Rapporto Annuale2012Gruppo Trentino Volontariato
Annual Report 2012Chi siamoGTV · GRUPPO TRENTINO DI VOLONTARIATO è un’organizzazione non governativa chesi occupa di coope...
Annual Report 2012La presentazione annuale dei progettirealizzati nel Sudest Asiatico si inseriscepienamente nel dibattito...
Annual Report 2012Governance e regole democratiche per migliorare l’empowerment delle socie dellacooperativa Kim Tanh Hand...
Annual Report 2012GTV a Timor Est GTV in ItaliaAssma in collaborazione con GTV a Timor EstSalute e servizi igienici per le...
Annual Report 2012GTV in ItaliaGTV in ItaliaFormazioneNel dicembre 2006 GTV ha ottenuto l’accreditamento come ente di Serv...
"Nel Sud Est asiatico per costruire un ponte traOriente e Occidente verso un nuovo domani"stampatosucartaecologicaGruppo T...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Rapporto annuale 2012 - Gruppo Trentino di Volontariato Onlus

487 views

Published on

Rapporto annuale delle attività di GTV realizzate durante il 2012

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
487
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Rapporto annuale 2012 - Gruppo Trentino di Volontariato Onlus

  1. 1. Rapporto Annuale2012Gruppo Trentino Volontariato
  2. 2. Annual Report 2012Chi siamoGTV · GRUPPO TRENTINO DI VOLONTARIATO è un’organizzazione non governativa chesi occupa di cooperazione e solidarietà internazionale dal 1999.Fondata per proseguire e potenziare iniziative a favore dell’assistenza neonatale in Vie-tnam, in stretta collaborazione con ANT­Amici della Neonatologia Trentina, dopo più diun decennio di entusiasmo e progetti di cooperazione, oggi è presente, in collaborazio-ne con altre realtà, anche a Timor Est, con una sede regionale ad Hanoi. Oltre a gestire iprogetti di cooperazione internazionale allo sviluppo, GTV opera inoltre in diversi ambi-ti come il sostegno a distanza e la sensibilizzazione della popolazione in Trentino. GTVcrede fermamente nelle sinergie e nella ricchezza del “lavorare insieme” e per questoopera congiuntamente con altre ONG italiane in loco, in particolare l’associazione SantiMartiri Anauniesi, l’associazione San Prospero, CIAI ­Centro Italiano Aiuti all’Infanzia eGVC ­Gruppo di Volontariato Civile.VisionNel Sud Est asiatico per costruire un ponte tra Oriente ed Occidente verso un nuovodomani.MissionGTV è una ONG che opera nell’ambito della solidarietà internazionale e dell’educazioneallo sviluppo. La sua mission è mettere in relazione la comunità trentina con le comuni-tà del Sud Est Asiatico per sviluppare capacità e scambiare esperienze con particolareattenzione ai diritti dei soggetti vulnerabili come bambini, donne e minoranze. GTV in-tende l’autosviluppo delle comunità come antidoto allo sfruttamento.ValoriRELAZIONE con e tra le persone al centro dei progetti.RESPONSABILITÁ verso le risorse e i verso donatori, verso i contesti dove lavoriamo eRispetto per il tempo che viviamo.DEMOCRAZIA interna che dà valore al gruppo.Nel Sud Est asiaticoper costruire un pontetra Oriente ed Occidente
  3. 3. Annual Report 2012La presentazione annuale dei progettirealizzati nel Sudest Asiatico si inseriscepienamente nel dibattito internazionalesull’efficacia degli aiuti allo sviluppo.Abbiamo voluto verificare se la concezione e la pratica dello sviluppo riflesse nei no-stri progetti hanno seguito la linea dei Pianificatori – coloro che propongono una trasfor-mazione radicale mediante grandi piani elaborati al vertice, ma con scarsi legami con larealtà che sta in basso – o se siamo riusciti ad essere dei Cercatori – coloro che propongo-no soluzioni graduali ai problemi mobilitando gli stessi portatori.Ma per mettere a fuoco con precisione le caratteristiche degli uni e degli altri vale lapena citare William Easterly: “Un Cercatore spera di trovare le risposte a singoli problemisolo attraverso una sperimentazione basata su prove ed errori. Un Pianificatore credeche chi vive i problemi da fuori sappia abbastanza da potere imporre una soluzione. UnCercatore crede che solo chi vive il problema dall’interno abbia le conoscenze necessarieper trovare le soluzioni, e che la maggior parte delle soluzioni debba essere individuatada chi è vittima del problema” (W. Easterly, I disastri dell’uomo bianco )Il nostro stile è quello del Cercatore che intende sviluppare un’analisi dei problemicon la partecipazione di tutti coloro che sono ne sono colpiti e di trovare soluzioni condi-vise. L’abbiamo fatto prima di proporre una cooperativa di artigianato tessile alle donnein condizioni di disagio socio-economico, intervistando donne vittime del traffico nellaprovincia di Hai Duong. L’abbiamo ripetuto coinvolgendo 101 famiglie prima di lanciare ilprogetto di ecoturismo nella foresta protetta di Khe Ro. In tutti gli altri progetti abbiamocercato di adottare lo stesso approccio.Alla fine abbiamo capito che fare i Cercatori è un passo nella direzione giusta, ma nonè ancora sufficiente. La partecipazione nella rilevazione dei problemi ed anche la condi-visione degli obiettivi per risolverli è solo la prima parte del percorso fatto insieme con lapopolazione locale. Il progetto può essere pienamente condiviso, ma affinché sia realiz-zato e produca risultati durevoli occorre che i beneficiari finali abbiano anche le capacitàdi tradurre in azioni la strategia elaborata.Abbiamo concluso che oltre ad essere Cercatori occorre anche calarsi nel ruolo diIncubatori. Oltre a cercare insieme la strada della soluzione dei problemi, è necessariopercorrere un lungo tratto fianco a fianco, finché i beneficiari finali non siano in gradodi procedere da soli. Trovare ricette condivise è un modo per coinvolgere la popolazio-ne nella soluzione dei problemi, applicare insieme le ricette elaborate è uno strumentoindispensabile per costruire la capacità di realizzarle, che sarà poi la vera garanzia percontinuare ad applicarle anche dopo la chiusura del progetto.Purtroppo ci siamo trovati anche nel ruolo di Pianificatori, specialmente - come aTimor Est - quando abbiamo avuto scarse possibilità di stare sul luogo insieme con i mem-bri della comunità per elaborare i progetti ed abbiamo dovuto operare tramite interme-diari di agenzie locali di sviluppo. La distanza, la scarsa conoscenza delle caratteristichesociali e culturali della comunità dove intendevamo operare, ci hanno spinto talvolta adelaborare progetti più adatti alla nostra cultura che al modo di sentire della popolazio-ne locale. In questi casi ci siamo convinti che anche per essere semplicemente Cercatorioccorre stare per lungo tempo nella comunità. Ciò vale, a maggior ragione, se riteniamoche il ruolo di Cercatori non possa essere disgiunto da quello di Incubatori, che implicanecessariamente una presenza costante per creare capacità. Ovviamente dovrà essereuna presenza continua, ma limitata nel tempo, fino a che i beneficiari finali non sianodiventati Protagonisti attivi e indipendenti. A quel punto potremo trasformarci in sempliciCollaboratori di progetti condotti in totale autonomia dalla popolazione locale. Sarà allo-ra il momento di ricercare un’altra comunità, dove entrare come Cercatori ed Incubatori,per divenire alla fine Collaboratori.di Onorio ClauserDa pianificatoria collaboratoricon i protagonisti
  4. 4. Annual Report 2012Governance e regole democratiche per migliorare l’empowerment delle socie dellacooperativa Kim Tanh HandicraftFinanziatore: Provincia Autonoma di Trento.Partner locale: VCA, HRPC, Unione delle donne del VietnamLa microazione si inserisce nel quadro più ampio del progetto denominato “Reintegra-zione delle vittime del traffico attraverso la costituzione di una cooperativa artigianalepresso Hai Duong” e, attraverso un miglioramento dell’empowerment femminile, vuo-le promuovere una cultura delle pari opportunità. L’obiettivo del progetto è quello diconsolidare e rafforzare le competenze delle socie soprattutto in tema di governancee gestione della cooperativa al fine di garantirne la messa in rete nella realtà coopera-tivistica.Una scuola materna per An LacFinanziatore: Provincia Autonoma di TrentoPartner locale: Comitato Popolare del Comune di An LacOltre alla costruzione dell’edificio scolastico, GTV promuove un corso di formazioneper 24 insegnanti della scuola materna di Na Trang e di quelle degli altri 11 villaggi nelcomune di An Lac. Allo stesso corso partecipano 4 persone dello staff della sezioneperiferica comunale e distrettuale del Dipartimento dell’Istruzione. Il corso è incentratosulle cure di prima infanzia per la crescita e lo sviluppo del bambino e favorisce la for-mazione dei partecipanti utilizzando tecniche per il rafforzamento dell’identità etnico­linguistica del bambino.KHE impROnta di turismo responsabile! Ecoturismo nella foresta di Khe Ro nel Vietnamdel Nord attraverso un approccio integrato per alleviare le condizioni di povertà dellapopolazioneFinanziatore: Provincia Autonoma di TrentoPartner locale: Comitato Popolare del Distretto di Son DongIl progetto di Ecoturismo ad An Lac mira alla promozione di una rete di ricettività turisti-ca ecoresponsabile. L’approccio è di tipo integrativo poiché prevede anche una serie diprogrammi finalizzati al miglioramento delle condizioni igienico­sanitarie delle famigliee alla creazione di attività lavorative, oltre all’agricoltura, che possano diventare fontedi reddito per il sostentamento della popolazione locale. L’obiettivo primario è quellodi ridurre il livello di povertà lavorando nel campo del turismo responsabile al fianco dioltre 100 famiglie residenti nei villaggi selezionati.Sviluppo di una cooperativa di artigianato tessile per donne in condizioni di disagiosocio-economicoFinanziatore: Regione Autonoma Trentino Alto AdigePartner Locale: Handicraft and Promotion Centre (HRPC)Il progetto si inserisce nel quadro più ampio del progetto “Reintegrazione delle vittimedel traffico attraverso la costituzione di una cooperativa artigianale presso Hai Duong”.Con questo progetto si intende affiancare al core business costituito dalla produzionedi artigianato tessile e artistico con un’ulteriore linea produttiva di tessile industrialestandardizzato, ossia la produzione di indumenti ed altri prodotti tessili di uso comune.Per raggiungere questo fine, si è reso necessario adeguare le attrezzature della coope-rativa ed ampliare le capacità tecniche delle socie.Meno Malnutrizione in Vietnam ! Nuove prospettive del Sostegno a distanza attraversola creazione di Club per un’alimentazione variata e di qualità.Finanziatore: Provincia Autonoma di Trento; L’informatica BancariaPartner Locale: Unione delle Donne di 12 comuni; Centre for Sustainable Develop-ment Studies (CSDS – Hanoi)Il progetto si prefigge di migliorare le condizioni alimentari delle famiglie partecipan-ti al programma SAD, attraverso la creazione di sette club formati a genitori o tutoridei bambini inseriti nel programma. I club funzioneranno come gruppi di formazionee auto-mutuo aiuto con l’obiettivo di diffondere i concetti legati alla qualità e varietàdell’alimentazione.Acqua e ComunitàUtilizzo efficiente delle risorse idriche per migliorare le condizioni di vita della popo-lazione di An Lac, in VietnamFinanziatore: Regione Trentino Alto AdigePartner Locale: Comitato Popolare del Comune di An Lacl Comune di An Lac è uno dei più poveri di Son Dong, con un tasso di povertàsuperiore al 60% della popolazione. La popolazione è impiegata esclusivamente nelsettore agricolo e l’economia è di sussistenza. L’acqua per l’uso domestico e per scopiagricoli sarebbe presente in quantità sufficiente per soddisfare le necessità della popo-lazione ma le infrastrutture come i serbatoi e i pozzi sono carenti e gestiti in malo modo.La perdita di acqua è notevole e per tal ragione molte famiglie non hanno accesso aquesta risorsa fondamentale.GTV in Vietnam GTV in Vietnam
  5. 5. Annual Report 2012GTV a Timor Est GTV in ItaliaAssma in collaborazione con GTV a Timor EstSalute e servizi igienici per le scuole di AnartutuFinanziatore: Provincia Autonoma di TrentoPartner locale: BelunL’obiettivo della presente microazione è contribuire a migliorare le condizioni igieni-co-sanitarie degli abitanti di Anartutu, piccolo villaggio dell’isola di Atauro, mediante larealizzazione di latrine per le scuole e la sensibilizzazione e formazione dei bambini edelle rispettive famiglie riguardo le tematiche igieniche.Sicurezza alimentare ad AtauroFinanziatore: Provincia Autonoma di TrentoPartner locale: BelunQuesto progetto prevede un approccio integrato di sviluppo rurale operando in tre set-tori: sviluppo agricolo, sviluppo della pesca e accesso all’acqua. Oltre a fornire gli stru-menti indispensabili per un concreto sviluppo agricolo, si interviene con corsi di forma-zione e campagne di sensibilizzazione in modo da fornire anche un supporto teorico.L’aspetto formativo si rende necessario per garantire che lo sviluppo sia sostenibile eduraturo nel tempo.Accesso e qualità dell’acqua: nuove conoscenze e competenze per la popolazione diMakadade - Atauro - Timor EstFinanziatore: Provincia di TrentoPartner Locale: BelunQuesta microazione si propone di rafforzare il livello di conoscenza, capacità e consa-pevolezza della popolazione di Makadade riguardo alle risorse idriche disponibili, inparticolar modo affrontando i temi della qualità dell’acqua, della gestione delle infra-strutture e della protezione ambientale.Si punta a sviluppare competenze comunitarie in materia di gestione delle risorse idri-che, sensibilizzare la popolazione sulle tematiche ambientali e idriche e a conoscere,nello specifico, la disponibilità di acqua durante tutto l’anno, sia di acqua piovana chedi acqua disponibile nelle sorgenti.Si intende lavorare con gruppi di giovani, con i Comitati di gestione dell’acquedottoformatesi con un precedente intervento a Makadade e con la comunità in generale, pergarantire la sostenibilità dei precedenti progetti e incrementare il senso di partecipazio-ne attiva della comunità nella gestione delle proprie risorse.Sostegno a distanzaIniziato nel 2005, il Sostegno a Distanza ha mostrato una crescita ed un interesse viavia sempre maggiori. Attualmente sono 92 le famiglie che sostengono un bambino adistanza con GTV. Questo progetto consiste, principalmente, nel supportare finanzia-riamente un bambino della provincia di Bac Giang, in Vietnam, in modo che possa fre-quentare la scuola e ricevere assistenza medica in caso di necessità. I beneficiari sonobambini con famiglie allargate, orfani di uno od entrambi i genitori che si trovano avivere con parenti e che, nella maggioranza dei casi sono costretti a contribuire al so-stentamento proprio e della loro famiglia lavorando. Questo fa sì che il tempo che rie-scono a dedicare allo studio sia molto poco e, in molti casi, i bambini sono costretti adabbandonare la scuola, perdendo così ogni possibilità di costruirsi un futuro dignitoso.La quota annuale per il SAD è di € 240 (€ 20 al mese): il 10% di quest’importo vienetrattenuto a Trento per coprire i costi amministrativi, mentre il rimanente viene inviatoin Vietnam per l’acquisto trimestrale del riso per tutta la famiglia, il pagamento delletasse scolastiche, l’acquisto di abiti e scarpe, dei materiali scolastici e le visite medicheperiodiche. Da quest’anno è possibile integrare la quota annuale con 60 euro, in mododa finanziare i club di cui fanno parte le famiglie dei bambini sostenuti. I club sono staticreati attraverso la microazione che si prefigge di migliorare le condizioni alimentaridelle famiglie partecipanti al programma di Sostengo a Distanza.GTV NotizieNel corso del 2012 sono stati pubblicati due numeri di GTV Notizie, entrambi carat-terizzati da un formato monografico. Il primo numero del 2012 è stato dedicato allaCooperazione di comunità e alle nuove prospettive del sostegno a distanza. La tiraturaè stata di 1.500 copie, di queste una parte è stata postalizzate ai soci e simpatizzanti,mentre le restanti sono state distribuite durante le manifestazioni e gli eventi a cui GTVha partecipato nel corso dell’anno. Il secondo numero, uscito a novembre, è stato dedi-cato al tema dell’Ecoturismo e a “KheRoba!”, l’evento organizzato da GTV e legato all’e-ducazione allo sviluppo. La tiratura è stata di 1.500 copie, delle quali 1.000 postalizzate.
  6. 6. Annual Report 2012GTV in ItaliaGTV in ItaliaFormazioneNel dicembre 2006 GTV ha ottenuto l’accreditamento come ente di Servizio Civile pres-so l’Ufficio addetto della Provincia di Trento. Nel 2012 GTV ha presentato il progetto “Un ponte tra Oriente e Occidente. Educazione allo sviluppo, solidarietà internazionalee sostegno a distanza per favorire una cultura di pace”, con l’obiettivo di diffondere inTrentino la conoscenza del contesto territoriale del Sud Est asiatico e la cultura dell’in-ternazionalità.Nel 2012 GTV ha collaborato con Il Centro per la Formazione alla Solidarietà Interna-zionale partecipando al progetto “Si parte 3+3”, che ha offerto la possibilità ad un gio-vane selezionato di trascorrere tre mesi in Vietnam, collaborando con la nostra sededi Hanoi, e tre mesi in Italia, durante i quali il volontario si occuperà di comunicare sulterritorio quelli che sono stati i contenuti dell’esperienza all’estero.Un’ altra importante area di intervento è la Raccolta Fondi, attività che viene organiz-zata dai volontari di GTV attraverso la presenza durante i mercatini estivi, del Natale, lefiere e sagre dei comuni trentini. La nostra presenza è legata all’esposizione di piccolioggetti di artigianato del Sud Est asiatico.Khe Roba! - Monopoli dell’EcoturismoNell’ottobre 2012 GTV ha organizzato una manifestazione legata al progetto di solida-rietà internazionale “Turismo Eco Responsabile nella foresta di Khe Ro”. I tre giorni du-rante i quali di è svolto l’evento hanno visto il coinvolgimento di circa trecento persone,organizzate in circa quaranta squadre, che si sono sfidate in una versione riadattata sugrande scala e semplificata del gioco del Monopoli. Lo scopo del gioco è stato quelloquello di sensibilizzare i partecipanti rispetto alle tematiche del turismo responsabilee dell’ambiente, facendo riferimento al territorio vietnamita. In Piazza Fiera sono statiinstallati due tabelloni di gioco, banchetti informativi con volontari dell’associazion eun punto ristoro e bar (in collaborazione con “Trentino” ed i bar convenzionati ). Il pri-mo premio, vinto da tre giovani studenti e dottorandi di matematica, è consistito in unbuono viaggio a testa di 1.000 euro (per un totale di 3.000 euro a squadra), spendibilenell’arco del 2013, con destinazione Vietnam.PubblicazionePer i 10 anni di attività è stata realizzata una pubblicazione dedicata ai risultati della va-lutazione di dieci anni di progetti del Gruppo Trentino di Volontariato. L’occasione perla stesura della pubblicazione è nata in concomitanza del progetto di Servizio Civile +6di una volontaria, che ha deciso di prolungare la sua esperienza con GTV per dedicarsi aquestoprogettoinsiemeadungruppodilavoro.Lavalutazionediquestidieciannihapor-tatoisocidiGTVadefinirelelineeguidachestarannoallabasedellavorodiGTVinfuturo.Una foresta di raccontiGTV, in collaborazione con Il gioco degli specchi e la casa editrice ObarraO, ha orga-nizzato un concorso diretto in particolare agli studenti delle classi medie e superioridi diversi istituti trentini. Il progetto prevede un ciclo di incontri nelle scuole, durantei quali Maurizio Gatti, editore ed esperto di letteratura asiatica, presenterà il contestostorico-geografico del Vietnam e la letteratura di uno dei più importanti scrittori vietna-miti contemporanei, Nguyen Huy Thiep. Dopo aver proposto la lettura di diverse operedell’autore, gli alunni verranno chiamati a selezionare le citazioni che hanno ritenutoessere più significative. Tra queste verranno estratte le migliori, che saranno stampatee affisse all’interno degli autobus di linea della Provincia di Trento.All’interno del progetto è prevista una conferenza pubblica, tenuta da Maurizio Gatti ededicata interamente allo scrittore vietnamita.
  7. 7. "Nel Sud Est asiatico per costruire un ponte traOriente e Occidente verso un nuovo domani"stampatosucartaecologicaGruppo Trentino di Volontariato Onlus+39 0461 986696 / info@gtvonline.org / www.gtvonline.org

×