Il romanzo di analisi: La Coscienza di Zeno
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Il romanzo di analisi: La Coscienza di Zeno

on

  • 24,449 views

 

Statistics

Views

Total Views
24,449
Views on SlideShare
24,176
Embed Views
273

Actions

Likes
1
Downloads
142
Comments
0

5 Embeds 273

http://francescapal.blogspot.it 119
http://www.slideshare.net 94
http://ilromanzoinaulamultimediale.blogspot.com 57
http://francescapal.blogspot.fr 2
http://francescapal.blogspot.com.ar 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Il romanzo di analisi: La Coscienza di Zeno Il romanzo di analisi: La Coscienza di Zeno Presentation Transcript

  • Italo Svevo
  • Romanzo d'analisi TEMPO E LUOGHI Episodi della vita dei personaggi avvenuti in epoche diverse (tempo misto) riportati nello stesso ordine, spesso confuso, con cui si formano nella mente ( FLUSSO di PENSIERI ); Le descrizioni dei luoghi sono limitate; non esiste necessariamente una relazione tra la rappresentazione spaziale e l'ambiente. PERSONAGGI Termina il mito dell'eroe che viene sostituito dai nuovi antieroi i cui tratti principali sono il senso di frustrazione, la perdita della propria identità, la mancanza di unità psichica, la sensazione di non essere autentici; I protagonisti sono uomini senza qualità alcuna, ammalati fisici e psichici, dei quali spesso si mette in scena l'inutilità della azione e della parola. TRAMA Rappresentazione interiore del protagonista e narratore; L'autore rende la soggettività del pen-siero e dei ricordi; Narrazione libera dalle convenzioni realistiche ottocentesche; Spesso scompare l'andamento crono-logico, nasce un nuovo rapporto tra il tempo e l'intreccio. NARRATORE Romanzo scritto in prima persona (identificazione del lettore con il narratore); Partecipazione di chi legge ai sentimenti, ai giudizi di chi scrive; L’io del racconto è il centro attorno al quale tutto si ordina. CONTESTO Si diffonde nella narrativa europea del Novecento, con l’approfondir-si della crisi d’identità dell’artista e la scoperta psicanalitica della contraddittoria complessità della psiche; Il contesto storico, la cultura e le scoperte scientifiche influenzano l’opera. TEMA Abulia, malattia dell’uomo moderno. La psicanalisi diventa la base del racconto . Prassi terapeutica Teoria dell'inconscio che ha preso l'avvio dal lavoro di Sigmund Freud. Nasce come tecnica di cura dei disturbi mentali indagando le dinamiche inconsce dell'individuo. “ LA COSCIENZA di ZENO” ITALO SVEVO
  • Il Decadentismo
    • Il Decadentismo è una corrente artistica che si diffonde in Europa tra il 1870 e il
    • 1920 durante la seconda rivoluzione industriale e il colonialismo.
    • Nasce dalla crisi dei valori e delle idee in cui hanno creduto i romantici:
    • l’amor di patria, lo spirito religioso, la tradizione popolare.
    • I decadenti invece:
    • non hanno fiducia nella ragione: le verità si capiscono con i sensi e i misteri con l’intuizioni;
    • Sono dominati dall’ansia di evadere dalla realtà: hanno nostalgia della vita primitiva guidata da istinti e dell’infanzia (età magica), la bellezza è la ragione di vita;
    • Sono individualisti: i personaggi delle opere esaltano il loro io e ascoltano le voci segrete dell’inconscio;
    • Adottano un nuovo linguaggio: rifiutano molte regole della metrica.
    • I rappresentanti del Decadentismo sono in Italia:
    • i poeti Giovanni Pascoli, Gabriele D’Annunzio,
    • e gli scrittori Italo Svevo e Luigi Pirandello.
  • Italo Svevo Italo Svevo è lo pseudonimo di Ettore Schmintz. Svevo nasce a Trieste nel 1861, il padre era tedesco mentre la madre era italiana di famiglia ebrea. Compì i suoi studi prima in Germania e poi in Italia; ha un grande interesse per Sigmund Freud. La sua famiglia subì una crisi economica che spinse Svevo a cercarsi un lavoro, all’inizio come impiegato in banca e poi come direttore della fabbrica di vernici del suocero. Morì nel 1928 a causa di un incidente stradale. Italo Svevo La vita
  • Le opere
    • All’inizio scrisse due romanzi
    • pubblicati a sue spese ma visto
    • l’insuccesso lo scrittore
    • abbandonò l’idea di diventare
    • professionista.
    • Continuò però a scrivere e nel
    • 1923 pubblicò il romanzo
    • “ La Coscienza di Zeno ” con
    • il quale ottenne un grande
    • riconoscimento.
    • Tra le opere più importanti
    • ricordiamo anche “ Una vita ”
    • (1892) e “ Senilità ” (1898).
    Senilità La coscienza di Zeno Una vita
  • La coscienza di Zeno di Italo Svevo COMMENTO “ La vita attuale è inquinata alle radici. L’uomo s’è messo al posto degli alberi a delle bestie ed ha inquinata l’aria, ha impedito il libero spazio. Può avvenire di peggio. (…) Chi ci guiderà dalla mancanza di aria a di spazio? Solamente al pensarci soffoco!” È con questo stralcio tratto dall’ultima pagina di diario, scritta il 24 marzo 1916 dal protagonista Zeno Cosini, che voglio commentare il libro di Italo Svevo. Secondo me, l’autore con questa pagina conclude il suo libro facendoci sapere che la malattia che lo aveva spinto a iniziare il tutto, non è curabile perché è il mondo in cui viviamo ad essere malato. E tutto ciò è causato dall’uomo che ha voluto inventare oggetti per vivere meglio, essere più furbo ma la furbizia è la debolezza di chi non sa vivere bene con quello che la natura dà e crea solo danni: l’uomo è uno di questi. Non ha saputo evolversi come gli animali senza recar danno alla natura. L’uomo sta solo inquinando il mondo che non reggerà a lungo. Sarà l’uomo a distruggersi da solo perché non ha saputo sfruttare bene quello che aveva. Il romanzo “La coscienza di Zeno” è uno dei capolavori che ha reso celebre Italo Svevo, che lo ha scritto e poi pubblicato nel 1923. Il libro parla di Zeno Cosini, un uomo di quasi 50 anni che vive a Trieste. Lui è ricco, rispettato, sposato, amato e pure padre ma si sente malato e infelice. Infatti non si sente a suo agio nella vita, ha sogni e desideri ma non ha la volontà per realizzarli. Per questo (e perché vorrebbe smettere di fumare) si rivolge a uno psicanalista. Quest’ultimo lo spinge a scrivere la sua biografia. Ripercorrerà alcuni aspetti importanti della sua vita, come il rapporto con il padre ormai morto, e la moglie. Alla fine il protagonista scopre che ad essere malato non è lui, bensì la società in cui vive.
  • I PERSONAGGI: Zeno, Guido, Ada, Augusta; il padre, Carla.
    • LUOGHI e TEMPO:
    • probabilmente è ambientato a Trieste.
    • tempo è misto, non c’è un andamento cronologico.
    RISOLUZIONE: Non è lui ad essere malato ma è la società in cui vive ad essere sbagliata. CAUSE: Conflitti interiori, problemi psicologici, tra cui il vizio del fumo. EFFETTI: Si rivolge ad uno psicanalista: inizia il suo “flusso di coscienza”. La coscienza di Zeno Elisabetta 3^ A