Lezione 11

1,811 views

Published on

Published in: Education, Business
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,811
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • 1 1 1
  • 7 5
  • 5 5 5
  • 5 5 5
  • 13 13 12
  • 19 19 20
  • 19 19 20
  • 19 19 20
  • 53 53
  • 58 58
  • 19 19 20
  • 26 26 28
  • 28 28 28
  • 33 33 28
  • 36 36 28
  • 45 45 35
  • 46 46 35
  • 47 47 35
  • 61 61
  • 93 93 6
  • 64 64 44
  • 79 79 45
  • 65 65 44
  • 67 67 44
  • 70 70 44
  • 77 77 44
  • Lezione 11

    1. 1. La concorrenza perfetta Corrisponde a Mankiw, Cap.14
    2. 2. Mercato perfettamente concorrenziale <ul><li>Il mercato PC è un mercato che soddisfa 3 ipotesi : </li></ul><ul><li>1) Hp di molteplicità e free entry </li></ul><ul><li>2) Hp di assenza di potere di mercato </li></ul><ul><li>3) Hp di uniformità del prodotto </li></ul><ul><li>e un corollario : comportamento price taking </li></ul><ul><li>Le imprese che operano in tale mercato sono dette imprese perfettamente concorrenziali (imprese PC). </li></ul><ul><li>Due obiettivi : </li></ul><ul><ul><li>Studiare il comportamento dell’impresa PC (come termine di confronto per le imprese dei mercati non-PC) </li></ul></ul><ul><ul><li>Costruire la curva di offerta dell’impresa e del mercato </li></ul></ul>
    3. 3. I ricavi di un’impresa <ul><li>Ricavo totale : RT = P x Q </li></ul><ul><li>Ricavo medio (= quanto l’impresa incassa da ogni unità venduta, cioè il prezzo) : RMe = RT / Q = P </li></ul><ul><li>N.b.: Il RMe non è altro che la curva di domanda vista dalla parte del venditore </li></ul><ul><ul><li>Ciò che un’impresa incassa su ogni unità venduta è infatti pari a ciò che l’acquirente paga. </li></ul></ul><ul><li>Ricavo marginale (= l’incremento di RT generato dalla vendita di un’unità in più di output) : </li></ul><ul><li>RM =  RT /  Q </li></ul><ul><li>Queste definizioni valgono per tutte le imprese, a prescindere dalla struttura del mercato in cui operano. </li></ul>
    4. 4. I ricavi di un’impresa PC <ul><li>L’impresa PC è price-taker : il prezzo P è dato . </li></ul><ul><li>Ricavo totale: RT = P x Q </li></ul><ul><li>Ricavo medio RMe = RT / Q = P </li></ul><ul><li>Ricavo marginale: RM =  RT /  Q = P </li></ul><ul><li>Nel solo caso di un’ impresa PC , sia il ricavo medio che quello marginale sono pari al prezzo di vendita. </li></ul><ul><ul><li>Infatti, essendo dato il prezzo, anche RM sarà sempre uguale a P. </li></ul></ul><ul><li>Pertanto, nel caso di un’impresa PC, le due curve RMe e RM coincidono e sono orizzontali al livello di P </li></ul>
    5. 5. La massimizzazione del profitto <ul><li>L’obiettivo dell’impresa è massimizzare il profitto . </li></ul><ul><li>La sua variabile decisionale è la quantità , quindi per raggiungere l’obiettivo deve produrre quella quantità che massimizza la differenza tra ricavi totali e costi totali: </li></ul><ul><li>Q MAX t.c. max  = RT - CT </li></ul><ul><li>Il massimo profitto si ha per la quantità Q max tale che il ricavo marginale uguaglia il costo marginale: </li></ul><ul><ul><li>Finché RM > CM , l’aumento di Q fa crescere  </li></ul></ul><ul><ul><li>Finché RM < CM, l’aumento di Q fa diminuire  </li></ul></ul><ul><ul><li>Quando RM = CM, il profitto è massimo </li></ul></ul><ul><li>Dato che per un’impresa PC vale RM = P, il massimo profitto si avrà quando P = CM ( marginal cost pricing rule ). </li></ul>
    6. 6. La regola marginalista Quantità 0 CM Q MAX RM P <ul><li>Il profitto dell’impresa è massimo quando il ricavo marginale uguaglia il costo marginale: </li></ul><ul><li>se RM > CM , l’aumento di Q fa crescere  </li></ul><ul><ul><li>se RM < CM, l’aumento di Q fa diminuire  </li></ul></ul><ul><ul><li>se RM = CM, il profitto è massimo </li></ul></ul>Q 2 Q 1 A B E A’ B’ Costi e Ricavi
    7. 7. La regola marginalista per un’impresa PC Quantità 0 CM Q MAX RM = RMe = P P Nel caso di un’impresa PC ricavo medio e ricavo marginale coincidono e sono entrambi pari al prezzo MCP rule: P = CM Costi e Ricavi
    8. 8. Il massimo profitto per un’impresa PC Quantità 0 CM CMeT CMeV Q MAX P = RMe = RM P <ul><li>= RT – CT </li></ul><ul><li>/Q = RT/Q – CT/Q </li></ul><ul><ul><li>= RMe – CMeT </li></ul></ul>Costi e Ricavi
    9. 9. Come determinare il profitto (massimo) Quantità 0 Prezzo Profitto CMeT CM P CMeT(Q max ) Q max P = RM = RMe B E A
    10. 10. Come determinare la perdita (minima) Quantity 0 Price CMeT(Q max ) Perdita CMeT CM Qmax Quantità di minima perdita P P = RMe = RM
    11. 11. La curva di offerta dell’impresa Quantità 0 CM = curva di offerta dell’impresa Q” MAX RM1 P3 - Al variare del prezzo , la regola marginalista individua le diverse quantità di massimo profitto. - Le coppie (Q,P) così determinate (punti E, E’, E”) sono punti della curva di offerta e si trovano tutte lungo la curva CM P1 P2 E” E’ E RM2 RM3 Q MAX Q’ MAX costi e Ricavi
    12. 12. Costruire la curva di offerta di un’impresa: due tipi di decisione <ul><li>La decisione di stop alla produzione ( shutdown ) si riferisce alla scelta di breve periodo di non produrre nulla durante un certo intervallo di tempo. </li></ul><ul><li>La decisione di uscita dal mercato ( exit ) si riferisce invece alla scelta di lungo periodo di abbandonare il mercato. </li></ul>
    13. 13. I criteri di stop, di uscita e di entrata <ul><li>L’impresa arresta la produzione se il ricavo che ottiene è inferiore al costo variabile : </li></ul><ul><li>Shut down if RT < CV  if RT/Q < CV/Q  if P < CMeV </li></ul><ul><li>Nel lungo periodo l’impresa abbandona il mercato se il ricavo è inferiore al costo totale : </li></ul><ul><li>Exit if RT < CT  if RT/Q < CT/Q  if P < CMeT </li></ul><ul><li>L’impresa entra nel mercato se il ricavo è maggiore del costo totale : </li></ul><ul><li>Entry if RT > CT  if RT/Q > CT/Q  if P > CMeT </li></ul><ul><ul><li> N.b.: per un’impresa PC il prezzo è sempre dato </li></ul></ul>
    14. 14. Lo stop alla produzione Quantità CM CMeT CMeV 0 Ricavi e costi Se P > CMeT : Continuare a produrre con profitto Se P < CMeV : Smettere di produrre. Se P > CMeV : Continuare a produrre (in perdita) nel breve periodo A A = punto di arresto della produzione
    15. 15. La curva di offerta di breve periodo Quantità CM CMeT CMeV 0 Ricavi e costi A La curva di offerta di breve periodo è il tratto della curva CM al di sopra del punto di arresto della produzione P A Offerta di breve periodo dell’impresa
    16. 16. La decisione di entrata/uscita dal mercato B Ha senso nel lungo periodo? B = punto di uscita dal mercato Entrare se P > CMeT Uscire se P < CMeT Quantità CM CMeT CMeV 0 Ricavi e costi
    17. 17. La curva di offerta di lungo periodo Quantità CM CMe (lungo periodo) 0 Ricavi e costi B La curva di offerta di lungo periodo è il tratto della curva CM al di sopra del punto di uscita dal mercato P B Offerta di lungo periodo dell’impresa
    18. 18. Ricapitolando… <ul><li>La curva di offerta di un’impresa PC… </li></ul><ul><ul><li>… è sempre individuata dalla curva di costo marginale… </li></ul></ul><ul><ul><li>… ma si distingue tra… </li></ul></ul><ul><li>Curva di offerta di breve periodo </li></ul><ul><li> La porzione della curva del costo marginale al di sopra della curva di costo medio variabile . </li></ul><ul><li>Curva di offerta di lungo periodo </li></ul><ul><li> La porzione della curva del costo marginale al di sopra della curva del costo medio di lungo periodo . </li></ul>
    19. 19. La curva di offerta in un mercato PC <ul><li>L’ offerta di mercato è la somma delle offerte individuali. </li></ul><ul><li>Nel caso di un numero fisso di imprese : </li></ul><ul><li> Per ogni dato prezzo, ciascuna impresa PC offre la quantità per cui vale P = CM, cioè la quantità di massimo profitto </li></ul><ul><li> L’offerta di mercato è data dalla somma orizzontale delle curve di costo marginale delle singole imprese. </li></ul><ul><li>Nel caso di entrata ed uscita delle imprese: </li></ul><ul><li> Le imprese entrano ed escono dal mercato finché il profitto è diverso da zero (entrano se  > 0, escono se  < 0) </li></ul><ul><li> Nel lungo periodo, le imprese PC ottengono un profitto pari a zero, mentre il prezzo uguaglia il minimo di CMe . </li></ul><ul><li> La curva di offerta di mercato di lungo periodo (LP) è una linea orizzontale collocata all’altezza di quel prezzo. </li></ul>
    20. 20. (a) Offerta dell’impresa Quantità (impresa) 0 Prezzo CM $2.00 1.00 100 200 (b) Offerta di mercato Quantità (mercato) 0 Prezzo Offerta $2.00 1.00 100,000 200,000 L’offerta di mercato nel breve periodo Hp: le imprese sono tutte uguali
    21. 21. L’offerta di mercato di lungo periodo <ul><li>Condizione di zero profitto </li></ul><ul><li>per l’impresa </li></ul>Quantità (impresa) 0 Prezzo P = minimo CMe (b) Offerta di mercato Quantità (mercato) Prezzo 0 Offerta CM CMe Q max = Q eff
    22. 22. Una curva di offerta di LP inclinata positivamente <ul><li>In alcuni casi l’offerta di LP per un mercato PC può avere inclinazione positiva . </li></ul><ul><li>Questo può essere dovuto a vari fattori, tra cui… </li></ul><ul><ul><li>La disponibilità limitata di alcuni dei fattori di produzione (p.e. materie prime, personale specializzato, capacità imprenditoriale), che rende via via più costoso produrre maggiori quantità di beni </li></ul></ul><ul><ul><li>Costi differenti delle diverse imprese. </li></ul></ul><ul><li>In generale, comunque, l’offerta di LP sarà sempre più elastica (cioè più “piatta”) di quella di BP. Questo perché nel LP le imprese possono entrare ed uscire dal mercato, quindi l’offerta è molto più “reattiva” alle variazioni di P. </li></ul>
    23. 23. Le imprese PC fanno profitti? <ul><li>Occorre distinguere tra  normale ed extra-  . </li></ul><ul><ul><li>Profitto normale : con tale termine si indica la remunerazione del capitale più il premio per il rischio più il c.d. stipendio di direzione. In pratica è la somma di tutte le componenti del costo opportunità che deve considerare chi sceglie di fare l’imprenditore. Quindi il profitto normale fa parte dei costi . </li></ul></ul><ul><ul><li>Extra-profitto : eccedenza dei ricavi sui costi (questi ultimi inclusivi del profitto normale). </li></ul></ul><ul><li>Nell’equilibrio di breve periodo , un’impresa PC può ottenere extra-profitti. </li></ul><ul><li>Nell’equilibrio di lungo periodo , un’impresa PC non ottiene extra-profitti (ma ottiene il  normale, altrimenti esce dal mercato). Per questo si dice che l’impresa PC nel LP non fa né profitti, né perdite . </li></ul><ul><li>E’ possibile analizzare come le forze del mercato di PC (cioè la concorrenza) determinano questo risultato. </li></ul>
    24. 24. La concorrenza in un mercato PC <ul><li>Hp: aumento della domanda . Cosa succede? </li></ul><ul><li>L’aumento della domanda fa crescere prezzo e quantità di equilibrio nel BP. Le imprese PC ottengono extra-profitti perché ora il prezzo eccede il CMeT (per hp si parte dall’equilibrio di LP in cui P è pari al CMeT). </li></ul><ul><li>Attratte dagli extra-profitti, nuove imprese (tutte identiche a quelle già attive) entrano sul mercato. Questo sposta a destra la curva di offerta di mercato di BP. </li></ul><ul><li>L’ingresso di nuove imprese, e quindi l’aumento dell’offerta, fa diminuire il prezzo di equilibrio. </li></ul><ul><li>Il processo di ingresso di nuove imprese si arresta quando, nel nuovo equilibrio di LP , gli extra-profitti tornano a zero e il prezzo torna pari al minimo del CMe . Tuttavia, ora vi sono più imprese attive di prima. </li></ul><ul><li>La maggiore domanda sarà soddisfatta dalle nuove imprese, ma ciascuna di esse produce come prima e vende ad un prezzo pari a quello iniziale. </li></ul>
    25. 25. Situazione iniziale Mercato Impresa Quantità (impresa) 0 Prezzo CM CMeT P 1 Quantità (mercato) Prezzo 0 D 1 P 1 Q 1 A S 1 Offerta di LP Offerta di BP
    26. 26. Reazione nel breve periodo Mercato Impresa Quantità (impresa) 0 Prezzo CM CMeT Extraprofitto P 1 P 2 Quantità (mercato) Prezzo 0 D 1 D 2 P 1 Q 1 Q 2 P 2 A B S 1 Offerta di LP
    27. 27. La reazione di lungo periodo Mercato Impresa Quantità (Impresa) 0 Prezzo CM CMeT P 1 Quantità (Mercato) Prezzo 0 D 1 D 2 P 1 Q 1 Q 2 P 2 A B S 1 Offerta di LP S 2 Q 3

    ×