Your SlideShare is downloading. ×
Timor est geografiadalvoltoumano
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Timor est geografiadalvoltoumano

1,505
views

Published on

Una panoramica sullo stato di Timor e attività dei progetti dell'associazione Santi Martiri Anauniensi e GTV nell'isola di Atauro

Una panoramica sullo stato di Timor e attività dei progetti dell'associazione Santi Martiri Anauniensi e GTV nell'isola di Atauro


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,505
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. GEOGRAFIA DAL VOLTO UMANO TIMOR EST14 aprile 2011Luca BrentariLaura Pretto
  • 2. timor estGeografia • Area geografica: Sud – Est asiatico • Timor Est è un piccolo stato insulare situato nell’arcipelago delle piccole Sonde, a Sud dell’Asia e a Nord dell’Australia • Bagnato da due oceani: Oceano Indiano e Oceano Pacifico
  • 3. timor estGeografia • L’isola di Timor è divisa in: Timor Ovest (Indonesia) e Timor Est • Timor Est: 1. Parte orientale dell’isola di Timor 2. Isola di Atauro e di Jaco 3. Exclave Oecussi-Ambenu
  • 4. timor estGeografia • Superficie: 18.900 Km² (Trentino 13.607 Km²) • Popolazione: poco più di 1.000.000 • Territorio: pianeggiante nelle zone costiere collinare - montagnoso nella parte interna
  • 5. timor estGeografia • Monte più alto: Tata Mailau (2960 m) • Fiumi principali: Laklo ed il Lois • Mar di Savu a Nord e Mar di Timor a Sud
  • 6. timor estGeografia • Clima tropicale: periodo secco e periodo delle piogge. Zona settentrionale e meridionale divise longitudinalmente da una catena montuosa • Regime pluviometrico: Ø z.s. : periodo delle piogge (dicembre-marzo/maggio), 500-1500 mm (fino ai 500 m s.l.m) e 1500-3000 mm (oltre i 500 m s.l.m.) Ø z.m. : 2 picchi (dicembre-febbraio e maggio-giugno) con 1500-2000 mm (fino ai 500 m s.l.m) e 1700-3500 mm (oltre i 500 m s.l.m.)
  • 7. timor estGeografia Temperatura: costante dai 30° ai 35° C tutto l’anno Dati FAO
  • 8. timor estGeografia Timor Est è suddiviso amministrativamente in: • DISTRETTI* (13) • SUB-DISTRETTI* (67) • SUCO** (496) * Amministrati direttamente dal governo centrale • ALDEAS** (2336) ** Amministrati dalle autorità locali
  • 9. timor estGeografia • Repubblica democratica di tipo parlamentare con camera unica (seggi 52-65) • Costituzione modellata su quella portoghese • Indipendenza: 20 maggio 2002 • Presidente: Jose Ramos-Horta (5 anni in carica) • Premier: Xanana Gusmão • Capitale: Dili (130.000 ab.) • Lingua: tetum, portoghese • Valuta: dollaro statunitense
  • 10. timor estStoria 1520 1859 1940-1945 1945 1974 Colonizzazione Patto di Invasione Ritorno al Libertà di portoghese Lisbona Giapponese Portogallo costituzione di e olandese partiti Inizio Timor coinvolgimento Conflitto tra orientale dei timorensi Nascono Portogallo e portoghese e nell’amministra UDT e ASDT Olanda Timor zione occidentale olandese FRETILIN Nascita movimento FALINTIL indipendentista
  • 11. timor estStoria 29 luglio 28 novembre 7 dicembre 12 novembre 30 agosto 19 ottobre 20 maggio 1975 1975 1975 1991 1999 1999 2002 Elezioni con Rivoluzione dei Invasione Massacro Referendum vittoria del “Garofani Rossi” indonesiana di Santa Cruz ASDT Indipendenza Nasce la Inizio del 78,5% REPUBBLICA UDT FRETILIN genocidio DEMOCRATICA organizza un autodichiarazione di TIMOR golpe d’indipendenza LESTE bloccato dal Repressione FALINTIL Inizia la indonesiana resistenza del FALINTIL Indonesia prepara Ritiro l’invasione XANANA dell’Indonesia GUSMAO
  • 12. timor estEconomia • Fragilità economica - indipendenza relativamente tardi - 4 secoli di colonialismo portoghese - 20 anni di dominio indonesiano (genocidio e distruzione infrastrutture) - caratteristiche climatiche (dry zone) • Economia basata sul settore primario (agricoltura) – 33% del PIL
  • 13. timor estEconomia • Prevalentemente agricoltura di sussistenza: mays, riso, manioca, banane e orticole varie caffè, • Basse rese: ridotta meccanizzazione, uso di sementi selezionate e fertilizzanti • Export agricolo: 5 milioni di dollari (caffè) • Import di merci: 170 milioni di dollari (riso da Indonesia e Vietnam) • Disavanzo: 165 milioni di dollari • Altri settori minoritari: pesca, artigianato e pubblica amministrazione • Effetto distorsione dell’economia per presenza delle UN • Speranza di crescita economica: estrazione di petrolio e gas (Mar di Timor)
  • 14. timor estEconomia • Indice di sviluppo umano (2010): 120° posto nella graduatoria mondiale • 37% della popolazione è sotto la soglia di povertà • 23% della popolazione è denutrita • 50% degli adulti è analfabeta • Aspettativa di vita: 62 anni • 93/1000 bambini non raggiungono i 5 anni ISU: dato aggregato che considera REDDITO PROCAPITE ANNUO, LA SPERANZA DI VITA ALLA NASCITA e LIVELLO DI EDUCAZIONE
  • 15. timor estCultura • Lingua: tetum, portoghese, bahasa indonesia e inglese • Lingue indigene (16): tetum, galole, mambae, kemak, bekais, bunak, dawan, lovaia, makalero, fataluku, habun, idalaka, kawaimina, makasai, tokodede, wetarese • Religione: 90 % cattolica, 4% mussulmana, protestante 3%, 0,5% indù, buddistie animisti • Gruppi etnici: austronesiana (malese – polinesiana), papua e piccola minoranza cinese • Influenze culturali: portoghese, cattolica romana, malese e indigena austronesiana • Leggende: la leggenda vuole che l’isola di Timor nasca da un coccodrillo • Letteratura: lo scrittore più celebre è Xanana Gusmao. Altri sono FernandoSylvan, Francisco Boria da Costa, Ruv Cinatti e Fitun Fuik
  • 16. Cultura timor est
  • 17. timor estCultura • La cucina è una mescolanza tra la cucina cinese, indiana ed europea. Dalle prime due riprende l’utilizzo del riso , elemento base dell’alimentazione. Si cucina bollito al vapore con foglie di banano. A questo piatto si affiancano il pesce come per esempio il ikan bakar alla piastra. Si mangiano anche zuppe come il soto e il bakso. Di derivazione olandese il piatto Rijsttafel con carne, verdura, pesce, uova servito con riso. • Si possono acquistare oggetti locali nei mercati che sorgono sulla spiaggia. L’artigianato locale è la principale attrazione del luogo. Il Cal contenitore di bambù è una cosa che i turisti amano acquistare. La strada di Maubara ha molti negozi su i suoi due lati. Tasi è un mercato aperto da dove si può acquistare artigianato in legno. L’ ikat è però la specialità locale, un tessuto decorato con disegni che ha una forte tradizione animista, hanno un costo molto elevato. Il materiale in paglia è utilizzato per cappelli, ventagli, tappeti e scatole. Si possono trovare anche oggetti realizzati con perle e conchiglie
  • 18. Photos and grafics timor est
  • 19. timor estCultura Timor Leste = Timor Lorosae = Timor del sole che sorge La leggenda del coccodrillo
  • 20. timor estCultura RELIGIONE 95 % cattolica 2% musulmana 2% protestante 1% indù buddisti e animisti LINGUE Lingue ufficiali: Tetum e Portoghese Lingue indigene (più di 20, tra cui tetum, galole, mambae, kemak, bekais, bunak, dawan, lovaia, makalero, fataluku, habun, idalaka, kawaimina, makasai, tokodede, wetarese), alcune di origine Austronesiana altre da Papua GRUPPI ETNICI Di origine austronesiana (malese – polinesiana), papua e una piccola minoranza cinese
  • 21. timor estCultura TRADIZIONE Feste e vestiti tradizionali Esercito tradizionale
  • 22. Cultura timor est MUSICA
  • 23. Cultura timor est ARTIGIANATO
  • 24. Cultura timor est CUCINA
  • 25. timor estCultura ABITAZIONI UMA LULIK – costruzioni tradizionali Abitazioni in contesto urbano
  • 26. timor estCultura Abitazioni in contesto rurale
  • 27. Cultura timor est“MANLEKA”
  • 28. timor estVitaUrbana CONTESTO URBANO la capitale Dili
  • 29. V i t a U r b a na timor est
  • 30. timor estVitaRurale VITA RURALE Approvvigionamento idrico
  • 31. VitaRurale timor est
  • 32. timor estSviluppo OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO
  • 33. timor estSviluppo Speranza vita alla nascita PIL procapite Tasso di alfabetizzazione Indice di Sviluppo Umano # Paese ISU Paesi del Sud Est Asiatico 1 Norvegia 0.938 27 Singapore 0.846 2 Australia 0.937 37 Brunei 0.805 3 Nuova Zelanda 0.907 75 Malesia 0.744 4 USA 0.902 92 Tailandia 0.654 5 Irlanda 0.895 97 Filippine 0.638 23 Italia 0.854 108 Indonesia 0.600 120 Timor Est 0.502 113 Vietnam 0.572 167 Niger 0.261 120 Timor Est 0.502 168 Congo (RDC) 0.239 122 Laos 0.497 169 Zimbabwe 0.140 124 Cambogia 0.494 132 Birmania 0.451
  • 34. timor estSviluppo OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO
  • 35. timor estSviluppo OBIETTIVO 1 – ELIMINARE LA FAME E LA POVERTA’ ESTREMA Timor Est Popolazione sotto la linea della povertà 37.2% Bambini sotto i 5 anni sottopeso 48.6% Popolazione denutrita 23% Speranza di vita alla nascita 62.1 anni
  • 36. Sviluppo timor est
  • 37. timor estSviluppo Progetto “Sviluppo rurale integrato per la sicurezza alimentare ad Atauro, Timor Est” 2009 - 2011
  • 38. timor estSviluppo OBIETTIVO 2 – GARANTIRE L’EDUCAZIONE PRIMARIA UNIVERSALE Timor Est Tasso di alfabetizzazione: 50 % OBIETTIVO 3 – PROMUOVERE LA PARITÀ TRA I SESSI Timor Est Italia Indice di Parità di Genere nella scuola primaria 0.94 0.99 Presenza femminile in Parlamento 29.2% 20.2% La povertà ha un volto femminile. Ogni singolo Obiettivo di Sviluppo del Millennio è direttamente collegato ai diritti delle donne e le società in cui le donne non godono degli stessi diritti degli uomini non riusciranno a raggiungere lo sviluppo in modo sostenibile.
  • 39. timor estSviluppo OBIETTIVO 3 - PARITÀ TRA UOMO E DONNA entro il 2015 Eliminare la disparità sessuale nellambito delleducazione primaria e secondaria entro il 2005, e a tutti i livelli entro il 2015. Timor Est Italia Indice di Parità di Genere nella scuola primaria 0.94 0.99 Presenza femminile in Parlamento 29.2% 20.2% La povertà ha un volto femminile. Ogni singolo Obiettivo di Sviluppo del Millennio è direttamente collegato ai diritti delle donne e le società in cui le donne non godono degli stessi diritti degli uomini non riusciranno a raggiungere lo sviluppo in modo sostenibile.
  • 40. timor estSviluppo OBIETTIVO 4 – RIDURRE LA MORTALITA’ INFANTILE Timor Est Italia Tasso di mortalità di bambini sotto i 5 anni 56.4 / 1000nascite 4 / 1000nascite Tasso di mortalità infantile (0-1 anni) 75 / 1000nascite 3 / 1000nascite OBIETTIVO 5 - MIGLIORARE LA SALUTE MATERNA Timor Est Italia Tasso di mortalità materna 370 5 (su 100.000 nascite)
  • 41. timor estSviluppo OBIETTIVO 5 - SALUTE MATERNA entro il 2015 Riduzione di tre quarti della mortalità delle donne in attesa. Timor Est Italia Tasso di mortalità materna 370 5 (su 100.000 nascite)
  • 42. timor estSviluppo OBIETTIVO 6 - COMBATTERE LHIV/AIDS E LE ALTRE MALATTIE HIV/AIDS - Casi notificati di malaria 46380 / 100000 abitanti Tasso di morte per malaria 108 / 100000 abitanti
  • 43. timor estSviluppo OBIETTIVO 7 – GARANTIRE LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE entro il 2015 • siano integrati i principi di sostenibilità ambientale nelle politiche e nei programmi dei paesi; sia invertita la perdita di risorse ambientali. • sia ridotta alla metà la porzione di persone senza un accesso allacqua pulita • sia raggiunto entro il 2010 un significativo miglioramento della vita dei quasi 100 milioni di persone che vivono nelle discariche Popolazione senza accesso ad acqua potabile Totale 31% Popolazione urbana 14% Popolazione rurale 37% Popolazione con accesso a servizi sanitari adeguati Totale 50% Popolazione urbana 24% Popolazione rurale 60% Gli Obiettivi del Millennio riconoscono che la sostenibilità ambientale è parte del benessere economico e sociale globale.
  • 44. timor estSviluppo Progetto “Campagne di igiene e salute e servizi igienici integrati per le scuole di Anartutu, Isola di Atauro, Timor Est”
  • 45. timor estSviluppo OBIETTIVO 8 – SVILUPPARE UN PARTENARIATO GLOBALE PER LO SVILUPPO • Aiuto Pubblico allo Sviluppo pari al 0,7% del PIL • Sviluppo di un nuovo sistema commerciale e finanziario non discriminatorio, aperto, basato su regole precise condivise, che metta al centro lo sviluppo di politiche di riduzione della povertà sia a livello nazionale sia internazionale. • Cancellazione del debito a tutti i paesi più poveri • Diritto a un lavoro dignitoso per tutti • Accesso ai farmaci essenziali nei PVS • Riduzione Digital Divide • Assicurare rispetto e valore economico alle conoscenze tradizionali
  • 46. GRAZIETIMOR EST GEOGRAFIA DAL VOLTO UMANO