Your SlideShare is downloading. ×
L’Origine Delle Differenze
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

L’Origine Delle Differenze

1,545
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,545
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Le Invasioni Barbariche
    Il valore della diversità
  • 2. … il nostro astro è una stella di “seconda mano”, in cui compaiono atomi nati da antichissime esplosioni stellari; e la Terra, come pure i nostri corpi, che devono al pianeta gli atomi di cui sono composti sono fatti di <<POLVERE DI STELLE>>: un’espressione romantica, ma scientificamente ineccepibile!
  • 3. L’origine delle differenze: BIG BANG ed EVOLUZIONE DEL SISTEMA SOLARE
    Pirandello e Verga: vinti e “diversi” a confronto.
    Van Gogh;
    Munch e l’espressionismo tedesco.
    Romanticism: Frankenstein;
    Dickens
    Seneca, Petronio, : Medea, Satyricon.
    LA QUESTIONE ISRAELO-PALESTINESE
    Nietzsche: il superuomo
  • 4. Come e quando è nato l’Universo?
    I cinesi affermavano chePhanKunacque da un uovo di gallina e divenne ogni cosa.
    MODELLO STAZIONARIO
    MODELLO INFLAZIONARIO
    Il modello dell’UNIVERSO INFLAZIONARIO prevede che l’espansione dell’Universo sia compensata dalla continua creazione nello spazio di nuova materia, che formerebbe nuove galassie.
    Il modello di un UNIVERSO INFLAZIONARIO prevede che l’universo abbia avuto origine circa 12 miliardi di anni fa da una gigantesca esplosione (BIG BANG) da cui tutto ha avuto origine.
    PROVE
  • 5. Stelle e galassie
    Sole & Pianeti
    10 miliardi anni fa
    4.9 miliardi anni fa
    Big
    Bang
    Dal big Bang
    Oggi
    Le GALASSIE sono un agglomerato di stelle, pianeti a altri corpi celesti. La nostra galassia è la “VIA LATTEA”, ha la forma di un disco centrale con lunghi bracci a spirale con oltre 100 MILIARDI DI STELLE. Esistono diversi tipi di galassie: ELLITTICHE, A SPIRALE SBARRATA, GLOBULARI, IRREGOLARI. Tendono a riunirsi in ammassi nel raggio di 3 milioni di anni luce. La nostra galassia si trova nel GRUPPO LOCALE.
  • 6. IlSISTEMA SOLARE è un insieme di corpi celesti diversi per natura e dimensioni che si muovono in uno spazio definito, <<governato>> dalla forza di attrazione gravitazionale del Sole. Esso comprende:
    • Il SOLE;
    • 7. 8 PIANETI;
    • 8. Un centinaio di satelliti;
    • 9. Corpi minori come ASTEROIDI, COMETEEMETEORE.
    I PIANETI SEGUONO LE LEGGI DI KEPLERO
    In base alle dimensioni i pianeti si distinguono in TERRESTRI o GIOVIANI. Differiscono per DIMENSIONI, DENSITA’, NATURA DEI MATERIALI, ATMOSFERA E NUMERO DEI SATELLITI.
  • 10. LA TERRA
    La Terra è un GEOIDE, ossia un solido la cui superficie è PERPENDICOLARE alla direzione di FILO di PIOMBO. Essa compie vari movimenti tra cui: MOTO di ROTAZIONE, il MOTO di RIVOLUZIONE, i MOTI MILLENARI e il MOTO di TRASLAZIONE.
    IL primo avviene intorno al proprio asse da OVEST a EST con una durata di un GIORNO SIDEREO. Il secondo si compie su un ORBITA ELLITTICA secondo le leggi di KEPLERO. IL terzo è un moto di perturbazione che avviene nell’arco di millenni ed è dovuto alle diverse forze gravitazionali di Luna e Sole.
    Il quarto è legato all’espansione dell’Universo. Per i primi due possono essere addotte PROVE e CONSEGUENZE.
  • 11. LA LUNA
    La Luna è l’UNICO SATELLITE terrestre, ha una massa di 1/81 di quella terrestre ed un volume pari a 1/48. Essa è un GEOIDE è i suoi movimenti fondamentali sono:
    Esistono diverse teorie circa la sua origine, la più attendibile è l’ipotesi dell’IMPATTO.
    Il paesaggio lunare è costituito da MARI, distese costituite da materiali basaltici e REGOLITE. TERRE ALTE, o altipiani, che corrispondono alla totalità della superficie lunare. Ancora ci sono le MASSCON. Troviamo RILIEVI, CRATERI e CIRCI. Altre forme tipiche sono i SOLCHI.
    Le condizioni di illuminazione lunare cambiano durante il mese. Parliamo delle FASI LUNARI:
    CONGIUNZIONE-OPPOSIZIONE;
    QUADRATURE.
  • 16. Vinti e diversi a confronto
    GIOVANNI VERGA
    ROSSO MALPELO
    LUIGI PIRANDELLO
    CIAULA
    Novella verista
    Novella di impianto realistico,
    con valenza psicologica
    Degradazione a livello animale dei personaggi
    Emarginazione sociale e pregiudizio
    Emarginazione sociale e malattia
    IRRAZIONALE DESTINATO ALLA CATARSI
    EROE SCONFITTO MA RAZIONALE
  • 17. AMBIENTAZIONE
    CAVA DI RENA ROSSA
    CAVA DI ZOLFO
    PERCORSO COMPIUTO
    PERCORSO ASCENDENTE
    (dal ventre al MONDO)
    ISTINTIVA RINASCITA
    PERCORSO DISCENDENTE
    (dal mondo al VENTRE)
    MORTE
  • 18. VERGA
    VERISMO
    Retroterra Positivistico:
    Verità scientifica e approccio scientifico per comprendere la realtà
    POETICA ANTIROMANTICA:
    • Impersonalità;
    • 19. NO narratore Onnisciente;
    • 20. Eclisse;
    • 21. Regressione.
    Determinismo:
    LOTTA PER L’ESISTENZA
    Pessimismo è impossibilità di giudicare
  • 24. PIRANDELLO
    VITALISMO
    Tutto è movimento, tutto è vita
    Frammentazione della realtà
    Ideologia della Maschera e della <<trappola>>
    RELATIVISMO ANTROPOLOGICO E CONOSCITIVO
    È maschera nuda se vive consapevolmente. E si guarda vivere.
    È solo maschera, se vive con ipocrisia e passivamente
  • 25. Umorismo
    Comicità
    È assente la riflessione
    Nasce dalla riflessione
    Avvertimento del contrario
    Sentimento del contrario
    Pietà e compassione
    Riso
  • 26. ALTER EGO?
    MEDEA
    SUMMA DI TUTTI I MALI
    DIVERSITA’ PSICHICA
    “PESSIMISMO GIASONIANO”
    TABU’ ANTROPOLOGICI
  • 27. SENECA e PETRONIO
    SENECA FILOSOFO
    Vivere è esercitare le grandi virtù.
    Centralità dell’anima – Uguaglianza – Ratio
    SENECA TRAGICO
    Non c’è vita, non c’è virtu
    Tabù antropologici- esperienza del male- mancanza di appigli
    PETRONIO
    Mondanità, frivolezza, COERENZA
  • 28. Dei racconti satirici
    SATYRICON
    Dei romanzi satireschi
    Personaggi mitologici
    Dediti alla LASCIVIA
    Percorso labirintico
  • 29. SATYRICON
    Diversita’ dei costumi
    Encolpio- Gitone:
    Modello di amore omosessuale
    Parvenu : CENA TRIMALCIONIS
    Rovesciamento parodico dei modelli
    Omero:
    Tema del viaggio e PERSECUZIONE DIVINA;
    Ulisse- Penelope (fedeltà):
    Fabula milesia: MATRONA DI EFESO;
    Realismo e mimesi linguistica
  • 30. APOLLINEO
    DIONISIACO
  • L’ Oltre Uomo
    Trasvalutazione di tutti i valori
    della società occidentale
    Religione
    Scienza
    Morale
    Metafisica
    Prodotto
    dell’
    Apollineo
  • 37. Eterno
    ritorno
    Morte di Dio
    Volontà di
    potenza
  • 38. Living on myown…
    Romanticism
    Titanism
    Emphasis on individual
    FRANKENSTEIN
    THE Child
    The Double
    The mythofPrometheus
    Penetrationof Nature
  • 39. Please sir, I want some more
    Victorian Compromise
    Social differences
    Patriotism vs. Racism
    Oliver Twist
    The CHILD
    The MAN
  • 40. La sensibilità e il senno
    I mangiatori di Patate
    Autoritratto
  • 41. Campo di grano con volo di corvi
  • 42. Munch: il grido metafisico
  • 43.
  • 44. La questione israelo-palestinese
  • 45. Una terra per due popoli
    29 settembre 1947 l’ONU delibera la divisione della Palestina in due territori:
    • Stato di Israele (verde) con 500.000 ebrei e 400.000 arabi
    • 46. Stato arabo (arancione) con 800.000 arabi e 10.000 ebrei
    • 47. Gerusalemme amministrata dall’ONU
    14 maggio 1948 proclamazione dello Stato di Israele con capitale Tel Aviv
  • 48. La prima guerra arabo-israeliana1948-49
    Territori occupati dalle truppe israeliane
    • la Lega araba non riconosce Israele e gli muove guerra
    • 49. Israele risponde conquistando l’80% della Cisgiordania
    • 50. 24 febbraio 1949 armistizio:
    • 51. la Cisgiordania è annessa a Israele
    • 52. la parte rimanente è unita alla Giordania
    • 53. la fascia di Gaza è annessa all’Egitto
    (le frecce indicano il movimento dei profughi palestinesi)
  • 54. Seconda guerra arabo-israeliana1956: detta guerra del Sinai
    • il conflitto continua dopo il 1948 con azioni di guerriglia araba e rappresaglie israeliane
    • 55. gli insediamenti di coloni israeliani nei territori arabi provocano, nel 1956, la reazione araba: chiusura del canale di Suez alle navi dirette in Israele
    • 56. Tel Aviv, risponde conquistando Gaza e il Sinai
    • 57. Francia e Inghilterra, a sostegno di Israele, occupano il canale di Suez
    • 58. La minaccia di intervento dell’Urss a fianco dell’Egitto costringe Francia e Inghilterra a ritirare le truppe
    • 59. Il Sinai è affidato alle truppe ONU
  • Terza e quarta guerra
    1967 guerra dei Sei giorni
    Israele occupa il Sinai, le alture del Golan, la Cisgiordania.
    I 4 NO DEI PAESI ARABI
    1973 Guerra del Kippur
    Egitto e Siria attaccano Israele che riesce a contenere l’invasione
    COLONIZZAZIONE DI MASSA.
    2.000.000 di profughi
    crisi del petrolio: ottobre 1973 – marzo 1974: i paesi arabi sospendono le forniture di petrolio agli stati che mantengono rapporti diplomatici con Israele
  • 60. L‘Intifada
    - SVILUPPO DEL FONDAMENTALISMO;
    • OPERAZIONE “PACE IN GALILEA”;
    • 61. INTIFADA: la rivolta;
    • 62. Strage di Sabra e Chatila;

    INTERVENTO ONU E STRAGI
  • 63. 2008

    NEL DICEMBRE 2008 PARTE L’OPERAZIONE “PIOMBO FUSO”
    FINE DELLA TAHDIA
    Collegamento con le elezioni israeliane
    Attacco via terra –
    Attacco aereo