breve termine (generalmente non superiori a tre mesi) liquidi, facilmente convertibili in ammontari noti di denaro, soggetti ad un rischio non rilevante di cambiamenti di valore. Attività possedute per la vendita e attività incluse nei gruppi in dismissione Tale voce include le attività non correnti (o gruppi di attività in dismissione) il cui valore contabile sarà recuperato principalmente attraverso la cessione, piuttosto che attraverso l’utilizzo continuativo. Le attività possedute per la vendita sono valutate, con rilevazione dell’effetto a conto economico al minore tra valore netto contabile e relativo fair value, al netto dei costi di cessione. Nel caso in cui un’attività oggetto di ammortamento sia riclassificata nella voce in oggetto, il processo di ammortamento si interrompe al momento della riclassifica. Gli effetti economici relativi alle attività cessate o in corso di dismissione sono esposti, al netto dei relativi effetti fiscali, in una voce separata del conto economico. Fondi I fondi sono iscritti a fronte di perdite ed oneri di natura determinata, di esistenza certa o probabile, dei quali, tuttavia, non sono determinabili precisamente l’ammontare e/o la data di accadimento. L’iscrizione viene rilevata solo quando esiste un’obbligazione corrente (legale o implicita) per una futura fuoriuscita di risorse economiche come risultato di eventi passati ed è probabile che tale fuoriuscita sia richiesta per l’adempimento dell’obbligazione. Tale ammontare rappresenta la miglior stima attualizzata della spesa richiesta per estinguere l’obbligazione. Il tasso utilizzato nella determinazione del valore attuale della passività riflette i valori correnti di mercato e tiene conto del rischio specifico associabile a ciascuna passività. I rischi per i quali il manifestarsi di una passività è soltanto possibile vengono indicati nell’apposita sezione informativa relativa alle “Attività e passività potenziali” e non si procede ad alcun stanziamento. Benefici per i dipendenti • Benefici a breve termine I benefici a breve termine sono contabilizzati a conto economico nel periodo in cui viene prestata l’attività lavorativa. • Benefici successivi al rapporto di lavoro I benefici successivi alla cessazione del rapporto di lavoro si riferiscono a programmi con benefici definiti. Nei programmi con benefici definiti l’ammontare del beneficio da erogare è quantificabile 207
  • 209. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. soltanto dopo la cessazione del rapporto di lavoro; pertanto, il relativo onere è imputato al conto economico di competenza in base a calcolo attuariale. I programmi con benefici definiti, tra i quali rientra anche il trattamento di fine rapporto (“TFR”) dovuto ai dipendenti ai sensi dell’articolo 2120 del codice civile, sono basati sulla vita lavorativa dei dipendenti e sulla remunerazione percepita dal dipendente nel corso del periodo di servizio. La passività relativa è proiettata al futuro per calcolare l’ammontare probabile da pagare al momento della risoluzione del rapporto di lavoro ed è poi attualizzata con il “metodo della proiezione unitaria” (Projected Unit Credit Method) per tener conto del tempo che trascorrerà prima dell’effettivo pagamento. La valutazione della passività iscritta nello stato patrimoniale è affidata ad attuari esterni al Gruppo. Con particolare riguardo il calcolo tiene conto della quota maturata per prestazioni di lavoro già effettuate ed è basato su ipotesi attuariali che riguardano principalmente: il tasso di interesse, che deve riflettere il rendimento di mercato di titoli di aziende primarie con una scadenza coerente con quella attesa dell’obbligazione, l’evoluzione delle retribuzioni future e il turnover dei dipendenti. Ad ogni scadenza di bilancio, gli utili e perdite attuariali, definiti quale differenza tra il valore di bilancio della passività ed il valore attuale degli impegni del Gruppo a fine periodo, dovuto al modificarsi dei parametri attuariali appena descritti, sono iscritti in base al metodo del “corridoio”, ossia solo quando eccedono il 10% del valore attuale degli impegni del Gruppo alla fine del periodo precedente. L’eventuale eccedenza rispetto al 10% viene imputata, a decorrere dall’esercizio successivo a quello di rilevazione, ai conti economici futuri, lungo un periodo coerente con la vita lavorativa media residua dei dipendenti. Traduzione di voci espresse in valuta diversa dalla valuta funzionale Le transazioni in valuta diversa da quella funzionale dell’entità che pone in essere la transazione, vengono tradotte nella valuta funzionale di detta entità in base ai tassi di cambio correnti alla data della transazione. Gli utili e perdite su cambi risultanti dalla chiusura delle transazioni in oggetto nonchè dalla traduzione ai cambi di fine esercizio delle poste attive e passive monetarie denominate in valuta diversa da quella funzionale vengono contabilizzate a conto economico. Riconoscimento dei ricavi I ricavi derivanti da un’operazione di vendita sono valutati al fair value del corrispettivo ricevuto tenendo conto di eventuali sconti e riduzioni legati alle quantità. I ricavi relativi alla vendita di beni di nuova produzione sono riconosciuti quando l’impresa ha trasferito all’acquirente i rischi significativi ed i benefici connessi alla proprietà dei beni; tale momento coincide con il trasferimento della titolarità o del possesso all’acquirente effettuato alla consegna dell’imbarcazione e suggellato da un apposito verbale di consegna. I ricavi possono riferirsi anche alle vendite di imbarcazioni usate. In particolare il cliente che vuole acquistare i nuovi prodotti del Gruppo dà in permuta la propria imbarcazione usata trasferendo al Gruppo tutti i rischi e benefici connessi. Il Gruppo si occupa poi della vendita di tali imbarcazioni e contabilizza il relativo ricavo solo al momento della consegna dell’imbarcazione ad un nuovo cliente. 208
  • 210. Sezione Prima I ricavi delle prestazioni di servizi sono rilevati, quando possono essere attendibilmente stimati, sulla base del metodo della percentuale di completamento. Contributi pubblici I contributi pubblici, in presenza di una delibera formale di attribuzione da parte dell’ente erogante, sono rilevati per competenza in diretta correlazione con i costi sostenuti. In particolare, i contributi in conto esercizio vengono accreditati al conto economico nella voce “Altri proventi”, mentre i contributi pubblici in conto capitale che si riferiscono ad immobili, impianti e macchinari sono registrati come ricavi differiti nel passivo dello stato patrimoniale. Il ricavo differito è imputato a conto economico come provento, in quote costanti determinate con riferimento alla vita utile del bene cui il contributo ricevuto è direttamente riferibile. Proventi ed oneri finanziari Gli interessi sono rilevati per competenza sulla base del metodo dell’interesse effettivo, utilizzando cioè il tasso di interesse che rende finanziariamente equivalenti tutti i flussi in entrata ed in uscita che compongono una determinata operazione. Risultato per azione • Base Il risultato base per azione è calcolato dividendo il risultato d’esercizio del Gruppo per la media ponderata delle azioni ordinarie di Aicon in circolazione durante l’esercizio. • Diluito Il risultato diluito per azione è calcolato dividendo il risultato d’esercizio del Gruppo per la media ponderata delle azioni ordinarie di Aicon in circolazione durante l’esercizio, ove, rispetto all’utile di base, la media ponderata delle azioni in circolazione è modificata assumendo la conversione di tutte le potenziali azioni aventi effetto diluitivo, mentre il risultato d’esercizio del Gruppo è rettificato per tener conto degli effetti, al netto delle imposte, della conversione. Il risultato per azione diluito non viene calcolato nel caso di perdite, in quanto qualunque effetto diluitivo determinerebbe un miglioramento del risultato per azione. Nuovi principi contabili Alla data di predisposizione dei presenti Bilanci Consolidati sono stati emessi dallo IASB: - un emendamento allo IAS 19 - Benefici ai dipendenti; - un emendamento allo IAS 39- Strumenti finanziari: rilevazione e valutazione; - un emendamento finale allo IAS 39 - Strumenti finanziari: rilevazione e valutazione; - un emendamento allo IAS 39 e all’IFRS 4 - Contratti assicurativi dedicato al trattamento contabile delle garanzie emesse. 209
  • 211. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Tali emendamenti avranno efficacia a partire dal 1° settembre 2006. Il Gruppo sta valutando l’eventuale impatto che tali cambiamenti potranno determinare. Sono stati inoltre emessi: - un nuovo principio contabile IFRS 7 - Strumenti finanziari: informazioni integrative; - un emendamento complementare allo IAS 1 - Presentazione del bilancio: informazioni integrative relative al capitale. Tale emendamento e l’IFRS 7 avranno efficacia a partire dal 1° settembre 2007. Il Gruppo sta valutando gli eventuali impatti che tali cambiamenti potranno determinare sul bilancio consolidato della Società. PRESIDIO DEI RISCHI Gestione del rischio di credito Il rischio di credito gestito dal Gruppo è principalmente afferente ai crediti commerciali. Il Gruppo minimizza il rischio tramite un’attività preventiva di credit check, utilizzando fonti esterne e sistemi interni, che consistono nella verifica dell’affidabilità e solvibilità di tutti i clienti che richiedono nuovi prodotti nonché attraverso una attenta e costante politica di selezione dei dealer. Con riguardo a questi ultimi, in particolare, si è cercato di limitare la concentrazione in termini di importo per singola controparte. Gestione del rischio di liquidità Una parte rilevante dell’esposizione debitoria del Gruppo è a tasso variabile. Non è pertanto da escludere che future fluttuazioni dei tassi di interesse possano avere conseguenze negative sulla situazione finanziaria del Gruppo. Per fronteggiare il rischio di liquidità derivante da questi impegni, il Gruppo, oltre al cash flow della gestione corrente, può contare su linee revolving su finanziamento a medio-lungo termine attualmente non utilizzate. In particolare, si intende far riferimento ai possibili residui utilizzi del finanziamento in pool (UniCredit, Centrobanca e Banca Intesa) di cui si è fornito il dettaglio nel Capitolo 10.3, ammontanti, alla data del 31 agosto 2006, ad Euro 4.700 migliaia. Inoltre, nel Capitolo 10.6 sono stati indicati gli strumenti di copertura adottati dalle società del Gruppo a fronte del rischio di fluttuazione dei tassi di interesse e dei tassi di cambio. Gestione del rischio di mercato La strategia del Gruppo per la gestione dei rischi di tasso di interesse e di cambio mira sia alla gestione sia al controllo di tali rischi finanziari: in particolare, ove possibile, all’eliminazione del rischio di cambio ed all’ottimizzazione del costo del debito. Il rischio di cambio deriva: • dalla denominazione di passività (o attività) finanziarie in divisa diversa da quella di riferimento della società del Gruppo; 210
  • 212. Sezione Prima • dalla gestione caratteristica per le attività site in America ed in Asia. In particolare i rischi identificati sono: • Cash flow risk È il rischio che movimenti nella curva dei tassi di interesse possano impattare il conto economico, in termini di maggiori oneri finanziari. • Fair value risk È il rischio che movimenti nella curva dei tassi di interesse possano impattare il valore di mercato dello stock del debito. USO DI STIME La redazione del bilancio consolidato richiede l’applicazione di principi e metodologie contabili che a volte si basano su complesse valutazioni soggettive e stime legate all’esperienza storica, e su assunzioni che vengono di volta in volta considerate ragionevoli e realistiche in funzione delle relative circostanze. L’applicazione di tali stime ed assunzioni influenza gli importi riportati nello stato patrimoniale, nel conto economico e nel rendiconto finanziario, nonché l’informativa fornita. I valori finali del bilancio consolidato per i quali sono state utilizzate le suddette stime ed assunzioni possono differire da quelli riportati nel presente documento a causa dell’incertezza che caratterizza le assunzioni e le condizioni sulle quali si basano le stime. Di seguito vengono brevemente descritti i principi contabili che richiedono più di altri una maggiore soggettività nell’elaborazione delle stime e per i quali un cambiamento nelle condizioni sottostanti le assunzioni utilizzate potrebbe avere un impatto significativo sui bilanci consolidati del Gruppo. • Svalutazione degli attivi non correnti: gli attivi non correnti sono oggetto di verifica al fine di accertare un’eventuale riduzione di valore, che va rilevata tramite una svalutazione, in presenza di indicatori che facciano prevedere difficoltà per il recupero tramite l’uso del relativo valore netto contabile. La verifica dell’esistenza dei suddetti indicatori richiede valutazioni soggettive basate sulle informazioni disponibili all’interno del Gruppo e sul mercato, nonché sull’esperienza storica. Inoltre, quando si ritiene che possa essersi generata una potenziale riduzione di valore, il Gruppo procede alla sua determinazione con adeguate tecniche valutative. La corretta identificazione degli elementi indicatori dell’esistenza di una potenziale riduzione di valore, nonché le stime per la loro determinazione, dipendono da fattori che possono variare nel tempo, riflettendosi nelle valutazioni e stime effettuate. • Ammortamento delle attività non correnti: il costo di immobili, impianti e macchinari è ammortizzato a quote costanti lungo la vita utile stimata dei relativi beni. La vita utile economica delle attività non correnti è determinata nel momento in cui esse vengono acquistate ed è basata sull’esperienza storica per analoghe attività, condizioni di mercato ed anticipazioni riguardanti eventi futuri che potrebbero avere un impatto, tra i quali variazioni nella tecnologia. L’effettiva vita economica, pertanto, può differire dalla vita utile stimata. Il Gruppo valuta periodicamente i cambiamenti tecnologici e di settore, gli oneri di smantellamento ed il valore di recupero per 211
  • 213. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. aggiornare la vita utile residua. Tale aggiornamento periodico potrebbe comportare una variazione nel periodo di ammortamento e quindi anche nella quota di ammortamento degli esercizi futuri. • Fondi: il Gruppo accerta nei fondi le probabili passività riconducibili a vertenze con i clienti, il personale, fornitori, terzi, e, in genere, gli oneri che sarà costretto a sostenere in forza di obbligazioni assunte in passato. La determinazione di tali accantonamenti comporta l’assunzione di stime basate sulle correnti conoscenze di fattori che possono cambiare nel tempo, potendo dunque generare esiti finali anche significativamente diversi da quelli tenuti in conto nella redazione dei presenti Bilanci Consolidati. Infine, con particolare riferimento al Fondo Garanzia prodotti, segnaliamo che, in considerazione della limitata serie storica disponibile circa gli interventi di assistenza post vendita, dovuta al fatto che il Gruppo è attivo nel mercato solo da pochi anni, e pertanto i suoi prodotti sono relativamente giovani, le stime del fondo garanzia prodotti potrebbero differire anche significativamente dai costi per garanzia che saranno sostenuti dal Gruppo. LA TRANSIZIONE AGLI IFRS Il bilancio consolidato al 31 agosto 2004 rappresenta il primo bilancio consolidato del Gruppo redatto in applicazione degli IFRS. Il Gruppo ha quindi definito come data di transizione il 1° settembre 2003 e coerentemente, ha preparato il proprio stato patrimoniale IFRS di apertura a tale data. Principi generali Il Gruppo ha applicato gli IFRS in modo retrospettivo a tutti i periodi chiusi antecedentemente la data di transizione, salvo che per alcune esenzioni facoltative ed eccezioni obbligatorie adottate nel rispetto dell’IFRS 1 – Prima applicazione degli International Financial Reporting Standards, come descritte nei Paragrafi seguenti. Differenze di trattamento rispetto ai saldi di apertura al 1° settembre 2003, predisposti in conformità ai Principi Contabili Italiani Le principali differenze di trattamento risultano le seguenti: • rilevazione e valutazione di tutte le attività e le passività la cui iscrizione è richiesta dagli IFRS, incluse quelle non previste in applicazione dei Principi Contabili Italiani; • eliminazione di tutte le attività e passività la cui iscrizione è richiesta dai Principi Contabili Italiani, ma non è ammessa dagli IFRS; e • riclassifica di alcune voci di bilancio secondo quanto previsto dagli IFRS. Gli effetti delle differenze sopra riportate sono stati imputati, ove applicabile, direttamente al patrimonio netto di apertura alla data di transizione. 212
  • 214. Sezione Prima Esenzioni facoltative dalla completa applicazione retrospettiva degli IFRS Le società che adottano gli IFRS per la prima volta possono optare per l’applicazione di alcune esenzioni facoltative dalla piena applicazione retroattiva dei principi contabili. Di seguito sono evidenziate le esenzioni facoltative adottate dal Gruppo: • Benefici per i dipendenti È stato scelto di contabilizzare tutti gli utili/perdite attuariali cumulati esistenti alla data di transizione che sarebbero derivati dall’applicazione retrospettiva dello IAS 19. Esenzioni obbligatorie dalla completa applicazione retrospettiva degli IFRS L’IFRS 1 stabilisce alcune eccezioni obbligatorie all’applicazione retrospettiva dei principi contabili internazionali nel processo di transizione agli IFRS. Di seguito sono evidenziate le esenzioni obbligatorie applicabili per il Gruppo: • Stime Dopo le rettifiche necessarie per riflettere eventuali differenze nei due corpi di principi contabili, le stime effettuate alla data di passaggio agli IFRS sono conformi alle stime effettuate alla stessa data secondo i Principi Contabili Italiani. • Attività (e passività) possedute per la vendita ed attività incluse nei gruppi in dismissione Il Gruppo, in quanto alla data di transizione disponeva delle informazioni necessarie ai fini di applicare i criteri di valutazione previsti dal IFRS 5, relativamente alle attività e passività che a detta data soddisfacevano le condizioni per essere classificate tra le attività possedute per la vendita ed attività incluse nei gruppi in dismissione, ha valutato dette attività applicando le regole contenute in detto principio contabile. Trattamenti prescelti nell’ambito delle opzioni contabili previste dagli IFRS • Rimanenze Secondo lo IAS 2 – Rimanenze, il costo delle rimanenze deve essere determinato adottando il metodo FIFO o il metodo del costo medio ponderato. È stato scelto di applicare il metodo del costo medio ponderato. • Valutazione delle attività materiali ed immateriali Successivamente all’iscrizione iniziale al costo, lo IAS 16 – Immobili, impianti e macchinari e lo IAS 38 – Attività immateriali prevedono che tali attività possano essere valutate al costo, ovvero determinando periodicamente il valore di mercato ed adeguando a tale valore il saldo contabile. È stato scelto di mantenere il metodo del costo. 213
  • 215. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. • Oneri finanziari Lo IAS 23 – Oneri finanziari prevede che gli oneri finanziari possano essere addebitati direttamente a conto economico, ovvero, in presenza di certe condizioni, la possibilità di capitalizzare tali oneri sul costo d’acquisizione, costruzione o produzione di un bene capitalizzabile cui gli stessi afferiscono. È stato scelto di rilevare tali oneri finanziari a conto economico, anche nei casi in cui ricorrano le particolari condizioni previste dal citato principio. • Differenze attuariali Lo IAS 19 – Benefici per i dipendenti prevede che le differenze attuariali che emergono da modifiche delle assunzioni adottate per il calcolo dei piani pensionistici con benefici definiti, quali ad esempio il fondo trattamento di fine rapporto, possono essere contabilizzate in applicazione del metodo del “corridoio” precedentemente descritto, in luogo della diretta imputazione a conto economico al momento della rilevazione. È stata scelta la prima metodologia contabile. • Data di rilevazione dell’acquisto o della vendita di un’attività finanziaria In base a quanto previsto dallo IAS 39 – Strumenti finanziari, rilevazione e valutazione, gli acquisti e le vendite di strumenti finanziari sono rilevati in base alla data di regolamento (“settlement date”). Descrizione degli effetti significativi della transizione Come precedentemente riportato, la Società, con riferimento all’esercizio chiuso al 31 agosto 2004, non ha predisposto un bilancio consolidato ai fini dei Principi Contabili Italiani. Pertanto, nelle seguenti tabelle sono evidenziati gli effetti derivanti dal consolidamento e gli effetti delle rettifiche apportate a seguito della transizione agli IFRS sullo stato patrimoniale di Aicon al 1° settembre 2003 (data di transizione) e al 31 agosto 2004, sul conto economico di Aicon per l’esercizio chiuso al 31 agosto 2004, nonché le riconciliazioni del patrimonio e del risultato netto a tali date. Gli schemi di seguito rappresentati sono stati modificati in conformità allo IAS1 - Presentazione del bilancio. 214
  • 216. Sezione Prima Effetti della transizione sullo Stato Patrimoniale al 1 settembre 2003 Attività Principi Contabili Italiani Rettifiche Note IFRS adottati (Aicon Yacht S.p.A.) dall’Unione Europea A) ATTIVITÀ NON CORRENTI Immobili, attrezzature impianti e macchinari 4.920 11 D-F-A 4.931 Attività immateriali 481 (11) C 470 Attività finanziarie 99 (38) 61 Attività per imposte anticipate - 508 L 508 Altre attività 294 - 294 Totale attività non correnti 5.794 470 6.264 B) ATTIVITÀ CORRENTI Rimanenze 1.224 2.678 E-G 3.902 Lavori in corso su ordinazione 866 - 866 Crediti commerciali 4.463 (73) E-G 4.390 Attività finanziarie 1.518 75 L 1.593 Altre attività - - - Crediti per imposte sul reddito 815 - 815 Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 453 25 478 Attività possedute per la vendita ed attività incluse - - - nei gruppi in dismissione Totale attività correnti 9.339 2.705 12.044 Totale attività 15.133 3.175 18.308 Passività Principi Contabili Italiani Rettifiche Note IFRS adottati (Aicon Yacht S.p.A.) dall’Unione Europea PATRIMONIO NETTO Capitale sociale 1.248 - 1.248 Riserve 2.237 (940) 1.297 Totale patrimonio Netto di pertinenza del Gruppo 3.485 (940) 2.545 Totale patrimonio Netto di pertinenza di Terzi - 121 121 PATRIMONIO NETTO 3.485 (819) 2.666 PASSIVITÀ NON CORRENTI Passività finanziarie 168 859 D-E 1.027 Benefici per i dipendenti 152 54 I 206 Passività per imposte differite 149 23 L 172 Fondi per rischi ed oneri 52 28 80 Altre passività - 75 75 Totale passività non correnti 521 1.039 1.560 PASSIVITÀ CORRENTI Debiti commerciali 6.503 1.331 7.834 Passività finanziarie 1.646 288 E 1.934 Altre passività 1.818 956 H 2.774 Debiti per imposte 1.160 380 1.540 Passività incluse nei gruppi in dismissione - - classificati come posseduti per la vendita Totale passività correnti 11.127 2.955 14.082 Totale Passività e Patrimonio Netto 15.133 3.175 18.308 215
  • 217. Prospetto Informativo Aicon S.p.A. Riconciliazione del Patrimonio netto al 1° settembre 2003 Note Patrimonio netto al 1 settembre 2003 Principi Contabili Italiani 3.485 Principi di consolidamento A (198) Totale Principi contabili italiani ed impairment su attrezzature 3.287 Eliminazione di costi capitalizzati B 169 Contabilizzazione leasing finanziari su immobilizzazioni materiali C (191) Contabilizzazione leasing finanziari per acquisti imbarcazioni usate D 17 Applicazione component approach su immobilizzazioni materiali E (59) Rivisitazione vita utile su attrezzature F (322) Revenue recognition G (550) Storno contributi rilevati a patrimonio netto H (219) Piani a benefici definiti I 49 Effetti fiscali sulle rettifiche L 485 Patrimonio netto consolidato secondo gli IFRS 2.666 Note esplicative agli effetti della transizione agli IFRS Di seguito si descrive in dettaglio la natura e l’importo delle rettifiche che sono state apportate allo stato patrimoniale di Aicon al 1° settembre 2003 redatto secondo i Principi Contabili Italiani. (A) Impairment su attrezzature In considerazione della presenza di indicatori che evidenziano possibili perdite di valore, si è proceduto alla svalutazione di alcuni stampi alla data di transizione. (B) Principi di consolidamento Come precedentemente riportato, il Gruppo, fino all’ esercizio chiuso al 31 agosto 2004 non ha predisposto un bilancio consolidato ai fini dei Principi Contabili Italiani. Pertanto nella rettifica sono evidenziati gli effetti derivanti dal consolidamento delle società controllate in conformità allo IAS 27 – Bilancio consolidato e contabilizzazione delle partecipazioni in controllate e all’IFRS 5 – Attività non correnti possedute per la cessione e gruppi in dismissione. In particolare, alla data di transizione le società controllate sono state consolidate integralmente fatta eccezione per le entità controllate la cui inclusione non produrrebbe effetti significativi da un punto di vista sia quantitativo che qualitativo ai fini di una corretta rappresentazione della situazione patrimoniale, economica e finanziaria del Gruppo. In particolare, per quanto riguarda tale movimentazione, rimandiamo a quanto già segnalato in premessa a proposito della acquisizione inversa. (C) Eliminazione di costi capitalizzati La rettifica in oggetto rappresenta gli effetti del diverso criterio di rilevazione contabile di alcuni costi, ed in particolare dei costi di impianto ed ampliamento, dei costi di pubblicità e partecipazione a mostre e fiere, capitalizzati come “attività immateriali” in conformità ai Principi Contabili Italiani. In applicazione dello IAS 38 – Attività immateriali, Paragrafi 9 e 10, la capitalizzazione quali attività 216
  • 218. Sezione Prima immateriali, di costi sostenuti è ammessa solo se determinati requisiti sono soddisfatti. La rettifica si origina dall’eliminazione delle capitalizzazioni fatte nel passato, in quanto non soddisfano i requisiti richiesti dagli IFRS. (D) Contabilizzazione dei leasing finanziari su immobilizzazioni materiali Secondo i Principi Contabili Italiani i contratti di locazione sono indistintamente rilevati applicando il “metodo patrimoniale”, in virtù del quale il locatore non iscrive né il bene oggetto del contratto né alcuna passività correlata, addebitando a conto economico per competenza i canoni di locazione. Lo IAS 17 – Leasing prevede, invece, i contratti di locazione classificati come leasing finanziari siano rilevati secondo il “metodo finanziario”. La rettifica in oggetto è relativa alla rilevazione: – del valore netto contabile sia dei beni oggetto dei contratti in essere alla data di transizione che di beni oggetto di contratti conclusi a tale data che nel passato sono stati oggetto di riscatto; e – del valore residuo, alla data di transizione, del finanziamento ricevuto al momento di stipula del contratto. (E) Contabilizzazione leasing finanziari accesi per acquisti imbarcazioni usate Il “metodo finanziario” illustrato al precedente Paragrafo è stato analogamente applicato alle operazioni di acquisto di imbarcazioni usate effettuate in prevalenza dalla controllata Aicon Yacht S.r.l. attraverso subentro in contratti di leasing esistenti su imbarcazioni date in permuta dai clienti del Gruppo Aicon. Nel bilancio redatto in applicazione dei Principi Contabili Italiani tale operazione è contabilizzata trattandola come leasing operativo. Per la prevalenza della sostanza sulla forma, nel bilancio IFRS tali transazioni sono state contabilizzate secondo quanto previsto dallo IAS 17, ciò in quanto i sostanziali rischi e benefici connessi all’utilizzo di tali imbarcazioni vengono assunti dal Gruppo. Tali imbarcazioni sono destinate ad essere rivendute e pertanto vengono classificate tra le rimanenze di prodotti