La Vibrazione

690 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
690
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
63
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La Vibrazione

  1. 2. Il Big-Bang è stata un’esplosione le cui vibrazioni, e “onde sonore” hanno scosso la materia, formando così l’Universo con galassie, stelle e pianeti.
  2. 3. In natura sono quattro le forze fondamentali che regolano l’Universo e stanno alla base degli scambi di energia: - FORZA NUCLEARE - INTERAZIONE ELETTROMAGNETICA - INTERAZIONE DEBOLE - GRAVITA’
  3. 6. ORGANIZZAZIONE MUSCOLO:
  4. 9. Come avviene la contrazione? <ul><li>Impulso proveniente dal SNC giunge alle terminazioni nervose. </li></ul><ul><li>Viene rilasciata ACh nello spazio sinaptico. L’Ach si lega ai recettori presenti sul sarcolemma. </li></ul><ul><li>Viene generato un potenziale d’azione nella fibra muscolare. </li></ul><ul><li>Il potenziale d’azione provoca liberazione ioni calcio che si legano alla troponina sul filamento di actina e la </li></ul><ul><li>troponina rimuove la </li></ul><ul><li>tropomiosina dai siti </li></ul><ul><li>attivi permettendo </li></ul><ul><li>alle teste di miosina </li></ul><ul><li>di attaccarsi al </li></ul><ul><li>filamento di actina </li></ul>
  5. 10. Muscolo
  6. 13. LA LOCOMOZIONE UMANA RAPPRESENTA LO STIMOLO MECCANICO MINIMO CHE ASSICURA IL TONO MUSCOLARE DI BASE.
  7. 14. COSA SONO LE VIBRAZIONI?
  8. 18. IL NUOVO METODO DI ALLENAMENTO: LE VIBRAZIONI
  9. 19. ENOKA, nel 1994, aveva dimostrato che il riflesso che si viene a realizzare in seguito a sollecitazione meccanica percorre lo stesso identico circuito neurofisiologico che si viene a creare nel riflesso da stiramento.
  10. 20. <ul><li>STIMOLO VIBRATORIO </li></ul><ul><li>PROPIOCETTORI – fusi neuro-muscolari, organi tendinei del Golgi, corpuscoli Pacini, corpuscoli di Meissner) </li></ul><ul><li>SNC </li></ul><ul><li>RISPOSTA MUSCOLARE </li></ul>
  11. 21. <ul><li>CORSA ED ESERCIZI: </li></ul><ul><li>5-6 contrazioni al secondo in modo volontario. </li></ul><ul><li>PEDANA VIBRANTE: </li></ul><ul><li>max di 50 volte al secondo, ad una velocità quindi non riproducibile nella ginnastica a corpo libero. </li></ul>
  12. 23. CONDIZIONI TRATTATE CON LA PEDANA VIBRANTE: <ul><li>reattività, forza e potenza negli atleti </li></ul><ul><li>reattività, coordinazione, equilibrio negli atleti </li></ul><ul><li>riabilitazione ai legamenti del ginocchio </li></ul><ul><li>dolori alla schiena </li></ul><ul><li>osteoporosi </li></ul><ul><li>reattività ed equilibrio negli anziani </li></ul><ul><li>disordini neuromuscolari </li></ul><ul><li>obesità (attraverso la stimolazione della secrezione ormonale) </li></ul><ul><li>diabete e problemi di circolazione periferica </li></ul><ul><li>incontinenza </li></ul>
  13. 24. POTENZIALI BENEFICI OTTENUTI CON IL TRATTAMENTO VIBRATORIO: <ul><li>Incremento della forza, della potenza e del tono muscolare. </li></ul><ul><li>Miglioramento della reattività. </li></ul><ul><li>Incremento dell'esplosività per la minore partecipazione dei muscoli antagonisti nel movimento. </li></ul><ul><li>Livellamento della capacità muscolare tra agonisti e antagonisti. </li></ul><ul><li>Aumento dell’ossigenazione generale e periferica. </li></ul><ul><li>Incremento dei livelli di testosterone. </li></ul><ul><li>Incremento significativo dell'ormone della crescita GH. </li></ul><ul><li>Riduzione del livello di cortisolo. </li></ul><ul><li>Miglioramento dei riflessi posturali. </li></ul><ul><li>Miglioramento della flessibilità e dell'elasticità muscolare. </li></ul><ul><li>Miglioramento dell'equilibrio e della coordinazione. </li></ul><ul><li>Limitazione della perdita di densità ossea. </li></ul><ul><li>Miglioramento della qualità della vita in soggetti anziani. </li></ul>
  14. 25. <ul><li>Aritmia cardiaca Artrosi reumatica acuta Calcoli biliari, calcoli renali, calcoli alla cistifellea Cardiopatia Epilessia Gravidanza Lesioni postoperatorie Mal di schiena cronico (post frattura, disturbi discali o spondilosi) Protesi metalliche o sintetiche (ad es. pacemaker, valvole cardiache artificiali) Tumore (senza metastasi nel sistema muscolo-scheletrico) </li></ul>
  15. 26. STUDI SULLE VIBRAZIONI IN CAMPO SPORTIVO: <ul><li>MIGLIORAMENTO DEL COMPORTAMENTO MECCANICO DEI MUSCOLI DELLE GAMBE. </li></ul><ul><li>INCREMENTO DELLA POTENZA MUSCOLARE </li></ul><ul><li>DURANTE LA PRESTAZIONE DI SALTI </li></ul>
  16. 27. <ul><li>INCREMENTO PRODUZIONE ORMONALE </li></ul><ul><li>MAGGIOR COINVOLGIMENTO DI TUTTI GLI ELEMENTI DEL GRUPPO MUSCOLARE </li></ul><ul><li>MIGLIORAMENTO FORZA MASSIMALE E ESPLOSIVA </li></ul><ul><li>MIGLIORAMENTO REATTIVITA’ </li></ul>
  17. 28. COME DEVE ESSERE USATA LA PEDANA VIBRANTE? <ul><li>Anamnesi iniziale della persona o dell’atleta </li></ul><ul><li>Modalità di somministrazione delle vibrazioni (tempi,pause…) </li></ul><ul><li>Posizione di semi-squat </li></ul><ul><li>Vista e voce non devono tremare </li></ul>
  18. 31. L’allenamento è un processo di sistematica e mirata alterazione della struttura corporea, dei metabolismi e delle sue capacità funzionali.
  19. 32. <ul><li>Diceva un detto: </li></ul><ul><li>“ chi fa da sé, fa per tre” </li></ul><ul><li>Non è proprio così, </li></ul><ul><li>soprattutto in campo medico-sportivo. </li></ul>

×