Your SlideShare is downloading. ×

Mind the Social - Business Gap

1,909
views

Published on

Presentazione tenuta in occasione dell'evento "Aziende come Organismi Sociali tra Societa' e Mercato", promosso da Ecosistema 2.0 nell'ambito di SMAU Milano 2011

Presentazione tenuta in occasione dell'evento "Aziende come Organismi Sociali tra Societa' e Mercato", promosso da Ecosistema 2.0 nell'ambito di SMAU Milano 2011

Published in: Business

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,909
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
21
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Milano, 19-21 ottobre – FieraMilanoCityAziende come Organismi Sociali tra Societa e Mercato:Mind the Social – Business GapGino Tocchetti, knowwingFieraMilanoCity, Sala 3 Pad 4Mercoledi 19 ottobre 2011gino.tocchetti@gmail.com
  • 2. Agenda Social Revolution Social - Business GapCorporate SocialResponsibility Social Business Social Business Transformation Roadmap Social Business Culture gino.tocchetti@gmail.com 2
  • 3. Internet non e (piu) un canale dicomunicazione monodirezionale 3
  • 4. W ebInternet e il luogo (virtuale) della 2.0relazione 4
  • 5. Internet ha attivato e amplificato lecomunicazioni,lo scambio di informazionie le relazioni tra le persone 5
  • 6. nella societa civile 6
  • 7. Intelligenza collettiva la risposta che non ho, me la da la rete (o quasi) Douglas Hofstadter, “Gödel, Escher, Bach: uneterna ghirlanda brillante”, Basic Books, 1979 7
  • 8. Informazioni 8
  • 9. Open data 9
  • 10. Conoscenza 10
  • 11. User Generated Content 11
  • 12. User Generated Knowledge Base 12
  • 13. Folksonomy Costruzione di senso dal basso Thomas Vander Wal, 2007 13
  • 14. Social networking 6 gradi di separazione Stanley Milgram, Small World Experiment, Harvard University, 1967 14
  • 15. Professional profile base 15
  • 16. Crowdsourcing Managed, focused, web-enabled crowd Jeff Howe, “Crowdsourcing: Why the Power of the Crowd Is Driving the Future of Business”, Crown Business, 2008 16
  • 17. Open source Klay Shirky, “Cognitive Surplus: Creativity and Generosity in a Connected Age”, Penguin Press HC, 2010 17
  • 18. eParticipation 18
  • 19. eParticipation 19
  • 20. nei mercati 20
  • 21. Brand reputation stabilita dal basso 21
  • 22. Commoditizzazione di prodotti digitali 22
  • 23. Disintermediazione spinta 23
  • 24. Reti di imprese e professionisti 24
  • 25. Comunita di pratica indipendenti 25
  • 26. Crowd sourced innovation 26
  • 27. e le aziende sono rimaste... indietro 27
  • 28. Lenterprise 2.0 secondo McAfee (2006) Enterprise 2.0 consiste nellutilizzo delle piattaforme emergenti di tipo “sociale” allinterno delle aziende, o tra le aziende e i loro partner e clienti.(*) Andrew McAfee, professore ad Harvard dal 1998, in Technology and Operations Management, ha usato per la prima volta il termine nellarticolo “Enterprise 2.0: The Dawn of Emergent Collaboration”, 2006(*) Piattaforme nel senso che danno “persistenza nel tempo” ai contributi degli utenti. “Emergenti” nel senso di “prive-di- credenziali”, dinamiche, navigabili, estensibili, e svincolate dai flussi di lavoro. 28
  • 29. Cose veramente lEnterprise 2.0 ? + 29
  • 30. Cose veramente lEnterprise 2.0 ? Mettere + le persone in rete 30
  • 31. Cose veramente lEnterprise 2.0 ? Umanizzare + laziendada un lato 31
  • 32. Cose veramente lEnterprise 2.0 ? Valorizzare + il potenziale umanodallaltro 32
  • 33. I costi di questo ritardo per le aziende ➢ Difficolta nellinnovazione a tutti i livelli Business Organization Ecosystem➢ Difficolta organizzative ➢ Difficolta nella relazione e quindi maggiori costi con clienti e stakeholder 33
  • 34. Traguardi possibili nellinnovazione Facility management per imprese ed enti, in particolare sanificazione ospedaliera ed altri servizi ad essa accessori Attualmente Minerva opera in Friuli VeneziaPremio Innovazione 2011 Giulia e Veneto, occupando oltre 400 persone. www.minerva.itMa anche:Premio IxI 2010Premio Pininfarina 2010Premio IxI 2009Premio IxI 2008Premio Golden Service Awards 2007Premio INAIL 2007Premio Sodalitas Social Awards 2007Premio Innovazione 2006Premio AICQ 2006Premio CSR 2005Premio Golden Service Awards 2005 34
  • 35. Traguardi possibili nellorganizzazione Elica cura la casa, non solo la cucina. Scopri le proposte per il living: Starlight è cromoterapia ambientale, Luxerion è la gamma di prodotti che coniuga illuminazione e purificazione dell’aria. 1513 dipendenti www.elica.itLearn manufacturing, WCM,Marketing Virale, Web2.0… Ma ladomanda che in pochi si fanno è: chideve rendere operative, implementareed applicare tutte queste metodologie? 1mo premio Great PlaceOvviamente sono le persone! to Work 2011 35
  • 36. Traguardi possibili nella relazione col mercato Business Factor è un format multimediale di proprietà di TheBlogTV, ideato per sostenere la nascita delle start up e la crescita delle imprese innovative. In Italia, Business Factor è stato lanciato da Wind Business. www.windbusinessfactor.it Sviluppare il proprio “Business Factor”, questo l’obiettivo del progetto, ideato per essere un vero e proprio “incubatore virtuale” che valorizza le startup e le piccole e medie imprese attraverso tre fattori chiave dimiglior progetto nella successo: le relazioni, con un business network di valore; le competenze, attraversocategoria “social sessioni formative che consentono dimarketing”, nel corso acquisire competenze e capacità e ledell’Interactive Key opportunità; opportunità e relazioni di business grazie alla partecipazione a concorsiAwards 2011 e offerte dei partner.! 36
  • 37. PercheSolo ritrovando la proprianatura e ruolo sociale,le aziende rimarranno capaci didialogare coi mercati e la societacivile, valorizzare al meglio ilproprio personale, e quindi averesuccesso 37
  • 38. Social BusinessTransformation 38
  • 39. “Customer Think” Business Framework 39
  • 40. Macro aree business-driven Business• Open Innovation – Idea generation, migliore accesso agli “esperti” Organization Ecosystem e alla “conoscenza” – Maggiore confronto con stakeholder interni ed esterni – Utilizzo di risorse esterne e gratuite (crowdsourcing) e incentivo alla formazione di community di supporter• Intranet 2.0 – Aumento dellefficienza grazie a trasparenza, flessibilita e velocita – Migliore consapevolezza e presidio dei processi interni – Minori costi e migliore time to market – Migliore gestione e fidelizzazione del personale• Social CRM – Migliore comunicazione e gestione della relazione col mercato – Migliore customer care e fidelizzazione – Sviluppo di servizi after sale e speciali, web based – Coinvolgimento trasversale allazienda nel presidio del cliente – Branding non convenzionale(*) Le liste sono da considerare esemplificative e non esaustive 40
  • 41. Macro aree di governance e supporto• Organizational Network Analysis and Support – Rilevazione dellorganizzazione reale – Mappatura delle competenze disponibili – Sviluppo di una cultura aziendale adeguata – Piano delle competenze e incentivi allapprendimento continuo – Community di pratica e momenti di aggregazione e confronto – Attrazione e fidelizzazione dei talenti• Linee guida, policy – Direttive sulla sicurezza – Direttive sulla liberta di accesso a strumenti e servizi esterni – Linee guida nella comunicazione e relazione con gli stakeholder• Technology – Hardware, software, cloud – Orientamento sugli standard e sullapertura degli strumenti considerati – Monitoraggio continuo dellofferta di strumenti e servizi(*) Le liste sono da considerare esemplificative e non esaustive 41
  • 42. “Customer Think” Business FrameworkOpen Innovation 42
  • 43. “Customer Think” Business FrameworkIntranet 2.0 43
  • 44. “Customer Think” Business FrameworkSocial CRM 44
  • 45. Social Business Culture 45
  • 46. La questione culturale innanzi tutto Tr a ns pa re nc y Empowerment http://www.aiim.org/Social-Business-Roadmap 46
  • 47. La cultura e espressione delle persone non ci sono organizzazioni ma dinamiche organizzative che si sviluppano parlandone Karl Weick, Senso e significato nell’organizzazione, Cortina Editore, Milano 1997 (Sensemaking in organizations, Sage 1995) 47
  • 48. a far funzionare una organizzazionenon sono ne la supervisione, ne procedure regole norme … e laria che si respira cioe il "patrimonio immateriale" delle consuetudini, dellaconoscenza tacita "incorporata", dei rapporti tra le persone. Karl Weick, Senso e significato nell’organizzazione, Cortina Editore, Milano 1997 (Sensemaking in organizations, Sage 1995) 48
  • 49. Cambiamento in azienda I tempi per introdurre cambiamenti nella tecnologia sono minori di quelli per cambiare i singoli comportamenti e questi sono minori di quelli per cambiare la cultura aziendale 49
  • 50. Social Business Roadmap 50
  • 51. AIIM Social Business Roadmap 2011 1) Emergence 2) Strategy 3) Development 4) Monitoring 5) Participation 6) Engagement 7) Governance 8) Optimization http://www.aiim.org/Social-Business-Roadmap 51
  • 52. AIIM Social Business Roadmap 20111) Emergence Incoraggiare Copiare Sperimentare http://www.aiim.org/Social-Business-Roadmap 52
  • 53. AIIM Social Business Roadmap 20112a) StrategyAnalisi dellorganizzazione- Riconoscere chi cosa come, Finalizzare, PriorizzareAnalisi del posizionamentoPlanning and Project Management- Risorse, Tempi, Budget, Fattori critici di successoModello di governance- Policy, Security, Competenze [...] 53
  • 54. AIIM Social Business Roadmap 20112b) StrategySocial Business Strategy- Benefici, Aspettative, Rischi, Cultura, ProcessiSocial Business TeamMarketing internoRoadmap 54
  • 55. AIIM Social Business Roadmap 20113) DevelopmentDesiderata- Funzionalita, FruibilitaImplementazione- Software selection, sviluppo, installazione, pilota, roll outFormazione e AssistenzaIntegrazione 55
  • 56. AIIM Social Business Roadmap 20114) MonitoringMonitoraggio interno ed esterno- Predisposizione degli strumentiCommunity Management 56
  • 57. AIIM Social Business Roadmap 20115) ParticipationDisseminazione dei contenutiCoordinamento della comunicazione sui diversi canali 57
  • 58. AIIM Social Business Roadmap 20116) EngagementPiano di sviluppo del coinvolgimentoSviluppo della tecnologia e della comunicazioneSviluppo della cultura 58
  • 59. AIIM Social Business Roadmap 20117) GovernanceGovernance proattiva- Policy, linee guidaGovernance attiva- Monitoraggio informazioni rilevanti, Controllo Sicurezza- PromozioneGovernance retroattiva- Auditing e Review, Archiviazione, Aspetti legali- Eventuale migrazione 59
  • 60. AIIM Social Business Roadmap 20118) OptimizationManagementStrumenti e processi di monitoraggioMisureEducazione continua 60
  • 61. Corporate Social Responsibility 61
  • 62. Corporate Social Responsibility Equo Vivibile Sociale Ambientale Economica Biodinamico SostenibileFISDev Framework for Integrated Sustainable Development 62
  • 63. Responsabilita sociali interne ed esterne Innovazione Sicurezza Informazione Sviluppo di competenze Difesa Promozione Tutela di minoranze Creazione di alleanze Tutela dellambiente Benessere Educazione Assistenza Divertimento Cultura Salute Identita Monitoraggio Civicita Integrazione 63
  • 64. La CSR non va adottata per “paura” e come un “ripiego”: deve essere introdotta nella strategia, cosi da creare valore per lazienda e la societaStrategy and Society: The Link Between Competitive Advantage and CorporateSocial Responsibility (HBR OnPoint Enhanced Edition) 2007 64
  • 65. Corporate Social Responsibility 65
  • 66. Corporate Social Opportunity 66
  • 67. Strategic CSR1) identificare i punti di contatto tra lazienda e lasocieta2) selezionare i bisogni sociali da indirizzare3) assegnare priorita con riferimento ai requisitiglobali, quelli dellazienda e del settore di riferimento4) avviare una serie di iniziative efficaci e distintive sulpiano sociale5) comunicare a stakeholdere e societa civileStrategy and Society: The Link Between Competitive Advantage and CorporateSocial Responsibility (HBR OnPoint Enhanced Edition) 2007 67
  • 68. Strategic CSRStrategy and Society: The Link Between Competitive Advantage and CorporateSocial Responsibility (HBR OnPoint Enhanced Edition) 2007 68
  • 69. chiudiamo con “Condividere valori per creare valore”Responsabilita Sociale di Impresa: Rapporto 2009/2010 - Ferrero 69
  • 70. Grazie :) Gino Tocchetti, consulente manager e titolare di knowwing srl - www.knowwing.it knowledge collaboration innovationmail: gino.tocchetti@gmail.comskype: gino.tocchettimobile: 335 6003422linkedin.com/in/ginotocchettifacebook.com/ginotocchettitwitter.com/ginotocchettiknowledgeecosystem.blogspot.comwww.ecosistema20.it 70
  • 71. Licenza Creative CommonAttribution-Noncommercial-Share Alike 3.0 UnportedYou are free: * to Share — to copy, distribute and transmit the work * to Remix — to adapt the workUnder the following conditions: Attribution — You must attribute the work in the manner specified by the author orlicensor (but not in any way that suggests that they endorse you or your use of the work). Attribute this work: Information What does "Attribute this work" mean? The page you came from contained embedded licensing metadata, including how thecreator wishes to be attributed for re-use. You can use the HTML here to cite the work.Doing so will also include metadata on your page so that others can find the original workas well. Noncommercial — You may not use this work for commercial purposes. Share Alike — If you alter, transform, or build upon this work, you may distribute theresulting work only under the same or similar license to this one.Full description: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/ 71